bilancio sociale edizione 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "bilancio sociale edizione 2011"

Transcript

1 comune di albignasego provincia di padova bilancio sociale edizione 2011

2 Introduzione Questo Bilancio Sociale dà conto dei principali risultati ottenuti dall Amministrazione Comunale nell anno Con i suoi abitanti (al 31/12/2010), Albignasego continua a crescere, dimostrando di essere una città attrattiva e dinamica. Un attenzione particolare è stata riservata alle necessità della famiglia attraverso il consolidamento dei servizi sociali ed educativi. Il welfare municipale risponde efficacemente ai nuovi bisogni legati ai cambiamenti demografici, alle evoluzioni dei nuclei familiari, all invecchiamento della popolazione. La crescita degli abitanti, in parte derivante dal fenomeno migratorio, ma anche da un significativo aumento della natalità dovuto a coppie italiane, avviene soprattutto quando la famiglia può fruire di servizi per l infanzia efficienti e una rete di protezione sociale diffusa. Sono state consolidate le iniziative volte a sostenere la natalità (fra le principali: bonus nuovi nati e contributi parti gemellari); si è perseguita una politica di riqualificazione del servizio di asilo nido comunale con individuazione, attraverso la carta dei servizi, di standard delle prestazioni e, al fine di assicurare un ampio ventaglio di servizi per la prima infanzia, si è continuato a garantire la contribuzione alle scuole per l infanzia paritaria e ai nidi integrati. Uno dei punti qualificanti del sistema di protezione sociale è poi costituito dalle politiche per la casa. In questo senso l Amministrazione Comunale ha sostenuto un offerta integrata di edilizia a prezzi calmierati attraverso risposte differenziate ai diversi tipi di famiglie: PEEP, edilizia residenziale pubblica, fondo sociale per l affitto, Casa Buona. Per tutelare i diritti degli anziani, sono stati potenziati i servizi di assistenza domiciliare. Fra i principali si ricorda il Sevizio di Assistenza Domiciliare (SAD), l attivazione dal mese di aprile 2010 del servizio di consegna pasti a domicilio e il progetto Rete di Solidarietà che garantisce una serie di servizi a domicilio fra i quali il servizio di trasporto. Per quanto riguarda i nuclei familiari in difficoltà sono state invece aumentate le risorse per sostenere le famiglie (contribuzioni economiche ed integrazione del minimo vitale, contributi economici per utenze domestiche, riduzione tariffazione, rimborsi spese sanitarie). Sul versante dei servizi scolastici, l Amministrazione Comunale ha continuato il suo impegno, mantenendo fermi tutti i servizi alle famiglie e sostenendo l attività didat- - -

3 tica delle scuole. La particolare attenzione riservata alle politiche scolastiche risulta inoltre evidente nella serie di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei plessi scolastici che sono stati eseguiti nel corso del Sul versante della promozione della salute e corretti stili di vita, l Amministrazione Comunale ha qualificato il proprio intervento sia attraverso contributi per manifestazioni sportive che per progetti ( vedi Progetto Sport ) finalizzati alla realizzazione di corsi di attività motoria, rivolta a bambini e ragazzi, sia attraverso l organizzazione della manifestazione Sportivando in collaborazione con la Provincia sia infine agli interventi di qualificazione degli impianti esistenti. Non è stato sottovalutato l obiettivo di potenziare e rendere più efficiente il presidio del territorio e la sicurezza stradale, obiettivo perseguito attraverso l Unione Pratiarcati fra il Comune di Albignasego e di Casalserugo istituita nel Ma l Amministrazione nel corso del 2010 si è attivata anche con una serie di misure per favorire la promozione del lavoro. Inanzitutto portando a regime lo sportello Informalavoro. Nel 2010 infatti il servizio oltre a rispondere alle esigenze di chi cerca un lavoro è in grado di dare risposte anche alle imprese dal lato dell offerta. Poi con la realizzazione di due progetti diutilità pubblica e sociale utilizzando lavoratori sprovvisti di ammortizzatori sociali. Per quanto riguarda gli investimenti, nonostante le pesanti limitazioni imposte dallo stato al fine di rispettare i vincoli del patto di stabilità, il Comune si è prodigato a salvaguardare il patrimonio comunale con una serie di interventi di manutenzione straordinaria che hanno interessato sia gli edifici pubblici sia la viabilità. Sono state però realizzate anche nuove opere finalizzate a migliorare le condizioni del traffico veicolare (rotatoria ai Ferri - rotatoria S. Giacomo) o ancora a creare nuovi parchi pubblici (parco S. Giacomo). O infini ad accrescere il grado di sicurezza su via Roma (intervento di razionalizzazione tra via Petrarca e via Foscolo). Nel 2010 si è dovuto fronteggiare anche i danni prodotto dalla tromba d aria che ha investito il nostro territorio, creando danni ingenti sia alle strutture pubbliche che private. Ma il 2010 è stato anche l anno in cui si è proseguito con l impegno di realizzare il progetto della grande viabilità e si è stabilito di dare avvio alla redazione del piano di assetto del territorio... Una grande mole di lavoro che ci proietta già verso il prossimo futuro. In quest ottica il rapporto con i cittadini deve essere sempre più stretto e il Bilancio Sociale si conferma come stumento irrinunciabile lungo il cammino che dovremo percorrere insieme. Massimiliano Barison Sindaco di Albignasego - -

4 Sommario Introduzione Demografia 10 La popolazione 10 Il saldo naturale 11 Il saldo migratorio 11 Le famiglie 12 Popolazione straniera residente 13 Struttura della popolazione 14 I matrimoni 14 I quartieri Comunicazione 16 Albignasego Informa e Obizzi News 16 Portale 16 Segnalazioni, reclami, suggerimenti e aprezzamenti 17 Indagini Partecipazione 18 Bilancio partecipativo 19 Commissione pari opportunità 19 Consulta dello Sport Gli sportelli 21 Lo sportello unico dei servizi al cittadino 23 Sportello Informalavoro 23 Lo sportello dell edilizia Gli amministratori 25 Il Sindaco 25 La Giunta Comunale 28 Il Consiglio Comunale - -

5 La macchina Comune 29 Risorse Umane ed Organizzazione 31 Risorse Economico Finanziarie 37 Innovazione Istituzione per la gestione dei servizi sociali Famiglia Casa 39 L Istituzione 40 Il consiglio d amministrazione dell Istituzione 41 Fondo sociale per la morosità 41 Contributi economici per minori riconosciuti dalla sola madre 41 Integrazioni rette delle scuole per l infanzia 42 Minori in affidamento familiare 43 Sostegno economico alle famiglie 45 Assegno di cura: contributi alle famiglie che assistono persone non autosufficienti 46 Telesoccorso/Telecontrollo 46 Contributi all affitto (Fondo Sociale Affitto FSA) 47 Bonus nuovi nati e contributi per i gemelli 48 Famiglie numerose 48 Piani per l edilizia economico popolare 50 Trasformazione in proprietà di aree già concesse in diritto di superficie ed eliminazione dei vincoli gravanti sugli alloggi realizzati in ambito PEEP 51 Edilizia Residenziale Pubblica (Alloggi Ater) Istruzione e piccoli cittadini 53 Trasporto scolastico 53 Sicurezza degli alunni (nonni vigili) 54 Servizio di ristorazione scolastica 54 Servizio asilo nido 56 Funzionamento delle scuole contributi ed altre forme di intervento - -

6 Anziani 57 Albignasego dei bambini 58 Convenzioni con le scuole materne private e gli asili nido integrati 59 Centro Ricreativo Estivo I Flinstones 60 Centro d aggregazione ragazzi After Hour 60 Ludoteca ArcoBalù 61 Servizio educativo domiciliare 62 Informagiovani 64 Accoglienza presso comunità educative per minori 65 Investimenti per la pubblica istruzione 66 Soggiorni climatici per la terza età 68 Servizi erogati dall ULSS 69 Progetto Via Libera : trasporto degli alunni disabili e degli anziani in difficoltà 71 Servizio di Assistenza domiciliare (SAD) 72 Servizio di fornitura pasti a domicilio 73 Le misure di protezione: tutela, curatela, amministrazione di sostegno in favore di adulti ed anziani Diversamente abili 73 Centro Diurno Il Nodo 74 Tavolo per l integrazione sociale dei diversamente abili 75 Tavolo per l integrazione sociale degli immigrati Cultura e tempo libero Sport 76 Servizi bibliotecari 77 Promozione della lettura 80 Feste tradizionali e manifestazioni legate a ricorrenze 81 Musica e teatro 84 Altre iniziative culturali 85 Visite guidate 85 Corsi per adulti 86 Associazioni - -

7 87 Iniziative per la promozione e la valorizzazione delle discipline sportive 87 Sostegno e promozione delle discipline sportive 88 La gestione delle palestre 89 Gestione dei campi di calcio 89 Gli investimenti per lo sport Commercio Ambiente Cimiteri 91 Attività commerciali: regole e sostegno 94 Attività Economiche 95 Qualità dell aria 95 Disinfestazioni e derattizzazioni 96 Ex-Polveriera 96 Educazione ambientale 96 Rifiuti 98 Ecocentro 98 Manutenzione aree verdi 99 Cimiteri comunali 100 Gli investimenti per i cimiteri Unione Pratiarcati 101 L Unione Pratiarcati 101 Personale dell Unione Pratiarcati 102 Polizia Stradale 103 Tutela della sicurezza urbana 103 Educazione stradale 103 Il Vigile di quartiere 105 Progetto Videosorveglianza 106 Sorveglianza di parchi ed aree verdi pubblici. 106 Polizia amministrativa: Manifestazioni 106 Polizia Urbana controlli Annona. Commercio e norme statali 107 Polizia Edilizia-Tutela Ambiente 107 Strutture - Veicoli in dotazione al Comando di Polizia Locale - -

8 Territorio 107 Gruppo comunale di Protezione Civile 108 Associazione nazionale Rangers d Italia 109 Servizio notificazioni 110 Programmazione urbanistica 111 Estensione rete gas Viabilità e mobilità 111 Manutenzione stradale 111 Segnaletica stradale 112 Ordinanze di modifica della viabilità 113 Piano urbano del traffico (PUT) 113 Piano urbano della mobilità ciclabile 113 Grande viabilità 114 Mobilità e trasporti 115 Servizio di trasporto pubblico urbano ed extraurbano. Linee APS/SITA agevolazioni 116 Iniziativa della Provincia di Padova denominata Carta Over/ Rotatoria incrocio via Petrarca - via Don Schiavon/via S. Leopoldo 117 Asfaltature strade comunali e sistemazione marciapiedi (VI stralcio) 117 Sistemazione di via Roma (tra via Petrarca e via Foscolo) 117 Lavori socialmente utili Manutenzioni del patrimonio comunale 118 Interventi di ordinaria manutenzione anno Tromba d aria 119 Gli investimenti per la viabilità - -

9 - -

10 Demografia La popolazione La popolazione residente continua a crescere raggiungendo, al 31/12/2010, i abitanti. Rispetto al 2009 l aumento degli abitanti è stato di 765 unità con un incremento percentuale del 3,4%. Il saldo naturale Il saldo naturale inteso come differenza tra nati e deceduti, è sempre positivo, con tendenza alla crescita. Ciò è dovuto in particolare ai nuovi insediamenti abitativi degli ultimi anni che hanno attratto soprattutto molte famiglie giovani. Anno Nati Deceduti Saldo naturale

11 Il saldo migratorio Il saldo migratorio inteso come differenza tra immigrati (o iscritti in anagrafe per movimento migratorio) ed emigrati (o cancellati dall anagrafe per movimento migratorio), è sensibilmente attivo e, con il saldo naturale, ha comportato un graduale aumento della popolazione residente. Anno Immigrati Emigrati Saldo migratorio Le famiglie Aumenta costantemente il numero delle famiglie mentre diminuisce la dimensione famigliare, scesa a 2,4 persone in media per famiglia. Il dato conferma ormai una tendenza consolidata dal momento che nel 1971 il numero medio dei componenti per famiglia era pari a 4,1, nel 1981 a 3,6, nel 1991 a 3,2, nel

12 2001 a 2,8. I single sono 2595 e rappresentano il 27,16 % del totale delle famiglie (erano il 18,73 % nel 2003). Mentre nel 1981 gli albignaseghesi sceglievano di preferenza (anche se in termini relativi) la famiglia composta da 4 componenti (incidenza percentuale del 27,9% sul totale della famiglie) nel 2010 la stessa composizione del nucleo veniva scelta solo dal 16,41 %. Tanto che nel 2010 i nuclei famigliari più numerosi sono quelli composti da due persone con incidenza percentuale del 29,32 % sul totale. Anno Nuclei familiari Popolazione straniera residente Dal 2003 al 2010 la popolazione straniera residente ha registrato un aumento in valore assoluto di unità. Nel 2003 infatti gli stranieri residenti erano 343 mentre quelli registrati al 31/12/2010 erano Risulta così che la popolazione straniera residente, nel periodo preso in considerazione, è più che quadruplicata. Anche se l incidenza della popolazione straniera su quella complessiva

13 è in costante aumento, va segnalato che tale valore è nettamente inferiore a quello registrato in molti altri Comuni della cintura urbana di Padova. Nel 2010 si registrano ben 56 nazionalità diverse fra la popolazione. Le rappresentanze più numerose sono: Romania ( 464 persone: 34,27%) Moldova ( 254 persone: 18,76%) Albania ( 153 persone: 11,30%) Marocco (84 persone: 6,2%) Struttura della popolazione Anno Popolazione residente Femmine Maschi Rapp. Femmine/Maschi 1,051 1,055 1,054 1,066 Rapp. nati/residenti x ,06 9,48 10,17 11, anni (9,04%) (10,66%) anni (7,44%) (7,02%) anni (11,26%) (11,23%) anni (27,18%) (27,25%) anni (26,84%) (26,56%) anni (14,09%) (13,27%) 80 e più 878 (4,14%) (4,00%) Densità, residenti per Kmq Stranieri residenti La suddivisione degli abitanti per fascia d età presenta nel periodo considerato andamenti pressoché costanti. Ad esempio la popolazione tra i 19 e i 29 anni dall 11,26% % del 2007 si attesta nel 2010 all 11,23% dell intera popolazione; Un aumento si registra invece per la fascia di età compresa tra 0 e 10 anni che dal 9,04% del 2007 passa al 10,66 nel

14 I matrimoni Anno Civili Civili fuori Comune Civili con delega Religiosi nel Comune Religiosi fuori Comune Totale Matrimoni Il numero totale dei matrimoni nel periodo considerato è sostanzialmente costante. I quartieri Si riportano come dati di fatto e, pertanto, senza valore amministrativo, il numero di residenti distinti per quartiere. Si segnala che in valore assoluto l incremento di popolazione nel periodo considerato ha interessato principalmente il quartiere di San Tommaso con un incremento di 320 unità pari al 6%. Se invece

15 andiamo a considerare i valori relativi, il maggior incremento si osserva a Lion con un + 9%. Da notare l incremento negativo (- 0,3% di Carpanedo). Quartiere Incremento 2009/2010 Carpanedo Ferri Lion Mandriola S. Agostino S. Giacomo S. Lorenzo S. Tommaso

16 Comunicazione Albignasego Informa e Obizzi News Anche per il 2010 il Comune ha garantito la pubblicazione dei due periodici dell Ente: Albignasego Informa e Obizzi News. Il primo, composto da 40 facciate e realizzato a colori, destinato in particolare all approfondimento di un argomento specifico per ogni uscita (scuola, sociale, cultura, viabilità, tc etc...) mentre il secondo, composto da 4 facciate in bianco e nero, maggiormente orientatoall informazione sull attività dell Ente. Per entrambi la tiratura nel corso del 2010 è stata aumentata da a copie. Per entrambe le pubblicazioni nel 2010 vi sono state 2 uscite. Portale Attivo ormai da quasi 9 anni, il portale obizzi.it continua ad acquistare una sempre maggiore importanza non solo nell attività comunicativa ma anche quale strumento a disposizione del cittadino per interagire con l Ente. Accanto ai servizi consolidati, sul finire del 2010 è iniziata l implementazione della gestione di segnalazioni e reclami atraverso la quale il cittadino può reclamare o comunicare disservizi direttamente agli uffici competenti solo dicembre Visite del sito Visitatori unici Pagine visitate Segnalazioni, reclami, suggerimenti e aprezzamenti Il Comune di Albignasego dalla metà del 2007 gestisce segnalazioni, reclami, suggerimenti ed apprezzamenti con lo scopo primario di aprire un canale d ascolto nei confronti delle esigenze dei singoli cittadini. Il servizio vede nella viabilità il principale argomento delle segnalazioni alle quali entro 30 giorni viene fornita una risposta che nella maggior parte dei casi comunica la risoluzione del problema segnalato. Dai primi mesi del 2011, il sistema è stato integrato con il portale obizzi.it permettendo ai cittadini di inserire direttamente la segnalazione ed ottenere rispo-

17 sta via Mail. Anno Segnalazioni / reclami / suggerimenti Indagini Il Comune di Albignasego effettua annualmente una serie di indagini per verificare l andamento dei servizi offerti e la soddisfazione degli utenti. Nel 2010 sono state svolte 3 indagini riguardati: biblioteca, sportello unico dei servizi al cittadino e attività della commissione pari opportunità. Per tutte le indagini i risultati sono stati positivi ed hanno permesso di raccogliere informazioni utili su come migliorare i servizi

18 In particolare per l attività svolta dalla commissione pari opportunità è stato rilevato che l argomento per il quale gli intervistati hanno espresso la richiesta di maggiore approfondimento è quello della politica del rispetto, seguito da come gestire i figli mentre per quanto riguarda lo sportello unico dei servizi al cittadino la domanda sulla soddisfazione complessiva del servizio ha visto un valore medio (da 0 a 10) pari a 8,3 e 8,8 per quanto riguarda quello della biblioteca. Bilancio partecipativo Partecipazione Come per il passato, anche per il 2010 il bilancio partecipativo ha rappresentato un momento fondamentale di confronto con le varie realtà che operano sul territorio comunale. Nei quasi venti incontri, spesso itineranti nei quartieri del Comune, sono stati incontrati decine di concittadini, associazioni, gruppi di volontariato, sindacati ed organizzazioni di categoria, scuole e parrocchie. Durante gli appuntamenti si è avuto modo di ascoltare dai diretti interessati quali sono le problematiche maggiormente sentite dalla cittadinanza. Ogni interlocutore, in rappresentanza di uno spaccato della nostra realtà cittadina, ha avuto la possibilità di presentare le proprie istanze all Amministrazione, a volte anche le proprie lamentele, ma ogni intervento era animato dalla passione per il proprio paese e dalla voglia di contribuire a migliorarlo. Le questioni attinenti la qualità di vita dei residenti sono senza dubbio quelle che hanno riscosso le maggiori attenzioni. Tematiche quali il miglioramento della viabilità, sia in termini di sicurezza che di inquinamento, oppure la realizzazione di un numero sempre maggiore di percorsi ciclo-pedonali, così come la tenuta del verde pubblico, rappresentano per i cittadini elementi qualificanti dell azione amministrativa. A queste si sono aggiunte le istanze riguardanti la qualità dei servizi pubblici erogati, in particolare quelli attinenti il mondo della scuola. Purtroppo, nonostante l impegno dell Amministrazione, anche il nostro Ente ha dovuto fare i conti con la grave situazione economica. Gli incontri, tra l altro, sono serviti anche per spiegare l attuale situazione finanziaria del Comune. Il Sindaco e l Assessore al Bilancio, infatti, hanno illustrato le effettive ricadute per il nostro Comune dovute ai tagli operati a livello nazionale per il contenimento della spesa pubblica. L ulteriore contrazione dei trasferimenti statali prevista per il 2011, associata alla stretta dettata dal rispetto del patto di stabilità, determineranno una ri

19 duzione delle spese comunali di circa un milione e mezzo di Euro rispetto al Ciò comporterà non pochi sacrifici per il 2011, soprattutto in termini di investimenti e contenimento dei consumi energetici, illuminazione pubblica e riscaldamento degli edifici in primis, nonché la necessità di adeguare le tariffe di alcuni servizi comunali quali ad esempio la mensa scolastica, senza comunque appesantirne l onere a carico delle fasce della popolazione economicamente più deboli. La crisi economica, infatti, ha reso obbligatorio destinare le risorse a disposizione prioritariamente agli interventi sociali a sostegno delle famiglie che in questo frangente sono venute a trovarsi in una situazione di difficoltà, dovuta principalmente alla precarietà del posto di lavoro. Pur tra queste difficoltà, l Amministrazione si è comunque impegnata a garantire il mantenimento e l alta qualità dei servizi attualmente erogati. Commissione pari opportunità La Commissione per le Pari Opportunità è nominata dalla Presidente dal Consiglio Comunale in rappresentanza delle associazioni femminili maggiormente rappresentative del territorio, le organizzazioni sindacali, il volontariato e altri ambiti caratterizzati dalla presenza femminile.la Commissione opera per la rimozione degli ostacoli e di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, nei confronti della persona e per promuovere le pari opportunità nel posto di lavoro e nella vita quotidiana. Tra i suoi compiti è previsto inoltre l intervento sulle politiche del Comune riguardo a formazione professionale, orientamento scolastico, cultura, sviluppo economico, servizi sociali, tempo libero e programmazione, nonché proposte di azioni positive in relazione a tali materie. Altrettanto importante sarà il ruolo di studio, ricerca e documentazione nei settori di interesse specifico, come pure le proposte e iniziative di coordinamento anche in collaborazione con le Istituzioni Locali. Nel corso dell anno 2010 la Commissione si è riunita 6 volte. Nel mese di settembre è stata organizzata una serie di incontri nell ambito del progetto lavoro come si fa, per trattare le varie tematiche e problematiche inerenti il mondo del lavoro femminile. Consulta dello Sport Nel Comune di Albignasego è costituita la Consulta dello Sport di cui possono far parte le Associazioni sportive operanti nel territorio ed iscritte all albo comunale delle associazioni. Alle sedute della Consulta possono partecipare, senza diritto di voto, anche società non iscritte all albo di cui sopra, presentan

20 do apposita richiesta. In tal modo anche eventuali associazioni neocostituite possono prendere contatto con le altre realtà associative e rapportarsi con le partecipare alla sedute, inoltrando apposita richiesta. Gli obiettivi della Consulta sono quelli di costituire per le associazioni sportive un ambito permanente di incontro, di reciproca conoscenza, nonchè di supporto organizzativo, inoltre vuole rappresentare uno strumento di collaborazione tra le associazioni, gli altri soggetti operanti nel campo sportivo e l Amministrazione Comunale. Le attività della Consulta anche per il 2010 hanno riguardato la programmazione di Sportivando, il più importante evento sportivo annuale, l assegnazione degli spazi per lo svolgimento di attività sportive, il riparto dei contributi ordinari messi a disposizione dall Amministrazione per sostenere la promozione dello sport ed il mantenimento delle Associazioni sportive N. sedute 5 5 N. partecipanti

21 Gli sportelli Lo sportello unico dei servizi al cittadino Lo Sportello Unico dei Servizi al Cittadino ormai dal 2004 è un interfaccia consolidata ed efficace tra Comune di Albignasego e cittadini. L obiettivo principale di quest ufficio è fungere da punto di riferimento per il cittadino che debba rivolgersi al Comune di Albignasego per una pratica, istanza, lamentela o semplice richiesta di informazioni indipendentemente dalla materia o dall ufficio di competenza della richiesta stessa. Dalla sua attivazione nel 2004 nel corso di questi anni è diventato uno spazio attraverso il quale la struttura comunale, i suoi uffici, ed il cittadino possono dialogare, ottenere risposte e soprattutto vicendevolmente scambiarsi informazioni. Un efficace strumento di dialogo e confronto. Pur non coprendo tutta la molteplice gamma di funzioni fornita dagli uffici comunali, presso lo Sportello è possibile ottenere informazioni e modulistica riguardo a vari servizi quali: demografici, scolastici, tributi, servizi sociali, tecnici. Da ottobre 2009 è stata attivata l emissione della Carta d Identità Elettronica (CIE) mentre dal 2010 è stato attivato il servizio di protocollazione di quanto destinato allo sportello dell edilizia. Allo Sportello Unico inoltre ci si può rivolgere per espletare pratiche relative a servizi erogati da altri enti, con cui il Comune ha stretto degli accordi. Per quanto riguarda l INPS è possibile ottenere documentazione relativa ad estratti conto contributivi, redditi percepiti dai pensionati nell anno precedente (CUD), importo delle rate di pensione che si percepiscono nell anno in corso (OBIS M). Particolar

22 mente utile per i cittadini dipendenti di ditte private è la possibilità di consegnare, in caso di malattia, il certificato medico, anziché recapitarlo direttamente all INPS o spedirlo tramite raccomandata AR (servizio questo che nel corso del 2011 è andato a dismissione in seguito all introduzione dell invio telematico direttamente da parte del medico). La struttura è anche sportello QUI ENEL e permette di eseguire una serie di operazioni per l erogazione dell energia elettrica quali attivazione o cessazione di utenze, comunicazione di letture, subentri ecc. Presso gli stessi locali è presente, per ampliare ulteriormente l offerta di servizi, uno sportello del Centro Veneto Servizi (CVS), ente che gestisce il servizio di Raccolta Rifiuti Solidi Urbani, e l erogazione dei servizi Idrici e Fognature. Dal 2009 allo Sportello Unico dei servizi al Cittadino è possibile ottenere anche i servizi dello sportello catastale decentrato, un servizio ormai consolidato presso il Comune di Albignasego che permette di ottenere visure aggiornate di terreni e fabbricati oltre che estratti di mappa catastali

23 Utenza complessiva dello sportello unico dei servizi al cittadino Utenza ENEL Utenza Catasto (*) Visure Catasto (*) Certificati INPS raccolti Richieste Carta Over 70 (**) (*) il servizio catastale presso lo sportello unico dei servizi al cittadino è iniziato sul finire del 2009 (**) Solo nuove richieste, per il rinnovo di quelle già rilasciate non è necessario recarsi allo sportello Lo Sportello Unico dispone di una sede nel Quartiere di Sant Agostino, presso la Casa Calore, aperta nella mattina di mercoledì dalle ore 9 alle ore 13, ove è possibile effettuare gran parte delle operazioni garantite nella sede di Via Milano. Sportello Informalavoro Il Comune di Albignasego e la Provincia di Padova al fine di semplificare ed estendere i servizi offerti ai cittadini, hanno da qualche anno attivato di comune accordo, presso lo Sportello Unico dei Servizi per il cittadino, il servizio Informalavoro presso il quale è possibile ottenere servizi per cittadini ed imprese riguardanti il mondo del lavoro. Proprio verso le imprese, nel 2010, sono stati estesi i servizi che prevedono ora la possibilità di acquisire le domande di lavoro e incrociarle direttamente dallo sportello con le offerte di lavoro attraverso il programma regionale IDO (incrocio domanda e offerta). Propedeutico all avvio dei nuovi servizi diretti alle imprese Utenza complessiva dello sportello Lo sportello dell edilizia Lo sportello unico per l edilizia cura tutti i rapporti fra privato, l amministrazione e, ove occorra, le altre amministrazioni tenute a pronunciarsi in ordine all intervento edilizio oggetto della richiesta di permesso o di denuncia di inizio

24 attività o di segnalazioni certificate di inizio attività. Provvede in particolare: alla ricezione delle DIA e SCIA e della domanda per il rilascio di permessi di costruire e di ogni altro atto di assenso comunque denominato in materia di attività edilizia, ivi compreso il certificato di agibilità, nonché dei progetti approvati dalla Soprintendenza ai sensi e per gli effetti degli articoli 36, 38 e 46 dell ex D.Lgs. n. 490 del ; a fornire informazioni sulle materie di permesso, di SCIA o di denuncia di inizio attività, anche mediante predisposizione di un archivio informatico contenente i necessari elementi normativi, che consenta a chi vi abbia interesse, l accesso gratuito, anche in via telematica, alle informazioni sugli adempimenti necessari per lo svolgimento delle procedure previste dal Regolamento Edilizio, all elenco delle domande presentate, allo stato del loro iter procedurale, nonché a tutte le possibili informazioni utili disponibili; all adozione, nelle medesime materie, dei provvedimenti in tema di accesso ai documenti amministrativi in favore di chiunque vi abbia interesse ai sensi dell articolo 22 e seguenti della Legge n. 241 del , nonché delle norme comunali di attuazione; al rilascio dei permessi di costruire o al controllo delle SCIA e DIA, dei certificati di agibilità, nonché delle certificazioni attestanti le prescrizioni normative e le determinazioni provvedimentali a carattere urbanistico, paesaggistico ambientale, edilizio e di qualsiasi altro tipo comunque rilevanti ai fini degli interventi di trasformazione edilizia del territorio; alla cura dei rapporti tra l Amministrazione comunale, il privato e le altre amministrazioni chiamate a pronunciarsi in ordine all intervento edilizio oggetto dell istanza e denuncia Domande di permessi di costruire presentate Permessi di Costruire rilasciati Dinieghi Riunioni Commissione Edilizia D.I.A Condono P.d.L P.d.R

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli