MIRKO TAVONI «CONVERREBBE ESSERE ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» («VITA NOVA» XXVIII 2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MIRKO TAVONI «CONVERREBBE ESSERE ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» («VITA NOVA» XXVIII 2)"

Transcript

1 11-tavoni :30 Pagina 1 «CONVERREBBE ESSERE ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» («VITA NOVA» XXVIII 2) Perché, nella Vita nova, Dante non tratta della morte di Beatrice l evento cruciale dell intero libro nel momento in cui essa accade? Questa singolare reticenza o preterizione, questa vera e propria lacuna al centro della storia, è così motivata da Dante (XXVIII 2 ed. Barbi, 19 2 ed. Gorni): 1 E avvegna che forse piacerebbe a presente trattare alquanto de la sua partita da noi, non è lo mio intendimento di trattarne qui per tre ragioni: la prima è che ciò non è del presente proposito, se volemo guardare nel proemio che precede questo libello; la seconda si è che, posto che fosse del presente proposito, ancora non sarebbe sufficiente la mia lingua a trattare come si converrebbe di ciò; la terza si è che, posto che fosse l uno e l altro, non è convenevole a me trattare di ciò, per quello che, trattando, converrebbe essere me laudatore di me medesimo, la quale cosa è al postutto biasimevole a chi lo fae; e però lascio cotale trattato ad altro chiosatore. I commenti in uso non sanno spiegare questo ragionamento. Sintetizza bene Gorni: «Dante non tratterà della morte dell amata per tre motivi, poco perspicui nella loro formulazione»; 2 «della morte come 1. D. Alighieri, Vita nuova, edizione critica a cura di M. Barbi, Firenze, Bemporad, ; Vita nova, a cura di G. Gorni,Torino, Einaudi, G. Gorni, La Vita nova nell opera di Dante, in Vita nova cit., p. XXXVII.

2 11-tavoni :30 Pagina 2 2 evento Dante non tratta, per ragioni che non cessano di apparire misteriose». 3 Quanto alla prima ragione cioè che trattarne «non è del presente proposito, se volemo guardare nel proemio che precede questo libello», il «proemio» chiamato in causa si identifica certamente con ciò che sta scritto sotto la «rubrica» del libro della memoria «la quale dice: Incipit Vita nova. Sotto la quale rubrica io trovo scritte le parole le quali è mio intendimento d assemplare in questo libello; e se non tutte, almeno la loro sententia» (I). Ma perché la morte di Beatrice non rientrerebbe fra gli argomenti che è «proposito» o «intendimento» di Dante di «assemplare» dalle «parole» scritte nel libro della memoria, o almeno dalla loro «sententia»? De Robertis, nel suo commento al passo, scartate le spiegazioni addotte dal Barbi e da altri (che qui non si riesumano, perché palesemente non persuasive), scrive: «In realtà la morte di Beatrice non tocca la Vita Nuova in altro senso: che nulla è veramente accaduto, che il rinnovamento è interamente compiuto»; 4 nel senso che «Vita Nuova era il titolo e l argomento del libro: la celebrazione di un umanità e di una poesia nuove, la patria ritrovata. E a questa realtà nulla toglieva la morte di Beatrice, la storia di questo rinnovamento non era la storia di lei [come, nel Laelius ciceroniano, all amicizia di Lelio nulla toglieva la morte di Scipione]. Nulla in effetti era accaduto». 5 Ma è una spiegazione molto generica. Come scrive Gorni, «è arduo ammettere che tra le parole da asemplare in questo libello, pur con la restrizione e se non tutte almeno la loro sententia non trovi posto la partita di Beatrice». 6 Indica una direzione in cui cercare, ma non un preciso punto d arrivo, il commento di Luca Carlo Rossi: «forse perché l evento doloroso e le parole in prosa o in versi che lo trattano sono state escluse dal libro della memoria ; la mancata registrazione memoriale potrebbe anche essere segno di un esperienza mistica» G. Gorni, La Beatrice di Dante, dal tempo all eterno, in D.Alighieri, Vita nova, a cura di L. C. Rossi, Introduzione di G. Gorni, Milano, Mondadori, 1999, p. XII. A esplorare queste ragioni Gorni dedica quasi l intero saggio. 4. D. Alighieri, Vita nuova, a cura di D. De Robertis, in Opere minori, Milano-Napoli, Ricciardi, 1984, p. 191 nota ad locum. 5. D. De Robertis, Il libro della Vita nuova, Firenze, Sansoni, 1961 e , pp Vita nova, a cura di G. Gorni, cit., p. 167, ad locum. 7. D. Alighieri, Vita nova, a cura di L. C. Rossi, p. 153, ad locum.

3 11-tavoni :30 Pagina 3 «CONVERREBBE ESSER ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» 3 La seconda ragione «ancora non sarebbe sufficiente la mia lingua a trattare come si converrebbe di ciò» viene da tutti i commentatori ascritta al topos dell ineffabilità, il che è tautologico: ma perché proprio questo evento dovrebbe essere ineffabile? Della morte di Beatrice Dante tratta prima, nel cap. XXIII, sotto forma di «erronea fantasia» premonitrice, particolarmente allucinata, se scende a dettagli del tipo: «quando io avea veduto compiere tutti li dolorosi mestieri che a le corpora de li morti s usano di fare»; e ne tratta dopo, nei capp. XXIX e XXX e nella canzone Li occhi dolenti, che la presenta come un ascensione al cielo: «Ita n è Beatrice in l alto cielo», ecc. Poiché queste cose vengono dette, non si capisce bene che cosa sia indicibile. Sulla terza ragione «per quello che, trattando, converrebbe essere me laudatore di me medesimo» i commenti gettano la spugna: «è generale la resa degli interpreti davanti a questa oscura ragione» (De Robertis, ad locum); «anche a norma dell esegesi pregressa, sembra questa la ragione più oscura» (Gorni, ad locum). Al di fuori dei commenti al testo ricordo, fra le interpretazioni degli ultimi decenni, quella di Singleton, per cui «la morte di Beatrice è stata un evento così straordinario che il poeta non può neppure trattarne. Le sue capacità espressive sono impari al compito. Inoltre scrivere di quella morte significherebbe lodare se stesso. Entrambi i motivi additano inequivocabilmente un miracolo, l intervento di un potere di origine soprannaturale». 8 Ma non è una spiegazione specifica, soprattutto per il lodare sé stesso, anche perché «malgrado le ragioni addotte per non trattarne l autore seguita in un certo senso a occuparsi di quella morte», ecc. Alla prima ragione Singleton dedica buona parte del capitolo «Il Libro della Memoria», sostenendo che essa «significa semplicemente che non sarebbe conforme all intenzione espressa nel Proemio l essere qualcosa di diverso da uno scriba» (p. 49), ovvero che Dante si sarebbe programmaticamente vincolato a non scrivere niente di nuovo, che non trovasse già scritto nel libro della memoria (cioè le poesie già scritte e le relative «divisioni»); ma lo studioso stesso nel séguito individua cospicue 8. Ch. Singleton, Saggio sulla «Vita Nuova», Bologna, Il Mulino, 1968, p. 19 (An Essay on the «Vita Nuova», Cambridge, Mass., Harvard University Press, 1958).

4 11-tavoni :30 Pagina 4 4 «aggiunte dello scriba all originale», quali (quasi per intero) i capitoli XI, XXV, XXIX (p. 74). Un altra studiosa americana, Barbara Nolan, in linea con l idea singletoniana di Beatrice come figura di Cristo, nota che Dante, poiché, «like St. John in the Apocalypse, is writing not about the death of his Messiah (that can be left to other writers), but about her eternal presence, which is the grace of his salvation, he eschews a meditation on his death». 9 Non c è molto altro, e quindi allo stato della bibliografia corrente le tre ragioni sembrano in effetti abbastanza misteriose. Nel proporre, anzi riproporre, quella che a me appare la spiegazione del tutto convincente del passo, non conviene essere me laudatore di me medesimo, perché questa spiegazione è stata pubblicata dal linguista americano Charles Hall Grandgent più di un secolo fa, in una rivista filologica non proprio peregrina. 10 Di tale contributo, al massimo, mi farò chiosatore. La «più oscura» delle tre ragioni addotte da Dante contiene il più chiaro dei segnali congiuntivi del passo con l auctoritas massima che lo illumina. Lo schermirsi di Dante dal riportare un fatto che suonerebbe a suo vanto, che gli sarebbe ascritto a vanagloria, ricalca alla lettera le ripetute parole di S. Paolo nei capitali versetti della seconda lettera ai Corinzi (XII 1-9) in cui l apostolo si decide a riferire, dopo quattordici anni dall averlo sperimentato, il suo raptus al terzo cielo, superando con ciò, a superiore beneficio della comunità dei fedeli, la remora del doversi apparentemente vantare della eccezionale grazia ricevuta: 1 si gloriari oportet non expedit quidem veniam autem ad visiones et revelationes Domini 2 scio hominem in Christo ante annos quattuordecim sive in corpore nescio 9. B. Nolan, The Gothic Visionary Perspective, Princeton, Princeton University Press, 1977,p Ch. H. Grandgent, Dante and St. Paul, «Romania», XXXI (1902), pp

5 11-tavoni :30 Pagina 5 «CONVERREBBE ESSER ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» 5 sive extra corpus nescio Deus scit raptum eiusmodi usque ad tertium caelum 3 et scio eiusmodi hominem sive in corpore sive extra corpus nescio Deus scit quoniam raptus est in paradisum et audivit arcana verba quae non licet homini loqui 5 pro eiusmodi gloriabor pro me autem nihil gloriabor nisi in infirmitatibus meis 6 nam et si voluero gloriari non ero insipiens veritatem enim dicam parco autem ne quis in me existimet supra id quod videt me aut audit ex me 7 et ne magnitudo revolutionum extollat me datus est mihi stimulus carnis meae angelus Sathanae ut me colaphizet 8 propter quod ter Dominum rogavi ut discederet a me 9 et dixit mihi sufficit tibi gratia mea nam virtus in infirmitate perficitur libenter igitur gloriabor in infirmitatibus meis ut inhabitet in me virtus Christi. L ascesa di San Paolo al cielo sarà ovviamente, con la discesa di Enea agli inferi, uno dei due soli precedenti su cui si modellerà il viaggio oltremondano di Dante: «Tu dici che di Silvïo il parente, / corruttibile ancora, ad immortale / secolo andò, e fu sensibilmente Andovvi poi lo Vas d elezïone Ma io, perché venirvi? o chi l concede? / Io non Enëa, io non Paulo sono; / me degno a ciò né io né altri l crede» (If II 13-33). E sarà, come scrive la Chiavacci Leonardi, «il fondamento di tutta l invenzione della terza cantica», 11 con puntuali riprese dai versetti paolini: «Nel ciel che più da la sua luce prende / fu io, e vidi cose che ridire / né sa né può chi di là su discende» (Par. I 4-6: cfr. «et vidit arcana Dei, quae non licet homini loqui»); «S i era sol di me quel che creasti / novellamente, amor che l ciel governi, / tu l sai, che col tuo lume mi levasti» (ivi, vv. 73-5: cfr. «sive in corpore sive extra corpus nescio Deus scit»); e, con riferimento all accecamento di Paolo sulla via di Damasco e quindi 11. D.Alighieri, Commedia, con il commento di A. M. Chiavacci Leonardi, vol. III, Paradiso, Mondadori, 1994, p. 27.

6 11-tavoni :30 Pagina 6 6 al suo risanamento (Atti degli Apostoli 917-8): «e fa ragion che sia / la vista in te smarrita e non defunta: / perché la donna che per questa dia / regïon ti conduce, ha ne lo sguardo / la virtù ch ebbe la man d Anania» (Par. XXVI 8-12). Nel nostro passo della Vita nova, con questa precoce, nascosta ripresa, Dante dice a chi sappia intenderlo letteralmente che nel momento esatto della «partita da noi» di Beatrice, lui l ha vista salire al cielo, l ha in qualche modo seguita nella sua assunzione al cielo. Le altre due ragioni conseguono linearmente. La prima: «trattare alquanto de la sua partita da noi non è del presente proposito, se volemo guardare nel proemio che precede questo libello», perché questa esperienza non è scritta nel «libro della memoria». E non perché dalla notizia della morte Dante sia stato «sopraffatto al punto da dimenticare le sensazioni provate all annuncio fatale», 12 ma perché l assunzione al cielo è un esperienza soprannaturale che trascende le capacità della memoria. Nella nota sopra citata, Luca Carlo Rossi ipotizza che «la mancata registrazione memoriale potrebbe anche essere segno di un esperienza mistica»: bene, direi proprio che l esperienza mistica è questa. A questa esperienza sì il topos dell ineffabilità si attaglia perfettamente, come in ripetuti notissimi passaggi del Paradiso, culminanti nella visione di Dio, per cui Dante invocherà dalla «somma luce»: «a la mia mente / ripresta un poco di quel che parevi ché, per tornare alquanto a mia memoria / e per sonare un poco in questi versi, / più si conceperà di tua vittoria» (Par. XXXIII 67-75). Seconda ragione: «ancora non sarebbe sufficiente la mia lingua a trattare come si converrebbe di ciò». Dove ancora, a mio giudizio, non «ha valore aggiuntivo (oltre al già detto)» (De Robertis, ad locum), ma temporale: la mia lingua non è ancora pronta a trattarne adeguatamente. È l identico concetto che sarà espresso a tutte lettere nell ultimo capitolo, dove Dante si proporrà «di non dire più di questa benedetta infino a tanto che io potesse più degnamente trattare di lei»; e dichiarerà che «di venire a ciò io studio quanto posso, sì com ella sae veracemente»; e che, 12. J. E. Shaw, Essay on the «Vita Nuova», Princeton, Princeton University Press, 1929, cap. VI.

7 11-tavoni :30 Pagina 7 «CONVERREBBE ESSER ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» 7 se «la mia vita duri per alquanti anni, io spero di dicer di lei quello che mai non fue detto d alcuna». Per la verità già lo Scherillo aveva addotto il passo di San Paolo in un suo lavoro del 1896, ma come uno dei riferimenti possibili, affiancandolo per esempio a un passo del De consolatione philosophiae (I 4) di cui non si vede la pertinenza; 13 mentre è merito del Grandgent aver individuato il riscontro paolino come la spiegazione del passo dantesco. Il riferimento alla lettera ai Corinzi, con doppio rimando allo Scherillo e al Grandgent, permane nel commento alla Vita nova del Melodia (1905) 14 e in quello dello stesso Scherillo (1911), 15 dopodiché esce inspiegabilmente dalla bibliografia. Inspiegabilmente fino a un certo punto. È possibile che abbia giocato a sfavore di questa spiegazione, facilitandone la caduta, la doppia diffidenza di parte crociana e di parte filologica verso la dimensione visionario-profetica di Dante. Il Grandgent, peraltro, non era un mistico ma un linguista storico, che si mostra molto scettico e dismissing nell interpretare il senso di questa ripresa dantesca. Egli addirittura concorda con chi aveva scritto che le tre ragioni del cap. XXVII erano «un po stiracchiate»; e ritiene che siano scuse «the youthful author, whose wits have already been sharpened by the study of philosophy, is casting about for excuses to account for this conspicuous flaw in his work» per giustificare una lacuna empiricamente dovuta al fatto che «allo sparire improvviso di quella gentilissima, la musa del poeta amante era rimasta in silenzio, ché i dolori profondi tolgono la parola»; 16 e che insomma ammantare quella lacuna con le parole di San Paolo fosse, a questa altezza, poco più di un espediente, balenatogli alla mente quando intravide la famosa «mirabile visione» e con essa lo svi- 13. M. Scherillo, Alcuni capitoli della biografia di Dante, Torino, Loescher, 1896, pp La vita nuova di Dante Alighieri, con introduzione commento e glossario di G. Melodia, Milano, Vallardi, 1905, pp , ad locum. 15. La vita nuova di Dante, per cura di M. Scherillo, Milano, Hoepli, 1911,pp.203-5, ad locum. 16. Così il Colagrosso nella recensione al libro dello Scherillo, in GSLI, XXX, 18, p. 454, che il Grandgent cita con consenso a p. 19.

8 11-tavoni :30 Pagina 8 8 luppo letterario che sembrava promettere, un embrione di poema paradisiaco: «so nothing is more natural than that he should excuse himself in the words of St. Paul»; «if our reasoning so far has been correct, it follows that, in Dante s mind, his own poetic vision was analogous to the raptus of St. Paul» aggiungendo subito, però: «of course, in the Vita nuova period, the ressemblance was only external». 17 Mentre poi, «as the poet developed, as his character broadened and deepened, and as religious fervor gradually gained the mastery, in his heart, over earthly love, his likeness to the apostle became more intrinsic, until, in the grand final vision of the Paradiso, Dante may well have felt that the difference between his illumination and that of St. Paul was one of degree rather than of kind». 18 Se lo dovessimo inquadrare nel dibattito sulla natura del poema dantesco visio o fictio Grandgent starebbe dalla parte della fictio: Dante ascese al cielo «according to his fiction» (p. 22), mentre sia in S. Agostino che in S.Tommaso Dante avrebbe potuto trovare «an interpretation of St. Paul s rapture which is not at all inconsistent with the belief that his vision and Dante s contemplation not his fictitious journey were essentially alike, both voluntary, both intellectual, both transcending the bounds of ordinary human experience» (p. 27). E a proposito di volontarietà, tornando alla Vita nova, Grandgent svolge considerazioni non so se esatte, ma interessanti, sulla natura delle visioni (o immaginazioni, o fantasie insomma su tutta la componente onirica e para-onirica del libello). Interessanti, intendo, per chi ritenga che l abbondante sostanza onirico-visionaria della Vita nova (nonché della Commedia) sia una sostanza che non ha senso eludere, e di conseguenza si chieda come essa geneticamente agisca nella costruzione di testi caratterizzati, per contro, da iper-programmazione strutturale, quello che Gorni ha chiamato il «controllo implacabile, da parte dell autore, su tutto quanto il suo ergasterium». 19 Così il Grandgent (p. 17): 17. Grandgent, Dante cit., p Grandgent, Dante cit., pp Gorni, Lettera nome numero. L ordine delle cose in Dante, Bologna, Il Mulino, 1990, p. 16.

9 11-tavoni :30 Pagina 9 «CONVERREBBE ESSER ME LAUDATORE DI ME MEDESIMO» 9 Every reader of the Vita Nuova is struck by the prominence there given to «visioni», and is at first led to suppose that the author dwelt in a world of dreams. When, however, we analyse these so called visions, without attaching too much importance to our own associations with the name that Dante applies to them, we discover that they are not uncontrolled imaginings, but voluntary evocations. They form a fundamental part of the author s creative method. When he has chosen his topic, he fixes his mind upon it with such intensity, surveying it in all its aspects and excluding every irrelevant thought, that he succeeds in bringing it before his mind s eye in the shape of a picture or series of pictures. Even in Chapter XXIII, where the poet is ill and perhaps delirious, the ensuing dream does not crop up unexpectedly from his subconsciousness, but is deliberately constructed out of his meditations, although, in its later developments, it doubtless passed beyond the control of the fever-stricken youth who called it into being. The visione of the Vita Nuova is, then, the visualization of a poetic theme under the stress of mental concentration. Mi fermo qui. Mi basta aver riproposto una connessione intertestuale indebitamente rimossa dagli studi, che a me appare lampante in sé stessa, oltre che perfettamente convalidata, ex post, dalla funzione fondante del raptus paolino nel poema sacro. Dunque, a mio giudizio, la seconda lettera ai Corinzi chiarisce senza dubbio qual è l informazione che Dante consegna, occultandola, a Vita nova XXVIII 2. Ma come dobbiamo interpretare questa cosa che Dante dice e non dice, censurandosi, attraverso le parole di San Paolo? Qual è il senso e quali sono le implicazioni di questa visione non detta, criptata, al centro della storia? Evidentemente essa ha qualcosa di diverso da tutte le altre visioni, sulle quali Dante non esercita alcuna censura, anzi si effonde. Ma che cosa ha di diverso, in particolare, dalla «mirabile visione» conclusiva, e dal sonetto Oltre la spera che in un certo senso la mette in movimento? Non dovrebbe avere sostanzialmente lo stesso contenuto? E quindi fermo restando che neanche della «mirabile visione» Dante è ancora pronto a dire alcunché perché l occorrere di questa seconda visione è detto pianamente, mentre la prima è tout court soppressa? La mia impressione (io non credo affatto che il passo sia banale come lo presenta il Grandgent) è che il fatto di occorrere in tempo reale faccia di questa esperienza psichica una esperienza di una forza unica, di cui anche fuori dalle griglie retori-

10 11-tavoni :30 Pagina che e teologiche possiamo percepire perché possa o forse debba risultare indicibile. Ma qui mi fermo, perché la ricerca è da fare, e anche perché (qui Enzo si ricorderà di una conversazione nella «noche blanca» di Salta) desidero che il maestro a cui queste pagine sono dedicate le possa leggere, se non proprio con perfetto consenso, almeno con personale amichevole gradimento.

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS)

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) PREMESSA: RICHIAMI DI GRAMMATICA Il pronome (dal latino al posto del nome ) personale è quell elemento della frase

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

La morte dell ego. Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente

La morte dell ego. Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente La morte dell ego Edward Muzika (Edji) risponde a uno studente Studente Consentimi una domanda sulla natura dell ego, come può morire ciò che non esiste? Edji: È probabilmente a causa della celeberrima

Dettagli

Compiti (students going from level 2 to level 3 in August)

Compiti (students going from level 2 to level 3 in August) Compiti (students going from level 2 to level 3 in August) (Before doing this homework, you might want to review the blendspaces we used in class during level 2 at https://www.blendspace.com/classes/87222)

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Il Futuro. The Future Tense

Il Futuro. The Future Tense Il Futuro The Future Tense UNIT GOALS Unit Goals By the end of this unit the learner will be able to: 1. Conjugate the Futuro Semplice Simple Future regular verbs of all three major Italian conjugations.

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dodici

U Corso di italiano, Lezione Dodici 1 U Corso di italiano, Lezione Dodici U Al telefono M On the phone U Al telefono D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. F Hello, Hotel Roma, Good morning D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. U Pronto, buongiorno,

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo E con profonda commozione e viva partecipazione che scriviamo della scomparsa di Daniel Stern, psicoanalista americano

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Tre

U Corso di italiano, Lezione Tre 1 U Corso di italiano, Lezione Tre U Ciao Paola, come va? M Hi Paola, how are you? U Ciao Paola, come va? D Benissimo, grazie, e tu? F Very well, thank you, and you? D Benissimo, grazie, e tu? U Buongiorno

Dettagli

Italian II Chapter 9 Test

Italian II Chapter 9 Test Match the following expressions. Italian II Chapter 9 Test 1. tutti i giorni a. now 2. di tanto in tanto b. sometimes 3. ora c. earlier 4. tutte le sere d. usually 5. qualche volta e. every day 6. una

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi)

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Archivio del sito http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore Fausto Arconi (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Il nostro collaboratore Paolo Piccardo era da lungo tempo alla ricerca

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Leggendo le aree d intervento di questo convegno, mi viene da pensare al legame che esiste tra loro:

Leggendo le aree d intervento di questo convegno, mi viene da pensare al legame che esiste tra loro: MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA ISTITUTO PROFESSIONALE DÌ STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ARISTOTELE FIORAVANTI BOLOGNA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking

AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking Lesson 1 Gli Gnocchi Date N of students AIM OF THE LESSON: for the students to familiarise themselves with the language of cooking The following activities are based on "Communicative method" which encourages

Dettagli

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo. Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Scuola di Dottorato in Scienze e Alta Tecnologia Università

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciannove

U Corso di italiano, Lezione Diciannove 1 U Corso di italiano, Lezione Diciannove U Al telefono: M On the phone: U Al telefono: U Pronto Elena, come stai? M Hello Elena, how are you? U Pronto Elena, come stai? D Ciao Paolo, molto bene, grazie.

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dieci

U Corso di italiano, Lezione Dieci 1 U Corso di italiano, Lezione Dieci U Ricordi i numeri da uno a dieci? M Do you remember Italian numbers from one to ten? U Ricordi i numeri da uno a dieci? U Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Giuseppe Guarino A lezione di inglese con i fumetti lezione 1

Giuseppe Guarino A lezione di inglese con i fumetti lezione 1 Giuseppe Guarino arino A lezione di inglese con i fumetti lezione 1 Giuseppe Guarino A LEZIONE DI INGLESE CON I FUMETTI Lesson One Batman # 2 Lezioni di inglese? Ma quale inglese? E chi legge si chiederà:

Dettagli

coraggioso settimana 6 Al polso della vita

coraggioso settimana 6 Al polso della vita settimana 6 Giovanni17,16-23 Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Santificali nella [tua] verità: la tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anch io ho mandato loro nel mondo.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli