Atti Parlamentari Camera dei Deputati. inserire la voltura richiesta nello stesso anno in cui sono stati prodotti i documenti;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti Parlamentari 13056 Camera dei Deputati. inserire la voltura richiesta nello stesso anno in cui sono stati prodotti i documenti;"

Transcript

1 Atti Parlamentari Camera dei Deputati inserire la voltura richiesta nello stesso anno in cui sono stati prodotti i documenti; il consorzio non ha ritenuto di dar seguito al discarico dell annualità 2004 in quanto, a verifiche effettuate, il Signor Zimarino risultava comunque intestatario delle particelle oggetto di tributo, seppur con una quota minoritaria, peraltro non a conoscenza dell ufficio fino al 2005, come sopra riportato; il contributo di bonifica sarebbe un onere reale sulla proprietà, gravando direttamente sull immobile (articolo 21 del regio decreto n. 215/1933). Il contributo imposto è, perciò, da intendersi diretto agli immobili per la loro salvaguardia e non alle singole persone fisiche, eventualmente comproprietarie; conseguentemente non sarebbe possibile provvedere alla ripartizione della quota di proprietà, frazionando il tributo, in quanto il bene immobile è considerato, in questo caso, bene giuridicamente indiviso. Si tratta quindi di un obbligazione indivisibile regolata, ai sensi dell articolo 1317 codice civile, dalle stesse norme disciplinari le obbligazioni solidali, con la conseguenza che ogni debitore è obbligato ad eseguire per intero la prestazione al creditore con la possibilità, per colui che ha pagato l intero, di ripetere dagli altri condebitori la parte spettante a ciascuno di essi, ex articolo 1299 codice civile. In pratica, colui che riceve l avviso ha comunque diritto di rivalsa sugli altri comproprietari per il rimborso delle quote di loro spettanza; appare all interrogante del tutto arbitraria l estensione del principio di solidarietà nel pagamento del contributo, atteso che tale principio deve essere sancito esplicitamente dalla legge, mentre il suo decreto istitutivo (regio decreto n. 215 del 1933) non ne fa menzione : se non ritenga di assumere le opportune iniziative normative affinché l obbligazione concernente il pagamento dei contributi consortili sia considerata inequivocabilmente parziaria. ( ) * * * GIUSTIZIA Interrogazioni a risposta scritta: e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia. Per sapere premesso che: secondo quanto riportato dall agenzia di stampa Il Velino del 14 maggio 2010, Tiziano Ramponi, di Campoli Appennino (Frosinone), agente penitenziario in servizio a Milano San Vittore presso il nucleo traduzioni, si è tolto la vita giovedì 13 maggio; l uomo, descritto dai suoi colleghi come una persona perennemente sorridente, allegra e gioviale, era in congedo ordinario dal 3 maggio e avrebbe dovuto riprendere servizio martedì 18. Al momento si stentano a capire le ragioni di questo gesto, anche perché chi lo conosceva molto bene esclude problemi economici o affettivi; sulla vicenda il segretario della Uil-Pa penitenziari, Eugenio Sarno, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «In sole due settimane si sono verificati due suicidi (Frosinone e Brescia) e un omicidio-suicidio (Avola) tra gli agenti di polizia penitenziaria. Troppo. Davvero troppo per non chiedere con forza che si attivi, finalmente, quel tavolo di confronto sul disagio del personale che l amministrazione penitenziaria ci ha sempre negato. Noi non intendiamo strumentalizzare queste tragedie, ma è pur vero che l incidenza di suicidi nel Corpo è davvero anomala e pertanto ne vanno investigate le cause. Ricordiamo che in due anni sono 16 gli appartenenti al Corpo che si sono suicidati. Se è vero, come è vero, che è scientificamente provato che la sindrome

2 Atti Parlamentari Camera dei Deputati da Burnout ha grande incidenza nel corpo degli agenti di polizia penitenziaria (tanto che sono centinaia le unità che riportano patologie da stress e depressione) è consequenziale affermare che il lavoro e le condizioni di lavoro sono patogene. Abbiamo cercato, invano, di sensibilizzare il ministro Alfano e il capo del Dap sulle afflittive ed infamanti condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari di prima linea. Il loro silenzio sul tema offende e indigna»; le condizioni di vita degli agenti di polizia penitenziaria sono a tal punto insostenibili da aver indotto l amministrazione penitenziaria ad allestire una consulenza di psicologi che hanno aperto punti di ascolto; la situazione è da considerarsi ormai drammatica e l utilizzo della figura dello psicologo è un palliativo che non è in grado di rimuovere le cause del malessere; implementare l organico e quindi organizzare ragionevoli turni di lavoro risolverebbe il problema alla radice e renderebbe totalmente inutile il servizio di sostegno psicologico; ad avviso dell interrogante, per scongiurare questi gesti estremi occorre por mano seriamente al problema delle condizioni di lavoro in cui si vedono costretti ad operare gli agenti di polizia penitenziaria, problema risolvibile attraverso il rientro negli istituti di pena di tutti i distaccati presso il dipartimento amministrazione penitenziaria e il Ministero della giustizia e il significativo aumento dell organico che consenta ai dirigenti di organizzare turni di lavoro che non abbiano un carattere così afflittivo per il personale : se siano state avviate eventuali indagini amministrative al fine di verificare le cause che hanno indotto Tiziano Ramponi a togliersi la vita; se le autorità fossero a conoscenza del disagio psicologico dell agente di custodia e se fossero state avviate tutte le procedure di precauzione per prevenire l atto suicidale; se nel carcere al quale era assegnato l uomo sia mai stato istituito un punto di ascolto con la presenza di psicologi; se non intenda istituire con urgenza un tavolo di confronto sul disagio del personale appartenente alla polizia penitenziaria così come da tempo richiesto dal segretario della Uil-Pa penitenziari; cosa intenda fare per aumentare significativamente l organico degli agenti di polizia penitenziaria. ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia. Per sapere premesso che: sul quotidiano La Repubblica del 10 maggio 2010 è apparso un articolo intitolato: «Gli comunicano che è stato condannato a 30 anni, lui saluta gli amici e si impicca»; l articolo dà conto del suicidio di Vasiline Ivanov Kirilov, classe 1977, consumatosi all interno del quinto reparto del carcere milanese di San Vittore; l uomo ha strappato un lembo di un lenzuolo, ha stretto il nodo scorsoio, è andato nell antibagno e si è impiccato. Quando, alle 14.15, i suoi compagni e l agente di custodia hanno aperto la porta della cella, era già troppo tardi; è il venticinquesimo caso di suicidio avvenuto dentro le mura di un penitenziario dall inizio del Vasiline Kirilov era stato catturato due mesi fa dai carabinieri della compagnia Duomo, guidati dal maggiore Giovanni Pellegrino, che avevano eseguito un mandato di cattura internazionale spiccato da un tribunale spagnolo nel 2002, e diramato tramite l Interpol in 192 paesi, per omicidio e violenza sessuale: un delitto maturato negli ambienti gay di Castellon de la Plana, sulla costa valenciana, e commesso il 17 luglio di quell anno, allorquando Kirilov aveva rapinato e ucciso col complice Vassil Petrov il gestore di un chiosco nell appar-

3 Atti Parlamentari Camera dei Deputati tamento di quest ultimo, che aveva invitato a casa i due per una prestazione sessuale; a Milano, il giovane era arrivato cinque anni fa dopo essersi rifugiato in Perù: faceva il portinaio presso uno stabile di via Pecchio, a pochi passi da piazzale Loreto, dove lavorava con documenti falsi. Divorziato da tempo dalla ex moglie in Bulgaria, aveva casa a Cornaredo, con i genitori e la fidanzata peruviana. In questi due mesi Kirilov ha atteso l esito del processo, che per la legge spagnola non può essere celebrato nei confronti di un contumace. La sentenza è arrivata come una mazzata venerdì mattina; sulla vicenda la direttrice del carcere ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Siamo rimasti di stucco noi e gli altri detenuti. Era detenuto qui dal 6 marzo e da allora non aveva mai dato problemi né c era stato qualsiasi segnale che potesse far prevedere un suicidio. Il secondo, tengo a sottolinearlo, a San Vittore negli ultimi quattro anni, e qui passano settemila detenuti comuni ogni anno. Kirilov era stato visitato da uno psichiatra non più tardi del 3 maggio e il suo umore era parso normalissimo. Durante il colloquio, il padre gli ha detto che era stato condannato a trent anni. A breve sarebbe stato estradato. Eppure, anche con i suoi connazionali, il ragazzo non aveva dato segni di sconforto, diceva che avrebbe scontato quindici anni al massimo, era sereno. Noi i colloqui non li possiamo ascoltare. E se avessimo saputo della condanna ci saremmo attivati col sostegno degli psicologi. Nessuno ci ha detto nulla» : di quali informazioni il Ministro interrogato disponga circa i fatti riferiti in premessa; quali iniziative intenda intraprendere affinché siano accertate eventuali responsabilità della direzione del carcere milanese di San Vittore in ordine alla mancanza degli opportuni controlli che avrebbero potuto impedire il tragico suicidio; più in generale, quali provvedimenti urgenti il Governo intenda adottare, con riferimento alla triste piaga dei suicidi in carcere, al fine di garantire ai detenuti una non effimera attività di valutazione e trattamento, nonché i livelli essenziali di assistenza sanitario-psicologica previsti dalla legge; quali provvedimenti urgenti intenda adottare al fine di ricondurre le condizioni di detenzione vigenti all interno dell istituto penitenziario milanese conformi al dettato costituzionale e normativo. ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia. Per sapere premesso che: secondo quanto riportato dall agenzia di stampa AGI dell 8 maggio 2010, il comitato per la territorialità della pena, nato a Sassari a settembre dello scorso anno e presente in quasi tutto il territorio regionale, avrebbe raccolto in pochi mesi oltre firme in calce alla petizione con la quale si sollecita il rientro in Sardegna dei 225 detenuti sardi reclusi in istituti di pena della penisola; in base alla normativa attuale, il detenuto deve scontare la pena in strutture che non distino oltre 300 chilometri dal luogo di nascita o residenza, il che spesso non avviene, senza considerare che sono detenute lontano da casa anche persone ancora in attesa di giudizio; con la petizione il comitato per la territorialità della pena intende sollecitare la regione Sardegna ad applicare il protocollo firmato con il Ministero della giustizia e a pretendere il rispetto della territorialità della pena; la raccolta di firme, come ricordato da Rosa Foddai, portavoce del comitato,

4 Atti Parlamentari Camera dei Deputati ha preso spunto dal caso di Bruno Bellomonte, appartenente al movimento indipendentista «A Manca pro s indipendentzia» e detenuto a Catanzaro nell ambito dell inchiesta sulle nuove Br, il tutto senza che l uomo abbia ancora ricevuto un accusa specifica; il 12 gennaio 2010 la Camera dei deputati ha parzialmente approvato, su espresso parere favorevole del Governo, la mozione sulle carceri presentata dalla interrogante e sottoscritta da 93 deputati appartenenti a quasi tutte le forze politiche presenti in Parlamento; la mozione approvata prevede, tra l altro, alla lettera h), «la piena attuazione del principio della territorialità della pena previsto dall ordinamento penitenziario, in modo da poter esercitare al meglio tutte quelle attività di sostegno e trattamento del detenuto che richiedono relazioni stabili e assidue tra quest ultimo, i propri familiari e i servizi territoriali della regione di residenza» : quali provvedimenti intenda adottare al fine di dare immediata attuazione al protocollo firmato con la regione Sardegna relativamente al rispetto del principio della territorialità della pena; se ed entro quali termini intenda disporre il graduale rientro nelle carceri della Sardegna dei 225 detenuti sardi reclusi negli istituti di pena della penisola; se e quali urgenti provvedimenti il Governo intenda adottare, sollecitare e promuovere al fine di dare piena attuazione del principio della territorialità della pena previsto dall ordinamento penitenziario, in modo da poter esercitare al meglio tutte quelle attività di sostegno e trattamento del detenuto che richiedono relazioni stabili e assidue tra quest ultimo, i propri familiari e i servizi territoriali della regione di residenza, così come previsto dalla mozione n approvata dalla Camera dei deputati lo scorso 12 gennaio ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute. Per sapere premesso che: il 7 maggio 2010 è apparso un articolo su Il Messaggero Veneto intitolato: «Pordenone: sei detenuti in cella da 12 metri quadrati e senza acqua calda»; l articolo dà conto della drammatica situazione in cui versa la struttura penitenziaria di Pordenone composta da quattordici celle, sette al piano terra e sette al primo piano, che dovrebbero ospitare quattro detenuti al massimo, ma che in casi di sovraffollamento ne arrivano ad ospitare anche sei; nel carcere friulano, nei periodi in cui il sovraffollamento diventa ingestibile, i detenuti sono costretti a vivere ai limiti dell umanità, atteso che sei o sette persone sono costrette a vivere 24 ore su 24 in una stanza, con meno di due metri quadrati a testa e come evidenziato nella relazione del magistrato di sorveglianza Mariangela Cunial il lavandino che condividono le docce sono esterne non ha nemmeno l acqua calda; in casi di emergenza sovraffollamento anche gli spazi esistenti per altre attività vengono ridotti al minimo, al punto che la sala polivalente si è spesso trasformata in una cella di fortuna per una decina di persone, accogliendo di solito quanti vengono arrestati nella notte; secondo il magistrato di sorveglianza, la precarietà e la promiscuità in cui sono costretti a vivere le persone recluse nel carcere di Pordenone, rischiano di avere conseguenze sotto il profilo sanitario in quanto alcuni detenuti hanno malattie infettive tra le quali l Aids; nei giorni scorsi alcuni carcerati stranieri hanno avviato lo sciopero della fame per denunciare le condizioni di vita all interno della struttura : quali dati aggiornati siano a disposizione del Governo in relazione alla situazione evidenziata presso il carcere di Pordenone, con particolare riguardo al nu-

5 Atti Parlamentari Camera dei Deputati mero di detenuti effettivamente presenti nella struttura e al tasso di sovraffollamento in essa riscontrato; quali urgenti iniziative intenda assumere per garantire normali condizioni di vita ai detenuti ed agli operatori dell istituto penitenziario veneto; in particolare, entro quali tempi preveda che l istituto possa rientrare nella dimensione regolamentare dei posti previsti; quali iniziative intendano assumere, negli ambiti di rispettiva competenza, per garantire il diritto alla salute dei detenuti e, in particolare, per evitare la possibile trasmissione tra gli stessi di malattie infettive; cosa intenda fare per garantire ai detenuti l attività trattamentale, sia essa di studio e/o di formazione e lavoro, atta a preparare il futuro reinserimento sociale previsto dall articolo 27 della Costituzione; se il Governo non intenda assumere iniziative volte a destinare maggiori fondi e risorse al potenziamento delle misure alternative al carcere, anche attraverso la creazione di percorsi protetti di reinserimento sociale e lavori socialmente utili per tutti i condannati a pene inferiori ai tre anni di reclusione. ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia. Per sapere premesso che: l 8 maggio 2010 è apparso un articolo su Il Resto del Carlino intitolato: «Rinchiuso con le persone che ha fatto arrestare, picchiato a sangue»; l articolo dà conto della drammatica vicenda di un uomo inopinatamente rinchiuso nel carcere di Port Aurea insieme ad alcune persone che, grazie alle sue confessioni, erano state arrestate dalle Forze dell ordine; Sergio Frunza, questo il nome del detenuto, una volta trovatosi in cella con le persone da lui fatte arrestare, è stato minacciato di morte e poi preso a pugni e a calci. Il violento pestaggio è stato sedato dall intervento di alcuni detenuti e poi dall arrivo della polizia penitenziaria; dopodiché l uomo è stato curato nell infermeria dell ospedale; la violenza ai danni dell uomo è accaduta il 30 aprile 2010, ma solo il 6 maggio la vittima ha potuto raccontare alla madre e al suo avvocato quanto accadutogli; Sergio Frunza, 30enne, di nazionalità moldava, è stato arrestato poiché presunto complice di altri tre albanesi nel tentato furto di una Porsche Carrera avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 febbraio. Frunza secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino ha sempre sostenuto di non essere colpevole del furto, ma di essere stato assoldato dai tre albanesi per trasportarli da Ravenna a Borgo Montone dietro il pagamento di un compenso di 100 euro; subito dopo l arresto, il 30enne moldavo ha deciso di collaborare con il pubblico ministero, fornendo indicazioni utili per risalire agli altri colpevoli del tentato furto; i tre albanesi, leggendo l ordinanza di custodia cautelare, hanno quindi scoperto che il loro arresto era stato provocato dalle dichiarazioni del loro complice, sicché una volta tradotti in carcere e ristretti in cella insieme al signor Frunza, hanno colto al volo l occasione per regolare i conti con l uomo : se i fatti esposti in premessa corrispondano al vero; se non intenda adottare gli opportuni provvedimenti disciplinari nei confronti dei responsabili della direzione del carcere di Port Aurea, atteso che gli stessi hanno incautamente disposto che il detenuto Sergio Frunza fosse messo in cella insieme ai tre uomini di nazionalità albanese che lo stesso aveva fatto arrestare con le sue dichiarazioni, con ciò provocandone il pestaggio. ( )

6 Atti Parlamentari Camera dei Deputati e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute. Per sapere premesso che: l interrogante ha ricevuto in data 7 maggio 2010 la lettera a firma di F. P. proveniente dal carcere di San Vittore a Milano; nella lettera due detenuti che stanno portando avanti un iniziativa nonviolenta di sciopero della fame rappresentano la situazione di totale invivibilità del VI reparto del carcere milanese; nella missiva, indirizzata anche al Ministro della giustizia e al garante dei detenuti di Milano, è scritto: «noi che siamo appartenenti al VI reparto, IV piano ubicati nella cella 449, e così anche nei piani 1 o e 3 o dello stesso reparto siamo completamente in situazione di intollerata invivibilità, oppressionati dalla custodia che propina rapporti disciplinari a iosa sui quali neppure lo strumento che in teoria, dovrebbe essere garante per sentire, valutare i riscontri del rapportato (consiglio disciplinare) consente la verifica imparziale della discolpa del rapportato»; «in questo reparto in uno spazio di soli 10 metri quadri circa, siamo reclusi e obbligati a viverci in 6 persone, dormendo così divisi su due letti a castello a tre piani»; «I motivi dello sciopero di noi sottoscritti: F.P. e R.B sono: F.P.: venire al più presto trasferito in quanto non ha più nessun sostegno esterno (avendo tutta la famiglia deceduta) ed effettuato già il giudizio di 1 o grado, nel quale ha riportato la condanna ad anni 4 di reclusione, cosa che con l invivibilità che è costretto a sopportare, non è umanamente possibile proseguire la detenzione presso questo carcere. Inoltre faccio presente che tale situazione prima di entrare in sciopero è stata fatta presente alla vice direttrice di codesto carcere; R.B.: negligenza assoluta del direttore sanitario e dell ex medico di reparto (fortunatamente sostituito da una dottoressa sensibile ai nostri problemi, brava e professionale) nel riscontrare una forma di allergia, una assoluta mancanza di interessamento nel proseguire le visite e quindi approfondire tale allergia, allergia tra l altro alle vernici e già accertata fuori nei periodi di libertà; negligenza del medico nel rifiutare la visione di tutta la documentazione di tale allergia fornita dallo stesso detenuto, per giunta mandato (inutilmente) per due volte in ospedali esterni per visite riguardanti intolleranze alimentari che niente hanno a che vedere con le vernici, vera e unica causa di tale allergia; tale situazione il B. la fece presente alla Vice Direttrice, all ispettore di reparto, ai brigadieri e non per ultimo al Dirigente sanitario»; «Inoltre si legge ancora nella lettera mi preme fare assolutamente presente, anche per correttezza e solidarietà dei compagni detenuti, che allo stato di assoluta invivibilità di tutto il VI reparto corrisponde la totale vivibilità dei reparti III e V con celle nuove, muri rifatti, pavimenti a terra che non richiedono il bisogno (come da noi al VI) di stare a combattere la notte con gli scarafaggi (e mi scusi il termine); celle, sempre del III e V ove vi è l impianto elettrico a norma come richiede la legge n. 46 del 1990 e non come da noi, sempre al VI, dove l impianto manca della messa a terra (quindi pericolo di folgorazione di qualche detenuto in caso di mancato funzionamento dell impianto) e dove i fili sono giuntati con semplice nastro oramai vecchio e scotto invece dei normali cappucci chiamati forbox che sempre le normative della legge n. 46 del 1990 imporrebbero; inoltre, mancanza totale al VI reparto dell impianto d antenna, antenne che siamo costretti a fare artigianalmente con fili intrecciati o stagnola arrotolata attaccata con scotch adesivo sulla parte con la speranza di captare qualche segnale dei ripetitori esterni; impianto che, invece, al IIIeVèstato fatto a regola d arte così che si prendono tutti i canali, compresi i

7 Atti Parlamentari Camera dei Deputati digitali, quindi impianti certamente dotati di centralina. Parliamo poi dei bagni: nel nostro reparto (VI) abbiamo ancora bagni alla turca, molto sporchi e vecchi, per giunta non sifonati per cui, anche quando non si usano, esce una puzza con la quale ci tocca convivere; qui di docce ce ne sono solo 4 per turni di circa 70 persone in una sola ora; spesso e volentieri il piatto doccia si ottura e quindi si riempie e ci tocca fare la doccia con i piedi a mollo in acque sporche in cui è possibile prendere infezioni, funghi, altro. Nei reparti III e V, invece, il bagno è quello classico, la doccia è all interno di ogni cella e in alcune vi è perfino il bidet. Si prenda anche nota che sempre negli altri raggi III e V ogni 20/25 giorni viene effettuata in ogni cella la disinfestazione mentre qui nel nostro reparto non passa mai nessuno così che dobbiamo convivere, come scritto precedentemente, con scarafaggi e pidocchi, quest ultimo trovato proprio sul muro del bagno della nostra cella la 449 cella, tra l altro, sprovvista di porta del bagno e da circa tre settimane di un anta della finestra il che ci lascia in balia delle intemperie, dell umidità, nonché del facile ingresso di insetti e animali. Appuntati che istigano noi carcerati proprio per metterci alle corde fino al punto di rispondere e quindi prendere rapporti. Vi è anche un altro problema da non sottovalutare: quello che essendo celle da due ma essendo in sei, vi sono solo tre sgabelli, quindi quando tre sono seduti, tre devono stare in branda per poi darsi il cambio; bisogna fare i turni per mangiare o per scrivere ai nostri cari; per non parlare degli armadietti che per legge ne toccherebbe uno grande e uno piccolo a testa mentre noi come altre celle ne abbiamo in tutto 4 (per giunta rotti senza sportello) su 6 detenuti che siamo e, invece, al III e V i detenuti hanno un armadietto ciascuno e uno sgabello ciascuno. Non è un caso che, meritatamente, il VI reparto viene chiamato punitivo.»; la lettera prosegue: «un nostro concellaneo, tale P.T., nel cucinare con i fornelli da campeggio, si è rovesciato l acqua bollente sulla pancia già piena di altre cicatrici per interventi chirurgici subiti procurandosi delle grandi ustioni, ma quando il detenuto ha chiesto il permesso all appuntato di potersi recare al pronto soccorso, spiegandogli l incidente e facendogli vedere la pancia, il permesso gli è stato negato con queste parole dell appuntato non ci fa niente, torna in cella ; dopo due giorni, dopo aver macchiato t-shirt e lenzuola ha rappresentato il suo problema all ispettore di reparto che lo ha subito mandato al pronto soccorso dove gli è stata diagnosticata un ustione di 2 o grado con pelle ormai morta e infezioni alle piaghe già aperte; sempre lo stesso detenuto P.T. ha avuto giorni addietro un improvvisa emorragia da un neo situato nella coscia sinistra e dopo aver perso tanto sangue e quindi aver tamponato momentaneamente la fuoriuscita violenta del sangue si è recato al pronto soccorso dove il medico non lo ha voluto visitare dicendo all infermiera queste testuali parole ho dei figli a casa e voglio vederli crescere, neanche se il tale fosse affetto da HIV; quindi è stato solo pulito dal sangue asciutto e rimandato in cella dove, all improvviso, e davanti all appuntato si verifica un altra emorragia per cui viene ricondotto al pronto soccorso dove l infermiera gli mette un po di garza con il cerotto; senza approfondire più la cosa, oggi 30/4 il P.T. ha la gamba e la caviglia sinistra gonfia, tornato al pronto soccorso e trovando una dottoressa competente, è stato rimandato urgentemente a visita ecodoppler perché si pensa ad un inizio di trombosi» : se il Ministro della giustizia abbia ricevuto la lettera dei due detenuti di San Vittore riportata in premessa; se i fatti descritti nella lettera corrispondano al vero; nel caso in cui corrispondano al vero, cosa si intenda fare: a) per riportare alla capienza regolamentare la VI sezione del carcere di San Vittore; b) per dotare di impianti di sicurezza le celle;

8 Atti Parlamentari Camera dei Deputati c) per ripristinare l igiene totalmente carente; per assicurare un minimo di manutenzione delle strutture totalmente fatiscenti delle celle e per dotarle degli arredi necessari; d) per assicurare la necessaria e costante disinfestazione delle celle; e) per assicurare la necessaria assistenza sanitaria, dovuta ad ogni cittadino secondo l articolo 32, primo comma della nostra Costituzione; se si intenda avviare un indagine interna all istituto e in particolare nella VI sezione per appurare che non ci siano stati comportamenti vessatori del personale nei confronti dei detenuti e se sia possibile ravvisare responsabilità del personale in merito alla mancata assistenza del detenuto che a seguito di incidente ha riportato gravi ustioni e che ha perso molto sangue a seguito di un emorragia da un neo. ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute. Per sapere premesso che: secondo quanto riportato dall agenzia di stampa APCOM del 14 maggio 2010, sarebbero divenute critiche le condizioni di salute di Angela Strangio, 30 anni, sorella del boss della ndrangheta Giovanni Strangio, considerato autore della strage di Ferragosto avvenuta a Duisburg, in Germania; Angela Strangio sta portando avanti dal 13 febbraio 2010 lo sciopero della fame e, da sabato 15 maggio, anche quello della sete, e poiché recentemente il suo quadro clinico si è notevolmente deteriorato, è stata trasferita dalla sezione di alta sicurezza del carcere di Latina all ospedale Goretti; secondo il Garante dei detenuti della regione Lazio, Angela Strangio è ancora lucida, ma la sua decisione di proseguire lo sciopero della fame e della sete sta esponendo a rischio concreto di danni irreparabili i suoi organi vitali. In tre mesi la donna ha già perso 13 chili, eppure fin quando la detenuta sarà considerata capace di intendere e di volere, non sarà possibile, per i medici, praticare un trattamento sanitario obbligatorio con l alimentazione forzata : se il Governo disponga di elementi circa le modalità con le quali, dal momento in cui ha intrapreso lo sciopero della fame, Angela Strangio sia stata seguita dal punto di vista fisico e psicologico; se, con l aggravarsi delle condizioni fisiche, risulti che sia stato prestato alla detenuta il soccorso necessario e adeguato alla gravità del quadro clinico. ( ) e ZAMPARUTTI. Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute. Per sapere premesso che: secondo quanto riportato dall agenzia di stampa APCOM del 13 maggio 2010, un ragazzo di 37 anni, Antonino Caruso, detenuto nel carcere di Messina e affetto da «gravissime ed altamente invalidanti patologie da molto tempo», rischia di morire se non sarà trasferito in un ospedale e sottoposto «quanto prima possibile ad intervento chirurgico specialistico»; a rendere nota la vicenda è stato il legale del detenuto, Giuseppe Lipera, che ha immediatamente presentato un istanza per il ricovero urgente del giovane in ospedale; Antonino Caruso, originario di Belpasso, nel catanese, avrebbe già segnalato più volte, tramite il suo legale, sia al carcere che alla magistratura competente, la sua drammatica situazione clinica, che nell ultimo periodo è andata vieppiù peggiorando, al punto che il 10 maggio 2010 è stata redatta una consulenza chirurgica da uno specialista in chirurgia generale e vascolare nella quale viene suggerito «il ricovero urgente del detenuto presso una

9 Atti Parlamentari Camera dei Deputati struttura ospedaliera dove si pratica chirurgia laparoscopica avanzata, in modo che lo stesso possa essere sottoposto quanto prima ad intervento chirurgico specialistico»; il legale dell uomo ha chiesto quindi l immediato ricovero del suo assistito spiegando che una sua ulteriore permanenza in carcere «porterebbe con sé una paventata responsabilità morale, giuridica e soprattutto umana degli organi competenti» : di quali informazioni i Ministri interrogati dispongano in ordine ai fatti esposti in premessa; se i Ministri interrogati non intendano avviare, negli ambiti di rispettiva competenza, una indagine amministrativa interna al fine di appurare se nel caso di specie siano state (e siano tuttora) garantite al detenuto in modo tempestivo ed adeguato le cure e l assistenza che il suo stato di salute richiede e quindi se non vi siano responsabilità di omessa vigilanza e cura da parte del personale medico e/o amministrativo; quali urgenti iniziative di competenza intendano intraprendere affinché al detenuto in questione venga garantito il diritto alla salute e più in generale, quali provvedimenti urgenti il Governo intenda adottare al fine di garantire ai detenuti i livelli essenziali di assistenza sanitaria all interno degli istituti di pena; se ed in che misura sia stato completato il trasferimento delle risorse, del personale e delle strutture sanitarie dal Ministero della giustizia al servizio sanitario nazionale e, quindi, alle regioni, così come previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1 o aprile ( ) * * * INFRASTRUTTURE E TRASPORTI Interrogazione a risposta in Commissione: VANNUCCI. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Per sapere premesso che: il traffico sulla Pedemontana delle Marche è da mesi interrotto a causa dei lavori che si sono resi necessari per il risanamento del ponte di Lunano in provincia di Pesaro e Urbino; per permettere l esecuzione dei lavori il consistente traffico è stato deviato lungo le strade comunali dei municipi di Piandimeleto e Lunano creando forti disagi, stato di pericolosità e degrado delle strade medesime; il tempo trascorso per la riapertura del tratto sembra eccessivo; non risultano al momento provvedimenti di indennizzo a favore dei comuni di Piandimeleto e Lunano per il dissesto che è stato prodotto alla viabilità comunale o per il ripristino da parte di Anas delle condizioni viarie preesistenti alla deviazione di traffico; le strade utilizzate servono importanti zone industriali ed i comuni in questione, per la loro limitata dimensione, nel caso non intervenisse come appare giusto Anas, non avrebbero le risorse necessarie per eseguire i lavori di ripristino e le zone industriali in questione rimarrebbero con una viabilità inadeguata e pericolosa; la vicenda rischia di aprire uno spiacevole contenzioso : se il Ministro sia informato della situazione e se sia in grado di fornire notizie certe sulla riapertura al traffico del tratto interessato e se ritenga di intervenire su Anas esercitando i propri poteri di indirizzo e controllo affinché il concessionario provveda nelle forme che verranno giudicate più opportune all equo indennizzo a favore dei comuni di Piandimeleto e Lunano evitando ogni contenzioso. ( ) * * *

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia)

Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Carcere: uno spazio per la persona. Da un carcere virtuale a un carcere reale Mauro Gatti (Psicologo Penitenziario, Civitavecchia) Il recente volume Carcere: uno spazio per la persona (Roma, Las), a cura

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni

CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni COMUNICATO STAMPA 7 ottobre 2011 CARCERI UIL : Sollicciano infestata dalle zecche dei piccioni Speriamo vivamente che le competenti autorità del Provveditorato e del Dipartimento, nonché le autorità sanitarie

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli