Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari"

Transcript

1 Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

2 GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO PROGRAMMATI, ESEGUITI E RELAZIONATI IN MODO CHE VI SIA UNA PUBBLICA GARANZIA DI ATTENDIBILITA DEI DATI E DELLA PROTEZIONE DEI DIRITTI, DELL INTEGRITA E DELLA CONFIDENZIALITA DEI SOGGETTI

3 GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP NON COSTITUISCONO UNA VERA REGOLAMENTAZIONE E NON STABILISCONO LE MODALITA SCIENTIFICHE PER FORMULARE UN PROTOCOLLO LE GCP INDIVIDUANO COMUNQUE LE RESPONSABILITA DI OGNI ELEMENTO COINVOLTO NELLO STUDIO CLINICO

4 DESTINATARI DELLE GCP EQUIPE DI SPERIMENTATORI COMITATI di BIOETICA E AUTORITA DI CONTROLLO INDUSTRIE FARMACEUTICHE

5 GLI STUDI CLINICI DEVONO ESSERE: Correttamente programmati Correttamente eseguiti Condotti da sperimentatori qualificati Eseguiti secondo i principi etici riferibili alla Dichiarazione di Helsinki Indicati dalle linee guida di riferimento

6 SCOPI DELLE LINEE GUIDA EUROPEE Stabilire le procedure con cui eseguire gli studi clinici attraverso gli obblighi di ogni figura coinvolta garantire la tutela dei soggetti arruolati attraverso le modalità per ottenere il CONSENSO INFORMATO stabilire i principi standard per la sperimentazione clinica nell ambito dell area ICH (UE, USA,Giappone)

7 SCOPI DELLE LINEE GUIDA EUROPEE descrivere i compiti dei Comitati di Bioetica migliorare la qualità etica, scientifica e tecnica degli studi assicurare che dati, informazioni e documenti siano adeguatamente generati, registrati e riportati

8 PER SPERIMENTAZIONE SI INTENDE GENERICAMENTE OGNI ATTIVITA SCIENTIFICAMENTE CONDOTTA E VERIFICATA PER SAGGIARE LA VALIDITA, LA BONTA E L EFFICACIA DI NUOVI METODI E NUOVE APPLICAZIONI, OVVERO IL METODO DI ACQUISIZIONE DELLE VERITA SCIENTIFICHE, BASATO SULLA LORO SCOPERTA O VERIFICA SPERIMENTALE

9 STUDIO CLINICO E OGNI STUDIO SISTEMATICO SUI PRODOTTI MEDICINALI CONDOTTO SULL UOMO (PAZIENTI O VOLONTARI SANI) ALLO SCOPO DI: SCOPRIRE O VERIFICARE GLI EFFETTI IDENTIFICARE OGNI REAZIONE AVVERSA STUDIARNE L ASSORBIMENTO, LA DISTRIBUZIONE, IL METABOLISMO ACCERTARE L EFFICACIA E LA TOLLERABILITA DEL PRODOTTO

10 UNO STUDIO CLINICO E UN ESPERIMENTO PIANIFICATO, CHE COINVOLGE INDIVIDUI ED E DISEGNATO CON LO SCOPO DI INDIVIDUARE IL PIU APPROPRIATO TRATTAMENTO DA ADOTTARE SU PAZIENTI IN PARTICOLARI CONDIZIONI PATOLOGICHE

11 LA CARATTERISTICA ESSENZIALE DI UNO STUDIO CLINICO E DI USARE I RISULTATI OTTENUTI SU UN CAMPIONE DI PAZIENTI, PER FARE INFERENZA CIRCA GLI EFFETTI DEL TRATTAMENTO SU UNA POPOLAZIONE DI INDIVIDUI CON CARATTERISTICHE PATOLOGICHE TALI DA RICHIEDERE QUEL TIPO DI TRATTAMENTO

12 LA MAGGIOR PARTE DEGLI STUDI CLINICI RIGUARDANO TERAPIE FARMACOLOGICHE MA POSSONO ESSERE CONDOTTI ANCHE PER VALUTARE: DIFFERENTI TRATTAMENTI CHIRURGICI GLI EFFETTI DELLA RADIOTERAPIA DIFFERENTI DISPOSITIVI MEDICI GLI EFFETTI DI PARTICOLARI DIETE L UTILIZZO DEI VACCINI DIFFERENTI MISURE PREVENTIVE

13 STUDI CLINICI STUDI DI FASE I SI VALUTA IL RAPPORTO TRA DOSE TOSSICA E DOSE TERAPEUTICA SI METTONO A PUNTO I DETTAGLI DI UNA TECNICA CHIRURGICA STUDI DI FASE II SI STABILISCE L EFFICACIA SU UN PICCOLO NUMERO DI PAZIENTI STUDI DI FASE III SI PARAGONANO DUE O PIU TRATTAMENTI, DIFFERENTI DOSAGGI STUDI DI FASE IV SI VALUTANO GLI EFFETTI AVVERSI CON STUDI A LUNGO TERMINE DI MORTALITA O MORBIDITA

14 STUDI DI FASE I PRIMI STUDI SU UN NUOVO PRINCIPIO ATTIVO CONDOTTI SULL UOMO SPESSO SU VOLONTARI SANI LO SCOPO E QUELLO DI FORNIRE UNA VALUTAZIONE PRELIMINARE SULLA SICUREZZA ED UN PRIMO PROFILO DELLA FARMACOCINETICA E DELLA FARMACODINAMICA DEL PRINCIPIO ATTIVO

15 STUDI DI FASE II STUDI PILOTA LO SCOPO E QUELLO DI DIMOSTRARE L ATTIVITA E DI VALUTARE LA SICUREZZA A BREVE TERMINE DI UN PRINCIPIO ATTIVO IN PAZIENTI AFFETTI DA UNA MALATTIA O DA UNA CONDIZIONE CLINICA PER LA QUALE IL PRINCIPIO ATTIVO E PROPOSTO. GLI STUDI VENGONO CONDOTTI SU UN NUMERO LIMITATO DI SOGGETTI E SPESSO, IN UNO STADIO AVANZATO DI MALATTIA. QUESTA FASE HA ANCHE LO SCOPO DI DETERMINARE UN APPROPRIATO INTERVALLO DI DOSI E/O SCHEMI TERAPEUTICI E SE POSSIBILE DI IDENTIFICARE IL RAPPORTO DOSE/RISPOSTA, AL FINE DI FORNIRE LE MIGLIORI PREMESSE PER PIANIFICARE STUDI PIU ESTESI

16 STUDI DI FASE III STUDI SU GRUPPI DI PAZIENTI PIU NUMEROSI AL FINE DI DETERMINARE IL RAPPORTO SICUREZZA/EFFICACIA A BREVE E LUNGO TERMINE DELLE FORMULAZIONI DEL PRINCIPIO ATTIVO, COME PURE DI VALUTARE IL VALORE TERAPEUTICO DEL COMPOSTO SPERIMENTALE VANNO OSSERVATI L ANDAMENTO E LE CARETTERISTICHE DELLE PIU FREQUENTI REAZIONI AVVERSE SI ESAMINANO LE CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEL PRODOTTO IN STUDIO (ES. INTERAZIONI TRA FARMACI, FATTORI CHE INDUCONO DIFFERENTI RISPOSTE, ECC.) IL DISEGNO DELLO STUDIO E PREFERIBILMENTE IN DOPPIO CIECO E RANDOMIZZATO

17 STUDI DI FASE IV STUDI CONDOTTI DOPO LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO MEDICINALE SONO STUDI CONDOTTI SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI DATE PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO (FARMACOVIGILANZA, VALUTAZIONE DEL VALORE TERAPEUTICO) GLI STUDI DI FASE IV RICHIEDONO LA FORMULAZIONE DEL PROTOCOLLO COSI COME GLI ALTRI TIPI DI STUDIO

18 IL DISEGNO DELLA RICERCA CLINICA PRIMA DI INIZIARE UNA RICERCA E INDISPENSABILE EFFETTUARE UNA PROGETTAZIONE ACCURATA E UN DISEGNO ADEGUATO, DEFINENDO IN DETTAGLIO LE DOMANDE A CUI LA RICERCA DEVE DARE UNA RISPOSTA

19 PER IMPOSTARE UNA SPERIMENTAZIONE BISOGNA POTER RISPONDERE ALLE SEGUENTI DOMANDE: 1. QUAL E L OBIETTIVO PRIMARIO DELLA RICERCA 2. ESISTE UN PROTOCOLLO SCRITTO CHE INDICHI LE PROCEDURE E I DATI CON CUI RAGGIUNGERE L OBIETTIVO 3. L OBIETTIVO PRIMARIO E RILEVANTE SOTTO IL PROFILO SCIENTIFICO,AFFRONTA PROBLEMI ANCORA IRRISOLTI, AGGIUNGE QUALCOSA AL SAPERE SCIENTIFICO ATTUALE 4. QUALI SONO GLI OBIETTIVI SECONDARI 5. SONO RISPETTATE LE NORMATIVE CHE GUIDANO LA RICERCA SPERIMENTALE(Good Laboratory Practice o GLP), E GARANTITA LA PROTEZIONE DEI SOGGETTI E LA CONFIDENZIALITA DEI LORO DATI IN OTTEMPERANZA ALLA Dichiarazione di Helsinki e alla Good Clinical Practice GCP

20 DEFINIRE LO SCOPO DELLO STUDIO SPECIFICARE GLI OBIETTIVI E LE IPOTESI DI LAVORO DISEGNARE LO STUDIO SCRIVERE IL PROTOCOLLO CONDURRE LO STUDIO DEFINIRE UNA BUONA ORGANIZZAZIONE ANALIZZARE I DATI UTILIZZO DELLA STATISTICA DESCRITTIVA E DEI TESTS DI VERIFICA DELLE IPOTESI TRARRE LE CONCLUSIONI PUBBLICARE I RISULTATI

21 PROTOCOLLO DI STUDIO STABILIRE LA DURATA DELLO STUDIO DEFINIRE IL NUMERO DEI SOGGETTI STABILIRE I CRITERI DI INCLUSIONE ED ESCLUSIONE DEFINIRE LE PROCEDURE OPERATIVE MODALITA DI RANDOMIZZAZIONE, VISITE MEDICHE PREVISTE, ESAMI DIAGNOSTICI DA ESEGUIRE,. DESCRIVERE I DETTAGLI DELL ANALISI STATISTICA POTENZA DELLO STUDIO E METODOLOGIE DEFINIRE LE PROCEDURE PER GLI EVENTI AVVERSI INTERRUZIONE TRATTAMENTO, ULTERIORI CONTROLLI,...

22 MODELLI DI SPERIMENTAZIONE TERAPEUTICA 1. NON CONTROLLATA 2. CONTROLLATA NON RANDOMIZZATA 2.1 CONTROLLI PARALLELI (INTERNI) 2.2 CONTROLLI STORICI 2.3 CONTROLLI DA BANCHE DATI 3. CONTROLLATA E RANDOMIZZATA RCT 4. META-ANALISI

23 NON CONTROLLATA TUTTI I PAZIENTI ELEGIBILI CONSECUTIVI RICEVONO LA TERAPIA SPERIMENTALE. NON C E UN CONFRONTO DIRETTO CON PAZIENTI TRATTATI IN UN ALTRO MODO. GLI EFFETTI DELLA TERAPIA SPERIMENTALE SI VALUTANO IN CONFRONTO AL DECORSO ABITUALE DELLA MALATTIA CHE SI RITIENE NOTO

24 LE SPERIMENTAZIONI NON CONTROLLATE POSSONO AVERE UN RUOLO NELLA RICERCA DI TRATTAMENTI: MALATTIE RARE MALATTIE A DECORSO PREVEDIBILE ED ESITO INVARIABILMENTE FATALE EFFICACIA TERAPEUTICA DEL NUOVO TRATTAMENTO DECISAMENTE EVIDENTE EFFETTI SFAVOREVOLI ACCETTABILI SE COMMISURATI AL BENEFICIO TERAPEUTICO ASSENZA DI TRATTAMENTI ALTERNATIVI IMPIEGABILI PER CONFRONTO IN UN RCT PRESUPPOSTI FISIOPATOLOGICI E FARMACOLOGICI SUFFICIENTEMENTE FORTI, TALI DA RENDERE CREDIBILI I RISULTATI FAVOLREVOLI DELLA SPERIMENTAZIONE

25 CONTROLLATA NON RANDOMIZZATA CON CONTROLLI PARALLELI LA TERAPIA SPERIMENTALE E ASSEGNATA A UNA PARTE DEI PAZIENTI ELEGIBILI CONSECUTIVI; GLI ALTRI SONO ASSEGNATI NON A RANDOM A UNA TERAPIA DI CONTROLLO (ES. GIORNI DI RICOVERO PARI O DISPARI)

26 CONTROLLATA NON RANDOMIZZATA CONTROLLI STORICI O DA BANCHE DATI TUTTI I PAZIENTI ELIGIBILI CONSCUTIVI RICEVONO LA TERAPIA SPERIMENTALE. SERVONO COME CONTROLLI PAZIENTI OSSERVATI IN PRECEDENZA I CUI DATI SONO RICEVATI RETROSPETTIVAMENTE DALLE CARTELLE CLINICHE (Controlli storici) O RACCOLTI PROSPETTIVAMENTE E ARCHIVIATI IN BANCHE DATI INFORMATICHE (Controlli da Banche dati)

27 CONTROLLATA E RANDOMIZZATA RCT LA TERAPIA SPERIMENTALE E ASSEGNATA AD UNA PARTE DEI PAZIENTI ELIGIBILI CONSECUTIVI. GLI ALTRI SONO ASSEGNATI A UNA TERAPIA DI CONTROLLO MEDIANTE UN SISTEMA DI SORTEGGIO (Random) CHE FAVORISCE LA COMPARABILITA FRA I GRUPPI

28 TRIAL CLINICO IL MODELLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA PIU UTILIZZATO E RITENUTO MENO SOGGETTO AD ERRORI E IL TRIAL CLINICO CONTROLLATO (RCT) QUESTA CONVINZIONE E UNO DEI FONDAMENTI DELLA MEDICINA BASATA SULL EVIDENZA EVIDENCE - BASED MEDICINE (EBM)

29 BASED EVIDENCE MEDICINE EBM LA EBM AMMETTE COME EVIDENZA SU CUI BASARE LE PRESCRIZIONI TERAPEUTICHE SOLO GLI RCT E LA META-ANALISI DI PIU RCT PER UNO STESSO TRATTAMENTO

30 META - ANALISI E UNA TECNICA CLINICO-STATISTICA DI ASSSEMBLAGGIO DI SPERIMENTAZIONI MULTIPLE DI UNA STESSA TERAPIA (quasi sempre RCTs) CHE CONSENTE UNA VALUTAZIONE QUANTITATIVA CUMULATIVA DEI LORO RISULTATI.

31 META ANALISI METODOLOGIA STATISTICA PER VALUTARE IN MODO SISTEMATICO, ORGANIZZATO E STRUTTURATO I RISULTATI DI RICERCHE DIFFERENTI IN CUI E STATO STUDIATO LO STESSO TRATTAMENTO LA META-ANALISI HA UNA COMPONENTE: QUALITATIVA APPLICAZIONE DI CRITERI PER STABILIRE QUALE RICERCA INCLUDERE NELL ANALISI QUANTITATIVA INTEGRAZIONE DEI DATI DI OGNI RICERCA

32 LIMITI DELLA META-ANALISI SE SONO INCLUSI STUDI NON RANDOMIZZATI PUO PORTARE AD ERRORI SISTEMATICI LA SUA ATTENDIBILITA DERIVA DA QUELLA DI OGNI STUDIO L INCLUSIONE O L ESCLUSIONE DI UNO STUDIO SULLA BASE DEI SUOI RISULTATI PUO DIPENDERE DAI PREGIUDIZI DEI SINGOLI METANALISTI, PER QUESTO E NECESSARIO DEFINIRE I CRITERI DI INCLUSIONE/ESCLUSIONE PRIMA DI INIZIARE LA REVISIONE DEI DATI

33 QUANTI PAZIENTI DEVONO ESSERE RECLUTATI PER UNA SPECIFICA SPERIMENTAZIONE CLINICA 1. DIPENDE DALLA DIMENSIONE DEGLI EFFETTI CHE VERRANNO OSSERVATI 2. DIPENDE DALLE CARATTERISTICHE DEGLI ERRORI DI I TIPO E DI II TIPO UTILI PER LA DEFINIZIONE DELLA DIMENSIONE E DELLA POTENZA DEL TEST 3. DIPENDE DALLA PARTICOLARE MISURA CHE SI VUOLE EFFETTUARE (RISPOSTA IN TERMINI DI SUCCESSO O FALLIMENTO, RISPOSTA IN TERMINI DI TEMPO INTERCORSO FRA DUE EVENTI CRITICI)

34 ERRORE ALFA O ERRORE DI I TIPO L ESPRESSIONE P< INDICA LA PROBABILITA DI UNA CONCLUSIONE FALSAMENTE POSITIVA (UN TRATTAMENTO RISULTA MIGLIORE DELL ALTRO QUANDO IN REALTA NON LO E ) TANTO PIU PICCOLO E IL VALORE DI p TANTO MENO PROBABILE E CHE I TRATTAMENTI POSTI A CONFRONTO ABBIANO UN EFFETTO SIMILE

35 ERRORE BETA O ERRORE DI II TIPO COMMETTENDO L ERRORE BETA SI AFFERMA CHE I TRATTAMENTI SONO UGUALI QUANDO IN REALTA ESSI SONO DIFFERENTI (FALSO NEGATIVO) L ERRORE BETA SI VERIFICA SOLITAMENTE IN CASO DI CAMPIONI DI PICCOLE DIMENSIONI NON SI EVIDENZIA UN EFFETTO FAVOREVOLE QUANDO QUESTO E PRESENTE

36 POTENZA DI UNO STUDIO CLINICO LA POTENZA DI UNO STUDIO CLINICO E LA SUA CAPACITA DI FARE EMERGERE UN EFFETTO SE QUESTO ESISTE REALMENTE UNO STUDIO CLINICO CON UNA BASSA POTENZA E PRIVO DI OGNI UTILITA IN QUANTO AVRA UNA PROBABILITA MOLTO SCARSA DI RAGGIUNGERE L OBIETTIVO CHE LO SPERIMENTATORE SI PREFIGGE QUANDO SI PARLA DI POTENZA DI UNO STUDIO CLINICO CI SI RIFERISCE ALLA POTENZA STATISTICA 1-ß CHE RAPPRESENTA LA PROBABILITA CHE LA DIFFERENZA ATTESA POSSA ESSERE SCOPERTA AD UN PREDEFINITO LIVELLO DI SIGNIFICATIVITA PIU ALTA E LA POTENZA MAGGIORE E LA POSSIBILITA CHE LA DIFFERENZA MINIMA ATTESA TRA I GRUPPI IN TRATTAMENTO POSSA ESSERE DIMOSTRATA

37 LA POTENZA DI UN TEST HA UN IMPATTO DIRETTO SULLA DIMENSIONE DEL CAMPIONE PIU ALTO E IL LIVELLO E RAGIONEVOLE CHE NON SIA INFERIORE A 0.80 PIU GRANDE E LA DIMENSIONE DEL CAMPIONE

38 VERIFICA DELLE IPOTESI METODI PARAMETRICI Esistenza di distribuzioni METODI NON PARAMETRICI Non esistenza di distribuzioni TESTS t-student Analisi della varianza Confronto proporzioni CONFRONTO TRA GRUPPI TESTS sui RANGHI (Wilcoxon) Analisi della varianza non parametrica Correlazione Coefficiente di Pearson Regressione LEGAMI TRA VARIABILI Correlazione Coefficiente di Spearman Tabelle di contingenza

39 PRESCRIVERE IN BASE AI NUMERI INTERPRETARE CON OBIETTIVITA I DATI NUMERICI DEGLI STUDI CLINICI E I RISULTATI CHE NE DERIVANO RICHIEDE UNA VALUTAZIONE ATTENTA DEL LORO SIGNIFICATO IN RELAZIONE A DIVERSI FATTORI, QUALI IL NUMERO DI SOGGETTI COINVOLTI, L IMPORTANZA E LA GRAVITA DELLE PATOLOGIE CONSIDERATE E DEGLI EVENTI MISURATI NONCHE LA RILEVANZA IN TERMINI DI TRASFERIBILITA DELGLI EFFETTI OSSERVATI

40 ALCUNI INDICATORI EER (Experimental Event Rate) Numero percentuale di eventi osservato nel gruppo randomizzato al trattamento CER (Control Event Rate) Numero percentuale di eventi osservato nel gruppo di controllo IC 95% (Intervallo di confidenza al 95%) Range di valori entro cui è contenuto con una probabilità del 95%, il valore reale, valido per l intera popolazione

41 INDICATORI DI RIDUZIONE DEL RISCHIO DI EVENTI SFAVOREVOLI ARR = CER EER (Absolute Risk Reduction) NNT = 1/ARR (Number Needed to Treat) RRR = (CER EER)/CER (Relative Risk Reduction) OR = [ (EER/(1-EER)] / [(CER/(1-CER)] (Odd Ratio)

42 INDICATORI DI AUMENTO DELLA PROBABILITA DI EVENTI FAVOREVOLI ABI = (EER CER) (Absolute Benefit Increase) NNT = 1/ABI (Number Needed to Treat) RBI = (EER CER)/CER (Relative Benefit Increase)

43 INDICATORI DI AUMENTO DEL RISCHIO DI EVENTI SFAVOREVOLI ARI = (EER- CER) (Absolute Risk Increase) NNH = (100/ARI) (Number Needed to Harm) RRI = (EER CER) / CER (Relative Risk Increase)

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

La gestione delle sperimentazioni cliniche

La gestione delle sperimentazioni cliniche La gestione delle sperimentazioni cliniche Dott.ssa Barbara Mosso bmosso@cittadellasalute.to.it LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Che cosa è la sperimentazione clinica? Ogni forma di esperimento pianificato su

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA università degli studi di padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA anno accademico 2005/2006 PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA Francesco Grigoletto Lo sviluppo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici DALLA CLINICA ALLA METODOLOGIA PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLA RICERCA LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici Dr.ssa Elvia

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

L Investigator s Brochure. Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari. Maglie 25 novembre 2004

L Investigator s Brochure. Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari. Maglie 25 novembre 2004 L Investigator s Brochure Marisa Dell Aera Comitato Etico Azienda Ospedaliera Policlinico Bari Maglie 25 novembre 2004 Investigator s Brochure Good Clinical Practice DM 15/07/97 Cosa è? L IB è una raccolta

Dettagli

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CERLiguria_Mod.10_Uso_Compassionevole RICHIESTA DI PARERE AL COMITATO ETICO PER USO TERAPEUTICO DI MEDICINALE SOTTOPOSTO A SPERIMENTAZIONE CLINICA Si applica solo se

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Fasi dello studio Disegni di ricerca sperimentale Barbara Gorini, Investigator Site Development Lead, Development Operations- Pfizer ITALIA

Dettagli

FIRENZE, 26 SETTEMBRE 2014

FIRENZE, 26 SETTEMBRE 2014 SPERIMENTAZIONE CLINICA: RUOLO E RESPONSABILITA' DELL'INFERMIERE GOOD CLINICAL PRACTICE A cura di Lucia Tornaghi Dottoressa Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Azienda Ospedaliera A. Manzoni

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

GOOD CLINICAL PRACTICES

GOOD CLINICAL PRACTICES GOOD CLINICAL PRACTICES Marco Ercolani, MD Trieste, 21 maggio 2008 GOOD CLINICAL PRACTICE UNA SERIE DI PRINCIPI CHE GUIDANO IL DISEGNO, LA CONDUZIONE, LA REGISTRAZIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI STUDI CLINICI,

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema Identificazione del problema e dello scopo FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Revisione della letteratura Identificazione delle variabili

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA SPERIMENTAZIONI OSSERVAZIONALI STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA A CURA DELLO SPERIMENTATORE RESPONSABILE E DEL DIRETTORE DELL UNITÀ OPERATIVA

Dettagli

CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE

CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE Senonetwork: incontro centri di Senologia CRITICITÀ DEL DATA MANAGEMENT A LIVELLO NAZIONALE 19 Febbraio 2016 -Bologna Denise Casella- Eleonora Miano Giuseppina Riboni Margherita Serra I dati e la documentazione

Dettagli

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR GCP Ruolo, interazioni e responsabilità Le Figure SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR Ruoli Sponsor: individuo o organizzazione che inizia, dirige e/o finanzia uno studio Monitor: persona designata dallo Sponsor,

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM

COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM LEZIONE: LA MEDICINA BASATA SULLE PROVE DI EVIDENZA PROF. GIUSEPPE FERRAIOLO Indice 1 COME NASCE E IN CHE COSA CONSISTE L EBM ---------------------------------------------------------------- 3 2 L EVOLUZIONE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Approvato dal Comitato Etico nella seduta del 20 luglio 2010 Redatto da: -

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

Empoli, 17 Dicembre 2009. Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica

Empoli, 17 Dicembre 2009. Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica Empoli, 17 Dicembre 2009 Aspetti etici e normativi della sperimentazione clinica Good Clinical Practice REGOLE DI BUONA PRATICA CLINICA Definizione: Good Clinical Practice (GCP) 1. Standard internazionale

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Azienda

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

organizzazione sanitaria

organizzazione sanitaria Progetto Partecipasalute Modulo A 19-20 marzo I comitati etici: cosa sono e a cosa servono? organizzazione sanitaria Dr. Saverio Santachiara Segretario del Comitato Etico Provinciale di Modena D.L. 24/06/2003

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

I trials clinici. Trials clinici

I trials clinici. Trials clinici I trials clinici Trials clinici 1 La Evidence Based Medicine (EBM) Fondamenti epidemiologici 2 Evidence Based Medicine (Medicina basata sulle prove di efficacia) Approccio metodologico al problema clinico

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Cos è un farmaco generico? È un medicinale EQUIVALENZA terapeuticamente equivalente

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015 Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE L Università degli Studi di Camerino, VISTO VISTO VISTA Anno accademico 2014/2015 lo Statuto, emanato con Decreto

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Partecipasalute 2 edizione

Partecipasalute 2 edizione Ruolo delle figure laiche nei Comitati Etici (Lavoro di gruppo) Tutor: Patrizia Copelli Partecipasalute 2 edizione Milano, 20 marzo 2007 1 Chi è il membro laico del Comitato Etico? Riferimento normativo:

Dettagli

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS Prima di iscriversi alla scheda di malattia del presente Registro, è importante capire di cosa si

Dettagli

L analisi statistica

L analisi statistica Statistica medica per IMS / 1 L analisi statistica Statistica medica per IMS / 2 Esempio (de Gans et al. NEJM 2002, 347: 1549-56) Esito Desametazone Trattamento Placebo Totale Sfavorevole Favorevole Totale

Dettagli

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Roberto Fantozzi. Università di Torino. Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Roberto Fantozzi Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Università di Torino Comitato Etico Interaziendale A.O.U. Maggiore della Carità, Novara Regione Piemonte D.R.G. n. 25 6008 del 2013 Art.

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Corso di Statistica Medica Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al primo anno. Sono previste 40 ore complessive, di cui almeno 16 di lezione frontale e le restanti

Dettagli

Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus

Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus AGENDA Corso di formazione su metodologia, strategie e tecniche della Ricerca clinica Firenze Centro Studi ANMCO Fondazione per il Tuo cuore HCF onlus Modulo 1 Ottobre 2015 Metodologia della Ricerca clinica

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano Cos è un Comitato Etico Definizione: un organismo indipendente, composto da

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE Art. 1 - SCOPO...2 Art. 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Art. 3 - DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 Art. 4 - PROCEDURE E RESPONSABILITA...5 Art.

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

SPERIMENTAZIONE CLINICA IN NEUROLOGIA

SPERIMENTAZIONE CLINICA IN NEUROLOGIA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN NEUROLOGIA Trial farmacologici, studi con dispositivi medici e studi osservazionali Dipartimento di Scienze Neuroriabilitative - Casa Cura Policlinico (CCP) La qualità del Centro

Dettagli

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE 1. Documenti di riferimento Direttiva Europea 2001/20/CE Decreto legislativo n 211 del 24 giugno 2003 Linee guida per la Buona Pratica Clinica (I.C.H.

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Titolo dello studio. Codice Studio: FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO INFORMATO

Titolo dello studio. Codice Studio: FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO INFORMATO U.O. :.. Titolo dello studio Codice Studio: (EudraCT No:, se applicabile) FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO INFORMATO Vers. del Sperimentatore:. Telefono: Fax:.. 1 FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO PER IL SOGGETTO PARTECIPANTE AD UNA SPERIMENTAZIONE CLINICA 1

FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO PER IL SOGGETTO PARTECIPANTE AD UNA SPERIMENTAZIONE CLINICA 1 FOGLIO INFORMATIVO E MODULO DI CONSENSO PER IL SOGGETTO PARTECIPANTE AD UNA SPERIMENTAZIONE CLINICA 1 Non è possibile fornire un modello standard di scheda informativa, giacché essa varia in relazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Farmacosorveglianza. Davide Poli Davide Poli Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri davide.poli@marionegri.it

Farmacosorveglianza. Davide Poli Davide Poli Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri davide.poli@marionegri.it Farmacosorveglianza Davide Poli Davide Poli Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri davide.poli@marionegri.it Good Clinical Practice La Buona Pratica Clinica è uno standard internazionale di etica

Dettagli

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

VALUTAZIONE CLINICA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA LA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA La pubblicazione della Direttiva 2007/47/CE sui Dispositivi Medici recepita con il D.Lgs. 25 gennaio 2010, n. 37 come revisione della (MDD) 93 /42/CEE, istituisce l obbligatorietà

Dettagli

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v

GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v GLOSSARIO EBM http://aifa.clinev.it/metodologia.php?let=v Analisi di regressione L analisi di regressione è una tecnica statistica che studia l eventuale presenza di una relazione tra una variabile definita

Dettagli

2) NORMATIVA VIGENTE IN MATERIA DI DELIBAZIONE DEI MEDICINALI AI FINI DELLE SPERIMENTAZIONI.

2) NORMATIVA VIGENTE IN MATERIA DI DELIBAZIONE DEI MEDICINALI AI FINI DELLE SPERIMENTAZIONI. Dipartimento per la Valutazione dei Medicinali e la Farmacovigilanza Ufficio Sperimentazione Clinica dei Medicinali ed Uso Speciale di Farmaci non autorizzati Circolare Ministeriale N 8: Sperimentazione

Dettagli

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI

10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI 10 VALUTAZIONE DELLE ANALISI ECONOMICHE Questa valutazione economica può aiutarvi? 1 Esistono prove valide che gli interventi sono efficaci? 2 Di quale tipo di analisi economica si tratta? Studio costo-conseguenze

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST I diritti d autore sono riservati. Ogni sfruttamento commerciale non autorizzato sarà perseguito. Statistica 1 Parte A 1.1 La formula µ = x ± s n

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR

Alcune azioni del Bando VII PQ HEALTH - SALUTE 2013, Innovation 1. che riflettono le priorità del PSR DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della programmazione e dell ordinamento del Servizio sanitario nazionale

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

Radioterapia convenzionale ipofrazionata a dì alterni vs. IMRT/IGRT ipofrazionata breve in pazienti con glioblastoma in classe RPA V e VI

Radioterapia convenzionale ipofrazionata a dì alterni vs. IMRT/IGRT ipofrazionata breve in pazienti con glioblastoma in classe RPA V e VI PROTOCOLLO DI STUDIO Radioterapia convenzionale ipofrazionata a dì alterni vs. IMRT/IGRT ipofrazionata breve in pazienti con glioblastoma in classe RPA V e VI Lo studio è inserito come sottoprogetto nell

Dettagli

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Helsinki - uno dei documenti cardine sui principi etici

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2009 Nuove modalità di prescrizione per i medicinali contenenti isotretinoina ad

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I

IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I IL MONITORAGGIO DELLE SPERIMENTAZIONI C L I N I C H E C O N D I S P O S I T I V I M E D I C I C a r o l i n a G u a l t i e r i U. O. E n d o s c o p i a D i g e s t i v a C h i r u r g i c a U n i v e

Dettagli

Farmacovigilanza Veterinaria

Farmacovigilanza Veterinaria Farmacovigilanza Centro Regionale della Campania Dr.ssa Silvia Cappiello(Phd,DVM) 1. La Farmacovigilanza Che cosa è la farmacovigilanza La parola farmacovigilanza deriva dal greco Pharmakon (veleno-medicina)

Dettagli

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014 LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Il ruolo del ClinicalMonitor Paolo Primiero Vicepresidente Assomonitor Docente a contratto Università di Roma Tor Vergata Negrar (VR), 29 aprile 2014 Definizione

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata

Il farmaco generico. Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Il farmaco generico Contenuti tecnico-scientifici del farmaco generico: comunicazione a corrente alternata Reggio nell'emilia 19 Febbraio 2014 Il farmaco generico n Cos è un farmaco generico? n È un medicinale

Dettagli

Etica nella ricerca nelle cure oncologiche. Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale

Etica nella ricerca nelle cure oncologiche. Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale Etica nella ricerca nelle cure oncologiche Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale Ricerca clinica e etica Autonomia Beneficienza Giustizia Informazione Consenso Volontarietà Libertà d interruzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT)

REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) DOC AIFA CTQT APRILE 2008 (ALL. 2) REQUISITI MINIMI PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO AIFA PER LA QUALITÀ NELLE SPERIMENTAZIONI A FINI NON INDUSTRIALI (NON-PROFIT) Introduzione La finalità del presente

Dettagli

STUDIO Co.Mi.M. - Costo sociale del Mieloma Multiplo

STUDIO Co.Mi.M. - Costo sociale del Mieloma Multiplo STUDIO Co.Mi.M. - Costo sociale del Mieloma Multiplo Dott.ssa Maria Teresa Petrucci, Policlinico Umberto I, Roma Premessa Il presente project work si distingue per la visione di insieme che caratterizza

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo *

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo * ALLEGATO A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI REQUISITI ASSISTENZIALI DELLA RETE FORMATIVA DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA Ente: ASL Como Struttura

Dettagli