Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti"

Transcript

1 Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Progettazione funzionale e dimensionamento degli Interporti Requisiti e destinazioni d uso di macro-aree Funzioni e servizi Requisiti fondamentali per un area interportuale (1/3) Interscambio/Trasbordo Area per terminale intermodale Impianti ferroviari Sosta delle Unità di Trasporto Intermodale Area per terminale intermodale Aree di stoccaggio a temperatura controllata delle derrate deperibili Sosta delle Unità di Carico Area per magazzini Servizi complementari alle merci Aree per aziende di spedizione Aree per corrieri, operatori trasp. merci e logistica Area per magazzini generali Area doganale 2

2 Requisiti e destinazioni d uso di macro-aree Funzioni e servizi Requisiti fondamentali per un area interportuale (2/3) Servizi complementari ai mezzi Aree di sosta Officine per veicoli e vendita ricambi Officine per riparazione di casse mobili e container Stazione di rifornimento Servizi complementari alle persone Hotel/motel Ristorante Bar con sale relax e riposo Servizio medico Lavanderia Area per lo shopping Sportello di Camera di Commercio Ufficio postale 3 Requisiti e destinazioni d uso di macro-aree Funzioni e servizi Requisiti fondamentali per un area interportuale (3/3) Funzioni ausiliarie Area riservata alla viabilità Uffici dell interporto (centro direzionale) Uffici per le assicurazioni Presidio di pubblica sicurezza o sorveglianza privata Vigili del fuoco Soccorso stradale Aree di rispetto e zone vincolate 4

3 Dimensioni delle macro-aree Aree complessivamente dedicate ad attività intermodali Interscambio e sosta breve: m 2 Terminale intermodale: m 2 Superfici destinate ai servizi alle merci Magazzini coperti: m 2 Spedizionieri: 25 m 2 /t Movimentazione media per azienda insediata t/anno, con una movimentazione ipotizzata di di tonnellate ogni m 2 di magazzini coperti. 5 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale L Agenzia delle Dogane, dipendente dal Ministero dell Economia e delle Finanze, è un ente pubblico preposto al controllo dell entrata e dell uscita delle merci dal territorio nazionale. L art. 63 del Dlgs 300/1999 specifica le competenze dell Agenzia delle Dogane (Dogana), che deve svolgere i servizi relativi a: amministrazione; riscossione e contenzioso dei diritti doganali; riscossione fiscalità interna negli scambi internazionali; riscossione delle accise sulla produzione e sui consumi. 6

4 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale Ogni merce deve essere classificata attraverso la Tariffa Doganale Armonizzata (HTS), un codice internazionale di 6 cifre diviso in Sezioni e Capitoli ordinati per tipologia merce (ad esempio, il codice doganale HTS comprende, in tutto il mondo, i pantaloni lunghi, gli shorts, e le salopette di cotone per donna); ogni Stato può suddividere ulteriormente le merci comprese in queste voci. La Tariffa europea prende il nome TARIC, con codici di 10 cifre. L Agenzia delle Dogane cura la Tariffa Doganale d uso Integrata (AIDA), che fornisce i dati ufficiali, storici, attuali e previsti, per i codici TARIC. 7 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale Esportazione. La Dogana ha il compito di controllare che le merci siano di libera esportazione, non soggette pertanto a vincoli specifici o a preventive autorizzazioni da parte di altri organi preposti, con il conseguente rilascio della Bolla Doganale, che notifica la correttezza della spedizione ed utilizzabile quale giustificazione della mancata applicazione dell IVA. Importazione. La Dogana, oltre che al controllo delle regolarità del traffico, è preposta all incasso degli oneri doganali. Previa la catalogazione delle merci in base alla Tariffa Doganale, è necessario accertarne l origine, controllando se si tratta di libera importazione, importazione contingentata a licenza o vietata, oppure se si tratta di merce soggetta a strettissime formalità autorizzative (es. armi). 8

5 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale Transito. Nel caso di merci transitanti attraverso il territorio dello Stato, arrivate dall estero e destinate ad altra Nazione (o anche ad altra dogana italiana), la Dogana deve accertare che il materiale non venga illegalmente posto sul mercato, emettendo una Bolla Doganale di Transito. Un soggetto del trasporto, normalmente uno spedizioniere, prende l impegno, anche con garanzie economiche, che la merce giungerà alla destinazione dichiarata, per garantire da possibili illegalità (ad esempio, merci arrivate temporaneamente e immesse sul mercato senza liquidazione dei diritti doganali e dell IVA). 9 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale Dimensionamento Per un interporto di circa 2 milioni di m 2, gli spazi adibiti al centro doganale sono: m 2 10

6 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle merci: centro doganale Dimensionamento Aree destinate a controllo e sicurezza Superficie Piattaforma doganale - Piazzali di manovra ed altri parcheggi m 2 - Parcheggi scoperti minimi m 2 - Parcheggi coperti minimi m 2 - Depositi doganali (magazzini) m 2 - Uffici e sezione doganale m 2 Totale centro doganale ~ m 2 - Caserma per la Guardia di Finanza m 2 - Caserma Vigili del Fuoco m 2 Totale superfici ~ m 2 11 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ai mezzi: parcheggio Offerta di parcheggio diversificata in aree di sosta (a libero uso o controllate), parcheggio doganale, parcheggio per rifornimento di carburante e per manutenzione. Integrazione dei servizi di assistenza per i conducenti di automezzi, con attrazione del traffico pesante da strade adiacenti o aree limitrofe, per la sicurezza dei carichi. 12

7 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ai mezzi: parcheggio Autovetture Veicoli pesanti 13 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ai mezzi: parcheggio autovetture Spazio di parcheggio e manovra per automobili di medie dimensioni m 2 /autovettura. Il numero di autovetture è, in genere, funzione del numero di addetti: n.addetti/posto autovettura Superficie coperta < 250 m 2 2,5 250, < 400 m , < 1000 m 2 3, m 2 4 Tali spazi corrispondono a m 2. 14

8 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ai mezzi: parcheggio veicoli pesanti Spazio di parcheggio e manovra m 2 /autotreno. Tali spazi corrispondono a m 2, di cui m 2 dedicati alla sosta di veicoli pesanti. 15 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ai mezzi: centro di assistenza ai mezzi Aree destinate al servizio dei veicoli Superficie Centro di assistenza per i mezzi m 2 -Pronto intervento per veicoli pesanti ed autovetture, m 2 magazzino, elettrauto, gommista, lavaggio e uffici -Distribuzione carburanti, lavaggio cisterne, autolavaggio -Sala officina coperta con riparazione di unità di trasporto intermodale (container, casse mobili, semirimorchi) m m 2 - Verde e viabilità m 2 16

9 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari alle persone Conducenti: Bar, tavola calda, sale relax, riposo diurno, lavanderia; Operatori: Alberghi, ristoranti, sale riunioni, ecc. Esempio di dimensionamento: Motel / hotel : 200 letti Mensa e ristorante: m 2, più m 2 di piazzale Bar, tavola calda, sale ristoro: ciascuna da 500 m 2 Servizi bancari e assicurativi: m 2 17 Dimensioni delle singole aree Servizi complementari ausiliari Aree di supporto al corretto funzionamento dell interporto: Uffici amministrativi e commerciali; Centri di interesse tecnico e documentazione; Attrezzature per l igiene e la sanità; Impianti; Altre attrezzature d interesse comune. Tali aree sono frammentate su più piani di una palazzina situata in posizione baricentrica rispetto all interporto, per m 2 di superfici, comprensive di aree destinate ad archivi e magazzini. 18

10 Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Spazio custodito entro il quale vengono depositate le UTI in attesa di carico o dopo il loro arrivo al terminale. 20

11 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI 50 m 400 m Area ferro Area stoccaggio Area strada 21 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Dato un determinato layout è possibile calcolare la capacità di traffico C dell area di stoccaggio in termini di TEU/anno come segue: dove: C = N c è la capienza dell area di stoccaggio in termini di numero di TEU; r è l indice di rotazione media annua degli stalli, cioè il numero medio di volte che essi vengono occupati da container diversi: N C r r = 1 T m in cui T m è il tempo medio di sosta di un contenitore (in anni). 22

12 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI La capienza dell area di stoccaggio N c, in termini di numero di TEU, è determinata attraverso la relazione: dove: N c = N S H N S è il numero di stalli (o slots) contenuti nell area di stoccaggio; H m è il numero medio di UTI accatastabili l una sull altra. m 23 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Il numero di stalli (o slots) contenuti nell area di stoccaggio N S calcolato come segue: dove: N S complessiva A complessiva è la superficie dell area di stoccaggio; a è l area media occupata dalla singola UTI ( 18 m 2 ). = A a è 24

13 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI A parità di larghezza L, la capacità dell area di stoccaggio dipende: dalla profondità B; dalla tipologia di unità di movimentazione (UM); dalla tipologia di unità di carico (UTI) (omogenea/eterogenea) Nelle figure seguenti sono mostrati alcuni esempi di layout dell area di stoccaggio in funzione di: mezzi di movimentazione adottati tipologie di unità di carico 25 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI gru semovente frontale UTI omogenee 26

14 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Traffico equivalente La capacità di stoccaggio C deve, comunque, rispondere alle esigenze del traffico annuo espresso in termini di TEU: C T e Traffico equivalente oppure in termini di capienza: T e r N s H m 27 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Traffico equivalente Il traffico equivalente T e può essere calcolato come: T e = K U ( 1+ c) g dove: K >1 serve per tenere conto degli spazi perduti per accatastare le UTI strutturalmente differenti e per assicurare la capienza nei momenti di punta; U è il traffico giornaliero di UTI; c è la percentuale dei contenitori 40' rispetto al totale; g sono i giorni lavorativi all anno. Affinché la capacità sia sufficiente a soddisfare il traffico deve quindi valere la: T C = N r H e S m 28

15 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Gestione dell area di stoccaggio La gestione dell area di stoccaggio è funzione di: tipo di carico (omogeneo od eterogeneo rispetto all inoltro); tipo di mezzi di movimentazione utilizzati. La tipologia del traffico (omogeneo od eterogeneo) influenza le scelte riguardanti il layout di stoccaggio, in termini di: disposizione fisica delle unità di carico con impatto; prestazioni (velocità e densità di stoccaggio dei contenitori). 29 Dimensionamento delle singole aree Sosta delle UTI Gestione dell area di stoccaggio Esempio Si riportano due casi estremi di area di stoccaggio: da un lato un piccolo traffico a breve giacenza; dall altro un elevato traffico, a più lunga giacenza, soggetto a variazioni stagionali. I caso II caso U I =110 u/g U II =140 u/g g=250 g=250 c I =0.1 c II =0.2 r I =50 (T m =365/50=7,3 giorni) r II =36 (T m =365/36= 10,1 giorni) K I =1.1 K II =1.3 Per soddisfare queste condizioni è necessaria una capienza di stoccaggio (C=T e ): N S-I = 660 stalli N S-II = 1516 stalli 30

16 Dimensionamento di un area di stoccaggio Esempio applicativo 1 Si stimi la superficie da assegnare all area di stoccaggio di un terminale intermodale in cui è stato previsto di movimentare mediamente in un giorno circa 520 container da 20, di cui il 60% siano pieni. Si assuma che si utilizzino per la movimentazione delle gru semoventi frontali che permettono di impilare i container pieni al terzo tiro ed i container vuoti al quinto tiro; il tempo medio di sosta per i container vuoti è circa 10 giorni e circa 4 giorni per i contenitori pieni; il coefficiente di sicurezza K sia 1,18; l ingombro medio (a) di uno stallo è circa 18 m 2 ; in un anno vi siamo circa 250 giorni lavorativi. 31 Dimensionamento di un area di stoccaggio Esempio applicativo 1 Area di stoccaggio (A complessiva ) e ( ) = ( 1+ ) [ ] T traffico equivalente K U c g TEU / anno N Indice di rotazione = e ( ) = ( ) 250 = = [ TEU / anno] T traffico equivalente,, Giorni lavorativi Te ( numero stalli) = = 2.690[ stalli] r H 365 m 365 3,8 (10 0, ,6) s = = 57 (10 0, ,6) Altezza di impilaggio = 3 0, ,4 = 3,8 Acomplessiv a = N s a = = m 2 32

17 Dimensionamento di un area di stoccaggio Esempio applicativo 2 Si stimi la capacità di traffico C di un area di stoccaggio di superficie complessiva pari a m 2 interessata dal seguente traffico di UTI/anno: 67% contenitori, 33% casse mobili. Si assuma che si utilizzino per la movimentazione delle gru semoventi frontali che permettono di impilare i container pieni al secondo tiro; il tempo medio di sosta per i container è circa 5 giorni e circa 4 giorni per le casse mobili; il coefficiente di sicurezza K sia 1,18; l ingombro medio (a) per stallo è circa 18 m 2 ; in un anno vi siamo circa 250 giorni lavorativi. 33 Dimensionamento di un area di stoccaggio Esempio applicativo 2 Capacità (C) Acomplessiva C = NS Hm r = Hm r = Te a = KU + c g TEU / giorno ( 1 ) [ ] U = Acomplessiva Hm r a K + c g ( 1 ) [ TEU / giorno] U = ( 2067, 1033, ) (, +, ) 1, 18 ( 1+ 0, 0) 250 = 533 [ TEU / giorno] 34

18 Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Esempio di layout di magazzini OBIETTIVO Il fine principale del rispetto dei criteri costruttivi elencati è quello di garantire all investitore la massima flessibilità dell immobile, ossia la possibilità di una facile collocazione e ricollocazione dello stesso sul mercato, grazie a caratteristiche che lo rendano appetibile a diverse tipologie di utilizzatori, evitando così periodi di vacancy.

19 LE ESIGENZE STRUTTURALI DELLA LOGISTICA MODERNA Dobbiamo effettuare una ulteriore distinzione tra due categorie: -edifici speculativi o general purpose (connotati quindi da un elevato grado di flessibilità, capaci di rispondere alle esigenze di diversi potenziali tenant) -edifici build to suit (l edificio è costruito in base alle specifiche ricevute dal committente, per tanto più difficile da ricollocare sul mercato, in caso di recessione del contratto del tenant che ha voluto la costruzione di tale immobile) Layout capannone

20 lo spazio capannone Quale è l organizzazione migliore del magazzino rispetto alla modalità di compiere le operazioni logistiche? PARAMETRI CHE DETERMINANO LA MIGLIORE ORGANIZZAZIONE: - OTTIMIZZAZIONE TEMPI - RISPARMIO RISORSE UMANE - FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE INTERNA 1. LINEARE = batteria lo spazio capannone SPEDIZIONE SOLUZIONE CRITICA PIKING MAGAZZINO/STOCCAGGIO AREA DO MOVIMENTAZIONE/ CONTROLLO RICEVIMENTO

21 1. LINEARE = batteria lo spazio capannone SPEDIZIONE SOLUZIONE CRITICA PICKING MAGAZZINO/STOCCAGGIO AREA DO MOVIMENTAZIONE/ CONTROLLO -DISPENDIO DI TEMPI E RISORSE UMANE A CAUSA DELL ECCESSIVO SVILUPPO LONGITUDINALE DI QUESTA TIPOLOGIA RICEVIMENTO 1. LINEARE = batteria SPEDIZIONE SOLUZIONE CRITICA PICKING MAGAZZINO/STOCCAGGIO AREA DO MOVIMENTAZIONE/ CONTROLLO -DISPENDIO DI TEMPI E RISORSE UMANE A CAUSA DELL ECCESSIVO SVILUPPO LONGITUDINALE DI QUESTA TIPOLOGIA -UNIVOCA POSSIBILITA DI ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO INTERNO CON SOLO CORRIDOIO CENTRALE RICEVIMENTO

22 2. CIRCOLARE = back to back lo spazio capannone SOLUZIONE CONVENIENTE MAGAZZINO/STOCCAGGIO AREA DO MOVIMENTAZIONE / CONTROLLO / PICKING RICEVIMENTO / SPEDIZIONE MAGAZZINO/STOCCAGGIO CRONTOLLO/PICKING RICEVIMENTO/SPEDIZIONE 2. CIRCOLARE = back to back lo spazio capannone SOLUZIONE CONVENIENTE MAGAZZINO/STOCCAGGIO -RISPARMIO NEI TEMPI E NELLE RISORSE UMANE PER EFFETTO DEL CONCENTRAMENTO DELLE ATTIVITA NELLA STESSA FASCI DI AZIONE AREA DO MOVIMENTAZIONE / CONTROLLO / PICKING RICEVIMENTO / SPEDIZIONE MAGAZZINO/STOCCAGGIO CRONTOLLO/PICKING RICEVIMENTO/SPEDIZIONE

23 2. CIRCOLARE = back to back lo spazio capannone SOLUZIONE CONVENIENTE MAGAZZINO/STOCCAGGIO -RISPARMIO NEI TEMPI E NELLE RISORSE UMANE PER EFFETTO DEL CONCENTRAMENTO DELLE ATTIVITA NELLA STESSA FASCI DI AZIONE AREA DO MOVIMENTAZIONE / CONTROLLO / PICKING -MASSIMA LIBERTA DI ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO, CON N POSSIBILI SOLUZIONI RICEVIMENTO / SPEDIZIONE MAGAZZINO/STOCCAGGIO CRONTOLLO/PICKING RICEVIMENTO/SPEDIZIONE 2. CIRCOLARE = back to back lo spazio capannone SOLUZIONE CONVENIENTE MAGAZZINO/STOCCAGGIO -RISPARMIO NEI TEMPI E NELLE RISORSE UMANE PER EFFETTO DEL CONCENTRAMENTO DELLE ATTIVITA NELLA STESSA FASCIA DI AZIONE AREA DO MOVIMENTAZIONE / CONTROLLO / PICKING -MASSIMA LIBERTA DI ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO, CON N POSSIBILI SOLUZIONI RICEVIMENTO / SPEDIZIONE MAGAZZINO/STOCCAGGIO CRONTOLLO/PICKING RICEVIMENTO/SPEDIZIONE

24 2. CIRCOLARE = back to back lo spazio capannone SOLUZIONE CONVENIENTE MAGAZZINO/STOCCAGGIO -RISPARMIO NEI TEMPI E NELLE RISORSE UMANE PER EFFETTO DEL CONCENTRAMENTO DELLE ATTIVITA NELLA STESSA FASCIA DI AZIONE AREA DO MOVIMENTAZIONE / CONTROLLO / PICKING -MASSIMA LIBERTA DI ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO, CON N POSSIBILI SOLUZIONI RICEVIMENTO / SPEDIZIONE MAGAZZINO/STOCCAGGIO CRONTOLLO/PICKING RICEVIMENTO/SPEDIZIONE categorie operatori Corrieri / spedizionieri Distributori (piccolo / medio taglio) Logistici

25 categorie operatori Corrieri / spedizionieri Distributori (piccolo / medio taglio) Logistici FUNZIONI 1. Carico/scarico 2. Cross - docking 1.Carico/scarico 2.stoccaggio 1. Carico/scarico 2. stoccaggio 3. strategie a valore aggiunto VELOCITA ATTTRAVERSAMENTO MERCI SPAZI 1. rapido 2.2/3 giorni 1. rapido 2.Settimane/mesi 1. si svolgono qui la maggior parte delle operazioni Fascia estesa 2. Magazzino a stoccaggio prevalentemente orizzontale Spazi ridotti in pianta e in altezza 1. si svolgono qui piccole operazioni spazi ridotti 2. Magazzino a stoccaggio prevalentemente verticale Grandi altezze 1. rapido 1. si svolgono qui piccole 2.Settimane/mesi operazioni spazi ridotti 2. Magazzino a stoccaggio prevalentemente verticale Grandi altezze COSTANTE L=5m L=10/15m carico/scarico 5m 5m 16,5m 30m area di movimentazione 13,5m

26 VARIABILE Percorsi di traslazione orizzontale e verticale delle merci H variabile M1 modulo struttura magazzino M2 modulo merce magazzino Spazio di manovra verticale Spazio di manovra orizzontale area di movimentazione e spazio magazzino hanno autonomia funzionale e spaziale possibilità di sviluppo e di crescita autonome

27 unita minima Area magazzino/ Stoccaggio 65m Area movimentazione Superficie totale : 3250 mq 50m 25m unita minima 25m 50m Area magazzino/ 25m Stoccaggio 10m Area movimentazione 15m Sup magazzino : 2500mq Sup movimentazione : 750mq Superficie totale : 3250 mq 50m

28 unita minima 25m L variabile Predisposizione baie di carico per doppio fronte ribalte 25m L variabile 25m Area magazzino/ Stoccaggio Unita minima commerciale: 10m Area movimentazion e 15m Sup magazzino : 1250mq Sup movimentazione : 375mq Superficie totale : 1625 mq unita minima Area movimentazione 5m Linea sez.

29 unita minima Area movimentazione 6/8m 5m Magazzino cross-docking Linea sez. unita minima Area movimentazione 12m 5m Magazzino distributori Linea sez.

30 unita minima L>12m Area movimentazione 5m Magazzino logistici Linea sez. Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Società di gestione di un interporto

31 Gestione dell interporto Funzioni. Insieme di azioni che hanno come finalità soddisfacimento della domanda degli utenti dell interpoto; il Servizi. Insieme di attività (semplici o composte) espletate per lo svolgimento di una funzione (es. programmazione dei diversi modi di trasporto, dei servizi di sosta, movimentazione, ecc.); Strutture. Entità fisiche (addetti, infrastrutture, sovrastrutture) che consentono l erogazione dei servizi. 61 Società di costruzione e gestione dell interporto Soggetto economico collettivo con personalità giuridica costruito ah hoc per la realizzazione/gestione dell opera (Spa o Srl); è un insieme di operatori di differente natura, privati e pubblici, in grado di generare un insieme più o meno vasto di funzioni e servizi. Operatori pubblici: Regioni, Province, Comuni, Camere di Commercio; Operatori privati: Banche, compagnie d assicurazione, società autostradali e petrolifere, altri operatori del settore terziario ed industriale. 62

32 Organizzazione e gestione dell interporto Funzioni Servizi Soggetti Società di gestione Operatori Outsourcing Amministrativi Gestione e manutenzione impianti comuni Alle persone Ai veicoli Alle merci Ferroviari e di terminalizzazione Complementari 63

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_2012 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO LOMBARDIA Situato a est di Bergamo, l'interporto di Montello si pone come il punto di riferimento per potenzialità, posizione e rete infrastrutturale del bacino produttivo a nord est di Milano e della

Dettagli

Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale

Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Dimensionamento dell area di stoccaggio di un terminale intermodale Dimensionamento delle singole aree

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano 26 Settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per gli interporti: la guida tecnica,in fase di emanazione, per la progettazione e la realizzazione degli interporti.

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica AREE DI STOCCAGGIO prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Definizione (1/2) Si definisce Area di stoccaggio uno spazio custodito entro il

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider The advanced logistics and intermodal system of the Northeast Il sistema avanzato di logistica integrata Your Ideal Logistics Provider INTERPORTO PADOVA Interporto Padova S.p.A. è una società costituita

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione i numeri del CAAR Superficie: estensione 17 ettari Aree coperte: mq. 45.000 Viabilità e parcheggi: mq. 20.000 Imprese insediate: n. 150 Settori: ortofrutta - fiori - ittico - forniture alberghiere - servizi

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

Logistica Urbana il caso di Roma

Logistica Urbana il caso di Roma Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Logistica Urbana il caso di Roma Dimensione del fenomeno (1/2) Flussi veicolari 256.965 veic/giorno

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

Misure di Logistica Urbana

Misure di Logistica Urbana Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it marzo 2013 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Misure di Logistica Urbana Misure di logistica urbana Strategie Riduzione del numero di veicoli

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Il magazzino dell Università degli Studi di Parma Il magazzino Gestione del magazzino La gestione operativa di un magazzino è strettamente legata al tipo di impianto ed alla sua organizzazione. Le principali attività

Dettagli

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione.

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. 1985 nasce Angelucci Trasporti 50.000 metri quadri sede 10.000 metri quadri magazzini 28.500 spedizioni annue 118.000 118.000 tonnellate

Dettagli

Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it. 203/C - 59100 Prato (PO). 59100 Prato (PO)

Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it. 203/C - 59100 Prato (PO). 59100 Prato (PO) Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it Sede legale: Sede Amministrativa: Via Francesco Ferrucci Via di Gonfienti 4 Interporto Edificio A 203/C - 59100 Prato (PO). 59100

Dettagli

Introduzione alla logistica industriale

Introduzione alla logistica industriale Introduzione alla logistica industriale Definizione di logistica La logistica nasce in ambito militare, con l obiettivo principale di ottimizzare il trasporto e il dislocamento delle truppe e dei materiali.

Dettagli

SISTEMA DEI TRASPORTI

SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI INSIEME DELLE MODALITA CON CUI SI REALIZZA IL TRASFERIMENTO DELLE PERSONE E DELLE COSE DA UN LUOGO AD UN ALTRO 1 IL TRASPORTO Lo svolgimento di qualsiasi attività

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L.

IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. IRP INTERMODAL & LOGISTICS SERVICES S.R.L. TERMINALE FERROVIARIO INTERPORTO REGIONALE DELLA PUGLIA REGOLAMENTO GENERALE Pagina 1 di 11 INDICE 1. - Premesse 2. - Utilizzo delle aree e modalità 3. - Viabilità

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007

Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007 Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007 LINEE GUIDA PER IL CLASSAMENTO DELLE UNITA IMMOBILIARI CENSIBILI NELLE CATEGORIE DEL GRUPPO E E PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI O DELLE LORO PORZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Provincia di Latina REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL AUTOPARCO DELLA PROVINCIA DI LATINA Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Determinazione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - MAGAZZINIERE MULETTISTA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA

IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA IL CENTRO PROVVEDITORI DI BORDO DEL PORTO DI GENOVA Il complesso del porto ligure, uno dei maggiori e più significativi in Europa, rappresenta il cuore dell attività svolta dai cosiddetti provveditori,

Dettagli

DOVE INVESTIRE 2012 2016

DOVE INVESTIRE 2012 2016 SETTIMO RAPPORTO SULLA LOGISTICA IN ITALIA DOVE INVESTIRE 2012 2016 TERRITORI E PROGETTI VINCENTI NEL MERCATO CHE VERRÀ PREZZI E CANONI DI TUTTA ITALIA SCHEDE DEI PROGETTI 2012 2020 Novembre 2011 INDICE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI (Chiarimento)

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing. Maria Pia Valentini

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Ing. Maria Pia Valentini Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Maria Pia Valentini IL Laboratorio di Robotica dell ENEA, con sede nel Centro Casaccia

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 2.1 DESCRIZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI AMBIENTI... 2 2.1.1 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA SERVIZI... 2 2.1.2 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA RIFORNIMENTO CARBURANTE...

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RILASCIO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE RELATIVI AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI

LINEE GUIDA PER IL RILASCIO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE RELATIVI AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI Allegato alla D.D. n... del. LINEE GUIDA PER IL RILASCIO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE RELATIVI AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI La declaratoria che segue, riguarda le linee guida per il rilascio

Dettagli

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera.

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. I seguenti prezzi s intendono IVA esclusa. Dati aggiornati a aprile 2011. Per prestazioni non in relazione a un trasporto effettuato con FFS Cargo,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS

NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS NORME PER LA REALIZZAZIONE DI TENDOPOLI E CAMPI CONTAINERS Si riportano i criteri guida per la realizzazione di una tendopoli, trasmessi, tramite circolare, dal Ministero dell Interno Direzione Generale

Dettagli

SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE PATRIMONIO

SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE PATRIMONIO Corso Nizza 21, CUNEO SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE PATRIMONIO FF/bp Rif. 06.02.04/88 INDAGINE di MERCATO PER IL REPERIMENTO, IN LOCAZIONE, DI MAGAZZINO USO DEPOSITO ED UFFICI SITO IN

Dettagli

SISTEMI DI STOCCAGGIO

SISTEMI DI STOCCAGGIO SISTEMI DI STOCCAGGIO una sola apertura di accesso alle corsie dimensionata in relazione al mezzo di movimentazione elevata saturazione superficiale e volumetrica prodotti a bassa movimentazione elevati

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 04 5.0.0 - Magazzini di custodia e deposito per conto terzi 5.4.30 - Movimento merci relativo a trasporti ferroviari 5.4.40 - Movimento merci relativo ad altri trasporti terrestri barrare la casella corrispondente

Dettagli

Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica

Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica Progetto Riduzione Costi D Acquisto: Categoria di Spesa Trasporti - Logistica www.lewitt.it /info@lewitt.it Modena, 28 marzo 2012 L IMPATTO DI UN PROGETTO DI RIDUZIONE COSTI (1) Perché è importante un

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

IL PIANO REGOLATORE GENERALE

IL PIANO REGOLATORE GENERALE DOSSIER TORINO Lo sviluppo dell aeroporto di Torino Caselle è regolato da un Piano Regolatore Generale (Master Plan), definito dalla Società di gestione nel 1986, che individua le aree su cui devono essere

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Definizioni Ai fini del presente documento, s intende per: Servizio di Accesso: quanto necessario per consentire ai Clienti l accesso e l utilizzo dei terminali merci

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI 1 TERMINALI INTERMODALI STRADA-ROTAIA Il terminale intermodale strada-rotaia è composto fondamentalmente da tre sottosistemi: Sistema ferroviario:

Dettagli

NUOVO CENTRO LOGISTICO CAMST

NUOVO CENTRO LOGISTICO CAMST NUOVO CENTRO LOGISTICO CAMST INTERPORTO DI BOLOGNA Il nuovo centro logistico di CAMST è stato realizzato nel Comune di Bentivoglio, all interno dell area interportuale; l edificio si sviluppa su una superficie

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali Art. 1 OGGETTO Il presente Regolamento definisce le responsabilità, le modalità per la gestione ed i controlli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG73B ATTIVITÀ 63.40.1 ATTIVITÀ 63.40.2 ATTIVITÀ 64.12.0 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI DOGANALI INTERMEDIARI DEI TRASPORTI

STUDIO DI SETTORE TG73B ATTIVITÀ 63.40.1 ATTIVITÀ 63.40.2 ATTIVITÀ 64.12.0 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI DOGANALI INTERMEDIARI DEI TRASPORTI STUDIO DI SETTORE TG73B ATTIVITÀ 63.40.1 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI DOGANALI ATTIVITÀ 63.40.2 INTERMEDIARI DEI TRASPORTI ATTIVITÀ 64.12.0 ATTIVITÀ DEI CORRIERI POSTALI DIVERSI DA QUELLI DELLE

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

2014 Profilo aziendale

2014 Profilo aziendale Profilo aziendale 2014 Il gruppo Interporto gestisce oggi una delle infrastrutture logistiche e intermodali più grandi in Europa, 1971 2014 piattaforma sostenibile di una logistica innovativa e globale

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE A LOCARE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A LOCARE IMMOBILE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE A LOCARE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A LOCARE IMMOBILE Pag. 1/5 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A LOCARE ll sottoscritto: nome cognome nato a prov. ; il legale rappresentante della ditta: con sede nel comune di prov. cap via n Tel Fax Sito Internet E mail P. I.V.A.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 TRASPORTI Processo Trasporto intermodale, logistica integrata e distribuzione Sequenza di processo

Dettagli

Urbino Futuro Srl. Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia. Inquadramento. Introduzione. Descrizione intervento.

Urbino Futuro Srl. Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia. Inquadramento. Introduzione. Descrizione intervento. Urbino Futuro Srl Centro polifunzionale e nodo di scambio Nuova Porta Santa Lucia INDICE: Inquadramento Introduzione Descrizione intervento Relazione Dati dimensionali Elaborati grafici illustrativi Rendering

Dettagli

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE

MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE REV. 0 PAG. 1/11 MODALITÀ DI ACCESSO ALL AEROPORTO ED ALLE SUE AREE OPERATIVE INDICE 9.0 SCOPO... 3 9.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 9.2 RIFERIMENTI... 5 9.3 ACCESSO DELLE PEONE... 6 9.4 Generalità... 6

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - AUTISTA TRASPORTO MERCI - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale

Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Economia Aziendale ed Impiantistica Industriale Material Handling FEAII - Material Handling (I) SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG73B ATTIVITÀ 52.29.10 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI ATTIVITÀ 52.29.21 INTERMEDIARI DEI TRASPORTI

STUDIO DI SETTORE UG73B ATTIVITÀ 52.29.10 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI ATTIVITÀ 52.29.21 INTERMEDIARI DEI TRASPORTI STUDIO DI SETTORE UG73B ATTIVITÀ 52.29.10 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI DOGANALI ATTIVITÀ 52.29.21 INTERMEDIARI DEI TRASPORTI ATTIVITÀ 53.20.00 ALTRE ATTIVITÀ POSTALI E DI CORRIERE SENZA OBBLIGO

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Italia - Europa. LOGISTICA del Mobile. Sede Logistica Friuli-Veneto

Italia - Europa. LOGISTICA del Mobile. Sede Logistica Friuli-Veneto LOGISTICA del Mobile Italia - Europa Sede Logistica Friuli-Veneto Zona Artigianale Candelu di Maserada (TV) Via San Marco, 13 tel. +39 0422 686194 fax +39 0422 988074 dove siamo La struttura logistica

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI NOVEMBRE 2012 A seguito della prima fase di censimento delle imprese e degli occupati del Porto di Venezia

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita.

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. (Istruzioni per la compilazione e descrizione delle procedure per il calcolo

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

Guida alla lettura della bolletta del gas.

Guida alla lettura della bolletta del gas. L'AEEG (Autorità per l'energia elettrica e il gas), con deliberazione ARG/com 202/09, ha predisposto le nuove modalità di armonizzazione e trasparenza per i documenti di fatturazione del consumo di gas

Dettagli

Altre attività di vendita Carburanti

Altre attività di vendita Carburanti Altre attività di vendita Carburanti Descrizione Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili,

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

Il Sottoscritto. Residente in via.n... [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta... con sede legale in...

Il Sottoscritto. Residente in via.n... [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta... con sede legale in... RICHIESTA PARERE PREVENTIVO Il Sottoscritto Residente in via.n... Recapito telefonico in qualità di : [ ] proprietario (od avente titolo) Codice Fiscale.. [ ] titolare della Ditta......... con sede legale

Dettagli

IL RETTORE. la Legge 11.11.1975 n. 584: Divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico;

IL RETTORE. la Legge 11.11.1975 n. 584: Divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico; DA/1 IL RETTORE VISTI la Legge 11.11.1975 n. 584: Divieto di fumare in determinati locali e su mezzi di trasporto pubblico; la Legge 24.11.1981 n. 689 e successive modifiche ed integrazioni: Modifiche

Dettagli

Piano Industriale SPPL Carminio srl 2011

Piano Industriale SPPL Carminio srl 2011 SOCIETA PATRIMONIALE PUBBLICA LOCALE CARMINIO S.r.l. Società Unipersonale a responsabilità limitata Soggetta all attività di Direzione e Coordinamento del COMUNE di CARMIANO PIANO INDUSTRIALE 2011 1 I

Dettagli

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Metodi di valutazione della offerta di trasporto

Dettagli

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI DAL 2000, IMPORTANTE SNODO PRODUTTIVO DEL TERRITORIO RAVENNATE CONSAR LOGISTICI CONSAR servizi logistici è un operatore logistico attivo in tutti i segmenti della movimentazione

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG73B ATTIVITÀ 52.29.10 SPEDIZIONIERI E AGENZIE DI OPERAZIONI DOGANALI ATTIVITÀ 52.29.21 INTERMEDIARI DEI TRASPORTI ATTIVITÀ 53.20.00 ALTRE ATTIVITÀ POSTALI E DI CORRIERE SENZA OBBLIGO

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE

RICHIESTA DI INSTALLAZIONE INSEGNE PUBBLICITARIE DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE M PAT 03 Pag. 1/6 DOMANDA INSTALLAZIONE INSEGNE Il sottoscritto: nome cognome ; nato a prov. ; il C. F. RICHIEDENTE e legale rappresentante della ditta: con sede in comune di prov. cap via n Tel Fax Sito

Dettagli