2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto."

Transcript

1 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale alloca le riore in moo efficiente. Come Aam Smith crie oltre 200 anni fa, è come e vi foe una mano inviibile che guia un mercato concorrenziale vero livelli efficienti i prouzione e conumo. Ciò avviene attravero i prouttori e i conumatori che agicono per il loro peronale interee e maimizzano i profitti e l utilità. 2. In un mercato concorrenziale enza intervento pubblico non i ha perita i beneere ociale netto. 3. L incienza i una taa fa riferimento a chi, in efinitiva, paga la taa. In generale, quano il governo impone una taa, conumatori e prouttori ne coniviono l onere in certe proporzioni. L incienza ella taa riguara il moo in cui queto onere viene uivio. L incienza ella taa ipene alla forma elle curve i omana e offerta. Se la omana è relativamente inelatica ripetto all offerta, i conumatori opporteranno la maggior parte ell onere ella taa, mentre e l offerta è relativamente inelatica ripetto alla omana, aranno i prouttori a opportare l onere maggiore. 4. oiché la omana è relativamente inelatica ripetto all offerta, la maggior parte ell onere ella taa ricarà ui conumatori. 5. No, non è corretta. L incienza ella taa i può intetizzare in termini quantitativi come Δ ε = Δ ε Uano i ati el problema, ε ε ε ε 1.2 = 0.9 = 1.33 Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-1

2 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Ciò implica che l aumento el prezzo pagato ai conumatori arà pari a circa 1,33 volte la iminuzione el prezzo ricevuto ai prouttori. Quini, e la taa è 10, ea graverà ui conumatori per 5,70 e ui prouttori per 4,30. Ci apettiamo, unque, che il prezzo i mercato aumenti i 5,70, e non i 10 come uggerito al giornale. 6. Se il governo à un uiio, il urplu el conumatore e el prouttore aumenteranno entrambi. Tuttavia, ci arà una perita ecca perché queti aumenti aranno più che compenati all impatto el uiio ul bilancio pubblico. 7. Il prezzo maimo e il prezzo minimo non empre migliorano la ituazione i prouttori e conumatori. In particolare, un prezzo maimo uperiore al prezzo i equilibrio o un prezzo minimo inferiore al prezzo i equilibrio non avrebbero alcun effetto. Inoltre, a econa i quali conumatori o prouttori iano in grao i acquitare o i offrire il bene ul mercato, il urplu el conumatore o el prouttore può eere più bao opo l impoizione el prezzo maimo o el prezzo minimo. 8. Il urplu el prouttore potrebbe aumentare. Se il mercato è ervito ai prouttori più efficienti, il urplu el prouttore aumenterà per alcuni livelli ella quota. Tuttavia, e la quota è troppo baa (a eempio, proima allo zero), il urplu el prouttore potrebbe iminuire. 9. Uno ei riultati i queti programmi è quello i aumentare il urplu egli agricoltori. Come affermato nel libro, peo un governo, per aumentare i un ollaro il urplu egli agricoltori, eve penere più i un ollaro. Tuttavia, poiché queti programmi tenono a eere politicamente più accettabili ei traferimenti iretti agli agricoltori, i governi li attuano comunque. 10. oiché il governo non ottiene entrate imponeno la quota, la perita i beneere ociale netto arà maggiore nel cao ella quota, per un ammontare pari alle entrate erivanti alla tariffa. 11. Quano il governo impone una taa, il prezzo pagato ai conumatori aumenta, faceno iminuire la quantità omanata, e il prezzo ricevuto ai prouttori iminuice, faceno riurre la quantità offerta. Quete quantità i riucono fino al punto in cui il numero i unità offerte uguaglia il numero i unità omanate ai conumatori, portano il mercato in equilibrio. 12. Quano il governo à un uiio ai prouttori, il prezzo a queti ricevuto aumenta, faceno aumentare la quantità offerta, e il prezzo pagato ai conumatori i riuce, faceno aumentare la quantità omanata. Quete quantità aumentano fino al punto in cui il numero i unità offerte uguaglia il numero i unità omanate, portano il mercato in equilibrio. Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-2

3 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni 13. Con l impoizione i una quota i prouzione la quantità i mercato viene tenuta arbitrariamente al i otto el uo livello i equilibrio, faceno aumentare il prezzo. In corriponenza i queto prezzo più alto, i prouttori vorrebbero offrire più i quanto la quota conentirebbe, creano un ecceo i offerta. A caua ell ecceo i offerta il mercato non raggiunge l equilibrio. 14. No, non è chiaro quali prouttori erviranno il mercato. oiché il prezzo viene tenuto al i opra el uo livello i equilibrio, vi ono molti prouttori che competono per ervire il mercato, anche più i quelli che vi arebbero in equilibrio. Non vi è alcun motivo i creere che i prouttori più efficienti aranno neceariamente quelli che erviranno il mercato. Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-3

4 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Soluzioni ei roblemi 10.1 a) Il mercato raggiungerà l equilibrio. La taa moificherà il prezzo e la quantità i equilibrio, ma non vi arà né ecceo i omana né ecceo i offerta. b) Il mercato raggiungerà l equilibrio. Il uiio moificherà il prezzo e la quantità i equilibrio, ma non vi arà né ecceo i omana né ecceo i offerta. c) Il mercato non raggiungerà l equilibrio. Un prezzo minimo uperiore al prezzo i equilibrio creerà un ecceo i offerta. ) Il mercato non raggiungerà l equilibrio. Un prezzo maimo inferiore al prezzo i equilibrio creerà un ecceo i omana. e) Il mercato non raggiungerà l equilibrio. Una quota che limita la quantità a un livello inferiore a quello i equilibrio creerà un ecceo i offerta, ato che il prezzo verrà pinto al i opra el uo livello i equilibrio L incienza ella taa i può intetizzare in termini quantitativi come Δ Δ ε = ε Sulla bae elle informazioni ate, Δ = 4, Δ = 0, e ε = 0, 5. Con quete Q, variazioni ei prezzi il 100% ell onere ella taa ricae ui conumatori, il che implica che l elaticità ell offerta è infinita. L offerta è perfettamente elatica a) Con una omana perfettamente elatica, una taa unitaria i 5 pota la curva i offerta vero l alto, come nel grafico eguente. I prouttori opporteranno l intero onere ella taa. Il riultato finale è che la quantità i equilibrio iminuice a Q 1 a Q 2, il prezzo pagato ai conumatori rimane invariato ( 40), e il prezzo ricevuto ai prouttori iminuice a 40 a S+ 5 S D 35 Q 2 Q 1 Q Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-4

5 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni b) Se la omana è perfettamente inelatica, i conumatori opporteranno l intero onere ella taa. La taa i 5 non ha effetto ulla quantità i equilibrio. Invece il prezzo pagato ai conumatori aumenta a 40 a 45. Il prezzo ricevuto ai prouttori rimane cotante a D S+ 5 S 40 Q 1 Q 10.4 a) Con un offerta perfettamente elatica, una taa unitaria i 4 pota la curva i offerta vero l alto, come illutrato otto. I conumatori opporteranno l intero onere ella taa. Il riultato finale è che la quantità i equilibrio iminuice a Q 1 a Q 2, il prezzo ricevuto ai prouttori rimane invariato ( 60), e il prezzo pagato ai conumatori aumenta a 60 a S + 4 S D Q 2 Q 1 Q b) Se l offerta è perfettamente inelatica, i prouttori opporteranno l intero onere ella taa. Dato che l offerta è inelatica, graficamente, è più emplice ragionare u queto problema in termini i uno potamento vero il bao ella curva i omana. [Ci i convinca el fatto che al punto (a), ragionano in queti termini, avremmo ottenuto lo teo riultato.] La taa i 4 non ha effetto ulla quantità i equilibrio. Invece il prezzo ricevuto ai venitori iminuice a 60 a 56. Il prezzo pagato ai conumatori rimane cotante a 60. Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-5

6 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni S D Q 1 D 4 Q D S 10.5 Si upponga che la taa necearia ia i T. Allora in equilibrio, = + T. Ciò implica che 50 Q = Q + T, ovvero Q = 25 0,5T. oiché l ammontare richieto è , obbiamo avere T*Q = 600. (Si ricori che Q è miurata in migliaia i unità). Quini, T(25 0,5T) = 600. Riolveno queta equazione otteniamo ue poibili valori ella taa: T = 20 e T = 30. Entrambi generano entrate per , benché T = 20 implichi, ovviamente, una perita ecca minore Se il governo non impone un prezzo maimo allora il mercato è in equilibrio e il urplu el conumatore è pari all area A + C. Il valore più elevato che il urplu el conumatore può aumere opo l impoizione el prezzo maimo i avrà e i conumatori con la iponibilità a pagare più alta ono in grao i acquitare il bene. Con l impoizione el prezzo maimo, i prouttori offriranno al maimo 100 unità. Se quete 100 unità vanno ai conumatori con la iponibilità a pagare più elevata, allora il urplu el conumatore arà pari all area A + B. Invece, e quete 100 unità vanno ai conumatori con la iponibilità a pagare più baa (ma che comunque ono ipoti a acquitare il bene a quel prezzo), allora il nuovo urplu el conumatore arà pari all area F. Quini, il urplu può aumentare al maimo i (A + B) (A + C) = B C. Il urplu può iminuire al maimo i F (A + C) a) oneno Q = Q i ha 10 = 4 + = 7 per buhel Sotitueno queto riultato nell equazione ella omana i ha buhel. Q = 3 milioni i Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-6

7 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni b) In corriponenza ell equilibrio, il urplu el conumatore è pari a ( 1 2)( 10 7) 3 = 4, 5 e il urplu el prouttore è pari a ( 1 2)( 7 4) 3 = 4, 5. Non i ha perita ecca in queto cao e il beneere ociale netto è pari a 9 milioni. rezzo Domana A B Quantità (milioni i buhel) Offerta 10 Nel grafico opra, l area A rappreenta il urplu el conumatore e l area B rappreenta il urplu el prouttore. c) Se il governo impone una taa unitaria i 2, il nuovo equilibrio arà 10 ( + 2) = 4 + = 6 per buhel Sotitueno nell equazione i i ha = 8, e otitueno ell offerta i ottiene Q = 2 milioni. nell equazione ) Ora il urplu el conumatore è pari a ( 1 2)( 10 8) 2 = 2 è pari a ( 1 2)( 6 4) 2 = 2 è pari a ( 1 2)(8 6 )( 3 2) = 1, il urplu el prouttore, gli introiti ficali ono pari a 2(2) = 4, e la perita ecca (tutti miurati in milioni i euro). rezzo Offerta + Domana A C D E Offerta B Quantità (milioni i buhel) Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-7

8 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Nel grafico opra, l area A rappreenta il urplu el conumatore, l area B rappreenta il urplu el prouttore, l area C+D rappreenta gli introiti ficali el governo, e l area E rappreenta la perita ecca. e) Se il governo à un uiio i 1, il nuovo equilibrio arà ( 1) 10 = 4 + = 7,5 per buhel Sotitueno nell equazione i i ha = 6, 5, e otitueno nell equazione ell offerta i ottiene Q = 3, 5 milioni. f) Ora il urplu el conumatore è pari a ( 1 2)( 10 6,5) 3,5 = 6, 125 prouttore è pari a ( 1 2)( 7,5 4) 3,5 = 6, 125 1( 3,5) = 3, 5 perita ecca è pari a ( 1 2)( 7,5 6,5)( 3,5 3) = 0, 25, il urplu el, il uiio pagato è pari a (che è negativo ato che il governo paga tale ammontare), e la (tutti miurati in milioni i euro). rezzo Domana Offerta C A B Offerta - 1 F D E Quantità (milioni i buhel) Nel grafico opra, l area A+B+E rappreenta il urplu el conumatore, l area B+C+F rappreenta il urplu el prouttore, l area B+C+D+E rappreenta il uiio pagato al governo, e l area D rappreenta la perita ecca. g) er i riultati i cui al punto (b), la omma el urplu el conumatore, el urplu el prouttore, ell impatto ul bilancio pubblico, e ella perita ecca è pari a 4,5 + 4, = 9 ; per il punto (), la omma è pari a = 9; e per il punto (f) è pari a 6, ,125 3,5 + 0,25 = 9. (Come opra, tutte miurate in milioni i euro). Tali omme ono tutte uguali perchè la perita ecca miura la ifferenza tra i benefici netti (in termini i urplu el conumatore, urplu el prouttore e impatto ul bilancio pubblico) in corriponenza i un equilibrio concorrenziale e i benefici netti in preenza i una qualche forma i intervento pubblico. Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-8

9 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni 10.8 a) 10 = 1,5 = 4 e Q = 10 4 = 6. b) Con un uiio i 5 pagato ai prouttori, il prezzo i mercato è = e il prezzo ricevuto ai prouttori ucceivamente al uiio è = +5. Quini: 10 = 1,5( + 5) = 1. c) Nel cao el uiio il urplu el conumatore arà maggiore i quello che i avrebbe nel cao i prezzo maimo. In entrambi i cai, i conumatori pagano lo teo prezzo, ma nel cao el uiio i conumatori ottengono tutta la quantità a loro omana in corriponenza el prezzo i mercato i 1, mentre nel cao i prezzo maimo, ottengono una quantità minore i quella omanata. ) Nel cao i uiio. In queto cao, poiché i conumatori ottengono tutta la quantità omanata al prezzo i mercato, non vi è poibilità che i conumatori con la più baa iponibilità a pagare ottengano il bene mentre quelli con la più alta iponibilità a pagare non lo ottengono. Ciò può accaere nel cao i prezzo maimo. e) Il uiio implica la minore perita i beneere ociale netto. La perita i beneere ociale netto nel cao i prezzo maimo (aumeno un razionamento efficiente) è l area C+H+I, che è pari a 16,875. La perita i beneere ociale netto nel cao i uiio è l area L, che è pari a 7,5. 10 A B C S E H M 4 F I J K L S G D 10 Q Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-9

10 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni 10.9 a) Sulla bae el grafico, il governo, per raggiungere l obiettivo i 600 milioni i pacchetti, eve imporre una taa unitaria i 2,00. Imponeno tale taa, la curva i offerta i pota vero l alto i 2,00 e intereca la curva i omana in corriponenza i = 3, 00 e Q = 600, il nuovo equilibrio i mercato. In alternativa, il governo potrebbe fiare un prezzo minimo i = 3,00, in corriponenza el quale i conumatori omanerebbero Q = 600 milioni i pacchetti. b) Taa rezzo minimo Qual è il prezzo per pacchetto pagato ai conumatori? 3,00 3,00 Qual è il prezzo per pacchetto ricevuto ai prouttori? 1,00 3,00 Quale area rappreenta il urplu el conumatore? F F Quale area rappreenta il maimo urplu el prouttore poibile nei ue cai? B B+C+E Quale area rappreenta il minimo urplu el prouttore poibile nei ue cai? B G+H+L+T Quale area rappreenta le entrate pubbliche? C+E Zero Quale area rappreenta la minima perita ecca poibile nei ue cai? G+L G+L Tipo i politica Quante unità i chip ono conumate nel mercato interno? Quante unità i chip ono prootte nel mercato interno? Qual è il valore el urplu el prouttore? Qual è il valore el urplu el conumatore? A quanto ammontano le entrate pubbliche? olitica I Divieto i importazioni olitica II Neuna tariffa olitica III Tariffa ulle importazioni Se la omana è perfettamente inelatica, la relativa curva è una retta verticale. Il prezzo aumenterà i eattamente i 2 opo l impoizione ella taa e i conumatori opporteranno il 100% ell onere. Il urplu el conumatore iminuirà i 2 moltiplicati per la quantità i mercato, che arà uguale alla quantità pre-impota, ato che la curva i omana è verticale. Le entrate ficali aumenteranno i 2 moltiplicati per la quantità, compenano eattamente la riuzione el urplu el conumatore. Il urplu Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-10

11 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni el prouttore rimarrà invariato poiché i conumatori opportano il 100% ell onere ella taa. Quini, ato che le entrate pubbliche compenano eattamente la riuzione el urplu el conumatore, non i ha neuna perita per la ocietà. Quano la curva i omana è perfettamente inelatica, non vi è perita i beneere ociale netto a caua ella taa Se i televiori poono eere liberamente importati al prezzo i W = 160, i prouttori nazionali proucono 20(160) = 3200 televiori. La omana nazionale è pari a *160 = unità. Il urplu el prouttore è l area C el grafico. Con il ivieto i importazione, l equilibrio i verifica in corriponenza ell interezione tra l offerta nazionale e la omana nazionale: = 20, il che implica = 200 e Q = Il urplu el prouttore è ora aumentato ell area B = ( )(3200) + 0,5( )( ) = Il ivieto i importazione caua una perita ecca pari all area E + F = 0,5( )( ) = Offerta nazionale A 160 B E F C W Domana Q In aenza i intervento el governo, l equilibrio i verifica quano = 30, oia = 250 e Q = Come motrato nel grafico otto, il urplu el prouttore è l area C + F = 0,5(250)(7500) = er portare il prezzo a 300, il governo eve aicurari che vengano offerte olo (300) = 5000 unità. In corriponenza i tale prezzo, i prouttori vorrebbero offrire un totale i 30(300) = 9000 unità conegueno un urplu pari all area B + C + E + F + L. er compenare i prouttori ella limitazione ella prouzione a 5000 unità, il governo eve perciò traferire ai prouttori una omma pari all area E + F + L 0,5( )( ) = (er veere che l angolo più bao el triangolo F i trova in corriponenza i = 167, i noti che per Q = 5000, lungo la curva i offerta 5000 = 30 ovvero = 500/3 167.) Dato che la prouzione è limitata a 5000 unità, la perita ecca è emplicemente pari ai benefici potenziali i cui neuno i appropria, oia l area E + F 0,5( )( ) = Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-11

12 Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni A B E L K C F J G H Offerta Domana Q Copyright 2009 The McGraw-Hill Companie rl Capitolo 10-12

Cap. 4 Mercati finanziari

Cap. 4 Mercati finanziari Cap. 4 ercati finanziari Tao interee (i): importante per invetimenti e celte i conumo intertemporali. Noi iamo intereati principalmente ai primi. Come i etermina i? Attori: Banca Centrale (BC), banche,

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse Lezione 9. Equilibrio el mercato finanziario e tao interee Ipotei: Il itema finanziario: la truttura ei mercati (a) eite un unico mercato ei titoli (); (b) la anca centrale crea ecluivamente attravero

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Differenza tra microeconomia (analisi dei comportamenti individuali) e macroeconomia (analisi dei comportamenti aggregati).

Differenza tra microeconomia (analisi dei comportamenti individuali) e macroeconomia (analisi dei comportamenti aggregati). Capitolo 2 Domana e offerta pagina 1 CAPITOLO 2 DOMANDA E OFFERTA Differenza tra microeconomia (analii ei comportamenti iniviuali) e macroeconomia (analii ei comportamenti aggregati). La prima i fona ui

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria

Dettagli

Meccanica Classica: Cinematica Formule

Meccanica Classica: Cinematica Formule Tet di Fiica - Cinematica Meccanica Claica: Cinematica Formule Velocità media: m Accelerazione media: Formule da ricordare: x x x1 t t t1 1 a m t t t Motouniforme: x(t)x 0 + t oppure x t 1 Moto uniformemente

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola i LE SS ia Scopri i notri ervizi i creening,iagnoi, rieucazione e opocuola I Diturbi Specifici i Apprenimento nei Centri SOS ileia Coa ono I Diturbi Specifici ell'apprenimento (DSA) ono ifunzioni neurobiologiche,

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Aleandro Scoelliti Univerità di Reggio Calabria e Univerity of Warwick aleandro.coelliti@unirc.it Selezione avvera La elezione avvera è il fenomeno er cui, in un mercato caratterizzato da informazione

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Capitolo 2. Domanda e offerta. Soluzioni dei Problemi

Capitolo 2. Domanda e offerta. Soluzioni dei Problemi Capitolo 2 Domana e offerta Soluzioni ei roblemi 2.1 a) uano il prezzo elle noccioline aumenta, la quantità omanata i birra i riuce per qualunque livello i prezzo (la omana i pota vero initra). Birra e

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 16. La teoria dell equilibrio generale. Soluzioni delle Domande di ripasso eanko & aeutigam icoeconomia anuale delle oluzioni Capitolo 16 La teoia dell equilibio geneale Soluzioni delle Domande di ipao 1. L analii di equilibio paziale tudia la deteminazione del pezzo e della

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE CHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE L aggiudicazione avverà a favore del oferta economicamente più vantaggioa, valutata econdo i eguenti criteri: Al integrale accetazione del capitolato tecnico peciale veranno

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8 Rimini, 7 ottobre 2014 Macroeconomia 158 Il mercato ei titoli Sul mercato ei titoli si etermina il prezzo ei titoli

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Le Misure. 2 ottobre 2007

Le Misure. 2 ottobre 2007 Le Miure ottobre 007 In tutte le oluzioni i farà ricoro alla notazione cientifica dei numeri, baata ul ignificato del itema decimale e poizionale. (piegare il ignificato) 1 Lunghezza 1.0.1 Una navetta

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade.

Condizionamento, congestione e capacità economica delle strade. Conizionamento, congestione e capacità economica elle strae. µ 3 4 ε (-Q) m (-Q) M : Equilibrio spontaneo in corrisponenza el traffico Q : volume i traffico Q E, corrisponente alla capacità economica ella

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Toaldo di MONTEGALDA Via Cattaneo 51 3 6 0 4 7 M O N T E G A L D A ( V i c e n z a ) 0444 636064 fax 0444 737054 Codice ficale 80015890249 Codice Itituto VIIC826007 Sito

Dettagli

Lezioni di Ricerca Operativa 2 Dott. F. Carrabs

Lezioni di Ricerca Operativa 2 Dott. F. Carrabs Lezioni di Ricerca Operativa Dott. F. Carrab.. 009/00 Lezione in Laboratorio: - Eercizi di modellazione Lezione 7: Eempio: Invetimenti Un cliente affida ad un aenzia finanziaria un milione di euro da impieare

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati:

1.1 Identificazione del campo di operatività di un motore AC brushless. Sia dato un motore AC brushless isotropo di cui siano noti i seguenti dati: Captolo 1 1.1 Ientfcazone el campo operatvtà un motore AC bruhle Sa ato un motore AC bruhle otropo cu ano not eguent at: Vn = 190 V In = 3.5 A Tn =.6 N n pol = R = 1 Ω L = 8 mh Ke = Kt = 0.4 S etermn l

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 2011 Università i Siena See i Grosseto Secono Semestre 200-20 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 6 29 Aprile 20 Un ultimo punto sul capitolo 5 Risparmio Investimento in economia aperta? o, serve

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Eercizio 1 Nel uo tato naturale un campione di terreno umido di volume pari a 0.01 m 3 ha un peo di 18 kg. Lo teo campione eiccato in tufa ha un peo di 15.6

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

EQUILIBRIO DI MERCATO

EQUILIBRIO DI MERCATO EUILIBRIO I MERCATO La curva di offerta, come si vedrà meglio, è la quantità di un bene che un agente è disposto ad offrire in corrispondenza di ciascun prezzo di mercato. e ci sono più agenti economici,

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti Statica de corpo riido: eercizi voti dai compitini dei anni precedenti II COMPITIO 00 003 Un ae di eno orizzontae omoenea, di maa M0 k e unhezza L m, è appoiata u due cavaetti. L ae pore di 60 cm otre

Dettagli

corso di formazione ed aggiornamento

corso di formazione ed aggiornamento coro di ormazione ed aggiornamento NUOVE NORME TECNICHE IN ZONA SISMICA di cui all ordinanza n. 374 del P.C.M. del 0.03.003 pubblicata ulla Gazzetta Uiciale in data 08.05.003 ARGOMENTO DELLA LEZIONE: LA

Dettagli

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce)

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Stuio i funzioni Carlo Elce 1 Stuio i una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Per rappresentare graficamente una funzione reale i una variabile reale bisogna seguire i seguenti passi: Passo 1)

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS E L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Sommario: 1. Introuzione 2. Il sistema ei prezzi i Walras e l equilibrio economico generale 3. Le contraizioni implicite nel sistema

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

FISICA Lavoro, Potenza, Energia

FISICA Lavoro, Potenza, Energia Lavoro, Potenza, Energia. Il Lavoro Supponiamo di applicare una forza F ad un corpo materiale per un determinato intervallo di tempo, con l effetto di far potare il corpo teo dalla ua poizione iniziale

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

1. La retta IS in economia aperta

1. La retta IS in economia aperta 999, Riccaro Marselli. La riprouzione i questa ispensa, e parti i essa, per L'economia aperta Questa ispensa illustra le moifiche che è necessario apportare allo schema base IS-LM per tener conto ei legami

Dettagli

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC)

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC) Piano di formazione per l ordinanza ulla formazione profeionale di bae Parrucchiera / parrucchiere con attetato federale di capacità (AFC) Numero della profeione 8014 del 1 novembre 01 Indice Indice...

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE

APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE C A P I T O L O 7 APPLICAZIONI DELLA TRASFORMATA DI LAPLACE 7. INTRODUZIONE Ora che è tata introdotta la traformata di Laplace, è poibile paare a eaminare che coa i può fare con ea. La traformata di Laplace

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

La macchina a ciclo Rankine

La macchina a ciclo Rankine Lezione XIV - 7/0/00 ora 8:0-0:0 - Maine a vapore, ilo Rankine ed eerizi - Originale di Amoretti Miele. La maina a ilo Rankine Il problema di realizzare un ilo termodinamio e produa la maima uantità di

Dettagli

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N. 1 40 Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice

Dettagli

Fig. 9.72 - Prisma di Saint Venant soggetto a torsione

Fig. 9.72 - Prisma di Saint Venant soggetto a torsione 9.6 orione del prima di Saint Venant La trattazione del problema di de Saint Venant volta inora ha ecluo la preenza della torione, coa per la quale era neceario che la retta di azione del taglio paae per

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO Il Salvagente 1- maggio 201 Conumi Tet 21 Il CONCIME da pollice verde? n empre è il più CARO Marta Strinati è tato lungo e faticoo anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cu- L inverno re hanno

Dettagli

Adempimenti e procedure

Adempimenti e procedure Aempimenti e proceure Fusioni i società: semplificazioni e aempimenti pratici i Roberto Moro Visconti * Il D.Lgs. n.123/12 (in G.U. n.180 el 3 agosto 2012) ha previsto una serie i semplificazioni proceurali

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

Descrizione generale di Spice

Descrizione generale di Spice Decrizione generale di Spice SPIE A/D (Simulation Program with Integrated ircuit Emphai Analog/Digital) Ppice è un imulatore circuitale di uo generale, prodotto dalla ADENE Il imulatore Spice è uno dei

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO PER LE REGOLAZIONI INFRASTRUTTURALI DEI SETTORI ELETTRICO

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

6.5. La compressione

6.5. La compressione 6.5. La comreione rofondimenti 6.5.1. I materiali iotroi Mentre alcuni materiali (come l acciaio) hanno un uguale comortamento a trazione e a comreione (ono cioè «materiali iotroi») altri (come le ghie,

Dettagli

11 L energia. meccanica. unità

11 L energia. meccanica. unità unità 11 L energia meccanica Ceare Galimberti, Olycom Il record mondiale di alto in alto è di 2,45 m. Se i faceero le Olimpiadi ulla Luna, l ata dovrebbe eere itemata molto più in alto, perché la forza

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI

IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI IL TEOREMA DI UNICITA PER 1 FLUIDI INCOMPRESSIBILI, PERFETTI,ETEROGENEI di DARIO GRAFFI, Bologna (Italia) 1. In una Nota pubblicata due anni fa (1) ho tabilito il teorema di unicitil per le'equazioni dei

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli automatici Proetto del controllore nel dominio della frequenza Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioineneria Introduzione

Dettagli

Trasformazioni Elementari 2D

Trasformazioni Elementari 2D Traformazioni Elementari 2D Le traformazioni affini ono operazioni di ROTAZIONE, TRASLAZIONE e SCALATURA che permettono di modificare l oggetto 2D o 3D. Una traformazione è definita da una matrice T. Applicare

Dettagli

Università degli studi di Bari A. Moro. Economia dei tributi. Anno accademico 2015/2016. Prova scritta del 13 giugno 2016 sul programma del I modulo

Università degli studi di Bari A. Moro. Economia dei tributi. Anno accademico 2015/2016. Prova scritta del 13 giugno 2016 sul programma del I modulo Università eli stui i Bari A. Moro Corso i Laurea maistrale in Consulenza professionale per le aziene Economia ei tributi Anno accaemico 2015/2016 Prova scritta el 13 iuno 2016 sul proramma el I moulo

Dettagli

b) Tale studio dà luogo ad una riduzione della domanda di caffè e quindi ad una diminuzione del prezzo e della quantità di equilibrio.

b) Tale studio dà luogo ad una riduzione della domanda di caffè e quindi ad una diminuzione del prezzo e della quantità di equilibrio. Capitolo 2 omanda e offerta oluzioni delle omande di ripasso 1. L eccesso di domanda si verifica quando il prezzo è inferiore a quello di equilibrio. In questo caso, i consumatori domandano una quantità

Dettagli

Capitolo 1. Problemi di analisi economica. Soluzioni dei Problemi

Capitolo 1. Problemi di analisi economica. Soluzioni dei Problemi Capitolo 1 Problemi i analisi economica Soluzioni ei Problemi 1.1 Sebbene l affermazione che i mercati non raggiungono mai un equilibrio sia comunque iscutibile, anche in questo caso il concetto i equilibrio

Dettagli

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda di Camilla Fiorin ECO-RELAX, tra i limoni del Garda [www.lefayreort.com] Bio-architettura, integrazione morfologica, hi-tech ecootenibile, deign e beneere naturale: è il Lefay Reort & SPa Pilatri rivolti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Coro di : FISICA MEDICA A.A. 2015 /2016 Docente: Dott. Chiucchi Riccardo ail:rchiucchi@unite.it Medicina Veterinaria: CFU

Dettagli

Unità Didattica 1. Le unità di misura

Unità Didattica 1. Le unità di misura Unità Didattica 1. Le unità di iura Pria di addentrarci nella ateria, è bene fare un rapido riaunto delle tecniche di converione e delle più iportanti unità di iura nel capo dell aeronautica, perché capiterà

Dettagli

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono La macchina incrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza incrona, curve di pretazione limite, motore incrono Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Indutriale e dell Informazione Univerità

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli