Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà"

Transcript

1 Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo 4 Composizione del Consiglio di Facoltà Articolo 5 Competenze e funzioni del Consiglio di Facoltà Articolo 6 Organizzazione dei lavori del Consiglio di Facoltà Articolo 7 I Consigli di Corso di Studio Articolo 8 Le Commissioni di Facoltà Articolo 9 Gli Uffici di Facoltà Articolo 10 Dipartimenti e altri centri correlati Articolo 11 Attività di docenza Articolo 12 Modifiche di Regolamento Articolo 1 La Facoltà di Lingue e letterature straniere moderne La Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne promuove lo studio e la ricerca nell ambito delle lingue e dei linguaggi, delle letterature e culture italiana e straniere, a fini scientifici e professionali, mediante l istituzione e attivazione di corsi di laurea triennali e magistrali. A tale scopo orienta e coordina le attività didattiche, programma e utilizza i posti di professore e ricercatore, organizza e incentiva attività culturali, formative, tutoriali e di orientamento rivolte agli studenti. Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Sono organi della Facoltà: - il Preside - il Consiglio di Facoltà - i Consigli di Corso di Studio (CCS) - la Commissione didattica Sono strutture della Facoltà - l ufficio di Presidenza - l ufficio della segreteria studenti - l ufficio dei coordinatori dei Consigli di Corso di Studio. 1

2 Vengono inoltre riconosciuti correlati alla Facoltà i Dipartimenti e centri nei quali sono sviluppati settori di ricerca nelle aree disciplinari di competenza della Facoltà. Articolo 3 Il Preside 3.1- Funzioni ed attribuzioni Il Preside cura le iniziative e le attività di promozione scientifica e culturale, rappresenta la Facoltà, ha funzioni di iniziativa e promozione delle sue attività, è garante della rispondenza degli atti della Facoltà alle leggi dello Stato e allo Statuto dell Università della Tuscia. Il Preside convoca e presiede il Consiglio di Facoltà e ne rende esecutive le deliberazioni, ha la vigilanza sulle attività didattiche che fanno capo alla Facoltà ed esercita inoltre tutte le competenze attribuitegli dall Ordinamento universitario, dallo Statuto e dai Regolamenti (Art. 27 c. 1 SdA). In particolare, a) assicura il regolare svolgimento delle attività didattiche, coadiuvato per l organizzazione e la sovrintendenza dai Coordinatori dei Consigli di Corso di Studio; b) dà applicazione ai provvedimenti relativi alle materie delegate ai CCS; c) provvede al conferimento a titolo gratuito di supplenze, affidamenti ed affidamenti sostitutivi degli insegnamenti; cura la procedura per il conferimento dei contratti, di cui al Regolamento per la disciplina dei professori a contratto ; d) rilascia parere sullo svolgimento di incarichi professionali retribuiti a professori e ricercatori universitari; e) assicura, nell ambito delle proprie competenze, il funzionamento dei servizi della Facoltà; f) nomina le commissioni per gli esami di profitto e per il conseguimento dei titoli accademici; g) può designare tra i professori di ruolo di prima fascia un Preside vicario che lo supplisca in tutte le sue funzioni in caso di assenza o impedimento temporaneo (Art. 27 c.5 SdA). 3.2 Elezione del Preside Il Preside viene eletto tra i professori di ruolo di prima fascia a tempo pieno afferenti alla Facoltà. Hanno diritto all elettorato attivo i componenti del CdF, allargato alle rappresentanze del personale tecnico-amministrativo e degli studenti. Il Preside è nominato con decreto del rettore (Art. 27 c.2 SdA). L elezione del Preside avviene a scrutinio segreto, a maggioranza assoluta degli aventi diritto nelle prime tre votazioni; in caso di mancata elezione si ricorre al ballottaggio tra i due candidati che abbiano riportato il maggior numero di voti nella terza votazione. Risulta eletto chi riporta il maggior numero di voti. In caso di parità risulta eletto il candidato con maggiore anzianità nel ruolo e, in caso di ulteriore parità, il più anziano d età (Art.27 c.3 SdA ). Il Consiglio di Facoltà per l elezione del Preside è convocato dal Decano della Facoltà o, in caso di sua assenza o impedimento, dal professore di prima fascia che lo segue in ordine di anzianità di ruolo, almeno quaranta giorni prima della data stabilita per le votazioni e non più di centottanta giorni prima della scadenza del mandato. In caso di cessazione anticipata del mandato precedente, la convocazione deve aver luogo entro quaranta giorni dalla cessazione. Fino al rinnovo della carica le funzioni di Preside sono esercitate, limitatamente all ordinaria amministrazione, dal Decano come sopra precisato. Il Consiglio di Facoltà per l elezione del Preside è presieduto dal Decano che lo ha convocato (Art. 27 c.4 SdA). 2

3 Il Preside dura in carica tre anni accademici ed è immediatamente rieleggibile una sola volta (Art. 47 c.2 SdA). Articolo 4 Composizione del Consiglio di Facoltà 4.1 Composizione (Art. 28 c. 1-2, 4-5 SdA) Il Consiglio di Facoltà è composto dai professori di ruolo e fuori ruolo della Facoltà, dai ricercatori e figure ad essi equiparate, da un rappresentante del personale tecnico ed un rappresentante del personale amministrativo afferenti alla Facoltà, eletti dalle stesse categorie, da una rappresentanza degli studenti iscritti alla Facoltà nella misura di quattro studenti, tre di corso di laurea triennale e uno di corso di laurea magistrale. I professori a contratto possono partecipare alle riunioni con voto consultivo, e comunque non partecipano alla discussione relativa all attribuzione di supplenze, contratti e affidamenti. I professori fuori ruolo se assenti non concorrono alla formazione del numero legale. I rappresentanti eletti durano in carica tre anni e non possono essere rinnovati più di una volta consecutiva. Il personale tecnico-amministrativo afferente ai Dipartimenti opta per un solo Consiglio di Facoltà. Le chiamate e le altre questioni attinenti alle persone dei professori di prima e seconda fascia e dei ricercatori sono deliberate dal Consiglio di Facoltà nella composizione limitata alla fascia corrispondente e a quelle superiori. I rappresentanti del personale tecnico-amministrativo partecipano con voto deliberativo limitatamente a quanto concerne gli aspetti organizzativi e gestionali della Facoltà. Gli studenti partecipano con voto deliberativo limitatamente alle questioni attinenti all organizzazione della didattica e ai servizi agli studenti. Il CdF è presieduto dal Preside. Articolo 5 Competenze e funzioni del Consiglio di Facoltà Il CdF assicura il coordinamento di tutte le attività didattiche, di tutorato e di orientamento promosse dalla Facoltà e dai Consigli di Corso di Studio attivati nella Facoltà ed esercita tutte le attribuzioni che gli sono demandate dall Ordinamento Universitario Nazionale, dallo Statuto e dai relativi Regolamenti. In particolare, il CdF svolge i seguenti compiti: a) programma e definisce l utilizzazione delle risorse umane e materiali di cui la Facoltà dispone; b) propone al Senato Accademico l istituzione, l attivazione, la revisione o la disattivazione dei Corsi di Studio; c) approva i regolamenti dei Corsi di Studio predisposti dai rispettivi Consigli; d) programma e predispone le iniziative opportune per lo sviluppo della Facoltà da presentare al Senato Accademico in vista dell articolazione dei Piani Pluriennali di Sviluppo dell Ateneo; e) procede alla Programmazione Didattica Annuale della Facoltà provvedendo, acquisiti i pareri eventualmente espressi dai CCS e dai Dipartimenti interessati, alla richiesta dei posti di ruolo ed in particolare all attribuzione delle supplenze e dei contratti; 3

4 f) procede, sulla base della Programmazione Didattica Annuale della Facoltà, all attivazione e alla disattivazione degli insegnamenti e all attribuzione dei compiti didattici ai professori e ai ricercatori, acquisiti i pareri eventualmente espressi dai CCS; g) procede alla richiesta di nuovi posti in organico di professore di ruolo e di ricercatore, acquisiti i pareri eventualmente espressi dai CCS e dai Consigli di Dipartimento cui afferiscono le relative discipline; h) procede alla destinazione dei posti in organico di professore di ruolo e di ricercatore; i) provvede alla chiamata dei professori di ruolo sentito il parere dei Dipartimenti cui afferiscono le relative discipline; j) delibera il Regolamento di Facoltà e le eventuali modifiche; k) verifica la conformità dei Piani di studio presentati dagli studenti rispetto all ordinamento degli studi stabilito dalla Facoltà, e prende in esame i Piani di studio individuali eventualmente proposti dagli studenti; l) propone al Senato Accademico forme di attività didattica integrativa e di natura seminariale, da svolgersi nell'ambito della didattica dei docenti, che possono essere assegnate ai dottorandi di ricerca o ai titolari di assegni di ricerca o borse post-dottorato. Articolo 6 Organizzazione dei lavori del Consiglio di Facoltà 6.1 Segretario verbalizzante (Artt.11 e 3 RGA) Delle sedute del CdF si redige apposito verbale. Le funzioni di segretario verbalizzante sono svolte a rotazione dai professori di ruolo membri del Consiglio a partire dal componente con minore anzianità nel ruolo o, a parità di anzianità nel ruolo, dal più giovane d età. La funzione di segretario verbalizzante può essere riassegnata ripetutamente allo stesso componente con il consenso del Consiglio di Facoltà e dell interessato. In caso di riunioni a composizione ristretta, le funzioni di segretario verbalizzante saranno svolte da un professore di ruolo della fascia che ha diritto a partecipare a tutte le fasi dell adunanza. 6.2 Convocazione delle sedute Le sedute del CdF sono convocate dal Preside con comunicazione personale a ciascun membro avente diritto. La comunicazione può essere redatta su carta o su supporto informatico e deve contenere l ordine del giorno, la data, l ora e il luogo. Essa va fatta pervenire con un anticipo di almeno 5 giorni lavorativi sulla data dell adunanza a tutti i membri del CdF presso le strutture di afferenza o, per i rappresentanti degli studenti, presso la Segreteria di Presidenza. Nei casi d urgenza la convocazione può essere fatta pervenire con un anticipo di almeno 24 ore (Art.3 c.2 RGA). La documentazione relativa all ordine del giorno è a disposizione dei membri del CdF presso l ufficio di Presidenza nei 5 giorni precedenti la data della riunione. 6.3 Ordine del giorno L ordine del giorno di ciascuna seduta viene definito dal Preside. I membri del CdF possono ottenere l inserimento in esso di specifici argomenti tramite richiesta scritta firmata da almeno 1/5 dei componenti il CdF. I punti non all ordine del giorno possono essere trattati se comunicati dal Preside ai membri del CdF con le modalità delle convocazioni d urgenza del CdF. 4

5 6.4 Calendario delle sedute Il CdF si riunisce in seduta ordinaria almeno 6 volte per ogni anno accademico, secondo un calendario definito dal Preside e comunicato ai membri del CdF all inizio di ogni anno accademico. Eventuali sedute straordinarie potranno essere convocate dal Preside su propria iniziativa o, entro 15 giorni dalla richiesta, su richiesta motivata avanzata da un CCS o da almeno 1/4 dei componenti il CdF (Art.11, c.1-2 RGA). 6.5 Validità delle sedute Per la validità delle adunanze del CdF è sempre necessario che ad esse partecipi almeno la metà più uno degli aventi diritto con voto deliberativo Il Presidente del Cdf: a) dirige i lavori dell adunanza; b) regola la discussione; c) pone ai voti e proclama l esito delle votazioni; d) sospende temporaneamente l adunanza, anche a richiesta della maggioranza dei presenti Il Presidente apre la seduta dopo aver accertato l esistenza del numero legale, che rimane presunto durante tutta la durata della seduta. Ogni componente del collegio può però chiedere la verifica del numero legale prima che si proceda a deliberazione Nel caso in cui risulti accertata la sopravvenuta mancanza del numero legale, il Presidente sospende la seduta per mezz ora. Se alla ripresa manca il numero legale il Presidente dichiara chiusa la seduta. I rimanenti punti all o.d.g. sono rimandati ad una seduta successiva. Il Presidente può convocare specifica seduta per trattare i punti rimasti non trattati dalla seduta sospesa con all ordine del giorno i punti non trattati Una volta costituita l adunanza, è possibile deliberare su proposta del Presidente o di altro componente del collegio e con la maggioranza dei presenti con voto deliberativo, di modificare l ordine di trattazione degli argomenti all ordine del giorno Punti non all ordine del giorno possono essere trattati e deliberati solo nel caso in cui siano presenti tutti i componenti in carica con voto deliberativo e la relativa delibera sia assunta all unanimità In caso d urgenza, il Presidente può integrare l ordine del giorno con punti aggiuntivi se questi sono stati comunicati a tutti gli aventi diritto nei tempi e nei modi previsti per le convocazioni d urgenza Il Presidente può invitare alle sedute persone estranee al collegio al solo fine di illustrare argomenti specifici attinenti all ordine del giorno Ove possa ravvisarsi un contrasto tra l interesse di un componente del collegio e l interesse pubblico in discussione, ovvero nei casi di incompatibilità previsti dalla Legge, il Presidente accerta 5

6 che il componente lasci l adunanza prima della discussione dello specifico argomento. Si ha sempre situazione di incompatibilità quando una questione investe il componente, il coniuge, o i parenti e affini entro il quarto grado. 6.7 Modalità di votazione Salvo quanto diversamente disposto con disposizioni di Legge, di Statuto, di Regolamento generale di Ateneo, o del presente Regolamento di Facoltà, per l assunzione di delibere è necessario il voto favorevole di almeno la metà più uno dei presenti con voto deliberativo. Le proposte sono messe in votazione dal Presidente nel seguente ordine: a) dapprima gli eventuali emendamenti soppressivi; b) poi gli eventuali emendamenti modificativi; c) quindi il testo proposto, infine gli eventuali emendamenti aggiuntivi. Salvo diverso avviso del Presidente, il punto all odg Comunicazioni del Presidente non dà luogo a discussione La questione sospensiva o pregiudiziale può essere posta prima dell inizio della discussione di un argomento o nel corso della discussione ed è subito sottoposta a votazione Dopo che l argomento è stato sufficientemente esaminato, il Presidente dichiara chiusa la discussione con passaggio immediato alla votazione. Analoga richiesta può essere oggetto di mozione da parte di ciascun componente Terminata la discussione, nessuno può intervenire se non per dichiarazione di voto Le votazioni avvengono in modo palese, per alzata di mano. In caso di parità prevale il voto del Presidente. Le votazioni avvengono a scrutinio segreto, se richiesto da almeno 1/3 dei presenti con voto deliberativo. Ogni componente il collegio con voto deliberativo può chiedere che la votazione avvenga per appello nominale Tutte le elezioni avvengono a scrutinio segreto. 6.8 Verbali Per ogni adunanza del Consiglio di Facoltà deve essere redatto apposito verbale. Il verbale deve riportare: a) giorno, mese, anno, ora e luogo della riunione; b) ordine del giorno; c) attestazione della regolarità della convocazione; d) il nome dei componenti presenti e di quelli assenti, con l indicazione per questi ultimi se l assenza è giustificata; e) la qualifica di chi presiede; f) l indicazione di chi svolge le funzioni di segretario; g) il riassunto conciso delle discussioni e il testo delle delibere assunte. Ogni componente il CdF può chiedere trascrizione integrale di sue dichiarazioni di voto o intervento: in questo caso si fa obbligo al richiedente di far pervenire al Segretario il testo da 6

7 inserire a verbale entro 3 giorni dalla seduta. In caso di delibere approvate seduta stante, il testo scritto deve essere consegnato prima del termine della seduta; h) il numero complessivo dei votanti e il numero dei voti favorevoli, contrari e astenuti; a richiesta degli interessati, il verbale fa esplicita menzione nominale del voto favorevole, contrario o astenuto espresso dai singoli componenti; i) i nomi dei componenti che si sono allontanati per incompatibilità con l argomento trattato all odg; j) la sigla del Presidente e del Segretario su ogni pagina, compresi gli allegati che fanno parte integrante del verbale I verbali delle sedute sono approvati nella seduta immediatamente successiva. Su proposta del Presidente possono essere approvati, anche in parte, seduta stante. Le eventuali rettifiche chieste in sede di approvazione non possono modificare le deliberazioni adottate né riaprire la discussione. Anche in sede di approvazione successiva del verbale, le modifiche possono riguardare soltanto correzioni o chiarimenti I verbali delle sedute nelle quali si è provveduto a designazioni o elezioni sono approvati seduta stante I verbali da approvare sono fatti pervenire a tutti i componenti del collegio presso le strutture cui afferiscono con un anticipo di almeno tre giorni lavorativi rispetto alla seduta in cui si procede all approvazione dei verbali E prevista la presenza di personale tecnico amministrativo al solo fine di coadiuvare il segretario verbalizzante. I verbali vengono diffusi sul sito internet della Facoltà limitatamente alle delibere di interesse generale. La consultazione è comunque possibile presso gli Uffici della Presidenza. Articolo 7 I Consigli di Corso di Studio I Corsi di studio attivati presso la Facoltà sono retti da un Consiglio di Corso di Studio. I Corsi di Laurea appartenenti alla medesima Classe fanno capo ad un unico CCS. Ogni corso di Laurea magistrale fa capo al CCS a cui appartiene il Corso di Laurea triennale di cui riconosce integralmente i crediti formativi. I Corsi di Laurea magistrale non direttamente in successione con un Corso di Laurea triennale fanno capo al CCS cui appartiene il Corso di Laurea di cui riconoscono il maggior numero di crediti formativi Composizione dei CCS Il CCS è costituito dai membri del CdF titolari d insegnamenti impartiti nel Corso di Studio, dai ricercatori non incaricati di insegnamento che abbiano fatto opzione, da un rappresentante del personale tecnico-amministrativo afferente alla Facoltà, eletto dalla stessa categoria, e da un rappresentante degli studenti iscritti al Corso di Studio. I rappresentanti eletti durano in carica tre anni. Alle sedute del CCS possono partecipare con voto consultivo i supplenti esterni alla Facoltà e i docenti a contratto titolari d insegnamenti impartiti nel Corso di Studio. I docenti della Facoltà titolari di insegnamenti e i ricercatori incaricati di insegnamenti impartiti in più Corsi di studio 7

8 fanno parte del Consiglio del Corso di studio per il quale svolgono prevalentemente la propria attività didattica e, in caso di parità nel numero dei crediti, devono optare per uno dei CCS. Il CCS è presieduto da un coordinatore eletto dai componenti il CCS tra i professori di ruolo a tempo pieno afferenti al CCS. Il Coordinatore dura in carica tre anni ed è rieleggibile consecutivamente una sola volta. Le modalità di elezione del Coordinatore sono analoghe a quelle previste per il Preside Compiti Il CCS ha funzioni consultive e propositive nei confronti del CdF. Svolge i seguenti compiti: a) elabora, programma e coordina le attività didattiche ed organizzative del Corso di Studio e del CCS; b) propone il Regolamento Didattico del Corso di studio nel rispetto delle normative e del RDA; c) cura il coordinamento tra i diversi Corsi di Studio afferenti al CCS; d) propone il Manifesto degli Studi e la Guida dello Studente per le parti di propria competenza; e) propone al CdF la attivazione e disattivazione degli insegnamenti per il successivo anno accademico, nonché l attribuzione dei compiti didattici ai professori e ai ricercatori; f) propone al CdF la approvazione dei piani di studio degli studenti iscritti al Corso e delle pratiche studenti. I verbali delle sedute del CCS vengono inviati all ufficio di Presidenza che ne cura la pubblicità e l archiviazione. In casi particolari il CdF può delegare al CCS potere deliberativo su specifici argomenti didattici Ufficio dei Coordinatori del CCS Al fine di conseguire l adempimento dei compiti del CCS viene istituito l ufficio dei Coordinatori del CCS con compiti organizzativi. Articolo 8 Le Commissioni di Facoltà Il Consiglio di Facoltà si avvale di commissioni permanenti e temporanee per il proprio funzionamento. Le nomine dei componenti delle commissioni sono disposte in modo da distribuire gli incarichi sul più ampio numero possibile di membri del CdF. Se non indicato diversamente, i membri delle commissioni permanenti durano in carica tre anni e sono rieleggibili Commissioni permanenti Sono Commissioni permanenti della Facoltà: - Commissione Didattica - Commissione Biblioteca Commissione Didattica La Commissione Didattica della Facoltà, presieduta dal Preside o da un suo delegato, è composta da quattro docenti oltre al Preside e da quattro rappresentanti degli studenti eletti negli organismi. La Commissione: a) valuta l organizzazione didattica (art. 29 SdA); b) concorre alla predisposizione dei regolamenti dei corsi di studio (ex art SdA); 8

9 c) concorre a valutare l efficace copertura degli insegnamenti attivati e l andamento delle attività didattiche (art SdA); d) valuta le attività didattiche suscettibili di incentivazione, come disposto dal Regolamento di Ateneo per l incentivazione Commissione Biblioteca La Commissione scientifica della Biblioteca (CO.SCI.BI.), cui è affidato l indirizzo scientifico della Biblioteca stessa, è composta da 5 professori fra cui il Preside della Facoltà con funzioni di Presidente, due ricercatori e il Direttore della Biblioteca. La Commissione Scientifica della Biblioteca si riunisce almeno tre volte l anno e delibera su tutte le questioni riguardanti il funzionamento, la gestione, l organizzazione e l amministrazione della Biblioteca, e programma le linee generali della politica degli acquisti. 8.2 Commissioni temporanee La costituzione di Commissioni temporanee è approvata con delibera del CdF; tale delibera deve contenere in forma esplicita il mandato conferito alla Commissione, la sua composizione, i criteri operativi generali, la durata del periodo previsto per l espletamento dei lavori. Articolo 9 Gli Uffici di Facoltà 9.1 L ufficio di Presidenza L ufficio di Presidenza, organizzato e coordinato dal Preside, ha il compito di: a) assistere e coadiuvare il Preside nello svolgimento e nella esecuzione delle attività didattiche e operative legate alla sua funzione; b) curare la gestione ed il funzionamento delle strutture didattiche della Facoltà; c) mantenere i rapporti tra le strutture didattiche della Facoltà (CdF, CCS, Segreteria Studenti); d) curare la stesura dei verbali di Facoltà e degli atti prodotti dagli organi della Facoltà per la gestione della didattica; e) curare i rapporti con gli uffici amministrativi e tecnici dell Ateneo per gli interventi legati al funzionamento delle attività complessive della Facoltà; f) provvedere, nei giorni e negli orari stabiliti, all accesso agli atti amministrativi prodotti dalle strutture didattiche; 9.2 Gestione amministrativo-contabile Il RGA ed il RGAFC riconoscono la Presidenza di Facoltà come centro autonomo di spesa di tipo B, ovvero con autonomia di spesa nell ambito del bilancio dell Ateneo, sulla base delle linee d indirizzo e nei limiti definiti dall Ateneo. Il Preside è responsabile della gestione amministrativocontabile dei fondi assegnati alla Presidenza delle Facoltà dagli organi di governo dell Ateneo e provvede direttamente alle spese occorrenti (Art. 24, RGA, FCA). Per la gestione finanziaria del fondo assegnatole, la Presidenza di Facoltà può usufruire delle strutture e del personale amministrativo di un centro di spesa di tipo A, usualmente un Dipartimento correlato, sentito il Direttore del centro. 9.3 Segreteria Studenti 9

10 La Segreteria Studenti cura, nel rispetto delle normative vigenti, i rapporti con gli studenti iscritti ai Corsi di Studio della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne e attua le delibere del CdF relative alla gestione della carriera didattica degli studenti. 9.4 Ufficio dei coordinatori dei CCS. L ufficio, organizzato e gestito dalla Presidenza, assiste i coordinatori nello svolgimento e nell esecuzione delle attività legate ai compiti dei CCS; cura gli atti relativi alla gestione del CCS. Articolo 10 Dipartimenti e altri centri correlati La Facoltà riconosce come correlati i Dipartimenti e i Centri Interfacoltà o Interdipartimentali nei quali si sviluppano programmi di ricerca in aree disciplinari di competenza della Facoltà e in cui afferiscono almeno 5 professori o ricercatori della Facoltà o che rappresentino almeno il 25 % dei componenti docenti-ricercatori della struttura (Dipartimenti) o nel cui Consiglio Direttivo o Comitato Tecnico partecipino almeno due membri della Facoltà (Centri). I Dipartimenti e i centri correlati forniscono alla Facoltà, compatibilmente con la disponibilità di risorse umane e strutturali, il supporto scientifico, didattico e organizzativo alle attività dei singoli Corsi di Studio. La Facoltà sente il parere dei Dipartimenti, per i settori disciplinari di loro competenza, su: a) richiesta di posti di ruolo di professore e ricercatore; b) destinazione dei posti di ruolo ai settori scientifico- disciplinari; c) il profilo scientifico dei candidati alla copertura di posti di ruolo. Articolo 11 Attività di Docenza 11.1 Compiti dei docenti I docenti sono tenuti ad assicurare, in non meno di tre giorni settimanali, lo svolgimento di lezioni, esercitazioni, seminari, attività di supporto alla didattica, orientamento e tutorato, esami di profitto e di Laurea, partecipazione alle Commissioni di Facoltà e di Ateneo, etc. ( Art. 11, c. 1 RDA) Indisponibilità Qualora per ragioni di salute o altro legittimo impedimento, il docente non possa tenere la lezione o l esercitazione, questa può essere svolta da altro docente o rinviata. In quest ultimo caso, il docente deve provvedere affinché sia data tempestiva comunicazione agli studenti, e deve dare immediata comunicazione alla Presidenza. In caso di malattia o di altro legittimo impedimento, il docente o i docenti che facciano parte di una commissione di esami sono surrogati con docenti nominati dal Preside Certificazione delle attività I docenti sono tenuti a certificare tutte le proprie attività didattiche su appositi registri predisposti dall amministrazione dell Ateneo e disponibili presso l ufficio di Presidenza. Tali registri devono poter essere consultati, su richiesta, dal Preside o dal Rettore e vanno consegnati entro trenta giorni lavorativi dal termine dell anno accademico al Preside che ne cura la conservazione nell archivio di Facoltà (Art.11, c. 3-6, RDA) Docenti supplenti e a contratto 10

11 Ai docenti supplenti esterni alla Facoltà ed ai professori a contratto si applicano, ove non diversamente disposto nei relativi contratti di assegnazione degli incarichi, le stesse normative previste ai punti 9.1, 9.2 e 9.3. Articolo 12 Modifiche di Regolamento Il presente Regolamento può essere modificato con apposita delibera del CdF, approvata a maggioranza assoluta degli aventi diritto. Le proposte di modifica possono essere avanzate dal Preside, oppure, per iscritto, da almeno 1/4 dei membri del CdF. Le proposte, in quest ultimo caso, dovranno pervenire al Preside almeno 20 giorni prima della seduta del CdF nella quale si intende presentarle. Il Preside invierà copia della proposta di modifica del Regolamento a tutti i membri del CdF insieme alla convocazione della seduta. Il Regolamento di Facoltà, deliberato dal Consiglio di Facoltà, viene infine approvato dal Senato accademico ed emanato con un decreto rettorale che ne indica la data di entrata in vigore. 11

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) Art. 1 1. Il presente Regolamento concerne attribuzioni, gestione e funzionamento del Dipartimento di Produzione Vegetale dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE E DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Ambito di operatività del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R. 203.12 dell 8 maggio 2012 e pubblicato

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA IL RETTORE VISTA VISTI VISTO VISTO la Legge 9 maggio 1989, n.168, Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; i Decreti del Ministro dell Istruzione dell Università

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI E DEL PERSONALE Settore Affari Generali Unità Operativa Legale LB/eg D.R. Rep. n. 608/2012 Prot. n. 21738 del 06.12.2012 Tit. I cl. 3 Oggetto: Emanazione del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 PARTE 1 ART. 1 Composizione e attribuzioni Il collegio docenti è composto dal personale docente a tempo indeterminato e determinato

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Art. 1 - Definizione

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Art. 1 - Definizione REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Art. 1 - Definizione 1. Il Dipartimento di Chimica, istituito con decreto rettorale, previa deliberazione del Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Bozza REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Art.1 Composizione Il Collegio è composto da tutti i docenti in servizio a tempo determinato ed indeterminato alla data della riunione e dal Dirigente Scolastico che

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA (SAMeV) Regolamento Art. 1 1. La Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria (SAMeV) è istituita ai sensi dello Statuto dell'università di Torino, artt. 24 e sgg.

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE, MISSIONE, FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 -Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento Generale di Ateneo dell Università degli Studi Link Campus University Il presente Regolamento contiene le norme attuative delle disposizioni dello Statuto dell Università degli Studi Link Campus

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il presente regolamento disciplina il funzionamento del senato accademico dell Università degli studi di Genova in conformità a quanto

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Politiche Regolamento Didattico (14 dicembre 2010) Art. 1 - Autonomia didattica 1. Il presente regolamento, conformemente a quanto previsto dallo Statuto

Dettagli

IL RETTORE. il D. R. n. 6677 del 04.06.2009, con cui è stato costituito il. Centro di Esperienza di Educazione Ambientale;

IL RETTORE. il D. R. n. 6677 del 04.06.2009, con cui è stato costituito il. Centro di Esperienza di Educazione Ambientale; Decreto n. 9393 IL RETTORE VISTO VISTO VISTA VISTO il D.R. n. 6676 del 04.06.2009, con cui è stato costituito il Centro di Esperienza di Educazione Ambientale; il D. R. n. 6677 del 04.06.2009, con cui

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA. Art. 2. Organi della Facoltà

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA. Art. 2. Organi della Facoltà REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA Art. 1. Corsi e titoli di studio 1. La Facoltà è la struttura nella quale, anche in collaborazione con altre strutture dell Università, si svolgono i corsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Parte prima NORME GENERALI

Parte prima NORME GENERALI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO (emanato con Decreto Rettorale del 15 giugno 2010, n. 789) Parte prima NORME GENERALI Art.1

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SCIENZE GIURIDICHE, POLITICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Art. 1 Definizione e attribuzioni Art. 2 Compiti della Scuola Art. 3 Organi della Scuola Art. 4 Compiti del Consiglio della

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Affari Generali

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Affari Generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Affari Generali VISTO io Statuto emanato con D. R. n. 6435 del 7 ottobre 1994, modificato con D. R. n. I 1448 del 23.06.2000, con D. R. n. 2/2002 dei 08.01.2002

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

Regolamento Scuola Ingegneria

Regolamento Scuola Ingegneria D.R. 17 settembre 2013 n. 32305 - Emanazione Regolamento Scuola Ingegneria Art. 1 (Finalità e Aree culturali) 1. La Scuola di Ingegneria dell Università di Pisa (nel seguito: Scuola) ha lo scopo di promuovere,

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri.

ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano a Stranieri. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER DI I LIVELLO IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Master di I livello in Didattica dell Italiano

Dettagli

4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. ESPRIME

4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. ESPRIME I DIVISIONE 4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. OMISSIS ESPRIME parere favorevole alla istituzione del Centro Interdipartimentale

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE ART. 1 - AMBITO DI EFFICACIA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione ed il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

3-2-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 28 A LLEGATO STATUTO

3-2-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 28 A LLEGATO STATUTO A LLEGATO STATUTO Adottato dal Senato Accademico con delibera n. 474/16719 del 14 aprile 2011, previo parere favorevole del Consiglio di Amministrazione, modificato con delibera n. 480/16904 del 13 ottobre

Dettagli

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 48 PROVINCIA DI PADOVA PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO Approvato con D.G.P. in data 24.2.2000 n. 42 di reg., modificato con D.G.P.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

COMITATO UNICO di GARANZIA (C.U.G.)

COMITATO UNICO di GARANZIA (C.U.G.) COMITATO UNICO di GARANZIA (C.U.G.) REGOLAMENTO di ISTITUZIONE e FUNZIONAMENTO del COMITATO UNICO di GARANZIA (CUG) per le PARI OPPORTUNITA, la VALORIZZAZIONE del BENESSERE di CHI LAVORA e CONTRO le DISCRIMINAZIONI

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it

UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it U N I S U UNIVERSITÀ TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE N I C C O L O C U S A N O S T A T U T O UNI Niccolò Cusano - via Casalmonferrato 2/B - 00182 Roma N. VERDE 800.98.73.73 www.unisu.it www.unicusano.it

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag.

SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE. Titolo I Organi rappresentativi... pag. SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA DI ARCHITETTURA INDICE Titolo I Organi rappresentativi... pag. 2 art. 1 Organi della Facoltà di Architettura... pag. 2 art.

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento della Consulta provinciale delle professioni Regolamento approvato dal Consiglio camerale con deliberazione n.47 del 20.12.2012 INDICE ARTICOLO 1 (Oggetto del

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

DIVISIONE STIPENDI E CARRIERE DEL PERSONALE

DIVISIONE STIPENDI E CARRIERE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA, PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI DELL ATENEO

Dettagli

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia

Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Università degli Studi di Brescia Facoltà di Economia Regolamento della Facoltà di Economia dell Università di Brescia Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 -

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO TITOLO I Principi generali Art. 1 Finalità e definizioni 1. L Accademia di Belle Arti di Palermo, di seguito denominata Accademia, è un istituzione pubblica di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA (Emanato con Decreto Rettorale n. 1414/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del 30 novembre 2001, modificato con D.R. n.

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI COMPETENZE REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Art. 1- Il Collegio dei Docenti ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell'istituto, nel rispetto della libertà di insegnamento garantita

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Regolamento della Biblioteca di Filosofia

Regolamento della Biblioteca di Filosofia Regolamento della Biblioteca di Filosofia (Proposta approvata dal Consiglio di Dipartimento nella seduta del 28 marzo 2000) La Biblioteca di Filosofia dell'università degli Studi di Milano, sita in Via

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Università degli Studi del Sannio. REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001)

Università degli Studi del Sannio. REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001) Università degli Studi del Sannio REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L'ORGANIZZAZIONE DEI DIPARTIMENTI (D.R. n. 515 del 23 maggio 2001) Articolo 1 Definizione, finalità e compiti 1. L Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

"Paolo Baffi" Centre on International Markets, Money and Regulation

Paolo Baffi Centre on International Markets, Money and Regulation Centro Permanente di Ricerca Permanent Research Centre Acronimo BAFFI CENTRE Denominazione "Paolo Baffi" Centre on International Markets, Money and Regulation Oggetto di attività Economia e diritto dei

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli