Concetto Sondaggio nazionale tra i pazienti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concetto Sondaggio nazionale tra i pazienti"

Transcript

1 Allegato 1 Concetto Sondaggio nazionale tra i pazienti 6 luglio 2011 Basato sui documenti seguenti: (1) bozza del protocollo ESOPE/CHUV, Losanna ( ) (2) consultazione tra gli ospedali acuti ( ) (3) laboratorio esperti (4) laboratorio istituti di rilevamento (5) direttive del Comitato dell ANQ (6.4 e ) (6) riflessioni questionario nazionale ESOPE/CHUV, Losanna ( ) 1/15

2 Indice 1 Introduzione Requisiti per lo sviluppo di un sondaggio nazionale tra i pazienti Principi metodici Licenza questionario Selezione delle domande Approvazione delle domande Scala delle risposte Invio del questionario Formato del questionario Contenuto del questionario, vedi appendice Dati sociodemografici Dati dell ospedale Lettera di richiamo Ritorno del questionario Massa critica Anonimato Pubblico mirato Criteri di inclusione Criteri di esclusione Domande base per il primo sondaggio nazionale tra i pazienti Organizzazione e implementazione del sondaggio Istituto centrale di rilevamento Messa a disposizione del questionario Analisi dei dati Valutazione/pubblicazione Requisiti generali Istituti di rilevamento decentralizzati Messa a disposizione del questionario Elaborazione/trasferimento dei dati Requisiti generali Gruppo di accompagnamento Finanziamento Finanziamento da parte dell ANQ Finanziamento da parte degli ospedali /15

3 1 Introduzione La qualità delle prestazioni degli ospedali e di altri fornitori di prestazioni del sistema sanitario non può essere valutata sulla scorta di un unico indicatore. Bisogna ricorrere a misure diverse. La definizione di obiettivi in materia di qualità, lo svolgimento di confronti tra istituti (benchmarking) e il monitoraggio di provvedimenti di miglioramento presuppongono la presa in considerazione di indicatori validi e adeguati, il cui rilevamento e confronto su diversi livelli temporali, linguistici e culturali costituisce una sfida molto impegnativa. La soddisfazione dei pazienti e la valutazione dal punto di vista del paziente delle prestazioni di un ospedale sono indicatori di qualità universalmente riconosciuti. Rilevare la soddisfazione dei pazienti è nell interesse di tutte le parti coinvolte: fornitori di prestazioni (ospedali: monitoraggio della qualità e ricerca di potenziali di ottimizzazione), finanziatori (assicuratori, Cantoni: risultati del finanziamento convenuto), politici (gestione del sistema sanitario), pazienti (scelta di un ospedale). Al momento, in Svizzera la soddisfazione dei pazienti viene misurata con diversi questionari (vari offerenti, moduli redatti individualmente dagli ospedali) e sulla base di modalità differenti (consegna all ospedale, invio per posta, sondaggio in linea ecc.). L'auspicato confronto a livello nazionale risulta pertanto impossibile. Il Comitato dell Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ) ha incaricato un gruppo di esperti condotto da due suoi membri (Michael Heberer, Basilea, e Oliver Peters, Losanna) di elaborare proposte (27 ottobre 2010) e di allestire e attuare un sondaggio nazionale tra i pazienti (6 aprile 2011). La prima edizione di tale sondaggio è prevista per novembre/dicembre L obiettivo è quello di rilevare e pubblicare a intervalli regolari la soddisfazione dei pazienti nei confronti delle prestazioni degli ospedali svizzeri. In questo modo, si vuole raggiungere uno standard elevato che distingua tutti gli istituti elvetici e consentire agli ospedali con le migliori valutazioni di fungere da modello (benchmarking). Il sondaggio non ha invece lo scopo di stilare e pubblicare graduatorie. Il Comitato dell ANQ e gli esperti sono concordi nell affermare che la soddisfazione dei pazienti è solo uno dei numerosi indicatori che consentono di monitorare la qualità di un ospedale. 3/15

4 1.1 Requisiti per lo sviluppo di un sondaggio nazionale tra i pazienti L ANQ ha fissato i seguenti requisiti per lo sviluppo di un sondaggio nazionale tra i pazienti. 1) Occorre creare un blocco di cinque domande di base compatibile con diversi strumenti di sondaggio. Motivo: gli ospedali vogliono conservare e perfezionare gli strumenti di sondaggio impiegati finora. Gli obiettivi verificabili sono il confronto delle misure in momenti diversi e la differenziazione degli offerenti di prestazioni. 2) Le domande devono essere disponibili in italiano, tedesco e francese. Motivo: confronto tra regioni, coinvolgimento di pazienti di diverse lingue. 3) Le esperienze degli ospedali e degli istituti di rilevamento svizzeri devono essere considerate nella definizione delle domande di base e nell attuazione del sondaggio. Motivo: la competenza disponibile deve essere sfruttata, non si tratta di scoprire l acqua calda. 4) Il primo sondaggio deve essere effettuato alla fine di novembre 2011, in particolare per disporre di un valore di partenza prima dell introduzione di SwissDRG. Motivo: il sondaggio tra i pazienti è parte integrante del contratto nazionale di qualità. 5) Il primo anno, i risultati del sondaggio devono essere pubblicati in forma aggregata 1. Su richiesta di un ospedale, è possibile pubblicarli in forma individualizzata, forma che diventerà ufficiale dal Motivo: la trasparenza è una premessa fondamentale per migliorare. 6) Il nuovo sondaggio deve consentire di perfezionare il sondaggio nazionale breve. Motivo: dai risultati del primo sondaggio vanno estrapolate le conclusioni volte a migliorare il sondaggio stesso e la qualità della cura. 1 Decisione adottata in occasione della seduta del Comitato del 22 giugno /15

5 2 Principi metodici Sulla scorta dei riscontri degli ospedali e degli istituti di rilevamento, il gruppo di esperti ha determinato i principi seguenti. 2.1 Licenza questionario Il questionario non è soggetto a licenza. Tutti gli istituti di rilevamento e tutti gli ospedali possono utilizzarlo senza corrispondere altre tasse (vedi anche bando di concorso al punto 3.2). 2.2 Selezione delle domande Vengono poste cinque domande, la cui traduzione nelle tre lingue è stata approvata mediante ritraduzione (ospedale universitario di Basilea) e da un gruppo di esperti ( ). La validità, la rilevanza e l attualità dal punto di vista politico-sanitario di queste domande dovranno essere verificate a intervalli regolari ed eventualmente adeguate da un gruppo di esperti o da un gruppo di accompagnamento (vedi punto 5.3). 2.3 Approvazione delle domande Come detto al punto 2.2, dopo il rilevamento i dati devono essere nuovamente valutati a livello quantitativo nelle tre lingue ed eventualmente adeguati. Ciò avviene in collaborazione con l istituto di rilevamento centrale e con il gruppo di esperti o il gruppo di accompagnamento ANQ allo scopo di ottenere un perfezionamento continuo. 2.4 Scala delle risposte È prevista una scala da uno a dieci, ma senza punti intermedi. La crocetta deve quindi essere apposta esattamente su un punto. Esempio Ritornerebbe nel nostro ospedale per lo stesso tipo di trattamento? Apponga la crocetta sulla risposta che fa al caso. no, assolutamente sì, certamente 2.5 Invio del questionario L ospedale deve inviare per posta A il questionario e una busta preaffrancata due-sette settimane dopo la dimissione del paziente. La consegna del questionario all ospedale non è consentita. 5/15

6 2.6 Formato del questionario Il questionario viene consegnato in formato A4: a) come modulo a sé stante con indirizzo di risposta stampato o b) come prima pagina dei consueti questionari per i pazienti. 2.7 Contenuto del questionario, vedi appendice 2 Oltre alle cinque domande di base, che dovranno trovare posto in una pagina A4, occorrerà allegare la consueta lettera di accompagnamento contenente i criteri dell ANQ che informerà i pazienti sul sondaggio nazionale. Anche se le cinque domande di base vengono inviate come questionario a sé stante, una lettera di accompagnamento contenente i criteri dell ANQ dovrà informare i pazienti sul sondaggio nazionale. 2.8 Dati sociodemografici Oltre alle cinque domande, vanno rilevati i dati sociodemografici seguenti: a) data di nascita del paziente (età); b) sesso; c) stato assicurativo (reparto comune, coperture complementari). 2.9 Dati dell ospedale Sull ospedale servono i dati seguenti: a) nome dell ospedale; b) categoria ospedaliera (categoria UST); c) numero di questionari inviati a pazienti dimessi (calcolo del tasso di riscontro). Altre caratteristiche della degenza, come entrata d urgenza/pianificata, medicina, chirurgia ecc., non vengono rilevate, dato che il sondaggio nazionale persegue un obiettivo globale che va oltre queste condizioni quadro specifiche. Gli istituti di rilevamento e gli ospedali possono accordarsi per effettuare valutazioni più specifiche Lettera di richiamo Per il sondaggio nazionale si rinuncia all invio di una lettera di richiamo Ritorno del questionario Il questionario viene ritornato all istituto di rilevamento centrale o decentralizzato con la busta a finestra allegata (indirizzo indicato sul questionario generale, rispettivamente sul consueto questionario). 6/15

7 2.12 Massa critica a) Tutti i pazienti dimessi durante il mese in cui viene effettuata la misura devono ricevere un questionario. b) Si esige un ritorno di almeno cento questionari. c) Gli ospedali che non raggiungono i cento questionari ritornati nel mese in cui viene effettuata la misura vengono valutati insieme (gruppo: ospedali di dimensioni minori). Questi ospedali possono eventualmente essere riuniti in gruppi regionali che raggiungano la massa critica richiesta Anonimato L anonimato del sondaggio deve essere garantito. Gli istituti di rilevamento devono adottare standard operating procedures (SOP) che assicurino un attuazione del sondaggio conforme alla protezione dei dati. a) Proprietà dei dati I dati sono di proprietà degli ospedali. La pubblicazione deve essere autorizzata dagli ospedali (nel quadro del contratto nazionale di qualità). b) Hotline Gli ospedali devono mettere a disposizione dei pazienti una hotline per rispondere a eventuali domande. Tale hotline può essere gestita dallo stesso ospedale o da terzi. 7/15

8 3 Pubblico mirato 3.1 Criteri di inclusione a) Pazienti adulti (> 18 anni al momento della dimissione) b) Nel corso del mese in cui viene effettuata la misura, i pazienti adulti ricevono un questionario anche se vengono ricoverati e dimessi più volte c) Degenza somatica acuta d) Degenza ospedaliera superiore alle 24 ore e) Dimissione nel corso del mese in cui si effettua la misura 3.2 Criteri di esclusione a) Pazienti deceduti nel corso della degenza ospedaliera o del periodo in cui si svolge il sondaggio b) Pazienti che vengono ricoverati e dimessi più volte durante il mese in cui viene effettuata la misura (questi pazienti ricevono un solo questionario) 8/15

9 4 Domande base per il primo sondaggio nazionale tra i pazienti Fondamentalmente, il gruppo di esperti è partito dall idea che un blocco di domande di base combinabile con diversi strumenti di sondaggio dovesse essere breve e mirato, e non potesse ambire a contemplare tutte le dimensioni della soddisfazione dei pazienti. È stato proposto un questionario di quattro-otto domande, poiché i sondaggi complementari e di approfondimento comprendono di solito tra le quindici e le sessante domande. In questo modo, le domande di base vengono chiaramente separate dal questionario complementare. I contenuti sono stati scelti in base allo stato effettivo di un tipico ospedale svizzero. I pazienti devono essere soddisfatti (domande 1 e 2) e viene annessa grande importanza alle informazioni fornite dai medici e dal personale di cura (domande 3 e 4). Ci si aspetta inoltre che ogni paziente di un ospedale svizzero venga trattato con rispetto e dignità (domanda 5). Dato che questi obiettivi sono validi per tutti i reparti somatici acuti, una valutazione dei singoli ospedali è possibile ed efficace senza dover prima procedere a una differenziazione secondo i vari settori medici. Il questionario breve lascia una sufficiente libertà d azione per aggiungere altre domande volte a differenziare i riscontri dei pazienti e ad analizzare determinati fattori. Il blocco di cinque domande di base è stato creato dal gruppo di esperti e standardizzato in italiano, tedesco e francese. A tale scopo, si è fatto ricorso a una procedura qualitativa (n = 60) e a due procedure quantitative (502 e 5926 risposte) presso l ospedale universitario di Basilea (mixed methods design). Le analisi di questi lavori preliminari hanno dimostrato che le cinque domande scelte non sono influenzate in modo importante dal contesto di altre domande, il che favorisce la combinazione con altri strumenti di sondaggio. 9/15

10 Le domande seguenti sono state concepite per il primo sondaggio e valutate in vista della traduzione (laboratorio esperti ). Nationaler Kurzfragebogen 1. Würden Sie für dieselbe Behandlung wieder in dieses Spital kommen? auf keinen Fall auf jeden Fall 2. Wie beurteilen Sie die Qualität der Behandlung, die Sie erhalten haben? sehr schlecht ausgezeichnet 3. Wenn Sie fragen an einen Arzt oder eine Ärztin stellten, bekamen Sie verständliche Antworten? nie immer ich habe keine Fragen gestellt 4. Wenn Sie Fragen an das Pflegepersonal stellten, bekamen Sie verständliche Antworten? nie immer ich habe keine Fragen gestellt 5. Wurden Sie während Ihres Spitalaufenthaltes mit Respekt und Würde behandelt? nie immer 10/15

11 Questionnaire national 1 Choisiriez-vous de revenir dans notre hôpital pour une prise en charge similaire? non, pas du tout oui, tout à fait 2. Que pensez-vous de la qualité des soins que vous avez reçus à l hôpital? très mauvaise excellente 3. Lorsque vous avez posé des questions aux médecins, avez-vous reçu des réponses compréhensibles? non, jamais je n ai pas posé de questions oui, toujours 4. Lorsque vous avez posé des questions aux infirmier(ère)s, avez-vous reçu des réponses compréhensibles? non, jamais je n ai pas posé de questions oui, toujours 5. Estimez-vous que le personnel hospitalier vous a traité(e) avec respect et a préservé votre dignité? non, jamais oui, toujours 11/15

12 Questionario nazionale 1 Ritornerebbe nel nostro ospedale per lo stesso tipo di trattamento? no, assolutamente sì, certamente 2. Come valuta la qualità delle cure ricevute? pessima ottima 3. Quando ha rivolto domande ad un medico, ha ottenuto risposte comprensibili? mai sempre non ho posto nessuna domanda 4. Quando ha rivolto domande ad una infermiera o ad un infermiere, ha ottenuto risposte comprensibili? mai non ho posto nessuna domanda sempre 5. Durante la sua degenza è stata/o trattata/o con rispetto e la sua dignità preservata? mai sempre 12/15

13 5 Organizzazione e implementazione del sondaggio 5.1 Istituto centrale di rilevamento I requisiti e i compiti di un istituto centrale di rilevamento nello svolgimento del sondaggio nazionale tra i pazienti sono i seguenti Messa a disposizione del questionario Creazione e messa a disposizione di un questionario chiaro e comprensibile, incl. lettera di accompagnamento (vedi anche criteri lettera di accompagnamento nell appendice 1) Raccolta delle firme per la lettera di accompagnamento ai pazienti se il sondaggio non coinvolge un istituto di rilevamento decentralizzato Richiesta del numero della hotline del relativo interlocutore per i pazienti negli ospedali se il sondaggio non coinvolge un istituto di rilevamento decentralizzato Analisi dei dati Determinazione del formato per l aggregazione dei dati dell istituto di rilevamento decentralizzato (codebook, interfaccia) Calcolo del tasso di riscontro Analisi descrittiva Analisi comparativa Aggregazione dei dati degli ospedali acuti svizzeri Revisione dei dati (missing values, plausibilizzazione) Valutazione/pubblicazione Comunicazione dei risultati specifici dell istituto agli ospedali e alle cliniche partecipanti Integrazione dei commenti degli ospedali e delle cliniche Preparazione dell interpretazione e della pubblicazione all attenzione dell ANQ; il primo anno (2011), i dati vengono valutati in forma aggregata Requisiti generali Documentazione della perizia e dell'esperienza nella valutazione dei sondaggi Documentazione di un concetto di protezione dei dati Disponibilità all integrazione di un gruppo di esperti allo scopo di perfezionare il sondaggio nazionale 13/15

14 Spiegazione che il primo sondaggio può essere svolto nel periodo fissato dall'anq 5.2 Istituti di rilevamento decentralizzati I requisiti degli istituti di rilevamento decentralizzati si basano sulle direttive dell istituto centrale di rilevamento. L elenco seguente non è completo Messa a disposizione del questionario Messa a disposizione del questionario generale all istituto centrale di rilevamento (domande di base) in un formato compatibile Raccolta delle firme per la lettera di accompagnamento ai pazienti Richiesta del numero della hotline del relativo interlocutore per i pazienti negli ospedali Elaborazione/trasferimento dei dati Ricezione delle risposte al sondaggio, per posta o in formato elettronico (internet) Scannerizzazione delle risposte per posta (non è consentito copiare a mano i questionari) Attribuzione delle variabili sociodemografiche Inoltro dei dati resi anonimi, del numero di questionari inviati e dei dati sull ospedale all istituto centrale di rilevamento, al più tardi dodici settimane dopo la dimissione del paziente Requisiti generali Documentazione della perizia e dell esperienza nei sondaggi tra i pazienti Documentazione di un concetto di protezione dei dati I dati seguenti, in merito ai quali l ospedale e l istituto di rilevamento possono accordarsi, non sono obbligatori. Messa a disposizione di un questionario complementare che gli ospedali inviano con quello nazionale Registrazione e valutazione del questionario complementare 5.3 Gruppo di accompagnamento Si consiglia di formare un gruppo di accompagnamento o un gruppo di esperti quale supporto scientifico per il perfezionamento, l attuazione, l interpretazione e i sondaggi 14/15

15 successivi. Fondamentalmente, si è optato per il coinvolgimento di esperti dei cinque ospedali universitari e di un gruppo ticinese. Al gruppo possono aggiungersi altri esperti. 6 Finanziamento Dal 1 gennaio 2011, gli ospedali acuti che hanno aderito al contratto nazionale di qualità corrispondono all ANQ un contributo annuo calcolato sulla base delle dimissioni dopo una degenza ospedaliera acuta 2. Le spese per le misure degli istituti di rilevamento concernenti il questionario generale sono finanziate dall ANQ, che corrisponde questi costi all istituto centrale di rilevamento secondo gli accordi contrattuali. L istituto centrale di rilevamento indennizza gli istituti di rilevamento decentralizzati ai sensi di un accordo contrattuale separato unitario. I costi di eventuali analisi supplementari per terzi devono essere fatturate dagli istituti di rilevamento direttamente ai committenti. 6.1 Finanziamento da parte dell ANQ L ANQ finanzia le prestazioni dell istituto centrale di rilevamento, in particolare: a) la stampa del questionario generale o la creazione del file PDF; b) le spese di risposta per i pazienti; c) l informazione degli ospedali e la successiva pubblicazione. 6.2 Finanziamento da parte degli ospedali a) La consegna del questionario, incl. le spese di posta A b) La consegna e la valutazione di questionari supplementari decentralizzati da parte degli istituti di rilevamento c) la hotline per i pazienti 2 Estratto dal documento sull attuazione del contratto nazionale di qualità, 23 maggio /15

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

Principi per l accettazione delle richieste di dispensa dalle misurazioni del piano nazionale. Approvati il 24 giugno 2014 dal Comitato.

Principi per l accettazione delle richieste di dispensa dalle misurazioni del piano nazionale. Approvati il 24 giugno 2014 dal Comitato. Principi per l accettazione delle richieste di dispensa dalle misurazioni del piano nazionale Approvati il 24 giugno 2014 dal Comitato. 1. Introduzione Il presente documento definisce una procedura sistematica

Dettagli

A cura di Giorgio Mezzasalma

A cura di Giorgio Mezzasalma GUIDA METODOLOGICA PER IL MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE FSE P.O.R. 2007-2013 E DEI RELATIVI PIANI OPERATIVI DI COMUNICAZIONE ANNUALI A cura di Giorgio Mezzasalma

Dettagli

Legge federale sull assicurazione malattie

Legge federale sull assicurazione malattie Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) (Finanziamento ospedaliero) Modifica del 21 dicembre 2007 L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

EDIZIONE 2015. Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA.

EDIZIONE 2015. Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA. EDIZIONE 2015 Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA. Informazione per i clienti del programma di bonus BENEVITA. Qui di seguito le forniamo brevi e comprensibili

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza

Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Modulo di domanda d ammissione come membro collettivo della SGfB con certificazione di formazioni in materia di consulenza Osservazioni preliminari La varietà delle formazioni certificate dalla SGfB dimostra

Dettagli

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze

Regolamento per l ottenimento degli attestati modulari 1 e 2 con verifica delle equivalenze Commissione qualità Ufficio qualificazione INTERPRET c/o IDEA sagl Piazza Nosetto 3 6500 Bellinzona Tel. 091 858 02 15 Fax 091 840 11 44 qualification@inter-pret.ch Regolamento per l ottenimento degli

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

Concetto di analisi ANQ

Concetto di analisi ANQ Concetto di analisi ANQ Sondaggio nazionale tra i pazienti dal 2012 Versione 2.0, settembre 2013/GR Indice Premessa... 3 1. Situazione di partenza... 3 2. Metodo sviluppo del questionario dell ANQ... 3

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia 861.1 del 9 dicembre 2002 (Stato 1 febbraio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 9 della legge

Dettagli

Standard di qualità swissstaffing

Standard di qualità swissstaffing Pag. 1 Standard di qualità swissstaffing In generale Nell articolo che enuncia lo scopo, swissstaffing garantisce ai suoi partner commerciali, anche mediante direttive e standard chiaramente definiti,

Dettagli

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE PER LA CREAZIONE DEGLI ELABORATI SEZIONE PORTFOLIO SITO DEDICATO AL PROGETTO ITALIA CREATIVA ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Premessa: Il presente Concorso

Dettagli

Sintesi. Berna, 25 febbraio 2011

Sintesi. Berna, 25 febbraio 2011 Berna, 25 febbraio 2011 SwissDRG: protezione dei dati e segreto medico nell ambito della fatturazione delle prestazioni ospedaliere secondo il nuovo sistema di rimunerazione forfettaria Sintesi Con il

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e l ANCINE

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e l ANCINE Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e l ANCINE La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia (Fondazione CSC), con finalità di

Dettagli

ACCORDO EUROPEO SU UN CODICE DI CONDOTTA VOLONTARIO IN MATERIA DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER I CONTRATTI DI MUTUO DESTINATI ALL ACQUISTO O ALLA

ACCORDO EUROPEO SU UN CODICE DI CONDOTTA VOLONTARIO IN MATERIA DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER I CONTRATTI DI MUTUO DESTINATI ALL ACQUISTO O ALLA ACCORDO EUROPEO SU UN CODICE DI CONDOTTA VOLONTARIO IN MATERIA DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER I CONTRATTI DI MUTUO DESTINATI ALL ACQUISTO O ALLA TRASFORMAZIONE DI IMMOBILI RESIDENZIALI ( ACCORDO )

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo

Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo Lettera d invito a presentare offerte Busta 1 Gentili signori e signore, Oggetto: Riferimento: Gara a procedura aperta per la fornitura di servizi di stampa gestiti presso l Istituto Universitario Europeo

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it Prot. n. 841/2014 AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI NATURA PROFESSIONALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LA GESTIONE DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

Dettagli

INVITO A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI GARA. 1. L Istituto Universitario Europeo (IUE), intende aggiudicare l appalto pubblico in oggetto.

INVITO A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI GARA. 1. L Istituto Universitario Europeo (IUE), intende aggiudicare l appalto pubblico in oggetto. Il testo italiano è una traduzione da quello originale in lingua inglese per consentire una maggiore fruibilità dello stesso da parte dei concorrenti interessati. In caso di dubbio, disputa o involontario

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015 Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 26/11/2015 Data di scadenza della selezione: 18/12/2015 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con DRD n. 2817/2015 - Visto il Regolamento per il conferimento a terzi

Dettagli

446.11 Ordinanza sulla promozione delle attività extrascolastiche di fanciulli e giovani

446.11 Ordinanza sulla promozione delle attività extrascolastiche di fanciulli e giovani Ordinanza sulla promozione delle attività extrascolastiche di fanciulli e giovani (Ordinanza sulla promozione delle attività giovanili extrascolastiche, OPAG) del 17 ottobre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

Dettagli

Direttive di esame OAut

Direttive di esame OAut Umsetzung CZV Attuazione OAut Direttive di esame OAut Approvate dalla gestione del progetto di attuazione dell'oaut il 15 aprile 2009 Emanate d'intesa con l'ufficio federale delle strade (USTRA) Per una

Dettagli

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale.

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale. S T A T U T I I. DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 - Generalità Con il nome dell Associazione Svizzera delle Imprese di Rimozione Amianto e Bonifiche (abbreviato ASIRAB) viene costituita un associazione

Dettagli

Regolamento per il sostegno dei progetti di Memoriav Versione del 4 marzo 2014 approvata dall Assemblea generale di Memoriav il 4 aprile 2014

Regolamento per il sostegno dei progetti di Memoriav Versione del 4 marzo 2014 approvata dall Assemblea generale di Memoriav il 4 aprile 2014 Regolamento per il sostegno dei progetti di Memoriav Versione del 4 marzo 2014 approvata dall Assemblea generale di Memoriav il 4 aprile 2014 Sezione 1: Informazioni generali Art. 1 Principi Il presente

Dettagli

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 -

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - Europe Direct Frosinone, centro di informazione e comunicazione europea ospitato dalla Provincia di Frosinone ed appartenente alla rete Europe Direct,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE.

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE. BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE E SUCCESSIVA EROGAZIONE DI N. 3 BORSE DI STUDIO NELL AMBITO DEL PROGETTO GASTROSCOPIA VIRTUALE. Articolo 1 - La Fondazione Clinical Industrial Research Park e la tipologia

Dettagli

Guida al colloquio d esame

Guida al colloquio d esame Guida al colloquio d esame Allegato A3 Requisiti e disposizioni per le candidate e i candidati così come indicatori e criteri per la valutazione dell esame orale: colloquio d esame (guida al colloquio

Dettagli

412.106.141 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.141 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento del personale IUFFP) del 22 settembre 2006 (Stato 27 dicembre

Dettagli

Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione ".ch"

Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione .ch Contratto di registrazione di un nome a dominio con estensione ".ch" Entrata in vigore: 14 febbraio 2013 (versione 4) 1 DEFINIZIONI 2 2 CONCLUSIONE E PARTI INTEGRANTI DEL CONTRATTO DI REGISTRAZIONE DI

Dettagli

Regolamento SPAK per l'ispezione degli ambulatori 1.1.2011

Regolamento SPAK per l'ispezione degli ambulatori 1.1.2011 Regolamento SPAK per l'ispezione degli ambulatori 1.1.2011 Periodiche ispezioni degli ambulatori costituiscono parte integrante dei provvedimenti per la garanzia di qualità e sono tra i requisiti richiesti

Dettagli

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni (ORAT) Modifica del 9 marzo 2007 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 6 ottobre 1997 1 concernente

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Gestione dei dati per le misure nazionali della qualità nella psichiatria ospedaliera

Gestione dei dati per le misure nazionali della qualità nella psichiatria ospedaliera Gestione dei dati per le misure nazionali della qualità nella psichiatria ospedaliera Informazione per gli responsabili di progetto Dott. Bernhard Bührlen UPK Basilea, Dept. Evaluazione Tel. (061) 325

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Regolamento sul sistema permanente di valutazione delle progressioni economiche all interno della categoria, dei dipendenti comunali

Regolamento sul sistema permanente di valutazione delle progressioni economiche all interno della categoria, dei dipendenti comunali Comune di Villamar Prov.del Medio Campidano Prazza de Corti n 1 - C.a.p. 09020 - Tel. 070-9306901 - Fax 070-9306017 - P.I. 01345070922 - C.F. 82002010922 Regolamento sul sistema permanente di valutazione

Dettagli

«Comune amico dei bambini»

«Comune amico dei bambini» «Comune amico dei bambini» Un iniziativa dell UNICEF per situazioni di vita a misura di bambino in Svizzera Obiettivo Comuni amici dei bambini I bambini sono il nostro futuro. La Convenzione dell ONU sui

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

Regolamento concernente il personale del Museo nazionale svizzero

Regolamento concernente il personale del Museo nazionale svizzero Regolamento concernente il personale del Museo nazionale svizzero (Regolamento del personale del MNS) del settembre 00 (Stato º gennaio 06) approvato dal Consiglio federale il 7 ottobre 0 Il consiglio

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Capitolo 4 1. REQUISITI GENERALI L Azienda DSU Toscana si è dotata di un Sistema di gestione per la qualità disegnato in accordo con la normativa UNI EN ISO 9001:2008. Tutto il personale del DSU Toscana è impegnato

Dettagli

D.R. n. 57 IL RETTORE

D.R. n. 57 IL RETTORE RIPARTIZIONE LEGALE, ATTI NEGOZIALI ED ISTITUZIONALI UFFICIO AFFARI ISTITUZIONALI D.R. n. 57 OGGETTO: Avviso pubblico per la selezione di candidature alla nomina di n. 1 componente esterno del Consiglio

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa

COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma. Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa COMUNE DI GROTTAFERRATA Provincia di Roma Bando di concorso per la realizzazione grafica del nuovo logo della democrazia partecipativa 1 Indice 1. ENTE BANDITORE DEL CONCORSO RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 96 della legge federale del 18 marzo 1994 2 sull assicurazione malattie (legge), 3 ordina:

Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 96 della legge federale del 18 marzo 1994 2 sull assicurazione malattie (legge), 3 ordina: Ordinanza sul calcolo dei costi e la registrazione delle prestazioni da parte degli ospedali, delle case per partorienti e delle case di cura nell assicurazione malattie 1 (OCPre) del 3 luglio 2002 (Stato

Dettagli

Ordinanza sulle prestazioni di sicurezza private fornite all estero

Ordinanza sulle prestazioni di sicurezza private fornite all estero Ordinanza sulle prestazioni di sicurezza private fornite all estero (OPSP) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 17 e 38 della legge federale del 27 settembre 2013 1 sulle prestazioni

Dettagli

COME COMPILARE IL MODELLO DI DOMANDA PER L AMMISSIONE AI FINANZIAMENTI

COME COMPILARE IL MODELLO DI DOMANDA PER L AMMISSIONE AI FINANZIAMENTI COME COMPILARE IL MODELLO DI DOMANDA PER L AMMISSIONE AI FINANZIAMENTI Di seguito si riportano alcune indicazioni per la corretta compilazione del Modello di domanda allegato. La sezione Dati relativi

Dettagli

Procedura Documentale di Sistema

Procedura Documentale di Sistema INDICE 1. Scopo 2. Campo di Applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti Normativi 5. Descrizione del Processo 5.1 Reclami 5.1.1 Generalità 5.1.2 Forma del Reclamo 5.1.3 Ricezione del reclamo ed Analisi

Dettagli

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World

Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World Bando per la selezione di progetti cinematografici nell ambito della cooperazione tra la Fondazione CSC e Fondo Open World La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia (Fondazione CSC), con finalità

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali 1. Premessa... 1 2. Basi legali... 2 3. Il sistema d informazione per

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL Iscrizione all Albo dei Fondi Pensione n 1292 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 approvato

Dettagli

Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014

Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014 Regolamento della valutazione e della procedura 24 giugno 2014 Pagina 1/8 Sommario 1. Obiettivi 3 2. Campo d applicazione 3 3. Sistema di valutazione delle constatazioni scaturite dall audit 3 3.1 Griglia

Dettagli

832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie 832.105 Ordinanza sulla tessera d assicurato per l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (OTeA) 1 del 14 febbraio 2007 (Stato 1 marzo 2007) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

Lista di controllo contratti di locazione per gli Agenti generali

Lista di controllo contratti di locazione per gli Agenti generali Lista di controllo contratti di locazione per gli Agenti generali Aggiornato a novembre 2010 Questa lista di controllo coadiuva gli agenti generali indipendenti nelle trattative sui contratti di locazione.

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione

art. 1 prova d esame d idoneità art. 2 requisiti per l ammissione Bando per la partecipazione alla prova d esame di idoneità per il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell attività professionale di Direttore tecnico di agenzia di viaggio e turismo - anno 2012.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott.

IL DIRETTORE. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014. Data 18.12.2014. Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Protocollo N 31694 -VII.1 Rep. n 831/2014 Data 18.12.2014 Coordinamento Amministrativo Responsabile Dott. Matteo Di Trani Settore Alta Formazione, Didattica e Servizi agli Studenti Responsabile Dott. Tommaso

Dettagli

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda.

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda. Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per figure madrelingua di: inglese tedesco francese spagnolo per incarichi di prestazione autonoma di insegnamento e attività di traduzioni presso il Centro

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

migliorare la comprensione di messaggi orali e scritti ampliare il lessico. Favorire la preparazione per ottenere la certificazione esterna FIRST

migliorare la comprensione di messaggi orali e scritti ampliare il lessico. Favorire la preparazione per ottenere la certificazione esterna FIRST Prot. n. 5531 C/14 08/10/2014 BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER INCARICO DI DOCENTI MADRELINGUA INGLESE A) PER POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE IN VISTA DELL ISCRIZIONE ALL ESAME FCE NEI PROSSIMI ANNI

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione APPROVVIGIONARE Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ OPERATIVE MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

Deve andare in ospedale? Cosa è importante sapere. L importante in breve

Deve andare in ospedale? Cosa è importante sapere. L importante in breve Deve andare in ospedale? Cosa è importante sapere L importante in breve 2 Ha davanti a lei una degenza stazionaria? Il nuovo finanziamento ospedaliero ha portato diversi cambiamenti. Nel presente opuscolo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI COLLABORAZIONI ESTERNE - A.A. 2015/2016 IL DIRETTORE

AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI COLLABORAZIONI ESTERNE - A.A. 2015/2016 IL DIRETTORE Prot.n. 1075/15/14g AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI COLLABORAZIONI ESTERNE - A.A. 2015/2016 IL DIRETTORE Vista la legge 21.12.1999 n.508; Atteso che presso questo Istituto

Dettagli

AVVISO SERVIZIO PROGETTI

AVVISO SERVIZIO PROGETTI Settore Assistenza e Segreteria Organi Istituzionali, Affari Generali, Politiche Sociali e per la Famiglia, Politiche per la Casa, Politiche del Lavoro, Volontariato, Pari Opportunità, Risorse Umane, Euro

Dettagli

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr)

Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta (concessione di contributi federali per progetti secondo gli articoli 54/55 LFPr) Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione SEFRI Spiegazioni per la compilazione del modulo di richiesta

Dettagli

CRITERI DI SELEZIONE L ente ricorrerà a un proprio autonomo sistema di selezione, elaborato in conformità con i criteri UNSC ed articolato in 5 fasi

CRITERI DI SELEZIONE L ente ricorrerà a un proprio autonomo sistema di selezione, elaborato in conformità con i criteri UNSC ed articolato in 5 fasi CRITERI DI SELEZIONE L ente ricorrerà a un proprio autonomo sistema di selezione, elaborato in conformità con i criteri UNSC ed articolato in 5 fasi PUBBLICAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE Come da punto 17

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO RELATIVO ALLE VISITE E AI VIAGGI DI ISTRUZIONE 2.127 FINALITÀ Il Consiglio di Istituto considera le uscite didattiche, le visite e i viaggi di istruzione momenti formativi, utili e qualificanti

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA DOMANDA AMMISSIONE. Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP. A. Disposizioni generali

NOTA INFORMATIVA DOMANDA AMMISSIONE. Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP. A. Disposizioni generali Nota informativa in merito alla domanda di ammissione a socio della FSP Valida dal 1 luglio 2015 Nella presente nota figurano informazioni utili per compilare correttamente la domanda di ammissione alla

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Bando per progetti creativi. Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo

Bando per progetti creativi. Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo Bando per progetti creativi Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo 1.Gli obiettivi di fondo La Repubblica di San Marino intende mobilitare le idee, le energie

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Ordinanza sui servizi di telecomunicazione

Ordinanza sui servizi di telecomunicazione Ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST) Modifica del Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 31 ottobre 2001 1 sui servizi di telecomunicazione (OST) è modificata come segue:

Dettagli

Regolamento. Premessa. Articolo 1. Gli Affiliati

Regolamento. Premessa. Articolo 1. Gli Affiliati Regolamento Premessa Premesso che il contenuto del documento Informazioni utili per affiliarsi al Sicilia Convention Bureau fa integralmente parte del presente Regolamento, si sottolinea: - che la missione

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli