Cronache del Po di Volano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cronache del Po di Volano"

Transcript

1 1 Cronache del Po di Volano Piccole storie di ordinaria sopravvivenza in uno specchio d acqua Io vivo sul Po di Volano, e mi considero un cittadino fluviale. Il retro del mio palazzo si affaccia sull acqua del fiume e se non fosse per questo scenario forse non avrei comprato questa casa. Il condominio si chiama Viribus, richiamando una certa retorica di vecchia data. La Cooperativa che l ha costruito negli anni 50, e che gli ha dato il nome, si chiamava Viribus Unitis. Viribus Unitis non è un nome inventato, è il nome di una corazzata della regia marina austro ungarica. Ormeggiata nel porto di Pola, il primo novembre 1918, fu oggetto di un ardita incursione degli ufficiali Raffaele Rossetti e Raffaele Paolucci. Questi arditi ufficiali, a bordo di una mignatta, entrarono nel Golfo di Pola e applicarono sotto la carena della corazzata una carica esplosiva. Peccato che il pomeriggio precedente l Austria-Ungheria aveva ceduto la corazzata Viribus Unitis al neocostituito stato slavo e slavi erano anche i nuovi inquilini della corazzata. Ma questo gli arditi non potevano saperlo. Io non so valutare la mossa politica dell Austria-Ungheria nel

2 2 cedere la corazzata, ma certo che la scelta di tempo non poteva essere migliore. Ferrara, come molti sanno è sotto il livello del mare. Qualcuno dice che se i poli si scioglieranno, come sembrano intenzionati a fare, e i mari cominceranno ad introdursi nell entroterra Ferrara sarà tra le prime città invase dall acqua. Tornerà il mare, risparmiando ai ferraresi le code domenicali sulla Romea per raggiungere le spiagge dei lidi comacchiesi. Se questo accadrà il condominio Viribus dove vivo forse godrà addirittura di vista sul mare. E il Sebastian, la pizzeria nave ormeggiata davanti alla darsena, che ho fotografato dalla mia finestra (foto a lato), prenderà il largo come l arca di Noè salvaguardando dalle acque tutti gli esemplari di pizza indicati nel menù e un certo quantitativo di birra alla spina. Quello dell arca di Noè è uno dei miti che fin da bambino mi hanno ossessionato di più. Ogni volta che vedevo piogge insistenti pensavo alla punizione divina incombente. Quando cominciava a piovere mi chiedevo come facciamo ad avere la certezza che la pioggia smetterà. Il diluvio universale è un mito presente in quasi tutte le culture del mondo. Qualcuno ritiene che ci racconti l espandersi della acque a seguito

3 3 della fine dell ultima glaciazione, di datazione incerta, ma comunque avvenuta quando Piero Angela era molto giovane. E succederà ancora, quando Piero Angela sarà molto vecchio. Tornerà, non so se per punire gli uomini, non credo che ci sia una giustizia negli eventi naturali. Se dovessimo rispondere dei crimini ambientali di fronte ad una giustizia superiore sarebbe una bella sorpresa davvero. Questo corso d acqua è un piccolo teatro di scempi umani. Raccontano gli anziani che tempo fa in queste acque sono stati immessi i pescisiluro che hanno alterato l equilibrio alimentare divorando tutto. Poi sono stati immessi dei gamberi orrendi d acqua dolce (neri simili a scorpioni) che dovevano mangiare le uova dei siluri che si stavano riproducendo a dismisura. Ora sono i gamberi che si riproducono a dismisura. Ma infine sono stati immessi sull argine i ristoranti cinesi che si sono messi a servire in tavola gamberi sospetti. E evidente che gli uomini si attribuiscono il diritto di manipolare a piacimento l ambiente, dispensando vita e morte un po a casaccio. Abbiamo il diritto di vita o di morte sul mondo animale? La bibbia è stata usata dagli uomini anche per dare fondamento a questo assurdo diritto, che diritto non è. La bibbia nel corso del tempo è stata usata da alcuni mistificatori senza scrupoli, e di questo il sommo autore dovrebbe dolersene, per alimentare e nutrire il lato più oscuro dell uomo, per giustificare ogni tipo di

4 4 misfatto umano, dalle scorribande dei negrieri (si veda l episodio dei figli di noè), alla persecuzione degli ebrei (accusati di aver voluto la morte di Gesù) e infine persino il diritto presunto dell uomo di fare del mondo animale ciò che vuole. Quest ultimo punto si trova nella bibbia dopo l episodio del diluvio universale. Dio affida a Noè e ai suoi discendenti il diritto di vita e di morte sul mondo animale? Ma ho letto recentemente un altra interessante interpretazione di questo passo. L interpretazione suggerisce che forse Dio, invece di attribuire questo potere arbitrario all uomo sul mondo animale, lo avrebbe solo nominato come amministratore dello stesso. E in tal caso non sarà che l uomo dovrà un giorno rendere conto di ciò che ha amministrato e di come lo ha amministrato? Se il mondo è un immenso condominio e noi siamo gli amministratori il nostro potere ha dei limiti ben precisi. Non credo che l amministratore del mio condominio si possa attribuire il potere di sopprimere gli inquilini del terzo piano perché fanno troppi figli, introducendo degli inquilini cannibali al primo piano. Il regolamento di condominio non lo permetterebbe. * * *

5 5 Mi piace osservare l acqua del Po di Volano, dalla mia finestra, o dall argine. Vivere davanti a un fiume suggerisce, come dire... cose che passano e cose che ritornano. Lo scorrere dell acqua suggerisce qualcosa che non ritorna, la vita ripetitiva degli animali, i volatili fluviali, suggeriscono qualcosa che ritorna. Milan Kundera ne l insostenibile leggerezza dell essere accenna alla teoria dell eterno ritorno e a quella contraria del nessun ritorno. Per la prima teoria tutto ciò che facciamo si ripeterà per sempre all infinito e solo il pensarlo rende pesante la nostra esistenza. Quale responsabilità se ogni nostro gesto ritornerà per sempre! Il non ritorno invece dice che ogni nostro gesto si perderà nel mare infinito del tempo, dimenticato per sempre e solo il pensarlo rende leggera la nostra esistenza. Il nostro destino oscilla tra questi due estremi opposti. La troppa leggerezza ci va volare via, la troppa pesantezza ci fa affondare, occorre trovare la giusta misura di peso per restare a galla nell insidioso mare dell esistenza. Le onde dell acqua ingannano. Sembrano correre in direzione contraria a volte. Ti inganna l acqua anche quando la vedi piatta, che sembra immobile, ma sai che fra un secondo sarà diversa, non più la stessa sotto i tuoi occhi. Pensi che non ritornerà e ti inganni una seconda volta. Perché invece ritornerà. Un tempo molto lontano magari, ma tornerà. Oppure pensi che ciò che succederà oltre la tua vita

6 6 non esista? Non lo pensi, ma perché allora tutto nel tuo agire lo fa pensare? E alla mia immagine, restituita dal fiume, che mi rivolgo, dandomi del tu. Mi piace dare del tu alle persone che non conosco. Quell acqua tornerà perché le risorse non sono infinite. Incredibile eh? Non sono infinite, la natura ricicla tutto, come i nostri nonni riciclavano tutto quello che usavano, loro che ora ci guardano increduli scuotendo la testa da dove non possono essere visti. Ti riposa l idea che un giorno potresti guardare il mondo insieme a loro da spettatore di un film. Perché siamo proprio un bel film, non c è che dire. Se hai figli, e so che non li hai, come li guarderesti da quel palco privilegiato che si trova lassù nel quale siederai un giorno? Un tempo hai pensato ai figli come ai bastoni della tua vecchiaia, o peggio come al bastone per tenere in piedi un matrimonio. No, non lo vuoi pensare, è orribile, ma almeno una volta lo hai pensato. Questi figli virtuali e viziati in modo indecente, che vedi in giro, sono caricature di quelli che dovrebbero riscattare i tuoi errori o gli errori dei loro genitori. Polli di allevamento costretti a scorrazzare sui prati virtuali della playstation. Non colpevoli e non infelici, perché sei stato tu, o i loro genitori, a non dargli quello specchio per vedersi ridicoli e soffrirne.

7 7 Vivranno fino a cento anni. Di questo il merito è tuo che sei il padre, che gli lasci in eredità le statistiche record sull età media della vita nel nostro tempo. E il progresso e il progresso dipende per un piccola parte anche da te (non avrai mica solo difetti!). Pensi che al figlio virtuale non mancherà tutta quella natura che non vedrà mai e che hai sacrificato per farlo vivere più a lungo di ogni antenato, perché non è perdita esiti un attimo nel pensarlo, ma ormai l hai pensato non è perdita vera, se ciò che non hai non l hai mai avuto e non l hai mai visto. Ma non è proprio così che funzionano gli esseri umani ti dici. Ci sono cose di cui abbiamo bisogno anche se pensiamo di poterne fare a meno e cose di cui non abbiamo bisogno anche se pensiamo di non poterne fare a meno. Osservi le anatre sull argine del fiume. Cinque di loro si affrettano sculettando attorno al pane che gli sbricioli sull erba dell argine. Le osservi. Non ti spieghi perché allontanano dal pasto che gli prepari l unico piccolo anatroccolo del loro gruppo, per giunta affamato. Il piccolo emette suoni striduli a ogni colpo di becco che lo raggiunge nel sedere e svolazza via di qualche metro. Il piccolo guarda affamato il pasto dei grandi e fa tenerezza. Di quella tenerezza che se ci pensi è senza senso perché

8 8 se ci pensi, una mosca, un ragno e una zanzara ti lasciano indifferente alla loro sorte. Pensi che quella tenerezza che consideravi la parte migliore di te è il risultato di una manipolazione culturale. Pensi cosa c è di te che sia veramente tuo. Stai pensando a come sei e come vorresti essere. Quando lo fai, segatura cerebrale cola copiosa dalle tue orecchie. Ogni volta che pensi a come sei e come vorresti essere. Certo, l anatroccolo escluso non crescerà viziato. E se crescesse migliore per questo? Migliore d accordo, non significa nulla, il concetto di migliore, migliore di, è uno di quei tarli che scavano nel cervello umano producendo solo chili di altra segatura cerebrale. Non sei un etologo, le tue sono solo fantasie. Ma ti chiedi se le anatre adulte non costringano il piccolo, escludendolo dal facile banchetto, a procurarsi il cibo da solo. Se la ragione fosse che il piccolo a quell età deve imparare a cacciare e non a farsi servire? Non che le anatre abbiano un pensiero cosciente, ma potrà esistere un intelligenza incosciente? Invece, agire senza pensare, per l uomo moderno è solo una colpa. Quanti comportamenti gli uomini hanno cancellato dal loro agire per sostituirlo con quelli suggeriti dal loro pensiero? Se tutto questa attività cerebrale di cui l umanità si fa vanto sia riuscita a produrre felicità è un'altra storia. L uomo di pensiero certo si difende dicendo che siamo meno infelici grazie

9 9 al nostro pensiero sviluppato che non nel passato. Discorso meno ovvio di quello che sembra, però. Il confronto tra le epoche e le loro rispettive felicità è meno semplice di quello che sembra. Oggi abbiamo molte ragioni di infelicità, ma l ultima cosa che ci rende infelici è paragonarci ad un epoca futura molto più progredita dei cui vantaggi siamo oggi sprovvisti. Sfidi qualcuno a dirti di essere infelice per questo. Fatichi ad accettare il discorso di chi dice che oggi siamo più felici che ieri. Qualunque cosa fossimo ieri, non eravamo proiettati ad un confronto con un futuro(il nostro presente) e non soffrivamo per non avere quello che abbiamo oggi, perché non solo non esisteva ma perché era considerato oltre il possibile. Un povero non soffre della propria povertà finché non vede passare un ricco e lo vede come una cosa possibile. Potrebbe essere la teoria della relatività della felicità. Ma la teoria della relatività è lontana dal senso comune. E difficile convincersi che un ricco possa essere più infelice di un povero, questo suggerisce il senso comune. Ma quanti inganni ci offre il senso comune, se ci pensi. Oggi essere felici significa corrispondere all immagine che abbiamo in mente della nostra felicità.

10 10 Interrogarsi sulla nostra felicità è la ragione della nostra infelicità. Le persone felici sono quelle che non se lo chiedono. Sono felici quelle che non si guardano allo specchio. Sono infelici quelle che si guardano per vedere quanto di loro corrisponde all immagine mentale alla quale vorrebbero corrispondere, per poi scoprire che non corrispondono mai. Milan Kundera sempre ne L insostenibile leggerezza delle essere che ho citato all inizio attribuisce l origine dell infelicità umana a quello specchio in cui ci riconosciamo, quello specchio che apre la vista su noi stessi, dando vita ad un occhio esterno, immaginario e spietato che noi puntiamo su noi stessi, e che comincia ad elaborare di noi un immagine di come vorremmo essere e non saremo mai. * * * Sulla Darsena ferrarese del Po di Volano di notte deserta e silenziosa, nel cuore della città, si vede riflessa nell acqua la luce dei lampioni. Quasi impossibile invece da qui vedere le stelle. A volte per via della nebbia, a volte per via della luce della città che oscura le lampadine

11 11 del cielo. Ho sentito dire che quando in aereo si sorvola di notte il territorio del nord Italia si rimane impressionati dalla quantità di luce artificiale che si vede sotto. Come un immensa macchia di luce. Da un certo punto di vista quella che si vede è la nostra ricchezza che luccica. Da un altro punto di vista, se un occhio alieno guardasse la terra dalle tenebrose profondità dello spazio, avrebbe una foto istantanea della distribuzione della ricchezza sul nostro pianeta. La parte illuminata è quella ricca. Quella buia è quella povera. Diversamente, se dalla terra si guarda il cielo vale la regola contraria: chi dalla terra vede le stelle è nella parte povera, chi invece, accecato dalle luminarie permanenti dell opulenza metropolitana, stenta a intravederle, è nella parte ricca. Facile, no? Se un occhio alieno guardasse la terra dalle tenebrose profondità dello spazio avrebbe una foto istantanea della distribuzione della ricchezza sul nostro pianeta e lo fulminerebbe all istante trasformandolo in una nuvoletta puzzolente. Siamo sette miliardi nel 2012 e la metà esatta dispone dell 1 per cento delle risorse del mondo intero, l altra metà ha il 99 per cento, e se lo tiene stretto. Da bambino giocavo con i miei cugini ai viaggi nello spazio. Mio nonno nel suo studio aveva una scrivania con una cavità sottostante che poteva fungere meravigliosamente da cabina di pilotaggio di una nave spaziale. C era anche un atlante astronomico. Così per non sbagliare

12 12 strada. Un penna infilata dentro un portapenne al mio fianco poteva essere impugnata e reclinata a piacere come una leva. Il mio primo salto nell iperspazio l ho fatto così. Non credevo che l odore di soffritto della cucina di mia nonna potesse seguirmi anche nell iperspazio, ma tant è. La nuvoletta di soffritto era tutto quello che mi portavo dietro dal mio pianeta. Il resto poteva rimanere dov era. Oggi il calore della casa dei miei nonni mi appare come qualcosa di molto lontano nel tempo. Qualcosa per cui valeva la pena vivere su questo mondo un vita che però era migliore quando non aveva ancora tanto bisogno di alimentarsi dei suoi ricordi. Il pomeriggio aspettavo con ansia in tv i telefilm della serie UFO, quelli con le signorine di base luna vestite con adorabili tute spaziale attillate e riconoscibili per i capelli viola a caschetto, stile anni sessanta. Il tenente Ellis, era una di queste signorine. Avrei scoperto dopo decenni che l attrice in questione era la sorella di Nick Drake, si, proprio il cantautore col viso da bambino, morto ventiseienne nel 1974, in circostanze poco chiare, autore di musiche e

13 13 brani di struggente bellezza. La cosa curiosa che annoto è questa. Scoprire questa parentela tra il tenete Ellis e Nike Drake, due personaggi che consideravo come galassie lontanissime tra loro e in nessun mondo comunicanti, mi ha trasmesso del mondo in cui viviamo una percezione di ristrettezza, come fosse il cortile condominiale dal quale svolgo le mie osservazioni. Umberto Guidoni, astronauta vero, racconta di aver visto la terra dallo spazio e l impressione che ha avuto è quanto sia piccola e quanto siano limitate le sue risorse. E si vede solo dallo spazio. Da quaggiù non si vede e non ci si pensa. O non abbastanza. Siamo una piccola sfera avvolta da una lamina sottilissima di atmosfera, soffocata, a vista d occhio, dai gas di scarico. Se un occhio alieno guardasse la terra dalle tenebrose profondità dello spazio avrebbe una foto istantanea di come stiamo soffocando il pianeta. Potrebbe anche decidere di non distruggere all istante il nostro pianeta trasformandolo in una nuvoletta puzzolente, perché lo stiamo facendo per conto nostro. Ricordo che da bambino discutevo con i miei tre cugini di possibili attacchi alieni e ci eravamo convinti tutti dell idea che se gli

14 14 alieni sono più intelligenti di noi, perché mai avrebbero dovuto attaccarci? E poi qualcuno dice che i bambini non sono saggi? Il ragionamento è valso a rassicurarmi per molti anni. Oggi penso invece che un esercito alieno potrebbe scendere da noi in missione di pace, perché no? A portare la democrazia, magari, o una versione più rispondente al suo spirito più autentico. E potrebbe decidere a modo suo, a casa nostra, dopo aver fatto ronzare le antennine per qualche istante, chi sono i buoni da salvare e i cattivi da uccidere, senza chiederci un parere. Su un sito umoristico poco tempo fa avevo pubblicato una saga fanta- demenziale (dal titolo Comicodissea nello spazio ) dove immaginavo le mie avventure nello spazio, dopo essere stato rapito dagli alieni, insieme al mio pallone da basket, una nutria e una zanzara. Questi singolari compagni di viaggio in effetti costituiscono il mio habitat naturale su questo mondo, in un punto imprecisato dell argine del Po di Volano, dove il destino mi ha voluto collocare nel suo imperscrutabile disegno. In queste coordinate spaziali si colloca una fauna commovente per abnegazione e attaccamento alla vita, ricco di nutrie, zanzare, anatre, gamberi, pesci siluro. In un habitat seviziato dall uomo in ogni modo possibile e

15 15 immaginabile, tra gli scarichi delle macchine di via Bologna, le limacciose acque del Po di Volano che scorrono solo grazie all effetto fluidificante della sua consistente componente oleosa e d inverno quel nevischio che da noi ti spiegano, scuotendo la testa, non essere nevischio, ma condensa dei fumi Montedison. Quello che non funzionava nel campione statistico ero io e cercavo di far capire agli alieni che studiandomi non ne avrebbero ricavato molto, perché la stragrande maggioranza delle persone su questo pianeta è diversa da me: già, infatti crede in un qualche dio, salvatore o castigatore, traendone conforto, continua a credere, non so come, in una politica che impotente sui drammi del mondo mira ormai solo al controllo delle coscienze (mentre le coscienze non riescono più a controllare la politica), crede ancora che, benché minoritari, gli uomini onesti, ingegnosi e di buona volontà sapranno far fronte allo sfacelo e loro gli alieni - mi dicono chissenefrega, che mica dovevano studiarmi a fini statistici, dovevano solo archiviarmi in originale o in fotocopia nel catalogo intergalattico delle specie in via d estinzione. Ah beh! Se è così! Tempo fa ho letto l articolo che esponeva la teoria di James Lovelock, scienziato di fama internazionale. Mi ha colpito la serena rassegnazione delle sue parole. Diceva questo: eolico? raccolta differenziata? pannelli solari? tranquilli, orami è tutto inutile, abbiamo superato quel limite oltre il quale il

16 16 processo diventa irreversibile. Invertire rotta ormai è inutile. Entro la fine del secolo scompariranno 5 miliardi di persone, tra sconvolgimenti climatici, guerre e penuria di risorse. Cosa potrebbe fare la classe politica se scoprisse che tutto questo è vero? Ve lo dico io: prenderà atto della perdita di cinque miliardi di elettori, ma racconterà ai superstiti che rispetto alle politiche dell anno diecimila avanti Cristo il calo è trascurabile. E poi, per guardare avanti, il circolo polare artico organizzerà i mondiali di calcio del 2090, se non farà troppo caldo. * * * Le acque del Po di Volano, stanche, oscure e dense di sostanze sconosciute, sono qualcosa che definire uno specchio d acqua è un fin troppo generoso. Se Nariciso fosse nato qui sarebbe ancora in cerca della sua immagine riflessa e forse si sarebbe stancato per volgere infine il suo sguardo verso cose più interessanti. Il ciclo delle stagioni ritorna su se stesso. Le papere selvatiche nate quest estate, e già cresciute, conoscono il loro primo freddo veramente duro. Sono perfettamente attrezzate per affrontarlo. La natura come una mamma premurosa le ha lanciate nella vita su questo specchio d acqua con

17 17 tutto il suo amorevole corredo di sopravvivenza. Ogni tanto mi capita di vedere tra i rovi una nutria, che sgranocchia un ramo. Difficilmente si fanno vedere. Da noi le nutrie, che sono presenti in abbondanza, vivono nascoste, ma nella morte si palesano ai nostri occhi. Le strade della campagna ferrarese sono perennemente e tristemente cosparse di queste pellicce insanguinate. E facile intuire che il loro ultimo sguardo spaventato e incredulo è stato sui fari accesi di un animale ruggente di lamiera colorata. Quando capita di guardare una nutria il nostro sguardo vede un topo di enormi dimensioni. Come un topo lottatore di Sumo per intenderci. L altra differenza è nel pelo che appare molto più folto rispetto a quello dei topi. Le nostre categorie mentali provocano una reazione di disgusto istintivo per via di questa associazione nutria= topo. C è da chiedersi come nascono queste nostre reazioni, questo modo di vedere le cose, come si sedimentano nel nostro corredo istintivo. E mi chiedo come invece il nostro corredo istintivo, che ci fa ritrarre di fronte a questi animali e altri come gli innocui ragnetti zampelunghe, o gli scarafaggi, resti perfettamente impermeabile di fronte alle automobili che maneggiamo con una disinvoltura sfrontata e irritante. Il progresso dell uomo corre più veloce del corredo di paure che la natura ci insinua nel cuore per proteggerci. Mi basta vedere il vostro modo di guidare. Non parlo di casi limite, ma parlo delle abitudini

18 18 consolidate degli automobilisti in questo paese. Le macchine oltre i cento all ora incollate a due metri di distanza l una dall altra non sono un eccezione, sono la regola, come i sorpassi dettati dal bisogno di guadagnare venti secondi sulla durata complessiva del viaggio, o semplicemente dal bisogno di imporre la propria velocità di guida su quella degli altri. Provo sempre più orrore per gli esseri umani e sempre meno per le nutrie, i ragni, gli scarafaggi. La natura non è tenera come vorrebbero certe immagini mentali che vengono incardinate nelle teste degli uomini fin dalla più tenera età, attraverso favole o cartoni animati. Nella vita reale gli animali si aggrediscono, si sbranano, si accoppiano con la forza. Tra le cose più singolari che mi capita di osservare c è uno stupro tra papere, con un epilogo inatteso. Ho cosparso il terreno di briciole, come faccio spesso sul tratto di argine sotto casa mia, e subito sono accorse le papere selvatiche affamate. Un papero maschio, attanagliato da una fame diversa, ha adocchiato la sua preda femmina, la quale in realtà aveva deciso essere più appetibili i pezzi di pane che ho rovesciato per terra. Lui non si è dato per vinto e con una certa violenza, tra starnazzamenti vari e piume che volavano, è riuscito infine a posizionarsi sopra di lei. La cosa divertente è che mentre il maschio appaga la sua fame, lei imperturbabile o rassegnata, riesce ad appagare la sua allungando il collo

19 19 sui pezzi di pane a portata di becco. Non so se un essere umano riuscirebbe ad accoppiarsi mangiando contemporaneamente un panino. Abbiamo molti limiti. Le papere più grosse allontanano dal pasto con violenti colpi di becco le papere più esili che spesso sono le più giovani. Che dire. Ancora ritorna questa sensazione di sgradevolezza. Il bisogno umano di intervenire e difendere i più deboli. E un bisogno nobile e l ho sempre considerato tale. Oggi sospendo anche questo giudizio, perché troppe nefandezze ho visto compiere sotto l egida della difesa degli indifesi. Non credo nella solidarietà degli uomini. Credo solo in quella che saprò, se vorrò, esprimere io. Tutti ricorderanno Bambi, o il libro della Jungla. La natura sembra animata da compassionevoli e solidali sentimenti modellati sulla faccia migliore dell uomo, quella che meno ci rappresenta peraltro, in luogo dell avidità, l egoismo, la prevaricazione. Un immagine che non rappresenta noi stessi in modo veritiero l appiccichiamo alla natura dandole un immagine che non rappresenta neppure lei per convincere noi che siamo meglio di come siamo. Come Narciso che cerca di vedere la sua bellezza riflessa nell acqua e si rifugia in questa estatica autoadorazione che nasconde a se stesso il suo vero volto. * * *

20 20 Da questo punto di osservazione fluviale in un giorno preciso di settembre si intravedono in cielo le sagome dei baloons. Si tratta di un iniziativa turistica. Se gli organizzatori li avessero chiamati semplicemente palloni o mongolfiere, si sarebbero sentiti certamente più piccoli, più di quanto non appaiano visti dall alto del cielo dove appunto i baloons sono destinati. Un bel vocabolo anglosassone è quello che ci vuole per smuovere il culo della gente perché la gente così vuole per essere smossa: per poter dire ieri sono andato sul baloons non è come dire ieri sono andato sul pallone. Eppure sono palloni, o meglio mongolfiere dove il pubblico è invitato a salire per visitare la città da una visuale inconsueta. L effetto visto dal basso è singolare. Tutti questi palloni in cielo che sembrano uno stormo di astronavi aliene. Magari. Non sembrano minacciosi. Se scendessero dal cielo per liberarci da un nemici invisibile? Una specie di D day. Se fossero venuti dallo spazio per disintegrare quell eco-mostro che prende il nome di Darsena City? Darsena City (foto a lato) è un complesso edilizio orrendo che sorge vicino a dove abito sull argine del Po di Volano. Potevano chiamarla città sulla Darsena, ma l hanno battezzata Darsena City il che evidentemente basta a zittire tutti. Se c è una

21 21 speranza forse viene proprio dallo spazio. Ma dal cielo arrivano sono solo palloni. Innocui palloni gonfiati. Darsena City è un complesso immobiliare che comprende varie cose, un palazzo cilindrico somigliante ad un rotolone di Scottex, una multisala cinematografica dove lo spettatore può vedere un film in condizioni di massima comodità e non ultimo, se vuole, immerso fino al collo in un secchio di pop corn. Le pareti cementizie, prima ancora di essere terminate, cominciano ad essere ingentilite dai graffiti urbani che porteranno forse alla celebrità un giorno ignoti artisti metropolitani. Darsena city, parafrasando una nota battuta, un pregio ce l ha. Se ci andate dentro e da dentro vi affacciate ad una sua finestra godrete su Ferrara di una delle poche viste della città dalla quale non vedrete Darsena City. Ho letto tempo fa un brano, credo, di Stephen King dove faceva considerazioni che nulla centrano con le sue macabre fantasie narrative. L autore diceva di immaginarsi diverse persone davanti ad uno scenario panoramico lacustre e si chiedeva quale poteva essere il primo pensiero che balenava nella mente di ciascuno. Parafrasando il suo discorso, e immaginando che lo scenario sia quello fluviale che ogni mattina mi trovo davanti agli occhi, ecco più o meno quello che diceva: un geometra penserà per prima cosa alla larghezza del fiume, il giurista penserà alla proprietà degli argini e ai diritti di sfruttamento, il geologo penserà

22 22 al letto del fiume e a come si sarà formato nel corso dei secoli dei millenni, lo storico penserà a quali avvenimenti di rilevo lo hanno lambito, il biologo alle forme di vita che ci abitano, il militare a come guadarlo con un ponte di barche. Io aggiungo che magari un architetto penserà a come deturparlo costruendoci sopra un complesso edilizio, al quale potrebbe dare il nome, chessò, di Darsena City. C è da chiedersi se questi mestieri che ho nominato e altri ci appartengono davvero o se siamo noi, piuttosto, che apparteniamo a loro. Lo dico perché gli schemi mentali si sedimentano e il nostro pensiero nasce già preformato. Non ci accorgiamo a volte che il pensiero acquisisce dei riflessi condizionati che escludono una moltitudine di visuali alternative. La visuale unica non è solo vista, ma si traduce poi in realtà. Diventa l artefice che plasma il paesaggio, perché guida la mano degli ingegneri, dei geometri, dei legali, dei politici. Di tutta la moltitudine di demiurghi che direttamente o indirettamente danno un volto all habitat umano. Per un periodo della mia vita ho lavorato in uno studio legale. Quella vita è un capitolo chiuso da anni. La mia mente dopo tanti anni è cambiata. Se guardo l argine il primo pensiero non è più, come allora, alle questioni giuridiche, anche interessanti, che lo possono riguardare, dal diritto della navigazione, alla proprietà demaniale, eccetera. Mi sono disintossicato, ma ho anche perduto la mia

23 23 identità, faticosamente costruita in anni di studio. Così mi sento un po senza cittadinanza, un po come clandestino senza documenti, che non saprebbe esibire, se richiesto, una precisa identità. Potrei essere chiunque o nessuno. Essere qualcuno, per molti, è tutto nella vita. Essere nessuno oggi non è una bella presentazione, certo, ma a me piace pensare che Ulisse nella caverna del ciclope abbia saputo trarne vantaggio. La mia visuale non è più nitida di prima, non intendevo questo, anzi forse è più confusa. Magari davanti all acqua che scorre penso altre cose, tipo, cosa si nasconde sul fondo. Quante notizie e reperti straordinari sono coperti dal manto torbido del fiume. Se vedo gli anziani coltivare rettangolini di terra demaniale sull argine non penso più se hanno il diritto di farlo, o se dopo tanti anni abbiano acquistato la proprietà della terra. Me ne frega poco. Penso piuttosto se è la terra che appartiene a noi o noi che apparteniamo a lei o cose del genere. Penso che sono gli ultimi rimasti a sapere come si coltiva un orto. Fra due generazioni nessuno saprà farlo. Ma esisterà un software infallibile che lo farà per noi. Si dirà, bella roba, sono pensieri che portano in nessun posto. Certo. Ma mi chiedo se non è proprio là che dobbiamo andare. In nessun posto. * * *

24 24 L acqua del Po di Volano è così ferma che non lascia proprio pensare che arriverà al mare. Ci provano le papere a smuovere qualcosa, a sospingere l acqua nella giusta direzione. Ma il fiume anche così stagnante ha un certo fascino. Quando guardo l acqua dalla finestra mi piace immaginare di essere su una barca che solca le acque di questo piccolo mare morto della mia fantasia. Risalgo il fiume come Marlow, il protagonista di Cuore di Tenebra, sprofondando sempre più nei silenzi che circondano questa nostra vita inutilmente rumorosa. Proseguendo il mio viaggio immaginario lungo il fiume esco dalla città, attraverso quelle campagne senza fine che ci separano dal mare, e al calare della sera mi avvolge la nebbia. La nebbia e la pianura sembrano fatte l una per l altra. Mortificano il desiderio umano di forme: l una delude il desiderio di forme montuose, l altra delude anche il desiderio surrogato di forme nuvolose. Procedendo da Ferrara in direzione mare si entra in una terra denominata bassa ferrarese, forse per distinguersi dal cosiddetto alto ferrarese

25 25 che svetta di qualche centimetro orgogliosamente rivendicato. Nella bassa ferrarese sembra che il padre eterno abbia spianato questa terra col mattarello che nel nostro dialetto si dice sgniadur (ma non sono sicuro si scriva così) e l uomo abbia poi ritagliato questa sfoglia di terra in immensi ravioloni rettangolari ricchi di coltivazioni. Non è raro vedere in mezzo ai campi come sospesi nel tempo e nello spazio gli aironi fermi su una zampa sola che scrutano l orizzonte, così basso che non hanno neppure bisogno di alzarsi in volo per dominarlo. Difficilmente il viaggio ci permette di conoscere davvero i posti che attraversiamo, le persone. Magari cogliamo la diversità nelle persone che incontriamo, o sfioriamo soltanto. Ci portiamo dietro la nostra diversità a volte con orgoglio e ostentazione, per il fascino naturale che avvolge lo straniero, a volte meno, a volte ci si deve vergognare della propria appartenenza, a seconda dei tempi e delle contingenze. Dipende. Sembra che gli italiani all estero si facciano riconoscere subito, o comunque, a me è capitato di farmi riconoscere subito. Avevo undici anni a Londra in vacanza quando una ragazzina inglese mi ha offerto delle caramelle nella Hall di un albergo. Una mossa ardita che dalle mie parti era inconcepibile. Non parlavo una parola di inglese. Italiano! Ha detto lei.

26 26 Se avessi saputo parlare un po di inglese le avrei spiegato che da noi si studiava inglese solo due ore alla settimana e per giunta tutto lo studio era imparare a memoria dei dialoghi dove c era sempre una ragazzina di nome Mary che chiedeva dov era la fermata del bus perché questo dovevano chiedere le ragazzine inglesi, non offrire caramelle ad uno straniero sconosciuto catatonico. Per uscire dall empasse del mio silenzio lei mi ha lasciato in mano tutto il pacchetto di caramelle. Erano delle polo, quelle di menta a forma di ciambella col buco in mezzo. Mi sono messo una polo in un occhio in modo da guardarla attraverso il buco. Spero che abbia pensato che ero deficiente prima che ignorante. La cosa mi farebbe sentire meglio. Sinceramente non ricordo di avere pensato a lei come una persone diversa, un po come capita ai bambini che familiarizzano subito anche tra stranieri e senza bisogno di conoscere le rispettive lingue. Lei apparteneva ad un paese distante dal mio, aveva sicuramente diverse abitudini, diversi costumi, caratteri somatici differenti, ma l unica differenza veramente importante che coglievo era quella suggerita a gran voce dai miei ormoni che si agitavano nella mia testa come le scimmie urlatrici. The little difference per stare alla famosa battuta pronunciata da Churchill in una seduta parlamentare, ove si minimizzava ironicamente quella piccola la differenza tra uomini e donne. Quella che muove il mondo.

27 27 La scienza delle differenza appartiene all età adulta. L ansia classificatoria ci assilla. Ricordo di aver letto tempo fa un articolo (apparso su Micromega del 2007 numero 2) che parlava di come muta la classificazione delle razze umane da luogo a luogo. Nel Regno Unito un uomo appartiene a razze diverse se proviene dal Pakistan, dall India o dal Bangladesh. Sempre nel Regno Unito un cubano di pelle nera e un giamaicano di pelle nera, fanno parte della stessa razza afrocaraibica, ma negli Stati Uniti no, il primo è classificato come ispanico e il secondo come afrocaraibico. A volte c è troppa attenzione per le differenza. Consiglio ai fanatici delle differenze un po più di attenzione per quella little difference che muove il mondo e appaga e rilassa i nostri sensi terreni. L autore dell articolo fa notare giustamente che sulle razze non ci siamo mai messi d accordo. Ogni cultura ha i suoi punti di vista. In Costa Rica per esempio vive l antica popolazione dei Bibri. Secondo i Bibri gli esseri umani si dividono in due categorie molto nette: i Bibri e i Na. Bibri nella loro lingua significa uomini, Na significa cacca. Questa classificazione, nota l autore, denota un certo egocentrismo, ma non sarebbe più arbitraria di quella adottata dalle società più evolute. Insomma questa è la sua opinione, comunque interessante. Io penso che le classificazioni a volte ci facciano dimenticare che la natura produce

28 28 diversità talmente complesse che ogni demarcazione è solo arbitraria. Può essere utile a certi scopi e non ad altri. Ho l impressione che le diversità siano colmate a ben vedere negli spazi intermedi da un enormità di sfumature che danno una visione d insieme di infinità continuità. Vale quando vogliamo dividere le razze umane, vale anche quando vogliamo stabilire il confine esatto tra la vita umana e quello che c è prima o c è dopo. Mi piace viaggiare con la mente, seguendo il lento flusso di pensieri e ricordi che scorrono come queste acque uscite dal ramo principale del Po per attraversare la mia città e tanti piccoli paesi fino all abbraccio del mare. Il mare che apre la strada verso tutte le direzioni. Oppure risalire nella direzione contraria verso le sorgenti e poi i ghiacciai fino all abbraccio delle nuvole che aprono la strada verso tutte le direzioni. Se viaggio in macchina mi piace viaggiare in modo lento evitando le autostrade. Le autostrade mi danno un senso di isolamento dalla realtà, di angoscia. E come attraversare una zona grigia indistinta che va da un prima a un dopo, da un qui ad un là, cancellando quello che c è in mezzo. In autostrada lo sguardo corre solo in una direzione, come se avesse il paraocchi. Guardare avanti. Al massimo guardare indietro ogni tanto verso quell immancabile coglione che viaggia attaccato al culo della mia macchina, così vicino che potrei vedergli la carie dei denti.

29 29 A differenza delle autostrade le strade normali ci insegnano come sono fatte le case, i confini dei campi, come si trasforma la vegetazione, il paesaggio. E ti permette di portarti dietro un senso di continuità delle cose, attenuando il senso di distanza che la tua appartenenza ad un altro luogo porta con sé. * * * Di fronte alla Darsena ferrarese su Po di Volano l acqua del fiume è sempre più bassa. Affiorano piccoli isolotti di fango qua e là. Vari uccelli hanno preso possesso di queste strisce di terra emerse dal fiume. Qui gli uccelli trovano insetti, vermi, cose prelibate insomma per buongustai. I ragazzini che si allenano con le canoe, incitati dagli istruttori, passano radenti ai bassi fondali, tenendosi lontani dalle sabbie emerse. I remi inciampano a volte nella vegetazione galleggiante. Il livello del fiume è regolato da chiuse. Una è sul corso principale del Po nel punto in cui da questo si dirama il Volano. L emersione di isolotti è oggetto di discussione e non entro nel merito delle sue possibili cause. Annoto solo un fatto singolare. Si è parlato della necessità di una bonifica dei fondali, attraverso l asportazione della fanghiglia che si è sedimentata. Sono stati esaminati dei campioni di terra del fondale e sono risultati talmente intrisi di schifezze che il progetto si è arenato subito e la parola arenato è

30 30 quanto mai pertinente. C era insomma il problema di dove collocare in superficie la sabbia da asportare, qualificata come rifiuto pericoloso! Meglio tenerlo sottacqua, o sotto olio, visto che nessuno sa definire bene la composizione di questo liquido che scorre tra gli argini. Scaricare in acqua è un grosso affare, poi la corrente porta via tutto, colpe, col-pevoli, e qualcuno forse rimedierà, ma anche no. Immediatamente dopo il recente terremoto del maggio 2012 c è stata un impressionante moria di pesci (foto sotto). Una processione interminabile di carcasse. Qualcuno ha ipotizzato che le scosse abbiano aperto nel sottosuolo delle crepe liberando sostanze inquinanti imprigionate sotto il fondale del fiume. Nonostante questo c è ancora molta vita in queste acque: gabbiani, anatre, nutrie, pesci, gamberi di acqua dolce. Pipistrelli in gran quantità che d estate divorano quantità industriali di zanzare. I pipistrelli sono preziosissimi. Da bambino mi avevano messo la paura che si attaccassero ai capelli. Oggi se un pipistrello riuscisse ad attaccarsi ai miei capelli sarebbe un miracolo. Non so se mi spiego. Ma fa lo stesso. Eppure se avessi dei capelli oggi dove c erano un tempo, prima ancora che temere i pipistrelli, mi sentirei

31 31 ridicolo per il fatto di averli. Vivo nella città famosa per tante cose e fra queste, anche per aver trapiantato a Silvio Berlusconi i capelli, l organo più importante per la sua carriera politica. Siamo strani animali noi, altro che i pipistrelli. Lasciando da parte l unica specie animale che si vanta di non esserlo vi racconto che su queste acque c è un universo di specie che si perpetua in modo commovente, aggrappato a se stesso, contro le avversità provocate dall uomo. E incredibile quanto sia attaccata alla vita, la vita. Poco tempo fa guardando dalla mia finestra sono riuscito a vedere addirittura un airone, immobile, maestoso, piantato in mezzo al fiume in quei pochi centimetri d acqua. Un airone in piena città. Deve essersi perso, chissà. Piuttosto che atterrare nel traffico di via Bologna, o nel parcheggio Kennedy, o a Darsena City, posso capirlo. L airone è un animale bellissimo, si vede spesso nelle campagne del ferrarese, ma in città è una vera sorpresa. Lo scrittore Giorgio Bassani, profondamente legato a questa città, ha scritto un racconto dal titolo L airone ambientato in questa terra. Il protagonista è un cacciatore ferrarese, pervaso da una miseria interiore che trascolora sempre più in angoscia. Forse, cercando di

32 32 fuggire da una crisi che lo logora dentro, esce dalla città per avventurarsi in una battuta di caccia, che sfocerà in una carneficina insensata di anatre, germani, e infine anche un airone, buono solo da imbalsamare. Come si può, cosa ci vuole, ad uccidere un airone, cos bello, così grande, con le sue movenze lente e maestose? L agonia dell airone è descritta con sembianze ed atteggiamenti umani, e il protagonista nelle ore successive rivede la scena di caccia e comincia a provare un agonia interiore ch lo immedesima sempre più nell airone morente. I cacciatori sono protetti dalle leggi del nostro paese. Il cacciatore armato può entrare anche nel campo di proprietà altrui, quello che il comune cittadino non può violare. La proprietà privata è protetta dalla costituzione e questo significa che è interesse della collettività difenderla, ma evidentemente se la caccia può calpestare la proprietà per legge vuol dire che per la legge italiana chi spara ad un volatile lo fa nell interesse del paese. Un interesse che sta più in alto della proprietà, se la logica non è un opinione. Un interesse che forse vola in cielo, tanto sta in alto. Se la costituzione è lo scheletro di un paese l Italia è diventato un paese invertebrato. Sarà l evoluzione della specie, chissà. Nessun governo di destra, sinistra o centro ha mai osato contrastare gli interessi della caccia e del mercato che gli sta dietro, non ha mai osato neppure regolarla in modo da

33 33 impedirla quando è praticata come sport, senza essere legata a necessità alimentari o altre necessità specifiche da individuare. Nel nostro paese se uno è contrario alla caccia, anche solo come sport, non può impedirla neppure in casa sua. * * * La notte di capodanno, da questo singolare punto d osservazione, è possibile vedere riflessi nell acqua i fuochi d artificio che si levano alti nel cielo dal castello estense. I lampi di quel delirio collettivo che durano pochi istanti, giusto il tempo che impiegano a spegnersi le aspettative patetiche e i buoni propositi per l anno che viene. Questo spettacolo si ripete ogni anno, ed è impossibile sfuggire a questi piccoli inganni che allietano comunque la nostra vita. Ma neppure questo spettacolo all apparenza così innocente è indolore per il mondo fluviale che ho sotto gli occhi. I botti di capodanno terrorizzano gli animali che vivono nelle città. Chi ha degli animali in casa sa già di cosa parlo. Se qualcuno avesse un'idea del terrore che i botti generano nelle bestiole che allietano la nostra vita tutti i giorni avrebbe orrore. C'è un popolo immenso di bestiole che vive nelle città, e si rintana nei pertugi più nascosti, col pelo dritto. Il Dio che muove i terremoti cerca di darci un'idea di cosa significhi, ma noi umani non siamo abbastanza intelligenti da paragonare il nostro terrore a

34 34 quello che possiamo risparmiare agli altri. Su quanto siano intelligenti queste bestiole, secondo parametri inconsueti al giudizio umano, cito un episodio tratto da un vero capolavoro delle novelle grafiche, "La guerra di Alan" di Emmanuel Guibert. La storia raccontata è fedele al racconto di un superstite della seconda guerra mondiale. La truppa di soldati americani incontra per strada un cane, che si lega al gruppo. Un soldato di origine polacca, bestemmiando in polacco, casualmente scopre che il cane comprende le bestemmie polacche. Il cane era un cane polacco e capiva il polacco, mentre era indifferente alle altre lingue. Forse i polacchi sono ottimi addestratori di cani o accaniti bestemmiatori, ma certo i cani sono animali straordinari. Quando mi troverete un uomo in grado di distinguere dall'abbaiata la razza del cane ne riparleremo. Invece sappiamo solo bombardare questi poveri animali anche in tempo di pace, la notte di capodanno, ripieni di ebete e grassa soddisfazione. Siamo portatori di terrore nel mondo naturale che ci ospita e per questo siamo soli. Anche perchè non sappiamo comunicare con loro. Nel libro Congo Micheal Chricton riporta la suggestiva considerazione che l'uomo è un animale che rinuncia a capire il linguaggio degli altri animali, e pretende di insegnare a loro il suo. Ci sono invece animali che mostrano un interesse spontaneo verso il nostro linguaggio e cercano di comprenderlo anche se non possono parlarlo. In parte sarà perché dipendono da noi, ma è una qualità affascinante comunque.

35 35 Viaggiando col pensiero nei ricordi di cose lette, mi viene in mente il caso del noto etologo Conrad Lorenz, che ha cercato attraverso un attenta e capillare, oltre che paziente, opera di osservazione, di comprendere il linguaggio degli animali che aveva attorno. Descrive nel suo libro L anello di re Salomone l importanza di questa opera di osservazione, di come costringa l osservatore ad adattarsi ai ritmi di vita lenti di questi animali, e di quanto sia difficile per l osservatore conciliare questo con i ritmi frenetici che abbiamo impresso alle nostre vite. Osservare un oca nel corso della sua giornata significa adattarsi al suo ritmo di vita. Un oca per intenderci passa gran parte della sua giornata a digerire e senza complessi di colpa, cosa di cui non sarei certo capace. Conrad Lorez (ritratto nella foto) spiega il titolo del suo libro riportando la leggenda di re Salomone il quale possedeva un anello che gli permetteva di comunicare con gli animali. Salomone si sarebbe poi liberato dell anello gettandolo via in un attacco di rabbia, per aver saputo di essere stato tradito da una delle sue 999 mogli. A parte l ingenuità, tipicamente maschile, di essere del tutto sicuro della fedeltà delle altre 998, viene in gioco la stupidità umana di gettare via, disprezzandolo, un valore preziosissimo, quello che ci può tenere in

36 36 comunicazione col mondo di cui facciamo parte. Quando vedo le anatre che nuotano in fila indiana, con una disciplina incantevole, che nasce da un linguaggio privo di parole mi immagino Conrad Lorenz che si aggira sulle rive del Danubio, come racconta nel libro, pascolando le sue oche. Quando vedo queste acque intrise di liquami e vita in un intreccio difficile da spiegare, mi viene in mente per contrasto l immagine delle acque del Danubio, che nei ricordi del mio recente viaggio a Vienna, era così pulito da essere addirittura dichiarato balneabile. Segno di una cultura di rispetto per l ambiente e una sensibilità che ancora al nostro paese non appartiene. * * * In via del Mulinetto, la strada che costeggia il Po di Volano a Ferrara, è possibile incontrare sull argine in mezzo ai rovi una bellissima gatta bianca (quella della foto), proprio vicino al ponte di via Bologna. E una gatta addomesticata, e si lascia accarezzare volentieri dai passanti, ma conserva anche una natura selvatica che la spinge ad esplorare questo universo animale e vegetale che corre

37 37 lungo il fiume. Deve avere imparato a conoscere anche gli uomini, al punto da sapersi avvicinare alle mani affettuose dei passanti, e al tempo stesso sapere evitare le automobili che in via Mulinetto sfrecciano con folli accelerazioni come dei caccia al decollo, quando intravedono quel rettilineo sgombro, subito dopo essere uscite dal traffico di via Bologna. La gatta attraversa di continuo quella strada, rischiando la vita, perché l argine è il suo mondo. In questi giorni l ho vista talmente ingrossata da farmi venire il dubbio che sia incinta. Il tempo ci dirà se è vero. Sull argine c è una certa varietà di specie animali e la vita deve essere impegnativa, e forse per questo affascinante, per un gatto. Per una gatta madre che deve difendere i suoi piccoli ancora di più, ma la natura ha dotato la maternità in questi animali di virtù insospettabili. Ricordo il racconto di Conrad Lorenz di un episodio esilarante accaduto nel parco di Yellowstone: una gatta madre, intenzionata a difendere i piccoli che stava allattando, era riuscita a mettere in fuga addirittura un orso, addirittura inseguendolo fino a che questo, terrorizzato, si era rifugiato su un albero. Un episodio che anche per il luogo dove è avvenuto pare degno delle avventure del mitico orso Yoghi che la mia generazione ricorda. Proseguendo lungo via Mulinetto si raggiunge il ponte detto della pace. Sul lato del ponte che si affaccia verso il complesso denominato Darsena City si vede un tubo sospeso sull acqua

38 38 che attraversa tutto il fiume da un argine all altro. Su questo tubo mi è capitato un giorno di vedere appollaiati due gatti che si erano spinti fino al punto da trovarsi sospesi proprio nel mezzo del fiume. Ho pensato che fosse un luogo veramente singolare per un appuntamento. A parte il pericolo di scivolare e precipitare in acqua, che non sembrava turbare minimamente i due felini acrobati, c era un altro particolare che non mi quadrava e rendeva ancora più singolare la scena. In un primo momento non l avevo colta, ma poi l ho messa a fuoco. Erano appollaiati con le code che si toccavano e il gatto di destra aveva la testa rivolta verso l argine di destra, l altro verso quello di sinistra. Un vero rompicapo. Ho escluso che avessero raggiunto quella posizione camminando in retromarcia partendo uno da un argine l altro da quello opposto. Il rasoio di Occam è quel principio che insegna a diffidare fra più teorie di quella più complicata perché è quella che ha meno possibilità di essere vera, quindi meglio cercare spiegazioni più semplici. Per esempio che fossero saliti da parti opposte camminando frontalmente. Ma in questo caso uno dei due avrebbe dovuto scavalcare l altro, cosa impossibile vista la larghezza del tubo.

39 39 L unica spiegazione possibile era che i due erano entrati dallo stesso lato e uno era riuscito a fare inversione, girandosi dalla parte opposta. Forse contrariato dal compagno per qualche ragione. Comunque un impresa straordinaria, da circo, per un pubblico non pagante, che era costituito solo da me e mia moglie. Siamo rimasti a guardare immobili sul parapetto del ponte. Era come trovarsi di fronte all affresco di un grande artista dove avevamo individuato però con una certa soddisfazione una piccola incongruenza nella razionalità dell immagine d insieme, o forse un trucco voluto dall autore per mettere alla prova la nostra attenzione. * * *

40 40 L acqua del fiume oggi scorre più veloce. In certi giorni è quasi ferma, altre volte, come oggi, la corrente fluisce veloce. Le chiuse, a monte e a valle (per modo di dire perché monte e valle sono pure chimere su questa pianura), regolano il flusso come un rubinetto del lavandino, o del bidè per stare ad una metafora più calzante. Queste acque un tempo erano un importante via di comunicazione per gli uomini e le merci trasportate sulle barche. E triste notare che da vie di comunicazione sono diventate vie di smaltimento dei rifiuti. Un tempo Ferrara era un centro importantissimo per le vie di comunicazione fluviali. Poco tempo fa in via Porta Reno sulla parete interna del portico che fa angolo con la centralissima piazza Trento e Trieste è apparsa la scritta di un graffitaro, singolare per contenuto: diceva più o meno questo Ferrara cinquecento anni fa era New York. La scritta è stata cancellata, eppure, a parte l esagerazione, aveva un fondo di verità. Da quando vivo qui le uniche imbarcazioni che vedo passare sono i motoscafi che occasionalmente d estate partono per escursioni verso il mare. Non ho visto passare chiatte o

41 41 altre imbarcazioni indu-striali da quando vivo sulla darsena. Eppure ho avuto la fortuna di raccogliere la testimonianza di chi ha lavorato sulle imbarcazioni che solcavano queste acque in tempi non molto recenti e mi parlano di uno scenario diverso, di un traffico fluviale molto intenso. Oggi sembra che invece tutto corra via terra o via cielo. L acqua che sembra un elemento così duttile e malleabile per le necessità umane è invece il più irriducibile per le pressanti necessità dei trasporti commerciali. Bisogna venire a patti con i suoi ritmi, perché più di tanto sulle sue strade non si può correre. La terra offre la massima resistenza utile a lanciare la corsa, l aria offre la minima resistenza per conservare la velocità di corsa, l acqua offre quella media resistenza che frena la corsa dei natanti. Eppure, se non avessimo la necessità di imporre queste accelerazioni alla nostra vita, se avessimo la volontà di lasciarci trasportare dal lento ritmo della natura alla quale apparteniamo, l acqua del fiume ci regalerebbe il movimento senza chiederci il minimo sforzo, come la terra e l aria non potrebbero fare. Ma nei prossimi giorni è atteso il grande freddo e l acqua del Volano forse da fluida diventerà immobile e solida. Se il Volano ghiaccerà, cosa difficil-mente prevedibile dato che il liquame fluente non è ancora identificato quanto a temperatura di congelamento, se il Volano ghiaccerà che

42 42 farò? Aspetterò il disgelo, che passi, il grande freddo naturalmente. Cos altro? * * * Osservo l acqua del fiume che scorre, la luce che cambia con le stagioni e le ore del giorno. Queste acque mi ispirano un senso di pace. E stupefacente immaginare quanto dovevano essere trafficate invece qualche secolo fa queste acque, oggi degnate di attenzione solo da chi mira a disfarsi di liquami e rifiuti, da disperdere nell anonimato assolutorio del mare. Questo corso d acqua era l equivalente di un autostrada. Ci sono testimonianze che raccontano di viaggi fluviali compiuti da interi eserciti, imperatori, dogi, vescovi. In effetti era una via di comunicazione perfetta. Era possibile da Ravenna raggiungere Ferrara attraverso la deviazione artificiale che aveva collegato il Po al fiume Reno, e da qui lungo il corso principale del Po arrivare fino a Milano risalendo il Lambro. Il Po era al centro di una rete autostradale fluviale, composta dal corso principale del fiume, gli affluenti e collegamenti artificiali con altri corsi d acqua. Dal Po era anche possibile raggiungere Venezia. Leggo, e annoto qui, che il vescovo di Cremona Liutprando nell anno 969

43 43 in tre giorni di navigazione da Pavia raggiunse Venezia senza mai uscire dal tracciato dei fiumi che permettevano di collegare queste città. Era il corso dei fiumi che ogni tanto invece usciva dal suo tracciato, come la storia del Po ci racconta, con immani devastazioni del territorio. Oggi il Po non è più un cavallo imbizzarrito, è un cavallo domato, imbrigliato, o un asino bastonato che cammina tristemente col suo passo stanco e uniforme, gravato dal fardello delle scorie infette della civiltà, destinate ad ammorbare il mare adriatico. Quando nell antichità l economia era meno globale di oggi ogni individuo operava in una dimensione di spazio più ristretta dove poteva avere l esatta percezione del suo impatto ambientale, perché gli effetti dei suoi comportamenti gli ritornavano addosso immediatamente. E i comportamenti umani non potevano ignorare questo fatto, regolandosi di conseguenza. Per intenderci se uno inquinava l acqua che poi doveva bere, o il campo dove coltivava i prodotti che poi doveva mangiare, coglieva immediatamente l assurdità della sua condotta. L economia globale, che oggi imprime un nuovo corso alla nostra vita, ha rimpicciolito le dimensioni del mondo grazie alla rapidità dei contatti fra paesi lontani, e alla possibilità di operare in una dimensione sovranazionale, ma non ci ha ancora trasmesso l idea di un mondo

44 44 così piccolo che se inquino in un altro continente è anche un problema mio. L idea perversa è che, dopotutto, quello che accade lontano da casa nostra non è comunque il primo e più urgente dei problemi, secondo la nostra scala di valori. Ma la nostra scala di valori è abbastanza traballante e purtroppo noi ci siamo sopra. Il nostro problema forse non è l economia globale, è piuttosto non avere ancora capito in pieno cos è l economia. Economia significa amministrazione della casa come dice l etimologia greca della parola oikos, dobbiamo quindi capire che ovunque sporchiamo, per quanto ci sembri lontano, sporchiamo in casa nostra. Ma il concetto pare difficile da afferrare, se così vanno le cose. Una legge del 1976 imponeva a tutte le città italiane di avere un depuratore. Dopo vent anni la città di Milano, la locomotiva produttiva d Italia, e conseguentemente la più produttiva di sostanze inquinanti, non aveva ancora un depuratore. Milano ha riversato impunemente in modo incessante per questi anni gli escrementi della sua euforia produttiva, prima nel Lambro e poi, naturalmente nel Po, a beneficio di tutte le città poste nel suo tragitto, e buon ultimo del mare adriatico, che una volta per gli antichi romani era mare nostrum, e ora sembra sempre più un mare di altri, qualcosa che non ci appartiene. E ancora non si può scordare che nel 2010 il fiume Lambro è stato colpito da un disastro

45 45 ecologico di estrema gravità, causato dall'immissione dolosa di una ingente quantità di idrocarburi, esondata persino dalle vasche dei depuratori incapaci di contenerlo. Il Lambro, già noto per le sue pesanti forme di inquinamento, tali da annoverarlo tra i corsi d'acqua più inquinati d'europa, ha riversato nel Po questa marea nera portatrice di morte per tante specie animali e vegetali. Se è vero che i rifiuti parlano molto di noi, e non solo per come ce ne liberiamo, l analisi delle acque del depuratore di Milano in tempi recenti ha rivelato altri risultati davvero stupefacenti, nel vero senso della parola. Sono state trovate tracce di cocaina, eroina e cannabis molto superiori alle stime sul consumo di stupefacenti. Pare che i residui di queste sostanze nelle acque di scarico misurino l effettivo consumo di droghe da parte della popolazione. Insomma a Milano pare ci sia una certa euforia e non solo produttiva. E la regalano anche al fiume, perché sono generosi di natura. Speriamo che questa allegria portata dal fiume possa regalare un po di euforia anche alle sfortunate creature acquatiche che osservo ogni giorno lungo questo corso d acqua dimenarsi nella dura lotta per la sopravvivenza. * * *

46 46 Il fondale del Po di Volano, nel tratto cittadino, deve essere tempestato da una moltitudine di oggetti che gli uomini hanno voluto seppellire sotto il manto del fiume. Nel corso del tempo gli oggetti incapaci di galleggiare sono sfuggiti alla corrente e si sono posati sul fondo punteggiando nell insieme una caotica mescolanza di epoche diverse, una rappresentazione del tempo non lineare che sembra l antitesi di quella che il flusso del fiume, come quello del tempo, suggerisce ai nostri sensi. Per dirla in modo grandioso con le parole letterali di Victor Hugo, tratte dal romanzo I miserabili nel punto dove parla dei ritrovamenti fatti nelle fogne di Parigi, la mente crede di scorgere, vagolante attraverso l ombra, in quella sozzura che è stato splendore, quell enorme talpa cieca che è il passato. L autore poi elenca da perfetto documentarista alcuni oggetti ritrovati nelle fogne di Parigi: lo scheletro di orangutan, una moneta ugonotta di rame che portava da un lato l immagine di un porco con in capo un cappello da cardinale e dall altro un lupo con la tiara in testa, e un brandello del lenzuolo funebre di Marat. Naturalmente se mi si passa l irriverente, non so per chi, paragone tra il Po di Volano e le fogne di Parigi. Immagino che gli oggetti depositati sul fondo del fiume siano presenti in quantità particolarmente nutrite in prossimità dei

47 47 ponti. I ponti sono ideali trampolini di lancio per chiunque voglia disfarsi di qualunque cosa, senza molti scrupoli per il paesaggio sottofluviale, che anche se non si vede, cosa incredibile a dirsi, c è. Ricordo che molti anni fa, quando ero ragazzo, fu prosciugato il fossato del castello, per ricambiare l acqua. Ricordo la curiosità per il fossato del castello senz acqua, visione del tutto singolare e irripetibile, e ricordo la sorpresa quando si è scoperto che tra la moltitudine di oggetti i più ricorrenti erano le biciclette. C era una selva di biciclette, forse rubate, forse scaricate da chi voleva disfarsene per le più svariate ragioni, chissà. Nella mia vita in questa città mi hanno rubato più di una decina di biciclette. C è un mercato di cicli rubati fiorente e i prodotti di scarto di questa industria del rubato vengono buttati nell acqua che permette di far scomparire i corpi del reato ritenuti non riciclabili. Dalle mie parti la bicicletta è uno strumento indispensabile, una compagna di vita, come nel far west era il cavallo, così per lanciare un altro paragone azzardato ma suggestivo. Anche i miei umori verso i farabutti che mi hanno derubato sono all altezza dei furti di cavallo nel far west, ed esigono un immediata impiccagione del colpevole dopo processo sommario. Giustizia sommaria fra la via Emilia e il west per dirla con un espressione di Francesco Guccini. Essere derubato, e tante volte, e nonostante ogni tipo di precauzione adottata, mi ha esasperato e, devo dire, mi ha scrollato di dosso con estrema facilità

48 48 tonnellate di civilissime nozioni di buonismo garantista, apprese nei miei studi giuridici. Sono stato un pessimo studente e questo è il monito che lancio al primo che ci riproverà ancora. Comunque è certo che sott acqua riposano, pace all anima loro, molti reati. L acqua lava e prescrive le colpe umane, nel paese dove la giustizia è nota nel mondo per negare se stessa, scorrendo a rilento come questo fiume, rallentato ad arte dall opera dell uomo. In ogni modo, a parte le biciclette, ci devono essere tanti oggetti in prossimità dei due ponti dai quali osservo il fiume che, qualunque cosa abbiate perduto nella vita, avete buone probabilità di ritrovarla lì sotto, e se non proprio quella, almeno una simile. Ricordo che nell Orlando furioso Astolfo si reca sulla luna, perché la luna custodisce tutto quello che sulla terra è andato perduto dall uomo, e quindi anche il senno perduto di Orlando. Così mi viene l idea che il fiume custodisca tutto quello che è stato perduto sulla terra e forse, anche il senno perduto degli uomini. * * * Quando ho visitato per la prima volta l appartamento dove ora vivo sono rimasto folgorato dalla vista della camera da letto che si affacciava sull acqua del Po di Volano. Ho deciso all istante che avrei voluto comprare quell abitazione, anche a costo di farmi

49 49 strangolare per qualche annetto dal mutuo scorsoio della mia banca, che poi non si è fatta pregare. Si diceva a quei tempi che tutti i palazzi della zona sarebbero stati valorizzati da un progetto riguardante il Po di Volano destinato ad accogliere servizi, lavori per la manutenzione degli argini, spazi per lo svago, turismo, insomma destinato a diventare un polo di interesse per la città. Le cose sono andate diversamente. E sorto il centro commerciale Darsena city sul Volano, con una multisala cinematografica, ma tutti i negozi del centro commerciale sono uno dopo l altro hanno chiuso l attività. Il centro non è mai decollato, la galleria è un passeggio deserto tra negozi chiusi. Sul retro del complesso è stata fatta una specie di gradinata che scende verso il Volano, dove ipotetici innamorati avrebbero forse dovuto sedersi ad ammirare il tramonto riflesso sull acqua. Di certo ad aver visitato questo luogo sono solo i graffitari che hanno decorato il dubbio gusto di questa colata di cemento col dubbio gusto della loro vernice. Poco male, ma passando in quel posto rimane una sensazione da periferia urbana degradata. E poi naturalmente c è il fiume che l opera dell uomo contribuisce a trasformare ogni giorno che passa in una fogna. Ci sono anche uomini che naturalmente si lamentano di questo stato delle cose. Le rimostranze più convinte sullo stato del fiume,

50 50 e che recentemente hanno trovato anche spazio sui quotidiani locali, sono quelle dei proprietari dei motoscafi ormeggiati nella Darsena. I liquami, i bassi fondali e gli odori malsani scoraggiano i gitanti. I proprietari delle barche, che pagano l affitto dello spazio che occupano, vorrebbero acque più pulite. Chiedono acqua pulita per la nafta dei loro motoscafi. I cattivi odori a volte ci sono, soprattutto d estate, ma ci sono quando tranci di siluro galleggianti rimangono arenati sotto il sole cocente e imputridiscono. Succede però e non per colpa dei siluri, che vi assicuro non amano abbronzarsi al sole, succede per colpa di quei bipedi terrestri che li hanno ridotti così. I pesci che muoiono per colpa dell uomo marciscono e generano cattivi odori, forse per un imperdonabile svista della natura che non è perfetta. A parte questi fenomeni, l aria è più salubre di quella di via Bologna, infestata dagli scarichi delle macchine. La corrente del fiume è lenta quasi sfiatata, è vero, lo vediamo tutti. Ma non è un problema solo del Po di Volano. Leggo su un sito ministeriale che alla foce del ramo principale del Po la spinta del fiume si è ridotta al punto che l acqua salata del mare è risalita fino a venti chilometri lungo il corso del fiume, sconvolgendo la fauna fluviale. Se la risalita del mare procede di questo passo apriamo sulla darsena l ottavo lido

51 51 ferrarese e il turismo è salvo. Battuta a parte ho letto da poco uno scritto che documenta la colpa di questo fenomeno di risalita del mare nel fiume, e la attribuisce sempre a quell animale bipede terrestre che strizza e munge questo fiume fino allo sfinimento prelevandone le acque per tutto il suo percorso e ne indebolisce il flusso. Ho già detto che la rena da asportare per contrastare l insabbiamento sarebbe così inquinata da essere classificata come rifiuto e come tale non si saprebbe dove metterla. Se il fango sotto l acqua del fiume è un rifiuto, allora il fiume non è già una discarica? O bisogna classificarla discarica per decreto prima? Dunque, noi abitanti fluviali del Po di Volano viviamo a ridosso di una discarica? Qualcuno dovrà avere il coraggio di trarre anche questa conclusione. A quel punto la prospettiva di giudizio sarà inquadrata più correttamente e si dirà finalmente che non si può asportare il fango, ma non perché non si sa dove portarlo, piuttosto perché non ha senso portare via i rifiuti da una discarica. Il guaio è che questa discarica preoccupa solo i proprietari dei motoscafi e chi ha interessi economici sulla zona. Insomma l ambiente sembra essere un appendice dell economia e la sua salute interessa solo quando può influire sulla salute dell economia. Allora qualcuno potrebbe decidere che la cura è quella che si pratica contro l appendicite e tagliare via questa

52 52 fastidiosa e inutile protuberanza della nostra agiata esistenza che si chiama ambiente. * * * Questa striscia sottile d acqua, che divide in due parti Ferrara, raccoglie gran parte della vita animale non domestica della città. Le nutrie d inverno non si vedono, sono rintanate, ma ci sono. Si vedono solo nelle notti d estate. Di loro si vede sul pelo dell acqua solo affiorare il naso come un coltello che taglia in due la superficie immobile del fiume. La presenza del naso è intuitiva, occorre con lo sguardo risalire quelle due ondine convergenti, come due lunghissimi baffi, che ti portano in un punto preciso. Se escono dall acqua si vede che sono nutrie e non pantegane. Cosa rassicurante solo per la sensibilità umana, facilmente suggestionabile. D estate gli enormi pesci siluro all alba fanno i tuffi. Chi come me dorme con le finestre aperte per il caldo viene svegliato all alba dei tonfi delle loro evoluzioni nell acqua e sembra che nel Volano siano arrivati gli elefanti. Mentre cammino verso l ufficio lungo l argine vedo stormi di gabbiani volteggiare in un punto imprecisato del fiume. Poi improvvisamente scendono in picchiata. C è sicuramente cibo, magari residui provenienti dai vari ristoranti che si trovano nelle vicinanze.

53 53 Poi ci sono i germani (ritratti nella foto sotto) che hanno sfrattato recentemente la popolazione delle anatre bianche. Queste sono quasi del tutto scomparse. Fino all anno scorso nel mio punto d osservazione c era una popolazione di almeno una ventina di anatre bianche. Le evoluzioni dei loro anatroccoli nelle prime lezioni di nuoto rallegravano non poco la vista su questo tratto di fiume. A pochi metri da dove vivo un anziano aveva costruito sull argine una recinzione con una rete di copertura per difendere gli anatroccoli appena nati dai predatori. Nell ultimo anno non si sono più viste. Magari torneranno, non so, ma si tratta di fenomeni che si svolgono comunque nell indifferenza generale, perché la vita della città è interessata ad altro. La vita e l interesse degli uomini corre sulla terraferma e gira attorno ad altre cose, attorno agli istituti bancari che spuntano ovunque come funghi in questa zona, attorno ai negozi di telefonia sempre più diffusi, attorno alle meraviglie delle auto ultimo modello pluriaccessoriate che ringhiano sul ponte di via Bologna, strangolate dal guinzaglio teso del traffico cittadino, gira attorno ai treni ad alta velocità che scavalcano il fiume senza neppure avere il tempo di vederlo e quelli a bassa velocità dei pendolari addormentati con

54 54 la testa sui finestrini, gira attorno all edilizia urbana mai doma che plasma in modo incessante il territorio imprimendo una forma geometrica e incolore al paesaggio, o più modestamente per qualcuno, attorno all acquisto di una casa popolare, frutto dei sacrifici di una vita, magari con la vista su questo argine dove è ancora possibile coltivare una piantina di pomodoro, o semplicemente seguire con lo sguardo il movimento felpato dei gatti, attratti anche loro in modo irresistibile dalle cose interessanti che si muovono. I gatti sono frenati dalla repulsione che provano per l acqua e magari attratti al tempo stesso da quel confine che non possono oltrepassare. La gatta bianca, di cui ho già parlato, la vera regina dell argine, è incinta. Accarezzandole la pancia si sentono le teste dei gattini. Quando le gatte partoriscono si tagliano da sole con i denti il cordone ombelicale. Non glielo ha insegnato nessuno, ma lo fanno. Mi chiedo quanto si sia depotenziato in realtà l individuo umano, che una volta sapeva fare da solo tutte le cose che gli servivano per vivere e perpetuarsi, e oggi non saprebbe da solo partorire, accendersi un fuoco, procurarsi cibo o cose simili, senza qualche strumento la cui costruzione sia stata delegata ad altri individui della stessa specie. Se l individuo si è depotenziato, mi chiedo a chi ha ceduto la sua potenza. Forse ad un sistema intricato di relazioni che gli restituisce sale operatorie

55 55 asettiche, macchine superveloci, aerei e altri incredibili prodigi. Cose che forse non appartengono del tutto a lui come singolo individuo, almeno non come al gatto appartengono le sue unghie e i suoi denti, con i quali è capace di tagliare il cordone ombelicale e mettere al mondo una cucciolata di gattini, difenderli con tutto se stesso da ogni pericolo. Mentre faccio questi pensieri, camminando lungo l argine per andare al lavoro, vedo passare dei cuccioli di uomo diretti a scuola. Vanno a farsi insegnare tutte quelle cose che devono sostituire le cose che una volta gli uomini sapevano fare senza farsele insegnare da nessuno. Vedo bambini gracili arrancare con zaini enormi che pesano più di loro. La prima cosa che gli insegniamo è la pesantezza della vita e lo insegniamo prima di tutto al loro corpo, in modo che la mente trovi più naturale accettare questa realtà. Non sembra un grande atto d amore, detto così. L individuo umano ama i suoi piccoli senza dubbio, ma il sistema a cui abbiamo delegato quasi tutto non ama abbastanza i nostri figli. Altrimenti non credo che li vedremmo sotto questi zaini enormi che il nostro progresso potrebbe comodamente aver sostituito da anni con leggerissimi strumenti digitali, non credo che li vedremmo riversi ciascuno sul proprio telefono cellulare e tanti di loro già con la sigaretta in bocca intenti a bruciarsi i polmoni. Vederli insieme mi suggerisce l idea che siamo tutti sempre più dipendenti dagli altri e al contempo più soli.

56 56 Forse nel corso del tempo il nostro sistema sociale è cresciuto togliendoci una bella fetta di attitudini, capacità, abilità individuali che faceva parte del nostro corredo genetico; in cambio ci restituisce oggi con la tecnologia tanti vantaggi ai quali non sapremmo rinunciare, ma non è poco neanche quello che abbiamo perduto. Ed è ancora di più quello che stiamo perdendo. Abbiamo rinunciato all abbraccio della natura, e al suo piacere, ma non alla stretta della nostra morsa che la tiene per il collo. Avviandoci verso una nuova forma di solitudine, quella del potere. * * * L acqua sul Po di Volano è un pavimento di linoleum, senza increspature. Sembra solida. Ci potrei camminare sopra, se non fosse che potrebbero male interpretare le mie virtù. La nebbia imprime immobilità anche al cielo. Si cerca di immaginare se sopra la nebbia ci sono nuvole che si muovono. La nebbia non può essere uno spessore infinito in altezza. E solo una coperta. Un velo pietoso steso su tante cose. I rovi, gli arbusti sull argine, sono rinsecchiti. L inverno spoglia la natura e il caldo la riveste, curiose inversioni rispetto all umana natura. Per la verità non

57 57 solo quella umana, direi quella animale. L inverno ha fatto indossare alla gatta bianca, regina dei rovi, una pelliccia speciale, folta e morbida che è un piacere accarezzare e sembra che il piacere sia anche suo. La gatta bianca oggi mi ha guardato come sempre mentre passavo a piedi lungo l argine per andare al lavoro. Non si è avvicinata per le solite carezze. Oggi aveva da fare. Il suo muso frugava tra i rovi. C è una maternità in vista, la sanità ferrarese non è affidabile, e lei sa che deve arrangiarsi. Non chiederà aiuto a nessuno quando metterà al mondo i suoi cuccioli. Sì, è curioso che Ferrara non abbia più un ospedale e un esemplare di femmina umana ferrarese debba andare in un altro centro abitato, a Cona (che si trova a quindici minuti di macchina da Ferrara) per partorire. E i malati Ferraresi non hanno più neanche un pronto soccorso nella loro città. L unico pronto soccorso rimasto nella città di Ferrara è quello veterinario. I ferraresi mugugnano, ma poi non fanno tanto per cambiare le cose. Se fossero usciti in strada tutti pacificamente sbattendo i cucchiai contro le pentole, in modo ossessivo e incessante, sotto il palazzo comunale e le sedi del potere, il potere non avrebbe potuto fare quello che ha fatto. Altrove in passato il potere si è dovuto piegare di fronte alla protesta delle pentole e dei cucchiai, e uomini di potere si sono dovuti dimettere. Credo sia accaduto tempo fa in Argentina, ma poco importa. Importa che non accade qui. Non accade in Italia. Un paese

58 58 fermo come questo pavimento di linoleum anche un po maleodorante. e Eppure, incredibile a dirsi, questo fiume, questa acqua ferma che ho sotto gli occhi, è il lago dei miei sogni, il posto dove ho scelto di vivere con la finestra puntata su questo spettacolo. Vi posso raccontare tutto questo con le parole sublimi di Selma Lagerlof (nella foto sotto), prima donna al mondo vincitrice di un premio nobel per la letteratura. Le parole che trascrivo sono tratte da La saga di Gosta Berling. Non le commento perché non serve, splendono di luce propria:.. nessuno sa quanto sia bello il lago dei miei sogni, prima di aver veduto le nebbie del mattino sollevarsi dalla sua liscia superficie, prima di aver veduto dalla finestra di quel salottino, ove tanti ricordi hanno dimora, rispecchiarsi nel lago un roseo tramonto. Ma io ti dico ugualmente, non andare! Poiché può darsi che ti prenda il desiderio di indugiare nelle sale malinconiche e offuscate dai lutti del vecchio castello, o che tu voglia diventare il proprietario di quel luogo attraente e se sei giovane, ricco e anche felice, forse vorrai scegliere il castello a dimora tua e della tua sposa.

59 59 Non sono ricco, tutt altro, ma ho scelto questo castello di 45 metri quadrati, con vista sul Po di volano, a dimora mia e della mia sposa. * * * Avrò fotografato centinaia di volte questo scorcio di paesaggio fluviale. Alcune di queste foto le riporto qui. Ogni foto rappresenta un momento diverso della giornata, un momento diverso della stagione. Tutte insieme queste immagini statiche potrebbero essere messe in sequenza come i fotogrammi di un film che rappresenta il trascolorare della luce nei vari momenti della giornata e dell anno. Mi viene in mente Monet che dalla finestra di un albergo di Rouen dipinse trenta tele della cattedrale su cui si affacciava la sua vista. Trenta dipinti dello stesso soggetto, per rappresentarla ogni volta sotto una luce diversa del giorno. Un infaticabile serie di pennellate che non avevano fine. L incessante rinnovarsi della vista davanti a lui impediva di mettere la parola fine. Ad ogni istante il soggetto che aveva davanti nella sua immobilità non era più lo stesso che aveva cominciato a dipingere. Si attribuisce a Monet l aver dichiarato che definire finito un lavoro sarebbe un atto di tremendo orgoglio. La luce che nell arco della giornata attraversa un paesaggio immobile può sembrare un film poco emozionante, o molto emozionante a seconda dei punti di vista e della sensibilità. Il film che ho raccolto io sulla sponda del fiume può

60 60 diventare da un momento all altro un film dell orrore. La luce più tetra e inquietante, che io ricordi aver visto rifrangersi su queste acque, è quella del 21 maggio 2012, il giorno seguente al terribile terremoto che ha sconvolto il modenese, il ferrarese e il mantovano. Questa è la foto fatta in quel giorno che ancora tremava di paura. A volte però l orrore è meno evidente, più nascosto, e bisogna saperlo vedere. Il vero orrore è quello che stiamo facendo al fiume e al suo universo. A Ferrara dal rubinetto esce acqua del Po. Nessuno o pochissimi la bevono. A parte che ti lascia in bocca il sapore di quando fai una bevuta in piscina. E certamente potabile, ci mancherebbe, ma sapere che viene dal Po basta a farti passare la voglia. Ricordo che quando ero bambino si beveva eccome. Addirittura a volte si entrava nei bar e si chiedeva un bicchiere di acqua di pompa che era gratis e il barista te l avrebbe tirata addosso, ma te la dava senza brontolare. Altri tempi. Oggi provate a chiedere in un bar un bicchiere di acqua di pompa, e vedete quello che succede. Chi vende l acqua in bottiglia trova dalle nostre parti ingenti profitti. E qui esiste il migliore spot pubblicitario vivente che si possa trasmettere per convincere a vendere

61 61 acqua in bottiglia. Lo spot pubblicitario va in onda a ciclo continuo sotto il ponte nei pressi della località Pontelagoscuro, senza interruzione, ogni istante e ogni giorno dell anno. Basta guardare le immense macchie di schiuma che passano di continuo, come improbabili nuvole di passaggio. Deve esserci alle sorgenti del fiume un gigante dalla chioma fluente che si fa lo sciampo tutti i giorni. Possono disinfettarla e ripulirla alla perfezione quest acqua, ma l idea di berla ripugna. Purtroppo per molti animali quest acqua è l aria che loro respirano. E se l atmosfera degli animali acquatici è inquinata i malcapitati non possono indire domeniche ecologiche o sospendere il traffico il giovedì, o circolare a targhe alterne, cioè applicare quegli infallibili rimedi concepiti dai migliori ingegni della specie dominante sul pianeta per purificare l aria che respira. Dicono che se il Po dovesse oggi rompere gli argini sul versante ferrarese, cosa che in passato ha fatto più volte, portando immani devastazioni, la morte verrebbe solo indirettamente dell onda d acqua. Moriremmo per le letali esalazioni dello stabilimento ex- Montedison collocato a poche centinaia di metri dall argine. Sembra che la ex-montedison sia responsabile anche di un fenomeno meteorologico tipico delle nostre parti. I fumi industriali, quando interagiscono con la nebbia nelle gelide mattine invernali, si condensano e depositano a terra sotto la forma di un nevischio che prende

62 62 il nome di galaverna (foto seguente). Si chiama anche neve chimica. Qualcosa che ricorda il fallout nucleare post atomico. Qualcuno dice che gli eschimesi abbiano un centinaio di parole solo per nominare la neve a seconda delle diverse sfumature e caratteristiche con cui si presenta. Magari non conoscono la nostra neve chimica, che potrebbe arricchire il loro vocabolario. Osserveranno la neve come io osservo il fiume che cambia nelle ore del giorno. Forse ci vorrebbero anche a me cento parole per nominare l acqua del fiume a seconda dell aspetto ogni volta diverso che rivela. Acquarida, acquensa, acqunta, acqualta, acqualenta, acqutrida, acquefitica. Me ne mancano solo 93, ma il tempo non mi manca. * * * Cammino tutti i giorni alle sette di mattina lungo l argine del Po di Volano. E la strada che percorro a piedi per andare al lavoro. Cammino sul lato della strada che si affaccia sull acqua, benché non ci sia il marciapiede che è invece sull altro lato. Le macchine mi sfanalano infastidite dal fatto che non sto al mio posto, e che cammino in uno spazio non riservato a me. Il fatto è che ho bisogno di

63 63 guardare questo scenario che scherza giocosamente con la mia fantasia nel cammino quotidiano verso un lavoro che non capisco, verso un mondo brulicante di persone che non capisco. In realtà capisco poco anche di questo scenario naturale, ma qui almeno mi sento a mio agio. I gabbiani sono appollaiati, disciplinati e composti lungo il pontile, come tanti soldatini in riga che aspettano un ordine. Appena passerò il ponte, verso i lavoro, verso il centro della città, il mio stato d animo muterà, diventerà più rigido, sulla difensiva, i muscoli facciali saranno più tesi. Cercherò di trovare una ragione in quei soldi che mi servono per vivere, anche se non proprio per sentirmi vivo. Questo fiume è il confine tra due diversi stati d animo. I fiumi, si dice, sono confini naturali. I più naturali che ci siano. I ponti nella storia del mondo servono per mettere in contatto le genti attratte da reciproco interesse di cultura, ma anche per fare passare gli eserciti che le calpestano. I nostri bombardieri, sotto un governo di sinistra, hanno abbattuto ponti in Serbia. Forse erano ponti pericolosi, lo sapranno magari quegli ex uomini di governo, che sembrano ancora orgogliosi di quello che hanno fatto. Riporto questa testimonianza dello

64 64 scrittore Erri De Luca: Da una stanza di un Hotel di Belgrado nel maggio del 99 ho visto le albe. Il mio secolo si chiudeva con l Italia che bombardava le città della Jugoslavia e io non volevo stare dalla parte dei bombardieri. Sono andato a Belgrado quella primavera per stare dalla parte del bersaglio. Ero solo. Durante le incursioni aeree della notte restavo alla finestra, non scendevo nei ricoveri. Quelle albe di maggio erano rosa, colore di cicatrice fresca. Quando il più mite dei colori ti ricorda una cicatrice sei finito lontano. A Belgrado abbiamo bombardato un dittatore abbattendo i suoi temibilissimi ponti. Però su quei ponti passavano anche le ambulanze, gli autobus, i civili. Ricordo il bellissimo film con David Niven Il ponte sul fiume Kwai. I prigionieri di guerra inglesi in un paese asiatico sono costretti dai loro nemici carcerieri ai lavori forzati per costruire un ponte. Decidono di sabotarlo, cioè di costruire un ponte destinato a crollare per ostacolare i piani del nemico. Ma poi il lavoro risveglia l orgoglio dell opera, e prevale nei prigionieri il bisogno di dimostrare la capacità di costruire un opera grandiosa ed affermare così la propria superiorità sul nemico con un atto costruttivo anziché distruttivo. Un film che rimane dentro di me, indelebile. Troppi lavori oggi invece mortificano l aspirazione a restituirci l orgoglio di aver fatto qualcosa. Molte persone oggi disoccupate, sempre più, sarebbero infastidite da questa mia lamentosa riflessione

65 65 e un po le capisco. Purtroppo ci separa un fiume, il fiume artificiale creato ad arte per renderci avversari. Gli stessi uomini che fanno decollare i bombardieri abbattono di continuo i ponti su questo fiume ideale che ci divide, abbattono i passaggi che potrebbero mettere dalla stessa parte quelli che fanno lavori insoddisfacenti e quelli che non hanno lavoro. Potremmo accorgerci che vogliamo le stesse cose. Quando cammino lungo l argine alle sette di mattina incontro spesso sul ciglio della strada un militare, con la tuta mimetica. Aspetta che qualcuno passi a prenderlo in macchina. Probabilmente la sua destinazione è la base militare aereonautica di Poggio Renatico. Lo vedo la mattina e i suoi orari coincidono con i miei. Siamo due pendolari, così diversi all apparenza, ma forse meno di quello che pensiamo. Siamo sullo stesso lato del fiume, ma così distanti al tempo stesso. Lui potrebbe con la tuta mimetica nascondersi tra i rovi dell argine. Si potrebbe giocare alla guerra, come si faceva da bambini. Ma io non ho il vestito adatto, mi mimetizzo solo fra scartoffie senza senso. Uno stormo di gabbiani improvvisamente plana sull acqua e qualcosa muore, mentre qualcosa sopravvive grazie a quella morte. Nell aria disegnano delle linee pazzesche. Nessun bombardiere F35 riuscirebbe in una simile evoluzione. I nostri militari sono in Afghanistan da tredici anni e troppi sono morti. Se chiedessimo perché siamo lì a dieci

66 66 persone che sono favorevoli alla missione risponderebbero tutti con un motivo diverso. Se facessimo la stessa domanda a dieci persone che vogliono il ritiro dei nostri soldati risponderebbero tutti che non hanno capito perché siamo lì. I governi che hanno sostenuto la missione ci hanno detto di tutto. Che siamo lì per trovare Bin Laden, per combattere i talebani, per la democrazia, per levare il burka alle povere donne afgane, per costruire strade e ponti. Bin Laden è stato ucciso, i talebani non sono ancora sconfitti dopo ben 13 anni (saranno a questo punto invincibili se resistono da soli più a lungo della Wermacht di Adolf Hitler), la democrazia che abbiamo esportato fa ridere (ma un po fa ridere anche la nostra), il burka lo abbiamo tolto alle donne e molte se lo sono rimesso, perché pensano che dobbiamo farci i cazzi nostri, quanto alle strade e ai ponti, facendo un bilancio di quello che abbiamo saputo fare da noi per l autostrada Salerno Reggio Calabria e per il ponte sullo stretto, ecco, forse dovremmo mandare in Afghanistan i prigionieri inglesi del film il ponte sul fiume Kwai. * * *

67 67 Quali notizie ci porta oggi l acqua del fiume? Scrutando nel verde torbido si intravedono affiorare isolotti che ieri non c erano. Il livello è sceso visibilmente. Appare una gobba di fango proprio davanti al mio punto di osservazione. Qualche chiazza d acqua ristagna nel fango. Il fiume è anemico. A volte penso ai fiumi proprio come alle vene del corpo umano che conducono il sangue della terra. Se i fiumi sono le vene allora il cuore pulsante del mondo, quello che sospinge in circolo il liquido della vita, sono i ghiacciai. Il liquido della vita poi arriva al mare e da lì ritorna al cuore per essere nuovamente pompato nel ciclo ripetitivo della vita. Ma i ghiacciai sono sempre più deboli. Portano sulle loro spalle sempre più fragili e malnutrite il peso insostenibile del benessere del mondo. Il peso insostenibile del nostro benessere è mal distribuito. Pesa molto sulle cime più alte delle montagne. Ma pesa molto anche sulle spalle dei cittadini del mondo nati nei paesi più sfortunati. Il benessere è una coperta corta, se uno si copre un altro si scopre. I popoli che permettono a noi oggi di essere coperti sopportano il fardello del nostro tenore di vita. Ci sono segnali di malumore, ma ancora in misura prevalente sopportano.

68 68 Mi viene in mente un libro di Erri De Luca ( Sulle tracce di Nives ) che racconta le imprese di Nives Meroi (foto sotto), l unica donna ad aver scalato otto delle quattordici cime che toccano gli ottomila metri. Mi piace riportare dal libro che ho citato queste parole che fermano alcune riflessioni maturate lungo le salite del Nepal: il nostro mondo poggia sulle spalle dell altro, su bambini al lavoro, su piantagioni e materie prime pagate a costo spicciolo: spalle di sconosciuti reggono il nostro peso, obeso in sproporzione di ricchezze. L ho visto. Sulle salite lunghe molti giorni verso i campi base delle alte quote, uomini e anche donne e anche ragazzi portano nelle gerle intrecciate il nostro peso facchini di ogni nostra comodità, camminano su sandali infradito, oppure scalzi lungo pendii che scarseggiano di ossigeno. Avevo letto qualche anno fa che i cinesi stavano costruendo un autostrada destinata a passare sul monte Everest toccando una quota di metri di altezza. Su questa autostrada doveva passare il tedoforo delle Olimpiadi di Pechino. Quest opera d asfalto grandiosa e invadente credo sia il simbolo più prepotente della crescita dei paesi emergenti. Ovviamente

69 69 la stampa e l opinione pubblica dei paesi occidentali hanno lanciato giudizi durissimi contro quest opera che deturpa un paesaggio di incomparabile bellezza. Giusto. Peccato però che i paesi indignati sono proprio quelli che hanno soffocato e cementificato il mondo per procurarsi il proprio benessere e mentre continuano a farlo condannano gli altri paesi che vogliono seguire le stessa strada, verso lo stesso benessere. Gli diciamo no non è possibile, siete arrivati tardi, il mondo non può reggere l impatto ambientale di questo benessere moltiplicato per tutti. La coperta deve restare corta. Dopo esserci proposti come modello di crescita gli regaliamo questa amara sorpresa. Quanto ad amare sorprese, Nives, avresti mai pensato di spuntare da una roccia sull Everest a cinquemila metri e trovare un Autogrill? Anche da noi i ghiacciai si ritirano. I cannoni depositano neve artificiale sulle piste da sci perché la neve naturale è sempre più carente. Con le macchine si arriva sempre più in alto, su strade asfaltate e si scende con gli sci sulla neve artificiale. Quando tutto il mondo sarà riprodotto artificialmente regnerà forse un nuovo ordine, diverso da quello naturale, e non so se sapremo governarlo. Se non saremo in grado di governare gli equilibri che la natura aveva progettato e governato a suo modo per tanti millenni, non ci sarà più nessun altro che potrà farlo al posto nostro. Cercheremo allora di convincere noi stessi che siamo pur sempre il miglior governo

70 70 possibile. Una logica ineccepibile e disarmante degna delle odierne democrazie occidentali che guidano il mondo. Dietro non si può tornare e però più si va avanti più la realtà delude e non offre vie d uscita. Oggi al polo nord i ghiacci si ritirano, immensi iceberg si staccano per i cambiamenti climatici indotti dall uomo. Il nostro progresso esige che i motori del Titanic vadano a tutta potenza, ben oltre le necessità di crociera, e lo schianto è qualcosa che nessuno vuole prendere seriamente in considerazione, perché ci sentiamo inaffondabili. * * * E arrivata anche la neve. Mancava solo lei nell inventario delle vicissitudini invernali. Il paesaggio è ricoperto di bianco. Gli isolotti emersi nel fiume, che periodicamente la coperta dell acqua copre e ricopre di un identico torbido colore fanghiglia, ora rifulgono di bianco e svettano come montagne innevate. La neve in città ha questo potere che rallegra istintivamente l animo umano, interrompendo il grigiore dei giorni tutti uguali, ed evoca

71 71 immagini di inevitabile candore natalizio, legate a ricordi infantili nei quali tutto riluceva in un meraviglioso incantevole abbaglio. Per gli animali che vivono attorno all acqua del fiume la neve invece è più prosaicamente solo un piccolo dramma che si consuma. Gli uccelli più di tutti, non trovano il cibo che prima offriva il terreno fangoso. Ora volteggiano inquieti sul pelo dell acqua. Gli altri animali sembrano spariti, inghiottiti dal silenzio. Sono rintanati da qualche parte eppure le loro orme, sparse dappertutto sulla neve, raccontano la loro presenza. Vedo delle orme che non avevo mai visto prima. La neve è un foglio bianco che porta la firma involontaria di tutte le specie animali che camminano in questo scenario. Sono traiettorie disperate, di fame, ricerca del cibo, lotta per la sopravvivenza. Credo che questo sia il vero volto del mondo. Non quello edulcorato che vediamo noi da una finestra al calore dei termosifoni. Abbiamo potere su tutto questo e abbiamo perso il contatto con il volto più duro dell esistenza, del quale nessuno di noi ha nostalgia naturalmente. Non sono tutte rose e fiori, per carità, abbiamo scalato montagne lasciando a valle pericoli che per millenni hanno funestato l umanità, ci siamo messi al sicuro e ci affacciamo però su dirupi sconosciuti, verso nuove paure ancora inesplorate.

72 72 Vediamo le cose da lontano, dalla distanza rassicurante di chi si è messo al sicuro da molti guai dei tempi andati. Succede anche nella società umana. Gli uomini importanti, quelli che hanno scalato i gradini alti della società, hanno perso totalmente il contatto con il lato più duro della vita. Non sanno cosa sia fare una coda per un prelievo all USL, una coda in posta, l attesa di ore ad un pronto soccorso, l angheria di un superiore, l autobus in un ora di punta. Hanno cliniche private, autisti, servitori. Ovunque per loro, soprattutto, in questo paese, si apre un canale privilegiato, una corsia di sorpasso. La loro vita è un auto blu tra le utilitarie. E impossibile governare in modo saggio le miserie del mondo dall alto dei privilegi del potere. E un difetto della società umana ancora senza rimedio. Nella mia città possiamo bere questa acqua lurida che passa sotto i miei occhi. Esce da tutti i rubinetti della città, ben depurata e potabile, ma non possiamo governare questo ecosistema fluviale di equilibri millenari, possiamo solo sconquassarlo a nostro vantaggio. Come fanno questi motoscafi che al loro passaggio con le loro eliche frullano nel torbido, e dall esterno rimestano in una nuova incomprensibile miscela il mondo che si lasciano alle spalle nel loro cammino. * * *

73 Sull argine dove si affaccia il mio condominio c è un albero solitario (quello della foto). Le sue radici sono cresciute come zampe rapaci affondate nella terra resa molle dal fiume. La pavimentazione del cortile è minacciata dalle radici, ma le radici ritengono di aver diritto di occupare la terra non meno delle mattonelle del cortile. La pavimentazione però ha un alleato potente. Parlo dell assemblea condominiale, ovvero l odierna democrazia nella sua versione bonsai. Questo piccolo parlamento del palazzo, come quello del paese del resto, è preoccupato non poco di dover mettere mano al portafoglio dolente. Questo determina l inevitabile alleanza tra la maggioranza dei condomini e la pavimentazione minacciata, mentre il nemico è l albero. L idea è che la rimozione dell albero possa avvenire a spese del Comune, mentre ogni altra soluzione sarebbe a spese dei condomini. L albero per giunta è inclinato pericolosamente verso l interno e qualcuno teme possa schiantarsi al suolo riducendo drasticamente il numero dei condomini al di sotto della quota legale per deliberare. La natura può essere diabolica a volte. 73

74 L assemblea ha cominciato a parlamentare vivacemente sull argomento. Qualche estremista che aspirava ad agire per le vie brevi con la motosega è stato invitato a scendere a più miti consigli. I più estremisti non si facevano una ragione delle protezioni altolocate che poteva avere un albero, intoccabile perché il suo abbattimento richiedeva una preventiva autorizzazione amministrativa. Ma il punto fondamentale del dibattito era se si poteva chiedere la rimozione dell albero a spese del Comune per ragioni di pericolo. A questo punto però si è verificato un colpo teatrale di grande effetto. Il più anziano dei condomini, ovvero la memoria storica del palazzo, ha informato l allibito uditorio che quell albero lo aveva piantato lui in persona in tempi che nessuno di noi poteva ricordare. A quel punto l accusa verso il vegetale rischiava di essere derubricata da indebita occupazione di suolo condominiale a semplice crescita esuberante. L argine su cui è stato piantato l albero è demaniale e qualcuno ha fatto notare che l autorità competente poteva anche ingiungere la rimozione dell albero a spese del condominio se scopriva che il vegetale era una creatura condominiale. Peraltro l argine è stato colonizzato dal suddetto decano dei condomini il quale lo ha tappezzato di micro coltivazioni di ortaggi, pomodori, verdure varie, che poi offre volentieri a tutti noi. Meglio non svegliare quindi l autorità costituita dal suo 74

75 75 sonno secolare. I pomodori generosamente offerti ( pandor come dice lui in dialetto) poi non li mangia nessuno perché sono innaffiati con l acqua del Volano che scorre a due metri ed è piena di pesticidi, ma questa è un altra storia. Parlavamo dell albero che aveva trovato nel decano dei condomini un genitore dichiarato, e nel condominio un possibile responsabile delle spese per la sua rimozione. Forse l albero poteva anche avere diritto di voto se faceva parte del condominio, ho pensato in assemblea senza dirlo. Peraltro a ben vedere individui appartenenti al mondo vegetale non sembravano esclusi da quel consesso, e mi riferisco alla mia persona, visto che l ultimo suono intellegibile da me emesso in una riunione di condominio, a parte i mugugni, era datato a due anni prima. Se l albero mi avesse dato la delega in assemblea avrei senz altro potuto far verbalizzare la sua difesa, tratta dalle parole del sommo poeta: "Perché mi schiante? Perché mi scerpi? non hai tu spirto di pietade alcuno? Uomini fummo, e or siam fatti sterpi". Invece l unica risoluzione presa dall assemblea è stata di omettere qualsiasi verbalizzazione stendendo un velo pietoso soprattutto sull assunzione di paternità del condomino

76 anziano verso l albero in questione. D altra parte è stato osservato che gli alberi possono nascere anche spontaneamente e quindi evitando rivelazioni compromettenti nessuno avrebbe potuto sospettare nulla. Così la questione sarà rimandata a future deliberazioni, quando ci saranno altri condomini probabilmente, perché i tempi di vita concessi ai viventi comportano la seguente certezza: i condomini passano, gli alberi restano. 76

77 1 Cronache del Po di Volano Vol.II Piccole storie di ordinaria sopravvivenza in uno specchio d acqua La solita BMW che esce dalla curva di via Mulinetto a tutto gas. Quando vede il rettilineo accelera ai cento all ora tutte le mattine. Conosco uno per uno i gatti che tutti i giorni sfidano le loro sette morti attraversando la strada esattamente in questo punto nel loro tragitto verso l argine del fiume. Ho perso degli animali travolti dalle macchine e non concedo indulti o perdoni. Ho il segreto desiderio che la BMW finisca in acqua prima o poi, ma poi se la prenderebbero con il fiume assassino e potrebbero interrarlo. Già tanti platani sulle strade della provincia hanno la fama di spietati assassini di macchine indifese. Mi permetto una divagazione di fantasia. La Bmw affonda lentamente nel Volano che in quel punto imprevedibilmente è fondo quanto basta per ingoiare l automobile. Ma non può finire così, troppo comodo. Il malcapitato esce da un finestrino e raggiunge l argine coperto da fitti rovi. Tra i rovi che nessuno ha mai esplorato da decenni dimora senza dubbio (la mia immaginazione non ha dubbi) il famigerato tigrillo. Ma non uno qualunque. Quello

78 2 raccontato da Luis Sepulveda nel romanzo il vecchio che leggeva romanzi d amore. Il tigrillo di Sepulveda è una gatta selvatica feroce come un velociraptor, e vendicativa verso gli uomini che vede come un pericolo per i suoi simili. Dopo essere stato dilaniato dagli artigli del tigrillo l automobilista, o quel che ne resta, ancora vivo, sarà ingoiato dal boa tritaossa. Anche questo animale viene dallo stesso libro. Il boa tritaossa stritola le ossa della preda senza ucciderla e la ingoia lentamente per una lenta digestione. Come degna conclusione della storia, dopo qualche minuto, si sente dalla pancia del boa la suoneria di un cellulare. Quando percorro in senso inverso a piedi il curvone di via Mulinetto coltivando queste insane fantasie improvvisamente il panorama si apre e il fiume si mostra alla mia vista in tutta la sua ampiezza. Oggi poi ho visto un gabbiano immobile nel cielo. Le sue ali sbattevano nell aria come quelle di un batterista indiavolato che genera tanta energia sufficiente a sorreggere sulla schiena quella colonna di atmosfera che si estende su di lui all infinito. Un aereo non sarebbe in grado di rimanere immobile nel cielo. I costosissimi bombardieri F35 che lo stato Italiano sta comprando con i risparmi dei malati e dei pensionati non saprebbero farlo. Un uccello che plana non stupisce nessuno, è solo laureato in aereodinamica, ma un uccello che rimane fermo sospeso nel cielo è più che un ingegnere, è un

79 3 piccolo prodigio. Forse è indeciso sul da farsi. Forse è specializzato anche in balistica. Da fermo è più facile colpire con precisione. Quella sospensione nel mezzo del cielo mi ricorda un po quando nell acqua del mare agito le braccia per rimanere a galla senza spostarmi di un centimetro. Da bambino quando rimanevo fermo sospeso sull acqua del mare era perché facevo la pipì. Ora che sono grande sto lontano dai bambini. Una volta in puglia guardando sott acqua ho visto un orinatoio semisommerso nella sabbia. Forse quando da bambino facevo la pipì in mare non era poi così sbagliato. La cosa difficile però era tirare l acqua. Dicevo che quell uccello immobile nel cielo che agita le ali mi ricorda un po quando nell acqua del mare agito le braccia per rimanere a galla senza spostarmi di un centimetro, una mia specialità, ancora non olimpica, purtroppo. Un piccolo prodigio. Chissà se dal fondale un gambero vedendomi resterebbe ugualmente affascinato. In realtà non è difficile stare a galla, non serve una laurea, e quella che ho non serve a niente. Neanche a stare a galla nella vita serve. Col gambero condivido la familiarità per il fondo, e la direzione del cammino. Per questo il mio galleggiamento statico sulla superficie gli deve sembrare un piccolo prodigio. * * *

80 4 Quel ramo del Po di Volano. E tornato l airone. Ho le prove, questa volta sono riuscito a fotografarlo. Si è posato su un grosso ramo arenato in mezzo al fiume. Quel ramo del Po di Volano che volge a vabbè come non detto. E maestoso. Troneggia nel mezzo del fiume superbo. Non ci sono parole. Ma ci sono le prove. Ormai è una presenza abbastanza frequente e ho pensato di dargli un nome, George, Airon George. L identità in fondo è la base per stabilire un rapporto affettivo. L anonimato è la condizione per la sua negazione. La regola della guerra, se ci pensiamo, è quella di ammazzare una persona senza nome e senza identità, appartenente al genus nemico, nemico e basta. Ho ucciso due nemici può dire un soldato alla feritoia. Invece ha ucciso Mario Rossi e Giovanni Bianchi, ma non può pensare ai loro nomi, neppure fittizi, perché sono già un identità. Questo anonimato della vittima mette in scena una parodia di assoluzione del carnefice. Nel plotone d esecuzione, poi, dove la vittima ha un identità che non si può cancellare, si

81 5 cancella per rimediare l identità di chi uccide. E nota l usanza di caricare a salve un fucile a caso della squadra del plotone di esecuzione, in modo che ognuno di quelli che sparano possa pensare che fosse il suo fucile quello caricato a salve. Nessuno poteva avere la certezza di essere l assassino, ma il fucilato cadeva stecchito. E questo anonimato del carnefice metteva in scena, ancora una volta, una parodia di assoluzione dal crimine. L uccisione di un indifeso non può essere altro che questo, un crimine. Sarebbe più difficile anche cacciare se ogni animale avesse un nome. Come si può dire ho sparato ad Airon George, posato sul ramo del Po di Volano. Il livello dell acqua oggi si è abbassato a tal punto che si potrebbe attraversare a piedi il corso del fiume. I germani, nel senso delle anatre, dragano il basso fondale fangoso in cerca di cibo. La loro tecnica è da manuale. Affondano il becco in verticale nell acqua e contemporaneamente sollevano il fondoschiena che emerge dalla superficie mentre il collo sfrutta il suo massimo allungo subacqueo. E un movimento ripetitivo. Vanno a tempo e sembrano delle ballerine di uno spettacolo di varietà d altri tempi, tipo burlesque, che di questi tempi però sta

82 6 tornando di moda, nelle cene eleganti dei piani alti. Oppure sembrano un esibizione di nuoto sincronizzato. Mi ricordano le mie incursioni subacquee nel mare quando riesco a scendere anche ad un metro e settanta centimetri di profondità. In effetti mi capovolgo con la testa in giù sollevando le gambe a perpendicolo verso il cielo, questo è tutto. Sono alto un metro e settanta, ma non mi lamento. Una volta nelle mie immersioni, come dicevo nel pezzo precedente, ho visto un orinatoio semisommerso nella sabbia. E stato il mio avvistamento subacqueo più significativo. Se l orinatoio non l aveva messo lì Marcel Duchamp in persona poteva anche sembrare di dubbio gusto. Il famoso orinatoio di Duchamp denominato in modo elegante fontana, esposto in mostra nel 1917, andò smarrito nel disallestimento della mostra. L originale non fu mai ritrovato, fu autorizzata la realizzazione di una replica attualmente esposta a Roma nella Galleria Nazionale d Arte Moderna. Ma non è poi così importante l oggetto nella sua versione originale, se pensiamo alla filosofia dichiarata espressamente da Duchamp. Non è importante se l artista abbia fatto l orinatoio con le sue mani o no sostiene l autore - egli l ha scelta perché ha preso un articolo ordinario della vita di ogni giorno, lo ha collocato in modo tale che il suo significato d uso è scomparso sotto il nuovo titolo e il nuovo punto di vista. Ha creato un nuovo modo di pensare quell oggetto.

83 7 I fondali marini, e anche il fondale del fiume che mi scorre sotto il naso, sono ormai dei musei subacquei con un patrimonio sconfinato di oggetti sottratti al loro uso ordinario e rivestiti di un nuovo modo di pensarli. * * * Ieri tornando dal lavoro alle 14 ho visto una nutria gigantesca che brucava nell erba a pochi metri dai miei piedi sull argine del Po di Volano in via Mulinetto. Non mi era mai capitato di osservare una nutria così da vicino. Si muoveva lentamente e indifferente alla mia presenza. Forse cercava cibo tra i rovi. Ero immobile a guardare quando una donna di passaggio mi ha visto e con naturalezza mi ha fatto notare l assoluta normalità di quella presenza che a me sembrava tanto straordinaria. Ha detto che ogni tanto quella nutria si vede da quelle parti. Ha aggiunto che le nutrie sono vegetariane, come se la cosa dovesse tranquillizzarmi. Hitler era vegetariano, avrei voluto dirle, ma vabbè. Non capisco più il mondo, comunque. Una volta una donna strillava e saltava sul tavolo alla sola vista di una coda e due baffetti, e ora questa per tranquillizzarmi sembrava lì lì per accarezzare quella bestia e prenderla in braccio come fosse un gattone. Ma poi perché tranquillizzarmi, mica ero agitato. Mi facevano solo impressione le dimensioni. La donna che dimostrava di non temere gli animali e neppure gli uomini visto che rivolgeva la parola ad uno sconosciuto come me, appartenente alla specie più letale del pianeta, mi ha fatto presente che aveva fatto

84 8 dei cuccioli. La nutria naturalmente, non lei. Ha aggiunto che alcuni abitatori di via Mulinetto, appartenenti alla specie più letale del pianeta, invece di rallegrarsi del lieto evento, avrebbero ucciso i neonati. Forse col veleno. Ho fatto presente che abitavo anche io in quella strada, ma avevo l alibi. Se c è da uccidere qualcosa che cammina io sono sempre altrove. Ma non solo le nutrie, per dire, anche ragni, zanzare in casa mia possono dormire sonni tranquilli. Al massimo mia moglie Rossella li accompagna delicatamente fuori dalla finestra. Anche lei non si scompone troppo di fronte a queste creature non proprio rassicuranti. Pochi giorni fa ha trovato un verme in una noce. A me è passata la voglia di mangiare, lei invece ha preso il verme e lo depositato amorevolmente sull argine del fiume, dove sarà stato certamente divorato da qualche predatore di lì a pochi istanti. Anche molti animali appartenenti alla specie più letale del pianeta -ma non mi riferisco più solo alle donne - sono vegetariani. A volte mi sono chiesto perché l animale sarebbe più degno di rispetto di un vegetale per le nostre necessità alimentari. Parafrasando una nota battuta di Daniele Luttazzi non vorrei che il vegetarianesimo, come abitudine alimentare, nascesse più dall odio per i vegetali che dall amore per gli animali. In effetti le piante sono i viventi che più di ogni altro sono vicini a possedere il dono dell immortalità e già per questo gli uomini, che ben conoscono l invidia, potrebbero detestarli fino a sterminarli, non potendo

85 9 impadronirsi del loro misterioso elisr di lunga vita. E non c è dubbio che il cemento, più duro a morire, sta cancellando gli spazi verdi del nostro pianeta. Sull elisir di lunga vita vale la pena annotare qualche memoria di lettura. Gli alberi non conoscono l invecchiamento nelle forme vissute dall uomo. C è un bel libro di Patrik Blanc, studioso di botanica, dal titolo Il bello di essere pianta, dove l autore fra le altre cose parla anche di questo. Riporto alcune sue parole: il Clhorantus può raggiungere i cento milioni di anni grazie ai suoi nuovi getti, il Pepe senza problemi decine di milioni di anni e tanti altri decine o centinaia di migliaia di anni il capostipite di una stirpe può così vivere accanto a tutte le generazioni cui ha dato origine. Che fortuna hanno, a noi preclusa, e non è sufficiente per odiarli? Forse si, ma solo per chi, diversamente da me, considera una fortuna, e non una disgrazia, il prolungamento della vita umana verso limiti sempre più lontani nel tempo. Questione di punti di vista. Quello che però posso concedere all opposto pensiero, è che sarebbe una meraviglia per noi umani poter scambiare due parole con i nostri antenati senza scomodare improbabili medium. Avrei due o tre cosine da dirgli sul mondo che abbiamo ereditato da loro e quello che lasceremo in eredità ai nostri discendenti. Aggiunge poi l autore di cui dicevo una cosa che mi ha colpito molto. Ci sono vegetali per i quali la morte non dipende da un fenomeno di invecchiamento individuale, ma sempre e solo da uno sconvolgimento dell ambiente in cui vivono.

86 10 Sembra dire che possiedono in loro il segreto per non invecchiare. Deperiscono e muoiono solo per l azione di agenti esterni e non perché la loro vita abbia un tempo più o meno prefissato. Quindi per morire devono attendere un (provvidenziale mi permetto di dire) intervento di agenti esterni, come ben sanno le piantine che hanno avuto la sfortuna di essere accudite da me nella loro breve vita. Il libro che ho citato ha una particolarità. L autore, o la voce narrante, parla in prima persona nei panni di una pianta e descrive il mondo vegetale in modo molto fantasioso evidenziando divertenti parallelismi o contraddizioni tra la società vegetale e quella umana. Sentire una pianta che racconta il suo mondo come fosse un anziano davanti ai nipoti la rende umana, come sono stati umanizzati il gatto con gli stivali, o Topolino, o la banda bassotti, e così via. Intendo dire che la personificazione dell animale o della pianta ha l effetto di rendere queste creature molto più vicine a noi, abbattendo quei confini convenzionali nati dalle classificazioni biologiche, che hanno valore a fini di studio, ma non oltre. A me questa cosa non dispiace. Anzi vado oltre. Mi diverto a dare un nome a queste creature che incontro sull argine del fiume. Vi avevo già parlato dell Airone George che viene a fare visita regolare agli isolotti emersi in mezzo al

87 11 fiume. La nutria di cui parlavo era ancora senza nome mentre la osservavo impietrito dal guard rail della strada. In quel momento ho deciso di chiamarla Condoleeza, come un personaggio di mia invenzione con cui ho vissuto un avventura di fantasia in una storia scritta da me tempo fa. La nutria Condoleeza mi era venuta in mente pensando a Condoleeza Rice e non solo per quei dentoni da roditore che scopriva quando sorrideva. Condoleeza Rice (foto a lato) è stata Segretario di Stato nell amministrazione Bush, e agguerrita sostenitrice di ogni intervento militare condotto dagli Stati Uniti d America. Condoleeza Rice era in quel momento la donna più letale della specie più letale del pianeta. Me vedendola nei panni di una pacifica e vegetariana nutria, induceva a più miti consigli l animo umano. * * * Cammino lungo l argine, come più volte ho detto, per andare al lavoro. Tra i tanti pensieri che mi scorrono accanto non ho mancato di considerare un parallelismo tra la mia vita e il flusso dell acqua che corre nella mia direzione di marcia, al mio fianco. La lentezza, l assenza di increspature, un complessivo squallore d insieme dove ogni tanto compaiono lampi inattesi di meraviglia, come quando vedi una gazza sul guard rail, con il suo elegante smoking d ordinanza, o quando spunta un gatto che rimane immobile a guardarti come se avesse il potere di congelare il tempo per decidere se sei un pericolo o semplicemente

88 12 innocuo. Lo squallore è il luogo verso il quale sto camminando. Naturalmente ci sono cose che mi riempiono ancora di rinnovata meraviglia, come la mia attuale compagna, che nella vita appunto mi accompagna e mi dà la forza, quell energia pulita rinnovabile che mi tiene in piedi giorno dopo giorno nel cammino verso le orme che lascerò. Il lavoro che mi attende però è giorno dopo giorno sempre più privo di senso, squallido, dominato da rapporti umani all insegna dell ipocrisia, e non mi dilungo su questo, non dovendo io persuadere nessuno di questa mia convinzione personale, e certamente alcuni miei colleghi, e superiori soprattutto, la scambierebbero per ingratitudine. Ma non è questo lo spazio per negoziare un chiarimento di sopravvivenza, questo è lo spazio del mio riscatto dalle umilianti vessazioni senza nome e senza un preciso colpevole, di un lavoro idiota, dove si devono fare cose ingiuste, e ringraziare per l immensa fortuna di avere uno stipendio in un paese dove la disoccupazione è sempre più la chiave per tenere chiuse le rimostranze di chi ha bisogno di un lavoro e ridurlo alla supina accettazione di ogni cosa. Guardo il fiume perché è uno degli ecosistemi più interessanti che in città si possano vedere. Ogni evento naturale che accade in questo scenario ha una sua precisa ragion d essere, è mosso da qualcosa e avviene per muovere qualcos altro in un meccanismo d insieme di estrema e ancora non compresa complessità dove ogni parte è stata progettato per perpetuare l insieme. Sono veramente grottesche le imitazioni create dall uomo di

89 13 questa macchina affascinante. Mettiamo in piedi organizzazioni di lavoro che sono caricature. Sprechi di risorse, individui sottopagati spremuti come limoni, e altri rincoglioniti sopra pagati incapaci di fare qualsiasi cosa, risorse enormi spese per problemi risibili, risorse inesistenti per problemi reali. La natura invece non conosce spreco di risorse, tutto si ricicla, quello che è inutile sparisce, e si rigenera in forme nuove più utili rivestendosi di quel nuovo senso che anche io chiedo di avere prima o poi. Abbiamo messo in piedi una società come una costruzione d insieme che è una grottesca imitazione degli ecosistemi naturali che ci hanno ispirato. Sembra progettata per tante cose, ma non per sopravvivere oltre la miope portata della vita di un numero limitato di generazioni, all ultima delle quali demanderemo radicali cambi di rotta, ormai tardivi, che non vogliamo oggi mettere in atto sulla nostra pelle pur sapendo che sono necessari. E questo progetto di imitazione sta cancellando l originale, giorno dopo giorno, senza ritorno. * * * Mi piace dare nomi inventati. Molti animali si aggirano sull argine del fiume e alcuni di questi sono frequentatori abituali. Quando li riconosco mi diverto a dargli dei nomi di fantasia. L airone solitario che talora si fa vedere l ho battezzato Airon George. La gatta bianca di cui ho parlato già

90 14 diverse volte l ho chiamata Leuca. Ma non ho la pretesa che lei accetti di buon grado questo nome. I gatti, come è nella loro natura, sono sdegnosamente indipendenti, e anche rispetto al loro nome. E infatti il poeta Thomas Elliot ci ricorda che i gatti contemplano il loro ineffabile nome segreto (frase tratta dal libro dei gatti tuttofare, noto anche per la sua celeberrima versione teatrale dal titolo Cats ). Quando qualcuno ci chiama per nome sentiamo di essere usciti dal mare indifferente dell anonimato. L indifferenza è uno degli atteggiamenti umani che andrebbe usato con maggiore attenzione. L indifferenza è un arma di difesa che usiamo spesso a sproposito; e per contro non la usiamo quando dovremmo. Dispensiamo grande attenzione e interesse a cose talmente inconsistenti e releghiamo invece tante cose preziose, che stiamo perdendo, in una raccolta indifferenziata di disattenzione. Dare nomi è un attività divertente e innocua che trova una sua legittimazione di rango molto elevato. Infatti nella bibbia, quando Adamo ancora vive da solo nell'eden, Dio gli sottopone tutti gli animali dei campi e tutti gli uccelli del cielo, affinché lui, Adamo, dia loro un nome. Tra le categorie umane la più dotati della virtù di dare nomi è quella degli allevatori di cavalli. Sono formidabili nell arte di dare nomi ai cavalli. Da bambino a volte sentivo distrattamente dalla televisione i risultati

91 15 delle corse di cavalli e i nomi mi rimanevano impressi per quanto erano stravaganti. Mi ricordo per esempio il cavallo Chimofafà, su tutti, meravigliosa e significativa rappresentazione del destino di questi animali. Per curiosità ho cercato altri nomi di cavalli da corsa e anche non da corsa. E venuto fuori un elenco molto divertente. Ecco alcuni nomi: Oleandro, Dedalo, Ganimede, Albicocca, Vedelago, Veturia, Fenech, Volpetta. Ma i più belli sono Bugie d Amore, e Parlapà che in dialetto torinese significa stai zitto. A pari merito con gli allevatori di cavalli ci sono i navigatori. Nel modesto porto fluviale ferrarese c è una nave ormeggiata. Al suo interno c è un pub pizzeria, ma l esterno è una nave e il suo nome è Sebastian. Da bambino quando passeggiavo lungo il Porto canale di Porto Garibaldi ero affascinato dalle navi e dai loro nomi. I nomi che si leggono sulle navi sono uno spettacolo. Ho ricercato dei nomi reali di imbarcazioni e li riporto come esempio: Topo di fogna, Pietro il grande, Ares, Sette in condotta, Sputnik, e dulcis in fundo, Va lentina, forse quest ultimo un omaggio a una donna o solo un atto di modestia. I nomi delle navi mi fanno pensare a delle entità viventi, con una precisa personalità. L imbarcazione come una compagna di vita, quale in effetti per molti pescatori deve essere, anche se la loro vita di pescatori è più dura

92 16 che romanzesca. Nonostante questo credo che non ci sia nulla di più romanzesco, almeno in potenzialità, di una nave. La vista del Sebastian, almeno per me, evoca un immaginario di storie avventurose legate alla navigazione. Mi immagino Corto Maltese che si imbarca sul Vanità dorata. O di vederlo affacciato dal Sabastian Pub insieme alla giovane Pandora Grovesnore (la ragazza nell immagine accanto), sua compagna di avventura nella Ballata del mare salato. Tra le storie di mare mi viene in mente la Linea d ombra, e Cuore di tenebra di Conrad, il Gordon Pym di Allan Poe, Oceano mare e Novecento di Alessandro Baricco e altri e alla rinfusa i nomi di alcune imbarcazioni letterarie, come Pecod (Moby dick), Orione (da i Miserabili), e poi Virginian, Pilgrim, che è anche il nome del cavallo del romanzo l uomo che sussurrava ai cavalli. Nel libro Novecento di Alessandro Baricco, il protagonista (che si chiama appunto Novecento) nato su una nave e mai sceso da essa, assiste negli ultimi momenti di vita il vecchio Denny, per lui come un padre, e per distrarlo dalle sue sofferenze gli legge i nomi di cavalli dai

93 17 risultati della sesta corsa di Chicago: Acqua Potabile, Minestrone, Fondotinta blù. Il vecchio moribondo spira senza riuscire a trattenere le risate per quei nomi bizzarri. La nave Sebastian, di cui dicevo, ha i giorni contati. Infatti il Comune di Ferrara ha vinto una causa contro i proprietari per la rimozione della nave dalla darsena dove ora si trova. E la prima battaglia navale che l ammiraglio del municipio è riuscito a concludere vittoriosamente. Sostiene che il Sebastian blocca il flusso del fiume, creando ristagno e altri effetti indesiderati. Seguendo la mia curiosità ho cercato notizie sulla storia di questa nave. Non sapevo se era stata costruita in quel posto, senza aver mai navigato o se aveva un vissuto per mare. Ho scoperto che era vera la seconda ipotesi. Il Sebastian infatti ha navigato, eccome. Era un ex-peschereccio d'alto mare tedesco del 1951 di nome Korina. E giunto nella darsena trainato da Marghera, passando da Porto Garibaldi. Il Sebastian la sua battaglia navale l ha persa, presa di mira dalla corazzata comunale. In Comune del resto lavora una schiera di professionisti della battaglia navale; io stesso, che ci lavoro, ieri ho affondato con un colpo di magistrale destrezza un cacciator pediniere in B4. Comunque il Sebastian sconfitto dovrà mestamente sloggiare per altri lidi. Non tutti sanno però che suo destino sfortunato nelle procellose acque delle aule

94 18 giudiziarie potrebbe avere delle ragioni insospettabili. Quando la proprietà ha cambiato il nome Korina in Sebastian si è tirata addosso le ira della malasorte. E noto tra i marinai che cambiare il nome a una barca porta male, perché una barca possiede un'anima come le persone. Se proprio si deve cambiare nome ad una barca nel mondo nautico si dice che occorre mettere in atto dei rituali per difenderla dalla malasorte. Per esempio ho letto che prima di procedere alla sostituzione del nome alla barca occorre sostituire un bullone dalla chiglia, oppure collocare una moneta sotto l'albero maestro, oppure far sturare una bottiglia di vino rosso da una vergine e farne aspergere il contenuto sulla prora. Nel Sebastian Pub più di una fanciulla nel tempo avrà versato inavvertitamente del vino rosso, ma si sa, la verginità è una virtù sempre più rara. Poco fa, sotto la pioggia battente, ho visto una coppia entrare nel Sebastian Pub con un ombrello. Tutti i marinai lo sanno: MAI portare in barca un ombrello! Porta una sfortuna pazzesca. * * * Oggi è il primo giorno di primavera. Il Volano, solitamente immobile, scorre con una velocità torrentizia. Più a monte, nel punto in cui queste acque escono dal corso principale del fiume Po, il loro flusso è regolato da una chiusa. Le piogge intense dei giorni scorsi

95 19 devono aver suggerito di aprire la chiusa per alleggerire il carico del corso principale del fiume. Il Po di Volano è un fiume servitore. Ma non è al servizio del corso principale del Po, come può sembrare, è al servizio dell uomo, che lo ha costruito. La velocità del flusso oggi porta via rifiuti e residui vari che di solito stazionano per giorni. Oggi il fiume ha una parvenza di pulizia che è quasi un piacevole inganno. Le papere per risalire la corrente preferiscono sfoderare le ali e percorrono qualche decina di metri sul pelo dell acqua. Poter camminare, nuotare, volare, rappresenta una bella gamma di scelta, non c è che dire. Forse questi animali non possono manovrare gli equilibri ambientali come facciamo noi, ma quando un animale può scegliere se volare, camminare o nuotare a suo piacimento forse non ha bisogno d altro. Gli isolotti sono scomparsi e gli uccelli che vi avevano fatto la loro base di lancio per le incursioni sul pelo dell acqua hanno dovuto sloggiare. Gli animali che vivono in questo ambiente subiscono le regolazioni della corrente per mano dell uomo esattamente come l uomo subisce la variazione delle condizioni metereologiche. Una pioggia, un colpo di vento improvviso, o uno tsunami. Noi siamo un anello della catena del sistema naturale anche quando chiamiamo artificiali i fenomeni da noi indotti. In effetti tra artificiale e naturale la distinzione è solo convenzionale. Tutto è naturale e non può sfuggire all abbraccio della natura. Ma non è disprezzabile l idea di

96 20 chiamare innaturali molti interventi umani sull ambiente. Siamo in grado di devastare l ambiente ben oltre le sue capacità di autoripararsi, questo è chiaro, e non mi sembra che altre specie animali abbiano acquisito questo potere. Questo è un potere della ragione, o del calcolo preferirei dire, perché la ragione ha sfumature più nobili che non mi sembrano appropriate al caso. Eppure se abbiamo questo potere distruttivo, indotto per lo più dal calcolo, abbiamo in dotazione anche un circuito elettrico cerebrale misterioso che si chiama coscienza, dalla quale dovrebbe scaturire la volontà, o meglio la contro volontà, per frenare il nostro potere distruttivo. A pensarci bene, se questa è la ragione, ha senso che si sviluppi solo come contrappeso a questo nefasto potere. In questo senso avrebbe una sua legittimazione molto plausibile nel sistema natura, e questo spiegherebbe perché animali diversi dall uomo non ce l hanno. Questo mi fa pensare che la nostra coscienza, la ragione, parola che in questo caso mi sento di spendere con tutte le sue implicazioni più nobili, sia un prodotto della natura, appunto un contrappeso per riequilibrare le cose scombinate dall impatto ambientale che il nostro sistema di vita esercita quotidianamente. Usiamo il calcolo quando devastiamo l ambiente per interesse, e potremmo usare la ragione per impedirci di farlo. Impedirci di farlo però non è la stessa cosa che riparare il danno a posteriori. Impedire a

97 21 me stesso di rompere un orologio non è la stessa cosa che riparare con le mie mani un orologio che ho rotto, soprattutto se non sono un orologiaio. Talora mossi da buone intenzioni, le quali però lastricano molte strade dell inferno, cerchiamo noi di riparare i danni che abbiamo provocato in precedenza, ma questa dote ancora la natura la tiene gelosamente per se. Non siamo in grado di riparare i danni, perché l intreccio di pesi e contrappesi del meccanismo complessivo del sistema natura, al quale dovremmo mettere mano, ha una grado di sofisticazione che dovrebbe catturare la nostra meraviglia e non la nostra volontà di imitazione. Quando modifichiamo i pesi per ricostituire equilibri perduti provochiamo danni da altre parti, innescando una catena di altre necessità di intervento alle quali non siamo in grado di stare dietro. Forse è solo questione di tempo e la ragione, quell antidoto che la natura ci ha dato contro noi stessi, avrà il sopravvento. Se non dovesse accadere vuol dire che la natura non era stata poi progettata alla perfezione, che aveva un qualche difetto in grado di mettere fuori uso la sua capacità di perpetuarsi. Mi viene in mente un brano del libro la coscienza di Zeno di Italo Svevo. Il protagonista riflette sulla quantità sorprendente di ossicini, articolazioni che devono mettersi in moto in modo coordinato per consentirgli di fare un semplice passo. Da quando la sua coscienza indaga a fondo questa complessità cercando di possederla con la mente

98 22 scaturisce un effetto collaterale sorprendente: il protagonista comincia a zoppicare. Il semplice gesto del camminare che l istinto naturale governa alla perfezione diventa zoppia quando la ragione consapevole cerca di assumere questo controllo, non essendo all altezza del compito usurpato. L ultima frontiera evolutiva della ragione, il correttivo finale, dunque dovrebbe essere la consapevolezza dei suoi stessi limiti. E questo vale a maggior ragione per la nostra capacità di calcolo razionale che dovrebbe essere persuaso dei suoi limiti, soprattutto quando pretende di governare quei processi naturali ambientali che funzionano certamente meglio se sono autogovernati. Ma non è così semplice il discorso sui limiti. Perché la nostra ragione funziona soprattutto come la disciplina olimpica del salto in alto e riguardo a quello che siamo in grado di fare l asticella deve essere messa sempre più in alto. Quindi all interno della nostra capacità di pensiero si gioca una battaglia in bilico tra consapevolezza dei propri limiti e superamento degli stessi. Questo conflitto di esito incerto, una vera guerra mondiale globale da cui dipende il nostro futuro, attraversa l umanità all interno della sua coscienza, come una guerra civile, e vede tante microscopiche battaglie anche in quel piccolo corso d acqua che mi scorre sotto il naso. * * * Le piogge di questa primavera appena iniziata hanno alzato il livello del fiume. Nella

99 23 scaletta di cemento che si immerge nei pressi del ponte detto della pace sono solo 3 i gradini non sommersi. Il freddo è ancora invernale. Le date che segnano le stagioni sono solo convenzioni, le rondini che fanno primavera ancora non si vedono. Le anatre volano radenti lungo il pelo dell acqua e passano a volte sotto il ponte di via Bologna anziché sopra. Sopra il ponte rumoreggiano senza tregua i malumori automobilistici della città. Le anatre proseguono la corsa verso San Giorgio, almeno fin dove il mio sguardo può seguirle, in direzione mare. Su quel tratto di fiume tempo fa vedevo spesso un barbone. Si vedeva il carretto parcheggiato con sopra le sue coperte e tutto l occorrente di vita. Insomma la sua casa. Con i suoi stracci si era sistemato nei pressi del sottile ponte pedonale di metallo che attraversa il fiume tra via Bologna e San Giorgio. In ogni stagione col caldo, col freddo era lì. Aveva una dimora più che fissa, benché qualcuno definisca questi personaggi con la locuzione burocratica di persone senza fissa dimora, espressione che tradisce la malcelata aspirazione di vederli sloggiare, più che altro. Da tempo non si vede più. Penso che dietro ogni barbone ci sia un romanzo sconosciuto. Non i romanzi in carta patinata delle vetrine luccicanti nelle librerie del centro. Non quelli. Piuttosto quelli delle soffitte dimenticate e polverose, o i romanzi che dormono dentro progetti di scrittura mai realizzati e rimasti incompiuti. Oppure sotto

100 24 la cenere di un dolore bruciante che toglie la forza di scriverli e raccontarli. Il fiume raccoglie questa e altre storie. E molte storie qui si concludono tristemente, anche. E incredibile quante persone, spinte dal destino verso i margini estremi della vita decidono di superare quel confine e scelgono proprio il fiume come ultimo gesto. Basta ripercorrere le cronache dei giornali locali. L acqua inghiotte tutto e loro si lasciano inghiottire, ma il fiume spesso ce li restituisce. Il dolore che hanno dentro è troppo ed è indigesto anche per questo fiume che è capace di trasportare di tutto. Ma c è anche tanta vita in questo luogo e dove c è vita c è il sogno, al quale è impossibile sfuggire. Osservo le anatre e come il piccolo Nils Olgersson, trasformato in gnomo, posso volare appollaiato sulla loro schiena, cullato dalle loro ali e quelle della mia fantasia. Le anatre che vedo passare volano basso e non perdono mai il contatto con le torbide acque che sorvolano. Se i nostri uomini di potere sapessero volare basso vedrebbero anche loro il mondo sottostante nel suo più torbido aspetto. E invece. Più si va in alto e più ci si sente sollevati. Anche la forza di gravità si indebolisce. E facile essere forti a quell altezza quando la gravità delle cose è un orizzonte lontano e incerto. E più facile volare alto che volare basso spiega l oca selvatica al piccolo Nil Olgersson, (nel libro di Selma Lagerloff, il viaggio meraviglioso di Nils Olgersonn con le oche selvatiche ).

101 25 C è del vero. Volando basso sei oppresso dalla gravità che ti schiaccia. I bombardieri di ultima generazione, come gli uomini di potere, volano altissimi, non visti dai radar e dalla terra, e non vedono neppure loro quello che c è in basso. I piloti colpiscono con i loro computer già programmati a dovere tutto quello che si muove sul fondo e quando sbagliano mira si scusano. E come un videogames. Al prossimo gettone staranno più attenti, o così dicono. La morte non li tocca da vicino. I gabbiani che osservo volano basso sull acqua e scendono improvvisamente in picchiata avventandosi sulle loro vittime. Raramente sbagliano. Cadaveri di alberi e grossi rami passano sulla corrente del fiume che le recenti piogge hanno ingrossato. A volte gli uccelli si posizionano su queste imbarcazioni improvvisate e si lasciano trasportare. La piccola Peuw bambina cambogiana sfuggita al genocidio dei Khmer Rossi racconta nelle sue memorie ( Il racconto di Peuw, bambina cambogiana ) la processione di cadaveri trasportati dal fiume Mekong. Racconta ricordi di vita ambientati in una palafitta in balia delle acque che si alzano e si abbassano, indifesi e vulnerabili ad ogni pericolo della natura, di gran lunga preferibili agli orrori umani dei Khmer Rossi. Impara ad ascoltare gli uccelli, loro avvertono del pericolo, spiega la mamma alla piccola Peuw. Gli uccelli ci

102 26 parlano. Il piccolo Nils Olgerson da quando viene trasformato in gnomo scopre che è in grado di parlare con gli uccelli. Forse dovremmo diventare tutti un po più piccoli e imparare una nuova lingua. Mi sembra di vederla, Peuw nei tanti nuovi volti apparsi dalle nostre parti con i tratti somatici tipici dei paesi dell estremo oriente. Autori di una pacifica e silenziosa invasione. Spesso li vedo pescare sull argine del fiume e poi cucinano quei pesci che noi, nati qui, non mangeremmo mai. In ognuno di questi personaggi, spesso guardati con diffidenza dai ferraresi, ci sono altrettanti romanzi che hanno il fascino di terre lontane a noi sconosciute, memorie e storie di vita difficili anche solo da immaginare. * * * Gli animali escono allo scoperto. E primavera, il sole trasmette calore. E il 25 aprile, giorno della liberazione. In quel giorno del 1945 tanti animali bipedi costretti alla cattività, o rintanati da tempo immemorabile chissà dove uscivano allo scoperto. I carri armati per le strade erano quelli amici. Ed era festa, come lo è oggi. E' il 25 aprile e c'e' aria di festa. La primavera sembra avere preso

103 27 saldamente possesso della natura. La liberazione del nostro paese ha scelto la fioritura dei prati come cornice per essere ricordata a futura memoria. Era primavera anche quando Praga sboccio' nel 1968 di riforme libertarie, bruciate dal primo torrido caldo di agosto arrivato col cigolio dei carri armati sovietici. Davanti a me una nutria in libera uscita si aggira nella calda acqua stagnante del Volano in secca. Si muove lentamente e io la seguo. Mi trovo oggi sul lato opposto del palazzo in cui vivo, sul lato opposto di me stesso. E strano vedere il luogo dove vivo da un angolatura che non avevo mai considerato prima. E come uscire da se stessi. Un po liberarsi. Ogni liberazione deve essere sempre un po anche librazione da se stessi. Anatre, gabbiani, anche un pesce siluro mostra la sua testa di tanto in tanto nelle sue evoluzioni a pelo d acqua. Sulla superstrada Ferrara mare proprio ieri è stato fermato il traffico per via di una mucca uscita dai campi che passeggiava tranquillamente sull asfalto. Proprio ieri sull autostrada l Aquila Roma è andata peggio ad un orso, travolto da un

104 28 automobilista. Sarà un caso, ma sembra che gli animali escano dai loro territori invernali. E la stagione degli accoppiamenti anche. Per cercare un compagno o una compagna bisogna uscire allo scoperto, esporsi. Kundera racconta la primavera di Praga ne L insostenibile leggerezza dell essere e ricorda le coppie fortuite e improvvisate di praghesi che si baciavano con ardore davanti ai carri armati sovietici. Era una provocazione rivolta ai soldati del armata rossa, costretti alla castità della vita militare. Con le loro facce tristi dall alto dei carri potevano solo guardare impotenti l esplosione della passione. Sull argine del Po di Volano è tutto un fiorire di margherite e colori. La gestazione del nuovo è adesso. O così ci piace pensare. Ma nulla è indolore. Il vecchio resiste nel nostro paese, aggrappato con i denti, o con le dentiere, ai privilegi del potere. Un presidente della repubblica rieletto pochi giorni fa all età di 87 anni e che finirà, se finirà, il settennato a 95. Eletto da cariatidi che consegnano al futuro un paese più vecchio di loro. E non vogliono capire che non è questione se siano

105 29 stati meglio delle loro possibili alternative, queste discussioni le devono tenere per le serate davanti ai loro nipotini ai quali è più difficile mentire. Se la vedano lì nel privato della loro vecchiaia. Hanno fatto o non hanno impedito, o hanno tentato inutilmente e quello che il futuro prende in consegna è opera loro che gli piaccia o no e non è un bel vedere. I gradi delle colpe non interessano alla primavera che avanza, c è un tempo per tutto, un tempo assegnato a tutti, il valore delle azioni non commuove la natura, non la convince a concedere proroghe. Il nuovo sboccia per forza, peggiore o migliore che sia. E chi si oppone porta solo altra sofferenza a quella che già la natura non si cura di risparmiare ai viventi. Questi vecchi che hanno tenuto le redini del paese, passandosele di mano in mano e ripassandosele, come le colpe, non sono nemici, ci appartengono, ma non significa che non abbiano un tempo e che questo tempo non sia passato. Ogni liberazione è liberazione anche da noi stessi per forza, e per fortuna. Liberarci da noi stessi o da una parte di noi è quello che deve accadere. Tendiamo a vedere la liberazione solo come liberazione dagli altri perché la vista dell uomo è fatta così. Punta sugli altri e non sappiamo fare ruotare le nostre pupille di 360 gradi per guardare dentro di noi. dovremmo ricordarci del 25 aprile non solo come data di liberazione dello straniero, o dal nemico, ma anche come data in cui avremmo dovuto liberarci da noi stessi, di

106 30 quella parte di noi che ha ceduto agli inganni, ha giocato per il nemico. Non lo abbiamo fatto abbastanza e siamo sempre gli stessi di allora. Cediamo agli stessi inganni, ci illudiamo che una primavera possa cambiarci senza sofferenza, come un fiore che sboccia. E invece siamo sempre gli stessi e sempre più vecchi. Oggi sono passato dall altra parte del fiume. Passeggio nella Darsena e vedo il mio palazzo da una prospettiva del tutto diversa. Posso vedere anche me stesso, se mi sforzo, mentre mi affaccio alla finestra, tiro su le tapparelle o esco per andare al lavoro. Non è un bel vedere, ma serve a capire il senso di quello che ho scritto. Tutto sembra diverso cambiando prospettiva. Uscendo da se stessi per una breve vacanza. E cos altro è vacanza se non questo? Il fiume è in secca e davanti a me appare la nutria Condoleeza, che si rotola nell acqua come un bagnante in vacanza. L acqua è fonda solo pochi centimetri come nei nostri lidi. Neppure lei è un bel vedere, siamo in bella compagnia. Ma la guardo e la fotografo mentre lei non fa una piega per la mia presenza. Non sarà un bel vedere, ma è meglio di quei turisti veneti che spuntano dietro di me da non so dove, si avvicinano al grido di varda che pantegana ghe se nel fiume. Non sono un bel vedere neanche loro, ma vaglielo a dire. Varda

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno?

17 gennaio 2014. Dio disse: Sia la luce. Ma quale luce, se il sole viene creato il terzo giorno? 1 17 gennaio 2014 Introduzione al quarto incontro L introduzione è relativa a uno studio nuovo, che ho fatto, e ci introduce nella Scrittura per quanto riguarda il respiro: sono i primi cinque versetti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano

I.C. Giovanni Falcone Mappano. Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone. Classe II A. Prof. Bombonati Massimiliano I.C. Giovanni Falcone Mappano Scuola secondaria di primo grado Giovanni Falcone Classe II A Prof. Bombonati Massimiliano IL MIO FUTURO Il mio futuro lo vorrei così, come il sole che splende e la pioggia

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

vuoto o una ferita" come dice Antonio Origgi.

vuoto o una ferita come dice Antonio Origgi. Cambiare la vita... dalla Auto-Osservazione Cambiare vita richiede prima di tutto una consapevolezza del punto reale in cui ci si trova adesso. Cambiare vita richiede poi una consapevolezza di cosa realmente

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Il Tempo del non tempo

Il Tempo del non tempo Il Tempo del non tempo Riflettere su quanto abbiamo cercato di fare insieme con la nostra esperienza teatrale ci costringe a ricercare una coerenza metodologica che nelle nostre intenzioni e nel nostro

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com

Diritti internazionali Atlantyca S.p.A., via Leopardi 8 20123 Milano foreignrights@atlantyca.it www.atlantyca.com 2015 Atlantyca Dreamfarm s.r.l., Italia Per l edizione italiana 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Fabbri Editori: maggio 2015 www.fabbrieditori.eu ISBN 978-88-915-1548-3 Progetto e realizzazione

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli