elle Affettività Socialità Ambiente emozioni libri lettori educazioni Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "elle Affettività Socialità Ambiente emozioni libri lettori educazioni Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni"

Transcript

1 elle Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni emozioni libri lettori educazioni Affettività Socialità Ambiente 1B

2

3 internet: Proprietà letteraria riservata 2007 De Agostini Scuola SpA Novara 1ª edizione: gennaio 2007 Printed in Italy Le fotografie di questo volume sono state fornite da: Corbis, Foto De Agostini Editore Picture Library, ICP-online. In copertina: Kelly Williams/Gettyimages/Laura Ronchi. Henri Matisse, Le tre sorelle, 1917, Parigi, Musée de l Orangerie, Lessing/Contrasto. Piter Boel, Volpe, XVII secolo, Roubaix, Musée d Art et d Industrie, Lessing/Contrasto. L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o effetto promozionale verso i lettori. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in alcuna forma senza l autorizzazione scritta dell Editore. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941, n Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO Via delle Erbe, Milano Eventuali segnalazioni di errori o refusi e richieste di chiarimenti sulle scelte operate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate all indirizzo di posta elettronica della redazione. Stampa: Luinostamp Germignaga (VA) Edizione: II III IV V VI VII VIII Anno:

4 Come è fatta la tua antologia I volumi B L accoglienza Le pagine all inizio del volume ti aiuteranno a conoscere, attraverso alcune attività individuali e di gruppo, la tua nuova scuola e i tuoi nuovi compagni e a capire quali sono le tue aspettative per il futuro, i tuoi punti di forza e di debolezza. Ogni volume comprende due sezioni. Educazioni La sezione dedicata alle Educazioni è costituita da tre progetti distinti, segnalati da colori differenti nell angolo alto delle pagine: Progetto affettività Progetto socialità Progetto ambiente In queste pagine, accanto ai brani tratti da opere letterarie e dalla letteratura per ragazzi, vengono proposti articoli di giornali e riviste, poesie e testi di canzoni; il lavoro sui brani ti aiuterà a riflettere sulle questioni e sui problemi che affronti nella tua esperienza quotidiana e ti porterà a discutere e a confrontarti con i tuoi compagni. V Linguaggi La sezione dedicata ai Linguaggi, contraddistinta dal colore arancione nell angolo alto delle pagine, ti guiderà nell analisi tecnica dei linguaggi non letterari: il fumetto, il cinema, il giornale, la televisione e la pubblicità.

5 PRIMA DELLA LETTURA Le Unità di Apprendimento (UdA) scandiscono il tuo percorso di formazione Le UdA si aprono con una doppia pagina in cui trovi l elenco delle cose che potrai imparare a fare studiando (Obiettivi formativi) e una grande immagine che ti aiuterà a entrare in sintonia con i testi che leggerai. Un breve testo, seguito da alcune domande, spiega i contenuti dell UdA (Prima di incominciare) e ti fornisce un aiuto per precisare quanto già conosci sull argomento che stai per studiare. e si chiudono con un attività che ti permetterà di applicare in concreto le conoscenze e le abilità acquisite nel corso del lavoro sull UdA (Mettiamoci al lavoro). Le Unità di Lavoro (UdL) sono l unità di misura del tuo studio Nella pagina di apertura di ogni UdL trovi un testo introduttivo e, a fondo pagina, l indice dei brani di lettura. Potrai esercitare e migliorare le tue capacità di lettura silenziosa, di ascolto e di lettura ad alta voce con la prima lettura di ogni UdL. Sono scritte con un carattere più grande, possono essere ascoltate dal DVD dell insegnante e sono scaricabili in formato MP3. Le informazioni necessarie per ben comprendere il significato del brano sono contenute nelle istruzioni che lo precedono (Prima di leggere è bene sapere che. Leggendo fai attenzione a ). VI

6 DURANTE E OLTRE LA LETTURA Nel corso della lettura le note ti spiegheranno il significato delle parole meno consuete, imparandolo potrai migliorare le tue capacità espressive e arricchire il tuo vocabolario personale. Le pagine con il bordo grigio e la scritta Dossier contengono gli strumenti tecnici per analizzare e riconoscere le caratteristiche del testo regolativo. Queste pagine ti permetteranno di approfondire e inquadrare le informazioni ricavate durante lo svolgimento degli esercizi che seguono ciascuno dei brani dell antologia. Al termine di ogni brano l insegnante ti indicherà gli esercizi che dovrai fare per dimostrare di aver compreso il significato del testo e quelli che, partendo dai contenuti del testo stesso, ti consentiranno di esercitare le tue capacità critiche, di riflettere sul tuo comportamento e raccontare le tue emozioni di lettore. Dal leggere al... RICORDARE GIOCARE RICERCARE FARE OSSERVARE SCRIVERE RIFLETTERE Le pagine azzurre sono il tuo laboratorio, l officina dove puoi applicare quanto hai appreso per svolgere ricerche, progettare iniziative, costruire oggetti che ti aiutino a riflettere, insieme ai tuoi compagni, su te stesso, sulla tua famiglia e i tuoi amici e sul mondo che ti circonda. VII

7 OLTRE LA LETTURA Dalla lettura di un brano o di un opera letteraria possono nascere suggestioni e stimoli ad approfondire un tema o un argomento anche in campi e discipline diversi dalla letteratura; potrai farlo attraverso una serie di rubriche: Approfondimenti Flash Cinema Flash Scienza I libri nel libro Le pagine SegnalaLibro sono un suggerimento per costruire e arricchire la tua biblioteca personale. Nella doppia pagina trovi: notizie sull autore notizie sull opera una pagina di assaggio un commento. VIII Buone letture! e buono stu-

8 Accoglienza L inizio di un lungo viaggio 1 Educazioni Progetto affettività INDICE UdA 1 In famiglia 16 UdL 1.1 Genitori e figli 18 Prima lettura Elena Rosci, Simona Rivolta, Uno spazio solo per me 19 Jerry Spinelli, Non voglio pulire la mia stanza! 22 Myron Levoy, Una decisione difficile 29 Astrid Lindgren, Melker e i suoi figli 34 Camillo Sbarbaro, Al padre 37 Giorgio Caproni, Per lei 39 Dal leggere al... RICORDARE Un ricordo dell infanzia 41 UdL 1.2 Fratelli e sorelle 42 Prima lettura Jerry Spinelli, Voi due andavate d accordo 43 Approfondimento Affrontare la rabbia 46 Quino, Mafalda e Nando 48 Ian McEwan, Un incarico delicato 49 Natalia Ginzburg, Basta una parola 53 Dal leggere al... FARE Il fratello o la sorella ideale 56 Mettiamoci al lavoro Album di famiglia 57 Progetto socialità UdA 2 Stare con gli altri 60 UdL 2.1 Da soli e in gruppo 62 Prima lettura Ian McEwan, Peter il sognatore 63 Videogame a rischio 66 Antonello Venditti, Buona domenica 68 Elvira Lindo, La banda dei Piedi Sporchi 70 Niccolò Ammaniti, Una gara 75 Myron Levoy, Una partita di baseball 79 Dal leggere al... RIFLETTERE Riflettere su se stessi 83 IX

9 Indice UdL 2.2 Vittime e bulli 84 Prima lettura Stefano Benni, Lo spiolo Il gorilla Vaichesei 85 Ian McEwan, Il prepotente 88 Bill Watterson, Calvin e Hobbes 97 Flash cinema Jimmy Grimble 99 Elvira Lindo, Capitan Merluzzo 100 Il silenzio dei colpevoli 104 Dal leggere allo... SCRIVERE Lettera al bullo 109 UdL 2.3 A scuola 110 Prima lettura Danilo Dolci, Ciascuno cresce solo se sognato 111 Gibran Khalil Gibran, Nessuno può insegnarvi nulla 112 Stefano Bordiglioni, Strani studenti 114 Mark Twain, Amore in classe 117 Judith Kerr, Scuola nuova, regole nuove 122 Dal leggere al... GIOCARE C è gioco e gioco 127 Mettiamoci al lavoro Il regolamento di classe 129 Progetto ambiente DOSSIER Il testo regolativo 133 UdA 3 Gli animali 138 UdL 3.1 Gli animali e noi 140 Prima lettura Antonio Gramsci, Ricordi della volpe 141 Astrid Lindgren, Pelle e il coniglio 144 Cesare Della Pietà, Ecco i pipistrelli, ombre nella notte 147 Segna la libro Gerald Durrell, La mia famiglia e altri animali 150 Isaac Bashevis Singer, Zlateh, la capra 152 Konrad Lorenz, Lo sciacallo si addomestica 159 Flash scienza L etologia 162 Dal leggere all... OSSERVARE Animali accanto a noi 163 X

10 Indice UdL 3.2 Animali a rischio 164 ANIMALI IN PERICOLO Prima lettura Patricia Highsmith, Ballerina 165 Approfondimento Polemiche sugli zoo 170 Italo Calvino, Il coniglio velenoso 171 Toni Mira, Una giornata da guardacaccia 176 Segna la libro DUE STORIE A LIETO FINE Daniel Pennac, Salvo! 179 Eugenio Montale, Il rondone 182 Jack London, Zanna bianca 184 Dal leggere al... RICERCARE Specie in via di estinzione 188 Mettiamoci al lavoro Pubblicità progresso 190 Linguaggi UdA 4 Il fumetto 192 UdL 4.1 Il linguaggio dei fumetti Parole Immagini Generi 205 Approfondimento I manga 214 Discussione e riflessione 216 UdA 5 Il cinema 218 UdL 5.1 Il linguaggio del cinema Prima delle riprese Le riprese Dopo le riprese I generi 237 Discussione e riflessione 241 XI

11 Educazioni Progetto affettività 1 UdA In famiglia In famiglia si stabiliscono le prime relazioni significative della vita, le prime emozioni e i primi affetti. La famiglia è un piccola società, e in essa si instaurano di solito anche le prime relazioni sociali. Obiettivi formativi Leggere testi narrativi, fumetti, poesie che affrontano le tematiche della conoscenza di sé e della ricerca della propria identità attraverso le relazioni con gli altri Riflettere sui cambiamenti che avvengono nel tuo modo di pensare e nei tuoi comportamenti in famiglia Riflettere sugli atteggiamenti che facilitano una corretta comunicazione con le persone a te più vicine

12 Durante l adolescenza (e spesso anche nella fase che viene chiamata preadolescenza, tra gli undici e i tredici anni), sembra che i rapporti tra genitori e figli diventino più difficili: i ragazzi e le ragazze crescono, incominciano a porsi delle domande su se stessi e a confrontarsi in maniera critica con i propri genitori e spesso anche con i fratelli e le sorelle. A loro volta, i genitori sono in difficoltà, sembrano non capire più le esigenze dei figli, sono costretti a rimettere in discussione la loro autorità e il loro ruolo. Queste difficoltà rappresentano una fase naturale nel processo di crescita: attraverso il confronto con l ambiente familiare si rafforza la propria identità di individui, si impara a diventare uomini e donne, si diventa capaci di stabilire con gli altri dei rapporti adulti, e non più infantili. L importante è che le difficoltà non si risolvano sempre e solo in uno scontro, ma diventino l occasione per un dialogo, per un confronto basato sull ascolto e sul rispetto reciproco. Pensa a quello che succede nella tua famiglia e rispondi alle seguenti domande. 1. Ti capita di discutere con mamma e papà? 2. Se sì, quali sono i motivi più ricorrenti di queste discussioni? Mi trattano come un bambino piccolo Voglio rimanere fuori casa più a lungo e loro me lo impediscono Non siamo d accordo sui vestiti da acquistare Litigo spesso con mia sorella o con mio fratello, che sono minori di me, e loro sgridano sempre me, perché dicono che sono grande Mi sgridano sempre perché non riordino la mia camera Continuano a farmi domande e io non ho voglia di confidarmi con loro, preferisco parlare con i miei amici Altro (aggiungi tu)... Altro (aggiungi tu)... Sì No 3. Quali sono i principali motivi di disaccordo con i tuoi fratelli e le tue sorelle (se ne hai)? Su che cosa siete di solito d accordo? Confronta le tue risposte con quelle dei compagni; poi riflettete insieme su ciò che rappresenta per voi la vostra famiglia e sui rapporti che avete stabilito al suo interno.

13 UdA 1 In famiglia UdL 1.1 Genitori e figli Essere figli, durante l adolescenza, può risultare davvero difficile. I ragazzi e le ragazze cambiano, sia nell aspetto fisico sia nel modo di pensare; i genitori sembrano non capire questi cambiamenti e si scontrano con le ribellioni dei figli. Eppure il rapporto sembrava così bello! Fino a qualche mese prima, i genitori rappresentavano un mito, per i figli! Poi, all improvviso, qualcosa è cambiato: i figli hanno incominciato a mettere in discussione le regole che prima avevano accettato senza problemi, a esprimere giudizi diversi rispetto ai genitori, ad avere qualche segreto da cui i genitori sono esclusi. E i genitori fanno fatica ad accettare questa nuova autonomia. Nelle pagine seguenti, proviamo a riflettere su queste difficoltà e sui nuovi rapporti che, con l arrivo dell adolescenza, si instaurano all interno della famiglia. (da B. Watterson, Calvin e Hobbes, in Linus, XXIX, agosto 1993) Nella prima parte scopriremo che le difficoltà non devono necessariamente risolversi in un conflitto, ma possono essere affrontate con spirito di collaborazione. Nella seconda parte scopriremo che dietro alle discussioni e alle incomprensioni si nasconde l amore di sempre, che sta solo assumendo un nuovo volto. Elena Rosci, Simona Rivolta, Uno spazio solo per me, p. 19 Jerry Spinelli, Non voglio pulire la mia stanza, p. 22 Myron Levoy, Una decisione difficile, p. 29 Astrid Lindgren, Melker e i suoi figli, p. 34 Camillo Sbarbaro, Al padre, p. 37 Giorgio Caproni, Per lei, p. 39

14 UdL 1.1 Genitori e figli Elena Rosci, Simona Rivolta Uno spazio solo per me PRIMA LETTURA Puoi ascoltare la lettura di questo brano Prima di leggere, è bene sapere che Per iniziare il nostro lavoro, ti proponiamo di leggere un dialogo. Gli interlocutori sono un adolescente (Luca) e una psicologa (Rita B.) che lavora nei servizi psicopedagogici presenti in alcune scuole medie; questa specialista aiuta i ragazzi ad affrontare i problemi tipici della loro età. Leggendo fai attenzione a i motivi di disaccordo tra Luca e i suoi genitori. Luca si accorge che i rapporti con i suoi familiari stanno cambiando e vuole capirne di più. LUCA «In questi ultimi tempi ho sentito alla televisione che aumenta il numero dei ragazzi che non vanno d accordo con i loro genitori. Ho paura che succeda anche a me.» RITA B. «Come mai?» LUCA «Non saprei cosa rispondere.» RITA B. «Ma l argomento l hai scelto tu.» LUCA «Da un po di tempo sono cambiato. Prima avevo sempre voglia di giocare, ero un bambino. Adesso ho compiuto quattordici anni il mese scorso e sono un ragazzo, sono diventato più complicato.» RITA B. «Cosa è cambiato?» LUCA «Tutto e niente. La mia vita è sempre quella, la casa, i miei genitori, mia sorella Sofia, la scuola, le partite a pallavolo, la mia passione per l Inter. Se uno mi vedesse direbbe Guardalo lì il Luca, fa sempre le stesse cose. E invece io sono diverso. Ai miei genitori sono affezionato, ma quello che prima facevamo insieme adesso mi annoia. A stare con loro mi stufo. Non glielo dico chiaro e tondo perché sono persone anziane. A me dispiace che le cose siano cambiate e cerco di non darlo a vedere, ma se andiamo da qualche parte insieme mi sembra di essere un povero sfortunato.» RITA B. «Quanti anni hanno i tuoi genitori?» 19

15 UdA 1 In famiglia LUCA «Quarantacinque. Mia sorella Sofia ha due anni meno di me. Fino all anno scorso mi faceva compagnia nei giochi, nelle cose, io ero contento di essere il più grande e che lei mi venisse dietro. Ma adesso non la reggo più. Lei poveretta è buona ma è una pizza, sempre fra i piedi. Io non me la voglio portare in giro e allora i miei mi dicono Perché fai così con la Sofia, che ti ammira tanto?. Appunto, dico io, preferirei che si facesse i fatti suoi. E loro mi guardano stupiti, come per dire Mah!. D altra parte la situazione è tutta assurda, ma se la porto fuori con me non mi sento libero e mi pento lo stesso. Insomma non so da che parte girarmi. Cosa mi sta succedendo?» RITA B.«Alla tua età succede di aver voglia di starsene un po per conto proprio, di fare delle nuove conoscenze, al di fuori della sfera familiare. È importante guardarsi attorno, cominciare a essere a poco a poco indipendenti. D altra parte tu sai che il tuo futuro, l amore, il lavoro si realizzeranno fuori dalla tua famiglia. Quello che tu mi hai descritto sono solo i primi passi in questa direzione, mi sembra che vada tutto bene.» LUCA «E i miei genitori e la Sofia non rimarranno troppo male se capiscono che preferisco stare un po da solo con i miei amici?» RITA B.«Credo di no, e comunque mi sembra inevitabile che tu stia un po alla larga, ogni tanto.» (E. Rosci, S. Rivolta, Io tu tutti, Archimede) 20

16 UdL 1.1 Genitori e figli 1. Luca ha chiesto un incontro con la psicologa della scuola: perché? 2. Sottolinea nel testo i motivi di disaccordo che rendono difficili i rapporti tra Luca e i suoi genitori; poi sottolinea la risposta della psicologa. Infine sintetizza i due punti di vista con parole tue, in una tabella simile a quella qui sotto. Motivi di disaccordo tra Luca e i suoi genitori Risposta della psicologa RIFLETTERE e discutere 3. Luca afferma di sentirsi diverso, di essere diventato «più complicato» rispetto a quando era un bambino: secondo te, quali sono i motivi di questo cambiamento? ADESSO tocca a te 4. Racconta un episodio della tua vita recente nel quale tu e i tuoi genitori vi siete trovati in disaccordo e uno nel quale vi siete trovati d accordo su una decisione da prendere. 21

17 UdA 1 In famiglia Jerry Spinelli Non voglio pulire la mia stanza! Prima di leggere, è bene sapere che Gregory e Megin sono fratello e sorella, molto diversi l uno dall altra e sempre in guerra fra loro: Megin (che racconta la storia in prima persona) è disordinata, mentre il fratello è un fanatico della pulizia e dell ordine. Un giorno Megin gli fa un grosso dispetto e il papà deve intervenire. Leggendo fai attenzione a perché all inizio Megin non obbedisce al papà; chi e che cosa convince Megin a pulire la sua stanza. 1 Fossetta: il soprannome con cui il papà chiama Megin. 2 chiama la disinfestazione: chiama coloro che disinfestano la casa, la liberano dagli scarafaggi. 3 Greg: abbreviazione di Gregory. «Papà, non è colpa mia.» «Non ho detto che lo fosse.» «E allora perché mi punisci?» «Non ti sto punendo.» «Però mi fai pulire la mia stanza.» «E la chiami una punizione?» «E tu che ne sai? Tu non ne pulisci mai una. La tua la pulisce mamma.» «Be, quando ti sposerai, farai fare le pulizie a tuo marito. Per ora tocca a te.» C era sotto qualcosa qualcosa che non voleva dirmi. «Papà, lo scarafaggio è in camera sua, non nella mia.» «Lo so, ma non è così semplice.» «Credi che sia stata io a mettercelo, vero? Allora gli hai creduto.» «Non ho detto questo.» «Tu non mi credi mai. Mi dai sempre contro.» Tirò il fiato. Mi mise una mano su un ginocchio e mi diede una pacca. «Fossetta 1, tesoro, io non do contro nessuno. È solo che Gregory dorme in salotto già da tre notti.» «E allora?» «Allora, mi secca. Non va bene. Ha una stanza. Dovrebbe dormire lì.» «E tu faccelo dormire.» «Non è tanto semplice. Ha il terrore degli scarafaggi.» «Chiama la disinfestazione 2.» «Anche lì, non è così semplice.» Dal suo mezzo sorriso, da come mi guardava, capii che si stava avvicinando al nocciolo del problema. «Perché non è tanto semplice?» chiesi. «Be, perché Greg 3 ritiene che una disinfestazione non basti. Va 22

18 UdL 1.1 Genitori e figli bene chiamarla, ma prima dovremmo fare in modo che tutte le stanze siano il più pulite possibile.» «Ah, perfetto. Allora adesso è lui che dà gli ordini, eh? Lui dice a te di dire a me di pulire la mia stanza. Cosa sei, il suo schiavo? Credevo che fossi tu il capofamiglia.» «Tesoro» piagnucolò «perché tante storie? Non ti chiedo mica di suicidarti. Ti chiedo soltanto di pulire la tua stanza.» «Non è questo il punto.» «E quale sarebbe?» «Il punto è che mi condanni per qualcosa che non ho fatto. Mi stai incastrando.» Scoppiò a ridere. «Prima di tutto, non ti condanno. Secondo senti, Fossetta fallo per me, va bene? Un favore al tuo vecchio papà. D accordo?» Così, giusto perché era un favore, pulii la mia stanza. Quando ebbi finito, andai da lui. «Va bene, l ho fatto.» Mi guardò come se non capisse di che parlavo. «Fatto cosa?» «La mia stanza. Mi hai detto di pulirla.» Guardò l orologio. «Te l ho detto cinque minuti fa. Hai finito?» «Vieni a vedere.» Venne, vide e rise. Gli chiesi perché ridesse. Mi diede un buffetto su una guancia. «Stai diventando proprio una piccola attrice, Fossetta. Per un momento ci sono cascato.» Si allontanò ridendo. «Adesso che cosa farai?» gli gridai dietro. «Andrai a farti due risate con Grosso?» Infilai un piede sotto il letto e tirai fuori a calci tutta la roba che ci avevo ficcato sotto. 23

19 UdA 1 In famiglia 4 Emilie: è una signora di ottantanove anni che vive in una casa di riposo e ama le ciambelle francesi. Megin quando va a trovarla gliene porta sempre una; in camera Megin ha una sua foto che la raffigura da ragazzina mentre tiene un leprotto per le orecchie. 5 lacrosse: uno sport simile all hockey su ghiaccio. 6 Toddie: il fratellino più piccolo. Quella sera cenai in due minuti e mi alzai annunciando che sarei andata in pasticceria. «Non credo» disse mio padre. «Cosa?» strillai. «Perché no?» «La tua stanza.» «E allora?» «Lo sai benissimo.» «Ma l ho pulita. L hai visto.» «Avrai anche fatto qualcosa, ma non credo si possa definirlo pulire.» Mi rivolsi a mia madre. «Mamma, posso andare?» Tagliò un broccolo a metà con la forchetta. «Hai sentito tuo padre.» «Ma devo andare in pasticceria. Devo.» (Era una settimana che non portavo una ciambella a Emilie 4.) Gli occhi cominciarono a bruciarmi. «Così. Non posso andare.» Afferrai un biscotto. «Non posso andare perché lui» puntai un dito contro Grosso «dice che devo pulire la mia stanza. Lui dice.» Gli scagliai contro il biscotto e uscii sbattendo la porta. Dietro di me sentii rumore di vetri rotti e mia madre che urlava e Toddie che rideva e sedie che cadevano e mio padre che tratteneva Grosso. Quella sera nessuno mi disturbò. [ ] Quando tornai da lacrosse 5, il giorno dopo, notai che Toddie 6 continuava a fissarmi con uno stupido sorrisetto. Ben presto scoprii perché. In camera mia trovai una scopa e un sacco di plastica. Su ciascuno c era un cartello con una scritta azzurra: SCOPA e SAC- CO DEI RIFIUTI. «Avrei pulito la mia camera stasera» urlai a tutta la casa dalla soglia della mia stanza «ma adesso non lo faccio di sicuro!». Gettai fuori scopa e sacco, sbattendo la porta. Mi chiamarono solo una volta, all ora di cena. Sapevano che non era il caso d insistere. Toddie salì con un vassoio. Bussò alla porta e lo lasciò lì fuori. Lo sentii tornare giù di corsa. Più tardi mi parve di sentire discutere Grosso e mio padre. Grosso dormì di nuovo in salotto. La sera dopo, cenai con loro. Nessuno aprì bocca. Non c erano biscotti, a tavola. Quand ebbi finito e mi alzai per andarmene, mio padre disse: «Stasera, Megin. Adesso.» «Devo fare i compiti.» «Possono aspettare.» «Vuoi farmi prendere un votaccio?» «Vai a pulire la tua stanza. Adesso.» Non sorrideva. Non so per quanto tempo rimasi in camera, seduta sul letto. La porta si aprì. Era mia madre, stranamente. «Posso entrare?» chiese. 24

20 UdL 1.1 Genitori e figli «Nessuno te lo impedisce.» Mentre veniva verso di me, qualcosa scrocchiò sotto il suo piede. Trasalì, ma senza fermarsi. Si sedette sul letto. Si mise le mani in grembo e con lo sguardo ispezionò la stanza come se fosse un luogo sconosciuto, il che era quasi vero. Vide la foto di Emilie. «Chi è quella?» «Una mia amica.» «Ah. Sembra una foto vecchia.» «E allora?» «Posso guardarla?» «Siamo in un paese libero.» La prese come se fosse una bolla di sapone. Ne sembrava affascinata. «È una ragazza, vero?» «Cosa credevi che fosse?» «Lì per lì m era sembrato un maschio.» La cosa mi diede fastidio. «Perché?» «Non saprei. I capelli corti. Il cappello.» Scosse la testa. «Che foto. È autentica?» «No, è finta. Da un momento all altro potrebbe sparire.» «Voglio dire, è stata fatta apposta? Indossa un costume? È un coniglio vero?» «Certo che è un coniglio vero. Anzi, è una lepre.» Mi guardò, sbalordita. «Davvero?» «L ha presa a mani nude. Correndo. Nel Nord Dakota.» Continuò a fissare la foto, sbigottita. La rimise a posto senza toglierle gli occhi di dosso. «Io, ehm, ho pensato che forse avresti gradito un po d aiuto» disse alla fine. «Per che cosa?» «La tua stanza. Pulirla.» Non aveva senso. «Perché vorresti farlo?» Con la punta di una scarpa sollevò un calzino sudaticcio e lo fece dondolare a mezz aria. «Oh, non saprei. Pensavo che forse stavi passando un brutto momento.» Mi guardò. Dritto negli occhi. Non riuscivo a ricordarmi l ultima volta che mia madre mi avesse guardato in quel modo. «Ti farebbe comodo una mano, vero?» Tutt a un tratto, pazzesco, stavo piangendo. E dicendo: «Ci ho provato un paio di volte ho cominciato ma non riuscivo non riuscivo» Mi mise una mano sul ginocchio. «Non riuscivi a finire.» 25

21 UdA 1 In famiglia «No.» «Avresti voluto.» «Sì.» «Ma non ci riuscivi.» «No!» Ululai ancora più forte. Mi lasciò fare per un po, sempre accarezzandomi il ginocchio. Poi disse: «Sai cosa?» «Cosa?» «Hai la puliscifobia.» «Che cos è?» «Paura di pulire la tua stanza.» Caspita, adesso stavo ridendo, anche se non avevo ancora smesso di piangere. Cosa stava succedendo? Perché mi stava facendo questo? «Ti dirò una cosa» sussurrò. «Anch io una volta avevo la puliscifobia.» «Davvero?» «Davvero. Odiavo pulire la mia stanza. Forse non era proprio odio, però non potevo. Non sapevo come fare. Avevo un blocco mentale, credo.» «Probabilmente ce l ho anch io.» «La mia povera mamma non mi diceva neanche più di pulirla. Semplicemente, teneva sempre chiusa la porta della mia stanza.» «È quello che fai tu.» Annuì, sorridendo. «Allora» dissi «posso andare in pasticceria?» Scoppiò a ridere. «Perché è tanto importante andarci adesso?» «Perché devo prendere una ciambella francese.» Indicai la foto. «Per lei.» «Lei?» «Già. Si chiama Emilie.» E poi le dissi di me e di Emilie e della storia della lepre e del lacrosse e dei ragazzini indiani e tutto il resto. Quand ebbi finito, si alzò, batté le mani e disse: «D accordo, prima puliamo la tua stanza insieme e poi andiamo in pasticceria, e poi andiamo a trovare Emilie.» So solo che lavorai come una matta e feci tutto quello che mi diceva e dopo un po lei disse: «Ecco fatto. È pulita». La guardai. «Davvero?» Fece una risata. «Adesso cerca di memorizzare: questo è l aspetto di una stanza pulita.» (J. Spinelli, Guerre in famiglia, tradotto dall inglese da F. Flore, Mondadori) 26

22 UdL 1.1 Genitori e figli 1. Possiamo dividere il brano in tre sequenze; individuale nel testo e per ognuna scrivi sul tuo quaderno una breve sintesi in una tabella simile alla seguente. Il dialogo tra Megin e il papà Durante la cena Megin e la mamma puliscono la camera 2. Verifica se hai capito bene quello che hai letto, rispondendo alle seguenti domande. Che cos ha fatto Megin a suo fratello? Che cosa le chiede di fare suo padre? Come reagisce Megin? Perché suo padre non è soddisfatto del lavoro di Megin? Che cosa interviene a sbloccare la situazione? 3. La famiglia è un sistema complesso: ogni componente ha un ruolo specifico al suo interno e quello che succede a uno influenza tutti gli altri. Analizza i rapporti che i diversi personaggi hanno con Megin e tra di loro e inserisci nello schema le lettere corrispondenti alle voci che ti proponiamo: a) la capisce e le offre il suo aiuto per pulire la camera b) concordano su quanto deve fare Megin c) gli chiede di convincere Megin a pulire la camera d) le impone di riordinare GREG papà mamma MEGIN 27

23 UdA 1 In famiglia RIFLETTERE e discutere 4. Rifletti sul comportamento di Megin seguendo la traccia fornita nelle seguenti domande. Perché, secondo te, continua a disubbidire al papà? Che cosa, alla fine, la convince a pulire la sua camera? Ti sembra che il conflitto si risolva positivamente? Perché? 5. Discuti in classe, con i tuoi compagni, dei conflitti che scoppiano con i vostri genitori; poi elenca quelli più ricorrenti e per ognuno cerca di spiegare perché scoppia, compilando sul quaderno una tabella simile a quella che ti proponiamo. Motivi di conflitto Cause ADESSO tocca a te 6. Scegli uno dei conflitti elencati e mettiti nei panni di una mamma o di un papà che per iscritto spiega al figlio le sue motivazioni: descrivi in modo preciso che cosa non condividi nel comportamento di tuo figlio ; esprimi il tuo stato d animo durante la discussione; fornisci un suggerimento positivo per risolvere il problema; spiega a tuo figlio i vantaggi di questa proposta. 7. Scrivi in un testo analogo le tue motivazioni di figlio. 28

24 UdL 1.1 Genitori e figli Myron Levoy Una decisione difficile Prima di leggere, è bene sapere che Alan è un ragazzo ebreo di dodici anni che vive alla periferia di New York durante la Seconda guerra mondiale insieme con la mamma Ruth e il papà Sol. Nel brano che ti proponiamo, Alan si trova di fronte alla necessità di prendere una decisione difficile... che vorrebbe evitare. Cenarono in cucina. La madre di Alan diceva sempre che non era il caso di apparecchiare in sala da pranzo solo per loro tre. Quando avevano ospiti era diverso. E poi, secondo lei in cucina si stava meglio, più al caldo, più vicini ai fornelli; la cucina era sempre stata il cuore della casa. La cucina era la casa. Ma stasera i pensieri di sua madre sembravano lontani. Quasi non toccò cibo. Poi, mentre sparecchiava, annunciò: «Ho qualcosa da dire.» Esordiva sempre così, con quelle precise parole, ogni volta che doveva discutere di cose serie. «Che c è, Ruth?» chiese il padre di Alan. «Di nuovo il custode? Finch?» «No. Finch non c entra Bevi il tuo caffè, Sol; c è anche la torta. È di ieri, ma è ancora buona.» Alan sospirò. Perché sua madre doveva fare un dramma d ogni cosa? Perché non si limitava a dire quello che aveva in mente? «Ascoltate. Anche tu, Alan. Però non interrompetemi, d accordo? Lasciatemi finire.» «Non hai ancora cominciato» protestò Sol. «Se ti decidessi a cominciare, potremmo anche lasciarti finire.» «Va bene. Vi è capitato di incontrare la signora Kirshenbaum e sua figlia Naomi? Le cugine dei Liebman?» Alan annuì. La matta. «Be, ne hanno passate di tutti i colori per uscire dalla Francia. Nascoste in una fogna per quattro giorni senza niente da mangiare. Sempre in fuga. Non sanno nemmeno come sono riuscite a entrare in Svizzera. E i Liebman ci hanno messo tre anni per riuscire a farle venire qui» 29 Leggendo fai attenzione a i motivi che rendono così difficile prendere la decisione giusta; le modalità con cui il papà aiuta Alan in questa decisione.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118

Indice. I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18. Esercizi 24 Test 31. Esercizi 36 Test 39. Esercizi 44 Test 118 Indice I. Gli articoli, i nomi, gli aggettivi. Esercizi 8 Test 18 II. I possessivi e i dimostrativi. Esercizi 24 Test 31 III. I gradi di comparazione Esercizi 36 Test 39 IV. I verbi Esercizi 44 Test 118

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli