La Valutazione d azienda Metodi Modelli e Processi di M&A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Valutazione d azienda Metodi Modelli e Processi di M&A"

Transcript

1 AUDIT / TAX / ADVISORY La Valutazione d azienda Metodi Modelli e Processi di M&A CONFINDUSTRIA GENOVA - 10 NOVEMBRE 2011 Dott. Stefano Volante Senior Manager KPMG Advisory Socio Responsabile Associazione Italiana Analisti Finanziari - AIAF Liguria

2 Agenda Il Network KPMG in Italia Market Overview Merger & Acquisition Overview Valutazione d Azienda Principali Metodi e Modelli di valutazione 1

3 Network KPMG - Mondo KPMG è presente in 150 paesi... personale complessivo di circa unità... ricavi aggregati di oltre US$ 20,6 miliardi Dati aggregati al 30 settembre

4 Network KPMG - Italia KPMG è presente in Italia con 4 entità, 28 uffici e circa professionisti Entità KPMG S.p.A. KStudio Associato KPMG Advisory S.p.A. KPMG Fides Servizi di Amministrazione S.p.A. Attività Audit Tax & Legal Business Consulting Accounting 3

5 Network KPMG Audit/Tax/Advisory Services SPECIALIZZAZIONE PER SETTORE Financial Services Consumer Markets Industrial Markets Information Communications & Entertainment Infrastructure, Government & Healthcare Audit ATTIVITA Tax & Legal Advisory Services Banking Consumer Finance Insurance Investment Management Leasing Apparel/Textiles Consumer Products Food, Beverages & Tobacco Paper/Packaging Retail Catering Automotive Aerospace/ Defence Chemicals Electronics Engineering Pharmaceutical Healthcare Oil & Gas/Mining Steel/Other metals Utilities Printing/Publishing Advertising Hotels/Travel Leisure/Tourism Media/Marketing Software/ Computer Services Telecommunications Building Construction Property Outsourcing Support services Transportation/ Logistics 4

6 Agenda Il Network KPMG in Italia Market Overview Merger & Acquisition Overview Valutazione d Azienda Principali Metodi e Modelli di valutazione 5

7 Market Overview - Internazionale Analizzando i principali indici nazionali e internazionali, vediamo che.. tutti i principali indici di Borsa hanno recuperato rispetto alla brusca caduta dei valori del 2009 ma ad oggi non sono più tornati ai livelli del USA Nasdaq Composite Index Nasdaq Dow Jones Ind S&P EUROPA OTHER COUNTRIES (Giappone/Hong Kong / Australia) Nikkey 225 (Giappone) Hang Seng (Hong Kong) FTSE 100 (Londra) DAX 30 (Francoforte) CAC 40 (Parigi) ITALIA FTSE MIB FTSE Italia All-Share FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Star ASX Index All (Australia) BRICS IBOV Index (Brasile) RTS Index (Russia) Sensex Index (India) CSC Index (Cina) FONTE: Borsa Italiana SpA 6

8 Market Overview - USA I principali indicatori americani rappresentativi dei diversi settori di business (tecnologico, industriale, etc..) a partire da Ottobre 2007 alla caduta del 2009 avevano perso oltre il 60% del loro valore.. Ad oggi il Nasdaq ha recuperato molto mentre il DJ è ancora sotto di circa il 20% rispetto ai valori del 2007 NASDAQ Composite Index dai di Ott 2007 ai di Febb Oggi è intorno ai NASDAQ 100 da di Ott 2007 ai di Ott Oggi è intorno ai FONTE: Borse.it 7

9 Market Overview - USA Anche il Dow Jones Industrial e lo S&P 500 hanno recuperato molto valore dal 2009, pur rimanendo ancora sotto di circa il 20% rispetto ai valori top del 2007 DOW JONES Industrial dai in Ott 2007 ai nel Feb Oggi è a S&P 500 dai in Ott 2007 ai 700 nel Feb Oggi è a FONTE: Borse.it 8

10 Market Overview - Europa Anche i principali indicatori in ambito CEE dopo i massimi raggiunti nel 2007 e la caduta di oltre il 50% nel 2009 in generale si sono un po ripresi. Ad oggi il FTSE100 ha recuperato bene, mentre il DAX e il CAC sono ancora sotto i livelli del 2007 rispettivamente del 25% e del 35%. FTSE100 (Londra) dai di Ott 2007 a di Febb Oggi è intorno ai DAX (Francoforte) dagli di Maggio 2007 a di Febb Oggi è intorno ai CAC40 (Parigi) dai di Maggio 2007 ai del Febb 2009 Oggi è intorno ai FONTE: Borse.it 9

11 Market Overview Paesi Asiatici Stesso destino anche per i principali listini Australiani e Giapponesi.. che da Maggio 2007 a Febb 2009 hanno perso oltre il 60%, hanno recuperato anche se non tutto.. Ad oggi il valore dell indice di borsa australiano e giapponese registra una perdita rispetto al valore registrato nel 2007 rispettivamente di circa il 35% e il 25%. ASX (Australia) dai di Ott 2007 a di Febb Oggi è intorno ai STI (Singapore) dai di Ott 2007 a di Febb Oggi è intorno ai FONTE: Borse.it 10

12 Market Overview Paesi Asiatici (segue) Stesso destino anche per i principali listini Asiatici.. che da Maggio 2007 a Febb 2009 avevano perso circa il 60%.. Ad oggi i listini di Hong Kong e Tokyo non si sono ancora ripresi, infatti l HSI e l indice NIKKEY225 registrano una perdita rispetto al 2007 rispettivamente di circa il 40% e il 50%. HSI (Hong Kong) dai di Ott 2007 a di Febb Oggi è intorno ai NIKKEY 225 Index (Tokio) dai di Ott 2007 a di Febb Oggi è intorno ai FONTE: Borse.it 11

13 Market Overview Paesi BRIC (segue) I Paesi del BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) hanno avuto fluttuazioni di borsa molto elevate: sia l indice brasiliano che quello russo nel 2008 avevano subito una caduta rispettivamente del 50% e 70%, Attualmente hanno recuperato ma si trovano rispettivamente a meno 20% e meno 35% rispetto ai massimi registrati nel Maggio 2008 IBOV Index (Brasile) dai di Maggio 2008 a di Nov Oggi è intorno ai RTSI (Russia) dai di Maggio 2008 a 500 di Gen Oggi è intorno ai FONTE: Borse.it 12

14 Market Overview Paesi BRIC (segue) Anche India e Cina hanno avuto fluttuazioni di borsa molto elevate: sia l indice indiano che quello cinese nel 2008 avevano subito una caduta rispettivamente del 60% e 70%, Attualmente hanno recuperato ma si trovano rispettivamente a meno 20% e meno 30% rispetto ai massimi registrati nel 2008 SENSEX Index (India) dai di Gen 2008 a di Mar Oggi è intorno ai CSC (Cina Shangai Composite) Index dai di Ott 2009 a di Lug Oggi è intorno ai FONTE: Tradrlink 13

15 Market Overview Italia I listini italiani nazionali hanno seguito a ruota la caduta dei listini internazionali soffrendo molto e registrando perdite superiori al 70% nel Oggi hanno recuperato un po valore ma la borsa italiana è ancora molto volatile e in netta sofferenza rispetto agli anni passati (meno 50% rispetto al 2007). FTSE MIB è passato dai del Maggio 2007 ai del Marzo Oggi si aggira intorno ai (chiusura del 09/11/2011 a ) FTSE Italia All-Share dai del Maggio 2007 ai del Marzo 2009 Oggi si aggira intorno ai (chiusura del 09/11/2011 a ) FONTE: sito web di Borse.it 14

16 Market Overview Italia (segue) Anche il listino relativo ad aziende con parametri di crescita elevati e relativo alle imprese di media dimensione hanno subito forti perdite intorno al 60%. Ad oggi gli indici Star e Mid Cap hanno recuperato ma sono ancora molto distanti dai valori del 2007 (meno 50%) difficilmente potranno ritornare a quei livelli nel breve-medio periodo FTSE Italia STAR da dello scorso Aprile 2007 ai del marzo Oggi si trova a circa (chiusura del 09/11/2011 a 9.622). FTSE MID CAP da dello scorso Aprile 2007 ai del marzo Oggi si trova a circa (chiusura del 09/11/2011 a ) FONTE: sito web di Borse.it 15

17 Market Overview Spread BTP / BUND Uno degli indici più significativi dell andamento del Paese Italia, riguarda i confronto tra il rendimento del Btp a 10 anni e il Bund tedesco. Tanto più alto il differenziale/spread rispetto al Bund, tanto più il significa che la situazione economica del paese è peggiorata e con essa la capacità di ripagare il proprio debito agli investitori che hanno acquistato i titoli obbligazionari. L attenzione allo spread in questo momento è massima in quanto esso rappresenta il nostro rischio Paese fornisce quindi una indicazione del livello di fiducia che viene attribuito all Italia da parte dei mercati internazionali Lo Spread Btp/Bund è cresciuto in modo esponenziale fino a oltre 500 bp (lo spread in data 09/11/2011 ha toccato i 575 bp). 16

18 Market Overview Trend Produzione Industriale - World Bank Nei grafici sotto si riportano i trend di importanti indici a livello mondiale: Indice mondiale della Produzione Industriale (Industrial Production Index IP) visto sotto tre diversi punti di vista. Recent rebound in industrial production following mid-year pause reflects inventory cycle Most countries are yet to reach their pre-crisis industrial production peak Global industrial production is slowing once again FONTE:World Bank 17

19 Market Overview Trend Vendite al consumo e Inflazione - World Bank Nei grafici sotto si riportano i trend di altri importanti indici a livello mondiale: Indice crescita delle vendite retail (RS Index); Trend del tasso medio d inflazione; Modifiche del tasso d inflazione nelle diverse Regions. Retail sales support growth Median headline inflation rates Regional changes in inflation FONTE:World Bank 18

20 Market Overview Tasso Inflazione a livello mondiale - World Bank Nei grafici sotto si riporta l andamento del tasso d inflazione medio per ciascuna Regions a livello mondiale; In Area EU dal 2009 ad oggi il tasso d inflazione è sceso, mentre nei Paesi asiatici è salito molto nel 2010 e ora sembra si stia un po riassestando. FONTE:World Bank 19

21 Market Overview - Global Import and Trade - World Bank Nei grafici sotto si riporta il livello di contribuzione allo sviluppo del commercio da parte dei diversi Paesi a livello internazionale; Anche in questo caso la Cina si distingue rispetto agli altri Paesi, compresi quelli asiatici, anche se si sta registrando una contrazione nell export a causa dell aumento dello yen, dei prezzi di prodotti e servizi che spingono l inflazione verso l alto. FONTE:World Bank 20

22 Market Overview - Key Price Indices and Energy Prices World Bank Nei grafici sotto si riportano i principali indici dei prezzi, detti Key Price Indeces a livello mondiale che rappresentano i settori: Energy (oil,gas,coal), Metals e Food; Dopo i minimi toccati nei primi mesi del È ripresa la crescita del costo di Energia, Materie prime (metalli) e Cibo.. Dopo i picchi negativi del Feb 2009 si è registrata una forte ripresa del costo dell energia e soprattutto del Greggio.. FONTE:World Bank 21

23 Agenda Il Network KPMG in Italia Market Overview Merger & Acquisition Overview Valutazione d Azienda Principali Metodi e Modelli di valutazione 22

24 Merger & Acquisition Overview Italia Secondo un recentissimo studio di KPMG Advisory Corporate Finance, tra il 1988 e il primo semestre 2010 sono state realizzate in Italia transazioni di M&A per un controvalore complessivo di Euro Mld. L evoluzione storica del mercato M&A italiano si può articolare in 2 grandi periodi: Il primo periodo tra il 1988 e il 1998 è legato all avvio delle privatizzazioni da un lato e al contestuale sviluppo del middle-market grazie alla nascita e all attività sempre crescente dei primi fondi di Private Equity. Il secondo periodo tra il 1999 e il 2010 è caratterizzato da: Annessione all Europa e nascita della Moneta Unica Europea Euro ; Bolla speculativa New Economy e attentato dell 11 Settembre; Incremento operazioni Cross-border grazie ai processi di globalizzazione economica; Recente e attuale crisi economica globale. FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 23

25 Merger & Acquisition Overview Italia (segue) Nel corso dei vent anni di analisi sull M&A, si possono individuare alcune importanti Fasi: Dalla fine degli anni 80 al Crisi valutaria e instabilità economico-politica; Dal 1993 al Privatizzazioni ENI, ENEL, Credito Italiano; sviluppo mercato borsistico e collocamenti monstre di ENEL e Telecom; Dal Adesione all Euro il virtuosismo richiesto da Maastricht pone l attenzione sui conti pubblici ha favorito l entrata di Paesi investitori esteri; Al 2000 al Scoppio della bolla sulla new economy e crisi post 11 settembre 2001 hanno portato un cambio strutturale a livello economico globale con la conseguente riduzione delle operazioni di M&A; Dal 2005 al La ritrovata fiducia nelle imprese e le condizioni economiche favorevoli hanno fatto ripartire anche il mercato delle operazioni di M&A; Dal 2008 al Lo scoppio della grande recessione globale ha provocato il crollo delle operazioni cross-border; la crisi dei mutui sub-prime seguita dal credit crunch hanno fortementre rallentato le operazioni di M&A.. Infatti nei primi sei mesi del 2010 si sono registrate appena N.101 operazioni con un controvalore pari ad appena 8,5 Mld di Euro. FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 24

26 Merger & Acquisition Key Drivers I Key Drivers che spingono le aziende a intraprendere operazioni di M&A sono diversi; Un azienda che decide di crescere per via esterna attraverso acquisizione/fusione di/con altre società è spinta principalmente dai seguenti Drivers: Primo tra tutti.. esiste un fattore/bisogno pscicologico di auto-realizzazione che spinge l uomo ad affrontare nuove sfide per sentirsi realizzato come individuo e soddisfare le proprie ambizioni; Poi ovviamente ci sono Drivers di tipo economico: Incrementare quote di mercato acquisendo aziende appartenenti allo stesso settore di business - in situazioni specifiche è un modo per ridurre la concorrenza diretta (acquisire società concorrenti); Entrare in un nuovo mercato acquisendo aziende appartenenti ad un settore diverso rispetto al proprio business, diversificando/incrementando la gamma di prodotti e servizi offerti alla clientela; Allargare i propri orizzonti in termini geografici, acquisendo aziende presenti in Paesi ritenuti attraenti per il proprio business o per sfruttaremercati in fase di forte crescita (es. Paesi BRIC); Innovazione delle tecnologie acquisendo aziende più innovative rispetto alla propria da un punto di vista dei: processi produttivi, tecnologie specifiche, piattaforme tecnologiche integrate, brevetti; in tal modo si possono creare anche importanti savings in termini di costi di ricerca e sviluppo; Creare nuove sinergie e cercare di incrementare l efficienza in termini di costi di struttura; Talvolta in situazioni di profonda crisi del principale mercato di riferimento in cui l azienda opera, si parla anche di un Driver che si può definire sopravvivenza (ie processi di internazionalizzazione) 25

27 Merger & Acquisition Overview: Evoluzione del mercato M&A Nel grafico sottostante viene raqffigurato in modo sintetico il Mercato M&A italiano dal 1999 ai primi 9 mesi del 2011, riportando sia il numero di transazioni sia l equivalente relativo controvalore in Eur Mld Controvalore (Eur mld) N. operazioni , Sep 2011 Controvalore ( mld) N. operazioni FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 0 26

28 Merger & Acquisition - Il mercato M&A (anno 2009) Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nel 2009 per Controvalore Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nel 2009 per Numero di Operazioni IT & Media Industrial Market 3% 3% Support Serv.& Infrastr. 2% IT & Media 9% Consumer Market 26% Consumer Market 7% Energy & Utilities 12% Financial Services 17% Support Serv.& Infrastr. 13% Energy & Utilities 68% Industrial Market 23% Financial Services 17% Principali operazioni nel 2009 per controvalore Target Naz. T Bidder Naz. B Quota Euro/000 Enel Green Power S.p.A. Italia Mercato Italia 28,3% UniCredit S.p.A. Italia Aabar Investments PJSC Abu Dhabi 5,0% Intesa Sanpaolo Servizi Transazionali S.p.A., Sanpaolo Bank S.A. Italia State Street Corporation USA 100,0% UniCredit S.p.A. Italia Libyan Investment Authority Libia 2,6% Hansenet Telekkomunikation G.m.b.h. (Gruppo Telecom Italia) Italia Telefonica Deutschland G.m.b.h. Germania 100,0% Findus Italy Italia Birds Eye Iglo Group Ltd UK 100,0% Assicurazioni Generali S.p.A. Italia Investitori istituzionali Italia 2,8% DTS Distribuidora de Television Digital SA Spagna Mediaset S.p.A. Italia 22,0% Galleria Commerciale Porta di Roma S.p.A. Italia Corio NV, Alianz SE Olanda 100,0% TeamSystem S.p.A. Italia Hg Capital UK 100,0% Totale FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 27

29 Merger & Acquisition - Il mercato M&A (anno 2010) Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nel 2010 per Controvalore Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nel 2010 per Numero di Operazioni IT & Media 11% Support Serv.& Infrastr. 5% IT & Media 7% Energy & Utilities 9% Industrial Market 9% Financial Services 40% Support Serv.& Infrastr. 9% Consumer Market 37% Energy & Utilities 15% Financial Services 14% Consumer Market 20% Principali operazioni nel 2010 per controvalore Industrial Market 24% Target Naz. T Bidder Naz. B Quota Euro/000 Enel Green Power S.p.A. Italia Mercato Italia 28,3% UniCredit S.p.A. Italia Aabar Investments PJSC Abu Dhabi 5,0% Intesa Sanpaolo Servizi Transazionali S.p.A., Sanpaolo Bank S.A. Italia State Street Corporation USA 100,0% UniCredit S.p.A. Italia Libyan Investment Authority Libia 2,6% Hansenet Telekkomunikation G.m.b.h. (Gruppo Telecom Italia) Italia Telefonica Deutschland G.m.b.h. Germania 100,0% Findus Italy Italia Birds Eye Iglo Group Ltd UK 100,0% Assicurazioni Generali S.p.A. Italia Investitori istituzionali Italia 2,8% DTS Distribuidora de Television Digital SA Spagna Mediaset S.p.A. Italia 22,0% Galleria Commerciale Porta di Roma S.p.A. Italia Corio NV, Alianz SE Olanda 100,0% TeamSystem S.p.A. Italia Hg Capital UK 100,0% Totale FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 28

30 Merger & Acquisition - Il mercato M&A (anno 2011) Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nei primi 9 mesi 2011 per Controvalore Breakdown per settore dei deal nel mercato M&A nei primi 9 mesi 2011 per Numero di Operazioni Support Serv.& Infrastr. 5% Financial Services 11% Energy & Utilities 12% Industrial Market 11% IT & Media 1% Consumer Market 60% Support Serv.& Infrastr. 12% IT & Media Energy & 7% Utilities 7% Financial Services 7% Principali operazioni nei primi 9 mesi 2011 per controvalore Consumer Market 36% Industrial Market 31% Target Country T Bidder Country B Stake Euro/000 Bulgari S.p.A. Italia LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton Francia 98,1% Parmalat S.p.A. Italia Groupe Lactalis Francia 83,3% Prada S.p.A. Italia Mercato Cina 16,5% Ansaldo Energia S.p.A. Italia First Reserve Corporation USA 45,0% Gruppo COIN S.p.A. Italia BC Partners UK 97,4% Draka Holding NV Olanda Prysmian S.p.A. Italia 99,0% G6 Rete Gas Italia F2i; AXA Private Equity Italia n.d Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A., 96 sportelli del Gruppo ISP Italia Credit Agricole SA Francia 80,0% Findomestic Banca SpA Italia BNP Paribas SA Francia 25,0% Atlantia S.p.A. Italia Mercato Italia 6,7% Total FONTE: Pubblicazione KPMG 20 anni di M&A _Egea Editori 29

31 Merger & Acquisition Key Issues In linea con il periodo storico di crisi globale che stiamo vivendo anche il mercato dell M&A italiano è in crisi.. Le principali criticità ( Key Issues ) legate alle operazioni di M&A in Italia si possono facilmente individuare facendo le seguenti considerazioni: Molte aziende italiane prima raggiungevano livelli di redditività soddisfacenti rivolgendosi al esclusivamente al mercato nazionale; A causa però della crescente concorrenza da parte di società straniere che offrono prodotti e/o servizi a prezzi più competitivi, hanno bisogno di allargare i propri orizzonti commerciali per sopravvivere attraverso un processo di crescita e Internazionalizzazione ; In tale ottica di globalizzazione, l Italia fatica molto a creare poli di aggregazione per competere sui mercati internazionali; Inoltre le attuali turbolenze di mercato spingono ulteriormente al ribasso il valore di borsa delle aziende quotate che risultano essere sempre più appetibili agli occhi di investitori stranieri; Quindi le aziende italiane, mediamente, sono sempre meno cacciatrici, è sempre più PREDE! 30

32 KPMG 20 anni di M&A: Fusioni e acquisizioni in Italia dal 1988 al Egea Editore 31

33 Il supporto di KPMG Corporate Finance - Processo di Acquisizione Fase preparatoria 2-4 settimane Fase I 3-5 settimane Fase II 5-7 settimane Negotiation & Closing 6-8 settimane Comprensione delle tendenze di mercato e di settore: dimensione del mercato e tassi di crescita principali players ed attività di M&A nel settore Definizione della strategia di acquisizione e tempistica: definizione delle priorità e degli obiettivi predisposizione di un timetable relativo all operazione Predisposizione di un acquisition plan Ricerca dei potenziali target: definizione degli acquisition criteria identificazione di una lista di potenziali società target e discussione della stessa Avvio dei primi contatti: approccio anonimo con le società target attraverso il network di contatti KPMG valutazione del livello iniziale di interesse Individuazione di una short list di potenziali target Formalizzazione degli approcci con le società target Selezione dei top target Incontri e discussioni dettagliate con i target selezionati Comprensione del range di prezzo atteso dai singoli target Analisi dettagliate della/e società target prescelta/e Preparazione di un documento d offerta e continua verifica della compatibilità strategica dell operazione Preparazione di una lettera d intenti Formulazione di un range di prezzo anche sulla base di multipli di mercato e transazioni comparabili Consulenza nell identificazione della struttura ottimale per l operazione, anche dal punto di vista fiscale e legale (coordinandosi con i consulenti specifici nominati) Coordinamento dei vari consulenti Sviluppo di una strategia di negoziazione Assistenza durante la negoziazione Coordinamento della due diligence e chiusura dell operazione 32

34 Il supporto di KPMG Corporate Finance - Operazione di Vendita Fase preparatoria 2-4 settimane Fase I 3-5 settimane Fase II 5-7 settimane Negotiation & Closing 6-8 settimane Definizione del perimetro della vendita Condivisione della strategia dell operazione e della procedura di vendita da adottare Individuazione e accordo sull elenco dei potenziali acquirenti Vendor due diligence: review dei piani strategici verifica contratti impatto ambientale situazione del personale visita agli stabilimenti Preparazione dell Investment Overview, dell Accordo di riservatezza e dell Information Memorandum Invio dell Investment Overview Relazione con i potenziali acquirenti Negoziazione degli Accordi di riservatezza Invio dell Info Memo ai selezionati potenziali acquirenti Predisposizione della data room e della management presentation Preparazione dei draft dei contratti di vendita Prime indicazioni d interesse (preliminary nonbinding offers) Valutazione delle non-binding offers Invito a un numero limitato di potenziali acquirenti alla data room, alla management presentation e alla visita degli stabilimenti Richiesta di una offerta vincolante (binding offer) ai soggetti già selezionati Circolarizzazione del contratto di vendita su cui effettuare i mark-up Valutazione delle offerte vincolanti con i marked-up contracts Selezione della migliore offerta e inizio della negoziazione; messa in stand by dei secondi offerenti Fase di eventuali rilanci Negoziazione dei contratti Sottoscrizione del contratto di vendita, filing antitrust, closing dell operazione 33

35 Merger & Acquisition - Confronto Trend Mercati Borsa e Trend M&A Anche se trattasi di un confronto inusuale, si è voluto provato a mettere in relazione il trend annuale che va dal 2006 al 2011 relativo ai seguenti valori: Controvalore in Mld Eur delle operazioni M&A; Valor medio dell indice di Borsa FTSE MIB e FTSE Controval M&A (Eur Mld) Val medio FTSE MIB Val Medio FTSE

36 Merger & Acquisition - Confronto Trend Mercati Borsa e Trend M&A Il confronto evidenzia l esistenza di un collegamento tra il trend del mercato borsistico (FTSE) e il trend del mercato dell M&A: Si nota che nel 2007, anno caratterizzato da un periodo di sviluppo economico positivo, si è registrato un incremento più che proporzionale del controvalore dell M&A rispetto al valor medio di Borsa; Nel 2009, anno critico per i mercati finanziari, si è registrato un andamento del mercato dell M&A decrescente ma in modo più che proporzionale rispetto al mercato borsistico; Attualemente l andamento dell M&A è più o meno in linea con l andamento della Borsa italiana che registra una timida e lenta crescita, soggetta a ampie fluttazioni a causa della situazione economico politica che stiamo vivendo a livello sia nazionale che internazionale N. Operaz M&A Borsa Controval M&A (Eur Mld) Val medio FTSE MIB

37 Agenda Il Network KPMG in Italia Market Overview Merger & Acquisition Overview Valutazione d Azienda Principali Metodi e Modelli di valutazione 36

38 La valutazione d azienda - Definizione Anche se i modelli di valutazione aziendale sono di tipo quantitativo, valutare un azienda non significa ricercare un valore oggettivo unico, in quanto gli input necessari per la valutazione d azienda lasciano ampio spazio ad interpretazioni e giudizi soggettivi ; Numerosi investitori pensano che i prezzi di mercato dei titoli di borsa siano determinati più dalla percezione dei buyers e dei sellers, piuttosto che dai fondamentali della società che, talvolta, vengono ritenuti addirittura inutili ; Il Prof. Damodaran sosteneva che i prezzi di mercato sono sì determinati dalle percezioni dei compratori e dei venditori ma solo in parte; è possibile stimare quindi il valore delle imprese basandosi sui fondamentali finanziari e i prezzi di mercato non possano sostanzialmente deviare da tale valore. 37

39 La valutazione d azienda Origini Negli anni 70 nel nostro Paese le metodologie di valutazione erano conosciute da pochi esperti in materia (docenti universitari, analisti finanziari e altri pochi esperti in materia di finanza e di valutazione d azienda); Nel corso di un decennio (dagli anni 70 agli anni 80) la realtà italiana è mutata radicalmente, in seguito a numerosi eventi finanziari, ristrutturazioni aziendali e spinte dei mercati di borsa, ecc..; Durante gli anni 80 in Italia la maggioranza delle valutazioni erano motivate da esigenze fiscali o civilistico/legali, mentre quelle basate su finalità borsistiche e finanziarie erano molto più limitate. La sensazione di allora era che solo i valori patrimoniali rappresentassero il vero valore aziendale (approccio patrimoniale); Con lo sviluppo del mercato di Borsa si verificò un aumento del numero dei titoli quotati che presentavano crescite più che proporzionali e si iniziò a pensare che il metodo patrimoniale non fossepiù rappresentativo del vero valore aziendale; 38

40 La valutazione d azienda Origini - segue Ulteriore elemento di incertezza delle prime valutazioni condotte nel nostro Paese risiedeva nell esistenza di due dottrine profondamente diverse tra loro: Dottrina continentale - valutazione d impresa legata al concetto di valore del Capitale Economico basato sui fondamentali e svincolato da giudizi formulati da intermediari e/o soggetti esterni all azienda; Dottrina anglosassone - valutazione d impresa legata al concetto di Fair Market Value (valore espresso da un potenziale acquirente con accesso a informazioni disponibili) il Fair Value è considerato come valore più vicino al prezzo probabile. Negli anni 90 ci fu una svolta importante dovuta al forte sviluppo della Borsa italiana, grazie anche alla presenza di investitori esteri, al maggior peso dei fondi comuni di investimento italiani e al nascere di numerose privatizzazioni; Aumenta così l interesse da parte di studiosi ed analisti finanziari verso la ricerca di valori d azienda orientati al mercato e quindi al prezzo probabile o fair value ; Si inizia così ad adottare metodologie basate sui multipli di borsa (valutazione relativa) e sui flussidi cassa attualizzati (valutazione assoluta) che prima venivano utilizzati con molta cautela. 39

41 La valutazione d azienda Variabili Chiave Come già sottolineato in precedenza, valutare un azienda significa non solo calcolarne il valore attraverso i fondamentali, ma anche stimarne il Fair Market Value ossia il probabile prezzo di mercato. Pertanto il valore di un azienda scaturisce quindi dall applicazione di 2 tipi diversi di valutazione: Valutazione assoluta tramite i Flussi di Cassa; Valutazione relativa tramite i Multipli di Mercato. Durante la valutazione d azienda quindi è necessario considerare alcune variabili chiave: Capacità dell azienda di generare flussi di cassa futuri; Analisi dei dati prospettici stimati; Analisi dei Rendiconti per misurare la redditività degli investimenti; Analisi della storia pregressa d impresa, in termini sia di performance operativa (utili e ricavi) sia di performance azionaria (misurare la rischiosità); Esame delle imprese concorrenti, per valutare l azienda in termini relativi. 40

42 La valutazione d azienda Elenco Metodi Valutativi Metodo Finanziario Discounted Cash Flow ( DCF) basato sul valore attualizzato dei flussi monetari futuri attesi. Metodo del Economic Value Added (EVA) basato sul valore creato dall azienda sommato al capitale investito iniziale. Metodo del Adjusted Present Value (APV) basato sul valore attualizzato dei flussi monetari attesi sommato al valore attuale netto dello scudo fiscale e degli oneri finanziari. Metodo dei moltiplicatori di mercato basato sui multipli di alcune quantità aziendali, quali: Utile e Mezzi Propri, rispetto alla capitalizzazione di borsa (P/E, P/BV) Vendite, MOL e Ris. Operativo, rispetto all Enterprise Value (EV/Sales;EV/Ebitda;EV/Ebit). Metodo reddituale basato sulla capitalizzazione/attualizzazione dei flussi di reddito futuri attesi. Metodo patrimoniale (Net Asset Value - NAV) basato sulla valutazione analitica, a prezzi correnti, dei singoli elementi attivo e passivo. Metodo misto (patrimoniale - reddituale) basato sulla valorizzazione delle attività e sulla creazione di valore. 41

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Guida alla Valutazione. Listing Guides

Guida alla Valutazione. Listing Guides Guida alla Valutazione Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Aprile 2004): Mario Massari (Università L. Bocconi - Milano) BORSA ITALIANA (Nunzio Visciano, Massimiliano Lagreca) GOLDMAN SACHS INTERNATIONAL

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Fincantieri. Accelera sulle navi da crociera. 19 novembre 2014. Nota societaria. Inizio di copertura. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche

Fincantieri. Accelera sulle navi da crociera. 19 novembre 2014. Nota societaria. Inizio di copertura. Intesa Sanpaolo Direzione Studi e Ricerche Accelera sulle navi da crociera Fincantieri è il più grande gruppo cantieristico occidentale e il quarto al mondo per dimensioni. Il Gruppo è presente con 21 cantieri navali e impianti produttivi in 13

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

ti Marino nel Mar Caspio Rosett Le attività trainano NO RATING il semestre +76%, grazie tale attività. Oil&Gas, EUR La società ha prevedibile un

ti Marino nel Mar Caspio Rosett Le attività trainano NO RATING il semestre +76%, grazie tale attività. Oil&Gas, EUR La società ha prevedibile un Equity y Company Note Rosett ti Marino Le attività nel Mar Caspio trainano il semestre Rosetti Marino Stime cruciali e dati finanziari Y/ /E December Turnover EBITDA EBIT Utile netto EUR M EUR M EUR M

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Insieme verso il Futuro

Insieme verso il Futuro Advisory SERVICES Insieme verso il Futuro Le nostre Competenze per la vostra Crescita kpmg.com/it The KPMG Difference: è il nostro modo di essere che fa la differenza Servizi di Consulenza e Modernizzazione

Dettagli