PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel fax Codice Fiscale Codice Ministeriale PDIS01300X - legalmail: - PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA II parte Linee generali della programmazione disciplinare a.s In applicazione della Riforma dei Licei classi prime, seconde e terze I Dipartimenti si riservano di rivedere in corso d anno le programmazioni e le griglie, anche in relazione allo sviluppo del nuovo curricolo di studio Approvato nella seduta del Collegio dei Docenti del Adottato dal Consiglio d Istituto il Primo Premio 2006 Qualità per la Scuola del Veneto LABEL equality 2010 Scuola polo per la dimensione Europea dell Istruzione

2 PARTE SECONDA INDICE Piano dell Offerta 1. LINGUA E LETTERATURA ITALIANA pag STORIA e GEOGRAFIA pag LINGUA E CULTURA LATINA 3.1 Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Umane pag Liceo Linguistico pag LINGUA E CULTURA LATINA E GRECA pag FILOSOFIA pag STORIA pag LINGUA E CULTURA STRANIERA 7.1 Lingua e cultura straniera primo biennio pag Lingua e cultura straniera secondo biennio pag MATEMATICA PRIMO BIENNIO 8.1 Liceo Scientifico pag Liceo delle Scienze Applicate pag Liceo Classico - Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Umane pag FISICA PRIMO BIENNIO pag INFORMATICA PRIMO BIENNIO pag MATEMATICA SECONDO BIENNIO pag INFORMATICA SECONDO BIENNIO pag FISICA SECONDO BIENNIO pag SCIENZE NATURALI 14.1 Liceo Scientifico pag Liceo delle Scienze Applicate pag Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane - Liceo Linguistico pag SCIENZE NATURALI SECONDO BIENNIO pag SCIENZE UMANE pag DIRITTO ED ECONOMIA pag DISEGNO E STORIA DELL ARTE pag SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE pag RELIGIONE CATTOLICA pag ATTIVITÀ ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA pag

3 1. LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO ANNO Piano dell Offerta Piano dell Offerta 1.1 Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Applicate Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane Liceo Linguistico Competenza in chiave europea: Comunicazione in lingua madre Conoscenze Abilità Competenze specifiche strutture grammaticali della lingua italiana ai diversi livelli del sistema: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, frase complessa, lessico; riconoscere le strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, frase complessa, lessico. usare correttamente la lingua italiana nell'insieme delle sue strutture e riflettere metalinguisticamente sui tradizionali livelli di analisi. elementi di base delle funzioni della lingua. codici fondamentali della comunicazione orale, verbale e non verbale; lessico fondamentale per la gestione di semplici comunicazioni verbali in contesti formali e informali; contesto, scopo e destinatario della comunicazione; principi di organizzazione del discorso descrittivo, narrativo, espositivo. strutture essenziali dei testi descrittivi, narrativi, espositivi; principali connettivi logici; varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi; tecniche di lettura analitica e sintetica; comprendere il messaggio contenuto in un testo orale; cogliere le relazioni logiche tra le varie componenti di un testo orale; esporre in modo sufficientemente chiaro, logico e coerente esperienze vissute o testi ascoltati; produrre testi orali con il rispetto dei tempi verbali, dell'ordine dei tempi e della concisione ed efficacia espressiva; riconoscere differenti registri comunicativi di un testo orale; affrontare molteplici situazioni comunicative scambiando informazioni e idee per esprimere anche il proprio punto di vista; individuare il punto di vista dell altro in contesti formali ed informali riconoscere l organizzazione linguistica; applicare strategie diverse di lettura; individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo; cogliere i caratteri specifici di un testo letterario. usare correttamente gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo 3

4 denotazione e connotazione; principali generi letterari; contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere. elementi strutturali di un testo scritto coerente e coeso; uso dei dizionari; modalità e tecniche di alcune forme di produzione scritta; fasi della produzione scritta: pianificazione, stesura e revisione; registri linguistici da usare in relazione ad alcuni contesti e scopi comunicativi; linguaggi specifici della disciplina; prendere appunti e redigere sintesi e relazioni; organizzare in forma chiara le informazioni; produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni comunicative, applicando le tecniche di allestimento di un testo scritto, rispettando la sintassi del periodo, l'uso dei connettivi e dell'interpunzione; utilizzare i diversi registri linguistici in relazione ad alcuni contesti e scopi comunicativi e ampliando contestualmente il proprio lessico; utilizzare i linguaggi specifici della disciplina; titolare, parafrasare, riassumere un testo dato; Piano dell Offerta Piano dell Offerta produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi conoscere i registri dell'italiano contemporaneo, le diversità tra scritto e parlato, il rapporto con i dialetti. analizzare testi in lingua italiana in base a connotati sociolinguistici. cogliere alcuni aspetti sociolinguistici dell italiano Competenza in chiave europea: Competenza letteraria Conoscenze Abilità Competenze specifiche principali metodologie di analisi del testo letterario (generi letterari, alcune figure retoriche); essere in grado di leggere, interpretare e commentare testi in prosa attraverso gli strumenti dell'analisi linguistica, stilistica, retorica; Acquisire familiarità con la letteratura, raggiungendo consapevolezza del valore della lettura e della specificità del fenomeno letterario. 4

5 leggere e analizzare testi di opere e autori significativi della classicità, in traduzione, al fine di individuare i caratteri principali della tradizione letteraria e culturale occidentale (l'iliade, l'odissea, l'eneide); Piano dell Offerta Piano dell Offerta Leggere personalmente opere di altre letterature in traduzione Contenuti EDUCAZIONE LINGUISTICA Definizione di testo Il modello della comunicazione e i suoi elementi Segni per comunicare: il codice verbale Le funzioni della comunicazione LABORATORIO DI SCRITTURA La funzione emotiva Gli scritti espressivi: la descrizione soggettiva, il diario, lettera informale La funzione referenziale La descrizione come elemento del testo: la descrizione dei personaggi e dei luoghi Parodie e riscritture, straniamenti e monologhi, dialoghi, chiacchiere, sproloqui (esempi di esercizi) ANALISI DEL TESTO NARRATIVO La struttura del testo narrativo Fabula e intreccio Le sequenze I personaggi e il sistema dei personaggi Spazio e tempo La voce narrante e il punto di vista Le parole e i pensieri dei personaggi STUDIO DELLE TIPOLOGIE DI SCRITTURA Il paragrafo I connettivi logici Costruire una scaletta Il riassunto Il testo espositivo-informativo La struttura di un testo informativo. Vari modelli di testi espositivo-informativi: la recensione, la relazione Il testo informativo giornalistico: analisi e produzione di vari articoli di giornale La funzione referenziale: il testo espositivo Relazioni, verbali, istruzioni, scrittura documentata IL TESTO EPICO Scelta di brani tratti da Iliade, Odissea e Eneide 5

6 SECONDO ANNO Piano dell Offerta Piano dell Offerta 1.2 Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Applicate Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane Liceo Linguistico Competenza in chiave europea: Comunicazione in lingua madre Conoscenze Abilità Competenze specifiche Strutture grammaticali della lingua italiana ai diversi livelli del sistema: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, frase complessa, lessico. Riconoscere le strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, frase complessa, lessico. Usare correttamente la lingua italiana nell'insieme delle sue strutture e riflettere metalinguistica-mente sui tradizionali livelli di analisi. Elementi di base delle funzioni della lingua. Codici fondamentali della comunicazione orale, verbale e non verbale. Lessico fondamentale per la gestione di semplici comunicazioni verbali in contesti formali e informali. Contesto, scopo e destinatario della comunicazione. Principi di organizzazione del discorso descrittivo, narrativo, espositivo. Principali connettivi logici. Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi. Tecniche di lettura analitica e sintetica. Denotazione e connotazione. Comprendere il messaggio contenuto in un testo orale. Cogliere le relazioni logiche tra le varie componenti di un testo orale. Esporre in modo sufficientemente chiaro, logico e coerente esperienze vissute o testi ascoltati. Produrre testi orali con il rispetto dei tempi verbali, dell'ordine dei tempi e della concisione ed efficacia espressiva. Riconoscere differenti registri comunicativi di un testo orale. Affrontare molteplici situazioni comunicative scambiando informazioni e idee per esprimere anche il proprio punto di vista. Individuare il punto di vista dell altro in contesti formali ed informali. Riconoscere l organizzazione linguistica. Applicare strategie diverse di lettura. Individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo. Usare correttamente gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti. Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo. 6

7 Principali generi letterari, con particolare riferimento alla tradizione italiana. Contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere. Elementi strutturali di un testo scritto coerente e coeso. Uso dei dizionari. Modalità e tecniche delle diverse forme di produzione scritta. Fasi della produzione scritta: pianificazione, stesura e revisione. Registri linguistici da usare a seconda dei diversi contesti e scopi comunicativi. Linguaggi specifici della disciplina. Tecniche dell argomentazione. Conoscere elementi di base della storia della lingua italiana. Conoscere i registri dell italiano contemporaneo, le diversità tra scritto e parlato, il rapporto con i dialetti. Cogliere i caratteri specifici di un testo letterario. Ricercare, acquisire e selezionare informazioni generali e specifiche in funzione della produzione di testi scritti di vario tipo. Prendere appunti e redigere sintesi e relazioni. Organizzare in forma chiara le informazioni. Produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni comunicative, applicando le tecniche di allestimento di un testo scritto, rispettando la sintassi del periodo, l'uso dei connettivi e dell'interpunzione. Utilizzare i diversi registri linguistici a seconda dei contesti e degli scopi comunicativi, ampliando contestualmente il proprio lessico. Utilizzare i linguaggi specifici della disciplina. Titolare, parafrasare, riassumere un testo dato. Rielaborare in forma personale le conoscenze acquisite. Organizzare e motivare un ragionamento per sostenere una tesi. Analizzare testi in lingua italiana in base a connotati storici e sociolinguistici. Piano dell Offerta Piano dell Offerta Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Cogliere la storicità della lingua italiana e le linee essenziali del suo sviluppo nel tempo e i suoi connotati sociolinguistici 7

8 Competenza in chiave europea: Competenza letteraria Piano dell Offerta Piano dell Offerta Conoscenze Abilità Competenze specifiche Conoscere il tema della nascita, dalla matrice latina, dei Leggere e interpretare testi in volgare e in fiorentino letterario. Acquisire familiarità con la letteratura, raggiungendo volgari italiani e dell avvio verso l affermazione del fiorentino letterario Essere in grado di leggere, interpretare e commentare testi in prosa e in versi, consapevolezza del valore della lettura e della specificità del fenomeno letterario. come lingua italiana nel secolo XIV. attraverso gli strumenti dell'analisi Leggere personalmente opere Principali metodologie di analisi del testo linguistica, stilistica, retorica. di altre letterature in traduzione. letterario (generi letterari, elementi di Leggere i Promessi sposi di Manzoni. metrica e retorica). Saper tracciare un Caratteristiche dell ambiente culturale che vide sorgere le prime importanti espressioni letterarie italiane (la letteratura religiosa, i siciliani, i siculotoscani) quadro, agganciato ad alcune letture di testi, dell ambiente culturale che vide sorgere le prime importanti espressioni letterarie. Contenuti EDUCAZIONE LINGUISTICA Il periodo: rapporti di coordinazione e di subordinazione, connettivi logici STUDIO DELLE TIPOLOGIE DI SCRITTURA E LABORATORIO DI SCRITTURA Analisi del testo in prosa e in poesia Testo argomentativo e scrittura documentata: tema, saggio, articolo di giornale di opinione ANALISI DEL TESTO POETICO Definizione di poesia Metrica e ritmo Principali figure retoriche di suono, ordine, significato ELEMENTI DI ANALISI DEL TESTO TEATRALE LETTERATURA ITALIANA Le origini latine dell italiano La nascita dei volgari La scuola poetica siciliana La poesia religiosa I poeti toscani I PROMESSI SPOSI 8

9 Piano dell Offerta INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO ADEGUATEZZA Il testo risponde alle richieste, ovvero: - ha la lunghezza richiesta presenta le caratteristiche della tipologia testuale richiesta - ha un idea centrale riconoscibile: sono chiari l oggetto e le finalità del testo GRIGLIA DI VALUTAZIONE ITALIANO SCRITTO BIENNIO CARATTERISTICHE DEL CONTENUTO ORGANIZZAZIONE DEL TESTO LESSICO E STILE CORRETTEZZA ORTOGRAFICA E MORFOSINTATTICA Il testo ha un contenuto pertinente, coerente e significativo, ovvero: - non contiene parti fuori tema, estranee all argomento - gli argomenti presenti sono coerenti rispetto all idea centrale: per il testo descrittivo: la descrizione riesce a mostrare e non si limita a dichiarare per il testo narrativo: la trama è coerente per l espositivo: le citazioni sono pertinenti; le fonti sono riconoscibili per il testo argomentativo: le tesi e le confutazioni sono chiare, coerenti e sostenute da prove adeguate; le fonti sono riconoscibili per l analisi del testo: il commento è pertinente e evidenzia aspetti importanti (contenutistici e formali) del testo esaminato - il contenuto evidenzia una buona conoscenza dell argomento; le informazioni sono ampie, corrette e precise Il testo è ben organizzato, ovvero: - ha un articolazione chiara e ordinata ed è riconoscibile una struttura nella descrizione / narrazione / esposizione / argomentazione / analisi del testo - c è una corretta divisione del testo in capoversi - c è equilibrio tra le parti - c è continuità tra le idee; l uso dei connettivi è coerente Le scelte lessicali e lo stile sono appropriati ed efficaci, ovvero il testo è dotato di: - inizio e conclusione stilisticamente efficaci con presenza di scelte retoriche significative - proprietà e ricchezza del lessico, anche specifico - stile scorrevole e non enfatico, adeguato al tipo di testo Il testo è scorrevole e corretto, ovvero presenta: - grafia leggibile e ordinata - correttezza ortografica - correttezza morfosintattica - punteggiatura appropriata Legenda del punteggio gravemente insufficiente insufficiente sufficiente buono ottimo totale 9

10 Piano dell Offerta ITALIANO, CONTENUTI II BIENNIO DEL LICEO SCIENTIFICO E DELLE SCIENZE APPLICATE TERZO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Il Dolce Stil Novo: Guinizzelli, Cavalcanti ed eventuali altri minori a scelta (biografia, opere, confronto con altri autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Dante Alighieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Francesco Petrarca (biografia, opere, fortuna nelle letterature europee; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Boccaccio (biografia, opere, fortuna nelle letterature europee; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti dal Decamerone). L Umanesimo; studio a scelta tra Lorenzo il Magnifico e Poliziano (biografia, opere; analisi dei temi e commento di testi scelti). Pulci, Boiardo e Ariosto: temi e fortuna europea del poema cavalleresco italiano. L uomo del Rinascimento: Machiavelli e Guicciardini (biografia, opere, fortuna; analisi stilistica e commento di testi scelti). Il Petrarchismo (principali autori; rapporto con le letterature europee). Il problema della lingua: Pietro Bembo. La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almeno 10 canti dell Inferno; in alternativa almeno 8 Canti dell Inferno e 2 percorsi tematici a scelta del docente. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. QUARTO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Tasso (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Manierismo e Barocco (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Galilei (biografia, opere, fortuna; commento di testi scelti). L Arcadia e il Classicismo (principali autori; commento di testi scelti). (a scelta del docente)metastasio (biografia, opere, fortuna; commento di testi scelti). Il teatro: Goldoni e Alfieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Parini (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Neoclassicismo e Romanticismo; dibattito italiano ed europeo. Foscolo (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Alessandro Manzoni: (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almeno10 canti del Purgatorio; in alternativa almeno 8 Canti e due percorsi tematici scelti dal docente. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. 10

11 ITALIANO: OBIETTIVI E CONTENUTI II BIENNIO DEL LICEO CLASSICO Piano dell Offerta ITALIANO, OBIETTIVI II BIENNIO DEL LICEO CLASSICO COMPETENZA SPECIFICA ABILITA CONOSCENZE Saper riflettere criticamente sul lessico e sulle strutture della lingua italiana in rapporto al periodo della storia letteraria studiato, agli autori, alle tipologie testuali e ai generi letterari affrontati. Saper riflettere sulle caratteristiche linguistiche della lingua italiana anche in prospettiva diacronica e comparativa con le lingue classiche e alcune lingue europee. Leggere e comprendere saggi specialistici/pagine critiche sulla lingua e sulla letteratura italiane (avviamento). Saper riflettere sui testi e sui temi letterari affrontati, operare autonomamente confronti, esprimere oralmente e per iscritto valutazioni critiche con argomentazioni e giudizi fondati. Grazie alle conoscenze linguistiche e letterarie e alle strategie di analisi del testo acquisite: comprendere e inquadrare storicamente i testi d autore letti; riconoscere nei testi le caratteristiche contenutistiche e formali della tipologia testuale e del genere letterario di appartenenza; saper applicare, nell analisi dei testi poetici, le nozioni di metrica acquisite; riconoscere nei testi le peculiarità tematiche e stilistiche degli autori studiati. Illustrare in maniera chiara, oralmente o per iscritto, importanti temi e problemi della storia letteraria italiana. Consolidamento della morfologia; della sintassi della frase semplice e del periodo; del lessico. Nozioni fondamentali di metrica italiana. Nozioni di grammatica storica riguardo importanti aspetti fonetici, morfologici, sintattici, lessicali, metrici dell italiano. Consolidamento e perfezionamento delle nozioni di teoria dell analisi del testo. Nozioni di storia della letteratura italiana dallo stil novo all Ottocento (indicativamente, terzo anno: dallo stil novo al Cinquecento; quarto anno: dal tardo Cinquecento all Ottocento). Temi, problemi, personaggi della Commedia di Dante (terzo anno: lettura di canti scelti dall Inferno; quarto anno: canti scelti dal Purgatorio) ITALIANO, CONTENUTI II BIENNIO DEL LICEO CLASSICO TERZO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Il Dolce Stil Novo: Guinizzelli, Cavalcanti, Cino da Pistoia, altri poeti (biografia, opere, fortuna; analisi metricostilistica e commento di testi scelti) Dante (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Petrarca (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boccaccio (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) L Umanesimo: Lorenzo il Magnifico e Poliziano (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boiardo e Ariosto o, in alternativa, Machiavelli e Guicciardini (biografia, opere, fortuna; analisi stilistica e commento di testi scelti) La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almeno 10 canti dell Inferno. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. 11

12 QUARTO ANNO Piano dell Offerta STORIA DELLA LETTERATURA Il Petrarchismo (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boiardo e Ariosto o Machiavelli e Guicciardini (a seconda della scelta compiuta l anno precedente): biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti Tasso (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Manierismo e Barocco (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Galilei (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) L Arcadia (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Metastasio (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Il teatro: Goldoni e Alfieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Parini (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Neoclassicismo e Romanticismo Foscolo (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almento 10 canti del Purgatorio. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. ITALIANO: OBIETTIVI E CONTENUTI 2 BIENNIO DEL LICEO delle SCIENZE UMANE ITALIANO, OBIETTIVI II BIENNIO DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE COMPETENZA SPECIFICA ABILITA CONOSCENZE Saper riflettere sul lessico e sulle strutture della lingua italiana in rapporto al periodo della storia letteraria studiato, agli autori, alle tipologie testuali e ai generi letterari affrontati. Saper riflettere sulle caratteristiche linguistiche dell italiano anche in prospettiva diacronica e comparativa con il latino. Leggere e comprendere saggi specialistici/pagine critiche sulla lingua e sulla letteratura italiane (avviamento). Saper riflettere sui testi e sui temi letterari affrontati, operare autonomamente confronti, esprimere oralmente e per iscritto valutazioni critiche con argomentazioni e giudizi fondati. Grazie alle conoscenze linguistiche e letterarie e alle strategie di analisi del testo acquisite: comprendere e inquadrare storicamente i testi d autore letti; riconoscere nei testi le caratteristiche contenutistiche e formali della tipologia testuale e del genere letterario di appartenenza; saper applicare, nell analisi dei testi poetici, le nozioni di metrica acquisite; riconoscere nei testi le peculiarità tematiche e stilistiche degli autori studiati. Illustrare in maniera chiara, oralmente o per iscritto, importanti temi e problemi della storia letteraria italiana. Consolidamento della morfologia; della sintassi della frase semplice e del periodo; del lessico Nozioni fondamentali di metrica italiana. Consolidamento e perfezionamento delle nozioni di teoria dell analisi del testo. Nozioni di storia della letteratura italiana dallo Stil novo all Ottocento (indicativamente, terzo anno: dallo Stil novo al Cinquecento; quarto anno: dal tardo Cinquecento alla prima metà dell Ottocento). Temi, problemi, personaggi della Commedia di Dante (terzo anno: lettura di canti scelti dall Inferno; quarto anno: canti scelti dal Purgatorio). 12

13 Piano dell Offerta ITALIANO, CONTENUTI 2 BIENNIO DEL LICEO delle SCIENZE UMANE TERZO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Il Dolce Stil Novo: Guinizzelli, Cavalcanti (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Dante (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Petrarca (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boccaccio (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) L Umanesimo: Lorenzo il Magnifico e Poliziano (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boiardo e Ariosto o, in alternativa, Machiavelli e Guicciardini (biografia, opere, fortuna; analisi stilistica e commento di testi scelti) La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almeno 8 canti dell Inferno. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di Stato. QUARTO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Il Petrarchismo (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Boiardo e Ariosto o Machiavelli e Guicciardini (a seconda della scelta compiuta l anno precedente): biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti Tasso (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Manierismo e Barocco (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Galilei (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) L Arcadia (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Il teatro: Goldoni e Alfieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Parini (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Neoclassicismo e Romanticismo Foscolo (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti) Manzoni (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almeno 8 canti del Purgatorio. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di Stato. 13

14 Piano dell Offerta ITALIANO: OBIETTIVI E CONTENUTI II BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO ITALIANO, OBIETTIVI II BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO COMPETENZA SPECIFICA ABILITA CONOSCENZE Saper riflettere sul lessico e sulle strutture della lingua italiana in rapporto agli autori, alle tipologie testuali e ai generi letterari affrontati. Saper riflettere sulle caratteristiche linguistiche della lingua italiana in prospettiva comparativa con le lingue europee studiate e in rapporto all evoluzione della medesima Avviamento alla lettura di pagine critiche sulla lingua e sulla letteratura europea. Saper riflettere su testi letterari e non letterari (misti, iconici, continui), operare autonomamente confronti, esprimere oralmente e per iscritto valutazioni argomentate. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l'interazione comunicativa verbale in vari contesti. Grazie alle conoscenze linguistiche e letterarie e alle strategie di analisi del testo acquisite: comprendere testi d autore letti; comprendere testi non letterari; comprendere testi non continui; riconoscere nei testi le caratteristiche contenutistiche e formali della tipologia testuale e del genere letterario di appartenenza (solo per i testi letterari); saper applicare, nell analisi dei testi poetici e in prosa, le nozioni specifiche studiate nel biennio e completare lo studio formalizzato di tali nozioni; riconoscere nei testi le peculiarità tematiche degli autori studiati. Riconoscere le tesi di ambito non strettamente letterario ma di enciclopedia culturale nei testi presentati Illustrare in maniera argomentata, oralmente e per iscritto, temi trasversali alle discipline Consolidamento della morfologia, della sintassi della frase semplice e del periodo; costruzione di mappe lessicali. Nozioni fondamentali di metrica italiana (sonetto e canzone petrarchesca). Uso della rima nella strutturazione dell analisi poetica e della mappatura lessicale per l analisi del testo in prosa. Nozioni di grammatica storica riguardo importanti aspetti fonetici, morfologici, sintattici, lessicali, metrici dell italiano poste in confronto con strutture delle lingue straniere studiate. Consolidamento e ampliamento delle nozioni di teoria dell analisi del testo poetico e in prosa. Nozioni di storia della letteratura italiana dallo stil novo all Ottocento (indicativamente, terzo anno: dallo stil novo al Cinquecento; quarto anno: dal tardo Cinquecento all Ottocento). Temi, problemi, personaggi della Commedia di Dante (terzo anno: lettura di canti scelti dall Inferno; quarto anno: canti scelti dal Purgatorio) 14

15 Piano dell Offerta ITALIANO, CONTENUTI II BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO TERZO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Il Dolce Stil Novo: Guinizzelli, Cavalcanti ed eventuali altri minori a scelta (biografia, opere, confronto con altri autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Dante Alighieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Francesco Petrarca (biografia, opere, fortuna nelle letterature europee; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Boccaccio (biografia, opere, fortuna nelle letterature europee; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti dal Decamerone). L Umanesimo; studio a scelta tra Lorenzo il Magnifico e Poliziano (biografia, opere; analisi dei temi e commento di testi scelti). Pulci, Boiardo e Ariosto: temi e fortuna europea del poema cavalleresco italiano. L uomo del Rinascimento: Machiavelli e Guicciardini (biografia, opere, fortuna; analisi stilistica e commento di testi scelti). Il Petrarchismo (principali autori; rapporto con le letterature europee). Il problema della lingua: Pietro Bembo. La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di almento 10 canti dell Inferno. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. QUARTO ANNO STORIA DELLA LETTERATURA Tasso (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Manierismo e Barocco (principali autori; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Galilei (biografia, opere, fortuna; commento di testi scelti). L Arcadia e il Classicismo (principali autori; commento di testi scelti). (a scelta del docente)metastasio (biografia, opere, fortuna; commento di testi scelti). Il teatro: Goldoni e Alfieri (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Parini (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Neoclassicismo e Romanticismo; dibattito italiano ed europeo. Foscolo (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). Alessandro Manzoni: (biografia, opere, fortuna; analisi metrico-stilistica e commento di testi scelti). La Divina Commedia di Dante Alighieri: analisi metrico-stilistica e commento di 10 canti del Purgatorio. PRODUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA Aspetti teorici e produzione delle tipologie testuali previste dalle disposizioni ministeriali per l esame di stato. 15

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE ITALIANO TRIENNIO TIPOLOGIA A - ANALISI TESTUALE Piano dell Offerta Comprensione complessiva del testo Pertinenza rispetto alla richiesta (analisi) Correttezza linguistica e coerenza testuale Contestualizzazione Approfondimento Giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Confusa, priva di senso compiuto Mancata comprensione della richiesta Gravi e numerosi errori, gravi errori lessicali e mancanza di progressione Mancante Negativi Contraddittoria Corrispondenza sporadica, fraintendimenti, omissioni Presenza di errori, punteggiatura e lessico incerti, progressione confusa Collegamenti intra-intertestuali stentati e non giustificati Gravemente insufficiente Parziale o molto approssimativa, non ricostruisce il senso essenziale Corrispondenza limitata e disorganica Errori sporadici, linguaggio generico, progressione poco chiara Collegamenti sporadici e superficiali Insufficiente 5 9 Limitata al senso centrale Corrispondenza limitata, ma coerente Progressione chiara, anche se semplice, errori occasionali Esposizione schematica, ma corretta nei collegamenti Sufficiente 6 10 Essenziale, ma con elementi di specificazione correlati Adesione precisa, omissioni e fraintendimenti poco rilevanti Progressione chiara, sintassi corretta Esposizione schematica con un ampliamento significativo Discreto 6, Inferenze denotano autonomia nel metodo d analisi Adesione precisa Morfosintassi sicura Esposizione autonoma Più che discreto 7-7,5 12 Frequenti inferenze denotano autonomia nel metodo d analisi Adesione precisa e, in parte, approfondita Morfosintassi sicura, articolazione e lessico precisi Esposizione autonoma, elaborata criticamente Buono 8 13 Ampia, precisa, svela il senso profondo con inferenze interessanti Adesione precisa e approfondita di tutte le richieste Discorso articolato e strutturato, lessico specifico e stile personale Contestualizzazione ampia che giustifica le interpretazioni personali ottimo 9/

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE ITALIANO TRIENNIO TIPOLOGIA B SAGGIO BREVE Piano dell Offerta Aderenza al problema Comprensione dei documenti dati, utilizzo dei documenti integrativi Correttezza linguistica e coerenza alla forma testuale prescelta: destinatario, contesto comunicativo, registro linguistico, scopo Rielaborazione Giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Mancata focalizzazione del problema Assente Gravi e numerosi errori, scelte lessicali incongruenti, mancata progressione Mancanza di elementi significativi Negativo Corrispondenza sporadica / tesi non chiara Approssimativa con fraintendimenti e omissioni Errori, uso della forma contraddittorio, progressione confusa Idee superficiali, collegamenti stentati Gravemente insufficiente Corrispondenza limitata e disorganica / tesi esplicitata in modo confuso Parziale, manca la ricostruzione del quadro essenziale Errori sporadici; lessico, destinatario e scopo generici; progressione non chiara Collegamenti sporadici, idee non significative Insufficiente 5 9 Corrispondenza limitata ma coerente / tesi chiara Approssimazioni e omissioni n on toccano i temi essenziali Tipologia e progressione chiare, errori occasionali Esposizione schematica di almeno un elemento significativo Sufficiente 6 10 Adesione coerente alle principali articolazioni / tesi e argomentazioni chiaramente esplicitate Limitata all essenziale, ma con conoscenze e documenti integrativi Tipologia e progressione articolate, sintassi corretta Esposizione schematica con qualche ampliamento significativo Discreto 6, Adesione sicura alla traccia e alle sue articolazioni Sicura, ben integrata con un quadro di riferimento Morfosintassi corretta, tipologia e progressioni fluide Esposizione problematica con sviluppo di idee ed elementi significativi Più che discreto 7-7,5 12 Adesione sicura e, in parte, approfondita Precisa, articolata, giustificata dalle conoscenze personali Morfosintassi sicura, tipologia adatta all articolazione Scelta autonoma degli elementi significativi, problematizzazione Buono 8 13 Adesione sicura e, in gran parte, approfondita Precisa, acuta, integrata in un organizzazione concettuale Realizzazione efficace, padronanza di lessico e sintassi Ricerca di significati nello sviluppo critico-problematico Più che buono 9 14 Adesione precisa e approfondita a tutte le richieste della traccia Accompagnata da sicuri quadri di riferimento Testo piacevole ed efficace, stile creativo Integra problematicamente; documentazione e conoscenze personali Ottimo

18 GRIGLIA DI VALUTAZIONE ITALIANO TRIENNIO TIPOLOGIA C TEMA STORICO Piano dell Offerta Pertinenza alla traccia Conoscenza dei contenuti Correttezza linguistica e coerenza testuale Mancata comprensione della richiesta Scarsa o assente Gravi e numerosi errori morfologici, lessicali e di progressione Rielaborazione Giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Mancano i collegamenti Negativo Corrispondenza sporadica alla traccia Approssimativa, confusa su date, avvenimenti e concetti chiave Errori morfologici, lessico incerto, progressione confusa Collegamenti stentati e non giustificati Gravemente insufficiente Corrispondenza limitata e disorganica Parziale, confusa; quadro cronologico e culturale incompleto Alcuni errori, lessico generico, progressione non chiara Collegamenti sporadici e superficiali Insufficiente 5 9 Corrispondenza limitata ma coerente Approssimazioni e omissioni non toccano i temi essenziali Tipologia e progressione chiare, errori occasionali Esposizione schematica di almeno un elemento significativo Sufficiente 6 10 Adesione coerente alle principali articolazioni Limitata all essenziale, con alcuni elementi correlati esattamente Articolazione essenziale, sintassi semplice ma corretta Esposizione schematica con qualche ampliamento significativo Discreto 6, Adesione sicura alla traccia e alle sue articolazioni Essenziale, avvenimenti inseriti in un chiaro quadro di riferimento Morfosintassi corretta, lessico specifico, articolazione fluida Esposizione con spunti argomentativi, inferenze e collegamenti Più che discreto 7-7,5 12 Adesione sicura e, in alcune articolazioni, approfondita Con riferimenti precisi, articolati e giustificati Morfosintassi corretta, lessico specifico, articolazione fluida Esposizione autonoma, elaborata criticamente Buono 8 13 Adesione sicura e approfondita alla maggioranza delle articolazioni Con date, nomi e teorie in un organizzazione che sa valorizzarle Articolazione fluida, sintassi e lessico specifico precisi Sviluppo critico argomentativo della contestualizzazione Più che buono 9 14 Adesione precisa e approfondita a tutte le richieste della traccia Ampia, personale,e precisa di nozioni, fonti e interpretazioni Discorso articolato e strutturato, lessico specifico e stile personale Contestualizzazione ampia che giustifica le interpretazioni personali Ottimo

19 GRIGLIA DI VALUTAZIONE ITALIANO TRIENNIO TIPOLOGIA D TEMA DI ATTUALITÀ Piano dell Offerta Pertinenza alla traccia Conoscenza dei contenuti Correttezza linguistica e coerenza testuale Mancata comprensione della richiesta Scarsa o assente Gravi e numerosi errori morfologici, lessicali e di progressione Rielaborazione Giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Mancano i collegamenti Negativo Corrispondenza sporadica alla traccia Approssimativa, confusa su concetti chiave Errori morfologici, lessico incerto, progressione confusa Collegamenti stentati e non giustificati Gravemente insufficiente Corrispondenza limitata e disorganica Parziale, confusa; quadro culturale incompleto Alcuni errori, uso di un lessico generico, progressione non chiara Collegamenti sporadici e superficiali Insufficiente 5 9 Corrispondenza limitata, ma coerente Con lacune che non toccano i temi essenziali Progressione chiara, anche se semplice, errori occasionali Esposizione schematica ma corretta nei collegamenti Sufficiente 6 10 Adesione coerente con la traccia e le sue articolazioni Limitata all essenziale,con alcuni elementi correlati esattamente Articolazione essenziale, sintassi semplice ma corretta Esposizione schematica con qualche ampliamento significativo Discreto 6, Adesione sicura alla traccia e alle sue articolazioni Essenziale, avvenimenti inseriti in un chiaro quadro di riferimento Morfosintassi corretta, lessico specifico, articolazione fluida Esposizione con spunti argomentativi, inferenze e collegamenti Più che discreto 7-7,5 12 Adesione precisa e, in alcune articolazioni, approfondita Riferimenti precisi, articolati e giustificati Morfosintassi corretta, lessico specifico, articolazione fluida Esposizione autonoma, elaborata criticamente Buono 8 13 Adesione sicura e approfondita alla maggioranza delle articolazioni Teorie in un organizzazione efficace Articolazione fluida, sintassi e lessico specifico precisi Sviluppo critico argomentativo della contestualizzazione Più che buono 9 14 Adesione precisa e approfondita a tutte le richieste della traccia Ampia, personale e precisa di nozioni, fonti e interpretazioni Discorso articolato e strutturato, lessico specifico e stile personale Contestualizzazione ampia che giustifica le interpretazioni personali Ottimo

20 2. STORIA e GEOGRAFIA Piano dell Offerta 2.1 Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Applicate Liceo Classico Liceo delle Scienze Umane Competenza in chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE con riguardo alle competenze relative all identità storico-sociale e geografica Conoscenze Abilità Competenze specifiche Identità e cultura storica Primo biennio Le periodizzazioni fondamentali della storia mondiale I principali fenomeni storici e le coordinate spazio-tempo che li determinano I principali fenomeni sociali, economici che caratterizzano il mondo contemporaneo, anche in relazione alle diverse culture I principali eventi che consentono di comprendere la realtà nazionale ed europea Le civiltà antiche e alto-medievali, con approfondimenti significativi dal popolamento del pianeta all impero carolingio Strutture ambientali ed ecologiche, fattori ambientali e paesaggio umano Elementi di storia economica, delle tecniche, del lavoro e di storia storicoeconomica in dimensione generale, locale e settoriale Le diverse tipologie di fonti, le principali procedure del lavoro storiografico e i problemi della costruzione della conoscenza storica I moderni strumenti multimediali applicati alla disciplina Identità e cultura storica Primo biennio Leggere l atlante storico Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l osservazione di eventi storici e di aree geografiche Collocare i più rilevanti eventi storici affrontati secondo le coordinate spaziotempo Identificare gli elementi maggiormente significativi per confrontare aree e periodi diversi Comprendere il cambiamento in relazione agli usi, alle abitudini, al vivere quotidiano nel confronto con la propria esperienza personale Utilizzare le conoscenze per periodizzare la storia antica ed altomedievale Sperimentare semplici procedure di lavoro storiografico: scegliere e classificare dati e informazioni, comparare fenomeni storici, sociali ed economici in prospettiva diacronica e sincronica Riconoscere ed utilizzare le fonti appropriate per classificare i fenomeni e i periodi studiati Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche. 20

21 Riconoscere il contributo e la natura di discipline sussiadiarie a quelle direttamente affrontate Piano dell Offerta Conoscenze Abilità Competenze specifiche Geografia e uso umano del territorio Primo biennio Geografia e uso umano del territorio Primo biennio Geografia e suoi strumenti di rappresentazione degli aspetti spaziali: reticolato geografico, vari tipi di carte e loro caratteristiche, uso delle immagini, strumenti numerici, fusi orari Organizzazione del territorio: luogo, territorio, regione, paesaggio geografico Fattori ambientali fisico-chimici e biotici Classificazione dei climi Ruolo dell uomo nei cambiamenti microclimatici (squilibrio ambientale e inquinamento) Articolazioni regionali, statali e continentali Specificità delle regioni italiane Europa e continenti extra-europei sotto il profilo politico ed economico Interpretare il linguaggio cartografico, rappresentare i modelli organizzativi dello spazio in carte tematiche, grafici, tabelle Individuare i diversi ambiti spaziali di attività e di insediamenti Analizzare il rapporto uomo-ambiente Riconoscere i tipi e i domini climatici Descrivere la necessità della salvaguardia degli ecosistemi Riconoscere gli aspetti fisico-ambientali, climatici e storicoeconomici del mondo Riconoscere le Istituzioni dell Unione Europea e le loro funzioni Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo 21

22 PRIMO ANNO Piano dell Offerta Conoscenze Le periodizzazioni: i principali fenomeni storici; le categorie spaziali (luogo, territorio, regione, paesaggio geografico) e antropiche ( i principali fenomeni sociali, economici, anche in relazione alle diverse culture) I principali eventi che consentono di comprendere la realtà nazionale ed europea Le civiltà antiche fino alla fine dell età repubblicana della civiltà romana Elementi di storia economica, delle tecniche del lavoro e di storia socio-economica in dimensione generale, locale e settoriale Nascita, significato ed evoluzione di modelli sociali e politici caratteristici del mondo occidentale, nell ottica dell educazione alla cittadinanza Le diverse tipologie di fonti, le principali procedure del lavoro storiografico e i problemi della costruzione della conoscenza storica I moderni strumenti multimediali applicati alla disciplina Gli strumenti di rappresentazione degli aspetti spaziali e antropici Fattori ambientali fisico-chimici e biotici Abilità Interpretare il linguaggio cartografico Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l osservazione di eventi storici e di aree geografiche Analizzare il rapporto uomo-ambiente Ricostruire i più rilevanti eventi storico - economici affrontati secondo le coordinate spazio temporali Identificare gli elementi maggiormente significativi per confrontare aree e periodi diversi Riconoscere i processi di cambiamento in relazione agli usi, alle abitudini, al vivere quotidiano nel confronto con la propria esperienza personale, considerando la necessità della salvaguardia degli ecosistemi Utilizzare le conoscenze per periodizzare la storia antica Riconoscere alcune Istituzioni dell Italia e dell Unione Europea e le loro funzioni Sperimentare semplici procedure di lavoro storiografico: scegliere e classificare dati e informazioni, comparare fenomeni storici, sociali ed economici in prospettiva diacronica e sincronica Riconoscere e utilizzare le fonti appropriate per classificare i fenomeni e i periodi studiati Competenze Comprendere il cambiamento e la diversità in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto tra le strutture demografiche, economiche, sociali e culturali dei diversi ambienti naturali ed antropici Collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente 22

23 Piano dell Offerta SECONDO ANNO Conoscenze Le periodizzazioni: i principali fenomeni storici; le categorie spaziali (luogo, territorio, regione, paesaggio geografico) e antropiche ( i principali fenomeni sociali, economici, anche in relazione alle diverse culture) I principali eventi che consentono di comprendere la realtà nazionale ed europea Dalla crisi dell età repubblicana fino all anno Mille Elementi di storia economica, delle tecniche del lavoro e di storia socio-economica in dimensione generale, locale e settoriale Nascita, significato ed evoluzione di modelli sociali e politici caratteristici del mondo occidentale, nell ottica dell educazione alla cittadinanza Le diverse tipologie di fonti, le principali procedure del lavoro storiografico e i problemi della costruzione della conoscenza storica I moderni strumenti multimediali applicati alla disciplina Gli strumenti di rappresentazione degli aspetti spaziali e antropici Fattori ambientali fisico-chimici e biotici Abilità Interpretare il linguaggio cartografico Riconoscere le dimensioni del tempo e dello spazio attraverso l osservazione di eventi storici e di aree geografiche Analizzare il rapporto uomo-ambiente Ricostruire i più rilevanti eventi storico - economici affrontati secondo le coordinate spazio temporali Identificare gli elementi maggiormente significativi per confrontare aree e periodi diversi Riconoscere i processi di cambiamento in relazione agli usi, alle abitudini, al vivere quotidiano nel confronto con la propria esperienza personale, considerando la necessità della salvaguardia degli ecosistemi Utilizzare le conoscenze per periodizzare la storia antica e Medioevale Riconoscere alcune Istituzioni dell Italia e dell Unione Europea e le loro funzioni Sperimentare semplici procedure di lavoro storiografico: scegliere e classificare dati e informazioni, comparare fenomeni storici, sociali ed economici in prospettiva diacronica e sincronica Competenze Comprendere il cambiamento e la diversità in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto tra le strutture demografiche, economiche, sociali e culturali dei diversi ambienti naturali ed antropici Collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente 23

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE Pagina di 4 ANNO SCOLASTICO 0/03 DIPARTIMENTO DI: INDIRIZZO: Materie letterarie Liceo scientifico BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 9 aprile 03 Orario di inizio 4,30 orario di conclusione 6,00 PRESENTI: ASSENTI:

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO :

INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : INDIRIZZO LICEO ASSE DEI LINGUAGGI PRIMO BIENNIO : Competenze in uscita 1 Lo studente legge, comprende su lettura o ascolto o ascolto/visione e interpreta testi verbali e non verbali di vario tipo riconoscendo

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1

UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 UNITÀ DI APPRENDIMENTO N 1 TITOLO: Mi informo e conosco " DURATA: ottobre-novembre DESTINATARI : gli alunni della classe seconda DOCENTI COINVOLTI: tutti i docenti di classe OBIETTIVI FORMATIVI: osservare,

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 205/6 CLASSE 2ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico tecnologico Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO FINALITÀ FORMATIVE GENERALI PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO EDUCAZIONE LINGUISTICA - padronanza della lingua italiana per un uso appropriato della stessa in tutti i suoi aspetti - possesso sicuro

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CON INDICAZIONE OBIETTIVI MINIMI

PROGRAMMAZIONE CON INDICAZIONE OBIETTIVI MINIMI RIUNIONE COORDINAMENTO DI LETTERE a.s. 2014-2015 VERBALE N 1 Il giorno 6 settembre 2014 alle ore 11,30 nei locali dell ISIS di Pozzuoli si svolge -come da com. n 3 - la prima assemblea dei docenti di materie

Dettagli

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto.

Pre-requisiti Leggere e scrivere correttamente in lingua nazionale; comprendere e sintetizzare un qualunque testo scritto. LICEO LINGUISTICO G. GUACCI DI BENEVENTO Programmazione di Italiano II sez. B Prof.ssa Paola INTORCIA A.S. 2015/2016 Presentazione della classe La classe II sez.b del Liceo Linguistico è composta da 29

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli