INCIPIT. (Riccardo Ceredi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCIPIT. (Riccardo Ceredi)"

Transcript

1

2 INCIPIT Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. (Riccardo Ceredi)

3 ROBERTA SIBANI Giovane amore Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. I suoi genitori accettavano con una certa noncuranza le sue sfuriate. Si rendevano perfettamente conto che Bridiga si trovava nella fase più turbolenta della crescita, dispiaciuti perché pensavano che il carattere ombroso della loro bruna e bella figliola le avrebbe forse provocato qualche difficoltà. Brigida aveva incontrato Ugo per caso, alla mensa aziendale. Guardandosi negli occhi si erano come riconosciuti: nessuno le aveva mai provocato un così improvviso rimescolarsi del sangue, la sensazione che la testa frullasse nell aria. Lui, adagio, manovrando per avere l occasione di avvicinarsi, poco dopo si era seduto al suo fianco. Fecero conoscenza, si scambiarono qualche battuta e, dopo un banale chiacchiericcio, proseguito in un bar nell intervallo meridiano del lavoro, iniziarono a confidarsi una quantità di idee, di progetti di vita che cercavano di trovare la strada della loro riflessione e consapevolezza. Appena adolescenti, parlavano delle persone che volevano, dovevano ancora diventare. Di natura prudente, Brigida comunque quella sera ragionò: non credeva al colpo di fulmine. Era quell incontro l inizio di un amore? Forse. Si sentiva turbata. Nei giorni seguenti si informò discretamente su di lui e purtroppo i molti che li avevano visti chiacchierare appartati le dissero che dietro il sorriso disarmante si nascondeva un ragazzo che si era già dimostrato inaffidabile, che sfuggiva gli impegni e le complicazioni. Le dicerie la incuriosirono, forse perché nel suo carattere era presente un forte spirito di contraddizione e il suo cuore avrebbe ancora voluto credere al sogno di un incontro importante, bello; l innato buonsenso però le consigliava di scappare e provò a farlo. Un paio di volte ricorse anzi all astuzia per evitare il giovane alto e bruno che le faceva battere il cuore al solo vederlo, che si aggirava fumando con fare noncurante presso l uscita dell ufficio, chiaramente aspettandola. Poi una sera,

4 mentre Brigida camminava affrettandosi, una calda voce maschile la colse di sorpresa: Ugo l aveva raggiunta. Con gioia irrazionale lei si accorse di quanto lo avesse atteso. Però s impuntò: In moto con te no, non ci vengo. E la frase uscì pacifica, dato che non c erano r di mezzo. Ugo si assoggettò a camminarle al fianco, la strada da percorrere non era molta. La calma se n era andata, i pensieri della ragazzina dai lunghi capelli erano a colori. Sentiva urgenza di parlargli, ed anche lui sembrava aver tante cose da dire. Soprattutto una, dolcissima: Mi sono innamorato di te! Il loro amore era prepotente ma un poco litigioso. Lei aveva idee precise su molti argomenti e per un poco riuscì a difenderle perché pensava che le orme che lasciamo sulla strada che abbiamo deciso di percorrere sono le nostre e non di chiunque. Non era tipo da accettare un si fa così senza decidere se così era la sua scelta. Ugo, che probabilmente non ci teneva a fare discorsi seri e profondi, la provocava apposta, perché farla discutere voleva dire scatenare una selva di r taglienti che gli mettevano allegria. A tarda sera, dopo un battibecco piuttosto animato su temi riguardanti il lavoro, fra il frinire dei grilli del prato sottostante la sua stanza al primo piano, a Brigida arrivò sommessa la voce di Ugo che dolcemente le sussurrava parole di pacificazione, incurante di finestre sbattute e di qualche borbottio infastidito. Tutti i discorsi del mondo non avrebbero potuto esprimere le emozioni di quel momento: Ugo aveva abbattuto ogni sua difesa. La vita diventò cambiamento, movimento; un sentimento immenso sembrava aver soggiogato Brigida. Con lui sarebbe andata ovunque, tutto aveva cambiato ritmo, tutto traboccava di pienezza e felicità e queste emozioni la accompagnavano in ogni momento della vita quotidiana. In moto con lui ora ci andava. Con gioia timorosa e totale abbandono, nel sole o al buio, coi capelli al vento e un interno sorriso, si affidava interamente all abbraccio di quella schiena forte e snella, perché lui era il suo tutto. Le vibrazioni del motore le mettevano paura, la vicinanza del terreno quando affrontavamo i tornanti della via la spaventava, le accelerazioni le scompigliavano lo stomaco e i pensieri, ma disarmata lo stringeva sempre più forte con trasporto ed euforia. Ogni gesto del suo caro amore le arrivava caldo caldo al cuore, perché aveva perso consapevolezza di sé, dimenticata ogni vigilanza, viveva la scoperta di una passione irrazionale. Sdraiati in una notte d estate in una radura di bosco, con attorno i sussurri che sono il linguaggio della natura, con tutto il cielo stellato dispiegato sopra i loro occhi e un alito di

5 vento che sfiorava i loro corpi, egli con dolcezza superò le sue ultime difese, perché in quel momento era quanto anche lei desiderava con tutta sé stessa, benché ne avesse timore. Iniziò una breve stagione magica. Brigida si sentiva fiorire al sole, con il sangue che scorreva prepotente nelle vene, piena di slanci e sensazioni nuove. Vedeva tutti ben disposti verso di lei, in famiglia e al lavoro, e allora affrontava fatti e persone con spigliata allegria. Era felice. Dopo qualche tempo il loro rapporto prese però a declinare impercettibilmente verso il grigio. Lui cominciò ad apparire nervoso, insofferente: il lavoro, diceva. Scusa, non ti stavo ascoltando Con sgomento Brigida si accorse che questa frase, altre volte passata inosservata, l avevo sentita troppo spesso. Con disagio pensò a tutte le parole dette, a quelle che avrebbe voluto ancora dire. In cosa aveva sbagliato? Non fece in tempo ad indagare le ragioni del suo scontento: lui cambiò improvvisamente occupazione, senza un addio, una spiegazione. Quando lo incontrò dopo molte ricerche, ottenne senza delicatezza vaghe quasi beffarde giustificazioni e ricevette in pieno petto la sensazione di essere molesta, che di lei non gli importasse niente. Ho da fare, devo andare Brigida non tentò sguardi supplichevoli né toni desolati, tanto lui pensava già ad altro. Sapere che Ugo non la stava aspettando, che non pensava a lei, che non voleva dividere le sue ore con lei la faceva star male, ma la ferita era stata da lui inferta con tanta indifferenza da essere un offesa tale da lasciarla tramortita; con un indifferenza che era cattiveria rispetto ai suoi sentimenti, delle sue prime sensazioni di donna. Sgomenta, persa, non sapeva a cosa aggrapparsi. Sembrava non esistessero più né luce né tepore. Una pigra incuranza si era impadronita di lei, attraversava un periodo di confusione e penombra; eppure a volte provava anche nostalgia, ma il passato non tornava se non nei sogni. La mamma le domandava: Non esci? Brigida rispondeva con malgarbo perché le era tornata la r sibilante e la mamma taceva, rispettando il suo silenzio, sperando che si confidasse per aiutarla con parole d affetto ed esperienza. Il babbo dal canto suo non chiedeva niente, lo si sentiva solo borbottare verso la mamma, rea di averla lasciato troppo libera. Al lavoro immaginava risatine sommesse di chi l aveva inutilmente messa in guardia e si risentiva, mentre era oggetto solamente di

6 comprensione e forse compassione, che tuttavia avvertiva come un peso. Alla sera tendeva le orecchie per sentire il respiro del sonno dei suoi genitori, per poter piangere senza vergogna. Oppure si guardava lungamente allo specchio, soffrendo disperatamente: Perché non mi ama più? Fortunatamente adagio adagio ritrovò il suo equilibrio, il suo ritmo naturale, il capo eretto. Piccoli segni positivi, slegati fra loro eppur presenti, rassicurarono i suoi, dimostrarono che Brigida non aveva smarrito il suo carattere fermo e sincero, né la voglia di ridere e celiare. Di nuovo i giorni diventarono ricchi di significato. Occorse qualche tempo, ma un giorno il gesto di sistemarsi i capelli di un biondino conosciuto per caso, le fece tenerezza. Cercò di conoscerlo meglio e vide aprirsi a poco a poco una persona di valore, che procedeva nell esistenza con ponderata riflessione e giovanile baldanza, un saldo contatto con la realtà e un passo fermo e misurato. Aveva nel parlarle sfumature di dolcezza che solo chi è innamorato sa usare e questo la rimetteva in armonia con sé stessa, la faceva star bene. Dalla tenerezza all amore impiegò un poco ad arrivare, ma vi approdò felicemente, più matura, ma ancora piena di slanci, capace di seguire le sue emozioni con gioiosa vitalità. Solo in momenti di calda intimità, quando i corpi si cercavano e le menti si smarrivano, la sua r a volte tornava a farsi sentire, ma non era più tagliente, solo dolce, sommessa, esitante. D altra parte lui, il suo nuovo amore, le aveva detto una volta che quella particolarità le donava, le dava un aria impavida che l avvinceva e gli incuteva rispetto.

7 GIANFRANCO VICINELLI Fermi tutti, questa è una rapina!! Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione per caratterizzava il modo con cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tantomeno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. Tra un azione e l altra io riflettevo molto su questo fatto. Ogni componente del gruppo aveva qualità che diventavano complementari a quelle degli altri: Michael era velocissimo a sparare, io e Sam efficaci nel saltare il banco per arraffare manciate di banconote dalla cassa, John efficacissimo a rinnovare la scorta delle munizioni attraverso canali che solo lui conosceva, Barbara... Barbara continuava a stupirmi. All inizio, quando costituii la banda, un amico mi suggerì un fuorilegge efficace nel avvertire il pubblico che una rapina era in corso. Aveva un piccolo, lievissimo difetto, mi spiegò ed aveva anche la necessità di trovare un impiego per mantenere la vecchia mamma malata. Accettai di provarlo, ma al primo colpo sfiorammo un fiasco clamoroso. Il lievissimo difetto era una marcata balbuzie. Solo per dire fermi tutti questa è una rapina il ragazzo impiegò quasi mezzora e per fortuna che la polizia aveva tutte le auto in concessionaria a fare il tagliando, evitandoci una cattura certa o quanto meno un conflitto a fuoco. Qualche tempo dopo esaminai personalmente i candidati rapinatori e scoprii la caratteristica saliente del modo di parlare di Brigida. I suoi fermi tutti, questa è una rapina! erano di un efficacia unica, anzi, sembrava che fossero perfino ammirati dalle vittime. Non ci credete? Il nostro attacco alla Bank of Texas di Dallas lo dimostra: il Direttore della banca invece di cercare di occultare i contanti o di azionare il segnale di allarme, restò, incantato e stupito, ad ascoltare il perentorio avviso di Brigida e alla fine gridò con tutto il fiato che aveva in gola: BIS!!

8 LUCA GIOACCHINO DE SANDOLI Un film sul pugilato Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. Il fatto che si arrabbiasse così di frequente non era affatto una cosa positiva. E se non si poteva rimediare a questo, bisognava almeno fare in modo che lei incanalasse la sua rabbia in qualcosa di costruttivo, senza che arrecasse danno agli altri. Purtroppo non era facile, dal momento che la ragazza non aveva molti interessi e abitava in piena campagna, cioè in una zona dove non era possibile trovare molti posti in cui potersi sfogare senza rompere nulla e far male alla gente. Finché un giorno, capitò che un giovane cineasta, che abitava in una città vicina e aveva sentito parlare di lei, passò per la fattoria dove abitava. Quando lei e i suoi familiari lo videro, rimasero abbastanza sbalorditi. Dato che non conoscevano molto bene le cose diverse da quelle che c erano in campagna, soprattutto quelle di città, quel tizio dall aspetto curioso che si portava dietro degli aggeggi ancora più curiosi, che non avevano mai visto prima, apparve come qualcuno arrivato da un altro mondo. A dire la verità, però, erano molto più turbati dal ragazzo gigantesco, muscolosissimo e alto più di due metri, con il quale si accompagnava. Una volta arrivato davanti al cancello della tenuta, domandò: Scusa, sei tu Brigida? Sì, sono io rispose la diretta interessata, che in quel momento era occupata a portare il fieno alle vacche. E tu chi sei? Mi chiamo Silvestro, e sono un appassionato di cinema. E nel dire così, mostrò la sua cinepresa, il suo cavalletto, e tutte le altre cose che si portava dietro, che sembravano anch essi degli oggetti provenienti da un altro mondo. E che cosa vorresti da me, scusa? domandò Brigida.

9 Igor e io vorremmo girare un film insieme a te spiegò Silvestro indicando sé stesso e il gigante. Beh, più che un uomo, questo Igor sembra più un toro! esclamò Brigida nel vedere il ragazzone. Di che film si tratta? chiese poi. E un film che narra di una ragazza più o meno come te, che vorrebbe starsene tranquilla a dedicarsi alla sua famiglia e nient altro spiegò Silvestro. Dopo una brevissima pausa, continuò, con tono teatrale: Ma ecco che da una terra lontana arriva Igor, un giovane combattente dalla stazza che è il doppio di quella del padre della protagonista, che intende sfidare tutti coloro che credono di avere un po di coraggio per affrontarlo. All inizio nessuno si fa avanti, ma poi ecco che un amico della protagonista lo affronta, sicuro di vincere E quindi? domandò Brigida, incuriosita. E quindi egli, visto che non riesce a sostenere i colpi di Igor, finisce col morire sul ring. A questo punto, la protagonista (che ovviamente sei tu, Brigida), addolorata per la perdita dell amico e convinta che per poterlo vendicare può solamente affrontare e battere il gigante, raccoglie la sua sfida, sfidando a sua volta gli stereotipi della gente, che è convinta che una donna non possa praticare il pugilato, fissa il luogo e la data dell incontro con Igor, si va ad allenare in piena campagna, lontano da tutto e da tutti, quindi si fa picchiare dal gigante Se devo morire schiacciato da un toro come quello per fare un piacere a te, te lo puoi scordare! disse Brigida, pronta a piantare in asso i due uomini e a tornare al lavoro. No, aspetta! la trattenne Silvestro. Mica devi morire: il copione dice che tu, pur soffrendo molto, riesci a resistere ai colpi di Igor e a rimanere in piedi, e poi, al momento opportuno, lo colpisci al volto! Ah, sì? Sì, e lo colpisci in maniera così violenta, che per la prima volta in vita sua il gigante si ritrova ferito. E da allora, senza esclusioni di botte, continuate a darvele a vicenda, finché tu, stremata dalla fatica, decidi lo stesso di non gettare la spugna e andare avanti, e abbattere con le tue ultime forze il tuo smisurato avversario. E poi? E poi lo butti giù, tu esulti, la gente si ricrede sul tuo conto e tutti vivono felici e contenti. E cosa dovrò fare, esattamente? domandò Brigida. Se devo fare tutto questo, che cosa dovrò fare per farlo per bene? Devi allenarti, e anche molto! disse con tono di ovvietà Silvestro. Per buttare giù Igor, non puoi girare le scene in questo stato. Non sei

10 allenata per resistere ai suoi colpi. Tu devi sviluppare una grande forza e resistenza, in modo da riuscire a scagliare al tuo avversario colpi sempre più violenti e buttarlo al tappeto. Quindi, fino a Natale, quando intendo far uscire la mia pellicola, ti allenerai con me e con Igor. Non ti preoccupare si affrettò ad aggiungere lui non è cattivo come sembra, anzi, è un bravo ragazzo! Il cattivo lo fa solo nelle riprese, fuori dal set è molto buono. Mmm non lo so mormorò Brigida. Potrei parlarne con la mia famiglia, per vedere se è d accordo? domandò Brigida. Certo che puoi, anzi: devi. Anche se tengo molto a fare questo film, voglio che tu ti faccia dirigere da me solo se siete d accordo tu e la tua famiglia! rispose Silvestro. Non ti preoccupare, io sono perfettamente d accordo! disse il padre di lei, che si era messo ad ascoltare la conversazione. Sarà un esperienza diversa dal solito, irripetibile! continuò il genitore. Quanto a tua madre, parlerò io con lei, e la convincerò a farti fare questi allenamenti e queste riprese! Semmai, se c è una persona che dev essere d accordo per fare questo film, quella sei tu! Non hai che da fare una firmetta qui! disse Silvestro, porgendole una cartelletta con un foglio che era il contratto per il film e un cuscinetto d inchiostro per i timbri. Non potrei pensarci un poco, almeno fino a domattina? chiese Brigida. Perché no? Poi, quando avrai deciso, faccelo sapere. Comunque, guarda disse a voce bassa Silvestro. Si tratta di un occasione d oro per diventare famosa in tutta la campagna. Non puoi fartela sfuggire! E che ci guadagno? Fama, notorietà, gloria, la possibilità di fare un po di moto e soprattutto una montagna di soldi! Sicuro? Sicuro. Brigida si voltò un attimo verso i genitori, vide l espressione di sprono del padre e quella preoccupata della madre, considerò che avrebbe potuto contribuire ad aumentare il loro conto in banca e poi, senza più stare a pensare, disse: Accetto! Dove devo firmare? Qua! le indicò Silvestro. Brigida si fece dare una penna dal padre e scarabocchiò il suo nome in calce al contratto. Nei mesi seguenti, Brigida passò intere giornate ad allenarsi e a imparare a memoria i movimenti e i tempi giusti da fare durante le riprese del combattimento vero e proprio (Silvestro lo aveva definito come qualcosa non troppo diverso da una coreografia). La mattina

11 presto, si alzava dal letto circa un ora prima degli altri, a volte due; poi si metteva a correre intorno alla campagna per acquisire maggiore resistenza e stabilità sulle gambe, spaccava e segava la legna (cosa che faceva già prima, abitando in una zona piuttosto fredda), andava nel granaio utilizzandolo come palestra e facendo esercizi per il potenziamento muscolare e per acquisire velocità e prontezza di riflessi, mollava colpi violentissimi a un sacco di sabbia, e si recava in città per poi salire su un palchetto che stava al centro della piazza ad apprendere le mosse da fare come previsto dal copione scritto dallo stesso Silvestro, che dietro la cinepresa diceva con un megafono: Bene così! oppure Stop, così non va bene! Dobbiamo rifare!, suscitando la curiosità di quelli che passavano per di lì. Il babbo della ragazza, convinto che la realizzazione della pellicola avrebbe dato alla figlia la possibilità di incanalare la sua rabbia in qualcosa e avrebbe portato denaro e lustro alla sua famiglia, non aveva avuto nessun problema a esentare Brigida dal lavoro da fare in fattoria, suscitando le ammirazioni e le invidie di tutti i maschi della zona, contenti com erano di vedere una ragazza fare qualcosa per la quale sarebbero venuti volentieri a soccorrerla se si fosse fatta troppo male, e le apprensioni delle femmine, convinte che quel gigante avrebbe letteralmente ridotto in pezzi la povera ragazza. Assieme a Brigida e Igor, lavorava e si allenava anche un terzo, un certo Paolo, fisicamente simile a un cugino della ragazza, e che interpretava l amico della protagonista che rimaneva ucciso dai possenti colpi di Igor, definito dal copione il toro coi guantoni, che era anche il titolo della pellicola. Fuori dal set, tutti e tre erano cameratismo, allegria, cortesia e grandi mangiate di cibo. Quando invece si trattava di lavorare, si metteva da parte ogni carineria e si diventava truci e aggressivi come non mai, mollando colpi a destra e manca e muovendosi da una parte all altra per evitarli. Ai tre, Silvestro aveva spiegato che sia Paolo che Brigida erano due individui che avevano dei modi di fare molto diversi: Paolo era più agile e scattante, abituato a sfiancare con dei colpi rapidi il suo avversario, Brigida invece si doveva mantenere più ferma sulle gambe ed essere abituata ad incassare colpi potentissimi dal suo avversario per poi raccogliere le ultime energie che gli erano rimaste per buttarlo giù. Il copione prevedeva che la tattica di Paolo non funzionasse con Igor, che appunto lo uccideva, mentre quella di Brigida avrebbe funzionato in seguito a un allenamento duro e intensivo in piena campagna, lontano da ogni essere vivente e non, in pieno contrasto con

12 quello del gigante, che invece le riprese avrebbero mostrato allenarsi in una palestra accessoriata e con l aiuto di medicinali in grado di renderlo ancora più forte. Il primo giorno Brigida si fece male, dal momento che dietro sua richiesta Igor l aveva colpita seriamente al torace, mandandola in ospedale alcuni giorni e causando il disappunto degli altri abitanti della campagna, che le chiesero di rinunciare quando era ancora in tempo per farlo. Ma lei tenne duro, e nonostante lo scoramento per aver causato un po di ritardo all inizio delle riprese, guarì, si dichiarò lieta di non essere rimasta impaurita dal colpo di Igor, di cui aveva saggiato la forza naturale, e si dedicò con impegno al lavoro da fare per Silvestro. Ci fu anche un litigio tra Igor e Paolo, dovuto sempre alla forza del gigante, che rischiò di far saltare tutto dal momento che Paolo voleva abbandonare il set, ma che terminò con la loro riconciliazione. Giunse il giorno della fine delle riprese, seguito da quelli del montaggio delle scene. Quando il film fu pronto, Brigida e la sua famiglia ottennero la possibilità di guardarlo in prima fila, e lo giudicarono in maniera diversa. Per suo padre, valeva la pena aver preso tutte quelle botte, pure per fare qualcosa che potesse piacere agli altri, ma sua madre lo trovò un po crudo, ma vista l ostinazione del padre e la contentezza della figlia per aver fatto quelle riprese, decise di non dire più niente. A Natale, il film uscì nelle sale, e fu un grosso successo, tanto che i genitori della protagonista poterono usare i soldi del compenso di Brigida per apportare delle migliorie alla casa e acquistare nuovi attrezzi e nuovi animali. Ma la cosa che li rese più felici non fu questa, ma bensì il fatto che l esperienza da attrice aveva fatto scoprire alla loro figliola un nuovo passatempo che le era piaciuto così tanto da decidere di continuare a praticare il pugilato anche dopo la loro fine, tanto gusto ci aveva preso a farlo. E il pugilato le giovò talmente tanto da renderla non solo più bella nel fisico, ma anche più placida e tranquilla, dal momento che ogni volta che qualcuno la prendeva in giro, anche per via della sua erre difettosa, lei sorrideva e sopportava, per poi scaricare l irritazione sul sacco con cui si allenava appena metteva piede in palestra. E fu così che Brigida, da ragazza sgraziata e irritabile, divenne una donna atletica e gentile.

13 ENRICO MATTIOLI I giorni di Brigida Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotondare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancora più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida era una che si arrabbiava spesso. I miei guai erano cominciati una rigida domenica di gennaio. Il grigiore dei palazzi stemperava nel cielo plumbeo, ma le minacce atmosferiche non mi intimorivano, spavaldo mi recavo in pineta per i soliti 15 chilometri di allenamento, impaziente di provare il nuovo cronometro forerunner 205 che registrava il percorso, le calorie, il tempo e le pulsazioni. L aria fredda del parco era più tonificante del caffè bollente. Appoggiato a una staccionata, allungavo i muscoli per il riscaldamento e tenevo d occhio il campetto di pallone ricoperto di brina che di lì a poco sarebbe stata spazzata, insieme a qualche caviglia, dall ardore di impiegati, negozianti e persone di varia taglia, che nel dì settimo di riposo dovevano sfogare le frustrazioni accumulate nel corso della settimana. Il più frustrato dei frustrati ero io che li guardavo con il rancore dell escluso per liti e lividi, proprio perché avevo mal tollerato in passato quel carico di tensioni che ognuno scaricava negli stinchi dell altro. Stavo tendendo la schiena, pochi secondi di respirazione e avrei iniziato, quando vidi passare una ragazza con una tuta aderente e mi alzai di scatto. Rimasi folgorato, ma non dalla ragazza: i muscoli lombari m incastravano alla staccionata come neanche le corna e più tentavo di muovermi e più mi dimenavo per il dolore. Chiesi aiuto a dei corridori che conoscevo di vista e loro in qualche modo mi portarono a casa. Quindici giorni di riposo assoluto, mi rimisi in sesto con punture antinfiammatorie. La risonanza magnetica rilevò una riduzione dello speco vertebrale. Non sapevo di avere uno speco finché la dottoressa, usando un linguaggio comprensibile, mi spiegò che si trattava del midollo, cioè le mie vertebre esercitavano una pressione sulla sacca del midollo spinale limitando la mobilità delle gambe. Seguì un noioso ciclo di posturale, poi dovevo trovare uno sport praticabile. La dottoressa,

14 perentoria e senza appello, mi prescrisse il divieto assoluto di correre per evitare colpi alla colonna. Passò circa un anno e mezzo di inattività totale, la pigrizia fece della mia forma fisica un vago ricordo. La bici da camera mi annoiava, il nuoto non mi piaceva. Mi feci crescere la barba per decorare il viso ormai arrotondato. Toccai il fondo storico personale, quando una donna appena conosciuta a una festa, mi invecchiò di dieci anni. Da quella volta, le scommesse sui miei anni presunti divennero lo spasso degli altri. Avrei dato qualunque cosa per riavere uno stato accettabile, mi sarei sottoposto a qualsiasi tortura. C era un tale che tutti nel quartiere chiamavano Dorian. Ci conoscevamo perché anche lui andava in pineta a giocare, qualche volta eravamo capitati nella stessa squadra e qualche altra volta era venuto in mio soccorso durante le risse. Aveva un negozio di giochi usati per Nintendo e Wii Fit, ma s era laureato in psicologia. Tutti si rifornivano da lui perché aveva dei prezzi economici. Dorian, però, questo lo sapevano le persone fidate, era un pirata e le sue competenze oscillavano tra le perizie informatiche, l analisi e lo sviluppo dei sistemi. Specializzato nelle modifiche a consolle e playstation, era in grado di congegnare sistemi di allenamento davvero efficaci, una specie di stregone del gioco informatico. Lo contattai e gli spiegai il problema. Ascoltava annoiato, non sembrava interessato alle mortificazioni personali. Mi interruppe: - Ho capito - disse - non c è bisogno di aggiungere altro. Sto sperimentando una nuova cosetta che sembra fatta proprio per te. Sarà dura, sei davvero convinto? Volevo tornare in forma, bello come non ricordavo di esser mai stato. Accordatoci sul prezzo, attesi il lavoro. Nel giro di due settimane era pronto. Ci incontrammo al bar, prendemmo un caffè. Dorian mi diede il cd e regolai il residuo del conto. Nel salutarmi, disse: - Non impressionarti all inizio, tieni duro, mi raccomando. Vedrai, ti servirà e non solo per la forma fisica. Tornato a casa, posai la consolle sul televisore e la pedana a qualche metro dal sensore. Inserii il cd. Un suono di sitar col suo effetto metallico produceva sul mio corpo o sul mio inconscio - non saprei spiegare esattamente - una vibrazione (più che altro una puntura) e lì per lì mi convinsi che erano scherzi della suggestione. Quel suono mi introduceva ai primi passaggi, tra cui la scelta del personal trainer, l allenatore virtuale che mi avrebbe guidato attraverso le varie attività. Tra tanti, scelsi quello con il nome Brigida.

15 Fisico slanciato, gambe lunghe e toniche, seno sodo, viso appuntito, capelli scuri e calzamaglia verde, Brigida aveva un accento italiano, ma non usava gli articoli. E poi quella R, no, non moscia alla francese e nemmeno una V finto intellettuale, sembrava piuttosto una CR di radice tedesca, era indubbio che Dorian avesse creato un modello banale e seguito il filo del luogo comune, eppure l effetto era suggestivo. Mi posizionai con il telecomando davanti al sensore e salii sulla pedana. Ero divertito e pieno di buoni propositi. Brigida era di spalle e si girò di scatto: - Ti ho detto forse salire pedana? Tu fai solo quello io dico, va bene? Ero sempre stato permaloso, ma scesi dalla pedana anche se ci trovavamo a casa mia e non era certo quello il modo in cui dovevano andare le cose. Brigida disse: - ORa sali pedana - e io risalii. Lei era sul video e mi fissava. Dal sensore uscì una puntura di laser, una specie di flash. - Questa tua foto adesso - disse lei e muovendo risoluta il braccio mi mostrò in primo piano l immagine in calzoncini che palesava impietosamente come ero. Ad aggravare quella vista, il particolare del calzino sinistro calato e il destro alzato. Provai a sistemarli. - Ti ho detto forse di muovere? - disse la sua voce con effetto soffuso che dava la percezione che lei era dietro la foto. - Io vedere te. Tu fai quello io dico, non piace a BRigida ripetere. GuaRda bene: dopo training di BRigita tu non sarai più quel che sei ora. CominciaRe? Era inquietante e funebre come auspicio e persi il mio buonumore. Mi stavo innervosendo. - E allora? - ripeté Brigida. - Tuo peso ora 90 chili, tua età sportiva 65 anni. CominciaRe! Salii sulla pedana e cominciai gli esercizi di equilibrio. Il mio baricentro era instabile, oscillava ora a destra e ora a sinistra. Dal sensore continuava a uscire quel raggio laser che correggeva la mia postura, erano dei precisi colpi di frusta che mi scuotevano tali alla corrente elettrica e avevo nella testa le urla di Brigida che dirigevano il mio corpo come se fosse stata lei ad avere il telecomando tra le mani anziché io. Non era severa, sembrava uscita da una boccetta di veleno per topi. I primi cinque mesi passarono così. Io mi fermavo per riprendere fiato e lei restava immobile sul video, rabbiosa, a mani conserte attendeva che il mio respiro si regolarizzasse per ripetere il consueto, Sali pedana!, come se fossi stato una bestiola da ammaestrare. In quei momenti avrei preferito che Brigida mi avesse surclassato in modo netto e correndo via mi avesse doppiato, triplicato per poi sparire come un puntino lontano lasciandomi faccia a terra, anziché aspettarmi e mortificarmi,

16 palesare in modo evidente la mia inadeguatezza. E poi, sempre quei flash a immortalare il mio muso gonfio. Era una faccenda tra noi due o meglio, tra me medesimo. Il mio amor proprio e lei, cioè il nulla o forse qualcosa; i suoi silenzi erano scogli contro i quali andavo a naufragare, la R affilata simile a un pugnale mi feriva nell orgoglio e il laser andava sapientemente a colpire non il fisico, ma un sistema emotivo troppo fragile. Persi qualche etto e poi qualche chilo, ma da Brigida non ricevevo alcuna gratificazione. Capivo quanto fosse stupido eppure me ne facevo un cruccio. Io avevo emozioni e istinto, lei no, com era ovvio, ma aveva più cervello e questo non era confortante. Stavo tornando in forma lentamente, ma nonostante il peso diminuisse, io non mi sentivo per niente sollevato. Mi stavo isolando e forse lo avevo sempre fatto, ma esserne consapevole risultava ancor più triste. Io e gli altri, una faccenda mai risolta. Soprattutto, io e me, cos altro avrei potuto aggiungere che nel mio intimo non sapessi già? Sì, sapevo tutto delle mie paure, ma erano questioni celate che stavano bene dov erano, dalla mancanza di fiducia al confronto con gli altri e quella falsa presunzione che mi portava a privare il prossimo della mia compagnia, gli scudi e le difese, l aggressività che per mio compiacimento era riconosciuta da tutti, le sfuriate celebri simili proprio a una R affilata con cui mi infliggevo coltellate e mutilazioni emotive. E quel forte disagio dello stare al mondo. Alla soglia dei sette chili persi, passati quasi undici mesi, all ennesima prova di peso dopo l ennesimo Sali pedana, ora!, il sudore mi calava sugli occhi annebbiando la vista; mi asciugai il viso e restai a guardare lo schermo: Brigida non c era più, Brigida, ero io.

17 LORENA LUSETTI Sotto l'ortensia Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. Ci siamo conosciuti per caso, anzi è più corretto dire per incidente. Ero fermo al semaforo quando lei, arrivando da dietro, mi tamponò con la sua auto. Scese infuriata, soffiando come un toro, mi disse che lo sapevano tutti che quello era un semaforo inutile al quale non si fermava mai nessuno, l'unico fesso che lo faceva ero io. Avrei dovuto capirlo che un inizio così non poteva portare nulla di buono, invece quel giorno lì mi sentivo leggero come una piuma, la primavera entrava nelle mie narici e nel mio cuore: mi innamorai all'istante. Presi il suo numero dalla constatazione amichevole e la richiamai la sera stessa. Cominciammo a frequentarci regolarmente. Andavamo al ristorante al venerdì sera, al mare il fine settimana. Qualche volta siamo andati persino al cinema. Certo il nostro non è mai stato un rapporto facile, ogni volta che partivamo, belli, innamorati e sorridenti, mi chiedevo cosa mai sarebbe successo prima di sera. Perchè succedeva sempre qualcosa che ci rovinava la giornata. Non era colpa sua se aveva un carattere focoso, irrefrenabile. Si infiammava con niente. Il sesso andava bene tra noi, ho sempre apprezzato la sua parte dominante, a volte però la sua irruenza mi creava qualche imbarazzo. Dovevo cercare sempre ristoranti diversi, non c'era cena che non finisse con una sua sfuriata nei confronti del cameriere, del cuoco, del proprietario, con contorno di insulti a loro e tutta la loro famiglia. I motivi erano i più svariati: la carne troppo cotta, poco cotta, il vino annacquato, i bicchieri sporchi, presunti insetti nel piatto, ancora più presunte avances dei malcapitati nei suoi confronti. Quante volte, oltre alla cena, ho dovuto pagare anche i piatti e i bicchieri che Brigida rompeva. Ma queste cose non erano importanti per me, io l'amavo. Mi piaceva ascoltare quel suo modo di parlare un po' esotico, quel suo vezzo di arrotare la erre mi affascinava. L'avrei ascoltata adorante per ore. Certo, finchè la voce non le si spezzava in un urlo rauco. Brigida era fatta così, un tantino

18 irascibile, ma diciamoci la verità, chi non lo è? A tutti noi capita di essere impulsivi, ogni tanto, almeno una volta nella vita. Devo ammettere con vergogna che è capitato anche a me. Persino io che sono così calmo e controllato, che non ricordo di avere mai alzato la voce in vita mia, una volta ho perso la pazienza. Una volta sola. Quella sera eravamo andati al cinema a vedere un film giallo, il mio genere preferito. Lei iniziò ad innervosirsi dopo il primo tempo, quando la persona davanti a noi cominciò a scartare un pacchetto di crackers. Da lì è stato un crescendo di insulti a tutti quelli che mangiavano o bevevano qualcosa, un'apoteosi di urla inferocite, contestate da tutta la sala. Dovemmo uscire prima di scoprire l'assassino. Il servizio d'ordine del cinema ci prelevò quasi a forza dalle nostre poltrone e ci buttò fuori in malo modo. Tutta la sala li applaudì. La mia fidanzata scalciava e soffiava come un gatto. Andammo a casa mia, per terminare la serata con un po' di intimità. Il fatto di non avere visto la fine del film mi aveva però messo di cattivo umore. Questo fece sì che le mie prestazioni non fossero all'altezza delle sue aspettative. Molto al di sotto a dire il vero. Brigida si arrabbiò moltissimo e cominciò ad insultarmi. Quante volte l'avevo ascoltata senza scompormi, era sempre il metodo migliore. Poi si calmava. Mi ero abituato ad assecondarla, blandirla, riportarla a più miti consigli, ormai sapevo affrontare ogni tipo di sfuriata. Ma non quella sera. Continuavo a pensare al film, a come poteva essere andato a finire. Quando dal piano di sotto bussarono sul pavimento per l'ennesima volta, intimandoci un po' di silenzio, le dissi di tacere. Questo la fece arrabbiare ancora di più, così cominciò a tirarmi dietro il servizio di piatti di mamma. Fu a quel punto che avrei fatto qualsiasi cosa pur di fermarla. E lo feci. Ho messo le mani attorno a quel suo collo magro e ho stretto. Che magnifico silenzio. Riesco ancora a sentire la sensazione di sollievo quando smise di urlare. E di respirare. L'ho avvolta nel tappeto e l'ho portata in fondo al giardino. Con la scusa di piantare un'ortensia, che avevo comperato per regalarla a lei, ho scavato una buca e l'ho sepolta lì, con il fiore sopra naturalmente. Era il suo preferito, lei lo pronunciava orrrtensia, in maniera adorabile. Il giorno dopo tutto il condominio mi ha fatto i complimenti per la bella pianta fiorita che avevo messo in quel punto del cortile. Ci stava tanto bene. Da allora non ho mai smesso di prendermi cura di lei: l'annaffio, le parlo, le tolgo le foglie secche. E' cresciuta bella e rigogliosa. Fino ad oggi. Ieri notte si è rotto un tubo dell'acqua e oggi gli addetti stanno facendo un buco che corre per tutto il giardino nell'intento di riparare il guasto. La scavatrice è al lavoro, sono ore che si sente quel suo

19 rumore: rrr, rrr. Mi ha ricordato il modo di pronunciare la erre che aveva Brigida. Fra poco arriveranno all'ortensia, non c'è niente che io possa fare per fermarli: la troveranno. Non posso fare altro che rimanere qui sulla panchina a guardarli lavorare. Rrr rrr. Ormai ci sono. Forse è lei che li ha chiamati. Dentro di me l'ho sempre saputo che si sarebbe fatta sentire anche da lì.

20 ANNA ZUCCHINI La seta bianca Brigida aveva un difetto di pronuncia. In realtà non si trattava proprio di un difetto, era una specie di distorsione che caratterizzava il modo in cui pronunciava la r. Non era moscia alla francese, né tanto meno una evve di sapore intellettuale; Brigida riusciva ad arrotare quella consonante fino a farla diventare tagliente; una r affilata che dava ancor più enfasi alle sue sfuriate, quando si arrabbiava. E Brigida si arrabbiava spesso. Poco prima del matrimonio, poi, era inavvicinabile. La camera che sarebbe stata degli sposi, e che occorreva sistemare, la preoccupava più di ogni altra cosa. Fino al giorno delle nozze avrebbe continuato ad essere la camera da letto dei genitori, ma dalla notte del quattro novembre, data sospirata, sarebbe stata la sua e di Pompeo. Bisognava provvedere, nel frattempo, a spostare le poche cose della mamma e di Alfonso, il babbo, dall armadio della loro stanza al comò dell altra piccola camera. La Gigina e Alfonso avevano facce così lunghe nell assistere al trasloco casalingo che si sarebbe potuto pensare fossero stati condannati all esilio. Il confino in questione era solo però di là dal tramezzo: tutto l appartamento era sessanta metri, e se si contava anche il piccolo terrazzino sul cortile. La semplicità dell arredo e la povertà di suppellettili denunciavano che la guerra era finita da poco e che il superfluo, se mai c era stato, se l erano portato via i bombardamenti e i continui sfollamenti. Si era salvato, per fortuna, il bell armadio che in gioventù Alfonso, provetto falegname, aveva costruito, e che ora Brigida, tra un borbottio e l altro della madre, andava stipando. Perché Brigida una ricchezza l aveva, quella delle sue mani. E dalle sue mani, negli anni, erano usciti i più begli abiti che alla Barca si fossero visti. Le amiche, del cortile prima, della passeggiata della domenica dopo, per quella sua eleganza nel vestire la invidiavano e talvolta la corteggiavano con la speranza, magari, di ottenere un capo da lei cucito. Brigida, caratteraccio sì, ma anche generosa, non scontentava nessuno. Per la Mafalda aveva confezionato un cappotto da una vecchia coperta ritenuta ormai inutilizzabile e ottenendone un risultato da copertina de L almanacco della donna. Alla Cesarina aveva

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Storie di NONSODOVE (6)

Storie di NONSODOVE (6) Storie di NONSODOVE (6) di Giovannella Massari Quando raccontò ai figli la sua avventura nel bosco, tutti i ragazzi, Pollicino compreso rimasero affascinati e quasi increduli. - Allora esistono davvero!

Dettagli

1. Adolescenza e consapevolezza

1. Adolescenza e consapevolezza 1. Adolescenza e consapevolezza Riflessione E-ducazione (portar fuori) ed evoluzione La consapevolezza: conoscersi per autoeducarsi Il distacco dalle sicurezze dell infanzia Individuarsi: le mie attese,

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli