KIT DI SOPRAVVIVENZA KIT DE SURVIE SURVIVAL KIT. Navigare nel Mar dei CAE. Naviguer dans la Mer des CEE. Sailing across the EWC Sea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "KIT DI SOPRAVVIVENZA KIT DE SURVIE SURVIVAL KIT. Navigare nel Mar dei CAE. Naviguer dans la Mer des CEE. Sailing across the EWC Sea"

Transcript

1 KIT DI SOPRAVVIVENZA Navigare nel Mar dei CAE KIT DE SURVIE Naviguer dans la Mer des CEE SURVIVAL KIT Sailing across the EWC Sea Pubblicazione realizzata nell ambito del progetto europeo BACH Bien Agir En Connaissant Comment con il sostegno finanziario della Commissione Europea (VS/2010/0671).

2 Kit di sopravvivenza Navigare nel Mar dei CAE Pubblicazione realizzata nell ambito del progetto europeo BACH Bien Agir En Connaissant Comment con il sostegno finanziario della Commissione Europea (VS/2010/0671). Sommario Prefazione a cura di Gigi Petteni Segretario generale Cisl Lombardia...5 Presentazione...9 Mini dictionary...33 Ringraziamenti La pubblicazione realizzata in tre lingue italiano, inglese e francese è integrata da un supporto digitale (USB) contenente: > > > > > > > > definizione (i CAE, cosa sono, come funzionano, processo di costituzione) legislazione di riferimento ruolo chiave del sindacato ricerca Uomini, crisi e geografia link utili FAQ (Frequently Asked Questions) elenco delle Federazioni Sindacali Europee bibliografia 3

3 Prefazione Dal Manifesto di Atene : 5. Darà priorità al miglioramento delle condizioni di lavoro di tutti i lavoratori europei, alla lotta contro il lavoro non dichiarato e al dumping sociale e salariale, in particolare nell ambito del dialogo sociale. 6. Svilupperà iniziative congiunte con gli imprenditori europei su lavoro ecosostenibile, crescita ed investimento, politiche industriali sostenibili, istruzione e formazione. 9. Chiederà nuovi sistemi di governance aziendale per promuovere la sostenibilità, il progetto nel lungo termine e livelli di retribuzione giusti per tutti un sistema in cui i Comitati Aziendali Europei (CAE), i sindacati e i diritti all informazione e alla consultazione dei lavoratori avranno un ruolo fondamentale. Ho seguito, fin dalla sua progettazione, con interesse e curiosità il progetto BACH; già l acronimo richiama, come per le partiture musicali di Bach, le raffinate e complesse tessiture di cui si compongono i processi che legano acquisizione di conoscenze e competenze con l azione quotidiana a cui sono chiamati coloro che rappresentano i lavoratori. E i CAE sono, oggi, una delle articolazioni di rappresentanza che per complessità e necessità di evoluzione più debbono riscuotere attenzione ed impegno da parte delle organizzazioni sindacali locali, nazionali ed europee. BACH si è realizzato nell anno del Congresso CES ad Atene che nel suo documento finale, il Manifesto di Atene, contiene almeno tre passaggi di attinenza con le prospettive che scaturiscono dal progetto: il punto 5, con l intervento su miglioramento del lavoro ed il dialogo sociale; il punto 6, sulla relazione del sindacato europeo con gli imprenditori per realizzare iniziative di sviluppo; il punto 9, sulla opportunità di una relazione sistemica tra CAE e organizzazioni sindacali. Oggi, e dall apertura della crisi globale e strutturale che stiamo vivendo, troppo spesso rileviamo una mancanza di forza dell Europa istituzionale; primo tra tutti il limite di non sapere guardare oltre i confini delle nazioni o di superarli soltanto per interessi nazionali invece che dispiegare le proprie energie e le proprie intelligenze per costruire un piano comune per l Europa delle società e del lavoro. 5

4 La crisi e il tentativo di dare risposte alle difficoltà accentuano la possibile (e fattuale) competizione tra territori diversi, tra Paesi diversi; i CAE si trovano a svolgere la loro azione di rappresentanza dei lavoratori in uno scenario compromesso da frammentarietà, da particolarismi e dalla mancanza di una visione di insieme dell Europa politica e dell Europa del lavoro, quasi fossero uno scoglio sindacale al largo in mezzo ad una tempesta. Eppure l esperienza di rappresentante CAE, soprattutto per delegati che provengono dalle organizzazioni sindacali, può essere esperienza entusiasmante e di grande valore per il futuro del mondo del lavoro europeo. I CAE possono essere un avamposto sindacale che richiede e ci ripropone la necessità di una connessione stabile e strutturata tra sindacati nazionali e tra livelli nazionali e Federazioni europee. comportamenti che rinforzi ed estenda la pratica del dialogo sociale in Europa, pensandola non più come un insieme di distanze da avvicinare ma come la comune terra del lavoro e di un nuovo sviluppo comunitario. E allora scegliamo di sostenere i rappresentanti dei lavoratori europei, avanguardia di un nuovo moderno internazionalismo sindacale, perché sappiano coraggiosamente navigare al di là dei confini nel Mar dei CAE. Gigi Petteni Segretario generale Cisl Lombardia Nel modello economico ed industriale europeo di oggi, chiamato a confrontarsi con la crisi che stiamo vivendo, la costituzione di un CAE e sarà importante lavorare per costituirne sempre di più rappresenta un rilevante contributo all europeizzazione dei diritti dei lavoratori. La nostra esperienza sindacale centrata sul dialogo, sulla contrattazione e anche sulla capacità di conflitto ad esito positivo si può rivelare preziosa e trovare nuovo valore e sviluppo se messa al servizio dei CAE. Nostro compito è cogliere questa opportunità per disegnare con tratti di concretezza le vie di una condivisione strategica e di 6 7

5 Presentazione La Cisl Lombardia con il suo Dipartimento internazionale è impegnata da anni in attività, azioni e progetti europei allo scopo di migliorare la preparazione dei rappresentanti dei lavoratori nelle imprese multinazionali, analizzando il legame tra l esercizio dei diritti di informazione e consultazione e la conoscenza di tali diritti, la loro reale pratica e le esperienze condizione indispensabile per una partecipazione attiva. È fondamentale diffondere l importanza strategica della cultura europea del dialogo sociale per un più efficace utilizzo dell informazione acquisita da parte dei lavoratori, nella fase della consultazione con le imprese, proprio in funzione di quello spirito costruttivo su cui deve basarsi il rapporto tra Comitati Aziendali Europei e Direzione dell impresa. È in questa direzione che va l impegno della Cisl Lombardia, che da anni si adopera per rafforzare la cooperazione internazionale con le organizzazioni sindacali degli altri Paesi europei e per intraprendere azioni coordinate e congiunte sui temi dei diritti di informazione e consultazione. Da questa cooperazione nasce il Kit di sopravvivenza - Navigare nel Mar dei CAE che state leggendo, realizzato grazie al progetto europeo BACH Bien Agir En Connaissant Comment con il sostegno della Commissione Europea (Convenzione VS/2010/0671 SI ). Questo progetto, promosso e coordinato da Cisl Lombardia e 9

6 attuato insieme alle organizzazioni sindacali di CGIL Lombardia, UIL Lombardia, CCOO de Catalunya, CFDT Rhône Alpes, CSDR Romania, PODKREPA Bulgaria e l assistenza della Social Development Agency, ha reso possibile attività formative e la realizzazione di strumenti d indagine finalizzati alla sensibilizzazione dei rappresentanti sindacali alla dimensione europea delle relazioni industriali e all importanza della costituzione dei Comitati Aziendali Europei. Questo Kit è pensato per essere uno strumento di informazione efficace, utile, di facile e veloce consultazione per i rappresentanti dei lavoratori nelle imprese multinazionali, al fine di essere un valido supporto per facilitare l esercizio dei diritti di informazione e consultazione da parte dei rappresentanti sindacali. Il Kit, scritto in tre lingue (italiano, inglese, francese), si compone di una parte cartacea contenente un mini dictionary con i termini in inglese maggiormente utilizzati durante gli incontri CAE, e di una parte digitale (chiave USB) contenente: informazioni base sui Comitati Aziendali Europei (i CAE, cosa sono, come funzionano, processo di costituzione); la legislazione di riferimento relativa ai diritti di informazione e consultazione; l elaborazione dei risultati della ricerca Uomini, crisi e geografia condotta per conoscere la situazione che vivono i rappresentanti CAE in aziende multinazionali colpite dalla crisi in Lombardia, Catalogna (Spagna), Rodano Alpi (Francia), Bulgaria e Romania (Paesi partner del progetto) e conoscere le reali loro esigenze formative. Infine, il Kit contiene una sezione di Frequently Asked Questions (FAQ) costruita a seguito di una serie di incontri con rappresentanti sindacali delle diverse Federazioni di categoria e delegati CAE. La Cisl Lombardia e le organizzazioni partner coinvolte in questo progetto intendono, attraverso questo Kit, soddisfare alcuni dei bisogni rilevati grazie alle attività formative e alle indagini realizzate nell ambito di questo e di precedenti progetti europei in tema di diritti di informazione e consultazione e Comitati Aziendali Europei, da parte dei componenti di Comitati Aziendali Europei, i quali grazie al loro ruolo sono venuti a conoscenza di diverse buone esperienze e procedure in materia di rappresentanza dei lavoratori e necessitano di una conoscenza più dettagliata di tali differenti sistemi; organizzazioni sindacali che necessitano di una migliore conoscenza dei rispettivi sistemi di rappresentanza dei lavoratori in modo da poter essere in grado di adottare posizioni comuni per influenzare il processo decisionale all interno delle imprese. Consapevoli del fatto che i modelli di rappresentanza hanno caratteristiche specifiche per ciascun Paese, il nostro augurio è che questo Kit possa costituire un utile strumento di informazione e un utile supporto all esercizio dei diritti di informazione e consultazione per i rappresentanti dei lavoratori, i quali data la crescente internazionalizzazione delle imprese, si trovano ad impegnarsi nella cooperazione transnazionale, in particolare all interno dei Comitati Aziendali Europei. Miriam Ferrari Responsabile Dipartimento Internazionale Cisl Lombardia 10 11

7 KIT DE SURVIE Naviguer dans la Mer des CEE Publication réalisée dans le cadre du projet européen «BACH Bien Agir En Connaissant Comment» avec le support financier de la Commission européenne (VS/2010/0671). Sommaire Préambule par Gigi Petteni Secrétaire général Cisl Lombardia...15 Présentation...19 Petit vocabulaire...33 Remerciements Cette publication, réalisée en 3 langues italien, anglais et français est accompagnée d un support numérique (USB) qui contient : > > > > > > > > définition (les CAE, ce que c est, comment ils marchent, processus de création) législation de référence rôle clef du syndicat recherche «Hommes, crise et géographie» liens utiles foire aux questions liste des Fédérations Syndicales Européennes bibliographie 13

8 Preambule Tirée du «Manifeste d Athènes» : 5. Donner priorité à l amélioration des conditions de travail de tous les travailleurs européens, à la lutte contre le travail au noir ainsi que contre le dumping social et salarial, en particulier au sein du dialogue social. 6. Développer des initiatives conjointes avec les employeurs européens en matière d emplois verts, de croissance et d investissements, de politique industrielle durable, d éducation et de formation. 9. Exiger de nouveaux systèmes de gouvernance d entreprise afin de favoriser la durabilité, le long terme et des niveaux de rémunérations équitables pour tous des systèmes dans lesquels les Comités d entreprise européens, les syndicats et les droits des travailleurs à l information, à la consultation et à la participation doivent jouer un rôle essentiel. J ai suivi, dès sa conception, avec intérêt et curiosité le projet BACH ; l acronyme à lui seul renvoie, comme toute partition de Bach, aux entrelacs raffinés et complexes qui composent les processus qui lient l acquisition de connaissances et de compétences à l action quotidienne que les représentants des travailleurs sont appelés à mettre en œuvre. Et les CEE sont aujourd hui l un des éléments de la représentation des travailleurs qui, de par leur complexité et nécessité d évolution, doivent attirer la plus grande attention et engagement de la part des organisations syndicales locales, nationales et européennes. BACH a été réalisé dans l année du congrès de la CES à Athènes qui, dans son document final, le «Manifeste d Athènes», contient au moins trois passages qui renvoient aux perspectives émanant du projet : le point 5 avec l intervention sur l amélioration du travail et du dialogue social, le point 6 sur la relation du syndicat européen avec les employeurs pour mettre en œuvre des initiatives de développement et le point 9 sur l importance d une relation systémique entre les CEE et les organisations syndicales. Aujourd hui, et depuis le début de la crise globale et structurelle que nous connaissons, nous ressentons trop souvent le manque de force de l Europe institutionnelle ; tout d abord, la limite de ne pas savoir regarder au-delà des frontières des pays ou de les dépasser pour répondre à des intérêts nationaux au lieu de dé- 15

9 ployer ses énergies et son intelligence pour construire un plan commun pour l Europe des sociétés et du travail. La crise et la tentative de donner des réponses aux difficultés ne font qu accentuer la concurrence possible (et factuelle) entre les territoires différents, entre les Pays différents ; les CEE doivent remplir leur fonction de représentation des travailleurs dans un scénario compromis par la parcellisation, les particularismes et l absence d une vision d ensemble de l Europe politique et de l Europe de l emploi, comme s il s agissait d un écueil syndical au large au milieu d une tempête. Et pourtant l expérience d être un représentant CEE, notamment pour les délégués qui proviennent des Organisations syndicales, peut être une expérience passionnante et d une grande valeur pour l avenir du monde de l emploi européen. Les CEE peuvent être un avant-poste syndical qui exige et qui impose encore une fois la nécessité d une liaison stable et bien structurée entre les syndicats nationaux et entre les niveaux nationaux et les Fédérations européennes. résultats positifs, peut s avérer précieuse et prendre une nouvelle valeur et un nouvel essor si elle est mise au service des CEE. Notre mission est de saisir cette opportunité afin de tracer de manière concrète les voies d un partage stratégique et de comportements qui renforcent et étendent la pratique du dialogue social en Europe en le concevant non plus comme un ensemble de distances à raccourcir, mais plutôt comme un terrain de travail commun et un nouveau développement communautaire. Et alors nous choisissons de soutenir les représentants des travailleurs européens, qui constituent l avant-garde d un internationalisme syndical nouveau et moderne afin qu ils apprennent courageusement à naviguer au-delà des frontières dans la Mer des CEE. Gigi Petteni Secrétaire général Cisl Lombardia Dans le modèle économique et industriel européen d aujourd hui, appelé à faire face à la crise que nous connaissons, la création d un CEE et il sera important de travailler pour en créer de plus en plus donne une contribution significative à l «européanisation» des droits des travailleurs. Notre expérience syndicale, axée sur le dialogue, la négociation et également la capacité d engager des conflits pour obtenir des 16 17

10 Présentation Cisl Lombardia par le biais de son Département International est engagée depuis de nombreuses années dans des activités, des actions et des projets européens ayant pour but d améliorer la préparation des représentants des travailleurs dans les entreprises multinationales, en analysant le lien entre l exercice des droits d information et de consultation et la connaissance de ces droits, leur pratique réelle et les expériences, condition incontournable pour une participation active. Il est fondamental de diffuser l importance stratégique de la culture européenne du dialogue social pour une utilisation plus efficace de l information acquise par les travailleurs, lors de la phase de consultation avec les entreprises, en conformité avec l «esprit constructif» qui doit régir le rapport entre les Comités d entreprise européens et la Direction. C est dans ce domaine que Cisl Lombardia s engage et depuis de nombreuses années met tout en œuvre pour renforcer la coopération internationale avec les organisations syndicales des autres Pays européens et pour entreprendre des actions coordonnées et conjointes sur les thèmes des droits d information et de consultation. C est de cette coopération qu est né le Kit de survie Naviguer dans la Mer des CEE que vous êtes en train de lire, réalisé grâce au projet européen «BACH Bien Agir En Connaissant Comment» avec le support de la Commission Européenne (Convention VS/2010/0671 SI ). Ce projet, promu et coordonné par Cisl Lombardia et mis en place avec les organisations syndicales de CGIL Lombardia, UIL Lom- 19

11 bardia, CCOO de Catalunya, CFDT Rhône Alpes, CSDR Roumanie, PODKREPA Bulgarie et l aide de la Social Development Agency, a permis de réaliser des activités de formation et de créer des outils d enquête ayant pour but de sensibiliser les représentants syndicaux à la dimension européenne des relations industrielles et à l importance de créer des Comités d entreprise européens. Ce Kit a été conçu comme un outil d information efficace, utile, rapide et facile à consulter pour les représentants des travailleurs des entreprises multinationales de manière à pouvoir être un support valable apte à faciliter l exercice des droits d information et de consultation de la part des représentants syndicaux. Le Kit, rédigé en 3 langues (italien, anglais, français), se compose d une partie format papier qui comprend un mini-dictionnaire avec les termes anglais les plus utilisés au cours des réunions des CEE, et une partie format numérique (clef USB) avec : des informations de base sur les Comités d entreprise européens (les CEE, ce que c est, comment ils marchent, leur processus de création) ; la législation de référence concernant les droits d information et de consultation ; les réflexions sur les résultats de la recherche «Hommes, crise et géographie» effectuée pour approfondir la situation que les représentants CEE connaissent dans les entreprises multinationales frappées par la crise en Lombardie, Catalogne (Espagne), Rhône-Alpes (France), Bulgarie et Roumanie (les Pays partenaires du projet) et comprendre leur exigences réelles en matière de formation. Finalement, le Kit contient une section consacrée à la Foire aux questions mise en place suite à une série de rencontres avec les représentants syndicaux des différentes fédérations de branche et les délégués CEE. Cisl Lombardia et les organisations partenaires impliquées dans ce projet souhaitent, à travers ce Kit, satisfaire certains des besoins dont elles ont eu écho grâce aux activités de formation et aux enquêtes menées dans le cadre de ce projet ainsi que d autres projets européens précédents en matière de droits d information et de consultation et de Comités d entreprise européens ; besoins exprimés par les membres des Comités d entreprise européens qui, grâce à leur rôle, ont pris connaissance de plusieurs bonnes expériences et procédures en matière de représentation des travailleurs et nécessitent d une connaissance plus approfondie de ces systèmes différents ainsi que par les organisations syndicales qui nécessitent d une connaissance meilleure des systèmes respectifs de représentation des travailleurs de manière à être en mesure d adopter des positions communes pour influencer le processus de prise de décision dans les entreprises. Tout en étant conscients du fait que les modèles de représentation ont tous des caractéristiques spécifiques dans chaque pays, nous souhaitons que ce Kit puisse s avérer un instrument utile d information et un support valable pour exercer les droits d information et de consultation par les représentants des travailleurs qui, étant donné l internationalisation croissante des entreprises, doivent s engager dans la coopération transnationale, en particulier au sein des Comités d entreprise européens. Miriam Ferrari Responsable Département International Cisl Lombardia 20 21

12 Survival KIT Sailing across the EWC Sea Publication drafted within the framework of the European project BACH Bien Agir En Connaissant Comment with the financial support of the European Commission (VS/2010/0671). Contents Foreword by Gigi Petteni Secretary general of Cisl Lombardia...25 Introduction...29 Mini-dictionary...33 Acknowledgements The publication, drafted in 3 languages Italian, English and French is integrated by a digital support (USB pen drive) containing: > > > > > > > > definition (EWCs, what they are, how they function, establishment process) reference legislation key role of Trade Unions People, crisis and geography study useful links FAQ (Frequently Asked Questions) List of European Trade Union Federations Bibliography 23

13 Foreword From Athens Manifesto : 5. Prioritise the improvement of working conditions of all European workers, the fight against undeclared work, corruption and the black economy and social and wage dumping, through legislation and within the social dialogue. 6. Develop joint initiatives with European employers for green jobs, growth and investment, sustainable industry policy, education and training. 9. Demand new systems of corporate governance to promote sustainability, long-termism, and fair pay levels for all a system in which European Works Councils, trade unions and worker information, consultation and participation rights must play a fundamental role. I followed the BACH project with interest and curiosity since its very beginning; its very acronym conjures up, as in Bach s music scores, the sophisticated and complex tessituras that constitute those processes that link the acquisition of knowledge and skills to the day-to-day actions that workers representatives are called upon to perform. And EWCs are currently one of the representation entities that, due to their complexity and development needs, deserve particular attention and commitment on the part of local, national and European trade union organisations. BACH was devised in the year of the ETUC Congress held in Athens which, in its final document the Manifesto of Athens contains at least three points* aligned with the perspectives generated by the project: point 5, action for improving work and social dialogue, point 6, relationship of the European trade union with entrepreneurs to implement development projects, and point 9, opportunity of a systemic relationship between EWCs and trade union organisations. Today - and indeed, since the beginning of the global and structural crisis we are experiencing, we have been suffering too often from a lack of strength on the part of institutional Europe first and foremost, from the inability to look beyond country borders, or doing so only for the sake of national interest, instead of using one s energies and smartness to devise a common plan for the Europe of society and work. 25

14 The economic crisis, and the attempts to respond to these difficult times, accentuate the possible (and actual) competition between different territories, between different Countries; EWCs have to implement their workers representation actions in a scenario that is fragmented, marred by parochialist attitudes and the lack of an all-encompassing view about European politics and the Europe of labour as if they were a trade union rock in the midst of a stormy sea. Yet, the experience of being EWC representatives, especially for delegates coming from Trade Union Organisations, can be exciting and very valuable for the future of the European labour world. EWCs can be a trade union outpost that requires - and underscores - the need for a stable, structured connection between national trade unions, as well as between the national and European federation levels. In the current European economic and industrial model, called upon to deal with the crisis we are going through, the establishment of a EWC - and it will be paramount to strive and create more and more represents a significant contribution to the Europeanisation of workers rights. the road for strategic sharing, and behaviours that can strengthen and expand the practice of social dialogue in Europe, so that this is no longer considered as a series of gaps to be bridged, but rather as a common ground for labour, and for a new European development. Thus, we choose to support the representatives of European workers the forefront of a new and modern trade union internationalism, so that they can bravely overcome borders and set sail across the EWC Sea. Gigi Petteni Secretary General Cisl Lombardia Our trade union experience, centred on dialogue, bargaining and also the ability to pursue a positive struggle, can be precious, and take up new value and development when put at the EWC service. Our task is to seize this opportunity to design, with a firm hand, 26 27

15 Introduction Cisl Lombardia, with its international Department, has been involved for a number of years in European activities, actions and projects aimed at enhancing the background of workers representatives in multinational companies, analysing the link between the exercise of information and consultation rights and the actual knowledge of such rights, their concrete implementation and the experiences - a fundamental requirement for active participation. Strengthening awareness about the strategic importance of the European culture of social dialogue is fundamental for using information acquired by workers more effectively during the process of consultation with companies - precisely in the name of the constructive spirit on which the relations between European Works Councils and corporate Management must be based. This is the backdrop against which Cisl Lombardia has been striving, over the years, to strengthen international co-operation with the trade unions of other European Countries and to take joint, co-ordinated action on the themes of information and consultation rights. The result of this co-operation effort is the Survival Kit Sailing across the EWC Sea that you are now reading, and which was made thanks to the European project BACH Bien Agir En Connaissant Comment with the support of the European Commission (Convention VS/2010/0671 SI ). This project, promoted and co-ordinated by Cisl Lombardia and implemented with the trade unions CGIL Lombardia, UIL Lom- 29

16 bardia, CCOO de Catalunya, CFDT Rhône Alpes, CSDR Romania, PODKREPA Bulgaria and the support of the Social Development Agency, made it possible to conduct training activities and to define research tools with a view to raising trade unionists awareness about the European industrial relations dimension and the importance of establishing European Works Councils. This Kit is intended to be a quick, useful, effective and userfriendly information tool addressing workers representatives in multinational companies - a valid support to facilitate the exercise of information and consultation rights by trade union representatives. The Kit, drafted in 3 languages (Italian, English and French), includes a paper section with a mini-dictionary of the English terms most frequently used during EWC meetings, and a digital section (USB pen drive) providing: basic information about European Works Councils (what EWCs are, how they operate, establishment process); the reference legislation on information and consultation rights; the elaboration of the outcome of the People, crisis and geography study conducted to investigate the situation experienced by EWC representatives in multinational companies hit by the economic crisis in Lombardy, Catalunia (Spain), Rhône Alpes (France), Bulgaria and Romania (project partner Countries), and to define their actual training needs. Finally, the Kit includes a Frequently Asked Questions (FAQ) section resulting from a series of meetings with trade union representatives of the different trade union federations and EWC delegates. The objective of Cisl Lombardia and the partner organisations involved in this project is to satisfy, through this Kit, some of the needs identified during the training and studies carried out within this and previous European projects on the theme of information and consultation rights and European Works Councils, by the members of European Works Councils who, thanks to their role, gathered a number of positive experiences and procedures about workers representation, and need a more in-depth knowledge about such different systems; trade unions needing more in-depth knowledge of workers representations systems so as to be able to adopt common positions influencing the corporate decision-making processes. Being aware that workers representation models have specific country-based features, we hope that this Kit will become a useful information tool, as well as a useful aid in the exercise of information and consultation rights for workers representatives who, given the increasing internationalisation of companies, are involved in transnational co-operation, in particular within European Works Councils. Miriam Ferrari Head of International Department Cisl Lombardia 30 31

17 Miny-dictionary A Accounting En. The action of keeping financial accounts It. Contabilità Fr. Comptabilité Achievement En. A thing that is achieved; the process or fact of achieving It. Raggiungimento dei risultati, successo, capacità di scegliere consapevolmente Fr. Réussite, réalisation, succès Activity En. A condition in which things are happening or being done It. Azione, attività Fr. Activité, action Activity Location En. Method consisting in concentrating activities in order to reduce the costs deriving from different locations It. (lett. sistemazione di attività). Metodo consistente nel concentrare il più possibile i vari settori aziendali, per ridurre i costi derivanti dalla loro ubicazione in luoghi diversi Fr. Localisation des activités 33

18 Advance En. Cause to occur at an earlier date than planned; make or cause to make progress; hand over (payment) to (someone) as a loan or before it is due It. Anticipazione, acconto, anticipo, avanzamento di carriera Fr. Avance, acompte, progresser dans la carrière Advertising En. Publicize (a product, service, or event) in order to promote sales or attendance It. Pubblicità Fr. Publicité Advisor En. A person with more and deeper knowledge in a specific area, i.e. a specialist It. Consigliere, consulente Fr. Guide, spécialiste, conseiller, consultant Agreement En. A negotiated and typically legally binding arrangement; the condition of agreeing with another word It. Contratto, accordo (v. Collective agreement) Fr. Accord, convention, contrat Amendment En. Change made to a document It. Emendamento; rettifica, revisione Fr. Amendement, modification, révision Apprentice En. A person learning a trade from a skilled employer It. Apprendista Fr. Apprenti Approval En. The act or an instance of approving It. Approvazione, autorizzazione Fr. Approbation Area Manager En. Manager in charge of a given area It. Responsabile, in azienda, di una determinata zona, nella quale deve curare la distribuzione dei prodotti, la pubblicità, il servizio di assistenza e la raccolta dei dati di mercato Fr. Area Manager, Directeur de région Arrangement En. The action, process, or result of arranging It. Accordo, compromesso Fr. Entente, accord, compromis Assets (pl) En. Property owned by a person or company, regarded as hav

19 ing value and being available to meet debts, commitments, or legacies It. Attività (voci attive di un bilancio, patrimonio) Fr. Actifs, biens, avoirs (financiers) Auditing En. An official inspection of an organization s accounts, typically by an independent body It. Verifica ufficiale dei conti, verifica contabile Fr. Audit, vérification comptable, révision Authority En. A person or organization exerting control in a political or administrative sphere; the power to influence others based on recognized knowledge or expertise It. Autorità riconosciuta, competente al rispetto di norme e leggi di un dato settore Fr. Autorité Available En. Present and ready for use, at hand, accessible It. Disponibile Fr. Disponible Average En. The result obtained by adding several amounts together and then dividing the total by the number of amounts; a usual or ordinary amount, level, or rate It. La media di, la percentuale media Fr. Moyenne, en moyenne, calculer la moyenne B Background En. Experience, theoretical and practical skills acquired by a person It. (lett. Contesto, sfondo). Esperienza, insieme delle conoscenze teoriche e pratiche acquisite da una persona Fr. Contexte, expérience, milieu, formation Back-line En. Line followed within a company It. Linea seguita all interno dell azienda; (v. Front-line) Fr. Back-line, ligne arrière Back-office En. The administrative functions at a brokerage that support the trading of securities, including trade confirmation and settlement, recordkeeping, and regulatory compliance It. (lett. Ufficio interno). In Borsa, parte della struttura di intermediazione preposta alla emissione di tutta la documentazione di compravendita, lavoro di preparazione di un servizio; (v. Frontoffice) Fr. Bureaux, arrière-guichet, back office 36 37

20 Badge En. A device or emblem worn as an insignia of rank, office, or membership in an organization It. (lett. Distintivo). Tesserino personale magnetizzato da inserire nella fessura di un lettore ottico, che ne rileva automaticamente gli estremi Fr. Badge, porte-nom Balance En. The difference of totals in the debit and credit sides of an account It. Saldo (di un bilancio) Fr. Solde Banner En. A piece of cloth bearing a motto or legend, as of a club; a headline spanning the width of a newspaper page It. Messaggi pubblicitari nei siti Internet, striscione Fr. Banner, banderole Bargain En. An agreement between parties fixing obligations that each promises to carry out It. Contratto, affare, accordo Fr. Affaire, accord Bargaining En. To engage in collective bargaining It. Contrattazione, trattativa sindacale Fr. Négociation Base wage En. Basic amount paid for work It. Stipendio base Fr. Salaire de base, Smic Benchmark En. A standard by which something can be measured or judged It. Punto di riferimento Fr. Repère Benefit En. A payment made or an entitlement available in accordance with a wage agreement, an insurance policy, or a public assistance program It. Beneficio, sussidio, utile, agevolazione, vantaggio Fr. Avantage, allocation, prestation Best practice En. A best practice is a technique, method, process, activity, incentive, or reward which conventional wisdom regards as more effective at delivering a particular outcome than any other technique, method, process, etc. when applied to a particular condition or circumstance 38 39

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Ricoh Process Efficiency Index Giugno 2011

Ricoh Process Efficiency Index Giugno 2011 Ricoh Process Efficiency Index Giugno 11 Ricerca condotta in Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Paesi Scandinavi (Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca), Spagna, Svizzera e Regno Unito Una

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Queste istruzioni si trovano in italiano a pagina 4 di queste note informative.

Queste istruzioni si trovano in italiano a pagina 4 di queste note informative. Authorising a person or organisation to enquire or act on your behalf Autorizzazione conferita ad una persona fisica o ad una persona giuridica perché richieda informazioni o agisca per Suo conto Queste

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli