PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA Programmazione di Scienze Motorie A.s PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA COMPETENZE TRASVERSALI DI CITTADINANZA e CONTRIBUTI DELLA DISCIPLINA: PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: Comunicare, imparare ad imparare, progettare Collaborare, partecipare, agire in modo autonomo e responsabile, risolvere problemi, acquisire e interpretare l informazione. Individuare collegamenti e relazioni. Percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive Lo sport, le regole e il fair play Salute, benessere, sicurezza e prevenzione Relazione con l ambiente naturale e tecnologico AMBITO COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Lo studente dovrà Riconoscere le Eseguire differenti Esercizi per rielaborar conoscere il proprio potenzialità del azioni motorie gli schemi motori di La percezione di sé ed il Primo e secondo quadrimestre.

2 completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive. corpo e la sua proprio corpo e del mettendo alla prova base e consolidarli in funzionalità, ampliare movimento: le proprie abilità; abilità motorie. le capacità le posture corrette, le individuare le Cenni a livello teorico coordinative e funzione fisiologiche, informazioni su schemi motori di condizionali scheletriche, articolari provenienti dai canali base, abilità, capacità realizzando schemi e muscolari. sensoriali attuando coordinative e motori complessi utili Riconoscere un ritmo corrette risposte condizionali. ad affrontare attività nelle azioni. motorie, mantenere Esercizi semplici e via sportive. Assi e piani del corpo. la correttezza via più complessi Comprendere e dell azione pur inseriti in percorsi per produrre aumentandone la ampliare le capacità consapevolmente i velocità e la coordinative generali messaggi non verbali complessità e speciali, utilizzando leggendo criticamente d esecuzione. piccoli e grandi e decodificando i Mettere in atto gli attrezzi in modo propri messaggi adattamenti necessari convenzionale e non corporei e quelli riferiti ad un attività convenzionale. altrui. motoria abituale ed esprimersi riferendosi Iniziare a sviluppare ed allenare le capacità ad elementi che condizionali. appartengono ad un ambito sperimentato. Esercizi per comprendere il linguaggio corporeo: modalità espressive, linguaggio verbale e non verbale, interazione tra movimento e processi affettivi e cognitivi. AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Lo sport, le regole e il fair play Lo studente praticherà gli sport di Fondamentali individuali e di squadra Conoscere e applicare con rispetto le regole, Esercizi per insegnare gli sport di squadra Primo e secondo quadrimestre.

3 squadra applicando strategie efficaci per la risoluzione di situazioni problematiche, collaborerà con i compagni all interno del gruppo facendo emergere le proprie potenzialità. E fondamentale sperimentare nello sport i diversi ruoli e le relative responsabilità, sia nell arbitraggio che in compiti di giuria. degli sport praticati. La terminologia e le regole principali degli sport le tecniche degli sport praticati. Partecipare con fair play affrontando anche funzioni arbitrali. Praticare gli sport applicando strategie efficaci per la risoluzione di situazioni problematiche. Collaborare attivamente nel gruppo per raggiungere un risultato. quali: pallavolo, pallamano, hit ball, pallacanestro e i giochi sportivi. Trasmissione delle regole degli sport, dei vari ruoli, delle modalità di esecuzione ed utilizzo dei materiali. Valorizzare il ruolo arbitrale e farlo provare a tutti gli alunni per apprendere e rispettare al meglio le regole dei giochi. Stimolare all elaborazione di risposte motorie efficaci e personali in situazioni complesse. Ideare e proporre un attività sportiva in cui sia necessario adattare le regole per consentire la partecipazione di tutti i compagni anche quella di eventuali portatori di handicap.

4 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Salute e Lo studente Conoscere i principi Assumere e far Lezioni teoriche volte Primo e secondo benessere, conoscerà i principi fondamentali di assumere a essere consapevoli quadrimestre. fondamentali di prevenzione e comportamenti idonei che siamo attori della sicurezza e prevenzione per la attuazione della e funzionali alla nostra salute e prevenzione sicurezza personale in sicurezza in palestra, a propria sicurezza in sicurezza: palestra, a casa e negli scuola e negli spazi palestra, a scuola, nomenclatura delle spazi aperti; adotterà i aperti. negli spazi aperti, in principali posture e principi igienici e Comprendere strada. atteggiamenti scientifici essenziali per mantenere il proprio stato di salute e migliorare l efficienza fisica, così come le norme sanitarie e alimentari indispensabili per il mantenimento del proprio benessere. Conoscerà gli effetti benefici dei percorsi di preparazione fisica e gli effetti dannosi dei prodotti farmacologici tesi esclusivamente al risultato immediato. l importanza di mantenere uno stato di benessere e salute positivo nell ambiente scolastico. Il concetto di salute dinamica (benessere psicofisico) Principi generali per una corretta alimentazione. Rispettare le regole di comportamento in palestra. corporei; descrizione di movimenti del corpo con linguaggio specifico; descrizione di alcune tecniche di assistenza in palestra. Esercizi finalizzati al benessere e alla salute. Esercizi per la riabilitazione.

5 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Relazione con Le pratiche motorie e Conoscere le varie Praticare attività Attività motoria in Secondo l ambiente sportive realizzate in possibilità che la sportive in contesti ambiente naturale, quadrimestre. ambiente naturale scuola propone di diversi da quello partecipando alle naturale e saranno un occasione attività esterna, scolastico, con proposte scolastiche tecnologico fondamentale per gruppi sportivi serenità, mantenendo esterne quali i orientarsi in contesti scolastici o così buone prestazioni Campionati sportivi diversificati e per il extrascolastici o e utilizzando studenteschi o attività recupero di un partecipazione ai un attrezzatura extrascolastiche. rapporto corretto con Giochi sportivi adeguata. l ambiente; esse studenteschi e tornei inoltre favoriranno la interscolastici. sintesi delle Conoscere le conoscenze derivanti tecnologie di da diverse discipline scolastiche. rilevazione dei dati nei contesti di gara.

6 STRUMENTI DIDATTICI Cenni teorici con dispense o slide su schemi motori di base, abilità, capacità coordinative e condizionali. Trasmissione delle regole degli sport: pallavolo, pallacanestro, hit ball, pallamano. Nomenclatura delle principali posture e atteggiamenti corporei. Descrizione e nomenclatura dei movimenti del corpo. Utilizzo della palestra della scuola, con tutto il materiale a disposizione. Partecipazione a Campionati sportivi studenteschi o altre manifestazioni sportive dove possibile. Utilizzo di tecnologie a disposizione, ad uso didattico e scolastico, se necessarie STRATEGIE DIDATTICHE UTILIZZATE: Si utilizzano in maniera diversificata, in funzione dell attività da svolgere: lezioni frontali, dialogate, esercitazioni pratiche e teoriche. Agli alunni sarà richiesto un impegno sia pratico che di rielaborazione dei contenuti proposti durante le lezioni. Nell insegnamento i procedimenti seguiti saranno riferiti alle esperienze, alle necessità e ai ritmi personali di sviluppo dei singoli alunni; in questo modo ognuno sarà messo in condizione di seguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. Per facilitare l apprendimento e l acquisizione di automatismi si utilizzerà il criterio della gradualità e progressione. La scansione temporale dei moduli sarà condizionata dai ritmi di apprendimento e dalle variabili relazionali degli studenti

7 CRITERI DI VALUTAZIONE Interventi personali durante le lezioni. Valutazione in itinere su interesse e partecipazione. Prove motorie: nel primo quadrimestre e nel secondo quadrimestre. Eventuale Test scritto. Valutazione di test pratici che terrà conto di conoscenze, abilità, partecipazione e impegno. VALUTAZIONE PER IL BIENNIO Inserire il voto per ogni competenza motoria. Descrittori: Teoria e Pratica: Conoscenza degli aspetti teorici connessi alle attività pratiche svolte: Conoscenza dei fondamentali pratici delle attività sportive trattate: Conoscenza e utilizzo degli schemi motori di base: Incremento nelle capacità coordinative: Incremento delle capacità condizionali: Comprende ed utilizza il linguaggio corporeo: Rielabora e adatta il movimento in seguito ad una correzione: Comportamento: Consapevolezza di sé e rispetto delle regole: Rispetta i compagni e le attività di gruppo: Partecipazione e interesse durante la pratica: Impegno durante la pratica: Porta sempre l abbigliamento sportivo: Come si relaziona col gruppo e con gli insegnanti: Rispetta le giustificazioni concesse: CRITERI DI VALUTAZIONE FINALE conoscenze teoriche raggiunte, abilità motorie maturate nel biennio, abilità espressive e di utilizzo delle proprie conoscenze teoriche/pratiche LIVELLO MOLTO BASSO voto inferiore al 4. LIVELLO BASSO voto 5. LIVELLO BASE voto 6. LIVELLO INTERMEDIO voto 7. LIVELLO BUONO voto 8. LIVELLO AVANZATO voto 9. LIVELLO OTTIMO voto 10. I ragazzi esonerati parteciperanno alle lezioni in maniera attiva, aiutando l insegnante, arbitrando le partite, formando le squadre e collaborando con i compagni quando necessario; inoltre parteciperanno alle lezioni di teoria e ai relativi test. In concomitanza con i test pratici dei compagni, i ragazzi esonerati dovranno portare una ricerca scritta inerente alla prova; la ricerca verrà valutata e in alcuni casi verrà chiesta l esposizione orale alla classe.

8 PROGETTAZIONE GENERALE SECONDO BIENNIO SCIENZE MOTORIE ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA a) Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti b) Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. Con particolare attenzione agli altri linguaggi: c) Avere padronanza della corporeità e del movimento ed essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il benessere individuale e collettivo. COMPETENZE TRASVERSALI DI CITTADINANZA CONTRIBUTI DELLA DISCIPLINA: IMPARARE AD IMPARARE: Consolidare il pensiero motorio attraverso l'esperienza motoria consapevole. COMUNICARE: Utilizzare linguaggi verbali gestuali, musicali,corporei, e sportivi per esprimere emozioni e sviluppare relazioni. COLLABORARE E PARTECIPARE: Essere disponibili al confronto con i compagni seguendo regole condivise per raggiungere obiettivi comuni. ACQUISIRE E INTERPRETARE L INFORMAZIONE RISOLVERE I PROBLEMI OBIETTIVI SPECIFICO DI APPRENDIMENTO Nel secondo biennio l azione di consolidamento e di sviluppo delle conoscenze e delle abilità degli studenti proseguirà al fine di migliorare la loro formazione motoria e sportiva. A questa età gli studenti, favoriti anche dalla completa maturazione delle aree cognitive frontali, acquisiranno una sempre più ampia capacità di lavorare con senso critico e creativo, con la consapevolezza di essere attori di ogni esperienza corporea vissuta

9 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO La percezione di sé ed La maggior Conoscere le Elaborare risposte Esercizi specifici di Primo ed inizio il completamento padronanza di sé e potenzialità del motorie efficaci e percezione ritmica, di secondo l ampliamento delle movimento del corpo personali in espressività corporea quadrimestre. dello sviluppo capacità e le principali situazioni complesse. e di rilassamento. funzionale delle coordinative, funzioni fisiologiche. Organizzare ed Esercizi di sviluppo e capacità motorie ed condizionali ed Conoscere in effettuare in maniera potenziamento delle espressive. con espressive generale i principi fluida percorsi capacità condizionali. particolare attenzione permetteranno agli della teoria dell motori e sportivi, E coordinative. all ampliamento della studenti di realizzare allenamento. anche con Principi fondamentali movimenti complessi Conoscere possibili autovalutazione. della teoria e coordinazione e di conoscere ed interazioni tra Consapevolezza di metodologia generale e speciale, applicare alcune linguaggi espressivi una risposta motoria dell allenamento. delle capacità metodiche di ed altri ambiti. efficace ed Attività finalizzata condizionali, al allenamento tali da economica. alla realizzazione di consolidamento degli poter affrontare Saper applicare e progetti motori e schemi motori ed attività motorie e rielaborare tecniche sportivi che sportive di alto espressive in diversi prevedano una all espressività livello, supportate ambiti, assegnando sempre più corporea anche da significato e qualità complessa approfondimenti al movimento. coordinazione culturali e tecnicotattici. globale e Lo studente saprà segmentaria individuale e in valutare le proprie capacità e gruppi con e senza attrezzi. prestazioni confrontandole con le appropriate tabelle di riferimento

10 e svolgere attività di diversa durata e intensità, distinguendo le variazioni fisiologiche indotte dalla pratica motoria e sportiva. Sperimenterà varie tecniche espressivocomunicative in lavori individuali e di gruppo, che potranno suscitare un autoriflessione ed un analisi dell esperienza vissuta.

11 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Lo sport, le regole L accresciuto livello Conoscere e praticare Dimostrare abilità Esercizi di Primo e secondo e il fair play delle prestazioni in modo corretto ed tecnico-tattiche, elaborazione quadrimestre permetterà agli allievi essenziale i principali mantenendo corrette autonoma ed in. un maggiore giochi sportivi e sport e leali relazioni tra gruppo dei principali coinvolgimento in proposti e conoscerne compagni e avversari sport quali: pallavolo, ambito sportivo, le regole nei vari sport basket, tennis tavolo, nonché la fondamentali. proposti. hit ball, pallamano, partecipazione e Cooperare con i con particolare l organizzazione di compagni utilizzando attenzione alla competizioni della e valorizzando le tecnica, alle regole e scuola nelle diverse propensioni e le alle strategie di gioco. specialità sportive o attitudini individuali. Utilizzo di giochi attività espressive. tradizionali per Lo studente lavorare sulla coopererà in équipe, cooperazione del utilizzando e gruppo classe e sul valorizzando con la rispetto reciproco. guida del docente le Gli elementi propensioni fondamentali individuali e verranno sviluppati l attitudine a ruoli anche con cenni definiti; saprà teorici. osservare ed Sport individuali e di interpretare i squadra atti a fenomeni legati al valorizzare le mondo sportivo ed propensioni ed all attività fisica; attitudini. praticherà gli sport Nel corso dell anno si approfondendone la valuterà l opportunità di

12 teoria, la tecnica e la tattica. svolgere attività in base alla disponibilità di attrezzature e impianti.

13 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Salute e Ogni allievo saprà Conoscere gli Mettere in atto Lezioni teoriche sui Primo e secondo benessere, prendere coscienza elementi adeguati traumi sportivi, quadrimestre della propria fondamentali del comportamenti per prevenzione e sicurezza e corporeità al fine di primo soccorso e le tutelare la sicurezza intervento immediato. prevenzione perseguire norme principali propria ed altrui. Nozioni base di primo quotidianamente il relative alla Saper metter in soccorso e di proprio benessere prevenzione degli pratica le tecniche prevenzione per gli individuale. Saprà infortuni in palestra. base di pronto infortuni in palestra. adottare soccorso e saper comportamenti idonei riconoscere i più a prevenire infortuni frequenti traumi nelle diverse attività, sportivi. nel rispetto della propria e dell altrui incolumità; egli dovrà pertanto conoscere le informazioni relative all intervento di primo soccorso.

14 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Relazione con Il rapporto con la Disporre delle Praticare attività Attività motoria in Secondo l ambiente natura si svilupperà conoscenze ludiche e sportive in ambiente naturale, quadrimestre attraverso attività che necessarie per la ambiente naturale con un uscita alla naturale e permetteranno pratica attiva durante avvalendosi delle pista di pattinaggio e tecnologico esperienze motorie ed le lezioni in ambiente conoscenze acquisite, due al campo sportivo organizzative di naturale. nel rispetto del all aperto. maggior difficoltà, Utilizzare le comune patrimonio Utilizzo di una stimolando il piacere tecnologie a territoriale. Avvalersi telecamera o altri di vivere esperienze disposizione come in maniera adeguata strumenti a diversificate, sia strumento di di supporti disposizione, per individualmente che supporto tecnologici. riprendere l attività nel gruppo. all apprendimento. svolta, solo ad uso Gli allievi sapranno scolastico, per affrontare l attività verificare il motoria e sportiva consolidamento degli utilizzando attrezzi, apprendimenti in un materiali ed eventuali ambiente diverso da strumenti tecnologici quello scolastico e e/o informatici. riflettere sui possibili miglioramenti.

15 STRATEGIE DIDATTICHE UTILIZZATE Si utilizzano in maniera diversificata, in funzione dell attività da svolgere: lezioni frontali, dialogate, lavori di gruppo, situazioni con soluzione dei problemi, esercitazioni pratiche e teoriche. STRUMENTI DIDATTICI Utilizzo della palestra della scuola, con tutto il materiale a disposizione. Interventi in ambienti esterni. Utilizzo di tecnologie a disposizione, ad uso didattico e scolastico.

16 CRITERI DI VALUTAZIONE Interventi personali durante le lezioni. Valutazione in itinere su interesse e partecipazione. Prove motorie Test scritto o verifica orale. Valutazione dei test pratici, che terrà conto di conoscenze, abilità, partecipazione e impegno. STANDARD DI COMPETENZA MOTORIA E PARTECIPATIVA. LIVELLO BASSO voto inferiore al 5:. Il ragazzo spesso rifiuta la materia e ha un rapporto discontinuo durante l attività, non raggiungendo gli standard necessari di competenza motoria e partecipativa. BASE voto 5 ½, 6 ½: il ragazzo è talvolta settoriale sia nella partecipazione che nell esecuzione delle proposte. INTERMEDIO voto 7 e 8: il ragazzo partecipa attivamente alle proposte, ottenendo buoni risultati a livello motorio e di inserimento nel gruppo classe. AVANZATO voto 9 e 10: il ragazzo è propositivo riguardo alle attività, collaborativo con i compagni e raggiunge un ottima competenza sia a livello motorio che di relazione con i compagni e con l insegnante. I ragazzi esonerati parteciperanno alle lezioni in maniera attiva, aiutando l insegnante, arbitrando le partite, formando le squadre e collaborando con i compagni quando necessario; inoltre parteciperanno alle lezioni di teoria e ai relativi test. In concomitanza con i test pratici dei compagni, i ragazzi esonerati dovranno portare una ricerca scritta inerente alla prova; la ricerca verrà valutata e in alcuni casi verrà chiesta l esposizione orale alla classe.

17

18 PROGETTAZIONE GENERALE CLASSE V ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA COMPETENZE TRASVERSALI DI CITTADINANZA CONTRIBUTI DELLA DISCIPLINA: PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente le argomentazioni altrui. Acquisire l abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare i problemi e a individuare possibili soluzioni. Essere in grado di leggere e interpretare criticamente i contenuti delle diverse forme di comunicazione. PROGETTARE: Consolidare le capacità di organizzare autonomamente un piano di lavoro motorio. AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE: Riconoscere i propri errori per individuarne le cause ed instaurare percorsi più' responsabili ed autonomi. RISOLVERE PROBLEMI: Applicare strategie efficaci a risolvere situazioni problematiche sia individualmente che in gruppo. Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del proprio corpo. Deve aver consolidato i valori sociali dello sport e acquisito una buona preparazione motoria. Deve aver maturato un atteggiamento positivo verso uno stile di vita sano e attivo. Deve aver colto le implicazioni e i benefici derivanti dalla pratica di varie attività fisiche svolte nei diversi ambienti.

19 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Lo studente sarà in Saper rappresentare Saper esprimere e Nell anno finale Primo ed inizio grado di sviluppare mentalmente rielaborare l azione di secondo un attività motoria informazioni teoriche informazioni consolidamento e quadrimestre. complessa, adeguata via via più attraverso la sviluppo delle ad una completa complesse, gestualità, le azioni, conoscenze e delle maturazione applicandole agli le emozioni e i abilità motorie degli personale. esercizi da effettuare sentimenti; saper alunni proseguirà in Avrà piena praticamente. padroneggiare ed tutte le occasioni, al conoscenza e Realizzare progetti interpretare i fine di migliorare il consapevolezza degli motori e sportivi che messaggi, volontari e loro bagaglio motorio effetti positivi prevedano una involontari che il e sportivo. generati dai percorsi complessa corpo trasmette. Si effettueranno di preparazione fisica coordinazione Saper rielaborare esercizi volti a specifici. Saprà globale e rapidamente, nel consolidare la osservare e segmentaria senso di dare una capacità di utilizzare interpretare i individuale e in rapida risposta le qualità fenomeni connessi al gruppo con e senza motoria, le condizionali mondo dell attività attrezzi. informazioni e le adattandole alle motoria e sportiva istruzioni tecniche diverse esperienze proposta nell attuale specifiche motorie ed ai vari contesto contenuti tecnici. socioculturale, in una Si useranno esercizi prospettiva di durata utili al discernimento lungo tutto l arco delle capacità della vita. coordinative più La percezione di sé ed il completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive. efficaci per risolvere situazioni sempre più complesse.

20

21 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Lo studente Acquisire una solida Acquisire una Ripassare i giochi Primo e secondo conoscerà e conoscenza e pratica conoscenza ed sportivi effettuati nei quadrimestre. applicherà le strategie di alcuni sport un esperienza diretta vari anni scolastici e tecnico-tattiche dei individuali e di in ambito sportivo nei trovarne almeno due giochi sportivi; saprà squadra valorizzando diversi ruoli per poter verso cui l alunno affrontare il confronto le attitudini personali; valutare e apprezzare mostra di avere agonistico con essere consapevoli lo sport come valore competenze tecnico un etica corretta, con dell aspetto educativo di confronto e come tattiche e di rispetto delle regole e e sociale dello sport. momento formativo affrontare il confronto vero fair play. Saprà utile a favorire agonistico con etica svolgere ruoli di l acquisizione di corretta. direzione dell attività comportamenti sociali Apprendere le regole sportiva, nonché corretti per un fondamentali e organizzare e gestire inserimento eventi sportivi nel consapevole nella tempo scuola ed extra-scuola. Lo sport, le regole e il fair play. società e nel mondo del lavoro. Osservare e interpretare i fenomeni di massa legati al mondo dell attività motoria e sportiva proposti dalla società praticare la funzione di arbitro negli sport effettuati. Elaborare e saper organizzare e gestire eventi sportivi scolastici ed extrascolastici

22 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Salute e Lo studente, al Conoscere le norme di Applicare le norme di Lezioni teoriche volte Primo ed inizio benessere, termine del percorso prevenzione e le prevenzione per la a: secondo quinquennale, avrà manovre sicurezza e gli conoscere ed essere quadrimestre, sicurezza e acquisito la fondamentali del elementi consapevole degli prevenzione consapevolezza primo soccorso per fondamentali del BLS. effetti positivi dell importanza che quanto riguarda le Assumere stili di vita e prodotti dall attività riveste la pratica funzioni vitali: BLS. comportamenti attivi fisica sugli apparati dell attività motoria - Conoscere i principi nei confronti della scheletrico, articolare, sportiva per il generali di una propria salute intesa muscolare, cardiocircolatorio benessere individuale corretta come fattore e e collettivo e di alimentazione e di dinamico, conferendo respiratorio; saperla esercitarla in come essa è utilizzata il giusto valore conoscere i principi modo efficace. nell ambito all attività fisica e generali di una dell attività fisica e nei sortiva. corretta vari sport. alimentazione; conoscere le principali manovre di primo soccorso per quanto riguarda le funzioni vitali: BLS (intervento di un esperto esterno); conoscere e saper adottare comportamenti in grado di prevenire infortuni nelle varie attività fisiche, nel rispetto della propria

23 ed altrui incolumità, anche attraverso forme di assistenza diretta; Paramorfismi della colonna vertebrale

24 AMBITI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CONTENUTI PERIODO Relazione con Lo studente saprà Consolidare Le scienze motorie e Svolgere attività Secondo l ambiente mettere in atto conoscenze e potranno far acquisire ludiche e sportive in quadrimestre comportamenti comportamenti che allo studente abilità contesti diversificati, naturale e responsabili nei possano permettere molteplici, trasferibili non solo in palestra e tecnologico confronti del comune un consapevole in qualunque altro sui campi di gioco, ma patrimonio rapporto con contesto di vita. anche all aperto, per il ambientale, tutelando l ambiente, nel quale recupero di un lo stesso ed l alunno saprà rapporto corretto con impegnandosi in operare in sicurezza e l ambiente naturale e attività ludiche e con l uso di strumenti crescere nell avere un sportive in diversi specifici. comportamento ambiti, anche con responsabile verso il l utilizzo della strumentazione tecnologica e multimediale a ciò preposta. comune patrimonio ambientale e la sua tutela.

25 STRATEGIE DIDATTICHE UTILIZZATE Si utilizzano in maniera diversificata, in funzione dell attività da svolgere: lezioni frontali, dialogate, lavori di gruppo, attività mediate da pari a pari, metodologie centrate sul discente (apprendimento collaborativo), esercitazioni pratiche e teoriche STRUMENTI DIDATTICI Dispensa sugli elementi dell alimentazione e sugli effetti positivi prodotti dall attività fisica, rispetto ai principali apparati. Utilizzo della palestra della scuola, con tutto il materiale a disposizione. Uscite in ambienti esterni: parco all aperto o spiaggia e parco avventura. Utilizzo di tecnologie a disposizione, ad uso didattico e scolastico, se necessarie.

26 CRITERI DI VALUTAZIONE Interventi personali durante le lezioni. Valutazione in itinere su interesse e partecipazione. Prove motorie Test scritto: Per la valutazione dei test pratici si terrà conto di conoscenze, abilità, partecipazione e impegno I ragazzi esonerati parteciperanno alle lezioni in maniera attiva, aiutando l insegnante, arbitrando le partite, formando le squadre e collaborando con i compagni quando necessario; inoltre parteciperanno alle lezioni di teoria e ai relativi test. In concomitanza con i test pratici dei compagni, i ragazzi esonerati dovranno portare una ricerca scritta inerente alla prova; la ricerca verrà valutata e in alcuni casi verrà chiesta l esposizione orale alla classe. STANDARD DI COMPETENZA MOTORIA E PARTECIPATIVA. LIVELLO MOLTO BASSO voto inferiore al 4:. Scarse conoscenze, carenze motorie di base con errori ripetuti. Il ragazzo non si organizza il lavoro, ha un rapporto discontinuo durante l attività, non collabora con i compagni e non rispetta le regole LIVELLO BASSO voto 5: Abilità e competenze incerte, applicazione scadente della tecnica, metodo di lavoro poco autonomo. Il ragazzo non collabora con e compagni e spesso non rispetta le regole. LIVELLO BASE voto 6: Conoscenze e abilità modeste, tecnica approssimativa. Il ragazzo è talvolta settoriale sia nella partecipazione che nell esecuzione delle proposte. Sufficiente l organizzazione del lavoro, la collaborazione e rispetto delle regole. LIVELLO INTERMEDIO voto 7: Discreta conoscenza ed esecuzione. Il ragazzo partecipa attivamente alle proposte, con discreta organizzazione del lavoro, ottenendo risultati adeguati a livello motorio e di inserimento nel gruppo classe. LIVELLO BUONO voto 8: Buon livello di conoscenza, le capacità motorie raggiunte sono buone. Il ragazzo è disponibile, collabora con docenti e compagni ed ha una diligente organizzazione del lavoro e del rispetto delle regole. LIVELLO AVANZATO voto 9 : Tutti gli indicatori sono ampliamente positivi. Il ragazzo è propositivo riguardo alle attività, collaborativo con i compagni e raggiunge un ottima competenza sia a livello motorio, organizzativo, che di relazione con i compagni e con l insegnante. LIVELLO OTTIMO voto 10: Tutti gli indicatori sono ottimi, affronta la materia con approfondimenti personali e spiccata autonomia di lavoro. Il ragazzo è sempre disponibile ed attento alle esigenze dei compagni, rispettandoli anche in attività di competizione.

27

28

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E COMPETENZE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E COMPETENZE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E COMPETENZE Al temine del percorso liceale lo studente ha acquisito la consapevolezza della propria corporeitä intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.9. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Margherita Pizzo Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO STATALE G.TARANTINO Gravina in Puglia (BA) A.S. 2014-2015 Il Dipartimento, approfondendo le tematiche che fanno riferimento alla

Dettagli

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.8. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Gabriella Pagano Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo d istruzione (tratto da IN allegate al Decreto Ministeriale adottato dal MIUR con nota 26 novembre 2012) Educazione fisica Nel primo ciclo l educazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO - Partecipare attivamente e costantemente allo didattica - Utilizzare in maniera appropriata gli strumenti e le attrezzature specifiche

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DELLE 5 ASM. ANNO 2011/2012 n. 1 Titolo: La p ercezione del proprio corpo e lo sviluppo espressive 1 - La percezione di sé e il completamento

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA POLO VAL BOITE Anno scolastico 2007-2008 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA FINALITA L insegnamento dell ed.fisica concorre alla formazione degli alunni e delle alunne attraverso la ricerca

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO DI ED.FISICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI ED.FISICA SCUOLA PRIMARIA/SECONDARIA DI PRIMO GRADO Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni complesse.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni complesse. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO 1.1. Conoscere le potenzialità del movimento del corpo e le funzioni fisiologiche in relazione al movimento. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELLE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Questa Disciplina fonda la sa azione sui saperi motori, i quali rappresentano beni irrinunciabili nel processo formativo dell alunno, in quanto finalizzati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Anno scolastico 2014-2015 1 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Anno scolastico 2014-2015 PREMESSA. Da quest anno giunge a compimento la riforma anche per le classi quinte pertanto l Educazione Fisica diventa Scienze Motorie

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CIVATI TIZIANA STRIZZI GIACOMO SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ZAPPA GIOVANNA BONAMORE PAOLA PASTORI SERENA A. Modigliani Giussano

Dettagli

Istituto Superiore. G.V.Gravina

Istituto Superiore. G.V.Gravina Istituto Superiore G.V.Gravina Crotone Programmazione Anno scolastico 2013-2014. Disciplina: Scienze motorie e sportive Classi: 1^, 2^ e 3^, sez. A - Liceo Scienze Umane: Opzione economico-sociale Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO MATERIA: Scienze Motorie DOCENTE: Prof.: MURARO LORENZO PIANO DI LAVORO Classi

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.2015/16 PRIMO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.2015/16 PRIMO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.201/1 PRIMO BIENNIO L'insegnamento delle scienze motorie nel primo biennio della scuola secondaria di secondo grado

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO. Secondo Biennio e Quinto Anno. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 RESPONSABILE DEL Prof.ssa Gervasio Maria Pia

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO. Secondo Biennio e Quinto Anno. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 RESPONSABILE DEL Prof.ssa Gervasio Maria Pia PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DISCIPLINA CLASSI Scienze Motorie Scienze Motorie Secondo Biennio e Quinto Anno ANNO SCOLASTICO 2015-2016 RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof.ssa Gervasio

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

Infanzia Obiettivi di apprendimento

Infanzia Obiettivi di apprendimento I DISCORSI E LE PAROLE IMMAGINI, SUONI, COLORI IL CORPO E IL MOVIMENTO Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo Asse linguistico-espressivo Infanzia-Primaria -Secondaria I grado- NUCLEI FONDANTI

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Triennio Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE CLASSE 5 A LSU Docente: Miragoli Cristina Ore settimanali: 2 Ore annuali (previste in data 8-6-16) : 55 FINALITA' E OBIETTIVI FINALITA Acquisire

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

Materia. PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive. Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive

Materia. PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive. Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive Materia Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive COORDINATORE/I Prof. Antonio Masiello 1) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Imparare ad

Dettagli

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio LICEO SCIENTIFICO F. SEVERI FROSINONE Programmazione di dipartimento Biennio e triennio DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2011-2012 BIENNIO: FINALITA Gli ultimi programmi confermano l evoluzione

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTI: Faini- Zocca- Serra

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA La scuola si impegna a: PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA organizzare l orario su 5 giorni in settimana per favorire le attività di allenamento e la partecipazione alle competizioni sportive degli studenti;

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016

Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE SPORTIVE CLASSI PRIME E SECONDE Consolidare le capacità coordinative Migliorare le capacità condizionali

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Il seguente piano di lavoro annuale viene redatto in accordo con la formulazione dei Programmi, di cui al d.p.r.908 del 01-10-1982,e

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli

IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali)

IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali) IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali) CLASSE PRIMA GRIGLIA N 1 IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO SPAZIO E IL TEMPO Ha cura

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATRICE: PROF.SSA ANNA RITA RUBINO PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 FINALITÀ

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie (biennio/triennio) Anno scolastico 2014/2015 Coordinatore Prof. Sorrentino Alfredo IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Silvana Rocco 1 LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 LICEO SCIENTIFICO BRUNO TOUSCHEK GROTTAFERRATA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 L educazione fisica nella scuola in generale e nella secondaria superiore in particolare,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale IL CORPO e LA SUA RELAZIONE con LO SPAZIO e IL TEMPO Utilizza gli aspetti comunicativorelazionali del linguaggio motorio per Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI SCIENZE MOTORIE

MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI SCIENZE MOTORIE COMPETENZA 1 1. Assumere sempre posture corrette, soprattutto in presenza di carichi. Educazione posturale CONOSCERE E PADRONEGGIARE IL PROPRIO CORPO 2. Organizzazione di personali percorsi di attività

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121 NAPOLI codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 a. Obiettivi : Educativi generali: Favorire l armonico sviluppo psicofisico dell adolescente far prendere

Dettagli

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBINO RUBRICA VALUTATIVA DI SCIENZE MOTORIE DIMENSIONI CRITERI INDICATORI LIVELLI AVANZATO INTERMEDIO ESSENZIALE PARZIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBINO RUBRICA VALUTATIVA DI SCIENZE MOTORIE DIMENSIONI CRITERI INDICATORI LIVELLI AVANZATO INTERMEDIO ESSENZIALE PARZIALE CAPACITA CONDIZIONALI - Eseguire esercizi con carichi. - Sostenere sforzi prolungati. - Compiere azioni motorie nel minor tempo possibile. - Effettuare movimenti con la massima ampiezza. - Esegue esercizi

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Curricolo verticale Anno scolastico 2012-2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO EUROPEA Con la Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli