Negozio di 400 m 2 Abbigliamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Negozio di 400 m 2 Abbigliamento"

Transcript

1 OM200/F STRUTTURE DEL TERZIARIO Negozio di 400 m 2 Abbigliamento N400- NEGOZIO DI 400 mq vendita di capi d'abbigliamento Disposizione dell ambiente vetrina vetrina 2 cassa vetrina 3 cassa 2 spogliatoio magazzino 57

2 N Relazione tecnica riteri di progettazione per gli impianti elettrici da realizzare in un negozio di abbigliamento di circa 400 m 2. STRUTTURA. Si tratta di un negozio di circa 400 m 2 con area di vendita, magazzino, spogliatoio e servizio igienico, predisposto per la vendita di capi d abbigliamento. Si trova inserito in un complesso commerciale. GLI IMPIANTI ELETTRII ED I LORO OMPONENTI DOVRANNO ESSERE ONFORMI, IN GENERALE: - alle prescrizioni dei Vigili del fuoco; - alle prescrizioni ed indicazioni del Distributore dell energia elettrica; - alle prescrizioni ed indicazioni del Distributore del servizio telefonico; - alle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro; - alle norme, decreti e leggi per la prevenzione degli incendi; - alle norme e raccomandazioni dell Ispettorato del Lavoro e dell ISPESL. - alle prescrizioni fornite dal committente ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO Nel progetto sono state utilizzate come riferimento principale le norme EI (omitato Elettrotecnico Italiano) in particolare la Norma EI 64-8, nonché le disposizioni legislative vigenti relative alla tipologia della struttura. I componenti elettrici da utilizzare devono essere costruiti a regola d arte e, se soggetti alla direttiva bassa tensione e/o di compatibilità elettromagnetica, devono possedere la marcatura E. Per componenti non soggetti alle direttive europee (ad esempio le prese a spina di uso domestico) è richiesto comunque che siano conformi alle norme corrispondenti e/o abbiano la dichiarazione di costruzione a regola d arte da parte del produttore. 58

3 N Relazione tecnica FORNITURA ENERGIA. Sistema TT, trifase +neutro, Vn= 400/230 V a.c. 50 Hz, con neutro collegato a terra dall ente distributore e masse dell utente collegate a terra tramite conduttore di protezione PE. Il contatore è previsto in un locale contatori nel complesso commerciale dal quale partono le linee che alimentano i diversi negozi. ALIMENTAZIONE DI ONTINUITÀ. E previsto n. gruppo di continuità statico (UPS) per garantire un illuminazione minima nella zona vendita e per la continuità di servizio in caso di mancanza dell alimentazione di rete per quanto riguarda le prese alle casse e i componenti dell automazione SS. L UPS previsto comprende tipologia On Line a Doppia onversione, architettura modulare, possibilità di configurazione N+X ridondante con schede di potenza da.250 VA entrocontenute nello stesso cabinet, tecnologia PWM ad alta frequenza, neutro passante. L architettura modulare dovrà essere del tipo parallelo distribuito, in cui tutti i moduli di potenza presenti (da.250 VA) si ripartiscono il carico, offrendo la continuità totale all alimentazione dei carichi anche in caso di guasto; infatti la potenza nominale erogabile dalla somma dei moduli funzionanti sarà sempre a disposizione dell utilizzatore, che potrà operare a carico ridotto o, in caso di configurazione ridondante, a carico normale. L UPS dovrà avere una Potenza Nominale di VA, Potenza Attiva W, monofase, equipaggiato con batterie d accumulatori di tipo ermetico regolate da valvola, contenute all interno dell UPS o in uno o più armadi esterni, dimensionate per garantire un autonomia minima di minuti con l 80% del carico o 20 con 50% del carico. L UPS è dotato di un display alfanumerico a cristalli liquidi (LD), retroilluminato. Una serie di appositi pulsanti, situati in prossimità del display, consentono all utente di: visualizzare i dati di funzionamento; impostare i parametri di funzionamento: selezionare la lingua nella quale vengono espressi i messaggi. L UPS comprende la marcatura E in accordo con le Direttive 73/23, 93/68, 89/336, 92/3, 93/68 e conforme alle norme EN , EN , EN

4 QUADRI ELETTRII E PROTEZIONE DELLE ONDUTTURE Il quadro elettrico QEG N400, posizionato subito a valle del contatore, provvede alla protezione della linea lunga circa 00m che alimenterà le utenze del negozio N400 mediante il quadro di distribuzione QED ubicato nel magazzino. Gli interruttori magnetotermici previsti sono in grado di interrompere l alimentazione in caso di sovracorrenti dovute sia a cortocircuito che a sovraccarico. Le tipologie di interruttori previsti sui due quadri sono coordinati in modo di poter interrompere, correnti di corto circuito massime (3F) fino a 6 ka. Le caratteristiche degli interruttori ed il dimensionamento delle sezioni permettono una potenza contrattuale fino a 20 kw. I quadri elettrici previsti sono conformi alla Norma di riferimento per la costruzione EI 7-3/3 e dichiarabili di tipo ASD e adatti a contenere apparecchiature di tipo modulare predisposte per l aggancio su guida normalizzata EI EN Previsto in entrambi i quadri di un portello sul fronte. In fase di progetto è stata effettuata la verifica della sovratemperatura mediante il sistema di calcolo incluso nel software per il dimensionamento della rete di distribuzione Tisystem 5. di Bticino. Il centralino QED2 è predisposto ad accogliere i componenti My Home. PROTEZIONE ONTRO I ONTATTI DIRETTI Se non richiesti indici di protezione specifici, le parti attive dovranno essere racchiuse entro involucri o dietro barriere che assicurino almeno il grado di protezione IPXXB (il dito di prova non può toccare parti in tensione: Norma EI 70- IIª Ed.), tranne che per le superfici superiori orizzontali per le quali dovrà essere almeno IPXXD (il filo di prova del diametro di mm non può toccare parti in tensione: Norma EI 70- IIª Ed.). ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO Per ragioni di esercizio e di sicurezza, nell aprire gli involucri sarà necessario eseguire una delle seguenti disposizioni: - uso di un attrezzo o di una chiave se in esemplare unico ed affidata a personale addestrato; - sezionamento delle parti attive mediante apertura con interblocco; - interposizione di barriere o schermi che garantiscono un grado di protezione IP2X. L isolamento delle parti attive si potrà rimuovere solo mediante distruzione e dovrà presentare caratteristiche di resistenza ad agenti meccanici, chimici, termici, elettrici ed 60

5 N Relazione tecnica atmosferici; vernici, lacche, smalti e prodotti simili non sono idonei, in genere, a fungere da isolanti. Gli interruttori differenziali con corrente differenziale Id 0,03A, devono essere considerati come protezione addizionale contro i contatti diretti e da impiegare unitamente ad una delle altre misure di protezione totale o parziale precedentemente citate. PROTEZIONE ONTRO I ONTATTI INDIRETTI Per soddisfare le condizioni richieste dalla norma EI 64-8, essendo un impianto di tipo TT, sono stati previsti per i circuiti terminali (es. prese, lampade a portata di mano, ecc.) protezioni mediante interruttore magnetotermico differenziale tipo G-A con Idn 30 ma. SELETTIVITÀ Particolare attenzione è stata posta per garantire la migliore selettività di intervento delle protezioni sia per le sovracorrenti (selettività magnetotermica) sia per le protezioni contro i guasti a terra (selettività differenziale), in modo che un guasto su un circuito terminale non possa mettere fuori servizio le altre utenze su circuiti sani. selettività magnetotermica: gli interruttori magnetotermici btdin60 del quadro QED sono selettivi fino a 6 ka nei confronti dell interruttore generale Megatiker del QEG. L interruttore generale del quadro derivato è un sezionatore Megaswitch. Selettività differenziale: mediante interruttore differenziale regolato sulla sensibilità di A e tempo di intervento di s posto nel quadro QEG, che consente una selettività amperometrica e cronologica nei confronti dei differenziali a valle. IMPIANTO DI TERRA Il sistema di collegamento a terra dell impianto in oggetto è di tipo TT, ma essendo il negozio compreso in un centro commerciale con impianto TN-S si dovrà provvedere ad equipotenzializzare i diversi impianti di terra realizzando di fatto un impianto di terra unico. 6

6 ONDUTTURE La linea proveniente dal QEG-N400 quindi dal punto di consegna dell energia, e collegata all interruttore generale del quadro QED è del tipo multipolare con guaina, FG7(O)M, non propagante l incendio e a bassa emissione di fumi tossici. Detti cavi sono posati su canale forato sospeso con mensole a parete nei tratti orizzontali e fissato a parete in verticale nei cavedi in muratura oppure in passerella forata sospesa a soffitto. I cavi previsti per i circuiti energia nel negozio, sono del tipo non propagante l incendio e a bassa emissione di fumi tossici tipo N07G9-K. Nel negozio, i cavi elettrici sono posati in canalizzazioni realizzate con tubi pesanti in PV sottotraccia, a parete ed a pavimento oppure in canale del tipo per controsoffitti e sospeso al soffitto. Previsti canali elettrificati per alimentare le lampade fluorescenti compatte nella zona vendita che saranno connessi ai cavi di alimentazione tramite appositi accessori. La scelta dei cavi a bassa emissione di fumi tossici, volta a migliorare la sicurezza degli impianti e a diminuire la dannosità in caso d incendio, è dettata dal fatto che il negozio è inserito in un complesso commerciale frequentato da un numero considerevole di persone e pertanto rientra negli ambienti a maggior rischio in caso d incendio. Le sezioni dei cavi sono state dimensionate in base alla corrente di carico I B e applicando opportuni coefficienti alle portate nominali in funzione della contemporaneità e utilizzazione dei carichi, del raggruppamento nello stesso tubo e della caduta di tensione massima definita. I parametri ed i coefficienti utilizzati sono indicati nelle tabelle degli schemi dei quadri elettrici. Nella definizione delle potenze dei carichi si è tenuto conto di un fattore di potenza cosfi uguale a 0,9, supponendo i carichi già rifasati. Sugli schemi dei quadri elettrici sono indicati i tipi di posa mediante numeri corrispondenti alla tabella 52 della norma EI 64-8/5. Le portate nominali dei cavi scelte come riferimento corrispondono a quelle indicate dalla norma EI-UNEL 35024/ e e tengono conto del valore di massima temperatura ambiente di progetto, delle effettive condizioni di posa e dei margini di ampliamento futuri. E stato inoltre ipotizzato, per i cavi con tratti in comune con altri circuiti, un coefficiente di riduzione della portata che varia in funzione del numero di circuiti raggruppati, anch esso riportato sullo schema. La temperatura ambiente di riferimento considerata è di 30. ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO La caduta di tensione, per impianto funzionante con corrente di carico Ib, è stata contenuta complessivamente entro il 4% della tensione nominale. 62

7 N Relazione tecnica ILLUMINAZIONE L illuminazione prevista garantisce i livelli di illuminamento minimi richiesti dalla Norma EN Nella zona vendita sono state previste lampade fluorescenti compatte da 42w in riflettori montati su canale elettrificato. L allacciamento tra cavi di alimentazione e il binario elettrificato sarà effettuato mediante appositi accessori. Nel magazzino e nei locali di servizio, sono state previste lampade fluorescenti di tipo T5 da 54 w che consentono un notevole risparmio energetico, montate in corpi sospesi a plafone. I dati illuminotecnici ed i parametri di riferimento, sono indicati nella tabella seguente. NEGOZIO DI 400 MQ.: VENDITA ABBIGLIAMENTO N400 TABELLA ARATTERISTIHE ILLUMINOTENIHE TABELLA RIEPILOGATIVA DEI ALOLI DI ILLUMINAMENTO MEDIO ON METODO DEL USSO TOTALE FORMULA UTILIZZATA PER IL ALOLO: NL= E X AXB / X U X M ZONA PROGETTO LAMPADA E DIFFUSORE VAL. UNI DIM. LOALE NL N E RA K W TIPO DIFF. ART. EM UGR RA a x b x h R U M VENDITA fluo comp. F X6X ,5 0,8 VETRINE alogenuri F X2X ,3 0,62 VETRINE alog. dicr F X2X ,3 0,62 ABINE DI PROVA alog. dicr F X2X ,3 0,62 MAGAZZINO T5 L X4X ,5 0,8 RIPOSTIGLIO T5 L X,7X ,5 0,8 W T5 L X2X ,5 0,8 LEGENDA PROGETTO ARATTERISTIHE LAMPADE E ORPI ILLUMINATI SELTI A PROGETTO VALORI INDIATI DA UNI EN NL= NUMERO LAMPADE PREVISTE A PROGETTO - N= NUMERO ORPI ILLUMINANTI PREVISTI A PROGETTO - E= ILLUMINAMENTO MEDIO RISULTANTE A PROGET- TO IN LUX RA= GRUPPO DI RESA DEL OLORE - K= TEMPERATURA DI OLORE IN GRADI KELVIN - W= POTENZA IN WATT = USSO LUMINOSO IN LUMEN DIFF.= TIPO DI DIFFUSORE:D=DARK, B=BATWING, P= PRISMATIO L=LAMELLARE, F=FARETTO EM= ILLUMINAMENTO MEDIO DI ESERIZIO IN LUX SEONDO UNI EN OTTOBRE UGR= VALORE MINIMO DELL INDIE UNIFIATO DI ABBAGLIAMEN- TO - RA= INDIE MINIMO DI RESA DEL OLORE SEONDO UNI EN OTTOBRE 2004 PARAMETRI RELA- TIVI AL LOALE OEFFIIENTI DI ALOLO A,B= DIMENSIONI DEL LOALE H= ALTEZZA DEL ORPO ILLUMINANTE SUL PIANO LAVORO IN METRI R= FATTORI DI RIESSIONE (SOFFITTO/PARETI/PAVIMENTO) U= FATTORE DI UTILIZZAZIONE F(K, R) M= FATTORE DI MANUTENZIONE ILLUMINAZIONE DI SIUREZZA Nel magazzino e nel ripostiglio dove è ubicato il quadro elettrico, sono state previste lampade autonome di sicurezza in servizio permanente con scritte indicatrici di Uscita e/o di Uscita di Sicurezza. Alcune lampade fluorescenti sono dotate di microinverter e collegate in servizio permanente. 63

8 Nell area vendita, oltre alle plafoniere indicatrici di direzione, sono previste due file di lampade fluorescenti compatte alimentate dall UPS che garantiscono un buon livello di illuminamento per alcuni minuti. IMPIANTI PRESE Sono previste a progetto prese a spina per usi domestici o similari del tipo 2P+T bipasso da 0/6 A, a poli allineati e 2P+T (laterale e centrale) tipo SHUKO 0/6 A. Le prese saranno installate in scatole da incasso nella muratura ed ogni combinazione conterrà un interruttore magnetotermico modulare come protezione di gruppo per consentire una distribuzione dei circuiti prese semplificata e più razionale. Altre prese saranno installate in cassette a scomparsa per alimentare utenze poste lontane dalle pareti, come nel caso delle asse. Prese di tipo EE (prodotti Tiplug) monofasi e trifasi con neutro, sono previste nel magazzino. IMPIANTO TELEFONIO/DATI I connettori previsti per il servizio telefonico sono del tipo RJ45, installati in proprie combinazioni in scatole da incasso nella muratura nel magazzino e in scatole a scomparsa sottopavimento nei pressi delle casse; i collegamenti saranno effettuati in base alle indicazioni del fornitore del servizio che garantirà anche connessioni via internet. ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO Nel negozio una rete locale (tipo LAN - Local Area Networks) consente di distribuire i segnali dati e telefonici in tutti i punti di prelievo previsti e di effettuare l integrazione tra i servizi di telefonia e dati. SERIE APPAREHIATURE La serie prevista a progetto, è la serie Light Tech di Bticino. L installabilità è possibile in modularità 2, 3, 4 e 7 moduli nelle scatole tradizionali. Il fissaggio degli apparecchi ai supporti è di tipo rapido e la rimozione è possibile solo tramite attrezzo. 64

9 N Relazione tecnica SISTEMA MY HOME Il sistema MY HOME di BTicino, a tecnologia bus, previsto a progetto nel negozio di abbigliamento, consente di realizzare le seguenti funzioni: Automazione di luci, serrande e tende Diffusione Sonora Antifurto Alimentatori ed attuatori in moduli din che fanno parte del sistema, saranno concentrati sul quadro elettrico QED2. Sono inoltre previsti alcuni componenti comuni ai vari impianti quali: - omado di scenari. E prevista n. modulo scenari che consente di memorizzare 4 situazioni che coinvolgono l illuminazione e le serrande in funzione di determinate esigenze. In modulo din è installato nel centralino QED2, mentre il comando scenari 8in serie Light Tech) è posizionato nei pressi di una cassa e dovrà essere opportunamente separato dall ambiente accessibile al pubblico. - Touch Screen. ome comando d ambiente è previsto un Touch Screen a colori con icone personalizzabili e che permette il controllo ed il comando di tutte le funzioni My Home installate nel negozio. - Interfacce. Mediante le quali è possibile integrare i diversi impianti My Home fra loro per realizzare applicazioni evolute (ad esempio l accensione automatica delle luci a seguito di un evento antifurto) e la gestione centralizzata e/o remota. AUTOMAZIONE LUI Il sistema Automazione My Home di Bticino consente il controllo e la gestione dei circuiti di illuminazione, sia sul posto con i dispositivi di comando standard, con il comando scenari o il touch screen, sia eventualmente, da un P, anche remoto, mediante WEB Server e software dedicato. AUTOMAZIONE SERRANDE E TENDE A progetto sono previsti n.4 motori per la movimentazione di altrettante serrande e n.2 motori per tende esterne che potranno essere comandati da un punto nei pressi della cassa, tramite pulsante specifico configurato come comando generale di gruppo oppure tramite comando scenari e/o dal Touch Screen. L eventuale integrazione con il sistema antifurto, tramite interfaccia F422, consente di ottenere le funzioni di spegnimento automatico delle luci e la chiusura delle serrande nel momento in cui viene inserito l impianto. 65

10 DIFFUSIONE SONORA Il sistema previsto consente di distribuire il segnale sonoro, in questo caso monofonico, nell area di vendita e nel magazzino. La sorgente sonora principale è un sintonizzatore radio FM al quale può essere affiancato un impianto hi-fi o altra sorgente sonora. I diffusori previsti sono 2, nella versione per controsoffitti, connessi a due a due con gli amplificatori, in moduli din, montati in calotte e posizionati nel controsoffitto e configurati per la trasmissione monofonica del segnale audio. La gestione di tutti gli amplificatori è possibile tramite il Touch Screen. ANTIFURTO E ALLARMI TENII Il sistema consente di proteggere gli ambienti con una protezione volumetrica. L inserimento/ disinserimento dell impianto si ottiene con badge portachiavi e lettore transponder posizionato all esterno della porta di accesso del magazzino. La segnalazione di allarme è affidata a due sirene esterne all ingresso dal retro, autoalimentate. La segnalazione di allarme remota è affidata al comunicatore telefonico integrato con la centrale. Il sistema è alimentato da apposito alimentatore e batterie che devono garantire un autonomia di funzionamento di 24h. I sensori per la protezione sono previsti nei seguenti tipi: - sensori volumetrici IR passivo, orientabili e da incasso, esteticamente integrati con la serie civile utilizzata. - sensori piezoelettrici rottura vetri, da applicare con il biadesivo direttamente sui vetri delle vetrine. - sensore antiallagamento L allarme allagamento sarà integrato con l impianto antifurto, mediante apposita interfaccia, al fine di utilizzare lo stesso comunicatore telefonico per inviare i messaggi specifici di allarme. ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO TV L impianto TV a circuito chiuso previsto consente il controllo delle zone critiche mediante monitor a colori e la registrazione di quanto ripreso dalle 4 telecamere dislocate all esterno dell ingresso e all interno nell area vendita e in corrispondenza delle casse. Un impianto efficace per il controllo anche in assenza di personale specifico addetto alla vigilanza, e che comunque fornisce un ottimo deterrente alle attività di microcriminalità. 66

11 P 0/6 UNEL 0/6 UNEL 0/6 UNEL P 0/6 UNEL 0/6 UNEL 0/6 UNEL 0/6 UNEL P N400 N schema Layout componenti di installazione impianto - impianti energia energia (prese e fonia e illuminazione) - dati Proiettori con alogenuri metallici 70 w Faretti alogeni con riflettore dicroico 50 w, con filtro UV Riflettori con lampade fluorescenti compatte da 42w Insegna luminosa vetrina M M USITA MT2 motore tenda 2 M M vetrina 2 MS MT MS2 motore serranda 2 0/6 UNEL cassa TS anale elettrificato 4x25A + 2x6A + bus EDP EDP 0/6 UNEL U. S. U. S. vetrina 3 MS3 MS4 M 0/6 UNEL M 0/6 UNEL U. S. U. S. cassa 2 TS U. S. 0/6 UNEL P P 5 0/6 UNEL QED2 entralino MH USITA SIUREZZA 2 2 x54w x54w 2 x54w x54w 2 x54w x54w x54w magazzino QED Q. Negozio 400 mq. x54w x54w 3 3 spogliatoio 4 x54w x54w x54w x54w x54w USITA SIUREZZA EDP EDP 0/6 UNEL 0/6 UNEL 0/6 67

12 N Legenda simboli e componenti Simbolo Prodotto Descrizione q.tà ART. NT443 Dimmer a pulsante 3 ART. L4003/0+NT49 Deviatore con lampada 4 +L474/230 ART. NT4002 Interruttore bipolare 2 ART. NT400 Interruttore unipolare 2 ART. NT4953 Falso polo con uscita diam. 9 mm ART. NT495 Falso polo 2 moduli con prefrattura ART. NT4950 Falso polo 7 ART. NT4680 omando scenari ART. L4652/2 omando di gruppo 2 mod. Simbolo Prodotto Descrizione q.tà Riflettore per fluorescenti compatte 0 x54w orpo illuminante per lampade fluorescenti x54w Lampada autonoma indicatore USITA SIUREZZA Lampada autonoma indicatore USITA SIUREZZA Lampada autonoma indicatore USITA Inverter per alimentazione lampada singola PERMANENTE ART. L4384/ Lampada di emergenza Quadro elettrico 2 Motore elettrico asincrono monofase ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO ART. NT430/6 Magnetotermico Polo + Neutro 6 Ventilatore elettrico da parete ART. NT42796 onnettori RJ45 UTP cat 6 4 Scalda acqua ad accumulo ART. NT440 Presa 2 Poli +Terra 0-6A UNEL 5 ART.P4204N Ups da 5 kva Megaline 5000 (Meta System) ART. NT480 Presa 2 Poli +Terra 0-6A 6 anale elettrificato 50m ART. B36/43+QS0 Presa EE 3-4 Poli +Terra 6A Interbloccata con fusibili TS ART Torretta a scomparsa per 20 moduli 2 ART. B226/42+QS0 Presa EE 2 Poli + Terra 6A Interbloccata con fusibili Proiettore per alogenuri metallici o alogene 0 Faretti per lampade alogene dicroiche 26 68

13 N400 - NEGOZIO DI 400 mq vendita di capi d'abbigliamento impianto diffusione sonora monofonica N Layout di installazione - diffusione sonora monofonica vetrina vetrina 2 SS D D/D2 SS D2 cassa SS D9 D9/D0 SS D0 SS D7 D7/D8 SS D8 SS D5 D5/D6 SS D6 vetrina 3 cassa 2 SS D3 D3/D4 D4 SS D2 SS Amplificatore DIN 4 mod, nel controsoffitto in calotta Diffusori da controsoffitto Touch Screen Ingresso RA, isolatore di corrente SS TS spogliatoio magazzino SS D D/D2 sintonizzatore radio RDS 69 alimentatore nodo audio/video NODO AV QED2 entralino MH

14 N Legenda simboli e componenti Diffusori da controsoffitto Diffusori da controsoffitto Diffusori da controsoffitto * Amplificatore * Amplificatore Terminatore di linea Diffusori da controsoffitto Diffusori da controsoffitto Diffusori da controsoffitto * * Terminatore di linea Simbolo Prodotto Descrizione q.tà ART. NT495 Falso polo a 2 moduli ART ART. F502 ART. F5/2D SS - Alimentatore per Diffusione Sonora SS - Amplificatore DIN in calotta in resina ART. F500 SS - Sintonizzatore Radio RDS Stereo ART. F44 SS - Nodo Audio-Video ART. NT4560 SS - Ingresso RA ART. L4566 SS - Diffusore da controsoffitto 2 QED2 centralino MH TS ART. L E touch screen 6 ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO * * Amplificatore 2 2 Sintonizzatore radio BUS 2 Nodo audio/video o matrice multicanale 2 BUS N Impianto di diffusione sonora monofonica Il sistema di Diffusione sonora previsto è costituito da 2 diffusori sonori per controsoffitti. le fonti sonore sono costituite da un sintonizzatore radio e da un eventuale impianto hi-fi. Stereo Isolatore di sorgente Ingresso RA * Gli amplificatori DIN F502 sono alimentati a 230 Vac 70

15 N400- NEGOZIO DI 400 mq vendita di capi d'abbigliamento N Layout di installazione - impianto antifurto impianto antifurto vetrina vetrina 2 cassa IR interfaccia art. 462 per contatti vetrine e porte vetrina 3 IR I IR cassa 2 sensori IR IR A spogliatoio magazzino H 2 O 7

16 IR IR IR IR N Legenda simboli e componenti Simbolo Prodotto Descrizione q.tà vetrina ART Sensore allagamento 2 ART. NT4950 Falso polo 0 ART entrale con comunicatore telefonico ART.356 Sensore piezoelettrico rottura vetri 5 ART.4072L Sirena esterna con lampeggiante 2 ART. E46ADN Alimentatore per Antifurto ART. NT4607 ART.3540 lettore di trasponder + badge portatile vetrina 2 Simbolo Prodotto Descrizione q.tà ART.350 ontatto magnetico ART. NT462 Interfaccia contatti ART. NT 46 Rivelatore IR passivo orientabile 5 ART. NT465 Interfaccia canale ausiliario ART. NT4604 Inseritore NT disinseritore N Layout di installazione - impianto antifurto - zone protette ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO cassa interfaccia art. 462 per contatti vetrine e porte vetrina 3 IR I cassa 2 sensori A T spogliatoio interfaccia art. 465 per allarme allagamento magazzino H 2 O 72

17 N Antifurto Il sistema comprende una entrale programmabile per il controllo e la supervisione dell impianto, dispositivi di comando e gestione, sensori volumetrici (tecnologia IR o a doppia tecnologia IR + MW) per la protezione interna del negozio e sensori perimetrali per la protezione di porte e finestre. ome tutti gli impianti MY HOME, il cablaggio dell Antifurto è basato sulla tecnologia BUS, per cui tutti i dispositivi sono collegati per mezzo di un cavo a 2 fili non polarizzati. Questa caratteristica consente di condividere le informazioni con le altre funzioni a BUS di MY HOME, al fine di ottenere applicazioni avanzate. INTEGRAZIONE ON ALTRI IMPIANTI MY HOME L impianto Antifurto può essere facilmente integrato, tramite una particolare interfaccia, con altri impianti MY HOME per realizzare: Applicazioni evolute derivanti dalla sinergia dei singoli impianti (per esempio l accensione automatica delle luci a seguito di un evento antifurto); La gestione centralizzata locale, o remota via Internet con portale MY HOME WEB, dell impianto. ERTIFIAZIONE IMQ ALLARME PER DISPOSITIVI DI LIVELLO 2 L antifurto BTicino offre soluzioni per ogni requisito di protezione: dal livello di protezione minimo richiesto in un appartamento fino a livelli più severi offerti da impianti professionali. IMPIANTI MY HOME A BUS Automazione Gestione centralizzata Sirena esterna entrale con comunicatore PSTN e GSM Ad altri eventuali impianti Alimentatore Interfaccia SS/SS 230 Vac BUS Badge transponder a portachiavi 73 Sensore IR+MW Interfaccia contatti Basic ontatti magnetici Badge transponder Inseritore a transponder

18 N Antifurto - Protezione da eventi pericolosi E possibile sfruttare l impianto antifurto per realizzare la protezione di cose o persone da eventi pericolosi quali la presenza di gas, acqua etc. con segnalazione, anche remota tramite messaggi telefonici, dell allarme. ALLARME PERDITA AQUA Sirena interna ALLARME PERDITE DI AQUA Rilevazione di perdita d acqua o di gas con inoltro di un messaggio e chiusura immediata della tubazione dell impianto idrico o fornitura gas. Integrando nell impianto Antifurto un sensore presenza acqua, in caso di evento di pericolo l impianto Antifurto attiva una elettrovalvola per la chiusura della tubazione della rete di distribuzione idrica. ontemporaneamente viene attivata una sirena interna mentre il comunicatore della centrale antifurto provvede ad inviare un messaggio telefonico di allarme. TV/SAT ALLARME ANTIRAPINA ALLARME ANTIRAPINA In caso di pericolo, la commessa di un negozio può attivare l impianto Antifurto per l invio di un messaggio di soccorso tramite comunicatore telefonico della centrale. L attivazione non genera alcun allarme sonoro per permettere alle forze dell ordine di sorprendere il rapinatore ignaro della chiamata effettuata. automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc IPTV Sirena interna (opzionale) TV/SAT Interfaccia canale ausialiario ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO IPTV Attuatore a relè automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi Pulsante N.. Rilevatore di allagamento 74

19 N400- NEGOZIO DI 400 mq vendita di capi d'abbigliamento Impianto TVcc N Layout di installazione - impianto TV controllo ingresso vetrina vetrina 2 cassa controllo cassa controllo area vendita vetrina 3 cassa 2 controllo cassa V spogliatoio magazzino DVR e monitor 75

20 N Legenda simboli e componenti Simbolo Prodotto Descrizione q.tà 2 e schema di collegamento ART DVR 4 ingressi con LAN, monitor e telecomando ART Telecamera per TV 4 ART Alimentatore impianto tvcc QUATTRO TELEAMERE, DVR 4 INGRESSI ON MONITOR INTEGRATO art art OAX OAX ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO 3 OAX art OAX art art Vdc NOTA: prevedere cavi di alimentazione di sezione adeguata in relazione alla distanza ed alla conseguente caduta di tensione. 76

21 N400 - NEGOZIO DI 400 mq vendita di capi d'abbigliamento N Layout di installazione - distribuzione principale Distribuzione principale vetrina E A E E E T E vetrina 2 E E EA B F cassa D EA B F T E D E D D D T vetrina 3 E F cassa 2 T D E E E F QED2 entralino MH E A E E A B F EDF E A spogliatoio QED Q. Negozio 400 mq. magazzino E E T D *ontatore energia *QEG Q. Generale negozio N400 mq. KWh 77 *Nel locale contatori

22 N Legenda simboli e componenti Simbolo Prodotto Descrizione q.tà ART ART.604 Quadro elettrico onduttura elettrica posata in canalina o su passerella onduttura elettrica incassata entro tubazione Strumento registratore contatore energia attiva Gruppo ontinuità Statico con Batterie assetta di derivazione da parete IP55 o dim. interne 220x70x86 mm assetta di derivazione da incasso dim. interne 294x28x69 mm anale vuoto installato a plafone sigle/impianto: E-energia A-circuito bus automazione B-circuito dati/fonia D- Diffusone sonora F-Antifurto T- TVcc m ENTRO OMMERIALE NEGOZIO 400 m 2 - ABBIGLIAMENTO 78

23 N Distribuzione energia BT MH Tensione di Esercizio: 400 / 230 [V] Sistema di distribuzione: TT QEG - Q. GENERALE NOME QUADRO UPS QED - QUADRO NEGOZIO 400 QED2 ENTRALINO MH NEGOZIO 400 Alimentazione - Sezione di fase [mm²] Alimentazione - Sezione di neutro [mm²] Alimentazione - Sezione di PE [mm²] Icc massima ai morsetti di entrata 4,682 0,704 0,409 orrente fase L [A] 7,46 orrente fase L2 [A] 32,28 orrente fase L3 [A] 28,49 6,42 orrente fase N [A] 3,33 6,42 Potere di interruzione (PI) Icn/Icu Icn/Icu Icn/Icu Icn/Icu PI dei Btdin secondo norma EI EN EI EN EI EN EI EN

N50 - Negozio di 50 m 2 Oggettistica e cartoleria

N50 - Negozio di 50 m 2 Oggettistica e cartoleria N50 - Negozio di 50 m 2 Oggettistica e cartoleria N50 - NEGOZIO DI 50 mq oggettistica, cartoleria,... l'ambiente ingresso Disposizione dell ambiente vetrina contenitore cassa banco scaffale scaffale w.c.

Dettagli

N120 - Negozio di 120 m 2 Gastronomia e generi alimentari

N120 - Negozio di 120 m 2 Gastronomia e generi alimentari N20 - Negozio di 20 m 2 Gastronomia e generi alimentari Disposizione dell ambiente ingresso uscita scaffale surgelati scaffale cassa scaffale scaffale basso banco frigorifero banco di lavoro piano di lavoro

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da:

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da: ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 1999 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Su una area a forma rettangolare i cui lati

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 93 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Una villa occupa una superficie di sedime di circa

Dettagli

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di

partendo dal sottoquadro Q1. - Regolazione dell impianto termico: sarà realizzata mediante un termostato di zona che comanderà il funzionamento di RELAZIONE GENERALE La presente relazione generale descrive i criteri utilizzati per le scelte progettuali esecutive del progetto degli impianti elettrico, cito-telefonico, di allarme e chiamata, T.V.,

Dettagli

STRUTTURE ALBERGHIERE

STRUTTURE ALBERGHIERE R STRUTTURE LBERGHIERE Offerte Dedicate L2001 Presentazione del documento L2001: STRUTTURE LBERGHIERE. Il documento in oggetto è il primo della collana Offerte Dedicate, un insieme di volumi specifici,

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

Antifurto CATALOGO. La sicurezza da professionisti AF04C. edizione 02/2004

Antifurto CATALOGO. La sicurezza da professionisti AF04C. edizione 02/2004 Antifurto La sicurezza da professionisti edizione 02/2004 CATALOGO AF04C MY HOME la sicurezza da professionisti Il nuovo antifurto BTicino è completo e professionale in tutte le sue funzioni: controllo,

Dettagli

Politecnica Servizi comuni edificio direzionale 1 I MULTI 5 Id 6 Id 7 Id 8 Id 9 Id 10 Id 1 Tensione di Esercizio : 00 / 0 [V] 1 - "QD01" 11 Back Up No Potere di interruzione (PI) Icn/Icu 1 Data : 0/08/009

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE STUDIO MEDICO DENTISTICO. Incluso il fascicolo NH 2002 con la normativa CEI per i locali ad uso medico

STRUTTURE SANITARIE STUDIO MEDICO DENTISTICO. Incluso il fascicolo NH 2002 con la normativa CEI per i locali ad uso medico 3 STRUTTURE SANITARIE STUDIO EDICO DENTISTICO Offerte Dedicate SD2003 Incluso il fascicolo NH 2002 con la normativa CEI per i locali ad uso medico Offerte Dedicate: SD 2003 STUDIO EDICO DENTISTICO Premessa

Dettagli

1,698 5,56. 5,56 Icn/Icu CEI EN 60898

1,698 5,56. 5,56 Icn/Icu CEI EN 60898 Studio Tecnico ing. Rozzato Via A.Martino 52 - Messina Progetto : Videosorveglianza Messina Disegnato : Coordinato : 1 Armadio 1 N di Disegno : Tensione di Esercizio : 400 / 20 [V] Sistema di distribuzione

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Politecnica 1 I MULTI 5 Id Id 7 Id 8 Id 9 Id 10 Id 11 Id 1 Id 1 Tensione di Esercizio : 00 / 0 [V] 1 - "QC01" Back Up No Potere di interruzione (PI) Icn/Icu Data : 0/08/009 Pagina : 1 Descrizione linea

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l.

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Residenza Airone PELLA (NO) fraz. Alzo Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Le soluzioni domotiche My Home è il sistema di automazione domestica di BTicino

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Politecnica 122 - servizi comuni residenziale 1 I U< MULTI 2 5 6 7 8 Id 9 Id 10 Id 11 Id 12 Id 1 Tensione di Esercizio : 00 / 20 [V] 1 - "QR01" Back Up No Potere di interruzione (PI) Icn/Icu Data : 0/08/2009

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di un magazzino adibito a vendita di generi alimentari, con dimensioni di 12 x 20 metri. Il magazzino

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE

GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE GUIDA PROGETTUALE DELL IMPIANTO CIVILE 1) CONFORMITA ALLE NORME Tutti i componenti elettrici utilizzati devono essere a regola d arte ed idonei all ambiente di installazione. Il materiale elettrico soggetto

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO

IMPIANTO ELETTRICO 8. CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DELLE PROTEZIONI DELLE CONDUTTURE DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTOCIRCUITI ADOTTATI NEL PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO 1. PREMESSA 2. OGGETTO DELL'INTERVENTO 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E PRESCRIZIONI 4. FORNITURA ENERGIA IN B.T. - DATI DI PROGETTO 5. DISTRIBUZIONE GENERALE 6. CAVI ELETTRICI 7. IMPIANTO

Dettagli

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI IMPIANTI Lavorare in sicurezza Piero Pardini Molti infortuni si verificano svolgendo attività banali e sottovalutando i rischi. Un ottima illuminazione dell ambiente e un impianto a norma rappresentano

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il Bellavista 2010 srl Carate Brianza Via Tazzoli Cos è MY HOME? MY HOME è il sistema domotico di BTicino e rappresenta l attuale modo di progettare l impianto elettrico. My Home amplia le possibilità della

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO LAVORI - 07I05 - IST. GALLI (BG) COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Quadri di bassa tensione 1 IE.01 Quadro di bassa tensione di consegna (BOX IN PREFABBRICATO O MURATURA INCLUSO) Totale a corpo 1,00 99,40 99,40

Dettagli

Comune di Giovinazzo Provincia Bari

Comune di Giovinazzo Provincia Bari Comune di Giovinazzo Provincia Bari PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE SICUREZZA PER LO SVILUPPO Obiettivo convergenza 00-0. Obiettivo Operativo..B iniziativa IO GIOCO LEALE. Realizzazione di un campo di calcio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione Tema di: Impianti Elettrici Testo: Un complesso residenziale comprende le seguenti utenze: cinque villette con box

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

Computo metrico impianto elettrico

Computo metrico impianto elettrico Documento: Computo metrico impianto elettrico Oggetto: Progetto impianti elettrici locale CED piano interrato, bagni disabili piano terra e primo, ampliamento ufficio polizia locale piano terra, impianti

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E

A M M I N I S T R A Z I O N E C O M U N A L E File: 09046_ Sett. 13 Rev: 00 Pag. 1 INDICE 1 - Premessa - stato di fatto... 2 2 - Requisiti di rispondenza a norme, leggi e regolamenti... 3 3 - Normativa di riferimento... 4 4 - Distribuzione dell energia

Dettagli

My Home è suddivisa in aree funzionali ove si possono identificare le proprie applicazioni:

My Home è suddivisa in aree funzionali ove si possono identificare le proprie applicazioni: CASA RUSCONI VIA DELLA VALLE TS Descrizione generale e vantaggi Descrizione dell'impianto my home Descrizione generale My Home è il sistema di automazione domestica che copre tutte le funzioni e le applicazioni

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA

REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria. Comune di Polistena. Provincia di Reggio Calabria RELAZIONE TECNICA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Reggio Calabria Comune di Polistena Provincia di Reggio Calabria OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE, ADEGUAMENTO FUNZIONALE E MESSA A NORMA LOCALI SER.T. POLISTENA

Dettagli

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA 1. FACILE FORMATI Facile si può trovare in tre diversi formati, a seconda delle diverse metrature che può coprire. FACILE SMALL: Centrale FACILE con GPRS integrato. Alloggiata in contenitore in ABS. Ideale

Dettagli

UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI FUNZIONE SUPPORTO TECNICO INTERNO

UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI FUNZIONE SUPPORTO TECNICO INTERNO Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI FUNZIONE SUPPORTO TECNICO INTERNO RELAZIONE TECNICA COREA CENTRO CIVICO REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI. Il Progettista P.I. Sergio Valtriani Livorno,

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI 1 COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PROVINCIA DI PERUGIA) PROGRAMMA URBANO COMPLESSO PUC 2/2008 (D.G.R.351/08) LA CITTA DEL LAGO CENTRO STORICO AREA MONUMENTALE AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO

Dettagli

PREMESSA: SCELTA CAVI:

PREMESSA: SCELTA CAVI: PREMESSA: Nelle seguenti pagine sono riportati i parametri di calcolo, le formule e le ipotesi utilizzati per i dimensionamenti dei quadri elettrici e dei cavi di alimentazione; del parcheggio A del parcheggio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ELETTRICO Premessa: La seguente relazione riguarda la realizzazione di un impianto elettrico a servizio del blocco camerini del Teatro Excelsior, sito in vico Coira del

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati MANO D OPERA Classificazione del lavorato Lavoro notturno e festivo 01 - IMPIANTI ELETTRICI NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI Cavi e tubi protettivi Dispositivi di comando Componenti per impianti tipo bus Aspiratori

Dettagli

2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3. 4.1 Quadri elettrici 3

2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3. 4.1 Quadri elettrici 3 INDICE 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 2 3. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO 2 4. CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI 3 4.1 Quadri elettrici 3 4.2 Impianti di illuminazione 4 4.2.1 Illuminazione ordinaria

Dettagli

Sommario 1. PREMESSA...2

Sommario 1. PREMESSA...2 Sommario 1. PREMESSA...2 2. INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...3 2.1. DATI DI PROGETTO DI CARATTERE GENERALE...8 2.1.1. Committente e ubicazione dell opera...8 2.1.2. Oggetto del lavoro...8 2.1.3. Normativa

Dettagli

MY HOME DIFFUSIONE SONORA

MY HOME DIFFUSIONE SONORA DIFFUSIONE SONORA LE NOVITÀ Dispositivi serie AXOLUTE Ingresso RCA TOUCH SCREEN Amplificatore da incasso 204 INDICE DI SEZIONE 206 Caratteristiche generali Catalogo 214 Dispositivi serie AXOLUTE 215 Dispositivi

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ

LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ NORMATIVA LE NUOVE REGOLE DI CONFORMITÀ all Allegato A CEI 64-8/3 LIVELLO 3 IL SISTEMA DOMOTICO MY HOME My Home è la soluzione domotica di BTicino. È un sistema rivoluzionario che utilizza la più moderna

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PREMESSA

RELAZIONE TECNICA PREMESSA RELAZIONE TECNICA PREMESSA 1.Generalità La presente relazione tecnica riguarda la progettazione esecutiva per la riqualificazione urbana dell area compresa tra via IV Novembre e via Abate Coniglio nel

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

Vantaggi del sistema My Home Automazione luci e tapparelle

Vantaggi del sistema My Home Automazione luci e tapparelle Vantaggi del sistema My Home Automazione luci e tapparelle My Home consente di gestire l illuminazione in modo efficiente e ottenendo il massimo comfort. L accensione dei punti luce può avvenire a livello

Dettagli

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS)

COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) COMUNE di SAN BASILE (Prov. di CS) PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO - A SERVIZIO della SEDE della SCUOLA ELEMENTARE CENTRO di Via CAVOUR - Progetto Cofinanziato dalla Linea di Intervento 2.1.1.1

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto elettrico a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio:

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio: La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione delle tecnologie che consentono di automatizzare una serie di operazioni all interno della casa. Si occupa dell integrazione dei dispositivi

Dettagli

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO...

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... SOMMARIO CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... 6 1 INTRODUZIONE I calcoli elettrici che formano

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENT

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENT ESEMPI DI DIMENSIONAMENTO Fonte: ABB PREMESSA Di seguito vengono proposti due esempi di dimensionamento di un impianto fotovoltaico grid connected in parallelo ad un impianto utilizzatore preesistente.

Dettagli

My Home. Introduzione MY HOME. My Home

My Home. Introduzione MY HOME. My Home Introduzione MY HOME Introduzione a Caratteristiche generali MY HOME R La casa come tu la vuoi Web Servizi per il controllo e la gestione della casa a distanza Cellulare Telefono fisso CONTROLLO Web server

Dettagli

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA CAPO 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL APPALTO...2 Art. 1 - Oggetto dell appalto...2 Art. 2 Descrizione sommaria delle opere in variante...2 CAPO 2 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DA REALIZZARE...2

Dettagli

Massini & Gori S.r.l. INDICE

Massini & Gori S.r.l. INDICE INDICE 1 Premessa... 3 2 Normativa di riferimento... 4 3 Dati e principi generali di progetto... 5 3.1 Dati di progetto... 5 3.2 Caduta di tensione... 5 3.3 Riempimento canalizzazioni... 5 3.4 Coefficiente

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 5 a) Quadri elettrici... b) Cavi... c) Condutture... d) Cassette e connessioni... e) Impianti elettrici

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M. Angeloni, 90 - Perugia

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M. Angeloni, 90 - Perugia DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M. Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE, TRASMISSIONE DATI E SERVIZI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI PERUGIA

Dettagli

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l.

Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Comune di Concordia Sagittaria (VE) Moro Pietro Meccanica s.r.l. Ampliamento capannone industriale Impianti elettrici PROGETTO ESECUTIVO Relazione Tecnica ai sensi del DM 37/08* *Annulla e sostituisce

Dettagli