La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio"

Transcript

1 La valutazione del rischio da vibrazioni trasmesse al corpo: azioni preventive e casi-studio studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione) 1

2 Introduzione Impianti, macchinari e utensili possono trasmettere vibrazioni all uomo Le vibrazioni possono essere : - al corpo intero (Whole Body Vibrations) - al sistema mano-braccio (Hand Arm Vibr.) Le vibrazioni trasmesse comprendono componenti di frequenza diversa 2

3 Quadro del Rischio L esposizione umana a vibrazioni meccaniche rappresenta un fattore di rischio rilevante per i lavoratori esposti. Il rischio connesso ad esposizione di vibrazioni dipende dalle caratteristiche e dalle condizioni in cui vengono trasmesse: estensione della zona di contatto con l oggetto che vibra (mani, piedi ecc.), frequenza della vibrazione, direzione di propagazione, tempo di esposizione. 3

4 Definizioni Si definiscono vibrazioni i processi dinamici indotti in corpi elastici da sollecitazioni aventi carattere ripetitivo nel tempo. I parametri caratterizzanti una vibrazione sono la frequenza, la lunghezza d onda, l ampiezza, la velocità e l accelerazione. 4

5 Frequenza delle Vibrazioni - 1 In relazione alla frequenza delle vibrazioni la risposta del nostro organismo è diversa. Sollecitato da vibrazioni a bassa frequenza, il corpo umano risponde in maniera uniforme, cioè come una massa unica e omogenea, grazie alla capacità della muscolatura di irrigidirsi e contrastare le sollecitazioni. 5

6 Frequenza delle Vibrazioni - 2 Per frequenze più elevate, il corpo umano reagisce con un comportamento disuniforme delle sue componenti : la muscolatura volontaria non è in grado di contrastare pienamente i movimenti oscillatori delle sue parti il moto vibratorio si smorza all interno del corpo ed interessa solo un area relativamente limitata intorno al punto d applicazione 6

7 Vibrazioni ad alta frequenza Alle alte frequenze (circa maggiori di 80 Hz) in adiacenza del punto di contatto con il corpo vibrante ogni suo componente reagisce alla sollecitazione in modo diverso a seconda delle caratteristiche di massa, inerzia, caratteristiche di risonanza, ecc. 7

8 Frequenza di risonanza Se l azione esterna forzante ha una frequenza che coincide con la frequenza naturale [fn] del sistema sollecitato, si ha la condizione di risonanza, cui può corrispondere un esaltazione dell ampiezza del moto vibratorio (esempio: l altalena) 8

9 Le misure di vibrazioni Il parametro di maggiore interesse nella stima del rischio da vibrazioni è l accelerazione trasmessa dalle macchine agli organi del corpo umano Questa ultima grandezza fisica utilizzata per indicare l ampiezza della vibrazione è più significativa di altre grandezze fisiche - la velocità (espressa in m/sec) o lo spostamento (espresso in m). Infatti l accelerazione è rappresentativa delle variazioni di stimoli generati delle vibrazioni e avvertiti dall uomo (forze in gioco). 9

10 I parametri di interesse Nel campo dell igiene industriale viene utilizzato il valore efficace, espresso in m/sec 2 (o in multipli di g, accelerazione di gravità: 1g = 9,8 m/sec 2 ) valore efficace: la radice quadrata della media dei quadrati in un certo intervallo di tempo T (r.m.s. - root mean square) dei valori istantanei dell accelerazione [a 2 (t)] 10

11 La ponderazione in frequenza La misura di accelerazione trasmessa dalle macchine deve poi essere ponderata in frequenza in quanto esistono come noto differenti sensibilità dei singoli organi del corpo umano alle varie frequenze componenti La ponderazione in frequenza viene realizzata in genere dallo strumento di misura mediante filtri del segnale che prevedono un attenuazione ad alcune frequenze ed un amplificazione per altre. 11

12 Il parametro A(8) Dopo che il segnale è stato filtrato o ponderato in frequenza e dopo che si è calcolato (o scelto), il valore aw deve poi essere rapportato alle effettive ore di lavoro, secondo il principio di uguale energia : A(8) = A (w)eq (T e /8) 1/2 (il sistema non è lineare) Si ottiene così il parametro A(8) utilizzato per la valutazione del rischio da vibrazioni (sia H.A.V. che W.B.V.) 12

13 Il Principio dell Uguale Energia Il calcolo della dose personale che abbiamo visto si basa sul Principio dell Uguale Energia (a 1 ) 2 T 1= (a 2 ) 2 T2 Secondo la norma ISO 8041:

14 La definizione di A(8) Per definizione A(8) è dunque l accelerazione ponderata in frequenza equivalente e riferita alle 8 ore lavorative. Tutte le normative, italiane ed europee, fanno riferimento a questo parametro sia per vibrazioni a corpo intero che al sistema manobraccio 14

15 Il D. lgs.. 81 /08 Capo III CAPO III PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI N 7 articoli (da art. 199 a art. 205) Articolo Campo di applicazione 1. Il presente capo prescrive le misure per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori che sono esposti o possono essere esposti a rischi derivanti da vibrazioni meccaniche. 2. Nei riguardi dei soggetti indicati all articolo 3, comma 2, del presente decreto legislativo le disposizioni del presente capo sono applicate tenuto conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato, quali individuate dai decreti ivi previsti. 15

16 Articolo Definizioni Il D. lgs.. 81 /08 Articolo Ai fini del presente capo, si intende per: a) vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al sistema mano- braccio nell'uomo, comportano un rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari; b) vibrazioni trasmesse al corpo intero: le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al corpo intero, comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare lombalgie e traumi del rachide; 16

17 Articolo Definizioni Il D. lgs.. 81 /08 Articolo 200 c) esposizione giornaliera a vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio A(8): [ms-2]: valore mediato nel tempo, ponderato in frequenza, delle accelerazioni misurate per una giornata lavorativa nominale di otto ore; d) esposizione giornaliera a vibrazioni trasmesse al corpo intero A(8): [ms-2]: valore mediato nel tempo, ponderato, delle accelerazioni misurate per una giornata lavorativa nominale di otto ore. 17

18 Il D. lgs.. 81 /08 Articolo 201 Articolo Valori limite di esposizione e valori d azione 1. Ai fini del presente capo, si definiscono i seguenti valori limite di esposizione e valori di azione. a) per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio braccio: 1) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, è fissato a 5 m/s 2 ; mentre su periodi brevi è pari a 20 m/s 2 ; 2) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, che fa scattare l'azione, è fissato a 2,5 m/s 2. 18

19 Articolo Valori limite di esposizione e valori d azione b) per le vibrazioni trasmesse al corpo intero: 1) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, è fissato a 1,0 m/s 2 ; mentre su periodi brevi è pari a 1,5 m/s 2 ; 2) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, è fissato a 0,5 m/s 2. 2 Nel caso di variabilità del livello di esposizione giornaliero va considerato il livello giornaliero massimo ricorrente. Il D. lgs.. 81 /08 Articolo

20 Articolo Valutazione dei rischi Il D. lgs. 81 /08 Articolo Nell'ambito di quanto previsto dall articolo 181, il datore di lavoro valuta e, quando necessario, misura, i livelli di vibrazioni meccaniche cui i lavoratori sono esposti. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro) 20

21 Il D. lgs. 81 /08 Articolo 202 Articolo Valutazione dei rischi 2. Il livello di esposizione alle vibrazioni meccaniche può essere valutato mediante l'osservazione delle condizioni di lavoro specifiche e il riferimento ad appropriate informazioni sulla probabile entità delle vibrazioni per le attrezzature o i tipi di attrezzature nelle particolari condizioni di uso reperibili presso banche dati dell'ispesl o delle regioni o, in loro assenza, dalle informazioni fornite in materia dal costruttore delle attrezzature. 21

22 Il D. lgs. 81 /08 Articolo 202 Articolo Valutazione dei rischi Questa operazione [VALUTAZIONE MEDIANTE BANCHE DATI] va distinta dalla misurazione, che richiede l'impiego di attrezzature specifiche e di una metodologia appropriata e che resta comunque il metodo di riferimento. 22

23 Articolo Valutazione dei rischi Il D. lgs. 81 /08 Articolo L'esposizione dei lavoratori alle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio è valutata o misurata in base alle disposizioni di cui all' ALLEGATO XXXV, parte A. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro) 4. L'esposizione dei lavoratori alle vibrazioni trasmesse al corpo intero è valutata o misurata in base alle disposizioni di cui all' ALLEGATO XXXV, parte B. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro) 23

24 Articolo Valutazione dei rischi Il D. lgs. 81 /08 Articolo Ai fini della valutazione di cui al comma 1, il datore di lavoro tiene conto, in particolare, dei seguenti elementi: a) il livello, il tipo e la durata dell'esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a vibrazioni intermittenti o a urti ripetuti; b) i valori limite di esposizione e i valori d'azione specificati nell'articolo 201; c) gli eventuali effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rischio con particolare riferimento alle donne in gravidanza e ai minori; 24

25 Il D. lgs. 81 /08 Articolo 202 Articolo Valutazione dei rischi d) gli eventuali effetti indiretti sulla sicurezza e salute dei lavoratori risultanti da interazioni tra le vibrazioni meccaniche, il rumore e l'ambiente di lavoro o altre attrezzature; e) le informazioni fornite dal costruttore dell'attrezzatura di lavoro; f) l'esistenza di attrezzature alternative progettate per ridurre i livelli di esposizione alle vibrazioni meccaniche; g) il prolungamento del periodo di esposizione a vibrazioni trasmesse al corpo intero al di làl delle ore lavorative, in locali di cui è responsabile; 25

26 Articolo Valutazione dei rischi Il D. lgs. 81 /08 Articolo 202 h) condizioni di lavoro particolari, come le basse temperature, il bagnato, l elevata umidità o il sovraccarico biomeccanico degli arti superiori e del rachide; i) informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese, per quanto possibile, quelle reperibili nella letteratura scientifica. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro) 26

27 Il D. lgs.. 81 /08 Per la valutazione dell entità del rischio da vibrazioni il Testo Unico ha recepito in toto quanto stabilito dalle Norme ISO : ISO 2631:1997 vibrazioni al corpo intero ISO 5349:2007 vibrazioni al sistema manobraccio 27

28 Le vibrazioni al sistema mano-braccio Le vibrazioni al sistema mano-braccio sono state studiate molto di più negli anni e i fenomeni correlati sono molto più noti dal punto di vista medico (Raynaud, epicondiliti, S.T.C., etc.) Di contro la misurazione delle vibrazioni al sistema mano-braccio è molto più difficoltosa e può essere soggetta ad errori di grande entità da parte dell operatore e di difficile rinvenimento. 28

29 Vibrazioni mano-braccio calcolo del parametro A(8) 1/2 A(8) = A(w)sum (Te/8) 1/2 Te Durata complessiva giornaliera di esposizione a vibrazioni (ore) A(w)sum = (a 2 wx + a 2 wy + a 2 wz) 1/2 awx; awy; awz Valori r.m.s dell'accelerazione ponderata in frequenza (in m/s 2 ) lungo gli assi x, y, z (ISO : 2001) 29

30 Calcolo del parametro A(8) in presenza di più macchine In presenza di uso di più macchine durante la giornata lavorativa media, si deve stabilire il valore A(8) i per ogni macchina, ciascuno con il proprio valore di Tei, poi applicare la formula: 1/2 ) ( singola macchina A(8) = A(w)sum (Te/8) 1/2 30

31 La scheda del rischio in presenza di più macchine 31

32 La stima del rischio Vibrazioni mano-braccio Vibrazioni mano-braccio: il livello di esposizione si valuta con il calcolo del valore dell esposizione giornaliera normalizzato alle 8 ore A (8) ( D. lgs. 81/2008 ) Livello d'azione giornaliero di esposizione A(8) = 2,5 m / s 2 Valore limite giornaliero di esposizione A(8) = 5 m / s 2 32

33 Le misure di vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio Le misure delle vibrazioni al sistema mano-braccio sono caratterizzate da: Continue variazioni nella forza di prensione e / o di spinta dell utensile da parte dello stesso operatore (trapani, avvitatori, etc.) Variazioni nella forza di prensione e/o di spinta dell utensile in operatori diversi 33

34 Le misure di vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio Pertanto, a rigore, le misure di vibrazioni mano-braccio andrebbero ripetute per ogni caso, potendo essere la misura variabile in funzione della maggiore forza di presa e di altri parametri di interesse. Per compensare le differenze di spinta / prensione tra diversi operatori, ad esempio, necessiterebbe, ogni volta ponderare la misura con un dinamometro ed altri strumenti. 34

35 Errori nelle misure di vibrazioni mano-braccio Le misure delle vibrazioni al sistema mano-braccio sono inoltre caratterizzate da: possibili gravi errori di posizionamento del trasduttore di misura da parte di chi effettua la misura errori di fissaggio del trasduttore all utensile errori di tipo elettrico nelle connessioni del trasduttore allo strumento di misura (fenomeni dovuti alle connessioni dei sensori, DC-Shift, etc.) 35

36 STRUMENTI VIBRANTI ADEGUATAMENTE STIMATI Gli strumenti vibranti che notoriamente trasmettono vibrazioni al sistema mano-braccio in modo rilevante e presi di solito adeguatamente in considerazione sono: martelli pneumatici demolitori motoseghe levigatrici roto-orbitali 36

37 Gli strumenti vibranti che trasmettono vibrazioni al sistema mano-braccio in modo rilevante ma che sovente non vengono adeguatamente stimati sono: Avvitatori Decespugliatori STRUMENTI VIBRANTI NON ADEGUATAMENTE STIMATI In particolare vengono riportati tempi molto ridotti e poco verosimili di utilizzo 37

38 Dispositivi di protezione vibrazioni mano-braccio La norma di riferimento per i Dispositivi di Protezione Individuale in ambito vibrazioni al sistema mano-braccio è la UNI EN ISO (1998) dal titolo: Vibrazioni e urti meccanici - Vibrazioni al sistema mano-braccio - Metodo per la misurazione e la valutazione della trasmissibilità delle vibrazioni dai guanti al palmo della mano. 38

39 Guanti antivibrazioni La certificazione di un guanto come DPI antivibrazionale secondo la Norma UNI EN ISO (1998) non prevede che vengano fornite le curve di attenuazione delle vibrazioni nell intervallo di interesse igienistico (6, Hz) Può quindi accadere che un guanto in grado di fornire sufficiente attenuazione per un dato utensile vibrante non superi il test e, viceversa, che un guanto non idoneo a quell utensile utensile sia certificato come antivibrante 39

40 Spettri e trasmissibilita La norma sui dispositivi di protezione dalle vibrazioni distingue due spettri di frequenze di vibrazione: spettro M (medie frequenze, fra i 16 e 400 Hz) spettro H (alte frequenze, tra i 100 e 1600 Hz) Per entrambi gli spettri, M e H, viene calcolata la trasmissibilità o fattore di trasmissione del guanto 40

41 Dispositivi di protezione Un guanto può essere considerato antivibrazione quando: TRM < 1.0 e TRH < 0.6 tutte le dita del guanto hanno le stesse proprietà (materiali e spessore) della parte del guanto che ricopre il palmo della mano. TRM = trasm. media corretta per le medie freq. (spettro M) TRH = trasm. media corretta per le alte freq. (spettro H) 41

42 Grafico trasmissibilita frequenza Tutti i materiali indicati nel grafico iniziano ad attenuare a frequenze maggiori di circa 32 Hz. 42

43 Efficacia dei guanti I D.P.I. iniziano ad attenuare a freq. maggiori di circa 32 Hz TAB.1 Livelli di protezione minimi ottenibili dai guanti antivibrazione stimati, in accordo con la norma EN ISO (1998) FONTE: I. Pinto (dal sito ISPESL) Tipologia di utensile Utensili di tipo percussorio Scalpellatori- scrostatori Martelli rivettatori Martelli Perforatori Martelli Demolitori e Picconatori Trapani a percussione Avvitatori ad impulso Martelli Sabbiatori Cesoie e Roditrici per metalli Martelli piccoli scrostatori Utensili di tipo rotativo Levigatrici orbitali e roto-orbitali Seghe circolari e seghetti alternativi Smerigliatrici angolari e assiali Motoseghe Decespugliatori Attenuaz.(%) < 10% < 10% < 10% < 10% < 10% < 10% < 10% < 10% < 10% 40% - 60% 10% - 20% 40% - 60% 10% - 20% 10% - 20% 43

44 Riduzione del rischio vibrazioni mano-braccio Poiché i DPI anti-vibrazione non sono completamente efficienti ed in grado di proteggere adeguatamente i lavoratori, per riportare i livelli di esposizione al di sotto dei valori limite fissati dalla Legge e dalle Direttive CE, in molti casi la riduzione del rischio alla fonte è l unica misura da adottare. 44

45 Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve elaborare ed applicare un piano di lavoro volto a ridurre al minimo l esposizione, considerando in particolare: a) altri metodi di lavoro che richiedano una minore esposizione a vibrazioni b) scelta di attrezzature adeguate concepite nel rispetto dei principi ergonomici che producano il minor livello possibile di vibrazioni 45

46 Obblighi del datore di lavoro c) fornitura di attrezzature accessorie per ridurre i rischi di lesioni quali ad esempio i guanti anti-vibrazione d) adeguati programmi di manutenzione delle attrezzature di lavoro e del luogo di lavoro e) progettazione e assetto dei luoghi e dei posti di lavoro 46

47 Obblighi del datore di lavoro f) Adeguato addestramento specifico dei lavoratori per l utilizzo corretto e sicuro delle attrezzature di lavoro, e in particolare: corrette modalità di prensione e di impugnatura degli utensili adozione di procedure di lavoro idonee al riscaldamento delle mani prima e durante il turno di lavoro esercizi e massaggi alle mani da effettuare durante le pause di lavoro limitazione della durata e intensità dell esposizione orari di lavoro adeguati con appropriati periodi di riposo fornitura di indumenti di protezione dal freddo e dall umidità. 47

48 Le vibrazioni trasmesse al corpo intero Le vibrazioni al corpo intero presentano ancora aspetti non chiariti. Da studi si evince che il ruolo delle vibrazioni nella etiologia delle alterazioni del rachide lombare non è ancora completamente evidenziato. La guida di macchine o veicoli comporta non solo l esposizione a vibrazioni dannose, ma anche a fattori di stress ergonomico (prolungata postura assisa o frequenti movimenti di flessione e torsione del rachide) 48

49 Il rischio da vibrazioni al corpo intero Studi di biodinamica hanno tuttavia evidenziato, tra i possibili meccanismi di lesioni all apparato muscolo-scheletrico del rachide, il sovraccarico meccanico dovuto a fenomeni di risonanza della colonna vertebrale nell intervallo di frequenza delle vibrazioni tra 3 e 10 Hz (camion, furgoni, etc.). Le conseguenze sono danni strutturali a carico dei corpi vertebrali, dischi ed articolazioni intervertebrali. 49

50 Patologie da vibrazioni al corpo intero Inoltre, dagli studi epidemiologici risulta una maggior occorrenza di lombalgie e lombosciatalgie spondilartrosi, spondilosi, discopatie e ernie discali nei conducenti dei veicoli industriali e di mezzi di trasporto rispetto a gruppi di controllo non esposti a vibrazioni meccaniche. 50

51 Patologie da vibrazioni al corpo intero Vi è, inoltre, una sufficiente evidenza epidemiologica che il rischio di insorgenza di patologie del rachide lombare aumenta con l aumentare della durata dell intensità delle esposizione a vibrazioni trasmesse al corpo intero. 51

52 Le misure di vibrazioni trasmesse al corpo intero Si rende necessaria una valutazione per analisi in frequenza, caso per caso bisogna conoscere la regione di ingresso, la direzione di azione, la durata, e l accelerazione. l 52

53 Vibrazioni corpo intero calcolo del parametro A(8) La valutazione del livello di esposizione alle vibrazioni trasmesse al corpo intero si basa principalmente sulla determinazione del valore di esposizione giornaliera normalizzato ad 8 ore di lavoro, A(8) (m/s2), calcolato sulla base del maggiore dei valori numerici dei valori quadratici medi delle accelerazioni ponderate in frequenza, determinati sui tre assi ortogonali: A(w,max) = max {1.4 a wx, 1.4 awy, awz } 1/2 A(8) = A(w,max max) (Te/8) 1/2 Te: Durata complessiva giornaliera di esposizione a vibrazioni (ore) awx; awy; a wz: Valori r.m.s dell'accelerazione ponderata in frequenza (in m/s2) lungo gli assi x, y, z (ISO : 1997) 53

54 Calcolo del parametro A(8) in presenza di più macchine Anche per le vibrazioni a corpo intero, in presenza di uso di più macchine durante la giornata lavorativa media, si deve stabilire il valore A(8) i per ogni macchina, ciascuno con il proprio valore di Tei, poi applicare la formula: 1/2 ) ( singola macchina A(8) = A(w,max max) (Te/8) 1/2 54

55 La scheda del rischio in presenza di più macchine 55

56 La stima del rischio VibrazioniCorpointero Vibrazioni Corpo intero : il livello di esposizione si valuta mediante il calcolo del valore dell esposizione giornaliera normalizzato alle 8 ore A (8) ( D. lgs. 81/2008 ) Livello d'azione giornaliero di esposizione A(8) = 0,5 m / s 2 Valore limite giornaliero di esposizione A(8) = 1 m / s 2 Il Valore limite giornaliero di esposizione su periodi brevi e' pari a 1,5 m/s 2 56

57 Problematiche connesse all uso delle Banche Dati Le misure di vibrazioni al sistema mano-braccio sono soggette a rilevanti errori da parte del misuratore e per via della variabilità delle forze in gioco, sono anche più difficili da effettuare Le misure di vibrazioni al corpo intero hanno carattere di maggiore ripetibilità e sono più facili da effettuare. Necessitano tuttavia di analisi dello spettro in frequenza, che non sono mai riportate nelle Banche Dati (salvo casi particolari). 57

58 GRAZIE PER L ASCOLTO 58

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio

Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Vibrazioni trasmesse al corpo intero: l evoluzione tecnologica nelle azioni preventive e casi studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione)

Dettagli

Capo II. Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro

Capo II. Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro articolo. Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro Art. 198. Linee Guida per i settori della musica delle attivita' ricreative e dei call center 1. Su

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 2 4 novembre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE?? La VIBRAZIONE

Dettagli

DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione

DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione ing. Guido Saule 1 DEFINIZIONI La vibrazione meccanica è il movimento oscillatorio di un corpo attorno alla posizione di equilibrio, conseguente all azione di una forza variabile nel tempo. 2 PREMESSA

Dettagli

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO

STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO STIMA DEL RISCHIO: BANCHE DATI, VALORI FORNITI DAI COSTRUTTORI E MISURE SUL CAMPO PIETRO NATALETTI ISPESL Dipartimento Igiene del Lavoro Alessandria, 16 giugno 2010 Articolo 202 Valutazione dei rischi

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia Agenti fisici 1 Titolo VIII (art. 180) Definizioni e Campo di applicazione Per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, i campi elettromagnetici,

Dettagli

Il rischio vibrazioni

Il rischio vibrazioni Il rischio vibrazioni Il D. Lgs. 187/05 e la sua integrazione nel processo di valutazione dei rischi Dr. Franco Zanin SPISAL - Az. ULSS 6 Vicenza Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni meccaniche

Dettagli

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione

I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione I RISCHI FISICI Rumori Vibrazioni Microclima - Illuminazione Nei cantieri edili, si possono individuare alcune tipologie di rischio nel campo dell igiene del lavoro legati all uso di macchine e attrezzature.

Dettagli

VIBRAZIONI MECCANICHE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca

VIBRAZIONI MECCANICHE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca VIBRAZIONI MECCANICHE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 187(N), recante attuazione della Direttiva 2002/44/CE(N) sulle prescrizioni minime di sicurezza e di

Dettagli

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività.

Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. Prof. Stefano Lonati Il rischio vibrazioni è legato principalmente a determinate mansioni che un lavoratore svolge nella sua attività. L uso di macchinari vibrogeni può riscontrarsi: nei cantieri edili

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO 1 VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO-BRACCIO E' noto che l esposizione umana a vibrazioni meccaniche può rappresentare

Dettagli

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008

Vibrazioni. Decreto Legislativo 81/2008 Vibrazioni Decreto Legislativo 81/2008 D. lgs. n. 81 del 09 aprile 2008 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell articolo 1 della legge n. 123 del 3 agosto 2007, in materia di tutela

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIBRAZIONI MANO BRACCIO Azienda Sede BLUCAR COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via Diaz 18 Datore di lavoro Rossi Paolo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione De

Dettagli

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI Iole Pinto Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena 1. Introduzione Il D.L. 9 Aprile 2008 n. 81 titolo

Dettagli

Il nuovo testo unico sulla prevenzione: prime esperienze relative al rischio vibrazioni

Il nuovo testo unico sulla prevenzione: prime esperienze relative al rischio vibrazioni Il nuovo testo unico sulla prevenzione: prime esperienze relative al rischio vibrazioni Dott. Stefano Battistini ASL RM H EFFETTI DELLE VIBRAZIONI MECCANICHE Le osteoangioneurosi da vibranti costituiscono

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 03 ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE IL PROGRAMMA DELLE MISURE TECNICHE

Dettagli

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI

Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy 626VIBRAZIONI VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI ALLE VIBRAZIONI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 187 Gruppo Infotel

Dettagli

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro LA SINDROME DA VIBRAZIONI MANO-BRACCIO Vibrazioni meccaniche nei luoghi di lavoro: stato della normativa IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE

LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE LE VIBRAZIONI GENERALITÀ PRINCIPALI SORGENTI DESCRITTORI DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza

Dettagli

SORGENTI DI RISCHIO: VIBRAZIONI MANO-BRACCIO

SORGENTI DI RISCHIO: VIBRAZIONI MANO-BRACCIO LE VIBRAZIONI MECCANICHE Le attività lavorative svolte a bordo di mezzi di trasporto o di movimentazione espongono il corpo a vibrazioni o impatti che possono risultare nocivi per i soggetti esposti. Le

Dettagli

Vibrazioni Meccaniche

Vibrazioni Meccaniche AGENTI FISICI AGENTI FISICI Vibrazioni Meccaniche Vibrazioni Meccaniche Anno 2010 Vibrazioni v.02 1 PREMESSA MALATTIE CAUSATE DA VIBRAZIONI MECCANICHE TRASMESSE AL SISTEMA MANO BRACCIO AGRICOLTURA LAVORAZIONI

Dettagli

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni

Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni Guida all utilizzo della Banca Dati Vibrazioni SOMMARIO 1. Scopo della Banca Dati Vibrazioni 2. Decreto Legislativo n. 187 del 19 agosto 2005 2.1 Ambito d applicazione 2.2 Obblighi prescritti dal Decreto

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SENZA MISURAZIONI BANCA DATI ISPESL E DATI DEL COSTRUTTORE A cura di Claudio Arcari e Mariacristina Mazzari Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Piacenza Piacenza, 9 marzo

Dettagli

I rischi da Vibrazioni

I rischi da Vibrazioni I rischi da Vibrazioni Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) 1 Vibrazioni rischi Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: Hand-Arm Vibration HAV Vibrazioni trasmesse al corpo intero:

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONE MECCANICHE IN UNA AZIENDA ELETTROMECCANICA Applicazione del Decreto Legislativo n 187 del 19 agosto 2005 a cura dell ing. L. CHESI Resp. Qualità,

Dettagli

UN NUOVO FATTORE DI RISCHIO?

UN NUOVO FATTORE DI RISCHIO? I danni da vibrazioni trasmesse al sistema manobraccio e al corpo intero dott. Pierantonio Zanon UN NUOVO FATTORE DI RISCHIO? DPR 303/56 Articolo 24 (Rumori e scuotimenti) Nelle lavorazioni che producono

Dettagli

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI. Iole Pinto VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI Iole Pinto AUSL 7 di Siena Dipartimento di Prevenzione, U.F. Igiene e Tossicologia - Settore Agenti Fisici Strada di Ruffolo 53100 Siena (Italy) e_mail:

Dettagli

!"#" $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71

!# $ $ $ / (() - + + 0 + 0 & + 0 & Pagina 1 di 71 "" Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate e le eventuali sostanze utilizzate. I rischi sono stati analizzati in riferimento

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6

Rischio vibrazioni. Introduzione. Generalità sul rischio da vibrazioni. scheda 05 1/6 05 Rischio vibrazioni Introduzione Si ricorda che ai sensi dell art. 6 del D.Lgs 187/05 è necessario informare i lavoratori esposti a vibrazioni meccaniche, come previsto dagli artt. 21 e 22 del D.Lgs

Dettagli

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi

La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi Modulo A 2-4.3. La valutazione del rischio Vibrazione ed i suoi aspetti applicativi E-mail: luigi.chiarenza@alice.it - Cell. 392.256.11.21 In collaborazione con Organizzato da 23/05/2015 Vibrazioni Le

Dettagli

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI

Collana MultiCompact. Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI SOFTWARE Collana MultiCompact Sicurezza, qualità e privacy VIBRAZIONI Redazione e calcolo dell esposizione dei lavoratori ai rischi da vibrazioni meccaniche con il software Blumatica VIBRAZIONI Lt Seconda

Dettagli

Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio

Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: evoluzione dei dispositivi di protezione, azioni preventive e casi-studio Ing. Maurizio Muratore INAIL Friuli V. Giulia - CONTARP (Consulenza Tecnica Accertamento

Dettagli

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive.

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive. AGENTI FISICI IL RUMORE INTRODUZIONE Il rumore negli ambienti di lavoro è ormai diventato uno dei problemi più importanti tra quelli compresi nell igiene del lavoro. La continua meccanizzazione della produzione

Dettagli

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca VIBRAZIONI E MALATTIE MUSCOLO SCHELETRICHE PROGETTO VIBRISKS Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca I disturbi muscolo scheletrici da sovraccarico biomeccanico si sviluppano quando le forze carichi ) che

Dettagli

Vibrazioni corpo intero

Vibrazioni corpo intero Vibrazioni corpo intero Le vibrazioni che interessano maggiormente l intero corpo hanno frequenze comprese tra 1 e 80 Hz. La sensibilità massima si ha per la direzione longitudinale Z nella gamma di frequenze

Dettagli

CANTIERE: Via Don Sapino ang. via G. Prati, Venaria (TO)

CANTIERE: Via Don Sapino ang. via G. Prati, Venaria (TO) ALLEGATO B Comune di Venaria Provincia di TO ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.

Dettagli

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011 NORME DI CARATTERE GERALE Codice UNI/TR 11232-1:2007 UNI/TR 11232-2:2007 UNI ISO/TR 14121-2:2010 UNI 1005-1:2009 UNI 1005-2:2009 UNI 1005-3:2009 UNI 1005-4:2009 UNI 1032:2009 UNI 1032:2009 UNI 1037:2008

Dettagli

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni Cap 12 - Misure di vibrazioni Le vibrazioni sono poi da sempre uno strumento di diagnostica di macchine e sistemi meccanici 1 Le direttive CEE 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE, obbliga tutti

Dettagli

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori

Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Rischio vibrazioni Come proteggere la salute dei lavoratori Nella vostra azienda si utilizzano apparecchi, macchinari o veicoli che generano vibrazioni? Siete responsabili della tutela della salute e vi

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria. Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture

Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria. Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture Provincia dell Ogliastra Amministrazione straordinaria Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI tel. 0782 473600 fax 0782 41053 via Mameli 08048 TORTOLÌ tel. 0782 600900

Dettagli

DPI per rumore e vibrazioni

DPI per rumore e vibrazioni DPI per rumore e vibrazioni Otoprotettori Eliminazione del rischio Guanti antivibranti Riduzione del rischio in relazione al tipo di utensile I normali guanti di lavoro amplificano le vibrazioni 1 Guanti

Dettagli

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI

RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI INCONTRO DEL 9 E 10 MAGGIO 2013 RISCHI FISICI RUMORE & VIBRAZIONI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs.n 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012

Dettagli

Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008. Settore Prevenzione e Protezione Università

Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008. Settore Prevenzione e Protezione Università Gli aspetti legislativi relativi al rischio rumore Titolo VIII Capo II D.Lgs. 81/2008 Settore Prevenzione e Protezione Università Introduzione D.Lgs. 15/08/1991 n. 277 Capo IV - Protezione dei lavoratori

Dettagli

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali.

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali. Organo: INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI - SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE - CONSULENZA TECNICA ACCERTAMENTO RISCHI E PREVENZIONE Documento: Circolare n. 25 del 15 aprile 2004.

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO VIBRAZIONI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni

D.Lgs. 81/08. Rischi di esposizione a vibrazioni Rischi di esposizione a vibrazioni Definizioni Normativa D.Lgs. 81/08 titolo VIII capo III a) vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al sistema manobraccio

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PROGETTO DI ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA GRAN GALA REALE PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (D.Lgs 9 Aprile 2008 n. 81, art. 100 e Allegato XV) Valutazione dei rischi PROGETTO

Dettagli

CONVEGNO LE MALATTIE PROFESSIONALI:

CONVEGNO LE MALATTIE PROFESSIONALI: ANMIL CONVEGNO SOSTENIAMOLI SUBITO LE MALATTIE PROFESSIONALI: FENOMENOLOGIA, TUTELE E PROSPETTIVE EVOLUTIVE ROMA, SALA CONVEGNI ANMIL 14 DICEMBRE 2011 GIUSEPPE CIMAGLIA 1 OCCUPATI/DENUNCIE 2010 AGRICOLTURA

Dettagli

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca

RUMORE. Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca. Delucis LSP Lucca RUMORE Cinzia Delucis LSP USL2 Lucca Cos è il suono Si consideri un qualunque mezzo fisico.. Si supponga che, per un qualunque processo, una particella del mezzo cominci ad oscillare attorno alla sua posizione

Dettagli

Rumore: nozioni generali

Rumore: nozioni generali Rumore: nozioni generali Pietro Nataletti INAIL (Dipartimento Igiene del Lavoro ex ISPESL) p.nataletti@inail.it Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione

Dettagli

Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole

Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA Produzione documentale tecnica sulla problematica delle vibrazioni connessa all uso delle macchine agricole Roma, marzo 2005 Dott. Antonella Covatta CIA Confederazione

Dettagli

Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9

Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9 Corso per RSPP ATECO 3-4-5-6-7-8-9 LEZIONE ARGOMENTO Durata Docente RC1 Data: 2 Rischi chimici e Cancerogeni Mutageni Introduzione a. Inquadramento normativo b. Termini e definizioni RC2 Data: 2 Rischi

Dettagli

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi)

La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi) La patologia muscolo-scheletrica (colonna vertebrale, arti) da sovraccarico lavorativo (movimentazione manuale carichi, movimenti ripetitivi). L argomento della patologia da sovraccarico biomeccanico lavorativo

Dettagli

Comune di Bariano Provincia di Bergamo FORMAZIONE NUOVO SOTTOPASSO DI COLLEGAMENTO CICLABILE TRA MORENGO ROMANO DI LOMBARDIA E BARIANO

Comune di Bariano Provincia di Bergamo FORMAZIONE NUOVO SOTTOPASSO DI COLLEGAMENTO CICLABILE TRA MORENGO ROMANO DI LOMBARDIA E BARIANO Comune di Bariano Provincia di Bergamo FORMAZIONE NUOVO SOTTOPASSO DI COLLEGAMENTO CICLABILE TRA MORENGO ROMANO DI LOMBARDIA E BARIANO MISURA DI MITIGAZIONE/COMPENSAZIONE N 5 ALLEGATO 1 CONVENZIONE Committente

Dettagli

LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE. Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza.

LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE. Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza. LINEE GUIDA EUROPEE PER L APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/44/CE Mariacristina Mazzari, Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica, AUSL di Piacenza. 1 - INTRODUZIONE Le linee guida di buona pratica

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili

Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni Attrezzature portatili o trasportabili Tabella A/1 Vibrazioni al sistema mano-braccio. Valutazioni senza misurazioni 16 7 X/Y Avvitatrici pneumatiche Bussola per dadi 28662-7 13 28 17 X Bocciardatrici pneumatiche o martelli pneumatici scalpellatori

Dettagli

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi)

Classificazione dei Sensori. (raccolta di lucidi) Classificazione dei Sensori (raccolta di lucidi) 1 Le grandezze fisiche da rilevare nei processi industriali possono essere di varia natura; generalmente queste quantità sono difficili da trasmettere e

Dettagli

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6

CORSI RSPP/ASPP Mod. B sett. 3-4-5-6 Programma Generale corso RSPP mod. B Macrosettori: RSPP B (at. 3, edilizia, escavazione - 60 ore) RSPP B (at. 4, manifatturiero - 49 ore) RSPP B (at. 5, chimico - 69 ore) RSPP B (at. 6, trasporti - 26

Dettagli

continua equivalente su 8 ore, calcolata come il più

continua equivalente su 8 ore, calcolata come il più WBV Parametro descrittore del rischio D.Lgs Lgs.. 187/05, all. IB La valutazione del livello di esposizione alle vibrazioni si basa sul calcolo dell'esposizione giornaliera A (8) espressa come l'accelerazione

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

Malattie del rachide da sovraccarico biomeccanico. Modalità di trattazione delle pratiche.

Malattie del rachide da sovraccarico biomeccanico. Modalità di trattazione delle pratiche. Malattie del rachide da sovraccarico biomeccanico. Modalità di trattazione delle pratiche. Quadro Normativo - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: Testo Unico delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria

Dettagli

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Fabio Baronio Laboratorio di Campi Elettromagnetici e Fotonica,

Dettagli

OGGETTO: LAVORI PRESSO AREA DENOMINATA EX PASTIFICIO GHIGI - RIMOZIONE AMIANTO COMMITTENTE: COMUNE DI RIMINI

OGGETTO: LAVORI PRESSO AREA DENOMINATA EX PASTIFICIO GHIGI - RIMOZIONE AMIANTO COMMITTENTE: COMUNE DI RIMINI ALLEGATO B Comune di RIMINI Provincia di RIMINI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO- pag. BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Linee guida per la prevenzione dei disturbi e delle patologie da esposizione a vibrazioni meccaniche negli ambienti di lavoro

Linee guida per la prevenzione dei disturbi e delle patologie da esposizione a vibrazioni meccaniche negli ambienti di lavoro Linee guida per la prevenzione dei disturbi e delle patologie da esposizione a vibrazioni meccaniche negli ambienti di lavoro (da: Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del Medico del

Dettagli

CANTIERE: VIA VERDI N. 2, TRESCORE CREMASCO (CR)

CANTIERE: VIA VERDI N. 2, TRESCORE CREMASCO (CR) ALLEGATO B Comune di TRESCORE CREMASCO Provincia di CR ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n.

Dettagli

VIBRAZIONE DELLE MACCHINE

VIBRAZIONE DELLE MACCHINE ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info Le vibrazioni i i nei cantieri i VIBRAZIONE DELLE MACCHINE Possiamo chiamare vibrazione del macchinario una complessa forma di movimento provocata da molteplici

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Bordighera Provincia di IMPERIA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: INTERVENTI

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO B Comune di Salice Salentino (LE) Provincia di Lecce ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Servizi

Dettagli

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale

La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Rumore e vibrazioni meccaniche nel testo unico sulla sicurezza negli ambienti di lavoro Alessandria, 15 e 16 giugno 2010 La problematica della gestione dei rischi fisici nel settore agro forestale Dr.

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "EINSTEIN" Torino (TO) La movimentazione manuale dei carichi Note informative per la sicurezza e la salute sul lavoro Decreto Legislativo n. 9 aprile 2008 n. 81 Procedura

Dettagli

LA COLONNA VERTEBRALE IN PERICOLO

LA COLONNA VERTEBRALE IN PERICOLO ISPESL Istituto Superiore per la Prevenzione E la Sicurezza del Lavoro LA COLONNA VERTEBRALE IN PERICOLO Vibrazioni meccaniche nei luoghi di lavoro: stato della normativa A cura di: Annamaria Faccini,

Dettagli

Tutto questo nel rispetto della direttiva 2002/44 CE rafforzata dall attuale decreto DL 19.08.05 No. 187.

Tutto questo nel rispetto della direttiva 2002/44 CE rafforzata dall attuale decreto DL 19.08.05 No. 187. Valutazione del rischio vibrazioni in relazione al Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 187 1 INTRODUZIONE Trattando il complesso fenomeno dell insorgenza delle malattie professionali relative a fattori

Dettagli

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI

La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI La valutazione del rischio RUMORE E VIBRAZIONI Il suono è una perturbazione meccanica emessa da una sorgente che si propaga in un mezzo elastico (gas, liquido, solido) sotto forma di vibrazioni e che è

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE. Metodi di analisi per aziende edili. Ing. Stefano Bernardinello

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE. Metodi di analisi per aziende edili. Ing. Stefano Bernardinello LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE Metodi di analisi per aziende edili Ing. Stefano Bernardinello Tecnico Competente in Acustica Ambientale Tecnico rischi agenti fisici del

Dettagli

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI A cura di Norberto Canciani Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI - definizioni e campo di applicazione - Agenti fisici: rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche,

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro

Componenti ISPESL. con funzioni di Presidente del Gruppo di Lavoro. con funzioni di vice Presidente del Gruppo di Lavoro Gruppo di Lavoro nazionale per la predisposizione di procedure operative standardizzate per la valutazione del rischio da rumore e vibrazioni in ambienti di lavoro Componenti ISPESL Dr. Francesco Benvenuti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive IL NUOVO TESTO UNICO sulla SICUREZZA del LAVORO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive G. Luzzana - S. Piazzolla E. Arsuffi A. Angeretti SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

Modulo Protezione Lavoratori

Modulo Protezione Lavoratori Modulo Protezione Lavoratori Il modulo Protezione Lavoratori viene utilizzato per raccogliere ed elaborare i rilievi di rumore e di vibrazioni effettuati negli ambienti di lavoro. Verifica dell esposizione

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Patologia del rachide da fattori biomeccanici e da vibrazioni 1 of 113 La dimensione del problema Le affezioni cronico-degenerative

Dettagli

TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 180 Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni,

Dettagli

VIBRAZIONI. Che cos è la vibrazione. Fonti di pericolo. Danni

VIBRAZIONI. Che cos è la vibrazione. Fonti di pericolo. Danni Che cos è la vibrazione Le vibrazioni meccaniche sono prodotte dal movimento di un corpo attorno alla sua posizione di riferimento; il numero delle oscillazioni nell unità di tempo è chiamata frequenza.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO INDICE 1 PREMESSA pag. 4 2 PARTE I - VIBRAZIONI TRASMESSE AL pag. 6 SISTEMA MANO-BRACCIO 2.1 IDENTIFICAZIONE E CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni (D.Lgs. 81/08 Titolo VIII)

Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni (D.Lgs. 81/08 Titolo VIII) Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni (D.Lgs. 81/08 Titolo VIII) Art. 199. - Campo di applicazione 1. Il presente capo prescrive le misure per la tutela della salute e della

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA Il suono si propaga attraverso onde elastiche longitudinali, per la cui descrizione fisica le grandezze di base sono, come per tutti i fenomeni ondulatori, frequenza, ampiezza

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P nella SCUOLA IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 26 ottobre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE??

Dettagli

IL RUMORE malattia professionale Che cos è il RUMORE Incidenza delle principali malattie professionali in Italia, anni 1995-1999 Asbestosi [8%]

IL RUMORE malattia professionale Che cos è il RUMORE Incidenza delle principali malattie professionali in Italia, anni 1995-1999 Asbestosi [8%] Decreto Legislativo 81/2008 Titolo VIII Agenti fisici Capo 2 Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro IL RUMORE Il rumore è causa di danno (ipoacusia, sordità)

Dettagli

RIFERIMENTI LEGISLATIVI. Titolo VI - Capo I MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Disposizioni generali Art. 167. Campo di applicazione

RIFERIMENTI LEGISLATIVI. Titolo VI - Capo I MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Disposizioni generali Art. 167. Campo di applicazione RIFERIMENTI LEGISLATIVI Titolo VI - Capo I MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Disposizioni generali Art. 167. Campo di applicazione Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative di

Dettagli

Rumore, Vibrazioni, Illuminazione

Rumore, Vibrazioni, Illuminazione Convegno Az. USL RM H Il nuovo Testo Unico sulla prevenzione aggiornato al D.Lgs. 106/2009: indicazioni per i dirigenti Albano, 13, 15 aprile 2010 Rumore, Vibrazioni, Illuminazione Dott. Pietro Nataletti

Dettagli

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO

CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO CORRETTA POSTAZIONE DI LAVORO Nelle pause di lavoro (ufficiali e non) evitare di rimanere seduti e di impegnare la vista (es. leggendo il giornale o navigando su Internet) Art.175 D.Lgs.81 - Pause stabilite

Dettagli

Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze.

Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze. Malattie professionali da agenti fisici: i dati, le tendenze. Laura Filosa Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione - INAIL MERCOLEDI 7 MARZO GIOVEDI 8 MARZO M. P. DA AGENTI FISICI Novità legislative

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica

Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Laboratorio di onde II anno CdL in Fisica Introduzione Le onde stazionarie presenti su una corda vibrante, quando la stessa è messa in moto da una forza impulsiva, dopo un iniziale transiente, possono

Dettagli

A6.5 VIBRAZIONI. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica

A6.5 VIBRAZIONI. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO A Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole VIBRAZIONI MODULO A Unità didattica A6.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Definizione Le vibrazioni sono oscillazioni

Dettagli