Vincenzino news. Giornalino dell Istituto San Vincenzo de Paoli a cura delle classi della scuola secondaria di primo grado a.s.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vincenzino news. Giornalino dell Istituto San Vincenzo de Paoli a cura delle classi della scuola secondaria di primo grado a.s."

Transcript

1 Vincenzino news Giornalino dell Istituto San Vincenzo de Paoli a cura delle classi della scuola secondaria di primo grado a.s Estate tanto bella che le altre stagioni le girano attorno. L'autunno la ricorda, l'inverno la invoca, la primavera la invidia. Estate, le chiome più chiare, la pelle più scura, i sorrisi più grandi, le tristezze più piccole. Estate, il colore di un fiore sbocciato, la brezza leggera che ti sfiora il viso, il blu del cielo, le onde che accarezzano la sabbia, il sole che illumina la vita. Estate 1 1 Di Benedetta Galeotti II A

2 Premiazione a Milano del concorso letterario Naviglio Martesana Il giorno 25.05,alcuni alunni della IIA, siamo andati a ritirare una medaglia per avere partecipato al concorso Naviglio Martesana Sottotraccia. La premiazione è avvenuta, a Milano, nello spazio Oberdan, Sala Alda Merini; l evento è cominciato alle ore e tutti siamo entrati nella sala principale. Per prima cosa, la giuria ha presentato il concorso e sono stati premiati i primi tre poeti classificatisi per ciascun tema: corre il Naviglio Martesana dalle chiuse leonardesche, a cavallo della fantasia, libero per ragazzi e adulti, la diversità come risorsa e l acqua elemento ispiratore. Per non fare risultare troppo noioso l evento, tra le premiazioni, ci sono state delle brevi pause e piccoli spettacoli comici. In seguito siamo saliti sul palco anche noi; la giuria ci ha premiati per il nostro commento alle poesie vincenti della scorsa edizione lette in classe dalla nostra prof. Guglielmino dall antologia Premio Naviglio Martesana, ed anche per le nostre poesie, scritte sotto ispirazione dei testi vincitori. Abbiamo ricevuto una medaglia in cui c era inciso il titolo del concorso ed un attestato di partecipazione. Questa esperienza è stata per tutti molto carina e ci ha fatto imparare nuove cose, ci ha fatto scoprire un nuovo lato di noi stessi e ci siamo sentiti importanti, anche se molti della nostra classe non sono potuti venire a causa della distanza. A cura di Federico Bossi, Paolo Bellezza Benedetta Orlandini,Stefano Prati, Francesco Brevini, Laura Morlini, Pietro Casoli,Andrea Marcosano,Michelle Di Scala, Luciano Imbimbo Benedetta Galeotti

3 Poesia in II A Di seguito le poesie premiate per aver partecipato al concorso letterario nazionale Naviglio Martesana Il mare Il mare, quella vasta distesa di acque chiare in cui io mi riesco a rispecchiare; mentre onde azzurre giocano, scappano e si acchiappano bagnando diverse sabbioline sparse dalle nebbie mattutine. Paolo Bellezza La nebbia Come un anima cammina sull acqua di Venezia, mentre una brezza leggerissima piano soffia oziosa. L acqua s increspa al suo passaggio e la luna fa capolino velata dal suo drappeggio: sì, è la nebbia e la laguna è il suo riflesso. Pietro Casoli Il momento più bello Avrei voluto che solo quella volta il tempo tornasse indietro per gustare meglio quel momento da fiaba che mi rese felice come mai sono stata, vorrei che solo per oggi l orologio tornasse indietro. Laura Morlini

4 La luce del mio cuore In una grigia giornata d' inverno umida e nebbiosa accendo la luce del cuore e attendo il risveglio della primavera: col canto gioioso risveglio il verde dei prati e le tenere foglie degli alberi sussurro note allegre e sottili ai fiori nascosti sotto la terra e agli insetti dormienti al canto anche il sole accenna un tiepido sorriso. Benedetta Orlandini Accolto dal mare Un altro giro su di me e sprofondo nel mare infinito dove mi faccio piccolo e infinitamente grande di passione arrivo giù accolto da alberi fruscianti mi prendono, mi accolgono mi lasciano andare così la mia vita mi scivola via dal palmo delle mani alzando il braccio come per salutarla rimasto lì la guardo addio Andrea Marcosano La famiglia Buona e paziente sempre è la mamma forte, buono e talvolta severo è il papà, leale amica, la zia sei certo ci sarà, mentre i nonni con saggezza ti san guidare, i fratelli sono passi di vita felice, che potrai inventare. Questa è la certezza più grande, il più immenso bottino, questa è la famiglia. Federico Bossi

5 Non dimenticare A te giovane che con la moto rombante percorri la strada sfrecciante, non dimenticare il battito del cuore e lo sguardo d amore del tuo amato genitore. A te mamma che corri indaffarata per la casa disordinata, non dimenticare il piacere di giocare e la calma nel parlare con il figlio che ti aspetta. A te nonno che quel nipote non capisci, che giudichi e poi ferisci, non dimenticare la speranza della tua giovinezza le idee nuove e la freschezza anche tu ragazzo sei stato. A te che credi in un mondo migliore non dimenticare i sogni del tuo cuore. Benedetta Galeotti Mi capita di pensare ad un padre generoso che accompagnava suo figlio a scuola e a karate. Quel papà lo guidava nel suo cammino con amore e fiducia e credeva in suo figlio. Il suo figlio disobbediva ma il padre era pronto a perdonarlo e lo fa crescere perché diventi un vero uomo. Stefano Prati

6 I miei genitori Penso sempre ai miei genitori che sono delle brave persone e dei buoni ascoltatori, mi aiutano in ogni cosa sanno cosa fare in qualsiasi momento soprattutto se mi succede qualcosa superando lo sgomento. Loro mi danno conforto davanti ad un'ingiustizia e mi supportano per non farmi andare in pigrizia e vivere con felicità con mamma e papà. Luciano Imbimbo La mia sorellina Rosea e paffuta, come fronda, al vento ciondola, morbida come un abbraccio, profuma di vita nuova, dagli occhi, lampi curiosi mi abbagliano, sorrisi caldi che scaldano i cuori. Solo ora me ne accordo: in te è racchiuso l'amore del mondo. Federico Bossi Teseo Era un miraggio vivo e tondo nel gelo protetto dello zerbino respirava lo spiffero caldo dell'uscio difettoso di casa e viveva di notte con noi così lontano e vicino le fusa dagli occhi dorati nasceva con l'erba di primavera la Pasqua non lo ha udito né visto allontanarsi. Francesco Brevini

7 La musica Dolci suoni forti rumori il cuore batte di sensazioni. Canto e musica sono nell'aria io vivo serena e senza paura. Penso e immagino, nell' ascoltarti sogno di essere in luoghi lontani. Dolce carezze per le mie orecchie sei per me musica amica. Michelle Di Scala

8 Peter Pan a teatro Lunedì 24 febbraio 2014, alle ore 9:20, noi ragazzi della 1 B e della 1 A, accompagnati dalle gent.me prof.sse Barone e Guglielmino, abbiamo assistito, presso il teatro SAN PROSPERO, a un adattamento teatrale della fiaba PETER PAN, dell autore James Barrie. Questo spettacolo ha rappresentato la conclusione perfetta per un percorso intrapreso all inizio dell anno, volto ad analizzare la fiaba nel suo linguaggio e nei suoi contenuti. Come si è svolto il nostro assaggio teatrale?dopo esserci accomodati e dopo una breve attesa, il sipario si è aperto: tre giovani attrici interpretavano delle bambine che si rifiutavano di crescere, opponendosi con evidenza alle responsabilità della vita adulta, considerandole troppo faticose. In questo modo è emerso immediatamente il significato della nostra fiaba: il desiderio di rimandare il momento della crescita, dimenticarsi della realtà ed essere ospiti ancora per un po del mondo della fantasia. Dopo che le nostre bambine si sono addormentate, ha preso vita, attraverso il loro sogno, la fiaba che noi tutti conosciamo. La narrazione non ha seguito il percorso abituale della fiaba, ma si è servita di alcuni episodi significativi: la presentazione di Capitan Uncino, l apparizione di Peter già in compagnia di Wendi, la loro visita alle sirene. Il capo tribù dei Pelle gialla ha interagito simpaticamente con noi ragazzi. Abbiamo sorriso davanti allo sfogo del coccodrillo che manifestava la sua malinconia e il suo senso di solitudine: non capiva perché tutti lo escludessero dopo che aveva ingerito casualmente la mano di Capitan Uncino... In seguito abbiamo assistito al rapimento di Trilli e al tentativo di catturare Peter Pan tramite un combattimento veramente speciale: la sala era stata completamente oscurata e le armi, divenute fosforescenti, sembravano sospese nell aria. Finalmente i nostri protagonisti hanno raggiunto un accordo che consisteva nell abbandono dell isola da parte di Capitan Uncino dietro la minaccia del signor coccodrillo e nel raggiungimento della meritata pace nell Isola che non c è. A fine spettacolo noi ragazzi eravamo un po perplessi: la scenografia era apparsa molto semplice, essenziale, volutamente infantile. Si era servita di elementi della realtà domestica e di uso quotidiano per suggerire elementi fantastici: un carrello della spesa trasformato in galeone, un sacchettino trasparente contenente palline luminose sospeso a un filo per interpretare Trilli...Probabilmente l intento della compagnia teatrale era in linea con il significato della fiaba: far comprendere come a volte siano sufficienti piccole cose per aprire la porta sul mondo della fantasia. Per fuggire in un altra dimensione dobbiamo tornare piccoli, imparare nuovamente ad osservare il mondo che ci circonda e gli oggetti che ne fanno parte, con uno sguardo divertito, giocoso. In fondo il messaggio della nostra fiaba è proprio questo: nonostante le responsabilità che prima o poi ciascuno di noi dovrà assumere, è importante mantenere viva la capacità di riuscire ogni tanto a volare via... A cura di Edoardo Altana IB

9 IL FIGLIO DEL CORSARO Jake era un ragazzo sui 15 anni. Era alto, forte, magro ma con un fisico robusto, gli occhi color del mare e i capelli biondi e ribelli. Aveva un carattere buono, generoso, disponibile e amava l'avventura. Dopo la morte della madre viveva con il fratello Mike e sua moglie, in una piccola cittadina di mare, Greenland. I due stavano per avere un bambino e Jake non voleva continuare ad essere un peso per la famiglia. Così, al compimento dei suoi 15 anni decise di imbarcarsi come mozzo sulla nave Costanza, al servizio del capitano Henric Harrison. Mike e la moglie insistettero a lungo perché il giovane non partisse, ma egli era deciso. Voleva intraprendere la carriera di suo padre, il celebre capitano Logan, scomparso eroicamente in un naufragio, attorno a un arcipelago delle isole Caraibiche. Così, il giorno stabilito, Jake Logan, era pronto ed euforico di imbarcarsi sulla Costanza, diretta in America, nelle colonie della Virginia. La partenza era prevista per le ore 10, ma il giovane era al porto un'ora prima. Salì sulla nave, si distese sul ponte ascoltando il rumore delle onde che si infrangevano contro il molo. Il vento gli scompigliava dolcemente i capelli, cullando la nave sul mare calmo e piatto. All'orario prestabilito la nave salpò, sospinta dal venticello fresco, filando sul mare liscio come olio. Il viaggio verso il Nuovo Mondo sarebbe durato circa tre settimane e mezzo, con il vento in poppa. Dopo che il capitano ebbe spiegato ai nuovi assunti il loro lavoro, dato il benvenuto ai passeggeri si ritirò nella cabina di comando. La giornata trascorse piacevolmente per tutti, come le seguenti. Dopo cinque giorni di viaggio la Costanza incontrò un acquazzone imperioso, che rischiò di farle cambiare rotta. L'equipaggio, esperto ed efficiente, riuscì a governare la nave, ma all'alba, quando il sole fece capolino da dietro le nubi, seppur già pronto a tramontare, era sfinito e il Capitano prese la decisione di affidare il timone a Jake. -Ormai ho visto che di te mi posso fidare, sei molto responsabile e ci sai fare. Per stanotte il comando sarà tuo, ma non esitare a chiamarmi se avrai problemi.- La notte trascorse tranquilla, la luna luccicava sul mare e la Costanza filava sull' oceano Atlantico. All'alba il capitano uscì dalla sua cabina e andò a trovare Jake sul ponte, che, ancora fresco come una rosa conduceva la nave godendosi l'alba. E' davvero un bravo ragazzo, pensò. - Figliolo, non sei stanco? Vai pure a riposare, lascia che guidi io. Sei stato davvero bravo-. -Oh no signore, sto benissimo! Se permette resterei ancora un po', guardi quanto è bella quest'alba!!- -Suvvia figliolo, lascia a me il timone, ma se ti fa piacere restare sarò felice d'avere un po' di compagnia.- L'uomo prese il timone saldamente e Jake si sedette lì accanto. - Raccontami qualcosa di te Jake. Conosco i miei uomini come le mie tasche, ma di te non so niente!- -Beh, allora, come lei vengo da Greenland, Cornovaglia. Vivevo con mio fratello e sua moglie, mia madre è morta da qualche mese. Di mio padre so solo che fu un marinaio. Si chiamava John Logan, CAPITAN LOGAN.- Al sentir pronunciare quel nome, il Capitano sussultò. -A-Avete detto John Logan?! Santi numi, eravamo amici d'infanzia! Fu un duro colpo per me quando sparì in quel naufragio, 15 anni fa... credo che tu fossi appena nato, ragazzo.- - Lei conosceva mio padre?!- si stupì. -Oh si figliolo. Vedi, noi passeremo proprio dove è

10 naufragata la sua nave.- Ormai il sole era sorto, la giornata stava iniziando. Quella notte Jake pensò molto alla sua conversazione con il capitano. 'Era al servizio del migliore amico di suo padre. Sarebbe stata l'occasione per sapere qualcosa di lui... mamma e Mike non ne volevano mai parlare...' I giorni passavano piacevoli sulla Costanza e ormai erano trascorse due settimane dalla partenza. Jake aveva guidato la nave ancora molte volte. Quella sera prese coraggio, andò dal Capitano e gli chiese di potere guidare la nave con lui. Il Capitano accettò di buon grado; il mare non era particolarmente agitato. -Posso chiederle una cosa?- domandò timidamente Jake. -Ma sicuro, figliolo!- -Beh, vede, vorrei sapere qualcosa di mio padre...mi parli di lui- -Tuo padre era un grand'uomo Jake, proprio come tu sei un ragazzo eccezionale. Hai ereditato molto da lui. Si vede subito la tua dote per il mare.- Il Capitano sorrise. I due passarono la notte parlando delle grandi avventure che i due marinai avevano vissuto. I giorni seguenti furono più movimentati, dato che ormai mancavano solo cinque giorni all'arrivo. Ma una notte un tremendo temporale si abbatté sulla Costanza. La nave fu sballottata qua e là rischiando di affondare. Jake, di vedetta, cercava di tenersi all'albero maestro, ma una violenta onda lo spazzò fuori e si ritrovò ad annaspare in mezzo a quell'inferno. La nave si allontanava sempre più, e lui riuscì ad aggrapparsi debolmente agli scogli. Scogli...? C'era un isola!!! Si accasciò sulla spiaggia e perse i sensi. Quando rinvenne, la tempesta s'era calmata. C'era il sole. Si guardò intorno...l'isola era piena di alti alberi frondosi e carichi di frutti. La sabbia era bianca e finissima, risplendeva sotto al sole. Il fruscio dei cespugli rendeva l'atmosfera magica...era un posto bellissimo! Jake cercò subito del cibo e si costruì un riparo. Decise di fare un giro dell' isola. Ad un certo punto trovò un rifugio simile al suo, ben nascosto sugli alberi, ma più grande...l'isola era abitata!!! Salì sull'albero e bussò alla porta. Un uomo sulla cinquantina, circa dell' età del Capitano Harrison, con il viso abbronzato, la corporatura forte e possente aprì. -Che ci fai qui? Sei naufragato?- chiese l'uomo. -Sì signore.- - Oh, entra pure-. -Io sono il Capitano Logan, ma puoi chiamarmi John. E tu?- Jake sbiancò. Per la sorpresa quasi non cadde a terra. - I_Io mi chiamo Jake Logan. Ero al servizio del Capitano Harrison e sono naufragato.-passarono giorni e padre e figlio erano felici. Un giorno, all'orizzonte, avvistarono una macchia scura che si muoveva sulle onde...una NAVE! Fecero segnali di fumo e si sbracciarono sulla costa finché non li videro e li fecero salire. Il capitano disse che erano diretti in Cornovaglia, ma non a Greenland, la loro città, promise però di farci una sosta. Dopo due settimane arrivarono a destinazione. Al porto incontrarono i marinai della Costanza. Jake li abbracciò felice di vedere che stavano bene e loro fecero lo stesso. Ma rimasero scioccati nel vedere che Il Leggendario Capitano Logan era tornato! Sul ponte comparve il Capitano Harrison, che quasi pianse dalla gioia nel riveder Jake, e soprattutto il suo grande amico John Logan! La notizia si sparse in tutta la contea, il Capitano Logan, conosciuto in tutta la regione, era tornato a casa!!! Jake diventò marinaio ufficiale del Capitano Logan, ma ebbe altre avventure sulla nave del capitano

11 Harrison...finalmente aveva trovato il suo posto. Il mare ormai era tutta la sua vita, e sulle navi fu sempre felice, con il padre e il fedele amico! A cura di Benedetta Galeotti e Vittoria Bonazzi II A Testo Horror Lettura sconsigliata a chi non ama gli scarafaggi Era notte fonda e Felix fu svegliato dalla telefonata dell amico Max che, con insistenza, lo invitava a trascorrere il fine settimana da lui nella vecchia villa in collina. Dopo la telefonata Felix ripensò all ultima volta che era stato in quella casa e ricordò i numerosi scarafaggi che ne popolavano le stanze e sperò che la disinfestazione effettuata avesse risolto il problema di quegli sgraditi ospiti. Il suo sonno quella notte fu disturbato da funesti sogni nei quali i protagonisti erano mostruosi scarafaggi che si cibavano di carne umana: la sua. Qualche giorno dopo Felix si ritrovò nella villa in compagnia di Max e con stupore notò che l amico era molto dimagrito e sul suo volto un pallore cadaverico circondava delle scure occhiaie. Dei quattro labrador che un anno fa scorazzavano per il parco della villa non c era traccia, così come della servitù. Felix ben presto si rese conto che nella villa c erano solo lui e Max. Entrato nell abitazione sentì un forte odore di chiuso e di muffa, le persiane erano tutte ben chiuse, polvere e ragnatele ricoprivano i mobili. Eh sì, si vede che non c è la servitù disse Felix all amico, il quale gli rispose che se la sarebbero spassata anche senza i domestici, per divertirsi non occorreva la presenza di altre persone. Felix chiese di poter aprire le finestre, ma Max rispose che ormai scendeva la sera e che era inutile aprirle. Dopo una serata passata tra ricordi e chiacchiere Felix si ritrovò nella sua stanza e quell odore di stantio, di marcio si fece ancora più pungente, ma le persiane erano bloccate e non c era modo di arieggiare la camera. Un grosso scarafaggio gli passò tra le gambe e Felix, date le dimensioni, pensò si trattasse di un topo, anche se quel dubbio lo accompagnò per un po.si sdraiò sul letto quando strani rumori come di mille unghie che grattavano una lavagna lo avvolsero. Il panico cominciò ad impadronirsi di lui. All improvviso le assi del parque si sollevarono e da queste ne uscirono centinaia di enormi scarafaggi pelosi con crudeli occhi rossi e le pupille gialle. Questi si dirigevano verso il letto e velocemente ne scalarono le coperte. Felix, madido di sudore, con il cuore a mille iniziò a strillare; ovunque c erano scarafaggi diretti verso di lui. Scarafaggi enormi con affilati e taglienti dentini bianchi che spuntavano dalle robuste mandibole. Urlò finché dalla porta entrò Max che, con lo sguardo inespressivo, gli disse con una voce sommessa dell aldilà che i suoi scarafaggi avevano bisogno di carne umana fresca. In quel momento Felix si sentì lacerare il corpo, centinaia di dentini bianchi stavano straziando le sue povere carni, ormai per lui non c era più scampo; la realtà aveva superato il sogno. A cura di Serri Matteo IIIA

12 ACROSTICI dei Professori DELFINO Dove non c'è un compasso non c'è disegno E il material devi portar se A cura di Michelle Di Scala, Laura Morlini e Heidy Ferrari IIA La tavola vuoi consegnar Fare i compiti dovrai, se no Il tre beccherai Non si può alzar parola O la sgridata arriva forte come una carriola. ROSSI Raggiante nel suo modo di far Ogni iniziativa è un dover Sportiva,atletica, Simpatica e... In forma è BASSOLI GUGLIELMINO Gentile e Unica Gran brava prof. L'insegnante di Italiano E anche di Letteratura, ma non di Matematica, per fortuna Interessante e Non troppo cattiva... Oh! Ti metto un rapporto!!! A cura di Pietro Casoli e Federico Morlini IIA Basso non è, Alto è, Simpatico e giovane come un re Soprana la voce ha Originale d altronde è La nota alla porta sarà se Il bravo non vuoi far. NAMIO Nabucco sa suonar Alterazioni sa far Musica sa animar Incapaci noi ad ascoltar Oh che bella la musica!

13 GALLESI Galante professoressa A cura di Andrea Marcosano, Federico Morlini, Bnedetta Orlandini, Lucrezia Boni, Paolo Bellezza II A Amabile duchessa La matematica non è un opinione Lei che ci insegna la frazione È disperata a cercare degli studenti il cervello Sperduto nella stanza del bidello Insostituibile matematica! PISI Perfetta insegnante Insostituibile tedesca Simpatica professoressa Impeccabile nei voti SORMANI Sempre allegra e sorridente Ogni pittura usa accuratamente Raffaello e Donatello lei ha in mente Masaccio e Botticelli ci insegnano il colore A noi analfabeti per minuti e ore Nocivo lo spray : da provare I bambini cattivi fa spaventare

14 AIDA a Teatro Il giorno 13 marzo 2014 le due classi prime della scuola secondaria si sono recate presso il teatro reggiano Ariosto per assistere e partecipare all'opera lirica Aida. Sono partiti da scuola alle accompagnati dal professore di musica Fabio Namio e dalla professoressa di tecnologia Rosa Delfino. Arrivati a teatro ci siamo trovati insieme ad altre scuole. Dopo una serie di saluti ad alcuni alunni di altri istituti che già conoscevamo, siamo entrati nel teatro. Noi studenti siamo stati disposti nelle tribune ai piani superiori, pronti per rappresentare il popolo egizio; siamo stati aiutati dalle slide con il testo delle canzoni che compariva sullo schermo per ricordare le parole dei canti. Dopo una serie di foto, siamo stati coinvolti dal direttore a cantare la canzone Gloria all Egitto, accompagnati dall orchestra. Appena iniziato lo spettacolo, l'atmosfera si è fatta buia. La scenografia rappresentava il Nilo con, in cima, l Etiopia. Lo spettacolo è iniziato con un flashback, con la morte di Radames e Aida. Gli studenti indossavano le loro collane e le bandiere egizie create con la prof. di arte Giulia Sormani. In alcuni momenti il Nilo si illuminava, in altri i sacerdoti del Faraone portavano incenso... i costumi erano accurati ed attendibili. I personaggi principali di quest'opera sono: AIDA: schiava etiope, innamorata di Radàmes, principessa figlia di Amonasro e protagonista. RADAMES: valoroso soldato, invaghito di Aida. RAMFIS: sacerdote del re. AMNERIS: principessa egizia rivale in amore di Aida. IL RE: faraone d'egitto. IL MESSAGGERO: annunciò l'invasione degli etiopi. L opera è durata circa 2 ore, infatti è finita alle Noi alunni sapevamo già la trama della tragedia e pensavamo che diventasse lunga e noiosa, ma il regista ha voluto sintetizzare un po in modo da non farci distrarre troppo e la sua decisione ha avuto effetto. Una volta finita l opera ci siamo recati al di fuori del teatro e ci siamo incamminati verso la nostra scuola; il tragitto è durato poco dato che siamo vicini al teatro, ma intanto abbiamo discusso della giornata e credo che ha avuto pochi commenti negativi. A cura di Alessia Eberini e Daniela Nobile IA Aida è un'opera di Giuseppe Verdi scritta in quattro atti. Ismail Pascià, kedivè d'egitto, commissionò un inno a Verdi per celebrare l'apertura del Canale di Suez (1869) nel 1870, offrendo un compenso di franchi ma Verdi rifiutò, dicendo che non scriveva musica d'occasione. Quando invece lo invitarono a comporre un'opera per l'inaugurazione del nuovo teatro del Cairo, accettò. La prima dell'opera fu ritardata a causa della guerra franco-prussiana, poiché i costumi e le scene erano a Parigi la quale era sotto assedio. Quando finalmente la prima di AIDA ebbe luogo, l'opera ottenne un enorme successo e ancora oggi continua ad essere una delle opere liriche più famose al mondo.

15 HUNGER GAMES In un mondo del futuro diviso inizialmente in 13 distretti, dopo una ribellione che portò alla distruzione del distretto 13, sono stati istituiti gli Hunger Games,in cui vengono sorteggiati un ragazzo e una ragazza di ogni distretto dai 12 ai 18 anni. Essi si scontrano all'ultimo sangue in un' arena e vince l'ultimo che rimane. Questi giochi sono stati istituiti per placare le ribellioni e per dare un senso di unione e fratellanza tra i distretti. Katnis è una ragazza del 12 distretto, il quale essendo povero, la costringe a cacciare di frodo. Lei vive con sua madre e sua sorella, a cui bada molto perché il padre è morto in miniera e sua madre da allora non si è più ripresa. Un giorno, quando baratta la selvaggina cacciata, un'anziana signora le regala una spilla in cui è raffigurata una ghiandaia imitatrice: un uccello capace di imitare tutti i suoni. Arriva il giorno del sorteggio per gli Hunger Games. I nomi sono estratti in un contenitore, e più uno chiede favori alla comunità, più il suo nome è presente. Viene estratta sua sorella,allora Katnis si offre volontaria per la prima volta nel suo distretto. L'altro sorteggiato è Peeta, un giovane fornaio. Sul treno che li porta a Capital City, dove si svolgeranno i giochi, incontrano il loro allenatore; all'inizio è chiuso in se stesso e menefreghista, perché la vittoria degli Hunger Games e il successo gli hanno dato alla testa. In seguito li aiuta nei giochi,non solo perché vincano, ma anche perché vuole che diventino una speranza su cui la folla possa contare e che possa seguire. Durante la parata iniziale i d ue fanno colpo sulla pubblico e sugli sponsor ( persone che possono aiutare nei giochi) appiccando fuoco finto ai loro vestiti. Nelle due settimane precedenti ai giochi ci si allena e alla fine si riceve un punteggio, che nel caso di Katnis è molto alto. La sera prima dei giochi i tributi vengono presentati alla folla e allora la ragazza sfoggia di nuovo le fiamme. Peeta invece conquista le persone dichiarando, indirettamente, il suo amore per Katnis. Prima dei giochi il vice allenatore della ragazza le ridà la spilla con la ghiandaia come portafortuna. Inoltre le ordina di scappare appena viene dato il via e di cercare l'acqua. Il gioco comincia, subito si forma un' alleanza tra i tributi del distretto 1, allenati fin dalla nascita a lottare; Peeta è con loro, ma fa un doppio gioco perché aiuta Katnis a scappare. I tributi sono in una foresta controllata dagli addetti ai giochi, che fanno quello che vogliono. La sera Katnis sente gli spari di un cannone che avvisano delle morte dei tributi. Alla mattina la regia appicca un incendio lanciando palle di fuoco, così da far ritornare Katnis nelle grinfie della coalizione, perché si stava avvicinando ai confini. Placato l'incendio la ragazza si rifugia su un albero, ma

16 la coalizione la trova. Su consiglio di una bambina del distretto 11, anche lei su un albero, fa cadere un alveare di vespe velenosissime,che uccidono la ragazza del distretto 1, la quale ha arco e frecce. Una vespa però punge anche Katnis che prima di perdere i sensi prende l'arco e le frecce e vede Peeta che le dice di scappare. Quando è ormai lontana si accascia al suolo. Nel momento in cui riprende i sensi si accorge di essere stata medicata. La sua guaritrice è la ragazzina del distretto 11. Le due diventano grandi amiche e organizzano un piano per togliere le risorse alla coalizione, le quali sono ammucchiate e sorvegliate in una radura minata. Katnis riesce a farle saltare in aria, ma quando torna dalla ragazzina,che intanto aveva organizzato il diversivo per distrarre i cattivi, la trova intrappolata e perciò la libera. Ad un tratto uno della coalizione le attacca, ma quando Katnis schiva il colpo esso uccide la ragazzina. La protagonista le prepara il funerale e, visto che i giochi sono trasmessi in televisione, Katnis fa il segno dei distretti scatenando la ribellione nel distretto 11. Ciò accade perché la folla capisce finalmente l'atrocità dei giochi e vede in Katnis un segno di speranza e cambiamento. In quella società, essendo le regole scelte dall'alto, quando si vuole, lo stratega capo decide di premiare due vincitori purché dello stesso distretto. Disperata si incammina lungo un fiume in cerca di Peeta, e lo incontra perfettamente mimetizzato e nascosto tra le rocce perché era stato ferito. Lo porta in una grotta e tra i due nasce un grande amore. Peeta migliora a vista d'occhio grazie all'aiuto degli sponsor e le cure di Katnis. Quando è guarito i due si incamminano alla base da dove sono partiti cercando del cibo. Peeta per sbaglio raccoglie delle bacche velenose; Katnis se ne accorge, ma è troppo tardi, qualcuno ha già mangiato le bacche:una ragazza che ha seguito Peeta. Nella notte la regia manda delle bestie a fermare i due. Katnis e Peeta si mettono in salvo sulla base, ma qui incontrano l'ultimo tributo rimasto, il ragazzo del distretto 1. Peeta e il nemico lottano, ma con l'aiuto di Katnis, il suo innamorato vince. A quel punto sorge il sole, ma lo stratega decreta un'altra regola: può vincere uno solo. Peeta vuole che vinca Katnis, ma lei dice di suicidarsi entrambi con le bacche velenose. In quell'istante viene decretata l'ultima regola che li dichiara vincitori dei 74 Hunger Games. Lo stratega però viene indotto al suicidio per essersi fatto sottomettere dai due ragazzi, che intanto cominciano il tour della vittoria. Il film ci è piaciuto moltissimo, pur essendo violento perché dei ragazzi vengono uccisi ma ci ha fatto capire che la folla segue colui in cui vede qualcuno da seguire,come nel caso dei grandi dittatori della storia: Hitler, Mussolini,Stalin... però quando capisce che una cosa non va bene, se soprattutto stimolata da qualcuno, cambia subito opinione e la società può liberarsi dal male. Ci sono anche piaciuti i messaggi trasmessi: la compassione presente anche dove c'è la violenza e il coraggio e la determinazione di chi è anche disposto a morire per ridare la libertà agli altri e non stare al gioco di chi comanda. Lo consigliamo ai nostri coetanei, ma da guardare con un adulto che possa loro spiegare la crudeltà della lotta e il folle spettacolo messo in scena per tenere a bada le folle. A cura di Luciano Imbimbo e Stefano Prati IIA

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni 27 gennaio 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA Film di R. Benigni Attività di approfondimento svolte in VB - Scuola Primaria A. Schmid PRIMA DEL FILM : conversazione con la

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria ins. Antonietta Scarcella Il Natale. Ogni anno arriva il Natale E noi bambini felici siamo. Tutti contenti per i doni che riceviamo, Anche gli adulti sono contenti,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio POESIE 1B Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio Il sole può essere un amico Quando guardo il sole mentre gioco a pallone appare una luce bianca che sembra un illuminazione. Il sole mi sorride e

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

I NOSTRI PICCOLI POETI

I NOSTRI PICCOLI POETI I NOSTRI PICCOLI POETI POESIE SULLA MAMMA Insegnante Fortunata Chiaro CLASSE IV D Anno scolastico 2009-2010 Mamma sei bella come una stella Oh! Mammina sei bellina Come una stellina. Sei dolcina Come una

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 COMPAGNIA FERRUCCIO FILIPAZZI via Colombaia, 1 24030 Almenno S. Bartolomeo (BG) cell 335/5858680 contatto Ferruccio Filipazzi segreteriafilipazzi@gmail.com CANTOSTORIE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia Sauropoesie.com Sauro Pappi Tutti i diritti di questo mini ebook sono riservati a Sauro Pappi Ma sei libero di

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca)

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca) Il sacrificio al Sole è un vero e proprio rito di iniziazione, anche questo presente presso tutte le civiltà del passato e ancora presente tra noi in forme prevalentemente simboliche. Nel film si assiste

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli