Il Presidente Roberta Caprari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Presidente Roberta Caprari"

Transcript

1

2

3 Investire sul capitale umano : questa è la strategia vincente per le imprese che intendono mantenere competitività e risultati, in un momento in cui i cambiamenti sono sempre più complessi e repentini. Saper operare al meglio nel presente con lo sguardo proiettato al futuro. Un futuro sempre più difficile da prevedere, sul quale pesano diverse incertezze ma anche alcune certezze: valorizzare e motivare i talenti presenti in azienda è oggi fondamentale, se non indispensabile, per sviluppare le organizzazioni mantenendone la stabilità. Offrire una formazione di qualità in grado di determinare nei lavoratori una maggiore consapevolezza del proprio ruolo con una prospettiva di affermazione e di coinvolgimento nell organizzazione; una qualità indispensabile quindi per trasferire cultura, competenze e conoscenze, finalizzate alla crescita individuale e professionale degli individui e delle imprese. Garantire una formazione seria e qualificata che costituisce oggi, e ancor più in futuro, un valore aggiunto di portata complessiva per un territorio e per una società, quale motore dello sviluppo economico e sociale. E' attraverso questi nostri principi che la Formazione di Nuova Didactica consente alle imprese di mantenere la propria competitività e di incentivare i propri risultati al fine di ottenere l eccellenza, poichè per essere competitivi è necessario oggi saper utilizzare gli strumenti più avanzati nel campo della gestione aziendale. Per tutti questi motivi, mai come in questo momento, proporre formazione non significa solo presentare in modo astratto concetti innovativi, ma lavorare con entusiasmo e passione per trasferire conoscenze, capacità e competenze in cui si crede fortemente. Ed è proprio questa passione, che ci spinge a proporre una gamma di seminari sempre più vasta alle nostre imprese. In questa logica si inserisce il Catalogo Corsi 2009, con l obiettivo di diffondere metodi efficaci proposti da formatori di grande esperienza in grado di trasferire il know-how più all'avanguardia. Data l ampia gamma di tematiche offerte, per la prima volta, Nuova Didactica propone un Catalogo Corsi Sicurezza come prodotto complementare, a conferma della capacità di risposta alle imprese su una tematica tanto importante e delicata. Caratteristica della nostra offerta è quella di essere concentrata in interventi di durata limitata ma altamente specializzati, al fine di fornire strumenti immediatamente applicabili alle diverse realtà aziendali, ponendosi come valido supporto agli uomini e alle aziende nelle difficili sfide in atto. Il Presidente Roberta Caprari

4 NUOVA DIDACTICA: SPECIALISTI IN FORMAZIONE Nata nel 1998 per volere di Confindustria Modena, Nuova Didactica si è consolidata nel corso degli anni fino a divenire il punto di riferimento per ogni esigenza formativa. Con un obiettivo: portare a Modena una cultura manageriale e un trasferimento tecnologico di alto livello. Questi valori ispirano l approccio consulenziale e formativo, basato sull integrazione di innovazione continua e l applicazione operativa, con una forte attenzione alla valorizzazione delle persone e delle competenze. CONTATTI Presidente Roberta Caprari - Caprari Spa Amministratore delegato Giovanni Bartolotti - Confindustria Modena Direzione Emanuela Pezzi e mail Coordinamento Dalila Borrelli Maddalena Fierro Antonella Floris Simona Fontana Maria Luisa Lusetti Anna Morana Amministrazione Luciana Bergonzini Carmen Ospite Corso Cavour, Modena tel fax

5 PRESENTAZIONE CATALOGO Il catalogo 2009 vuole offrire attraverso la proposta di seminari brevi un panorama completo di possibili soluzioni da sviluppare, partendo dalle maggiori attuali esigenze formative che si possono successivamente tradurre in percorsi specifici e personalizzati, sia a livello aziendale sia a livello personale. Una delle novità di questo catalogo è la struttura modulare che consente di creare dei percorsi ad hoc. Pensando ad ogni seminario come a un modulo ne sottolineiamo la componibilità: ogni corso è un elemento inseribile, sostituibile, interscambiabile in una mappa complessiva delle esigenze formative. Partendo da seminari i cui contenuti forniscono una visione d insieme si può arrivare a quelli più tecnici o approfonditi, passando magari per quelli che toccano aree trasversali. Così ogni seminario può diventare strumento di intervento flessibile che risponde a differenti necessità, con funzioni variabili ma in un ottica omogenea ed unitaria. A quest idea si accompagna la soluzione dell abbonamento, nelle sue varianti 6, 12 e 30, che si pone come proposta economica e vantaggiosa offrendo la possibilità di assicurarsi un vantaggio per consolidare la propria professionalità o persino creare attività di successo del tutto nuove. Rimanendo a disposizione per la consulenza sulla costruzione dei percorsi Vi suggeriremo, nei programmi di alcuni seminari, alcuni dei numerosi esempi di modularità per arricchire il Vostro percorso formativo. Nel corso dell anno seguiranno le proposte di Formazione Outdoor e le consuete iniziative degli Shortmaster. Buona consultazione! 3

6 COSTI SEMINARI Corsi di mezza giornata 175,00 + IVA (20%) Aziende associate a Confindustria Modena 210,00 + IVA (20%) Aziende non associate a Confindustria Modena Corsi di una giornata 280,00 + IVA (20%) Aziende associate a Confindustria Modena 330,00 + IVA (20%) Aziende non associate a Confindustria Modena Corsi di 2 giornate 450,00 + IVA (20%) Aziende associate a Confindustria Modena 540,00 + IVA (20%) Aziende non associate a Confindustria Modena Sottoscrizione Abbonamento Le aziende e i professionisti potranno scegliere di avvalersi di 6, 12 o 30 iniziative, usufruendo di condizioni economiche particolarmente vantaggiose. Abbonamento a 6 iniziative 1.500,00 + IVA (20%) Abbonamento a 12 iniziative* 2.300,00 + IVA (20%) *con la sottoscrizione dell abbonamento 12, a ciascun seminario potranno partecipare fino a 2 persone della stessa azienda Abbonamento a 30 iniziative* 4.000,00 + IVA (20%) *con la sottoscrizione dell abbonamento 30, a ciascun seminario potranno partecipare fino a 4 persone della stessa azienda Sede di svolgimento NUOVA DIDACTICA Corso Cavour, Modena tel fax I costi di partecipazione possono essere finanziati facendo ricorso al Conto Formazione dei Fondi Paritetici Interprofessionali Nazionali FONDIMPRESA e FONDIRIGENTI. Nuova Didactica può presentare insieme alle aziende il piano formativo per la richiesta del fondo, gestendo gli aspetti burocratico-amministrativi, progettuali e di erogazione. 4

7 SCHEDA DI ISCRIZIONE Compilare e trasmettere via fax al numero Abbonamento 6 Abbonamento 12 Abbonamento ,00 + IVA 2300,00 + IVA 4000,00 + IVA CATALOGO CORSI 2009 DATI DELL AZIENDA RICHIEDENTE Rag. Sociale Indirizzo (Via, n, Cap, Città, Prov) Telefono e Fax Partita IVA e C.F. SI NO Azienda Associata Confindustria Modena Modalità e scadenza sottoscrizione abbonamento L iscrizione potrà avvenire solo per scritto, inviando la scheda compilata via fax entro il 13 febbraio 2008 Le aziende che sottoscrivono l ABBONAMENTO devono indicare i seminari prescelti, barrando nello spazio dedicato i codici identificativi. I seminari scelti potranno essere cambiati nel corso dell anno. Per esigenze organizzative è necessaria la comunicazione di eventuali cambiamenti da parte dell azienda, almeno 7 giorni prima dell avvio del corso previsto. Condizioni di pagamento Il pagamento della quota dovrà essere effettuato a vista fattura attraverso bonifico bancario Codice IBAN IT43C BPV- Banco San Geminiano e San Prospero - Agenzia B, Via Emilia Ovest 394, Modena In osservanza al disposto del Decreto Legislativo 196/2003 e fermi restando i diritti dell interessato definiti nell art. 13 del decreto stesso, si informa che i dati sopra riportati verranno registrati nella nostra banca dati, di cui è titolare Nuova Didactica Scarl, finalizzata a gestire l invio di documentazione sui corsi sopra indicati e l invio gratuito di documentazione su altri corsi di Nuova Didactica Scarl. A.1 B.1 C.1 D.1 E.1 F.1 G.1 H.1 L.1 A.2 B.2 C.2 D.2 E.2 F.3 G.2 H.2 L.2 A.3 B.3 C.3 D.3 E.3 F.3 G.3 H.3 L.3 A.4 B.4 C.4 D.4 E.4 F.4 G.4 H.4 L.4 A.5 B.5 D.5 E.5 F.5 G.5 H.5 L.5 A.6 B.6 D.6 E.6 F.6 G.6 H.6 L.6 A.7 B.7 D.7 F.7 H.7 L.7 D.8 L.8 L.9

8 AREA COD. DATA PAG. SVILUPPO MANAGERIALE ACQUISTI E LOGISTICA LEGALE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE COMPETING ON ANALYTICS: creare valore dall analisi delle informazioni aziendali A.1 5 marzo PASSAGGIO GENERAZIONALE E IDENTITÀ AZIENDALE A.2 3 aprile LA COMUNICAZIONE SCRITTA EFFICACE A.3 5 maggio LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A.4 2,7 luglio POTENZIARE LE QUALITÀ PERSONALI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE A.5 1 ottobre L ORGANIZZAZIONE A VANTAGGIO DEL CLIENTE A.6 9 settembre STRUMENTI E APPROCCI FINANZIARI ALLE DECISIONI AZIENDALI A.7 10 settembre CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE E SCELTA DEI FORNITORI B.1 25 marzo TRATTATIVA D ACQUISTO: tecniche di negoziazione B.2 3 aprile ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO DA UN PUNTO DI VISTA CONTABILE B.3 6 maggio LOGISTICA INTEGRATA B.4 11 giugno ANALISI DEI COSTI DI MAGAZZINO: ridurre le scorte B.5 15 settembre SUPPLY CHAIN MANAGEMENT: B.6 6 ottobre pianificazione e ottimizzazione dei processi di business PIANO STRATEGICO DEGLI ACQUISTI B.7 4, 5 novembre LA RESPONSABILITÀ CIVILE DEGLI AMMINISTRATORI: C.1 24 marzo l estensione di tale figura a manager, direttori generali GESTIRE LA PRIVACY IN AZIENDA C.2 8 luglio GESTIONE LEGALE DEGLI EXPATRIATES C.3 29 ottobre IL CONTRATTO DI AGENZIA C.4 11 novembre CONTABILITÀ INDUSTRIALE COME SRUMENTO PER LA RILEVAZIONE D.1 11 marzo DEL COSTO DI PROCESSO ACCERTAMENTO FISCALE IN AZIENDA D.2 17 aprile ANALISI FINANZIARIA DEGLI INVESTIMENTI D.3 22, 29 aprile BUDGET DEGLI INVESTIMENTI D.4 23 giugno CONCETTI INTRODUTTIVI AL BILANCIO D ESERCIZIO PER NON SPECIALISTI D.5 8, 15 ottobre ANALISI FINANZIARIA PER I RESPONSABILI DEGLI ACQUISTI D.6 17, 24 novembre CHECK UP CONTABILE E FISCALE DI FINE ESERCIZIO D.7 24 novembre NORMATIVA FISCALE: IVA D.8 2 dicembre CONTROLLO DI GESTIONE: PER E SISTEMI INCENTIVANTI E.1 28 aprile GESTIONE DELLE BUSTE PAGA - corso base E.2 20, 27 marzo GESTIONE DELLE BUSTE PAGA - corso avanzato E.3 22 settembre ANALISI E COMPILAZIONE DEL MODELLO F24 E.4 23 settembre FRINGE BENEFITS: rimborsi spese e retribuzioni in natura ai dipendenti E.5 23 settembre VALUTARE E PIANIFICARE IL BUDGET DEL PERSONALE E.6 21, 22 ottobre

9 AREA COD. DATA PAG. COMMERCIALE E MARKETING EXPORT PRODUZIONE RISORSE UMANE VENDITA DEI BENI STRUMENTALI F.1 17, 18 marzo MARKETING DELL INNOVAZIONE: F.2 31 marzo fasi fondamentali per sviluppare percorsi di innovazione vincenti RELAZIONE DEI TECNICI COL CLIENTE: F.3 3 aprile il ruolo del tecnico di assistenza come promotore e venditore CRM E RIORIENTAMENTO STRATEGICO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA F.4 11 giugno MARKETING STRATEGICO F.5 3 luglio COSTRUZIONE DEL BUDGET COMMERCIALE F.6 7, 13 ottobre L ARTE DI VENDERE: corso di tecniche di vendita di base F.7 17 novembre VENDERE ALL ESTERO G.1 20 marzo GESTIONE DEI DOCUMENTI DOGANALI G.2 7 aprile TRASPORTI E SPEDIZIONI INTERNAZIONALI: contratti, documenti e assicurazioni G.3 19 maggio FIERE, WORKSHOP E MISSIONI COMMERCIALI: come renderle efficaci G.4 9 luglio L ASSICURAZIONE DEI CREDITI ALL ESPORTAZIONE G.5 17 settembre LE ESPORTAZIONI DEI BENI A DUPLICE USO E LE RESTRIZIONI COMMERCIALI G.6 29 settembre SVILUPPO DELLE MATERIE PLASTICHE H.1 4 marzo ORGANIZZARE L INNOVAZIONE: il trasferimento di idee come elemento centrale H.2 10 marzo ELIMINARE GLI SPRECHI NEI PROCESSI PRODUTTIVI H.3 13 maggio SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER CAPI INTERMEDI H.4 17, 24 giugno MIGLIORARE LE PRESTAZIONI DI UN SISTEMA PRODUTTIVO: H.5 14 luglio total productive maintenance ELEMENTI FONDAMENTALI PER L ANALISI DEI METODI E LA DEFINIZIONE H.6 24, 25 giugno DEI TEMPI DI LAVORAZIONE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DELLA MANUTENZIONE H.7 18, 25 novembre GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE TELEFONICA L.1 8 aprile TIME MANAGEMENT: gestire il tempo per non essere gestiti L.2 26 maggio PROBLEM SOLVING E DECISION MAKING L.3 18 giugno SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER ADDETTI AL FRONT OFFICE L.4 8 luglio GESTIONE DEL CONFLITTO NEI GRUPPI L.5 16 settembre MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE INTERNA L.6 20 ottobre INCENTIVARE I COLLABORATORI L.7 27 ottobre LEADERSHIP EMOTIVA L.8 12 novembre STRESS E BENESSERE NELLE ORGANIZZAZIONI: L.9 3 dicembre perchè le zebre non si ammalano di ulcera 7

10 8

11 Sviluppo manageriale 09

12 A.1 COMPETING ON ANALYTICS: CREARE VALORE DALL ANALISI DELLE INFORMAZIONI AZIENDALI Giovanni Basile Managing partner di Teikos Consulting, svolge attività di consulenza in materia di ristrutturazione organizzativa e controllo di gestione. Docente presso la Facoltà di Economia dell Università di Modena e Reggio Emilia dal 1997 al 2003, vanta una lunga esperienza nell ambito della formazione manageriale presso primarie Business Schools e centri di formazione. Il corso si propone di analizzare i principali indicatori di performance che l azienda ha a disposizione, sottolineandone il significato, la valenza informativa e competitiva. Imprenditori, responsabili e addetti dell area finanza e controllo, consulenti aziendali. Misurare per gestire Il ruolo svolto dalle misure nella gestione aziendale: si può controllare ciò che non si misura? Misure monetarie e misure non monetarie: gli indicatori non finanziari Scelta degli indicatori appartenenti al sistema: fattori di successo nella progettazione dei sistemi di misurazione L analisi competitiva e gli strumenti disponibili per un confronto fra la propria impresa ed i competitor del settore: informazioni finanziarie, informazioni disponibili, informazioni trasversali DATA: 5 Marzo 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata, / Suggerimenti per l approfondimento A.6 A.7 10

13 A.2 PASSAGGIO GENERAZIONALE E IDENTITÀ AZIENDALE Massimo Cirlinci Consulente aziendale e docente con esperienza ventennale. Industrial Engineer, Product e Marketing Manager in aziende multinazionali. Fornire strumenti e modelli interpretativi utili ai manager impegnati nella gestione di "family business" e interessati ad approfondire i temi del passaggio generazionale. Perfezionamento delle competenze manageriali, direzionali e imprenditoriali di imprenditori di nuova generazione. Imprenditori, dirigenti, quadri e responsabili di funzioni aziendali che devono gestire un passaggio generazionale. Sistema azienda e sistema famiglia: similitudini e differenze Il rapporto tra la prima generazione e la seconda Scelta dei successori: ruoli e percorsi La formazione dei successori: l importanza di esperienze all esterno del contesto aziendale Aspetti patrimoniali e ruoli aziendali Un ruolo per il fondatore Inserimento, apprendimento e responsabilità Comunicare all azienda l ingresso della seconda generazione DATA: 3 Aprile 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento A.5 C.1 E.1 L.3 L.8

14 A.3 LA COMUNICAZIONE SCRITTA EFFICACE Cristina Braidi Titolare di Archè, società di consulenza manageriale e organizzativa per lo sviluppo, la formazione e la selezione delle Risorse Umane, vanta un esperienza pluriennale nella docenza e consulenza per la formazione manageriale, organizzativa e gestionale. Il corso si propone di fornire tecniche per scrivere efficacemente documenti, relazioni e scritti di vario genere in contesti organizzativi e professionali. Responsabili relazioni esterne, liberi professionisti, manager, imprenditori e tutti coloro che devono comunicare efficacemente e diffusamente per iscritto, all'interno e all'esterno della propria realtà aziendale. Obiettivi, destinatari e contesti della comunicazione scritta Principi di comunicazione verbale e non verbale applicati alla scrittura Le cause di incomprensione del linguaggio Approccio razionale alla scrittura di testi Organizzazione di uno scritto: il "discorso", la sintassi, il lessico, la grafica La fase di stesura e la fase di revisione Tipologie di testi e loro caratteristiche: comunicazioni, note interne, relazioni, rapporti, resoconti, lettere, promemoria e proposte Modelli di riferimento per ciascuna tipologia Le e-scritture: scrivere per il web, scrivere , scrivere una presentazione DATA: 5 Maggio 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento L.6 12

15 A.4 LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Gianni Basile Managing partner di Teikos Consulting, svolge attività di consulenza in materia di ristrutturazione organizzativa e controllo di gestione. Docente presso la Facoltà di Economia dell Università di Modena e Reggio Emilia dal 1997 al 2003, vanta una lunga esperienza nell ambito della formazione manageriale presso primarie Business Schools e centri di formazione. Scopo del seminario è di fornire gli elementi necessari per poter redigere un business plan in grado di comunicare in maniera chiara, organica, sistematica e convincente tutte le componenti più significative del progetto imprenditoriale. Imprenditori, responsabili e addetti dell area amministrazione e finanza, consulenti, addetti uffici fidi e corporate di aziende bancarie. I concetti fondamentali Che cosa è un business plan Qual è lo scopo per cui redigerlo: valutare l'avviamento di un'attività imprenditoriale, valutare un ampliamento delle attività, richiedere un finanziamento bancario o agevolazioni pubbliche, promuovere rapporti di partnership, investire in un'altra azienda 13 Regole per la redazione di un business plan Le componenti del business plan: il riassunto introduttivo, la componente descrittiva, la componente economica, patrimoniale e finanziaria La componente descrittiva del business plan Background: stato corrente dell'azienda (se esiste), bagaglio professionale dei proponenti (se la realtà imprenditoriale deve ancora realizzarsi), aspirazioni e mete I prodotti, i servizi e le soluzioni da proporre Analisi del mercato Analisi della concorrenza Piano di marketing e vendite Piano operativo e organizzazione dei fattori produttivi Management e risorse umane richieste Le risorse di finanziamento Strategia di uscita La componente economica, patrimoniale e finanziaria Assunzioni di base Il reddito operativo La tabella degli ammortamenti I bilanci prospettici I costi di avviamento dell'iniziativa o di ampliamento di un'attività La proiezione del cash flow DATA: 2, 7 Luglio 2009 DURATA E ORARIO: 2 giornate; / Suggerimenti per l approfondimento C.1 D.4

16 A.5 POTENZIARE LE QUALITÀ PERSONALI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE Massimo Cirlinci Consulente aziendale e docente con esperienza ventennale. Industrial Engineer, Product e Marketing Manager in aziende multinazionali. Il corso, basato sulle tecniche di analisi ed esercizio delle qualità personali, è finalizzato allo sviluppo imprenditoriale e professionale dei partecipanti, favorendo la scoperta e l apprendimento di facoltà ed attitudini quali la creatività e la concretezza, da più parti riconosciute come importanti fattori di successo. Coloro che hanno necessità e volontà di ottenere i migliori risultati da sè stessi e dai collaboratori Positività degli atteggiamenti e stili di apprendimento personali Personalità e carattere Padronanza e controllo della propria azione pratica Libertà e responsabilità del proprio agire Dedizione e determinazione nella realizzazione dell idea e nell attuazione dell innovazione DATA: 1 Ottobre 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento A.2 14

17 A.6 L ORGANIZZAZIONE A VANTAGGIO DEL CLIENTE Gianmarco Falzi Esperto dei processi formativi e selezione del personale. Docente senior e consulente di sistemi organizzativi e comunicazione aziendale. Troppo spesso l organizzazione interna viene vista come un aspetto marginale privo di legami con la strategia aziendale; in realtà non è niente di meno che l insieme degli strumenti che utilizziamo per soddisfare il cliente. Scopo del seminario è quello di fornire linee guida e strumenti operativi per legare il disegno dell organizzazione interna ai processi che generano valore per il cliente. Imprenditori, responsabili di funzione, responsabili risorse umane. L azienda-clienti-organizzazione-persone Cosa vuole il cliente? I processi al servizio del cliente: come definirli e riconoscerli? Alcuni equivoci da sfatare sulla flessibilità Un metodo per definire i processi Un metodo per attribuire le responsabilità Il modello funzionale (tradizionale) di attribuzione delle responsabilità Il modello per processi di attribuzione delle responsabilità Organigramma e aree di responsabilità: chiarezza senza burocrazia Esercitazione: definire il processo principale della propria azienda Esercitazione: ridefiniamo le responsabilità Alcuni suggerimenti per gestire un progetto di cambiamento organizzativo DATA: 9 Settembre 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento A.1 F.4 L.6

18 A.7 STRUMENTI E APPROCCI FINANZIARI ALLE DECISIONI AZIENDALI Gianluca Masia Consulente aziendale per le aree Finanza e Controllo di Gestione. Docente di economia ed organizzazione aziendale alla Facoltà di Ingegneria all'università degli Studi di Bologna. Il corso ha l'obiettivo di fornire conoscenze specialistiche nelle principali discipline utili nel campo della finanza di impresa, a prescindere dalla dimensione dell'impresa stessa, sia per quanto concerne le decisioni di carattere più operativo che, in particolare, quelle di tipo strategico. Imprenditori, Responsabili e addetti dell area amministrazione e finanza. Le grandezze significative della finanza d impresa La terminologia degli Executives: La misurazione dei Free Cash Flows La posizione finanziaria netta e il suo impiego Il cash flow operativo Il capitale circolante netto operativo e finanziario La misurazione della performance e del valore d impresa Gli approcci Value Based Management e le misure tradizionali: Misure di creazione di valore (E.V.A.) Surplus Economico Operativo (S.E.O.) La valutazione d impresa Misurazione delle performance di un investimento Analisi e valutazione degli investimenti Le tecniche di Capital Budgeting Il tasso interno di rendimento Il valore attuale netto, il tasso interno di rendimento e il pay-back period Il profitability Index DATA: 10 Settembre 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento A.1 D.4 16

19 Acquisti e logistica 17

20 B.1 CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE E SCELTA DEI FORNITORI Demetrio Praticò Ingegnere delle Tecnologie industriali, manager di aziende leader mondiali, specializzato nel marketing dei beni industriali. La crescente integrazione tra le aziende, le logiche produttive snelle ed il Just in Time hanno spostato il baricentro della valutazione del fornitore dalla variabile prezzo agli altri elementi gestionali come il livello di servizio e la logistica. Il seminario promuove l utilizzo di rigorose ma semplici tecniche e metodi per la scelta dei fornitori che tengono in considerazione oltre la qualità dei beni anche il livello di servizio erogato dal fornitore, la sua capacità innovativa e le sue competenze specialistiche. Il seminario intende presentare un modello di sintesi per la scelta dei fornitori e far adottare solidi strumenti innovativi e soluzioni operative che migliorino le performance economica finanziaria dell attività d acquisto. Assicurare all impresa competitività e flessibilità mediante una corretta progettazione e gestione del processo d acquisto e lo sviluppo di relazioni positive con i loro fornitori. Monitorare la qualità delle prestazioni dei fornitori in termini di efficacia ed efficienza. Responsabili Acquisti; Compratori; Responsabili tecnici di produzione in contatto con i fornitori; Responsabili relazioni coi fornitori Comprendere il contesto di riferimento e le tendenze evolutive La scelta dei fornitori ha una rilevanza strategica ed una operativa Gli elementi fondamentali nelle scelte d acquisto La complessità del mercato di rifornimento e l importanza dell acquisto L interpretazione dinamica dell attività d acquisto Il modello di sintesi per la selezione e la valutazione del fornitore Le tipologie d acquisto e scelta dei fornitori Il processo di selezione e valutazione dei fornitori L ampiezza e la profondità della selezione e valutazione Come valutare le attività del fornitore ed i rapporti di fornitura La valutazione preventiva dei fornitori La valutazione ex post dei fornitori I metodi per la scelta finale Come utilizzare i dati del processo di valutazione per una coerente allocazione delle quote di fornitura DATA: 25 Marzo 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata, / Suggerimenti per l approfondimento F.6 G.3 B.2 18

21 B.2 TRATTATIVA D ACQUISTO: TECNICHE DI NEGOZIAZIONE Dino Ciammitti Docente Senior con esperienza ventennale in importanti aziende metalmeccaniche. Docente presso il corso di Ingegneria per l integrazione d impresa dell Università degli Studi di modena e Reggio Emiliae presso il Master di Ingegneria del Legno di Bologna, Sede di Rimini. Il corso si propone di migliorare le tecniche di negoziazione dei partecipanti, al fine di ridurre i prezzi ed i costi di acquisto. Responsabili degli acquisti; buyers che desiderano migliorare le proprie tecniche di negoziazione; project manager e capi commessa di piccole imprese che trattano con fornitori. Processo degli approvvigionamenti e negoziazione Definizione degli obiettivi della trattativa Preparazione della trattativa: uso della scheda tecnica; come organizzare la trattativa; come comportarsi durante la trattativa Analisi degli elementi che influenzano la trattativa Come negoziare La negoziazione, contrasto, conflitto Analisi della situazione: i sintomi da riconoscere La situazione competitiva: i principi, la negoziazione e la gestione del potere La situazione collaborativa: i principi, gli stili, l ascolto attivo Le fasi della negoziazione, la gestione delle concessioni Come motivare il fornitore Aspetti psicologici e tecniche di acquisto Come condurre la trattativa Come utilizzare l analisi dei costi per valutare l equità dei prezzi dei fornitori L analisi del valore finalizzata alla riduzione dei prezzi di acquisto Esercitazioni pratiche di trattative d acquisto DATA: 3 Aprile 2009 DURATA: 1 giornata; / Suggerimenti per l approfondimento F.7 B.1

22 B.3 ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO DA UN PUNTO DI VISTA CONTABILE Adriano Vetterutti Consulente amministrativo e fiscale. Dal 2000 collabora con lo Studio Redaelli e Associati srl in qualità di Docente e Consulente di Direzione nell area Amministrazione e Fiscale. Una corretta impostazione della contabilità di magazzino offre possibilità di controllo fondamentali sia dal punto di vista fiscale, che da quello gestionale. L'iniziativa sarà particolarmente utile per ottenere sia una razionale gestione ottimale delle scorte, sia il rispetto della normativa civilistica e fiscale che consente risparmi certi in termini di oneri finanziari e di imposte. Responsabili amministrativi e di magazzino che incontrano per la prima volta il problema della tenuta delle scritture contabili di magazzino e per coloro che vogliono approfondire il problema di una corretta tenuta delle medesime dal punto di vista fiscale e amministrativo. Contabilità di magazzino Esigenze gestionali Normativa civilistica Normativa fiscale: soggetti obbligati beni soggetti contabilità di magazzino Metodi di rilevazione Categorie inventariali Inventario fisico Metodi di rilevazione Differenze di quantità normali e per fatti straordinari procedure obbligatorie per alienazione e distruzione merci La valutazione delle rimanenze Chiarimenti sul costo storico Valore di mercato e valore normale Categorie omogenee Metodi LIFO, FIFO e COSTO MEDIO PONDERATO Rivalutazioni e svalutazioni DATA: 6 Maggio 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata, /

23 B.4 LOGISTICA INTEGRATA Federico Colombo Docente Senior e consulente di Organizzazione Aziendale nelle aree Logistica, Produzione, Manutenzione e Sviluppo Prodotto in alcune importanti aziende metalmeccaniche. Le aziende hanno l esigenza di ottimizzare la propria catena logistico-produttiva per supportare adeguatamente l eccellenza del proprio marchio e la penetrazione commerciale nei diversi mercati con un efficace livello di servizio per i clienti e con un alta produttività e redditività delle aree operative. Responsabili Logistica, Responsabili Acquisti, Distribuzione e Produzione che intendono approfondire le problematiche legate all intera catena logistica. La Pianificazione della Domanda, la Gestione degli Approvvigionamenti, la Programmazione della Produzione e della Distribuzione del prodotto Modelli di gestione delle scorte: - che cosa tenere a scorta, dove posizionare le scorte nella catena logistica - la pianificazione continua dei livelli di scorta La programmazione degli acquisti e dei fornitori:modelli di controllo e di approvvigionamento dei materiali Logistica, distribuzione, trasporti La scelta degli operatori logistici e l organizzazione della rete distributiva La misurazione del Valore della catena logistica integrata attraverso la rilevazione di: - costi logistici - livello di servizio operativo (LSO) - definizione delle diverse voci di costo La valutazione dei risultati economici e operativi dei diversi segmenti della catena logistica integrata: dove e come intervenire Sistemi informativi e lavoro in team per l integrazione logistica - dallo scambio di informazioni all integrazione del business tra i partner - come definire e valutare un sistema informatico per gestire le diverse esigenze nella catena logistica - soluzioni informatiche per la rilevazione dei costi e il calcolo degli indicatori di performance (KPI): come costruire un cruscotto per valutare e ottimizzare la propria catena logistica DATA: 11 Giugno 2009 DURATA E ORARIO: 1 giornata, / Suggerimenti per l approfondimento D.6

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Il Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Verona Il controllo di gestione CORSO BASE E AVANZATO Obiettivi Il controllo di gestione ricopre la funzione di insostituibile strumento gestionale e strategico

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI

COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI COME RIDURRE I COSTI ED I RISCHI NEI TRASPORTI E NELLE SPEDIZIONI INTERNAZIONALI Recuperare efficacia ed efficienza nelle vendite e negli acquisti AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico COME

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese.

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese. LO STUDIO Ballarè Sponghini e Associati - Studio Commercialisti e Consulenti Tributari, opera nei principali settori dell economia aziendale e del diritto, trattando tutti i temi propri della vita delle

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI

CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI per DATORI DI LAVORO, DIPENDENTI DI IMPRESE CON SEDE NELLA PROVINCIA DI RIMINI e LIBERI PROFESSIONISTI Progetti approvati dalla Provincia di Rimini SCHEDA DI ADESIONE DA INVIARE

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA 5 NOVEMBRE 2015 12 NOVEMBRE 2015 ORE 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Sede: Iannas srl, via Principessa Iolanda 10, Quartu Sant Elena IANNAS srl Via

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

GLI ASPETTI DOGANALI E FISCALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE. AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico

GLI ASPETTI DOGANALI E FISCALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE. AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico GLI ASPETTI DOGANALI E FISCALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE AREA TRANSPORT MANAGEMENT Seminario Specialistico GLI ASPETTI DOGANALI E FISCALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE L approfondimento intende presentare

Dettagli

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279

Studio in via Romanino 16 25122 Brescia Tel.030.375828 Fax 030.3758279 PRESENTAZIONE DELLO STUDIO VOLLONO & ASSOCIATI Lo Studio Vollono & Associati, dottori commercialisti e revisori contabili, è stato fondato nel 1980 dal titolare Dottore Francesco Vollono affiancato poi

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA

CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA CORSO MANAGEMENT E GESTIONE D IMPRESA AGRICOLA E VITIVINICOLA 12 NOVEMBRE 2015 17 NOVEMBRE 2015 ORE 9.00-13.00 / 14.00-18.00 Sedi: 12/11/2015 -Iannas srl, via Principessa Iolanda 10, Quartu Sant Elena

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XXI XXII Capitolo 1 Elementi di economia e organizzazione aziendale 1 1.1 La natura e il fine economici dell impresa 1 1.1.1

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato

LEAN MANAGEMENT. AREA Area Supply Chain Flow & Network Management. Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT AREA Area Supply Chain Flow & Network Management Modulo Avanzato LEAN MANAGEMENT Il corso mira a fornire le pratiche organizzative necessarie per creare, gestire e coordinare sia i team

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA LA MISURA DELLA PERFORMANCE AREA Core Management Skills Modulo Avanzato IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Master in General Management

Master in General Management Master in General Management CALENDARIO Cenni di contabilità e Controllo di Gestione Dott.ssa Annarita Gelasio Venerdì 12 novembre dalle 9,00 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 Finanza e Gestione Aziendale

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Date Area Milano: Martedì 13, 20, 27 Ottobre, 3 Novembre Area Pontedera: Giovedì 5, 12, 19, 26 Novembre

Date Area Milano: Martedì 13, 20, 27 Ottobre, 3 Novembre Area Pontedera: Giovedì 5, 12, 19, 26 Novembre Da oltre 30 anni, al vostro fianco per formarvi, supportarvi, aiutarvi a crescere. K Venture Corporate Finance opera nel campo della consulenza di direzione aziendale e supporta le imprese nelle attività

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies

INVENTORY MANAGEMENT. Case studies INVENTORY MANAGEMENT INVENTORY MANAGEMENT Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta pianificazione delle scorte nel sistema produttivo e distributivo e per

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT

STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT AREA Production Planning Modulo Base STRUMENTI OPERATIVI PER IL LEAN MANAGEMENT Il corso mira a fornire gli strumenti operativi per implementare alcune attività

Dettagli

Credit Controller Risk Manager

Credit Controller Risk Manager per il Executive Master in Credit Controller Risk Manager Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE AREA Production Planning Modulo Base PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

INVENTORY MANAGEMENT II

INVENTORY MANAGEMENT II INVENTORY MANAGEMENT II AREA Inventory Management Modulo Avanzato INVENTORY MANAGEMENT - II Il corso ha la finalità di fornire i metodi e gli strumenti necessari per una corretta organizzazione della catena

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito.

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. CATALOGO CORSI 2013/2014 INDICE AREE CORSI Area Commerciale e Marketing Area Innovazione PAG 04 PAG 07 Area Organizzazione e Risorse Umane Area Economico

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING

LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 2010 www.ailog.it LEAN MANUFACTURING AND WAREHOUSING La produzione snella: eliminare gli sprechi aziendali 18 gennaio

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli