RAPPORTO 2014 sull Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO 2014 sull Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. www.fondazionenazionalecommercialisti.it"

Transcript

1 RAPPORTO 2014 sull Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili 2014

2 Rapporto 2014 sull Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

3 Il presente rapporto è stato curato dal dott. Tommaso Di Nardo. Le elaborazioni statistiche sono state realizzate dal dott. Gianluca Scardocci. 2

4 INDICE Presentazione 5 GIORGIO SGANGA Avvertenze 6 Introduzione 7 1 Scenario macroeconomico e statistiche reddituali 7 2 Sintesi dei principali indicatori del Rapporto 9 CAPITOLO I Rapporto Dimensione e struttura della professione 11 1 La dinamica degli iscritti all Albo 11 2 Analisi per genere e classi di età 13 3 Indici di diffusione territoriale 14 4 Iscritti alle casse di previdenza e statistiche reddituali 15 5 Iscritti al Registro del Tirocinio 16 CAPITOLO II Appendice statistica I: Tavole statistiche Ordini territoriali 33 CAPITOLO III Appendice statistica II: Graduatorie Ordini territoriali 179 CAPITOLO IV Appendice statistica III: Tavole di raccordo Ordini-Tribunali 194 3

5 4 Rapporto 2014 sui Dottori Commercialisti e gli Esperti Contabili

6 Presentazione Il Rapporto 2014 inaugura le pubblicazioni della Fondazione Nazionale dei Commercialisti, riprendendo il lavoro svolto dall Irdcec, con la consapevolezza che la crescita della professione di Commercialista non possa prescindere da una conoscenza diretta e da un monitoraggio continuo degli iscritti attraverso un accurata raccolta e rappresentazione dei dati statistici. I dati esposti nel Rapporto 2014, giunto alla settima edizione, mostrano una Categoria che non arretra di fronte alla crisi pur venendo colpita, come tutte le altre categorie, dal calo dei redditi professionali. Dal 2008 al 2014, infatti, gli iscritti all Albo sono aumentati del 7%, mentre i redditi professionali, misurati in termini reali, sono diminuiti del 12,4%. Ciò è accaduto mentre l occupazione complessiva diminuiva del 4,2% e il pil nominale diminuiva del 6,8%. All inizio del 2014, i commercialisti iscritti all Albo sono e sono cresciuti dello 0,9% in un anno, segnando una miniripresa rispetto al +0,7% del Nel 2012, invece, ultimo anno per il quale sono disponibili dati reddituali, il reddito medio dei commercialisti è risultato pari a euro in termini nominali (-1,1% rispetto a un anno prima) e euro in termini reali (-4,4% rispetto a un anno prima). Il Rapporto 2014 conferma i principali trend in atto nella professione di Commercialista dal 2008, in particolare la costante crescita della componente femminile, salita al 31,4%, e il calo, sempre più preoccupante, dei giovani, scesi al 20,2%. Come mostrato per la prima volta nel precedente Rapporto, gli iscritti del Nord (+1,2%) sono cresciuti a un ritmo decisamente più sostenuto rispetto agli iscritti del Sud (+0,6%). Prosegue inarrestabile, infine, il calo dei tirocinanti che il Rapporto 2014 stima pari a rispetto ai del 1 gennaio Le elaborazioni statistiche contenute nel Rapporto 2014 rappresentano un importante patrimonio conoscitivo e informativo sulla professione di Commercialista a disposizione di tutti i nostri stakeholders, a partire dai singoli iscritti, e di tutti coloro che ne seguono con interesse l evoluzione. I dati, elaborati e rappresentati a livello di singolo ordine territoriale, con particolare riguardo alle statistiche reddituali, offrono significativi spunti di analisi e di riflessione anche per tutti i colleghi impegnati attivamente nella vita degli Ordini locali. Giorgio Sganga Presidente della Fondazione Nazionale dei Commercialisti 5

7 AVVERTENZE Il Rapporto 2014 aggiorna i dati contenuti nei precedenti Rapporti 2008, 2009, 2010, 2011, 2012 e Per ogni Ordine locale sono riportati i principali dati territoriali (popolazione, superficie, pil pro-capite provinciale e numero di comuni), i dati relativi agli iscritti, con particolare riferimento alla loro struttura anagrafica, i dati reddituali dell anno 2012 con le variazioni rispetto all anno precedente, i dati relativi ai neoiscritti agli Ordini e quelli relativi ai tirocinanti. I dati elaborati e pubblicati nel Rapporto si riferiscono agli iscritti agli Ordini territoriali dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili al 1 gennaio 2014 così come rilevati dal Consiglio Nazionale. I dati relativi alla struttura anagrafica per genere ed età degli iscritti sono stati desunti dall analisi statistica dei database trasmessi dagli Ordini territoriali al Consiglio Nazionale. Le statistiche reddituali sono state elaborate partendo dai dati reddituali della Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei dottori commercialisti e della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri. I dati reddituali pubblicati per singolo Ordine locale sono relativi alle medie Irpef e alle medie Iva opportunamente rielaborate in forma aggregata. Il Rapporto è strutturato in quattro parti. La prima presenta un analisi sintetica dei nuovi dati elaborati e commentati per regione e macroarea territoriale oltre che per singolo Ordine. La seconda parte presenta le tavole statistiche con gli indicatori elaborati per ogni singolo Ordine territoriale ed è consultabile per ordine alfabetico. Nella terza parte sono riportate le tabelle contenenti le graduatorie degli Ordini territoriali per iscritti, tasso di crescita 2013, percentuale di donne, percentuale di iscritti fino a 40 anni, iscritti per 10 kmq, abitanti per iscritti, medie Irpef e medie Iva. La quarta parte, infine, riporta le tabelle di raccordo Ordini-Tribunali e i dati sulla popolazione dei 166 tribunali italiani sulla base della geografia giudiziaria in vigore nell anno Il presente Rapporto non tiene conto della nuova geografia giudiziaria di cui al D. Lgs. 7 settembre 2012 n. 155, entrato in vigore il 13 settembre 2013, che ha previsto la soppressione delle Sezioni distaccate di tutti i tribunali italiani, la soppressione di alcuni tribunali e la ridefinizione di alcuni circondari. Il nuovo assetto, infatti, non ha ancora avuto impatto sulla geografia amministrativa degli Ordini territoriali. L unica novità è rappresentata dall istituzione dell Ordine di Napoli Nord nel nuovo circondario del tribunale di Napoli Nord avvenuta con decreto del Ministro della Giustizia del 21 marzo L eventuale mancata quadratura a 100 dei tassi di composizione percentuale è dovuta unicamente agli arrotondamenti decimali. 6

8 INTRODUZIONE 1. Scenario Macroeconomico e statistiche reddituali Nel corso del 2013, gli iscritti all Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili sono cresciuti a un tasso dello 0,9% raggiungendo la cifra di al 1 gennaio 2014 (tab. 1). Nello stesso periodo, gli iscritti alle due casse di previdenza della Categoria, la Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei dottori commercialisti e la Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, sono cresciuti a un tasso dell 1,5% e sono risultati pari a (tab 1). Dal 2008 al 2014, gli iscritti all Albo sono aumentati del 7% (+7.568), mentre gli iscritti alle Casse sono aumentati del 14,5% ( ) e, nello stesso periodo, l occupazione nazionale è diminuita del 3,5%, con un calo ancora maggiore delle unità di lavoro (-6,9%). La crescita degli iscritti all Albo e ancor più quella degli iscritti alle casse, manifestatasi in netta controtendenza rispetto all andamento dell occupazione generale, è associata a un calo dei redditi medi professionali, osservati attraverso i dati reddituali delle casse di previdenza. Tab. 1 Iscritti Albo e Iscritti Casse. Anni * Anni Iscritti Albo Tasso di crescita Iscritti Casse Tasso di crescita ,8% ,8% ,2% ,4% ,2% ,5% ,0% ,6% ,7% ,9% ,9% ,5% *Dati al 1 gennaio di ogni anno Tra il 2007 e il 2012, infatti, mentre il Pil nominale è cresciuto dello 0,2% e quello reale si è contratto del 6,8% per effetto della crisi, il reddito medio nominale dei commercialisti è diminuito dell 1,1% e quello reale ha perso il 12,4%. L andamento del reddito medio professionale del 2012, ultimo anno osservato tramite i dati delle casse raccolti nel 2013, ha contribuito in maniera significativa al trend negativo della serie Nel 2012, infatti, il reddito medio

9 nominale, calcolato pari a euro, è diminuito dell 1,1% rispetto al 2011 e quello reale, calcolato pari a euro (valore deflazionato sulla base dell indice IPCA rispetto al 2007) è diminuito del 4,4% rispetto al Sempre nel 2012, il Pil nominale è diminuito dello 0,8%, mentre il Pil reale si è ridotto del 2,4% e l indice dei prezzi al consumo è aumentato del 3,3% (tab. 2). Il reddito professionale medio dei commercialisti, nel 2012, è sceso a un livello inferiore a quello del 2007, anno pre-crisi, allorché il livello medio risultò pari a euro, dopo che nel 2011 era risalito a euro, livello superiore del 3% al minimo toccato nel 2009, l anno peggiore della crisi, allorchè la media irpef raggiunse il livello di euro (tab. 3). Tab. 2 Pil nominale e reale. Anni Valori in milioni di euro Tasso di Tasso di Anni Pil nominale Pil reale Deflatori crescita crescita ,3% ,2% 2,5% ,5% ,5% 2,1% ,1% ,7% 0,4% ,7% ,4% 1,4% ,80% ,4% 1,6% ,2% ,9% 1,4% Complessivamente, stando alla serie storica disponibile ( ), il reddito professionale medio dei commercialisti, contrariamente alla tesi anticiclica, segue la tendenza ciclica del Pil italiano con oscillazioni più ampie del trend economico generale. Tab. 3 Media Irpef, Pil e Pil per Unità di lavoro. Anni Valori in milioni di euro Anni Media Tasso di Media Tasso di Tasso di Pil/Ula Irpef crescita Irpef* crescita crescita ,2% ,4% ,7% ,9% ,7% ,7% ,7% ,9% ,2% ,2% ,6% ,6% ,1% ,4% ,3% *Valori deflazionati sulla base dell indice IPCA su anno base

10 2. Sintesi dei principali indicatori del Rapporto Al 1 gennaio 2014 gli iscritti ai 143 Ordini territoriali sono , le donne sono pari al 31,4%, i giovani ( 40 anni) sono il 20,2%. Rispetto al 1 gennaio 2008 vi sono iscritti in più con una crescita complessiva del 7%. Alla stessa data le donne erano il 28% e in sei anni sono aumentate complessivamente del 17,9%, i giovani invece sono calati a un ritmo molto sostenuto, pari a -27,7% dal 2009 quando erano pari al 29% del totale. Il rapporto tra la popolazione e gli iscritti all Albo è perciò progressivamente diminuito raggiungendo i 528 abitanti per ogni commercialista al 1 gennaio 2014 contro i 555 del 1 gennaio 2008 (-4,9%). Il numero di praticanti, benché stimato per l assenza di dati puntuali di alcuni Ordini territoriali, è in costante diminuzione. Nel 1 gennaio 2009 gli iscritti al Registro del Tirocinio dei 142 Ordini territoriali di allora erano , al 1 gennaio 2014, con 143 Ordini territoriali (Tivoli è il 143 ) si sono ridotti a con un calo di unità in valore assoluto pari a una decrescita del 23,1%. Al 1 gennaio 2014, il livello dei praticanti è stimato pari a (-37,1% rispetto al 2009). L Ordine più grande per numero di iscritti è Roma con unità, il più piccolo è Casale Monferrato con 97 iscritti. L Ordine con il più alto rapporto popolazione/iscritti è Oristano con abitanti per ogni commercialista, quello con il numero di abitanti per singolo iscritto più basso è Pescara con 311. L Ordine con la quota di donne più alta è Oristano con il 45%, quello con la percentuale più bassa di donne iscritte è Marsala con il 19,4%. La percentuale più alta di giovani si registra nell Ordine di Rossano Calabro dove il rapporto raggiunge il 35,3% del totale, quella più bassa invece si rileva nell Ordine di Montepulciano con il 5,8%. Il valore più alto in termini di reddito professionale medio 2012 viene fatto registrare dagli iscritti all Ordine di Bolzano con euro (+4,2% sul 2011), quello più basso, invece, è degli iscritti dell Ordine di Castrovillari con euro (-0,4% sul 2011). Il reddito professionale medio delle donne è pari a euro (-0,7%) contro i degli uomini (-0,9%). Gli iscritti fino a 40 anni hanno un reddito professionale medio pari a euro (+0,4%) contro i degli iscritti tra 41 e 60 anni (-1,7%) e i euro degli over sessanta (-5,6%). Con un tasso di crescita degli iscritti pari a +6,9% Crema è l Ordine che è cresciuto di più nel 2013, mentre Barcellona Pozzo di Gotto è l Ordine che ha fatto registrare la variazione percentuale più negativa con un -2,8%. L Ordine con il maggior numero di comuni all interno della propria circoscrizione territoriale è Torino con 311, quello con il minor numero di comuni è Gela con 3. Considerando, infine, la superficie territoriale, indice in qualche modo della dispersione territoriale degli iscritti e della lontananza/vicinanza alla sede dell Ordine, si va dai kmq di Cagliari ai 167 kmq di Nocera Inferiore. 9

11

12 CAPITOLO I RAPPORTO 2014 DIMENSIONE E STRUTTURA DELLA PROFESSIONE 1. La dinamica degli iscritti all Albo Il 2013 Nel corso del 2013, gli iscritti all Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili hanno fatto registrare una crescita pari allo 0,9%, arrestando il percorso di rallentamento fatto registrare dal 2009 al 2012, quando il tasso di crescita è passato dal +1,8% del 2008 al +0,7% del L incremento in valore assoluto è stato pari a iscritti, superiore a quello dell anno precedente di 220 unità, allorché l incremento era stato pari a 806. L inversione di tendenza dell andamento del tasso di crescita è generalizzata a tutte le macroaree territoriali con l unica eccezione del Centro che presenta un tasso di crescita in linea con quello del 2012 (+1,0%). La crescita degli iscritti presenta, invece, come emerso già nel 2012, una dinamica molto differente tra Nord e Sud. Nel 2013, infatti, gli iscritti agli ordini territoriali del Nord sono cresciuti dell 1,2%, 0,4 punti in più rispetto al 2012, mentre gli iscritti del Sud sono cresciuti a un tasso dello 0,6%, appena 0,1 punti in più del Il contributo in valore assoluto alla crescita del Nord è significativamente superiore a quello del Sud: +547 iscritti al Nord e +239 al Sud, consolidando un inversione di un trend che prima era invece significativamente a favore del Sud e che già nel 2010 e 2011 si era mostrato seppure con margini più bassi. L analisi per regioni evidenzia una dinamica piuttosto differenziata: dal -0,1% della Liguria e della Puglia, uniche due regioni a presentare un tasso di crescita negativo, al +4,1% del Molise che si conferma, dopo il 2012, la regione più dinamica in assoluto. Una crescita molto bassa con tassi vicini allo zero si è registrata in Friuli Venezia Giulia (+0,3%), Sicilia (+0,3%), Umbria (+0,4%), Basilicata (+0,5%), Calabria (+0,6%) e Toscana (+0,6%). Con tassi di crescita vicini alla media nazionale troviamo, invece, la Campania (+0,7%) e l Emilia Romagna (+0,9%). Presentano tassi di crescita superiori alla media nazionale il Lazio (+1,1%), il Veneto (+1,2%), il Piemonte (+1,2%), la Sardegna (+1,3%), la Lombardia (+1,5%), le Marche (+1,5%), l Abruzzo (+1,8%), la Valle d Aosta (+1,8%) e il Trentino Alto Adige (+2,8%). La regione più grande, la Lombardia (+1,5% rispetto a +0,9% del 2012, +1,3% del 2011 e +1,5% del 2010), continua ad offrire un contributo significativo alla crescita dell Albo (+280 iscritti rispetto +179 iscritti del 2012 e +241 del 2011).

13 Nel Nord-est, il Veneto (+1,2% rispetto a +0,9% del 2012 a +1,5% del 2011 e +1,7% del 2010) e l Emilia Romagna (+0,9% rispetto a +0,9% del 2012 e +0,5% del 2011) offrono ancora un significativo contributo alla crescita (+151 iscritti), rispetto al Friuli (+0,3% e +5 iscritti) mentre il Trentino Alto Adige (+2,8%) mantiene un ottimo tasso di crescita e contribuisce positivamente all aumento degli iscritti (+35). Nel Centro, il contributo determinante proviene dal Lazio con 150 iscritti (+1,1% rispetto a +1,4% del 2012 e a +1,1% del 2011), subito seguito dalle Marche con 41 iscritti (+1,5% rispetto a +1% del 2012 e a +0,4% del 2010) e dalla Toscana con 43 iscritti (+0,6%), mentre l Umbria (+0,4%) mostra un deciso rallentamento rispetto al 2012 (+1,2%). Nell Italia meridionale, il contributo maggiore proviene ancora dalla Campania con 96 iscritti (+0,7% rispetto a +0,4% del 2012 a +0,8% del 2011 e +1,7% del 2010) seguita dall Abbruzzo con 56 iscritti (+1,8% come nel 2012) mentre a distanza troviamo la Calabria con 25 iscritti (+0,6% rispetto a +1,2% del 2012), il Molise con 19 iscritti (+4,1% rispetto a +0,4% del 2012), la Basilicata con 5 iscritti (+0,5% rispetto a +1,6% del 2012) e la Puglia -9 iscritti (-0,1% rispetto a +0,1% del 2012 e +0,8% del 2011). Infine, nelle Isole, a fronte di un positivo contributo della Sardegna con 25 iscritti (+1,3% come nel 2012) si registra un andamento più modesto della Sicilia con 22 iscritti (+0,3% rispetto a -0,1% del 2012) che però migliora il dato precedente. In termini di quote percentuali il Nord (40,7%) resta l area con il peso più rilevante, seguita dal Sud (37,7%) e dal Centro (21,6%). La Lombardia pesa per il 17% seguita dalla Campania con il 12% e dal Lazio con l 11,7%. La quarta regione per peso di iscritti è la Puglia con l 8,9% seguita dalla Sicilia con il 7,4%, dal Veneto con il 6,7%, dalla Toscana con il 6,2%, dall Emilia Romagna con il 5,9%, dal Piemonte con il 5,5% e dalla Calabria con il 3,8%. Le altre regioni hanno tutte un peso percentuale inferiore al 3%. Rispetto al 2008 le regioni che guadagnano peso percentuale sono Lombardia (+0,4), Lazio (+0,2), Veneto (+0,2), Abruzzo (+0,1), Calabria (+0,1), Campania (+0,1), Marche (+0,1), Trentino (+0,1) e Umbria (+0,1); quelle che, invece, perdono peso percentuale sono Liguria (-0,3), Puglia (-0,3), Sicilia (-0,3), Piemonte (-0,2%), Toscana (-0,2), Emilia Romagna (-0,1%) e Friuli Venezia Giulia (-0,1%). Il periodo Nel periodo , la crescita è stata complessivamente del 7%, con una punta del 7,5% nel Centro e un andamento meno vivace pari a una crescita del 6,7% nelle regioni del Sud. A Nord la crescita è stata del 7,1%: sintesi di un +7,5% nelle regioni del Nord-est e +6,9% nel Nord-ovest. In termini assoluti nel periodo l Albo è cresciuto di iscritti. Il contributo maggiore è provenuto dal Nord con iscritti contro i del Sud 12

14 e i del Centro. In particolare, le regioni meridionali hanno contribuito per unità. La regione con il tasso di crescita più elevato è il Molise (+20%) seguito dalla Sardegna (+18,3%) e dal Trentino-Alto Adige (+17,2%). Le altre regioni cresciute a un tasso superiore alla media sono Valle d Aosta (+11,5%), Calabria (+10,6%), Abbruzzo (+10%), Veneto (+9,7%), Lombardia (+9,7%), Marche (+9,7%), Lazio (+9%), Basilicata (+7,8%), Campania (+7,7%), Umbria (+7,2%). La Liguria resta l unica regione ad aver subito un calo (-3,4%). Le altre regioni sono cresciute a tassi inferiori o prossimi al 7%. 2. Analisi per genere e classi di età L analisi della struttura anagrafica degli iscritti all Albo presentata nel Rapporto 2014 è condotta sulla base di dati aggiornati a inizio 2014, così come trasmessi dagli stessi Ordini territoriali al Consiglio Nazionale. Nel 2014 la componente femminile degli iscritti all Albo compie un ulteriore passo in avanti portando la propria quota sul totale dal 31% al 31,4%. Gli iscritti fino a 40 anni fanno registrare, invece, un nuovo calo a favore della classe anni: i primi passano dal 21,1% al 20,2% e i secondi dal 63,6% al 64,3% mentre gli over 60 passano dal 15 al 15,5%. Macroaree territoriali L analisi per macroaree territoriali mostra come nell Italia Meridionale si continui a registrare la più bassa percentuale di donne (29,1%), ma non più la più alta percentuale di iscritti fino a 40 anni che ora tocca al Nord-est (22% contro 21,6%). Nelle Isole, invece, dove si registra una percentuale di donne più alta che nelle regioni meridionali (31%), il calo della componente giovanile appare più accentuato: dal 19,5% al 17,4%. Nel Nord la percentuale di donne sale al 33,3%, mentre gli iscritti fino a 40 anni passano dal 21,4% al 21,1%. Nel Centro le donne passano dal 30,5 al 30,9%, valore leggermente inferiore alla media nazionale, mentre gli iscritti fino a 40 anni passano dal 18,6% al 17,8%. Il Nord-est, con il 33,3% di donne e il 22% di iscritti fino a 40 anni non è più l unica area a presentare entrambi i dati (donne e iscritti fino a 40 anni) superiori alla media nazionale. Da quest anno, infatti, è affiancata dal Nord-ovest che presenta il 33,3% di donne e il 22% di giovani. Il Meridione continua ad avere, invece, la più bassa percentuale di over 60 (11,6%) che, invece, raggiunge il valore più elevato nel Nord-ovest (18,6%). 13

15 Regioni La regione con la più alta percentuale di donne iscritte è in assoluto l Emilia Romagna (39%) seguita dall Umbria (37,8%) e dal Piemonte (37,7%). Le regioni con percentuali di donne superiori alla media nazionale sono nell ordine la Sardegna (36,9%), la Basilicata (35,7%), la Liguria (35,4%), l Abruzzo (34,8%), il Molise (34,6%), il Friuli Venezia Giulia (32,7%), le Marche (32,6%) e la Calabria (31,8%). La regione con la più bassa percentuale di donne dopo il Trentino-Alto Adige (24,4%) e la Valle d Aosta (25%) è la Campania (25,7%), mentre la Lombardia (31,7%) è in linea con la media nazionale. Lazio (30,2%), Puglia (29,7%), Sicilia (29,6%), Toscana (30%) e Veneto (30%) si collocano appena al di sotto della media nazionale. La Calabria perde il primato di regione con la più alta percentuale di iscritti fino a 40 anni (24,4%) a favore del Molise (26,2%) e del Trentino Alto Adige (26,2%). Seguono Veneto (23,4%), Abruzzo (22,5%), Campania (22,2%), Lombardia (22%), Sardegna (21,7%), Marche (21,5%), Emilia Romagna (20,9%) e Basilicata (20,9%). Le altre regioni con una percentuale di iscritti fino a 40 anni poco al di sotto della media sono Piemonte (19,7%) e Puglia (19,2%). Le regioni, infine, che presentano valori significativamente inferiori alla media nazionale sono Valle d Aosta (18,6%), Lazio (18,1%), Umbria (18%), Sicilia (16,5%), Friuli-Venezia Giulia (16,4%), Toscana (15,7%) e Liguria (13,1%). 3. Indici di diffusione territoriale Gli indici di diffusione territoriale misurano il grado di diffusione degli iscritti sul territorio in rapporto all estensione e alla popolazione. Il primo è un indicatore di densità territoriale, misurato in termini di numero di iscritti per 10 kmq ed è calcolato per ogni singolo Ordine locale. Il secondo è un rapporto di incidenza demografica e misura il numero di abitanti per ogni iscritto, anch esso calcolato per singolo Ordine territoriale. Nel 2013, vi sono in Italia 3,8 iscritti per 10 kmq e 528 abitanti per ogni iscritto. Il rapporto Iscritti/10kmq La diffusione territoriale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili è piuttosto variabile. Si va, infatti, dai 2,5 iscritti per 10 kmq delle Isole ai 4,7 iscritti per 10 kmq del Meridione. Nel Nord il rapporto è inferiore a quello della media nazionale: 3,7 iscritti per 10 kmq; con una sensibile differenza, però, tra il Nordest che presenta un rapporto più basso pari a 3,3 e il Nord-ovest che raggiunge i 3,9 iscritti per 10 kmq. Nel Sud il dato medio è quasi in linea con quello della media nazionale, 3,9 iscritti per 10 kmq, mentre nel Centro è più alto (4). Sul piano regionale il Friuli-Venezia Giulia (1,3) e il Trentino-Alto Adige (1,5) presentano il rapporto più basso seguiti da Molise (1,6), Umbria e Basilicata (1,7), Calabria e Sardegna (1,8) e Marche (1,9). La Campania presenta il valore più alto 14

16 con 11,1 iscritti per 10 kmq seguita a distanza dal Lazio con 8,4. Le altre regioni con valori elevati sono la Puglia (6,8), l Emilia Romagna (4,5), la Lombardia (4,4) e il Veneto (5,1). Il rapporto Popolazione/Iscritti Il rapporto popolazione/iscritti raggiunge il suo valore massimo nel Nord-est (664) seguito a poca distanza dalle Isole (644) e minimo nel Meridione (430). Il Centro (485) e il Sud (482) presentano dati piuttosto omogenei, mentre una maggiore differenza si verifica tra il Nord-est (664) e il Nord-ovest (552). Tra il Nord e il Sud si registra una differenza di circa 112 abitanti. Sul piano regionale spiccano i valori altissimi della Sardegna (857), del Trentino Alto Adige (818), della Valle d Aosta (739), del Friuli Venezia Giulia (713), del Piemonte (695), del Molise (654), dell Emilia Romagna (654) e del Veneto (636). La Puglia (401), l Abruzzo (426), il Lazio (435), la Campania (427) e la Calabria (456) sono le regioni con gli indici più bassi. 4. Iscritti alle casse di previdenza e statistiche reddituali Alla data del 1 gennaio 2014 e sulla base dei dati comunicati dalle casse di previdenza nel mese di maggio 2014 il numero di iscritti totali alle casse di previdenza dei dottori e dei ragionieri (al netto dei cancellati/esonerati) è pari a (+1,5% rispetto a un anno prima) La distribuzione per genere e per classi di età è riportata nella tabella 5. I rapporti di composizione per genere seguono per grandi linee quelli dell Albo. Per quanto riguarda le classi di età si registra una percentuale più alta per gli iscritti fino a 40 anni (23%) e più bassa per gli iscritti tra 41 e 60 anni (63,1%) rispetto all Albo. Anche tra gli iscritti alle casse la percentuale di giovani diminuisce significativamente rispetto all anno precedente (24,7%). Le statistiche reddituali elaborate sulla base dei dati delle casse di previdenza dei dottori e dei ragionieri e relative ai redditi 2012 presentano un elevata variabilità territoriale. Il dato medio nazionale relativo è stato calcolato in euro di Irpef (-1,1% rispetto al reddito medio 2011) e euro di Iva (-0,2% rispetto allo stesso dato del 2011). Il divario Nord-Sud è particolarmente pronunciato ed evidente: si va dagli euro di Irpef del Nord ai del Sud, con un livello medio del Nord pari a più del doppio rispetto al Sud (265% il rapporto Nord-Sud). Il divario si amplia ancora di più se si osserva il dato Irpef più elevato del Nordovest, pari a euro, rispetto al dato Irpef più basso delle regioni meridionali, pari a euro (287%). Rispetto all anno precedente, si segnala la variazione negativa di tutte le aree territoriali con un accentuazione del calo più forte al Centro (-1,6%) rispetto al Nord (-0,9%) e al Sud (-0,9%). Nel Nord si segnala l andamento differenziato tra 15

17 Nord-ovest (-1,1%) e Nord-est (-0,4%) così come nel Sud è diverso l andamento tra l insieme delle regioni meridionali (-0,7%) e le Isole (-1,4%). Sul piano regionale il divario assume proporzioni davvero enormi raggiungendo un rapporto di 4 a 1, con il Trentino Alto Adige al più alto livello di Irpef ( euro di media, +2,4% sul 2011) e la Calabria al livello più basso ( euro di media, -2,3% sul 2011). Le regioni con la decrescita più elevata dei redditi medi nominali 2012 rispetto a quelli 2011 sono le Marche (-4,3%) e il Molise (-4%). Da segnalare, invece, le regioni in cui il reddito medio Irpef risulta in aumento rispetto al 2011: Trentino Alto Adige (+2,4%), Puglia (+1%) e Liguria (+0,7%). 5. Iscritti al Registro del Tirocinio Il Rapporto 2014 presenta aggiornate e riviste le statistiche sugli iscritti al Registro del Tirocinio. Per una corretta lettura dei dati, occorre precisare che la loro fonte è costituita dalle risultanze della Rilevazione Statistica sugli Ordini (RSO) che viene svolta a partire dal 1 trimestre dell anno La rilevazione non ha una copertura totale. Nel 2014 la copertura riguarda 122 Ordini territoriali, mentre nel 2013 la copertura riguardava 91 Ordini e nel Sulla base dei dati RSO, gli iscritti al Registro dei Tirocinanti dei 143 Ordini territoriali al 1 gennaio 2014 sono pari a Rispetto al 2013, si è verificata una variazione in valore assoluto di iscritti, pari a un decremento in percentuale del 18,1%. Sul piano territoriale l andamento è disomogeneo. Nel Sud il calo è piuttosto pronunciato rispetto al Nord, rispettivamente di -22,7% e -13,9%. Nel Centro il calo è del 10,1%. Particolarmente pronunciato il calo nelle Isole (-36%) imputabile in modo particolare alla Sardegna (-51,3%) che presenta il calo maggiore tra tutte le regioni d Italia. 16

18 Tab. 1 Dinamica degli iscritti all Albo. Anno 2013 REGIONI 01/01/13 01/01/14 Var. Var. % Quota % sul totale ABRUZZO ,8% 2,7% BASILICATA ,5% 0,9% CALABRIA ,6% 3,8% CAMPANIA ,7% 12,0% EMILIA ROMAGNA ,9% 5,9% FRIULI VENEZIA GIULIA ,3% 1,5% LAZIO ,1% 11,7% LIGURIA ,1% 2,7% LOMBARDIA ,5% 17,0% MARCHE ,5% 2,4% MOLISE ,1% 0,4% PIEMONTE ,2% 5,5% PUGLIA ,1% 8,9% SARDEGNA ,3% 1,7% SICILIA ,3% 7,4% TOSCANA ,6% 6,2% TRENTINO ALTO ADIGE ,8% 1,1% UMBRIA ,4% 1,3% VALLE D'AOSTA ,8% 0,2% VENETO ,2% 6,7% NORD ,2% 40,6% NORD-EST ,1% 15,3% NORD-OVEST ,2% 25,4% CENTRO ,0% 21,6% SUD ,6% 37,7% MERIDIONE ,6% 28,6% ISOLE ,4% 9,1% ITALIA ,9% 100,0% 17

19 Tab. 2 Dinamica degli iscritti all Albo. Periodo REGIONI 01/01/08 01/01/14 Var. Var. % Var. % media ABRUZZO ,0% 2,0% BASILICATA ,8% 1,6% CALABRIA ,6% 2,1% CAMPANIA ,7% 1,5% EMILIA ROMAGNA ,9% 1,0% FRIULI VENEZIA GIULIA ,8% 0,4% LAZIO ,0% 1,8% LIGURIA ,4% -0,7% LOMBARDIA ,7% 1,9% MARCHE ,7% 1,9% MOLISE ,0% 4,0% PIEMONTE ,1% 0,8% PUGLIA ,2% 0,6% SARDEGNA ,3% 3,7% SICILIA ,1% 0,6% TOSCANA ,1% 0,8% TRENTINO ALTO ADIGE ,2% 3,4% UMBRIA ,2% 1,4% VALLE D'AOSTA ,5% 2,3% VENETO ,7% 1,9% NORD ,1% 1,4% NORD-EST ,5% 1,5% NORD-OVEST ,9% 1,4% CENTRO ,5% 1,5% SUD ,7% 1,3% MERIDIONE ,0% 1,4% ISOLE ,6% 1,1% ITALIA ,0% 1,4% 18

20 Tab. 3 Struttura anagrafica degli iscritti all Albo. Anno 2013 REGIONI Maschi Femmine > 59 ABRUZZO 65,2% 34,8% 22,5% 64,4% 13,2% BASILICATA 64,3% 35,7% 20,9% 67,2% 11,9% CALABRIA 68,2% 31,8% 24,4% 64,2% 11,4% CAMPANIA 74,3% 25,7% 22,2% 67,6% 10,2% EMILIA ROMAGNA 61,0% 39,0% 20,9% 63,8% 15,4% FRIULI VENEZIA GIULIA 67,3% 32,7% 16,4% 64,6% 19,1% LAZIO 69,8% 30,2% 18,1% 65,9% 16,0% LIGURIA 64,6% 35,4% 13,1% 66,4% 20,5% LOMBARDIA 68,4% 31,7% 22,0% 59,3% 18,7% MARCHE 67,4% 32,6% 21,5% 64,2% 14,3% MOLISE 65,4% 34,6% 26,2% 62,9% 11,0% PIEMONTE 62,3% 37,7% 19,7% 63,0% 17,3% PUGLIA 70,3% 29,7% 19,2% 67,8% 12,9% SARDEGNA 63,1% 36,9% 21,7% 61,9% 16,3% SICILIA 70,4% 29,6% 16,5% 68,1% 15,5% TOSCANA 70,0% 30,0% 15,7% 66,1% 18,2% TRENTINO ALTO ADIGE 75,6% 24,4% 26,2% 56,8% 17,0% UMBRIA 62,2% 37,8% 18,0% 67,1% 14,9% VALLE D'AOSTA 75,0% 25,0% 18,6% 66,3% 15,1% VENETO 70,0% 30,0% 23,4% 60,2% 16,3% NORD 66,7% 33,3% 21,1% 61,2% 17,7% NORD-EST 66,7% 33,3% 22,0% 61,8% 16,3% NORD-OVEST 66,7% 33,3% 20,5% 60,9% 18,6% CENTRO 69,1% 30,9% 17,8% 65,8% 16,4% SUD 70,5% 29,5% 20,6% 66,9% 12,5% MERIDIONE 70,9% 29,1% 21,6% 66,8% 11,6% ISOLE 69,0% 31,0% 17,4% 66,9% 15,6% ITALIA 68,6% 31,4% 20,2% 64,3% 15,5% 19

PAOLA 577 UDINE 700 PARMA 999 URBINO 173 PATTI 427 VALLO DELLA LUCANIA 520 PAVIA 533 VARESE 670 PERUGIA 1684 VASTO 301 PESARO 648 VELLETRI 826

PAOLA 577 UDINE 700 PARMA 999 URBINO 173 PATTI 427 VALLO DELLA LUCANIA 520 PAVIA 533 VARESE 670 PERUGIA 1684 VASTO 301 PESARO 648 VELLETRI 826 NUMERO DI AVVOCATI RACCOLTI PERSONALMENTE DALL'AUTORE DI QUESTE RIGHE DA CIASCUN CONSIGLIO DELL'ORDINE DEL NOSTRO PAESE, SECONDO UN CRITERIO ALFABETICO ALLA DATA DEL 31 DICEMBRE 2006 DOC. N. 1 ACQUI TERME

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo

Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo Uffici Giudiziari: bando di mobilità volontaria per 1.031 posti vacanti di personale amministrativo È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (4a Serie Speciale Concorsi ed Esami n. 5 del 20 gennaio

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 A giugno 2011 in Italia 37.787 gelaterie artigiane, che danno lavoro a 87.992 addetti. Nell'artigianato 6 assunzioni di gelatai su 10 sono di

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

Strutture sul territorio dell'amministrazione della Giustizia pubblicazione ai sensi dell'articolo 13 lett d) d.lgs. 33/2013.

Strutture sul territorio dell'amministrazione della Giustizia pubblicazione ai sensi dell'articolo 13 lett d) d.lgs. 33/2013. Strutture sul territorio dell'amministrazione della Giustizia pubblicazione ai sensi dell'articolo 13 lett d) d.lgs. 33/2013 posta elettronica certificata adozioniinternazionali.tribmin.palermo@giustiziacert.it

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.0_.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.14 Feb 07 2011 Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione Sondaggio ANDI Delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia PROT. n 63125 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: CIRCOLARE N. 7 Direzione dell Agenzia DATA DECORRENZA: 1 ottobre 2004 Roma, 12 agosto 2004 Attribuzione di nuovi codici ufficio ai fini del pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 6. N. pagine complessive 6 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente.

CIRCOLARE N. 6. N. pagine complessive 6 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente. PROT. n 45574 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: CIRCOLARE N. 6 Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare Estensione progressiva, in regime di obbligatorietà, a tutti i distretti notarili

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva1 1. Premessa Roma, febbraio 2007 Gli asili nido comunali rientrano

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Immigrati: 335mila imprese nel 2014, in testa cinesi e marocchini, più spazio a bengalesi e indiani Cresciute di 23mila unità in un anno Roma, 7 aprile 2015 L Italia delle

Dettagli

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Novembre 2012 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Indagine sulle tariffe applicate

Indagine sulle tariffe applicate Indagine sulle tariffe applicate 1 Indagine realizzata a cura dell Osservatorio prezzi&tariffe di Cittadinanzattiva 2 Indice Premessa... 5 Nota metodologica... 7 I risultati dell indagine... 8 Dati territoriali...

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007

Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007 8 maggio 2009 Dati ambientali nelle città Gestione dei rifiuti urbani Anno 2007 L'Istat presenta i dati sulla gestione dei rifiuti urbani derivanti dall indagine Dati ambientali nelle città che ha coinvolto

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO Federica Bonafaccia Antonio Griesi Sergio Vento in collaborazione con LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO la componente patrimoniale della nuova

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

La Rubrica Silenziosa

La Rubrica Silenziosa La Rubrica Silenziosa 2007 Immigrati residenti Anno: 2006 Fonte: Istat Percentuale di stranieri sul totale della popolazione Veneto 13,7 Lombardia 7,0 Emilia Romagna 6,9 Umbria 6,8 Toscana 6,0 Marche 6,0

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento Fondazione Ugo Bordoni Un esempio di transizione: dalla fotografia analogica alla fotografia digitale Alcuni esempi di transizione

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering 3,0% 60 Emilia Romagna 9,% 42 Campania 7,0% 32 Lazio 6,3% 29 Abruzzo 4,8% 22 Trentino Alto Adige 3,9% 8 Marche 3,3% 5 Liguria 3,0% 4 Calabria 2,8% Sardegna 2,8% 3 Umbria 2,2% 0 Friuli Venezia Giulia,7%

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

ProdottiTipici.it. il portale più gustoso che c è. Viaggio nel mondo dei prodotti tipici news, eventi e curiosità a portata di click.

ProdottiTipici.it. il portale più gustoso che c è. Viaggio nel mondo dei prodotti tipici news, eventi e curiosità a portata di click. ProdottiTipici.it il portale più gustoso che c è Chi Siamo Più di 200 clienti e oltre 500 siti realizzati, la BBC da 10 anni consente alle aziende di essere visibili tramite internet, dalla nostra esperienza

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza

La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza 1 La strategia per lo sviluppo del Sud ha come requisito essenziale la soddisfazione dei diritti di cittadinanza Con scuola, sicurezza, qualità dell aria e dell acqua, la giustizia è uno dei servizi essenziali

Dettagli

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0 trasferimenti - Maggio 2015 / Riepilogo generale Situazione posti scuola secondaria di I grado dopo i trasferimenti per il 2015/2016 (al 28/5/2015) (potrebbe esserci qualche variazione in aumento nel caso

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel primo e secondo trimestre 2015 Anno II - n. 3, 29

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel terzo trimestre 2014 Anno II - n. 1, 20 febbraio

Dettagli

Indagine sulle tariffe r.c.auto

Indagine sulle tariffe r.c.auto Indagine sulle tariffe r.c.auto anno 2014 Indagine realizzata a cura dell Osservatorio prezzi&tariffe di Cittadinanzattiva INDICE 1. Il punto di vista dei cittadini 2 2. Nota metodologica 4 3. I risultati

Dettagli

ELENCO BANCHE ADERENTI (*)

ELENCO BANCHE ADERENTI (*) ELENCO BANCHE ADERENTI (*) TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI 1 REGIONE LOMBARDIA BANCA DI PIACENZA BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA BANCA POPOLARE

Dettagli

Federimprese Emilia-Romagna

Federimprese Emilia-Romagna Federimprese Emilia-Romagna COMUNICATO STAMPA ALLARME OCCUPAZIONE: IN EMILIA ROMAGNA MANCANO 7MILA ARTIGIANI A Ravenna e Ferrara le situazioni più critiche, seguono Modena e Rimini Mancano falegnami, parrucchieri,

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno 0 - Dati aggiornati al 3 Dicembre Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia 4,% 74 Veneto 0,5% 55 Campania 8,4% 44 Puglia 8,2% 43 Lazio 7,2% 38 Sicilia 6,7% 35 Emilia

Dettagli

ELENCO BANCHE ADERENTI (*)

ELENCO BANCHE ADERENTI (*) ELENCO BANCHE ADERENTI (*) TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI 1 REGIONE LOMBARDIA BANCA DI PIACENZA BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA BANCA POPOLARE

Dettagli

tour febbraio-aprile terza edizione

tour febbraio-aprile terza edizione tour 2014 febbraio-aprile terza edizione 60 città 141 ordini e collegi provinciali patrocinanti edizione 2013 93.280 12% 12% 17% 29% 30% ALCUNI NUMERI contatti autorevole comitato scientifico enti e aziende

Dettagli

Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci

Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci criteri per la definizione delle aree territoriali del trasporto merci SU STRADA E DEI SERVIZI

Dettagli

3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag. La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave

3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag. La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave www.ecotras.com Parole chiave 01/mag/2010-31/mag/2010 Rispetto a: Sito Visite 200 200 100 100 0 0 3 mag 10 mag 17 mag 24 mag 31 mag La ricerca ha inviato 2.904 totale visite su 1.966 parole chiave Uso

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Fonte 15-12-2011 ore 12:31 - sb GIOCHI: 2011 RECORD, RACCOLTA A 76 MLD Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Ancora

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Nuove di cittadini stranieri Immigrati: concluso il progetto Start it up del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Unioncamere A quota 364mila le di immigrati

Dettagli