elle Affettività Socialità Ambiente emozioni libri lettori educazioni Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "elle Affettività Socialità Ambiente emozioni libri lettori educazioni Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni"

Transcript

1 elle Tommaso Bernardi Rosanna Montano Rita Piloni emozioni libri lettori educazioni Affettività Socialità Ambiente 1B

2

3 internet: Proprietà letteraria riservata 2007 De Agostini Scuola SpA Novara 1ª edizione: gennaio 2007 Printed in Italy Le fotografie di questo volume sono state fornite da: Corbis, Foto De Agostini Editore Picture Library, ICP-online. In copertina: Kelly Williams/Gettyimages/Laura Ronchi. Henri Matisse, Le tre sorelle, 1917, Parigi, Musée de l Orangerie, Lessing/Contrasto. Piter Boel, Volpe, XVII secolo, Roubaix, Musée d Art et d Industrie, Lessing/Contrasto. L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o effetto promozionale verso i lettori. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in alcuna forma senza l autorizzazione scritta dell Editore. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941, n Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO Via delle Erbe, Milano Eventuali segnalazioni di errori o refusi e richieste di chiarimenti sulle scelte operate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate all indirizzo di posta elettronica della redazione. Stampa: Luinostamp Germignaga (VA) Edizione: II III IV V VI VII VIII Anno:

4 Come è fatta la tua antologia I volumi B L accoglienza Le pagine all inizio del volume ti aiuteranno a conoscere, attraverso alcune attività individuali e di gruppo, la tua nuova scuola e i tuoi nuovi compagni e a capire quali sono le tue aspettative per il futuro, i tuoi punti di forza e di debolezza. Ogni volume comprende due sezioni. Educazioni La sezione dedicata alle Educazioni è costituita da tre progetti distinti, segnalati da colori differenti nell angolo alto delle pagine: Progetto affettività Progetto socialità Progetto ambiente In queste pagine, accanto ai brani tratti da opere letterarie e dalla letteratura per ragazzi, vengono proposti articoli di giornali e riviste, poesie e testi di canzoni; il lavoro sui brani ti aiuterà a riflettere sulle questioni e sui problemi che affronti nella tua esperienza quotidiana e ti porterà a discutere e a confrontarti con i tuoi compagni. V Linguaggi La sezione dedicata ai Linguaggi, contraddistinta dal colore arancione nell angolo alto delle pagine, ti guiderà nell analisi tecnica dei linguaggi non letterari: il fumetto, il cinema, il giornale, la televisione e la pubblicità.

5 PRIMA DELLA LETTURA Le Unità di Apprendimento (UdA) scandiscono il tuo percorso di formazione Le UdA si aprono con una doppia pagina in cui trovi l elenco delle cose che potrai imparare a fare studiando (Obiettivi formativi) e una grande immagine che ti aiuterà a entrare in sintonia con i testi che leggerai. Un breve testo, seguito da alcune domande, spiega i contenuti dell UdA (Prima di incominciare) e ti fornisce un aiuto per precisare quanto già conosci sull argomento che stai per studiare. e si chiudono con un attività che ti permetterà di applicare in concreto le conoscenze e le abilità acquisite nel corso del lavoro sull UdA (Mettiamoci al lavoro). Le Unità di Lavoro (UdL) sono l unità di misura del tuo studio Nella pagina di apertura di ogni UdL trovi un testo introduttivo e, a fondo pagina, l indice dei brani di lettura. Potrai esercitare e migliorare le tue capacità di lettura silenziosa, di ascolto e di lettura ad alta voce con la prima lettura di ogni UdL. Sono scritte con un carattere più grande, possono essere ascoltate dal DVD dell insegnante e sono scaricabili in formato MP3. Le informazioni necessarie per ben comprendere il significato del brano sono contenute nelle istruzioni che lo precedono (Prima di leggere è bene sapere che. Leggendo fai attenzione a ). VI

6 DURANTE E OLTRE LA LETTURA Nel corso della lettura le note ti spiegheranno il significato delle parole meno consuete, imparandolo potrai migliorare le tue capacità espressive e arricchire il tuo vocabolario personale. Le pagine con il bordo grigio e la scritta Dossier contengono gli strumenti tecnici per analizzare e riconoscere le caratteristiche del testo regolativo. Queste pagine ti permetteranno di approfondire e inquadrare le informazioni ricavate durante lo svolgimento degli esercizi che seguono ciascuno dei brani dell antologia. Al termine di ogni brano l insegnante ti indicherà gli esercizi che dovrai fare per dimostrare di aver compreso il significato del testo e quelli che, partendo dai contenuti del testo stesso, ti consentiranno di esercitare le tue capacità critiche, di riflettere sul tuo comportamento e raccontare le tue emozioni di lettore. Dal leggere al... RICORDARE GIOCARE RICERCARE FARE OSSERVARE SCRIVERE RIFLETTERE Le pagine azzurre sono il tuo laboratorio, l officina dove puoi applicare quanto hai appreso per svolgere ricerche, progettare iniziative, costruire oggetti che ti aiutino a riflettere, insieme ai tuoi compagni, su te stesso, sulla tua famiglia e i tuoi amici e sul mondo che ti circonda. VII

7 OLTRE LA LETTURA Dalla lettura di un brano o di un opera letteraria possono nascere suggestioni e stimoli ad approfondire un tema o un argomento anche in campi e discipline diversi dalla letteratura; potrai farlo attraverso una serie di rubriche: Approfondimenti Flash Cinema Flash Scienza I libri nel libro Le pagine SegnalaLibro sono un suggerimento per costruire e arricchire la tua biblioteca personale. Nella doppia pagina trovi: notizie sull autore notizie sull opera una pagina di assaggio un commento. VIII Buone letture! e buono stu-

8 Accoglienza L inizio di un lungo viaggio 1 Educazioni Progetto affettività INDICE UdA 1 In famiglia 16 UdL 1.1 Genitori e figli 18 Prima lettura Elena Rosci, Simona Rivolta, Uno spazio solo per me 19 Jerry Spinelli, Non voglio pulire la mia stanza! 22 Myron Levoy, Una decisione difficile 29 Astrid Lindgren, Melker e i suoi figli 34 Camillo Sbarbaro, Al padre 37 Giorgio Caproni, Per lei 39 Dal leggere al... RICORDARE Un ricordo dell infanzia 41 UdL 1.2 Fratelli e sorelle 42 Prima lettura Jerry Spinelli, Voi due andavate d accordo 43 Approfondimento Affrontare la rabbia 46 Quino, Mafalda e Nando 48 Ian McEwan, Un incarico delicato 49 Natalia Ginzburg, Basta una parola 53 Dal leggere al... FARE Il fratello o la sorella ideale 56 Mettiamoci al lavoro Album di famiglia 57 Progetto socialità UdA 2 Stare con gli altri 60 UdL 2.1 Da soli e in gruppo 62 Prima lettura Ian McEwan, Peter il sognatore 63 Videogame a rischio 66 Antonello Venditti, Buona domenica 68 Elvira Lindo, La banda dei Piedi Sporchi 70 Niccolò Ammaniti, Una gara 75 Myron Levoy, Una partita di baseball 79 Dal leggere al... RIFLETTERE Riflettere su se stessi 83 IX

9 Indice UdL 2.2 Vittime e bulli 84 Prima lettura Stefano Benni, Lo spiolo Il gorilla Vaichesei 85 Ian McEwan, Il prepotente 88 Bill Watterson, Calvin e Hobbes 97 Flash cinema Jimmy Grimble 99 Elvira Lindo, Capitan Merluzzo 100 Il silenzio dei colpevoli 104 Dal leggere allo... SCRIVERE Lettera al bullo 109 UdL 2.3 A scuola 110 Prima lettura Danilo Dolci, Ciascuno cresce solo se sognato 111 Gibran Khalil Gibran, Nessuno può insegnarvi nulla 112 Stefano Bordiglioni, Strani studenti 114 Mark Twain, Amore in classe 117 Judith Kerr, Scuola nuova, regole nuove 122 Dal leggere al... GIOCARE C è gioco e gioco 127 Mettiamoci al lavoro Il regolamento di classe 129 Progetto ambiente DOSSIER Il testo regolativo 133 UdA 3 Gli animali 138 UdL 3.1 Gli animali e noi 140 Prima lettura Antonio Gramsci, Ricordi della volpe 141 Astrid Lindgren, Pelle e il coniglio 144 Cesare Della Pietà, Ecco i pipistrelli, ombre nella notte 147 Segna la libro Gerald Durrell, La mia famiglia e altri animali 150 Isaac Bashevis Singer, Zlateh, la capra 152 Konrad Lorenz, Lo sciacallo si addomestica 159 Flash scienza L etologia 162 Dal leggere all... OSSERVARE Animali accanto a noi 163 X

10 Indice UdL 3.2 Animali a rischio 164 ANIMALI IN PERICOLO Prima lettura Patricia Highsmith, Ballerina 165 Approfondimento Polemiche sugli zoo 170 Italo Calvino, Il coniglio velenoso 171 Toni Mira, Una giornata da guardacaccia 176 Segna la libro DUE STORIE A LIETO FINE Daniel Pennac, Salvo! 179 Eugenio Montale, Il rondone 182 Jack London, Zanna bianca 184 Dal leggere al... RICERCARE Specie in via di estinzione 188 Mettiamoci al lavoro Pubblicità progresso 190 Linguaggi UdA 4 Il fumetto 192 UdL 4.1 Il linguaggio dei fumetti Parole Immagini Generi 205 Approfondimento I manga 214 Discussione e riflessione 216 UdA 5 Il cinema 218 UdL 5.1 Il linguaggio del cinema Prima delle riprese Le riprese Dopo le riprese I generi 237 Discussione e riflessione 241 XI

11 Educazioni Progetto affettività 1 UdA In famiglia In famiglia si stabiliscono le prime relazioni significative della vita, le prime emozioni e i primi affetti. La famiglia è un piccola società, e in essa si instaurano di solito anche le prime relazioni sociali. Obiettivi formativi Leggere testi narrativi, fumetti, poesie che affrontano le tematiche della conoscenza di sé e della ricerca della propria identità attraverso le relazioni con gli altri Riflettere sui cambiamenti che avvengono nel tuo modo di pensare e nei tuoi comportamenti in famiglia Riflettere sugli atteggiamenti che facilitano una corretta comunicazione con le persone a te più vicine

12 Durante l adolescenza (e spesso anche nella fase che viene chiamata preadolescenza, tra gli undici e i tredici anni), sembra che i rapporti tra genitori e figli diventino più difficili: i ragazzi e le ragazze crescono, incominciano a porsi delle domande su se stessi e a confrontarsi in maniera critica con i propri genitori e spesso anche con i fratelli e le sorelle. A loro volta, i genitori sono in difficoltà, sembrano non capire più le esigenze dei figli, sono costretti a rimettere in discussione la loro autorità e il loro ruolo. Queste difficoltà rappresentano una fase naturale nel processo di crescita: attraverso il confronto con l ambiente familiare si rafforza la propria identità di individui, si impara a diventare uomini e donne, si diventa capaci di stabilire con gli altri dei rapporti adulti, e non più infantili. L importante è che le difficoltà non si risolvano sempre e solo in uno scontro, ma diventino l occasione per un dialogo, per un confronto basato sull ascolto e sul rispetto reciproco. Pensa a quello che succede nella tua famiglia e rispondi alle seguenti domande. 1. Ti capita di discutere con mamma e papà? 2. Se sì, quali sono i motivi più ricorrenti di queste discussioni? Mi trattano come un bambino piccolo Voglio rimanere fuori casa più a lungo e loro me lo impediscono Non siamo d accordo sui vestiti da acquistare Litigo spesso con mia sorella o con mio fratello, che sono minori di me, e loro sgridano sempre me, perché dicono che sono grande Mi sgridano sempre perché non riordino la mia camera Continuano a farmi domande e io non ho voglia di confidarmi con loro, preferisco parlare con i miei amici Altro (aggiungi tu)... Altro (aggiungi tu)... Sì No 3. Quali sono i principali motivi di disaccordo con i tuoi fratelli e le tue sorelle (se ne hai)? Su che cosa siete di solito d accordo? Confronta le tue risposte con quelle dei compagni; poi riflettete insieme su ciò che rappresenta per voi la vostra famiglia e sui rapporti che avete stabilito al suo interno.

13 UdA 1 In famiglia UdL 1.1 Genitori e figli Essere figli, durante l adolescenza, può risultare davvero difficile. I ragazzi e le ragazze cambiano, sia nell aspetto fisico sia nel modo di pensare; i genitori sembrano non capire questi cambiamenti e si scontrano con le ribellioni dei figli. Eppure il rapporto sembrava così bello! Fino a qualche mese prima, i genitori rappresentavano un mito, per i figli! Poi, all improvviso, qualcosa è cambiato: i figli hanno incominciato a mettere in discussione le regole che prima avevano accettato senza problemi, a esprimere giudizi diversi rispetto ai genitori, ad avere qualche segreto da cui i genitori sono esclusi. E i genitori fanno fatica ad accettare questa nuova autonomia. Nelle pagine seguenti, proviamo a riflettere su queste difficoltà e sui nuovi rapporti che, con l arrivo dell adolescenza, si instaurano all interno della famiglia. (da B. Watterson, Calvin e Hobbes, in Linus, XXIX, agosto 1993) Nella prima parte scopriremo che le difficoltà non devono necessariamente risolversi in un conflitto, ma possono essere affrontate con spirito di collaborazione. Nella seconda parte scopriremo che dietro alle discussioni e alle incomprensioni si nasconde l amore di sempre, che sta solo assumendo un nuovo volto. Elena Rosci, Simona Rivolta, Uno spazio solo per me, p. 19 Jerry Spinelli, Non voglio pulire la mia stanza, p. 22 Myron Levoy, Una decisione difficile, p. 29 Astrid Lindgren, Melker e i suoi figli, p. 34 Camillo Sbarbaro, Al padre, p. 37 Giorgio Caproni, Per lei, p. 39

14 UdL 1.1 Genitori e figli Elena Rosci, Simona Rivolta Uno spazio solo per me PRIMA LETTURA Puoi ascoltare la lettura di questo brano Prima di leggere, è bene sapere che Per iniziare il nostro lavoro, ti proponiamo di leggere un dialogo. Gli interlocutori sono un adolescente (Luca) e una psicologa (Rita B.) che lavora nei servizi psicopedagogici presenti in alcune scuole medie; questa specialista aiuta i ragazzi ad affrontare i problemi tipici della loro età. Leggendo fai attenzione a i motivi di disaccordo tra Luca e i suoi genitori. Luca si accorge che i rapporti con i suoi familiari stanno cambiando e vuole capirne di più. LUCA «In questi ultimi tempi ho sentito alla televisione che aumenta il numero dei ragazzi che non vanno d accordo con i loro genitori. Ho paura che succeda anche a me.» RITA B. «Come mai?» LUCA «Non saprei cosa rispondere.» RITA B. «Ma l argomento l hai scelto tu.» LUCA «Da un po di tempo sono cambiato. Prima avevo sempre voglia di giocare, ero un bambino. Adesso ho compiuto quattordici anni il mese scorso e sono un ragazzo, sono diventato più complicato.» RITA B. «Cosa è cambiato?» LUCA «Tutto e niente. La mia vita è sempre quella, la casa, i miei genitori, mia sorella Sofia, la scuola, le partite a pallavolo, la mia passione per l Inter. Se uno mi vedesse direbbe Guardalo lì il Luca, fa sempre le stesse cose. E invece io sono diverso. Ai miei genitori sono affezionato, ma quello che prima facevamo insieme adesso mi annoia. A stare con loro mi stufo. Non glielo dico chiaro e tondo perché sono persone anziane. A me dispiace che le cose siano cambiate e cerco di non darlo a vedere, ma se andiamo da qualche parte insieme mi sembra di essere un povero sfortunato.» RITA B. «Quanti anni hanno i tuoi genitori?» 19

15 UdA 1 In famiglia LUCA «Quarantacinque. Mia sorella Sofia ha due anni meno di me. Fino all anno scorso mi faceva compagnia nei giochi, nelle cose, io ero contento di essere il più grande e che lei mi venisse dietro. Ma adesso non la reggo più. Lei poveretta è buona ma è una pizza, sempre fra i piedi. Io non me la voglio portare in giro e allora i miei mi dicono Perché fai così con la Sofia, che ti ammira tanto?. Appunto, dico io, preferirei che si facesse i fatti suoi. E loro mi guardano stupiti, come per dire Mah!. D altra parte la situazione è tutta assurda, ma se la porto fuori con me non mi sento libero e mi pento lo stesso. Insomma non so da che parte girarmi. Cosa mi sta succedendo?» RITA B.«Alla tua età succede di aver voglia di starsene un po per conto proprio, di fare delle nuove conoscenze, al di fuori della sfera familiare. È importante guardarsi attorno, cominciare a essere a poco a poco indipendenti. D altra parte tu sai che il tuo futuro, l amore, il lavoro si realizzeranno fuori dalla tua famiglia. Quello che tu mi hai descritto sono solo i primi passi in questa direzione, mi sembra che vada tutto bene.» LUCA «E i miei genitori e la Sofia non rimarranno troppo male se capiscono che preferisco stare un po da solo con i miei amici?» RITA B.«Credo di no, e comunque mi sembra inevitabile che tu stia un po alla larga, ogni tanto.» (E. Rosci, S. Rivolta, Io tu tutti, Archimede) 20

16 UdL 1.1 Genitori e figli 1. Luca ha chiesto un incontro con la psicologa della scuola: perché? 2. Sottolinea nel testo i motivi di disaccordo che rendono difficili i rapporti tra Luca e i suoi genitori; poi sottolinea la risposta della psicologa. Infine sintetizza i due punti di vista con parole tue, in una tabella simile a quella qui sotto. Motivi di disaccordo tra Luca e i suoi genitori Risposta della psicologa RIFLETTERE e discutere 3. Luca afferma di sentirsi diverso, di essere diventato «più complicato» rispetto a quando era un bambino: secondo te, quali sono i motivi di questo cambiamento? ADESSO tocca a te 4. Racconta un episodio della tua vita recente nel quale tu e i tuoi genitori vi siete trovati in disaccordo e uno nel quale vi siete trovati d accordo su una decisione da prendere. 21

17 UdA 1 In famiglia Jerry Spinelli Non voglio pulire la mia stanza! Prima di leggere, è bene sapere che Gregory e Megin sono fratello e sorella, molto diversi l uno dall altra e sempre in guerra fra loro: Megin (che racconta la storia in prima persona) è disordinata, mentre il fratello è un fanatico della pulizia e dell ordine. Un giorno Megin gli fa un grosso dispetto e il papà deve intervenire. Leggendo fai attenzione a perché all inizio Megin non obbedisce al papà; chi e che cosa convince Megin a pulire la sua stanza. 1 Fossetta: il soprannome con cui il papà chiama Megin. 2 chiama la disinfestazione: chiama coloro che disinfestano la casa, la liberano dagli scarafaggi. 3 Greg: abbreviazione di Gregory. «Papà, non è colpa mia.» «Non ho detto che lo fosse.» «E allora perché mi punisci?» «Non ti sto punendo.» «Però mi fai pulire la mia stanza.» «E la chiami una punizione?» «E tu che ne sai? Tu non ne pulisci mai una. La tua la pulisce mamma.» «Be, quando ti sposerai, farai fare le pulizie a tuo marito. Per ora tocca a te.» C era sotto qualcosa qualcosa che non voleva dirmi. «Papà, lo scarafaggio è in camera sua, non nella mia.» «Lo so, ma non è così semplice.» «Credi che sia stata io a mettercelo, vero? Allora gli hai creduto.» «Non ho detto questo.» «Tu non mi credi mai. Mi dai sempre contro.» Tirò il fiato. Mi mise una mano su un ginocchio e mi diede una pacca. «Fossetta 1, tesoro, io non do contro nessuno. È solo che Gregory dorme in salotto già da tre notti.» «E allora?» «Allora, mi secca. Non va bene. Ha una stanza. Dovrebbe dormire lì.» «E tu faccelo dormire.» «Non è tanto semplice. Ha il terrore degli scarafaggi.» «Chiama la disinfestazione 2.» «Anche lì, non è così semplice.» Dal suo mezzo sorriso, da come mi guardava, capii che si stava avvicinando al nocciolo del problema. «Perché non è tanto semplice?» chiesi. «Be, perché Greg 3 ritiene che una disinfestazione non basti. Va 22

18 UdL 1.1 Genitori e figli bene chiamarla, ma prima dovremmo fare in modo che tutte le stanze siano il più pulite possibile.» «Ah, perfetto. Allora adesso è lui che dà gli ordini, eh? Lui dice a te di dire a me di pulire la mia stanza. Cosa sei, il suo schiavo? Credevo che fossi tu il capofamiglia.» «Tesoro» piagnucolò «perché tante storie? Non ti chiedo mica di suicidarti. Ti chiedo soltanto di pulire la tua stanza.» «Non è questo il punto.» «E quale sarebbe?» «Il punto è che mi condanni per qualcosa che non ho fatto. Mi stai incastrando.» Scoppiò a ridere. «Prima di tutto, non ti condanno. Secondo senti, Fossetta fallo per me, va bene? Un favore al tuo vecchio papà. D accordo?» Così, giusto perché era un favore, pulii la mia stanza. Quando ebbi finito, andai da lui. «Va bene, l ho fatto.» Mi guardò come se non capisse di che parlavo. «Fatto cosa?» «La mia stanza. Mi hai detto di pulirla.» Guardò l orologio. «Te l ho detto cinque minuti fa. Hai finito?» «Vieni a vedere.» Venne, vide e rise. Gli chiesi perché ridesse. Mi diede un buffetto su una guancia. «Stai diventando proprio una piccola attrice, Fossetta. Per un momento ci sono cascato.» Si allontanò ridendo. «Adesso che cosa farai?» gli gridai dietro. «Andrai a farti due risate con Grosso?» Infilai un piede sotto il letto e tirai fuori a calci tutta la roba che ci avevo ficcato sotto. 23

19 UdA 1 In famiglia 4 Emilie: è una signora di ottantanove anni che vive in una casa di riposo e ama le ciambelle francesi. Megin quando va a trovarla gliene porta sempre una; in camera Megin ha una sua foto che la raffigura da ragazzina mentre tiene un leprotto per le orecchie. 5 lacrosse: uno sport simile all hockey su ghiaccio. 6 Toddie: il fratellino più piccolo. Quella sera cenai in due minuti e mi alzai annunciando che sarei andata in pasticceria. «Non credo» disse mio padre. «Cosa?» strillai. «Perché no?» «La tua stanza.» «E allora?» «Lo sai benissimo.» «Ma l ho pulita. L hai visto.» «Avrai anche fatto qualcosa, ma non credo si possa definirlo pulire.» Mi rivolsi a mia madre. «Mamma, posso andare?» Tagliò un broccolo a metà con la forchetta. «Hai sentito tuo padre.» «Ma devo andare in pasticceria. Devo.» (Era una settimana che non portavo una ciambella a Emilie 4.) Gli occhi cominciarono a bruciarmi. «Così. Non posso andare.» Afferrai un biscotto. «Non posso andare perché lui» puntai un dito contro Grosso «dice che devo pulire la mia stanza. Lui dice.» Gli scagliai contro il biscotto e uscii sbattendo la porta. Dietro di me sentii rumore di vetri rotti e mia madre che urlava e Toddie che rideva e sedie che cadevano e mio padre che tratteneva Grosso. Quella sera nessuno mi disturbò. [ ] Quando tornai da lacrosse 5, il giorno dopo, notai che Toddie 6 continuava a fissarmi con uno stupido sorrisetto. Ben presto scoprii perché. In camera mia trovai una scopa e un sacco di plastica. Su ciascuno c era un cartello con una scritta azzurra: SCOPA e SAC- CO DEI RIFIUTI. «Avrei pulito la mia camera stasera» urlai a tutta la casa dalla soglia della mia stanza «ma adesso non lo faccio di sicuro!». Gettai fuori scopa e sacco, sbattendo la porta. Mi chiamarono solo una volta, all ora di cena. Sapevano che non era il caso d insistere. Toddie salì con un vassoio. Bussò alla porta e lo lasciò lì fuori. Lo sentii tornare giù di corsa. Più tardi mi parve di sentire discutere Grosso e mio padre. Grosso dormì di nuovo in salotto. La sera dopo, cenai con loro. Nessuno aprì bocca. Non c erano biscotti, a tavola. Quand ebbi finito e mi alzai per andarmene, mio padre disse: «Stasera, Megin. Adesso.» «Devo fare i compiti.» «Possono aspettare.» «Vuoi farmi prendere un votaccio?» «Vai a pulire la tua stanza. Adesso.» Non sorrideva. Non so per quanto tempo rimasi in camera, seduta sul letto. La porta si aprì. Era mia madre, stranamente. «Posso entrare?» chiese. 24

20 UdL 1.1 Genitori e figli «Nessuno te lo impedisce.» Mentre veniva verso di me, qualcosa scrocchiò sotto il suo piede. Trasalì, ma senza fermarsi. Si sedette sul letto. Si mise le mani in grembo e con lo sguardo ispezionò la stanza come se fosse un luogo sconosciuto, il che era quasi vero. Vide la foto di Emilie. «Chi è quella?» «Una mia amica.» «Ah. Sembra una foto vecchia.» «E allora?» «Posso guardarla?» «Siamo in un paese libero.» La prese come se fosse una bolla di sapone. Ne sembrava affascinata. «È una ragazza, vero?» «Cosa credevi che fosse?» «Lì per lì m era sembrato un maschio.» La cosa mi diede fastidio. «Perché?» «Non saprei. I capelli corti. Il cappello.» Scosse la testa. «Che foto. È autentica?» «No, è finta. Da un momento all altro potrebbe sparire.» «Voglio dire, è stata fatta apposta? Indossa un costume? È un coniglio vero?» «Certo che è un coniglio vero. Anzi, è una lepre.» Mi guardò, sbalordita. «Davvero?» «L ha presa a mani nude. Correndo. Nel Nord Dakota.» Continuò a fissare la foto, sbigottita. La rimise a posto senza toglierle gli occhi di dosso. «Io, ehm, ho pensato che forse avresti gradito un po d aiuto» disse alla fine. «Per che cosa?» «La tua stanza. Pulirla.» Non aveva senso. «Perché vorresti farlo?» Con la punta di una scarpa sollevò un calzino sudaticcio e lo fece dondolare a mezz aria. «Oh, non saprei. Pensavo che forse stavi passando un brutto momento.» Mi guardò. Dritto negli occhi. Non riuscivo a ricordarmi l ultima volta che mia madre mi avesse guardato in quel modo. «Ti farebbe comodo una mano, vero?» Tutt a un tratto, pazzesco, stavo piangendo. E dicendo: «Ci ho provato un paio di volte ho cominciato ma non riuscivo non riuscivo» Mi mise una mano sul ginocchio. «Non riuscivi a finire.» 25

21 UdA 1 In famiglia «No.» «Avresti voluto.» «Sì.» «Ma non ci riuscivi.» «No!» Ululai ancora più forte. Mi lasciò fare per un po, sempre accarezzandomi il ginocchio. Poi disse: «Sai cosa?» «Cosa?» «Hai la puliscifobia.» «Che cos è?» «Paura di pulire la tua stanza.» Caspita, adesso stavo ridendo, anche se non avevo ancora smesso di piangere. Cosa stava succedendo? Perché mi stava facendo questo? «Ti dirò una cosa» sussurrò. «Anch io una volta avevo la puliscifobia.» «Davvero?» «Davvero. Odiavo pulire la mia stanza. Forse non era proprio odio, però non potevo. Non sapevo come fare. Avevo un blocco mentale, credo.» «Probabilmente ce l ho anch io.» «La mia povera mamma non mi diceva neanche più di pulirla. Semplicemente, teneva sempre chiusa la porta della mia stanza.» «È quello che fai tu.» Annuì, sorridendo. «Allora» dissi «posso andare in pasticceria?» Scoppiò a ridere. «Perché è tanto importante andarci adesso?» «Perché devo prendere una ciambella francese.» Indicai la foto. «Per lei.» «Lei?» «Già. Si chiama Emilie.» E poi le dissi di me e di Emilie e della storia della lepre e del lacrosse e dei ragazzini indiani e tutto il resto. Quand ebbi finito, si alzò, batté le mani e disse: «D accordo, prima puliamo la tua stanza insieme e poi andiamo in pasticceria, e poi andiamo a trovare Emilie.» So solo che lavorai come una matta e feci tutto quello che mi diceva e dopo un po lei disse: «Ecco fatto. È pulita». La guardai. «Davvero?» Fece una risata. «Adesso cerca di memorizzare: questo è l aspetto di una stanza pulita.» (J. Spinelli, Guerre in famiglia, tradotto dall inglese da F. Flore, Mondadori) 26

22 UdL 1.1 Genitori e figli 1. Possiamo dividere il brano in tre sequenze; individuale nel testo e per ognuna scrivi sul tuo quaderno una breve sintesi in una tabella simile alla seguente. Il dialogo tra Megin e il papà Durante la cena Megin e la mamma puliscono la camera 2. Verifica se hai capito bene quello che hai letto, rispondendo alle seguenti domande. Che cos ha fatto Megin a suo fratello? Che cosa le chiede di fare suo padre? Come reagisce Megin? Perché suo padre non è soddisfatto del lavoro di Megin? Che cosa interviene a sbloccare la situazione? 3. La famiglia è un sistema complesso: ogni componente ha un ruolo specifico al suo interno e quello che succede a uno influenza tutti gli altri. Analizza i rapporti che i diversi personaggi hanno con Megin e tra di loro e inserisci nello schema le lettere corrispondenti alle voci che ti proponiamo: a) la capisce e le offre il suo aiuto per pulire la camera b) concordano su quanto deve fare Megin c) gli chiede di convincere Megin a pulire la camera d) le impone di riordinare GREG papà mamma MEGIN 27

23 UdA 1 In famiglia RIFLETTERE e discutere 4. Rifletti sul comportamento di Megin seguendo la traccia fornita nelle seguenti domande. Perché, secondo te, continua a disubbidire al papà? Che cosa, alla fine, la convince a pulire la sua camera? Ti sembra che il conflitto si risolva positivamente? Perché? 5. Discuti in classe, con i tuoi compagni, dei conflitti che scoppiano con i vostri genitori; poi elenca quelli più ricorrenti e per ognuno cerca di spiegare perché scoppia, compilando sul quaderno una tabella simile a quella che ti proponiamo. Motivi di conflitto Cause ADESSO tocca a te 6. Scegli uno dei conflitti elencati e mettiti nei panni di una mamma o di un papà che per iscritto spiega al figlio le sue motivazioni: descrivi in modo preciso che cosa non condividi nel comportamento di tuo figlio ; esprimi il tuo stato d animo durante la discussione; fornisci un suggerimento positivo per risolvere il problema; spiega a tuo figlio i vantaggi di questa proposta. 7. Scrivi in un testo analogo le tue motivazioni di figlio. 28

24 UdL 1.1 Genitori e figli Myron Levoy Una decisione difficile Prima di leggere, è bene sapere che Alan è un ragazzo ebreo di dodici anni che vive alla periferia di New York durante la Seconda guerra mondiale insieme con la mamma Ruth e il papà Sol. Nel brano che ti proponiamo, Alan si trova di fronte alla necessità di prendere una decisione difficile... che vorrebbe evitare. Cenarono in cucina. La madre di Alan diceva sempre che non era il caso di apparecchiare in sala da pranzo solo per loro tre. Quando avevano ospiti era diverso. E poi, secondo lei in cucina si stava meglio, più al caldo, più vicini ai fornelli; la cucina era sempre stata il cuore della casa. La cucina era la casa. Ma stasera i pensieri di sua madre sembravano lontani. Quasi non toccò cibo. Poi, mentre sparecchiava, annunciò: «Ho qualcosa da dire.» Esordiva sempre così, con quelle precise parole, ogni volta che doveva discutere di cose serie. «Che c è, Ruth?» chiese il padre di Alan. «Di nuovo il custode? Finch?» «No. Finch non c entra Bevi il tuo caffè, Sol; c è anche la torta. È di ieri, ma è ancora buona.» Alan sospirò. Perché sua madre doveva fare un dramma d ogni cosa? Perché non si limitava a dire quello che aveva in mente? «Ascoltate. Anche tu, Alan. Però non interrompetemi, d accordo? Lasciatemi finire.» «Non hai ancora cominciato» protestò Sol. «Se ti decidessi a cominciare, potremmo anche lasciarti finire.» «Va bene. Vi è capitato di incontrare la signora Kirshenbaum e sua figlia Naomi? Le cugine dei Liebman?» Alan annuì. La matta. «Be, ne hanno passate di tutti i colori per uscire dalla Francia. Nascoste in una fogna per quattro giorni senza niente da mangiare. Sempre in fuga. Non sanno nemmeno come sono riuscite a entrare in Svizzera. E i Liebman ci hanno messo tre anni per riuscire a farle venire qui» 29 Leggendo fai attenzione a i motivi che rendono così difficile prendere la decisione giusta; le modalità con cui il papà aiuta Alan in questa decisione.

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli