FRANCO U PESCAU UN CENTRO (MOLTO) SOCIALE ASSENTEISMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FRANCO U PESCAU UN CENTRO (MOLTO) SOCIALE ASSENTEISMI"

Transcript

1 Paize Autu I bambini scoprono il presente. I giovani guardano al futuro. I fidanzati parlano di amore eterno. Chi mette su famiglia cerca di conciliare il passato con il presente ed il futuro (la famiglia di origine, la nuova sistemazione, il mutuo, l affitto, le scadenze delle bollette, il lavoro, le varie proposte della società civile e quelle della comunità religiosa di appartenenza, ecc.). Quando ci riuniamo (pochi o tanti) per un qualsiasi motivo, prima o poi cadiamo sui ricordi, diamo giudizi sull andamento delle cose che più ci interessano o che ci stanno a cuore e azzardiamo soluzioni e proposte dal nostro punto di vista. Forse, qualche volta, ci siamo sorpresi a pensare: se io avessi o non avessi detto quella parola, fatto o non fatto quella scelta, avuto o non avuto quell incontro come sarei o dove sarei? Così è per i grandi fatti della storia. Se Adamo ed Evase Cleopatra..se i Longobardi se Cristoforo Colombo se Galileo se ecc. ecc.. come vivremmo oggi? Ci sarebbe il male ed il bene come lo viviamo noi? Avremmo tutti i confort ed i mezzi di comunicazione che l industria e l economia ci offrono? La realtà è quella che viviamo, è una società in cui ci troviamo, chi più Periodico dell Associazione U Risveiu Burdigotu Posteitaliane S.p.A. spedizione in Abbonamento Postale 70% CNS/CBPANO/IMPERIA Anno 2 n. 8 Agosto 2009 LA STORIA FATTA CON I SE convinto, chi meno favorito, chi mal combinato, chi fiducioso e aperto alla speranza che un mondo migliore è sempre possibile. Siamo veramente liberi di pensare e di scegliere, secondo coscienza e responsabilità? Oppure le difficoltà e le contraddizioni, favoriscono un cedimento nel qualunquismo, nell apatia morale e spirituale? Proviamo a pensare SE e, probabilmente i sogni possono diventare realtà. Enconnu U RISVEIU BURDIGOTU organizza per il giorno 19 settembre 2009 IL TERZO CONCORSO DI ARTE FLOREALE REGOLAMENTO: TEMA I MESI DELL ANNO SCIURE IN TI CARUGI Qui sotto pubblichiamo la locandina, relativa alla manifestazione in argomento, che anche quest anno si svolgerà nelle piazzette e in ti carugi del Paese Alto. Gli interessati a parteciparvi sono invitati ad iscriversi tempestivamente. 1. Le iscrizioni si chiuderanno il giorno 10 settembre 2009, e dovranno essere effettuate telefonicamente dalle ore 14,00 di tutti i giorni al seguente numero 377/ Sig.ra LUCIA. 2. Quota iscrizione Euro 10, Orario concorso dalle 07,30 alle 12,30. Seguirà pranzo offerto dall organizzazione. 4. I fiori e le spugne saranno forniti dall organizzazione. 5. Ogni partecipante può usare materiale e verde di sua proprietà. 6. I concorrenti potranno scegliere i mesi da Gennaio a Dicembre. 7. Non si potrà scegliere il mese se ci saranno più di due concorrenti che hanno scelto lo stesso mese. (es. se due persone hanno scelto gennaio, il terzo concorrente che volesse scegliere gennaio non può) - Avranno più possibilità di scelta i primi iscritti. 8. La postazione sarà assegnata mediante estrazione il giorno 10/9/2009 presso la sede de U RISVEIU BURDIGOTU alle ore Le composizioni dovranno essere smontate al termine della premiazione oltre le ore 19,00 del 20 settembre Chi fosse impossibilitato ad effettuare tale operazione lo dovrà comunicare al momento dell iscrizione. 10. L organizzazione declina ogni responsabilità per danni che potrebbero essere causati ad oggetti o persone.

2 Pagina 2 Paize Autu FRANCO U PESCAU UN CENTRO (MOLTO) SOCIALE Nui vurereximu aregurdalu cusci Ina seira se semu atruvai, dopo tantu remandà, da Mambrin: L'eira in pò che vurevu stalu in pò a sente. Elu u m'hà ditu: de cose ti vöi che te parle? Da toi vita in se a marina g'hon respuzu mi. Da duve cumensamu da duve ti vöi U tempu credeime u m'è vörau e i fati che u m'ha cuntau i sun stai tanti e mentre elu u parlava me paresceva de rilese Il Vecchio ed il mare. Ma chelu che sentivu, no l'eira sciurtiu da a fantasia de in grande scriture, ma i eira episodi veramente vixiui. Da candu fiö' pecin u se fava acumpagnà, prima de andà a l'asilu, a viè so paire cu rientrava in cun i bateli dopu ave pasau a nöte a pescà, a vera de versu frança, pe viè se vere gianche che piava cianin cianin teren pe purtà i pesci a tera pe vendiri e pöi alà i bateli, e cuntinuà fin che tütu nu l'eira alestiu turna pe a nöte dopu. E ure pasae ai remi, e marine breute, a ghera, ma anche a sudisfasiun de avè fau u travaiu che ghe piaixeva ciü de ogni autru e che pe faru u l'aveva lutau contru tüti. Ma cieü de ögni cosa l'amù e u rispetu pe a noxia marina, pe u modu de vivira, che oramai u s'è persu, e l'amù pe a noxia Burdighea. Nui vuremu aregurdate cuxì a a bona, cume semu sempre stai tüti nui, senza sercà de parole pe imprexiunà chi lezerà se poche righe e in dialetu. Sachì no l'è in urasiun funebre, l è u noxiu salüu in cun in augüriu cume se ti fuxi partiu pe andà a fà ina cara Te auguramu che dove sei adesu ti pöxi atruvà de marine carme e in cun tanti pesci, l'equipagiu nu credu te sarà dificile da truvaru perchè lì duve ti sei andau adesu a carà a re de pescaui cume tü... ghe n'è tanti...ciao Franco! U Risveiu Burdigotu I PRIGIONIERI DELLE STELLE Nella ricorrenza dei 40 anni dello sbarco sulla luna, Amelia ha voluto con questa poesia ricordare tutti gli astronauti che si sono immolati per raggiungere l ambizioso obiettivo. Una folgore improvvisa preclude la loro meta......e la via del ritorno. Sette fiaccole accese, sette stelle cadenti. Dove saranno gli eroici frammenti? Quale angolo di terra li accoglie? Quale onda marina ne cura le spoglie? E i sogni di gloria finiti nel nascere; il fato nemico in agguato li ha defraudati del giusto riposo, lascito antico elargito ai comuni mortali, agli eroi senza domani. Ovunque si trovino vada il mio pensiero amico Amelia Franchino ved. Garofalo Alle radici del sodalizio N el numero di giugno del nostro giornale abbiamo pubblicato un servizio sul Centro Sociale Bordigotto, con sede nel Villino Levratto, sulla Via dei Colli. Abbiamo potuto constatare la nuova sistemazione e preso atto delle attività che vi vengono svolte. Ma com era prima? Quali i presupposti affinchè nascesse un sodalizio così particolare? Di chi l idea che ha dato impulso all iniziativa che ha portato agli attuali traguardi? Per saperne di più siamo andati a trovare la signora Marcella Vagnetti che è unanimemente considerata la esecutrice materiale della fondazione. L idea però è da attribuire al dott. Ariano, all epoca medico del nascente Day- Hospital (intitolato al Sen. Zaccari), il quale con sensibilità e tenacia propugnava iniziative di grande valenza sociale. Proprio in quel periodo stava chiudendo la colonia Villa San Patrizio per la Via dei Colli e l allora Sindaco, la Signora Renata ASSENTEISMI Ha colpito molti bordigotti la propostaprovocazione-accusa lanciata dal Consigliere di opposizione Giribaldi, il quale ha chiesto le dimissioni del Consigliere Franco Biamonti della Nuova D.C., (eletto in consiglio in quanto capolista della sua formazione), per assenteismo. In effetti i pochi cittadini che normalmente assistono alle sedute Olivo parlò con il dott. A- riano per capire se si poteva insediare in quella struttura qualche attività sociale, utile alla Comunità. Il dott. Ariano stava istruendo, all interno dell ospedale, le nascenti operatrici volontarie dell A.V.O. di cui faceva parte anche la signora Vagnetti, a cui affidò l incarico di verificare la possibile realizzazione di una struttura di accoglienza e di intrattenimento per gli anziani di Bordighera Alta. Marcella Vagnetti contattò immediatamente le persone che pensava potessero essere interessate all iniziativa. Si rivolse anche al Risveglio Bordigotto, all epoca molto attivo sul territorio, da cui vennero arruolate la signora Armida Agnoletti e i coniugi Truzzi-Ventura. Vennero coinvolte anche le professoresse Maria Pia Pazielli e Maria Teresa Dainotti che diedero il necessario impulso all organizzazione culturale e i signori Lupi e Frecentese per le diverse altre gestioni. Quasi tutti questi Soci Fondatori operano tuttora nel sodalizio con vari compiti e mansioni nonché con immutato entusiasmo. a cura di G.C.Pignatta del Consiglio Comunale, più di una volta si sono chiesti del perché quella sedia vuota sui banchi di quella lista che opposizione non è, ma che è stata ed è (neanche troppo malcelatamente) d appoggio alla maggioranza. Fermo restando che la Maggioranza ha i suoi più che sufficienti numeri - davvero - che ci sta a fare il dott. Biamonti?

3 Paize Autu Pagina 3 Curiosità Bordigotte FIRBANK - CHI ERA COSTUI? La professoressa Rita Severi assieme al marito, si è affacciata all Oratorio S. Bartolomeo mentre sistemavamo tavoli e sedie. Incuriosita, ha cominciato a chiederci informazioni sulla nostra prima parrocchiale. E bastato poco per simpatizzare e associarla al Risveglio. Lei ed il marito sono docenti Universitari. Lei a Verona lui a Bologna. Ci ha parlato di una sua ricerca su di uno scrittore inglese vissuto a Bordighera negli anni venti. Le abbiamo chiesto di scrivere un articolo su questo ennesimo intellettuale di oltremanica o- spite della nostra cittadina. ***** RONALD FIRBANK A BORDIGHERA ( ) D opo un viaggio che lo aveva portato a Cuba e a Jamaica, lo scrittore inglese, Ronald Firbank ( ), il 17 ottobre del 1922, giunse a Bordighera. La guida Cook raccomandava la cittadina della Riviera per il clima mite d inverno e le giornate soleggiate. Firbank, che soffriva di tubercolosi, cercava sempre di svernare in luoghi dal clima temperato. Bordighera fu una scelta istintiva anche per la vicinanza a Nizza, Menton, Cannes e Monte Carlo, luoghi anch essi molto frequentati dagli inglesi, ma economicamente più cari. Appena arrivato si sistemò all Hotel Bristol che subito gli parve terrificante per il silenzio che vi regnava tanto che non si osava respirare. L hotel lo spaventò anche perché sembrava un luogo per invalidi, dove gli ospiti non parlavano, ma bisbigliavano. Immediatamente pensò di cambiare alloggio e cominciò a cercare una villa da affittare per tre o sei mesi, al prezzo di cinquanta o ottanta sterline. Non ebbe nessuna difficoltà a traslocare nella proprietà della contessa Galleani Trotta, Villa Sans Souci, dotata di telefono, luce elettrica, bagno e un grazioso giardino, ma l attrazione maggiore era la posizione stessa dell edificio circondato su tre lati da campi di garofani e narcisi. Dalla finestra del piano superiore si vedeva una distesa di garofani rosa, il mare e, in lontananza, la Francia. L unico problema era trovare persone di servizio affidabili e pulite, ma ben presto trovò una donna del luogo che parlava anche francese e gli rese la permanenza molto confortevole.. Trascorreva le sue giornate in giardino, dove, tra piante di aranci, limoni, rose, garofani e mimose gli pareva di respirare l aria del sud, godendosi giornate gloriose di sole come se fosse piena estate. Snob, riservato, eccentrico, solitario al punto da evitare anche le persone conosciute, Firbank, che aveva pubblicato nel 1920 la sua unica commedia, ambientata a Firenze, The Princess Zoubaroff (ed. bilingue, a cura di R. Severi, Palermo, Novecento, 2003), quando giunse a Bordighera aveva appena finito di scrivere un romanzo, The Flower Beneath the Foot (Il fiore calpestato) e cominciò immediatamente a scriverne un altro. Il romanzo, noto col titolo di Sorrow in Sunlight in Inghilterra e Prancing Nigger negli Stati Uniti fu concepito e terminato a Bordighera e pubblicato nel In Italia fu tradotto da Vittorio Sereni col titolo Fuoco Nero (Milano, Feltrinelli, 1962). Firbank vi profuse tutto il suo amore per la musica jazz, per i neri, per i luoghi assolati, dalla florida vegetazione colorata. Il romanzo narra, come in un triste blues percorso da ritmi frenetici, le vicende della famiglia Mouth che abbandona la campagna per migliorare la propria condizione economica ed esistenziale andando a vivere nella città di Cuna-Cuna, un luogo, per molti aspetti incantevole, ma pericoloso. I genitori Mouth attendono la vecchiaia abbandonati dagli affetti, in un ambiente ostile. Edna Mouth, la figlia più giovane, sedotta dal diabolico Vittorio Ruiz diventerà la sua concubina, mentre Miami, la maggiore dopo la notizia della morte dell amato Bamboo, sbranato da uno squalo, perde tutta la propria gioia di vivere. L allegro Charlie, cacciatore di farfalle nella savana, viene irretito in un equivoco giro di ragazzi. Tutto il dramma è narrato con uno stile leggero e un linguaggio pieno di doppi sensi. Firbank, innamorato della cultura nera, nella solitudine di Bordighera inventa un racconto pieno di contrasti: una tragedia sotto il sole, in un luogo caraibico, eppure vicino. Infatti, gli aranci, le mimose, i fiori di Cuna-Cuna, tutta l ambientazione, ci riporta a Bordighera, immersa nella vegetazione e nella luce. A gennaio traslocò da Villa Sans Souci perché la padrona aveva deciso di venderla. Si recò allora a San Remo per cercare casa, ma non fu soddisfatto e pensò bene di tornare nella placida Bordighera dove affittò, fino a giugno, Villa Olivetti, più grande della abitazione precedente, più romantica, seppur cadente, circondata da vecchie palme, con un nobile viale di mandarini, gli interni ampi e asciutti e un bel balcone. Bordighera rappresentò per Firbank un momento di grande calma e produttività. Apprezzò moltissimo la bellezza del luogo, ma si lamentava per la mancanza di stimoli e di vita culturale. Eppure Bordighera fu per lui, diversamente che per la famiglia Mouth, la Cuna-Cuna tanto vagheggiata del riposo assoluto, propizio per la sua vena creativa. Nell autunno del 1923 andò a vivere a Roma dove compose il suo ultimo capolavoro, Concerning the Eccentricities of Cardinal Pirelli ( Il Cardinal Pirelli, trad.diana Bonacossa, Milano, Felrinelli, 1962). Morì nella città eterna ed è sepolto al Verano. (Su Firbank ed altri epigoni di Oscar Wilde, rimando al mio libro, Oscar Wilde &Company. Sinestesie Fin de Siècle, Bologna, Patron, 2001, reperibile anche alla Biblioteca di Bordighera) Rita Severi, Università di Verona. COMUNICATO Da alcuni mesi il nostro giornale viene spedito a domicilio, agli abbonati che abitano fuori Bordighera Alta. In questo primo periodo non abbiamo avuto notizie di ritardi né di disguidi. Preghiamo i nostri lettori di avvertirci tempestivamente qualora se ne manifestassero.

4 Pagina 4 Paize Autu LA STORIA SIAMO NOI A partire dalla metà degli anni 50, Radio Rai organizzò una serie di spettacoli itineranti, per sviluppare i suoi programmi, cominciando da quelli di varietà e di musica leggera. In quest ambito si ricordano seguitissime presenze di Mike Bongiorno e di Enzo Tortora anche a Bordighera. I più anziani di noi forse si ricordano una trasmissione itinerante che prevedeva doversi indovinare il titolo di una canzone e, se non andiamo errati, di cantarne qualche pezzo. Quella sera una fiumana di gente scendeva da Via al Capo per assembrarsi tutti davanti all attuale bar Corallo, all epoca bar-trattoria Pallanca. Il presentatore cercava tra la folla il concorrente giusto, da far intervenire in trasmissione. Non era facile, per quei tempi trovare in giro tutta la disinvoltura e la presenza di spirito che hanno invece - oggi i nostri giovani. Si fece avanti Giorgio Blancardi - paesengo - il quale accennò un motivo di Nico Fidenco allora molto in voga. In fretta e furia la troupe se ne andò poiché il gioco musicale prevedeva la massima vivacità e rapidi collegamenti tra le postazioni. La delusione fu molta ma ci si adeguò subito e la gente si disperse nelle varie osterie a bere una spuma o in piazza a comperare un gelato da 10 (Lire) dal mitico Eccolo ). QUANDO LA RAI ARRIVO A VALLEBONA di Giuliano R. Magoni Enzo Tortora, un giovane timido presentatore, ancora sconosciuto, conduce un programma radiofonico itinerante che tocca quasi tutti i paesi della nostra Provincia. Lo scopo primario di questa visita Rai è quello di far conoscere e divulgare la radio per convincere il popolo ad acquistare l apparecchio radio per ricevere ed ascoltare i programmi messi in onda, compresi i primi spot pubblicitari. Questo programma, affinchè registri un buon ascolto, coinvolge persone del luogo che, consapevoli di essere ascoltare per radio da oltre la metà degli italiani, si esibiscano disinvolte al microfono con canti e recitazioni. Il giorno 2 agosto dell anno 1954 giunge a Vallebona il carrozzone della Rai che si posiziona nei pressi dell osteria del Giardino. Il palcoscenico, dal quale si esibiranno gli artisti, viene posizionato nell angolo tra il muro du giardìn de Girumì ed il muro da ca de Fiurì. Consiste in un tappeto steso per terra ed un microfono posato sull asta. Chi funge da scenografia sono: il muretto del ritano che scende, l antica pianta di gaggia messa a dimora nelle vicinanze della porta carraia dalla quale si accede nel locale oggi adibito a salone ristorante e la grande carrucola in legno che da secoli è appesa al muro della casa, la quale (carrucola) si dice sia servita per tirare su le campane del nuovo campanile. Degli artisti che si esibiranno, Enzo Tortora conosce già i nomi ma, secondo la sua intuizione da presentatore che farà carriera, manca ancora qualcuno e, guarda caso, sul calar della sera, scorge una ragazzina, apparentemente spigliata, la quale sta uscendo dal commestibile gestito da Chiara Fiore, dove si era recata a fare la spesa. Tortora blocca quella ragazzina che risulta essere Vivi Cartisano e, dopo aver dialogato un po con lei, la convince a prendere parte allo spettacolo della serata, anche solo per leggere una poesia locale. Vivi un po euforica, a gambe levate si reca dalla zia Bedè per prendere lezioni di dialetto. Alle ore 21 di quella sera, gli artisti vallebonesi che si esibiranno sono già lì, pronti, tutti vestiti con abito decoroso e, mentre sentono il loro cuore che pulsa velocemente, cercano di farsi coraggio a vicenda per vincere quella grande emozione. Alle inizia la trasmissione. Il primo a salire quel palco è Renato Guglielmi de Piè de Dixidò, un giovane discendente da una famiglia che ha la musica nel sangue. Enzo Tortora lo intervista, gli formula molte domande, sulla vita del Paese, sul lavoro, sulla famiglia, Renato se la cava bene, quando il presentatore gli chiede il titolo del brano che farà ascoltare, con gli occhi lucidi dalla gioia risponde pressappoco così: mi sono da poco sposato e dedico alla mia sposa un brano presentato al festival di Sanremo di quest anno, che ritengo sia appropriato alla mia situazione famigliare, poiché ha per titolo mogliettina. Renato inizia l esibizione, il silenzio è tombale, non si sentono motori di macchine né di motorini, non si sentono aerei, si sente la sua voce che gli viene dal cuore e, mentre canta quelle strofe, le cui parole tra le altre dicono: l incanto di una rosa profumata sei per me/ mogliettina/ si intuisce che Renato ha quella gioia nel cuore e spera in un avvenire sereno accanto alla sua mogliettina che, da Bordighera, lo sta ascoltando alla radio. Viene il momento della seconda esibizione, sono chiamate due ragazze Vallebonesi che formano un duetto, sono le cugine Anita Cartisano e Graziella Vargiu, due giovani ragazze piene di vita, sempre allegre e solari con tutti, alle quali piace molto il canto; proprio per la totale mancanza di inquinamento acustico, sovente, quando sono in campagna, spesso e volentieri cantano e la loro voce si sente da una parte all altra della vallata. Tortora, vedendo queste due ragazze spigliate, rivolge loro parecchie domande, alle quali, le due cugine rispondono disinibite. Infine chiede cosa presentano. Rispondono che si esibiranno in un canto d amore e di allegria che ha per titolo: non ti scordar di un bacio a mezzanotte.

5 Quel canto, che tra le altre parole dice: oh, come farò senza baciar. Lo eseguono a due voci, soprano e contralto, interpretandolo magistralmente e, per la gioia delle orecchie che ascoltano, il ritornello lo eseguono col controcanto. Un esecuzione che viene applaudita con emozione. Gli artisti che seguono sono un quartetto formato da. Adriana Guglielmi (de Lurè Bafòn), Bruno Rossi (Bruno de Josè), Elsa anfosso (Elsa a tabachina) e Armando Salvini (il fidanzato di Elsa). Enzo tortora intervista queste due giovani coppie, chiede loro quali sono le abitudini del Paese e vuole sapere alcuni stranomi numerate del luogo. Terminata l intervista chiede il titolo del brano che verrà eseguito. I quattro rispondono che si esibiranno in un canto francese, che di frequente si esegue durante le serenate che si fanno nei carugi del nostro Paese, dal titolo: Montagne d Italie. Si tratta di un bel valzer, dalle parole romantiche: e asciugando dagli occhi una lacrima/non dimentica il suo amor anche questo canto viene esguito magnificamente, meritandosi il nutrito applauso dei presenti e gli elogi di Enzo Tortora. A chiudere la serata spetta alla giovane ragazza Vivi Cartisano che legge una poesia in dialetto dal titolo: A Valebona, scritta dal cantore dei nostri Paesi, tale fu Silvio Andracco che, dalle alture di Seborga, ha messo in versi le vicende amare vissute dai Vallebonesi per un fatto drammatico accaduto dopo la metà del Enzo Tortora chiede quale sia stato il fatto che ha ispirato il poeta a scrivere questi versi. Vivi risponde che vuole essere un ringraziamento ad un personaggio chiamato Prebeghin. Dopodiché recita magnificamente questa toccante poesia meritandosi gli applausi dei presenti ed i complimenti di Enzo Tortora. All epoca, in Vallebona, gli apparecchi radio sono pochi, si contano forse cinque famiglie che ne sono in possesso. I locali pubblici che sono provvisti di quella scatola che parla sono: il dopolavoro Enal, ubicato in Via del Municipio che ha la sala radio; l altro locale provvisto dell apparecchio è il bar Giardino che lo custodisce in un mobiletto bar, in uso a quei tempi nei salotti delle famiglie. In occasione della serata, questi esercizi pubblici sono gremiti di persone che hanno voluto sentire quel qualcosa di nuovo: anche le case di quelle famiglie che possiedono l apparecchio radio sono assalite dai parenti che vogliono ascoltare stupiti - quella trasmissione. Nei giorni seguenti il fatto, qualche persona anziana componente la famiglia provvista di apparecchio radio, non riuscendo a capire a fondo l evento del carrozzone Rai a Vallebona, durante la veglia serale che si tiene nei carugi, tra l altro dice: ina vuxie ca sa semegliava a chela da figlia de Erculì ***** Oggi che siamo nell era del computer, se possiamo permetterci di fermarci un attimo per fare una riflessione su questo fatto di appena sessant anni fa, non possiamo fare a meno di convincerci che la tecnologia ha fatto passi da gigante. Che bella iniziativa ADOTTIAMO UN LIBRO Il giorno 6 luglio il Presidente del Risveglio, Cesare Masini, ha consegnato al dott. Dario Grassano, responsabile di P.O. del settore cultura, sport e turismo del Comune di Bordighera, la somma di 160,00 finalizzata al restauro (nell ambito dell iniziativa Adotta un libro ) del volume: La casa di riposo Villa Regina Margherita a cura dell Associazione Vedove ed Orfani di guerra, conservato presso la Biblioteca Internazionale. La suddetta cifra è stata stanziata dal Direttivo della Associazione U Risveiu Burdigotu che, a nome di tutti i soci, ha aderito all invito dell Amministrazione per salvare i libri della nostra Biblioteca, danneggiati dall attacco del parassita che ha colpito i fondi storici. Dopo la riapertura dei locali, chiusi per parecchio tempo, al fine di permettere la disinfestazione, Paize Autu Pagina 5 Villa Etelinda: la casa di riposo a cui è dedicato il libro adottato l Assessore alla Cultura dott. Ingernito, ha lanciato l idea dell adozione dei libri più danneggiati per il loro restauro. Non ci sembra che la campagna stia avendo il successo auspicato. Per il momento non si hanno notizie di grandi adesioni. I primi ad aderire sono stati gli inserzionisti del blog cittadino Blacksail i quali hanno sponsorizzato per il restauro il celebre libro del Taggiasco su Bordighera. La Biblioteca Internazionale ospita libri di tutti i generi: enciclopedie, collane, dizionari, narrativa. Ma soprattutto il tesoro nascosto nelle stanze sulla Via Romana è il fondo inglese che conta volumi, quello francese conta libri, e quello tedesco Auspichiamo che altre associazioni bordigotte decidano di adottare un volume da restaurare, per amore dei libri, per a- more di Bordighera.

6 Paize Autu Pagina 6 A desso che siamo in estate il problema risulta, se possibile, ancora più marcato. Ci sono i dehors, fuori dai vari ristoranti. Ci sono le rastrelliere delle merci davanti ai vari negozi. C è l andirivieni delle molte persone che usano, in questo periodo, visitare la Mostra Missionaria per gli acquisti equosolidali. In Piazza Padre Giacomo poi, è stato montato un grande palco per gli spettacoli con annesse le sedie per gli spettatori. Vistosi vasi di fiori e piante, infine, troneggiano un po in tutte le zone della piazza. Quella del Popolo, la nostra piazza, il punto d incontro di tutto il Centro Storico, risulta però ancora e sempre frequentata da autovetture di ogni tipo: automobili, furgoni, motorette, transitano bellamente ad ogni ora, in barba al tassativo divieto che pur spicca in bella vista alla porta della Maddalena. Da tempo è stato regolamentato lo ingresso per motivi di carico e scarico merci dalle ore alle ore 10.00, dopodiché chi avesse bisogno di movimentare colli può usufruire dello spazio previsto nella medesima piazza della Maddalena. Eventuali deroghe possono venire prese in considerazione e valutate dalla Polizia Municipale. Fino a qualche tempo fa funzionava un dissuasore d ingresso che veniva attivato e disattivato secondo gli orari prestabiliti o all occorrenza con lo intervento degli enti in possesso dell apposito telecomando. Da molto tempo oramai questo impianto non è più PIAZZA PULITA di Giancarlo Pignatta funzionante per cui in Piazza entra e staziona chi vuole, in certi casi con sprezzo di ogni regola e divieto. L Amministrazione peraltro è piuttosto tollerante e non si fa più di tanto - parte diligente del problema. Fino a qualche tempo fa c era una sorta di Vigile di quartiere che passava ogni mattina e durante il Nell immediato dopo guerra venne proposto, a Bordighera Alta, il celeberrimo Premio letterario e di pittura detto delle Cinque Bettole. Italo Calvino, Giuseppe Berto, Carlo Betocchi erano i nomi degli scrittori che presenziavano. Nell estate del 1962 il Premio ebbe quale sede l Oratorio di San Bartolomeo, patrocinato dalla A- zienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, con la Presidenza del dott. Angelo Giribaldi Laurenti, ascrisse alla giuria Marco Valsecchi, Garibaldo Marussi, Ennio Morlotti, Oscar Navarro, Joffre Truzzi e Palma Viardo. Nel cercare tra i suoi documenti, Ampeglio Verrando ha scovato la poesia, praticamente inedita, di Elio.Filippo Acrocca che pubblichiamo qui a fianco. giorno qualche volta, a controllare la situazione. Con l avvento del nuovo Comandante si è notata la scomparsa di questa figura affidata, a favore di pattuglie che girano e ogni tanto capitano anche qui. Quello che vogliamo affermare è che non è più tollerabile una situazione di questo tipo, quella cioè che ognun fa quel che vuole, tanto non succede niente. Se in Piazza è così facile e tollerato sostare, allora facciamolo tutti, magari a turno per godere tutti di questo privilegio. Se si vuole invece mantenere il divieto di accesso, allora lo si faccia rispettare, nei modi e con gli strumenti più consoni al caso. Può aiutare a risolvere il problema avere sempre a disposizione l area di carico e scarico alla Maddalena, la quale purtroppo risulta però quasi sempre occupata da soste selvagge. Se insistiamo su questo argomento è perché risulta essere uno degli aspetti decisivi per migliorare la qualità della vita di chi abita un Centro Storico particolare come il nostro; senza considerare il fastidio ed i pericoli che il traffico di veicoli in queste aree comporta. QUANDO LE BETTOLE ERANO CINQUE CINQUE BETTOLE A BORDIGHERA ALTA Cinque Bettole e cinque nidi sul fianco del rosone. Chi s affaccia sullo slargo li scorge, balconcini di rondini a strapiombo sulle scale della Piazza del Popolo. Si destano prima delle campane, Bordighera Alta ne accoglie il volo, segmenti nel cielo, tagli, guizzi, allegri stridii sui tetti e sulle terrazze in faccia al vento di mare. Trattoria del Capo, Bernà, Garibaldi, Romano, degli Amici Cinque bettole, cinque nidi d uomini sul colle dove i fuochi delle case fanno comuni il tempo e la memoria. Si destano le bettole al tramonto dopo l Ave, la piazza accoglie voci: questa è l ora del cambio. Dentro i nidi regna il silenzio, Bordighera Alta appartiene di sera agli avventori, le loro storie antiche fanno eco al mare, al tempo. Elio Filippo Acrocca

7 Arte, Turismo, Cultura PAGNINI E GLI ALTRI: UNA RISORSA BORDIGOTTA Il 31 luglio si è conclusa, alla Chiesa Anglicana, la bella Mostra sul Nostro Lilio Domenico Pagnini. Artista, troppo spesso visto, in chiave limitativa, come ho avuto occasione di dire durante l'inaugurazione del 14 luglio, alla presenza del Sindaco, dell'assessore al Turismo e di tanti amici e collezionisti. Lo si conosce come pittore dei pescatori, ma proprio in occasione di questa mostra sono venuti alla luce i suoi bellissimi pastelli, le sue incisioni, i suoi disegni, che denotano l'influenza del suo Maestro Balbo, ma anche una profonda padronanza della tecnica e sue precise ed uniche peculiarità. Voglio ricordare, con l'occasione, altri pittori ancora viventi che danno lustro alla nostra cittadina e che meriterebbero maggiore attenzione. Mi riferisco a Maiolino, a Gagliolo, a Ciacio Biancheri, a Consiglio, i quali sono degni successori di quei grandi pittori, che in passato hanno soggiornato e vissuto a Bordighera. Bordighera è Città dei Pittori e con un attento studio e con un vero e proprio progetto potrebbe sfruttare al meglio questa sua identità. Mi vengono in mente percorsi, immagini e luoghi dove artisti del passato e del presente hanno posato il loro cavalletto e i loro strumenti di lavoro. Voglio invitare i miei lettori ad una acuta riflessione: Pensate per un attimo, a quanto vi dissi nei mesi precedenti, riflettete su Bordighera, città dal fantastico clima, su Bordighera delle bellissime Ville, su Bordighera dei bei Giardini, su Bordighera dei fantastici tramonti, su Bordighera d'importanti Biblioteche, su Bordighera della Regina Margherita di Savoia, su Bordighera di Monet, su Bordighera di Pompeo Mariani, su Bordighera di Garnier, su Bordighera di tanti pittori, letterati, scultori e mecenati del passato e del presente. In pochi secondi vi potete rendere conto quanto questa cittadina vi può dare oggi e vi potrà dare nel futuro, attingendo a questo immenso archivio di storia e di natura. Rivolgo, come di consueto un messaggio affinchè si possa trarre il meglio da queste idee e si arrivi finalmente ad un unico, tanto agognato e desiderato progetto definitivo. In ultimo, voglio ringraziare - pubblicamente - l'amministrazione Comunale, in modo particolare il Sindaco e l Assessore al Turismo, per aver dato corso alla mia richiesta di 4 targhe, che indichino la Fondazione Pompeo Mariani e U Risveiu Burdigotu per aver perorato più volte la mia causa. Siate certi, che la Fondazione Pompeo Mariani, ha la ferma intenzione di prodigarsi al meglio, per dare sempre più lustro alla nostra cittadina. Carlo Bagnasco Il quadro elettrico incriminato, situato sul Gravino Tiro a segno U cantun du mugugnu Paize Autu Pagina 7 Spillo ospita nel suo spazio tutta una serie di denunce, di osservazioni, di proteste, riscontrate e formulate nell ambito delle attività svolte nella vita di tutti i giorni. - Manin si lamenta, sulle panchine del Capo, per la sporcizia creata tutte le sere attorno ai cassonetti dell immondizia; struttura che viene usata a dir poco in maniera inadeguata dagli utenti, specie da quelli esorbitanti che lasciano i sacchi fuori dai contenitori. Sacchi che vengono regolarmente divelti da cani, gatti e gabbiani con le conseguenze che si possono immaginare. Problemi anche sul Gravino dove sconsiderati utenti hanno manomesso la struttura di proprietà specifica della Casa di Riposo rendendola inutilizzabile. E pensare che solo 30 metri più in là ci sono i cassonetti disponibili per tutti. - La signora Marisa, una turista lombarda che frequenta regolarmente la nostra cittadina, si lamenta (nel piccolo supermercati di Maria), delle mulattiere che ha trovato impraticabili (per la vegetazione nata spontanea) sulla Via dei Colli. In particolare lei non è riuscita a percorrere quella che dal Bel Sit si collega con la Via Romana. Ha chiesto a noi (a noi?) perché non ci si attivi per ripulirle; lei si è resa disponibile ad aiutarci. - La gente dei Bastioni, della Madonnetta e della Piazza Padre Giacomo si lamenta delle persone che usano alimentare gatti randagi, piccioni e, adesso anche gabbiani. Se è vero e doveroso rispettare gli animali randagi è anche vero che bisogna contenerne la proliferazione. Gli alimenti lasciati in abbandono qua e là attirano topi, scarafaggi, e altri parassiti. Per non parlare dei cani di cui parleremo ampiamente il mese prossimo in un apposito servizio. - Alcuni bagnanti si sono lamentati del mare che ogni tanto restituisce rifiuti di ogni genere. Si è constatato chetali rifiuti non sono riconducibili all esercizio di terra, per cui se ne deduce che derivano dalla poca sensibilità e dal poco rispetto che hanno per il mare alcune imbarcazioni che lo solcano. Gli amici delle Capitanerie e dei Circomare sapranno sicuramente circoscrivere tale fenomeno. - Vibrate proteste arrivano da più parti per il cattivo funzionamento del recapito della posta: giorni e giorni senza riceverne, continuo avvicendarsi di postini, bollette che arrivano già scadute. Insomma, un disservizio non più accettabile. Che fare? Individualmente si può far poco. Magari qualche Associazione dei Consumatori o il Sindaco possono intervenire presso la Direzione delle Poste. - Un bagnante torinese che abita in Paese ci ha segnalato una anomalia, a dimostrazione della quale ci fornisce anche una foto quale pezza d appoggio. Si tratta del quadro elettrico (sistemato davanti alla Casa Parrocchiale), che alimenta il palco in Piazza P. Giacomo. E fissato approssimativamente e chiuso con un precario filo di ferro. Qualcuno vi ha apposto un cartello non propriamente risolutivo del problema, per cui il pericolo resta. Spillo

8 Paize Autu Pagina 8 Riceviamo e volentieri pubblichiamo A proposito di Monet Ho letto su Paize Autu l articolo apparso nel mese di giugno dal titolo A proposito di Monet. Non posso non essere d accordo con il sig. Bagnasco, cioè con l idea di una mostra a bordighera che ci porti le incantevoli tele che Monet dipinse durante il suo soggiorno in quello che definì uno dei più bei posti che abbia visto mai nel nostro viaggio, riferendosi al viaggio che fece con Renoir sulla costa mediterranea della Francia e della Liguria. Proprio tra le palme e gli ulivi di questa città si confrontò con un paesaggio per lui insolito, tanto che definì impossibili i colori del cielo e del mare: tutto è così nuovo per me che non riesco a finire. Sarebbe bello abbinare alla mostra le lettere che egli scrisse in quel periodo nelle quali cercava di raccontare i colori e le luci di Bordighera, che ancora oggi Paize Autu LETTERE AL GIORNALE vivono in quel che rimane del giardino Moreno. Voglio ricordare che nel 1988 una mostra fotografica dei dipinti che Monet eseguì a Bordighera fu allestita nella Chiesa Anglicana. E- rano riproduzioni su vetro che illuminate dal retro, ben ci mostravano la luminosità dei suoi quadri, sparsi in tutto il mondo. Spero che il possibile sogno si possa realizzare. Un cordiale saluto. Giuseppina V. Sciarratta Lavagna (Ge) ***** A proposito di Petrarca Giacomo Strafforello un nostro socio che abita da quelle parti scrive al Sindaco e a noi, per un riferimento al poeta Francesco Petrarca che era situato all inizio della Romana Vecchia. Sig. Sindaco, Desidero portare a Sua conoscenza che sulla Romana Vecchia esiste un ulivo pluricentenario che ancora nel 1960 aveva attaccato al tronco una grande tabella in ferro smaltato con su scritto: Sotto questo ulivo sostò il sommo poeta Francesco Petrarca. Petrarca sostò lì perché vi era una stazione di posta dove cambiavano i cavalli alla carrozza; da sempre, quindi i cavalli a Bordighera-Burdigheta e anche prima, stavano lì fintanto che esistettero le carrozzelle e cioè fino al Per fortuna l ulivo ha resistito (allego due foto). Da notare che il Petrarca passò di lì nel 1342 Anno Domini 1342, in viaggio per Avignone sede papale fino al Perché non rimettere il cartello? Perché sottacere l importanza strategica, nei secoli, di questo angolo di paradiso? Cordiali saluti, Vale Giacomo Strafforello L ulivo di Petrarca sulla via Romana Vecchia Direttore Responsabile: Giancarlo Pignatta Registrazione del Tribunale di Sanremo nr. 03/08 del 04/07/2008 Direzione-Amministrazione-Redazione: Bordighera Alta Via alle Mura, 8 Le firme impegnano gli autori degli articoli Stampato in proprio a Bordighera Alta Collaboratori: Carlo Bagnasco, Simona Biancheri, Anna Maria Ceriolo, Giacomo Ganduglia, Claudio Gazzoni, Irma Murialdo, Mattia Riello, Alessandro Seghezza, Ampeglio Verrando, Franco Zoccoli, Lucia Xaiz. Sito informatico a cura di Mauro Sudi U Risveiu Burdigotu Sede: Via alle Mura Bordighera Alta Orario : lunedì e venerdi dalle ore 16,00 alle 18,00 giovedì dalle 21 alle 23 Internet:www.urisveiuburdigotu.it Telefono:

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 2 INCONTRI PER I RAGAZZI DEL CATECHISMO + VEGLIA IN CHIESA IL SABATO SERA CON I GENITORI PRIMO INCONTRO L incontro si svolge in due tempi.

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Io sono l attimo come il fiume che scorre

Io sono l attimo come il fiume che scorre Io sono l attimo come il fiume che scorre Cristina Pia Sessa Sgueglia IO SONO L ATTIMO COME IL FIUME CHE SCORRE Le mie poesie teatro di vita www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Cristina Pia Sessa

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli