Introduzione al Graphic Design

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al Graphic Design"

Transcript

1 Introduzione al Graphic Design

2 Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi di design di base. Infatti gli elementi formali non rappresentano altro che il vocabolario standard di ogni composizione: tuttavia tali elementi base vanno organizzati secondo dei criteri specifici che costituiscono proprio i principi formali di ogni realizzazione grafica.

3 I principi formali di base del design sono completamente interdipendenti. Ad esempio il bilanciamento riguarda la stabilità di una composizione e serve a creare l equilibrio tra le forme presenti; il principio di unità serve a creare un insieme compositivo in cui le forme si relazionano le une alle altre; i principi di prossimità (forme più vicine tra loro e che pertanto vengono percepite come un insieme), similarità (forme più simili tra loro e che pertanto vengono percepite come un insieme) e continuità (forme allineate e che pertanto vengono percepite come un insieme) costituiscono dei fattori chiave nella creazione di un senso di unità all interno di una composizione grafica.

4 Il principio di enfasi, attraverso un organizzazione visiva gerarchica, aumenta la chiarezza comunicativa di una composizione. Il ritmo viene usato per conferire un senso di movimento e dinamicità all interno di una composizione grafica, altrimenti recepita come statica. Una buona conoscenza di tutti questi principi formali serve proprio a realizzare, ovviamente in relazione al risultato che si vuole ottenere, un design grafico ottimale.

5 Formato Prima di esaminare singolarmente i principi formali di base, analizziamo il ruolo del formato, all interno di una composizione. Con il termine formato si indica il confine, o perimetro, di una composizione e l area da questo racchiusa. Ad esempio come formato, nel campo del Graphic Design, si può indicare un foglio di carta, lo schermo di un dato dispositivo (un monitor, il display di un cellulare): tutto ciò che costituisce la base di una composizione grafica.

6 Inoltre, molto spesso, i graphic designer utilizzano lo stesso termine formato per descrivere la tipologia di realizzazione: un poster, la cover di un DVD/CD, ecc. Pertanto, in base a quest ultima definizione, i graphic designer si trovano spesso a dover lavorare con una varietà di formati, proprio a seconda della composizione grafica da realizzare. Ad esempio un annuncio pubblicitario strutturato su una singola pagina, avrà una forma rettangolare; una brochure di due o più pagine avrà sempre una forma rettangolare ma più estesa, senza contare che esiste una grande varietà di formati nella realizzazione di

7 brochure, a seconda delle dimensioni/forme scelte e delle modalità di apertura e visualizzazione. Esistono tuttavia delle dimensioni standard per alcune tipologie di formati grafici. Ad esempio le cover dei CD e dei DVD hanno tutte uguali dimensioni. Anche i Poster vengono generalmente realizzati secondo misure di formato precise; tuttavia in fase di stampa i poster possono essere prodotti in misure diverse da quelle di partenza.

8 In alcuni casi, la forma e la tipologia di un formato sono determinate e pertanto il graphic designer dovrà lavorare entro tali limiti prestabiliti. Nella scelta di un dato formato di realizzazione grafica un elemento da considerare è senz altro il costo di partenza. Forme, tipologie di carta e dimensioni, tecniche speciali di stampa influenzano grandemente i costi di produzione di una data composizione grafica. In particolare la carta scelta rappresenta nella maggior parte dei casi il 50% del costo di stampa complessivo. Le dimensioni della riproduzione sono determinate ovviamente dalle finalità del progetto e dal budget prestabilito.

9 Ora che abbiamo definito cosa costituisce il formato di una data composizione, indipendentemente dalla sua forma e dalle sue dimensioni, tutti gli elementi formali scelti per la grafica dovranno relazionarsi perfettamente al suo interno. Ad esempio in una pagina in cui abbiamo inserito una singola forma avremo due elementi da gestire nella composizione: la forma tracciata e il suo formato di appartenenza, vale a dire quello spazio bianco (o di qualsiasi altro colore) su cui è stata tracciata.

10 Esempio di forma unica in un formato di riferimento A4 (21x29,7 cm) Bilanciamento Il bilanciamento costituisce il principio formale da seguire per posizionare in maniera armonica le forme nel loro formato di riferimento. Pertanto il bilanciamento indica l equilibrio generato da una distribuzione delle forme rispetto ad un dato asse, in base al loro

11 peso visivo. Un design grafico ben bilanciato mostra una connessione armonica tra tutte le forme all interno del piano di appartenenza: in questo modo la composizione comunicherà all osservatore un senso di stabilità. Al contrario composizioni poco bilanciate, con elementi posizionati in maniera inadeguata e disarmonica, suscitano molto spesso reazioni negative in chi osserva, a causa dell instabilità della rappresentazione grafica.

12 Pertanto il principio di bilanciamento è fondamentale nella realizzazione di una composizione ma deve essere usato in sinergia con altre tecniche formali di graphic design. Esempio di Bilanciamento Armonico

13 Esempio di Bilanciamento Disarmonico In questa illustrazione una parte della composizione appare come vuota, mentre le forme principali sono organizzate senza una particolare gerarchia visiva nella restante area. Fattori Visivi per il Bilanciamento La corretta comprensione del bilanciamento comporta la considerazione di diversi fattori visivi, connessi a tale principio di base: il peso visivo, il posizionamento e la disposizione.

14 In un graphic design bidimensionale, il peso costituisce una forza visiva. Pertanto il fattore peso visivo indica il potere attrattivo o forza di una data forma all interno di una composizione. La dimensione, la forma, il colore, la texture sono tutti elementi che contribuiscono a definire il peso visivo di una data forma. Ad esempio posizionando un logo differentemente all interno di un dato formato, il suo potere visivo verrà di conseguenza influenzato. Infatti nella percezione visiva generale, differenti aree all interno di un dato formato (in alto al centro, in alto a destra, in alto a sinistra, in

15 basso al centro, ecc.) conferiranno all elemento posizionato al loro interno, un peso visivo differente. Il peso visivo di un dato elemento cambia anche a seconda del suo posizionamento all interno di un formato

16 Bilanciamento Simmetrico e Asimmetrico La simmetria in una composizione grafica comporta una distribuzione uguale e omogenea dei pesi visivi su entrambi i lati del formato illustrativo. Ad esempio il logo raffigurato nell esempio a fianco è perfettamente posizionato sull asse principale della composizione. In questo modo la rappresentazione del luogo si basa su un principio di perfetta simmetria riflessa.

17 Simmetria riflessa il logo è perfettamente ripartito rispetto all asse compositivo verticale principale. Il principio di simmetria approssimativa funziona in maniera simile, come evidenziato dal poster illustrato nella slide successiva. Nell illustrazione un asse verticale immaginario divide il poster in due parti: i pesi visivi vengono disposti in maniera omogenea in entrambe le sezioni.

18 Esempio di simmetria approssimativa Illustratori: Anet Froelich, David Sebbah L asimmetria comporta invece un uguale distribuzione dei pesi visivi, ottenuta però attraverso il bilanciamento di elementi contrapposti.

19 Gli elementi in questo caso non saranno disposti simmetricamente rispetto ad un asse centrale. Un posizionamento asimmetrico degli elementi principali, tenente conto del peso visivo di ciascuno, creerà ugualmente una composizione armonica com è il caso della seguente illustrazione. Cover del New York Times Style Magazine (Autunno, 2004). L elemento sedia bilancia perfettamente (per peso visivo ) l elemento logo, posizionato nell angolo opposto del formato di rappresentazione

20 Pertanto per ottenere un bilanciamento asimmetrico corretto bisogna tenere conto delle forme usate, del loro colore e della loro dimensione: tutto per valutarne correttamente il peso visivo e organizzarle di conseguenza per una soluzione grafica ottimale. Il bilanciamento radiale permette di ottenere un effetto di simmetria attraverso una combinazione di simmetrie orizzontali e verticali. In questo modo gli elementi si dipartono da un punto centrale situato al centro della composizione, come illustrato dagli esempi seguenti.

21 Gerarchia Visiva Uno degli obiettivi principali del Graphic Design è la comunicazione di un dato messaggio. Il principio di Gerarchia Visiva è il mezzo principale per organizzare l informazione ed inviare uno specifico messaggio, attraverso le nostre illustrazioni.

22 Per guidare l osservatore, il designer utilizza una gerarchia visiva al fine di organizzare tutti gli elementi grafici secondo il loro valore semantico o enfasi. L enfasi rappresenta l organizzazione visiva degli elementi secondo la loro importanza: pertanto al fine della comunicazione all interno di una composizione avremo elementi principali e secondari. In una gerarchia visiva il designer deve stabilire quali elementi dovranno essere visti per primi dall osservatore e quali invece dovranno essere visualizzati solo successivamente, in seconda e terza istanza.

23 Per ottenere questo effetto visivo un graphic designer deve sapere in che modo enfatizzare e/o minimizzare tutti gli elementi all interno di una composizione. Enfatizzando tutti gli elementi allo stesso modo nessun elemento risulterà preponderante rispetto agli altri e nessun messaggio in particolare verrà inviato all osservatore. Invece con una corretta enfatizzazione degli elementi, di tipo gerarchico, il messaggio della nostra composizione verrà subito recepito dall osservatore.

24 Detto questo è chiaro che l enfasi ci permette di creare un punto specifico di focalizzazione all interno della composizione: un focus point compositivo non rappresenta altro che l elemento più accentuato e quindi più evidente all interno della nostra illustrazione. Il focus point dovrà pertanto contenere e inviare all osservatore il messaggio principale della nostra composizione. Una volta che è stato stabilito un focus point, il designer dovrà guidare l occhio dell osservatore attraverso i restanti elementi all interno della composizione.

25 La gerarchia di visualizzazione nell illustrazione a fianco è molto chiara. In primis l osservatore visualizzerà l elemento centrale (oggetto specifico del numero della rivista), quindi visualizzerà la scritta relativa al tema principale (i modelli di wedding cake), il nome della rivista, i sottotitoli sul lato destro ed infine la scritta diversificata sul lato sinistro della composizione grafica. In questa composizione volutamente asimmetrica, l effetto di armonia generale viene conferito soprattutto da un uso sapiente dei

26 colori: le due tonalità di ceruleo sono perfettamente contrastate (sullo sfondo e sui lati della torta) e allo stesso modo i colori dei caratteri bilanciano adeguatamente il peso visivo delle diverse parti testuali. Enfasi Per stabilire una corretta gerarchia visiva è necessario definire un ordine di importanza dei vari elementi. L elemento con maggiore importanza dovrà di conseguenza avere una maggiore enfasi. L enfasi può essere resa in modi diversi.

27 Enfasi per isolamento Isolando una data forma all interno di una composizione, attireremo immediatamente l attenzione dell osservatore su di essa. Tramite l isolamento di una forma infatti quest ultima avrà un maggiore peso visivo. Enfasi per posizionamento Come abbiamo già accennato, generalmente determinate aree all interno di uno spazio compositivo di base catturano in maniera diversa lo sguardo dell osservatore.

28 Pertanto posizionando un immagine al centro della composizione, piuttosto che nell angolo in basso a sinistra, le conferiremo un grado di enfasi maggiore. Generalmente elementi posizionati al centro, al centro in alto oppure in alto a sinistra catturano con più facilità lo sguardo dell osservatore. Enfasi per dimensioni Le dimensioni e le proporzioni di un dato elemento rispetto agli altri giocano un ruolo importante nel conferimento dell enfasi.

29 Inoltre il rapporto dimensionale tra due o più forme la scala compositiva può creare degli interessanti effetti di movimento e convogliare lo sguardo dell osservatore verso la direzione scelta. Ovviamente forme di grandezza maggiore attirano più velocemente gli sguardi; tuttavia anche gli oggetti più piccoli se messi in contrasto con quelli di dimensioni maggiori possono ugualmente acquisire un alto grado di enfasi.

30 Enfasi per Contrasto Gli elementi possono essere enfatizzati anche attraverso il contrasto. Ad esempio una forma scura circondata da forme chiare o poggiata su uno sfondo ugualmente chiaro, risulterà subito come punto focale della composizione. Enfasi attraverso i puntatori Alcune forme nascono già con un particolare grado di enfasi. Ad esempio frecce e linee costituiscono di base degli elementi enfatici all interno di una composizione, che pertanto vengono

31 immediatamente visualizzati dall osservatore, per la loro forma caratteristica ma soprattutto per il loro valore semantico. Enfasi attraverso delle strutture Strutture ad Albero e a Nido Alcune composizioni, come ad esempio gli schemi gerarchici ad albero, presentano di base una gerarchia di forme prestabilita e facilmente intuibile. In strutture grafiche di questo tipo ogni elemento, in base al suo posizionamento, possiede di base un

32 determinato grado di enfasi. L elemento posizionato in cima al grafico costituirà l oggetto principale della composizione. Allo stesso modo nelle strutture a nido il grado di enfasi è dato dall ampiezza dei vari livelli. Il livello principale, dotato di maggiore enfasi, potrà essere, a seconda del tipo di rappresentazione figurativa scelta, quello che contiene tutti gli altri, gerarchicamente dipendenti da esso o viceversa com è il caso dell illustrazione seguente.

33 Nella rappresentazione schematica a fianco l elemento dotato di maggior enfasi è l oggetto interno città che, come resa grafica tridimensionale, risulta più vicino a chi osserva.

34 Ritmo Nel campo del Graphic Design, la ripetizione di un dato elemento o di un pattern, composto da due o più elementi, può conferire un determinate ritmo alla composizione. In questo modo è possibile guidare l occhio dell osservatore in una determinata direzione di movimento. Il ritmo serve inoltre a conferire stabilità alla composizione, dal momento che sequenze simili di elementi, a determinati intervalli, permettono di creare una struttura visiva coerente.

35 Considerare il fattore ritmo è utile soprattutto quando la realizzazione grafica complessiva è organizzata in più tavole o pagine, come ad esempio in una brochure o in un sito web. L osservatore si aspetta infatti di trovare in entrambi i casi un leitmotiv grafico costante, con un ritmo ben definito. Ripetizioni e Variazioni La chiave per stabilire un dato ritmo nel graphic design sta nel comprendere la differenza tra i concetti di ripetizione e la variazione.

36 Nel Graphic Design la ripetizione del ritmo viene spesso intervallata dalla variazione: questo per incrementare l interesse visivo. Una volta che è stato determinato un preciso ritmo compositivo, ad esempio attraverso la ripetizione di un pattern, ogni variazione in questa rappresentazione grafica costituirà una variazione del ritmo di base. In questo modo all interno della composizione grafica, sarà possibile introdurre delle pause di visualizzazione, affinchè il ritmo diventi efficace per una migliore caratterizzazione del lavoro.

37 Nell illustrazione seguente uno stesso elemento ripetuto verticalmente, in dimensioni diverse, va a creare un ritmo ben preciso in cui lo sguardo dell osservatore si sposta dagli elementi posti in alto fino a quelli posizionati più in basso, soffermandosi sull elemento centrale, più grande e soprattutto più illuminato dalla bande di colore orizzontale che creano una variazione significativa nella struttura.

38 Unità L unità indica il livello di coesione tra i vari elementi presenti in una composizione. In una composizione unitaria i singoli elementi vengono percepiti come un insieme coeso. Esistono ovviamente diversi modi per conferire unitarietà alle nostre realizzazioni grafiche; questi metodi si basano sul metodo con cui la mente umana prova a ricreare un senso di unità all interno di una composizione, stabilendo delle connessioni tra gli elementi. I metodi per il raggiungimento dell unità visiva si basano su delle leggi di organizzazione percettiva.

39 Leggi di organizzazione percettiva Le leggi di organizzazione percettiva sono le seguenti, schematizzate anche nella raffigurazione a fianco: Similarità: quegli elementi che condividono determinate caratteristiche (forma, colore, dimensione, ecc.), vengono percepite come un unità.

40 Prossimità: quegli elementi vicini tra loro, in termini di spazio, vengono percepiti come un unità. Continuità: elementi che appaiono come una continuazione dei precedenti, a formare un percorso di visualizzazione, vengono percepiti come un unità. Chiusura: elementi complementari, anche se disuniti, vengono tendenzialmente recepiti dalla mente umana come un unità Direzione comune: quegli elementi organizzati in percorsi diversi, che sembrano comunque muoversi in una direzione comune, vengono percepiti come un unità.

41 Linea continua: le line vengono sempre percepite come rappresentazioni di semplici percorsi all interno di una composizione. Un interruzione all interno di un percorso generato da una linea non inficia la visione complessiva e unitaria della rappresentazione dal momento che l osservatore tenderà comunque a visualizzare il percorso generato dalla linea piuttosto che l interruzione singola. Oltre a queste leggi principali è possibile seguire degli ulteriori criteri per la realizzazione di composizioni grafiche unitarie.

42 Corrispondenza: Ripetendo un dato elemento (una forma, un colore, una texture, ecc.) si stabilisce sempre anche una connessione visiva o corrispondenza tra gli elementi. La legge di continuità è strettamente legata al principio di corrispondenza. La continuità viene infatti usata per creare delle famiglie di elementi, con specifici tratti in comune. Ad esempio nella seguente illustrazione i contenitori, anche se con caratteristiche specifiche diverse (contenuto, parti di testo), sono percepiti per posizionamento e forme come un unità.

43 Esempio di Package Design unitario, dove ogni elemento ha la propria individualità e allo stesso tempo è parte di una composizione unitaria.

44 Struttura e Unità L osservatore percepisce un maggiore senso di unità all interno di una composizione quando riesce a visualizzare le connessioni di allineamento tra gli elementi e i limiti del formato di riferimento. Dal momento che la mente dell osservatore ricerca di base l ordine all interno di un illustrazione, gli occhi cattureranno in primis quelle relazioni che stabiliscono delle connessioni spaziali specifiche tra le forme. Per allineamento compositivo generale si intende il posizionamento dei vari elementi visivi tra loro, in modo che i bordi e i vertici risultino più o meno allineati.

45 Ad esempio nella seguente illustrazione del package design realizzato e fotografato per la Tesco, le forme, appartenenti visivamente ad un unica famiglia, sono tutte orientate e allineate secondo una stessa diagonale, per conferire volutamente un senso di maggiore unità e allo stesso tempo un ritmo preciso. Esempio di Package Identity Designer: John Rushworth Cliente: Tesco

46 FINE LEZIONE

Applicazioni Editoriali. Cover Design

Applicazioni Editoriali. Cover Design Applicazioni Editoriali Cover Design La finalità di ogni copertina L obiettivo di base di un qualsiasi graphic design realizzato per rappresentare una copertina consiste nel catturare facilmente lo sguardo

Dettagli

Elementi di composizione

Elementi di composizione Elementi di composizione Un aspetto molto importante nella fotografia e in generale nella comunicazione visiva è la composizione: infatti in una comunicazione che sfrutta le immagini, la disposizione degli

Dettagli

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A.

CORSO DI INFOGRAFICA PROF. MANUELA PISCITELLI A.A. 9. Lettering Il presente file costituisce una SINTESI del materiale presentato nel corso delle lezioni. Tale sintesi non deve essere ritenuta esaustiva dell argomento, ma andrà integrata dallo studente

Dettagli

Visualizzazione e Composizione

Visualizzazione e Composizione Visualizzazione e Composizione Elementi Base di Visualizzazione Contenuti, Mezzi di Comunicazione e Modalità di Visualizzazione Dopo aver creato un design concept, un graphic designer deve prendere delle

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Area di specializzazione Esperto in DTP e Web graphic design Anno scolastico 2006/2007 Prof. ALDO GORLA PRINCIPI DI PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB Progettare in base

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Nozioni di base sulla progettazione

Nozioni di base sulla progettazione Nozioni di base sulla progettazione gordongroup Informazioni su gordongroup gordongroup è un'agenzia di servizi, marketing one-stop-shop e comunicazione che offre una combinazione esclusiva di servizi

Dettagli

percezione e composizione

percezione e composizione Facoltà di Architettura di Genova Corso di laurea in Disegno Industriale Laboratorio di GRAFICA 1 a.a. 2009_10 Prof.ssa Marialinda Falcidieno Prof. Massimo Malagugini Alessandro Castellano Serena Wich

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici C'è un rapporto matematico che si trova comunemente in natura, il rapporto di 1-1,618 cui sono stati

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA. Parte 6. Le tecniche impaginative. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA. Parte 6. Le tecniche impaginative. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale REGOLE DI COMPOSIZIONE GRAFICA Parte 6 Le tecniche impaginative Prof. Gianfranco Ciaschetti L impaginazione L impaginazione è il procedimento che organizza e coordina secondo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web

Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per efficacia e usabilità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche

Dettagli

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424

Copia. Stampante/copiatrice WorkCentre C2424 Copia In questo capitolo sono inclusi i seguenti argomenti: "Copia di base" a pagina 3-2 "Regolazione delle opzioni di copia" a pagina 3-4 "Impostazioni di base" a pagina 3-5 "Regolazioni delle immagini"

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 1

CORSO DI INFORMATICA 1 CORSO DI INFORMATICA 1 All interno del computer ci sono dei dispositivi che permettono di memorizzare i lavori che vengono creati. Questi dispositivi sono l HARD-DISK (o DISCO FISSO) e il LETTORE E MASTERIZZATORE

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Valutare la qualità dei siti Web

Valutare la qualità dei siti Web Valutare la qualità dei siti Web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per qualità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche 3. Introdurre l approccio

Dettagli

LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA

LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA La geometria operativa, contrariamente a quella descrittiva basata sulle regole per la rappresentazione delle forme geometriche, prende in considerazione lo spazio racchiuso

Dettagli

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09)

DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (2010/C 106/09) C 106/26 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.4.2010 DECISIONE S2 del 12 giugno 2009 riguardante la tessera europea di assicurazione malattia (Testo rilevante ai fini del SEE e dell'accordo CE/Svizzera)

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

ABILITA' L'alunno sa:

ABILITA' L'alunno sa: DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE CLASSE: PRIMA PERCEPIRE VISIVAMENTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE : (H) I colori. Gli elementi del linguaggio visivo. La relazione spaziale. La funzione dei canali sensoriali.

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Elementi Tipografici

Elementi Tipografici Tipografia Elementi Tipografici Realizzare il design di un logo aziendale, il brand-style di un prodotto e creare la grafica di un biglietto da visita (business card) costituiscono progetti grafici diversi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA comprende la grammatica del 1a. Riconoscere nella realtà e nelle rappresentazioni le relazioni spaziali tra gli elementi. 1b. Distinguere la figura

Dettagli

KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde. Scienze e Tecnologie Applicate

KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde. Scienze e Tecnologie Applicate I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio (BG) KIT RECUPERO IDONEITA' Classi Seconde Scienze e Tecnologie Applicate Libro di testo Titolo: Graphic Design Autori: David Dabner, Sheena Calvert, Anoki Casey Editore:

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE INTRODUZIONE 15 Introduzione Contenuti: Come usare questa guida all uso Cos è una animazione? Gli elementi della animazione 3D Apprendere le capacità di un Animatore 3D Quanto tempo si impiega

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo

Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Linee guida per l'utilizzo del logo d'ateneo Premessa Negli ultimi anni - soprattutto sul web- si è assistito a una proliferazione di svariate versioni del sigillo dell Università degli Studi di Catania,

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Foglio elettronico Le seguenti indicazioni valgono per Excel 2007, ma le procedure per Excel 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

Ragionamento spaziale visivo e percezione

Ragionamento spaziale visivo e percezione 2 Ragionamento spaziale visivo e percezione Serie e analogie figurali! In alcune batterie di test psicoattitudinali sono ampiamente rappresentati i quesiti che propongono un elenco di figure: in alcuni

Dettagli

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Sommario Introduzione Fotografia immagine p. 2» Colore e tonalità p. 3» Luce p. 4» Prospettiva e taglio p. 5» Profondità di campo p.

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

3 Lavorare con i livelli

3 Lavorare con i livelli INTRODUZIONE 3 Lavorare con i livelli I livelli costituiscono un elemento essenziale nella programmazione di un filmato FLASH. Mentre i fotogrammi individuano la sequenzialità, i livelli definiscono la

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecnica a tratto o di solo contorno textures e trattamenti di campo chiaroscuro acquerello Alcuni suggerimenti utili.. Una corretta postura

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Come ti guardo la pubblicità sul web

Come ti guardo la pubblicità sul web Come ti guardo la pubblicità sul web Sono in pochi a non sapere che i pop-up in un sito sono considerati sempre più seccanti e i clickthrough di un messaggio pubblicitario si sono attestati su valori medi

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base Strumenti di Presentazione Tornatore Luca A.A. 2004/05 Contenuti Funzionalità di un SW per generare una presentazione Utilizzare gli strumenti standard per creare presentazioni

Dettagli

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina [Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina Creare cartelle per salvare il lavoro] Per iniziare dobbiamo imparare a gestire quello spazio bianco che diverrà la

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA. ARTE E IMMAGINE Classe I

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA. ARTE E IMMAGINE Classe I ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Classe I 1) Riconoscere nella realtà e nella rappresentazione le relazioni spaziali (vicinanza, sopra, sotto, destra,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

La qualità spaziale della casa forma, uso, luce. uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole

La qualità spaziale della casa forma, uso, luce. uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole La qualità spaziale della casa forma, uso, luce uso emozionale volumi sotto la luce Le Corbusier Barragan_volumi puri esaltati dal sole 01 uso analitico la luce aiuta a spiegare gli elementi dell architettura

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA

SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA SCHEDA M MOSAICI CLASSIFICARE CON LA SIMMETRIA Qui sotto avete una griglia, che rappresenta una normale quadrettatura, come quella dei quaderni a quadretti; nelle attività che seguono dovrete immaginare

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE - CLASSE PRIMA ESPRIMERSI E COMUNICARE L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi. Rielabora

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

01 Introduzione CONTENUTI. 01 Introduzione. 02 Costruzione del Logo. 03 Disegno tecnico e area di rispetto. 04 Riduzione/Ingrandimento del Logo

01 Introduzione CONTENUTI. 01 Introduzione. 02 Costruzione del Logo. 03 Disegno tecnico e area di rispetto. 04 Riduzione/Ingrandimento del Logo Brand book 01 Introduzione Questo brand book nasce con l intento di fornire tutte le informazioni necessarie all uso corretto del logo ufficiale del bicentenario verdiano e di quello di Busseto terra di

Dettagli

STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE

STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE STRATEGIE VISIVE PER LA COMUNICAZIONE A CURA DELLA S.C. DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE ASLCN1 PRESIDIO EX ASL 17 COSA SONO? Sono quei SEGNALI che vediamo e che sono in grado di stimolare, sostenere ed ampliare

Dettagli

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA

LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA LINEE GUIDA DI UTILIZZO DEL LOGOTIPO E DELL IMMAGINE COORDINATA Introduzione Il presente documento è finalizzato a regolamentare l utilizzo del logotipo e l immagine coordinata su tutti i materiali prodotti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI

PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTAZIONI MULTIMEDIALI Che cos è una presentazione Una presentazione è la narrazione di un tema complesso svolta con l aiuto del computer attraverso unità di contenuto più semplice, le slide o diapositive.

Dettagli

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Luglio 2001. http://giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.

Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Luglio 2001. http://giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari. Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Luglio 2001 http://giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA. La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA DOCENTE TITOLO UNITA DIDATTICA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli

Corso di Basic Design. Ghezzi - Merrone

Corso di Basic Design. Ghezzi - Merrone Corso di Basic Design Ghezzi - Merrone Corso di Basic Design Ghezzi - Merrone Il messaggio visivo tabella riassuntiva Elementi messaggio Le regole compositive Le regole della percezione Punto Linea Superficie

Dettagli

Il disegno del movimento

Il disegno del movimento MOVIMENTO > CRITERI COMPOSITIVI Il disegno del movimento Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido. Una figura non è mai stabile davanti a noi, ma appare e scompare incessantemente. Per la persistenza

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli