UNA VITA DA CANI Randagismo e prevenzione in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA VITA DA CANI Randagismo e prevenzione in Italia"

Transcript

1 17 17 QUADERNI CE.S.VO.P. Vincenzo Borruso UNA VITA DA CANI Una vita da cani Randagismo e prevenzione in Italia V. Borruso VINCENZO BORRUSO, medico, già Dirigente Superiore presso l Assessorato Regionale Sanità, in atto cura la Collana di Quaderni sulle attività delle Associazioni di Volontariato e dirige il periodico del Cesvop «Mondo Solidale». Cesvop Secondo le stime di alcune Associazioni la morte da situazioni di randagismo, ma anche per ospitalità nei canili lager, raggiunge, nell anno di abbandono il 5060% degli animali. Siamo davanti, infatti, ad un randagismo triste, con animali depressi che dormono davanti ai nostri portoni, davanti agli uffici e che si muovono solo all offerta del cibo o al passaggio di un qualche essere dal quale temono una aggressione. Sembra strano, ma le stesse scene di corteggiamento fra cani di diverso sesso o quelle di accoppiamenti, tanto frequenti negli anni della nostra infanzia e segno della vitalità di questi animali, anche se randagi, quasi non esistono più. Sarà possibile amare questi nostri animali sapendo cosa è più utile per loro, cosa li fa meno soffrire. Senza dimenticare gli obblighi che l uomo ha verso tutti gli esseri viventi. Compresi gli stessi umani per i quali, anche nella nostra terra, sono ormai frequenti le iniziative dei banchi alimentari della Caritas e le mense parrocchiali per i poveri. Compresi i migranti, che dai paesi poveri dell Africa e dell Asia approdano alla nostra terra in cerca di sopravvivenza. In tali situazioni certo fanno senso gli appelli di tante associazioni di volontariato per la raccolta di croccantini, fatti nelle piazze delle nostre città, per gli animali affamati nei rifugi, così come impressiona lo spreco di avanzi davanti a molte delle nostre case. Tuttavia, sappiamo che anche queste iniziative danno significato alla solidarietà fra gli uomini e fra questi e il resto del mondo animale. Anche se non sempre le cose coincidono.

2 17 QUADERNI del CE.S.VO.P. Stampato in Italia Copyright 2008 PittiGrafica s.a.s. Tecniche Editoriali Il quaderno è stato realizzato con il contributo del Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato della Regione Siciliana finanziato dalle Fondazioni - Compagnia di S. Paolo - Monte dei Paschi di Siena - Cariplo - Banco di Sicilia

3 111 Quaderni monografici a cura di Vincenzo Borruso ISBN

4 17 QUADERNI CE.S.VO.P. Vincenzo Borruso Una vita da cani Randagismo e prevenzione in Italia Presentazione di Ferdinando Siringo Cesvop 3

5

6 SOMMARIO Pag. 009 Presentazione di Ferdinando Siringo» Dal titolo alla ricerca» Quanto vicini al migliore amico dell uomo?» I cani nella letteratura» I cani nell arte» L editoria, la stampa e i cani» La violenza dei cani» La violenza degli uomini» La stampa, gli animali di affezione e il mercato» La convivenza con gli animali e le malattie relative» L abbandono degli animali e il randagismo» Il randagismo, l Europa e la soppressione dei randagi» L educazione sanitaria, una misura contro il randagismo e le sue conseguenze» Conclusioni 5

7

8 A Roberto Lagalla, da medico e Assessore regionale alla Sanità ha tentato di fare capire come contro il randagismo servano buone leggi, ma anche la collaborazione intelligente dei cittadini.

9

10 PRESENTAZIONE Nel vasto mondo del volontariato uno spazio non indifferente è occupato dalle associazioni per la protezione degli animali. Sono centinaia in Italia, dall ENPA (Ente nazionale protezione animali) alla OIPA (Organizzazione internazionale protezione animali), agli Animalisti Italiani, all ANPANA (Associazione nazionale protezione animali natura e ambiente). Quest ultima associazione ha 82 sedi in Italia, è presente in quasi tutte le regioni con le sue guardie zoofile che prestano la loro opera a titolo volontario. Scopi dell Associazione la protezione degli animali, della natura e dell ambiente con la vigilanza sull osservanza delle leggi e dei regolamenti generali e locali. Abbiamo citato, a titolo di esempio, questa Associazione perché una documentazione su tutto il mondo degli animalisti in Italia sarebbe particolarmente onerosa. L Italia ha una lunga tradizione in questo campo e rimonta al 1913, con la legge n. 611, l istituzione delle guardie zoofile. Nel corso degli anni varie leggi hanno disciplinato il settore, tra cui la legge quadro n. 281/91 sull anagrafe canina e sul randagismo, la legge n.150/92, la legge n. 189/2004 contro il maltrattamento degli animali. In atto, esistono albi regionali e comunali che registrano associazioni di volontariato sia per la protezione animale che per quella dell ambiente: nella sola Sicilia le associazioni registrate nell albo regionale sono 32 e quelle in albi comunali 56. Tali organizzazioni svolgono anche funzioni di protezione della salute personale e collettiva. Può essere strano, di conseguenza, rilevare l inesistenza di settori socio-sanitari comuni nei quali volontariato sanitario e ambientale per la società degli 9

11 uomini e volontariato per la protezione degli animali possano incontrarsi per una sinergia delle loro azioni e per la eventuale messa a punto di strategie nelle quali associare la protezione degli esseri viventi e dell ambiente. L offerta, ad esempio, che ogni anno viene dall Associazione Nazionale Medici Veterinari, per un controllo gratuito dal 1 marzo al 30 aprile di animali d affezione (2.500 professionisti al servizio per due mesi dei proprietari di cani e gatti), rappresenta un importante occasione di protezione per gli animali, per i padroni, per la collettività, una operazione di sanità pubblica altamente meritoria. Questa ricerca spera di creare il nesso, finora mancante, fra un volontariato che si spende per gli umani e si riconosce organizzativamente nella legge n. 266/91 e un volontariato che dell amore per il mondo animale e per l ambiente ha fatto il proprio scopo di impegno sociale. Così come spera che alcuni comportamenti degli uomini, nel bene e nel male, amici degli animali o meno, possano essere consoni allo sviluppo della nostra società e ai sentimenti di solidarietà che in essa tentiamo di coltivare. Prof. Ferdinando Siringo PRESIDENTE CE.S.VO.P. 10

12 1. Dal titolo alla ricerca «Una vita da cani»: quando e come è stata coniata questa espressione? Certamente in anni estremamente lontani, almeno 15 mila anni, quando nella convivenza uomini-cani la vita di questi ultimi non doveva essere facile. Nemmeno quella degli uomini, in quei tempi, doveva essere facile. E tuttavia, nella vita comune uomini-animali, quando l uomo divenne agricoltore e allevatore di bestiame, la vita dei suoi cani, precocemente addomesticati, dovette sembrare tanto più dura poiché dovevano accontentarsi di una alimentazione di risulta, di dormire fuori dalle abitazioni, grotte o capanne che fossero, dovevano assolvere ai compiti di guardiania, caccia alla selvaggina, etc., quando e come i propri padroni pretendevano. Ai quali, però, i cani si adattavano bene poiché nel loro addomesticamento non si era attenuata la tendenza a fare branco, anche quando capo di questo fosse stato un uomo, e a rispondere naturalmente, disciplinatamente possiamo dire. Oggi, l espressione può essere riferita ad una parte dei cani, i randagi in particolare, che vivono nei paesi occidentali, od occidentalizzati, a quelli oggetto di trafugamento per l accattonaggio, di sfruttamento sul piano dei mercati clandestini e del mondo delle scommesse sui combattimenti. Ma non è più adeguata per tanti cani che vivono, quasi persone umane, in numerosissime famiglie. Suona falsa 11

13 per milioni di essi per i quali si è sviluppato un mercato che va dai prodotti di bellezza agli indumenti che riparino e facciano belli, agli alimenti ricercati, ai farmaci, alle cucce riscaldate, ai guinzagli preziosi. Sul venerdì di Repubblica del dicembre 2007 leggiamo: «Accuditi, coccolati. E curati, se necessario. Cani e gatti italiani sono sempre più longevi: nell ultimo ventennio la vita media dei nostri animali domestici si è allungata di circa due anni». Una prerogativa, aiutata dal progresso della medicina e dalle cure domestiche, ma che riguarda soprattutto i «meticci, più forti rispetto ad alcune razze indebolite dalla mancanza di controlli genetici rigidi e di selezione accurata». In una trasmissione televisiva, Che tempo che fa di novembre 2007, ospite di Fabio Fazio è stato lo scrittore Umberto Eco. In una disquisizione sugli animali di affezione e sulla possibilità di dare un nome ad essi, si convenne che difficilmente un gatto sarebbe stato individuato da un nome, abitudine invece corrente nei riguardi dei cani. Umberto Eco rispose: È naturale, ma il cane è una persona! Più che una battuta, una felice, paradossale intuizione sulla collocazione nella nostra società del cane, di affezione o meno, un compagno per tutte le stagioni, per tutte le necessità «umane». Una collocazione che trova rispondenza anche nel fenomeno del randagismo presente fra i cani, ma anche fra gli uomini che scelgono di vivere, spesso anche volontariamente, in libertà, paghi di quanto possono recuperare nei cassonetti e di un angolo sotto ponti e porticati, o su una panchina, per le ore di riposo diurno e notturno. Spesso in compagnia di uno o più cani, come fanno alcuni ragazzi punk, definiti per questo punkbbestia. Una collocazione che non si limita a quanto detto poiché il cane è presente nella nostra parlata di ogni giorno ed ha 12

14 così influenzato alcune situazioni da rendere obbligatoria la chiamata in causa del cane, quando a tale situazioni vuole darsi un certo significato. Che in genere è negativo: come quando si dice, appunto, fare una vita da cane, essere un cane, quando si vuole sottolineare un comportamento violento, essere come un cane in chiesa, in situazioni di imbarazzo, trattare come un cane, morire come un cane, solo come un cane, rivolgersi a qualcuno come un cane, un elenco sterminato sulla astiosità degli uomini contro i cani e sulla loro tendenza a identificarli con i comportamenti peggiori e con le situazioni le più infelici. Ma anche a sottolineare l assenza degli uomini con un riferimento all animale: non c era un cane. Poche altre riguardano aspetti positivi della convivenza uomini e cani: fedele come un cane e sottomesso come un canuzzu, come si dice in Sicilia. Un recente servizio giornalistico sui pesci ha citato una specie di pesce-cane, così docile e innocuo da essere chiamato dall articolista un «cane-pesce». Il cane è addirittura presente nelle espressioni violente, negli epiteti negativi e in una forma attenuata di bestemmia che, lasciati da parte santi e madonne, con «porco cane» riunisce due bestie sulle quali l uomo ha concentrato la rappresentanza delle maggiori nequizie che possono essere consumate. Infine, sull eventuale nome da poter dare ad un cane esiste una pubblicistica non indifferente. In un libro pubblicato nel 2004 dalla Rusconi libri sono contenuti 1000 nomi di cani divisi per provenienza: da persona, da luoghi geografici, da stranieri, da fumetti, da personaggi letterari, mitologici, storici. E, accanto ad ogni nome, il temperamento che l animale avrebbe rilevato da esso. Su internet vi sono raccolte comprendenti 10 mila nomi a dimostrazione di quanto importante sia la individuazione della propria bestia, la «personalità», potremmo dire, legata al nome. 13

15 Comunque si chiamino, bisogna ricordare che i cani, nel nostro paese, beneficiano financo di un santo protettore, S. Vito martire, raffigurato come un giovane che tiene al guinzaglio due cani, che sembrano meticci. A proposito di personalità canina, o di considerazioni evocate dai cani, da citare uno stranissimo libro (Susanna Molinari, Più conosco le donne più amo il mio cane, ed. Armenia, Milano 2006) scritto da una donna ma con 292 riflessioni dovute esclusivamente ad uomini, tranne l ultima firmata Mina. Fra queste riflessioni difficile una cernita. La prima, a firma di tale Andrea: «una delle ragioni per cui preferisco la compagnia del mio cane a quella di certe donne è che lui si accontenta di muovere la coda anziché la lingua». Altre ne seguono, con uguale acrimonia maschilista, concluse dall ultima, nella quale una tale Mina dichiara di arrendersi a questa intesa fra uomo e bestia, scegliendo il silenzio tra essi. A contraddire, tuttavia, quanto illustrato dal libro la notizia di una accesa guerra fra due quarantenni agrigentini che avevano posto fine al loro matrimonio facendosi guerra, soprattutto, per l affidamento del cane di famiglia. «Levatemi tutto ma non il cane. Tra due quarantenni di un piccolo comune dell agrigentino l amore era finito» (dal Giornale di Sicilia del 15 dicembre 2007). Da qui la decisione di separarsi. Problema, un cane dalmata che, dopo mesi di conflitto, la mediazione di un avvocato e una perizia che ha privilegiato la signora «perché tra i due c è un rapporto più profondo e il cane sembra avere bisogno di un legame di tipo materno», venne assegnato alla moglie, con il diritto per il marito di vederlo e portarlo a passeggio una volta la settimana e di averlo in qualche week-end! È dell 11 giugno 2008 la notizia data da reti televisive nazionali e, il giorno dopo, dalla stampa (vedi Corriere 14

16 della Sera del 12 giugno) su una giovane coppia senza figli che a Cremona si presenta al giudice per una separazione giudiziale. Dopo essersi guardati un po in cagnesco (è il caso di dirlo) hanno fatto subito capire che il problema vero della separazione erano Chira e Luna a cui nessuno dei due voleva rinunciare. «Non litigherete mica per i cani!» ha esclamato il giudice (dall inviato Luigi Corvi). Ma era così, e i due coniugi hanno dovuto trovare una soluzione con i loro avvocati. In una scrittura privata è stato deciso per una specie di affidamento condiviso: Chira che è più legata alla donna starà con la «mamma», Luna con il «papà». Le spese di mantenimento e cura saranno sostenuti da entrambi e ognuno potrà vedere l altro cane quando vorrà. La separazione è avvenuta, a questo punto, in modo consensuale. Qualcuno, anche su internet, ha scritto: i cani come i figli! C è voluto più di un secolo dal Codice Zanardelli e trentasei anni dalla istituzione del divorzio in Italia (la legge dell affido congiunto è del 2006) perché gli italiani cambiassero una normativa che, di fatto, nelle separazioni assegnava i figli quasi sempre alla madre. Ci sono voluti solo due anni perché detta normativa venisse invocata e applicata per l affido degli animali d affezione, cani soprattutto. Potenza dell amore o insopportabilità della solitudine che, sempre più, vicaria gli uomini con gli animali? Possiamo dire che la umanizzazione dei nostri cani non ha limiti, anche in campi più gioiosi: adesso si festeggiano anche i loro compleanni con iniziative che, sembra, non badino a spese. A Lecco (dal Giornale di Sicilia del 27 aprile 2008), un medico affitta una discoteca per il compleanno del suo cane, pastore tedesco che compie cinque anni, con tanto di torta, candeline e intrattenimento danzante! Speriamo che 15

17 anche «il migliore amico del medico» si sia divertito in quella occasione. Maggio del 2008 è stato caratterizzato da un ondata di caldo che, come tutti gli anni, ha provocato incendi nei boschi e nelle città soprattutto del sud. In Sicilia la stampa ha dato particolare risalto agli avvenimenti che, per fortuna, non hanno causato vittime, così come era avvenuto nell anno precedente. A Palermo, i roghi in città hanno distrutto depositi di macchine e di immondizia clandestini, depositi comunali di attrezzature dismesse e i cittadini di alcuni quartieri hanno avuto per più giorni appartamenti e ospedali minacciati dalle fiamme e invasi dal fumo denso ed acre. Ma un titolo di stampa ha dato il giusto risalto alla prontezza dei cittadini e alla loro generosità (Giornale di Sicilia del 29 maggio 2008): Veterinari, animalisti e personale Gesip non in servizio: squadra che ha salvato i randagi dal rogo. Interventi tra fumo e fiamme. I soccorsi all ex mattatoio. Tutti in campo per i cani. Due ore di panico tra le fiamme e i cani spaventati che abbaiavano. Fiamme alte e tanto fumo, così tanto che non era possibile distinguere nulla. La tempestività nell intervento e la collaborazione da più parti hanno tuttavia evitato il peggio durante l incendio scoppiato martedì pomeriggio in una discarica abusiva in via Macello e che ha coinvolto i locali dell ex mattatoio comunale che si trova proprio alle spalle. Tutti salvi. In campo sono scesi veterinari del canile municipale, operai della Gesip, animalisti, personale comunale del canile municipale accanto alla protezione civile e ai vigili del fuoco. «La sensazione è stata quella di essere davanti a una grande famiglia che si è data da fare per far si che tutto finisse subito e senza danni», commenta Linda Tumbarello, amante degli animali, anche lei accorsa sul posto. 16 Da sottolineare il fatto, non rilevato dalla stampa, né da-

18 gli animalisti, che il canile è stato situato in quel posto nel 2007 con il mancato rispetto di tutte le norme che regolano questo delicato settore della salute umana e animale. In ogni caso, il destino dei cani è così intricato con quello degli uomini da condividerne gioie e dolori. Adesso, ad esempio, subiscono anche la discriminazione «razziale», se così si può dire. Dal quotidiano la Repubblica del 31 maggio 2008: «I cani? Da vietare le razze straniere» Milano. - E dopo gli immigrati, i carcerati, gli omosessuali, le prostitute, i cigni del Sile, tocca ai cani. Giancarlo Gentilizi, fantasioso prosindaco leghista di Treviso, nel nome di una sorta di pulizia etnica che dagli umani ormai è passata agli animali, lancia la sua ultima crociata. «Basta con le razze straniere, come amici dell uomo scegliamo i cani e le razze che avevano i nostri progenitori». Solo che, come scrive Cinzia Sasso, autrice dell articolo, nel Veneto non esiste alcuna razza locale e i trevigiani nelle loro belle case e ville ospitano pastori tedeschi, setter irlandesi e husky siberiani, come avviene ovunque in Italia. 17

19

20 2. Quanto vicini «al migliore amico dell uomo?» In un recente libro (La mente animale, Einaudi 2007), Enrico Alleva, dirigente del reparto di Neuroscienze comportamentali dell Istituto superiore di sanità, chiedendosi se la selezione e l addomesticamento abbiano potuto avvicinare la mente canina a quella umana, tanto da giustificare questa intimità che permette di condividere pensieri ed emozioni, riferisce che nel 1997 le analisi sul Dna dei mitocondri hanno fatto anticipare l inizio della convivenza tra uomo e cane, portandola a centotrentacinquemila anni fa. Se la ricostruzione è esatta, l addomesticamento cominciò ai tempi dell evoluzione della nostra specie, forse assumendo un ruolo nel processo evolutivo stesso (pagg.79-80). E quindi, potremmo anche dedurre che uomo e cane nel loro contemporaneo sviluppo si saranno condizionati reciprocamente. Da qui l intimità, da qui la naturale identificazione con un cane in una serie di situazioni ed eventi dell uomo nell ambito della sua società e del cane nella società degli uomini: come riporta Enrico Alleva, citando Vilmos Csànyi della Università di Budapest, ancora oggi «l ambiente naturale del cane sarebbe infatti la famiglia umana». È probabile che dipenda da questa lunga convivenza il valore obiettivo, o presunto, che si dà al cane come ottimo soggetto per la pet therapy. Consigliato perché con la sua presenza domestica contribuisca a risolvere problemi di 19

21 disagio psichico fra i giovanissimi, è stato recentemente indicato da una associazione animalista utile nell accudimento e socializzazione di disabili e anziani. I cani non hanno pregiudizi nei confronti delle disabilità (!) e possono, come riporta il New York Times su una ricerca di medici californiani, contribuire oltre alla integrazione dei malati ad abbassarne la pressione arteriosa e a potenziarne le difese immunitarie. In questi ultimi giorni, l Aiuca (Associazione italiana uso cani di assistenza), con l Università zootecnica di Milano «darà inizio ad una ricerca per misurare il calo del livello di stress in pazienti malati di Alzheimer messi a contatto con i cani». Ricerche archeologiche hanno permesso recentemente il reperimento di ossa di cane accanto a scheletri umani in strati riferibili all età del bronzo. Alcune di queste ossa mostrano segni di macellazione. È da presumere, quindi, che la convivenza uomo-cane avesse anche lo scopo di un procacciamento di cibo. Come è risaputo, esistono ancora popoli presso i quali allevare cani da macellare e di cui alimentarsi rappresenta un antica consuetudine. In ogni caso, per le epoche alle quali si riferiscono queste scoperte e per quanto riporta Enrico Alleva, non disponiamo di una cultura documentata che, invece, risale solo ad epoche storicamente a noi vicine: quali, ad esempio, alcune testimonianze della civiltà egizia e dei poemi omerici. Oggi, c è un fiorire di studi sugli animali in genere, e sui cani in particolare, relativamente alla possibilità che alcune specie siano fornite di intelligenza. Tale da permettere loro scelte comportamentali alla guisa degli uomini e di avere sentimenti. Secondo un articolo di Virginia Morrel (Pensieri bestiali, su National Geographic, marzo 2008), l essere umano non è la sola specie in grado di inventare, fare progetti, 20

22 mentire e ingannare: primati e cani, uccelli e pesci sono capaci di pensare. Per molto tempo si ritenne che gli animali fossero poco più che macchine con comportamenti istintivi, innati, scarsamente modificabili dalla esperienza. Ma come sarà stato possibile che essi, a secondo la specie alla quale appartengono, siano stati capaci, generazione dopo generazione, di imparare quale cibo fosse più utile alla loro sopravvivenza, quale e quando un frutto fosse maturo per essere mangiato, come orientarsi in un branco o in uno stormo dove le coppie si riconoscono, riconoscono la propria prole, dove sono possibili azioni collettive di difesa o di caccia, quasi fossero concordate? Seguendo Charles Darwin, come sottolinea l autrice, nello spiegare lo sviluppo dell intelligenza umana, che è cresciuta con l evoluzione generale del nostro cervello, siamo costretti a partire da organismi semplici fino ad approdare a individui complessi, come gli uomini e i cani di oggi. Ma se gli animali in genere sono più che macchine, quando e in quali forme viventi sarà comparsa l intelligenza, in particolare quella umana? E perché questa, quasi una anomalia, deve riguardare solo la specie umana? Allontanarsi dal modello meccanicista, fare propria l ipotesi evoluzionista darwiniana ci ha permesso di riconoscere che «l intelligenza è una dote flessibile, le cui radici nel mondo animale sono estese e profonde». Scrive Virginia Morrel: «Forse l esempio migliore della facilità con cui possono evolversi nuove capacità intellettive ci è dato dai cani. In genere, chi possiede un cane ha l abitudine di rivolgersi al proprio animale e si aspetta di essere capito. Ma questo talento canino non era apprezzato appieno prima della performance di un border collie di nome Rico durante un quiz tele- 21

23 visivo in Germania nel Rico conosceva i nomi di circa 200 oggetti e ne imparava di nuovi con facilità». L Istituto Max Planche per l antropologia evolutiva di Lipsia volle studiare il caso e paragonò la capacità di Rico ad imparare nuovi vocaboli con quella di un bambino piccolo. Altri ricercatori avevano dimostrato che i bambini di due anni imparano ogni giorno almeno dieci nuove parole. La conoscenza del caso mise i ricercatori in grado di seguire altri cani, uno dei quali si dimostrò capace di riconoscere almeno 300 parole. Si è anche scritto della capacità di mostrare felicità da parte degli animali, specie i cani, con comportamenti ed espressioni che ricordano molto quelli dell uomo in uguali situazioni. Sostanzialmente, la nostra cultura si è evoluta dando personalità ad alcuni animali, non a tutti, che alle società umane sono sembrati più vicini e in grado di accettare una relazione comprendente avvenimenti e programmi condivisi. Secondo Peter Singer, citato da Roger Scruton (Gli animali hanno diritti?, Milano 2008), l uomo ha distinto fra gli animali quelli che esistono e quelli che non esistono come individui. Fra questi gli insetti, i polli e altri volatili che «non hanno una concezione della loro esistenza futura e vivono esclusivamente nel momento presente». Fra gli altri, quelli che, biologicamente più vicini a noi, ci sembrano capaci di acquisire una individualità. Il ragionamento metafisico ed etico di Scruton, che cercheremo di semplificare, sembra prendere spunto da queste considerazioni cercando di dimostrare la mancanza negli animali di una consapevolezza quali esseri morali e, come tali, non in grado di avere diritti e doveri verso l uomo e nemmeno sentimenti che non siano iscritti nel loro patrimonio genetico di «specie». 22

24 Tuttavia, l uomo è portato a considerare con un metro umano quanto riesce a scoprire nei comportamenti di animali la cui «individualità» risulta essere una sorta di conquista. Che è difficile scoprire nella vita di una formica che non ha una storia ed è indistinguibile da quella di qualunque altro membro della sua specie. Non così nelle specie animali più vicine all uomo. Più una creatura è in grado di imparare dal suo ambiente e di adattarvisi, più acquisisce un carattere che la contraddistingue dagli altri membri della sua specie e più possiamo agire su di essa in modo da imprimere nel suo comportamento un simulacro della nostra risposta. Man mano che si salgono i gradini dell attività mentale, ci scopriamo sempre più capaci di attribuire agli animali carattere, storia, sviluppo emotivo e intellettuale, fino al punto che alcuni di essi in particolare quelli che possiamo addestrare a reagire selettivamente nei confronti degli esseri umani acquisiscono un individualità che rende appropriato il dono di un vero nome. L apice viene raggiunto con quegli animali, quali i cani, che non hanno solo un nome, ma vi rispondono (Scruton, op. cit., p. 33). In definitiva, siamo noi umani ad attribuire sentimenti e caratteri ad animali che sentiamo vicini e per i quali le società moderne hanno adottato comportamenti che li includono nel nostro sistema morale. Ma, come ci avverte Scruton: non solo cani e orsi non appartengono alla comunità morale, ma non hanno nemmeno un potenziale di appartenenza. Non sono «il genere di cosa» che può conciliare controversie; avere sovranità sulla sua vita e rispettare quella degli altri; rispondere all appello del dovere o assumersi responsabilità in questioni di fiducia (op. cit., p. 44). Da questo, le inutili riflessioni sulle situazioni anche tragiche in cui un animale di affezione, ad esempio, ha com- 23

25 portamenti che sembrano tradire le aspettative del suo padrone e che, invece, si iscrivono nel suo patrimonio di «specie», quale risposta ad istinti che in un certo senso dovremmo conoscere. Eppure, il riconoscimento di questa individualità negli animali è così antico da avere connotato sul piano alimentare culture secolari ed importanti come quelle che oggi definiamo «occidentali». È stato fatto notare che «un dibattito sui temi dell alimentazione è anche un dibattito sull organizzazione della società, un dibattito di civiltà, un luogo di ricostruzione sociale del cibo e dei modelli alimentari (Jean-Pierre Poulain, Alimentazione, cultura e società, Bologna 2008, pagg ). Per quanto alimentarsi rappresenti una necessità assoluta per vivere, farlo con animali ritenuti commestibili non può che significare la loro morte. Nella maggior parte dei casi l uccisione a scopo alimentare s inquadra in un insieme di rituali di protezione o di dispositivi sociali la cui funzione è quella di legittimare la messa a morte dell animale. L ansia proviene allora dal conflitto morale fra il bisogno di mangiare carne e il fatto di dovere per questo imporre sofferenze agli animali e di sottrarre loro la vita. Mangiare è dunque un atto che impone scelte e decisioni, ma anche assunzioni di rischi oggettivi e simbolici (ivi, p. 87). Nelle società di cacciatori sono dimostrabili preghiere e anche scuse rivolte allo spirito dell animale ucciso. E nelle religioni monoteiste mediterranee significative sono le differenze fra la giudaica, l islamica, la cristiana. Sebbene nella Bibbia (Gen. 9,3), dopo la cacciata dal paradiso terrestre, gli uomini siano stati autorizzati a mangiare animali, il giudaismo vi aggiunse una serie di divieti, così come gli islamici, così come i cristiani. Lo scopo di rituali e divieti «è quello di rassicurare chi 24

26 mangia, rendendo la morte degli animali moralmente accettabile» (ivi, p. 89). E. R. Leach, citato da Poulain, ha mostrato come i rapporti che gli uomini hanno stabilito con gli animali siano stati in grado di determinare la possibilità che questi diventassero alimenti (ivi, p. 192). Gli animali possono essere distinti in quattro categorie a seconda della distanza che li separa dagli uomini; andando dal più lontano al più vicino distinguiamo le categorie del selvatico, della cacciagione, del domestico, del familiare. Le due categorie centrali rientrano nell ordine del commestibile. La prima e l ultima sono colpite da divieto, in quanto pensate come troppo lontane o troppo vicine all umanità (da Leach). Lo stesso autore riconosce che le frontiere tra queste differenti categorie possono variare nelle diverse culture: Poulain cita come da questo punto di vista risulti esemplare la cinofagia, il consumo di carne di cane. Perché in certe culture si mangia il cane e in altre no? «Il cane è il migliore amico dell uomo, il suo più fedele compagno. È dunque a causa di questa prossimità che si spiegherebbe il divieto alimentare che lo colpisce nelle società occidentali» (ivi, p. 192). Addirittura, per spiegare fra gli aborigeni australiani il consumo di carne di «dingo», un animale selvatico appartenente alla famiglia dei canidi, alcuni antropologi hanno spiegato il fenomeno come «una sottostruttura del cannibalismo praticato in quelle terre». Ancora Poulain, citando J. Millet, nota come la posizione del cane nelle società agricole occidentali si collochi fra l uomo e gli animali domestici. Questa «prossimità» spiegherebbe la riluttanza degli occidentali a cibarsi della carne di cane; ma non spiega a sufficienza la durezza del biasi- 25

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh PREMESSA Le occasioni che i bambini hanno di vivere il contatto con la natura sono poche, soprattutto vivendo in città. Tuttavia, se lasciati liberi di muoversi anche in un piccolo giardino come quello

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli