Gestire al meglio la On Shelf Availability

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestire al meglio la On Shelf Availability"

Transcript

1 Andrew Mitchell International Sales Director SymphonyIRI Group, Technology Services Aprile Introduzione Cosa vuol dire On-Shelf Availability Il contesto attuale Perchè è importante? Collaborazione Le difficoltà L approccio SymphonyIRI per superare le difficoltà Commenti finali e raccomandazioni 1

2 INTRODUZIONE COSA VUOL DIRE ON SHELF AVAILABILITY? La On Shelf Availability è la misurazione della disponibilità di un prodotto a scaffale, esattamente nel posto in cui l acquirente si aspetta di trovarlo e nel momento in cui desidera comprarlo. La On Shelf Availability si compone tipicamente di tre fasi: Shelf Availability. Il prodotto non è a scaffale. Potrebbe essere ancora disponibile nel punto vendita, ma è nascosto, in uno scaffale diverso, in riserva. Non è però accessibile a chi potrebbe cercarlo in quel preciso momento. Store Availability. Il prodotto non è disponibile nel punto di vendita. Potrebbe essere comunque stoccato nel centro di distribuzione o in fase di consegna al punto di vendita. Gestire al meglio la presenza e disponibilità dei prodotti a scaffale (On Shelf Avaliability ) è stato uno dei principali obiettivi degli operatori del Largo Consumo Confezionato per molti anni. Ciò nonostante, i livelli di Out-of-Stock nel comparto continuano a rimanere elevati, quando invece, dato il difficile contesto economico attuale, sarebbe assai importante per produttori e distributori gestire con attenzione il capitale circolante di merce, garantire la disponibilità dei prodotti a scaffale e assicurarsi che gli stock di magazzino non siano troppo alti. Le informazioni e le raccomandazioni raccolte in questo white paper derivano dall esperienza maturata da SymphonyIRI in progetti di studio, misurazione e miglioramento della On Shelf Avaliability in collaborazione con numerose e primarie aziende della produzione e distribuzione del comparto del Largo Consumo. Andremo quindi di seguito ad illustrare insight e a condividere best practice che riteniamo possano supportare le vostre aziende nella prevenzione delle rotture di stock e nella gestione dell offerta a scaffale. Warehouse Availability. Il prodotto non è disponibile per essere ordinato, dato che è terminato lo stock a Ce.Di. Per poter migliorare la disponibilità dei prodotti a scaffale è essenziale comprendere cosa viene misurato e come. Solitamente le aziende del Largo Consumo utilizzano uno o più dei seguenti sistemi: Controllo del punto di distribuzione, a punto vendita (di solito la riserva) e/o a scaffale. Vengono usati diversi metodi per stabilire il livello di disponibilità rilevazione fisica, report con dati di magazzino, analisi delle vendite del negozio. Sono utilizzate una o più metriche, come il numero di volte in cui si verifica una rottura di stock in un determinato periodo, le vendite perse in unità o a valore. 2

3 Se usati separatamente, questi indicatori forniscono un quadro solo parziale della situazione. Ad esempio, misurare la disponibilità di prodottto a Cedi o a punto vendita, non esprime ciò che l acquirente realmente vede mentre fa la spesa. La rilevazione fisica a negozio copre di norma solo un campione limitato di punti vendita e una loro effettuazione continuativa comporta costi elevati; utilizzare solo i dati di magazzino non rende invece ragione di quello che lo shopper vede a scaffale. Infine, misurare solamente la frequenza, l entità o il valore delle vendite perse non consente agli operatori di identificare quale è l azione più efficace per contrastare questa problematica. IL CONTESTO ATTUALE 8.3% - livelli medio di Out-of-stock in Europa 4 miliardi di Euro: costo annuo stimato per l Industria a causa di Out-of-Stock 20%: fenomeni di rottura di stock irrisolti per oltre 3 giorni 4%: probabilità di acquistare tutti i prodotti elencati sulla lista della spesa Source: ECR Europe Nel difficile contesto economico attuale, l opportunità di migliorare i risultati economici legata ad iniziative di On Shelf Availability e di ottimizzazione della retail exectution aumenta la sua rilevanza sia per i produttori che per distributori. Non soddisfare le esigenze degli acquirenti nei punti di vendita può avere conseguenze serie sia per la brand loyalty sia per la store loyalty. Una ricerca condotta da Gruen and Corsten (Guide To Retail Out-Of- Stock Reduction, 2008) ha ripreso studi condotti nel 1992 che evidenziavano un tasso di out-of-stock medio pari al 9%. Circa 20 anni dopo, nonostante significativi investimenti fatti per rendere più efficiente il processo distributivo, dai Cedi ai negozi, e il lavoro di controllo del percorso del prodotto dalla preparazione allo scaffale, la situazione non sembra essere cambiata di molto, come testimonia una recente analisi di ECR Europe. ECR Europe ha anche quantificato come reagisce l acquirente qualora non trovi il prodotto desiderato a scaffale: il 31% compra il prodotto altrove (in un altro punto vendita oppure online) il 6% acquista un brand differente il 19% continua a comprare il medesimo brand ma sceglie una variante (ad esempio con diverso sapore, formato, ecc.) il 15% posticipa l acquisto il 9% non compra nulla E opportuno notare che questi valori sono solo benchmark di riferimento su diverse categorie. In alcuni mercati si potrebbero registrare delle percentuali differenti da quelle qui sopra elencate a titolo esemplificativo. 3

4 Un esempio delle differenze che esistono può essere dato dal grafico sottostante che illustra il quadro del mercato grocery in UK: La lunga esperienza di SymphonyIRI nel gestire dati giornalieri e nel misurare il fenomeno di out-of-stock mostra significative differenze nell andamento delle rotture di stock a seconda delle categorie: I detergenti con un 95% di disponibilità a scaffale: +/- 4% a seconda del produttore e del distributore. Il food con 92% di disponibilità a scaffale: +/- 7% a seconda del produttore e del distributore. Il personal care con 80% di disponibilità: +/- 17% a seconda del produttore e del distributore. Source: ECR UK Anche nella categoria con la performance migliore, la disponibilità di prodotto a scaffale è del 98% (livello massimo raggiunto). Se prendiamo un altra categoria- ad esempio I Dry Goods (Drogheria alimentare secca) - vediamo che, se la disponibilità a scaffale media è del 97,8%, vi sono comunque oscillazioni significative nel corso del periodo considerato. Il grafico sotto illustra questo. Le differenze sono anche guidate da altri fattori quali: Store Format, Insegna, Distributore Giorno della settimana Tipologia di rottura di stock (parziale, totale, causata da promozioni) Quando questo tipo di analisi viene effettuata a livello di negozio, per un solo prodotto, in un particolare giorno, o persino orario della giornata e viene fatto un paragone con altri prodotti della categoria, del reparto, o dell intero negozio, le differenze in termini di picchi e flessioni sono ancora più sostanziali. La situazione si rende ancora più complessa se teniamo conto di quanto emerge da una ricerca SymphonyIRI, che indica che il livello di sostituzione tra brand può arrivare al 75% quando il prodotto della marca desiderata non è disponibile a scaffale. Lo switch è strettamente legato alla categoria e al contesto distributivo. Ad esempio, la percentuale di sostituzione è inferiore per i prodotti del Cura Casa (42%) rispetto a Freschi e Surgelati (63%), guidata dal senso di necessità e dalla differente shelf-life del prodotto. Source: ECR UK 4

5 La nostra ricerca evidenzia inoltre che i distributori dovrebbero essere abbastanza preoccupati di evitare i fuori stock per i prodotti a marchio commerciale: la loro sostituzione è molto più elevata (65%) rispetto ai prodotti di marca industriale (53%). È stato inoltre dimostrato che a fronte di ripetute occorrenze di out-of-stock nello stesso punto vendita, i clienti mostrano una crescente propensione a migrare definitivamente verso altri negozi, determinando un aumento di vendite perse per distibutore. Per quanto la posta in gioco sia alta per i distributori in termini di acquisti rinviati e di fedeltà dei consumatori, sono i produttori quelli che rischiano di più. Il grafico in basso sintetizza alcuni driver di valore per l impresa e può essere utile come quadro di riferimento per un progetto. Increase Revenue Reduce out of stocks Reduce distribution voids Learnings based on value drivers Improve Business Performance Reduce Costs Improve promotion efficiency Reduce inventory expenses Better Utilise Existing Assets Increase sales force effectiveness Streamline efficiency of supply chain PERCHE E IMPORTANTE? La riduzione degli out-of-stock è un investimento vincente sia per i distributori che per i produttori, e si dimostra necessaria per conservare il parco clienti e per garantire la fedeltà al marchio e al punto vendita. Faster rate of distribution for new products Improved promotional sales Improve demand forecast Per i produttori un incremento della disponibilità a scaffale del 3% equivale ad un aumento delle vendite dell 1% Per i distributori un incremento della disponibilità a scaffale del 2% equivale ad un aumento delle vendite dell 1% Source: ECR Europe L esperienza maturata da SymphonyIRI insieme ai propri clienti dimostra che l utilizzo di dati giornalieri e il monitoraggio dell out of stock hanno bisogno di essere allineati con i principali generatori di valore per il business. Sia che l iniziativa aziendale sia fortemente concentrata su un reparto o un unità di business, sia che abbia una dimensione più ampia, la cosa migliore è quella di legare tutte le attività del progetto con obiettivi di costo, di ricavo o di cash flow direttamente misurabili. La nostra esperienza mostra che i clienti che si sono concentrati su un numero limitato di obiettivi chiave hanno ottenuto i migliori risultati sia internamente sia nel rapporto con la controparte della distribuzione. Di seguito riportiamo alcuni esempi di progetti realizzati con produttori e distributori da SymphonyIRI. Riduzione degli Out of Stocks Anche un approccio semplificato alla misurazione sistematica dei livelli di rottura di stock e delle relative vendite perse può produrre risultati tangibili. In un progetto, ad esempio, il confronto tra negozi test e negozi di controllo ha portato a scoprire che il nostro cliente ha ridotto le vendite perse a causa di out-of-stock da 2 a 3 punti percentuali, senza apportare modifiche significative ai sistemi o ai processi di business esistenti. Il beneficio si è determinato principalmente dalla misurazione sistematica e dalla consapevolezza dei livelli di rotture di stock. 5

6 Efficacia per la forza commerciale La forza commerciale, dotata di apposite analisi per eccezioni sui fenomeni di out of stock, è diventata una risorsa strategica a sostegno dei responsabili di reparto e dei direttori di punto vendita. Questi insight mirati rendono la forza vendita sul territorio in grado di individuare e risolvere i problemi di disponibilità a scaffale in modo rapido ed efficiente. Il calendario delle visite ai negozi non cambia, muta solo il risultato finale e la consapevolezza che il produttore è dotato di risorse per risolvere i problemi e incrementare le vendite del negozio. Ridurre le carenze distributive Le carenze distributive a livello di negozio possono essere individuate e quantificate mediante l integrazione dei dati di vendita del punto vendita con quelli dell assortimento del retailer. Questo approccio ha consentito ai nostri clienti di concentrarsi sui negozi in cui il prodotto doveva essere presente (sulla base degli accordi presi col distributore), ma così non era. L'esperienza dei nostri clienti mostra che utilizzare degli insight basati sui dati di vendita è solitamente più preciso e meno costoso rispetto all utilizzo di audit tradizionali nel punto vendita e ha l'ulteriore vantaggio di consentire una facile integrazione con altre fonti di dati, per una visione a 360 gradi della retail execution. Migliorare la gestione di promozioni ed inventario L'efficacia delle promozioni può essere notevolmente incrementata valutando il tasso di out of stock determinato da promozioni precedenti e gestendo in modo rigoroso i livelli delle scorte a magazzino e in negozio. Un nostro cliente ha utilizzato questo semplice approccio per ridurre le rotture di stock e raddoppiare le vendite di prodotti in promozione. Lancio di nuovi prodotti La lettura quotidiana delle vendite per negozio consente ora ad uno dei nostri clienti di monitorare la disponibilità a magazzino di nuovi prodotti recentemente immessi nel mercato. La numerose ricerche di SymphonyIRI in questo settore, hanno dimostrato che il 10% dei nuovi prodotti più performanti: Vale circa il 35% delle vendite totali di tutti i nuovi prodotti. Mantiene livelli di distribuzione superiori di circa il 70% (contro il 30% dei prodotti peggio performanti) Mantiene il prezzo, vende più dei competitor e accresce la gamma nel corso del tempo Utilizzando le soluzioni SymphonyIRI, un nostro cliente è stato in grado di trasformare i suoi lanci da fallimenti a successi nel comparto di riferimento. Migliorare le previsioni sulla domanda L'accuratezza delle previsioni sulla domanda e la gestione della disponibilità dei prodotti in categorie dove è intensa l attività promozionale è una sfida di lunga data. I produttori con le migliori performance stanno implementando processi e sistemi per automatizzare la previsione della domanda sulla base dei dati di sell out dei distributori. Queste previsioni demand-driven sostituiscono quelle basate sulle spedizioni dell inventario o vengono integrate con queste ultime. In alcuni casi vengono anche utilizzate per guidare il processo di gestione degli ordini dei distributori. 6

7 COLLABORAZIONE Molte delle cause di out of stock sono dipendenti sia da distributori sia da produttori, ed è quindi auspicabile trovare un approccio comune per affrontare questo fenomeno ed avere benefici in termini di performance da entrambe le parti. Gli studi condotti da ECR* e numerosi progetti pilota hanno dimostrato che la collaborazione tra le parti e gli strumenti per E stato quindi realizzato On Shelf Availability Self Assestment Tool. Questo strumento offre una metodologia per definire lo status del business di un azienda rispetto alla situazione ottimale che si potrebbe avere (ovvero la best practice di riferimento nel largo consumo).. A questa best practice di riferimento hanno lavorato I principali distributori e produttori in Europa insieme a SymphonyIRI. supportare processi condivisi sono in grado di ridurre significativamente la occorrenze di rottura di stock. Ad esempio: Nei progetti di collaborazione tra manufacturer e retailer che richiedono l utilizzo di applicativi software e metriche sistematiche, i progetti volti a prevenire le rotture di stock hanno mostrato i migliori risultati; e i fuori stock sono stati ridotti del 62%. Anche i progetti che non comportavano alcuna collaborazione delle parti hanno portato a risultati interessanti ma con una riduzione pari solo al 23% La nostra esperienza ci insegna che definire il grado di collaborazione nelle iniziative di prevenzione delle rotture di stock può essere una sfida importante dal momento che i distributori hanno poco tempo da dedicare a questa questione. Ciò significa che per i produttori è fondamentale proporre delle soluzioni già testate e processi operativi in grado di fornire insights e benefici per il business senza che sia imperativo un coinvolgimento impegnativo da parte del distributore. LE DIFFICOLTA Le opportunità sono evidenti e molti tra i principali produttori hanno cominciato a seguire questa strategia. Durante l implementazione di questi progetti, vi sono però alcune naturali difficoltà da superare. SymphonyIRI ha lavorato con ECR Europe per definire quali sono gli ostacoli a progetti di miglioramento della disponibilità di prodotto a scaffale e per costruire strumenti per superare queste difficoltà.. Il tool fornisce non solo indicazioni sullo stato del business ma offre anche case studies che evidenziano come altre organizzazioni abbiano superato le difficoltà legate all ottimizzazione della disponibilità di prodotto a scaffale. La creazione di questo tool ha fatto emergere l esistenza di tre barriere principali da superare: Coinvolgimento Disponibilità dei dati Struttura organizzativa *ECR UK (Efficient Consumer Response) develops best practice and is managed by the IGD. 7

8 Vediamo in cosa consistono più nel dettaglio: Coinvolgimento Avere il coinvolgimento di tutti gli stakeholder nel progetto e la consapevolezza di tutti nei riguardi dell investimento è fondamentale. Sulla base dell esperienza maturata un iniziativa di monitoraggio dell out of stock solitamente prevede il coinvolgimento delle seguenti funzioni aziendali: Direzione Commerciale Team di Customer Development Retailer Merchandising, Category Management o Buyer Team di Logistica del produttore e del distributore Direttore di Punto Vendita Venditori, Capi Area e Agenzie di merchandising/caricamento Information Technology E fondamentale che tra questi attori le informazioni siano strutturate e trasmesse direttamente a chi le utilizza e ne ha bisogno. E quindi necessario che siano inserite nel loro processo lavorativo quotidiano dato che il valore può essere generato solo se le azioni appropriate seguono una presa decisionale basata su informazioni e insight. Disponibilità dei dati E fondamentale avere i dati giusti e poter creare una infrastruttura di semplice ma efficace gestione delle informazioni quotidiane. Struttura organizzativa Qualsiasi iniziativa atta a migliorare la disponibilità dei prodotti a scaffale determinerà il cambiamento del lavoro quotidiano di almeno una figura all interno dell organizzazione. E opportuno preparare repentinamente sponsor e stakeholders al cambiamento, anche se non si ha ancora una esatta idea dell entità dello stesso. L APPROCCIO SYMPHONYIRI PER SUPERARE LE DIFFICOLTA Produttori e distributori hanno bisogno di strumenti e metodologie nuovi per comprendere con chiarezza le problematiche di gestione del magazzino e di rotture di stock, e per metterli nelle condizioni di dare priorità agli interventi da adottare. A seguire viene riportato un elenco di requisiti richiesti da nostri clienti per la gestione di iniziative a supporto della disponibilità di prodotto a scaffale. Analisi e misurazione dell Out Of Stock Vendite Nulle OOS Totale o Parziale Out of Stock in Promozione Out of Stock con cannibalizzazione Fattori di traffico e stagionalità Valore delle vendite perse Selezione per nuovi prodotti Selezione per prodotti in promozione Reporting per eccezione Reporting per eccezione per le Vendite (Punto Vendita) Reporting per eccezione per i Capi Area (Aree / Regioni) Reporting per eccezione per la Logistica Individuazione ed analisi delle cause di Out of Stock Integrazione delle misurazioni di Out of Stock e dei dati della supply chain Principali cause proprie e condivise col distributore Allocazione automatica delle cause principali Accesso On-line delle cause principali Integrazione software di allocazione spazi a scaffale Pianificazione e collaborazione del distributore Previsioni Demand-Driven Raccomandazioni sugli ordini a livello di punto vendita Riordino gestito dal Vendor 8

9 COMMENTI FINALI E RACCOMANDAZIONI Ogni azienda intraprende il proprio viaggio per raggiungere un vantaggio competitivo. Per pianificare la vostre strategia di gestione della OnShelf Avavilability, SymphonyIRI ha raccolto le seguenti raccomandazioni: La gestione degli out-of-stock è un problema serio per i distributori ed i loro fornitori dell Industria del Largo Consumo e nel contesto di mercato attuale, dove è continua la competitizione per ottenere il favore e la spesa dei consumatori, le ragioni per affrontarlo sistematicamente sono diventate ancora più urgenti. Partire su scala contenuta e ampliare in seguito a clienti, divisioni e aree geografiche in funzione della sostenibilità del piano finanziario Investire sulla concentrazione in un unico punto di informazioni corrette, sistematizzate e con metriche affidabili. Definire una serie di indicatori semplici e condivisi da tutte le aree di business operanti sul progetto. Rendere il progetto operativo e orientato all azione. Le principali aziende del comparto del largo consumo, grazie alle informazioni disponibili ed al supporto di partner come SymphonyIRI si stanno muovendo in questa direzione, implementando numerose iniziative per contrastare la problematica dell out of stock. Si presentano molte difficoltà lungo il percorso ma un approccio progressivo, basato su un solido business case condiviso dagli stakeholder, può consentire a tutti i produttori di cominciare già da oggi a inserire iniziative di On Shelf Availability nel business di tutti i giorni. Focalizzarsi sul fornire insight specifici per utente, non sul rilasciare più dati più velocemente. Produrre non solo indicazioni generali, ma insight immediatamente traducibili in azioni di business che generano vantaggi competitivi reali Dedicare tempo per finalizzare correttamente un progetto di questo tipo. Mantenere il processo snello e semplice per tutte le componenti dell organizzazione Rendere il processo ancora più semplice per la controparte della distribuzione Contatto: About SymphonyIRI Group SymphonyIRI Group è leader mondiale nella fornitura di soluzioni innovative e di servizi a supporto della crescita e del profitto delle aziende del Largo Consumo. SymphonyIRI offre due set principali di soluzioni: le informazioni di mercato, core business di IRI e le soluzioni Symphony Advantage che offrono nuove opportunità di crescita nel marketing, vendita, shopper marketing, analisi e category management. SymphonyIRI è l unica azienda in grado di integrare informazioni di mercato, modelli analitici e tecnologia per un reale impatto sul business dei clienti. SymphonyIRI supporta tutte le funzioni aziendali nella creazione ed implementazione di piani strategici grazie a servizi consumer- centric in grado di accresce il business su scala globale. Per informazioni: 9

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico 1 Largo Consumo: le aspettative e i risultati Il Largo Consumo subisce i contraccolpi di una situazione recessiva: le nostre previsioni sono orientate verso una negatività dei volumi acquistati, in media

Dettagli

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA)

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134 Milano tel. +39 02 210951.1 fax +39 02 210951.21 Pietro Pedone OSA DAY 24 Settembre 2008 Contenuti

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Avete lavorato molto per costruire una visione per la vostra azienda. Con Microsoft Dynamics NAV potrete trasformare questa

Dettagli

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012 Company Profile Release: 07_2012 ED Srl Sede legale: via Maspero 5-21100 Varese Capitale sociale euro 100.000,00 C.F. P.IVA IT 03274030125 REA VA-337722 Company Overview ED Electronics Distribution opera

Dettagli

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Gestione Strategica delle Scorte Synergic S.r.l. - Via Amola, 12-40050 Bologna Tel 051 320011 - Fax 0515880448 www.synergic.it cell.348/1315671 2007 Synergic

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Il tuo partner perfetto

Il tuo partner perfetto tecnologico Partner Il tuo partner perfetto Le soluzioni per la supply chain di Avnet I nostri partner 2 Le soluzioni per la supply chain di Avnet Il tuo partner perfetto La tua logistica è in buone mani,

Dettagli

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager Nestlé Waters ItalIa Numeri chiave (Actual 2007) Fatturato: 907 m Export in più di 100 paesi Litri:

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Il servizio, grazie al dettaglio merceologico più raffinato degli indici di categoria, consente:

Il servizio, grazie al dettaglio merceologico più raffinato degli indici di categoria, consente: Top Trade di IRI Informazioni di mercato a supporto della crescita Introduzione In un contesto di mercato in trasformazione la capacità di leggere le potenzialità di ciascun punto di vendita all interno

Dettagli

La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo: come creare valore per il consumatore

La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo: come creare valore per il consumatore Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto La rete web e l'informatizzazione dei processi per generare un vantaggio competitivo:

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

del largo consumo GDO A cura del Centro di Ricerca sulla Logistica, Università Carlo Cattaneo LIUC

del largo consumo GDO A cura del Centro di Ricerca sulla Logistica, Università Carlo Cattaneo LIUC GDO On Shelf Availabilty: la nuova sfida del settore del largo consumo Cortesia Coop A cura del Centro di Ricerca sulla Logistica, Università Carlo Cattaneo LIUC La misura della disponibilità all acquisto

Dettagli

DoK! Business Solutions IDEAL SOLUTIONS FOR SALES, MARKETING AND CRM.

DoK! Business Solutions IDEAL SOLUTIONS FOR SALES, MARKETING AND CRM. DoK! Business Solutions IDEAL SOLUTIONS FOR SALES, MARKETING AND CRM. DoK! Business Solutions Accesso alle piùimportanti informazioni e comunicazioni aziendali attraverso una combinazione di applicazioni

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

Formazione GS1 Italy Indicod Ecr 2015: PER ESSERE AGGIORNATI E COMPETITIVI

Formazione GS1 Italy Indicod Ecr 2015: PER ESSERE AGGIORNATI E COMPETITIVI FORMAZIONE 2015 AREA TECNICA Sistema di Codifica GS1 GS1 DataBar GS1 DataMatrix AREA SUPPLY CHAIN Fondamenti di tracciabilità e rintracciabilità Tracciabilità e rintracciabilità Disponibilità ottimale

Dettagli

L OSA visto da un produttore in. l esperienza di Barilla

L OSA visto da un produttore in. l esperienza di Barilla L OSA visto da un produttore in Europa: l esperienza di Barilla Paolo Zazzi: Europe Customer Marketing Manager Obiettivo: il servizio allo shopper Dare centralità allo shopper nella relazione con i retailer

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

L OSA: dai punti vendita all intera supply chain. Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia

L OSA: dai punti vendita all intera supply chain. Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia L OSA: dai punti vendita all intera supply chain Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia Segrate (MI) - 24 Settembre 2008 Il comportamento del consumatore

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

WareLite Real Time Demand Chain Management

WareLite Real Time Demand Chain Management WareLite Real Time Demand Chain Management Una soluzione semplice per prevenire le rotture di stock ed eliminare sprechi ed inefficienze nel riassortimento OSA Day Milano, 24 Settembre 2008 Elena Pasquali,

Dettagli

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE BICOCCA IMPRESE Demand e Supply Chain Management: Le iniziative e gli strumenti più efficaci per capire e sfruttare le evoluzioni della domanda e ridurre i costi ed i tempi logistici e produttivi Tecnologie

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

I negozi Specializzati attraggono più consumatori

I negozi Specializzati attraggono più consumatori Autori: Ambra Bellia e Marco Raimondi- SymphonyIRI 1 Introduzione e macro analisi del comparto Nonostante il contesto economico difficoltoso, secondo una indagine congiunturale proposta dal Centro Studi

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

acquisti L importanza del Risk Management nell area

acquisti L importanza del Risk Management nell area Risk management L importanza del Risk Management nell area acquisti Il rischio fa parte del business una significativa e permanente realtà che quasi ogni società deve affrontare. Senza rischio, l attività

Dettagli

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Agenda Il paradigma omni-channel visione o realtà? Errori da evitare

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE Agenda Il mercato e le spinte all ottimizzazione dei costi Le leve potenziali di ottimizzazione I centri di consolidamento come leva di ottimizzazione inbound La riduzione

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Page Salary Survey Salary 2009 - Survey Human 2012 Resources - Retail 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page,

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

Il coordinamento della catena della fornitura

Il coordinamento della catena della fornitura Il coordinamento della catena della fornitura Il coordinamento Una supply chain è un insieme di partner interconnessi da flussi finanziari, commerciali e di prodotti/servizi. Una gestione efficace di tali

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

MANUFACTURING MANUFACTURING

MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING 1 CRM Produzione Pianificazione EDI /RADIO Business Intelligence Demand Forecasting Ottimizzazione Approvvigionamento CMMS Finanza GESTIONE PROGETTO Assistenza Post-Vendita

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq

Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq Case study Fornitore leader di servizi logistici riduce i costi e migliora il servizio al cliente con Quintiq EWALS CARGO CARE In Ewals tutti i reparti di pianificazione adesso operano come un unico grande

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N Dan Vesset Program Vice President, Business Analytics B e s t P ractice p e r u n a strategia di B usiness I n t e l l i g e n c e e B usiness An a l yt i c s Febbraio

Dettagli

Dalle vendite alla certificazione delle consegne: le esperienze di chi ha deciso di essere mobile

Dalle vendite alla certificazione delle consegne: le esperienze di chi ha deciso di essere mobile Dalle vendite alla certificazione delle consegne: le esperienze di chi ha deciso di essere mobile Informatica distribuita 10 M fatturato 100 persone 3 consociate Dedicati al Territorio Specializzazione

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO MAGAZZINO (SCAFFALISTA GDO) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO ADDETTO MAGAZZINO (SCAFFALISTA GDO) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI ADDETTO MAGAZZINO ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto GS1 Italy Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto EDI Fatti non parole Principali evidenze della ricerca condotta da GS1 UK sui primi 15 gruppi britannici nella distribuzione

Dettagli

Leader nella logistica e nella movimentazione delle merci

Leader nella logistica e nella movimentazione delle merci 3/09/09 12:07 Page 3 IT-I_SITE2 Service Solutions_folder_cover:Chemise_Service Solutions Diamo valore al vostro business TOYOTA I_SITE Oltre il Fleet Management Leader nella logistica e nella movimentazione

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Con RICOH è più facile

Con RICOH è più facile Con RICOH è più facile RICOH aiuta le aziende ad aumentare l efficienza e l efficacia della gestione documentale, dei processi informativi e dei flussi di lavoro. RICOH si propone come unico partner di

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

LEAN THINKING STRATEGIC PLAN TURNKEY

LEAN THINKING STRATEGIC PLAN TURNKEY LEAN THINKING STRATEGIC PLAN TURNKEY SOLUZIONI PER GDO e PRivate label Farsi trovare è importante Etichettare è una necessità Facciamola diventare un piacere l arte dell etichetta per far scoprire il mondo

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita

Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita Low cost e lusso: la polarizzazione dei comportamenti dello shopper Europeo nei punti vendita Laura Volponi International Shopper Insights Director IRI Indice Il contesto modifica le abitudini La parola

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO.

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP mysap ERP mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP è la soluzione più completa esistente sul mercato internazionale, progettata in modo specifico per soddisfare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione Claudio Lattanzi More Controllo Performance: i dati transazionali ed aggregati in un unico progetto di modellazione Le informazioni sono in continua crescita ma non sempre questo patrimonio aziendale viene

Dettagli

ECOFIS (Electronic Cooperation for Food Industry Services)

ECOFIS (Electronic Cooperation for Food Industry Services) ECOFIS (Electronic Cooperation for Food Industry Services) Alice Srl Milano, 2009 1 L Innovazione nell Industria Alimentare: Lo scenario L Industria Alimentare è un settore complesso, caratterizzato da

Dettagli

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail SALARY SURVEY 2014 Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2014 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2014. Michael

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Il backstage della multicanalità

Il backstage della multicanalità CDR - Claudio Dematté Research Il backstage della multicanalità Come integrare i processi fisici e digitali per una seamless customer experience. 4 novembre 2015 CDR - Claudio Dematté Research Integrated

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Sales & Marketing 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

EXPERIAN FOOTFALL: ACTINg ON INSIgHT SERIES

EXPERIAN FOOTFALL: ACTINg ON INSIgHT SERIES www.footfall.com +39 06 45486 314 EXPERIAN FOOTFALL: ACTINg ON INSIgHT SERIES Sviluppare il massimo potenziale dalle visite dei vostri clienti: trasformare un immensa mole di dati in informazioni strategiche

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Nuove sfide della multicanalità

Nuove sfide della multicanalità Nuove sfide della multicanalità Retail Summit, ottobre 2014 Paolo Lobetti Bodoni Partner - Southern Europe Products Lead anni 80 anni 90 anni 00 anni 10 m-commerce SHOPPING EXPERIENCE Commerce Infocommerce

Dettagli

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA UNA TECNOLOGIA SOLIDA COME L ACCIAIO GRAZIE A M-SOFT Yvo van Werde non avrebbe mai immaginato che il sistema pioneristico che aveva contribuito a sviluppare 19

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Un caso di successo _ produttore di cucine

Un caso di successo _ produttore di cucine Un caso di successo _ produttore di cucine Sintesi intervento 2008-2011 Vers. 1.3 18 luglio 2012 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli