Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1"

Transcript

1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato dal filosofo per definire quel complesso di strutture che costituiscono l esistenza. L insieme di quest ultime viene dallo stesso chiamato esistenzialità. In estrema sintesi tracciamo la filosofia di Heidegger al fine di inquadrare la forma generale del suo pensiero prima di soffermarci su ciò che riteniamo essere la riflessione più vicina alla tematica della relazione d aiuto in oncologia medica. Con Essere e Tempo, suo fondamentale lavoro del 1927, Heidegger si prefigge di tracciare un ontologia che possa stabilire in maniera conforme il senso dell Essere. Per conseguire questo scopo, Heidegger afferma la necessità di conoscere chi sia colui che pone la domanda sul senso dell Essere. Essere e Tempo indaga quindi quell ente che pone tale domanda. Quest impostazione sarà modificata negli scritti dal 30 in poi in cui Heidegger dirige la sua speculazione all Essere stesso e alla sua rivelazione. L uomo, quindi, che si pone questa domanda è già in una situazione di gettatezza. Con i termini coniati dal filosofo tedesco questa condizione è detta deiezione e l ente stesso che è l uomo, nella condizione inautentica di questa caduta, dell essere gettato, è chiamato da-sein (esser-ci). Questo è esistenza, poter-essere: è progetto che trasforma le cose in utensili. L essere delle cose equivale perciò al loro essere utilizzate dall uomo. Il primo carattere fondamentale dell uomo è quindi l essere-nel-mondo in cui l uomo vive la sua condizione di affaccendamento nell inautenticità dell esistenza. Se l essere-nel-mondo è un tratto tipico dell uomo, anche l essere-con-gli-altri si presenta come sua struttura costituente perché se è vero che non esiste un soggetto senza mondo non può esistere nemmeno un soggetto isolato dagli altri. 1 Saranno di seguito evidenziati in corsivo i termini creati da Heidegger quando compaiono la prima volta. Dove lo riterremo opportuno, per motivi di chiarezza, sarà ripetuto il carattere in corsivo.

2 Ora, l essere-nel-mondo si estrinseca nel prendersi cura delle cose, l essere-con-gli-altri si manifesta nell aver cura degli altri. Quest ultimo modo relazionale che traccia Heidegger sarà molto vicino al nostro lavoro perché l aver cura degli altri in termini heideggeriani diventa autentico coesistere se gli altri sono aiutati a conseguire la libertà di assumersi le loro cure. Dopo l essere-nel-mondo e l essere-con-gli-altri, detti anche esistenziali, si presenta il successivo essere-per-la-morte. È possibile la caduta dell uomo sul piano delle cose del mondo. Lo stesso può rimanere in questa condizione di gettatezza, ma ha la libertà di ascoltare la voce della coscienza che lo richiama all esistenza autentica. La voce della coscienza fa comprendere, attraverso l angoscia, che la morte è una possibilità permanente dell esistenza: è la possibilità che tutte le altre divengano impossibili. La coscienza della morte ci svela la consapevolezza della nullità del coinvolgerci tra gli oggetti o nelle situazioni del mondo, ci mostra la vanità di ogni progetto. Soltanto la comprensione della possibilità sostanziale del morire fa ritrovare all uomo il suo essere autentico. L angoscia pone quindi l uomo di fronte all impossibilità della sua esistenza. Heidegger conia poi un espressione che descrive quella decisione anticipatrice che costituisce il senso autentico dell esistenza: il Vivere-per-la-morte. Quest esperienza della coscienza è detta anticipatrice perché non ha nulla a che vedere con la futura morte fisica ma descrivere lo stato d angoscia che consapevolmente illumina l uomo sul non senso della sua esistenza giacché impermanente in quanto tale. Come Heidegger stesso scrive, per l esistenza autentica il futuro è un vivere-per-la-morte che non consente all uomo di identificarsi nelle possibilità del mondo. L analisi condotta fin qui in Essere e Tempo non rivela quindi il senso dell Essere, ma il nulla dell esistenza. L ultimo Heidegger, che si rivolgerà all indagine dell Essere stesso, individuerà nel linguaggio poetico la porta verso lo svelamento dell Essere. In questo traccerà la distanza dalla filosofia strutturalista che vede nel linguaggio la struttura fondamentale dell uomo. Per lui infatti il linguaggio è la casa dell essere. In questo abita l uomo. In ciò non parla del linguaggio in sé, ma dell espressione poetica. Questa breve sintesi, che certo non esaurisce la comprensione del complesso pensiero del filosofo tedesco, mette in luce i punti fondamentali della sua riflessione per utilizzarne nel presente contesto alcuni concetti chiave. Alla nostra attenzione risalta la dualità autentico-inautentico, l analisi del tempo sempre nella sua dimensione di autenticità e inautenticità, il carattere della cura e la sua autentica impostazione rivolta al facilitare la cura dell altro verso se stesso. Infine riteniamo essenziale, per quanto presentiamo in questo elaborato, il problema della morte nella sua dimensione anticipatrice che dona senso all esistenza stessa al di là dell evento oggettivo del morire. Importante sarà il comprendere come il vivere-per-morire heideggeriano, in quanto senso

3 autentico dell esistenza, che svela la dimensione ontologica dell uomo, non può essere condiviso nella relazione con l altro ma è: una possibilità di essere che l esserci stesso deve sempre assumersi da sé. In Heidegger riconosciamo la grande intuizione rivolta a ciò che è testimoniato dalle grandi tradizioni sapienziali d oriente e d occidente. Questi grandi insegnamenti ci hanno tramandato l insensatezza dell esistenza dell individuo come tale e hanno testimoniato, ossia realizzato e tramandato, la possibilità di accedere a uno stato della coscienza che supera l individuo, che è insensato a causa della sua impermanenza. Le grandi scuole tradizionali descrivono un primo momento oltre la gettatezza dell individuo che possiamo definire transpersonale e universale. Poi avviene, dalla prospettiva di alcuni livelli di esse, la comprensione dello stato dell Essere che Heidegger ha intuito senza avere gli strumenti appropriati per la sua realizzazione. Il filosofo tedesco ha avuto l intuizione dell insensatezza dell uomo e ha compreso lo stato dell Essere come unica autentica dimensione. È però evidente che Heidegger non sia andato oltre la speculazione filosofica, tracciando soluzioni inefficaci frutto inevitabile del mero piano intellettuale. Da parte nostra, in ascolto delle grandi tradizioni cui ci riferiamo, reputiamo possibile il raggiungimento dell autenticità ricercata da Heidegger, ma abbandonando l intelletto e, attraverso pratiche profondamente trasformative, risolvendo l individualità prima e l universalità poi. Il passo successivo sarà il comprendere l Essere come unica vera autentica realtà, possibilità stessa dell inautenticità della gettatezza umana. Ciò detto al fine di chiarire la nostra posizione su Heidegger, torniamo al tema in oggetto per comprendere come il filosofo possa essere uno stimolo per le nostre riflessioni sulla relazione d aiuto in oncologia medica. Utilizziamo Heidegger perché riteniamo il suo pensiero un possibile emblema della riflessione occidentale sulla relazione d aiuto, anche se non il solo. Attraverso la sua visione esistenziale, specialmente la prima di Essere e Tempo, traccia un percorso essenziale che giungerà, staccandosi dalla sua persona, alla relazione d aiuto di carattere umanistico. L approccio mindfulness al counseling oltre che essere umanistico è fondato sulla necessità della consapevolezza. Riteniamo che la speculazione del filosofo tedesco sull autenticità sia un momento fondamentale che descrive un atto di consapevolezza verso ciò che realmente siamo. Riconosciamo la sua autenticità nella cura come un occasione sorprendentemente descrittiva della relazione d aiuto centrata sul cliente, approccio fondato da Rogers. Quest ultimo, come lo stesso Heidegger, è rivolto non alla cura dell altro, circostanza per il filosofo inautentica della cura, ma all intenzione che l altro assuma la responsabilità e la possibilità della propria cura.

4 La stessa speculazione sul tempo che Heidegger fa, senza in questa sede seguirne le sfumature elaborate nel corso della sua vita filosofica, si evidenzia per l importante efficacia nel nostro lavoro. Le tre determinazioni del tempo: futuro, passato e presente, mutano in base al fatto che si tratti di tempo autentico o inautentico. Il tempo autentico è quello dell esistere autenticamente e quello inautentico descrive l affanno per il successo, per l attenzione alla riuscita. Già da questa prima affermazione comprendiamo come, nella comparazione con Heidegger, sia evidente la necessità di essere autentici in una relazione d aiuto. Qui in particolare, nel senso heideggeriano del termine, non attenti alla riuscita del nostro intervento, non afferrati alla nostra inautentica individualità legata al successo, all ottenere un risultato per noi gratificante di cura dell altro. Si è rivolti autenticamente a facilitare le risorse altrui o alleviarne la sofferenza, avendo la pazienza di stare ai tempi necessari dell altro, forti della prudenza e del coraggio che permettono di accettare la non visibilità, a volte, del nostro lavoro, che darà poi i suoi frutti, oppure no. L esistenza autentica, quindi, tornando a Heidegger, assume la morte come possibilità che qualifica l esistenza stessa. Il futuro è quindi un vivere-per-la-morte che consente all uomo di non essere travolto nelle faccende umane, nel senso inautentico della gettatezza del da-sein. In questo significato il futuro è il momento temporale più importante perché in esso l uomo ha la possibilità, attraverso l esperienza della decisione anticipatrice dell essere-per-la-morte, di comprendere come il vero suo senso non può essere l inautentica caduta nel mondo, ma l autentica consapevolezza di ciò che realmente è. Se il passato autentico è la non accettazione passiva della tradizione, ma l affidarsi alle possibilità che la stessa offre, il presente autentico è l istante in cui l uomo decide il suo destino. Se quindi l istante del presente autentico è il momento in cui l uomo decide ciò che è, nella sua possibilità di essere autentico o vivere nella gettatezza dell affaccendamento mondano, questo, in ultima analisi, è il momento essenziale del tempo autentico dove il futuro e il passato non sono più ciò che inautenticamente consideriamo la misura quantitativa della realtà temporale, ma si uniscono autenticamente in questo istante. In questo passo di Tempo ed Essere, scritto del secondo periodo, il filosofo ha ormai trasformato la riflessione che proponeva in Essere e Tempo e lo vediamo rivolto all Essere stesso. Qui rintracciamo un chiaro suggerimento che definisce la dimensione temporale. questo non-più-presente è [a noi] presente immediatamente nella sua assenza: nella maniera del passato come essente-stato che come tale riviene a noi e ci riguarda. Questo non scompare come ciò che è passato nel senso del semplice trascorrere, fuori dell ora precedente. Piuttosto

5 l essente-stato permane nella presenza, sebbene nella sua propria maniera. Nell essente-stato è ancora un dispiegarsi d essere nella presenza che è offerto. Ma l assenza viene a noi e ci riguarda anche nel senso del non ancora presente alla maniera del dispiegarsi della presenza inteso come venire-a-noi-dell avvenire. Noi troviamo nell assenza, sia quella dell essere-stato, sia quella dell avvenire, una maniera di esser presente e di adire a noi dell essere, che in nessun modo coincide con l esser presente nel senso dell immediata presenza. Conformemente a questo val la pena osservare che non ogni presenza è necessariamente presente. 2 Nel senso che Heidegger assegna al tempo, ossia il suo essere offerto nella presenza attuale di là da ciò che è stato realmente nel passato che non c è più e di quello che avverrà nel futuro che deve ancora avvenire, troviamo un importante spunto di riflessione sul vissuto del paziente oncologico. Egli vive nella necessità di riformulare il suo passato, spesso affollato di colpe e di errori, che a volte giustificano la stessa presenza attuale del cancro, e di definire l idea di futuro che vede ostacolata dalla gravità della malattia. Tutto questo è presente al paziente nel modo in cui Heidegger termina la citazione appena riportata, ossia: val la pena osservare che non ogni presenza è necessariamente presente. La presenza attuale del passato e del futuro, per quello che abbiamo evidenziato, legittima l importanza di un lavoro di counseling, impostato sul qui e ora, al posto di una più impegnativa, sconveniente ed eventuale regressione nel passato del paziente oncologico possibile, anche se non obbligata, ad una psicoterapia. Il discorso sul tempo apre quindi l importante dimensione dell anticipazione della morte attraverso l angoscia; ma l angoscia non è paura del pericolo, e neanche della morte stessa, che in questo senso non viene assunta come momento oggettivo del morire fisico. Essa, l angoscia, permette piuttosto la comprensione dell impossibilità di un senso nell esistenza inautentica dell individuo. Il concetto che riteniamo fondamentale per il nostro lavoro non è, di certo, il poter trasmettere all altro, in una relazione d aiuto in oncologia medica, il non senso della sua esistenza, ma questo stato è, a nostro parere, la condizione essenziale del counselor, o dello psicoterapeuta, che deve comprendere la non realtà significativa della propria individualità. Ciò produce il riuscire a stare su un piano di coscienza empatico che permetta la reale facilitazione dell altro, avendo acquisito la possibilità di alimentare un campo relazionale in cui questo possa avvenire. La comprensione autentica, stando ai termini heideggeriani, e il risolvere quindi in noi il significato di morte ci permette di stare nella relazione d aiuto a contatto con la paura che l altro ha del 2 Tempo ed Essere, Heidegger, introduzione, traduzione e note dall originale tedesco Zur sache des denkens, Max Niemeyer Verlag, Tubingen 1969, nella quarta edizione italiana, Guida Editori, 1991, Napoli, pagg. 116/117.

6 decesso, avendo compreso che l evento del terminare l esistenza, il morire per l individuo nella sua gettatezza, non è la mera evidenza di una fine ma, per noi, la comprensione autentica del poter essere qualcosa di più della dimensione individuale. Quest atteggiamento del counselor è quindi il fattore fondamentale che permette una reale empatia, dove possiamo stare con l altro senza barriere e timori che metterebbero in gioco il senso stesso del nostro esistere, avendo trasformato la paura nell angoscia anticipatrice che permette lo svelamento dell Essere che noi stessi siamo. Ora, c è un punto essenziale che, dopo aver messo in luce i principi comuni tra il pensiero di Heidegger e il lavoro del mindfulness counselor in oncologia medica, traccia i confini tra gli stessi. Ci riferiamo alla necessità di chiarire l impossibilità per il filosofo tedesco che ci sia una reale empatia con l altro nell evento autentico della sua morte. Comprendere, quindi, come questo tema possa essere proposto in una reale relazione d aiuto. Approfittiamo di questo confronto con l idea heideggeriana della morte dell altro per esprimere la nostra opinione anche in merito all empatia in generale. Riteniamo che questa, presa nella sua espressione più estrema, cioè nell occasione della morte dell altro, possa essere analizzata nella totalità della sua esperienza/significato. Prima di tracciare una nostra riflessione in merito, citiamo alcuni passi rappresentativi di Essere e Tempo in cui si evidenzia quanto accennato. Quanto più adeguatamente si considera il fenomeno del non-esserci-più del defunto, tanto più si fa chiaro che l essere-con i morti non esperisce affatto l autentico esser-pervenuti-alla-fine da parte dei defunti. La morte si rivela certamente come una perdita, ma è qualcosa di più di quanto coloro che rimangono possono esperire. Nei patimenti per la perdita del defunto non si accede alla perdita dell essere patita da chi muore. Noi non sperimentiamo mai veramente il morire degli altri; in realtà non facciamo altro che l essere loro vicini.e anche se fosse possibile e attuabile chiarire psicologicamente a noi stessi il morire degli altri stando loro vicini, sarebbe comunque impossibile comprendere la maniera di essere di cui si tratta, cioè il giungere alla fine. Il problema è quello del senso ontologico del morire del morente in quanto possibilità d essere del suo essere Ogni Esserci deve assumersi in proprio la morte. Nella misura in cui la morte è, essa è sempre essenzialmente la mia morte. Essa esprime una possibilità di essere caratteristica, in cui ne va dell essere puro e semplice di un Esserci sempre di qualcuno. Nel morire si fa chiaro che la

7 morte è costituita ontologicamente dal carattere dell esser-sempre-mio e dall esistenza. Il morire non è un semplice accadimento, ma un fenomeno da comprendersi esistenzialmente 3 Da quanto citato è molto chiara l affermazione dell impossibilità di essere in piena empatia col morente: Noi non sperimentiamo mai veramente il morire degli altri; in realtà non facciamo altro che l esser loro vicini. Questa frase apre in un contesto di counseling in oncologia medica già due importanti riflessioni. Quale potrebbe essere una relazione d aiuto fondata su una non comprensione, sull impossibilità di sperimentare l esperienza dell altro? In questo caso, cosa significa essere vicini? E, in ultima analisi, domanda alla quale intendiamo dare una risposta, è possibile sperimentare, in disaccordo con Heidegger, una diversa relazione in cui sia reale la possibilità di una totale empatia? È evidente, da parte nostra, che qui nasca una concezione dell empatia che tende alla totale comprensione delle emozioni dell altro sfumando la coscienza della propria identità come identità separata. Il rinunciare ad una concezione forte d identità separata può portare a una deriva verso la follia di chi osasse e riuscisse ad agire in tale modo, a meno che non abbia riformulato in sé il significato stesso d identità. Intendiamo giustificare quest affermazione partendo dal senso dell asserzione sull impossibilità empatica con la morte dell altro che propone Heidegger, per differenziarci da esso attraverso la comprensione dei motivi che stanno alla base della sua idea. Heidegger sostiene l impossibilità di comprendere la morte dell altro perché pone questa come momento esistenziale che, attraverso l angoscia, apre l occasione di afferrare la propria essenza autentica: l Essere. Per questo la morte, per Heidegger, è la possibilità dell impossibilità di esser-ci. Non sta parlando dell angoscia come tonalità emotiva, psicologica, ma la considera uno strappo nella coscienza dell esser-ci che accede alla comprensione dell Essere stesso che l uomo è in sé. La morte è per l Esserci la possibilità di non poter più esserci. Nella sua qualità di poter-essere, l Esserci non può superare la possibilità della morte. La morte è la possibilità della pura e semplice impossibilità dell Esserci. Così la morte si rivela come la possibilità più propria, incondizionata e insuperabile. Come tale è un imminenza sovrastante specifica. L essere-per-la-fine si rivela fenomenicamente come l essere per la possibilità dell esserci più caratteristica e specifica. L esser-gettato nella morte gli si rivela nel modo più originario e penetrante nella situazione 3 Heidegger, Essere e Tempo, traduzione dall originale tedesco Sein und Zeit di Piero chiodi, Longanesi & C., Milano 1998, par. 47, pagg

8 emotiva dell angoscia. L angoscia davanti alla morte è angoscia davanti al poter-essere più proprio, incondizionato e insuperabile. L angoscia non dev essere confusa con la paura davanti al decesso. Essa non è affatto un atonalità emotiva di depressione, contingente, casuale, alla mercé dell individuo; in quanto situazione emotiva fondamentale dell Esserci, essa costituisce l apertura dell Esserci al suo esistere come esser-gettato per la propria fine. Si fa così chiaro il concetto esistenziale del morire come esser-gettato nel poter-essere più proprio, incondizionato e insuperabile, e si approfondisce la differenza rispetto al semplice scomparire, al puro cessare di vivere e all esperienza vissuta del decesso. 4 La morte quindi non può essere condivisa nella cura dell altro in un momento empatico perché Heidegger si riferisce a essa come evento autentico della comprensione ontologica di un individuo. Non sta parlando del semplice venir meno da una presenza. L angoscia, come momento autentico e svelante non può essere: confusa con la paura davanti al decesso. Qual è il rapporto, quindi, tra il momento autentico e soggettivo cui si riferisce Heidegger e una relazione d aiuto rivolta a chi sente forse per la prima volta la reale possibilità dell inautentico decesso? Quale modalità possiamo sperimentare per vivere una relazione empatica col paziente, ad esempio, in oncologia medica? Per confrontare gli stimoli che offre il pensiero di Heidegger col contesto reale della relazione d aiuto, dobbiamo allargare l ambito della sua riflessione in cui si evidenzia la differenza tra il vivere-per-la-morte autentico e il morire inautentico. Nelle citazioni precedenti si pone l evidenza sulla necessità di comprendere, attraverso l angoscia, il morire come decisione anticipatrice che apre la comprensione all Essere che noi stessi siamo, alla nostra autentica essenza. Questa comprensione inevitabilmente porta allo svelamento del non senso degli affaccendamenti umani. Il filosofo descrive, in Essere e Tempo, come la morte sia vissuta inautenticamente nel quotidiano e come essa, quindi, non si presenti come momento autentico di comprensione ontologica. Se, inoltre, il vivere-per-la-morte autentico si manifesta non come decesso effettivo, ma come decisione-anticipatrice che apre la comprensione alla possibilità dell impossibilità dell esistenza dell esserci, di contro, la morte, il decesso, il venir meno quotidiano nel suo vissuto inautentico prende la forma di una evasione coprente di fronte alla morte. 5 Il vissuto inautentico della morte si esprime col Si : è l esistenza cioè del si dice e del si fa. 4 Op. cit. par. 50, pagg Op. cit. par.52, pag. 311.

9 L esplicazione dell essere quotidiano per la morte si è attenuata alle chiacchiere del Si: un giorno o l altro si finirà per morire, ma, per ora, ancora no. La quotidianità riconosce una specie di certezza della morte. Nessuno dubita che si muoia. Ma questo nessuno dubita non porta con sé l esser-certo quale si addice alla morte nel senso di possibilità caratteristica e specifica dell Esserci. La quotidianità si ferma a questo riconoscimento equivoco della certezza della morte, per dissimulare, coprendolo ancora di più, il morire, e rendersi così più leggero l essergettato nella morte. L evasione coprente davanti alla morte non può essere autenticamente certa della morte, ma ne è tuttavia certa. Che ne è dunque della certezza della morte? 6 Si sa della certezza della morte, ma non si è autenticamente certi della propria. 7 Il Si nasconde ciò che la certezza della morte ha di più caratteristico e cioè che essa è possibile a ogni attimo. La certezza della morte si accompagna all indeterminazione del suo quando. L essere-quotidiano-per-la-morte cerca di nasconderlo, attribuendo alla morte il carattere della determinatezza. Non certo nel senso di un calcolo possibile del momento in cui avrà luogo il decesso, giacché l Esserci preferisce fuggire dinanzi a questa determinazione. Il prendersi cura quotidiano determina l indeterminatezza della morte certa col sospingere innanzi ad essa le urgenze immediate e le possibilità prossime del vivere quotidiano. Il coprimento dell indeterminatezza inquina anche la certezza. Viene così velato il carattere più proprio della possibilità della morte: quello di essere possibile ad ogni attimo, il suo esser certa e indeterminata. 8 Il vissuto quotidiano della morte, quindi, così come si manifesta nell esperienza degli individui, è un continuo rinunciare alla certezza che ognuno di noi deve morire e alla sua indeterminatezza. Il passo di Essere e Tempo che citiamo di seguito chiarisce ancora come la morte, vissuta autenticamente, sia la possibilità più propria dell uomo e quali caratteristiche deve aver per essere tale. La morte, come fine dell Esserci, è la possibilità dell Esserci più propria, incondizionata, certa e come tale indeterminata e insuperabile. La morte, come fine dell Esserci, è nell essere di questo ente, in quanto esso è-per-la-fine. 9 6 Ibid. 7 Op. cit. pag Ibid. 9 Op. cit. pag. 315.

10 Ora che abbiamo messo in luce con le parole di Heidegger stesso quale sia il vissuto autentico e inautentico della morte, per non lasciare dubbi circa il significato del progetto esistenziale (decisione anticipatrice) di un essere-per-la-morte autentico, citiamo un ultimo passo del testo. L essere-per-la-morte non concerne la realizzazione della morte; tuttavia non consiste neppure nel sostare dinanzi ad essa come semplice possibilità. Un tale atteggiamento si risolverebbe nel pensare alla morte. Esso consisterebbe nel pensare a questa possibilità, calcolando il come e il quando della sua realizzazione. Questo scervellarsi sulla morte non la priva certamente del suo carattere di possibilità, poiché la morte è pensata come qualcosa che verrà, ma la svuota, tentando di controllarla per mezzo di calcoli. La morte, come possibile, deve allora palesarsi il meno possibile nella sua possibilità. Al contrario, nell essere-per-la-morte, quand esso, comprendendo, abbia posto in chiaro questa possibilità come tale, la possibilità deve essere compresa proprio come possibilità, deve essere posta in atto come possibilità e in ogni comportamento verso di essa deve essere sopportata come possibilità. Un modo con cui l Esserci si rapporta al possibile nella sua possibilità è l attesa. L essere per la possibilità, in quanto essere-per-la-morte, deve rapportarsi alla morte in modo che essa, in questo essere e per esso, si scopra come possibilità. A questo modo di essere per la possibilità noi diamo il nome di anticipazione della possibilità. L anticiparsi si rivela come la possibilità della comprensione del poter-essere più proprio ed estremo, cioè come la possibilità dell esistenza autentica. 10 Heidegger ci descrive, quindi, continuamente i due piani: quello della vita autentica, di chi ha il coraggio di comprendere la finitezza umana anticipandone sul piano della possibilità la comprensione, e della vita inautentica che, al contrario, ne fugge il vero significato. Dopo il necessario approfondimento del pensiero heideggeriano riprendiamo le domande fondamentali. In prima proposta è necessario proiettare i concetti di autentico e inautentico sulla relazione reale. Qual è il piano che realmente viviamo quando ci troviamo di fronte ad un paziente oncologico nelle varie fasi della sua malattia, che va dalla possibilità della guarigione alla realizzazione della stessa, oppure al definitivo decesso? Teniamo presente che l affacciarsi del cancro, di colpo, nella vita di un individuo crea quella frattura nel quotidiano che spinge il paziente, a volte, verso quel confine tra autentico/inautentico della domanda esistenziale sulla morte. Stando ai significati proposti da Heidegger, possiamo costatare che un vissuto autentico della morte nella sua accezione di possibilità anticipatrice descrive quello stato di coscienza di chi si 10 op. cit. pagg

11 ponga anticipatamente di fronte alla domanda sul senso dell esistenza. Ricordando anche che questa è una domanda ontologica che non descrive l evento oggettivo del morire, del decesso di un corpo nella sua fisicità. Ci troviamo quindi su un piano filosofico, non nel senso di elucubrazione che non si stacca dal piano mentale, ma nell accezione elevata del termine che individua chi vive filosoficamente come un amante della conoscenza che, come tale, investe e fonda filosoficamente la sua struttura esistenziale. Questo piano, quello autentico, ricordiamo, non può per Heidegger essere vissuto con empatia in una relazione d aiuto perché non descrive la paura del morire, ma quell angoscia che apre la comprensione autentica, ontologica del senso dell Essere che noi stessi siamo. In una relazione d aiuto in oncologia medica l empatia che ci troviamo ad agire è rivolta, stando ai termini heideggeriani, alla paura inautentica del morire, del non più essere individuo con una storia particolare, contingente alle proprie esperienze del prendersi cura degli affari del mondo. Questa empatia è possibile e descrive un po quello che Heidegger chiama: Esser vicini al morente. Potremmo anche accontentarci di stare vicini al paziente e cercare di dargli la nostra comprensione, facendo in modo di colmare in parte la sua solitaria paura di morire. In questo agire non sarebbe in discussione il fatto che il paziente voglia o possa comprendere la sua autentica esperienza esistenziale ponendo uno iato irreversibile sulla nostra empatia. Quello che in ultima analisi vogliamo sostenere è ciò che consideriamo condizione necessaria per realizzare una relazione d aiuto di counseling che abbiamo definito mindfulness espressa nelle sue piene possibilità. Riteniamo sia una condizione fondamentale che il mindfulness counselor, ossia quel counselor che fondi sulla consapevolezza il suo lavoro in una relazione d aiuto, in quanto tale viva in una condizione di svelamento della propria coscienza. In termini heideggeriani potremmo dire che non esiste un approccio mindfulness alla relazione d aiuto se non vi è una condizione di autenticità. In questo contesto utilizziamo il termine autentico o autenticità così come sono espressi nel pensiero heideggeriano. È necessaria questa specificazione anche e soprattutto per distinguere il termine autentico qui inteso da quello espresso da Rogers. Con questo chiarimento non intendiamo rifiutare uno dei sei cardini che fondano la terapia centrata-sul-cliente di Rogers, ossia la congruenza che offre il significato di autenticità, in cui il counselor o il terapeuta è cioè, nella relazione, liberamente e profondamente se

12 stesso 11. Questo modo relazionale, assieme agli altri cinque cardini 12, contribuisce a creare quel campo ideale che permette all altro di produrre le sue trasformazioni. Dal punto di vista che intendiamo esporre in questo momento diciamo che l autenticità, o la congruenza, espressa da Rogers rappresenta un momento essenziale in cui il counselor può donare se stesso nella relazione, al di là del livello di svelamento autentico della sua coscienza. Quindi parlare di autenticità nel significato assegnato da Heidegger a questo termine, e riferendo questo al counselor, significa affermare che non può esserci una relazione condotta su un piano mindfulness, portato alla sue estreme possibilità, se il counselor non abbia svelato in sé la propria autenticità. Detto in altri termini, questo, se vuole realmente aprire un campo d ascolto consapevole e empatico, deve aver risolto in sé il significato di vita e di soggetto aprendo quella decisione anticipatrice che svela inevitabilmente il non senso dell affaccendarsi-nel-mondo in quanto dimensione dell ego e dei suoi prodotti. Il risultato di tale raggiungimento nel counselor permette quell empatia autentica che favorisce la comprensione che il counselor ha del paziente e in quest ultimo la possibilità di vivere accompagnato nella sofferenza della sua inautentica individualità. A questo livello sosteniamo quindi che, se il counselor non è passato dalla paura della morte all angoscia ontologica dell impossibilità della possibilità dell esistenza individuale, non potrà comprendere neanche la paura del paziente di fronte alla sua inautentica morte fisica, il venir meno quindi di quell individuo particolare che il paziente rappresenta in sé. Volendo spingere ancora di più le conseguenze di tale autenticità del counselor, affermiamo che, qualora nel paziente l evento traumatico del cancro apra la possibilità di strappare il confine della paura di morire accedendo al più ampio spazio ontologico dell angoscia, sarebbe prontamente disponibile l ideale accoglienza a questa istanza esistenziale. In ciò individuiamo una distanza tra noi e Heidegger. Il filosofo tedesco traccia la via verso l Essere su un piano a nostro giudizio ancora mentale e non reale, rivolto, nella sua produzione filosofica finale, all espressione poetica che definisce la possibilità di essere solo i pastori dell Essere e non l Essere stesso. Riteniamo che, al contrario, quest ultima possibilità, l essere l Essere stesso, sia l unica occasione di comprendere per identità con essa tale autentica dimensione. 11 Titolo originale: On Becoming a Person A Therapist s View of Psychotharapy, Carl R. Rogers. La Terapia Centrata sul Cliente, Ed. Psycho di G. Martinelli, Firenze 2000, pag Per l approfondimento dei cardini essenziali della Terapia centrata sul cliente di Rogers fare riferimento all opera citata.

13 L impossibilità in Heidegger di trovare un metodo per realizzare l Essere realmente, il Quale di conseguenza rimane Qualcosa di cui parlare senza comprenderlo realmente, porta all affermazione di non poter realizzare una piena empatia nei confronti di un essere umano in generale e del morente qui in particolare. Per Heidegger, che, in effetti, non risolve in sé l Essere autentico che lui stesso è, si può solo esser vicini al morente sia nel suo venir meno inautentico sia nella sua comprensione ontologica rivolta al significato di esistenza autentica. Questo perché non comprende quanto possa essere svelante ed empatica in sé la dimensione autentica a cui si riferisce. Queste due ultime dimensioni, cioè il poter stare in empatia sia verso l inautentico decesso sia di fronte ad una necessità di autenticità, sono ciò che affermiamo sia possibile. Riteniamo tutto ciò possibile a patto, però, che si abbia un metodo che liberi la comprensione autentica dell Essere che noi stessi siamo dalla prigione della mente che può, di certo, intuire la necessità di questa attuazione, ma mai comprenderne e realizzarne la reale identità. Il metodo per compiere la nostra autenticità è da noi testimoniato in un percorso mindfulness, che si fonda sull insegnamento delle grandi Tradizioni sapienziali e non può di certo essere limitato alla formalità di un programma scolastico di counseling. Il percorso verso l Essere che noi stessi siamo è ciò che si avvia da un individuo, da un esserci, dasein, fino a trasformare il senso stesso della propria esistenza.

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO Dipartimento di Salute Mentale ASL 2 Savonese Aula Magna Campus Universitario Savona

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 01 del 12.11.2009 Pagina 1 di 18 SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...2 2. GESTIONE DEL FRONT-OFFICE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...4

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO In molte attività della vita c è un periodo di prova e di iniziazione, un periodo nel quale i nuovi arrivati sono vittime della propria inettitudine e in un

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014 Dott.ssa Francesca Alfonsi La donazione di organi da vivente permette di donare un rene e parte di fegato. Secondo la legge il donatore

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Comprendere la Morte, Accompagnare la Vita

Comprendere la Morte, Accompagnare la Vita Comprendere la Morte, Accompagnare la Vita PERCORSO DI FORMAZIONE SULLA COMPRENSIONE DELLA MORTE, DEL MORIRE E DELLA FUNZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE PERSONE IN FIN DI VITA iniziativa proposta da organizzata

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

TECNICHE E ARTE DEL COUNSELING

TECNICHE E ARTE DEL COUNSELING Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale Corso di formazione TECNICHE E ARTE DEL COUNSELING Docente: Luca Nave Sito internet: uniluvis.it E-mail: luvis@erbasacra.com Indirizzo: Piazza

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB

MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB MANUALE PER LA PRODUZIONE DI TESTI PER IL WEB Questo manuale fornisce una guida tecnica per scrivere testi da copiare all interno di siti web minimizzando il lavoro necessario per adattare tali testi affinché

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO

CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO L Associazione KIARA propone: PROGETTO FORMATIVO CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DEL MODELLO I.A.R.A. - ANNO 2015 - La rigenerazione della personalità ha un duplice aspetto: azione spontanea della forza

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli