Sezione Provinciale di Ravenna via Alberoni 17/ Ravenna. Servizio Sistemi Ambientali Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sezione Provinciale di Ravenna via Alberoni 17/19 48121 Ravenna. Servizio Sistemi Ambientali Tel. 0544 210629-30 - 31 Fax 210650."

Transcript

1 Sezione Provinciale di Ravenna via Alberoni 17/ Ravenna Servizio Sistemi Ambientali Tel Fax Progetto MOMAS Misure dell inquinamento dell aria e delle emissioni prodotte da alcuni ciclomotori e moto utilizzati dagli studenti presso il liceo Scientifico Oriani di Ravenna Ravenna, 22 maggio 2013 Ing. Loris Geminiani

2

3 Premessa Il progetto di MObility MAnager Studentesco nasce dalla collaborazione di Euromobility, Legambiente, Fiab, l associazione Salvaiciclisti, con 11 Istituti superiori di 11 città italiane, fra cui il Liceo Scientifico di Ravenna. Il coordinatore del progetto per Ravenna è il Responsabile locale di Legambiente, Claudio Mattarozzi che ha proposto la collaborazione all Arpa di Ravenna. Per quanto riguarda la realizzazione del progetto l ARPA di Ravenna ha concordato la misura dell inquinamento atmosferico nella strada ove è ubicato il Liceo Scientifico di Ravenna, focalizzando l attenzione nel periodo in cui gli studenti escono dal Liceo. E stato inoltre previsto un incontro con gli studenti del Liceo Scientifico, in cui si illustreranno i risultati delle verifiche strumentali effettuate da ARPA con una breve esposizione sul funzionamento dei ciclomotori. Grazie alla collaborazione del centro revisione CO.R.MEC è stato inoltre possibile misurare le emissioni di alcuni ciclomotori e motocicli usati dagli studenti del Liceo. Il progetto ha anche previsto un incontro con gli studenti del Liceo, che si è tenuto la mattina del 21/05/2013 ed ha visto la partecipazione dei soggetti coinvolti nello stesso (studenti e professori del Liceo responsabile Legambiente tecnici ARPA) con degli interventi, che hanno descritto il loro coinvolgimento. Localizzazione area di intervento Liceo Scientifico Oriani ubicato a Ravenna, via Cesare Battisti, 2 (angolo via Oberdan). L area di interesse è la strada in cui è presente il parcheggio dei ciclomotori, che si trova di fronte al Liceo Scientifico. Periodo di intervento condizioni meteo Venerdì 01 marzo 2013 dalle ore 7,45 alle ore 13,45 Condizioni meteo buone con sole e temperatura nella media stagionale (temperatura nel periodo di intervento da 4 C a 10 C). Personale di ARPA Ing. Loris Geminiani P.I. Valter Gnani Personale esterno che ha collaborato alla realizzazione del progetto Claudio Mattarozzi - responsabile locale di Legambiente. Prof. Nicola Merloni (Liceo scientifico Oriani). Fabrizio Sbaraglia ed Enrico Magni (CO.R.MEC s.c.a.r.l.): il primo per il coordinamento dell intervento da parte del Centro Revisioni, il secondo per le misure in campo sui ciclomotori utilizzati dagli studenti. 1

4 Apparecchiature utilizzate e gas misurati - Analizzatore fornito da ARPA Misura della concentrazione nell aria di CO (monossido di carbonio) Unità di misura: ppm (parti per milione). Marca: Thermo Enviromental Istruments; modello: Analizzatore fornito da ARPA Misura concentrazione in aria di NO (monossido di azoto) - NO 2 (biossido di azoto) Unità di misura: ppb (parti per miliardo). Marca: Teledyne istruments; modello: 200E. - Analizzatore fornito dal CO.R.MEC Misura delle emissioni dei ciclomotori motocicli (per effettuare la misura la sonda viene inserita dentro la marmitta del ciclomotore). Marca: TECNOTEST; modello: Stargas 898. Questo tipo di analizzatore è utilizzato normalmente nella prova gas prevista nell ambito della revisione dei ciclomotori / motocicli / autoveicoli. I gas misurati e le unità di misura sono quelli di seguito riportati. Gas misurati Unità di misura CO (monossido di carbonio) % volumetrica CO 2 (biossido di carbonio anidride carbonica) % volumetrica O 2 (ossigeno) % volumetrica HC (idrocarburi) ppm (parti per milione) Descrizione dell intervento Alle ore 7,30 sono iniziate Le operazioni per l attivazione del monitoraggio dell aria di fronte al Liceo Scientifico (Ravenna, via Cesare Battisti, 2). In Allegato 1 sono riportate le foto che descrivono l intervento. Dopo aver effettuato il collegamento alla rete elettrica dei due analizzatori di CO e di NO NO2, sono occorsi circa 30 minuti affinché le apparecchiature diventassero operative (fase di riscaldamento ed auto taratura). Alle 9,00 si sono registrati i primi dati istantanei dei parametri CO - NO NO 2 presenti nell aria. Alle 10,30 è stato programmata l acquisizione automatica da parte di un data logger per i dati prodotti dall analizzatore di CO. I risultati di tale monitoraggio sono visibili nel capitolo successivo. Alle ore 11,00, grazie alla collaborazione di un tecnico del centro revisione CO.R.MEC, che ha messo a disposizione un analizzatore normalmente utilizzato per effettuare le prove gas durante le revisioni dei ciclomotori e dei motocicli, è iniziata la fase di controllo delle emissioni prodotte da dieci ciclomotori ed un motociclo, che utilizzano gli studenti del Liceo. Tale fase di controllo delle emissioni sì è protratta per circa 50 minuti (dalle ore 11,10 alle ore 12,00). Si ricorda che la normativa nazionale che regola le prove gas nella procedura di revisione, prevede degli accorgimenti che non sono stati utilizzati durante la verifica effettuata. Alle ore 13,30, dopo l uscita della maggior parte degli studenti dal Liceo, è terminata la misura di NO NO 2 CO. 2

5 Concentrazione di CO NO NO 2 nell aria - analisi dei dati Di seguito sono riportati i dati del monitoraggio prodotto dai due analizzatori di CO e di NO NO 2 (vedi tabella 1). Misure puntuali di CO - NO - NO 2 - effettuate il 01 marzo 2013 via Cesare Battisti - Ravenna - presso il Liceo Scientifico Oriani ORE CO (ppm) CO (mg/m3) NO (ppb) NO (μg/m3) NO2 (ppb) NO2 (μg/m3) ,1 1, , , ,8 0, , , ,5 0, , , ,6 0, , , ,69 0,79 8 9, , ,97 2, , , ,71 1, , , ,57 0,66 4 4, , ,66 0,76 7 8, , ,77 2, , ,4 Tabella 1 Misure di CO NO NO 2 Nella tabella 1 le misure puntuali di NO - NO 2 sono i valori istantanei registrati manualmente ogni 30 minuti, mentre per il CO, i valori sono registrati come valori istantanei solo fino alle ore 10,30, poi dalle ore 11,00, sono riportati dei valori mediati su 30 minuti (valori in grigio). Visto che gli analizzatori presentano una lettura dei parametri chimici in ppm (CO) e ppb (NO NO 2 ), per effettuare il confronto con i limiti di legge (vedi D.Lgs. 155/2010) è necessario convertirli rispettivamente in mg/m 3 ed in μg/m 3 grazie a dei fattori di conversione, che sono individuati per delle condizioni standard dell aria, ad una temperatura di 25 C. Tali fattori, riportati nel D.Lgs. 155/2010, sono: CO 1 ppm = 1,15 mg/m 3 NO 1 ppb = 1,23 μg/m 3 NO 2 1 ppb = 1,88 μg/m 3 Tenuto conto di tali fattori di conversione, in tabella 1 sono riportate le colonne con trasformazioni in mg/m 3 per CO ed in μg/m 3 per NO ed NO 2. In figura 1 è riportato l andamento di CO NO NO 2 in ppm ppb ppb. Le linee tratteggiate sono valori istantanei; la linea continua sono valori mediati su 30 min.. 3

6 In figura 2 è riportato l andamento dei valori di CO (ppm) acquisiti automaticamente dal data logger ( i valori sono mediati su 20 secondi ed acquisiti ogni minuto dal data logger). NO - NO2 (ppb) Misure puntuali NO - NO2 - CO (fino alle ore 10,30) Misure mediate su 30 minuti - CO (dalle ore 11,00) Ravenna - via Cesare Battisti, , Ore NO (ppb) NO2 (ppb) CO (ppm) CO mediato su 30 min. (ppm) 2,2 2,0 1,8 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 CO (ppm) Figura 1 Andamento misure di CO (ppm) NO NO 2 (ppb) Misura di CO mediata su 20 sec. ed acquisita automaticamente con Datalogger ogni minuto CO (ppm) CO limite (media trasc. 8 ore) ppm 20,0 19,0 18,0 17,0 16,0 15,0 14,0 13,0 12,0 11,0 10,0 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0, Ora Figura 2 Andamento misure di CO (ppm) valori acquisiti ogni minuto 4

7 L andamento fortemente irregolare del CO dopo le ore 11,10, è dovuto alle prove effettuate sui ciclomotori ma anche alle mutevoli condizioni del vento. Mentre fino circa alle ore 11,00 vi erano condizioni di ferma di vento, dopo tale orario si è alzata una leggera brezza, forse dovuta al riscaldamento dell aria, con direzioni variabili nel tempo. Inoltre, tenuto conto della normativa in vigore che regola l inquinamento atmosferico, si deve precisare che i valori misurati e riportati nei grafici delle figure 1 e 2, forniscono un andamento quantitativo, anche se non sono direttamente confrontabili con i limiti di legge, in quanto si tratta di valori istantanei o valori mediati su 30 minuti. Nel caso del CO, la normativa prevede che sia effettuato il confronto con i limiti di legge della media trascinata su 8 ore dei valori medi orari, mentre per l NO 2, il limite di legge si confronta con i valori delle medie orarie. Si sono infine confrontati i valori puntuali misurati presso il Liceo (figura 3), che danno una indicazione dell andamento quantitativo dell inquinamento dell aria, con i valori medi orari forniti da due centraline (Caorle e Zalamella) della rete di monitoraggio di qualità dell aria (figura 4). Dall analisi degli andamenti della concentrazione dei gas nell aria si osserva che per l ossido di azoto (NO) e per il biossido di azoto (NO 2 ) vi sono andamenti nel tempo simili e valori fra loro abbastanza vicini. Diverse considerazioni si devono fare per il monossido di carbonio (CO), in quanto, mentre nella centralina di Zalamella il picco di concentrazione è alle 9,00, per poi diminuire fino alle 14,00, nel caso di via Cesare Battisti (Liceo), il CO ha un andamento abbastanza simile a quello di Zalamella fino alle ore 11,00, dopo però, in seguito alle misure delle emissioni dei ciclomotori (dalle ore 11,10 alle ore 12,00) ed in corrispondenza dell uscita degli studenti (dalle ore 13,00 alle ore 13,20), si osserva un forte incremento di CO con dei valori di concentrazione decisamente superiori rispetto a quelli di Zalamella. Nel caso dei valori di CO rilevati presso il Liceo è comunque possibile valutare due valori medi orari, uno per le ore 12,00, l altro per le ore 13,00. Tali valori sono di seguito confrontati con quelli della centralina di Zalamella (vedi tabella 2). ORA CO ZALAMELLA (mg/m 3 ) CO Liceo (mg/m 3 ) 12,00 0,7 2,1 13,00 0,7 0,7 Tabella 2 valori medi orari Dalla tabella 2 emerge che i valori medi orari di CO differiscono in modo significativo nell ora in cui si sono effettuate le prove di emissione dei ciclomotori. 5

8 NO - NO2 (μg/m3) 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 Misure puntuali NO - NO2 - CO (fino alle ore 10,30) Misure mediate su 30 minuti - CO (dalle ore 11,00) Ravenna - via Cesare Battisti, Ore (Data 01/03/2013) NO (μg/m3) NO2 (μg/m3) CO (mg/m3) CO mediato su 30 min. (ppm) 2,4 2,2 2,0 1,8 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 CO (mg/m3) Figura 3 Andamento misure di CO (mg/m 3 ) NO NO 2 (μg/m 3 ) Cabine monitoraggio qualità dell'aria a Ravenna - Misure mediate su un'ora NO - NO2 nelle cabine di via Caorle e via Zalamella CO nella cabina di via Zalamella NO - NO2 (microgrammi/m3) ,0 8,00 9,00 10,00 11,00 12,00 13,00 14,00 Ora NO (Monossido di azoto) - CAORLE NO (Monossido di azoto) - ZALAMELLA NO2 (Biossido di azoto) - CAORLE NO2 (Biossido di azoto) - ZALAMELLA CO (Monossido di carbonio) - ZALAMELLA 2,0 1,9 1,8 1,7 1,6 1,5 1,4 1,3 1,2 1,1 1,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 CO (milligrammi/m3) Figura 4 Andamento misure di CO (mg/m 3 ) NO NO 2 (μg/m 3 ) presso due centraline della qualità dell aria di Ravenna (Caorle Zalamella) Data: 01/03/2013 6

9 Misura delle emissioni prodotte dai ciclomotori / moto (CO ossido di carbonio CO 2 anidride carbonica O 2 ossigeno HC idrocarburi) - analisi dei dati La misura delle emissioni di un campione dei ciclomotori utilizzati dagli studenti è stata effettuata senza il preventivo riscaldamento del motore (motore a freddo ). Tale scelta, che non corrisponde alle condizioni previste per l effettuazione della prova gas durante la revisione, è però quella che corrisponde alla reale emissione degli inquinanti nei primi minuti di funzionamento del motore. Nella tabella 3 sono riportati i risultati delle misure delle emissioni, espresse in percentuale (%) volumetrica per CO CO 2 O 2 ed in parti per milione (ppm) per HC, rispettando la successione temporale in cui sono avvenute. Gas di scarico dei ciclomotori e moto - Misure di CO - CO2 - O2 - HC Marca - Modello Cilindrata (cc) Cod. Tipo motore class. euro CO (% vol.) CO2 (% vol.) O2 (% vol.) HC (ppm) Yamaha - Aerox - 50 cc 2TC - euro 1 3,90 3,2 12, Aprilia - SR - (I.E. 50 cc) 2TC - euro 2 0,68 5,1 12, Yamaha - TZR - 50 cc 2TC euro 2 4,25 2,2 12, Aprilia - Sx cc 2TC - euro 3 2,61 5,0 11, Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 2 1,70 4,1 13, Keeway - RY8-50cc 2TC - euro 2 3,84 2,6 12, Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 2 0,09 5,0 13,9 808 Piaggio - Free - 50 cc 2TNC - euro 0 3,95 4,7 10, Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 3 0,14 5,6 12, Honda - Vision - 50 cc 4TC - euro 3 0,40 9,1 7,9 552 Piaggio - Derby - 50 cc 2TC - euro 1 2,50 1,6 15, Tabella 3 Misure di CO CO 2 O 2 HC Tipo motore Codice 2 tempi non catalizzato 2TNC 2 tempi catalizzato (*) 2TC 4 tempi non catalizzato 4TNC 4 tempi catalizzato (*) 4TC Nella tabella 3, le caselle con lo sfondo rosso corrispondono ai peggiori valori rilevati, mentre con lo sfondo bianco sono indicati i tre casi migliori per ogni gas rilevato. Tabella 3 bis codici tipo motore (*) Siamo in presenza di una marmitta catalitica. La marmitta contiene il catalizzatore che serve per abbattere le emissioni nocive di gas di scarico del motore favorendo l ossidazione e riduzione dei gas di scarico e convertendo gli idrocarburi incombusti (C n H m ), gli ossidi di azoto (NOx) e il monossido di carbonio (CO), in anidride carbonica (CO 2 ), acqua (H 2 O) ed azoto (N 2 ). 7

10 Piaggio - Derby - 50 cc Honda - Vision - 50 cc Piaggio - Vespa - 50 cc Piaggio - Free - 50 cc Piaggio - Vespa - 50 cc Keew ay - RY8-50cc Piaggio - Vespa - 50 cc Aprilia - Sx cc Yamaha - TZR - 50 cc Aprilia - SR - (I.E. 50 cc) Yamaha - Aerox - 50 cc Misure emissioni ciclomotori / moto CO (vol%) 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 CO (% vol.) Piaggio - Derby - 50 cc Honda - Vision - 50 cc Piaggio - Vespa - 50 cc Piaggio - Free - 50 cc Piaggio - Vespa - 50 cc Keew ay - RY8-50cc Piaggio - Vespa - 50 cc Aprilia - Sx cc Yamaha - TZR - 50 cc Aprilia - SR - (I.E. 50 cc) Yamaha - Aerox - 50 cc Misure emissioni ciclomotori / moto HC (ppm) HC (ppm) Figura 5 Istogramma emissioni ciclomotori per CO (% vol.) ed HC (ppm) L attuale normativa che regola la prova dei gas di scarico inserita nel processo di revisione per i ciclomotori e moto catalizzate (Direttiva Europea n 97/24/CE), prevede che la prova dei gas sia effettuata con motore caldo e con il regime di giri al minimo (motore fermo); inoltre, il limite da rispettare riguarda il CO corretto che è così definito: CO corretto 4,5 % vol. dove: CO corretto = S * [CO] / ([CO]+[CO 2 ]) con S = 10 per motori a due tempi; S = 15 per motori a quattro tempi. Per i ciclomotori non catalizzati il limite da rispettare riguarda l anidride carbonica CO 2 e la prova deve avvenire con il motore sui rulli ad una velocità di 40 km/ora. CO 2 > 7,0 % vol. 8

11 Ribadito il fatto che le condizioni per la misura delle emissioni dei ciclomotori non sono state quelle previste dalla normativa per la prova gas della revisione, nella tabella 4 si sono indicati con il colore rosso i ciclomotori che, se fossero stati confermati i valori rilevati anche durante la prova gas della revisione, non sarebbero stati rispettati i limite di legge. Marca - Modello Cilindrata (cc) Cod. Tipo motore (*) - class. euro CO (% vol.) CO2 (% vol.) CO corrett o (% Piaggio - Free - 50 cc 2TNC - euro 0 3,95 4,7 - Yamaha - Aerox - 50 cc 2TC - euro 1 3,90 3,2 5,5 Piaggio - Derby - 50 cc 2TC - euro 1 2,50 1,6 6,2 Aprilia - SR - (I.E. 50 cc) 2TC - euro 2 0,68 5,1 1,2 Keeway - RY8-50cc 2TC - euro 2 3,84 2,6 6,0 Yamaha - TZR - 50 cc 2TC - euro 2 4,25 2,2 6,6 Aprilia - Sx cc 2TC - euro 3 2,61 5,0 3,4 Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 2 0,09 5,0 0,3 Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 2 1,70 4,1 4,4 Piaggio - Vespa - 50 cc 4TC - euro 3 0,14 5,6 0,4 Honda - Vision - 50 cc 4TC - euro 3 0,40 9,1 0,6 Tabella 4 Misure di CO CO 2 calcolo di CO corretto I casi potenzialmente non conformi sono 5 su 11. Un altra possibile osservazione sui risultati delle emissioni è relativa al tipo di motore; come ci si poteva aspettare, anche a parità di classificazione euro, risulta che le emissioni dei motori a 4 tempi sono migliori di quelle a 2 tempi. Infine, considerato che sono in nostro possesso (banca dati) i risultati delle prove gas effettuate dai centri revisione della provincia di Ravenna sugli autoveicoli ed in parte sui ciclomotori e motocicli, si è messa a confronto la media delle emissioni degli HC (idrocarburi) negli autoveicoli catalizzati a 4 tempi, ricavata dalle prove gas del 2012, con quella dei ciclomotori 2 tempi e 4 tempi catalizzati, ricavata dalla stessa banca dati del 2012 (vedi tabella 5). Si nota la forte disparità nelle emissioni degli HC fra quelle degli autoveicoli (sono molto bassi) e quelle dei ciclomotori (sono molto elevati). Banca dati ARPA - Prove gas effettuate durante la revisione Media HC n campione Autoveicoli catalizzati (dati 2012) 39 ppm record Media HC - n campione Ciclomotori catalizzati (dati 2012) ppm record Tabella 5 Media HC autoveicoli e ciclomotori Se poi si confronta la media degli HC dei 10 ciclomotori catalizzati degli studenti del Liceo, pari a circa ppm (il dato è ricavato dalla tabella 3), con la media degli HC dei ciclomotori catalizzati indicata nella tabella 5 ( ppm), si potrebbe ritenere che quei 10 ciclomotori degli studenti del liceo siano mediamente in pessime condizioni. 9

12 Per giustificare tale risultato negativo, da una parte si osserva la disparità di numerosità dei due campioni (10 contro 730), ne segue una diversa incertezza nell analisi statistica, ma ancora più importante é il fatto che le misure delle emissioni dei ciclomotori degli studenti sono state effettuate con i motori freddi, mentre le prove gas delle revisioni sono fatte con motore caldo. In queste condizioni, anche le moto catalizzate non possono dare il meglio delle loro prestazioni in quanto non è attivo il catalizzatore (funziona dopo che la temperatura é superiore a circa 300 C) e la carburazione non è ancora quella ottimale. Infine, non si può escludere che alcuni ciclomotori degli studenti del Liceo siano stati modificati per aumentare le loro prestazioni. Per quanto riguarda l uso del catalizzatore, a differenza degli autoveicoli catalizzati, che presentano tutti un sistema di catalizzazione con controllo retroazionato, grazie alla presenza della sonda lambda inserita nella marmitta e di una centralina elettronica che gestisce l iniezione della benzina / miscela, nel caso dei ciclomotori catalizzati solo gli euro 3 a quattro tempi utilizzano la sonda lambda (*), mentre gli altri ciclomotori catalizzati (euro 1 e 2), utilizzano solo un sistema passivo (filtro catalizzato) in cui non c è retroazione, ovvero, il controllo elettronico della carburazione, se esistente, non tiene conto della quantità di ossigeno presente nel gas di scarico, in quanto manca la sonda lambda (è un sensore di ossigeno). In ogni caso, anche se fossero utilizzate le migliori tecnologie in commercio (4 tempi - catalizzato - euro 3), per quanto riguarda gli idrocarburi (HC), risulta che, mediamente, quelli emessi dai ciclomotori / motociclette sono comunque molto più elevati rispetto a quelli emessi dalle autovetture. Le ragioni principali di queste elevate emissioni si ritiene siano le seguenti: - il rapporto di compressione dei ciclomotori/moto è più elevato rispetto a quello delle autovetture; - il numero di giri è più elevato nei ciclomotori rispetto a quello delle autovetture; - nei ciclomotori, la progettazione dei motori é molto più orientata alla massimizzazione della prestazione (potenza/accelerazione/velocità) rispetto ai motori degli autoveicoli, che oltre ad essere costretti a norme più severe sulle emissioni, sono di solito più orientati al contenimento dei consumi. (*) La sonda lambda è un sensore di ossigeno (cella elettrochimica che genera un potenziale diverso a seconda della concentrazione di ossigeno), che normalmente si attiva dopo che ha raggiunto una temperatura di circa 300 C. La sonda serve per conoscere se i gas di scarico presentano del combustibile incombusto e per mantenere il rapporto di miscela (kg aria / kg combustibile) entro l'intervallo di efficienza ottimale del catalizzatore (condizione di "lambda 1"). Funzionamento sonda lambda La sonda lambda è in grado di rilevare la concentrazione di ossigeno all'interno dei gas di scarico; il valore di lambda sta ad indicare il rapporto tra l'aria e la benzina, e vale: 1 quando la combustione è stechiometrica (ideale); < 1 quando c'è un eccesso di benzina; > 1 quando c'è un eccesso di aria / ossigeno. La sonda trasmette un segnale elettrico alla centralina che regola l'immissione di carburante e aria all'interno della camera di combustione. 10

13 Considerazioni sulle emissioni dei ciclomotori In generale, le emissioni dei ciclomotori sono ricche di CO, HC e benzene, mentre il contenuto di NOx è modesto. Caratteristica di questi veicoli è la consistente emissione di olio incombusto (questo vale quasi esclusivamente per i motori a 2 tempi). L introduzione di norme più severe e stringenti per gli autoveicoli ha drasticamente ridotto il contributo degli autoveicoli alle emissioni di CO, HC e NOx. Il risultato di tale processo è che nel corso degli anni, l apporto percentuale dei veicoli a due ruote sulle emissioni inquinati è divenuto sempre più rilevante, anche in considerazione del fatto che l iter legislativo che ha regolato le emissioni di tale classe di veicoli ha seguito tempi di sviluppo e applicazione più lenti. Di seguito sono riportati dei grafici (figura 6-7 e 8) ricavati da uno studio del 2008 dell Università di Napoli Federico II sul parco veicolare della Campania. Figura 6 Emissioni di CO (tn) con previsione fino al 2020 Dall analisi della figura 6 emerge che l impatto sulle emissioni di CO degli autoveicoli è destinato a diminuire mentre restano costanti quelle dei ciclomotori (mopeds). In figura 7 si riportano le percentuali complessive dei composti organici volatili (COV) suddivise per tipologia di veicolo. Si evidenzia che il peso dei ciclomotori in questo caso è molto maggiore rispetto a quello previsto per il CO. Figura 7 Emissioni di COV (tn) con previsione fino al

14 In figura 8 si riportano i risultati della stima delle emissioni dovuto al trasporto stradale in Campania. E evidente che il contributo alle emissioni totali del CO e dei COV, da parte dei veicoli a due ruote, incide molto di più della % di km percorsi da questo tipo di veicoli. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Veicoli Veic*km Emissioni CO Emissioni COV Motocicli Ciclomotori Bus Tir pesanti Camion leggeri Autoveicoli GPL Autoveicoli Diesel Autoveicoli b i Figura 8 Emissioni % di CO - COV suddiviso per tipo di veicolo Sempre da questo studio emerge che la classe veicolare che sviluppa la maggiore quantità di COV è rappresentata dai ciclomotori (12831,8 t/annue pari 48.1% del totale), rispetto ad un contributo percentuale alle percorrenze totali del 4,2%. I motocicli contribuiscono alle emissioni di CO per il 23 % a fronte di percorrenze pari al 5,2 % del totale. Infine, in figura 9 (fonte ANCMA), si riporta la suddivisione nel corso degli anni, su scala nazionale, del numero di ciclomotori e motocicli. Dal 1999 si nota la costante diminuzione dei ciclomotori a favore dei motocicli, mentre la somma delle moto e dei ciclomotori presenta un leggero incremento. Figura 9 Consistenza del parco ciclomotori e motocicli nel corso degli anni (fonte ANCMA) 12

15 Funzionamento dei motori a 2 tempi cenni Il motore a due tempi è un tipo di motore a combustione interna, il quale viene alimentato da una miscela di benzina ed olio. E stato inventato da Dugald Clerk nel La prima sperimentazione si è effettuata nel 1880 da parte di Karl Benz. Figura 10 - ciclo funzionamento motore a 2 tempi Il funzionamento del motore si può suddividere in tre fasi: - Aspirazione - compressione (pistone in salita verso il Punto Morto Superiore, con aspirazione della miscela aria/benzina/olio fresca dalla luce di aspirazione nel carter; il pistone occlude dapprima le luci di travaso, poi quelle di scarico). - Accensione ed Espansione (l'accensione, avviata da una candela, avviene con anticipi nettamente inferiori a quelli tipici del 4 tempi; dopo il PMS (punto morto superiore) inizia l'espansione, che di fatto si interrompe al momento dell'apertura della luce di scarico, per via del brusco calo di pressione; questo fatto non determina una perdita notevole di rendimento rispetto ad un motore a 4 tempi di pari cilindrata, visto che il motore a quattro tempi richiede un'apertura anticipata delle valvole di scarico, pressoché paragonabile al due tempi. Con il passare degli anni la luce di scarico dei due tempi si è via via ridotta, a favore di una sua estensione nel senso trasversale, in modo da guadagnare corsa utile e avere un rendimento sempre maggiore, del tutto paragonabile a quello dei quattro tempi.) - Scarico (in fase di discesa il pistone scopre la luce di scarico. L'espulsione dei gas combusti avviene per semplice differenza di pressione e non per l'azione di pompaggio del pistone come nel 4 tempi. Lo scarico risuonante, se presente, rende più veloce questa fase, grazie alla depressione sviluppata dal primo tratto dello stesso, permettendo di ridurre l'altezza delle luci di scarico e aumentare il rendimento.) 13

16 Pregi e difetti Il motore a due tempi tra i suoi pro o i suoi contro a seconda dell'utilizzo, ha il fatto di avere poco freno motore a causa delle minori parti meccaniche di cui è composto e che oppongono resistenza al movimento rispetto ad un motore a quattro tempi, per questo motivo il rendimento meccanico è migliore. Nell uso in aree urbane questa caratteristica è più un punto a sfavore, dato che avendo meno freno motore si è costretti ad utilizzare in maniera più intensiva i freni meccanici (a disco o a tamburo) portando ovviamente ad una più rapida "usura" degli stessi. Pregi principali Motore più leggero e maneggevole, dato le minori dimensioni e maggiore semplicità delle parti meccaniche necessarie al suo funzionamento. Motore inclinabile, come nel caso di motoseghe, ecc. Affidabilità maggiore, avendo meno parti mobili per il suo funzionamento è soggetto a un numero inferiore di fenomeni, il che ne migliora l'affidabilità o Minor rischio di grippature in confronto ai motori a quattro tempi con lubrificazione a carter umido. Risposta più "scattante" e rapida, dovuto al fatto che si ha un'accensione a ogni giro invece che ogni due, dimezzando di fatto il tempo di risposta (questo è valido a parità di regime e di unità termiche). Difetti principali Maggiori emissioni di gas tossici, dovuto alla combustione di benzina e olio. Minor rendimento termodinamico, dovuto a una durata della fase di scarico-travaso, dove si ha la fuoriuscita di una parte della miscela fresca (dispersione di parte della carica fresca). o Consumo specifico più elevato, soprattutto nei confronti di motori ad iniezione diretta e dovuto alla perdita di miscela dallo scarico. Costi dell'olio lubrificante 14

17 Funzionamento dei motori a 4 tempi cenni I motori a quattro tempi sono motori termici, comunemente usati negli autoveicoli; esistono diversi tipi di motori a quattro tempi in grado di bruciare molti tipi di combustibili fossili o naturali, come la benzina, il gasolio, il metano, il GPL, l etanolo, E85 ed E95. Il termine a 4 tempi deriva dal fatto che la combustione avviene per quattro passaggi successivi, con alcune differenze tra motore ad accensione comandata (benzina) e motore ad accensione spontanea (gasolio): a) Aspirazione: si ha l'introduzione di una miscela aria-combustibile nel cilindro; b) Compressione: la miscela aria-combustibile viene compressa volumetricamente (generalmente durante questa fase si ha l'inizio della combustione); c) Espansione: si ha l'espansione volumetrica dei gas combusti (generalmente durante le prime fasi d'espansione si ha la fine della combustione); d) Scarico: si ha l'espulsione dei gas combusti dal motore. Figura 11 ciclo di funzionamento del motore aspirato a 4 tempi ad accensione comandata (benzina) 15

18 Conclusioni Le misure dell inquinamento dell aria presso il Liceo, sia durante le prove di emissione dei ciclomotori (dalle ore 11,10 alle ore 12,00), che durante l uscita dalla scuola della maggior parte degli studenti (dalle ore 13,00 alle ore 13,20) ha evidenziato un sensibile aumento della concentrazione di monossido di carbonio (CO) nell aria. Considerate le elevate emissioni dei ciclomotori (misurate con un analizzatore) e valutata la forte sensazione olfattiva della loro presenza, si ritiene che nell aria vi sia stato anche un forte aumento degli idrocarburi (HC). Nei due periodi critici sopra citati, si osserva che vi è stato un moderato incremento per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NO NO 2 ). Come era previsto, dall analisi delle emissioni di un campione dei ciclomotori utilizzati dagli studenti, è emerso che i ciclomotori a 4 tempi producono delle emissioni inquinanti minori rispetto a quelli a 2 tempi. Di solito, la distanza percorsa dagli studenti che usano il ciclomotore per arrivare a scuola oppure, per tornare a casa, si stima che sia quasi sempre inferiore a 10 km (dai dati del questionario compilato dagli studenti emerge una percorrenza media di 4,7 km con una durata della percorrenza media di 8 minuti). Considerato che i tempi stimati per riscaldare il motore è di alcuni minuti (passa da circa tre minuti a circa cinque minuti, a seconda degli inquinanti (*) ), con percorsi così brevi, risulta che in una parte significativa dell utilizzo urbano il motore lavora a freddo, ovvero con il catalizzatore inefficace e quindi con il massimo delle emissioni nocive. Figura 12 Transitorio emissione CO Anche lo stile di guida dovrebbe tenere conto della considerazione sopra esposta; infatti, visto che nei centri urbani il ciclomotore è inizialmente utilizzato con il motore freddo, al fine di minimizzare le emissioni nocive è opportuno: - non sostare a lungo con il ciclomotore acceso; - evitare le forti accelerazioni (questo serve anche per diminuire il rumore); - valutare se è percorribile l uso di un mezzo di trasporto alternativo (mezzo pubblico bicicletta). Naturalmente questi consigli valgono anche per gli automobilisti! Ringraziamenti La realizzazione dell intervento è stata possibile grazie alla collaborazione del Liceo Scientifico Oriani e del centro revisioni CO.R.MEC s.c.a.r.l. di Ravenna. (*) Vedi Allegato 2 Estratto da uno studio delle emissioni a freddo dei motocicli 16

19 Allegato 1 - FOTO Immagine da satellite (fonte Google Earth) dell area in cui si sono effettuate le misure Con un ovale grigio si è evidenziata l area di intervento Autoveicolo ARPA punto utilizzato per il monitoraggio dell aria 17

20 Analizzatori di CO (NO NO 2 ) - fornito da ARPA Analizzatore per la misura delle emissioni dei ciclomotori - fornito dal CORMEC Punto utilizzato per la verifica dei ciclomotori - tecnico CORMEC e studenti Ciclomotori parcheggiati 18

21 Allegato 2 Studio emissioni a freddo motocicli 19

22

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

LA FRIZIONE È UN APPARATO CHE SI INTERPONE TRA MOTORE E CAMBIO E PERMETTE DI PORRE PROGRESSIVAMENTE IN CONTATTO IL MOTORE, GIÀ ACCESO, CON GLI ORGANI DI TRASMISSIONE. LA FORZA ESERCITATA SUL PEDALE DAL

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino).

Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). Oggetto: Campagna di rilevamento di inquinanti atmosferici mediante analizzatore LAVOISIER TM presso il casello di Beinasco (Torino). La campagna di monitoraggio si è svolta presso il casello autostradale

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO

Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO VI incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO SU STRADA Il ruolo del programma di ISPEZIONE e MANUTENZIONE dei veicoli circolanti BOLLINO BLU a MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti

Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Strategie e strumenti per vincere la sfida della Mobilità sostenibile Il ruolo dell industria petrolifera nella sfida dei nuovi carburanti Ing. Franco Del Manso Unione Petrolifera Roma 26 novembre 2008

Dettagli

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto EBOOK - 2 di 4 IMPIANTI GPL E METANO CARATTERISTICHE TECNICHE E CONSIGLI Tel. (+39)051 531791 - Fax (+39)051 6010103 Email: info@baldiegovoni.it

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Anno Scolastico 2009/2010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Prof. Matteo Intermite 1 4. FUNZIONAMENTO DEL MOTORE A 4 TEMPI 4.1 LE 4 FASI DEL CICLO

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1

SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 SOLUZIONE ESAME DI STATO TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2004 TEMA N.1 Svolgimento : Analizzando le caratteristiche del motore per autoveicolo funzionante a ciclo Diesel, possiamo determinare, in primi

Dettagli

Motori endotermici alternativi

Motori endotermici alternativi Scheda riassuntiva 9 capitolo 16 Motori endotermici alternativi Molto diffusi nell autotrazione, i motori endotermici alternativi o motori a combustione interna (c.i.) sono impiegati anche nella propulsione

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it

Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it Ing. Marco De Mitri www.marcodemitri.it 1 Il problema dei consumi Esigenza: risparmiare sui costi di gestione specie per chi utilizza per lavoro i mezzi di trasporto Non sempre però le prestazioni dichiarate

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE Abstract CONTROLLI SULLE EMISSIONI ALLO

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 001/2013 (24/06/2013) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi 18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi Approfondimenti 18.4.1. Il ciclo Diesel Il rendimento (h) di un ciclo termodinamico è espresso, come è noto,

Dettagli

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA 1 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA I MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA SONO MACCHINE MOTRICI E POSSONO ESSERE BASATI SU

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche

Parte 2. Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Utilizzo in sicurezza e manutenzione delle motoseghe Parte 2 Manutenzione della motosega. Operazioni e tecniche Al termine di questo modulo sarai in grado di: descrivere la struttura e il funzionamento

Dettagli

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili RG 3/2002 NGV System Italia Consorzio metano per auto via Serio, 16 20139 MILANO tel. 02-56810171 fax 02-56810131 e-mail: info@ngvsystem.it 1

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 006/2015 (19/10/2015) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana

PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI COMUNICAZIONE INTERATTIVA TRA LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E I CITTADINI/IMPRESE. Qualità dell aria urbana Centro Studi EUROPA INFORM innovazione&formazione Via F.lli Cairoli, n 73, 47900 - RIMINI Tel. 0541 786652 Fax 0541 780253 www.europainform.com info@europainform.com PROGETTARE UN SISTEMA MULTICANALE DI

Dettagli

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart LCU-ONE CAN + TERMOCOPPIA GAS DI SCARICO CONTROLLO PUNTUALE DEL TUO MOTORE PROVE SU PISTA LA PROVA LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi UNO STRUMENTO ESSENZIALE Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS:

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: S.r.l. LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: evoluzioni e relative strumentazioni ing. Walter Brand HANS BRAND srl - Milano Fasi dell ispezione della rete secondo le linee guida ATIG Programmazione

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale STUDIO DI MASSIMA DI UNA PIATTAFORMA ELEVATRICE AD IDROGENO Tesi di Laurea di:

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI

DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI ANFIA, in qualità membro di ACEA, supporta e condivide il contenuto di questo documento. DOMANDE E RISPOSTE SUI TEST DELLE EMISSIONI 1. Come ha reagito ACEA di fronte alla situazione VW?... 1 2. Come funziona

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html Page 1 of 5 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - ALIMENTAZIONE INIEZIONE DIESEL CARATTERISTICHE FUNZIONE Il Common Rail Magneti Marelli MJD 6F3 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione

Dettagli

Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande).

Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande). Il riscaldamento globale può frenarvi (ma così potete viaggiare alla grande). Godersi i piaceri della guida e contribuire alla lotta contro il dannoso riscaldamento atmosferico ora può essere divertente.

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464)

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Palmanova 10/06/2013 Introduzione La stima degli impatti locali delle strade nella città di Palmanova è stata effettuata

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

CONIC. Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni. TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it

CONIC. Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni. TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it CONIC Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it - DESCRIZIONE - Viene brevemente descritto un sistema di trattamento pre-combustione

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Andrea GERINI Alternative Fuel Engines FPT - Research & Technology Presentazione del progetto Sviluppo veicolo

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO DESCRIZIONE Green Star CETANE BOOSTER è un prodotto specificamente formulato per aumentare il numero di cetano del

Dettagli

Service Information 99220_131-132_SI_20150305

Service Information 99220_131-132_SI_20150305 Pulizia filtro antiparticolato con micrologic PREMIUM 131-132 Set pulizia per il filtro antiparticolato TUNAP 992 20 Pistola per la pulizia TUNAP TUNAP 994 11 Sonda TUNAP Sommario 1. Introduzione...3 2.

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation 1 VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation Tra le sostanze inquinanti emesse dai motori ci sono gli ossidi di azoto (NOx), composti che si formano in presenza di alte temperature e pressioni. Tali emissioni

Dettagli

Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000.

Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000. Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000. Tabella valori limite di emissione per omologazioni successive all 1/1/2000 (veicoli categ. M - eccetto veicoli

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI

GARANTIRE LA SOSTENIBILITÀ NEGLI AGGREGATI URBANI PROBLEMI LOCALI E GLOBALI DEGLI IMPATTI AMBIENTALI URBANI L ambiente urbano gestione di acque rifiuti ambiente costruito verde pubblico inquinamento atmosferico mobilità sostenibile impatti ambientali di tipo fisico rumore radiazioni IR e NIR AMBIENTE URBANO

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE

NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE DOSSIER DI LEGAMBIENTE LAZIO NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha Aria. Gli sgravi sono legati, essenzialmente, al minor costo di acquisto Emulsioni di acqua in gasolio: quali gli effettivi vantaggi per ambiente e finanze? La necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Identification of the sensors location

Identification of the sensors location Identification of the sensors location Console di monitoraggio Il monitoraggio dei dati rilevati nella fase di test su strada sono significativi per una valutazione della qualità del progetto realizzato.

Dettagli

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti Vantaggi della mobilità elettrica Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti 1 Premessa il Global Warming e i cambiamenti climatici dovuti al consumo di combustibili fossili sono

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole

Mobilità sostenibile e Trazione elettrica. Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità sostenibile e Trazione elettrica Relatore Ing. Antonio Del Sole Mobilità: esigenza dell uomo Per sopravvivere gli esseri umani hanno dovuto, da sempre, essere disponibili alla mobilità Questo

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

Mission aziendale. Know how tecnologico. Descrizione della tecnologia

Mission aziendale. Know how tecnologico. Descrizione della tecnologia Mission aziendale MetEnergia si configura come una licensing company il cui scopo è la commercializzazione della proprietà intellettuale sviluppata nel campo dello stoccaggio reversibile di gas. Il mercato

Dettagli

Sistemi di Depurazione Fumi SCR DPF - OXICAT

Sistemi di Depurazione Fumi SCR DPF - OXICAT FLAMEPROOF CONVERSIONS OF ELECTRIC AND DIESEL POWERED INDUSTRIAL VEHICLES EXHAUST FUMES PURIFICATIONS SYSTEMS Sistemi di Depurazione Fumi SCR DPF - OXICAT MIRETTI S.r.l Sede Commerciale, amministrativa

Dettagli