Rassegna del 17/06/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 17/06/2015"

Transcript

1 Rassegna del 17/06/2015

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 17/06/2015 SI PARLA DI NOI Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 12 La casa degli scarafaggi Allarme in via Sant'Egidio 1 Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 12 Viale Montello chiude a metà 2 Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 20 Possibile stop all'acqua potabile a Riva 3 Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 22 C'è il fiume che ci unisce 4 Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 23 I conti di Asep non tornano Luca Salvaterra 5 RIFIUTI Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 21 Impianto per i rifiuti speciali Il Pd convoca la commissione 6 La Voce Di Mantova 17/06/15 P. 21 Degrado urbano nella periferia suzzarese 7 POLITICA LOCALE Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 10 Sali in pole. Lui frena, ma Mattia: «Collaborerà con me, decideremo con quale ruolo» 8 Gazzetta Mantova 17/06/15 P. 10 Si parte dalla sicurezza «Un piano per i vigili» Sandro Mortari 9 COMPETITORS Giornale Di Brescia 17/06/15 P. 30 Utilitalia, Valotti guiderà le 600 multiutility italiane 11 Mf 17/06/15 P. 7 Federutility, 600 imprese per la nuova Utilitalia Angelica Romani 12 Sole 24 Ore 17/06/15 P. 28 Partecipate, riforma entro la fine del 2015 Giuseppe Latour 13 Sole 24 Ore 17/06/15 P. 28 A2A, integrazione con Linea group Cheo Condina, Monica D'Ascenzo 14 CPL CONCORDIA Prima Pagina Modena 17/06/15 P. 8 CpI fuori dalla white-list, come si ìa con gli appalti in essere?» 15 Repubblica Bologna 17/06/15 P. IX Blitz dei carabinieri nel nuovo Comune appalti nel mirino Enrico Miele 16 ACQUA: SCENARIO Corriere Della Sera Brescia 17/06/15 P. 7 Servizio idrico senza gestore unico: la Regione mette in mora il Broletto Pietro Gorlani 18 ENERGIA: SCENARIO Sole 24 Ore 17/06/15 P. 11 Edison potenzia il centro ricerche 19 Sole 24 Ore 17/06/15 P. 28 Eni, via libera Antitrust a Pistelli 20 Sole 24 Ore 17/06/15 P. 29 Gdf Suez, in calo la quota pubblica 21 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 La casa degli scarafaggi Allarme in via Sant'Egidio Trentacinque residenti inviano un esposto a Comune, Asl e Mantova Ambiente inutili le disinfestazioni: il nido in un appartamento abbandonato da otto anni «É stata una cosa orribile: stavo rientrando a casa a piedi attorno a mezzanotte e in strada c'era un tappeto di scarafaggi. Una cosa orribile, erano centinaia, si arrampicavano sul muro di una casa». Quello vissuto sabato notte da una signora di 68 anni che abita in vicolo San Secondo, non è l'unico caso nella zona. Trentaquattro abitanti di via Sant'Egidio e vicolo Cinque Reggiole hanno inviato ad Asl, polizia locale e Mantova Ambiente un esposto con la richiesta di risolvere quanto prima quello che considerano, a buona ragione, un'emergenza igienico sanitaria. Gli enti rirati in ballo si sono mobilitati, sono anche partite le disinfestazioni. Tutto inutile. A quanto pare il nido potrebbe essere in un appartamento al primo piano di una casa, all'angolo tra via Sant'Egidio e vicolo Cinque Reggiole, disabitato ormai da otto anni. Qui sta il problema: come entrare nella casa e disinfestarla, visto che l'ultima proprietaria è morta, non ha eredi e non ha lasciato la proprietà ad alcun successore? Della vicenda si sta ora occu- La casa delle blatte senza eredi : il caso in mano all ' ufficio legale del Comune panda l'ufficio legale del Counune. L'esposto è arrivato a destinazione una decina di giorni fa, dopo che nelle due vie e nelle strade vicine s'erano sollevate numerose proteste da parte degli abitanti. «I sottoscritti residenti in via Sant'Egidio e vicolo Cinque Reggiole - dice il documento - esprimono la propria esasperazione per la situazione igienico ambientale in cui si trova la zona adiacente all'incrocio tra le due vie a causa dell'infestazione di blatte, divenuta di proporzioni ormai insostenibili. Il complesso condominiale di via Sant'Egidio 14 - continua l'esposto - e altri fabbricati adiacenti hanno fatto eseguire numerose disinfestazioni da ditte specializzate senza ottenere risultati efficaci in quanto sembra che il nido sia localizzato in un immobile da ristrutturare ubicato all'angolo tra via Sant'Egidio e vicolo Cinque Reggiole, i cui proprietari non sono contattabili. Si chiede fermamente agli enti in indirizzo di obbligare i responsabili del suddetto disordine igienico a rimediare nel più breve tempo possibile per evitare che la situazione degeneri». L'area è costeggiata dagli Istituti Gongaga, anch'essi abban donati da anni. Ma, a differenza dell'appartamento di via Sant'Egidio, l'ex convento è stato sottoposto in tempi recenti a disinfestazione e lavori di pulizia. Nell'alloggio al priuno piano di via Sant'Egidio 10 abitavano due sorelle. La prima è mortanel 1999, l'altra nel Da alloranessuno ha più messo piede nell'appartamento. Cosa che potrebbe aver facilitato l'insediamento di una popolosa colonia di scarafaggi che la notte scende in strada in cerca di cibo. Esemplari di blatta entrano negli appartamenti vicini dalle finestre e dalle fessure sotto le porte. I,i casi d'ili >rarxeagçi >II in aa S:urt'fySdiu Si parla di noi Pagina 1

4 VIABILITÁ la Aw Viffie montefio chiude a metà Cantiere per i lavori del teleriscaldamento, i bus cambiano tragitto Dopo via Acerbi chiude per lavori viale Montello. Una chiusura a metà, su una sola corsia, per consentire la posa della rete del teleriscaldamento. Quanto basta per far cambiare direzione ai bus, le linee 2 e 11, che fanno sosta lungo il viale alberato che collega piazzale Gramsci a Te Brunetti. Le opere di allargamento del teleriscaldamento stanno interessando viale Montello nella direzione dall'incrocio di via Brigata Mantova all'intersezione con viale Montegrappa. Il tratto è a senso unico: chi arriva da viale della Repubblica e deve arrivare in viale Montello deve entrare in viale Gorizia e percorrere la viabilità del quartiere verso Bloccata per lavori via Acerbi viale Montenero. «In assenza di imprevisti i lavori termineranno il 5 luglio» fa sapere la Tea. Per il cantiere di viale Montello, Apam ha deviato due linee urbane. «Tutte le corse della linea 2 - spiega una nota - non effettueranno le fermate di Montello e Nenni in direzione Borgochiesanuova. Si invitano gli utenti a utilizzare la fermata stazione Fs». Idem per la linea 11: niente sosta alle fermate di Montello e Nenni in direzione Fs. «Si invitano gli utenti a utilizzare le fermate di Gorizia, Oslavia e Albertoni» spiegaapam. Da martedì prossimo, 23 giugno, lavori anche in via Nenni: il traffico sarà contenuto in un unico senso di marcia, nel senso via Trincerone -via Alpi (verso l'ospedale). Per il tragitto contrario bisognerà passare in via Alpi e Don Maraglio per rientrare in via Trincerone. I lavori termineranno il31luglio.,:' :.., Si parla di noi Pagina 2

5 SUZZARA Possibile all'acqua Riva Disagi a Riva 1 SUZZARA (Riva) Tea acque informa che, per lavori di manutenzione straordinaria alla rete acquedottistica di Suzzara, si verificheranno delle interruzione all'erogazione dell'acqua potabile nella frazione di Riva di Suzzara, ai civici dispari (dall'1 al 15) della strada Provinciale 62 (ex s.s. Cisa) e in strada Marzole comprese le vie traverse. Con l'obiettivo di cercare di ridurre al minimo i disagi, le interruzioni sono previste nelle ore notturne a partire dalle 22 fino, al più tardi, alle 6 della mattina seguente. 1 primi interventi dei tecnici sono già stati portati a termine, i lavori proseguiranno per altre due nottate, quindi fino alla notte tra giovedì e venerdì. Si parla di noi Pagina 3

6 C'è il fi e che ci unisce Vogliamo comunicare attraverso il giornale l'esperienza positiva del progetto "Il fiume che ci unisce" che ha coinvolto le classi 2C e 3C della scuola primaria Martiri di Belfiore di Mantova e le classi 2 e 3 di Pinzolo e Carisolo. L'obiettivo portante dei progetto è stato la conoscenza di due ambienti diversi, ma uniti da un unico fiume: il Sarca-Mincio. Nel corso dell'intero anno scolastico, abbiamo studiato gli aspetti scientifici, geografici, storici e ecologici dei territori coinvolti. A maggio, aconclusione del progetto, abbiamo vissuto due intense giornate immersi nel verde della Val Rendena, facendo esperienze nuove e coinvolgenti per i bambini con una connotazione altamente formativa, in una splendida cornice naturalistica. In particolare, vogiiamosottolineare la grande disponibilità sia degli operatori dei Parco Adamel lo -Brenta, sia quelli del l'associazione per il Parco, che ci hanno sostenuto, guidato e arricchito. Siamo certe che questa magnifica esperienza resterà impressaa lungo nei ricordi di chi l'ha vissuta. Pertanto, vogliamo sentitamente ringraziare il Comune di Mantova, Tea e Banca Mps che hanno finanziato i costi del progetto e reso possibile la piena partecipazione degli alunni. Auspichiamo che tale esperienza possa proseguire con altre scuole mantovane. Le insegnanti Bonaccio, Capocasale Corradini e Margonari Si parla di noi Pagina 4

7 Alcuni giorni orsono il consigliere comunale di Porto Mantovano Scirpol i (Pd) ha tentato sulla Gazzetta di Mantovadigiustificare diversi errori dell'attuale amministrazione comunale non dicendo tra l'altro la verità in merito al le scelte. Chiarisco meglio. Nell'ultimo consiglio comunale non si sono riviste le convenzioni dei servizi fra Comune di Porto e Asep come sostenuto dal Scirpoli perché questa revisione si è rimandata. Lo invito a leggere la delibera che prevede solo la riduzione dei compensi per i servizi forniti daasep e non perchétroppo onerosi, bensì perfarquadrare il bilancio comunale di previsione Il consigliere Scirpoli scrivendo che in passato i compensi erano alti perché era secondo lui il tempo di vacche grasse, offende i responsabili dei Comune che definirono quei compensi nel 1 conti d Asep non tornano senso che avrebbero avvantaggiato troppoasep. Sci rpol i se fosse vero ciò che scrive sarebbe un "bel danno erariale" al Comune di Porto perché avrebbe pagato molto di più del dovuto e ciò l'avrebbero consentito i suoi colleghi dei Pd che erano in giunta e vi sono tutt'ora, compreso lei. Mi riferisco in particolare alla riduzione dei compenso ad Asep perlagestionedell'asilo nido, che è molto discutibile e per il quale richiedo chiarimenti visto che in consiglio comunale non mi sono stati dati. II compenso adasep perlagestionedel nido è sempre stata dal 2004 ad oggi di circa euro anno e ritenuta giusta e corretta dai responsabili del Comune di ben 3 amministrazioni con sindaco Ghizzi, Salvarani e lavostra dal 8/6/2014 ad oggi. Ora dai euro l'avete ridotta di euro, circa il 34% in meno. Come mai? Come dire si era stati troppo abbondanti prima? Se così fosse vi sarebbe stato ripeto un danno erariale patrimoniale al Comune di euro per 10 anni e cioè euro creato in gran parte dal Pd dal 2004 al 2015 tranne 3 anni dal giugno 2006 al giugno Chiedo ancora perché la riduzione di euro? Circa la cessione dei servizi gas ed acquaateacon una minor entrata perasep di 1,5 mil ioni rispetto al valore reale dei due servizi non è così che si fa la Grande Mantova. Questo è stato un danno per Asep e per i cittadini di Porto e per questo si procederà alla denuncia al la Procura della Corte dei Conti a tempo opportuno così anche l'assessore Boccanera sarà accontentato. Scrivere poi che non state depotenziandoasep è una presa in giro. Dal 2009 e cioè con le amministrazioni Pd Salvarani Maurizio e ora Salvarani Massimo il fatturato di Asep passa dai 9,2 milioni dei 2009 a circa 3,5 milioni di quest'anno. Sono stati da voi revocati ad Asep o ceduti i servizi gas, acqua, trasporto alunni, mensascolastica, affissioni, soggiorni anziani, manutenzioni, igiene urbana, gestione illuminazione pubblica, piscina comunale, corsi nuoto. Che dice Scirpoli, lo chiamiamo potenziamento questo? È il potenziamento davoi promesso in campagna elettorale un anno fa? L'amministrazione precedente ha indebolito Asep con riduzione di servizi, compensi e prelievi di risorse accumulate cioè riserve. Voi state procedendo sulla stessa strada, ma in modo ancor più dannoso e ripeto al contrario di quanto promesso ai cittadini. LucaSalvaterra Consigliere comunale Porto Mantovano Si parla di noi Pagina 5

8 Impianto peri rifiuti S speciali Il Pd convoca MOGLIA Impianto di smaltimento rifiuti a Moglia, il capogruppo del Pd chiede la convocazione della commissione consiliare ambiente della Provincia proprio a Moglia, dovela ditta Ecologia Papotti ha avuto l'autorizazione a costruire. Massimiliano Montagnini ricorda che l'impianto dovrebbe essere costruito in una zona artigianale, vicino al polo scolastico e a quello sportivo e a ridosso del cavo irriguo "Magnariso". «Tale impianto - spiega- dovrebbe avere un notevole impatto negativo, sia dal punto Massimiliano Montagnini commissione di vista del transito del traffico nel quartiere sia dal punto di vista ambientale - salutare, in quanto porterebbe ad un aumento spropositato di emissioni di C02, di polveri sottili per la presenza di solventi usati nel processo industriale e di reazioni chimiche programmate o accidentali. Inoltre, non si può dimenticare la presenza di sostanze fortemente odorigene. Tale progetto prevede che le acque di scarico del processo depurativo confluiscano direttamente in fognatura e, quindi, al depuratore comunale con la conseguenze dirette sulla qualità delle acque in uscita». Rifiuti Pagina 6

9 Situazioni di abbandono in via Mantegna dove si trovano alcuni degli alloggi popolari Degrado urbano nella periferia suzzarese Sacchi di plastica e rifiuti di vario genere accumulati presso i bidoni della differenziata SUZZARA - Ancora situazioni di degrado urbano in via Mantegna, con cumuli di spazzature ai margini delle strade. Nel quartiere degli alloggi popolari, situato a ridosso del centro commerciale dell'affare, abbondano in vari angoli sacchi accatastati, sedie di plastica rotte, biciclette sfasciate, carrelli da supermercato arrugginiti e abbandonati. Il tanto elogiato sistema di "porta a porta" per la raccolta differenziata che colloca Suzzara tra i comuni "ricicloni "'con 1'82% di conferimento differenziato, pare proprio non funzionare nel quartiere delle case popolari del comune e dei condomini dell'aler. Sacchi di plastica e rifiuti di vario genere, accumulati presso i bidoni condominiali della differenziata, vengono depositati a tutte le ore, senza il rispetto dei contenitori e degli orari. «La piazzola ecologica della strada Donella è a pochi metri da qui - dicono alcuni residenti - ma nessuno pare voglia utilizzarla e le spazzature si accumulano continuamente». «Speriamo che passino a ritirare questa immondizia - dice uno dei residenti degli alloggi popolari, che attribuisce la responsabilità a un cattivo funzionamento del servizio di raccolta - perché quando c'è da pagare la bolletta, sconti non ce ne vengono fatti». La maggiore frequenza di accatastamento dei sacchi di rifiuti pare avvenire sia di sera che subito dopo l'ora di pranzo, quando molti operai escono di casa per ritornare al lavoro nelle industrie della zona e, prima di salire in auto, lasciano depositato il proprio sacco a fianco dei bidoni condominiali. Situazioni di degrado si erano già verificate, nella zona, anche nel passato, insieme a comportamenti spesso poco civili e, in alcuni casi, violenti. (e.v.) Ba,- 1 \1 ANO ' Degrado urbano nedaperi erk suuarose Rifiuti Pagina 7

10 ELA Sali ivi pole. LUí frena, Mattia: «Collaborerà con me, decideremo con quale ruolo» Una delle operazioni che sarà completata nel giro di poco tempo è la ricostruzione del nuovo staff che affiancherà il sindaco Palazzi. Il suo predecessore Sodano aveva a disposizione un capo di gabinetto e una portavoce, assunti con contratto a termine, e nove dipendenti a tempo pieno (quattro segretarie, un autista due giornalisti dell'ufficio stampa, una coordinatrice dello staff e l'addetta agli eventi ). Con la fine del mandato Sodano, nella «squadra» che affiancherà Palazzi sono rimasti, per il momento, solo le segretarie, l'autista e i giornalisti. Il sindaco sta cercando il capo di gabinetto e ieri ha incontrato Sebastiano Sali, coordinatore della sua campagna elettorale: «Mi aiuterà di certo - dice il primo cittadino -, ma non so ancora in che ruolo». Il totonomine indica come futuro capo di gabinetto proprio Sali, ex consigliere comunale verde per un breve periodo con la Brioni e ricercatore universitario: «Non ne abbiamo ancora parlato» si schermisce l'interessato. Si parlydalla.vicure «( n piano per i I u dii» Politica locale Pagina 8

11 Si parte dalla sicurezza lo lo «Un piano perivi 411.~ lo Palazzi vuole un riassetto dei controlli nei quartieri entro dieci giorni E prende tempo per i dirigenti: «Proroghe agli incarichi per due o tre mesi» di Sandro Mortari Sono i quartieri il «polso» della città, e chili ascolta «sente» la vita vera che vi scorre. I quartieri rappresentavano la priorità per Mattia Palazzi impegnato in campagna elettorale e i quartieri diventano, ora che è sindaco, il luogo da dove partire per la nuova avventura. E così, la prima uscita da primo cittadino l'ha riservata ai luoghi dove si prepara il futuro della città, le scuole nei quartieri, mentre il primo input da amministratore dato alla Polizia locale è stato quello di implementare il servizio di prossimità dei vigili di quartiere. Scuola e sicurezza, dunque, per dare subito l'impronta al nuovo mandato. Senza dimenticare l'economia e il lavoro, argomenti che Palazzi ha affrontato nel pomeriggio con gli industriali. Istituti. «Ho visitato sette scuole in un' ora e 42 minuti - sottolinea Palazzi -. Tutte le settimane andrò negli istituti scolastici, già domani (oggi, ndr.) proseguirò il mio giro». Spiega così la sua scelta: «Il lavoro che voglio fare in Via Roma deve servire a consegnare una città migliore agli adulti di domani». Dopo il saluto al settore servizi sociali ed educativi del Comune in via Conciliazione, con il dirigente Ernesto Ghidoni e Sebastiano Sali (coordinatore della sua campagna elettorale) il sindaco ha raggiunto le scuole inserite nel tour. Prinna tappa la materna Ferrari, seconda l'asilo nido Charlie Chaplin. Poi la media Bertazzolo per un rapido saluto al corpo docente. Visita anche alle elementari Martiri di Belfiore dove ha incontrato i giovani del cred estivo. Quindi, capatinanel suo quartiere, Valletta Valsecchi, per fermarsi alla elementare don Mazzolari; poi, alla primariaardigò, ha incontrato gli insegnanti. Il giro si è concluso alla materna da Feltre dove ha salutato, tra glialtri bambini, anche i nipotini. Lavori. Durante le varie tappe il sindaco ha ricevuto dai docenti un elenco di interventi da effettuare nei vari plessi, «una lista di cose da migliorare come la tinteggiatura delle pareti e le aree verdi» precisa palazzi. «La settimana prossima - promette - faremo una mappatura di tutte i problemi che mi sono stati segnalati e metteremo a punto un piano per ragionare in sede di bilancio preventivo sui lavori da fare». Unavolta in municipio, ha iniziato ad occuparsi di sicurezza. Sicurezza. «Ho convocato il comandante della Polizia locale Perantoni - annuncia - per chiedergli che sia potenziato il servizio di prossimità dei vigili di quartiere. Entro 10 giorni mi presenterà un piano su cui ragioneremo insieme». Oggi i vigili di quartiere sono dieci (più un ufficiale): 4 sono assegnati alla zona nord della città (Lunetta, Cittadella, Formigosa, Castelletto borgo), 2 a quella sud (Angeli, Te Brunetti, Pompilio e Paiolo), 4 al centro. La Polizia locale ha anche una sede decentrata a Lunetta dove c'è un amministrativo. L'idea del sindaco è di potenziare il vigile di quartiere, magari aumentando gli attuali organici. Dirigenti. Palazzi da oggi affronterà anche il delicato tema dei dirigenti comunali. Il settore lavori pubblici è rimasto scoperto dopo che a Mastromarino è scaduto il contratto, mentre il segretario generale Vareschi ha ancora gli interim dell'urbanistica e delle finanze. «Ho intenzione di prorogare per giorni le attuali dirigenze - dice il sindaco -, ma da subito sono intenzionato a modificare gli interim». Quanto al segretario, «deciderò in questi giorni come muovermi». Il tempo non gli manca: per legge deve decidere entro 60 giorni se confermare il segretario oppure cambiarlo; nel caso optasse per la seconda soluzione, avrebbe altri 60 giorni a disposizione per assumere il nuovo. Cambi. Intanto, in Comune, vi sono già stati cambiamenti che, in particolare, hanno riguardato lo staff del sindaco. Se ne sono andati coloro che avevano un contratto legato al mandato di Sodano, e cioè il suo capo di gabinetto Alessandro Colombo e la sua portavoce Susanna D'Avanzo. Altri due componenti la «squadra» dell'ex sindaco, dipendenti del Comune, sono stati trasferiti in un altro ufficio: si tratta di Emanuela Medeghini, ex coordinatrice dello staff e Monica Bignardi, che faceva parte dell'organizzazione eventi. Entrambe sono state trasferite al settore ragioneria. Assessori. Poi c'è la nuova giunta da formare. «Sto studiando la rifonna Delrio per vedere cosa dice in merito al numero di assessori. Il mio orientamento è quello di averne otto, di cui quattro donne. Conto di chiudere entro una decina di giorni per poi tenere il primo consiglio comunale entro i primi giorni di luglio». Il fatto che Sodano abbia finito con sei assessori per lui non è un problema: «Il mio predecessore era partito da undici per poi ridurli dopo varie crisi. Comunque, non sarò giudicato sul numero di assessori ma sul lavoro che l'intera giunta svolgerà». Alleati. Ieri ha iniziato a vedere gli alleati e il primo della lista è stato il segretario provinciale di Sel, Fausto Banzi (si legga l'articolo nell'altra pagina, ndr.): «E venuto per complimentarsi del - la vittoria e non abbiamo parlato di giunta - assicura il sindaco -. Abbiamo deciso di affrontare l'argomento nei prossimi giorni». L'appuntamento è stato fissato per domani, e ci sarà molto da chiarire visto che indiscrezioni vorrebbero Palazzi dubbioso sul fatto di dare un assessorato a Sel, preferendo affidarle la presidenza del consiglio. Industriali. Nel pomneriggio il sindaco ha incontrato anche la giunta di Confindustria. «Ho chiesto di ragionare insieme su come attirare investimenti e imprese - ha riferito Palazzi -. Nel giro di tre-quattro settimane ci rivedremo con l'assessore alla partita per stendere un piano di lavoro». Si parte dalla sicure7jji «l n piano per i vigili» Politica locale Pagina 9

12 Tour tra le scuole nella prima mattina da sindaco in carica per Palazzi : sette istituti in rapida successione. A lato la sala consiliare nel giorno dell ' insediamento Politica locale Pagina 10

13 Utilitalia, le 600 multiutility italiane ROMA. Sono imprese vere e proprie, diverse dalle pubbliche amministrazioni e lontane dai fondi di private equity, nonostante i ricavi che le contraddistinguono: 43 miliardi di euro annui. Le ex municipalizzate di energia, acqua e ambiente si mettono insieme e si fanno rappresentare da un'unica federazione, Utilitalia, nata dalla fusione di Federambiente e Federutility. L'obiettivo è «un vero e proprio cambio di passo, non con la difesa delle rendite di posizione, ma attraverso proposte concrete per ridurre i costi a carico dei cittadini e alzare gli standard dei servizi». A dirlo è il presidente della neonata federazione, Giovanni Valotti (che è presidente di A2A), spiegando come si siano riunite seicento delle più di mille imprese di servizi pubblici locali di rilevanza economica - partecipate dagli enti locali - che si occupano di energia elettri ca, gas, acqua e igiene urbana. II Competitors Pagina 11

14 Fedemtility, 600 imprese per nuova tl í't l di Angelica Romani Un battesimo ufficiale per Utilitalia, la federazione delle imprese idriche, energetiche e ambientali, presentata ieri a Roma. La nuova realtà mette insieme Federutility e Federambiente rappresentando circa 600 realtà industriali, che danno lavoro a 100 mila addetti e sommano ricavi intorno ai 43 miliardi di curo l'anno. Utilitalia le sosterrà nella battaglie più urgenti. «Utilitalia nasce con un'idea forte», ha spiegato il presidente Giovanni Valotti, «per fornire un contributo qualificato, responsabile e propositivo allo sviluppo del Paese e alla tutela dei diritti dei cittadini. E si candida verso il governo e le istituzioni per accompagnare la riorganizzazione dei servizi pubblici». Tra le priorità c'è lo sblocco degli investimenti necessari per evitare le sanzioni dell'unione europea nei settori rifiuti e depurazione. «Chiediamo al governo», prosegue, «che ci lasci fare le imprese senza vincoli stringenti, che obblighi enti locali e imprese all'efficienza, che ci inetta in condizioni di competere nel nostro paese e in altri paesi a parità di condizioni, che faccia la voce grossa nell'ue e faccia chiarezza, togliendo alle imprese il continuo rischio di incappare in infrazioni europee». (riproduzione riservata) Competitors Pagina 12

15 L'annuncio del ministro Madia Partecipate, riforma entro la fine dei 2015 Giuseppe Latour ROMA Arriverà entro la fine del 2015 H testo unico diriordino dellamateria del servizi pubbli ci1ocali.lo ha annunciato il ministro della Pubblica amministrazione MariannaMadia,ieri aromanelcorso dell'incontro di presentazione di Utilitalia,lanuova siglacheriunirà sotto una sola insegna le imprese dell'acqua, dell'energia e dei rifiuti. Il riordino delle partecipate, da lanciare nel quadro del Ddl delega di riforma della Pa, è in cima alle preoccupazioni dell'esecutivo, che sta già materialmente scrivendo il testo del decreto delegato. Madia ha sottolineato l'importanz a di un'azione d i riorganizzazione complessiva della materia dei servizi locali: «La gestione delle partecipate ha portato problemi finora anche perché manca un quadro regolatorio che garantisca chiarezza». L'intervenioinarrivo, allora, prevede il varo di «un testo unico finalmente chiaro, che assicuri trasparenza, certezze e faccia ripartire gli investimenti». I tempi saranno rapidi, secondo quanto ha detto ancora il ministro. «Lo stiamo già scrivendo, lo porterò in Consiglio dei ministri per una prima lettura subito dopo l'approvazione del disegno di legge delega. Comunque, abbiamo intenzione di completarlo entro l'anno». Il testo, in fase di consultazione, saràsottoposto anche agli attori del settore. Tra questi assunse unpeso decisivo proprio Utilitalia, la nuova associazione, presieduta da Giovanni Valotti, che mette insieme Federutility e Federambiente, creando un soggetto di rappresentanza unitario nel settore dei servizi pubblici. Le esigenze delleimprese sono già molto chiare. «Benvenga la riforma - ha detto Valotti -, purché sia l'occasione di semplificare e consolidare in un unico testo ciò che di buono è stato finora fatto e non una ennesima riscrittura di regole». Un passo deciso serve, però, sui rifiuti che andrebbero «affidati a un regolatore indipendente», per definire metodologie tariffarie, regole di rendicontazione e disciplinare i contratti di servizio. Anche se, sul punto, il presidente dell'autorità per l'energia, il gas e il sistema idrico Guido Bortoni, possibile destinatario della nuova competenza, ha precisato: «E giusto che i servizi con un'importanza di carattere nazionale abbiano un regolatore unico, ma questo deve essere accompagnato dall'attribuzione all'autorità di nuove risorse». Serve,poi, secondo Ilpresidente, «la previsione di incentivi economici e finanziari in favore dell e Avviata la stesura del Testo unico che sarà sottoposto in una consultazione a tutti gli attori del comparto... amministrazioni locali che accompagnino i consolidamenti». Quindi,chi accorpai servizi pubblici deve avere dei vantaggi. Un tema centrale soprattutto per l'acqua, come ha spiegato il capo dell'unità di missioneperil dissesto idrogeologico di Palazzo Chii, Erasmo D'Angehs: «Per riattivare gli investimenti nel settore idrico, dobbiamo risolvere Il problema della frammmnentazione. In questo siano un paese sovietico, abbiamo un numero di aziende che nessun altro ha». Per Madia, comunque,lariduzione dellepartecipatenondevepassare solo dai numeri. «Dobbiamo, invece, partire dalle caratteristiche delle società. Le quotate, ad esempio, fanno storia a sé, così come dobbiamo distinguere le partecipazioni strumentali all'attività della Pa e quelle che, invece, sono nate per fornireserviziai cittadini. Soprattutto per queste ultime dovremo superare la parcellizzazione». 9 RI PRO DDZION E RISERVA FA Competitors Pagina 13

16 Firmata una lettera d'intenti finalizzata a un'aggregazione di carattere industriale: offerta per una quota di maggioranza A2A, integrazione con Linea group Parte la stagione delle fusioni nel settore - Incentivi del governo per i maxí-polí Cheo Condina Monica D'Ascenzo w,,(a2amuovelaprimapedina sulla scacchiera del risiko delle municipalizzate e firmaunalettera d'intenti, finalizzata a un'integrazione di carattere industriale, con la multiutility Linea Group, che vede trai principali azionisti Comuni dellabassa Lombardia come Cremona, Lodi, Rovato, Pavia e Crema. Unamossacoerente conilmandato deigrandi soci dia2a (Milano e Brescia), che nel nuovo patto di sindacato hanno indicato la Lombardia come principale bacino d'utenza per allargare il raggio d'azione del gruppo presieduto da Giovanni Valotti, e che è destinata, se i negoziati si chiuderanno con successo, a rompere definitivamente il ghiaccio delle aggregazioni nel settore. In sostanza, il gruppo guidato da Luca Valerio Camerano e Linea Group si sono date tempo fino al 31 luglio per trattare in esclusiva un'intesa le cui linee guida sarebbero già state esaminate nei mesi scorsi. Ora inizia la parte più delicata, in cui vanno definiti e limati i dettagli, senza contare la variabile politica visto che Rovato (tra i soci di Linea Group) ha appena eletto il sindaco. Fermo restando un punto: nelle prossime settimane, entrambe le aziende non si precluderanno l'esame di altre possibili opzioni di crescita esterna che non siano incompatibili con l'operazione. Il che significa, per Linea Group, l'ipotesi di una quotazione in Borsa che consentirebbe ai Comuni soci di fare cassa attraverso lo sbarco a Piazza Affari e - grazie agli incentivi previsti al Governo - diutilizzare laliquiditàfuori dal Patto di Stabilità. Certo, visto il recente andamento dei mercati, mettere in piediunalpo nonpare cosìagevole, anche se toccherà agli advisor della multiutility indicare la strada più adeguata entro il prossimo 31 luglio. La partnership con A2A, secondo indiscrezioni, prevederebbe invece che quest'ultima rilevi da socidilineagroup una quota di controllo della società (ancora da definire, ma che le consenta in ogni caso diprocedere al consolidamento) attraverso un'operazione mista cassa-azioni, cosa che ovviamente farebbe scendere Milano e Brescia sotto il 5o% del capitale. Eventualità, quella del socio di maggioranza pubblico sotto il 500io, che secondo Vallotti è un tabù destinato in prospettiva a cadere se le imprese vogliono competere sul mercato. L'operazione, comunque, avverrebbe in coerenza con la filosofia più volte ricordata negliultimimesidalpresidente Valotti: cioè non di una A2A colonizzatrice, mapiuttosto in un'ottica divalorizzazione e arricchimento della stessa Linea Group, dicuiverrebbero mantenuta l'identità che ne ha fatto fino ad oggi la forza, il brand e la sede. «Il nostro modello - aveva spiegato direcente Valotti - è quello di un sistema solare con tanti satelliti in cui i satelliti che si ingrandiscono sono quelli più piccoli, non quello che è già più grande». La scommessa, in sostanza, è quella di migliorare grazie alla forza dia2a le performance di Linea Group, che ha chiuso il 2013 con debiti netti di 358 milioni, quasi quattro volte il mol consolidato pari a95milioni. Numeri che - secondo gli esperti - dovrebbero invitare alla prudenza riguardo un possibile progetto di quotazione. Le possibile sinergie tra A2A e Linea Group, secondo una prima analisi, sono significative. A partire dalla filiera ambiente, grazie alla quale Linea Group nel 2013 ha realizzato circa metà del mol (45 milioni) grazie a due termovalorizzatori e altrettanti impianti di trattamento rifiuti, per arrivare al trading e alla distribuzione. Insomma, potrebbe essere il primo passo verso la nasc ita di una multiutility lombarda che, magari grazie anche all'intervento delfondo strategico dicdp, nei mesisuccessivipotrebbevedere l'ingresso di nuovi attori, a partire daacsmagam,lamultiutility di Como e Monza. Intanto A2A continua a crescere in Borsa e ieri ha archiviato la seduta con un +0,75%, portando il saldo degli ultimi sei mesi in positivo per oltre il 37%. O RIPRODUZIONE RISERVATA Competitors Pagina 14

17 A BOLOGNA II consigliere Federica Salsi interroga la giunta «C I fuori dalla white-list, come si a con gli appalti in essere?» pl Concordia è ancora fuori dalla white-list, il Comune di Bologna che fa con gli appalti?». Se lo chiede sotto le Due Torri, Federica Salsi, consigliere comunale ex Movimento 5 stelle, interrogando in merito la giunta del sindaco Pd, Virginio Merola. A proposito della coop modenese travolta dalla bufera di Ischia, ieri a Palazzo D'Accursio il consigliere del gruppo misto ha ricordato che «in questi giorni la stampa locale ha reso noto che l'eventuale rientro di Cpl Concordia nella white-list è ancora in alto mare». Così, la Salsi interroga Merola e giunta per sapere «come intenda procedere l'amministrazione comunale con i contratti in essere o in aggiudicazione provvisoria» nei rapporti con Cpl medesima. Ma l'ex grillina, in particolare, vuol sapere «se la gestione quarantennale della centrale di trigenerazione da parte di Cpl Concordia nel comparto ex Mercato Navile sia o debba essere coerente con la normativa antimafia». Cpl Concordia Pagina 15

18 di adiri1 CDi, Inchiesta della procura dì Bologna per turbatìva d'asta acquisite le carte del maxi bando sulla manutenzione ENRICO MIELE BLITZ dei carabinieri ieri mattina negli uffici comunali di Liber Paradisus. Avevano in mano una richiesta di esibizione di atti firmata dal pm Rossella Poggioli e hanno acquisito tutta la documentazione del ricco bando del global service, la maxi gara d'appalto perla gestione degli immobili comunali per un valore di 157 milioni di euro vinta di recente da un consorzio di imprese guidato dal Ccc. A coordinare l'intervento negli uffici comunali è stato il nucleo investigativo dei carabinieri guidato dal maggiore Luca Toti. A quanto si apprende, il blitz nasce all'interno di un'inchiesta della Procura, per ora contro ignoti, con l'accusa di turbativa d'asta. Il fascicolo è stato aperto dalla pm Poggioli alcuni mesi fa, probabilmente già prima dell'assegnazione provvisoria dell'appalto (avvenuta ad aprile) e non sembra essere nato da un esposto delle ditte sconfitte. Le indagini, in realtà, sarebbero una "costola" di un'altra inchiesta ed evidentemente qualche elemento ha indotto la Procura di Bologna a vederci più chiaro anche in questo particolare appalto. Da qui il blitz delle forze dell'ordine, che sono rimaste negli uffici di Liber Paradisus per quasi cinque ore. Non sembra quindi esserci pace per il maxi bando del global service da 157 milioni. Le prime polemiche, scoppiate ad aprile, erano legate alla presenza, tra le ditte esecutrici, della coop modenese Cpl Concordia, i cui ex dirigenti, tra cui il presidente, sono in primavera finiti in galera con l'accusa di tangenti per la metanizzazione dell'isola di Ischia. Nella cordata vincitrice, infatti, in un primo momento era presente anche la Cpl come esecutore, ma la ditta è stata poi esclusa dagli stessi vincitori (la Cpl non ha partecipato alla gara ma rientrava solo tra le aziende esecutrici della futura manutenzione). Ad aggiudicarsi l'appalto è stato invece il Consorzio cooperative costruzioni, capofila di una rete di imprese costituita da Melegari, Montanari e Sapaba, mentre al secondo e al terzo posto sono finiti Cofely Italia e Olicar. Il bando comunale - uno dei più ricchi della storia recente di Palazzo d'accursio - ha affidato al vincitore per i prossimi nove anni tutti gli immobili pubblici, dalle scuole alle palestre, passando per uffici giudiziari, musei e biblioteche. I lavori non prevedono solo la manutenzione fisica degli stabili ma anche quella energetica (come climatizzatori e luce elettrica), puntando su pannelli solari, coibentazione e nuove tecnologie. Ed è questo l'aspetto più innovativo, perché la giunta Merola ha deciso di mettere assieme tutti i servizi, che finora sotto le Due Torri venivano ` spacchettati'in diversi bandi. Da quest'anno, salvo inchieste, cambierà tutto, visto che un unico soggetto (guidato dal Ccc) avrà in mano tutti i servizi. Cpl Concordia Pagina 16

19 o!.-. ff 1, %...,, r', rom m -rv s-r Cpl Concordia Pagina 17

20 Servïzïo idrico senza gestore co: la Regione mette in mora il Broletto Dopo il 30 settembre c'e la gara europea e la concorrenza delle multinazionali 0 La gestione di acquedotti e fognature dei 206 comuni bresciani potrebbe anche finire in mano ad una multinazionale vedi la francese Veolia a Lati na se entro il 30 settembre non sarà nato il gestore unico del servizio idrico integrato. Il rischio è grosso. E ne è ben conscio il consiglio provinciale, che da tempo cerca di far nascere una società mista pubblico-privata nella quale unire i singoli municipi e le loro multiutility (A2A, Aob2, Asvt, Vallecamonicaservizi, Garda Uno) per poter avviare un piano di investimenti da 85omilioni, fare (e rifare) i depuratori necessari ed evitare così la maxi multa di Bruxelles da 16o milioni di euro l'anno. Per legge serve però l'«ok» di almeno la metà dei Comuni, che devono contestualmente rappresentare almeno la metà più uno del milione e 300 mila residenti. Molte amministrazioni locali fino ad oggi hanno nicchiato, temendo un rincaro delle tariffe. Altri è il caso del Garda stavano pensando ad un gestore interregionale insieme al Veneto. Ora però non c'è più tempo. Lo ha scritto anche l'assessore regionale all'ambiente Claudia Terzi, che ha messo in mora la Provincia di Brescia. Per questo il consiglio provinciale ieri ha approvato un ordine del giorno con il quale dà mandato all'ato (l'ufficio Depuratore Sono 63 i comuni bresciani (450 mila abitanti) con depuratori inesistenti, vecchj o insufficienti d'ambito che gestisce tutti i servizi idrici) di agire con urgenza per far capire ai comuni il rischio che corrono. Verrà loro inoltrata una lettera di sollecito, con allegato il rimbrotto dell'assessore Terzi. Diego Peli (Pd), chiede di allegarci pure la potenziale sanzione che si rischia di pagare a Bruxelles (160 milioni l'anno, appunto) se non si migliora il sistema di depurazione. E Michele Gussago, delegato del Broletto alla partita, assicura che entro luglio verranno convocati nuovamente tutti i sindaci per prendere La Entro il 30 settembre deve nascere un unico soggetto per la gestione in tutta la provincia di acquedotti, depuratori e riscossione tariffa; in caso contrario sarà affidato con gara europea, come prevede lo sblocca Italia finalmente la decisione attesa da tempo: «E una responsabilità morale riuscire a deliberare la scelta del gestore unico entro il 30 settembre, visto che la legge non prevede deroghe». Diretto anche il presidente della Provincia Luigi Mottinelli: «Oggi la commissione Ecomafie è a Brescia per approfondire le tematiche ambientali. Ecco, il tema della mancata depurazione, degli scarichi che finiscono ancora in laghi e fiumi non è affatto slegato. Effettuare investimenti per migliore i nostri impianti è questione di ci- Gussago Serve l'ok di oltre la metà dei comuni entro il 30 settembre Dare vita a questa nuova società è anche un dovere morale vilità. Dobbiamo partire dal Garda, poiché se si rompe la condotta sub-lacuale andiamo incontro ad un disastro ecologico». Va ricordato che sono 63 i comuni che hanno depuratori insufficienti o mancanti. Ieri è stato fornito anche il dato degli utenti che hanno ottenuto il rimborso per la tariffa di depu razione pagata (fino al 2008) anche se inesistente: sono (a fronte dei 4lmila aventi diritto) ai quali sono andati 3,5 milioni. Pietro Goriani RIPRODUZIONE RISERVATA Acqua: Scenario Pagina 18

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI MENCONICO PROVINCIA DI PAVIA Via Capoluogo, 21-27050 Menconico (PV) Tel. 0383574001 - Fax 0383574156 P. IVA/C.F. 01240140184 Prot. n. 797 Menconico, 15 luglio 2010 Spett.le - COMUNE DI VARZI

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i

La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i press UnE 02/01 /2011 Resto del Orlino Ravenna BAG NACAVALLO La Lega Nord chiede al Comun e impegni concret i sui scopass i «ANCHE a Bagnacavallo i nodi delle politiche degli an - ni passati vengono al

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli