Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative"

Transcript

1 Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Matteo Lippi Bruni e Cristina Ugolini Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Roma, 3 Ottobre 2012

2 Le motivazioni di una ricerca sulle Mutue Sanitarie Il contesto socio-economico evidenzia da tempo : una rapida modificazione dei bisogni di tutela e della domanda di assistenza; una difficoltà crescente del sistema pubblico a convogliare adeguati volumi di risorse e a proporre modelli di intervento sufficientemente flessibili. L indagine scaturisce da esigenze complementari: da un lato esiste fra gli studiosi un crescente interesse conoscitivo per soluzioni organizzative che si propongano di rinnovare il sistema di protezione sociale; dall altro, le organizzazioni mutualistiche, attraverso FIMIV, hanno manifestato l esigenza di un approfondimento analitico dell attività da esse svolta.

3 Obiettivi specifici della ricerca fornire una ricognizione aggiornata di dimensione e assetti organizzativi delle mutue sanitarie integrative. quantificare i livelli di copertura dei rischi connessi alla salute attualmente garantiti e le modalità con cui la protezione viene realizzata; comprendere le modalità operative attraverso cui sono andate definendosi le relazioni fra mutue sanitarie, i propri soci, gli stakeholders del territorio e con gli altri soggetti del terzo settore. elaborare considerazioni sul ruolo che queste svolgono all interno del più ampio sistema di protezione sociale, al fine di mettere in evidenza tanto le specificità identitarie che costituiscono elementi di forza, quanto per rilevare eventuali criticità e fattori di debolezza.

4 Struttura del lavoro Il volume è articolato su cinque capitoli Nel primo capitolo si definisce il contesto in cui opera la mutualità volontaria sintetica ricognizione storica del fenomeno assetto giuridico caratteristiche distintive e tendenze più recenti proprie dell attività delle organizzazioni mutualistiche Illustrazione resa possibile dall analisi di un ampio materiale istituzionale messo a disposizione dalle SMS (statuti, bilanci sociali etc ). Il secondo capitolo analizza il contributo che le mutue sanitarie, e più in generale le organizzazioni del terzo settore, possono apportare al rinnovamento del sistema di welfare alla luce dell odierno contesto socioeconomico.

5 Struttura del lavoro 2 Il terzo capitolo affronta i problemi relativi alla protezione contro i rischi connessi alla salute in presenza di un soggetto pubblico dominante. analisi comparativa finalizzata ad inquadrare il tema dell integrazione delle coperture sanitarie nel contesto europeo Ruolo SSN italiano e limiti delle possibilità di intervento di fronte ai vincoli macroeconomici e al differenziarsi della domanda di assistenza Evoluzione normativa sul ruolo dei fondi sanitari integrativi. Il quarto capitolo approfondisce l attività svolta dalle mutue sanitarie integrative attraverso dati raccolti con la somministrazione di un questionario alle organizzazioni attive nel settore. Il quinto capitolo si propone di analizzare il valore aggiunto sociale prodotto dalle organizzazioni oggetto di indagine (relazione S. Rago)

6 Il questionario Uno degli aspetti di maggiore innovazione della ricerca è rappresentato dalla somministrazione di un questionario strutturato alle principali Società di Mutuo Soccorso impegnate in ambito sanitario e sociosanitario gruppo di lavoro formato da membri Unibo (Ugolini, Lippi Bruni), AICCON (Rago, Venturi) e FIMIV (Putzolu, Vergassola, Piermattei). Il questionario si compone di diverse sezioni che coprono i seguenti ambiti: caratteristiche generali; prestazioni rimborsate; specificità identitarie e organizzative. Comparabilità con indagini precedenti (Nomisma-Criep, 2003, Giannoni 2001) sui fondi sanitari. Per la prima volta un indagine si focalizza in modo specifico sulle Mutue sanitarie integrative.

7 Il campione di riferimento Al fine di fornire un efficace rappresentazione dell attività di copertura dei rischi connessi alla salute in Italia dalle SMS, FIMIV ha individuato un campione di 22 Società di Mutuo Soccorso. Di queste, 18 sono state il fulcro della ricerca, in quanto fortemente impegnate nell area sanitaria. Per 14 SMS è stato possibile avere informazioni esaustive (Gruppo A), Per 4 SMS l informazione è stata fornita non è stato possibile ottenere i dati sui ai volumi di prestazioni coperti (Gruppo B). Le ulteriori 4 SMS sono attive solo in modo limitato nell area sanitaria, ma costituiscono utili esempi per comprendere forme organizzative e le azioni a sostegno dei soci messe in atto dalle Sms. Le informazioni di natura quantitativa sono però state escluse per il limitato coinvolgimento nell area di specifico interesse per la ricerca(gruppo C).

8 Caratteristiche generali: dimensione Le 18 Società di Mutuo Soccorso censite coprono oltre associati. Un organizzazione si distingue in modo marcato da tutte le altre, ovvero la Mutua Cesare Pozzo, che arriva a raccogliere sull intero territorio nazionale circa assistiti. La dimensione media per le restanti organizzazioni censite si attesta poco al di sotto della soglia dei soci, con quattro mutue, oltre alla Cesare Pozzo, che arrivano a raccogliere più di associati. Ciò conferma come molte di queste organizzazioni registrino un numero di soci contenuto. Tale caratteristica sembra in grado di produrre: vantaggi in termini di coesione della base sociale e forte profilo identitario; Non possono però essere trascurati anche i possibili svantaggi di tali limiti dimensionali scenario di crescente competizione difficoltà a ampliare la propria gamma di interventi in particolare verso aree innovative ma complesse da gestire da un punto di vista attuariale in presenza di gruppi relativamente piccoli.

9 Composizione professionale e familiari La percentuale di lavoratori dipendenti oscilla tra l 87% e il 98%. Peso molto inferiore hanno i pensionati (7%) e i lavoratori autonomi (3%). Esistono però due importanti eccezioni (Campa e MOA -Varese) in cui la maggioranza dei soci sono lavoratori autonomi. Quest ultimo dato sembra confermare come la soluzione mutualistica possa costituire un assetto organizzativo sufficientemente flessibile per rispondere ai bisogni di un ampia gamma di soggetti e categorie. L assistenza mutualistica estesa ai familiari è rilevante (oltre il 20% dei soci) solo in 5 mutue, mentre in media non si supera il 4%.

10 Caratteristiche anagrafiche Età media dei soci iscritti pari ad anni 51. Fascia più rappresentata quella anni (45%), seguita dal gruppo (39%). Meno rappresentati i minori (2%) ed i soggetti > 75 anni (4%), dato che l estensione al nucleo familiare non interessa tutte le mutue. L età media relativamente elevata suggerisce come la dichiarata avversione per politiche di scrematura dei rischi trovi un riscontro effettivo in pratica. L acquisizione di una maggiore capacità di coinvolgimento di fasce relativamente giovani della popolazione può costituire uno spazio di opportunità di futura crescita: oltre agli elevati costi delle polizze commerciali individuali, la diffusione di forme di lavoro atipico può rendere più problematico per questi l adesione a forme di natura contrattuale.

11 Distribuzione territoriale Oggi un numero molto limitato di mutue (4) segnala di conservare vincoli territoriali per l adesione, tale specificità riguarda oggi le organizzazioni di dimensione più ridotta e di conseguenza caratterizzate più di frequente da uno stretto rapporto con il territorio di origine. La massima concentrazione di soci è presente nel Centro (63%), Nord-Ovest (16%), Sud e isole (11%), Nord-Est (10%). Qualora si escluda Cesare Pozzo, il Nord Ovest si caratterizza come l area a più alta concentrazione di aderenti (56%).

12 L adesione alle Mutue La maggior parte delle adesioni (81%) avviene in modo individuale, mentre il 19% delle adesioni avviene tramite accordi di tipo collettivo. Ciò segnala come le Mutue sanitarie siano una soluzione particolarmente efficace per gruppi di individui che non hanno la possibilità di beneficiare di forme di copertura mediante accordi contrattuali. Allo stesso tempo i casi (ancora) limitati di adesione in forma collettiva, identificano una potenziale area di espansione delle organizzazioni mutualistiche.

13 L adesione alle Mutue 2 Natura aperta delle organizzazioni. trova riscontro nel fatto che il limite di età al momento dell iscrizione è presente in poco più di metà delle organizzazioni censite, soglia comunque sempre elevata e dettata dall esigenza di preservare un equilibrio attuariale ma non tale da produrre evidenza di scremature dei rischi. E prevista una quota associativa di ingresso, spesso differenziata tra i soci. I contributi associativi variano solitamente fra i soci in relazione a: programma assistenziale richiesto, età anagrafica dell assistito e dei membri del suo nucleo familiare. L ammontare medio annuo è di 403 euro, con valori massimi attorno ai 2000 euro.

14 Le prestazioni rimborsate nel 2009 Una prima indicazione delle attività svolte dalle SMS si può ricavare guardando alla tipologia di prestazioni che vengono coperte e al relativo ammontare monetario. Non sorprende, considerate le difficoltà di accesso che caratterizzano il sistema pubblico, a causa soprattutto dei tempi di attesa, che la maggioranza delle prestazioni si concentrino nella specialistica e nella diagnostica. Peso molto inferiore in termini di numero di prestazioni hanno i ricoveri ospedalieri (sia in degenza ordinaria che in regime diurno) Il dato si modifica sostanzialmente se si passa a valutare i volumi finanziari dove le 4 macro aree considerate (ricoveri, interventi chirurgici, diagnostica e specialistica). Nel complesso emerge come decisamente rilevante risulta anche il peso delle prestazioni aggiuntive.

15 Dettaglio prestazioni erogate, 2009 TOTALE % PRESTAZIONI EROGATE % Ricoveri ospedalieri ordinari e in Day Hospital % Interventi chirurgici ordinari e in Day Hospital % Visite specialistiche % Prestazioni diagnostiche % PRESTAZIONI AGGIUNTIVE % Interventi di chirurgia refrattiva con laser % Cure e protesi odontoiatriche % Medicina non convenzionale e cure termali % Prestazioni a valenza socio sanitaria % Sussidi % Diarie e assimilate % TOTALE PRESTAZIONI %

16 Spesa annua per gruppi, 2009 PRESTAZIONI EROGATE TOTALE % % Ricoveri ospedalieri ordinari e in Day Hospital % Interventi chirurgici ordinari e in Day Hospital % Visite specialistiche % Prestazioni diagnostiche % PRESTAZIONI AGGIUNTIVE % Interventi di chirurgia refrattiva con laser % Cure e protesi odontoiatriche % Medicina non convenzionale e cure termali % Prestazioni a valenza socio sanitaria % Sussidi % Diarie e assimilate % TOTALE PRESTAZIONI ,0%

17 Le prestazioni rimborsate nel 2009 Per ragioni di continuità e di confrontabilità con i risultati ottenuti dalle ricerche condotte in passato sul tema della sanità integrativa, si è preferito adottare la classificazione economica: PRESTAZIONI SOSTITUTIVE (prestazioni che rientrano nei LEA ma sono fruite in regime privato in strutture pubbliche (intramoenia) e private); PRESTAZIONI COMPLEMENTARI (prestazioni nei LEA ed erogate nel SSN da strutture pubbliche e private accreditate con rimborso del ticket) PRESTAZIONI INTEGRATIVE/AGGIUNTIVE (prestazioni escluse dai LEA).

18 Adottando una classificazione normativa (art.9 D.Lgs.229/99) gli oneri per l accesso al regime di libera professione intramoenia e per la fruizione di servizi alberghieri rientrano nel secondo gruppo. Il termine integrativo utilizzato dal legislatore risponde all obiettivo di creare ai fondi integrativi un mercato che ne consenta uno sviluppo futuro adeguato: da un lato sono integrative (aggiuntive) le prestazioni non coperte dal SSN, dall altro è integrativo anche ciò che è complementare al servizio pubblico coprendo gli oneri a carico degli utenti che si rivolgono ad esso pagando ticket, prestazioni libero professionali intramoenia e prestazioni alberghiere di maggiore comfort. Ruolo riparatorio delle Mutue sanitarie sull equità del SSN.

19 Spesa annua 2009

20 Prestazioni erogate, 2009

21 Modalità di assistenza e struttura organizzativa La modalità in convenzione diretta interessa il 72% delle mutue (84% la frequenza pesata), ovvero 13 Mutue su 18. Di queste, 11 offrono anche la modalità di assistenza in convenzione indiretta, rimborsando le prestazioni secondo formule di assistenza e remunerate mediante un tariffario predefinito. La struttura organizzativa è rappresentata per l 83% (97%) da una rete di strutture convenzionate, costituendo o partecipando alla costituzione della rete in 12 casi su 18 e in 2 casi aderendo ad una rete preesistente. Il numero di strutture convenzionate oscilla tra 3 e 20 in 5 mutue, fino a raggiungere un numero compreso tra 120 e 1000 in 3 casi. 15 Società di Mutuo Soccorso adottano una gestione autonoma sia dal punto di vista amministrativo che per quanto riguarda la liquidazione dei rimborsi, le altre hanno scelto di affidare la gestione ad un assicurazione.

22 Strategie future 7 Società di Mutuo Soccorso dichiarano di non voler modificare ulteriormente i propri pacchetti assistenziali. 13 Società di Mutuo Soccorso intendono ampliare la propria area di attività estendendola in 8 casi ad entrambe le tipologie di prestazioni previste dal decreto ministeriale, assistenza odontoiatrica e sociosanitaria, in 3 casi alle sole prestazioni sociosanitarie, in 2 casi alla sola attività odontoiatrica.

23 La mutualità integrativa oggi Lo stato sociale si trova a dover gestire un elevata complessità sociale e istituzionale. In questo scenario, le Società di Mutuo Soccorso impegnate nel settore sanitario e socio-sanitario sono chiamate ad impegnarsi attivamente, allargando i propri confini sia rispetto alle attività erogate che rispetto alla platea di soggetti coinvolti. L indagine ha evidenziato alcune criticità che sarà necessario superare ma ha anche messo in luce la forte carica identitaria che anima queste organizzazioni.

24 L obiettivo è quello di svolgere un ruolo attivo nella costruzione di un sistema di welfare plurale, potenziando il ruolo del terzo settore non solo dal lato dell offerta ma come organizzatore e collettore della domanda, consentendo ad essa di strutturarsi e ad organizzarsi per acquisire maggiore forza e rispondere così ai crescenti bisogni di tutela della popolazione. Lo scopo ultimo è quello di riaffermare un principio che muove la mutualità fin dalle sue origini: produrre valori e non semplicemente beni o servizi.

LA REGIONE del Veneto

LA REGIONE del Veneto SANE SINERGIE Al via in Veneto un tavolo tecnico con proposte concrete per integrare i servizi erogati dai fondi contrattuali con quelli del Ssn. Due le linee guida: efficienza e complementarietà Pietro

Dettagli

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione Presentazione 1 Denominazione: CAMPA Cassa Nazionale Assistenza Malattie Professionisti Artisti e Lavoratori Autonomi Forma giuridica: Società di mutuo Soccorso ai sensi della legge 3818 del 1886 Data

Dettagli

Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa

Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa Elementi di previdenza complementare e assistenza sanitaria integrativa di Daniele Grandi Previdenza sociale La definizione minimalistica di previdenza è accantonamento di reddito da lavoro attuale (contribuzione)

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

I Fondi sanitari. Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it

I Fondi sanitari. Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it I Fondi sanitari Ugo Ascoli Università Politecnica delle Marche, u.ascoli@univpm.it Tre caratteristiche del SSN La spesa pubblica sanitaria pro-capite inferiore alla media Europa Occidentale e cresciuta

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

I Fondi Sanitari: aspetti legali

I Fondi Sanitari: aspetti legali I Fondi Sanitari: aspetti legali Roma, 30 ottobre 2015 Relatore: Avv. Giuseppe Monaciello Il quadro normativo 2 I tre pilastri della sanità In Italia, al pari della previdenza, il sistema sanitario si

Dettagli

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Nuovo welfare e sviluppo dell assistenza sanitaria integrativa Il crescente invecchiamento

Dettagli

POLIZZE COLLETTIVE E CASSE DI ASSISTENZA

POLIZZE COLLETTIVE E CASSE DI ASSISTENZA POLIZZE COLLETTIVE E CASSE DI ASSISTENZA Dr. Cesare Rossi Director Europa Benefits WORKSHOP ACB 17 settembre 2009 - Milano SPESA SANITARIA: Sanità pubblica o privata La soluzione assicurativa 1 Spesa sanitaria

Dettagli

L evoluzione normativa in materia di fondi sanitari SIFA 1 corso FAC Aspetti attuariali dei fondi sanitari

L evoluzione normativa in materia di fondi sanitari SIFA 1 corso FAC Aspetti attuariali dei fondi sanitari Laura Crescentini L evoluzione normativa in materia di fondi sanitari SIFA 1 corso FAC Aspetti attuariali dei fondi sanitari Roma, 23 maggio 2011 Principali riferimenti normativi Art. 51 e art. 10 DPR

Dettagli

ENTE MUTUO ASSISTENZA SANITARIA

ENTE MUTUO ASSISTENZA SANITARIA ENTE MUTUO ASSISTENZA SANITARIA AIAS Associazione Professionale Italiana Ambiente e Sicurezza SANITA OGGI Le aspettative di vita della popolazione si sono alzate comportando parallelamente una crescita

Dettagli

In relazione alle singole richieste pervenute, si dà completa conferma del contenuto dei documenti tecnici allegati agli atti di gara.

In relazione alle singole richieste pervenute, si dà completa conferma del contenuto dei documenti tecnici allegati agli atti di gara. RISPOSTE AI QUESITI PREMESSA Sono pervenuti numerosi quesiti in ordine agli aspetti contrattuali, in particolare per ciò che attiene alle condizioni generali e speciali di assicurazione, di cui agli allegati

Dettagli

l esperienza degli artigiani

l esperienza degli artigiani 1 l esperienza degli artigiani 2 Perché una mutua degli artigiani? L Associazione Artigiani si sta impegnando ormai da tempo per trovare soluzione alla questione ormai urgente e presente della copertura

Dettagli

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI

LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI LA MUTUALITA IN VENTI DEFINIZIONI MUTUALITA E SOCIETA Inclusione sociale Condizione che consente a tutti i cittadini di accedere ai percorsi di assistenza più efficaci ed appropriati in relazione ai propri

Dettagli

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA La salute dell impresa è legata indissolubilmente con quella di chi ne fa parte. La coscienza di questo legame porta alla coesione, alla condivisione di valori comuni:

Dettagli

Verso una Sanità Integrativa territoriale

Verso una Sanità Integrativa territoriale Verso una Sanità Integrativa territoriale European Conference on local investments, complementary healthcare and integrated welfare Venezia, 08 NOVEMBRE 2013 Chi siamo PREVIMEDICAL S.p.A. è il primo operatore

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Generalità assistenza sanitaria integrativa Slide 3-4 Fondi sanitari: generalità Slide 5-7 Normativa Assistenza sanitaria integrativa Fondi sanitari Slide 8-12

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

Convenzione CAMPA/SIRBO

Convenzione CAMPA/SIRBO Via Calori, 2/g 40122 Bologna Tel. 051 6490098 iscrizioni@campa.it Convenzione CAMPA/SIRBO Gentilissimo/a Commercialista, La C.A.M.P.A. (Cassa Nazionale Assistenza Malattie Professionisti Artisti e Lavoratori

Dettagli

Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane

Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane Proposta Fondo Sanitario per i dipendenti del Gruppo Poste Italiane Aprile 2016 Il contesto normativo (1/5) 2 Nozioni generali sui Fondi sanitari integrativi I Fondi Sanitari integrativi sono forme mutualistiche

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali IL MINISTRO VISTO l articolo 9 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502, e successive modifiche e integrazioni, il quale prevede la costituzione

Dettagli

Analisi del settore odontoiatrico: la

Analisi del settore odontoiatrico: la CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Analisi del settore odontoiatrico: la domanda e il finanziamento Attilio Gugiatti Milano, 9 novembre 2010 0 finanziatori Composizione

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI. Sussidi Sanitari Integrativi ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Sussidi Sanitari Integrativi Roma 1 Giugno 2015 "La salute è il primo Dovere della Vita" Oscar Wilde La Presidenza Nazionale dell ANAE, per tu3 i suoi iscri3 e familiari

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO La salute è il bene più prezioso che abbiamo. Nel presente, così come nel futuro, è importante sapere di essere sempre tutelati, qualunque cosa accada. Mutualitas Sede legale

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria

Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria 14-11-2015 Numero 15-14 NOTA DAL CSC Indagine Confindustria sul lavoro nel 2014 1 Contratti aziendali per il 63,5% dei lavoratori delle imprese industriali associate a Confindustria Jobs Act e sgravi contributivi

Dettagli

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana Il welfare. a cura del Centro Studi AdEPP

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana Il welfare. a cura del Centro Studi AdEPP Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana a cura del Centro Studi AdEPP 2 Il Centro Studi AdEPP All interno dell Associazione degli Enti di Previdenza Privati è operativo il Centro Studi AdEPP

Dettagli

Progetto Sanità Integrativa

Progetto Sanità Integrativa Società Generale di mutuo soccorso Progetto Sanità Integrativa Convenzione ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Per gli associati e loro familiari. www.cardellicchiosalute.com 800.18.94.94 Offerta convenzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015

COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 COMUNICATO STAMPA WELFARE DAY 2015 OLTRE L ATTUALE WELFARE INTEGRATIVO: RINNOVARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LA SANITÀ INTEGRATIVA Presentata durante la V edizione del Welfare Day l analisi delle prestazioni

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ Alceste SANTUARI P&D.IT SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT Qualche tempo fa su questo sito ci siamo chiesti che ne fosse stato del federalismo. Le recenti indagini pubblicate su il Sole 24 Sanità testimoniano

Dettagli

la salute è una cosa seria.

la salute è una cosa seria. La#crisi#del#welfare.# Risposte#innova4ve#tra#mutualità#e#bilateralità! la salute è una cosa seria. Franca&Maino& Marco Grassi Resp. Comunicazione Snms Cesare Pozzo Laboratorio&"Percorsi&di&Secondo&Welfare"&

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 16 DEL 24/09/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: DEFINITE LE MODALITA DI INVIO DELLE SPESE SANITARIE PER IL MOD.730 PRECOMPILATO: NUOVI OBBLIGHI E CONSEGUENTI

Dettagli

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014

NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 NUOVE FORME DI WELFARE AZIENDALE: I FLEXIBLE BENEFITS MILANO, 14 MAGGIO 2014 dal 2001 il gruppo Willis è quotato al New York Stock Exchange 17.000 dipendenti nel mondo 400 uffici in 140 Paesi il broker

Dettagli

Mini Guida Informativa per i dipendenti

Mini Guida Informativa per i dipendenti ASSICASSA Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per i dipendenti Sintesi delle Condizioni del Piano Sanitario MINI GUIDA AL PIANO SANITARIO ASSICASSA

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI

BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI BREVE STORIA DEI FONDI SANITARI A. FONDI SANITARI I primi Fondi sanitari privati in Italia risalgono all ottocento. Sono le Società di Mutuo Soccorso (SMS) costituite da artigiani e operai, organizzati

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Circolare n. 07/15 Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Alla c.a. - Aziende - Centri Servizi - Consulenti - Dipendenti - Iscritti volontari E p.c. - Parti Sociali - Organi Statutari - Ebna 1.

Dettagli

REGOLAMENTO VALIDO PER LE FORMULE DI ASSISTENZA:

REGOLAMENTO VALIDO PER LE FORMULE DI ASSISTENZA: MUTUA OSPEDALIERA ARTIGIANI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Viale Milano 5-21100 Varese Tel. 0332 256111 - moa@asarva.org - Fax 0332 256351 REGOLAMENTO VALIDO PER LE FORMULE DI ASSISTENZA: Business SMART Business

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria FWA ASSISTENZA A DOMICILIO Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto FWA ASSISTENZA A DOMICILIO FORMA DI ASSISTENZA BASE Contributo associativo

Dettagli

SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO

SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO servizi sempre attivi 1 Edizione Settembre 2013 RETE DI CENTRI SANITARI PRIVATI CesarePozzo sviluppa accordi con strutture sanitarie private a livello nazionale

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ODONTOIATRIA MINORI. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA ODONTOIATRIA MINORI. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria FWA ODONTOIATRIA MINORI Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto FWA ODONTOIATRIA MINORI FORMA DI ASSISTENZA BASE Contributo associativo

Dettagli

Convenzione MBA / Enti Bilaterali Vademecum per le Aziende Associate e per i Quadri

Convenzione MBA / Enti Bilaterali Vademecum per le Aziende Associate e per i Quadri Rev. 01.01.2015 Convenzione MBA / Enti Bilaterali Vademecum per le Aziende Associate e per i Quadri 1 0. INDICE 1. Come associarsi ad MBA per l erogazione della Copertura Sanitaria in favore dei propri

Dettagli

Soluzioni Senzatempo

Soluzioni Senzatempo Assicurazioni Salute Soluzioni Senzatempo Le garanzie delle polizze malattia di UNIQA a vita intera abbinate ai vantaggi fiscali riservati ai fondi sanitari integrativi. VANTAGGIO FISCALE PER GLI ADERENTI!

Dettagli

E quanto stabilito nel recentissimo decreto firmato dal Ministro del Lavoro Sacconi, di integrazione del precedente decreto 31 marzo 2008.

E quanto stabilito nel recentissimo decreto firmato dal Ministro del Lavoro Sacconi, di integrazione del precedente decreto 31 marzo 2008. Fondi integrativi del Servizio Sanitario Nazionale nella Sanità privata Decreto Ministero Lavoro 08.11.2009 (Manuela Rinaldi) Costituzione dell Anagrafe dei Fondi, Casse enti e società di mutuo soccorso

Dettagli

La fiscalità della sanità integrativa

La fiscalità della sanità integrativa La fiscalità della sanità integrativa 1 Il trattamento tributario dei contributi Fonti normative Art. 10, comma 1, lettera e-ter del tuir 917/86(oneri deducibili) Art. 51, comma 2, lettera a) del tuir

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA PREVENZIONE DONNE. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria FWA PREVENZIONE DONNE. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria FWA PREVENZIONE DONNE Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto FWA PREVENZIONE DONNE FORMA DI ASSISTENZA BASE Contributo associativo

Dettagli

(CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI CAPITOLATO TECNICO

(CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta, ai sensi del d. lgs. n. 163/2006, per l affidamento del servizio di assistenza sanitaria per il personale dell Istituto per gli anni 2016 e 2017 (CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

ENPAM. Offerta salute

ENPAM. Offerta salute ENPAM Offerta salute Offerta salute Per Te Salute Reale Garanzia Gravi patologie Garanzia Assistenza Preventivo Salute Facile Reale Garanzia Indennità Interventi Chirurgici Preventivo Focus I servizi offerti

Dettagli

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014 PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II Milano, 12 DICEMBRE 2014 TUTTOSALUTE!PREVIASS II per la DMO: IL PIANO SANITARIO CHE METTE

Dettagli

A TUTTE LE STRUTTURE LORO SEDI. Carissimi/e, Roma, 25 novembre 2009 Prot. 21/ILT/ai OGGETTO: Fondi integrativi sanitari

A TUTTE LE STRUTTURE LORO SEDI. Carissimi/e, Roma, 25 novembre 2009 Prot. 21/ILT/ai OGGETTO: Fondi integrativi sanitari Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori IL SEGRETARIO CONFEDERALE Politiche Sociali e della Salute, Politiche di Cittadinanza, Tutela, Promozione e Solidarietà Sociale Roma, 25 novembre 2009 Prot.

Dettagli

Mini Guida Informativa per i dipendenti

Mini Guida Informativa per i dipendenti Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per i dipendenti Sintesi delle Condizioni del Piano Sanitario MINI GUIDA AL PIANO SANITARIO PER I DIPENDENTI

Dettagli

C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa!

C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa! C è aria di cambiamento nel mondo dell assistenza sanitaria integrativa! EC CONSULTING Via A. Grandi, 21 20090 Vimodrone (MI) TEL.: 02.27408094 FAX: 02.27409150 e-mail info@ecconsulting.it web www.ecconsulting.it

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI

POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI www.uilca.eu notizi@rio POLIZZA ODONTOIATRICA GUIDA ALL UTILIZZO DELLE PRESTAZIONI Il Decreto del Ministero della Salute del 3/3/08 ha introdotto importanti modifiche nel mondo della sanità privata con

Dettagli

PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO

PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO PIANI SANITARI A FAVORE DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO I PARTNER PER LA SANITÀ INTEGRATIVA RBM Salute S.p.A. è la Compagnia Assicurativa specializzata nel settore salute, autorizzata all esercizio

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Le relazioni tra finanziamento e produzione in un sistema sanitario

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

Obiettivi e forme d intervento in ambito odontoiatrico. Marianna Cavazza CERGAS Università Bocconi e OCPS SDA Bocconi

Obiettivi e forme d intervento in ambito odontoiatrico. Marianna Cavazza CERGAS Università Bocconi e OCPS SDA Bocconi Obiettivi e forme d intervento in ambito odontoiatrico Marianna Cavazza CERGAS Università Bocconi e OCPS SDA Bocconi Domande chiave Quali sono gli obiettivi dell intervento pubblico in campo odontoiatrico?

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie

MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie MANAGEMENT DEI FONDI SANITARI INTEGRATIVI La gestione dei contributi e l'erogazione delle prestazioni sanitarie 2015 PA e sanità PA000 III Edizione / Formula weekend 1 ottobre 2015 7 novembre 2015 COMITATO

Dettagli

Fondo Farsi Prossimo Salute 240. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2011

Fondo Farsi Prossimo Salute 240. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2011 1 Fondo Farsi Prossimo Salute 240 Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2011 FONDO FARSI PROSSIMO SALUTE 240 FORMA DI ASSISTENZA BASE Contributo associativo annuo - Euro 240,00 (duecentoquaranta/00)

Dettagli

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014

PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO INTEGRATIVO FASI 2014 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano Sanitario sono integrative

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Premessa. Il CdA di Uni.C.A.-UniCredit Cassa Assistenza, in adunanza 12.12.2008, ha approvato il programma di assistenza sanitaria integrativa 2009-2011 per il

Dettagli

Perché e come differenziare le SMS nel settore dei fondi sanitari. Carlo De Pietro carlo.depietro@unibocconi.it 25 Settembre 2013

Perché e come differenziare le SMS nel settore dei fondi sanitari. Carlo De Pietro carlo.depietro@unibocconi.it 25 Settembre 2013 Perché e come differenziare le SMS nel settore dei fondi sanitari Carlo De Pietro carlo.depietro@unibocconi.it 25 Settembre 2013 Il mercato di riferimento e le sue evoluzioni Analisi SWOT I meccanismi

Dettagli

SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO

SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO SOCIETA NAZIONALE DI MUTUO SOCCORSO CESARE POZZO Presentazione 1 Edizione Gennaio 2014 CHI SIAMO La Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo, con i suoi143.000 soci e con l esperienza accumulata

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199) (GU n. 12 del 16-1-2010 )

Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199) (GU n. 12 del 16-1-2010 ) MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2009 Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199)

Dettagli

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016

Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti. Napoli 01/04/2016 Il nuovo welfare dei Dottori Commercialisti a sostegno dell EQUILIBRIO PSICO FISICO Napoli 01/04/2016 Giuseppe Puttini Consigliere CNPADC Polizza base > per i momenti difficili della vita La Cassa, ad

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

Vantaggi. Agevolazioni per gli iscritti. A tutti i Professionisti iscritti al Sindacato Avvocati di Bologna

Vantaggi. Agevolazioni per gli iscritti. A tutti i Professionisti iscritti al Sindacato Avvocati di Bologna Agevolazioni per gli iscritti al SINDACATO AVVOCATI BOLOGNA E EMILIA ROMAGNA Gli iscritti all Associazione Sindacale Avvocati di Bologna e dell Emilia Romagna che decideranno di aderire per la prima volta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Benessere Welfare e non solo!

Benessere Welfare e non solo! Benessere Welfare e non solo! Roma, 19 settembre 2013 1 L Azienda Dipendenti 1073 Indotto 1000 Personale Operativo 862 Età Media 31 Donne 47% Centro Sud 60% 2 Il Contratto Collettivo di Lavoro NTV Il 25

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria

I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria Dott.ssa Cinzia Griggio Unità Amministrativa Sovradistrettuale Coordinamento Direttori di Distretto Ulss 6 5 marzo 2011 Quanti tipi di esenzioni?

Dettagli

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA

WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Associazione Italiana per l Previdenza e Assistenza Complementare Giornata Nazionale della Previdenza Milano, Palazzo Mezzanotte 15 maggio 2015 WELFARE INTEGRATO: QUALCOSA PIÙ DI UN IDEA Indice Di cosa

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. Nuovo ISEE 2015 Introduzione Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. ISEE CONTENUTI DELLA RIFORMA La comunicazione prende in esame: La normativa Isee attualmente in vigore e definita da

Dettagli

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO FONDO SANITARIO INTEGRATIVO Piano di Assistenza Sanitaria Integrativa per gli Artigiani Trentini www.mutuaartieri.it LE PRESTAZIONI DEL PIANO SANITARIO OGGETTO DELLE GARANZIE TUTTE LE GARANZIE SONO OPERANTI

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA PER I DIPENDENTI LUXOTTICA

ASSISTENZA SANITARIA PER I DIPENDENTI LUXOTTICA ASSISTENZA SANITARIA PER I DIPENDENTI LUXOTTICA 1 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI COS É Sanint è una Cassa di Assistenza, ossia un associazione senza fini di lucro ex art. 36 del codice civile e seguenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Vorrei sapere... Uni.C.A. Polizza collettiva odontoiatrica. 01 febbraio 2012 31 gennaio 2014. A cura della Segreteria Fiba cisl Gruppo Unicredit

Vorrei sapere... Uni.C.A. Polizza collettiva odontoiatrica. 01 febbraio 2012 31 gennaio 2014. A cura della Segreteria Fiba cisl Gruppo Unicredit Vorrei sapere... A cura della Segreteria Fiba cisl Gruppo Unicredit Uni.C.A. Polizza collettiva odontoiatrica 01 febbraio 2012 31 gennaio 2014 Aggiornato a Gennaio 2012 Polizza collettiva odontoiatrica

Dettagli

DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P.

DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. PIANO COMPLEMENTARE Regolamento applicativo di assistenza sanitaria integrativa per il personale di PGF In vigore dal 01 GENNAIO 2014 1. Adesioni L adesione

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PIANI SANITARI CASSA FORENSE

DOMANDE FREQUENTI PIANI SANITARI CASSA FORENSE DOMANDE FREQUENTI PIANI SANITARI CASSA FORENSE PIANO BASE 1) Quali sono i limiti di età per il Piano Base Cassa Forense? Per gli iscritti ed i pensionati della Cassa Forense non iscritti non è previsto

Dettagli

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Fiscal Flash La notizia in breve N. 308 04.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Nel Consiglio dei Ministri di ieri 3 dicembre il governo ha approvato

Dettagli

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Il Sistema Sanitario Tedesco: Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73 Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Caratteristiche generali dei sistemi assicurativi e dei Sistemi Sanitari Nazionali

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli