Pubblicazione del DIPARTIMENTO DI STUDI AMERICANI, CULTURALI E LINGUISTICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI L'ORIENTALE"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazione del DIPARTIMENTO DI STUDI AMERICANI, CULTURALI E LINGUISTICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI L'ORIENTALE""

Transcript

1 A11 165

2 Pubblicazione del DIPARTIMENTO DI STUDI AMERICANI, CULTURALI E LINGUISTICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI L'ORIENTALE" L illustrazione di copertina e le altre contenute nel volume vanno accreditate alle fonti (secondo la numerazione della Bibliografia generale) 22, 36, 43, 93, 102, 145, 158, 159.

3 ugo stornaiolo la vita quotidiana degli antichi popoli americani presentazione di vito galeota

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN X I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: giugno 2006

5 Dovunque siano vissuti degli uomini vi è sempre una storia da raccontare, e dipende principalmente dal narratore o lo storico che essa sia o no interessante. Henry David Thoreau (1860)

6

7 Sommario Presentazione di Vito Galeota Premessa necessaria Capitolo 1 Come si popolò il continente Capitolo 2 Popoli dell America artica e sub artica 1. Zona artica, o tundra 2. Zona sub artica, o taiga Capitolo 3 Popoli del Nord America 3. I Boschi orientali 4. Il Sud est 5. La Pianura, con le Grandi Praterie 6. L Altopiano occidentale 7. La Costa del Pacifico 8. La Grande Conca 9. Il Deserto nordamericano Capitolo 4 Popoli della Mesoamerica 10. Territorio dei Maya 11. L Altopiano messicano, culla dei Nahua Capitolo 5 Popoli dell America tropicale 12. America Centrale 13. Isole del Caribe 14. Il Sud America nord occidentale Capitolo 6 Popoli del Sud America 15. Cacciatori, pescatori e raccoglitori nomadi 16. Villaggi agricoli delle foreste tropicali 17. Culture delle Ande centrali e meridionali Capitolo 7 I popoli vinti di tutto il continente Note linguistiche Bibliografia generale

8

9 Presentazione di VITO GALEOTA Sul mondo amerindio si dispone oggi di una grande abbondanza di conoscenze accumulatesi per oltre cinquecento anni, sin dai primi contatti che gli Europei hanno avuto con i popoli e le culture precolombiane. È molto ciò che si conosce di questo mondo sia sul piano storico che su quello antropologico sociale e culturale; tuttavia la complessità, la varietà, la ricchezza delle civiltà e delle culture americane sono tali, che molto resta ancora da chiarire, da approfondire, da rivedere. L etnologia e l antropologia insieme con l archeologia, la linguistica, la geografia umana, hanno apportato contributi fondamentali alle scienze della storia sul mondo americano; ma i misteri, i segreti e le pratiche spirituali di alcune credenze religiose, le espressioni artistiche e le costruzioni architettoniche di taluni popoli, le conoscenze farmacologiche e curative di tal altri, i processi migratori e d integrazione che si sono realizzati nel tempo, questi e tanti altri aspetti sono tuttora poco o mal conosciuti, e rimandano a saperi poco noti o ignoti. Se a questo si aggiunge che buona parte della cultura latinoamericana, e anche parte di quella angloamericana, è il risultato di una integrazione del mondo amerindio con l Europa e l Africa (fermo restando tutti i fattori di violenza, di sopraffazione e distruzione messi in atto dal processo coloniale), resta giustificata l opportunità di ripercorrere i tratti fondamentali di questo mondo, un mondo che un destino storico ha accostato più di ogni altro all Europa, ma i cui caratteri specifici e originali hanno resistito al dominio coloniale e stanno resistendo alle influenze e condizionamenti postcoloniali. Con La vita quotidiana degli antichi popoli americani, Ugo Stornaiolo risponde a queste esigenze di ricognizione dell intera materia, e lo fa senza pretese di apportare novità interpretative ma spinto soprattutto dalla voglia di capire, di capire come i popoli di questo complesso e vasto mondo svolgevano la loro vita quotidiana. Dal lungo e laborioso lavoro che lo ha impegnato per alcuni anni, ne è venuto fuori una sorta di viaggio, un viaggio nel tempo e nello spazio che percorre le terre d America, dalla zona artica fino all estremo sud del continente sudamericano. Più esattamente, il libro è il racconto di questo viaggio in cui l autore trasmette la sua avventura, di natura prevalentemente lettorale, ad altri lettori, i quali quant anche conoscitori di tale mondo, seguono il racconto con attenzione e interesse perché il libro narra cose non sempre note, o quantomeno date in altro modo, da altra prospettiva. Si tratta ovviamente di un viaggio virtuale, la cui esperienza si basa sui libri e sui dati acquisiti in biblioteca, ma è compiuto da uno studioso che conosce l America, dove ha vissuto a lungo e in regioni che mantengono uno stretto rapporto con le antiche civiltà andine. Ma ciò che più conta è che l esperienza di Stornaiolo è vissuta con amore e con rispetto per quelle cul- 9

10 10 Presentazione ture, un amore e un rispetto che si manifesta anche attraverso una forma e- spressiva semplice, diretta ed efficace, e attraverso l inserimento della voce degli stessi protagonisti, che entrano nel racconto con i loro miti e le loro leggende. La vita quotidiana degli antichi popoli americani, concepito nelle aule u- niversitarie dell Orientale di Napoli, dove Ugo Stornaiolo ha svolto incarichi di docenza su questa stessa materia, è il risultato, oltre che di studio e consultazioni, anche di collaborazione indiretta dei numerosi studenti di culture ispanoamericane che hanno svolto un azione di stimolo forte. Pertanto, il libro è rivolto a chiunque voglia informarsi in maniera generale sul mondo amerindio, ma i destinatari ideali forse sono proprio quegli studenti che, con le loro domande e il loro interesse, hanno motivato e sostenuto l autore in questo suo ennesimo lavoro.

11 Premessa necessaria Nella convinzione che per capire meglio il mondo in cui viviamo bisogna risalire alle sue lontane radici, è da ormai tanti decenni che mi dedico con passione a studiare le civiltà e culture dell antichità. In molte di esse, ormai sotto il secolare predominio europeo, parecchi tratti che furono loro peculiari si sono sbiaditi e, spesso, cancellati del tutto; da qui che per cercare di capirle occorre grande impegno e l uso dei piú progrediti strumenti di indagine. Nel caso delle culture e civiltà dell intero continente americano ciò è cosí evidente, da aver fatto nascere il luogo comune di considerare le molteplici popolazioni amerindie come una massa omogenea, mentre in realtà si distinguono fra loro da notevoli diversità in senso linguistico, culturale, storico, economico, politico, religioso. Uno sbocco pratico a questi studi teorici mi è stato offerto dall Università di Napoli L Orientale, dove qualche anno fa mi fu affidato di insegnare sugli antichi popoli americani. Con il dialogo durante le lezioni, gli studenti (anzi studentesse, in grandissima parte) hanno contribuito ad arricchire i tanti temi trattati, fino a permettere la maturazione di questo saggio, perfezionato poi dagli stimoli e suggerimenti di alcuni colleghi. La rilevante mole di avvenimenti compresi in un lungo intervallo, che si misura in migliaia di anni, ha richiesto la consultazione di un vasto materiale bibliografico, atto a consentire l esame incrociato dei dati per verificarne la correttezza. Al fine di specificare la fonte, o le fonti, di ciascun argomento esposto nel corso del testo, si fa riferimento alla Bibliografia generale stessa (che, numerata apposta, il lettore troverà a pagina 271). Per la stesura del saggio ho cercato di adoperare un linguaggio quanto piú semplice e chiaro possibile. Ma, desiderando oltre alla semplicità anche il rigore tecnico, non sempre mi è stato possibile, con l uso esclusivo della lingua italiana, esporre con precisione alcuni termini e concetti propri dei diversi popoli esaminati, dovendo necessariamente farlo nelle corrispondenti lingue aborigene o in quelle europee dei paesi che imposero il loro dominio. Tali vocaboli stranieri vengono regolarmente tradotti e spiegati nel testo stesso o, quando occorre, con apposite note a piè di pagina. Data la varietà di lingue coinvolte, l ortografia applicata per ciascun caso segue i criteri indicati nelle Note linguistiche (presentate a pagina 267). Per illustrare opportunamente il contenuto del testo sono state aggiunte essenziali mappe, cartine, tabelle, figure. Inoltre, la narrazione storica e sociologica di ciascun popolo o etnia è integrata con qualche mito, leggenda, tradizione o racconto, mirando ad aiutare nella comprensione del pensiero di quelle genti antiche e le loro azioni di vita quotidiana. Sperando che tali buone intenzioni si siano effettivamente concretizzate nel redigere questo libro, invito il lettore a seguirmi in ciò che per me è stato un emozionante tuffo nel passato. 11

12

13 A Capitolo 1 Come si popolò il continente nche se non è la maggiore fra le terre emerse nel nostro pianeta, l America è la piú lunga e piú accidentata: fra l Alaska e la Terra del Fuoco si interpongono ghiacciai, monti, fiumi, selve, paludi, con insetti, belve e altri pericoli mortali, per un percorso di Km (per paragone, 22 il complesso continentale euroasiatico, dalla penisola Iberica all estremità della Siberia, non supera i e quello imperfetto euroafricano, dal capo Nord al capo di Buona Speranza, raggiunge i ). Il continente americano, dal 71 grado nord al 56 grado sud, in pratica da un circolo polare all altro, forma uno schermo verticale fra i due oceani, che lo isolano dal resto del mondo. Solo verso l estremità nordoccidentale la terra americana tocca, o quasi, il continente asiatico, da cui lo separa un fiume d acqua marina, lo stretto di Bering, sufficiente a impedire il passaggio di uomini primitivi. Su tali basi, i primi archeologi erano perplessi nel voler stabilire quando gli Amerindi popolarono il continente, congetturando un epoca relativamente recente. I pregiudizi ben radicati inducevano loro a pensare 92 che i remissivi indigeni non potessero avere alcun rapporto con i pregevoli antichi resti di tumuli, monumenti e manufatti, i quali dovevano essere l opera di genti remote, giunte dal Vecchio Mondo (o magari da altri luoghi dell Universo!). Agli inizi del 20 secolo già i peggiori eccessi razzisti si erano assopiti, ma permaneva la forte convinzione che, comunque, gli Amerindi fossero sopraggiunti in un secondo tempo, e non vantassero perciò diritti su queste terre. 13

14 14 Capitolo 1 Nel 1927 furono rinvenute a Folsom, nel New Mexico, 92 alcune punte di lancia in pietra conficcate nella cassa toracica di una specie di bisonte estintosi prima della fine dell ultima glaciazione, dimostrando che dei cacciatori arcaici furono presenti sul continente già migliaia di anni fa. E nel 1932, a Clovis, sempre nel New Mexico, in un mammut fu scoperto un tipo di punta di lancia ancora piú antico. Nonostante questi fatti, molti pensatori tradizionali non si arrendevano, rimanendo ancora convinti che gli Amerindi fossero dei coloni recenti. Il professor John Alsoszatai Petheo, della Central Washington University, descrive gli strascichi di tale visione retriva: 6 Per decenni gli archeologi lavorarono con la convinzione che l uomo fosse giunto nel Nuovo Mondo in tempi relativamente recenti, e la semplice menzione della sua possibile presenza da tempi ben piú antichi era considerata alla stregua di un suicidio professionale. Dato tale orientamento, non sorprende che la prova della presenza dell uomo in America sin dall antichità, finalmente rinvenuta nei siti di Folsom, di Clovis e in altri, fosse immediatamente respinta dalle autorità competenti, nonostante la natura evidente dei reperti di piú località, scoperti da ricercatori diversi, analizzati e dichiarati autentici da un gran numero di osservatori, visitatori e professionisti. Incredibile quanto possa sembrarci oggi, solamente nel 1949 quando già in numerosi siti del Nord, Centro e Sud America era stata provata con assoluta certezza * la presenza millenaria di numerosi popoli, e si erano studiate le culture autoctone gli archeologi e altri studiosi accettarono senza esitazioni che i cacciatori di Clovis apparvero 92 fra gli anni 9500 e Ma da dove venivano queste genti stanziate sul suolo americano? Come e quando lo avevano raggiunto? Data la spiccata somiglianza fisica tra gli odierni Amerindi e alcuni popoli asiatici, l origine (sempre presagita e oggi accertata scientificamente, grazie fra l altro ai test del DNA) doveva essere l Asia. Rimaneva però la perplessità sul fatto che in epoche tanto remote si potesse attraversare l oceano in barca, persino nel punto piú prossimo che disgiunge i due continenti: lo stretto di Bering. * Grazie in particolare 16 alle analisi con il carbonio radioattivo, l isotopo 14, che consente di calcolare l età di sostanze organiche legno, ossa, conchiglie, vesti, ecc. provenienti dagli scavi di una determinata cultura. Per spiegarlo in breve, la metà di una certa quantità di C 14 si disintegra in 5568 anni, la metà del rimanente nei seguenti 5568 anni, e cosí via fino a quando diventa impercettibile. Poiché tutti gli organismi viventi piante e animali ingeriscono carbonio durante la loro esistenza e cessano di ingerirlo alla morte, ne consegue che dalla percentuale rimasta nella sostanza analizzata, cioè dalla sua radioattività, è possibile ricavarne con estrema precisione il tempo passato. Oggi si sa che neanche questa è un assoluta impossibilità, visto che 92 l uomo raggiunse per la prima volta le spiagge della Nuova Guinea 40 mila anni fa e quelle dell Australia 50 mila anni fa; scoperte recenti, poi, riportano di viaggi per mare ancora piú remoti. Ma tale riflessione risulta superflua nel caso dei primi Americani, come si vedrà subito.

15 Come si popolò il continente 15 Questa barriera geografica non fu però costante. Durante le punte piú rigide della glaciazione 22, 92 le ultime: , e anni fa il livello del mare si abbassava di anche metri, abbastanza perché lo stretto si convertisse in un istmo, per di piú dal clima relativamente mite, dato che le acque tiepide della Kuroshio (la Corrente Nera, o Giapponese ) dovevano necessariamente bagnare le sue rive meridionali. È fattibile che in tali condizioni sia stato possibile spostarsi a piedi su tale istmo la Beringia e arrivare in Alaska. È fattibile, altresí, che ciò sia avvenuto piú volte, anche in tempi molto remoti, quando le orde di cacciatori provenienti dal deserto del Gobi, dalla Mongolia, dalle steppe siberiane, erano costrette a spostarsi, in cerca di carne, sulle piste delle migrazioni annuali di renne, e magari andare e tornare su quel ponte fra i continenti. Un forte ostacolo rendeva però arduo il proseguimento del cammino dei cacciatori. Durante l èra glaciale 22, 92 gran parte di ciò che oggi sono il Canada e il nord degli Stati Uniti era coperta da una calotta di ghiaccio vastissima, che si estendeva dalla costa atlantica fino alla provincia di Alberta, a ovest, e dalla costa dell Alaska e la Columbia Britannica a sud fino a Seattle. Tali zone inospitali erano separate nella valle dello Yukon, lasciando un corridoio libero dal ghiaccio, lungo Km e variabilmente largo fra i 25 e i 100 Km, che attraversava lo Yukon stesso e l Alberta fino a Calgary. Tale corridoio si bloccava però in coincidenza con le già menzionate punte piú rigide della glaciazione, proprio durante l attuabilità di passaggio fra l Asia e l America. Ne consegue che gli uomini giunti dall Asia, non potendo oltrepassare quella propaggine, rimanevano isolati dal resto del continente. Superato finalmente il massimo rigore glaciale, veniva a prodursi un periodo meno gelido e piú asciutto, che tornava ad alzare il livello degli oceani e a chiudere la porta dell Asia, con l istmo della Beringia ridiventato l intransitabile stretto di Bering. Ma intanto la valle dello Yukon lasciava libero il passaggio per la gente intrappolata. Dopo questo azionamento di chiuse, gli uomini, incappati nella rete della loro inconscia conquista, potevano riversarsi a sud, verso terre ignote. Ciò può essere avvenuto a ogni riprodursi delle condizioni adatte al transito fra i due continenti, cioè 36, 25 e 12 mila anni fa. Oggi si ritiene plausibile che le prime colonizzazioni nel Nord, Centro e Sud America avvennero non prima del 9500 (cioè anni fa). * Ciò non esclude che l uomo possa essere * Per alcuni reperti ritenuti anteriori alla barriera degli anni, l autenticità rimane controversa, 92 come con degli utensili in osso, che si supponeva adoperati anni fa per pulire le pelli, modellati magari dai morsi di un lupo; o dei frammenti di manufatti, mescolati con materiali organici piú antichi; o delle ossa umane trovate in un contesto geologico precedente, dove la tomba era sprofondata. Questi e numerosi altri casi di presunta maggiore antichità non offrono ancora prove inoppugnabili.

16 16 Capitolo 1 giunto anche in precedenza, quando però le terre dello Yukon risultavano inospitali, con una rada vegetazione e poca selvaggina, rendendo l esplorazione del continente ben poco allettante per dei cacciatori arcaici; può darsi altresí che qualche orda si sia spinta abbastanza all interno, finendo però per soccombere essa stessa o i suoi discendenti senza lasciare tracce. Comunque siano andate le cose, si presume che, resosi finalmente agibile il passaggio, giungevano nuove e continue migrazioni di piccoli gruppi a sospingere quelli precedenti. Scarsi come erano in numero rispetto allo spazio sconfinato, e distanziati ineluttabilmente dai loro consanguinei rimasti in Asia, iniziava il processo di popolamento dell immenso ignoto continente, dall Alaska alla Terra del Fuoco. Un altro fenomeno che interessò le Americhe post glaciali fu l estinzione in massa dei grandi mammiferi: mammut, mastodonti, tigri dai denti a sciabola. Fra le congetture sull ecatombe vi è quella del radicale cambiamento climatico avvenuto al termine della glaciazione. Ma si è pensato anche ad altre possibilità, come quella indicata dal biologo Paul Martin, 92 che nel 1967 collegò il fatto proprio all invasione umana: i cacciatori, dice, catturavano le prede prima che esse da millenni dominanti sul territorio, e ignare del nuovo pericolo imparassero a evitarli. La diffusione dell uomo in tempi abbastanza rapidi, misurabili in solo un paio di millenni fino a raggiungere l estremità del Sud America, significò quindi l uccisione indiscriminata delle grosse prede imbattutesi nella loro strada. In questa invasione umana, alcune orde si stanziarono nelle isole Aleutine, o nell Alaska, o nel Canada settentrionale, o nel bordo occidentale della Groenlandia, adattandosi alla vita delle nevi eterne e persistendo nel cacciare (anche se prede diverse da quelle di prima) o nel pescare. Altre orde, intanto, continuavano imperterrite la marcia verso sud per fermarsi in qualche prateria, valle o foresta, presso la riva di un fiume o lago, o le spiagge dell uno o l altro oceano, su elevate montagne o persino in deserti o tenebrose paludi per affrontare immani insidie e pericoli, da cui solo una minima parte della gente era destinata alla non estinzione. Con il passare dei secoli sorsero nuovi gruppi razziali che, 79 pure conservando alcuni tratti dei cacciatori asiatici, il mutato ambiente li aveva resi differenti. Poco è noto di quei pionieri: fra gli scarsi fatti rinvenuti sappiamo, si è detto, che cacciavano anche mammut, mastodonti e bisonti giganti, adoperando armi elementari appuntite con schegge di pietra; e sappiamo che le loro abitazioni furono caverne o altri ripari naturali. Fra molti di quei gruppi si era già prodotta una divisione nel lavoro: 32 con gli uomini dovendo allontanarsi per andare a caccia, toccava alle donne (regolarmente incinte e alla cura dei loro bambini) aggirarsi nelle vicinanze in cerca di chiocciole, bacche,

17 Come si popolò il continente 17 radici, frutti, piccoli animali. Per mantenere la coesione dell intera orda, alla guida vi era di solito una donna, la piú anziana o la piú saggia. Troviamo lo stesso copione, insomma, della storia sviluppatasi in altri continenti. Cercando di congetturare come può essersi svolta la vita allora, dal nostro mondo contemporaneo e in qualità di osservatori consapevoli e imparziali, intraprendiamo un ipotetico viaggio ideale calandoci nel tempo (mettiamo 10 mila anni fa) e nello spazio (le pianure canadesi): 143 È ancora notte, fa freddo e c è vento. Già svegli, intorno a un falò, sette uomini meditano sul momento cruciale. Con la trappola pronta, attendono le prime luci dell alba, allorché i grossi quadrupedi passeranno di là per abbeverarsi al fiume. Tesi e respirando a fatica, sperano che questa volta tutto proceda bene. Diverse volte hanno fallito nei giorni precedenti, subendo anche la perdita di un compagno, il piú giovane, travolto sotto gli zoccoli della mandria. A ciascuno spetta un compito preciso nell attacco e cattura della preda, per ferirla dai vari lati e condurla in trappola, una fossa ricoperta da canne e rovi, e poi ucciderla e macellarla. Nel periodo trascorso da quando lasciarono il riparo oltre mezza luna ormai sono riusciti a cacciare solo piccole prede, impiegate per il loro sostentamento o per attirarne delle altre. Vorrebbero tornare al riparo, ma non possono farlo a mani vuote: occorre perciò catturare quanto prima qualche grosso animale. In sette devono realizzare il compito previsto per otto. Prima di lasciare il riparo si erano esercitati, come sempre, per le varie eventualità di prede piccole e grandi, ripassando anche dai disegni tracciati con selce sulle pareti della caverna i punti vulnerabili degli animali conosciuti; avevano affilato bene lance e coltelli. Il giorno prima della partenza, come protezione dai morsi degli insetti e altre insidie della boscaglia, sui loro corpi le donne avevano spalmato la linfa di certe piante e, al fine di annerirli, anche la cenere di foglie bruciate; poi, per l incolumità dei punti piú sensibili, furono loro avvolti i piedi con corteccia di albero e ingabbiati i genitali con un intreccio di canne. Manità la donna piú saggia dell orda, e che fa da guida e confidente aveva controllato che tutto si fosse svolto nel migliore dei modi. Quella sera, senza pronunciare parola, gli uomini avevano mangiato a sazietà e, dopo compiere i riti per chiedere la protezione della Grande Madre (quella donna antica, invisibile, che veglia sull orda), si prepararono a dormire, cullati da nenie che alcune donne sussurravano, mentre altre alimentavano il fuoco fuori l ingresso della caverna. Ah, se ora le donne fossero con noi!, sospirano tristemente, ciascuno nella propria solitudine e preso da profonda paura, come ogni volta che si affrontano i grossi animali. È solo un desiderio: sanno bene che le donne non possono seguirli, impossibilitate di spostarsi, sempre incinte, o a dover prendersi cura dei piccoli. Intanto anche loro, le donne, stanno correndo dei rischi senza la presenza dei maschi, e non tanto per gli attacchi delle belve, da cui hanno imparato a difendersi abbastanza bene, bensí per l eventuale arrivo di quegli uomini erranti

18 18 Capitolo 1 di passaggio, i quali non temendo il fuoco come gli animali usano irrompere in piena notte per rubare e violentare. I pensieri si arrestano nel percepire il rumore del branco ormai prossimo. Lo lasceranno passare quasi per intero, perché è fra gli ultimi da dove scaturirà la vittima predestinata: l animale piú debole, lento, magari zoppicante. Le posizioni dei cacciatori sono state concordate, per colpire al momento giusto dai vari lati, persino da sopra i rami; e poi per spaventare l animale ferito e condurlo in trappola. Giunto infine il momento, l azione si svolge fulminea, quasi senza dover ragionare: questa volta tutto ha funzionato alla perfezione. Sanguinante e muggendo dal dolore e dal terrore, il bisonte precipita nella fossa. Lo colpiscono ancora, ripetutamente, fino a quando non si è accasciato immoto. Con rami, foglie e liane costruiscono le intelaiature su cui trascinare grossi pezzi macellati. Non si trovano tanto lontano dal riparo, è vero, ma sanno che li attende ancora la fase piú pericolosa dell intera battuta: altri cacciatori a due o a quattro zampe sono probabilmente già in agguato per strappare loro il bottino. Una missione come questa, in tempi normali, avrebbe richiesto almeno quindici uomini; ma l orda disponeva di solo otto in età di cacciare, quelli scampati alle disgrazie di cui furono colpiti durante l ultimo inverno, per trovarsi ridotti, ora, addirittura a sette. La marcia diviene faticosa, per il peso eccessivo e per gli incessanti assalti di belve e uccelli carnivori. Fortunatamente, non appaiono pure degli uomini, perché allora si rischierebbe molto, e non solo di perdere l intero bottino, bensí di finire sterminati, lasciando cosí inerme l orda, composta unicamente da donne e bambini. Prevedendo ancora un paio di giorni di marcia forzata, la sera stessa decidono di affumicare la carne. Ne mangiano appena un poco, per non appesantirsi. Il festino ci sarà, ma solo al ricongiungimento del gruppo, e sorridono assaporandolo in anticipo con il pensiero. Non tutta la carne giunge a destinazione, avendo dovuto spartirne con torme incalzanti di lupi, coyote e altri predatori, con i falchi e avvoltoi che compaiono d improvviso per portare via quanto possono. Ciò che rimane basterà comunque a sfamare l orda per qualche tempo, abbinando i pasti con ciò che le donne raccolgono: erbe, radici, frutti e foglie commestibili, oltre a uova di uccelli o di rettili, e occasionalmente pulcini sottratti da nidi incustoditi e piccole prede cadute incautamente in una delle trappole che si tengono intorno al riparo. Dopo aver conservato la carne affumicata sotto terra (per precauzione in due nascondigli distinti e separati, tenendo conto dei possibili predatori, specialmente quelli umani), si riuniscono tutti a piangere insieme per il cacciatore caduto. Poi mentre le donne si accingono ai primi preparativi per il banchetto da celebrare gli uomini si recano, con Manità, a compiere i riti necessari per ringraziare la Grande Madre invisibile. È bello il tramonto, quando siedono tutti donne, uomini e bambini intorno al fuoco. Masticando qualche foglia o succhiando il midollo dell osso di un pasto precedente, attendono che Manità narri le

19 Come si popolò il continente 19 storie sulla gente antica o sulla Grande Madre e gli spiriti invisibili. Le donne piú mature si danno intanto da fare raschiando le pelli o modellando il legno per fabbricare qualche utensile, mentre quelle giovani, sedute alle spalle, procurano loro sollievo con lo scovare, fra le chiome lunghe e scarmigliate, i pidocchi e altri insetti che disturbano perennemente, per schiacciarli fra le unghie o con i denti. I maschi si dedicano a spezzare e appuntire la selce, oppure a stare lí a non fare niente. In quei momenti, ritenuti solenni, nessuno si permette i soliti scherzi che usano fare alle donne o l uno con l altro. Manità, ancora silenziosa, infilza sostanziose porzioni di carne con lunghi rami duri, per passarli agli uomini, affinché li adagino sulle coppie di forconi, piantati in terra ai due lati del fuoco. Della carne ancora cruda Manità stessa sceglie le fette maggiormente avvolte di grasso, le copre con altri pezzi piú piccoli, magari di carni diverse, e vi aggiunge sostanze aromatiche. Con cura, poi, le mette direttamente sul fuoco (e di tanto in tanto, in seguito, le va spruzzando con sangue di animale misto a succo di mirtilli o con qualche altro intruglio che di volta in volta inventa). Allora, finalmente, si mette a sedere, e tutti gli sguardi sono esclusivamente per lei. Manità passa in visione tutti a uno a uno, e i suoi occhi bruni e dolci riempiono di tranquillità e fiducia. Il crepitio del fuoco e i rumori del bosco intorno servono come preludio alla sua voce calda e rassicurante. Come di solito, comincia riassumendo il lavoro realizzato nel giorno trascorso e a decidere quello di domani, per la raccolta di ciò che comincia a scarseggiare. Rivolgendosi agli uomini, con voce ironica afferma che possono continuare a spassarsela mentre la carne abbonda. Parla anche del nuovo membro dell orda, nato nel pomeriggio: è un bel maschietto, un futuro cacciatore. Riflette di quando in passato le donne uscivano da sole a partorire, in prossimità di un fiume, con il pericolo di essere aggredite da qualche belva, subendo ferite o spesso vedendosi uccidere la creatura. Ora i tempi sono piú sicuri, con lei, Manità, e le donne anziane assistendo alla nascita. Terminati i preliminari, mostra un gran sorriso e le brillano gli occhi. Ora sí, sanno, è giunto il momento piú atteso. Gira le carni nel fuoco, e anche quell odorino piacevole aumenta l allegria generale. Una volta, molto tempo fa, esordisce Manità, la gente non conosceva il fuoco né aveva utensili belli e armi efficaci per la caccia. Quelle genti antiche vivevano sempre nel panico, perché non erano loro i cacciatori, bensí le prede. La notte dovevano rifugiarsi a dormire sugli alberi, per evitare di essere attaccate; ma neppure gli alberi erano sicuri, poiché, oltre ai serpenti, vi sono anche belve feroci che si arrampicano. Erano pochi gli infanti che riuscivano a superare tutte e quattro le stagioni. Intanto che Manità parla, alcune donne, lasciando il lavoro che tengono per mano, si preoccupano di controllare le carni sui forconi e direttamente nel fuoco girandole e rigirandole. La voce continua a descrivere i pericoli incessanti che correvano gli antenati, i quali vivevano precariamente, dovendo nascondersi e costretti ad alimentarsi, nel migliore dei casi, rubando uova dai nidi degli uccelli o seguendo a distanza gli animali predatori, per mangiare dalle loro spoglie.

20 20 Capitolo 1 Manità spesso parla di questi fatti, per far capire i vantaggi dell attuale esistenza (di cui cosí spesso ci si lamenta!), grazie alle cose apprese dalle genti del passato e grazie anche alla vita di gruppo. Le carni sono pronte e le donne le ritirano dal fuoco, lasciando che siano gli uomini a tagliarle. Data la buona caccia, si distribuiscono porzioni generose a tutti, grandi e piccoli, aggiungendovi erbe, radici e frutta. Manità approfitta per ricordare (come ultimamente fa sempre piú spesso) di ringraziare la Grande Madre, che ha donato il fuoco per ammorbidire la carne e renderla piú digeribile. Gli antichi, invece, passavano buona parte del giorno a masticarla cruda; perciò soffrivano spesso di dolori al ventre, e nel tempo perdevano tutti i denti. Le genti antiche cominciarono a capire come dominare il mondo con l individuare gli spiritelli che fanno crescere le piante e spuntare le foglie, e quelli che spostano le nuvole per portarci la pioggia, e quegli altri che di giorno muovono il sole per darci luce e calore, e di notte la luna e le stelle. Tutti ascoltano con attenzione, piú che per le interessanti cose dette, per la bella voce, che sembra carezzare l interno del corpo. Uomini e donne, ugualmente, sono presi da un intenso a- more per Manità. Pure essendo stati individuati gli esseri portatori di bene, non siamo in grado di vederli, perché sono o troppo piccoli o invisibili. E le mani gesticolano buffamente per esprimere piccolezza o invisibilità, facendo tanto divertire. Poi parla di quegli altri spiriti che portano le disgrazie e le malattie. Ora il suo viso diventa duro e la voce roca, e si stringono fra loro dalla paura. Allora Manità, sorridendo di nuovo, li tranquillizza, assicurando che c è lei, incaricata dalla Grande Madre buona e generosa, a proteggere l orda. Ormai sazi (con i bambini che già dormono) è giunto il momento di andare dentro a coricarsi. Dopo un accurato controllo della palizzata e delle trappole, tutti tranne le donne di turno, quelle che sorveglieranno e terranno vivo il fuoco entrano nella caverna. Alcune coppie si compongono sul momento per passare la notte insieme. Manità è soddisfatta: la battuta di caccia è stata proficua e gli uomini (anche se uno di loro è morto) sono tornati dopo un tempo ragionevole, prima ancora che fosse trascorsa una luna (altre volte erano rimasti assenti per due lune o piú). Non è però per niente tranquilla. Allorché si sono addormentati dopo gli schiamazzi dei primi momenti, nei giochi erotici fra maschi e femmine lei è rimasta insonne, assalita dai cupi pensieri che ultimamente la tormentano. La vita dell orda può, per il momento, ritenersi salva, perché c è da mangiare per qualche tempo. Ma non si può mai essere certi, dato che le disgrazie colpiscono all improvviso. Ricorda il tremendo inverno precedente. Prima di allora l orda era stata numerosa: per contare tutti era necessario ripassare le dita delle due mani parecchie volte; e, quando partivano i cacciatori, rimanevano sempre sufficienti uomini a protezione del riparo (Sí, pensa Manità con un sorriso, gli uomini sono senz altro utili, anche se per loro natura hanno minore sagacia nell afferrare i fatti; in compenso possiedono un fisico piú robusto, e sanno combattere meglio contro forti animali o contro altri uomini).

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 La preistoria raccontata da noi bambini Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 AFRICA circa 30 milioni di anni

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub. WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Volpe polare Dossier di presentazione Klein & Hubert / WWF Scheda Dimensioni:

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

IL MIO QUADERNO INVALSI

IL MIO QUADERNO INVALSI GABRIELLA PORINO LIBRO MISTO PROGETTO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO INFORMATIVO DI ARGOMENTO GEOGRAFICO GABRIELLA PORINO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra Visita alla mostra Prima di cominciare Queste diapositive raccolgono, come in un diario, le impressioni di noi bambini di fronte alle riproduzioni dei dinosauri ammirate durante la visita. In ogni pagina

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano Fu tra gli scopritori del mitico Passaggio a Nord-Est Dalle terre polari

Dettagli

3 anno TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112

3 anno TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112 3 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0638-0

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO ALUNNO 1 PROVA DI COMPRENSIONE DEL TESTO Leggi

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

I primi uomini. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? primi uomini

I primi uomini. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? primi uomini nostri antenati, cioè gli uomini che sono vissuti prima di noi, vivevano in un ambiente difficile e pieno di pericoli. mpararono a conoscere la natura e a ricavare da essa cibo, ripari, armi, attrezzi

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro

Preparare il nostro mondo per loro. Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione. Annastella Gambini, preparare il nostro mondo per loro Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto Come lo metto Cosa gli metto a disposizione Preparare il nostro mondo per loro Dove lo metto (come gli spinarelli???) Come lo metto (stare ad ascoltare)

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Le piante si estinguono

Le piante si estinguono Estinzione e Artenvielfalt conservazione Unità didattica 3 Le piante si estinguono Durata 3 ore Materiali - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità didattica

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Mito degli indiani Yakima

Mito degli indiani Yakima Piancallo, 14 ottobre 2011 Progetto LO SPAZIO Mito degli indiani Yakima Agli inizi del mondo c era solo acqua. Il Grande Capo Lassù viveva su nel cielo tutto solo. Un giorno decide di fare il mondo, viene

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

. E di Flora Ginepro Coccolone

. E di Flora Ginepro Coccolone Un Po di Storia La riserva di Vendicari è una riserva orientata che differisce dalla riserva integrale per la possibilità di interventi antropici a norma! Essa infatti può essere visitata dall uomo. Andando

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo:

STORIA. La preistoria. Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens. il testo: il testo: 01 Tutti gli esseri umani sono figli di homo sapiens sapiens La foto a pag.18 fa vedere un immagine del film 2001 Odissea nello spazio. Nella foto si vede un ominide che tiene in mano un osso.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Australia working honeymoon visa. Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele

Australia working honeymoon visa. Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele Australia working honeymoon visa Visto di permesso speciale per una coppia in luna di miele Immagini dell autore. Daniela Scaccabarozzi Andrea Aromatisi AUSTRALIA WORKING HONEYMOON VISA Visto di permesso

Dettagli

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010 Associazione MeteoNetwork Onlus - Sezione Puglia Via A. Cozza, 9 73100 Lecce www.meteonetwork.it/sezioni/regionali/puglia sezione@puglia.meteonetwork.it ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Saggistica Aracne 262

Saggistica Aracne 262 Saggistica Aracne 262 Mauro Annese Il Petrolio Un percorso quasi autobiografico lungo le vie del petrolio descritto in 101 domande e risposte Prefazione di Brunetto Chiarelli Copyright MMXIII ARACNE editrice

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli