Verifica di esclusione dalla VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica di esclusione dalla VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA"

Transcript

1 COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA R.T.A. ISTITUTO DIOCESANO SOSTENTAMENTO CLERO COMO (SO) Verifica di esclusione dalla VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Dir. 2001/42/CE D.Lgs. 4/2008 LR 12/2005, art. 4 DCR VIII/ DGR VIII/ DOCUMENTO DI SINTESI A cura dello: Studio Tecnico Associato Arch. De Giovanni Mauro Ing. Scalco Virgilio Villa di Tirano (SO) Via Nazionale 123 Tel Fax P.IVA gennaio 2010

2 L elaborato contiene il Documento di Sintesi relativo alla verifica di esclusione dalla Valutazione Ambientale Strategica del PII area ISTITUTO DIOCESANO DEL SOSTENTAMENTO DEL CLERO (SO). Incarico conferito dal proponente allo STUDIO TEC. ASSOCIATO ARCH. DE GIOVANNI MAURO E ING. SCALCO VIRGILIO Villa di Tirano, gennaio 2010 Documento di Sintesi Pagina 2 di 25

3 SOMMARIO 1. PREMESSA OGGETTO ARTICOLAZIONE DEL DOCUMENTO RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI VAS LA DIRETTIVA 2001/42/CE E IL D.LGS. 152/ LA VAS NELLA LEGGE REGIONALE N. 12/2005 DELLA LOMBARDIA Disciplina regionale dei procedimenti VAS per i Programmi Integrati d Intervento LA VERIFICA DI ESCLUSIONE DALLA VAS: CONTENUTI DEL DOCUMENTO DI SINTESI RIFERIMENTI PROGETTUALI INQUADRAMENTO TERRITORIALE E STATO DI FATTO DELL AREA D INTERVENTO DESCRIZIONE DELLE PREVISIONI PROGETTUALI QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO E AMBIENTALE STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE DI LIVELLO SOVRACOMUNALE Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Sondrio STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI Piano Regolatore Generale di Aprica I POSSIBILI EFFETTI AMBIENTALI DEL PII LE PRINCIPALI COMPONENTI AMBIENTALI COINVOLTE DALL INTERVENTO Individuazione delle componenti ambientali coinvolte Ambito spaziale di influenza EFFETTI AMBIENTALI ATTESI Fase di realizzazione delle opere Fase di esercizio EFFETTI SUI SITI RETE NATURA SIC e ZPS interessati dal PII CONCLUSIONI CIRCA L ESCLUSIONE DALLA VAS REQUISITI DI VALENZA LOCALE DEL PII CONCLUSIONI CIRCA L ESCLUSIONE DEL PII DALLA PROCEDURA DI VAS Documento di Sintesi Pagina 3 di 25

4 1. PREMESSA 1.1. OGGETTO L elaborato considera la proposta di Programma Integrato di Intervento (PII) per la realizzazione di una residenza turistico alberghiera e l ampliamento di un bar in Comune di Aprica (SO), e affronta la Verifica di Esclusione dalla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) in relazione alle norme di settore vigenti. La previsione d intervento generale prevede la realizzazione di una R.T.A. in una porzione marginale di una importante area disposta al centro del paese, di proprietà dell Istituto Diocesano del sostentamento del Clero e l ampliamento di un bar esistente ARTICOLAZIONE DEL DOCUMENTO Il documento si articola nei seguenti contenuti principali: l esposizione dei riferimenti normativi generali in materia di VAS, ai diversi livelli di competenze (cap. 2); i richiami generali alle previsioni progettuali d intervento, come dettagliate negli elaborati di progetto cui si rimanda (cap. 3); la ricostruzione del quadro programmatico e pianificatorio vigente, alle diverse scale, per l ambito di studio (cap. 4); le considerazioni di sintesi circa i possibili effetti ambientali correlati all intervento (cap. 5) le valutazioni finali circa l esclusione del PII in esame dalla procedura di VAS (cap. 6). Documento di Sintesi Pagina 4 di 25

5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI VAS 2.1. LA DIRETTIVA 2001/42/CE E IL D.LGS. 152/06 L applicazione di una valutazione ambientale ai piani ed ai programmi è da tempo riconosciuta, a livello internazionale, quale strumento essenziale per il sostegno delle azioni rivolte allo sviluppo sostenibile. L approvazione della Direttiva 01/42/CE in materia di valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull ambiente ha intensificato le occasioni di dibattito sulla Valutazione Ambientale Strategica (VAS) in sede europea e nazionale, centrando l attenzione sulla necessità di introdurre un cambiamento radicale di prospettiva nelle modalità di elaborazione degli strumenti di pianificazione territoriale, a partire dal confronto tra tutte le posizioni e gli approcci disciplinari che contribuiscono al processo di pianificazione. La Direttiva ha introdotto la valutazione ambientale come strumento chiave per assumere la sostenibilità quale obiettivo determinante nella pianificazione e programmazione. In precedenza, la valutazione ambientale è stata uno strumento generale di prevenzione utilizzato principalmente per conseguire la riduzione dell'impatto di determinati progetti sull'ambiente, in applicazione della Direttiva 85/337/CEE sulla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e delle sue successive modificazioni. La Direttiva comunitaria sulla VAS ha esteso dunque l'ambito di applicazione del concetto di valutazione ambientale preventiva ai piani e programmi, nella consapevolezza che i cambiamenti ambientali sono causati non solo dalla realizzazione di nuovi progetti, ma anche dalla messa in atto delle decisioni strategiche di natura programmatica. Differenza essenziale indotta da questo ampliamento consiste nel fatto che la valutazione ambientale dei piani e programmi viene ad intendersi quale processo complesso, da integrare in un altro processo complesso - generalmente di carattere pubblico - chiamato pianificazione o programmazione. Perché tale integrazione possa essere effettiva e sostanziale, la VAS deve intervenire fin dalle prime fasi di formazione del piano o programma - a differenza della VIA che viene applicata ad un progetto ormai configurato - con l intento che le problematiche ambientali siano considerate sin dalle prime fasi di discussione ed elaborazione dei piani e programmi. Secondo le indicazioni comunitarie, la VAS va intesa come un processo interattivo da condurre congiuntamente all elaborazione del piano per individuarne preliminarmente limiti, opportunità, alternative e precisare i criteri e le opzioni possibili di trasformazione. Con riferimento alla norma comunitaria, la procedura di VAS si sviluppa secondo la seguente articolazione generale: informazione al pubblico dell avvio del procedimento fase di scoping, con la definizione dell ambito di influenza del PII e della portata delle informazioni da inserire nel Rapporto Ambientale elaborazione del Rapporto Ambientale consultazione del pubblico e delle autorità competenti in materia ambientale valutazione del Rapporto Ambientale e dei risultati delle consultazioni messa a disposizione delle informazioni sulle decisioni monitoraggio Documento di Sintesi Pagina 5 di 25

6 A livello nazionale, la normativa di settore -D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152 (Testo Unico sull Ambiente), successivamente modificato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008 n. 4 -nel riprendere i contenuti della Direttiva Comunitaria dichiara: D.Lgs , n. 4 Art. 6 -Oggetto della disciplina «1. La valutazione ambientale strategica riguarda i piani e i programmi che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale. 2. Fatto salvo quanto disposto al comma 3, viene effettuata una valutazione per tutti i piani e i programmi: a) che sono elaborati per la valutazione e gestione della qualità dell'aria ambiente, per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e che definiscono il quadro di riferimento per l'approvazione, l'autorizzazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV del presente decreto; b) per i quali, in considerazione dei possibili impatti sulle finalità di conservazione dei siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e quelli classificati come siti di importanza comunitaria per la protezione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica, si ritiene necessaria una valutazione d'incidenza ai sensi dell'articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, e successive modificazioni. 3. Per i piani e i programmi di cui al comma 2 che determinano l'uso di piccole aree a livello locale e per le modifiche minori dei piani e dei programmi di cui al comma 2, la valutazione ambientale è necessaria qualora l'autorità competente valuti che possano avere impatti significativi sull'ambiente, secondo le disposizioni di cui all'articolo bis. L'autorità competente valuta, secondo le disposizioni di cui all'articolo 12, se i piani e i programmi, diversi da quelli di cui al paragrafo 2, che definiscono il quadro di riferimento per l'autorizzazione dei progetti, possono avere effetti significativi sull'ambiente. 4. Sono comunque esclusi dal campo di applicazione del presente decreto: a) i piani e i programmi destinati esclusivamente a scopi di difesa nazionale caratterizzati da somma urgenza o coperti dal segreto di Stato; b) i piani e i programmi finanziari o di bilancio; c) i piani di protezione civile in caso di pericolo per l'incolumità pubblica.» 2.2. LA VAS NELLA LEGGE REGIONALE N. 12/2005 DELLA LOMBARDIA La nuova Legge urbanistica della Lombardia, la L.R. 11 marzo 2005 n. 12, Legge per il Governo del Territorio, all articolo 4, comma 2, prevede che: «Sono sottoposti alla valutazione di cui al comma 1 il piano territoriale regionale, i piani territoriali regionali d area e i piani territoriali di coordinamento provinciali, il documento di piano di cui all articolo 8, nonché le varianti agli stessi. La valutazione ambientale di cui al presente articolo è effettuata durante la fase Documento di Sintesi Pagina 6 di 25

7 preparatoria del piano o del programma ed anteriormente alla sua adozione o all avvio della relativa procedura di approvazione.» Gli Indirizzi generali per la valutazione ambientale di piani e programmi approvati dal Consiglio Regionale (Deliberazione n. VIII/351 del 13 marzo 2007) ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della L.R. 12/2005 hanno ulteriormente precisato che (punto 4.2) «È effettuata una valutazione ambientale per tutti i Piani/Programmi: a) elaborati per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e che definiscono il quadro di riferimento per l'autorizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE; b) per i quali, in considerazione dei possibili effetti sui siti, si ritiene necessaria una valutazione ai sensi degli articoli 6 e 7 della direttiva 92/43/CEE.» Ad ulteriore specificazione della disciplina in materia, la DGR n. VIII/6420 del 27 dicembre 2007 la Regione Lombardia ha definito i modelli metodologici, procedurali ed organizzativi per la valutazione ambientale delle diverse tipologie di atti programmatici, ivi compresi i Programmi Integrati d Intervento. In relazione ai piani e programmi che determinano l utilizzo di piccole aree a livello locale e le modifiche minori, le norme regionali richiamate prevedono che possa essere valutata preliminarmente l effettiva esigenza di applicare la VAS attraverso una procedura dedicata di Verifica di Esclusione o Screening (cfr. citati Indirizzi generali, punto 5.9) Disciplina regionale dei procedimenti VAS per i Programmi Integrati d Intervento La disciplina regionale per i procedimenti di VAS affronta la fattispecie dei Programmi Integrati d Intervento all Allegato 1m della richiamata DGR n. VIII/6420 del 27 dicembre In particolare, ed a chiarimento dei dubbi interpretativi sorti durante il primo periodo di applicazione dei citati Indirizzi generali per la VAS, l Allegato espone i riferimenti procedurali relativi alla fase transitoria di adeguamento dei PRG vigenti, sino all approvazione dei PGT. Evidenziando come gli strumenti della programmazione negoziata si caratterizzino in generale per la peculiarità delle caratteristiche progettuali, per la variabilità delle dimensioni e delle tipologie degli interventi previsti, il provvedimento sottolinea (cfr. Art. 2 -Ambito di applicazione) come la determinazione della necessità o meno di sottoporre un Programma Integrato di Intervento a VAS non possa che discendere da un accertamento preliminare, affidato alla responsabilità dell Autorità procedente 1. Per tale accertamento preliminare sono previste due successive operazioni di screening (DGR VIII/ , Allegato 1m, Art. 2): 1) La prima consiste nell escludere dal campo di applicazione della direttiva tutti i PII per i quali non sussista la contemporanea presenza dei due requisiti seguenti: intervento con valenza territoriale che comporta variante urbanistica a piani e programmi; 1 Nel caso di piano o programma promosso da un soggetto privato, l Autorità procedente viene definita dagli Indirizzi generali per la VAS come la pubblica amministrazione che recepisce il piano o programma, lo adotta e lo approva: per i PII, essa coincide con l Amministrazione Comunale. Documento di Sintesi Pagina 7 di 25

8 presenza di un livello di definizione dei contenuti di pianificazione territoriale idoneo a consentire una variante urbanistica. 2) L operazione successiva consiste nel raffrontare la suddetta variante urbanistica col disposto dell art. 4, comma 2, della LR 12/05 che disciplina il campo di applicazione della VAS nel settore della pianificazione territoriale. In particolare il citato disposto prevede che debbano essere assoggettate a VAS le sole varianti al Piano Territoriale Regionale (PTR), ai Piani Territoriali Provinciali (PTCP), ai Piani d area Regionali (PTRA) ed ai Documenti di Piano dei Piani di Governo del Territorio (PGT). Con riferimento ai PII conformi agli strumenti di pianificazione sovracomunale, questa seconda operazione porta pertanto all esclusione dal campo di applicazione quei PII che determinino varianti urbanistiche non individuate nel citato disposto della LR 12/05, cioè quei PII che non abbiano effetti sul Documento di Piano. Per quanto attiene la fase transitoria, in attesa dell approvazione dei PGT, la norma regionale evidenzia la necessità di assumere criteri di equiparazione coerenti con il richiamato disposto della LR 12/05, che prevede siano sottoposte a VAS le sole varianti al Documento di Piano del PGT e non anche quelle al Piano delle Regole, al Piano dei Servizi, o altri piani attuativi. Tale criterio di equiparazione come esplicitato dalla competente struttura tecnica regionale presuppone pertanto che i contenuti di variante allo strumento urbanistico generale vigente (PRG) sottesi dal PII in esame siano considerati alla luce della LR 12/05 e ne sia definita la pertinenza rispetto ai tre atti previsti per un PGT: ove tali contenuti si configurino come propri di un ipotetico Documento di Piano, il PII che determina la variante sarà da assoggettare a VAS; viceversa, ove tali contenuti assumano i significati delle previsioni di un Piano delle Regole o un Piano dei Servizi, il PII sarà da escludere dal campo di applicazione della VAS. Anche con riferimento alla citata fase transitoria, viene ribadita la necessità di assoggettare a VAS i PII che: a) costituiscano quadro di riferimento per l autorizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE (Valutazione di Impatto Ambientale) e successive modifiche; b) producano effetti sui siti di cui alla direttiva 92/43/CEE (Rete Natura 2000). Una volta accertato che la variante urbanistica ricada entro il campo di applicazione del procedimento di valutazione ambientale, l Autorità procedente può appurare l eventuale esistenza delle condizioni per avviare una successiva procedura semplificata di Verifica di Esclusione dalla VAS. Tale ipotesi è perseguibile soltanto in presenza di varianti minori per le quali sussista la contemporanea presenza dei seguenti requisiti: a) non costituiscono quadro di riferimento per l autorizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE e successive modifiche; b) non producono effetti sui siti di cui alla direttiva 92/43/CEE; c) determinano l uso di piccole aree a livello locale e/o comportano modifiche minori. L esistenza del precedente requisito c) viene accertato dall Autorità procedente, sotto la propria responsabilità, fino all emanazione dell apposito provvedimento da parte della Giunta Regionale (cfr. punto 4.6 degli Indirizzi generali) volto alla definizione di modalità per tale accertamento. Documento di Sintesi Pagina 8 di 25

9 2.3. LA VERIFICA DI ESCLUSIONE DALLA VAS: CONTENUTI DEL DOCUMENTO DI SINTESI La Verifica di Esclusione di un piano dalla VAS è condotta sulla base di un Documento di Sintesi contenente le informazioni circa i suoi effetti significativi sull ambiente e sulla salute (cfr. Allegato II citati Indirizzi generali -Criteri per la determinazione dei possibili effetti significativi di cui all articolo 3 della Direttiva 2001/42/CE), quali: 1) Caratteristiche del piano o del programma, tenendo conto, in particolare, dei seguenti elementi: in quale misura il piano o il programma stabilisce un quadro di riferimento per progetti ed altre attività, o per quanto riguarda l ubicazione, la natura, le dimensioni e le condizioni operative o attraverso la ripartizione delle risorse; in quale misura il piano o il programma influenza altri piani o programmi, inclusi quelli gerarchicamente ordinati; la pertinenza del piano o del programma per l integrazione delle considerazioni ambientali, in particolare al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile; problemi ambientali pertinenti al piano o al programma; la rilevanza del piano o del programma per l attuazione della normativa comunitaria nel settore dell ambiente (ad es. piani e programmi connessi alla gestione dei rifiuti o alla protezione delle acque). 2) Carattestiche degli effetti e delle aree che possono essere interessate, tenendo conto in particolare, dei seguenti elementi: probabilità, durata, frequenza e reversibilità degli effetti; carattere cumulativo degli effetti; natura trasfrontaliera degli effetti; rischi per la salute umana o per l ambiente (ad es. in caso di incidenti); entità ed estensione nello spazio degli effetti (area geografica e popolazione potenzialmente interessate); valore e vulnerabilità dell area che potrebbe essere interessata a causa; delle speciali caratteristiche naturali o del patrimonio culturale; del superamento dei livelli di qualità ambientale o dei valori limite; dell utilizzo intensivo del suolo; effetti su aree o paesaggi riconosciuti come protetti a livello nazionale, comunitario o internazionale. Ai fini della consultazione istituzionale che caratterizza il procedimento generale di Valutazione Ambientale Strategica, la condivisione del Documento di Sintesi è prevista attraverso uno specifico momento di confronto -la Conferenza di Verifica -rivolto in prima istanza alle Autorità con specifica competenza in materia ambientale, che vengono consultate per condividere la decisione circa l esclusione o meno del PII dalla VAS. Documento di Sintesi Pagina 9 di 25

10 3. RIFERIMENTI PROGETTUALI 3.1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E STATO DI FATTO DELL AREA D INTERVENTO Il Comune di Aprica si trova a cavallo tra la Valtellina e la val Camonica, sull omonimo passo, a quota di 1172 mt. S.l.m. Alla grande prateria che caratterizzava il paese fino agli anni sessanta, interrotta solo da piccoli villaggi, si è sostituito un centro turistico con grandi palazzi di residenze saltuarie e turistiche. L Aprica si affaccia sulla strada che conduce ad Edolo per tutto il lungo rettilineo posto sul passo e che scollina verso il comune di Corteno. Il versante montano posto all ombra è sfruttato per il turismo sciistico, mentre quello solivo, prevalentemente boscato, si collega con la riserva naturale di Piangembro. L area di studio si colloca nel settore centrale del territorio comunale, nelle vicinanze della strada che porta a Corteno. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Documentazione cartografica estratto CTR Documento di Sintesi Pagina 10 di 25

11 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Documentazione fotografica Volo aereo La porzione di area interessata dal presente P.I.I. è contornata dalla statale SS 39 DEL PASSO DELL APRICA e da due vie interne al paese e rappresenta l unica parte di territorio non edificata in un contesto densamente abitato. L utilizzo attuale riguarda principalmente alcune attività sportive, un distributore di carburante ed un bar e ci sono di conseguenza alcuni piccoli volumi che servono allo scopo. STATO DI FATTO DELL AREA Documentazione fotografica Veduta da nord Documento di Sintesi Pagina 11 di 25

12 STATO DI FATTO DELL AREA Documentazione fotografica Veduta da nord-est L area assoggettata al P.I.I. è sostanzialmente pianeggiante e si sviluppa lungo la strada statale SS 39 del passo dell Aprica; è costituita da un grosso appezzamento di terreno di circa mq di superficie. La proprietà dell area è dell Istituto Diocesano di Sostentamento del Clero per mq 8 652,00 e dei sign.cioccarelli Silvano-Corvi Barbara per mq 1 448,00. L area in oggetto è quasi totalmente destinata ad attività ludiche e ricreative, sorgono infatti alcuni campi da tennis, un campo di bocce. All interno è inoltre presente una piccola struttura adibita a bar, mentre lungo la strada statale è situato un piccolo distributore di carburante. Il programma integrato di intervento comprende anche una area privata di proprietà dei signori Cioccarelli Silvano e Corvi Barbara Barbara, costituita da un appezzamento di terreno posto lungo la strada statale, dove sorge un piccolo bar-ristoro DESCRIZIONE DELLE PREVISIONI PROGETTUALI Nel rimandare agli elaborati di progetto per ogni riferimento di maggiore dettaglio, le finalità generali del Programma Integrato d Intervento sono così sintetizzabili: Documento di Sintesi Pagina 12 di 25

13 la realizzazione di una residenza turistico alberghiera in fregio alla via Garofano Rosso; l ampliamento del bar di proprietà Cioccarelli Silvano-Corvi Barbara con una porzione a destinazione commerciale residenziale. La cessione al comune di Aprica di tutta l area restante sia per lo standard derivante dalla realizzazione dei volumi edilizi sia come standard qualitativo; Il programma integrato di intervento prevede la realizzazione di una residenza turistico alberghiera di proprietà dell Istituto per il Sostentamento del Clero della Diocesi di Como (I.D.S.C.) e l ampliamento dell edificio esistente di proprietà sig. Cioccarelli Silvano - Corvi Barbara. Il nuovo complesso edilizio destinato a residenza turistico - alberghiera, verrà collocato lungo la strada Comunale via Garofano Rosso, fra due edifici esistenti. L edificio è composto da un piano interrato, un seminterrato, tre piani fuori terra ed un sottotetto con caratteristiche di abitabilità. Il livello interrato è destinato esclusivamente ad autorimessa privata atta a contenere n 21 box, accessibile da un rampa comune (IDSC-Cioccarelli Silvano/Corvi Barbara-Comune di Aprica) a cielo libero posta a sud della costruzione sul terreno di proprietà dell Istituto Diocesano per il Sostentamento al Clero. Tramite la rampa a cielo libero è possibile raggiungere un corsello a servizio delle proprietà I.D.S.C., Cioccarelli Silvano/Corvi Barbara e Comune di Aprica completamente interrato che permette l accesso all autorimessa interrata. Tale corsello è previsto sull area in cessione al Comune di Aprica. Al piano seminterrato sono collocati i servizi di interesse comune (taverna e centro benessere) oltre ai locali tecnici. Il piano rialzato è destinato a servizi comuni, (reception bar e relativi servizi igienici). Ai piani primo, secondo e sottotetto sono previsti n 5 bilocali per piano per un totale di 15 bilocali. L accesso ai piani è garantito da un vano scala aperto e da un ascensore a norme disabili. L intervento dei sign. Ciocarelli Silvano e Corvi Barbara Barbara (LOTTO 1) riguarda l ampliamento dell edificio di proprietà che si sviluppa sui lati est e sud, a destinazione commerciale residenziale. L intervento si articola su tre livelli fuori terra (di cui uno nel sottotetto), ed un livello interrato nel quale si ricavano i parcheggi privati. Per gli interventi (LOTTO 1 LOTTO 2) si prevede l uso di materiali tradizionali quali intonaco, pietra e legno; i progetti per la richiesta del permesso di costruire si faranno carico di dettagliare la composizione architettonica ed i materiali costruttivi. Sarà posta attenzione alle fonti rinnovabili ed al risparmio energetico. La sistemazione esterna prevede il mantenimento sostanziale della morfologia del terreno; i muretti di contenimento saranno realizzati in pietra locale. Documento di Sintesi Pagina 13 di 25

14 I percorsi relativi alla mobilità veicolare e pedonale saranno realizzati con pavimentazione in pietra o massetti autobloccanti. L intervento sorge in un area già completamente urbanizzata. In sostanza la parte di edificazione prevista nel P.I.I. si configura come una sorta di completamento dell edificazione sulla via Garofano Rosso che, per quantità e localizzazione è paragonabile ad un classico intervento da permesso di costruire (con la differenza che con il P.I.I. la parte di terreno ceduta al comune è ben più consistente ed è l unico motivo che giustifica una pianificazione attuativa dell area). Il P.R.G. vigente del comune di Aprica, destina l area oggetto di P.I.I. a zona speciale SP e, per il piccolo bar di proprietà Cioccarelli Silvano-Corvi Barbara, a zona semintensiva. Il presente programma integrato di intervento, si pone in contrasto con l azzonamento del P.R.G. vigente, solo per le parti (circa il 10%di tutta l area) in cui si prevede la realizzazione della R.T.A. e l ampliamento del bar. Peraltro si fa presente che il P.I.I. è conforme al documento di inquadramento approvato in C.C. di Aprica in data 15/10/2009. Rispetto ai consumi idrici e di risorse primarie, la realizzazione del PII (configurandosi dimensionalmente come un nomale permesso di costruire) rientra pienamente all interno del dimensionamento dell esistente; I soggetti proponenti si impegnano inoltre a realizzare tutti collegamenti dei sottoservizi (rete acque bianche, acque nere, acquedotto, illuminazione, gas e telefono) alla rete primaria. PROPOSTA PROGETTUALE Planimetria di progetto Area d intervento Documento di Sintesi Pagina 14 di 25

15 4. QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO E AMBIENTALE 4.1. STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE DI LIVELLO SOVRACOMUNALE Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Sondrio Disciplina paesistica ed ambientale La Provincia di Sondrio è dotata di Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale adottato con DCP n. 29 del , B.U.R.L. 24/06/2009, e approvato nella seduta del C.P. del 25/01/2010. Il PTCP assume i contenuti degli strumenti generali di pianificazione territoriale di livello regionale preesistenti. Il PTCP di Sondrio, all interno del P.I.I. non individua elementi di rilievo. Sulla planimetria di inquadramento territoriale n. 1 di cui al presente programma,sono indicati gli elementi di rilievo desunti dal P.T.C.P. essi riguardano sostanzialmente i versanti, peraltro esterni al P.I.I.-. Il P.I.I. in oggetto confina con La SS 39 del passo dell Aprica e con un sentiero di interesse provinciale coincidente con l attuale via Europa. Nello specificare i contenuti del Piano Territoriale Regionale (PTR), il PTCP assume valenza di disciplina paesistica del territorio provinciale, ferme restando le disposizioni di carattere generale del PTR stesso. Obiettivo generale del PTCP della Provincia di Sondrio risulta essere la conservazione, la tutela ed il rafforzamento della qualità ambientale dell intero territorio provinciale perseguibile attraverso le seguenti macro azioni: - Valorizzazione e tutela delle peculiarità paesistico ambientali; - Miglioramento dell accessibilità; - Razionalizzazione dell uso delle acque e riqualificazione dei corpi idrici; - Razionalizzazione dell uso del suolo; - Riqualificazione territoriale; - Innovazione delle reti; - Innovazione dell offerta turistica; - Valorizzazione e salvaguardia dell agricoltura. Il presente P.I.I. è in sintonia con gli obbiettivi di P.T.C.P. Documento di Sintesi Pagina 15 di 25

16 VERIFICA DI ESCLUSIONE DALLA VAS VALORI PAESISTICI AMBIENTALI Documento di Sintesi PTCP ADOTTATO Tav. 4.8 Elementi paesaggistici e rete ecologica Pagina 16 di 25

17 Documento di Sintesi Pagina 17 di 25

18 4.2. STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI Piano Regolatore Generale di Aprica Lo strumento urbanistico generale del Comune di Aprica è il Piano Regolatore Generale adottato con D.C.C n. 53 del ed approvato con DGR n del e succ. mod. ed integr.-. Le aree ricomprese nel Programma Integrato d Intervento sono individuate nell azzonamento di PRG come da stralcio sotto riportato. AI sensi di tale azzonamento le previsioni di trasformazione edilizia ricadono: - per la realizzazione di una residenza turistico alberghiera in zona a destinazione speciale SP attrezzature di interesse comune ; - per l ampliamento di un bar in zona residenziale semintensiva (Zona B e C) R3 ; INQUADRAMENTO TERRITORIALE Documentazione cartografica Estratto PRG Documento di Sintesi Pagina 18 di 25

19 Con riferimento a queste zone omogenee, le Norme Tecniche di Attuazione di PRG prevedono le seguenti destinazioni d uso generali: Norme Tecniche di Attuazione - Zona a destinazione speciale SP CARATTERISTICHE EDILIZIE DESTINAZIONE EDILIZIA NORME AGGIUNTIVE Distanza ciglio stradale ml 7,00 Distanza confini ml 7,00 Distanza fra fabbricati ml 14,00 Altezza massima m 8,00 N piani 2 Attrezzature di interesse comune, spazi pubblici attrezzati, parcheggi Nelle zone contraddistinte dal simbolo non sono ammesse recinzioni, solo impianti di risalita. Ammessi cortili chiusi rapporto massimo di copertura pari a ½ della superficie complessiva. Norme Tecniche di Attuazione zona semintensiva (Zona B e C) EDIFICABILITA MC/MQ FONDIARIA Per le costruzioni ad interesse pubblico con vincolo alberghiero sarà consentito un aumento dell indice di zona nella misura dello 0.50; I locali posti al piano terra già destinati ad attività commerciali possono essere ampliati nella misura massima del 25% della superficie netta di pavimento, nel rispetto dell unitarietà dell attività svolta, con vincolo temporaneo di destinazione d uso e atto di convenzionamento che ne determini l eventuale monetizzazione degli standard e lo sviluppo architettonico. Per gli interventi di ristrutturazione urbanistica e di nuova edificazione è consentito il ricorso al Piano Attuativo o alla concessione edilizia convenzionata per gli aspetti plano-volumetrici. Pari esistente if 1.50 CARATTERISTICHE EDILIZIE DESTINAZIONE EDILIZIA NORME AGGIUNTIVE Distanza ciglio stradale ml 5,00 Distanza confini ml 5,00 Distanza fra fabbricati ml 0 10,00 Altezza massima m 12,00 N piani 3,00 Residenza, ricreazione e svago, commercio (art.42 R.E.), alberghi, artigianato di servizio Non sono ammessi cortili chiusi Documento di Sintesi Pagina 19 di 25

20 5. I POSSIBILI EFFETTI AMBIENTALI DEL PII 5.1. LE PRINCIPALI COMPONENTI AMBIENTALI COINVOLTE DALL INTERVENTO Individuazione delle componenti ambientali coinvolte L ambito oggetto del P.I.I. nel quale le opere in progetto vengono a collocarsi non ha evidenziato sensibilità specifiche sotto il profilo ambientale, se non quelle di carattere paesaggistico riscontrabili in forma generalizzata sull intero territorio comunale. L intervento edilizio è sostanzialmente un completamento della cortina su un lato della strada interna che collega la ss 39 del passo dell Aprica alla via Europa. Si configura come un classico intervento da permesso di costruire in un area del tessuto urbano consolidato,completo di opere di urbanizzazioni. Poste queste premesse, le potenziali interferenze tra le opere in progetto ed il sistema ambientale interessato, valutate in termini qualitativi, sulla base dell'esperienza di casi analoghi e delle evidenze fenomenologiche, possono essere ricondotte alle componenti principali di seguito evidenziate: Componente ambientale ATMOSFERA Emissioni dalle macchine Emissioni da impianti di operatrici riscaldamento e di servizio Produzione di polveri - AMBIENTE IDRICO - - SUOLO E SOTTOSUOLO - - RUMORE E VIBRAZIONI - Emissioni acustiche prodotte dai transiti dei mezzi di cantiere Emissioni acustiche e vibrazioni prodotte dalle macchine operatrici ILLUMINAZIONE PAESAGGIO URBANO - Riqualificazione dell immagine complessiva del contesto TRAFFICO VEICOLARE E SOSTA Interferenze con la viabilità prodotte dai mezzi di cantiere ENERGIA - - RIFIUTI Produzione di rifiuti edili Produzione di rifiuti urbani In Documento di Sintesi Pagina 20 di 25

21 relazione a quanto sopra evidenziato, i possibili effetti ambientali negativi correlabili all intervento appaiono riconducibili alla fase di realizzazione delle opere (cantiere), come approfondita nei paragrafi che seguono Ambito spaziale di influenza Considerate le previsioni di intervento in esame, le caratteristiche generali dell ambito interessato e le potenziali interferenze ambientali correlabili al PII, è possibile assumere che l estensione nello spazio degli effetti attesi dall intervento risulti strettamente riferita all ambito locale nel quale le opere in progetto potranno risultare percepibili a livello visuale, identificabile indicativamente come l area racchiusa tra Via Corso Roma (SS. Statale 39), Via Garofano Rosso e Via Europa EFFETTI AMBIENTALI ATTESI Fase di realizzazione delle opere La fase di costruzione si configura come l unica nella quale potranno verificarsi interferenze ambientali percepibili; le stesse appaiono riconducibili, peraltro, alle forme tipiche dei cantieri civili in ambito urbano, senza evidenze di criticità specifiche. Anche le dimensioni dell intervento sono nella norma; anzi, in Aprica vengono realizzati interventi ben più consistenti, tramite il solo permesso di costruire. La movimentazione dei mezzi di cantiere e le diverse fasi di lavorazione comportano infatti, tipicamente, emissioni acustiche, possibili sollevamenti di polveri e l interessamento della viabilità locale da parte di transiti di mezzi pesanti, in particolare nelle fasi preliminari di scavo. Al fine di sopperire a questi possibili disagi, sempre rispetto alle componenti atmosfera e rumore, le moderne modalità di conduzione e gestione dei cantieri consentono significative mitigazioni degli impatti anche all interno delle aree di cantiere, con accorgimenti specifici volti a ridurre i possibili fattori di disturbo. Rispetto a questi aspetti andranno pertanto adottate le necessarie azioni di mitigazione ambientale in sede di direzione dei lavori. Con ciò premesso, e valutato anche il carattere transitorio, gli impatti potenziali correlabili alla fase di realizzazione delle opere presentano connotati riferiti strettamente alla dimensione locale e della buona pratica edilizia, senza esigenza di ulteriori approfondimenti alla scala urbanistica generale Fase di esercizio Quando l intervento sarà concluso, le modificazioni ambientali rispetto allo stato di fatto sono riconducibili agli aspetti di: trasformazione paesaggistica traffico autoveicolare indotto di carattere residenziale Per quanto riguarda la trasformazione paesaggistica, si possono fare le seguenti considerazioni: Documento di Sintesi Pagina 21 di 25

22 La parte edificata è costituita da una R.T.A; l edificio ha un volume fuori terra di mc 2100, oltre al sottotetto abitabile di mc. 607,5, una forma compatta che si sviluppa lungo la strada di accesso e che completa la cortina edilizia. L ampliamento del bar esistente di proprietà Cioccarelli Silvano e Corvi Barbara, previsto a destinazione commerciale residenziale è di mc. 900,00, oltre al sottotetto abitabile pari a mc.474,61. In generale gli interventi previsti mirano al minimo consumo di territorio, lasciando la maggior parte del terreno in cessione al comune. Gli interventi edilizi verranno realizzati privilegiando il contenimento del consumo energetico. Con riferimento agli aspetti insediativi più generali, la R.T.A. prevede, oltre ai servizi di interesse generale al piano terra ed interrato ed i relativi parcheggi, la realizzazione di 15 bilocali che comportano un utenza di 30 turisti. Per quanto riguarda il traffico autoveicolare indotto, il progetto prevede innanzitutto un facile accesso dalla pubblica via, comune anche all ampliamento del bar ed alla parte di lotto in cessione al comune. L aumento di persone indotto dall insediamento risulta peraltro molto limitato e facilmente assorbi vile delle strutture viabili esistenti. Rispetto ai consumi idrici e di risorse primarie, la realizzazione del PII non comporterà alcun potenziamento in quanto i servizi esistenti sono già più che sufficienti all aumento indotto dal nuovo insediamento. I soggetti proponenti procederanno a realizzare tutti i collegamenti ai sottoservizi (rete acque bianche, acque nere, acquedotto, illuminazione, gas e telefono) che servono per la corretta attivazione delle funzioni previste dal PII. In conclusione, anche rispetto alla fase di esercizio non si evidenziano potenziali fattori di perturbazione ambientale connessi all intervento tali da indurre attenzioni circa possibili superamenti dei livelli di qualità ambientale e dei valori limite definiti dalle norme di settore o effetti cumulativi con altre fonti di impatto ambientale EFFETTI SUI SITI RETE NATURA SIC e ZPS interessati dal PII All interno dell ambito di studio non sono presenti siti appartenenti alla Rete Natura 2000 (Siti di Importanza Comunitaria SIC e Zone di Protezione Speciale -ZPS, ai sensi delle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE). Considerate le distanze spaziali che intercorrono, la netta separazione sotto il profilo ambientale e morfologico dell area d intervento rispetto alla ZPS (Zona Protezione Speciale) ed in relazione alle specifiche previsioni d intervento è possibile assumere che il Programma Integrato d Intervento non interessa, in forma diretta o indiretta, alcun sito appartenente alla Rete Natura Si segnala peraltro come il territorio comunale di Aprica sia parzialmente interessato da uno ZPS, come di seguito rappresentate: la ZPS IT Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi Documento di Sintesi Pagina 22 di 25

23 ZPS IT Parco Regionale delle Orobie Valtellinsesi RETE NATURA 2000 SIBA Regione Lombardia Non si ravvisa pertanto alcuna occorrenza di ulteriore raccordo tra la presente Verifica di Esclusione dalla Valutazione Ambientale Strategica e le procedure di Valutazione di Incidenza di cui alle norme di settore vigenti (cfr. direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE, DPR 357/97, DGR Lombardia 8 agosto 2003 n. 7/14106, DGR 15 ottobre 2004 n. 7/19018 e s.m.i.). Documento di Sintesi Pagina 23 di 25

24 6. CONCLUSIONI CIRCA L ESCLUSIONE DALLA VAS 6.1. REQUISITI DI VALENZA LOCALE DEL PII In relazione a quanto richiamato circa le dimensioni e caratteristiche della proposta d intervento, si evidenzia come la stessa: a) non costituisca quadro di riferimento per l autorizzazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE e successive modifiche, relativa alla disciplina della Valutazione di Impatto Ambientale; b) non produca effetti sui siti di cui alla direttiva 92/43/CEE e come tale non richieda approfondimenti circa una sua valutazione di incidenza sui siti medesimi. La previsione d intervento non rientra dunque nelle tipologie di cui all art. 6, comma 2, del D.Lgs. n. 4/2008, richiamate al Cap. 2, pertanto il PII esula dall ambito di applicazione più generale della VAS come previsto dalla Direttiva 2001/42/CE. In relazione ai requisiti dimensionali, agli obiettivi generali sottesi ed alla valenza complessiva degli interventi con riferimento ai diversi settori funzionali, non si identificano per il Programma Integrato di Intervento requisiti di valenza territoriale di scala sovracomunale. Analogamente, non si evidenziano contenuti in contrasto con le disposizioni dello strumento di pianificazione territoriale provinciale (PTCP) o altri piani e programmi di livello sovralocale. A livello comunale, le funzioni urbanistiche e gli edifici che il Programma Integrato d Intervento prevede di allocare risultano incompatibili con le destinazioni d uso definite dal PRG vigente. Peraltro Il P.I.I. è coerente rispetto al documento di inquadramento del Comune di Aprica approvato in data 15/10/2009. Risultano di conseguenza esclusi contenuti di variante sotto il profilo della pianificazione territoriale o della programmazione strategica secondo l accezione più ampia, ai quali viene propriamente riferito il procedimento di VAS CONCLUSIONI CIRCA L ESCLUSIONE DEL PII DALLA PROCEDURA DI VAS Alla luce di quanto sopra espresso si sintetizza come segue la relazione tra il Programma Integrato d Intervento in esame ed il campo di applicazione della Valutazione Ambientale Strategica definito dalle norme di settore vigenti: Il PII non ricade entro il campo di applicazione più generale della Direttiva 2001/42/CE in materia VAS, come precisato dal D.Lgs. n. 4/2008, non costituendo esso il quadro di riferimento per l'approvazione, l'autorizzazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV del decreto medesimo; il PII non costituisce infatti quadro di riferimento per l autorizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE e s.m. (Valutazione di Impatto Ambientale), nè le previsioni d intervento producono effetti sui siti di cui alla direttiva 92/43/CEE (Rete Natura 2000); Documento di Sintesi Pagina 24 di 25

25 In ragione di contenuti che non presuppongono variante rispetto agli orientamenti strategici e programmatici vigenti, bensì solo varianti al P.R.G. vigente, ai sensi della del. della Giunta Regionale27/12/2007 n.8/6420 allegato 1m (modello metodologico procedurale ed organizzativo della valutazione ambientale dei programmi integrati di intervento), il PII dovrebbe considerarsi estraneo al campo di applicazione della VAS definito dal disposto dell art. 4, comma 2, della LR 12/2005, senza l esigenza della presente Verifica di Esclusione, la quale assume pertanto i caratteri di un approfondimento precauzionale; I principali effetti ambientali potenzialmente correlabili all intervento presentano connotati riferiti strettamente alla dimensione locale, con aspetti riguardanti la fase transitoria di realizzazione delle opere e quelli di completamento di uno scenario urbanistico già configurato e condiviso a livello locale; non si ravvisano pertanto esigenze di ulteriori approfondimenti alla scala urbanistica più ampia, quali quelli propri di una Valutazione Ambientale Strategica secondo le diverse accezioni di legge; Tutto ciò premesso, considerati i riferimenti normativi riportati ed il quadro di senso complessivo e procedurale che essi esprimono, è possibile assumere l esclusione del PII in esame da un più ampio procedimento di Valutazione Ambientale Strategica senza necessità di approfondimenti ulteriori. 29 gennaio 2010 I TECNICI Arch. De Giovanni Mauro Ing. Scalco Virgilio Documento di Sintesi Pagina 25 di 25

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA.

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. DITTA: SERGI DOMENICO; SERGI MAURO; SERGI SANTI; IANNELLI ANNA

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii.

Visti il D.Lgs. 4/2008 e il D.Lgs. 128/2010 recanti modifiche ed integrazioni al D.lgs. 152/2006, di seguito denominato D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii. Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 1979 Determinazione n. 1788 del 07/10/2014 OGGETTO: COMUNE DI GABICCE MARE - PROVVEDIMENTO FINALE DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 12 D.LGS. 152/2006 S.M.I.

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 1731 23/02/2009 Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA ESCLUSIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE "VALLE SERIANA SUPERIORE" DALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE - VAS IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

PREMESSE. Allegato sub A)

PREMESSE. Allegato sub A) Allegato sub A) SITI RETE NATURA 2000. DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DELL'ALLEGTO A) ALLA DGR N. 3173/2006 GUIDA METODOLOGICA PER LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA AI SENSI DELLA DIRETTIVA 92/43/CEE. PREMESSE

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE

COMUNE DI PIOMBINO DESE INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova INTERVENTO EDILIZIO CONVENZIONATO IN ZONA RESIDENZIALE C2-301 RELAZIONE VALUTAZIONE DI INCIDENZA AMBIENTALE - VINCA - AI SENSI DELLA DIRETTIVA 92/43/CEE D.P.R.

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Ai SINDACI dei COMUNI della LIGURIA. Ai PRESIDENTI delle PROVINCE di: - GENOVA - IMPERIA - LA SPEZIA - SAVONA. E, p.c.:

Ai SINDACI dei COMUNI della LIGURIA. Ai PRESIDENTI delle PROVINCE di: - GENOVA - IMPERIA - LA SPEZIA - SAVONA. E, p.c.: Genova, 16 novembre 2005 Prot. n. 160220/504 Oggetto: Integrazione ed aggiornamento delle indicazioni fornite con la circolare esplicativa della legge regionale 6.8.2001 n. 24 sul recupero ai fini abitativi

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE 1 PREMESSA. Il sottoscritto arch. Luca Oppio su incarico della Proprietà del compendio immobiliare in Milano, via Battista De

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d Oro al Valore Militare per attività partigiana Pag. 1 SERVIZIO URBANISTICA - ATTIVITÀ ESTRATTIVE - PROGETTI STRATEGICI - MARKETING TERRITORIALE - COMUNICAZIONE ORIGINALE

Dettagli

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE Comune di Venezia Progetto AEV DESE Relazione descrittiva delle opportunita di sviluppo immobiliare di un area destinata ad attrezzature economiche varie, ad uso industriale logistico - commerciale direzionale

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della

Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della Impatto sul paesaggio e sulla componente ecologica Attualmente l area si presenta di tipo agricolo e a forte pendenza in prossimità di Viale della Resistenza. Nel sito di intervento non sono presenti elementi

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI)

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI) ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINANTZIAS E URBANISTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA Diretzione generale de sa pianificatzione urbanìstica territoriale e de sa vigilàntzia edilìtzia

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine N 12 del Reg. Del COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 16/03/2016 OGGETTO: VARIANTE N. 14 AL PRGC VIGENTE COLLEGATA ALLA REALIZZAZIONE DI UNA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli