Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore"

Transcript

1 Responsabilità professionale - Commercialista di Serra Francesca Responsabilità civile - percorso operativo Patti Salvatore Sommario Nozione 1. Obblighi e competenze del dottore commercialista. 2. La responsabilità contrattuale Inadempimento e oneri probatori. 3. La responsabilità extracontrattuale. 4. La responsabilità penale. Nozione Il d.lgs. n. 139 del 28 giugno 2005 stabilisce i requisiti necessari per ottenere il titolo di dottore commercialista e le attività che costituiscono oggetto della professione. Lo stesso decreto dà disposizioni per la costituzione dell'ordine dei dottori commercialisti al quale è necessario che si iscriva chi, avendo titolo, voglia esercitare la professione. Il dottore commercialista (iscritto all'albo alla sezione A) e l'esperto contabile (iscritto all'albo alla sezione B), hanno competenza specifica per quanto riguarda le materie economiche, tributarie, finanziarie, societarie ed amministrative, il diritto d'impresa e l'economia aziendale. Alcune attività sono limitate ai soli dottori commercialisti, come le funzioni di sindaco e quelle di componente degli organi di controllo e sorveglianza, in enti o società, e quella di amministratore (se il requisito richiesto è l'indipendenza o l'iscrizione agli albi professionali). L'esercizio della professione di dottore commercialista è incompatibile con la professione di notaio, giornalista professionista, appaltatore di servizi pubblici, mediatore, concessionario della riscossione tributi, promotore finanziario e con l'attività di impresa, in genere. Il Codice deontologico dell'ordine dei dottori commercialisti prescrive tra l'altro che gli iscritti rispettino il segreto professionale, curino il loro aggiornamento e si comportino con correttezza nel confronti dei colleghi. Nell'esecuzione dell'incarico, i dottori commercialisti devono usare la diligenza e la perizia richieste dalle norme che regolano il rapporto professionale nel luogo e nel tempo in cui esso è svolto. Prima di accettare l'incarico, devono assicurarsi di essere competenti in materia e di avere un'adeguata organizzazione dello studio. Inoltre, è richiesto che il mandato sia conferito per iscritto in modo da precisarne i limiti e i contenuti e quindi definire l'ambito delle responsabilità e, quando ciò non sia possibile, è necessario dare conferma scritta dell'incarico ricevuto al cliente. E' fatto obbligo al commercialista di illustrare al cliente gli elementi essenziali e i rischi della pratica affidatagli e nel corso del mandato ragguagliarlo sugli avvenimenti principali. Le infrazioni alle norme del codice deontologico sono sanzionate con la censura, la sospensione per un periodo non superiore a due anni e la cancellazione dall'albo. La professione del dottore commercialista rientra tra le professioni intellettuali, in cui si ravvisano i caratteri di personalità, autonomia e discrezionalità. La fiducia che il cliente ripone nel professionista richiede, infatti, che questi svolga personalmente l'incarico che gli viene affidato, ma nell'esecuzione di questo il dottore commercialista deve mantenere la sua autonomia e la discrezionalità. Poiché la sua prestazione si configura come prestazione di mezzi, deve usare tutta la sua competenza e la sua diligenza per far sì che le attese del cliente siano soddisfatte, pur non essendo responsabile del mancato raggiungimento del risultato richiesto. E' responsabile pertanto ex art. 1176, 2 comma, cod. civ., che specifica che la diligenza nelle professioni intellettuali viene valutata in relazione al tipo di attività. Perché non sia considerato inadempiente è necessario che il professionista si comporti come un commercialista medio, cioè che abbia la preparazione necessaria normalmente per svolgere il proprio lavoro e lo svolga con la diligenza e prudenza normalmente richieste. Se questo non avviene egli risponde anche per colpa lieve. Se comunque l'incarico affidatogli presenta difficoltà notevoli, risponde soltanto per colpa grave o dolo ex art cod. civ. Il professionista, comunque, prima di accettare un incarico ha il dovere, come gli prescrive il codice deontologico, di informare il cliente dei rischi connessi alla pratica affidatagli nonché, come detto, degli avvenimenti principali verificatisi nel corso del mandato.

2 Oltre alla responsabilità contrattuale, sorge in capo al dottore commercialista la responsabilità extracontrattuale ex art cod. civ., quando procura nello svolgimento del suo lavoro un danno ingiusto a terzi o al cliente stesso. Risponde penalmente quando è responsabile di un illecito penale. Riferimenti normativi - Codice civile: artt. 1176, 2043, Decreto legislativo 28 giugno 2005, n (Sommario) 1.Obblighi e competenze del dottore commercialista. Il dottore commercialista ha l'obbligo di rispettare le norme del codice deontologico dell'ordine cui è iscritto e di non svolgere le attività che sono incompatibili con la sua professione. Il d.lgs. n. 139/2005 elenca le attività di competenza dei dottori commercialisti e specifica comunque che è consentito al professionista esercitare tutte quelle attività che le leggi e/o i regolamenti attribuiscono alla categoria, fatte salve le prerogative attribuite dalla legge ai professionisti iscritti in altri albi. Focus giurisprudenziale La giurisprudenza interviene per affermare l'incompatibilità della carica di giudice tributario con l'attività di consulente tributario esercitata continuativamente dal commercialista. Si esprime in tema di sanzioni disciplinari inflitte dall'ordine; sulla definizione di "commercialista" e sull'uso che del termine viene fatto; sulla funzione di vigilanza esercitata dall'autorità ministeriale sull'esercizio della professione. Afferma la competenza del giudice ordinario nelle controversie aventi ad oggetto le deliberazioni del Consiglio dell'ordine dei dottori commercialisti. TAR Sicilia Palermo, Sezione I, Sentenza 5 novembre 2006, n Commercialista - Giudice tributario - Attività di consulente tributario - Incompatibilità E' incompatibile con la carica di giudice tributario l'attività di consulenza tributaria del commercialista che non abbia carattere di occasionalità, ma risulti essere continuativa dalla tenuta di numerosi libri contabili. Corte di Cassazione, Sezione III civile, Sentenza 14 luglio 2006, n Albo professionale - Dottore commercialista - Requisiti per l'iscrizione - Caducazione titolo di studio - Cancellazione dall'albo professionale - Legittimità. E' legittima la cancellazione dall'albo dei dottori commercialisti quando, a causa dell'annullamento di alcuni esami di profitto e dell'esame di laurea, viene meno il requisito del titolo di studio, dal momento che per l'iscrizione all'albo è necessario non solo il possesso di detto titolo ma anche la sua validità. A nulla rileva il fatto che nell'art. 34 del codice di riferimento non è richiamata questa ipotesi tra quelle previste per la cancellazione dall'albo. Tar Firenze Toscana, Sezione I, Sentenza 13 luglio 2006, n Commissioni tributarie - Giudici tributari - Incompatibilità ex art. 8, 1 comma, lett. i), d.lgs. n. 545 del Attività di consulenza - Ratio del divieto. La ratio dell'incompatibilità della carica di giudice tributario, prevista dall'art. 8, 1 comma, lett. i), d.lgs. n. 545 del 1992 è da ravvisarsi nel fatto che gli atti compiuti dal commercialista possono creare un contenzioso sul quale egli stesso, in qualità di giudice, potrebbe essere competente a pronunciarsi. Ne consegue che egli potrebbe privilegiare e anche formare linee interpretative conformi agli atti compiuti nell'esercizio della professione. Appare plausibile, pertanto, che i clienti prediligano il ricorso all'opera di uno studio professionale tenuto da un commercialista che sia anche giudice tributario. Corte di Cassazione, Sezione III civile, Sentenza 18 febbraio 2005, n Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - L. n. 173/ Ragionieri - Conformità ai principi costituzionali - Competenza professionale In base alla legislazione attuale e, in particolare, a quanto disposto con L. n. 173 del 2002 l'uso dell'aggettivo "commercialista" spetta esclusivamente ai dottori commercialisti. Questo rappresenta difatti parte integrante del loro titolo professionale. Conseguentemente, i ragionieri non possono aggiungerlo al loro titolo professionale, sostituendolo a quello di periti commerciali. Tale assetto normativo non contrasta con i principi costituzionali dal momento che la diversificazione del titolo professionale corrisponde alla competenza tecnica acquisita e pertanto non è in contrasto con i principi di ragionevolezza ed eguaglianza (art. 2 e 3 Cost.), costituendone al contrario attuazione. Inoltre, sussiste conformità anche ai principi di diritto comunitario sull'idoneità professionale corrispondente alla competenza professionale posseduta, espressi oltretutto dall'art. 33, comma 5, Cost., sia perché l'inibizione dell'uso del suddetto aggettivo in aggiunta alla qualifica di ragioniere non può in alcun modo incidere sulla libertà di scelta del lavoro autonomo (considerato che, tanto

3 per i dottori commercialisti, quanto per i ragionieri e periti commerciali, l'oggetto della relativa professione non pregiudica l'eventuale esercizio di ogni altra attività professionale anche se non contenuta nel non tassativo elenco ex art. 1, ult. cpv., d.p.r. n del 1953), sia perché quella inibizione non si risolve in una prestazione imposta che violi la riserva di legge, di cui all'art. 23 Cost., dal momento che lo status professionale delle due categorie è regolato in modo diverso dalla legge stessa. Tar Roma Lazio, Sezione I, Sentenza 6 ottobre 2004, n Professionisti - Disciplina delle professioni - Ordini professionali - art. 4, 2 comma, d.p.r. n. 1067/ Commercialista - Ministero della giustizia L' art. 4, 2 comma, D.P.R. n del 1953 demandando all'autorità ministeriale una funzione di alta vigilanza sull'esercizio della professione di commercialista, permette al Ministero della giustizia di verificare che l'istituzione di nuovi ordini professionali avvenga nel rispetto della normativa regolatrice della materia, pur non abilitando il Ministero stesso ad assumere le determinazioni definitive in merito. Tar Roma Lazio, Sezione III, Sentenza 20 gennaio 2004, n. 471 Giurisdizione civile - Giurisdizione ordinaria e amministrativa - Autorità giudiziaria ordinaria - Consiglio dell'ordine dei dottori commercialisti - Deliberazioni disciplinari Il giudice amministrativo difetta di giurisdizione sulle controversie aventi ad oggetto le deliberazioni dei Consigli dell'ordine dei dottori commercialisti in materia disciplinare, poiché in tale ambito sussiste la giurisdizione del giudice ordinario ex art. 28 del d.p.r. 27 ottobre 1953 n (Ordinamento della professione di dottore commercialista). Corte di Cassazione, Sezione III civile, Sentenza 8 marzo 2001, n Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - Violazione del segreto professionale - art. 622 c.p. Il commercialista che, essendo venuto a conoscenza di fatti penalmente rilevanti nello svolgimento del suo mandato, denunci il proprio cliente, commette violazione del segreto professionale. Non può trovare applicazione l'esimente della giusta causa di cui all'art. 622 c.p., consistente nella necessità vera o presunta di non incorrere nel pericolo di essere considerato correo del cliente, dal momento che la ratio della norma disciplinare differisce da quella della norma penale, essendo questa diretta all'inviolabilità del segreto mentre la prima alla tutela della professione, e perché sussiste la possibilità per il professionista di sottrarsi al temuto danno con la rinuncia al mandato in caso di commissione di reati da parte del cliente. E non è ravvisabile giusta causa per la rivelazione del segreto nemmeno nell'esigenza di assicurare la scoperta e la punizione dei reati in assenza di una norma che obblighi il depositario del segreto a renderlo noto (come nel caso, previsto dall'art. 364 c.p., della denuncia obbligatoria per i delitti contro la personalità dello Stato). Tribunale di Roma, Sentenza 28 febbraio 2001 Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - Lesione dell'identità personale - Iscrizione all'albo commercialisti L'attribuzione, operata da mezzi di comunicazione di massa, della qualifica di commercialista a un soggetto notoriamente non iscritto all'albo della categoria professionale e implicato in gravi fatti di corruzione, costituisce lesione del diritto all'identità personale di un ordine rappresentativo della categoria, ma non della reputazione dello stesso, Corte di Appello di Perugia, Sentenza 26 luglio 1999 Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - Violazione del segreto professionale - Stato di necessità Incorre nel reato di violazione del segreto professionale il commercialista che denuncia penalmente il proprio cliente per i fatti appresi durante lo svolgimento del proprio mandato. Non è applicabile l'esimente prevista dall'art. 622 c.p., perché questa trova applicazione solo nell'ipotesi che chi ha commesso il reato non aveva altra scelta che compiere l'illecito (il professionista poteva sottrarsi al pericolo della chiamata in correità rinunciando al mandato). Tribunale di Verona, Sentenza 22 febbraio 1999 Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - Ragioniere L'aggettivo "commercialista", qualora non sia preceduto dal sostantivo "dottore", non è giuridicamente attribuito in via esclusiva agli iscritti all'albo dei dottori commercialisti. Pertanto, ne è lecita l'utilizzazione nei rapporti professionali da parte di qualunque soggetto che abbia competenza specifica in materia commerciale (in particolare i ragionieri iscritti al relativo albo professionale, che sono "commercialisti" in senso stretto). Tuttavia, nell'ipotesi in cui si adottasse una diversa interpretazione della normativa vigente in tema, non sarebbe affatto trascurabile la q.l.c. della normativa medesima, alla luce del parametro di razionalità (ex art. 3 Cost.), per contrasto con il principio di libertà nelle qualificazioni professionali, deducibile implicitamente dal sistema costituzionale, ai sensi degli art. 2 e 4 Cost. (Sommario)

4 2. La responsabilità contrattuale. Il professionista è responsabile dell'adempimento dell'obbligazione assunta sottoscrivendo il contratto. Poiché la sua è un'obbligazione di mezzi, egli è responsabile solo del modo in cui svolge il suo incarico e della sua preparazione professionale. Il parametro cui deve attenersi è quello del dottore commercialista medio, ex art. 1176, 2 comma, cod. civ., secondo cui la diligenza nelle professioni intellettuali deve essere valutata con riguardo all'attività svolta. Quindi sarà necessario per il professionista rispettare il codice deontologico della sua categoria e in particolare verificare la propria competenza e la possibilità effettiva di svolgere l'incarico, informare il cliente delle difficoltà e dei rischi che la pratica presenta, sia prima del conferimento del mandato sia nel corso dello stesso, svolgere l'incarico con cura e perizia professionale. Rientra senz'altro nella diligenza del dottore commercialista l'aggiornamento della sua preparazione, necessario per fornire al cliente una prestazione valida. Da parte sua il cliente si obbliga a corrispondere al professionista il compenso pattuito o dovuto per la sua prestazione. (Sommario) 2.1. Inadempimento e oneri probatori. Ex art. 1176, 2 comma, cod. civ., il dottore commercialista è inadempiente, come detto, quando non usa la diligenza e la perizia del dottore commercialista medio nello svolgimento del suo incarico. Risponde anche per colpa lieve quando la prestazione non presenta difficoltà, mentre risponde solo per colpa grave o dolo quando è chiamato a svolgere un incarico che presenta problemi di particolare difficoltà (art cod. civ.). L'accertamento dell'inadempimento del professionista è rimesso al giudice di merito, che deve valutare in concreto sia la difficoltà della prestazione sia il comportamento del debitore. Ex art cod. civ., secondo il quale chi vuol far valere i suoi diritti in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento, spetta al cliente dimostrare che il professionista è venuto meno all'obbligazione sottoscritta, fornendo la prova dell'esistenza del contratto, del danno subito e dell'entità di questo; deve provare inoltre che il danno è stato causato direttamente dal comportamento del professionista. Dato che si tratta di un'obbligazione di mezzi, il creditore non può lamentarsi della mancanza del risultato sperato, ma solo del modo in cui il debitore ha svolto il suo compito, addebitandogli l'eventuale negligenza e imperizia nell'eseguire l'incarico affidatogli. Al professionista spetta l'onere di dimostrare di aver svolto l'incarico con la necessaria diligenza e la necessaria perizia. Fondamentale risulta, per il creditore, riuscire a provare il nesso di causalità esistente tra la condotta inadempiente del professionista e il danno subito. Il professionista è responsabile del danno solo allorché si dimostri che con una condotta diversa, e corretta, da parte sua il danno non si sarebbe verificato. Non essendo possibile un vero e proprio accertamento di responsabilità, si può solo verificare se è statisticamente rilevante la possibilità che con una condotta diversa il cliente non sarebbe stato danneggiato. Focus giurisprudenziale. La giurisprudenza è concorde nel ritenere la prestazione del commercialista una prestazione di mezzi e nell'attribuire al cliente che si ritenga danneggiato dalla condotta del professionista l'onere della prova del danno subito. Non c'è contrasto nel ritenere nullo un contratto sottoscritto da soggetti non iscritti all'albo dei dottori commercialisti. Sulla responsabilità contrattuale: Corte di Cassazione, Sezione II civile, Sentenza 10 ottobre 2007, n Lavoro autonomo - Professioni intellettuali - Compenso - Patti in deroga ai minimi di tariffa - Nullità - Limiti - Condizioni - Motivazione L'onerosità non è un carattere essenziale del contratto d'opera professionale. E' facoltà delle parti prevedere la gratuità per vari motivi (affectio, benevolentia, convenienza, ragioni d'ordine sociale, vantaggio personale indiretto). E' nullo il patto in deroga ai minimi della tariffa professionale solo al di fuori di queste ipotesi (nella specie si conferma la sentenza di merito che aveva giudicato valido il contratto sottoscritto da un dottore commercialista che si impegnava a titolo gratuito a fornire pareri su quesiti fiscali in una trasmissione televisiva, durante la quale si pubblicizzava la sua attività). Tribunale di Roma, Sezione XIII, Sentenza 14 gennaio 2006 Mandato e rappresentanza - Contratto - Commercialista Il rapporto tra il commercialista e il cliente si configura come un contratto col quale il primo si obbliga dietro corrispettivo a fornire la sua prestazione al secondo il quale gli fornisce dati attinenti alla propria situazione finanziaria per permettergli di eseguire l'incarico. Nel caso di scioglimento, il commercialista è tenuto a restituire tutta la documentazione da lui detenuta e il cliente è obbligato al pagamento del corrispettivo. Tali obblighi non presentano il carattere della sinallagmaticità e pertanto non possono essere disattesi in caso di inadempimento dell'altro. Ne consegue che il professionista è onerato in ogni caso alla restituzione di quanto detenuto sine titulo.

5 Tribunale di Milano, Sentenza 4 giugno 1998 Lavoro autonomo - Professioni intellettuali - Società tra professionisti L'iscrizione del professionista all'albo e il carattere strettamente personale della prestazione sono requisiti essenziali della prestazione stessa. E' affetto da nullità, quindi, il contratto di appalto che abbia ad oggetto l'obbligazione, a carico di una società, di prestazioni professionali proprie del commercialista e del consulente del lavoro. Sull'inadempimento e sugli oneri probatori: Tribunale di Roma, Sezione XIII, Sentenza 20 marzo 2007, n Lavoro autonomo - Professioni intellettuali - Obbligo di risultato o di mezzi nella soluzione di problemi di speciale difficoltà E' da rigettare la domanda del cliente intesa ad ottenere il risarcimento dei danni subiti a causa della condotta negligente del commercialista, il quale abbia fatto decorrere inutilmente il termine di impugnazione della sentenza emessa dalla Commissione Tributaria, non essendo stata prodotta dalla parte alcuna prova che l'impugnazione stessa sarebbe stata giudicata fondata se proposta tempestivamente. Inquadrandosi le obbligazioni inerenti all'esercizio professionale nelle obbligazioni di mezzi e non di risultato, il loro inadempimento non realizza di per sé il danno. Questo va comunque provato dal cliente. Ne consegue che il presupposto per l'accoglimento della domanda di risarcimento risiede nel fatto che sulla base degli elementi di prova prodotti dalla parte attrice si possa pervenire - quand'anche su giudizio probabilistico - al convincimento che in assenza del comportamento omissivo del professionista il risultato sarebbe stato conseguito. Tribunale di Roma, Sezione VI, Sentenza 1 marzo 2006 Obbligazioni e contratti - Inadempimento in genere - Prestazione professionale Qualora la prestazione professionale fornita da un commercialista risulti non conforme alle incombenze sulla stessa gravanti è configurabile una ipotesi di inadempimento contrattuale, con conseguente diritto del danneggiato al risarcimento, solo nel caso in cui fornisca la prova del quantum debeatur, vale a dire l'entità delle spese sostenute a causa delle inadempienze del professionista. Tribunale di Roma, Sezione XIII, Sentenza 3 novembre 2005 Obbligazioni e contratti - Inadempimento in genere - Prestazione professionale - Risarcimento del danno - Onere della prova Nel giudizio di risarcimento del danno instauratosi a seguito di inadempimento contrattuale, l'attore ha l'onere di dimostrare unicamente l'esistenza e l'efficacia del contratto, mentre è onere del convenuto fornire la prova di avere adempiuto, ovvero che l'inadempimento non è dipeso da propria colpa. Corte di Cassazione, Sezione III civile, Sentenza 9 giugno 2004, n Lavoro autonomo - Professioni intellettuali - Responsabilità - Obbligazione di risultato o di mezzi nella soluzione di problemi di speciale difficoltà Con riferimento alla responsabilità professionale, la valutazione relativa all'esistenza e all'entità della colpa del professionista è rimessa al giudice di merito, il quale deve adeguatamente motivare la sua decisione. Questa è sindacabile in Cassazione solo relativamente all'esistenza di una motivazione completa ed adeguata. (Nella specie, la S.C. ha ritenuto esente da vizi di motivazione la sentenza di merito nella quale si affermava la responsabilità professionale del commercialista che non aveva esaminato accuratamente gli atti consegnatigli dal cliente e pertanto aveva fatto decorrere i tempi per proporre l'opposizione dinanzi al competente giudice tributario, considerando anche il fatto che, all'epoca, non era prevista dal rito tributario la condanna del contribuente al pagamento delle spese processuali e che si prevedeva un imminente condono). Corte di Cassazione, Sezione I civile, Sentenza 5 luglio 1997, n Professionisti - Disciplina delle professioni - Albi professionali - Libri contabili - Ragioniere - Perito contabile - Commercialista Le attività di tenuta dei libri contabili, registrazione di fatture, predisposizione della modulistica per la dichiarazione dei redditi, chiusura della contabilità e assistenza nell'atto di cessione dell'azienda, formano oggetto delle professioni di ragioniere, perito commerciale e di dottore commercialista. Per il loro esercizio è necessaria l'iscrizione all'albo, ex art. 1, lett. a) e b) del d.p.r. 27 ottobre 1953 n e n Pertanto, ai sensi dell'art c.c., il professionista che abbia esercitato le suddette attività privo della necessaria iscrizione all'albo della categoria non può chiedere alcun compenso, neppure in base all'azione generale di arricchimento senza causa. Corte di Cassazione, Sezione III civile, Sentenza 5 giugno 1996, n Professioni intellettuali - Responsabilità - Obbligazione di risultato o di mezzi nella soluzione di problemi di speciale difficoltà - Condotta omissiva - Danno

6 L'affermazione della responsabilità professionale per condotta omissiva e la determinazione del danno in concreto subito dal cliente presuppongono che sia stato accertato il sicuro fondamento dell'attività oggetto del mandato conferito al professionista e che ci sia la certezza morale che l'attività che il professionista avrebbe dovuto svolgere, se svolta, avrebbe prodotto, con ragionevole probabilità, effetti vantaggiosi per il cliente. (Sommario) 3. La responsabilità extracontrattuale. Ex art cod. civ., il dottore commercialista è responsabile dei danni causati, nello svolgimento del suo lavoro, a terzi o allo stesso cliente. In base all'art cod. civ. spetta al danneggiato provare il danno subito e l'entità dello stesso e dimostrare che esso è conseguenza della condotta del dottore commercialista e che non si sarebbe verificato in assenza dell'azione o dell'omissione del professionista. Focus giurisprudenziale II dottore commercialista inadempiente nei riguardi dell'obbligazione assunta col cliente deve rispondere anche del danno ingiusto causato al cliente con la sua condotta dolosa. Nella sua veste di revisore ha responsabilità nei riguardi dei terzi in concorso con la società. Tribunale di Venezia, Sentenza 23 aprile 2007 Responsabilità civile - Amministrazione pubblica in genere - Commercialista - Inadempimento - Condotta dolosa del professionista Ha diritto al risarcimento dei danni colui che si sia avvalso dell'opera di un commercialista, il quale a causa della sua inadempienza ha determinato una complessa e annosa vicenda tributaria, aggiunta ad una condotta della p.a. non conforme ai dettami di buon andamento e imparzialità. Tribunale di Torino, Sentenza 18 settembre 1993 Società di revisione - Revisore - Obblighi - Responsabilità concorrente Per l'art. 12 del D.P.R. n. 136 del 1975, si configura in astratto, accanto alla responsabilità contrattuale, responsabilità concorrente extracontrattuale dei revisori nei riguardi dei terzi estranei (nella specie, in relazione all'obbligo della società di revisione di evidenziare in bilancio i rischi patrimoniali connessi ad un evento probabile). (Sommario) 4. La responsabilità penale. Nell'esercizio della sua professione il dottore commercialista può incorrere in illeciti penali, compiendo reati in concorso col cliente o ai danni dello stesso o di terzi. Le tipologie sono varie e dipendono dal tipo di attività svolto. Focus giurisprudenziale Sono penalmente sanzionate le condotte di soggetti non abilitati che esercitano abusivamente la professione di dottore commercialista e gli illeciti (truffa, falsificazione di documenti ecc.) commessi da professionisti nell'esercizio legittimo della loro attività. Non è invece penalmente perseguibile il commercialista che suggerisca l'inserimento di una partita ad una voce di bilancio piuttosto che ad un'altra purché si limiti al mero suggerimento ed è lecito per un consulente del lavoro esercitare l'attività di consulenza tributaria di pertinenza dei dottori commercialisti, non essendo in nessun modo la materia riservata esclusivamente alla categoria dei dottori commercialisti. Corte di Cassazione, Sezione VI penale, Sentenza 9 novembre 2006, n Truffa - Circostanze aggravanti in genere - Commercialista - Studio professionale Il reato di truffa commesso costituendo una parvenza di studio professionale (nella specie, di commercialista), che esisteva e operava come legittimamente costituito e a cui i clienti si affidavano con una "minorata cautela", è aggravato dall'abuso della relazione qualificata di prestazione d'opera professionale (art. 61, n. 11, c.p.), al di là dell'invalidità del contratto di prestazione professionale. Corte di Cassazione, Sezione V penale, Sentenza 26 gennaio 2003, n Falsità in atti - Reati - Falsità materiale in genere - Valore probatorio delle ricevute Integra il reato di falsità materiale in atto pubblico, di cui agli artt. 476 e 482 c.p., la falsificazione delle ricevute bancarie di delega ai

7 versamenti tributari e delle ricevute di versamenti postali, in quanto secondo le disposizioni che dettano la disciplina di tali modalità di versamento, presso le banche delegate per la riscossione delle imposte o presso gli uffici postali, dette ricevute hanno una valenza probatoria privilegiata, anche nei confronti dei terzi, fino al riconoscimento della falsità dell'atto stesso (nella specie, falsificazione di versamenti fiscali da parte di un commercialista a danno dei suoi clienti). Corte di Cassazione, Sezione VI penale, Sentenza 8 gennaio 2003, n. 49 Professionisti - Disciplina delle professioni - Consulenti del lavoro - Art. 348 c.p. - Consulente del lavoro - Ragioniere - Commercialista Incorre nel reato di esercizio abusivo della professione di consulente del lavoro o ragioniere commercialista, ex art. 348 c.p., il soggetto che compie, pur se a titolo gratuito, anche un solo atto riservato a tale professione, nonché colui che compie in modo abituale e retribuito atti caratteristici della professione, benché non riservati alla professione medesima. Corte di Cassazione, Sezione V penale, Sentenza 19 novembre 2001, n Professione - Esercizio abusivo della professione - Art. 348 c.p. - D.P.R. 27 ottobre 1953, n Il compimento di atti di esercizio di una professione per la quale sia richiesta una speciale abilitazione da parte dello Stato, insuscettibili di estensione in via analogica e riservati ad essa in via esclusiva, sulla base di un apposito provvedimento normativo che, per la professione di dottore commercialista e ragioniere, è costituito dall'art. 1 del d.p.r. 27 ottobre 1953, n. 1067, integra gli estremi della condotta sanzionabile ex art. 348 c.p. Corte di Cassazione, Sezione III penale, Sentenza 8 marzo 2001, n Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori Commercialisti - Violazione del segreto professionale - Inapplicabilità dell'art. 622 c.p. Il commercialista che denuncia penalmente il cliente in relazione a fatti appresi nello svolgimento del suo mandato commette violazione del segreto professionale. Non può applicarsi l'esimente della giusta causa, di cui all'art.622 c.p., consistente nella necessità vera o presunta di non incorrere nel pericolo di essere considerato correo del cliente, poiché differente è la ratio della norma disciplinare rispetto a quella penale, essendo questa diretta all'inviolabilità del segreto e quella alla tutela della professione, e perché sussiste la possibilità per il professionista di sottrarsi al temuto danno con la rinuncia al mandato in caso di commissione di reati da parte del cliente. Né una giusta causa di rivelazione del segreto può ravvisarsi nell'esigenza di assicurare la scoperta e la punizione dei reati dal momento che non esiste una norma che obblighi il depositario del segreto a renderlo noto (come nell'ipotesi prevista dall'art. 364 c.p.). Corte di Cassazione, Sezione V penale, Sentenza 18 dicembre 2000, n Fallimento - Disposizioni penali - Reati commessi dal fallito bancarotta fraudolenta in genere - Commercialista Il commercialista che omette la verifica della corrispondenza alla documentazione dei dati comunicati dagli amministratori, ai fini delle annotazioni nelle scritture contabili e della successiva redazione del bilancio fallimentare, commette il reato di bancarotta fraudolenta in qualità di extraneus in concorso con gli amministratori della società fallita. Corte di Appello di Perugia, Sentenza 26 luglio 1999 Professionisti - Disciplina delle professioni - Dottori commercialisti - Violazione del segreto professionale Incorre nel reato di violazione del segreto professionale il commercialista che denuncia penalmente il proprio cliente per fatti appresi durante lo svolgimento del proprio mandato. Non è applicabile l'esimente prevista dall'art. 622 c.p., poiché questa trova applicazione solo nell'ipotesi in cui non ci sia altro modo per sottrarsi al pericolo temuto che quello di compiere l'illecito (il professionista poteva sottrarsi al pericolo della chiamata in correità rinunciando al mandato). Corte di Cassazione, Sezione V penale, Sentenza 3 dicembre 1998, n Fallimento - Disposizioni penali - Reati commessi dal fallito bancarotta fraudolenta in genere - Commercialista E' lecito ad un commercialista suggerire l'attribuzione di una partita ad una voce di bilancio piuttosto che ad un'altra, purché egli non adotti direttamente un espediente illecito o indichi concretamente la via per adottarlo.(nella specie: la voce "usato automobilistico" imputata a "crediti" anziché a quella "magazzino"). Corte di Cassazione, Sezione VI penale, Sentenza 23 aprile 1996, n Esercizio abusivo di un professione - Responsabilità penale - Cause di esclusione - Consulente del lavoro - Materie riservate Non incorre in responsabilità penale per esercizio abusivo della professione, nella specie dottore commercialista, il consulente del lavoro che presti attività di consulenza tributaria e curi la redazione e il controllo dei bilanci di imprese. Difatti, perché si configuri l'illecito descritto nell'art. 348 c.p., che ha natura di norma penale in bianco, è necessario che la condotta dell'agente si ponga in contrasto con altra disposizione legislativa che riservi espressamente ed esclusivamente determinate attività professionali a soggetti iscritti in albi

8 speciali. L'art. 1 d.p.r. n. 1067/53 si limita a indicare ed elencare le competenze tecniche tipiche della professione dei dottori commercialisti senza peraltro che in qualsiasi modo ne derivi che solo a questi sia riservata la possibilità di agire nelle materie in esso enumerate. (Sommario)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso

IL RESPONSABILE RENDE NOTO. Art. 1 Oggetto dell'avviso AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA UTILIZZARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI DI PATROCINIO E DIFESA DEL COMUNE DI BACOLI IL RESPONSABILE Vista la deliberazione

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino LEGGE 20 febbraio 1991 n.28 (pubblicata il 26 febbraio 1991) Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Atti del Convegno del 18 Gennaio 2014 La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Relatore Dott. Geom. Gabriele Di Natale www.studiodinatale.it --- info@studiodinatale.it 1 1. Premessa:

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli