Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1"

Transcript

1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato dal filosofo per definire quel complesso di strutture che costituiscono l esistenza. L insieme di quest ultime viene dallo stesso chiamato esistenzialità. In estrema sintesi tracciamo la filosofia di Heidegger al fine di inquadrare la forma generale del suo pensiero prima di soffermarci su ciò che riteniamo essere la riflessione più vicina alla tematica della relazione d aiuto in oncologia medica. Con Essere e Tempo, suo fondamentale lavoro del 1927, Heidegger si prefigge di tracciare un ontologia che possa stabilire in maniera conforme il senso dell Essere. Per conseguire questo scopo, Heidegger afferma la necessità di conoscere chi sia colui che pone la domanda sul senso dell Essere. Essere e Tempo indaga quindi quell ente che pone tale domanda. Quest impostazione sarà modificata negli scritti dal 30 in poi in cui Heidegger dirige la sua speculazione all Essere stesso e alla sua rivelazione. L uomo, quindi, che si pone questa domanda è già in una situazione di gettatezza. Con i termini coniati dal filosofo tedesco questa condizione è detta deiezione e l ente stesso che è l uomo, nella condizione inautentica di questa caduta, dell essere gettato, è chiamato da-sein (esser-ci). Questo è esistenza, poter-essere: è progetto che trasforma le cose in utensili. L essere delle cose equivale perciò al loro essere utilizzate dall uomo. Il primo carattere fondamentale dell uomo è quindi l essere-nel-mondo in cui l uomo vive la sua condizione di affaccendamento nell inautenticità dell esistenza. Se l essere-nel-mondo è un tratto tipico dell uomo, anche l essere-con-gli-altri si presenta come sua struttura costituente perché se è vero che non esiste un soggetto senza mondo non può esistere nemmeno un soggetto isolato dagli altri. 1 Saranno di seguito evidenziati in corsivo i termini creati da Heidegger quando compaiono la prima volta. Dove lo riterremo opportuno, per motivi di chiarezza, sarà ripetuto il carattere in corsivo.

2 Ora, l essere-nel-mondo si estrinseca nel prendersi cura delle cose, l essere-con-gli-altri si manifesta nell aver cura degli altri. Quest ultimo modo relazionale che traccia Heidegger sarà molto vicino al nostro lavoro perché l aver cura degli altri in termini heideggeriani diventa autentico coesistere se gli altri sono aiutati a conseguire la libertà di assumersi le loro cure. Dopo l essere-nel-mondo e l essere-con-gli-altri, detti anche esistenziali, si presenta il successivo essere-per-la-morte. È possibile la caduta dell uomo sul piano delle cose del mondo. Lo stesso può rimanere in questa condizione di gettatezza, ma ha la libertà di ascoltare la voce della coscienza che lo richiama all esistenza autentica. La voce della coscienza fa comprendere, attraverso l angoscia, che la morte è una possibilità permanente dell esistenza: è la possibilità che tutte le altre divengano impossibili. La coscienza della morte ci svela la consapevolezza della nullità del coinvolgerci tra gli oggetti o nelle situazioni del mondo, ci mostra la vanità di ogni progetto. Soltanto la comprensione della possibilità sostanziale del morire fa ritrovare all uomo il suo essere autentico. L angoscia pone quindi l uomo di fronte all impossibilità della sua esistenza. Heidegger conia poi un espressione che descrive quella decisione anticipatrice che costituisce il senso autentico dell esistenza: il Vivere-per-la-morte. Quest esperienza della coscienza è detta anticipatrice perché non ha nulla a che vedere con la futura morte fisica ma descrivere lo stato d angoscia che consapevolmente illumina l uomo sul non senso della sua esistenza giacché impermanente in quanto tale. Come Heidegger stesso scrive, per l esistenza autentica il futuro è un vivere-per-la-morte che non consente all uomo di identificarsi nelle possibilità del mondo. L analisi condotta fin qui in Essere e Tempo non rivela quindi il senso dell Essere, ma il nulla dell esistenza. L ultimo Heidegger, che si rivolgerà all indagine dell Essere stesso, individuerà nel linguaggio poetico la porta verso lo svelamento dell Essere. In questo traccerà la distanza dalla filosofia strutturalista che vede nel linguaggio la struttura fondamentale dell uomo. Per lui infatti il linguaggio è la casa dell essere. In questo abita l uomo. In ciò non parla del linguaggio in sé, ma dell espressione poetica. Questa breve sintesi, che certo non esaurisce la comprensione del complesso pensiero del filosofo tedesco, mette in luce i punti fondamentali della sua riflessione per utilizzarne nel presente contesto alcuni concetti chiave. Alla nostra attenzione risalta la dualità autentico-inautentico, l analisi del tempo sempre nella sua dimensione di autenticità e inautenticità, il carattere della cura e la sua autentica impostazione rivolta al facilitare la cura dell altro verso se stesso. Infine riteniamo essenziale, per quanto presentiamo in questo elaborato, il problema della morte nella sua dimensione anticipatrice che dona senso all esistenza stessa al di là dell evento oggettivo del morire. Importante sarà il comprendere come il vivere-per-morire heideggeriano, in quanto senso

3 autentico dell esistenza, che svela la dimensione ontologica dell uomo, non può essere condiviso nella relazione con l altro ma è: una possibilità di essere che l esserci stesso deve sempre assumersi da sé. In Heidegger riconosciamo la grande intuizione rivolta a ciò che è testimoniato dalle grandi tradizioni sapienziali d oriente e d occidente. Questi grandi insegnamenti ci hanno tramandato l insensatezza dell esistenza dell individuo come tale e hanno testimoniato, ossia realizzato e tramandato, la possibilità di accedere a uno stato della coscienza che supera l individuo, che è insensato a causa della sua impermanenza. Le grandi scuole tradizionali descrivono un primo momento oltre la gettatezza dell individuo che possiamo definire transpersonale e universale. Poi avviene, dalla prospettiva di alcuni livelli di esse, la comprensione dello stato dell Essere che Heidegger ha intuito senza avere gli strumenti appropriati per la sua realizzazione. Il filosofo tedesco ha avuto l intuizione dell insensatezza dell uomo e ha compreso lo stato dell Essere come unica autentica dimensione. È però evidente che Heidegger non sia andato oltre la speculazione filosofica, tracciando soluzioni inefficaci frutto inevitabile del mero piano intellettuale. Da parte nostra, in ascolto delle grandi tradizioni cui ci riferiamo, reputiamo possibile il raggiungimento dell autenticità ricercata da Heidegger, ma abbandonando l intelletto e, attraverso pratiche profondamente trasformative, risolvendo l individualità prima e l universalità poi. Il passo successivo sarà il comprendere l Essere come unica vera autentica realtà, possibilità stessa dell inautenticità della gettatezza umana. Ciò detto al fine di chiarire la nostra posizione su Heidegger, torniamo al tema in oggetto per comprendere come il filosofo possa essere uno stimolo per le nostre riflessioni sulla relazione d aiuto in oncologia medica. Utilizziamo Heidegger perché riteniamo il suo pensiero un possibile emblema della riflessione occidentale sulla relazione d aiuto, anche se non il solo. Attraverso la sua visione esistenziale, specialmente la prima di Essere e Tempo, traccia un percorso essenziale che giungerà, staccandosi dalla sua persona, alla relazione d aiuto di carattere umanistico. L approccio mindfulness al counseling oltre che essere umanistico è fondato sulla necessità della consapevolezza. Riteniamo che la speculazione del filosofo tedesco sull autenticità sia un momento fondamentale che descrive un atto di consapevolezza verso ciò che realmente siamo. Riconosciamo la sua autenticità nella cura come un occasione sorprendentemente descrittiva della relazione d aiuto centrata sul cliente, approccio fondato da Rogers. Quest ultimo, come lo stesso Heidegger, è rivolto non alla cura dell altro, circostanza per il filosofo inautentica della cura, ma all intenzione che l altro assuma la responsabilità e la possibilità della propria cura.

4 La stessa speculazione sul tempo che Heidegger fa, senza in questa sede seguirne le sfumature elaborate nel corso della sua vita filosofica, si evidenzia per l importante efficacia nel nostro lavoro. Le tre determinazioni del tempo: futuro, passato e presente, mutano in base al fatto che si tratti di tempo autentico o inautentico. Il tempo autentico è quello dell esistere autenticamente e quello inautentico descrive l affanno per il successo, per l attenzione alla riuscita. Già da questa prima affermazione comprendiamo come, nella comparazione con Heidegger, sia evidente la necessità di essere autentici in una relazione d aiuto. Qui in particolare, nel senso heideggeriano del termine, non attenti alla riuscita del nostro intervento, non afferrati alla nostra inautentica individualità legata al successo, all ottenere un risultato per noi gratificante di cura dell altro. Si è rivolti autenticamente a facilitare le risorse altrui o alleviarne la sofferenza, avendo la pazienza di stare ai tempi necessari dell altro, forti della prudenza e del coraggio che permettono di accettare la non visibilità, a volte, del nostro lavoro, che darà poi i suoi frutti, oppure no. L esistenza autentica, quindi, tornando a Heidegger, assume la morte come possibilità che qualifica l esistenza stessa. Il futuro è quindi un vivere-per-la-morte che consente all uomo di non essere travolto nelle faccende umane, nel senso inautentico della gettatezza del da-sein. In questo significato il futuro è il momento temporale più importante perché in esso l uomo ha la possibilità, attraverso l esperienza della decisione anticipatrice dell essere-per-la-morte, di comprendere come il vero suo senso non può essere l inautentica caduta nel mondo, ma l autentica consapevolezza di ciò che realmente è. Se il passato autentico è la non accettazione passiva della tradizione, ma l affidarsi alle possibilità che la stessa offre, il presente autentico è l istante in cui l uomo decide il suo destino. Se quindi l istante del presente autentico è il momento in cui l uomo decide ciò che è, nella sua possibilità di essere autentico o vivere nella gettatezza dell affaccendamento mondano, questo, in ultima analisi, è il momento essenziale del tempo autentico dove il futuro e il passato non sono più ciò che inautenticamente consideriamo la misura quantitativa della realtà temporale, ma si uniscono autenticamente in questo istante. In questo passo di Tempo ed Essere, scritto del secondo periodo, il filosofo ha ormai trasformato la riflessione che proponeva in Essere e Tempo e lo vediamo rivolto all Essere stesso. Qui rintracciamo un chiaro suggerimento che definisce la dimensione temporale. questo non-più-presente è [a noi] presente immediatamente nella sua assenza: nella maniera del passato come essente-stato che come tale riviene a noi e ci riguarda. Questo non scompare come ciò che è passato nel senso del semplice trascorrere, fuori dell ora precedente. Piuttosto

5 l essente-stato permane nella presenza, sebbene nella sua propria maniera. Nell essente-stato è ancora un dispiegarsi d essere nella presenza che è offerto. Ma l assenza viene a noi e ci riguarda anche nel senso del non ancora presente alla maniera del dispiegarsi della presenza inteso come venire-a-noi-dell avvenire. Noi troviamo nell assenza, sia quella dell essere-stato, sia quella dell avvenire, una maniera di esser presente e di adire a noi dell essere, che in nessun modo coincide con l esser presente nel senso dell immediata presenza. Conformemente a questo val la pena osservare che non ogni presenza è necessariamente presente. 2 Nel senso che Heidegger assegna al tempo, ossia il suo essere offerto nella presenza attuale di là da ciò che è stato realmente nel passato che non c è più e di quello che avverrà nel futuro che deve ancora avvenire, troviamo un importante spunto di riflessione sul vissuto del paziente oncologico. Egli vive nella necessità di riformulare il suo passato, spesso affollato di colpe e di errori, che a volte giustificano la stessa presenza attuale del cancro, e di definire l idea di futuro che vede ostacolata dalla gravità della malattia. Tutto questo è presente al paziente nel modo in cui Heidegger termina la citazione appena riportata, ossia: val la pena osservare che non ogni presenza è necessariamente presente. La presenza attuale del passato e del futuro, per quello che abbiamo evidenziato, legittima l importanza di un lavoro di counseling, impostato sul qui e ora, al posto di una più impegnativa, sconveniente ed eventuale regressione nel passato del paziente oncologico possibile, anche se non obbligata, ad una psicoterapia. Il discorso sul tempo apre quindi l importante dimensione dell anticipazione della morte attraverso l angoscia; ma l angoscia non è paura del pericolo, e neanche della morte stessa, che in questo senso non viene assunta come momento oggettivo del morire fisico. Essa, l angoscia, permette piuttosto la comprensione dell impossibilità di un senso nell esistenza inautentica dell individuo. Il concetto che riteniamo fondamentale per il nostro lavoro non è, di certo, il poter trasmettere all altro, in una relazione d aiuto in oncologia medica, il non senso della sua esistenza, ma questo stato è, a nostro parere, la condizione essenziale del counselor, o dello psicoterapeuta, che deve comprendere la non realtà significativa della propria individualità. Ciò produce il riuscire a stare su un piano di coscienza empatico che permetta la reale facilitazione dell altro, avendo acquisito la possibilità di alimentare un campo relazionale in cui questo possa avvenire. La comprensione autentica, stando ai termini heideggeriani, e il risolvere quindi in noi il significato di morte ci permette di stare nella relazione d aiuto a contatto con la paura che l altro ha del 2 Tempo ed Essere, Heidegger, introduzione, traduzione e note dall originale tedesco Zur sache des denkens, Max Niemeyer Verlag, Tubingen 1969, nella quarta edizione italiana, Guida Editori, 1991, Napoli, pagg. 116/117.

6 decesso, avendo compreso che l evento del terminare l esistenza, il morire per l individuo nella sua gettatezza, non è la mera evidenza di una fine ma, per noi, la comprensione autentica del poter essere qualcosa di più della dimensione individuale. Quest atteggiamento del counselor è quindi il fattore fondamentale che permette una reale empatia, dove possiamo stare con l altro senza barriere e timori che metterebbero in gioco il senso stesso del nostro esistere, avendo trasformato la paura nell angoscia anticipatrice che permette lo svelamento dell Essere che noi stessi siamo. Ora, c è un punto essenziale che, dopo aver messo in luce i principi comuni tra il pensiero di Heidegger e il lavoro del mindfulness counselor in oncologia medica, traccia i confini tra gli stessi. Ci riferiamo alla necessità di chiarire l impossibilità per il filosofo tedesco che ci sia una reale empatia con l altro nell evento autentico della sua morte. Comprendere, quindi, come questo tema possa essere proposto in una reale relazione d aiuto. Approfittiamo di questo confronto con l idea heideggeriana della morte dell altro per esprimere la nostra opinione anche in merito all empatia in generale. Riteniamo che questa, presa nella sua espressione più estrema, cioè nell occasione della morte dell altro, possa essere analizzata nella totalità della sua esperienza/significato. Prima di tracciare una nostra riflessione in merito, citiamo alcuni passi rappresentativi di Essere e Tempo in cui si evidenzia quanto accennato. Quanto più adeguatamente si considera il fenomeno del non-esserci-più del defunto, tanto più si fa chiaro che l essere-con i morti non esperisce affatto l autentico esser-pervenuti-alla-fine da parte dei defunti. La morte si rivela certamente come una perdita, ma è qualcosa di più di quanto coloro che rimangono possono esperire. Nei patimenti per la perdita del defunto non si accede alla perdita dell essere patita da chi muore. Noi non sperimentiamo mai veramente il morire degli altri; in realtà non facciamo altro che l essere loro vicini.e anche se fosse possibile e attuabile chiarire psicologicamente a noi stessi il morire degli altri stando loro vicini, sarebbe comunque impossibile comprendere la maniera di essere di cui si tratta, cioè il giungere alla fine. Il problema è quello del senso ontologico del morire del morente in quanto possibilità d essere del suo essere Ogni Esserci deve assumersi in proprio la morte. Nella misura in cui la morte è, essa è sempre essenzialmente la mia morte. Essa esprime una possibilità di essere caratteristica, in cui ne va dell essere puro e semplice di un Esserci sempre di qualcuno. Nel morire si fa chiaro che la

7 morte è costituita ontologicamente dal carattere dell esser-sempre-mio e dall esistenza. Il morire non è un semplice accadimento, ma un fenomeno da comprendersi esistenzialmente 3 Da quanto citato è molto chiara l affermazione dell impossibilità di essere in piena empatia col morente: Noi non sperimentiamo mai veramente il morire degli altri; in realtà non facciamo altro che l esser loro vicini. Questa frase apre in un contesto di counseling in oncologia medica già due importanti riflessioni. Quale potrebbe essere una relazione d aiuto fondata su una non comprensione, sull impossibilità di sperimentare l esperienza dell altro? In questo caso, cosa significa essere vicini? E, in ultima analisi, domanda alla quale intendiamo dare una risposta, è possibile sperimentare, in disaccordo con Heidegger, una diversa relazione in cui sia reale la possibilità di una totale empatia? È evidente, da parte nostra, che qui nasca una concezione dell empatia che tende alla totale comprensione delle emozioni dell altro sfumando la coscienza della propria identità come identità separata. Il rinunciare ad una concezione forte d identità separata può portare a una deriva verso la follia di chi osasse e riuscisse ad agire in tale modo, a meno che non abbia riformulato in sé il significato stesso d identità. Intendiamo giustificare quest affermazione partendo dal senso dell asserzione sull impossibilità empatica con la morte dell altro che propone Heidegger, per differenziarci da esso attraverso la comprensione dei motivi che stanno alla base della sua idea. Heidegger sostiene l impossibilità di comprendere la morte dell altro perché pone questa come momento esistenziale che, attraverso l angoscia, apre l occasione di afferrare la propria essenza autentica: l Essere. Per questo la morte, per Heidegger, è la possibilità dell impossibilità di esser-ci. Non sta parlando dell angoscia come tonalità emotiva, psicologica, ma la considera uno strappo nella coscienza dell esser-ci che accede alla comprensione dell Essere stesso che l uomo è in sé. La morte è per l Esserci la possibilità di non poter più esserci. Nella sua qualità di poter-essere, l Esserci non può superare la possibilità della morte. La morte è la possibilità della pura e semplice impossibilità dell Esserci. Così la morte si rivela come la possibilità più propria, incondizionata e insuperabile. Come tale è un imminenza sovrastante specifica. L essere-per-la-fine si rivela fenomenicamente come l essere per la possibilità dell esserci più caratteristica e specifica. L esser-gettato nella morte gli si rivela nel modo più originario e penetrante nella situazione 3 Heidegger, Essere e Tempo, traduzione dall originale tedesco Sein und Zeit di Piero chiodi, Longanesi & C., Milano 1998, par. 47, pagg

8 emotiva dell angoscia. L angoscia davanti alla morte è angoscia davanti al poter-essere più proprio, incondizionato e insuperabile. L angoscia non dev essere confusa con la paura davanti al decesso. Essa non è affatto un atonalità emotiva di depressione, contingente, casuale, alla mercé dell individuo; in quanto situazione emotiva fondamentale dell Esserci, essa costituisce l apertura dell Esserci al suo esistere come esser-gettato per la propria fine. Si fa così chiaro il concetto esistenziale del morire come esser-gettato nel poter-essere più proprio, incondizionato e insuperabile, e si approfondisce la differenza rispetto al semplice scomparire, al puro cessare di vivere e all esperienza vissuta del decesso. 4 La morte quindi non può essere condivisa nella cura dell altro in un momento empatico perché Heidegger si riferisce a essa come evento autentico della comprensione ontologica di un individuo. Non sta parlando del semplice venir meno da una presenza. L angoscia, come momento autentico e svelante non può essere: confusa con la paura davanti al decesso. Qual è il rapporto, quindi, tra il momento autentico e soggettivo cui si riferisce Heidegger e una relazione d aiuto rivolta a chi sente forse per la prima volta la reale possibilità dell inautentico decesso? Quale modalità possiamo sperimentare per vivere una relazione empatica col paziente, ad esempio, in oncologia medica? Per confrontare gli stimoli che offre il pensiero di Heidegger col contesto reale della relazione d aiuto, dobbiamo allargare l ambito della sua riflessione in cui si evidenzia la differenza tra il vivere-per-la-morte autentico e il morire inautentico. Nelle citazioni precedenti si pone l evidenza sulla necessità di comprendere, attraverso l angoscia, il morire come decisione anticipatrice che apre la comprensione all Essere che noi stessi siamo, alla nostra autentica essenza. Questa comprensione inevitabilmente porta allo svelamento del non senso degli affaccendamenti umani. Il filosofo descrive, in Essere e Tempo, come la morte sia vissuta inautenticamente nel quotidiano e come essa, quindi, non si presenti come momento autentico di comprensione ontologica. Se, inoltre, il vivere-per-la-morte autentico si manifesta non come decesso effettivo, ma come decisione-anticipatrice che apre la comprensione alla possibilità dell impossibilità dell esistenza dell esserci, di contro, la morte, il decesso, il venir meno quotidiano nel suo vissuto inautentico prende la forma di una evasione coprente di fronte alla morte. 5 Il vissuto inautentico della morte si esprime col Si : è l esistenza cioè del si dice e del si fa. 4 Op. cit. par. 50, pagg Op. cit. par.52, pag. 311.

9 L esplicazione dell essere quotidiano per la morte si è attenuata alle chiacchiere del Si: un giorno o l altro si finirà per morire, ma, per ora, ancora no. La quotidianità riconosce una specie di certezza della morte. Nessuno dubita che si muoia. Ma questo nessuno dubita non porta con sé l esser-certo quale si addice alla morte nel senso di possibilità caratteristica e specifica dell Esserci. La quotidianità si ferma a questo riconoscimento equivoco della certezza della morte, per dissimulare, coprendolo ancora di più, il morire, e rendersi così più leggero l essergettato nella morte. L evasione coprente davanti alla morte non può essere autenticamente certa della morte, ma ne è tuttavia certa. Che ne è dunque della certezza della morte? 6 Si sa della certezza della morte, ma non si è autenticamente certi della propria. 7 Il Si nasconde ciò che la certezza della morte ha di più caratteristico e cioè che essa è possibile a ogni attimo. La certezza della morte si accompagna all indeterminazione del suo quando. L essere-quotidiano-per-la-morte cerca di nasconderlo, attribuendo alla morte il carattere della determinatezza. Non certo nel senso di un calcolo possibile del momento in cui avrà luogo il decesso, giacché l Esserci preferisce fuggire dinanzi a questa determinazione. Il prendersi cura quotidiano determina l indeterminatezza della morte certa col sospingere innanzi ad essa le urgenze immediate e le possibilità prossime del vivere quotidiano. Il coprimento dell indeterminatezza inquina anche la certezza. Viene così velato il carattere più proprio della possibilità della morte: quello di essere possibile ad ogni attimo, il suo esser certa e indeterminata. 8 Il vissuto quotidiano della morte, quindi, così come si manifesta nell esperienza degli individui, è un continuo rinunciare alla certezza che ognuno di noi deve morire e alla sua indeterminatezza. Il passo di Essere e Tempo che citiamo di seguito chiarisce ancora come la morte, vissuta autenticamente, sia la possibilità più propria dell uomo e quali caratteristiche deve aver per essere tale. La morte, come fine dell Esserci, è la possibilità dell Esserci più propria, incondizionata, certa e come tale indeterminata e insuperabile. La morte, come fine dell Esserci, è nell essere di questo ente, in quanto esso è-per-la-fine. 9 6 Ibid. 7 Op. cit. pag Ibid. 9 Op. cit. pag. 315.

10 Ora che abbiamo messo in luce con le parole di Heidegger stesso quale sia il vissuto autentico e inautentico della morte, per non lasciare dubbi circa il significato del progetto esistenziale (decisione anticipatrice) di un essere-per-la-morte autentico, citiamo un ultimo passo del testo. L essere-per-la-morte non concerne la realizzazione della morte; tuttavia non consiste neppure nel sostare dinanzi ad essa come semplice possibilità. Un tale atteggiamento si risolverebbe nel pensare alla morte. Esso consisterebbe nel pensare a questa possibilità, calcolando il come e il quando della sua realizzazione. Questo scervellarsi sulla morte non la priva certamente del suo carattere di possibilità, poiché la morte è pensata come qualcosa che verrà, ma la svuota, tentando di controllarla per mezzo di calcoli. La morte, come possibile, deve allora palesarsi il meno possibile nella sua possibilità. Al contrario, nell essere-per-la-morte, quand esso, comprendendo, abbia posto in chiaro questa possibilità come tale, la possibilità deve essere compresa proprio come possibilità, deve essere posta in atto come possibilità e in ogni comportamento verso di essa deve essere sopportata come possibilità. Un modo con cui l Esserci si rapporta al possibile nella sua possibilità è l attesa. L essere per la possibilità, in quanto essere-per-la-morte, deve rapportarsi alla morte in modo che essa, in questo essere e per esso, si scopra come possibilità. A questo modo di essere per la possibilità noi diamo il nome di anticipazione della possibilità. L anticiparsi si rivela come la possibilità della comprensione del poter-essere più proprio ed estremo, cioè come la possibilità dell esistenza autentica. 10 Heidegger ci descrive, quindi, continuamente i due piani: quello della vita autentica, di chi ha il coraggio di comprendere la finitezza umana anticipandone sul piano della possibilità la comprensione, e della vita inautentica che, al contrario, ne fugge il vero significato. Dopo il necessario approfondimento del pensiero heideggeriano riprendiamo le domande fondamentali. In prima proposta è necessario proiettare i concetti di autentico e inautentico sulla relazione reale. Qual è il piano che realmente viviamo quando ci troviamo di fronte ad un paziente oncologico nelle varie fasi della sua malattia, che va dalla possibilità della guarigione alla realizzazione della stessa, oppure al definitivo decesso? Teniamo presente che l affacciarsi del cancro, di colpo, nella vita di un individuo crea quella frattura nel quotidiano che spinge il paziente, a volte, verso quel confine tra autentico/inautentico della domanda esistenziale sulla morte. Stando ai significati proposti da Heidegger, possiamo costatare che un vissuto autentico della morte nella sua accezione di possibilità anticipatrice descrive quello stato di coscienza di chi si 10 op. cit. pagg

11 ponga anticipatamente di fronte alla domanda sul senso dell esistenza. Ricordando anche che questa è una domanda ontologica che non descrive l evento oggettivo del morire, del decesso di un corpo nella sua fisicità. Ci troviamo quindi su un piano filosofico, non nel senso di elucubrazione che non si stacca dal piano mentale, ma nell accezione elevata del termine che individua chi vive filosoficamente come un amante della conoscenza che, come tale, investe e fonda filosoficamente la sua struttura esistenziale. Questo piano, quello autentico, ricordiamo, non può per Heidegger essere vissuto con empatia in una relazione d aiuto perché non descrive la paura del morire, ma quell angoscia che apre la comprensione autentica, ontologica del senso dell Essere che noi stessi siamo. In una relazione d aiuto in oncologia medica l empatia che ci troviamo ad agire è rivolta, stando ai termini heideggeriani, alla paura inautentica del morire, del non più essere individuo con una storia particolare, contingente alle proprie esperienze del prendersi cura degli affari del mondo. Questa empatia è possibile e descrive un po quello che Heidegger chiama: Esser vicini al morente. Potremmo anche accontentarci di stare vicini al paziente e cercare di dargli la nostra comprensione, facendo in modo di colmare in parte la sua solitaria paura di morire. In questo agire non sarebbe in discussione il fatto che il paziente voglia o possa comprendere la sua autentica esperienza esistenziale ponendo uno iato irreversibile sulla nostra empatia. Quello che in ultima analisi vogliamo sostenere è ciò che consideriamo condizione necessaria per realizzare una relazione d aiuto di counseling che abbiamo definito mindfulness espressa nelle sue piene possibilità. Riteniamo sia una condizione fondamentale che il mindfulness counselor, ossia quel counselor che fondi sulla consapevolezza il suo lavoro in una relazione d aiuto, in quanto tale viva in una condizione di svelamento della propria coscienza. In termini heideggeriani potremmo dire che non esiste un approccio mindfulness alla relazione d aiuto se non vi è una condizione di autenticità. In questo contesto utilizziamo il termine autentico o autenticità così come sono espressi nel pensiero heideggeriano. È necessaria questa specificazione anche e soprattutto per distinguere il termine autentico qui inteso da quello espresso da Rogers. Con questo chiarimento non intendiamo rifiutare uno dei sei cardini che fondano la terapia centrata-sul-cliente di Rogers, ossia la congruenza che offre il significato di autenticità, in cui il counselor o il terapeuta è cioè, nella relazione, liberamente e profondamente se

12 stesso 11. Questo modo relazionale, assieme agli altri cinque cardini 12, contribuisce a creare quel campo ideale che permette all altro di produrre le sue trasformazioni. Dal punto di vista che intendiamo esporre in questo momento diciamo che l autenticità, o la congruenza, espressa da Rogers rappresenta un momento essenziale in cui il counselor può donare se stesso nella relazione, al di là del livello di svelamento autentico della sua coscienza. Quindi parlare di autenticità nel significato assegnato da Heidegger a questo termine, e riferendo questo al counselor, significa affermare che non può esserci una relazione condotta su un piano mindfulness, portato alla sue estreme possibilità, se il counselor non abbia svelato in sé la propria autenticità. Detto in altri termini, questo, se vuole realmente aprire un campo d ascolto consapevole e empatico, deve aver risolto in sé il significato di vita e di soggetto aprendo quella decisione anticipatrice che svela inevitabilmente il non senso dell affaccendarsi-nel-mondo in quanto dimensione dell ego e dei suoi prodotti. Il risultato di tale raggiungimento nel counselor permette quell empatia autentica che favorisce la comprensione che il counselor ha del paziente e in quest ultimo la possibilità di vivere accompagnato nella sofferenza della sua inautentica individualità. A questo livello sosteniamo quindi che, se il counselor non è passato dalla paura della morte all angoscia ontologica dell impossibilità della possibilità dell esistenza individuale, non potrà comprendere neanche la paura del paziente di fronte alla sua inautentica morte fisica, il venir meno quindi di quell individuo particolare che il paziente rappresenta in sé. Volendo spingere ancora di più le conseguenze di tale autenticità del counselor, affermiamo che, qualora nel paziente l evento traumatico del cancro apra la possibilità di strappare il confine della paura di morire accedendo al più ampio spazio ontologico dell angoscia, sarebbe prontamente disponibile l ideale accoglienza a questa istanza esistenziale. In ciò individuiamo una distanza tra noi e Heidegger. Il filosofo tedesco traccia la via verso l Essere su un piano a nostro giudizio ancora mentale e non reale, rivolto, nella sua produzione filosofica finale, all espressione poetica che definisce la possibilità di essere solo i pastori dell Essere e non l Essere stesso. Riteniamo che, al contrario, quest ultima possibilità, l essere l Essere stesso, sia l unica occasione di comprendere per identità con essa tale autentica dimensione. 11 Titolo originale: On Becoming a Person A Therapist s View of Psychotharapy, Carl R. Rogers. La Terapia Centrata sul Cliente, Ed. Psycho di G. Martinelli, Firenze 2000, pag Per l approfondimento dei cardini essenziali della Terapia centrata sul cliente di Rogers fare riferimento all opera citata.

13 L impossibilità in Heidegger di trovare un metodo per realizzare l Essere realmente, il Quale di conseguenza rimane Qualcosa di cui parlare senza comprenderlo realmente, porta all affermazione di non poter realizzare una piena empatia nei confronti di un essere umano in generale e del morente qui in particolare. Per Heidegger, che, in effetti, non risolve in sé l Essere autentico che lui stesso è, si può solo esser vicini al morente sia nel suo venir meno inautentico sia nella sua comprensione ontologica rivolta al significato di esistenza autentica. Questo perché non comprende quanto possa essere svelante ed empatica in sé la dimensione autentica a cui si riferisce. Queste due ultime dimensioni, cioè il poter stare in empatia sia verso l inautentico decesso sia di fronte ad una necessità di autenticità, sono ciò che affermiamo sia possibile. Riteniamo tutto ciò possibile a patto, però, che si abbia un metodo che liberi la comprensione autentica dell Essere che noi stessi siamo dalla prigione della mente che può, di certo, intuire la necessità di questa attuazione, ma mai comprenderne e realizzarne la reale identità. Il metodo per compiere la nostra autenticità è da noi testimoniato in un percorso mindfulness, che si fonda sull insegnamento delle grandi Tradizioni sapienziali e non può di certo essere limitato alla formalità di un programma scolastico di counseling. Il percorso verso l Essere che noi stessi siamo è ciò che si avvia da un individuo, da un esserci, dasein, fino a trasformare il senso stesso della propria esistenza.

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324 TEMA 8: LA MORTE UMANA Tema 8/1: La morte Martin Heidegger, Essere e tempo Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53 Longanesi, Milano 1976, 316-324 ESSERE E TEMPO di MARTIN HEIDEGGER TRADUZIONE DI PIETRO CHIODI CO-NDOTTA

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER

Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER Giacomo Pisani IL GERGO DELLA GENUINITÀ IN HEIDEGGER Il testo è pubblicato da www.filosofia.it, rivista on-line registrata; codice internazionale issn 1722-9782. Il copyright degli articoli è libero. Unica

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista di Paolo Vanin Settembre 1999 Versione provvisoria Sommario Sommario... II RIPENSARE UN FALLIMENTO FILOSOFICO... 1 Il problema del senso

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza

Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza Dare buoni consigli non basta: formare la coscienza Ivo Seghedoni * Formarsi senza imparare a vivere «Formazione» è un termine polisemico, una nozione dal significato non univoco nella nostra tradizione

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali)

Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali) Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali) dal libro: La terapia centrata sul cliente di Carl. R. Rogers Ed. Martinelli 1970 e1994 Carl Rogers, morto nel

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger

L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger 2005 Istituto di Filosofia Arturo Massolo Università di Urbino Isonomia L esserci dell altro in Essere e Tempo L alterità nell analitica esistenziale di Martin Heidegger Alessandro Marini Università degli

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento Iscrizione e ricerca di un testamento Quali sono le principali forme di testamento in Italia? * il testamento autentico, redatto da un notaio. * il testamento olografo, scritto, datato e firmato di pugno

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli