Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski"

Transcript

1 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice A = ) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale Euclideo. 2) Posto W = L(e 1, e 3 ), si determini una base {u 1, u 2 } di W ortonormale rispetto a b e la si completi ad una base ortonormnale di (R 3, b). 3) Si determinino w W e u W tali che e 2 = w + u il complemento ortogonale essendo rispetto a b. Es. 2: Si considerino le rette r : y = 0, s : y = x, t : x = 0 ed i punti A = (1, 0), B = (2, 2), C = (0, 1) del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = s, f(s) = t, f(a) = B, f(b) = C ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: Si classifichi la conica C R 2 avente equazione, nel riferimento cartesiano standard: C : 2x 2 y 2 4xy 4x 8y + 14 = 0. Si determini inoltre un isometria f : R 2 R 2 tale che f(c) = C o, dove C o è una forma canonica di C.

2 30/4/2008 Es. 1: Si consideri la forma quadratica q su R 3 definita da dove α R. q(x, y, z) = α (x 2 + y 2 + 2xz) + 1. a) Stabilire per quali valori di α q è definita positiva. b) Si determini, al variare di α, la dimensione del sottospazio W dove W = L((1, 1, 0), (0, 0, 1)) ed il complemento ortogonale è fatto rispetto alla forma bilineare simmetrica b associata a q. c) Posto α = 1/2, si determini una base ortonormale dello spazio Euclideo (R 3, b). Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino le rette r : y = 0, s : y = 1, t 1 : y = x e t 2 : x = 3. Si determini un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = r, f(s) = s, f(t 1 ) = t 2. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determini l equazione del piano passante per il punto P (1, 0, 0), perpendicolare { al piano α : x + 2z = 0 ed avente x = z + 2 distanza 1 dalla retta r : y = 1

3 Prof. Boratynski 12/4/2005 Es. 1: data la matrice A = e ϕ : R 3 R 3 R la forma bilineare simmetrica associata ad A rispetto alla base canonica di R Dimostrare che ϕ un prodotto scalare in R 3 2. Determinare una base di V dove V = L((1, 1, 1), (0, 1, 1)) 3. Considerato R 3 come spazio affine euclideo associato allo spazio vettoriale euclideo (R 3, ϕ), calcolare la distanza dei punti P = (0, 1, 0) e Q = (1, 0, 1). Es 2: Si consideri la base {M 1,..., M 4 } di M 2 (R) tale che ( ) ( ) ( ) ( ) M 1 =, M =, M =, M = 0 1 e si denoti con B = {M 1,..., M 4 } la sua duale. a) Determinare le componenti, rispetto a B del vettore ϕ M 2 (R) tale che ( ) a b ϕ = a + d 2b. c d b) Data l applicazione lineare F : M 2 (R) M 2 (R) associata, rispetto a B, alla matrice A =

4 determinare una base di Ker(F ). Es 3: Nello spazio sono date le rette { x = y + z r 1 : y = 0 { x 3y z + 2 = 0 r 2 = y = 1 r 3 = { y + 2z = 0 x + z = Stabilire se esiste un piano π contenente r 1, r 2, r 3 ed in caso affermativo determinarne un equazione. 2. Determinare le equazioni delle circonferenze tangenti ad r 2 ed a r 3 ed aventi centro su r 1.

5 28/2/2006 Es. 1: Si consideri la forma quadratica q su R 3 definita da a) Diagonalizzare q. q(x, y, z) = xy + z 2. b) Si consideri il sottospazio W = L((1, 1, 0), (0, 0, 1)) di R 3. Verificare che la restrizione di q a W è definita positiva. c) determinare una base ortonormale dello spazio Euclideo (W, <, >) essendo <, > il prodotto scalare associato alla restrizione di q a W. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino le rette r : y = 0, s : y = 1, t 1 : y = x e t 2 : x = 3. Si determini un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = r, f(s) = s, f(t 1 ) = t 2. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determini l equazione del piano passante per il punto P (1, 0, 0), perpendicolare { al piano α : x + 2z = 0 ed avente x = z + 2 distanza 1 dalla retta r : y = 1

6 30/4/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 la cui forma quadratica q è data da q(x, y, z) = α (x 2 + y 2 + 2xz) + z 2. dove α R. a) Stabilire per quali valori di α b è definita positiva. b) Si determini, al variare di α, la dimensione del sottospazio W dove W = L((1, 0, 0), (0, 0, 1)) ed il complemento ortogonale è fatto rispetto a b. c) Posto α = 1/2, si determini una base ortonormale dello spazio Euclideo (R 3, b). Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino i punti A 1 = (0, 0), A 2 = (1, 1), A 3 = (0, 1), A 4 = (2, 2) B 1 = (1, 1), B 2 = (2, 0), B 3 = (1, 0), B 4 = (3, 1). Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a i ) = B i, i = 1,..., 4. In caso affermativo, la si determini esplicitamente e si stabilisca se è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determinino le equazioni della circonferenza C passante per i punti A(0, 0, 1), B(0, 0, 1), C(1, 1, 0).

7 Prof. M. Boratysnki 17/4/09 Es. 1: Si consideri la forma quadratica q : R 3 R definita da q(x, y, z) := 6xz + 6yz 2xy x 2 y 2 9z 2. a) Determinare il rango, l indice di positività e l indice di negatività di q. b) Posto W = {(x, y, z) R 3 x = y}, si detemini il complemento ortogonale W di W rispetto alla forma bilineare simmetrica b associata a q. Stabilire se R 3 = W W. Es. 2: Sono dati i punti A 1 = (0, 0), A 2 = (2, 1), A 3 = ( 2, 1), A 4 = (0, 1) del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a 1 ) = A 2, f(a 2 ) = A 3, f(a 3 ) = A 1, f(a 4 ) = A 4. Es. 3: Nello spazio Euclideo, si consideri il piano π : x y 2z + 8 = 0. a) Si determinino le equazioni dei piani π 1 e π 2 aventi distanza 6 da π. b) Si determini l equazione della sfera S tangente a π 1, π 2 e tangente nel punto A(0, 8, 6) al piano α : z = 6.

8 3/2/2006 Es. 1: a) Si consideri la forma quadratica q su R 4 definita da q(x, y, z, t) = x 2 + (y z) 2 + (t x) 2. Determinare la matrice che rappresenta q nella base B = {(1, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 1), (1, 0, 0, 1), (0, 0, 0, 1)} b) Si consideri il sottospazio W = L((1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0)) di R 4. Stabilire se la restrizione di q a W è definita positiva. Es. 2: Determinare la dimensione e la giacitura del sottospazio affine di R 4 di equazioni x y + z + 2 = 0 x + 2z + t = 1 x + 2y + 4z + 3t 1 = 0 { x = 2y Es. 3: In uno spazio Euclideo, si considerino le rette r :, { z = 1 y = x + 1 s : ed il piano π : x + y z + 2 = 0. z = y a) Determinare le equazioni della retta t incidente r ed s e perpendicolare a π; b) Posto P = t r, determinare l equazione della sfera di raggio 3, tangente in P ad r e passante per l origine.

9 2/2/2007 Es. 1: a) Si consideri la forma quadratica q su R 3 definita da: q(x, y, z) = x 2 + λ 2 y z2 + 2xy + 2λyz. dove λ è un parametro reale. a) Stabilire per quali valori di λ q è definita positiva. b) Posto λ = 3, denotato con <, > il prodotto scalare associato a q, determinare esplicitamente la proiezione ortogonale p : R 3 R 3 dello spazio Euclideo (R 3, <, >) rispetto al sottospazio W = L((1, 0, 0), (0, 1, 0)). c) Determinare una base B di R 3 rispetto alla quale la matrice associata a p sia A = Es. 2: Si considerino il punto A = (1, 1) e le rette r : x = 0, s : y = 1, t : y = 3x del piano affine R 2. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = r, f(s) = t, f(t) = s, f(a) = A. Stabilire se tale affinità è unica. Es. 3: Nello spazio si determinino le { circonferenze tangenti nel punto y = 1 P (0, 1, 0) alla retta r di equazioni r :, aventi centro sul piano z = 0 π : 2x + y = 0 e raggio 5.

10 20/2/2007 Es. 1: Si consideri l endomorfismo f : R 4 R 4 associato alla matrice A = rispetto alla base B = {(1, 0, 0, 0), (1, 0, 0, 1), (0, 1, 1, 0), (0, 1, 1, 0)}. a) Provare che f è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard. b) Determinare una base ortonormale di R 4 costituita da autovettori di f. c) Posto W =< (0, 1, 1, 0), (1, 0, 0, 1) >, verificare che: f(w ) = f 1 (W ). Es. 2: Si consideri la forma quadratica q su C 3 definita da: q(x, y, z) = x 2 + 2y 2 + z 2 2xy + 2yz. Determinare una base di C 3 rispetto alla quale la matrice associata a q è Es. 3: Si consideri la conica C del piano Euclideo di equazione C : (2k + 1)x 2 + (k + 1)xy 2(k + 1)x (2k + 1)y + k + 1 = 0 dove k R. a) Stabilire per quali valori di k C è unione di due rette incidenti. b) Posto k = 0, si determini un affinità f : R 2 R 2 tale che dove C o : xy = 0. f(c) = C o

11 19/2/2008 Es. 1: Si consideri il sottospazio E = L(e 2 + e 3, e 2 e 4 ) di R 4 dove {e 1,..., e 4 } è la base canonica. a) Determinare una base ortonormale di E ed una base ortonormale di E. b) Si consideri l unico endomorfismo f : R 4 R 4 tale che per ogni u E e v E. f(u) = u, f(v) = 2v Determininare la matrice associata ad f rispetto alla base canonica. c) Stabilire se f è simmetrico. Es. 2: Si considerino le rette r 1 : x + y = 0, r 2 : y = 1 s 1 : x + y = 1, s 2 : 2x + ky = 0 del piano affine R 2 dove k R. Stabilire per quali valori di k esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r i ) = s i, i = 1, 2. Nel caso k = 0 si determini esplicitamente una tale f e si stabilisca se è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, { si determinino le equazioni delle circonferenze tangenti alla retta r :. e tangenti nel punto A(0, 0, 1) alla y = z { x = 0 x = y retta t : y = 0.

12 20/2/2009 Es. 1: Si consideri la forma quadratica q : R 3 R definita da a) Diagonalizzare q. q(x, y, z) := 5x 2 + y 2 + z 2 + 4xy 4xz 2yz. b) Dire quali delle seguenti matrici è associata a q rispetto ad un opportuna base di R 3, determinando anche, quando possibile, una tale base: A 1 = 0 1/2 0, A 2 = 0 1/2 0, A 3 = 0 1/ Es. 2: Si consideri l applicazione f : R 2 R 2 tale che f(x, y) = (kx + 3y + 1, kx + 2y + k). a) Dire per quali valori di k R f è un affinità. b) Posto k = 1, determinare il punto di intersezione delle rette f(r) e f(s) dove r : y = x, s : y = 2x + 1. Determinare inoltre l equazione di f 1 (s). Es. 3: Classificare la seguente conica del piano euclideo, e determinarne una forma canonica: C : 3x 2 4xy + 8x + 5 = 0.

13 8/2/2010 Es. 1: Si considerino le forme quadratiche q i : M 2 (R) R, i = 1, 2, tali che q 1 (A) = tr( t AA) q 2 (A) = tr(a 2 ). (a) Stabilire che q 1 è definita positiva e diagonalizzare q 2. (b) Stabilire se l endomorfismo f : M 2 (R) M 2 (R) definito da f(a) = A + t A A M 2 (R) è simmetrico rispetto al prodotto scalare associato a q 1. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino i punti A = (1, 1), B = (2, 2) e le rette r : x = y 1, t : x = 0. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = r, f t = Id t, f(a) = B. Es. 3: Fissato in uno spazio euclideo un riferimento cartesiano, si considerino le rette { { x = 1 y = 1 r : z = 2y, s : z = x. (a) Si stabilisca la posizione reciproca delle rette r e s. (b) Si determinino equazioni delle sfere aventi centro sul piano π : x+ y+ z = 0, tangenti la retta r nel punto A(1, 0, 0), e tangenti la retta s.

14 19/2/2010 ( ) a b Es. 1: Posto, per ogni matrice A = c d tr(a) = a + d, si consideri la forma quadratica q : M 2 (R) R definita da q(a) = tr( t AA) (a) Stabilire che q è definita positiva. A M 2 (R). (b) Stabilire se l endomorfismo f : M 2 (R) M 2 (R) definito da f(a) = A + t A A M 2 (R) è simmetrico rispetto al prodotto scalare associato a q. Es. 2: Si consideri la conica C R 2 di equazione C : x 2 + y 2 6xy + 2 = 0. Si classifichi C e si determini un isometria f : R 2 R 2 tale che f(c) = C o dove C o è la forma canonica di C. Es. 3: Fissato in uno spazio euclideo un riferimento cartesiano, si considerino i piani π 1 : x + y z = 0, π 2 : x + y = 0. (a) Si determini un equazione della sfera S tangente il piano π 1 nel punto A(1, 1, 2) e avente centro sul piano π 2. (b) Detta C la circonferenza intersezione della sfera S con il piano π 2, si determini la retta tangente la circonferenza C nel punto B(1, 1, 4).

15 Prof. Boratynski 17/1/2005 Es. 1: data la matrice A = e ϕ : R 3 R 3 R la forma bilineare simmetrica associata ad A rispetto alla base canonica di R Dimostrare che ϕ un prodotto scalare in R 3 2. Ortonormalizzare la base canonica di R 3 rispetto a ϕ 3. Determinare l aggiunto, rispetto a ϕ, dell endomorfismo f : R 3 R 3 definito da f(x, y, z) = (x y, z, 3x). 4. Determinare una matrice P M 3 (R) tale che t P AP sia diagonale. Es. 2: Si consideri la base {u 1 = (1, 2), u 2 = (1, 0)} di R 2 e la base duale {u 1, u 2 } di (R 2 ). dato l endomorfismo f : R 2 R 2 tale che f(x, y) = (x y, x + y). 1. Esprimere il vettore η (R 2 ) dato da η(x, y) = 3x y come conbinazione lineare di u 1 e u 2 2. Scrivere la matrice di f rispetto alla base {u 1, u 2 }.

16 Es. 3: Nello spazio sono date le rette r 1 : { x y z = 1 x + 2z = 0 r 2 = { 2x y + z = 2 y + 3z = Verificare che r 1 e r 2 sono parallele e trovare il piano che le contiene. 2. Trovare il centro ed il raggio della circonferenza tangente ad r 1 in P (0, 1, 0) e ad r 2.

17 11/1/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica <, > su R 3 associata alla forma quadratica q : R 3 R tale che q(x, y, z) = 1 2 x y z2 yz. a) Stabilire che <, > è un prodotto scalare che ammette B = {e 1 + e 2, e 1 e 2, e 2 + e 3 } come base ortonormale. b) Posto W = L(e 1 + e 2, e 3 ), si determini una base di W dove il complemento ortogonale è fatto rispetto a <, >. c) Si consideri l endomorfismo f : (R 3, <, >) (R 3, <, >) definito da f(x, y, z) = ( 1 2 x y z, x + y + z, 1 2 x y z). Stabilire che f è simmetrico e determinare una base ortonormale di (R 3, <, >) costituita da autovettori di f. Es. 2: Denotato con (x, y, z, t) il generico punto di R 4, si consideri il sottospazio affine E di equazioni { x + y + z = k x + y + kz = 1 dove k è un parametro reale. a) Si determinino la dimensione e la giacitura di E al variare di k R. b) Posto k = 0, considerato il punto A = (0, 1, 1, λ), dove λ R, mostrare che (A, {(1, 1, 0, 2), (0, 0, 0, 1)}) è un riferimento affine di E. Stabilire per quale valore di λ il punto P = (1, 0, 1, 0) E ha coordinate (1, 1) rispetto a tale riferimento.

18 Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determinino le equazioni della circonferenza { Γ avente centro nell origine e tangente in A(1, 0, 0) alla retta y = z t : x = 1. Determinare inoltre l equazione della sfera S contenente Γ ed avente centro sul piano π : x + y 1 =0.

19 25/1/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su C 3 associata alla matrice A = a) Determinare una base di C 3 diagonalizzante per b. b) Per ciascuna delle seguenti matrici stabilire se essa rappresenta b in un opportuna base di C 3 e si determini, in caso affermativo, una tale base: A 1 = 0 1 0, A 2 = Es. 2: Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f((0, 0)) = (1, 1), f(1, 1) = (2, 2), f(0, 1) = (1, 0), f(1, 0) = (2, 1) ed in caso affermativo determinarla esplicitamente e stabilire se essa è unica. Es. 3: { In uno spazio Euclideo, sono dati il piano π : x 2y + 2z = 0 e la y = z retta s : x = 0. a) Stabilire che l unione delle rette perpendicolari a π e non sghembe con s è un piano e se ne determini un equazione. b) Determinare le{ equazioni delle sfere di raggio 1, tangenti a π e aventi x = y centro sulla retta t : z = 0.

20 9/1/2009 Es. 1: Si considerino le forme bilineari simmetriche B o e B su R 4 definite come segue B o ((x 1, x 2, x 3, x 4 ), (y 1, y 2, y 3, y 4 )) = x 1 y 1 +x 2 y 2 x 4 y 4 2x 1 y 3 2x 3 y 1 +x 2 y 3 +x 3 y 2 +3x 2 y 4 +3x 4 y 2 B 1 ((x 1, x 2, x 3, x 4 ), (y 1, y 2, y 3, y 4 )) = x 1 y 1 + x 1 y 2 + x 2 y 1 + 2x 2 y 2 + x 3 y 3 + x 4 y 4. a) Verificare che B è un prodotto scalare, mentre B o non lo è. b) Sia W R 4 il sottospazio vettoriale costituito dalle soluzioni del sistema omogeneo: { x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0. x 1 + x 4 = 0 Si determini una base di W dove il complemento ortogonale è fatto rispetto a B. Es. 2: Si considerino i punti A = (1, 0), B = (1, 1), C = (2, 0), A = ( 1, 1), B = (2, 2), C = (0, 1) del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = A, f(b) = B, f(c) = C ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determini l equazione del piano tangente nel punto P (1, 4, 3) alla sfera S di equazione S : x 2 + y 2 + z 2 2x 4y 6z + 10 = 0. Determinare inoltre il centro ed il raggio della circonferenza C = S π dove π è il piano di equazione π : x = 0.

21 6/2/2009 Es. 1: Si consideri l endomorfismo f : R 4 R 4 tale che f(1, 2, 0, 0) = (2, 8, 2, 0), f(0, 1, 0, 0) = (0, 4, 0, 0) f(0, 0, 1, 0) = (2, 0, 2, 0), f(0, 0, 1, 1) = (2, 0, 2, 4). a) Stabilire se f è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard. b) Posto W = L((1, 0, 0, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0)), si consideri l endomorfismo g : W W definito da g(w) = f(w) w W. Determinare, se possibile, una base ortonormale di W costituita da autovettori di g. Es. 2: Si considerino le rette r 1 : y = x, r 2 : y + x = 2, r 3 : y = 2 ed il punto A = (1, 2) del piano affine R 2. f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 1, f(r 3 ) = r 3, f(a) = A Stabilire se esiste un affinità ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, stabilire per quali valori di k R le rette { x = t x + ky 1 = 0 r : s : y = t 2. 2y z + k = 0 z = 2t sono sghembe. Determinare inoltre, nel caso k = 0, la retta di minima distanza tra r ed s.

22 11/1/2010 Es. 1: Si considerino le forme quadratiche q i : M 2 (R) R, i = 1, 2, tali che q 1 (A) = tr( t AA) q 2 (A) = tr(a 2 ). (a) Stabilire che q 1 è definita positiva e determinare la segnatura di q 2. (b) Stabilire se l endomorfismo f : M 2 (R) M 2 (R) definito da f(a) = A + t A A M 2 (R) è simmetrico rispetto al prodotto scalare associato a q 1. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino i punti A 1 = ( 1, 2), B = (1, 2) e la retta r : y = 1. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = B, f(b) = A, f(r) = r. In caso affermativo, determinare esplicitamente una tale f e dire se è unica. Es. 3: Fissato in uno spazio euclideo un riferimento cartesiano, si considerino le rette x = t { { 3x + y + z 2 = 0 2x y = 0 r 1 : y = t 1, r 2 :, r x + y 1 = 0 3 :. x z = 0 z = 2t 1 (a) Si verifichi che r 1, r 2 e r 3 sono complanari e si determini un equazione del piano che le contiene. (b) Si determinino le circonferenze aventi centro sulla retta r 1 e tangenti le rette r 2 e r 3.

23 Appello di Gennaio 2006 Es. 1: a) Posto W = L((1, 1, 0, 1), (0, 0, 0, 1)), si determini una base di W dove il complemento ortogonale è fatto rispetto al prodotto scalare standard di R 4. b) Determinare la matrice associata, rispetto alla base canonica, alla proiezione ortogonale p : R 4 R 4 di R 4 su W. Es. 2: Diagonalizzare la forma quadratica q su R 3 definita da q (x, y, z) = xz 2yz. Stabilire inoltre se q è definita positiva. Es. 3: In uno spazio Euclideo, { determinare l equazione della sfera contenente la circonferenza Γ : x y = 0 x 2 + y 2 + z 2 4x 2y 4z + 5 = 0 e passante per il punto A(2, 1, 2).

24 Es. 1: data la matrice Prova scritta di Geometria 2 Prof. Boratynski A = 12/4/ e ϕ : R 3 R 3 R la forma bilineare simmetrica associata ad A rispetto alla base canonica di R Dimostrare che ϕ un prodotto scalare in R 3 2. Ortonormalizzare la base canonica di R 3 rispetto a ϕ 3. Determinare una base di V dove V = L((1, 1, 1), (0, 1, 1)) 4. Considerato R 3 come spazio affine euclideo associato allo spazio vettoriale euclideo (R 3, ϕ), calcolare la distanza dei punti P = (0, 1, 0) e Q = (1, 0, 1). Es. 2: Si consideri la base {M 1,..., M 2 } di M 2 (R) tale che ( ) ( ) ( ) ( ) M 1 =, M =, M =, M = 0 1 e si denoti con B = {M 1,..., M 4 } la sua duale. a) Determinare le componenti, rispetto a B del vettore ϕ M 2 (R) tale che ( ) a b ϕ = a + d 2b. c d b) Data l applicazione lineare F : M 2 (R) M 2 (R) definita da ( ) ( ) a b x y F = ax dt c d z t calcolare F 1 (M1 ). Es. 3: Nello spazio sono date le rette { { 3z y = 1 z = 0 r 1 : r 2y z 2 = 0 2 = y = 0 r 3 = { 2x z = 2 3x 5z = 3.

25 1. Stabilire se esiste un piano π contenente r 1, r 2, r 3 ed in caso affermativo determinarne un equazione. 2. Determinare le equazioni delle circonferenze tangenti ad r 2 ed a r 3 ed aventi centro su r 1.

26 Prof. Boratynski 24/6/2005 Es. 1: a) Dire per quale valore di a R l insieme B = {(a, 1, 1), (a, 2a, 1), (1, 0, 1)} è una base ortogonale di (R 3, ), essendo il prodotto scalare standard; b) Stabilire se l endomorfismo F : R 3 R 3 associato, rispetto alla base ortogonale B di cui sopra, alla matrice A = è un endomorfismo simmetrico. Es. 2: Si consideri la forma bilineare B : R 1 [x] R 1 [x] R la cui forma quadratica associata è data da B(p, p) = p(0) 2 + p(1) 2. a) Determinare la matrice di B rispetto alla base canonica {1, x} di R 1 [x]; b) Stabilire che B è un prodotto scalare; c) Calcolare < h > dove h = 1 x. Es. 3: Nello spazio sono dati i piani π 1 : x y z+1 = 0, π 2 : y z 1 = 0 ed il punto P (0, 0, 1). a) Determinare l equazione del piano π 3 passante per P e perpendicolare a π 1 e a π 2 ; b) Posto Q = π 1 π 2 π 3, e detta r la retta per P perpendicolare a π 1, determinare le equazioni della circonferenza di centro Q tangente in P ad r.

27 6/6/2006 Es. 1: a) Si consideri la forma quadratica q su R 3 definita da q(x, y, z) = x 2 + y 2 + 2z 2 + 2yz. a) Verificare che q è definita positiva. b) Denotato con <, > il prodotto scalare associato a q, determinare una base ortonormale dello spazio Euclideo (R 3, <, >). c) Stabilire se l endomorfismo f : (R 3, <, >) (R 3, <, >) definito da è simmetrico. f(x, y, z) = (x + z, 0, x + z) Es. 2: Determinare la dimensione e la giacitura del sottospazio affine di R 4 di equazioni x + t 2 = 0 x + y = 0 2y 3t + 9 = 0 t = 5 Es. 3: Nel piano affine R 2, si consideri la conica C di equazione C : x 2 + 4xy + 2y 2 x + y 1 = 0. a) Determinare la forma canonica C o di C. b) Determinare un affinità F : R 2 R 2 tale che F (C) = C o.

28 21/6/2006 Es. 1: a) Si consideri la forma bilineare simmetrica b : R 4 R 4 R associata, nella base canonica, alla matrice A = a) Verificare che (R 4, b) è uno spazio Euclideo. b) Determinare una base di W dove W = L(e 1, e 3 +e 4 ) ed il complemento ortogonale è fatto rispetto a b; c) Denotata con p : R 4 R 4 la proeizione ortogonale relativa a W, determinare esplicitamente l insieme p 1 (e 1 ). Es. 2: Si considerino il punto B = (0, 1) e le rette r 1 : y = x + 1, r 2 : y = x + 1, t : x = 0 del piano affine R 2. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(b) = B, f(t) = t, f(r 1 ) = r 2. Stabilire se tale affinità è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determinino le circonferenze di raggio 1, passanti per { i punti A 1 (1, 0, 0), A 2 (0, 0, 1) e contenute in un piano parallelo y = x + 1 alla retta r :. x = z

29 19/6/2007 Es. 1: Sia v o R n ed F : R n R n l endomorfismo definito da F (v) =< v, v o > v o essendo <, > il prodotto scalare standard. a) Mostrare che F è simmetrico. b) Nel caso in cui n = 3 e v 0 = (1, 0, 1) si determini una baase ortonormale di R 3 costituita da autovettori di F. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino le rette r : y = 0, s : y = x ed i punti A 1 = (1, 0), A 2 = (1, 1), A 3 = (0, 1). Stabilire se esite un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r) = s, f(a 1 ) = A 2, f(a 2 ) = A 3 f(a 3 ) = A 1. In caso affermativo, determinare esplicitamente f e stabilire se è unica. { x = 2y Es. 3: In uno spazio Euclideo, si considerino la retta r : ed il z = 0 piano α : x + 2y + 2z + 4 = 0. Si determini l equazione della sfera Σ passante per il punto P (0, 4/3, 0), tangente ad α, avente centro su r e raggio pari a 4/3. Determinare inoltre il raggio della circonferenza C = Σ π dove π : 2x y 2z + 1 = 0.

30 3/6/2008 Es. 1: Si consideri la forma quadratica q su R 3 definita da dove λ R. q(x, y, z) = 2λx 2 6xy + 2y 2 + 8yz + 2z 2 a) Stabilire per quali valori di λ q è definita positiva. b) Posto λ = 1, diagonalizzare q. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino le rette r 1 : x = 0, r 2 : y = 1, r 3 : x y = 0. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 3, f(r 3 ) = r 1. In caso affermativo, determinare esplicitamente f e stabilire se è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si considerino le rette r ed s di equazioni: x = 1 + 2t { y z + 1 = 0 r : y = 1 t s : 4x y z 11 = 0 z = 1 + 2t Verificare che r ed s sono complanari. Stabilire se esse sono incidenti oppure parallele e determinare l equazione cartesiana del piano che le contiene.

31 5/6/2009 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b : R 3 R 3 R associata, rispetto alla base canonica, alla matrice A = a) Verificare che b è un prodotto scalare. b) Posto v 1 = (1, 1, 0) e v 2 = (0, 0, 1), si consideri l endomorfimo F : R 3 R 3 definito da F (v) = b(v 1, v)v b(v 2, v)v 2 v R 3. Stabilire che F è un endomorfismo simmetrico dello spazio euclideo (R 3, b). c) Stabilire se F (W ) = W dove W = L(v 1, v 2 ) ed il complemento ortogonale è fatto rispetto a b. Es. 2: Si considerino le rette r 1 : y = x 1, r 2 : y = x + 1, t 1 : y = 1, t 2 : y = 1 del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 1, f(t 1 ) = t 1, f(t 2 ) = t 2 ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: In uno spazio euclideo, si determinino le equazioni della circonferenza passante per i punti A(1, 1, 0), B(1, 1, 0), avente raggio R = 6 { e 2 y + z = 0 tale che la proiezione ortogonale del suo centro sulla retta a : x z + 1 = 0 sia il punto H(0, 1, 1).

32 19/6/2009 Es. 1: Si consideri l endomorfismo F : R 3 R 3 tale che F (v) = (v v o ) u o + (v u o )v o v R 3 dove u o = ( 1 2, 0, 1 2 ), v o = (0, 1, 0) ed il simbolo denota il prodotto scalare standard di R 3. a) Mostrare che F è un endomorfismo simmetrico di (R 3, ). F. b) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di c) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di G = F F. Es. 2: Si considerino le rette r 1 : y = x 1, r 2 : y = x + 1 del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 1 ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: In uno spazio euclideo, { si determinino le equazioni delle sfere di x = y raggio 3 tangenti alla retta a : nel punto A(1, 1, 1) e passanti per y = z B(1, 1, 0).

33 Appello di Luglio 2004 Es. 1: Sia f : R 3 R 3 l endomorfismo dello spazio vettoriale Euclideo (R 3, ) definito da (x, y, z) R 3 f(x) = (x z, 0, z x) f. 1) Verificare che f è simmetrico. 2) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di 3) Calcolare la dimensione ed una base di Im(f). Es. 2: Sia A 3 uno spazio affine reale di dimensione 3. Fissato un riferimento affine, determinare l equazione del piano π passante { per i punti x = y A(0, 2, 1) e B(1, 1, 1) e parallelo alla retta r di equazioni r : z + y = 0. Es. 2: Sia E 3 uno spazio Euclideo di dimensione 3. Fissato un riferimento cartesiano, determinare l equazione della sfera{ tangente all asse delle x = z 1 x nel punto P (1, 0, 0) ed alla retta r di equazioni r : nel punto y z = 1 Q( 1, 1, 0). Es. 4: Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(p 1 ) = P 2, f(p 2 ) = P 3, f(p 3 ) = P 1 dove P 1 = (1, 2), P 2 = (1, 0) e P 3 = (0, 1). Stabilire se f è unica.

34 Prof. Boratynski 12/7/2005 Es. 1: Sia B la forma bilineare simmetrica su R 4 associata alla matrice A = rispetto alla base canonica {e 1,..., e 4 }. a) Determinare la dimensione ed una base di U dove U = L(e 1 e 4 + 2e 3, 2e 2 e 1 + e 4, e 2 + e 3 ) ed il complemento ortogonale è fatto rispetto a B. b) Si consideri il vettore f (R 4 ) tale che f(v) = B(v, e 4 ) per ogni v R 4. Determinare le componenti di f rispetto alla base {e 1,..., e 4}. c) Posto W = L(f, g, h) con g(x, y, z, t) = x + 3z + t, h = g + 4e 1 8e 3 3e 4 determinare la dimensione ed una base di W. Es. 2: Nel piano affine R 2 sono dati i punti P = (0, 1), Q = (0, 1) e la retta r : y + x = 0. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(p ) = Q, f(r) = r e tale che la restrizione di f ad r sia l applicazione identica di r. Stabilire se f è unica. { 2x = (2k + 5)z + 2 Es. 3: Nello spazio sono date le rette r : y = z a) Stabilire per quali valori di k R, r ed s sono parallele; b) Stabilire per quali valori di k R, r ed s sono sghembe., s : { z 2x = 0 y + kx = 1.

35 10/7/2006 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b : C 3 C 3 C associata, nella base canonica, alla matrice A = Determinare due basi B 1 e B 2 di C 3 rispetto alle quali la matrice associata a b sia rispettivamente A 1 ed A 2, dove A 1 = 0 1 0, A 2 = Es. 2: Si considerino i punti A = (1, 1), B = ( 2, 2) e le rette r : y = x, s : y = x del piano affine R 2. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = B, f(b) = A, f(r) = s, f(s) = r. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: Nel piano affine R 2 sono date la coniche di equazioni C 1 : y 2 2y 3 = 0, C 2 : xy + x + y = 0, C 3 : x 2 + 3xy + 2y 2 + x + y = 0. a) Stabilire quali di queste coniche sono semplicemente degeneri e se ne determinino le componenti; b) Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(c 1 ) = C 3.

36 8/7/2008 Es. 1: Dimostrare che l endomorfismo f : R 3 R 3 definito da f(x, y, z) = (5x + y + 3z, x + 5y + 3z, 3x + 3y + 3z) è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard di R 3. Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di f. Es. 2: Nel piano affine R 2 si considerino le rette r 1 : x = 0, r 2 : y = 1, r 3 : x y = 0. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 3, f(r 3 ) = r 1. In caso affermativo, determinare esplicitamente f e stabilire se è unica. Es. 3: In uno spazio Euclideo, si determini l equazione della sfera tangente all asse z nel punto A(0, 0, 1) e tangente nel punto B(0, 1, 1) alla retta di equazioni: r : x = t y = 1 + t z = 1 + t

37 8/7/2009 Es. 1: Si consideri l endomorfismo F : R 3 R 3 tale che F (v) = (v v o ) u o + (v u o )v o v R 3 dove u o = ( 1 2, 0, 1 2 ), v o = (0, 1, 0) ed il simbolo denota il prodotto scalare standard di R 3. a) Mostrare che F è un endomorfismo simmetrico di (R 3, ). F. b) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di c) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di G = F F. Es. 2: Si considerino le rette ed i punti r 1 : y 1 = x, r 2 : y 1 = 2x, r 3 : y + x 1 = 0 A 1 = ( 1, 0), A 2 = ( 1 2, 0), A 3 = (1, 0) del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = r 2, f(r 2 ) = r 3, f(a 1 ) = A 2, f(a 2 ) = A 3 ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: Si consideri il sottospazio affine S di R 4 avente equazioni { x1 x S : 2 1 = 0 x 3 x 4 2 = 0. Determinare le equazioni del sottospazio S avente la stessa dimensione di S, parallelo ad S e passante per il punto A(1, 1, 2, 3).

38 Appello di Novembre 2004 Es. 1: Sia, il prodotto scalare su R 3 la cui forma quadratica associata q : R 3 R è data da: (x, y, z) R 3 q (x, y, z) = x 2 + 2y 2 + 2z 2 2xy + 2xz 2yz. 1) Determinare una base di V, dove V = e 3 ed il complemento ortogonale è fatto rispetto a, ; 2) Determinare una base ortonormale rispetto a, del sottospazio W = e 3 e 1, e 1 e 2. 3) Stabilire se l endomorfismo f : R 3 R 3 definito da (x, y, z) R 3 f(x, y, z) = (x + z, x y + z, 0) è simmetrico rispetto a,. Es. 2: In un piano affine reale, si considerino le rette r : y = 0 e s : x y = 1. Determinare, se esiste, un affinità tale che ω(r) = s e ω(s) = r. Es. 3: { In uno spazio Euclideo, { determinare la posizione reciproca delle x y + 1 = 0 x + 2y 2z = 1 rette r 1 : x z 3 = 0 e r 2 :. Determinare inoltre 2x 2z = 1 le equazioni della retta passante per P (0, 0, 1), incidente r 2 e perpendicolare ad r 1.

39 Appello di Novembre 2005 Es. 1: Stabilire per quali valori di λ R i vettori e 1 + 2e 2 + e 3, 2e 1 + e 2 e 3, e 1 e 2 + λ e 3 non formano una base di (R 3 ), essendo {e 1, e 2, e 3 } la base canonica di R 3. Es. 2: Diagonalizzare la forma bilineare simmetrica su R 4 associata alla matrice A = Es. 3: In un piano affine reale, si considerino le rette r : y = 0 e s : y = 1 ed i punti A(0, 1) e B(1, 1). Determinare, se esiste, un affinità F : R 2 R 2 tale che F (r) = s e F (A) = B. Stabilire se F é unica. Es. 4: In uno spazio Euclideo, determinare la posizione reciproca delle rette { { { x = y x + z = 0 x = 0 r : s : t : z = 1 z = 2 z = 1. Determinare inoltre la retta di minima distanza tra r ed s.

40 6/11/2006 Es. 1: a) Si consideri l endomorfismo f di R 3 associato alla matrice A = Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di f. b) Posto W = L((1, 1, 0), (1, 0, 0)), determinare esplicitamente la proiezione ortogonale p : R 3 R 3 relativa a W. Es. 2: Si considerino le rette s : y = x, t : x = 0 ed i punti A = (1, 0), B = (2, 0) del piano affine R 2. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = B, f(s) = t. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: Nello spazio si determinino le equazioni delle circonferenze di raggio 1, aventi { centro sul piano α : x 2z = 0, e tangenti alla retta r di x = 1 equazioni r : nel punto A(1, 0, 0). y = z

41 11/11/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b : R 4 R 4 R associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3, e 4 }, alla matrice ) Determinare il rango e la segnatura di b. 2) Determinare una base di L(e 2, e 3, e 4 ) dove il complemento ortogonale è fatto rispetto a b. 3) Detta b la restrizione di b al sottospazio W = L(e 1 +e 2, e 2 +e 3, e 2 +e 4 ), stabilire se (W, b ) è uno spazio euclideo. Es. 2: In R 2 si considerino le rette r : y = 1, r : y = 0 ed i punti A = (0, 1), B = ( 1, 2), C = (2, 0), D = ( 2, 1). Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = C, f(b) = D, f(r) = r. In caso affermativo, determinare esplicitamente una tale f e dire se è unica. Es. 3: Si determinino le equazioni della circonferenza di R 3 avente centro in C(1, 1, 1) e passante per i punti P 1 (3, 3, 0), P 2 (0, 3, 3).

42 16/11/2009 Es. 1: Si consideri l endomorfismo f : R 4 R 4 tale che f(1, 0, 1, 1) = (1, 0, 1, 1), f(2, 1, 0, 0) = (2, 2, 0, 0) f(1, 0, 0, 1) = (1, 0, 1, 0), f(1, 0, 0, 0) = (1, 0, 0, 0). (a) Stabilire se f è simmetrico. (b) Posto U = {(x, y, z, t) R 4 3x + z + t = 0}, si determini una base di U. (c) Determinare, se possibile, una base ortonormale di U costituita da autovettori di f U : U U. Es. 2: In R 2 si considerino i punti A 1 = (1, 1), A 2 = (2, 2), A 3 = (0, 1) B 1 = (1, 0), B 2 = (2, 0), B 3 = ( 1, k) dove k R. Stabilire per quali valori di k esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a i ) = B i i = 1, 2, 3. In corrispondenza di tali valori, determinare esplicitamente una tale f e dire se è unica. Es. 3: Fissato { in uno spazio euclideo un riferimento cartesiano, si consideri la retta r :. x + y = 0 z = 0 (a) Si determini un equazione del luogo L dei punti aventi distanza 1 da r. (b) Si determini il piano π ortogonale alla retta r e passante per il punto P ( 1 2, 1 2, 1). (c) Considerata la circonferenza C = L π, si determini la retta t tangente in P a C.

43 Appello di Settembre 2005 Es. 1: Si considerino le applicazioni lineari F : R 4 (R 4 ), G : (R 4 ) R 4 tali che F (a, b, c, d)(x, y, z, t) = 2(x + t)(a + d) e la matrice associata a G rispetto alle basi {e 1,..., e 4} e {e 1,..., e 4 } è A = a) Determinare Ker(F ) e Ker(F ), dove il complemento ortogonale è fatto rispetto al prodotto scalare standard. b) Determinare una base ortonormale di Im(G). c) Stabilire se l endomorfismo G F di (R 4, ) è simmetrico. Es. 2: In un piano affine reale, si considerino le rette r : y = 0 e s : x y = 1, t : x y = 2. Determinare, se esiste, un affinità tale che ω(r) = r e ω(s) = t. Es. 3: In uno spazio Euclideo, determinare le equazioni della circonferenza { passante per il punto A(0, 1, 1) e tangente nell origine alla retta z 2x = 0 r : y = 0

44 Secondo Appello Settembre 2005 Es. 1: Sia f : R 3 R 3 l endomorfismo di R 4 definito da (x, y, z, t) R 3 f(x) = (x, y + z, y + z, t) f. 1) Verificare che f è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard; 2) Determinare una base ortonormale di R 4 costituita da autovettori di 3) Calcolare la dimensione ed una base di Im(f). Es. 2: Si considerino i vettori f, g, h di (R 3 ) tali che f(x, y, z) = αx + y + z, g(x, y, z) = x + αy, h = e 2 + e 3 dove {e 1, e 2, e 3 } è la base canonica di R 3. a) Dire per quali valori del parametro reale α, B = {f, g, h} è una base di (R 3 ). b) Determinare la matrice associata, rispetto alla base {e 1, e 2, e 3}, all endomorfismo F : (R 3 ) (R 3 ) tale che ω (R 3 ) F (ω)(x, y, z) = ω(e 1 )x ω(e 2 )y + ω(e 3 )t. Es. 3: Determinare le equazioni delle sfere tangenti al piano { π : y z = 0 x = 2y nel punto P (1, 0, 0) e tangenti alla retta s di equazioni s : z = 1

45 11/9/2006 Es. 1: Si consideri l endomorfismo f di R 3 definito da f(x, y, z) = (x + αy 3z, 0, 3x + 9z). a) Stabilire per quali valori di α R f è simmetrico. In corrispondenza di tali valori determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di f. b) Posto α = 1, determinare esplicitamente l aggiunto t f : R 3 R 3 di f. Es. 2: Si considerino i punti A = (1, 0), A = (1, 1) e le rette r : y = 0, s : y = 1, t : y = x r : y + x = 0, s : y + x = 1, t : x = 1 del piano affine R 2. Determinare un affinità f : R 2 R 2 tale che f(a) = A, f(r) = r, f(s) = s, f(t) = t. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. { 3: Nello spazio si considerino la retta r ed il piano π di equazioni x = y r :, π : x = 2y. Si determinino le equazioni delle circonferenze y = z tangenti ad r nell origine, aventi centro su π e raggio pari a 1 14.

46 27/9/2006 Es. 1: Si consideri la forma quadratica su R 4 : a) Determinare il rango di q. q(x, y, z, t) = yz + zt. b) Determinare una base di R 4 rispetto alla quale la matrice associata a q è A = c) Stabilire se esiste una base di R 4 rispetto alla quale la matrice associata a q è B = Es. 2: Si consideri il sottospazio affine di R 4 di equazioni x y + z = 1 S : 2x y + 3z t = 2 y + z t = 0 a) Determinare la dimensione di S. b) Determinare un riferimento affine R di S e rispetto a tale riferimento calcolare le coordinate dei punti P 1 = (1, 0, 0, 0) e P 2 = (0, 0, 1, 1) di S. { Es. 3: Nello { spazio si considerino le rette r ed s di equazioni r : 2x = z x + 2 = 0, s :. Si determinino le equazioni della circonferenza y = 1 y = z tangente in A(0, 1, 0) ad r ed avente centro su s.

47 10/9/2007 Es. 1: Si consideri l endomorfismo f di R 3 associato, rispetto alla base B = {(0, 1, 1), (1, 1, 1), (1, 0, 0)}, alla matrice A = ) Provare che f è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard di R 3. f. 2) Determinare una base ortonormale di R 3 costituita da autovettori di Es. 2: Si considerino le rette r 1 : x = 1, r 2 : x = 2, s 1 : y = 1, s 2 : y = 2, t : y = 2x del piano affine R 2. Stabilire se esiste un affinità f : R 2 R 2 tale che f(r 1 ) = s 1, f(r 2 ) = s 2, f(t) = t ed in caso affermativo determinarla esplicitamente. Stabilire inoltre se tale affinità è unica. Es. 3: Nello spazio { si determinino le rette passanti per A(0, 1, 0), perpendicolari alla retta r : ed aventi minima distanza 1 x = z 2 y = 0 da r.

48 21/9/2007 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b : R 4 R 4 R associata, nella base canonica, alla matrice k A = k dove k è un parametro reale. 1) Stabilire per quali valori di k b è non degenere e per quali valori di k è definita positiva. 2) Posto W = L((1, 0, 0, 0), (0, 0, 1, 0), (0, 0, 0, 1)), si determini, al variare di k, una base di W dove il complemento ortogonale è fatto rispetto a b. 3) Posto k = 0, si determini una base diagonalizzante per b. Es. 2: Si considerino le applicazioni f 1, f 2 : R 2 R 2 definite da: f 1 (x, y) = ( x + y + 1, x + y), f 2 (x, y) = ( x + y + 1, x + y). a) Verificare che soltanto una di esse è un affinità. Si denoti tale affinità con f. b) Si determini l equazione della retta f(r) dove r : x y + 2 = 0. c) Stabilire se f τ = τ f essendo τ la traslazione di vettore v = (1, 1). Es. 3: Nello spazio si determinino le { equazioni della circonferenza avente z = 0 centro sulla retta r di equazioni r : e tangente nel punto { x 2y = 0 x 1 = 0 A(1, 0, 0) alla retta s di equazioni s : y z = 0.

49 24/9/2008 Es. 1: Sia f : R 4 R 4 l endomorfismo di R 4 definito da f(e 1 ) = 2e 1 + 2e 3, f(e 2 ) = 4e 2, f(e 3 ) = 2e 1 + 2e 3, f(e 4 ) = 4e 4 dove {e 1, e 2, e 3, e 4 } è la base canonica. Verificare che f è simmetrico rispetto al prodotto scalare standard e determinare una base ortonormale costituita da autovettori di f. Es. 2: In R 3 sono dati il piano π : x+2y+z = 0 e la retta r : { x = 0 y + z = 0 a) Dopo aver verificato che r e π sono incidenti in un punto, determinare la retta s proiezione ortogonale di r su π. b) Determinare l immagine f(s) dove f è l affinità tale che f(x, y, z) = (x + 2y + 3z, 4y + 5z, 6z). Es. 3: Si determinino le equazioni della circonferenza di R 3 passante per i punti P 1 (1, 0, 0), P 2 (1, 2, 3), P 3 (0, 0, 1).

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 23 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio. Nello spazio R 3, siano dati il piano e i punti P = (, 2, ), Q = (2,, ). π : x + 2y 3

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24

Federico Lastaria. Analisi e Geometria 2. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale. 1/24 Contenuto Endomorfismi auto-aggiunti. Matrici simmetriche. Il teorema spettrale Gli autovalori di una matrice simmetrica sono tutti reali. (Dimostrazione fatta usando i numeri complessi). Dimostrazione

Dettagli

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof.

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. A01 178 Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e

Dettagli

ELEMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Corso di Laurea Ingegneria Edile-Architettura

ELEMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Corso di Laurea Ingegneria Edile-Architettura Cognome Nome Matricola ELEMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Corso di Laurea Ingegneria Edile-Architettura (Primo appello/ii prova parziale 15/6/15 - Chiarellotto-Urbinati) Per la II prova: solo esercizi

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

2) Sul piano coordinato z = 0 studiare il fascio Φ di coniche di equazione. determinando in particolare le sue coniche spezzate ed i suoi punti base.

2) Sul piano coordinato z = 0 studiare il fascio Φ di coniche di equazione. determinando in particolare le sue coniche spezzate ed i suoi punti base. DPARTMENTO D MATEMATCA E NFORMATCA Corso di Laurea in ngegneria Telematica Prova scritta di Elementi di Algebra e Geometria assegnata il 18/7/02 È assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

1 Regole generali per l esame. 2 Libro di Testo

1 Regole generali per l esame. 2 Libro di Testo FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di GEOMETRIA E ALGEBRA (mn). (Ing. per l Ambiente e il Territorio, Ing. Informatica - Sede di Mantova) A.A. 2008/2009. Docente: F. BISI. 1 Regole generali per l esame L esame

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof.

Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof. Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof. Antonio Cigliola Prerequisiti Logica elementare. Principio di Induzione.

Dettagli

Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016

Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016 Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016 Prodotti scalari e forme bilineari simmetriche (1) Sia F : R 2 R 2 R un applicazione definita da F (x, y) = x 1 y 1 + 3x 1 y 2 5x 2 y 1 + 2x 2

Dettagli

PROBLEMI DI GEOMETRIA

PROBLEMI DI GEOMETRIA PROBLEMI DI GEOMETRIA Lucio Guerra 1994 v. 1 2001 v. 2.7 Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Perugia Indice 1. EQUAZIONI LINEARI 1 2. SPAZI VETTORIALI 2 3. APPLICAZIONI LINEARI 4 4.

Dettagli

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 11/12/2000 n R 4 sono assegnati i punti A(3, 0, 1, 0), B(0, 0, 1, 0), C(2, 1, 0,

Dettagli

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3 Esercitazione di Geometria I 13 dicembre 2008 a. Completa la seguente definizione: i vettori v 1, v 2,..., v n del K-spazio vettoriale V si dicono linearmente dipendenti se... b. Siano w 1, w 2, w 3 vettori

Dettagli

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica.

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica. 1. Applicazioni lineari Esercizio 1.1. Sia T : R 2 R 3 l applicazione lineare definita sulla base canonica di R 2 nel seguente modo: T (e 1 ) = (1, 2, 1), T (e 2 ) = (1, 0, 1). a) Esplicitare T (x, y).

Dettagli

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2,

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2, Prova scritta di MATEMATICA B1 Vicenza, 17 marzo 008 TEMA 1 1 1 A = 1 0 1. 3 0 1. Stabilire se il seguente sottoinsieme di M(, R): {( ) a + b 1 a S = a, b R}, a + b + 3 a + b è un sottospazio di M(, R).

Dettagli

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale)

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale) Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale). Tra le seguenti matrici, eseguire tutti i prodotti possibili: 2 ( ) A = 0 3 4 B = C = 2 2 0 0 2 D = ( 0

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare B = , calcolare A A t A + I

Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare B = , calcolare A A t A + I Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare. Tra le seguenti matrici, eseguire tutti i prodotti possibili: 2 ( ) A = 0 3 4 B = 2 0 0 2 D = ( 0 ) E = ( ) 4 4 2 C = 2 0 5 F = 4 2 6 2. Data la matrice A = 0

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO CONVEGNO MATHESIS Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 Perché Assenza di ogni riferimento alla geometria analitica dello spazio nel quadri di Mondrian La

Dettagli

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Filippo F. Favale 8 aprile 014 Esercizio 1 Si consideri E dotato di un riferimento cartesiano ortonormale di coordinate (x, y) e origine O. Si

Dettagli

CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA

CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA COGNOME NOME CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA SIMULAZIONE SCRITTO DI MATEMATICA DISCRETA, SECONDA PARTE Per ottenere la sufficienza bisogna rispondere in modo corretto ad almeno

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari CAPITOLO 9 Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari Esercizio 9.1. Verificare che v = (1, 0, 0, 1) è autovettore dell applicazione lineare T così definita T(x 1,x 2,x 3,x 4 ) = (2x 1 2x 3, x

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica 1) Dati i vettori a = (2, 4), b = (1, 2), c = ( 1, 1), d = (3, 6), stabilire se c e d appartengono a Span(a, b}). 2) Nello spazio vettoriale

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari Applicazioni lineari Esempi di applicazioni lineari Definizione. Se V e W sono spazi vettoriali, una applicazione lineare è una funzione f: V W tale che, per ogni v, w V e per ogni a, b R si abbia f(av

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof.

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A. 2015-2016 ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Cigliola Consegna per Martedì 6 Ottobre Esercizio 1. Una matrice quadrata A si

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari CAPITOLO 8 Applicazioni lineari Esercizio 8.. Sia T : R 3 R 3 l applicazione definita da T(x,x,x 3 ) = (x,x,x 3 ). Stabilire se T è lineare. Esercizio 8.. Verificare che la funzione determinante definita

Dettagli

Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria

Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria Esercizi di MATEMATICA PER RCHITETTURA prima parte: Algebra Lineare e Geometria Avvertenze In quanto segue tutti i vettori hanno il medesimo punto d origine O l origine dello spazio cartesiano. Possiamo

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI Esercizi Esercizio 1. Sia f: R 3 R 2 (x, y, z) (x + 2y + z, y + z). (1) Verificare che f è lineare. (2) Determinare una base di ker(f) e stabilire se f è iniettiva. (3) Calcolare w

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica Negli esercizi che seguono si suppone fissato nello spazio

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 14 gennaio A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 14 gennaio A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 4 gennaio 24 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio. Si considerino le rette s : { x x 2 2x 3 = 2 3x x 2 =, { x + x s 2 : 2 x 3 = x 2 =.. Stabilire

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

CdL in Ingegneria Informatica (Orp-Z)

CdL in Ingegneria Informatica (Orp-Z) CdL in ngegneria nformatica (Orp-Z) Prova scritta di Algebra Lineare assegnata il 22 Novembre 2004 - A Usare solo carta fornita dal Dipartimento di Matematica e nformatica, riconsegnandola tutta. Sia f

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni Corso di Geometria 2010-11 BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni 1 Geometria dello spazio Esercizio 1. Dato il punto P 0 = ( 1, 0, 1) e il piano π : x + y + z 2 = 0, determinare: a) Le equazioni parametriche

Dettagli

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga Lezioni del corso di Geometria e Algebra prof Michele Mulazzani dott Alessia Cattabriga AA 20001/2002 Indice 1 Equazioni e sistemi lineari 4 11 Alcune strutture algebriche 4 12 Operazioni standard su K

Dettagli

Richiami sugli insiemi numerici

Richiami sugli insiemi numerici Richiami sugli insiemi numerici denota l insieme vuoto cioè l insieme privo di elementi. N = {1, 2, 3,...} denota l insieme dei numeri naturali. Z = {..., 2, 1, 0, 1, 2,...} denota l insieme dei numeri

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano

Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci. Fasci. N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario. Fasci di rette nel piano Fasci N.B.: Questo argomento si trova sull eserciziario Fasci di rette nel piano 1 Fasci di piani nello spazio 2 Matteo Moda Geometria e algebra lineare Fasci Date due rette r ed r di equazione: : 0 :

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k,

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE 1. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, determinare un equazione omogenea del piano parallelo al vettore v = i+j,

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI - - MATRICI E SISTEMI LINEARI ) Calcolare i seguenti determinanti: a - c - d - e - f - g - 8 7 8 h - ) Calcolare per quali valori di si annullano i seguenti determinanti: a - c - ) Calcolare il rango delle

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: r : x = z y = 0 x = z 2, s : y = z. Dopo aver provato che r ed s sono

Dettagli

Richiami di algebra lineare e geometria di R n

Richiami di algebra lineare e geometria di R n Richiami di algebra lineare e geometria di R n combinazione lineare, conica e convessa spazi lineari insiemi convessi, funzioni convesse rif. BT.5 Combinazione lineare, conica, affine, convessa Un vettore

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica Università ditorino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica E Abbena, G M Gianella Esercizi di Geometria ealgebralinearei AA / Quaderno # 8 - Settembre Gli esercizi proposti in questa raccolta

Dettagli

Soluzione. (a) L insieme F 1 e linearmente indipendente; gli insiemi F 2 ed F 3 sono linearmente

Soluzione. (a) L insieme F 1 e linearmente indipendente; gli insiemi F 2 ed F 3 sono linearmente 1. Insiemi di generatori, lineare indipendenza, basi, dimensione. Consideriamo nello spazio vettoriale R 3 i seguenti vettori: v 1 = (0, 1, ), v = (1, 1, 1), v 3 = (, 1, 0), v 4 = (3, 3, ). Siano poi F

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno 2012 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio 1. Siano dati, al variare del parametro k R, i piani: π 1 : x 2y + 2z = 2, π 2 : z =

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego CONVITTO NAZIONALE MARIA LUIGIA di Parma CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12 Disciplina : MATEMATICA Docente Prof.ssa Paola Perego COMPETENZE CONOSCENZE Funzione esponenziale e logaritmica

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli

ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI

ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI PAOLO FACCIN 1. Esercizi sulle applicazioni lineari 1.1. Definizioni sulle applicazioni lineari. Siano V, e W spazi vettoriali, con rispettive basi B V := (v 1 v n) e B W

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

Corso di Algebra lineare - a.a Prova scritta del Compito A

Corso di Algebra lineare - a.a Prova scritta del Compito A Prova scritta del 23.02.2009 Compito A Esercizio 1. Sia Oxyz un sistema di riferimento ortonormale in uno spazio euclideo di dimensione 3. Siano inoltre P 1, P 2 e Q i punti di coordinate rispettivamente

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE Soluzioni Appello del 17 GIUGNO Compito A

GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE Soluzioni Appello del 17 GIUGNO Compito A Soluzioni Appello del 17 GIUGNO 2010 - Compito A a) Se h = 7 il sistema ha infinite soluzioni (1 variabile libera), mentre se h 7 la soluzione è unica. b) Se h = 7 allora Sol(A b) = {( 7z, 5z + 5, z),

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio

Programmazione per competenze del corso Matematica, Secondo biennio Programmazione per del corso Matematica, Secondo biennio Competenze di area Traguardi per lo sviluppo delle degli elementi del calcolo algebrico algebriche di primo e secondo grado di grado superiore al

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

Esercizi Riepilogativi Svolti. = 1 = Or(v, w)

Esercizi Riepilogativi Svolti. = 1 = Or(v, w) Universita degli Studi di Roma - "Tor Vergata" - Facolta Ingegneria Esercizi GEOMETRIA (Edile-Architettura e dell Edilizia FORMULE DI GEOMETRIA IN R TRASFORMAZIONI DI R CIRCONFERENZE Docente: Prof F Flamini

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Ferruccio Orecchia. esercizi di GEOMETRIA 1

Ferruccio Orecchia. esercizi di GEOMETRIA 1 A01 102 Ferruccio Orecchia esercizi di GEOMETRIA 1 Copyright MCMXCIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test : soluzioni k Esercizio Data la matrice A = k dipendente dal parametro k, si consideri il k sistema lineare omogeneo AX =, con X = x x. Determinare

Dettagli

{ x + 2y = 3 αx + 2y = 1 αx + y = 0. f(x) = e x 2 +3x+4 x 5. f(x) = x 3 e 7x.

{ x + 2y = 3 αx + 2y = 1 αx + y = 0. f(x) = e x 2 +3x+4 x 5. f(x) = x 3 e 7x. 0 Gennaio 006 Teoria: Definizione di derivata puntuale e suo significato geometrico Esercizio Determinare l equazione del piano contenente i vettori u = (,, 3 e v = (,, e passante per P o = (,, Scrivere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli