Iniziano i restauri della cattedrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziano i restauri della cattedrale"

Transcript

1 SABATO 13 NOVEMBRE 2010 ANNO 85 - N. 44 SETTIMANALE CATTOLICO SCO D INFORMAZIONE FONDATO NEL 1926 UNA COPIA 1,00 ABBONAMENTO ANNUO 40 DIREZIONE: VIA GOLDANIGA 2/A POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1, COMMA 1, DCB CREMONA Iniziano i restauri della cattedrale A pagina 3 Diocesi di Crema Convegno Pastorale 2010 Educare alla vita buona del Vangelo Lunedì 15 novembre - Ore 21 Chiesa-auditorium di San Bernardino in Crema Educare. Presentazione del testo CEI ( ). Rel. Dott.ssa Valentina Soncini Presidente dell Azione Cattolica di Milano Sacerdoti e laici, operatori pastorali, membri di aggregazioni laicali e tutti i fedeli cremaschi SONO INVITATI Pompei in sicurezza Ascoltare i linguaggi della vita e dello spirito Incontro con don Carlo Molari Mercoledì 17 novembre - ore 21 - Centro diocesano di spiritualità via Medaglie d Oro, 8 - Crema pagina 7 Il sindaco si fa Cireneo Maggioranza sbracata sulla vicenda Calciotto pagina 12 Confronto Bucci-tifosi Il Pergocrema sarà riorganizzato in tre mesi Non expedit Tutti conoscono la celebre espressione di Leone XIII Non expedit (cioè non conviene ). Il Papa la pronunciò nel luglio del Era il divieto per i cattolici di partecipare alla vita politica del Paese, motivato dal fatto ciò sarebbe stata una legittimazione del nuovo Stato italiano, sorto anche con la conquista di quello pontificio. Altri tempi. Li ricordiamo nel 150 anniversario dell Unità d Italia, di cui scriveremo abbondantemente il prossimo anno. I cattolici, esclusi dalla politica, si buttarono nell impegno sociale: nacquero infinite opere straordinarie, tra cui le Casse Rurali e i giornali cattolici. Il nostro è uno dei figli di quella grande stagione dell impegno sociale dei cattolici italiani. Oggi sta succedendo pressapoco la stessa cosa. Ma, in un certo senso, alla rovescia. Esiste ancora una sorta di non expedit, ma non più dettato dal Papa, che invece spinge in continuazione i cattolici a buttarsi in politica. Sono i cattolici stessi che si auto-escludono. Scottati dagli anni di tangentopoli che ha distrutto il loro partito di riferimento, imbevuti di una certa corrente di pensiero che ritiene assolutamente esecrabile che ne abbiamo di nuovo uno proprio, sconsolati dalla politica di oggi veramente degradata, hanno deposto le armi e si sono rifugiati nel sociale. Fuggono dalla politica attiva non solo i cattolici, ma anche molte personalità laiche. Il rischio è che in essa confluiscano solo coloro che non riescono a far fortuna altrove. Quei cattolici che si sono affacciati alla politica negli ultimi anni, a destra o a sinistra, e non hanno voluto venir meno ai loro principi, si sono sentiti emarginati. Alcuni sono passati da una parte o dall altra del panorama politico senza trovare soddisfazione. Altri sono scesi a compromessi belli e buoni. E allora? Allora bisogna prima di tutto che i cattolici ritornino davvero in politica. È una necessità inderogabile per il bene della nostra Italia. La drammatica situazione è sotto gli occhi di tutti. Ma devono trovare unità. Dove? Attorno ai valori cristiani non negoziabili. Lo si è detto alla Settimana Sociale e il presidente della Cei l ha ripetuto all assemblea dei Vescovi l altro giorno. Questa è l unica possibilità che hanno. Saranno uniti certamente nelle reti sociali prepolitiche, da potenziare. E se non potranno far altro, perché non rimettere in moto un nuovo partito? La Binetti, che ha provato a buttarsi in politica ed è rimasta scottata, lo propone. OGGI Confartigianato A cura dell Associazione Autonoma Artigiani 32 incontro Commissione Diocesana Musica per la Liturgia Festa di Santa Cecilia corali cremasche ore S. Messa celebrata da S. E. Mons. Oscar Cantoni Cattedrale - 13 novembre 2010 Cristiani: l inquietante silenzio Perché tace la comunità musulmana del mondo? di ELIO BROMURI legittimi. È angosciante la parola legittimi. Con tale barbarie ammantata di religione avanza anche la tentazione dell ateismo, il cosiddetto Chi è che dà questa legittimazione? Solo Dio è Il 21 novembre, festa di Cristo Re, sarà la giornata di preghiera per i fratelli di fede perseguitati ha ripetuto con forza a più riprese, a cominciare religione considerata un male sociale. E tale è nel padrone della vita e della morte. Benedetto XVI nuovo ateismo che ha dichiarato guerra alla dell Iraq. Sono i cristiani, soprattutto cattolici, già dalla famosa lezione di Regensburg, che nessuno fanatismo mistico e delirante di Al Qaeda. da tempo oggetto di attacchi e persecuzioni, i fratelli di fede per i quali siamo invitati dai vescovi Dio per legittimare, la violenza è contraria alla di spirito critico. Il dialogo deve aprire un con- può usare la fede e la religione e mettere in mezzo Sono finiti i tempi dell illusione dialogica priva italiani a pregare. Anche recentemente vi sono religione e alla ragione. Ma oggi ci sono ancora fronto serio e serrato sulle basi della convivenza stati 50 morti uccisi in chiesa e 80 feriti. Ma la serie degli attentati e dei morti e di coloro che sono Cristianesimo e Occidente come fossero un unica termini consentiti dalla legge e dalla dichiarazio- nel mondo immense moltitudini che identificano e sul riconoscimento del diritto alla diversità nei dovuti scappare e abbandonare la propria terra è realtà, pronte a legittimare l eliminazione dell infedele o dell apostata. Quello che i fanatici consi- Si è detto e si dice ancora che si tratta di attenne universale dei diritti degli uomini. molto lunga. Qualcuno dovrebbe raccogliere e documentare puntualmente la storia della persecuzione anticristiana del secolo scorso che continua con la sua stessa presenza disturba, scandalizza, esaltata, un organizzazione estremista e fanatica. derano infedele, anche se non fa nulla di male, tati che riguardano solo una piccola minoranza nel nuovo in tante parti del mondo. Dobbiamo sapere e deve sapere il mondo. Tutti sono informati mette nel gioco politico o degli affari, perché deve rispetto alla moltitudine di musulmani che supe- impedisce il cammino nella via di Dio. Se poi si Si dice pure che in fondo si tratta di numeri esigui delle cadute degli uomini di Chiesa, degli errori e pur vivere, presta il fianco ad accuse di ogni genere. Questa è la spiegazione degli attentati che tico che vuole ammantarsi di ragioni religiose, ra il miliardo. Qualcuno insiste sul motivo poli- inadempienze. Non c è scandalo che non venga strombazzato ai quattro venti. Raccontiamo senza avvengono in una fascia che va dall Indonesia all India, dal Pakistan al Medio Oriente, e si esten- camuffarsi di motivazioni politiche. È bene non altri che si tratti di ragioni religiose che vogliono falsi pudori ciò che accade a dei poveri cristiani abbandonati a se stessi senza sicura difesa da parte de fino ai Paesi islamici dell Africa subsahariana. illudersi. Il pastore evangelico, che voleva bruciare il Corano, è un brutto esempio e, tuttavia, delle istituzioni locali e spesso ignorati da quelle C è anche un aspra lotta all interno del mondo internazionali. Ora un organizzazione che si chiama Ministero della guerra dello Stato islamico vittime pure tra i musulmani. Ma qui si deve con- mondo occidentale cristiano e laico ha protestato musulmano, tra gruppi rivali, che provoca molte è veramente un personaggio singolo isolato. Il d Iraq ha dichiarato che i cristiani, tutti, sono diventati obbiettivi anche l idea che si possa onorare la propria fede libri cristiani che tra i credenti musulmani non siderare l identità degli attentatori. Finché esiste contro di lui. Ma qui non si tratta di bruciare i facendo uso del proprio corpo come di una bomba possono circolare, ma di uccidere i cristiani visti, esplosiva contro vittime innocenti, dobbiamo aver paura di una barbarie che avanza. come una comunità legata all odiato occidente e all America. Male fece Bush a fare la guerra contro l Iraq e ad enunciare il proposito di una crociata per la libertà e la democrazia, ed è una colpa che si paga.

2 2 SABATO 13 NOVEMBRE 2010

3 1 IL DUOMO IN RESTAURO SI INIZIA IL 18 NOVEMBRE. IL DUOMO CHIUSO DAL 24 di GIORGIO ZUCCHELLI Dunque si parte. Dal 18 novembre iniziano i lavori di restauro del duomo. Dalla prima domenica di Avvento, la chiesa di San Bernardino tornerà a svolgere il ruolo di cattedrale per almeno un anno e mezzo, se non due. Come sessant anni fa, quando dal 1952 al 58 si riportò il massimo tempio cittadino alle sue originarie forme gotico cistercensi. Questa volta l intervento è ben diverso: si tratta solo di un restauro conservativo. Gli anni hanno lasciato il segno e il duomo versa in una condizione problematica. Nel contempo si darà sistemazione definitiva al presbiterio che dopo la riforma conciliare il compianto mons. Manziana non riuscì a realizzare, accontentandosi di commissionare solo l altare allo scultore Mario Toffetti. Un intervento necessario, da realizzare proprio oggi, grazie alla fortunata coincidenza del bando emblematico della Fondazione Cariplo che viene assegnato alla provincia di Cremona ogni cinque anni e che in questa tornata è toccato per un terzo alla cattedrale di Crema. Un occasione fin troppo provvidenziale. Sarebbe stato responsabile rifiutarla? Il Vescovo l ha colta al volo, ha costituito una commissione ad hoc, presieduta da don Vito Barbaglio. Dopo tre anni si è arrivati finalmente all inizio dei lavori. Direttore dei quali sarà l architetto Giuseppe Rossi di Lodi. Tutti i previsti interventi sono stati autorizzati dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali e Artistici di Brescia e di Mantova. Fra pochi giorni s innalzeranno dunque le impalcature e ai cremaschi che si chiederanno cosa succede in duomo: siamo in grado di illustrare in dettaglio gli interventi previsti. LE OPERE EDILI Si inizierà con il ripasso del manto di copertura, con la pulizia dei coppi (molti sono ormai sconnessi e dappertutto imperversa il muschio), l inserimento di lastre di ondulina dove mancano, la verifica e la pulizia delle lattonerie con posa del sistema di ancoraggio della linea vita e la realizzazione dell impianto a maglia di protezione contro i fulmini detta anche gabbia di Faraday. I COTTI E LE MURATURE In progetto vi è anche il restauro conservativo di tutti gli ornamenti in cotto, dei paramenti murari e degli intonaci esterni e interni (compresi quelli delle vele delle volte), con pulitura, messa in sicurezza e consolidamento delle parti pericolanti. ELEMENTI LAPIDEI Verranno restaurate tutte le parti SABATO 13 NOVEMBRE 2010 In primo piano 3 CATTEDRALE: via ai lavori lapidee esterne e interne quali i portali in pietra (ben visibile è il degrado del lunotto del portale centrale), tutte le decorazioni sulle facciate, il rosone centrale, il cornicione modanato, le colonne del loggiato superiore con la pulizia e il consolidamento di tutte le parti pericolanti. I MANUFATTI LIGNEI Intervento di restauro conservativo anche per tutti i manufatti lignei esterni e interni: i portoni, le porte, le bussole, i confessionali, i banchi e gli scranni dei canonici e del coro mediante operazioni di pulitura, consolidamento e lucidatura. LA PAVIMENTAZIONE S interverrà anche sull intero pavimento in cocciopesto del duomo. Si presenta infatti in un pessimo stato conservativo perché, oltre agli annerimenti, ai deposito cerosi, si possono vedere punti molto disgregati. Oltre alla pulitura e al consolidamento, con la tecnica tradizionale del cocciopesto, verranno risarcite le lacune. Un intervento importante sarà la rimozione del gradone prospiciente l area presbiterale, eliminando il dislivello attuale e portando tutto il pavimento dell aula a un unica quota, annullando il rischio di incidenti. LE VETRATE Tutte le vetrate verranno pulite. La legatura a piombo, i telai metallici e la ferramenta che si presentano corrosi e degradati nella verniciatura, saranno anch essi puliti e integrati. GLI AFFRESCHI Un capitolo importante sono i lacerti d affresco all interno del duomo. Il loro restauro conservativo prevede l analisi dello stato di conservazione e delle patologie degradative trasparenti ), gli scranni laterali dei e quindi gli interventi di riassetto: il canonici: il presbiterio sarà accessibile fissaggio delle decoesioni ai diversi e totalmente visibile da ogni lato. livelli, la pulitura delle parti dipinte Nuovo anche l organizzazione con prodotti appositi, l asportazione dello spazio: l altare di Toffetti delle ridipinture e dei ritocchi verrà arretrato di un metro e posto recenti, il consolidamento del colore al centro della volta soprastante. e degli intonaci indeboliti, stuccatura All altezza dei gradini e di fronte delle lacune di supporto e reintegrazione all aula, un nuovo ambone a sinistra cromatica delle lacune. e, a destra, la cattedra vescovile con due sedili affiancati, posti in LE TRE CAPPELLE obliquo. Opere tutte realizzate da Previsto anche il rassetto degli Mario Toffetti. altari marmorei delle cappelle del Sul fondo del presbiterio, dove Crocefisso, della Madonna della ora è la cattedra, verranno posti Misericordia e di San Pantaleone con nove scranni canonicali e una quinta il fissaggio delle parti decoese dal supporto, sulla quale potranno essere posti i l asportazione degli accumuli candelabri. di cera, un intervento di stuccatura e Nella zona absidale si porrà il di stesura di un idonea protezione. Crocifisso miracoloso, per valorizzarlo. In tal modo, qualsiasi persona GLI IMPIANTI LUCI E SUONO che entri in duomo avrà subito di Si realizzerà un nuovo impianto di fronte la sua straordinaria immagine. altoparlanti attraverso l uso di nove Nel contempo sarà tolta la diffusori di piccolissime dimensioni, tela dell Annunciazione e ridotta la ma con un alto rendimento, facciata dell organo. Anche tutte le eliminando tutti i cavi volanti. Verrà altre tele della cattedrale verranno rinnovata anche l illuminazione, rimosse in attesa di una ricollocazione utilizzando lampade a led e trovando più razionale. una collocazione più idonea. Il tabernacolo dell Eucarestia sarà posizionato nell attuale cappella del IL PRESBITERIO Crocifisso che diverrà così la cappella Infine l allestimento del presbiterio. del Santissimo. Per salvaguardarne Si tratta dell intervento più atteso il silenzio, l attuale accesso alla sacrestia e interessante. La nuova pavimentazione verrà chiuso e si aprirà la porta è stata affidata all ingegno che si trova tra i due confessionali. dello scultore Mario Toffetti che la Nel momento di iniziare i lavori, eseguirà in marmo di Candoglia. don Vito Barbaglio, presidente della Per accedere al presbiterio si saliranno Commissione per la revisione pro- cinque gradini (uno sostituisce grammata della cattedrale, ringrazia il gradone già citato); verrà tolto i grandi sponsor dell iniziativa, la anche l attuale gradino dell area Fondazione Cariplo di Milano, presbiterale: scelte funzionali, dettate l Associazione Popolare Crema per da motivi di praticità e sicurezza. il territorio, la Stogit spa (Eni) e i Spariscono l attuale cancellata, gli numerosi altri benefattori che hanno ingombranti ingressi marmorei contribuito e contribuiranno a un della cripta (sostituiti con elementi Progetto2:Layout evento storico per 2 la nostra città. 11:11 Pagina 1 Il notevole degrado del lunotto del portale centrale, visibile a occhio nudo Tetti sconnessi arbusti dappertutto Cotti degradati Pavimento compromesso l Udito Naturale: Spatial Sound udito Il tuo non è mai stato così bello. 4APPARECCHI ACUSTICI DIGITALI IN PROVA GRATUITA 4AZIENDA AUTORIZZATA ALLE FORNITURE ASL/INAIL DI TUTTE LE MARCHE 4ASSISTENZA A DOMICILIO GRATUITA sentire ed essere 4PILE, ASSISTENZA E RIPARAZIONI DI APPARECCHI ACUSTICI 4PAGAMENTI RATEALI PERSONALIZZATI APERTO TUTTI I GIORNI dalle 9 alle 12,30 pomeriggio su appuntamento Via Borgo S. Pietro, 15 ascoltati Tel ESAME DELL UDITO GRATUITO

4 Dall Italia e dal mondo 4 SABATO 13 NOVEMBRE 2010 IRAQ: cristiani braccati i stanno braccando ovun- con queste parole il Cque : patriarca di Babilonia dei Caldei, il card. Mar Emmanuel III Delly, ha descritto la nuova, ennesima, ondata di violenza che sta scuotendo la comunità cristiana irachena, iniziata ormai il 31 ottobre, giorno della carneficina, a opera di Al Qaeda, nella chiesa siro-cattolica di Baghdad e culminata negli attacchi alle case dei cristiani di questi ultimi giorni. Non possiamo fare nulla se non pregare, ha affermato il cardinale che non ha esitato a dire che stanno dando la caccia ai fedeli cristiani in ogni quartiere della capitale irachena. Sconcerto per questi attacchi è stato espresso dal Consiglio di sicurezza dell Onu, mentre il segretario di Stato vaticano, card. Tarcisio Bertone, ha parlato di sofferenza indicibile e ha auspicato che le autorità irachene prendano in seria considerazione la situazione dei cristiani iracheni. Intanto, secondo quanto annunciato dal card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, il 21 novembre, in tutte le diocesi italiane, si pregherà per i cristiani perseguitati in Iraq e per i loro persecutori. Il Sir ha intervistato il vicario patriarcale caldeo di Baghdad, mons. Shlemon Warduni. Com è la situazione oggi a Baghdad? Le cose sembrano andare meglio, non abbiamo notizie di attacchi e violenze contro la comunità cristiana. Tuttavia la situazione resta grave. Le case colpite negli ultimi due giorni sono state tredici con un numero imprecisato di vittime, probabilmente non solo cristiane, ma certamente vittime irachene innocenti. La paura è tanta tra la nostra gente, che ormai non esce quasi più, ma cerchiamo di andare avanti e, pregando, di farci coraggio. La Cei ha indetto per il 21 novembre una giornata di preghiera per i cristiani iracheni Ringrazio di cuore la Chiesa italiana, nella persona del card. Angelo Bagnasco. La decisione di indire una giornata di preghiera per i cristiani iracheni perseguitati, come anche per i nostri persecutori, ci riempie di gioia. È un segno della vicinanza delle diocesi italiane che ci stanno esprimendo la loro solidarietà. Preghiamo a nostra volta per la Chiesa italiana affinché il Signore la fortifichi sempre più. Se la vicinanza spirituale non manca, sembra invece latitare l impegno politico. Le vostre pressioni sembrano inutili, perché? Difficile dirlo. Non sappiamo più a chi rivolgerci, abbiamo parlato con le Istituzioni, con tanti rappresentanti del Governo e della comunità internazionale ma senza esito. A tutti abbiamo sempre chiesto di cooperare per la pace e per la giustizia. Parlare di pace non basta è urgente costruire la pace, creando lavoro, stabilità e rispetto dei diritti. La soluzione alle sofferenze patite dai cristiani, vorrei aggiungere, non è quella di allontanarli dal loro Paese di origine, come qualcuno, pensa o propone, ma di fare il bene e la sicurezza dell Iraq, mettendo da parte gli interessi di parte. Ma esistono delle misure concrete per fronteggiare la violenza? Innanzitutto servirebbe fermare il commercio di armi, la loro fabbricazione. Dobbiamo chiederci dove questi criminali prendono le armi, da chi le comprano, chi le fornisce loro. C è una gara nel produrre armamenti, piccoli e grandi, che vengono messi in mano a persone senza scrupoli. Altra urgenza è bloccare gli ingressi di stranieri nel nostro Paese, i terroristi non sono iracheni ma vengono da Paesi limitrofi e allora serve controllare al meglio le frontiere. Certamente ci sono anche iracheni tra le fila dei criminali, altrimenti non potrebbero conoscere gli orari delle chiese, le abitazioni dei nostri fedeli, i luoghi da loro frequentati. All origine della violenza c è la mancanza di sicurezza. Ora è stato raggiunto l accordo per la formazione del nuovo Governo ancora di Nuri al-maliki. Che ne pensa? Presto per dire. Qui le cose possono cambiare nel giro di pochissimo tempo, bisognerà attendere i fatti concreti prima di esprimere un giudizio. CONFERENZA SULLA FAMIGLIA Fattore famiglia: piano nazionale Adottare il fattore famiglia e dare attuazione al Piano nazionale per la famiglia. Questi gli impegni che emergono dalla Conferenza nazionale della famiglia che si è chiusa il 10 novembre a Milano. Al termine dell assise il Sir ha chiesto a Pierpaolo Donati, sociologo e direttore del Comitato tecnico-scientifico dell Osservatorio nazionale sulla famiglia, di tracciare un bilancio e delineare le prospettive aperte dall incontro. Qual è la sua impressione sulla Conferenza? Il bilancio è decisamente positivo: il clima è stato costruttivo, si è percepita la volontà di risolvere assieme i problemi e anche chi ha dimostrato posizioni differenti non l ha fatto con toni polemici, ma in un ottica positiva, per mettere a fuoco e risolvere i problemi reali del Paese. Questa è stata la seconda Conferenza sulla famiglia. Cosa è cambiato da Firenze 2007 a oggi? Qui è emersa la grande ricchezza della società civile per realizzare delle vere politiche familiari, soprattutto a livello locale. A Firenze, invece, l attenzione era centrata sullo Stato e le sue organizzazioni: in una prospettiva statalista si ragionava su quanta spesa potesse essere devoluta alle famiglie. Ancora oggi sullo sfondo c è certamente lo Stato sociale, in particolare nella sua nuova espressione federalista, ma la novità è rappresentata dall estrema ricchezza di esperienze in atto nei territori, spesso poco conosciute. La Conferenza ha espresso una nuova cultura, che chiede di affrontare i problemi concreti con un diverso assetto del welfare, che io chiamo sussidiario, plurale, societario. Nella Conferenza sono però emerse anche delle criticità: dai tagli ai fondi per le adozioni internazionali, alla riduzione del numero di consultori familiari, fino alla denuncia dell economista Luigi Campiglio, secondo il quale in 15 anni i fondi a disposizione della famiglia (come gli assegni familiari e i contributi per la maternità) sono diminuiti di oltre 11 miliardi di euro Certamente c è un problema di spesa, e io stesso ho lamentato gravissimi tagli per quanto riguarda le politiche familiari il fondo per la famiglia è stato ridotto a meno della metà nella prospettiva della legge di stabilità mentre negli ultimi anni c è stato un deprezzamento degli aiuti finanziari ed economici alle famiglie. Questo dato è assodato, e dimostra che in un momento di crisi economica lo Stato sociale non ce la fa. Ma il problema non è chiedere più soldi allo Stato, come fosse una mucca da mungere all infinito. In presenza di scarsità di risorse, piuttosto, tutti gli attori della società civile devono contribuire: le imprese con un welfare familiare aziendale, le fondazioni bancarie dando priorità alle politiche familiari sul territorio, le associazioni di categoria creando le condizioni per servizi family friendly, i Comuni adottando formule favorevoli alle famiglie numerose senza costi aggiuntivi I cambiamenti possibili, così, sono notevoli. Alla Conferenza si è parlato di fattore famiglia al posto del quoziente familiare. Qual è la differenza, e come fare in modo che non resti solo uno slogan? La concretezza dipenderà dalla volontà politica. La differenza tra quoziente e fattore famiglia, invece, è notevole: il quoziente familiare è una forma di redistribuzione degli aiuti alle famiglie attraverso una macchina pubblica che preleva le risorse per poi gestirne, appunto, la redistribuzione, mentre il fattore famiglia è basato sul principio di sussidiarietà alla tedesca. Questo significa lasciare alla famiglia il reddito minimo per una vita decente, senza alcuna tassazione, mentre viene tassato ciò che supera questo livello. In più, le famiglie che non arrivano a quel livello di vita minima decente ricevono la tassa negativa sul reddito, ossia una somma che colma il divario tra il loro reddito reale e quel livello minimo. In secondo luogo il fattore famiglia non richiede una grande macchina burocratica, non implica problemi costituzionali né modificazioni del sistema fiscale ed è modulabile: se a regime si stima possa costare 16 miliardi di euro, può essere applicato gradualmente a partire da 2-4 miliardi. Già nel 2007 lei parlò di un piano nazionale di politiche per la famiglia. Ora siamo nuovamente di fronte a una bozza: quali le prossime tappe per darvi attuazione? Allora predisposi una bozza che non venne recepita dal governo, e che è diventata l infrastruttura del nuovo piano, arricchito dai lavori dell Osservatorio e del Comitato tecnico-scientifico. Compito dell Osservatorio, adesso, è prendere in considerazione i numerosi materiali presentati alla Conferenza, esaminarli e integrare questa bozza. Così, tra 2-3 mesi, potrà essere presentato il piano definitivo. Poi, però, questo dovrà essere valutato dal governo, avere il parere della Conferenza Stato-Regioni, passare nelle commissioni parlamentari e da ultimo tornare al governo per la decisione finale. E se, nel frattempo, dovesse cadere l attuale governo? Noi siamo, come Osservatorio, un organismo tecnico-scientifico. Da parte nostra consegneremo il Piano al governo in carica in quel momento, il quale deciderà che farne. Altri servizi sulla Conferenza in

5 SABATO 13 NOVEMBRE 2010 In primo piano 5 I sacerdoti in mezzo a noi L ACCOGLIENZA DI PERSONE SVANTAGGIATE COME SCELTA STRUTTURALE DELLA VITA DELLA COMUNITÀ. LA PRESENZA SIGNIFICATIVA DEL PARROCO DON LUCIANO LA COMUNITÀ ALLOGGIO DELLA PARROCCHIA DI SAN GIACOMO Nelle foto, a sinistra don Luciano con il festeggiato Emilio; a destra il gruppo familiare al completo. Sotto, il cortile della Casa e una camera da letto per gli ospiti di GIORGIO ZUCCHELLI sacerdoti in mezzo a noi, anche I a servizio degli ultimi. È il caso di don Luciano Cappelli, della parrocchia di San Giacomo della città di Crema che ospita una Comunità alloggio unica nel suo genere nell intera provincia. La storia ha origini lontane. Fin dagli anni 70 il compianto parroco don Agostino Cantoni aveva realizzato un Casa Famiglia per l accoglienza dei disabili. Famiglie della comunità prendevano in casa uno o due ragazzi svantaggiati, affiancati dai giovani obiettori del servizio civile e da volontari. I tempi sono poi cambiati. Tolto il servizio militare obbligatorio da parte dello Stato è venuto meno l impegno del volontariato, la parrocchia di San Giacomo s è trovata davanti al dilemma di come mandare avanti l accoglienza ai portatori di handicap. All arrivo del nuovo parroco don Luciano, esistevano tre case famiglia che però versavano in gravi difficoltà. Don Agostino aveva proposto di trasferirle in una struttura, la Casa Emmaus, allestita a Ricengo, un paese a una decina di chilometri da Crema. Ma sarebbe stata una sorta di ghettizzazione per gli ospiti. Allora racconta don Luciano ho interpellato il Consiglio Pastorale Parrocchiale. Ne abbiamo discusso per circa un anno, con la chiara volontà di non cancellare la grande e storica esperienza delle Case-famiglia di San Giacomo. Alla fine si è deciso di ristrutturare uno dei tre edifici che le ospitava (in via Pesadori 13 a Crema) nel quale raccogliere tutti gli ospiti delle altre case. La parrocchia si è accollata in toto l iniziativa, ma ha dovuto strutturarla costituendo una cooperativa che la gestisse e potesse godere di finanziamenti pubblici. Presidente è, un laico, il dott. Domenico Mainardi, vicepresidente è il parroco pro tempore; i membri del CdA fanno parte del consiglio pastorale. Ristrutturato l edificio secondo le norme dell Asl, la nuova realtà ha preso il via. Ed è una delle poche nel territorio provinciale, l unica che è nata da una parrocchia. Oggi si configura come Comunità alloggio per disabili psicofisici accreditata con la Regione afferma il coordinatore Alberto Fugazzola che diventa Centro Socio Sanitario (Css) per disabili; gli ospiti infatti vengono assistiti anche sotto l aspetto socio sanitario. È una comunità residenziale aperta 365 giorni all anno, che ospita attualmente sei disabili (è previsto un settimo posto, ma per le emergenze), la maggior parte dei quali sono orfani, altri hanno situazioni familiari non in grado di gestirli. Uno di essi è a San Giacomo dal 1991, un altro addirittura dal La struttura offre loro la possibilità di restare in città e di godere di uno stile di vita familiare. Nella casa lavorano sei operatori professionali, guidati da un coordinatore e coadiuvati da volontari del Gruppo handicap di San Giacomo. Sono presenti giorno e notte, con turni prestabiliti, sempre con la collaborazione dei volontari, che danno una mano soprattutto nel weekend. La struttura è infatti sempre aperta, proprio come una qualsiasi famiglia. Un bell impegno! Per quanto riguarda le risorse economiche, la Comunità riceve contributi dai Comuni di origine degli ospiti, un finanziamento dalla regione Lombardia... con l aggiunta di qualche donazione. Ce la caviamo afferma Alberto gestiamo un bilancio familiare, quello che abbiamo lo spendiamo. La serenità di questi ragazzi aggiunge don Luciano è proprio quella di sentirsi in famiglia. Conoscono molto bene gli operatori e la piccola dimensione favorisce un clima affettivo oltre che educativo. Ogni ospite ha un programma educativo individualizzato che viene stilato dagli operatori della casa insieme agli assistenti sociali e a un componente della famiglia d origine, se esiste ancora. Di tutto si deve render conto ai Servizi sociali della Regione Lombardia. Il lavoro degli operatori è condividere la vita degli ospiti. Dalla mattina quando ci alziamo, facciamo colazione spiega Alberto e poi portiamo alcuni a scuola, altri nei Centri diurni. Pochi restano qui in comunità. Alle 16 tutti tornano a casa, si fa merenda, si passa il pomeriggio insieme. Comunque nella giornata ogni ragazzo ha i suoi impegni previsti dal progetto educativo personale. Alcuni fanno equitazione (ippoterapia), altri sport, altri teatro, altri nuoto... Insomma, viviamo la vita normale di una famiglia normale. Gli ospiti è don Luciano che continua avvertono fortemente questo clima di famiglia e si affezionano a un operatore o l altro. Percepiscono di essere amati. Anche tra loro ragazzi, riconoscono che questa è la loro famiglia. La casa è strutturata su due piani: al piano terra, la zona giorno con la grande cucina, centro della vita comune, e una sala della televisione; al piano superiore la zona notte, dove vi sono le camere per i maschi, quella per le femmine e per l operatore di turno. I bagni sono attrezzati, tra i due piani c è il servizio di ascensore. E dal punto di vista della pastorale parrocchiale? La condivisione di vita con i disabili spiega don Luciano è sempre stato uno dei punti forti di questa parrocchia. Anche il fatto che il CPP non ha voluto mollare l esperienza, dimostra come l idea sia fortemente radicata: la si ritiene espressione strutturale della parrocchia stessa. Gli ospiti infatti partecipano alla Messa della domenica e alle attività dell oratorio, alcune famiglie di domenica li invitano anche a pranzo. Il parroco, da parte sua, è un presenza significativa all interno della Casa ed è il collante tra di essa e la parrocchia. È colui che ci sprona a essere presenti nella vita della comunità spiega Alberto frequentando gli incontri che la parrocchia offre. Questa struttura vuole essere un segno per rimanere sempre con gli occhi vigili verso coloro che hanno più bisogno. Le risposte che si hanno dai gruppi dei giovani sono positive. Tanto è vero che la parrocchia riesce a organizzare ogni anno le vacanze estive di condivisione al mare e in montagna, grazie all apporto di una cinquantina di volontari che vengono anche da altre comunità. Non abbiamo richiesto il servizi civile conclude il parroco proprio perché vogliamo caratterizzare la presenza nella Casa come assolutamente gratuita e spinta solo dalla passione per gli ultimi. E questo è conforme proprio alle indicazioni del Consiglio Pastorale... Stiamo ancora parlando e arrivano gli ospiti... Oggi Emilio compie gli anni e si fa festa, tutti insieme, con torta e Coca Cola! natale esclusivo Il gusto speciale del tuo Natale CONFEZIONI regalo Via Milano 39, Crema Tel

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Diocesi di Bergamo Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Lo scorso 30 settembre Papa Francesco ha annunciato l evento straordinario della Canonizzazione di Papa Giovanni

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565 Il Vescovo di Crema Alle Parrocchie di Palazzo Pignano, Cascina Caprio, Cascina Gandini, riunite in unità pastorale; al parroco, don Benedetto Tommaseo, al cappellano, don Ernesto Mariconti al consiglio

Dettagli

FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE. Nardò, 26 Gennaio 2013

FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE. Nardò, 26 Gennaio 2013 FESTA DIOCESANA UNITARIA della PACE PAC E I N S I E M E I N P R I M A F I L A P E R L A LA PIENEZZA E LA MOLTECIPLITA DEL CONCETTO DI PACE Nardò, 26 Gennaio 2013 In quest anno dedicato alla FEDE e così

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione Chiesa Evangelica Valdese unione delle chiese metodiste e valdesi Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione 1) Mi presento inserisci in forma anonima i tuoi dati Sesso F M Professione Lavoratore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali La nostra identità si basa sulla coerenza con il progetto fondamentale di San Vincenzo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA

IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA IL GEMELLAGGIO, ESPERIENZA DI CHIESA CHE SI FA PROSSIMA «Penso che forse gemellaggi tra città, tra famiglie, tra parrocchie, potrebbero aiutare. Noi abbiamo in Europa, adesso, una rete di gemellaggi, ma

Dettagli

Un sogno per la nostra Comunità

Un sogno per la nostra Comunità Un sogno per la nostra Comunità In attesa del 2014 50 anni della nostra chiesa Aiutiamoci perchè il sogno possa diventare realtà! Non c è tempo da perdere Il 7 giugno 1964, grazie a don Silvio Bronsino

Dettagli

LA BEATIFICAZIONE. Milano, domenica 25 ottobre 2009

LA BEATIFICAZIONE. Milano, domenica 25 ottobre 2009 LA BEATIFICAZIONE Milano, domenica 25 ottobre 2009 79 «C è una bella Italia in piazza Duomo davanti all urna del beato don Gnocchi, un Italia che non sempre vediamo, che si ritrova nel bene e nel coraggio

Dettagli

Intervista esclusiva per Oggi Sposi a Don Luca Violoni, segretario generale della Fondazione Milano Famiglie 2012, in occasione del Family Day 2012.

Intervista esclusiva per Oggi Sposi a Don Luca Violoni, segretario generale della Fondazione Milano Famiglie 2012, in occasione del Family Day 2012. Intervista esclusiva per Oggi Sposi a Don Luca Violoni, segretario generale della Fondazione Milano Famiglie 2012, in occasione del Family Day 2012. di Matteo Losa I l 7 Incontro Mondiale delle Famiglie,

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009 Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato Quirinale, 4 dicembre 2009 Saluto il Ministro Sacconi, il ministro Maroni, il sottosegretario

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli