Seconda Università degli Studi di Napoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seconda Università degli Studi di Napoli"

Transcript

1 Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale TESI DI LAUREA IN ORGANIZZAZIONE AZIENDALE INFORMATION AND TELECOMMUNICATION TECHNOLOGY E GESTIONE DELLE GIACENZE: La gestione integrata della catena logistica RELATORE Ch.mo Prof. MARCELLO CANDIDATO Matr. 063/2533 ANDREA MACCARONE 1

2 MARTINEZ ANNO ACCADEMICO 2000 /

3 Indice Introduzione V Capitolo 1 - Il Contesto Competitivo 1.1 Introduzione Il contesto competitivo Evoluzione dei bisogni e delle richieste dei 5 consumatori Sviluppo di una concorrenza basata sulla qualità e sulla personalizzazione Esplosione e diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Diffusione della globalizzazione e delle alleanze strategiche Cambiamento del ruolo e degli obbiettivi della funzione logistica 30 Capitolo 2 - Un Alternativa Strategica: la Supply Chain Management 3

4 2.1 Introduzione La Supply Chain Management Supply chain management e logistica SCM ed ICT 79 Capitolo 3 - La Gestione delle Giacenze 3.1 Introduzione La gestione e il controllo delle scorte: un introduzione La gestione e il controllo delle scorte: Approfondimenti teorici L inventario come fonte di valore del servizio erogato al cliente Un unico inventario per l intera catena logistica Competizione basata sul tempo Sostituire l inventario con le informazioni 119 Capitolo 4 - La Pianificazione delle Risorse della Supply Chain 4.1 Introduzione L evoluzione delle applicazioni informatiche L integrazione di attività specifiche L integrazione intra-sfera 138 4

5 4.2.3 L integrazione inter-sfera Oltre il modello di Kaplinsky: la quarta tappa La raccolta delle informazioni dal cliente Pianificazione dei materiali e della capacità produttiva Il controllo della produzione La Gestione dei magazzini Chiusura della supply chain: l integrazione manufacturer 183 fornitore Capitolo 5 - Il Caso FERRI 5.1 Introduzione Contestualizzazione: il settore commerciale e della distribuzione. Stato dell arte ed evoluzione prevedibile Il gruppo FERRI : presentazione Logistica e tecnologia: il motore che fa girare il mondo FERRI Conclusioni 203 Appendice al capitolo 5 I Fattori Propulsivi dell Evoluzione del Commercio al Dettaglio 207 Conclusioni 211 Indice delle Tabelle 215 5

6 Indice dei Grafici e delle Figure 217 Bibliografia 219 Introduzione 6

7 Il mondo delle imprese, al pari della società nel suo complesso, è stato scosso, negli ultimi anni, da una serie di novità tecnologiche che ne hanno sovvertito le fondamenta. Ci si è iniziati a chiedere se i recenti sviluppi nel campo, in particolar modo, dell Information technology non potessero avere conseguenze sul modo di competere. Si sono così iniziate a profilare teorie gestionali che su tali innovazioni si fondano e progressivamente si sono iniziati a vedere i primi cambiamenti nelle strategie e nel modo di operare delle aziende più lungimiranti e innovative. Proprio da tali considerazioni trae spunto questo lavoro rivolto essenzialmente ad evidenziare il contributo che le nuove tecnologie informatiche possono apportare nella gestione della logistica aziendale. Il testo è composto da 5 Capitoli Nel primo si delineano i connotati dei principali fattori di cambiamento dell attuale contesto competitivo. In particolare si affrontano i temi della globalizzazione, dell innovazione tecnologica e dell evolversi dei bisogni dei consumatori, mostrando, per ciascun elemento, le conseguenze dei cambiamenti in atto sul tradizionale modo di lavorare e compete nonché le future minacce/opportunità in essi insite. Il Capitolo Secondo presenta, nei suoi aspetti teorici più rilevanti, la principale risposta strategica ai cambiamenti in atto, la Supply Chain Management cioè la gestione integrata della catena logistica, un modello teorico che propugna 7

8 la natura sistemica della filiera e la gestione unitaria e coordinata della stessa. In oltre se ne approfondiranno i legami con la funzione logistica e con l Information and Telecommunication Technology. Nel Terzo Capitolo l accento si sposta su di un aspetto particolare della SCM, la gestione delle giacenze. Di esse si fornirà una definizione e se ne illustreranno i principali metodi di gestione soffermandosi, in modo particolare, sul metodo flow control, il più coerente ai principi della SCM. Il Quarto Capitolo affronta, invece, nel dettaglio i componenti dell infrastruttura informatica di supporto alla realizzazione dell integrazione intra-aziendale, se ne descriveranno i diversi moduli software ed hardware, se ne approfondirà il ruolo nel coordinamento e il controllo dei flussi fisici in entrata/uscita, e se ne evidenzieranno i riflessi sui modelli organizzati aziendali e sulle tecniche di gestione. Infine, il Quinto Capitolo è dedicato alla verifica empirica di quanto precedentemente illustrato, attraverso lo studio e l analisi di un Caso Aziendale Originale: il caso FERRI. Chiudono le conclusioni alle quali lo studio condotto ha permesso di giungere. Capitolo 1 8

9 IL CONTESTO COMPETITIVO 1.1 Introduzione La Supply Chain Management (SCM) è una risposta alla notevole velocità con la quale si susseguono gli eventi che stanno ridisegnando l attuale contesto competitivo. La numerosità dei cambiamenti e la velocità con la quale essi accadono e si susseguono è diventata l elemento caratterizzante gli ultimi anni novanta, tanto da divenire il tema preferito dalla letteratura economica contemporanea. La Supply Chain Management è una filosofia di gestione del cambiamento, come sarà visto meglio nel secondo capitolo, e dell impatto del cambiamento sulla cultura e sulla struttura del business, a livello di singola impresa e di filiera, e si evolve, a sua volta, sulla scia delle continue redifinizioni dei confini del territorio competitivo indotti in modo particolare dallo sviluppo dell Information and Communication Technology. Le imprese di oggi si trovano a dover gestire una complessa serie di relazioni e flussi in entrata/uscita con i soggetti facente parte della medesima catena logistica (supply chain). L abilità delle imprese di gestire tanto le competenze interne quanto quelle dislocate lungo la filiera, l esplosione dei prodotti/servizi ad alto valore aggiunto e fortemente personalizzati, e la crescente velocità caratterizzante le consegne ai clienti hanno elevato proprio la gestione della filiera allo status di funzione di business fondamentale per il conseguimento del vantaggio competitivo con conseguente arricchimento del ruolo prettamente 9

10 operativo che tale gestione aveva avuto in passato. In un ambiente sempre più competitivo e dove è sempre più difficile prevedere le forze che domineranno il futuro scenario competitivo, la gestione della supply chain sembra quasi imporsi, anche alla luce delle esperienze di molte aziende leader, come una scelta obbligata per il conseguimento di posizioni di leadership, se non addirittura per la sopravvivenza. Forse il modo migliore per capire il concetto e l impatto della SCM è quello di partire, però, da una analisi dei principali fattori di cambiamento caratterizzanti l odierno contesto economico e sociale. Pertanto, prima di addentrarci nello studio della SCM, ci soffermeremo, nel proseguio del capitolo, sulla descrizione di tali cambiamenti che fanno da sfondo e da presupposto alla nascita e alla diffusione di tale nuova filosofia di gestione, alla discussione della quale sarà invece dedicato il capitolo seguente. 1.2 Il contesto competitivo La comprensione dei principali vettori di cambiamento con i quali devono confrontarsi le imprese, e senza l azione dei quali la SCM non sarebbe necessaria, è il passo preliminare per una proficua comprensione della SCM e di tutte le sue sfaccettature. Tali vettori, secondo quanto esposto da Ross nel testo Competing through supply chain management, sono riconducibili a cinque dinamiche critiche dell odierno ambiente competitivo. Esse possono essere così schematizzate [Ross, 1998]: 10

11 1 Evoluzione dei bisogni e delle richieste dei consumatori. Tale dinamica fa riferimento ai cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nelle richieste che i consumatori pongono alle imprese. In particolare, risulta sempre più fondamentale la comprensione dell intima natura di ciò che i consumatori percepiscono come valore, in quanto è sulla massimizzazione dello stesso che devono concentrarsi gli sforzi dell impresa e, come sarà più chiaro in seguito, dell intera supply chain. 2 Sviluppo di una concorrenza basata sulla qualità e sulla personalizzazione. Profondamente collegata alla precedente, tale dinamica discende dalla presa di coscienza da parte delle aziende che il mercato non può essere segmentato sulla base di pochi consumatori tipo, ma che, in realtà, ogni singolo consumatore ha una propria concezione del valore alla quale le imprese devono cercare, quanto più possibile, di dare risposte personalizzate. 3 Evoluzione e diffusione dell Information and Communication Technology (ICT). Gli ultimi anni hanno visto lo sviluppo impetuoso delle tecnologie informatiche e, in modo particolare, di quelle della comunicazione e dell informazione. Come sarà visto nel seguito, tali tecnologie, legate in particolar modo alla raccolta, trasmissione ed elaborazione di grandi quantità di dati grezzi ed informazioni, stanno avendo un impatto rivoluzionario sia su consuetudini sociali sia sul mondo economico al punto da far ipotizzare l avvento di un era per molti aspetti diversa da quella attuale e nella quale le informazioni sostituiranno, in molti casi, oggetti aventi consistenza fisica. 11

12 4 Diffusione della globalizzazione e delle alleanze strategiche. In qualche modo discendente dalla dinamica precedente, il cui contributo alla riduzione delle distanze fisiche è facilmente immaginabile, tale dinamica riguarda la tendenza delle imprese a cercare nuovi mercati anche al di fuori dei tradizionali confini nazionali e a ricorrere ad alleanze con soggetti terzi, stranieri e non, in possesso di competenze chiave per il successo nella complessa e differenziata arena globale. 5 Cambiamento del ruolo degli obbiettivi della funzione Logistica. Conseguenza diretta delle dinamiche precedenti, quella in questione riguarda l inevitabile arricchimento pratico e concettuale di cui la funzione logistica è stata fatto oggetto negli ultimi anni a seguito dell emergere di forti spinte all integrazione inter e intra aziendale e della centralità assunta dal fattore tempo nella lotta per le posizioni di leadership nel mercato Vista sotto una diversa luce la logistica offre alle imprese nuove strade per il conseguimento di vantaggio competitivo, attraverso la continua ed innovativa offerta di servizi per il cliente, la riduzione dei tempi di ciclo, l incremento della qualità e dell affidabilità dei servizi logistici, e la riduzione dei costi complessivi della filiera. Queste cinque dinamiche portano con sé svariate minacce e/o opportunità che le imprese devono saper individuare. Nel seguito si analizzeranno separatamente tali dinamiche, al fine di comprenderne gli aspetti rivoluzionari e le insite minacce/opportunità. 12

13 1.2.1 Evoluzione dei bisogni e delle richieste dei consumatori Iniziamo la nostra analisi delle principali dinamiche che stanno ridisegnando l attuale contesto sociale ed economico a partire dal modo in cui si sono o si stanno evolvendo, per varie ragioni, i rapporti tra le aziende e i consumatori. Oggi non sembrano più esserci dubbi sul fatto che la chiave per soddisfare compiutamente il cliente consista nel comprendere e continuamente alimentare ciò che egli percepisce come valore, in modo da fornirgli il giusto mix di prodotti/servizi che soddisfino i suoi bisogni o lo mettano nella condizione di cogliere nuove opportunità. Questo aspetto è ben descritto dalle parole di Treacy e Wiersema: I consumatori di oggi vogliono quantità maggiori di ciò che essi considerano di valore. Se essi attribuiscono valore al prezzo contenuto, ecco che lo vogliono ancora più contenuto. Se attribuiscono valore alla comodità e alla velocità dell atto di acquisto, ecco che lo vogliono ancora più semplice e rapido. Se attribuiscono valore all ultimo ritrovato della tecnologia, ecco che vogliono che la tecnologia si spinga ancora oltre. Se desiderano l attenzione dell azienda, ecco che vogliono più attenzione, più tempo e più capacità dell azienda di farli sentire come fossero l unico cliente della stessa. [Treacy e Wiersema, 1995] 13

14 Le parole dei due autori nord americani possono sembrare banali ma non lo sono. Nascoste fra le righe vi sono, infatti, due importanti implicazioni, la cui diffusa accettazione è, in verità, una conquista recente. La prima riguarda il ruolo del cliente nella formulazione delle strategie aziendali. La tradizionale impostazione di marketing vuole che sia l azienda a spingere (push) i propri prodotti sul mercato convincendo i consumatori che tali prodotti hanno proprio le caratteristiche adatte a soddisfare le loro esigenze. In un tale contesto è come se l azienda modellasse il concetto di valore del cliente: il sistema di offerta è un elemento dato, il contenuto del concetto di valore di ogni singolo cliente deve in qualche modo adattarsi agli attributi del sistema di offerta stesso. Il ruolo del cliente, nella formulazione delle strategie aziendali, è quindi un ruolo passivo ma le parole di Treacy e Wiersema ribaltano questa impostazione. Il cliente ha una propria accezione di valore, accezione che spetta all azienda identificare quanto più precisamente è possibile al fine di rispondere con un sistema di offerta calibrato su misura per essa. Detto diversamente questo significa che le strategie aziendali devono essere completamente customer driven, cioè guidate dal cliente che in questo contesto tira (pull) i prodotti sul mercato e viene, quindi, posto al centro del processo di formulazione delle strategie acquistando un ruolo attivo. La seconda implicazione è, in realtà, una presa di coscienza sulla multidimensionalità e sulla soggettività del concetto di valore, il quale non è identificabile con questo o quell attributo né definibile inequivocabilmente per tutti i consumatori, ma è in realtà il frutto di una matrice di dimensioni che 14

15 variano, per natura ed importanza relativa, nel tempo, nello spazio nonché, come già detto, da soggetto a soggetto. Ciò nonostante, e con riferimento al già citato lavoro di Ross, è possibile individuarne alcune: 1. Qualità. In passato, i consumatori e i clienti industriali prendevano il prezzo come principale elemento motivazionale a guida delle proprie decisioni di acquisto. Aggiungendo qualità sia nella forma di accessori addizionali, materiali pregiati, o servizi di vario tipo, si aggiungono costi. Ma oggi la qualità sta diventando qualcosa di ordinario. Sia che essa riguardi la performance, l affidabilità, o l estetica, i consumatori vogliono sempre più prodotti di alta qualità a prezzi sempre più bassi e a prescindere dal bene o servizio in questione, automobile o tostapane che sia. 2. Prezzo. Il costo di un prodotto o servizio è sempre stato un elemento fondamentale nel determinare il valore che il consumatore vi attribuisce. A mano a mano che i fornitori hanno cercato di proteggere i margini come risposta al crescere dei costi di produzione, i consumatori hanno dovuto accettare prezzi più alti. Ma ora essi vogliono che i prezzi diminuiscano indipendentemente dal crescere dei costi di produzione. Nel mercato attuale, sia che si tratti di beni di largo consumo, sia che si tratti di beni di lusso ed altamente personalizzabili, le imprese si trovano quindi a dover fronteggiare la necessità di contenere i costi complessivi di un prodotto al fine di proteggere i margini, piuttosto che aumentarne il prezzo. Prezzi più 15

16 alti daranno al cliente tutte le ragioni per tradire reputazione e brand e acquistare dalla concorrenza. 3. Consegna. Nella maggior parte dei business, l affidabilità e la tempestività delle consegne sono diventati elementi qualificanti per il conseguimento del successo. Condizionati dalla cultura del fast food e dalla crescente disponibilità di informazioni in tempo reale, i consumatori di oggi hanno sviluppato elevate aspettative circa i tempi di consegna, e questo è diventato un elemento chiave del concetto di valore. Inoltre, inconvenienti e ritardi causati da consegne incomplete o non corrispondenti agli ordinativi emessi sono diventate intollerabili. Si può dire semplicemente che adesso i clienti considerano il tempo di consegna, e l impegno del fornitore a cercare nuove strade per ridurlo ulteriormente, come un elemento intrinseco della stessa transazione. Rigidità nella disponibilità dei prodotti, nell offerta di servizi, e nell intero sistema di offerta, spingono i clienti a cercare altrove soluzioni alle loro richieste di prodotti e servizi. 4. Prodotto. I clienti non sono più soddisfatti da prodotti generici, standardizzati, e spinti sul mercato da politiche di marketing indifferenziato. Essi vogliono prodotti di qualità superiore, perfettamente progettati, a basso costo, e offerti in un ampia gamma dalla quale scegliere la soluzione più appropriata alle proprie personali esigenze. Inoltre, i prodotti attuali devono essere facilmente personalizzabili per 16

17 rispondere ad esigenze specifiche e sufficientemente flessibili da poter essere aggiornati ed ampliati a seconda delle mutevoli esigenze del cliente stesso. 5. Servizio. L elemento servizio è la più recente dimensione del concetto di valore e, forse, la più apprezzata dal consumatore odierno. Ai fini del conseguimento del successo, i fornitori devono avere una visione allargata del concetto di servizio, una visione che guardi alla leadership di servizio come ad un impegno continuo che deve permeare tutti i piani e le azioni dell impresa. I clienti vogliono fare affari con fornitori che cerchino senza sosta di soddisfare le loro aspettative, in qualsiasi momento, e che puntino con decisione all obbiettivo degli zero difetti come paradigma centrale della propria attività operativa. Ciò detto, e prima di passare all analisi degli altri fattori contingenti di cambiamento, si rende opportuno evidenziare ulteriormente la difficoltà pratica di identificare il contenuto del concetto di valore per il cliente, identificazione alla quale, per i motivi già detti e per altri che si esporranno nel seguito, l azienda non può comunque sottrarsi. Se, infatti, da un punto di vista contabile, il valore è facilmente calcolabile, almeno in teoria, come la differenza tra i benefici acquisiti e i costi sostenuti, al di fuori di una prospettiva contabile il valore per il cliente può essere definito, come fin qui ripetuto più volte, in vari modi. A complicare le cose si aggiunga che anche la natura e lo scopo per cui i prodotti/servizi stessi sono acquistati può 17

18 giocare un ruolo determinante. Solo tenendo in considerazione questi ultimi due elementi, ciò che è visto come valore può, infatti, assumere varie forme e spaziare dal semplice possesso alla possibilità di arricchire la propria organizzazione molto di più di quanto sia stato speso per il prodotto o servizio in questione, si pensi ad esempio ai prodotti/servizi che offrono soluzioni per il business. Il valore per il cliente, quindi, può essere concepito come un insieme di elementi il cui valore economico non è necessariamente determinato dal costo di produzione/erogazione. Questo aspetto rappresenta certamente un elemento di discontinuità rispetto al concetto di valore dell era della produzione di massa. In passato, quando ci si riferiva ad un prodotto/servizio definendolo a valore aggiunto si intendeva dire che esso era stato realizzato attraverso il ricorso a materiali costosi, o a macchinari particolari, o a personale altamente specializzato, o, ancora, a processi in grado di assicurare una elevata qualità. In questa accezione basata sui costi, il valore è principalmente visto come la somma del costo dei materiali e del lavoro consumati nella produzione/erogazione di un determinato prodotto/servizio, indipendentemente dai bisogni del consumatore o del valore che a sua volta tale prodotto/servizio può generare quando utilizzato come input di un altro processo di business. Nell attuale contesto competitivo, tale concezione del valore appare sempre più obsoleta e non coerente con la realtà del mercato. Infatti oggi, ciò che determina il valore di un dato prodotto/servizio non è tanto, o non solo, il suo costo di produzione/erogazione, ma quanto questo prodotto/servizio possa 18

19 assistere il cliente nella soddisfazione dei propri bisogni o nel conseguimento dei propri obbiettivi strategici. In particolare, e ricollegandoci a quanto prima affermato circa il rapporto tra la natura del prodotto/servizio e le caratteristiche del valore ad esso associato, possiamo dire che, per quei prodotti/servizi considerati commodity, è facile pervenire ad una definizione del valore il cui contenuto è principalmente collegabile ad elementi come la proprietà, la disponibilità, il prezzo contenuto, ed un soddisfacente livello qualitativo. Invece, per quei prodotti/servizi non commodity per natura, il contenuto del valore è sicuramente più ampio e difficilmente definibile a priori. Sebbene gli elementi visti precedentemente vi rientrino senza dubbio, esso ne comprende anche altri appartenenti ad un vasto spettro e riconducibili prevalentemente alle possibilità di personalizzazione dello specifico prodotto/servizio [Zuckermann, 1995]. In fine, il caso più complesso è sicuramente quello riconducibile ai prodotti/servizi che rappresentano soluzioni strategiche di business per il cliente. Infatti, quando oggetto della transazione è il prodotto/servizio in quanto tale, il valore per il cliente non è generalmente di molto superiore al suo costo. Tali tipi di prodotti/servizi sono di solito consumati rapidamente ed un loro eventuale utilizzo nell impresa del cliente ha spesso un impatto limitato ed indiretto. Per tali tipi di prodotti/servizi il prezzo è generalmente calcolato partendo dal costo delle risorse consumate aggiungendovi poi il margine di profitto. Al contrario, i prodotti/servizi che rappresentano soluzioni strategiche hanno un impatto di lungo 19

20 termine sull impresa del cliente e sono finalizzati direttamente all ottenimento di processi in grado di avere conseguenze sulla posizione competitiva dell impresa stessa. Tali soluzioni sono fortemente personalizzate ed il loro prezzo è determinato tramite una trattativa tra le parti, sulla base dei benefici attesi [Goldman, 1995] Sviluppo di una concorrenza basata sulla qualità e sulla personalizzazione Come già detto precedentemente, nel passato le imprese solevano competere attraverso la vendita di linee di prodotti/servizi standardizzati e realizzati in lotti di grandi dimensioni. Il principale obbiettivo, per il conseguimento del successo, era produrre e distribuire al minor costo unitario. L efficienza era perseguita tramite la minimizzazione dei costi diretti di produzione e distribuzione, associati principalmente al consumo di materiali e lavoro. Gli obbiettivi di marketing si concentravano prevalentemente nel persuadere i consumatori ad acquistare prodotti/servizi standard il cui prezzo era fissato a priori con riferimento ai costi sostenuti. Il ruolo delle vendite era unidimensionale: la transazione d acquisto era considerata come il culmine del processo d acquisto, dopo di che, generalmente, ne il venditore ne l acquirente si aspettavano ulteriori opportunità per incrementare il valore aggiunto dei prodotti/servizi oggetto della transazione stessa. 20

21 Nell attuale contesto competitivo, invece, le vecchie regole della produzione e della distribuzione hanno lasciato campo aperto a nuove regole per Aspettative passate Aspettative attuali Prodotti standardizzati Prodotti personalizzati Forma Tempo Luogo Qualità Prezzo Servizio Predefinita Quando disponibile Dove disponibile Accettabile Basso Minimo Personalizzata Quando desiderato Dove desiderato Superiore alle stesse aspettative Configurabile Complesso Fig. 1.1 Evoluzione delle aspettative del cliente rispetto alle strategie di marketing; Fonte: Ross, 1998 lo sviluppo di relazioni radicate e mutuamente convenienti tra produttori, distributori, e clienti. Come illustrato nella figura 1.1, le aspettative del cliente, con riguardo alle tradizionali strategie di marketing, sono cambiate considerevolmente. Nell illustrazione, alle tradizionali utilità di marketing di forma, tempo e luogo, ne sono state aggiunte altre, e più precisamente quelle di qualità, prezzo e servizio. In oltre, è anche possibile confrontare il modo in cui 21

22 queste utilità di marketing sono viste dai consumatori attuali rispetto al passato. Il tema centrale della figura è illustrare proprio il radicale cambiamento avvenuto nel mercato dalla standardizzazione alla personalizzazione di massa (mass customization), la quale cerca di rispondere alle uniche ed individualizzate esigenze di ciascun consumatore. Le implicazioni della figura sono critiche. In passato le imprese hanno cercato il successo offrendo prodotti a basso costo che possedevano standard qualitativi appena superiori a quelli della concorrenza ma la realtà dell odierno scenario competitivo è che esso è sempre più caratterizzato dalla differenziazione e non dall omogeneizzazione. Oggi, per conquistare il successo nel mercato, le imprese devono continuamente offrire prodotti e servizi di qualità superiore che possano essere configurati, anche nel prezzo, per incontrare richieste individualizzate, e devono cercare, inoltre, di aggiungere continuamente valore ai propri sistemi di offerta attraverso l instaurazione di relazioni mutuamente utili con fornitori ed acquirenti. Al crescere della segmentazione dei mercati tradizionali, produttori e distributori non possono semplicemente limitarsi a trovare spazio in uno di questi già angusti segmenti. Essi, invece, devono essere capaci di anticipare, se non guidare, l emersione di aspettative completamente nuove da parte dei consumatori, se vogliono mantenere la fedeltà dei clienti e la leadership di mercato. Come realizzare tutto ciò? La risposta a questa domanda è molto complessa e non è sicuramente univoca. Tuttavia nel proseguio del presente testo 22

23 si tenterà di individuare alcune linee di azione che possono portare a questi risultati. Per adesso, a conclusione del presente paragrafo e continuando il discorso di Ross, già introdotto in precedenza, si elencano alcune attività, miranti ad una profonda revisione dei processi aziendali in essere, suggerite dallo stesso Ross e propedeutiche al conseguimento degli obbiettivi su indicati [Ross, 1998]: Sviluppo continuo dei processi di progettazione, produzione, e distribuzione al fine di conseguire flessibilità e configurabilità necessarie per soddisfare le mutevoli richieste dei clienti e, contemporaneamente, perseguire obbiettivi di ottimizzazione nell utilizzo delle risorse utilizzate. Creazione e sviluppo di sistemi dedicati all assistenza clienti in grado di guidarli nell identificazione della soluzione specifica ed accelerare, così, transazione e consegna. Incoraggiamento alla formazione di alleanze mutuamente convenienti per i partner della filiera, al fine di incrementare il valore competitivo del sistema di offerta della singola azienda e della supply chain nel suo complesso. Implementazione di strutture organizzative e sistemi operativi in grado di supportare il cambiamento, l imprenditorialità e il pensiero creativo. Rifiuto assoluto degli sprechi, dello stile di gestione Comanda e Controlla e degli indici di performance non in grado di fotografare la situazione competitiva del sistema filiera, sistema di cui ogni singola impresa fa inevitabilmente parte. 23

24 1.2.3 Esplosione e diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Si sente dire, sempre più insistentemente e da più parti, che stiamo abbandonando l era industriale per entrare in una nuova era: l era dell informazione. Affermazioni simili sono dettate dalla crescente consapevolezza che le basi fondamentali del valore economico e del benessere sociale stanno inesorabilmente cambiando. A tal proposito risultano illuminanti le parole di Negroponte, direttore del Media Lab del MIT di Boston, il quale afferma che stiamo per entrare nella società dei bit, una società in cui le principali risorse scambiate avranno forma digitale (saranno cioè rappresentate da bit), a differenza della società preesistente in cui le risorse avevano una consistenza fisica, per cui si poteva parlare di società degli atomi. Mentre l economia della società degli atomi continua Negroponte è basata essenzialmente sulla produzione di beni fisici, quella della società dei bit è fondata sulla produzione di informazioni e di conoscenze, ovvero di prodotti e di servizi derivanti da informazioni... La circolazione delle informazioni sostituirà in parte la circolazione delle merci... La produzione e il consumo di informazioni e di conoscenze rappresenteranno l attività economica prevalente della società del futuro [Negroponte, 1995]. Ovviamente Negroponte non sostiene che la produzione di beni fisici cesserà di esistere ma semplicemente che essa diventerà un attività scontata. Ciò che determinerà il successo di un azienda sarà invece 24

25 dovuto alle attività di progettazione, commercializzazione e distribuzione, attività che saranno rese incomparabilmente più efficienti dalla circolazione dei bit resa possibile dalla nuova società digitale. L influenza delle nuove tecnologie nello sviluppo economico è d altra parte testimoniato da più parti....gli Stati Uniti hanno sperimentato in questi ultimi anni una crescita elevata della produttività (output per ora di lavoro). L eccezionale incremento nella potenza dei computer e nella velocità delle trasmissioni sembra sia stato l elemento determinante di tale crescita [Alan Greenspan, Monetary policy testimony and report to the Congress, 1998], ma al di là dell esperienza americana sembra esserci una correlazione positiva tra tassi di crescita del PIL e gli investimenti in informatica, come testimoniato da diversi studi (si veda fig. 1.2). Fig. 1.2 Correlazione tra gli investimenti in ICT e PIL pro capite; Fonte: Camussone (2000) 25

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Servizi e soluzioni per la logistica dei documenti del ciclo dell ordine; dalla generazione alla gestione, distribuzione e conservazione sostitutiva

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il controllo dell azienda nelle tue mani

Il controllo dell azienda nelle tue mani Il controllo dell azienda nelle tue mani Consulenza direzionale, organizzazione aziendale, information technology per reti in franchising e gestione diretta. PASSEPARTOUT Dal 2011 partner Passepartout,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Introduzione al Marketing II Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Livelli di Marketing Marketing Strategico Analisi strategica Segmentazione, Targeting, Posizionamento Marketing Tattico

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo la vostra azienda Pensate di poter continuare a lavorare nel solito modo? Le cose sono cambiate. Le aziende

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, febbraio

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Il processo logistico ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Il processo logistico

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Francesco Zirpoli Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia fzirpoli@unive.it Roma, 4 Aprile 2014 Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli