Beni ed Oggetti Rinvenuti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Beni ed Oggetti Rinvenuti"

Transcript

1 COMUNE DI CUTIGLIANO Provincia di Pistoia ******************************************************************************** Regolamento del Servizio Beni ed Oggetti Rinvenuti Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 44 del 30/09/2010

2 INDICE TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Ambito di applicazione ed esclusioni Articolo 3 Consegna degli oggetti Articolo 4 Registrazione e presa in carico pagina..1 pagina..1 pagina..1 pagina..2 TITOLO II : DISPOSIZIONI PARTICOLARI Articolo 5 Individuazione del proprietario Articolo 6 Pubblicità e custodia Articolo 7 Visione degli oggetti pagina..2 pagina..2 pagina..3 TITOLO III : NATURA DEGLI OGGETTI RINVENUTI Articolo 8 Denaro e preziosi Articolo 9 Oggetti pericolosi Articolo 10 Cose deperibili Articolo 11 Armi, munizioni ed esplosivi Articolo 12 Documenti di identificazione personale Articolo 13 Velocipedi e ciclomotori pagina..3 pagina..3 pagina..4 pagina..4 pagina..4 pagina..5 TITOLO IV : RESTITUZIONE DEI BENI Articolo 14 Restituzione al proprietario Articolo 15 Restituzione al ritrovatore Articolo 16 Restituzione ad eredi, minori ed incapaci pagina..5 pagina..6 pagina..7 TITOLO V : DISPOSIZIONI VARIE Articolo 17 Premio di legge al ritrovatore pagina..7 Articolo 18 Spese di custodia pagina..8 Articolo 19 Stima degli oggetti di valore pagina..8 Articolo 20 Stato e custodia dei beni rinvenuti pagina..8 Articolo 21 Disponibilità del bene non ritirato Articolo 22 Distruzione di beni rinvenuti pagina..9 pagina..9

3 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il presente Regolamento disciplina tutte le attività dell Amministrazione Comunale inerenti la gestione dei beni e degli oggetti mobili rinvenuti nel territorio comunale di Cutigliano (Pistoia). 2. Nell ambito del Servizio Polizia Municipale opera l Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, con il compito di ricevere, catalogare, custodire ed all occorrenza, restituire agli aventi diritto, tutte le cose mobili smarrite e ritrovate da terzi in qualunque circostanza, nel territorio del Comune di Cutigliano, secondo le disposizioni previste dal Libro III Titolo II Capo III Sezione I, artt. 927 e seguenti del Codice Civile. Articolo 2 Ambito di applicazione ed esclusioni. 1. Le disposizioni del presente Regolamento si applicano ai beni ed agli oggetti da chiunque rinvenuti nell ambito del territorio comunale, qualora smarriti e non immediatamente restituibili al legittimo proprietario. 2. Le disposizioni del presente Regolamento non si applicano alle cose in stato di abbandono ed ai veicoli a motore con targa o muniti di documento di circolazione o altro contrassegno che consenta di individuarne il proprietario. 3. Ai fini del presente Regolamento sono assimilati alle cose mobili i veicoli funzionanti esclusivamente a propulsione muscolare (biciclette, monopattini, tandem e simili). Articolo 3 Consegna degli oggetti. 1. Chiunque trovi una cosa mobile nel territorio comunale, quando questa non venga direttamente restituita al legittimo proprietario, deve consegnarla senza indugio al personale addetto all Ufficio. 2. Al momento della consegna dell oggetto presso il suddetto Ufficio, l incaricato si accerta dell identità del consegnatario. 3. Il deposito del bene trovato dovrà essere accompagnato da un apposito verbale redatto dal personale dell Ufficio accettante e sottoscritto dal consegnatario con la descrizione dell oggetto e le circostanze del ritrovamento. 4. Copia del verbale viene rilasciata al consegnatario.

4 Articolo 4 Registrazione e presa in carico. 1. Tutti gli oggetti ritrovati e consegnati, ad esclusione di cose minute prive di valore, sono presi in carico dal personale addetto all Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti. 2. Tali beni vengono catalogati ed annotati su un apposito registro di carico - scarico numerato progressivamente. 3. Ad ogni oggetto, o all involucro che contiene più oggetti, verrà applicato un tagliando con evidenziati il numero e la data di registrazione. Tutti i beni saranno conservati in luogo idoneo all interno dell Ufficio Oggetti Rinvenuti. 4. Nel registro di carico scarico saranno indicati, oltre al numero progressivo, la data della consegna, la descrizione dettagliata del bene, le circostanze del ritrovamento, le generalità del consegnatario e gli estremi del documento con il quale si è provveduto ad identificarlo. 5. Nel medesimo registro sono annotate tutte le successive operazioni relative all oggetto rinvenuto. 6. Le chiavi e le altre cose prive di valore non sono né catalogate, né registrate; vengono trattenute presso l Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti per 7 (sette) giorni e successivamente distrutte, salvo individuarne l avente diritto. TITOLO II DISPOSIZIONI PARTICOLARI Articolo 5 Individuazione del proprietario. 1. Esperite le procedure di presa in carico e di registrazione delle cose ritrovate, se queste presentano elementi inconfutabili per l immediata identificazione e rintraccio del proprietario o altro avente diritto (ad esempio dati anagrafici), il personale incaricato provvede a spedire a costoro un avviso di deposito, anche al fine di verificare se tali beni risultino oggetto di furto, fornendo al contempo le indicazioni necessarie circa le modalità per il ritiro dello stesso. 2. Se l oggetto depositato presenta elementi utili per giungere all individuazione del proprietario o altro avente diritto, il personale incaricato potrà esperire, nei limiti della normale diligenza, ogni opportuna e possibile ricerca al fine di identificare i soggetti suddetti e spedire l avviso di cui al comma precedente. Articolo 6 Pubblicità e custodia. 1. Le forme di pubblicità del ritrovamento e della consegna di beni ed oggetti smarriti sono regolate dalle disposizioni e con le modalità previste dall articolo 928 del Codice Civile.

5 2. Tali attività sono rese note mediante la pubblicazione mensile di un apposito avviso (con allegato elenco descrittivo) affisso all Albo Pretorio del Comune. L avvenuta pubblicazione deve essere certificata sull avviso stesso. 3. In alcuni casi il Responsabile dell Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, può consentire la divulgazione a mezzo stampa, radio o video di informazioni relative ai beni consegnati. 4. Le cose rinvenute e consegnate, salvo diversa disposizione del Responsabile della Polizia Municipale, vengono custodite in idoneo locale dell Ufficio competente, avuto riguardo della loro natura ed entità. Quelle di riconosciuto valore sono custodite in apposita cassaforte. 5. Il personale incaricato è direttamente responsabile della conservazione delle cose prese in custodia, secondo i propri doveri d ufficio, escluso il caso fortuito o la forza maggiore. Articolo 7 Visione degli oggetti. 1. Chiunque vi abbia interesse può prendere visione degli oggetti custoditi, in presenza del personale addetto all Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, nei giorni e negli orari di apertura al pubblico. 2. Per accertamenti di Polizia Giudiziaria è sempre ammessa la visione, anche al di fuori del normale orario. 3. Il personale addetto al competente Ufficio non è tenuto a fornire ad alcuno nessun chiarimento in relazione agli oggetti depositati. TITOLO III NATURA DEGLI OGGETTI RINVENUTI Articolo 8 Denaro e preziosi. 1. Il denaro, gli oggetti preziosi e quelli di notevole valore, verranno custoditi in apposita cassaforte ed affidati temporaneamente alla diretta responsabilità del Responsabile dell Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti. Articolo 9 Oggetti pericolosi. 1. Al fine di evitare il deposito di sostanze pericolose o nocive, qualora vengano consegnati contenitori chiusi (di qualunque tipologia, anche borse o valigie chiuse a chiave), il personale addetto all Ufficio provvederà sempre alla loro apertura per verificarne il contenuto, redigendo apposito verbale.

6 2. Dell eventuale apertura di qualsiasi contenitore comunque classificabile e delle procedure seguite, deve essere redatto apposito verbale. 3. Nel caso vengano rinvenute sostanze pericolose, nocive o sospette, fatto salvo il rispetto delle disposizioni speciali, il personale addetto all Ufficio ne darà tempestivamente comunicazione alle competenti Autorità di Pubblica Sicurezza, oppure, ove sia più opportuno, provvederà alla distruzione immediata dell oggetto. Articolo 10 Cose deperibili. 1. In caso di ritrovamento di beni deperibili per i quali non sia stato possibile identificare il proprietario o altro avente diritto in tempo utile alla loro integra restituzione, l Ufficio provvede alla loro vendita al prezzo di mercato corrente ovvero alla loro distruzione, redigendo apposito verbale e facendone annotazione sul registro. Il corrispettivo della vendita di tali beni è introitato al bilancio comunale. 2. Qualora i beni di cui al comma 1 siano costituiti da prodotti alimentari o comunque commestibili, questi saranno devoluti a favore di Associazioni, Enti, Istituti di assistenza e beneficenza. Anche in questo caso si deve provvedere alla redazione del verbale ed all annotazione sul registro di carico - scarico. Articolo 11 Armi, munizioni ed esplosivi. 1. E di esclusiva competenza dell Autorità di Pubblica Sicurezza, competente per territorio, l accettazione di armi, munizioni ed esplosivi di qualunque genere, di cui alla legge n 110 del 18/04/1975, eventualmente rinvenute nel territorio del Comune di Cutigliano. Articolo 12 Documenti di identificazione personale. 1. Nel caso in cui vengano rinvenuti documenti identificativi come: carte d identità, patenti di guida (o documenti similari e/o equiparati), carte di circolazione (o documenti similari e/o equiparati), tessere sanitarie, codici fiscali, passaporti, blocchetti di assegni, carte di credito, tessere bancomat, libretti di risparmio (o documenti similari e/o equiparati), tessere di identificazione rilasciate da ditte, società o enti pubblici ai propri dipendenti, tessere universitarie ed ogni altro documento avente valore identificativo e/o certificativo, riconducibili a persone fisiche o giuridiche residenti nel Comune di Cutigliano, il personale incaricato invia gli stessi direttamente agli intestatari. 2. Nell ambito dell attività di individuazione dei soggetti di cui al precedente comma il personale incaricato non è tenuto ad effettuare ricerche anagrafiche quando gli stessi soggetti risultino sconosciuti all indirizzo riportato sui documenti rinvenuti, ovvero quando sul documento risultino soltanto alcuni elementi, che non permettano l invio direttamente all interessato. 3. Relativamente a documenti di soggetti residenti in altri comuni italiani, il personale dell Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti provvede ad effettuare l invio dei documenti presso la struttura competente del comune di residenza.

7 4. Qualora i documenti di cui al comma 1 siano rinvenuti all interno di portafogli, borse o simili, il personale dell Ufficio accettante, provvede alla spedizione soltanto dei medesimi, portando a conoscenza gli interessati di quanto rimasto in deposito presso il competente Ufficio; gli oggetti rinvenuti insieme ai documenti possono essere ritirati con le modalità specificate all articolo 14 del presente Regolamento. 5. I documenti appartenenti a cittadini stranieri sono inviati alle rappresentanze consolari del Paese di residenza. Articolo 13 Velocipedi e ciclomotori. 1. I veicoli funzionanti esclusivamente a propulsione muscolare come biciclette, monopattini, tandem e qualsiasi altro mezzo di locomozione non a motore, sono assimilati ai beni mobili. 2. Al momento della consegna di un ciclomotore, il personale dell Ufficio eseguirà accertamenti in merito alla possibilità che il veicolo sia provento di furto, in base ai dati identificativi in suo possesso (contrassegno di identificazione e/o numero di telaio). Qualora l accertamento dia esito negativo il ciclomotore sarà depositato come oggetto rinvenuto e seguirà l iter previsto dagli artt. 927 e seguenti del Codice Civile. 3. Quando si presenti, durante il periodo di giacenza del veicolo rinvenuto (art. 929 C.C.), il presunto proprietario per il ritiro del medesimo, il personale addetto all Ufficio dovrà accertarsi, oltre che dell identità dell avente diritto, anche dei dati propri del ciclomotore tramite l esibizione del certificato di conformità ed altri documenti comprovanti la proprietà del bene. TITOLO IV RESTITUZIONE DEI BENI Articolo 14 Restituzione al proprietario. 1. Il personale addetto all Ufficio accerta che la persona che si presenta a ritirare il bene sia il legittimo proprietario (per mezzo di un documento di identità personale), o suo legale rappresentante, o persona delegata al ritiro (tramite delega o documento equipollente). 2. Chi si dichiara titolare o avente diritto dell oggetto ritrovato e ne chiede la restituzione, è tenuto a fornire al personale addetto all Ufficio, una descrizione estremamente particolareggiata del bene medesimo e, qualora sia stata fatta, anche la copia della denuncia di furto o smarrimento. 3. Della restituzione del bene viene redatto processo verbale, nel quale debbono venire indicati: il luogo e la data della restituzione;

8 le generalità complete del proprietario (nome, cognome, estremi di nascita, estremi di residenza, estremi del documento di identità); gli elementi forniti dalla persona che si presenta a ritirare il bene, a dimostrazione di esserne il proprietario; se ed a quale Ufficio di Polizia il proprietario abbia denunciato lo smarrimento od il furto del bene. Copia del verbale di restituzione viene consegnata alla persona che ritira il bene, inviata a colui che in precedenza aveva rinvenuto il bene ed eventualmente trasmessa all Ufficio di Polizia presso il quale il legittimo proprietario aveva eventualmente denunciato lo smarrimento od il furto 4. Se l oggetto da restituire è un documento di identità, di riconoscimento, o altro titolo occorrente per lo svolgimento di una attività (così come definito dall articolo 1 lettere c e d del D.P.R. n 445/2000), per il quale il titolare dichiari di avere già il possesso del relativo duplicato, il documento originale deve essere restituito, anziché all avente causa, all Ufficio che lo ha rilasciato. 5. Qualora il proprietario risieda in altro Comune e non possa provvedere al ritiro dei beni ritrovati direttamente o tramite suo delegato, l Ufficio competente trasmette gli oggetti medesimi, a mezzo Servizio Postale, al Sindaco del Comune di residenza dell avente diritto, con l invito ad adempiere alla loro restituzione. 6. Se il bene da restituire è un velocipede, il presunto proprietario dovrà fornire la denuncia di smarrimento o di furto del veicolo fatta a suo tempo all Autorità di Pubblica Sicurezza. Articolo 15 Restituzione al ritrovatore. 1. Trascorso un anno dall'ultimo giorno della pubblicazione all Albo Pretorio del Comune senza che alcuno si sia presentato a reclamare la restituzione dell oggetto ritrovato, quest ultimo, oppure il suo valore se le circostanze ne hanno richiesto la vendita, sarà messo a disposizione del rinvenitore. 2. Il personale addetto all Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti provvede ad avvertire il soggetto interessato a mezzo di raccomandata A/R. 3. Il ritrovatore del bene potrà, entro il mese successivo al ricevimento dell avviso di cui al comma precedente, presentarsi personalmente o tramite altro soggetto munito di delega, presso l Ufficio competente per la consegna dell oggetto presentando copia del verbale di cui all articolo 3 comma 4 del presente Regolamento. 4. La consegna dell oggetto al ritrovatore è subordinata all accertamento della sua identità personale ed alle condizioni previste dagli articoli 14 e 16 del presente Regolamento. Non si da luogo all acquisizione della proprietà del bene nel caso si verifichi una particolare facilità per il suo ritrovamento e per il personale di cui all articolo 17 comma 4 del presente Regolamento. 5. Dell atto di riconsegna del bene al ritrovatore viene redatto apposito verbale.

9 Articolo 16 Restituzione ad eredi, minori ed incapaci. 1. In caso di decesso dell avente causa, gli oggetti di effettiva proprietà del defunto possono essere riconsegnati agli eredi purché muniti di regolare attestazione in tal senso (lo status di erede è autocertificabile). 2. Le cose, od il loro corrispettivo di vendita, depositate presso l Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, non possono venire restituite a persone che non abbiano la maggiore età o che si trovino in manifesto stato di incapacità, se non accompagnate da chi ne abbia la legale rappresentanza. 3. Possono comunque essere restituiti direttamente ai proprietari, anche se minori od incapaci, oggetti e documenti personali, che per il valore e/o l uso cui sono destinati, non possono costituire pericoli di sorta o atti illeciti. TITOLO V DISPOSIZIONI VARIE Articolo 17 Premio di legge al ritrovatore. 1. Ai sensi dell articolo 930 del Codice Civile spetta al ritrovatore, qualora ne faccia richiesta, un premio pari ad un decimo (1/10) della somma o del prezzo del bene ritrovato; se tale somma eccede 5,16 il premio per il sovrappiù è solo di un ventesimo (1/20). Se l oggetto ritrovato non ha valore commerciale, la misura del premio è fissata dal giudice. 2. Il proprietario, portato a conoscenza della richiesta avanzata dal ritrovatore, ai sensi dell articolo 930 del Codice Civile, può lasciare allo stesso il premio previsto, depositandolo presso l Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, oppure provvedere, sotto la propria responsabilità, a pagare al ritrovatore quanto previsto per legge, rilasciando per questo all Ufficio medesimo una dichiarazione firmata. 3. L Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti rimane del tutto estraneo ai rapporti che possono instaurarsi tra proprietario e ritrovatore in conseguenza di quanto disposto dall articolo 930 del Codice Civile. 4. Al ritrovatore non spetta alcun premio, anche se questi ne fa richiesta, quando esista una particolare facilità nel ritrovare la cosa; non spetta quindi alcun premio agli appartenenti agli Organi di Polizia (di Stato e/o Locale) e alle altre Forze dell Ordine, ai dipendenti di Enti Pubblici, della Società di raccolta dei rifiuti (per quanto riguarda i ritrovamenti che si verificano durante l espletamento del loro servizio), ai custodi ed inservienti di Pubblici Uffici, di Musei ed altri luoghi pubblici in relazione agli oggetti ivi smarriti, nonché ai conducenti di veicoli pubblici per quanto viene ritrovato all interno delle vetture.

10 5. Per quanto riguarda il ritrovamento di titoli di credito, si applica per intero la percentuale prevista dall articolo 930 del Codice Civile ove trattasi di titoli al portatore e di titoli nominativi ma circolanti come titoli al portatore; per i titoli all ordine a girata piena e per i titoli nominativi, spetta all incaricato, secondo il suo prudente apprezzamento, valutare l importo del premio, sempreché il titolo, al momento del ritrovamento, non sia stato denunciato. Articolo 18 Spese di custodia. 1. Sia il proprietario che il ritrovatore, ritirando il bene depositato, sono tenuti a corrispondere al Comune di Cutigliano una somma a titolo di recupero, custodia, conservazione, spedizione ed involucro (le ultime due in caso di invio del bene), così come previsto dall ultimo comma dell articolo 929 del Codice Civile ed in base alle tariffe stabilite con apposita delibera, mediante versamento sul conto corrente postale dell Ente Articolo 19 Stima degli oggetti di valore. 1. La stima del valore degli oggetti viene fatta d ufficio; quando si presume che l oggetto abbia un valore rilevante viene richiesto l intervento di un perito di fiducia dell Amministrazione Comunale, per stabilire l effettivo valore dell oggetto. 2. Il proprietario o il ritrovatore di un oggetto di valore possono chiedere all Amministrazione Comunale, attraverso l Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti, di formulare attraverso un perito di fiducia dell Amministrazione stessa, la stima sull oggetto ritrovato e depositato, con spese a carico del proprietario o del ritrovatore. 3. Se durante il periodo occorrente per la stima, vengono a decadere i termini per il ritiro del bene, questi sono automaticamente prorogati. 4. Delle operazioni suindicate viene fatta annotazione sul registro di cui all articolo 4 comma 2. Articolo 20 Stato e custodia dei beni rinvenuti. 1. L Amministrazione Comunale prende in carico il bene rinvenuto nelle condizioni in cui lo stesso è stato ritrovato e non è tenuta alla manutenzione del medesimo, salvo questa non sia necessaria per prevenire danni all Amministrazione stessa o a terzi. 2. L Amministrazione Comunale non risponde di eventuali danni o irregolarità che possono verificarsi prima della consegna dei beni rinvenuti al competente Ufficio. 3. I beni rinvenuti e consegnati al personale addetto all Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti vengono custoditi presso l Ufficio medesimo.

11 4. Se per motivi vari non fosse possibile custodire l oggetto ritrovato presso l Ufficio competente, il personale addetto indica all interessato il luogo di custodia del bene per poter effettuare le attività previste. Articolo 21 Disponibilità del bene non ritirato. 1. Decorso il termine previsto dall articolo 15 comma 1, senza che gli aventi diritto abbiano provveduto al ritiro degli oggetti ritrovati, gli stessi sono acquisiti di diritto al patrimonio disponibile dell Amministrazione Comunale. 2. L Ufficio Beni ed Oggetti Rinvenuti provvede annualmente a formare un elenco di tutti gli oggetti in deposito che siano divenuti di proprietà dell Amministrazione Comunale e, dopo opportuna scelta, a vendere nei modi di legge gli oggetti di valore o meritevoli di qualsiasi apprezzamento. 3. Gli oggetti di magazzino quali borse, valige, buste, sacchi con indumenti, vestiario, effetti personali, od altri oggetti privi di valore commerciale, sono distribuiti ad Associazioni od Enti di beneficienza. 4. Le somme di denaro, compresa la valuta estera ed i premi eventualmente non ritirati dai ritrovatori nei termini previsti, sono versate alla Tesoreria Comunale previa adozione di specifica deliberazione predisposta dall Ufficio per l introito di dette somme da parte del Comune. Articolo 22 Distruzione di beni rinvenuti. 1. Qualora i beni ritrovati abbiano caratteristiche di deperibilità tali da non permetterne ne il riutilizzo, ne la donazione ad Associazioni od Enti di beneficienza, il competente Ufficio provvede alla immediata distruzione dei medesimi.

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE NUCLEO POLIZIA AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Art. 2: Art. 3: Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 112 del 30 se embre 2013 "REGOLAMENTO"PER"LA"GESTIONE"DEGLI"OGGETTI"RINVENUTI"NEL"TERRITORIO"COMUNALE"

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI CHIUSA COMUNE DI SCLAFANI Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI Allegato alla Deliberazione di G.C. n. 20 del 20/02/2013 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 9 dell 8/2/2005 In vigore dal 10 marzo 2005 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI 2002 APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 L Ufficio Oggetti Rinvenuti, ha

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE I N D I C E ARTICOLO I Disposizioni generali ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le funzioni che il Codice

Dettagli

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE I N D I C E ARTICOLO I Disposizioni generali ARTICOLO II

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI QUINTO VICENTINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI 1 DISPOSIZIONI GENERALI Titolo primo Articolo 1 1. Nell ambito del Servizio Patrimonio ed alle sue dipendenze opera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.42 del 16/09/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE 1 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 84 del 8.9.2005 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI PUBBLICITA DEL RITROVAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile A mente dell'art. 927 del C.C., chiunque ritrova una cosa mobile nel territorio del Comune deve restituirla al proprietario.

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso NORME PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66/1982) Art. 1 OBBLIGHI PER CHI RITROVA

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti COMUNE DI BELLUNO Regolamento per la gestione degli oggetti rinvenuti Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 73 del 29/11/2004 DISPOSIZIONI GENERALI - premessa - Nell ambito del Settore Bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 99 del 13-03-1995 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 244 del 29-10-1998

Dettagli

Comune di Avigliana. Regolamento

Comune di Avigliana. Regolamento Comune di Avigliana Provincia di Torino Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale. Approvato dal Consiglio Comunale in data 17/10/2013 con deliberazione n. 65 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.3 del 19.03.2012 COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

Dettagli

dovranno essere trascritte, altresì, le successive operazioni relative all oggetto ritrovato.

dovranno essere trascritte, altresì, le successive operazioni relative all oggetto ritrovato. ARTICOLO 1 Nell ambito del Settore VII Polizia Municipale presso gli Uffici del Comando di Polizia Municipale, opera l ufficio Oggetti Rinvenuti, con il compito di ricevere, e custodire tutte le cose mobili

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 28 del 3 aprile 2006 1 INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.56 del 6.11.2014 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale

Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale Spesso nei magazzini comunali vengono depositati beni mobili smarriti o ritrovati per i quali procedere alla catalogazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO "OGGETTI TROVATI" (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI TROVATI (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO "OGGETTI TROVATI" (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI 1) Nell ambito del Settore Funzionale n. 15 Polizia

Dettagli

Regolamento oggetti rinvenuti

Regolamento oggetti rinvenuti COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA Provincia di Alessandria Via Berthoud 49 - cap 15069 - p.iva 00211750062 Regolamento oggetti rinvenuti INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento e riferimenti normativi Articolo

Dettagli

6/ter REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO

6/ter REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO 6/ter CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE 1 I N D I CE TITOLO I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 69 del 9 novembre 2009 Indice Art. 1 Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI

REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI = COMUNE DI FORLI = REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI approvato con delibera della G.C. n. 395 del 9/12/2009 - collegato al Codice III DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Riferimenti normativi 1. Il presente

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 27 novembre 2013 In vigore dall'1 gennaio 2014

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O della lotteria organizzata dall Associazione La quantità e natura dei premi sono di seguito elencati: Ordine Estrazione Descrizione del premio I biglietti messi in vendita sono al

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con atto G.C. n. 58 del 29/05/1997 (C.R.C. n. 14787 del 05/06/1997) N\DATI\REGOLAMENTI\ECONOMO U\REGOLAMENTI\SERVIZIO

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento)

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Articolo 1 Registro dei Testamenti Biologici 1. Il Comune di Mezzolombardo istituisce il Registro

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

Carta della Qualità dei Servizi

Carta della Qualità dei Servizi Carta della Qualità dei Servizi Premessa La Team Posta svolge la propria attività in qualità di operatore postale, per le prestazioni dei servizi di raccolta, smistamento, distribuzione degli invii di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä

Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä Comune di Somma Vesuviana cüéä Çv t w atñéä IL SINDACO Dr. Raffaele Allocca IL SEGRETARIO GENERALE Dr. Maria Luisa Dovetto 1 S O M M A R I O ARTICOLO 1... pag.4 RIFERIMENTI NORMATIVI CAPO I PERSONALE ADDETTO

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI

AREA AFFARI GENERALI AREA AFFARI GENERALI BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA EX ART. 30 D.LGS 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI UN POSTO DI ISTRUTTORE CONTABILE CAT. C SETTORE FINANZIARIO. IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01)

COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE (Artt. 13 e 14 D.P.R. n. 430/01) Modello PA 633 Versione 01/2005 Alla cortese attenzione Signor Sindaco del Comune di Alla cortese attenzione Signor Prefetto di COMUNICAZIONE RELATIVA ALLO SVOLGIMENTO DI UNA MANIFESTAZIONE DI SORTE LOCALE

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Sede Legale ed Amministrativa: località Campo di Pile - 67100 L AQUILA

Sede Legale ed Amministrativa: località Campo di Pile - 67100 L AQUILA BANDO DI CONCORSO PUBBLICO per la ricerca di un operatore di esercizio e per la costituzione di un elenco di idonei alle mansioni di OPERATORE DI ESERCIZIO In esecuzione della deliberazione n. 4 del 12.3.2010

Dettagli

COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI

COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI COMUNE DI ARCO Provincia di Trento DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI Articolo 1 Registro delle dichiarazioni (Testamenti Biologici) 1. Il Comune

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 in data 28/08/2008 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INTRODUZIONE E L'UTILIZZO

Dettagli

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90.

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90. STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90 Caso pratico Individuo trovato in possesso di un piccolo quantitativo

Dettagli

CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL

CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL CARTA DI QUALITA SERVIZI POSTALI DELLA DITTA ORTIGIA RECAPITI SRL La carta della qualità dei servizi della ditta Ortigia recapiti Srl è disponibile presso la sede di Via Malta n 14 e di Via Diaz n 25 Siracusa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

Il candidato idoneo potrà essere chiamato a svolgere l'attività lavorativa nelle varie Sedi dell'ente indipendentemente dalla assegnazione iniziale.

Il candidato idoneo potrà essere chiamato a svolgere l'attività lavorativa nelle varie Sedi dell'ente indipendentemente dalla assegnazione iniziale. SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO (CON POSSIBILITA DI ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO) DI INFERMIERI (CATEGORIA D - C.C.N.L. COMPARTO SANITA ) 1 INDIZIONE SELEZIONE In

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1 CITTÀ DI SANT ELPIDIO A MARE PROVINCIA DI FERMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO- ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE

Dettagli

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO CONTRATTO TIPO di VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO 1 CONTRATTO DI VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO La Società...., con sede legale in, partita IVA. ed iscritta nel Registro delle Imprese

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

COMUNE DI SANT ELENA SANNITA

COMUNE DI SANT ELENA SANNITA COMUNE DI SANT ELENA SANNITA (Provincia di Isernia) C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N.25 DEL 14-03-2013 Oggetto: SERVIZIO DI CUSTODIA E MANTENIMENTO CANI RANDAGI. DETERMINAZIONI.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 10/07/2006 n. 15/41098 1 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

COMUNE DI CARASCO (Provincia di Genova)

COMUNE DI CARASCO (Provincia di Genova) COMUNE DI CARASCO (Provincia di Genova) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con deliberazione C.C. n. 28 del 3 maggio 2011 ARTICOLO 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento

Dettagli

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico.

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. 1. Come si viene a conoscenza delle vendite giudiziarie

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AFFARI GENERALI BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO E A TEMPO PIENO DI N 1 POSTO DI ISTRUTTORE TECNICO CAT. C - AREA DI ATTIVITA : SETTORE TECNICO UFFICIO AMBIENTE RISERVATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI COMUNE DI LATERINA Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 80 del 26/11/2014 INDICE ART. 1 Premesse ART.

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

ISTITUTI RIUNITI di ASSISTENZA San Giovanni Battista CHIETI --- ---

ISTITUTI RIUNITI di ASSISTENZA San Giovanni Battista CHIETI --- --- ISTITUTI RIUNITI di ASSISTENZA San Giovanni Battista CHIETI --- --- Avviso di selezione per l affidamento a Cooperative Sociali di tipo B ex L.R. n 85/94 del Servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti.

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia Prot. n. 0034737 BANDO DI ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA DI N. 1 ALLOGGIO SFITTO SITO IN LOC. LUGUGNANA VIA MARMOLADA CIV. 4 EX PROPRIETA DELLO STATO CEDUTO AL COMUNE.-

Dettagli

1 di 5 20/07/2011 8.38

1 di 5 20/07/2011 8.38 1 di 5 20/07/2011 8.38 Oggetto: POSTA CERTIFICATA: Trasmissione bando mobilità volontaria agente Polizia Locale Mittente: "Per conto di: comune.morimondo@pec.regione.lombardia.it"

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese)

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) SETTORE: Settore VIII Strategie Territoriali OO.PP. Infrastrutture UFFICIO: TUTELA AMBIENTALE Oggetto: Assegnazione di contributi per l installazione sulle

Dettagli

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA 2^ RIPARTIZIONE SERVIZI FINANZIARI D E T E R M I N A Z I O N E N. 1109 REG. GEN. del 31-12-2013 N. 135 SERVIZI FINANZIARI OGGETTO: Aggiudicazione

Dettagli

Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012)

Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012) Rinnovo, cambio di residenza, perdita dei documenti o della targa (ultimo aggiornamento 29/05/2012) 1. Cosa fare per aggiornare i documenti di guida e di circolazione in caso di cambio di residenza? La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CHIANOCCO PROVINCIA DI TORINO CAP 10050 Fr. Roccaforte 1, codice fiscale 01271840017- tel 0122-49734- Fax 0122-643807 www.comune.chianocco.to.it-e-mail:chianocco@ruparpiemonte.it Allegato a Deliberazione

Dettagli

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / /

Allegato 1. Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Data di pubblicazione dell Avviso sul web: / / Data di scadenza della selezione : / / Allegato 1 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con D.R./Delibera C.d.A. n. del Visto il Regolamento per il conferimento

Dettagli

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO

CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO Sede legale: C.so Italia, 55 - Sede amministrativa: via Morelli, 39 34170 GORIZIA Tel/fax 0481/536272 www.consunigo.it info@consunigo.it CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 BORSE DI STUDIO 1. Oggetto

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE, AFFIDAMENTO E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 28.11.2008) 1 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI TRIGOLO PROVINCIA DI CREMONA ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE R.F N. 91 DEL 30.11.2015_ BANDO/DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PERIODO DALL 01/01/2016

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013.

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013. AVVISO Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il conferimento di incarichi professionali per il progetto Disturbi specifici dell apprendimento SEZIONE A N. 1 incarico di 574 ore a consulente psicologo

Dettagli