Sistemi di allarme intrusione:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di allarme intrusione:"

Transcript

1 Sistemi di allarme intrusione: la nuova norma CEI 79-3 CEI 79-3:1998 e TS :2010 L unione fa la forza Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. Installare e manutenere secondo le norme di buona tecnica

2 Scenario normativo In ambito Europeo l Ente normatore è il CENELEC. Il Comitato che segue il mondo dei sistemi di sicurezza intrusione è il TC 79 Il corrispettivo nazionale del CENELEC è il CEI, ovvero Comitato Elettrotecnico Italiano ed il Comitato nazionale è il CT 79 Il CT 79 come tutti i Comitati nazionali può emettere e pubblicare Norme nazionali solo se gli argomenti trattati non sono già coperti da lavori normativi europei indipendentemente dallo stato di avanzamento dei lavori

3 Scenario normativo Le Norme CEI 79-2 (prodotti) e CEI 79-3 (impianti) pubblicate precedentemente ai lavori in ambito CENELEC sono ad oggi i riferimenti normativi nazionali La pubblicazione di norme EN da parte del CENELEC (es. serie EN 50131) genera l obbligo di ritiro delle Norme nazionali contrastanti dopo un periodo di sovrapposizione i (DOP, DOW) Naturalmente in questa fase non sono ammissibili variazioni o modifiche sostanziali a queste norme nonché l emissione di altre Norme che trattino l argomento

4 Scenario normativo Esistono 2 tipologie di documenti che il CENELEC pubblica: -EN European Standard Recepito obbligatoriamente da tutti gli stati membri e sostituisce tutte le norme nazionali contrastanti - TS Technical Specification - Libertà di recepimento da parte degli stati membri. Non necessariamente sostituisce le norme nazionali. Durata massima: 2 o 3 anni.

5 Scenario normativo Il documento CLC/TS Sistemi di allarme - Sistemi di allarme intrusione - Parte 7: Guide di applicazione è stato pubblicato nel 2003 ed è stato riproposto nel 2006 e nel 2009 dal TC 79 che però ha deciso di non trasformarlo in norma EN (vincolante per gli Stati membri)

6 Scenario normativo La logica dei gradi di sicurezza del Sistema I&HAS specificato nella EN ripresa anche nel TS potrà essere applicato integralmente solo dopo la pubblicazione i ed entrata t in vigore delle norme particolari sui prodotti. Fino ad allora le norme Nazionali contrastanti rimarranno in vigore per evitare buchi normativi. Per questa ragione il CT 79 CEI ha ritenuto importante aggiornare la Norma CEI 79-2:1999 con la variante Ab e V1 per l armonizzazione con la serie EN e la norma CEI 79-3:1998 attraverso dei fogli interpretativi (in particolare F.20)

7 CEI 79-2;V1:2010 EN 50131

8 CEI 79-3;F.20 EN [.]

9 Revisione della CEI 79-3; GL1 CT 79 Dopo 12 anni di vita, la pubblicazione della serie EN 50131, il TS , e l evoluzione tecnica dei prodotti, la CEI 79-3:1998 ed il foglio di interpretazione F.20 non sono più sufficienti ad allineare tutti requisiti normativi. La norma non riporta indicazioni o prescrizioni per tutto il processo relativo all installazione di un impianto di allarme intrusione. Il metodo di calcolo del livello di prestazione dell impianto deve essere aggiornato per allineare la classificazione del sottosistema centrale e allarme. Il SW di calcolo proposto con la norma deve essere aggiornato con i sistemi operativi più recenti.

10 La Norma CEI 79-3:1998 PREGI E DIFETTI

11 La Norma CEI Pregi La Norma CEI 79-3 classifica gli impianti su 3 livelli di prestazione ed in 5 tipologie di rischio: Unità abitativa (commerciale) Cassaforte Locale corazzato (caveau) Insediamento industriale (commerciale) Unità abitativa isolata

12 La Norma CEI Pregi L impianto viene analizzato nei suoi tre sottosistemi componenti: Sottosistema rivelatori Sottosistema apparati centrali ed opzionali Sottosistema dispositivi di allarme Ciascuno dei 3 sottosistemi assume un livello di prestazione (I-II-III) II III) calcolato con l ausilio di algoritmi predeterminati e differenziati ed oggettivi.

13 Struttura del modello SOTTOSISTEMA RIVELATORI UNITA ABITATIVA UNITA ABITATIVA (applicazione algoritmo) (confronto con soglie) SOTTOSISTEMA CENTRALE Applicazione algoritmo SOTTOSISTEMA ALLARMI Applicazione algoritmo Fattore di merito FA Livello di prestazione LA Fattore di merito FB Fattore di merito FC CASSAFORTE (applicazione algoritmo) CASSAFORTE (confronto con soglie) Confronto con soglie Confronto con soglie Fattore di merito FA Livello di prestazione LA Livello di prestazione LB Livello di prestazione LC LOCALE CORAZZATO (applicazione algoritmo) LOCALE CORAZZATO (confronto con soglie) Fattore di merito FA Livello di prestazione LA INSEDIAMENTO IND. (applicazione algoritmo) Fattore di merito FA INSEDIAMENTO IND. (confronto con soglie) Livello di prestazione LA LIVELLO DI PRESTAZIONE IMPIANTO (I-II-III) II III) CON CRITERIO ANELLO DEBOLE UNITA ABIT. ISOLATA (applicazione algoritmo) UNITA ABIT. ISOLATA (confronto con soglie) Fattore di merito FA Livello di prestazione LA

14 Struttura della CEI 79-3:1998 Tale struttura consente l analisi secondo 15 tipologie og impiantistiche. La flessibilità dello strumento ha permesso nel 2001 di allineare il documento alla serie delle Norme EN attraverso una tabella comparativa (foglio di interpretazione F.20).

15 TS :2010 PREGI E DIFETTI

16 TS : Pregi Il documento TS ha una struttura tt aggiornata sulle altre norme Europee (EN 50131) e riporta le informazioni/prescrizioni relative a tutto il processo di installazione di un impianto di allarme intrusione. Classificazione dell impianto di Allarme intrusione e rapina; Progettazione dell impianto; Pianificazione ifi i dell installazione; i Installazione del sistema; Ispezione, prova funzionale e messa in servizio; Documentazione e registrazioni; Utilizzo dell impianto di Allarme intrusione e rapina; Manutenzione e riparazione dell impianto di Allarme intrusione e rapina; Allegati A-J (informativi) i) con dettagli operativi i delle varie parti del processo.

17 TS : Pregi La TS classifica gli impianti su 4 livelli di sicurezza in linea con le definizioni della EN : Livello 1 (rischio basso) Si prevede intrusione da persone con conoscenza ed attrezzature minime Livello 2 (rischio medio) - Si prevede intrusione da persone con conoscenza ed attrezzature limitate Livello 3 (i (rischio medio alto) - Si prevede intrusionei da persone pratiche di sistemi intrusione con gamma completa di attrezzature Livello 4 (rischio alto) - Si prevede intrusione da persone con conoscenza dettagliata del sistema ed attrezzature anche sostitutive dei componenti vitali del sistema Manca una diversificazione delle tipologie impiantistiche

18 TS : Pregi Fornisce una guida chiara ed esaustiva relativamente a tutta la documentazione che deve essere predisposta e conservata Fornisce una indicazione precisa della sequenza delle fasi che devono essere seguite per la progettazione realizzazione e consegna dei sistemi di sicurezza Può essere utilizzata anche a livello didattico per operatori che non hanno ancora sviluppato una esperienza significativa sulle tecnologie di rivelazione e sulle possibili cause di falsi allarmi

19 TS : Difetti Non esistono prescrizioni ma solo consigli su come deve essere strutturato il processo e realizzato l impianto: [.] Dovrebbe essere effettuato un sopralluogo per valutazione dei beni da proteggere; [.] Indicazione di dove dovrebbero essere ubicati i rivelatori in funzione dei disturbi secondo quanto riportato t nell allegato G [.] Dovrebbe essere fornito dall organizzazione un certificato di conformità che attesti l esecuzione dell impianto in conformità ai requisiti contrattuali e a tutti di documenti cogenti e normativi applicabili.

20 TS : Difetti L allegato E esplicita le modalità di protezione in funzione del grado di rischio attraverso una tabella:

21 TS :2010 difetti - Allegato E

22 TS :2010 Difetti - Allegato E La necessità di considerare le condizioni i i diversificate in funzione dei locali ci ricorda qualcosa? La Norma CEI 79-3 classifica gli impianti su 3 livelli di prestazione ed in 5 tipologie di rischio (impiantistiche)

23 TS :2010 Difetti - Allegato E

24 TS :2010 Difetti - Allegato E Quando il posizionamento dei rivelatori risulta non conforme a TS ? Si tratta di una valutazione di carattere soggettivo e quindi sempre opinabile. Progettando il posizionamento dei rivelatori secondo un criterio diverso rispetto alla tabella soddisfo comunque TS ? Si tratta di una valutazione di carattere soggettivo e quindi sempre opinabile. Se viene utilizzato il modello matematico CEI 79-3 il posizionamento dei rivelatori è conforme a TS ? Si, si ritorna ad una valutazione oggettiva e non facilmente opinabile

25 CEI 79-3 vs TS Di seguito alcuni esempi pratici di confronto tra i requisiti della CEI 79-3 e quelli del TS

26 Abitazione livello 1 Abitazione o esercizio commerciale con finestre che sono considerate accessi praticabili in quanto situate a meno di 4 metri dal suolo Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS

27 Abitazione livello 1 Abitazione o esercizio commerciale con finestre che sono considerate accessi non praticabili in quanto situate a più di 4 metri dal suolo Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS

28 Abitazione livello 3 Abitazione o esercizio commerciale con finestre che sono considerate accessi praticabili in quanto situate a meno di 4 metri dal suolo Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Rivelatore inerziale o microfono selettivo CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS Rivelatore inerziale o microfono selettivo TS

29 Abitazione livello 3 Abitazione o esercizio commerciale con finestre che sono considerate accessi non praticabili in quanto situate a più di 4 metri dal suolo Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Rivelatore inerziale o microfono selettivo CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS Rivelatore inerziale o microfono selettivo TS

30 La ristrutturazione Il nostro appartamento situato a piano terra viene ceduto ad un Istituto di credito La nuova proprietà adibisce i locali a minisportello ed agenzia bancaria per servire in modo diretto una serie di aziende che si trovano nello stesso complesso

31 Locale cassaforte Bussola Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Zona pubblico Rivelatore inerziale o microfono selettivo CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS Rivelatore inerziale o microfono selettivo TS

32 Cassaforte livello 1 CEI 79-3 Bussola Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Zona pubblico Rivelatore inerziale o microfono selettivo CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS Rivelatore inerziale o microfono selettivo TS Locale mezzi forti Copritoppa

33 Cassaforte livello 1 TS Bussola Legenda Contatto magnetico CEI 79.3 Rivelatore volumetrico CEI 79.3 Zona pubblico Rivelatore inerziale o microfono selettivo CEI 79.3 Contatto magnetico TS Rivelatore volumetrico TS Rivelatore inerziale o microfono selettivo TS Locale mezzi forti Nessuna protezione prevista per i livelli 1 e 2 su oggetti!!!!!!!!!!

34 Conclusioni L analisi dettagliata e completa dei 2 documenti consente di affermare che gli stessi possono essere fra loro complementari Il TS oltre a non vincolare il ritiro delle Norme nazionali è sufficientemente flessibile da consentire, come logico che sia, l esistenza di norme che tengano conto delle peculiarità nazionali per la progettazione ed installazione dei sistemi Gli altri documenti europei (es ) non impattano in modo significativo sulla Norma CEI 79-3

35 Conclusioni L occasione è propizia per trasformare la Norma CEI 79-3in uno strumento t più completo integrato con le informazioni relative alla parte documentale che non risultava normata I contenuti del TS integrati nella CEI 79-3 attribuiscono al documento anche aspetti formativi Per questa operazione è auspicabile l apporto e la collaborazione di tutti gli operatori del settore che con la loro esperienza sono caldamente invitati a formulare le eventuali proposte ed osservazioni attraverso l Ente Normatore: CEI

36 Bozza finale della Norma CEI 79-3:201x Struttura basata sul documento TS :2010 Sostituiti i termini dovrebbe con deve ; è stato introdotto il concetto di impianto in aggiunta al concetto di sistema ; Sono state introdotte le tipologie di impianto della CEI 79-3; Sostituito l allegato E del TS con il metodo di calcolo del livello di prestazione dell impianto: 4 livelli x 5 tipologie di impianto = 20 configurazioni I componenti dell impianto devono essere conformi alla serie EN o CEI 79-2; Inseriti gli obblighi previsti nel DM 37/08;

37 Grazie per l attenzione

La nuova Norma CEI 79-3:2012

La nuova Norma CEI 79-3:2012 La nuova Norma CEI 79-3:2012 A cura di MATTEO SASSANELLI Vice-presidente AIPS e membro del CT CEI 79 Verona, 22 giugno 2012 Seminario di aggiornamento Assemblea dei Soci AIPS Strutture normative Internazionali

Dettagli

Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione

Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione A.I.PRO.S - Legalità tecnica e normativa per impianti di sicurezza Security Exhibition Vicenza

Dettagli

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ La conformità del prodotto alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza Certificazione di

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Riferimenti normativi

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Riferimenti normativi La NORMA CEI 79-3 per gli impianti di allarme e antintrusione I sistemi di sicurezza permettono la rilevazione e la segnalazione di situazioni anomale che potrebbero mettere a rischio la sicurezza di cose

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI CEI COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI 3680 C:1998-02

DATI IDENTIFICATIVI CEI COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI 3680 C:1998-02 N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 79-3 2012-05 Titolo Sistemi di allarme Prescrizioni particolari per gli impianti di allarme intrusione Title Alarm systems Particular

Dettagli

La Norma CEI 79-3 del 1998 rappresenta. Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3. [approfondimento/normativa]

La Norma CEI 79-3 del 1998 rappresenta. Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3. [approfondimento/normativa] Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3 Ad un anno di distanza dalla terza pubblicazione a livello nazionale della Norma CEI 79-3 del 1998, facciamo il punto sulla normativa che regola l elaborazione

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione Analisi e valutazione Per la progettazione di un impianto d'allarme è di fondamentale importanza l'individuazione delle aree più sensibili e dei punti di più facile accesso all'interno dell'ambiente. Un

Dettagli

SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA

SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA REGOLAMENTO IMQ CERTIFICAZIONE DELLE IMPRESE CHE EROGANO SERVIZI DI PROGETTAZIONE ED INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ORDINARIA (PREVENTIVA) E RIPARAZIONE, APPLICATI AD IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE E RAPINA

Dettagli

LE NORME CEI CENELEC IEC

LE NORME CEI CENELEC IEC LA SITUAZIONE NORMATIVA INTERNAZIONALE ED I RIFLESSI SULLA NORMATIVA EUROPEA DOTT. ING. CARLO R. LOI Presidente Comitato Tecnico Europeo TC 79 del CENELEC e Presidente del CT79 del CEI Membro e Past President

Dettagli

Negli ultimi anni si è verificato un

Negli ultimi anni si è verificato un Regole certe per qualità e sicurezza dei sistemi MICHELE MESSINA VICE PRESIDENTE VICARIO A.I.PRO.S.; CONSULENTE DI SICUREZZA; COMPONENTE DEL COMITATO IMQ DI INDIRIZZO STRATEGICO PER LA CERTIFICAZIONE DEI

Dettagli

Associazione Installatori Professionali di Sicurezza

Associazione Installatori Professionali di Sicurezza Associazione Installatori Professionali di Sicurezza www.aips.it Relatore Vice-presidente Tommaso Scaringella La protezione Antintrusione di Parchi Fotovoltaici ed Eolici Criticità e Soluzioni Le Minacce

Dettagli

pubblica in inchiesta Progetto PROGETTO Sistemi di allarme Norme particolari per gli impianti di allarme intrusione C. 1079 28-11-2011 79-3

pubblica in inchiesta Progetto PROGETTO Sistemi di allarme Norme particolari per gli impianti di allarme intrusione C. 1079 28-11-2011 79-3 N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza Inchiesta C. 1079 28-11-2011 Data Pubblicazione 2011- Classificazione 79-3 Titolo 1 CEI COMITO ELETTROTECNICO ITALIANO AEIT FEDERAZIONE ITALIANA DI ELETTROTECNICA,

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Sistemi di allarme intrusione: la nuova norma CEI 79-3:2012. Incontro UTC Fire & Security Milano 18 giugno 2015 Roberto Dalla Torre IMQ SPA

Sistemi di allarme intrusione: la nuova norma CEI 79-3:2012. Incontro UTC Fire & Security Milano 18 giugno 2015 Roberto Dalla Torre IMQ SPA Sistemi di allarme intrusione: la nuova norma CEI 79-3:2012 Incontro UTC Fire & Security Milano 18 giugno 2015 Roberto Dalla Torre IMQ SPA LEGAL NOTICE THIS DOCUMENT AND ITS CONTENT IS STRICTLY CONFIDENTIAL

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

LINEA GUIDA PROCEDURALE

LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEA GUIDA PROCEDURALE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA prevista dall articolo 7 comma 6 e dall articolo 8 comma 3 del D.M. n. 37/08 Delibera n. 353/12 Consiglio Direttivo

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza

il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza La certificazione dei Sistemi di Sicurezza: il ruolo di IMQ Fulvio Giorgi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Contenuti Profilo Gruppo IMQ La certificazione dei Sistemi di Sicurezza:

Dettagli

Sistemi di certificazione e accreditamento

Sistemi di certificazione e accreditamento Sistemi di certificazione e accreditamento Beniamino Cenci Goga L accreditamento riduce i rischi delle imprese e dei clienti poiché garantisce che gli organismi accreditati sono in grado di portare a termine

Dettagli

::: Il mio antifurto :::

::: Il mio antifurto ::: Benvenuto, Se ti è capitata tra le mani questa guida, significa che per una ragione o per un altra ti stai interessando ai sistemi di sicurezza attivi, preparati poiché potremmo risultare a volte noiosi

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N.

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. 89/98 A.1 PREMESSA Nel presente documento sono definiti, ai sensi dell

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO ITALIANO MAGGIO 2003 SICUREZZA SENZA FILI I DISPOSITIVI DI GESTIONE E CONTROLLO LE CENTRALI Il cuore del sistema è la centrale disponibile in due differenti modelli a 16

Dettagli

My Home è suddivisa in aree funzionali ove si possono identificare le proprie applicazioni:

My Home è suddivisa in aree funzionali ove si possono identificare le proprie applicazioni: CASA RUSCONI VIA DELLA VALLE TS Descrizione generale e vantaggi Descrizione dell'impianto my home Descrizione generale My Home è il sistema di automazione domestica che copre tutte le funzioni e le applicazioni

Dettagli

Dichiarazione di conformità dell impianto di allarme antintrusione alle norme CEI 79-3

Dichiarazione di conformità dell impianto di allarme antintrusione alle norme CEI 79-3 Dichiarazione di conformità dell impianto di allarme antintrusione alle norme CEI 79-3 Commissionato da Installato a protezione dei locali siti nel comune di via n. scala piano interno Sottosistema Apparati

Dettagli

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Generalità I sensori inerziali della serie 700 sono dispositivi di piacevole design disponibili in contenitori in ABS bianco (GS710,GS711)

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Segmenti applicativi specifici

Segmenti applicativi specifici Argomento SETTE Progettazione e realizzazione degli impianti elettrici in contesti particolari (norma CEI 64-8, parte 7) Approfondire le tematiche di sicurezza, progettazione e realizzazione degli impianti

Dettagli

Il dossier prosegue con altri importanti approfondimenti

Il dossier prosegue con altri importanti approfondimenti Impianti elettrici tecnologicamente evoluti e a regola d arte A cura di Cristina Timò Direttore Tecnico CEI e Silvia Berri Dirigente Comunicazione e Promozione CEI dossier Fin dalla sua costituzione, nel

Dettagli

BANDO DI PROCEDURA APERTA PER LAVORI. Codice Identificativo Gara (C.I.G. 5698298045) Codice Unico di Progetto (CUP H69H09000130004)

BANDO DI PROCEDURA APERTA PER LAVORI. Codice Identificativo Gara (C.I.G. 5698298045) Codice Unico di Progetto (CUP H69H09000130004) COMUNE DI BERTINORO Provincia di Forli -Cesena Piazza della Libertà, 1-47032 Bertinoro (FC)- tel.0543.469111 fax 0543.444486 www.comune.bertinoro.fc.it PEC: protocollo@pec.comune.bertinoro.fc.it BANDO

Dettagli

antifurto radio Sistema MY HOME Sistema antifurto radio

antifurto radio Sistema MY HOME Sistema antifurto radio Sistema antifurto R MY HOME R 45 Antifurto Generalità Il sistema antifurto è la soluzione che BTicino propone in tutte quelle abitazioni non predisposte in cui la protezione dei beni e delle persone non

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per tele a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione di gas

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa

Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa Perito Ind. Marco Dal Prà Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa SEMINARIO TECNICO Collegio dei Periti Industriali di Venezia Novembre 2005 1 Building Automation nel mondo 2 Building Automation

Dettagli

Impianti Antiintrusione (Scheda)

Impianti Antiintrusione (Scheda) IMPIANTI ANTINTRUSIONE Sistema di alimentazione: TT Normalmente un impianto anti-intrusione è dotato di alimentazione propria basata su batterie in grado di alimentare l'impianto per adeguati periodi.

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici SICUREZZA FRACARRO Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici 1 Nell ambito dei Sistemi di Sicurezza, da oltre 25 anni Fracarro offre una gamma completa di soluzioni per la protezione di persone

Dettagli

COLLE DEL FAGGIANO Alla c.a. Sig. Roberto. V. di Vallelunga 36/B 00060 CAPENA RM

COLLE DEL FAGGIANO Alla c.a. Sig. Roberto. V. di Vallelunga 36/B 00060 CAPENA RM UFFICIO: VIA GHISALBA, 168 00188 ROMA TEL. 337 729347 - FAX 06 9073650 E-MAIL: info@sielsi.it WEB: www.sielsi.it C L A U D I O P I Z Z I SISTEMI ELETTRONICI DI SICUREZZA PARTITA IVA 05153930580 C. F. PZZ

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 Prof. Emanuele Ghironi Prof. Sandro Manca Disciplina Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Classe: TERZA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTRONICA

Dettagli

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili DAITEM Primera La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili Rivelatori di movimento Centrale con sirena Tastiera tattile con transponder La

Dettagli

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili DAITEM Primera La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili Rivelatori di movimento Centrale con sirena Tastiera tattile con transponder La

Dettagli

Advanced security per una migliore qualità della vita

Advanced security per una migliore qualità della vita Advisor Advanced Safety Security Certainty Advanced security per una migliore qualità della vita Sicurezza e stile di vita Un sistema di sicurezza che offre più che sicurezza Ai giorni nostri, i sistemi

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER ESPERTI IN MARKETING & COMUNICAZIONE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL 1 22.03.2002 Rev. Generale

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute nella documentazione allegata, ad integrazione degli elaborati

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE UNIONCAMERE LOMBARDIA PROGETTO DI SOSTITUZIONE GENERATORE DI CALORE E ELETTROPOMPE CIRCUITI SECONDARI EDIFICIO SEDE UNIONCAMERE LOMBARDIA VIA OLDOFREDI 23 MILANO PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Gestione seriale intelligente dei componenti di un sistema di allarme intrusione e sorveglianza dei dispositivi e delle linee di cablaggio

Gestione seriale intelligente dei componenti di un sistema di allarme intrusione e sorveglianza dei dispositivi e delle linee di cablaggio Gestione seriale intelligente dei componenti di un sistema di allarme intrusione e sorveglianza dei dispositivi e delle linee di cablaggio omposizione di un sistema di allarme intrusione I tre sottosistemi

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE Document No.: Revision: Date: Replace: Page: ZSEIT-10-RG-29 3 2015-08-31 2 1 of 10 Prepared by: Reviewed by: Approved by: Valid for: CGO -RAI FVF TAP All in DNV GL Business Assurance Italia S.r.l. REGOLAMENTO

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI

WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI WORKSHOP LE NOVITÀ DEL SETTORE ENERGIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED IMPIANTI TERMICI EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA 1.1 Generalità In qualsiasi ambito tecnico ed in particolare nel settore elettrico si impone, per realizzare impianti a regola d arte,

Dettagli

COMUNE DI TERNI. (Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.105 del 07/09/2009)

COMUNE DI TERNI. (Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.105 del 07/09/2009) LT/ma COMUNE DI TERNI (Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.105 del 07/09/2009) 1) Denominazione e indirizzo ufficiale dell amministrazione aggiudicatrice: Comune di Terni Direzione Affari Generali

Dettagli

Norme e Guide Tecniche

Norme e Guide Tecniche Norme e Guide Tecniche IMPIANTI DI COMUNICAZIONE Le installazioni, nel rispetto della legge C ome realizzare le installazioni a Regola d Arte, nel rispetto della Normativa vigente? L articolo passa in

Dettagli

La conservazione sostitutiva dei documenti

La conservazione sostitutiva dei documenti Conservazione dei documenti 1/3 La conservazione sostitutiva dei documenti Corso di Informatica giuridica a.a. 2005-2006 I documenti degli archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli atti,

Dettagli

LISTINO. Sensori serie ET ET105 ET106 ET107 21,70 45,00 52,50. Valido dal 1 Giugno 2013 al 31 Agosto 2013 - pag. 1/6

LISTINO. Sensori serie ET ET105 ET106 ET107 21,70 45,00 52,50. Valido dal 1 Giugno 2013 al 31 Agosto 2013 - pag. 1/6 Valido dal 1 Giugno al 31 Agosto - pag. 1/6 Sensori serie ET ET105 Rivelatore volumetrico antintrusione Infrarosso Passivo (IRP) con lente di Fresnel. 21,70 ET106 Rivelatore volumetrico antintrusione a

Dettagli

Advanced security per una migliore qualità della vita

Advanced security per una migliore qualità della vita Advisor Advanced Safety Security Certainty Advanced security per una migliore qualità della vita Sicurezza e stile di vita Un sistema di sicurezza che offre più che sicurezza Ai giorni nostri, i sistemi

Dettagli

DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia

DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08 Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia Le figure coinvolte nella progettazione degli edifici Committente Coordinatore Responsabile

Dettagli

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale

Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in ambito contrattuale CAPITOLO 7 Marco Gentili Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Per un governo dei contratti efficace: le regole tecniche su come chiedere, valutare, utilizzare la certificazione in

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 AREA COMUNE SERVIZI PER LE IMPRESE Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing.

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing. Approccio ingegneristico alla sicurezza contro il rischio di incendio FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA NECESSARIA EVOLUZIONE

Dettagli

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe.

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe. CLAUDIO MASTROGIUSEPPE Il gruppo di lavoro, creato un anno fa, si è proposto di tracciare delle Linee guida per l attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA), previsto dall approccio

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 quali novità?

UNI EN ISO 9001:2008 quali novità? Anteprima Sistemi di Gestione per la Qualità: la nuova norma UNI EN ISO 9001:2008 UNI EN ISO 9001:2008 quali novità? Roma 18 dicembre 2008 Nicola GIGANTE - TQ-SERVICE srl Commissione Gestione per la Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 56 del 29/11/2007 Art. 1 - Finalità 1. Il presente Regolamento garantisce che

Dettagli

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA DOCUMENTO TECNICO OPERATIVO N. 1/2011 CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA Associazione professionale Italiana

Dettagli

Videosorveglianza: nuovi contributi specifici ai processi operativi per la gestione dei requisiti di sicurezza

Videosorveglianza: nuovi contributi specifici ai processi operativi per la gestione dei requisiti di sicurezza Videosorveglianza: nuovi contributi specifici ai processi operativi per la gestione dei requisiti di sicurezza Soluzioni per la rilevazione real time dell effettiva esposizione al rischio Nicola Giradin

Dettagli

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio

NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE. Progettazione della sicurezza antincendio NORME TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI CODICE Progettazione della sicurezza antincendio IL CONTESTO DPR 151/2011! semplificazione dei procedimenti di prevenzione incendi DOPO: necessità di ulteriore snellimento

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni

PROVINCIA DI UDINE Art. 1) Premesse e finalità Art. 2) Definizioni PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI AI SOGGETTI PRIVATI PER LA PROMOZIONE E L INCENTIVAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Art. 1) Premesse e finalità Premesso che

Dettagli

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA GLI STRUMENTI DI STANDARDIZZAZIONE TECNICA Roberto Bacci Riproduzione riservata Low Carbon Mobility - Roma, 26 ottobre 2010 Mercato leale e competitivo Sicurezza e affidabilità Sviluppo tecnologico Economicità

Dettagli

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici Roberto MONETA DE Segreteria tecnica 1 Strategia per l efficienza energetica Definizione obiettivi: piano azione efficienza energetica

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

A prova di furto Protezione attiva con o senza cavi

A prova di furto Protezione attiva con o senza cavi In base alle più recenti statistiche, gli italiani non si sentono sicuri, ma pochi sono coloro che dispongono nella loro abitazione di un impianto di allarme intrusione Tutte le più recenti indagini confermano

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR rivelatori d impatto per protezioni perimetrali interne Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 Le protezioni perimetrali

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Ing. Antonio Avolio Consigliere AIPS All right reserved

14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Ing. Antonio Avolio Consigliere AIPS All right reserved 14 giugno 2013 COMPETENZE E QUALIFICHE DELL INSTALLATORE DI SISTEMI DI SICUREZZA A.I.P.S. Associazione Installatori Professionali di Sicurezza Nata per rispondere alla fondamentale aspettativa degli operatori

Dettagli

ALLEGATO 1 (Articolo 3)

ALLEGATO 1 (Articolo 3) ALLEGATO 1 (Articolo 3) LINEE GUIDA NAZIONALI PER L ATTESTAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Sommario 1 Finalità e campo di applicazione... 2 2 Prestazione energetica degli immobili: aspetti

Dettagli

INDICE. 1 Introduzione 1.1 Obiettivo della guida Tecnoalarm 1.2 Presentazione aziendale

INDICE. 1 Introduzione 1.1 Obiettivo della guida Tecnoalarm 1.2 Presentazione aziendale INDICE 1 Introduzione 1.1 Obiettivo della guida Tecnoalarm 1.2 Presentazione aziendale 2 Le principali linee guida per la realizzazione di un sistema antintrusione 2.1 Analisi del rischio 2.2 Procedura

Dettagli

http://www.progettazione-impianti-elettrici.it

http://www.progettazione-impianti-elettrici.it LUSSORIO ing. LUCA www.progettazione-impianti-elettrici.it Via Malpotremo 12073 CEVA CN Tel. & Fax 0174 72.19.37 e mail: luca.lussorio@tiscali.it Partita I.V.A. 02970620049 http://www.progettazione-impianti-elettrici.it

Dettagli

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Corso di aggiornamento-perfezionamento per Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Direttore del Corso: Attilio Carotti 1 Andrea Alessi - Quadro normativo di riferimento : ultimi aggiornamenti - Fasi operative

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA AREA GESTIONE EDILIZIA UFFICIO MANUTENZIONI IMPIANTISTICHE P.le Aldo Moro, 5 00185 Roma OPERE DI RIQUALIFICAZIONE E INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESSO ALCUNI

Dettagli

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM

Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario. Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Giornata di studio e dibattito del Settore Trasporto Ferroviario Progetto Linee guida: affidabilità e analisi RAM Le linee Guida nel panorama della standardizzazione Europea e Internazionale Ing. Gianosvaldo

Dettagli

MANUALE DELLA CERTIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE REGOLAMENTO 305/2011 (CPR)

MANUALE DELLA CERTIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE REGOLAMENTO 305/2011 (CPR) Pag. 1 di 12 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 RESPONSABILITÀ... 3 4 DISTRIBUZIONE... 3 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE... 3 5.1 RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

SENSORI. ed installati in migliaia di esemplari, ogni anno, in tutta Europa; è pertanto legittimo

SENSORI. ed installati in migliaia di esemplari, ogni anno, in tutta Europa; è pertanto legittimo Sensori antintrusione arrivano le norme Ue Valerio Salvi L'Unione Europea ha avviato un programma normativo, al fine di armonizzare le prestazioni dei sensori rivelatori di intrusione Isensori antintrusione

Dettagli

Aggiornamenti Normativi

Aggiornamenti Normativi Aggiornamenti Normativi Nelle pagine seguenti, estratte da CEI Magazine, sono riportati gli elenchi relativi agli aggiornamenti normativi, per il periodo di riferimento. > Nuove Norme CEI > On-line: Inchieste

Dettagli

Antifurto per cantieri CLICK AND GO

Antifurto per cantieri CLICK AND GO Antifurto per cantieri CLICK AND GO Click and go!!! I prodotti utilizzati per la realizzazione del nostro sistema di sicurezza preprogrammato Click and go per cantieri, sono stati scelti in base alle esigenze

Dettagli

5. IMPIANTO ANTIEFFRAZIONE/ANTINTRUSIONE

5. IMPIANTO ANTIEFFRAZIONE/ANTINTRUSIONE Sommario 5. IMPIANTO ANTIEFFRAZIONE/ANTINTRUSIONE... 2 5.1. - Premessa... 2 5.2 Interventi previsti in questo stralcio progettuale... 5 5.3. - Componenti previsti... 7 5.3.1 centrale di gestione... 7 5.3.

Dettagli

La norma C.E.I. 64/8 detta le regole per gli impianti elettrici con tensione nominale fino a 1.000V in A.C. e fino a 1.500 V in D.C.

La norma C.E.I. 64/8 detta le regole per gli impianti elettrici con tensione nominale fino a 1.000V in A.C. e fino a 1.500 V in D.C. Novità per gli impianti elettrici negli edifici civili: vengono stabilite le prestazioni minime dell impianto elettrico, fissate nella variante alla norma CEI 64/8. a cura di Marco Ianes La norma C.E.I.

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

CENTRO DI FORMAZIONE e CONSULENZA PER I LAVORI IN QUOTA

CENTRO DI FORMAZIONE e CONSULENZA PER I LAVORI IN QUOTA PER I LAVORI IN QUOTA PER I LAVORI IN QUOTA...1 CHI SIAMO...2 FORMAZIONE PERCHE...2 La nostra idea di Formazione...2 Cosa dice la legge in Italia...2 COSA OFFRIAMO: corsi e consulenza...3 CORSI DPI ANTICADUTA...4

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Le problematiche degli impianti elettrici a fronte della norma CEI 64-8 e degli aggiornamenti normativi

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Le problematiche degli impianti elettrici a fronte della norma CEI 64-8 e degli aggiornamenti normativi Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Le problematiche degli impianti elettrici a fronte della norma CEI 64-8 e degli aggiornamenti normativi Marcello Ricciotti Consigliere UNAE Calabria UNAE Norma CEI 64-8

Dettagli

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Pag. 1 a 5 DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Cassano all Jonio li 19 febbraio 2014 Prot. N 64 RACCOMANDATA ½ posta elettronica certificata LETTERA D INVITO ALL IMPRESA: Oggetto: Invito a partecipare alla gara

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11554

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11554 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11554 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Novembre 2014 Articolo 2 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato xxxxxx Validità 10 anni, salvo quanto previsto nel D.L. 4 giugno 2013, n. 63 art. 6 Riferimenti catastali

Dettagli