Progetto per la realizzazione di: Civile Abitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto per la realizzazione di: Civile Abitazione"

Transcript

1 Progetto per la realizzazione di: Civile Abitazione Comune St. Pietroburgo, RUSSIA Committente

2 INDICE 1.0 PREMESSA 2.0 OGGETTO DELL APPALTO E LIMITI DI FORNITURA 3.0 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO 3.1 Controllo Locale caratteristiche generali 3.2 Automazione caratteristiche generali 4.0 RETE TELEFONICA E DATI CABLAGGIO STRUTTURATO 4.1 Premessa 4.2 Composizione e funzione dell impianto 5.0 IMPIANTO ANTENNA TV TERRESTRE E SATELLITARE 5.1 Premessa 5.2 Dati tecnici 5.3 Composizione e funzione dell impianto 6.0 STIMA DEL FABBISOGNO ENERGETICO ELETTRICO 6.1 Premessa 7.0 STUDIO ILLUMINOTECNICO PER LA STRUTTURA PAGANO Studio punti luce ambienti 8.0 SCHEDE TECNICHE DEI CORPI ILLUMINANTI

3 9.0 INTRODUZIONE DOMOTICA 9.1 Funzioni evolute 9.2 Vantaggi del sistema MY HOME Automazione luci e tapparelle Termoregolazione Gestione Energia-Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici Antifurto-Antintrusione Allarmi Tecnici (Gas; Allagamento; Telesoccorso) Videocitofonia Videocontrollo Diffusione Sonora Comando Scenari Gestione Scenari attraverso TouchScreen Controllo Remoto 10.0 CERTIFICAZIONI DEI COMPONENTI UTILIZZATI 10.1 Elenco componenti

4 1.0 PREMESSA Scopo della presente relazione è la descrizione degli impianti elettrici e fornire alla Committenza tutte le indicazioni di carattere tecnico-pratico riferite all'impianto elettrico domotico inserito nella nuova abitazione da erigersi in località residenziale nella città di Mosca (Russia). La nuova costruzione sarà realizzata in parte in calcestruzzo, e per la maggior parte in legno e vetro (fornitura System). La nuova struttura si svilupperà su tre livelli, un piano seminterrato in calcestruzzo sul quale appoggerà la casa in legno e dove oltre ai vari locali fitness e spa con piscina bagno turco e sauna, bedroom, sala biliardo, servizi, etc., vi saranno anche i locali tecnici a servizio degli impianti; al piano terra ci sarà la zona giorno con la cucina, il living, la sala da pranzo e due camere da letto con annessi guardaroba e servizi; al piano primo ci saranno tre camere da letto con relativi servizi igienici, una zona di comunicazione che si affaccerà con il piano sottostante mediante una scala ed una balconata a doppia altezza. La superficie totale calpestabile sarà di circa 940 mq. In particolare si vogliono descrivere i criteri utilizzati nelle scelte progettuali al fine di fornire tutti i chiarimenti per dimostrare la corrispondenza del progetto alle finalità dell'intervento, il rispetto del prescritto livello qualitativo e dei conseguenti costi e benefici attesi. Il progetto proposto è stato dimensionato sulla base delle vigenti normative nazionali. 2.0 OGGETTO DELL APPALTO E DELLA FORNITURA Fanno parte integrante del presente appalto: - gli impianti elettrici; - gli impianti speciali (antenna TV, telefonia, trasmissione dati ); - gli impianti domotici. Le opere impiantistiche da realizzare sono limitate alla sola villa con struttura in legno, che è suddivisa su due livelli piano terra 380 mq e primo piano 175 mq. La superficie totale calpestabile della struttura in legno sarà di circa 550 mq Di seguito si elencano le specifiche di fornitura: a. Impianti elettrici, quadri Elettrici e alimentazione in bassa tensione; b. Impianto antenna TV terrestre e satellitare; c. Impianto antenna Telefonia Dati, cablaggio strutturato.

5 3.0 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO L impianto elettrico è inserito all interno della carpenteria in legno della costruzione PAGANO. Al centro della coppia di travi gemellari orizzontali (Fig.1) e all interno di alcuni pilastri lungo la loro altezza, in verticale, vengono fatti passare dei corrugati a norma che accolgono al loro interno i cavi elettrici. Fig. 1 L impianto è suddiviso in ogni singola parete (Fig. 2), predisposta con le utenze finali come comandi, prese, corrugati e cavi, che si attestano a scatole di derivazione numerate (Fig.3). Tali scatole ricevono alimentazione dalle varie dorsali elettriche principali, correttamente dimensionate a seconda del tipo di carico elettrico da sostenere.

6 . Fig. 2 Fig. 3

7 Durante il montaggio delle diverse pareti, i cavi elettrici vengono giuntati e collegati tra di loro (Fig. 4), al fine di ripristinare la continuità degli stessi. Fig. 4 Alcune scatole di derivazione hanno al loro interno degli attuatori (Fig.5) che gestiscono l automazione delle luci. Fig. 5

8 L'impianto elettrico della costruzione PAGANO è studiato ad hoc, tenendo presente la progettazione architettonica eseguita per i diversi ambienti (Fig. 6), i quali sono provvisti di un numero congruo di punti luci e di prese. Fig. 6 Tutti i componenti dell impianto elettrico sono definiti e numerati negli elaborati di progetto (Fig.7) che vengono consegnati al cliente, il quale in caso di guasti o di malfunzionamenti che si potrebbero avere durante la vita utile dell opera può intervenire in maniera semplice, con un tecnico specializzato, nelle scatole di derivazione corrette.

9 Fig. 7 Tutti i componenti utilizzati sono della BTicino questa caratteristica rende l'impianto facilmente gestibile avendo un unico marchio come referente. 3.1 Controllo Locale caratteristiche generali Caratteristica principale del controllo locale è la possibilità di centralizzare la supervisione ed il controllo delle funzioni in un unico punto o in pochi punti distribuiti. E' possibile gestire dalla singola funzione ad un insieme di funzioni con un solo dispositivo. Il comando delle funzioni My Home può essere realizzato attraverso dispositivi con estetica tradizionale oppure attraverso dispositivi denominati interni videocitofonici evoluti o con software dedicati.

10 3.2 Automazione caratteristiche generali Il sistema automazione permette di gestire in modo integrato funzioni normalmente realizzate con impianti distinti e complessi. Il sistema, oltre a consentire le normali accensioni dei corpi illuminanti, è in grado di soddisfare in modo estremamente semplice diverse esigenze abitative di comfort. Le normali possibilità di comando sono facilmente integrabili con funzioni particolari, quali: comandi generali comandi di ambiente comandi di gruppo attivazione di scenari programmabili dall utente telecomando a raggi infrarossi o ad onde radio Il sistema è costituito da diverse tipologie di dispositivi di comando e di attuazione. I dispositivi di comando sostituiscono i sistemi tradizionali quali interruttori, deviatori, invertitori, pulsanti, ma possono anche svolgere le funzioni più complesse, quali temporizzazioni o gestione dagli scenari. Gli attuatori sono dispositivi che, analogamente ai relè tradizionali, pilotano il carico connesso a seguito di un opportuno comando. Tutti i dispositivi sono collegati tra loro con un cavetto a due fili attorcigliati (BUS) e possono essere installati nelle normali scatole da incasso, con estetica coordinata con il resto dell'impianto. Gli attuatori devono essere collegati, oltre che al BUS, anche alla linea di alimentazione del rispettivo carico comandato. Tutti i dispositivi devono essere configurati per poter svolgere le funzioni assegnate.

11 4.0 RETE TELEFONICA e DATI CABLAGGIO STRUTTURATO 4.1 Premessa Sarà realizzata una predisposizione (cavi terminali e prese) per un sistema di cablaggio strutturato UTP di categoria 5E per una rete di fonia e dati alla quale sarà connesso (escluso dalla fornitura) un impianto telefonico ed apparati di trasmissione dati. Il cablaggio strutturato ed integrato fonia/dati con architettura aperta come definito negli standard ISO/OSI, sarà in grado di supportare le applicazioni relative al trasferimento di dati, voce ed immagini. La struttura del cablaggio dovrà consentire future variazioni, riconfigurazioni ed espansioni di rete. N TEL LOCALIZZAZIONE TEL 01 LIVING TEL 02 KITCHEN TEL 03 BEDROOM 4 TEL 04 MASTER BEDROOM TEL 05 LIBRARY TEL 06 STUDIO TEL 07 LIVING TEL 08 BEDROOM 2 TEL 09 BEDROOM 1 TEL 10 BEDROOM 3 N LAN LOCALIZZAZIONE LAN 01 CAMINO LIVING LAN 02 LIVING LAN 03 DINING LAN 04 KITCHEN LAN 05 BEDROOM 3 LAN 06 MASTER BEDROOM LAN 07 BATHROOM LAN 08 STUDIO LAN 09 LIVING LAN 10 LIBRARY LAN 11 STUDIO LAN 12 BATHROOM 2 LAN 13 BATHROOM 1 LAN 14 BATHROOM 3 LAN 15 LIVING WI FI

12 4.2 Composizione e funzione dell impianto Sono previste le seguenti apparecchiature: Armadi per cablaggio strutturato TP/TD (esclusi) Collegamenti multicoppia UTP Cat6E dati Collegamenti multicoppia UTP Cat 5E telefonia Cablaggio orizzontale lato prese Prese telefonia, RJ45 Cat 5E Presa dati RJ45Cat 5E Per la terminazione delle connessioni, con cavo UTP categoria 5E e 6E a 4 coppie, sarà realizzato il connettore modulare a 8 contatti RJ 45 categoria 6E per i dati e 5E per la telefonia. Saranno previste apposite canalizzazioni fonia/dati, separate dal resto degli impianti. Il sistema di cablaggio si dovrà comporre dei seguenti elementi: Switch F551 il centro-stella di piano dati, verso il quale dovrà convergere la distribuzione di piano in rame proveniente dalle singole prese lan dati; Ripartitore telefonico F555 il centro-stella di piano telefonia, verso il quale dovrà convergere la distribuzione di piano in rame proveniente dalle singole prese TP telefonia; TO (Terminal Outlet) o borchia telematica, è l elemento terminale connesso direttamente alla stazione utente. Gli switch ed i ripartitori dovranno essere collocati nel centro stella domoticocsd PT A, piano terra zona A, nei pressi dell ingresso evidenziato nel progetto. Per il cablaggio viene definito uno standard di dotazione di tipo per ambiente, come da progetto consistente in: scatola 504 in configurazione singola composta da 1 presa modulari 8 pin (RJ45); dati (bianca) + 1 prese modulari 8 pin (RJ45); fonia (nero).

13 Schema Elettrico del sistema trasmissione dati inserito nelle strutture. La parte a carico del cliente è il collegamento di un modem alla rete internet.

14

15 Schema Elettrico del sistema telefonico inserito nelle strutture. La parte a carico del cliente è il collegamento alla rete telefonica esterna.

16

17 SCHEMA DELL'IMPIANTO INTEGRATO TV - TEL LAN

18 5.0 IMPIANTO ANTENNA TV TERRESTRE E SATELLITARE 5.1 Premessa Il sistema ricevente di canali televisivi e satellitari prevede la realizzazione di un impianto, atto a ricevere, con antenne terrestri e satellitari, i canali televisivi. Verrà predisposta, per mezzo di cavi terminali e prese, un'antenna TV terrestre e satellitare collegata ad un multiswitch FRACARRO mod. SWI5516 quest'ultimo ubicato nel CSD PT, piano terra. Nella struttura in esame sono stati previsti 12 punti TV terrestre e satellitare. Le linee TV/SAT che partono dal multiswitch ubicato nel quadro elettrico del piano terra e raggiungono i diversi punti della casa dove sono posizionate le relative prese. 5.2 Dati tecnici I. Centrale di testa TV/terrestre e satellitare: N TV LOCALIZZAZIONE TV/SAT 01 CAMINO LIVING TV/SAT 02 LIVING TV/SAT 03 LIVIN PARETE SCALA TV/SAT 04 CUCINA TV/SAT 05 BEDROOM 4 TV/SAT 06 MASTER BEDROOM TV/SAT 07 MASTER BATHROOM TV/SAT 08 STUDIO TV/SAT 09 SALA PRANZO TV/SAT 10 BEDROOM 1 TV/SAT 11 BEDROOM 3 TV/SAT 12 BEDROOM 2 La centrale di testa dovrà essere installata a livello di tetto o zona da definire edospitata in apposito armadio metallico con chiusura di sicurezza. L alimentazione dovrà essere fornita tramite opportuna linea elettrica protetta.

19 Disponibilità di n.10 canali preselezionati ed equipaggiati con filtri attivi a 4 celle ed amplificati per quanto necessario; II. Distribuzione verticale: Le linee verticali dovranno scendere/salire dalla centrale di testa attraverso il cavedio doppia altezza della villa, in tubazioni flessibili; III. Distribuzione orizzontale: Dal multiswitch ubicato nel CSD, al piano terra, dovranno partire delle linee estese a stella su tutte le zone fino alle prese TV. Dalle linee orizzontali di ogni zona, collegate al multiswitch, saranno prelevati i segnali che serviranno le prese d utenza. Dovranno essere previste prese terminali, per ogni dotazione, come riportato sulle tavole progettuali. A livello di unità, il cavo d antenna dovrà essere posto in modo e dimensioni da consentire il raggiungimento di tutti i potenziali punti di allaccio utenza. 5.3 Composizione e funzione dell impianto Il sistema è composto dalle seguenti parti: - Centrale di TESTA(Committente) ; - Antenne TV terrestre (Committente); - Antenna TV satellitare (Committente); - Chassis Armadi (optional); - Centralini (Committente); - Amplificatori (Committente); - Multiswitch per la distribuzione; - Accessori di fissaggio; - Prese TV terminali terrestre e satellitare; - Cavi coassiali; - Connettori. Fig.2 Le Antenne TV sono componenti opzionali che vengono predisposti in fase di progettazione ma l'installazione avviene a carico della committenza. Il posizionamento in copertura dell'antenna verrà concordato con la committenza in fase d'impermeabilizzazione della struttura.

20 Scheda tecnica del multiswitch FRACARRO SWI5516

21 Schema del sistema trasmissione TV/SAT inserito nelle strutture. La parte a carico del cliente è il collegamento dal quadro elettrico all'antenna e alla parabola.

22

23 6.0 QUADRO ELETTRICO E STIMA DEL FABBISOGNO ENERGETICO ELETTRICO 6.1 Premessa Il sistema elettrico della Struttura ha un fabbisogno energetico pari a: CSD PT KW Si precisa che tale potenza include unicamente gli impianti all interno della Struttura, sono pertanto escluse tutte le altre potenze elettriche (Es: elettrico del CDZ; Basamento; Illuminazione esterna, altri impianti in generale, ecc). Dal quadro elettrico CSD PT (centro stella domotico piano terra) partono tutte le linee elettriche che raggiungono gli ambienti della villa PAGANO ( vedi Fig.1). L'alimentazione elettrica ai quadri CSD PT e QG (quadro elettrico generale) è a carico del committente, il quale firmerà un contratto con l'azienda fornitrice di elettricità seguendo le indicazioni di progetto della System e della ditta che esegue la progettazione del basamento. Per l'intero impianto è stato progettato un unico quadro elettrico posizionato nello STORAGE del piano terra. Fig.1 Le dorsali del primo piano vengono portate al quadro elettrico utilizzando il cavedio a doppia altezza presente nella wine cellar. Le caratteristiche della struttura del quadro elettrico CSD PT (centro stella domotico piano terra) progettato sono:

24 tipologia: LDX 800 BTicino dimensioni: 1370x2150x230 grado di protezione: IP43

25 I circuiti presenti nel quadro elettrico sono: SIGLA UTENZA POTENZA CONTEMPORANEA (KW) DESCRIZIONE C 26 GENERALE C0 0 PROTEZIONE SOVRATENSIONE C1 0,8 ILLUMINAZIONE 1 PIANO TERRA C2 1,1 ILLUMINAZIONE 2 PIANO TERRA C3 0,9 ILLUMINAZIONE 3 ESTERNA VILLA C4 1,1 ILLUMINAZIONE 4 ESTERNA VILLA C5 1,2 PRESE 1 PIANO TERRA C6 1,1 PRESE 2 PIANO TERRA C7 1,3 PRESE ESTERNE PIANO TERRA C8 0,6 TENDE MOTORIZZATE PIANO TERRA C9 0,3 ALIMENTAZIONE DOMOTICA M2 I141 PT C10 0,3 ALIMENTAZIONE DOMOTICA M2 I142 PT C11 0,3 ALIMENTAZIONE DOMOTICA M2 I143 PT C12 6 DORSALE ALIMENTAZIONE FORNO PIANO TERRA C13 5 DORSALE PRESE CUCINA PT C14 1,3 DORSALE PRESE STORAGE PT C15 0,6 ALIMENTAZIONE TELECAMERE PT C16 0,5 ALIMENTAZIONE CONVETTORI 1 PT C17 0,5 ALIMENTAZIONE CONVETTORI 2 PT C18 0,5 ALIMENTAZIONE PAV RAD TESTINE ELETTR.1 PT C19 0,5 ALIMENTAZIONE PAV RAD TESTINE ELETTR. 2 PT C20 0,5 ALIMENTAZIONE SISTEMA TV C21 0,5 ALIMENTAZIOEN CABLAGGIO STRUTTURATO C22 0,3 ALIMENTAZIONE IMP CITOFONO C23 0,3 ALIMENTAZIONE DOMOTICA M2 I44 PT C24 0,8 ALIMENTAZIONE DOMOTICA MP P1 C25 1,3 ILLUMINAZIONE 1PRIMO PIANO C26 0,8 ILLUMINAZIONE ESTENA PIANO PRIMO C27 0,6 TENDE MOTORIZZATE PIANO PRIMO C28 0,5 ALIMENTAZIONE CONVETTORI P1 C29 0,5 ALIMENTAZIONE PAV RAD TESTINE ELETTR 1P C30 0,3 ALIMENTAZIONE DOMOTICA (PREDISP) C31 2,5 CAVI RISCALDANTI (PREDISP) C32 0,7 DISPONIBILE C33 0,7 DISPONIBILE C34 0,7 DISPONIBILE

26 7.0 STUDIO ILLUMINOTECNICO PER LA STRUTTURA PAGANO Pianta con posizione corpi illuminanti piano terra Pianta con posizione corpi illuminanti piano primo

27 Vengono lasciate nella struttura le predisposizioni per i corpi illuminanti (Fig ). Fig.25 Fig.26

28 La villa PAGANO è stata definita in ogni suo componente d illuminazione. Vengono infatti consigliati al cliente quali sono i corpi illuminanti da acquistare per illuminare al meglio gli ambienti (schede tecniche allegate) affinchè la struttura sia un oggetto di elevato pregio e design. Fig. 27 Fig. 28

29 Fig. 29 Fig. 30

30 Fig.31

31 Fig.32

32 8. 0 SCHEDE TECNICHE DEI CORPI ILLUMINANTI CONSIGLIATI

33

34

35

36 9.0 INTRODUZIONE DOMOTICA Le strutture PAGANO utilizzano la tecnologia DOMOTICA al fine di realizzare l'interazione tra i diversi dispositivi elettrici e garantire un elevato comfort per l'utente finale. Il cablaggio strutturato residenziale permette l'integrazione di dispositivi per il controllo delle funzioni MY HOME. Alla rete dati può essere connesso il Multimedia Touch Screen per controllare, da un ambiente della casa PAGANO, tutte le funzioni domotiche e fruire di contenuti multimediali (audio e video) archiviati in altri PC connessi alla rete. Integrando nella rete il Web Server, sarà possibile effettuare il controllo a distanza dell impianto MY HOME per mezzo di un computer o un telefono cellulare connessi ad Internet.

37 My Home è il sistema di automazione domestica che copre tutte le funzioni e le applicazioni domotiche relative a comfort, sicurezza, risparmio energetico e comunicazione. Tutti i dispositivi del sistema utilizzano la stessa tecnologia impiantistica basata sulla tecnica a Bus digitale che consente di generare delle sinergie tra i vari dispositivi secondo le scelte e le esigenze del cliente. Il sistema è inoltre in grado di mettere in comunicazione con il mondo esterno la propria abitazione, per cui è possibile raggiungere la propria casa con tutti i mezzi di comunicazione oggi disponibili: telefoni di rete fissa o mobile e via Internet con qualsiasi personal computer. Il sistema è suddiviso in aree funzionali dove si possono identificare le proprie applicazioni: a. Comfort : - Sistema di automazione luci e scenari - Automazione tapparelle/tende/persiane - Diffusione sonora - Termoregolazione b. Sicurezza : - Antifurto - Allarmi Tecnici - Videocontrollo c. Risparmio : - Visualizzazione consumi e produzione energia - Gestione carichi energetici d. Comunicazione : - Videocitofonia - Cablaggio Strutturato e. Controllo : - Interconnessione / integrazione di tutti i sistemi domotici e controllo daremoto.

38 9.1 FUNZIONI EVOLUTE E' possibile generare funzioni più complesse, a seconda delle richieste del cliente, mettendo in comunicazione tra loro i diversi sistemi. Ad esempio, in caso di allarme antifurto, si può impostare l'accensione di tutte le luci esterne. I dispositivi di controllo definiti abilitano l impianto My Home all'utilizzo dei servizi My Home Web per la gestione della casa a distanza. My Home Web è il servizio offerto dalla Bticino per controllare e gestire la casa a distanza utilizzando qualsiasi mezzo di comunicazione: il telefono - mobile o fisso, un computer collegato ad Internet, un palmare, ecct. I vantaggi dell installazione di impianti domotici con tecnica BUS e della loro supervisione sono: - Semplicità di cablaggio: un unico cavo per le connessioni di tutti i dispositivi - Flessibilità: si può modificare la funzionalità dell impianto semplicemente variando la configurazione dei dispositivi o aggiungendone dei nuovi. - Controllo: facilità e semplicità di verifica del funzionamento dei sistemi e di controllo degli eventi. 9.2 VANTAGGI DEL SISTEMA MY HOME Automazione luci e tapparelle a. Descrizione: My Home consente di gestire l illuminazione in modo efficiente, ottenendo il massimo comfort. L accensione dei punti luce può avvenire a livello singolo, di gruppo o generale, anche attraverso la regolazione dell intensità luminosa fino al livello desiderato. I piacevoli e silenziosi comandi digitali si utilizzano semplicemente come normali pulsanti a muro e non cambiano pertanto le consuetudini di utilizzo cui tutti sono da sempre abituati (vedi Fig. 4).

39 E possibile gestire dispositivi motorizzati come tende, tapparelle, persiane o altri automatismi in genere in modo estremamente valido e confortevole. L azionamento delle serrande può avvenire a livello singolo, di gruppo o generale, sia fruendo di normali comandi digitali a muro che attraverso l utilizzo di un telecomandoo tramite la gestione di temporizzazioni. Anche azioni faticose e ripetitive come alzare e abbassare tutti i giorni le serrande diventano un gioco o un gesto piacevole. Fig. 4 b. Vantaggi: Visualizzazione stato acceso/spento: i comandi digitali rivelano, attraverso l accensione di un led di colore differente, lo stato di acceso o spento: ciò è molto utile sia in funzione di localizzazione notturna dei punti luce, che per evitare di dimenticare accese luci di cui non si ha diretta visibilità (es. bagno, ripostiglio, fuori porta ingresso); Silenziosità del comando: comandi digitali si utilizzano come normali pulsanti e sono assolutamente silenziosi; Praticità di utilizzo: comandi digitali sono estremamente semplici ed immediati da utilizzare. Il dispositivo di interblocco per i serramenti consente di evitare di tener premuto in continuo il tasto per portare a termine l operazione; Accensione/attivazione singola, generale o di gruppo: uno stesso comando, secondo configurazione, può essere dedicato ad accendere o spegnere una luce, un gruppo di luci o tutte le luci della casa oppure alzare-abbassare una serranda, un gruppo o tutte le serrande della casa. L utilizzo di copritasti con icone serigrafate ne facilita l immediato riconoscimento. Un comando di spegnimento generale di tutte le luci della casa si rivela estremamente utile se

40 posizionato in prossimità della porta di ingresso così come comandi generale di azionamento di gruppi di serrande sono particolarmente utili nella zona notte al fine di centralizzare, al risveglio o quando si va a dormire, questo tipo di operazione; Dimmerizzazione: i comandi possono essere equipaggiati da apposito dispositivo per regolare la luminosità del punto luce. A differenza degli impianti elettromeccanici tradizionali, la possibilità di regolare l intensità luminosa risulta disponibile da tutti i comandi periferici che azionano il punto luce dimmerizzato; Accensioni temporizzate: esistono varie possibilità per ottenere accensioni temporizzate di punti luce o aperture/chiusure di serramenti a seguito di eventi (anche di tipo atmosferico), di programmazioni orarie o condizioni logiche (es. apri per 5 la finestra da tetto se non piove); Accensione automatica: l accensione di punti luci può avvenire anche automaticamente, tramite un rilevatore di presenza opportunamente abilitato allo scopo. Lo spegnimento può essere temporizzato o determinato dall azionamento di un apposito pulsante; Flessibilità: un impianto My Home resta sempre facilmente modificabile nel tempo, sia per accogliere nuove funzioni che per adattarsi alle diverse esigenze di chi abita la casa. La necessità di modificare i punti di accensione dell illuminazione o i punti di attivazione delle serrande emersa dopo una semplice modifica dell arredamento può essere spesso gestita attraverso semplici attività di riconfigurazione e senza dover intervenire sul cablaggio; Minima emissione elettromagnetica: i comandi sono alimentati a bassa tensione disicurezza (24V), dunque con un minimo livello di emissione elettromagnetica se paragonato ai tradizionali impianti elettromeccanici alimentati a 230V. Particolari accortezze impiantistiche rendono possibile la totale eliminazione da alcuni ambienti.

41 9.2.2 Termoregolazione a. Descrizione: Viene garantita la temperatura ideale nell abitazione nel rispetto della massima economia di esercizio. La suddivisione in zone distinte dell impianto di riscaldamento consente infatti di gestire profili di temperatura differenti, evitando sprechi di risorse energetiche. La perfetta integrazione estetica consente un ideale coordinamento con gli altri componenti dell impianto elettrico ( vedi Fig. 5). b. Vantaggi: Coordinamento estetico: la termoregolazione si abbina perfettamente al resto dell impianto elettrico dell abitazione, con centrale e sonde locali di temperature collocate a muro e corredate delle stesse placche di finitura adottate per comandi e prese di corrente; Risparmio fino al 30%: la termoregolazione multizona è basata sul rilevamento della temperatura in ogni ambiente tramite sonde locali che, attraverso la centrale, danno il consenso ad attivare il riscaldamento soltanto dove e quando serve. Differenziando la temperatura a seconda del tipo di stanza (soggiorno, camera da letto, ecc.) ed al momento della giornata in cui la si occupa (giorno, notte) si può pertanto giungere a realizzare un risparmio energetico fino al 30% rispetto alle soluzioni di tipo tradizionale; Semplicità di programmazione dei profili di temperatura: programmare i profili di temperatura di ciascuna zona in cui è suddiviso l impianto è estremamente semplice ed intuitivo in quanto si interagisce con un menu grafico assistito da un ampio display dalla centrale. E possibile preimpostare vari programmi giornalieri o settimanali, facilmente richiamabili; Regolazione locale della temperatura: senza dover intervenire dal menu della centrale ma semplicemente ruotando la manopola della sonda locale di temperatura, è possibile variare di +/- 3 C il profilo di temperatura impostato in centrale, spegnere la zona o impostare la modalità antigelo;

42 Integrabilità con altre funzioni My Home: la termoregolazione è un elemento del sistema My Home e come tale può essere facilmente integrato con altre funzioni domotiche eventualmente presenti nell abitazione. Ad esempio, all inserimento dell antifurto quando si esce di casa è possibile ottenere la regolazione della temperatura ad un livello più basso così come, al suo disinserimento, si può avere l accensione del riscaldamento ad un livello più alto; Telegestione: utilizzando i servizi del Portale My Home, è possibile comandare e richiedere lo stato di funzionamento sia della centrale di termoregolazione sia delle singole zone dell impianto, utilizzando un telefono fisso, un cellulare o tramite connessione ad internet. Fig. 5

43 9.2.3 Gestione Energia-Visualizzazione consumi e gestione carichi energetici a. Descrizione: Il sistema My Home inserito nella struttura consente di visualizzare i consumi e tenere sotto controllo la gestione dei carichi per: realizzare un contesto abitativo dove vivere nel massimo comfort, utilizzando solo l energia e il calore che servono; migliorare la classificazione energetica dell edificio e quindi anche il suo valore economico. Il sistema di visualizzazione consumi permette, grazie all utilizzo di interfacce contaimpulsi e misuratori di energia elettrica a toroidi, di visualizzare sui dispositivi Touch Screen i consumi di elettricità, gas, acqua e i dati provenienti dai sistemi di contabilizzazione di calore. I dispositivi per la visualizzazione dei consumi possono essere integrati direttamente sul Bus dell impianto Automazione/Termoregolazione oppure appartenere ad un impianto dedicato. Con i misuratori di energia elettrica e le interfacce contaimpulsi è possibile, in presenza di un impianto fotovoltaico e di un impianto solare termico, stabilire quanta energia elettrica viene prodotta e quanta acqua viene riscaldata. Sui display dei dispositivi Touch Screen è possibile visualizzare ( vedi Fig. 6 ) : il consumo istantaneo; il consumo giornaliero; il consumo mensile; il consumo medio giornaliero per ogni mese; il consumo totale degli ultimi 12 mesi; i grafici di consumo giornaliero, mensile e per gli ultimi 12 mesi; il consumo in diverse unità di misura (mc, l, kwh, etc.) e l equivalente in valuta (Euro, $,, etc.); il consumo derivante da sistemi di contabilizzazione del calore; la produzione di energia elettrica; la produzione di acqua calda.

44 Fig. 6 I dispositivi per il controllo carichi gestiscono la potenza assorbita dal carico controllato scollegandolo in caso di sovraccarico, permettendo inoltre di visualizzare sul dispositivo Touch screen il consumo della linea controllata. Configurando gli attuatori del sistema controllo carichi anche in modalità automazione, è possibile impostare attraverso il Touch screen delle temporizzazioni per attivare i carichi ad orari prestabiliti. Il sistema di Gestione controllo carichi svolge le seguenti funzioni: gestisce la massima potenza impiegata scollegando automaticamente, in caso di sovraccarico, gli elettrodomestici meno importanti (massimo 63 carichi); visualizza sul Touch screen il consumo istantaneo e cumulato su base oraria, giornaliera e mensile; consente la possibilità di disabilitare o riabilitare tramite il Touch screen le priorità configurate in base alle esigenze mutate del cliente; permette di verificare sul Touch screen il corretto funzionamento dei carichi tramite la misurazione della corrente differenziale assorbita dagli stessi; è realizzato con ingombro ridotto ad un solo modulo DIN per la centrale e gli attuatori.

45 Questo permette un ottimizzazione degli spazi nei quadri elettrici. La centrale di controllo misura la potenza assorbita dai carichi connessi e la confronta con il valore preselezionato in fase di installazione (è possibile selezionare potenze comprese tra 1,5 e 18 kw con tolleranza fino +/- 20%). Ad ogni apparecchio da controllare è associato un attuatore che riceve le informazioni dalla centrale di controllo e provvede a sconnettere il carico dalla rete in caso di sovraccarico. La sequenza di scollegamento degli attuatori è definita in fase di installazione per mezzo di una semplice operazione di configurazione da effettuare a bordo degli stessi dispositivi. E possibile gestire fino a 63 livelli di priorità e un numero di dispositivi in funzione della corrente di alimentazione disponibile. Lo stato di funzionamento dei carichi è segnalato sia dagli attuatori che dal Touch screen. Configurando gli attuatori del sistema gestione controllo carichi anche in modalità automazione, è possibile impostare attraverso il Touch screen delle temporizzazioni per attivare i carichi ad orari prestabiliti. b. Vantaggi: Utilizzo contemporaneo di più elettrodomestici: è possibile utilizzare contemporaneamente grandi elettrodomestici (es. lavatrice, lavastoviglie, forno elettrico) o altri utilizzatori elettrici (es. condizionatori, phon, termoconvettori) evitando l inconveniente del black-out da sovraccarico derivante dall intervento dell interruttore generale posto sul contatore; Possibilità di gestire le priorità di funzionamento: le priorità di funzionamento stabilite al momento della posa dell impianto sono modificabili dall installatore tramite semplice configurazione. L utilizzatore dell impianto mantiene sempre e comunque la facoltà di riattivare istantaneamente energia a qualsiasi carico scollegato dalla centralina attraverso il semplice azionamento di un tasto posto a fianco della presa o remotizzato su Touch screen o altro pulsante dedicato. Riattivazione istantanea dei carichi temporaneamente scollegati: lo scollegamento di un carico non prioritario da parte della centralina è da considerarsi temporaneo, in quanto non appena gli elettrodomestici primari avranno completato il loro ciclo sarà riattivato automaticamente l azionamento

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente.

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. C O S T R U I T E C I S O P R A Indice 3 3 La Domotica y Home 4 4 Le applicazioni 4 55 Le applicazioni integrate 56 6 Le linee

Dettagli

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it Linee guida funzionali Piemonte Valle d Aosta Liguria UFFICIO REGIONALE 10098 RIVOLI (TO) c/o PRISMA 88 C.so Susa, 242 Tel. Q 011/9502611

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Release 3.0. Entra nella tua casa Domotica BTicino.

Release 3.0. Entra nella tua casa Domotica BTicino. Release 3.0 Entra nella tua casa Domotica BTicino. La Domotica My Home 1 Le applicazioni 2 Le linee 3 I contatti 4 1 La Domotica My Home La Domotica My Home 1 Una scelta fondamentale. Scegliere la Domotica

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO

AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO NORMA CEI 648 ED. 0 CAPITOLO 37 AMBIENTI RESIDENZIALI PRESTAZIONI D IMPIANTO Indice 5 Introduzione Una nuova classificazione degli impianti 69 Quadro unità abitativa Generalità e dispositivi 6 0 Tabella

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Guida per capire dove e come installare prese e interruttori. Qui. Qui. E qui

Guida per capire dove e come installare prese e interruttori. Qui. Qui. E qui Guida per capire dove e come installare prese e interruttori. Qui Qui E qui Stanza per stanza, le soluzioni Vimar per il tuo impianto elettrico. ingresso soggiorno cucina camera bagno giardino 100% Made

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista.

Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Con By-me la luce ha nuovi ruoli da protagonista. Nuove lampade di illuminazione e d emergenza. Serenità e sicurezza risplendono in tutta la casa. Avere più luce in casa aumenta prima di tutto la tranquillità

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano.

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. DUE FILI PLUS Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. Abbiamo aumentato le performance, le distanze, le possibilità di dialogo. Da oggi con la nuova tecnologia Due Fili Plus si

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Impianti d allarme per una casa sicura I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Introduzione Un tempo bastava un buon cane da guardia per garantire alla casa un livello di sicurezza

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE

INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE INDICE ANALISI MISURAZIONE TERMOREGOLAZIONE Pagina. M 1 Cronotermostati M 3 Termostati.. M 4 Centraline climatiche M 4 Orologi M 6 Accessori abbinabili a centraline Climatiche e termoregolatori M 7 M 01

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

The. NiceSystem. L integrazione più semplice, il design più raffinato, l elettronica più avanzata per offrirti il sistema d automazione più completo!

The. NiceSystem. L integrazione più semplice, il design più raffinato, l elettronica più avanzata per offrirti il sistema d automazione più completo! The NiceSystem L integrazione più semplice, il design più raffinato, l elettronica più avanzata per offrirti il sistema d automazione più completo! We design and control your Nice world Le migliori soluzioni

Dettagli

Sistemi di sicurezza _ Catalogo Generale

Sistemi di sicurezza _ Catalogo Generale Sistemi di sicurezza _ Catalogo Generale Intrusione. La minaccia si fa spazio. Che fare? Scegli Inim e stai sicuro. Lo spazio è protetto. Il pericolo fuori gioco. Tutto sotto controllo. GAME OVER SISTEMI

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Facil, Arc Automazioni a braccio per cancelli a battente

Facil, Arc Automazioni a braccio per cancelli a battente ITA Automazioni a braccio per cancelli a battente TM Advanced entrance technology Facil - Arc La soluzione ideale per le situazioni complesse Semplicità e versatilità sono le parole che meglio descrivono

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

L impianto elettrico nel residenziale

L impianto elettrico nel residenziale Guida tecnica L impianto elettrico nel residenziale Come realizzare impianti conformi alla CEI 64-8 Testo aggiornato alla 7 a edizione Guida tecnica L impianto elettrico nel residenziale Come realizzare

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+

Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ Manuale per l utilizzo di Orderman Sol e Sol+ 2010 by Orderman GmbH Bachstraße 59, 5023 Salisburgo Austria www.orderman.it Salvo errori e refusi. Non è consentita la copia - anche di estratti - senza l'autorizzazione

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

UNA CASA A PROVA DI LADRO

UNA CASA A PROVA DI LADRO UNA CASA A PROVA DI LADRO GUIDA PRATICA AGLI IMPIANTI D'ALLARME GLI ITALIANI SI SENTONO INSICURI MA SOLO UNA FAMIGLIA SU CINQUE HA UN IMPIANTO ANTIFURTO Da una recente indagine Istat, risulta che il reato

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli