comune di albignasego provincia di padova bilancio sociale edizione 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "comune di albignasego provincia di padova bilancio sociale edizione 2008"

Transcript

1 comune di albignasego provincia di padova bilancio sociale edizione 2008

2 Sommario Introduzione 3 I cittadini, il Comune, le risorse 4 L andamento demografico 5 Comunicazione 7 Partecipazione 9 Gli sportelli 11 Chi governa 13 Risorse umane e organizzazione 16 Le risorse economico - finanziarie 19 Istituzione per la gestione dei servizi sociali 23 I servizi alle persone2 4 Famiglia e bambini 25 Anziani 34 Giovani 37 Diversamente abili 38 Cultura 40 Sport 45 Sicurezza 47 I servizi al territorio 52 Ambiente e programmazione urbanistica 53 Mobilità e trasporti 59 Attività economiche 64

3 Introduzione Questa 5 edizione del Bilancio Sociale del Comune di Albignasego si colloca fra due consiliature. Nel senso che questo documento rendiconta sì quanto fatto dalla precedente Amministrazione per gli albignaseghesi in un anno di gestione amministrativa, ma allo stesso tempo esso è redatto e presentato dalla nuova Amministrazione insediatasi nell aprile di quest anno. In quest ottica assume un significato particolare. Perché innanzitutto vuole essere segno di continuità fra le due Amministrazioni. In secondo luogo perché vuole testimoniare l impegno assunto dalla nuova Amministrazione di continuare il dialogo con i cittadini attraverso una molteplicità di canali comunicativi, indicando come strumento privilegiato la redazione del Bilancio Sociale. Questa pubblicazione illustra, come è noto, in modo semplice e chiaro le attività realizzate dal Comune, dando conto, a garanzia di una maggiore trasparenza, di come sono state impegnate le risorse pubbliche. Insomma la sua finalità è quella di presentare un quadro completo di quanto il Comune ha realizzato nell arco di dodici mesi nei vari ambiti di sua competenza. Non solo, ma la continuità del documento offre l opportunità di comparare dati e informazioni permettendo così ai cittadini di formulare le proprie valutazioni sull operato dell Amministrazione comunale. Quindi se da un lato rappresenta un irrinunciabile strumento di comunicazione esterna e di partecipazione rivolto ai cittadini, siano essi imprese, famiglie, associazioni o altre categorie di interlocutori, dall altro rappresenta anche un fondamentale strumento di comunicazione interna perché permette all organizzazione dell ente di vagliare le proprie azioni, interrogarsi sulla validità delle strategie poste in essere, valutare i risultati raggiunti, prendere cognizione degli obiettivi conseguiti. E tutto questo da un punto di vista particolare: quello dei cittadini. Perché come è consueto questo documento tenta di rispondere ad una domanda di fondo: cosa ha fatto l Amministrazione per ciascuna categoria di portatori di interessi? Ma la continuità della pubblicazione, come dicevo innanzi, permette di cogliere il filo che inevitabilmente lega tutto l operare amministrativo, soprattutto quando si tratta di interventi che per la loro complessità richiedono un iter particolarmente lungo. Il Bilancio Sociale permette così di cogliere il percorso che partendo dalla fissazione degli obiettivi passa alla progettazione e ancora al finanziamento e poi all appalto e infine alla realizzazione dell intervento. Senza dimenticare che in questi procedimenti spesso si registrano incidenti di percorso, non dipendenti dalla volontà dell Amministrazione, che ritardano il conseguimento degli obiettivi. Spesso dunque, soprattutto quando si parla di opere impegnative è difficile che un intervento trovi compimento nello stesso anno in cui è programmato. Questo complesso meccanismo che caratterizza l agire amministrativo spesso sfugge a chi sta all esterno. Anche se rappresenta una parte importante del lavoro compiuto dall Amministrazione per soddisfare i bisogni dei cittadini. Nell anno 2007 comunque molti sono stati gli interventi portati a compimento e altrettanti quelli avviati. Basterà ricordare l impegno per migliorare la mobilità degli utenti e la loro sicurezza, con la realizzazione di allargamenti stradali, attraversamenti pedonali protetti, marciapiedi, rotatorie. Gli interventi di razionalizzazione di via Roma, di allargamento delle strada di accesso tra la S.R.7 e S.S 16, la nuova rotatoria tra via Vespucci e la S.S. 16 e le sistemazioni stradali con nuove asfaltature. La riqualificazione globale dei quartieri di S. Tommaso e S. Agostino. La prosecuzione avanzata dei lavori di restauro del complesso architettonico di Villa Obizzi. Altri importanti interventi sono stati avviati come il riassetto idraulico del quadrante ovest del Comune, l ampliamento della Scuola Media Valgimigli, il progetto di recupero dell ex Polveriera, il sistema della videosorveglianza, la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica e l attuazione dei PEEP. Ed altro ancora. Questo grande impegno sul fronte delle infrastrutture è continuato nonostante i pesanti limiti imposti dal governo centrale con il patto di stabilità. Ma se questo è stato l impegno dell Amministrazione sul versante delle opere pubbliche altrettanto importante è stato quello preordinato a rafforzare il nostro sistema di stato sociale con l obiettivo primario di tutelare le famiglie, i bambini, gli anziani, i diversamente abili. Con questa nuova edizione del bilancio sociale il Comune di Albignasego ha vinto un altra sfida e ha definitivamente consolidato una consuetudine di dialogo e comunicazione con i cittadini da non abbandonare. Massimiliano Barison Sindaco di Albignasego

4 I cittadini, il Comune, le risorse

5 L andamento demografico Popolazione Nel 2007 la popolazione residente ad Albignasego ha superato i abitanti. Al 31 dicembre 2007 erano Nel periodo l incremento della popolazione albignaseghese è stato pari all 11,4% sia grazie al positivo saldo migratorio che al positivo saldo naturale. Anno Popolazione residente Nuclei familiari Polonia 1,71% Filippine 1,94% Cina 1,94% Camerun 2,28% Ucraina 3,99% Marocco 6,83% Provenienza degli stranieri residenti Altro 19,70% Albania 12,98% Moldavia 15,38% Romania 33,26% Popolazione straniera residente Stranieri residenti % su popolazione totale 2,84 3,15 4,14 Alla fine del 2007 la popolazione residente straniera è giunta a 878 unità. La percentuale di incidenza degli stranieri sull intera popolazione residente anche se registra un trend in continua crescita è ancora su valori particolarmente contenuti rispetto a quelli registrati da altri comuni della provincia di Padova. Struttura della popolazione Classi d età Popolazione residente Femmine Maschi Rapp. Femmine/Maschi ,046 1,051 Nati Rapp. nati/residenti x ,12 10,02 9, anni anni anni anni anni anni anni e più Stranieri residenti Abitanti Anno La popolazione con 65 anni e oltre continua ad aumentare il proprio peso ed è ormai arrivata al 18,24%. L unica flessione rispetto al 2006 che si registra è quella della popolazione di età conpresa tra i 0 e 10 anni. Il valore dell indice di vecchiaia rimane sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente con 125,39 anziani di 65 anni e oltre per ogni 100 residenti di età 0-14 anni. Sono in crescita anche i 5

6 grandi anziani : gli ultraottantenni, che ad Albignasego sono passati da 475 del 2000 a 878 nel 2007 e sono pari al 4,14% della popolazione. S. Agostino Le famiglie Continua l aumento del numero delle famiglie, che sono arrivate a quota 8302, così come rimane costante la tendenza alla diminuzione della media famigliare, scesa a 2,55 persone per famiglia. I single sono saliti a 2035 e rappresentano il 25,51% del totale delle famiglie. Mandriola Ferri S. Lorenzo S. Tommaso Carpanedo Lion S. Giacomo Nuclei familiari I matrimoni Matrimoni Civili Civili fuori Comune Civili con delega Religiosi nel Comune Religiosi fuori Comune Totale Nel 2007 sono stati celebrati 159 matrimoni (49 civili e 110 religiosi), contro i 152 (32 civili e 120 religiosi) dell anno precedente (si rettificano pertanto i dati riportati nel BS 2007 in ordine alla voce matrimoni civili e civili fuori comune per l anno 2006 nel senso che quelli corretti sono riportati nella tabella sopraevidenziata). Se prendiamo in considerazioneil periodo 1999/2007 ci accorgiamo che a parte l anno 2004 e 2005 il numero totale dei matrimoni celebrati rimane pressochè costante. Natalità e mortalità Rispetto al 2006 diminuiscono di poco i nati mentre aumentano seppur in maniera non rilevante i decessi. Il saldo naturale rimane comunque costante su valori positivi. Anno Nati Deceduti Saldo naturale Movimento migratorio Il saldo migratorio inteso come differenza tra immigrati (o iscritti in anagrafe per movimento migratorio) ed emigrati (o cancellati dall anagrafe per movimento migratorio), è sensibilmente attivo e, con il saldo naturale, ha comportato un graduale aumento della popolazione residente. Anno Immigrati Emigrati Saldo migratorio I quartieri Si riportano come dati di fatto e pertanto senza valore amministrativo, il numero di residenti distinti per quartiere. Quartiere % incremento 2005/2007 Carpanedo ,46% Ferri ,93% Lion ,79% Mandriola ,19% S. Agostino ,17% S. Giacomo ,23% S. Lorenzo ,70% S. Tommaso ,19% Tot

7 Tariffa Pagata Autorizzazione DRT/PTB/PD/UVE3001/PROMOPOSTA/014/2008 valida dal 03/10/2008 Comunicazione Albignasego informa Da ormai un decennio il Comune di Albignasego pubblica il proprio periodico Albignasego Informa con cadenza che fino alla metà del 2008 è stata trimestrale. Ora la rivista ha cadenza quadrimestrale. Albignasego Informa è il principale strumento di comunicazione diretta al cittadino che viene stampato in copie e distribuito a residenti e imprese. Ha recentemente cambiato stile privilegiando argomenti d approfondimento di tematiche d interesse per la comunità e la valorizzazione della realtà locale. Obizzi News Dal 2005 Albignasego Informa è stato affiancato da una newsletter mensile distribuita in formato elettronico agli iscritti sul portale obizzi.it. Dal 2006 la newsletter ha preso il nome di Obizzi News ed oltre alla distribuzione elettronica ne viene pubblicata anche una versione cartacea stampata - fino a giugno in copie e distribuita presso le scuole locali oltre che presso gli ambulatori, il distretto sanitario, la tesoreria, le poste, i negozi e gli uffici comunali. Dall autunno 2008 Obizzi News ha cadenza bimestrale e viene stampata in copie distribuite a tutte le famiglie e imprese di Albignasego. Nella nuova organizzazione dei canali comunicativi attuata a partire dall estate 2008, Obizzi News ha il compito di veicolare le informazioni d attualità che di conseguenza non vengono più incluse in Albignasego Informa. Benvenuti ad Albignasego Il Comune consegna ad ogni famiglia trasferita ad Albignasego un kit composto da una serie di documenti informativi come la descrizione dei servizi comunali, gli orari degli uffici e degli amministratori, delle linee dei trasporti pubblici, informazioni sulle associazioni locali e così via. Nel 2007 sono stati distribuiti circa 800 kit. Ufficio stampa Compito dell Ufficio stampa, costituito nel 2005, è fare da tramite tra l operato dell Amministrazione comunale e la stampa, per garantire quanto più possibile un informazione ai cittadini ampia e corretta. L Ufficio si occupa di redigere comunicati stampa su sollecitazione degli uffici comunali e degli Amministratori. Organizza, inoltre, conferenze stampa : incontri con Obizzi News - Anno 3 n.7 - Pubblicata in Albignasego martedì 7 ottobre 2008 Obizzi News Interventi limitati dalla situazione generale «A risentirne sono tutti i settori comunali: necessario trovare una soluzione col Governo» di Massimiliano Barison, in pesanti sanzioni (di cui la sindaco di Albignasego più sgradevole Papa Paolo VI, pochi mesi prima sarebbe l aumento dell ad- di morire disse: «Vivere nella società non è oggi sempre piacevole: dizionale Irpef ci sono le tasse, ci sono le leggi, ci a carico dei sono tanti scandali, c è una maniera cittadini). Il punto è: pur avendo le di vivere che sembra quasi disturbare chi vuol vivere tranquillo ed onelizzarle, per cui dobbiamo rinuncia- risorse, lo Stato ci obbliga a non utisto. Dobbiamo invece vivere uniti re a piccoli e grandi azioni già programmate. Da luglio è stato anche agli altri anche se questa non è sempre una maniera facile e comoda di diminuito il tetto di spesa, per cui esistenza». E un pensiero che ben abbiamo dovuto rivedere in corso d opera il bilancio approvato l anno riassume le difficoltà a cui quotidianamente siamo chiamati per cercare scorso e legato alla Finanziaria del Piazza del Donatore, il centro di Albignasego. Sulla sinistra si vede il monumento ai Caduti. A fianco, il sindaco Massimiliano Barison 2007, e le entrate previste dall eliminazione dell Ici sulla prima casa, di costruire un futuro solido. Ci siamo quindi dovuti confrontare rio, civilmente e generosamente, ci Queste problematiche si sono con i cantieri, per capire a quali dare dà per il bene pubblico. Abbiamo saranno inferiori del previsto di circa 200 mila euro. particolarmente inasprite negli ultimi anni. Lo vediamo ad ogni livello Purtroppo la difficile congiuntura no a ripianare situazioni debitorie Abbiamo i soldi priorità. chiesto che i nostri soldi non serva- Gli ambiti che ne risentono sono ma non possiamo della nostra vita: nel lavoro, nella economica si fa notare in tutti i settori della società, e bisogna essere chi li ha versati per garantire almeno tutti quelli di competenza comunale. Ad Albignasego, solo per fare come quella di Catania, ma restino a famiglia, nella fatica a far quadrare spenderli il bilancio. Anche per gli amministratori comunali è così. sicurezza col sistema della video- del cimitero, la realizzazione del mento in cui non si può aver tutto, Come Amministrazione, stiamo qualche esempio, parliamo della consapevoli che viviamo in un mo- i servizi minimi. I Comuni italiani, Albignasego sorveglianza, delle assunzioni di vigili, della sistemazione della piazza la palestra di Mandriola. Ma i casi a qualcosa. Come sindaco di Albido di non creare disagi. Ai cittadini parco nel quartiere San Tommaso, ma, anzi, bisogna saper rinunciare tagliando tutto il superfluo, cercan- compreso, sono sottoposti a restrizioni particolarmente invalidanti da centrale, dell arredo di via Roma sarebbero innumerevoli, dalle strade ancora dissestate, ai marciapietadini veneti, qualche settimana fa: bilità, per continuare a costruire una gnasego, mi sono unito ai primi cit- chiediamo comprensione e disponi- parte dello Stato. Tutto ruota attorno al «patto di stabilità», che siamo bili (in particolare verso Carpanedi da sistemare, all illuminazione siamo andati a Roma a chiedere di società coesa, civile, positiva, nono- non ancora sistemato, le piste cicla- tenuti a rispettare per non incorrere do e Casalserugo), l ampliamento pubblica da estendere o potenziare. poter usufruire di ciò che il territostante le difficoltà del momento. Nuovi alloggi da assegnare nei Peep 4 novembre gramma per domenica 2 novembre. Si è deciso di anticipare di due giorni sia per permettere ad un numero di San Lorenzo e San Tommaso Per non dimenticare maggiore di persone di unirsi alle celebrazioni, sia per Si è conclusa la fase iniziale di istruttoria per individuare residenti ed Novant anni fa, in questi giorni, i soldati italiani si arricchire l evento della presenza della Fanfara di Monselice. Insieme all associazione Combattenti e Reduci zazione nei Peep di San Lorenzo e San Tommaso. A giorni i nominati- ex residenti ad Albignasego, interessati all acquisto di alloggi in realiz- apprestavano a portare a compimento quella che fu l ultima guerra del Risorgimento nazionale. L ideale di una di Albignasego, ci troveremo alle ore 9.15 nella chiesa vi della graduatoria saranno comunicati alle imprese assegnatarie, che sola Patria, accarezzato per decenni da pochi illuminati, si stava per materializzare. Tutto è avvenuto a pochi Al termine, sarà depositata una corona d alloro davanti Tommaso, la ditta Belvedere. Numerose le domande pervenute. Su 40 di San Lorenzo per la santa messa in onore dei caduti. sono: per il Peep di San Lorenzo, la ditta Mattioli; per il Peep di San passi da Albignasego, ad una manciata di chilometri, a alla scuola media Bonetto. Ci si dirigerà quindi verso il domande presentate per il Peep di San Lorenzo, sono stati individuati villa Giusti di Padova. Lì il generale Armando Diaz ha monumento ai Caduti, dove assisteremo all alzabandiera e ai discorsi delle autorità. Al termine, sarà offerto, soltanto 14 potranno beneficiare degli alloggi, mentre gli altri rimarranno 22 soggetti nella graduatoria provvisoria. Va tenuto conto che di questi, firmato quell armistizio che ha posto fine a tre anni di lutti. Quest anno ricorre il novantesimo anniversario di come tutti gli anni, un rinfresco sotto agli archi di Villa in graduatoria per eventualmente subentrare in caso di rinuncia dei primi. quei giorni. Per commemorare e onorare la memoria di Obizzi. Per chi desiderasse partecipare anche al pranzo, In riferimento al Peep di San Tommaso, per le 16 case a schiera in fase tutti coloro che ci hanno permesso di vivere cogliendo l associazione Combattenti e Reduci raccoglie le adesioni ogni mercoledì pomeriggio dalle 16 in poi nella di realizzazione, risultano depositate 49 domande. A seguito istruttoria e l importanza della pace, invito tutta la cittadinanza a verifica, risultano collocati in graduatoria provvisoria 33 soggetti. partecipare alla cerimonia che Albignasego ha in pro- sua sede. (m.b.) ECONOMIA Latte crudo, a breve 4 distributori su tutto il territorio di Albignasego Arrivano anche ad Albignasego i distributori alimento vivo, come ad esempio lo yogurt, di latte crudo. La loro operatività è prevista entro fine anno. Saranno collocati in via Tito Livio e della vitalità della flora intestinale. Un altro agisce da stimolante del sistema immunitario in quartiere San Tommaso, in via Caravaggio vantaggio non trascurabile proviene dal prezzo per il quartiere di Sant Agostino, in via 16 Marzo per il quartiere San Lorenzo e cui sono gravati i prodotti del prodotto, che non risentendo dei costi di in via Mascagni nella frazione di Più economico confezionati, si pensi solo a Lion. Il latte crudo è un latte che perché arriva quelli legati al trasposto, si dopo la mungitura non subisce mantiene più basso rispetto a quelli in vendita negli alcun trattamento, viene portato dalla temperatura originaria dall allevamento alimentari. Senza contare i direttamente di 37 a una di 4, per impedire la proliferazione di batteri. A sendo un prodotto a chilo- vantaggi per l ambiente, es- senza aver subito questa temperatura è conferito passaggi metri zero. L utente dovrà nei distributori dov è erogato intermedi solo recarsi al distributore direttamente al consumatore. più comodo munito di una L assenza di trattamenti (pastorizzazione, sterilizzazione o altri trattamenti) permette al latte siglio: non essendo il prodotto omogeneizzato, bottiglia, di plastica o di vetro. Un ultimo con- di mantenere una maggiore quantità di principi conviene agitarlo prima dell uso, in quanto il nutritivi, non altera o diminuisce la presenza grasso presente tende a separarsi e a galleggiare. Va consumato entro due o tre di proteine. Secondo alcuni studi, essendo un giorni. SICUREZZA Sicurezza e sorveglianza del territorio: sono due concetti strettamente correlati, oggetto di particolare attenzione soprattutto negli ultimi tempi. Albignasego da circa un anno ha intensificato la rete di sorveglianza affidandosi ad un istituto di vigilanza privato che affianca la normale attività. In più, nell ultimo periodo è stata rinforzata la sezione di polizia locale: da ottobre l Amministrazione ha stabilizzato due operatori e ne ha integrati altri due, permettendo così di calcolare i turni in modo che possano esserne garantiti cinque serali fino all 1 di notte circa che prossimamente potranno diventare sei di cui cinque fino all 1 e uno fino alle ore 3. Inoltre si sta lavorando per giungere al più presto a firmare un accordo di Unione con il Comune di Casalserugo, per quel che riguarda il servizio di polizia municipale. Se tutto procederà come dovrebbe, dal 1 gennaio 2009 sarà possibile organizzare il servizio i giornalisti sui temi di maggiore rilevanza. Tra i suoi compiti, anche quello di realizzare la pubblicazione trimestrale Albignasego informa, di cui cura in particolare i testi e le modalità dell impaginazione. Fornisce, infine, consulenze su eventuali campagne di comunicazione televisiva e realizza, su richiesta, testi di diversa natura Comunicati stampa Conferenze stampa organizzate Avviso di scadenza delle carte d identità Il Comune di Albignasego da anni avvisa i propri cittadini dell avvicinarsi della scadenza del documento d identità. A seguito delle recenti novità normative, il documento d identità scade non più ogni 5 ma ogni 10 anni. Per quei documenti la cui scadenza è ancora prevista in 5 anni, è necessaria la convalida che può essere effettuata presso lo sportello unico dei servizi al cittadino. 8 Settore Albignasego Presto l Unione con Casalserugo per il servizio di polizia locale associato che permetterà una sorveglianza ancora maggiore. Tutto questo apparato, insieme al lavoro prezioso svolto dai Carabinieri della locale stazione, serve a spiegare i dati forniti dalla Prefettura e relativi agli atti criminosi denunciati, per farne un confronto fra 2007 e 2008 (periodo da gennaio a luglio). 238 i furti avvenuti nel 2008 (ben 366 nel 2007, ossia il 35% in più) di cui 22 in esercizi commerciali (41 nel 2007). Una la rapina del 2008 (rispetto a 4 l anno prima), nessuna estorsione (una nel 2007), otto gli arresti (19 nel 2007), 58 le denunce a piede libero (72 un anno prima). L unico dato preoccupante di una situazione migliorativa è quello relativo alle truffe: le 16 del 2008 (5 in più rispetto al 2007) evidenziano che ci sia bisogno di fare maggiore attenzione, di non fidarsi degli sconosciuti e, se si hanno dubbi, di interpellare immediatamente vigili o carabinieri.

8 Segnalazioni, reclami e suggerimenti Attraverso il servizio segnalazioni, reclami e suggerimenti, i cittadini possono interagire con l Amministrazione per segnalare disservizi e situazioni problematiche o per proporre soluzioni e miglioramenti, nell ottica della partecipazione alla gestione della città. Nel 2007 sono pervenute 207 comunicazioni fra segnalazioni, reclami e suggerimenti, a dimostrazione della sempre maggiore attenzione dei cittadini alla qualità della vita di Albignasego. Gli argomenti più trattati sono la manutenzione delle strade e la segnaletica (42,03%), seguite da verde e ambiente (20,29%), Polizia Locale (8,7%) e pulizia ed igiene ambientale (8,21%). Portale Attivato sul finire del 2002 il portale del Comune (www. obizzi.it) ha conquistato sempre maggior importanza per l attività comunicativa dell Ente. Nel 2007 le pagine visitate sono state circa ( nel 2006). Dopo una prima rivisitazione avvenuta nel 2004, nel 2008 è stato completamente aggiornato sia nell aspetto grafico, sia nella struttura dei contenuti che risultano ora più completi e di più facile fruizione.

9 Partecipazione Bilancio partecipativo Più di venti incontri (ventidue per la precisione), durante tutto il mese di settembre e metà di ottobre, distribuiti su tutto il territorio comunale, nel corso dei quali sono state incontrate centinaia di cittadini, e decine di associazioni in rappresentanza dei consigli pastorali parrocchiali, degli organismi delegati delle scuole, delle attività produttive, dei sindacati. Come per le edizioni precedenti, anche nel 2007 sono stati trattati molteplici interessi, da quelli più generali e riguardanti l intera comunità amministrata, a quelli più particolari che interessano poche categorie di utenti o addirittura poche persone, ma non per questo meno importanti. A tutte le istanze, anche quelle critiche nei confronti dell operato dell Amministrazione, è stata attribuita la giusta attenzione, ed ognuna è stata tenuta in debita considerazione nella predisposizione del bilancio di previsione per l esercizio Nonostante le difficoltà finanziarie derivanti dalla grave congiuntura economica e dalle risorse sempre limitate rispetto ai fabbisogni, circa l ottanta per cento delle necessità evidenziate sono state concretamente attuate o sono in via di realizzazione. Le questioni più dibattute, in quanto ormai ritenute prioritarie per gran parte della cittadinanza, sono state quelle relative alla sicurezza ed alla vivibilità dei quartieri, nonché il problema del traffico soprattutto lungo le direttrici per Padova di Via Roma, Via Risorgimento e Strada Battaglia. Si tratta di questioni rilevanti, spesso non risolvibili dalla sola Amministrazione Comunale, ma alle quali l Ente già dal bilancio 2008 ha riservato ingenti finanziamenti, come per esempio il progetto videosorveglianza, la vigilanza notturna dei quartieri, la realizzazione di rotatorie per migliorare lo scorrimento del traffico lungo le arterie più intasate. Consulta dello sport La Consulta dello Sport è un organo consultivo e di raccordo fra l Amministrazione Comunale ed il mondo dello Sport cittadino ed ha per scopo il perseguimento delle seguenti finalità: 1. avanzare proposte all Amministrazione comunale sulla base della valutazione delle istanze e delle problematiche delle varie realtà sportive; 2. favorire un efficace programmazione di iniziative e progetti per il miglioramento qualitativo della pratica sportiva. E composta dai rappresentanti delle associazioni sportive iscritte nell albo comunale, da rappresentanti del Consiglio Comunale, delle liste di maggioranza, del Coni e dell Usl 16. Nel corso dell anno 2007 la Consulta dello Sport si è riunita 4 volte trattando gli argomenti di interesse delle associazioni sportive, dalla programmazione degli eventi, alle assegnazioni degli spazi e all erogazione di finanziamenti. Incontri nei quartieri Anche nel 2007 l Amministrazione comunale al fine di coinvolgere i cittadini nella gestione della cosa pubblica ha organizzato una serie di incontri pubblici nei quartieri per affrontare le tematiche di maggiore interesse. Gli argomenti trattati vanno dalle problematiche insorte con la programmazione del tracciato della Gronda Sud, al progetto sicurezza, alla programmazione finanziaria e infrastrutturale nei quartieri. Complessivamente sono state effettuate 13 assemblee pubbliche nei quartieri. Tavolo delle associazioni Nel 2006 il Comune ha istituito il Tavolo delle associazioni. Si tratta di un organismo di coinvolgimento e partecipazione del mondo associativo alle decisioni amministrative che riguardano le associazioni. Tale strumento è formato da due organi. Il primo è l assemblea plenaria che è formata da tutte le associazioni iscritte all albo delle libere forme associative del comune. La seconda è la commissione ristretta di coordinamento che risulta composta da 12 rappresentanti delle associazioni che sono scelti da queste ultime mediante apposite elezioni. Qualsiasi scelta fondamentale che l amministrazione intenda assumere in materia di associazioni deve dapprima passare al vaglio del tavolo. Nel 2007 il tavolo si è riunito 12 volte (2 sedute dell assemblea e 10 sedute del comitato). Casa delle associazioni Ultimati i lavori nel 2006, nel marzo del 2007 è stata inaugurata la casa delle associazioni. Tale opera è stata realizzata all interno di un più ampio progetto di sviluppo finalizzato a favorire la crescita dell associazionismo locale. Attualmente la casa delle associazioni ubicata in via Damino Chiesa ospita al piano terra il centro sociale degli anziani mentre al primo piano sono stati assegnati gli spazi alle associazioni iscritte all apposito albo comunale che ne hanno fatto richiesta.

10 Indagini Il Comune di Albignasego al fine di migliorare i servizi resi, svolge indagini di customer satisfaction 8 Settore Albignasego Comune di Albignasego Indagine sulla percezione della sicurezza nel Comune di Albignasego Primo rapporto Dicembre 2006 / Febbraio 2007 Commissione pari opportunità nei confronti dei cittadini. Solitamente, tali indagini vengono svolte con l ausilio di stagisti dell Università di Padova. Nel 2007 sono state svolte due indagini. La prima ha riguardato la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. La seconda, rivolta ai professionisti, ha riguardato il livello di soddisfazione sul servizio di edilizia privata del Comune. Nel Comune di Albignasego è attiva la commissione per le pari opportunità. Si tratta di un organismo che ha lo scopo di promuovere il principio di uguaglianza costituzionale sulla base dei principi individuati nel Codice delle Pari Opportunità previsti dall art. 8 del D. Lgs. 198/2006 e con l intento di realizzare iniziative varie a vantaggio della parità e delle donne in genere. Tra i compiti vi è la presentazione alla Giunta Comunale, entro il 31 ottobre di ogni anno, del programma delle attività. Tra le attività ormai consolidate si possono individuare le seguenti iniziative: il corso di preparazione al parto; la festa della donna (8 marzo); incontri su tematiche di attualità ed interesse per le donne. I corsi di preparazione al parto sono stati realizzati in collaborazione con il distretto socio-sanitario; detti corsi hanno avuto una numerosa partecipazione e soddisfazione finale da parte delle interessate. Nel corso dell anno 2007, in occasione dell 8 marzo sono state organizzate quattro serate esperenziali Donne non solo donne con l associazione La Chiave di Volta. Nello stesso anno quattro serate sono state organizzate dalla Commissione Pari Opportunità anche nel mese di novembre sul tema Salute e lavoro per parlare di autismo, di Thalidomide e di dieta della salute. 10

11 Gli sportelli Lo sportello unico dei servizi al cittadino Da alcuni anni, precisamente dall ottobre 2004, è presente all interno del Comune di Albignasego lo Sportello Unico dei Servizi al cittadino e cioè un unico ufficio a cui, coloro che ne hanno necessità, possono rivolgersi per ottenere informazioni e documentazioni in merito ai vari servizi erogati dall Ente. In tale modo si è inteso semplificare l accesso dei cittadini al Comune, evitare inutili perdite di tempo e stabilire un più stretto contatto con gli stessi. Lo Sportello rilascia moduli e documenti, riceve dichiarazioni, informa su servizi di competenza comunale in particolare anagrafe, scolastici, tributi, sociali, tecnici, reclami e segnalazioni, ma non solo. Allo sportello infatti ci si può rivolgere per espletare pratiche, ricevere informazioni o ritirare modulistica relativa a servizi erogati da altri enti, con cui il Comune ha sottoscritto delle convenzioni, in particolare: INPS: il cittadino può ottenere dallo Sportello documentazione relativa ad estratti conto contributivi, redditi percepiti dai pensionati o assicurati nell anno precedente, importo delle rate di pensione che si percepiscono nell anno in corso. Particolarmente utile per i cittadini dipendenti di ditte private è la possibilità di consegnare allo sportello, in caso di malattia, il certificato medico, anziché portarlo direttamente all INPS o spedirlo tramite raccomandata AR.. ENEL: lo Sportello unico è anche un Qui Enel presso il quale si possono concludere una serie di operazioni per l erogazione dell energia elettrica quali attivazione o cessazione di utenze, cambi di piani tariffari, subentri ecc. INFORMALAVORO: ovvero uno sportello decentrato del Centro per l Impiego della Provincia di Padova al quale ci si può rivolgere ad esempio per consegnare le dichiarazioni di disponibilità al lavoro, ad effettuare tirocini e stage, con relativo inserimento dei dati nel sistema informativo. CVS: dal mese di settembre 2007 lo sportello unico si è arrichito di un nuovo servizio. All interno dello stesso spazio infatti è stato ricavato anche il punto cliente del Centro Veneto Servizi Spa per l erogazione delle prestazioni afferenti i rifiuti solidi urbani, l acquedotto e la fognatura. Dall inizio del 2007 lo sportello ha aperto un altro punto presso l ex casa Calore a S. Agostino, dove chi è più comodo può recarsi il mercoledì ed il venerdì dalle 9.00 alle 13.00, ed ottenere tutto quello che fino ad ora si può richiedere presso la sede principale (ad esclusione dei servizi offerti dallo sportello Informalavoro) Utenze dello sportello Utenza media giornaliera Dichiarazioni ISEE emesse Calcoli ICI effettuati Carte d identità rilasciate Utenza sportello ,4 181 Informalavoro media mensile Certificati malattia ritirati per conto dell INPS media mensile

12 Sportello catastale decentrato Nel 2004 il Comune di Albignasego ha sottoscritto con l Agenzia del Territorio (ex Catasto) di Padova un protocollo di intesa per l attivazione di uno sportello catastale decentrato. Il servizio (attivo dal 21/10/2004) è ormai consolidato ed in continua crescita; infatti anche nel corso del 2007 ha registrato un forte incremento di utenti (*oltre il 30% rispetto al 2006) che richiedono visure ed estratti di mappa catastali. Recentemente, con delibera del C.C. n. 75 del 27/09/2007 il Comune ha altresì aderito alla proposta fatta dal Comune di Padova per l istituzione del Polo Catastale decentrato e per l esercizio in forma associata e coordinata delle funzioni catastali designando altresì il Comune di Padova quale Comune capofila per gli adempimenti previsti Utenze Visure Estratti di mappa Sportello dell edilizia e delle attività produttive produttive si intendono tutti i servizi dell ufficio edilizia privata più gli sportelli per l utenza. Accanto ai consolidati servizi offerti, da alcuni anni, è stata attivata la possibilità per cittadini e professionisti di consultare direttamente on-line lo status delle pratiche presentate. Attualmente è in fase di implementazione ed organizzazione lo sportello unico delle attività produttive che dovrebbe avviare con tutte le potenzialità offerte dalla normativa vigente, le proprie attività entro il primo semestre del domande P.d.C P.d.C. rilasciati dinieghi Sedute comm. edilizia Sedute comm. edilizia Integrata Aut. Amb D.I.A Condoni rilasciati P.d.L P.d.R Con Sportello unico dell edilizia e delle attività

13 Chi governa Il Sindaco Massimiliano Barison E stato eletto Sindaco di Albignasego al primo turno nelle elezioni amministrative del 2008 con il 67,80 % dei voti. Il Sindaco è il Responsabile politico dell Amministrazione comunale. Eletto direttamente dai cittadini, resta in carica 5 anni. Per il mandato in corso sono di sua diretta competenza: Rapporti istituzionali - Lavori pubblici - Infrastrutture - Edilizia residenziale pubblica - PEEP - organizzazione generale - Risorse umane. La Giunta La Giunta è l organo di governo del Comune, in collaborazione con il Sindaco, che la presiede. E composta da 7 assessori, di cui uno è Vicesindaco. Nel corso del 2007 si è riunita ufficialmente 64 volte ed ha assunto 181 deliberazioni. La Giunta, nominata nell aprile del 2008, oltre al Sindaco è attualmente formata dai seguenti assessori: Filippo Giacinti Vicesindaco e assessore alla Programmazione finanziaria e bilancio Tributi e tariffe Politiche per la partecipazione attiva dei cittadini Rendicontazione sociale Bilancio partecipativo Lavoro Attività economiche, commerciali e produttive Mercati e piazze commerciali Sicurezza Polizia Municipale Comunicazione, informazione ed innovazione Informatizzazione degli uffici Promozione del dialogo tra i quartieri. Federico Alati: Assessore alle Politiche per la famiglia Servizi Sociali Emergenza abitativa Politiche per i bambini, per i giovani, per gli anziani Centro sociale anziani Presidenza del Tavolo per l integrazione dei disabili Presidenza del Tavolo per l integrazione degli immigrati Politiche per i disabili e per gli immigrati Affari Legali - Edilizia privata. Filippo Montin: Assessore all Ambiente Verde pubblico Politiche per la promozione del risparmio energetico e per l uso di energie rinnovabili Protezione Civile Tutela dei consumatori. Elisabetta Donola: Assessore alla Cultura Spettacoli Servizi Bibliotecari Pinacoteca dell Acquarello Pari Opportunità Recupero e valorizzazione delle tradizioni locali Identità veneta Gemellaggi. Enrico Bado: Assessore al Patrimonio Espropri Trasporti Ater Archivio e protocollo Servizi demografici Sistema catastale comunale. Gregori Bottin: Assessore alle Iniziative per lo sport Associazioni sportive Gestione impianti sportivi Presidenza Consulta dello Sport Presidenza del Tavolo delle Associazioni Gestione Casa delle Associazioni 13

14 Programmazione, organizzazione e coordinamento delle manifestazioni sportive. Carlo Guglielmo: Assessore ai Servizi scolastici - mense scolastiche - trasporto scolastico - progetti con le scuole - sicurezza negli ambienti scolastici - asilo nido - razionalizzazione della mobilità veicolare nei quartieri - piano delle piste ciclabili e mobilità ciclabile - fattibilità realizzazione rotatoria statale 16 Ponte della fabbrica - ampliamento spogliatoi Impianti sportivi Carpanedo. Il Consiglio Comunale Il Consiglio Comunale è l organo di indirizzo e controllo politico-amministrativo. Il Consiglio è composto dal Sindaco e da 20 consiglieri, che eleggono il proprio Presidente. L attuale Consiglio comunale è stato eletto dagli albignaseghesi nell aprile 2008, contestualmente all elezione del Sindaco ed è presieduto da Fabrizio Malachin (PDL). Vicepresidente del consiglio invece è il consigliere Andrea Canton (PD). Nel 2007 si è riunito 11 volte discutendo 110 proposte di deliberazione e 3 mozioni. Popolo della Libertà Fabrizio Malachin, Davide Mauri, Simone Littamè, Lorenzo Calore, Mario Nuvoletto, Ezio Piovesan, Antonio Milanetto, Vincenzo Suma, Federico Vegro, Carlo Guglielmo Lega Nord Moreno Callegaro, Mauro Pittarello UDC Maurizio Falasco Albignasego dei cittadini Alessandro Carlotto Lista Casale Donato Olindo Partito Democratico Giuseppe Zamarin (Candidato Sindaco non eletto), Andrea Canton, Chiara Pittelli, Mirco Cecchinato, Luca Michelotto 14

15 All interno del Consiglio Comunale sono istituite 5 Commissioni Consiliari, ciascuna composta da quattro consiglieri con il compito principale di esprimere pareri consultivi nelle proposte di deliberazione da sottoporre all esame del Consiglio. Nel 2007 le commissioni si sono riunite 44 volte. 1 commissione Presidente: Maurizio Falsco Vicepresidente: Giuseppe Zamarin Componenti: Davide Mauri, Mario Nuvoletto, Maurizio Falasco, Giuseppe Zamarin Competenze: Affari Generali, Servizi Demografici, Servizi Cimiteriali, ATER, Pari Opportunità, Sport, Polizia Municipale, Sicurezza, Sistemi Informatici, Comunicazione, Partecipazione, Innovazione; 2 commissione Presidente: Mauro Pittarello Vicepresidente: Chiara Pittelli Componenti: Vincenzo Suma, Simone Littamè, Mauro Pittarello, Chiara Pittelli. Competenze: Politiche per la famiglia, Servizi Sociali, Servizi Scolastici, Asilo Nido, Cultura, Servizi Bibliotecari, Manifestazioni, Rapporti con l Istituzione; 3 commissione Presidente:Canton Andrea Vicepresidente: Donato Olindo Componenti: Ezio Piovesan, Alessandro Carlotto, Olindo Donato, Andrea Canton. Competenze: Bilancio, Tributi e Tariffe, Programmazione, Risorse umane; 4 commissione Presidente: Federico Vegro Vicepresidente: Luca Michelotto Componenti: Federico Vegro, Antonio Milanetto, Moreno Callegaro, Luca Michelotto. Competenze: Infrastrutture, Lavori Pubblici, Manutenzioni, Parchi, Verde Pubblico, Ambiente, Politiche per la Promozione del Risparmio Energetico, Protezione Civile, Trasporti; 5 commissione Presidente: Lorenzo Calore Vicepresidente: Mirco Cecchinato Componenti: Lorenzo Calore, Ezio Piovesan, Severino Marchioro; Mirco Cecchinato. Competenze: Urbanistica, Edilizia Privata, Patrimonio, Edilizia Residenziale Pubblica, Sistema Catastale Comunale, Attività Commerciali, Economiche, Produttive; 15

16 Risorse umane e organizzazione 16 Il personale Gli obiettivi programmatici in materia di gestione delle risorse umane sono volti al miglioramento dell efficienza dei servizi erogati, all implementazione di nuovi sistemi di organizzazione del lavoro e ad un costante incremento nell utilizzo delle nuove tecnologie. Tali obiettivi sono conseguiti mediante la valorizzazione e il coinvolgimento delle risorse umane, la formazione permanente, l assunzione di responsabilità e la valutazione dei risultati mediante l introduzione del controllo interno. L attuale consistenza della dotazione organica risente tuttavia dei limiti posti a livello legislativo nell acquisizione del personale, anche se nel corso del 2007 si è provveduto a stabilizzare alcuni dipendenti assunti a tempo determinato, e resta quindi ancora al di sotto la soglia minima stabilita a livello normativo in funzione della popolazione residente. Personale a tempo indeterminato (di cui in regime di part-time) (13) 70 (12) 77 (11) Personale a tempo determinato Totale Nelle tabelle seguenti sono riportate le caratteristiche del personale in servizio per categorie professionali, genere, residenza, età e titolo di studio. Analisi per categorie professionali cat. A cat. B cat. B cat. C cat. D cat. D totale Analisi di genere Femmine Maschi Totale Analisi per residenza Residenti nel Comune Residenti in altri Comuni totale Analisi per età Tra i 20 ed i 30 anni Tra i 31 e i 40 anni Tra i 41 e i 50 anni tra i 51 e i 60 annit Oltre i 60 anni Totale Analisi per titolo di studio Licenza scuola dell obbligo Diplomati Laureati La spesa complessiva ammonta per l anno 2007 ad euro con un lieve decremento rispetto all anno precedente pari al 2,17%. Spesa per il personale (in migliaia di euro) Spesa La formazione Al fine di migliorare l efficienza dei servizi erogati ai cittadini anche nel corso del 2007 sono state investite specifiche risorse nella formazione e nell aggiornamento professionale del personale dipendente, utilizzate mediante l accesso a corsi di formazione tenuti sia all esterno dell ente sia presso la sede comunale. In particolare, sono stati organizzati corsi interni, aventi ad oggetto la normativa in materia ambientale, i contratti e gli appalti, l inglese avanzato finanziati con le risorse provenienti dalla Regione Veneto nell ambito degli obiettivi previsti dal Fondo Sociale Europeo. Corsi di formazione Corsi interni programmati 15 6 Corsi interni realizzati 7 7 Dipendenti che hanno partecipato ai corsi interni Dipendenti di altri Comuni che hanno partecipato ai corsi interni Corsi organizzati da altri Enti 26 33

17 Albignasego Dipendenti che hanno partecipato a corsi esterni Spesa complessiva sostenuta per la formazione Introiti derivanti dalla partecipazione di dipendenti di altri Comuni ai corsi interni La comunicazione interna Il Comune di Albignasego investe molto anche sulla comunicazione interna con lo scopo di costruire un sistema di relazioni costante fra l organizzazione e le persone che la compongono. Il fine che l Amministrazione Comunale si propone è quello di coinvolgere e motivare tutti coloro che operano all interno dell Ente, rendendoli consapevoli degli obiettivi, dei progetti e dei cambiamenti in corso. Gli strumenti adottati per la comunicazione interna sono: Newsletter interna Intranet Newsletter per gli uffici del Comune di Albignasego A cura della Direzione Generale e dell 8 Settore sistemi informativi e progetti innovativi dal Comune Guglielmo Carlo è il nuovo assessore Anno 4 - Numero settembre 2008 Riorganizzazione degli uffici e dei servizi La Giunta Comunale ha avviato la procedura per la riorganizzazione degli uffici e dei servizi con l approvazione di due importanti provvedimenti. Il primo con il quale si dà inizio al procedimento per la costituzione di un unione con il Comune di Casalserugo per la gestione in forma associata del servizio di polizia locale ed altri servizi integrativi. Il secondo che avvia la procedura per il trasferimento all istituzione dei servizi sportivi. Con il primo obiettivo l Amministrazione Comunale intende organizzare il servizio di polizia locale avviando una collaborazione con gli altri comuni. E questo in conformità alle indicazioni regionali che hanno delimitato il territorio provinciale in raggruppamenti di comuni (settori territoriali) con il fine di ottimizzare il servizio. Il secondo obiettivo è quello di completare i servizi affidati all Istituzione per la gestione dei servizi sociali affidando a questo organismo anche quelli sportivi. Secondo il disegno organizzativo sviluppato da questa Amministrazione all Istituzione competono tutti i servizi alla persona. E quindi a fianco ai servizi sociali in senso stretto, a quelli culturali e scolastici, non possono mancare quelli sportivi. Questo permetterà di evitare duplicazioni gestionali (si pensi ad esempio al coordinamento e alla programmazione delle attività con le associazioni) e favorirà il conseguimento di importanti economie organizzative. Prossimamente verrà avviato anche il procedimento per la ristrutturazione generale degli uffici e servizi del Comune che fisserà i punti fondamentali del nuovo assetto strutturale di questo Ente. Istituzione per la gestione dei servizi sociali Assessorato alla Cultura 17 ottobre - Piccola Bottega Baltazar Poco Tempo, Troppa Fame - Spettacolo in Omaggio a Fabrizio De Andrè 8 Settore Albignasego Newsletter interna Il Sindaco Il Sindaco con decreto in data 29 settembre ha nominato Carlo Guglielmo nuovo assessore del Comune di Albignasego. Al neo assessore sono state conferite le seguenti deleghe: servizi scolastici, mense scolastiche, trasporto scolastico, progetti con le scuole, sicurezza negli ambienti scolastici, asilo nido, razionalizzazione della mobilità veicolare nei quartieri, piano delle piste ciclabili e mobilità ciclabile, fattibilità realizzazione rotatoria sulla statale n.16 (ponte della fabbrica), ampliamento spogliatoi impianti sportivi di Carpanedo. Con lo stesso provvedimento sono state stralciate all ass. F. Alati le corrispondenti deleghe ai servizi scolastici aggiungendo fra gli altri referati rimasti quello all edilizia privata. Nuovo consigliere A seguito della nomina ad assessore di Carlo Guglielmo, il Consiglio surrogherà quest ultimo con Severino Marchioro. Rinnovata la convenzione con ENEL In data odierna, sarà firmata tra ENEL ed il Comune di Albignasego il rinnovo della convenzione per la fornitura di servizi ai cittadini. L Amministrazione ha deciso di continuare la collaborazione con ENEL in virtù del forte gradimento del servizio da parte dell utenza. Appuntamento in Villa Obizzi 7 novembre - Calicanto Musica Tradizionale Veneta e Nord Adriatica Il libro del mese II matto affogato è uno speciale scacco matto in cui il re è messo in condizione di non potersi più muovere non perché minacciato dai pezzi avversari ma perché circondato dai pezzi propri. È quel che succede a Giovanni, il protagonista di questo romanzo, un manager teatrale tutto assorbito dai piccoli e grandi imbrogli che hanno sempre caratterizzato la sua vita. Solo che, questa volta, la partita si mette in maniera tale che, mossa dopo mossa, sembra proprio che per lui non ci sia scampo. Tragicommedia sicula? Lo stesso autore afferma che in realtà la Sicilia c entra e non c entra. Il protagonista, in effetti, è una emanazione di una certa italianità. Un po Don Giovanni, un po Cagliostro... Roberto Alajmo, La mossa del matto affogato, Mondadori personale Al via le selezioni per le progressioni verticali Sono state nominate le commissioni per le selezioni verticali bandite da questo comune. Ora le commissioni dovranno stabilire il calendario delle prove che molto probabilmente si svolgeranno nel mese di ottobre. Nuove assunzioni Nell ultima seduta la Giunta Comunale ha aggiornato il programma delle assunzioni per il triennio 2007/2009. Il provvedimento riaggiusta il 28 novembre - Lake District L Amore, la Guerra e sotto i Piedi i Piedi i Fiori d Irlanda - Spettacolo in Musica Newsletter interna 24 ottobre - Oncle Archibald Gipsy Jazz, Gipzy Swing, Swing Manouche, Parisian Swing: Musica Gitana e Jazz anni ottobre - Antiqua Celtica Musica Celtica 14 novembre - Enzo Crotti: Think Blue Duo Musica Jazz 21 novembre - Di.Ples Musica Balcanica 5 dicembre - La Manifattura Mi Ritorni in Mente. La Musica di Battisti per una Storia d Amore. Reading Teatralizzato con Musica dal Vivo 12 dicembre - Mellano Compadres Flamenco Serata Flamenco. Musica e Danza La newsletter per i dipendenti è uno strumento che permette di comunicare al personale progetti, obiettivi, novità, informazioni che riguardano l organizzazione interna e i principali eventi del Comune, oltre che fornire un veicolo per divulgare materie di interesse generale fornendo spunti per ulteriori approfondimenti. Particolare attenzione viene riservata alla formazione con la rubrica delle novità normative e giurisprudenziali. Intranet Il Comune dispone di un importantissimo strumento di comunicazione interna: l intranet. Uno spazio destinato a fornire informazioni, comunicazioni e servizi utili ai dipendenti comunali. Il sito intranet due anni fa è stato completamente rivisitato utilizzando lo strumento opensource Joomla su piattaforma LAMP (Linux/Apache/Mysql/Php). Firma digitale Da ormai quattro anni la struttura organizzativa dell Ente utilizza la firma digitale. Un progetto sperimentale ha permesso di mettere nelle condizioni tutti i responsabili dei settori di ottenere familiarità con lo strumento. Attraverso l utilizzo della firma digitale - tra l altro - vengono effettuati acquisti tramite market place per la Pubblica Amministrazione di Consip, vengono firmate tutte le determinazioni dei Responsabili dei Tutti gli spettacoli si terranno in Villa Obizzi a partire dalle ore Ingresso gratuito con prenotazione. Info e prenotazioni Biblioteca Comunale Tel settori nonchè i mandati di pagamento e le reversali di incasso. Programmazione operativa (Piano esecutivo di gestione) e controllo di gestione Nel corso del 2007 si è consolidata l attività di controllo sullo stato di attuazione degli obiettivi e delle attività del Comune. L attività di controllo è stata posta in essere non solo in riferimento agli obiettivi di legge, ma anche in relazione agli obiettivi dell Amministrazione comunale assegnati ai Settori organizzativi del Comune e all Istituzione per la gestione dei Servizi Sociali. A partire dal 2005 il Piano Esecutivo di Gestione (che contiene tutti gli obiettivi da realizzare nel corso dell anno) è stato informatizzato: il Piano degli obiettivi e il Piano delle attività strutturali, oltre ad essere redatti come documento cartaceo, sono stati riportati in un software, collegato in rete. Ogni obiettivo di sviluppo e ogni attività consolidata assegnata ai Responsabili di Settore è descritta con specifiche schede contenenti le seguenti indicazioni: un n di codice e denominazione, l appartenenza ad un centro di responsabilità, una parte decrittiva che sintetizza l obiettivo o l attività, il collegamento ai programmi e ai progetti nei quali si articola il 17

18 programma di governo e la relazione previsionale e programmatica, una pesatura che indica in misura percentuale il valore e grado di importanza dell obiettivo o dell attività nell ambito del centro di responsabilità al quale appartiene, una serie di indicatori misurabili che permettono di rilevare i risultati quantitativi di una certa attività o servizio confrontandoli rispetto a valori attesi predeterminati, un planning che scandisce le fasi temporali di realizzazione di un intervento, le risorse economiche attibuite e le risorse umane assegnate con l indicazione della percentuale di tempo-lavoro impiegata per lo svolgimento dell attività. Grazie alla informatizzazione di tale documento sono le stesse risorse umane assegnate alle varie attività e/o obiettivi a provvedere all aggiornamento periodico delle schede inserendo trimestralmente i dati maturati negli indicatori e/o caricando le fasi temporali raggiunte, provvedendo altresì ad inserire le motivazioni di eventuali scostamenti fra risultati conseguiti e valori attesi e le ragioni di eventuali ritardi nel raggiungimento di un obiettivo. Le informazioni e i dati raccolti sono inseriti nel report periodico trimestrale con il quale si provvede a dare conto dello stato di attuazione delle attività strutturali e degli obiettivi strategici, nonché dell efficacia, efficienza ed economicità dell azione intrapresa, ai Responsabili di Settore, agli Amministratori e al Nucleo di valutazione. L attività di controllo e di analisi degli scostamenti, concomitante all attuazione delle attività strutturali e degli obiettivi strategici, costituisce un valido supporto alla gestione e consente di individuare azioni correttive che hanno lo scopo di riorientare l azione amministrativa verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati. 18

19 Le risorse economico - finanziarie Le risorse finanziarie L obiettivo della progressiva riduzione della spesa pubblica perseguito dal governo centrale ha imposto anche per l esercizio 2007 numerosi vincoli alle amministrazioni locali, i quali sono stati spesso oggetto di continui aggiustamenti normativi e in tal modo hanno fortemente condizionato l attività di programmazione delle entrate e delle spese al fine di garantire gli equilibri di bilancio e il rispetto dei parametri previsti dal patto di stabilità. In particolare, in previsione di maggiori entrate tributarie connesse ad alcune tipologie di fabbricati, si è registrata una riduzione dei trasferimenti ordinari calcolata in modo proporzionale per tutti gli enti, senza tener conto di indicatori di virtuosità rilevabili nella gestione dei singoli bilanci. Considerata tuttavia la difficile congiuntura economica determinata dal costante aumento dei prezzi dei generi di primaria necessità, l amministrazione comunale ha ritenuto di non aumentare il grado di pressione fiscale, ricercando invece fonti di finanziamento alternative, e di perseguire una politica di risanamento del bilancio riducendo il ricorso all indebitamento. Sono stati così mantenuti inalterati i livelli dei servizi erogati ai cittadini e garantiti costanti investimenti in infrastrutture pubbliche mediante il contenimento delle spese di funzionamento dell Ente, una costante attività di recupero dell evasione tributaria e la dismissione del patrimonio immobiliare non più utilizzabile per le finalità istituzionali dell ente. Riepilogo generale delle entrate (in migliaia di euro) tributarie contributi e trasferimenti extratributarie alienazioni, trasferimenti di capitale, riscossione di crediti accensione di prestiti servizi per c/ terzi totale Con riferimento ai dati esposti nella tabella, si assiste anche nel 2007 ad un costante aumento delle entrate tributarie, in particolare quelle derivanti dall imposta comunale sugli immobili e dall addizionale IRPEF, accertate per un importo aggiuntivo di 890 mila euro rispetto all anno precedente. Il relativo dato risente tuttavia della diversa collocazione degli introiti derivanti dalla compartecipazione all IRPEF, prevalentemente contabilizzata nell esercizio di riferimento tra i contributi e i trasferimenti correnti dello Stato in base alle disposizioni previste in materia di contabilità pubblica. Analogamente le entrate extratributarie registrano un incremento dovuto all aumento dei versamenti per violazioni amministrative, diritti di segreteria e la gestione dei fabbricati e terreni dell ente. Per quanto riguarda le risorse derivanti da alienazioni e da trasferimenti in conto capitale si nota un trend negativo dovuto al graduale completamento del programma delle alienazioni, con conseguente minor valore dei beni comunali ceduti nel corso dell anno, e alla contrazione dei fondi erogati dallo Stato. Gli investimenti sono stati garantiti compensando le minori entrate in conto capitale mediante l accensione di mutuo destinato al miglioramento della viabilità (pista ciclabile Mandriola - S. Agostino). Entrate correnti (in migliaia di euro) tributarie contributi e trasferimenti extratributarie totale Le prime tre voci di entrata del bilancio costituiscono le cosiddette entrate correnti destinate cioè a sostenere prevalentemente le spese di ordinario funzionamento dell Ente, in particolare gli acquisti di beni e servizi, il personale e gli interessi sui prestiti contratti. Oltre ai tributi propri del Comune, vi sono poi i finanziamenti provenienti dalla Regione e dallo Stato per le funzioni da queste delegate a livello locale e i proventi delle tariffe versate per la fruizione dei servizi pubblici e del patrimonio comunale. Come si può notare dai valori riportati tuttavia l indice Euro pro-capite Pressione fiscale Albignasego 380,83 301,56 331,49 298,64 Veneto 434,99 Italia 436,66 Nostra Classe demografica 435,00 Anno 19

20 20 di autonomia finanziaria, ossia il valore che rappresenta la capacità di provvedere alle spese di funzionamento con risorse proprie dell Ente rimane anche nel 2007 elevato, tenuto conto di una diversa collocazione della quota di compartecipazione all IRPEF. Indice di autonomia finanziaria (in migliaia di euro) Anno Entrate proprie Entrate derivate % Entrate correnti totali , , , Le fonti di entrata di parte corrente possono inoltre essere distinte per imposte e tasse versate dai cittadini, per tariffe derivanti dall utilizzo di servizi e beni comunali, o per trasferimenti e contributi dello Stato e di altri Enti Pubblici. Entrate tributarie (in migliaia di euro) Ici Recupero evasione Ici Recupero evasione tarsu Imposta sulla pubblicità Tosap Pubbliche affissioni Addizionale Enel Addizionale Irpef Compartecipazione Irpef Altre entrate tributarie Permessi a costruire totale Nella tabella relativa alle entrate tributarie si distingue l incremento del gettito derivante dall imposta comunale sugli immobili, frutto dell attività di contrasto all evasione e delle comunicazioni inviate ai contribuenti, con il conseguente recupero di ulteriore base imponibile, nonché dell aggiornamento dei valori minimi di mercato per le aree edificabili approvato dalla Giunta Comunale. Nell ambito dell attività di recupero delle somme non versate si è provveduto infatti a notificare oltre 250 avvisi di accertamento e rimborso dell imposta e ad inviare comunicazioni recanti gli aggiornamenti normativi, delle quali fornite del dettaglio degli immobili posseduti e dei relativi importi dovuti. Sono state evase al contempo le 220 richieste di agevolazioni tributarie previste per le situazioni di disagio economico o sociale. Nel corso dell anno si è giunti inoltre a concludere in favore del Comune i rimanenti procedimenti contenziosi in corso, prevalentemente relativi agli atti di accertamento per l attribuzione di rendita definitiva effettuata dall Agenzia del territorio. Parimenti è proseguita l attività di recupero della tassa/ tariffa asporto rifiuti non versata, dovuta al Comune fino al periodo antecedente l esternalizzazione del servizio. Si segnalano infine i maggiori introiti connessi ai permessi a costruire e il maggior gettito relativo all addizionale IRPEF imputabili al notevole incremento dell attività edilizia e della popolazione residente registrati negli ultimi anni. Entrate derivanti dall utilizzo dei servizi (in migliaia di euro) Tariffa asporto rifiuti Recupero evasione tariffa Canone depurazione acque e fognatura, allacciamento rete idrica Trasporto e mensa scolastica Rette asilo nido Biblioteca Tariffe per attività culturali Proventi pubblicitari totale Dal 1/04/2006 il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e la riscossione della relativa tariffa sono stati esternalizzati alla società Centro Veneto Servizi spa e quindi le relative entrate esposte nella tabella si riducono progressivamente. Il valore espresso è relativo al recupero delle risorse dovute al Comune fino al 31/03/2006. Dal 1/09/2007 è stato altresì esternalizzato, previa apposita gara ad evidenza pubblica, alla ditta Agogest srl il servizio di mensa scolastica e pertanto, a decorrere da quella data, il gettito non è più rilevato nel bilancio dell ente, poiché gli utenti versano il corrispettivo dei pasti consumati direttamente al fornitore. Altre entrate correnti derivanti dall utilizzo dei beni comunali (in migliaia di euro) fabbricati e terreni servizi allo sport e canoni utilizzo impianti servizi cimiteriali canoni di concessione totale Dalla tabella si evince un incremento dei canoni versati soprattutto per l utilizzo di fabbricati e terreni del

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli