Integral Pumping Test - Una nuova metodologia di indagine -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integral Pumping Test - Una nuova metodologia di indagine -"

Transcript

1 Integral Pumpng Test - Una nuova metodologa d ndagne - Zann Andrea, Tanda Mara Govanna Dpartmento d Ingegnera Cvle, dell Ambente e Terrtoro e Archtettura Unverstà degl Stud d Parma Vale G.P. Usbert 181/A Parma

2 Il progetto INCORE INCORE: Progetto d rcerca fnanzato dalla Comuntà europea nel qunto programma quadro (n contratto: EVK1-CT ). WP1: Raccolta de dat WP2: Implementazone delle IPT WP3: Scentfco Interpretazone de dat WP4: Anals n sto Unv. d Tubnga Umweltwrtschaft WP5: Polt. Stma d Mlano Stoccarda del rscho Unv d BRGM WP6: Strasburgo Strasburgo Azon d bonfca IETU Katowce WP7: Concett ammnstratv Scop de WP 2 e 3: Applcazone della metodologa ad un caso reale Stmare l flusso d massa transtante lungo un Mlano-Itala pano d controllo Strasburgo-Franca Indvduare Stoccarda-Germana l proflo d concentrazone Lnz-Austra lungo un pano d Bydsgoz-Polona controllo Ipotzzare la poszone della sorgente nqunante Ingegnera Ammnstrazon Realzzazone Comune d Mlano Comune d Stoccarda Comune d Strasburgo UBAU Austra

3 Il progetto INCORE propone un nnovatvo approcco cclco d ndagne, che parte dallo studo de pennacch d nqunante nelle acque sotterranee su larga scala (aree ndustral) e termna con la bonfca delle sole aree nqunate. Chronology Investgaton Assessment Revtalsaton Cycle I Cycle II Cycle III Plume Screenng Source Screenng Source/Plume Remedaton Ft for Use Questa metodologa è basata sulla quantfcazone ntegrale degl nqunant present n falda, consderando st ndustral nvece de sngol st, ottenendo un elevato lvello d affdabltà nell ndagne. Investgated Area [m²] / Cycle Reganed Land [m²] Costs/ (m² and Cycle)

4 Metodologa tradzonale (Ptak, 2003)

5 Cclo I: dentfcazone del pennaccho La caratterzzazone de pennacch avvene attraverso le prove d pompaggo ntegral (IPT), elmnando le lmtazon dovute all nterpretazone de dat puntual. Le IPT sono prove d pompaggo d lunga durata effettuate su dvers pozz post perpendcolarmente al normale flusso della falda, (massma area d cattura). Durante le prove vengono raccolt de campon d acqua a predetermnat stant. Rsultat: Dstrbuzone spazale della concentrazone d contamnante Identfcazone della poszone del pennaccho Quantfcazone del flusso d massa nell acqufero

6 Cclo I: dentfcazone del pennaccho (Ptak Teusch, 2000)

7 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Ipotes d base Moto d fondo ndsturbato Pano d controllo ortogonale al flusso Sorgente d nqunante puntuale Sorgente d nqunante contnua nel tempo Sovrapposzone delle aree d cattura de pozz adacent Assenza d mutuo dsturbo tra due pozz adacent

8 Le curve concentrazone-tempo sono state elaborate nseme al flusso sotterraneo Q, la portata estratta da sngol pozz Q, lo spessore saturo h, la permeabltà k, e la porostà effcace n e per ottenere un grafco concentrazone-dstanza dal pozzo pompante. La formula tene conto d una dstrbuzone smmetrca ntorno al pozzo pompante. M rappresenta la massa transtante attraverso l pano d controllo. Attraverso l nversone analtca proposta da Schwartz (1998), è possble valutare la concentrazone d nqunant lungo l pano d controllo partendo da grafc concentrazon-tempo fornt dalle IPT k k 1 k k r r arccos r r arccos r r arccos c 2 π c c n 1 c Q 2 M 1 r r h k Q e n h π t Q r Cclo I: dentfcazone del pennaccho

9 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Concentrazone al al tempo tempo t t+1 c t c t+1 r t Tubo d flusso Tubo C t 1d flusso π 2 1 k1 Isocrona c Isocrona al ck al tempo arccos tempo t+1 t k1 c r 1 arccos r r r r arccos r k r t+1 c t c t c t

10 Rsultat dell nversone analtca Concentrazonemsurata [g/l] Concentrazone msurata - tempo P36 TCE PCE 0 1x10 2 1x10 3 1x10 4 1x10 5 1x10 6 1x10 7 Tempo [s] Concentrazone nvertta [g/l] Concentrazone nvertta - raggo P36 TCE PCE Raggo [m]

11 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Non unctà della soluzone: l grafco concentrazone-raggo non ndca se l pennaccho d nqunante è a destra o a snstra del pozzo

12 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Per rdurre le soluzon possbl è necessaro confrontare grafc concentrazone-raggo d pù pozz vcn.

13 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Utlzzando dvers pozz, (le cu aree d cattura s sovrappongono), è possble estendere l area d ndagne e confrontare grafc concentrazone raggo tra pozz adacent. Questo permette d rdurre la non unctà della soluzone.

14 Cclo II: dentfcazone della sorgente P1003 TCE PCE P1002 TCE PCE Radus [m] Radus [m] Radus [m] P1001 TCE PCE Radus [m] 20 W1 TCE PCE Radus [m] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] W3bs TCE 12 PCE P1012 TCE PCE Radus [m] P1013 TCE PCE Radus [m] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l]

15 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Il confronto d pù pozz permette d rcostrure l proflo d concentrazone lungo l pano d controllo?

16 Cclo II: dentfcazone della sorgente Backtrackng Chlometr Legenda St contamnat Confn del sto Area ndagata Pano d controllo Pozz IPT Rsultat progetto INCORE (2003) Studo lunghezza pennacch d contamnante (Schedek Grathwohl Teutsch, 1997)

17 Organzzazone prove IPT 1. Stud prelmnar 2. Implementazone d un modello numerco dell acqufero per smulare l flusso e l trasporto d nqunant 3. Defnzone de pan d controllo e progettazone IPT 4. Esecuzone delle prove e anals de rsultat

18 1. Stud prelmnar Studo della falda Anals storca dat d falda Drezone prncpale d moto Gradente Parametr draulc dell acqufero Raccolta dat stratgrafc e anals della geologa degl acqufer Anals chmche Camponament su pezometr dsponbl Raccolta dat storc Anals storca delle possbl font d contamnazone Area da nvestgare

19 Y= Y= Y= Modellazone Numerca PRO2 SV08 AS09 SV09 AS08 AS10 SV11 SV12 POZZO 11 AS12 AS11 SV10 AS03 SV03 SV13 AS13 AS01 SV02 AS07 SV06 SV14 AS14 SV01 AS04 SV05 AS02 SV04 AS06 AS05 SV07 pezometro PC2-A.M.S PC3-A.M.S pezometro PC4-A.M.S ZONA IN C.L.S. DI VINCOLO PC5-A.M.S PZ11 pezometro PRO1 PZ10 POZZO ZONA IN C.A DI VINCOLO C.S. S3 S CS C.S CS CS CS CS PC CS5 M4 C.S PZ2 PZB PZ1 PZ4 PZA Y= PZ3 63 B2 PZ8 PZ PZ Y= P1 X= W AREA "Bstolett" A R E A e x X= R E D A E L L I EX VASCA DI CONTENIMENTO F o n t a n l e E S T V a Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= acque s t r a d a f o s s o T o l e d o a r e a X= X= X= X= X= r e c n z o n e X= X= f o s s o T o l e d o m u r o 1800 V a LINEA X= cun colo e x 1400 r e c n z o n e V a c n t a d 1500 T A N G E N Z I A L E pez ometro m u r o T o l e d o pezometro r e c n z o n e V a Bologna R o g g a T r u l z a E S T r e c n z o n e r e c n z o n e f o s s o M O N T E D I S O N pezometro K V 14 c n t a d 20 R o g g a 2 21 m u r o 24 f o s s o vasca n c.a. X= X= X= scor r mento T r u l z a muro n demolzone v a s c a d equal zzaz one n c.a. R o g g a T r u l z a c n t a r e c n z o n e pezometro X= E N E L 2 22 d L I N E A b n a r o b n a r o muro n demolzone m u r o B n a r o 9 b n a r T o l e d o X= T r u l z a 1000 R o g g a B n a r TANGENZIALE Bologna B n a r o s o t t o s t a z o n e X= pozzo b n a r pozzo r e c n z o n e b n a r L I N E A E N E L K V b n a r b n a r s t r a d a S T R A D A ( a s f. ) b n a r b n a r e x Realzzazone d un modello numerco dettaglato dell acqufero r e c n z o n e Pozzo a ragg er a S T R A D A ( a s f. ) v a s c a S T R A D A ( a s f. ) B OX pr efabbr cat b n a r o v a s c a b n a r o S1 P6 Dmensone della grgla: Grgla regolare d 1m x 1m all nterno dell area delle prove d pompaggo Grgla d 15m x 15m all nterno del sto Grgla d 50m x 50m al d fuor del sto Meton celle c n t a f o s s o r e c n z o n e d r e c n z o n e m u r o d r e c n z o n e

20 2. Modellazone Numerca Modello Locale Dmenson della grgla: 1m x 1m ntorno a pozz utlzzat nelle prove d pompaggo Grgla d 5m x 5m altrove celle

21 3. Defnzone de pan d controllo Indvduazone della poszone de pan d controllo sulla base del tpo d contamnante Defnzone del numero d pozz necessar Localzzazone de pozz Defnzone delle portate Esstent o da costrure Defnzone de temp d pompaggo Defnzone de perod d pompaggo Defnzone del numero d campon

22 3. Defnzone de pan d controllo Defnzone de temp d camponamento: Fssare l area d cattura del sngolo pozzo Fssare numero d camponament Ogn camponamento deve contenere la medesma quanttà d nformazon NB possbltà d camponament notturn e/o week end

23 3. Defnzone de pan d controllo IMPORTANTE Deve esserc una sovrapposzone tra le aree d cattura d pozz adacent I pozz non s devono dsturbare a vcenda d conseguenza tra una prova IPT e la successva bsogna attendere l rprstno del flusso naturale della falda La defnzone del numero d campon e del tempo d camponamento deve garantre la medesma quanttà d nformazone per ogn camponamento

24 Y= Y= Y= Y= Pano d controllo PRO1 PRO2 PZ10 AS08 AS10 SV12 AS11 SV11 SV10 AS12 POZZO 11 s o t t o s t a z o n e SV13 AS13 SV03 AS01 POZZO 3 AS04 MWC\a SV AREA "Bstolett" p ezometro P PC1AMS ZONA IN C.L.S. DI VINCOLO PZ ZONA IN C.A. DI VINCOLO PC2-A.M.S PC3-A.M.S PC4-A.M.S. pezometro e x PC5-A.M.S pez ometr o C.S. S3 S CS C. S CS CS CS CS PC CS C.S.5 M4 54 PZ2 1 PZB PZ4 PZ PZA E S T PZ3 63 B2 PZ8 PZ PZ Y= EX VASCA DI CONTENIMENTO X= A R E A X= R E D A E L L I P V a c n t a Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= X= X= SV08 SV09 AS09 MW4\a X= X= F o n t a n l e X= r e c n z o n e X= X= b n a r acque sc orr mento T r u l z a T o l e d o f o s s o r e c n z o n e a r e a f o s s o f o s s o 102 T o l e d o r e c n z o n e1800 V a cunc olo n c.a V a c n t a d 1500 X= m u r o LINEA pez ometr o pezometro m u r o T o l e d o f o s s o r e c n z o n e V a pez ometr o 3 14 c n t a d 20 R o g g a 21 m u r o f o s s o 30 X= e x s t r a d a vasca n c.a X= K V X= E N E L X= d L I N E A c n t a b n a r o b n a r o v a s c a d equalz zaz one pezometro m u r o p oz zo B n a r T r u l z a T o l e d o X= b n a r v a s c a r e c n z o n e b n a r X= b n a r S T R A D A ( a s f. ) L I N E A E N E L K V R o g g a B n a r o r e c n z o n e pez omet ro MW1\a pozz o v a s c a b n a r b n a r b n a r e x s t r a d a B n a r o AS03 MWC\b SV06 MW3\a AS07 SV14 AS14 SV02 P oz z o a raggera MW2\a SV01 AS02 SV04 AS05 AS06 SV07 S T R A D A ( a s f. ) B O X prefabbrc at Bologna TANGENZIALE S1bs R o g g a T r u l z a AREA DISCARICA S2 S T R A D A ( a s f. ) MW6\a MW5\a b n a r o b n a r o Pano d controllo W2 W1 W4 P1002 muro n demolzone WBR1 muro n demolz one P1003P1012P1013 W3 bs W3bs PRO WBR1PZ2 W1 P1 P2 P3 P5 P6 P7 T A N G E N Z I A L E r e c n z o n e Bologna R o g g a T r u l z a r e c n z o n e m u r o d r e c n z o n e E S T M O N T E D I S O N r e c n z o n e d r e c n z o n e

25 3. Pano d controllo

26 3. Pano d controllo Durata d pompaggo: 7 gorn per ogn perodo Prmo perodo d pompaggo: P1003- P1013 Secondo perodo d pompaggo : W1- P1002 Terzo perodo d pompaggo : P1001- W3 bs-p1012 Massma sovrapposzone: 10%

27 4. Interpretazone de rsultat I dat d concentrazone tempo raccolt durante le prove IPT possono essere nterpretat n dvers mod: Analtcamente medante la formulazone d Schwarz (1998) Analtcamente medante l software MAGIC Numercamente medante softwares: C-Stream (Bayer Rach et al., 2006) VINMOD (Zeru Schafer, 2008)

28 Rsultat medante C-STREAM [µg/l] [m]

29 Cost (2003) Untà Itala Germana Austra Franca Costo totale / lunghezza pano controllo Costo totale / superfce Costo totale / volume pompato Costo totale / pozzo [ /m] [ /m 2 ] [ /m 3 ] [ /pozzo] , , , ,00 Costo totale / lunghezza pano controllo: 300 /m Costo totale / pozzo: ,00

30 Concluson sulla metodologa Utlzzando questa metodologa s può ndvduare la dstrbuzone degl nqunant lungo l pano d controllo Quest rsultat non possono essere ottenut attraverso la rete d pezometr esstent Una volta che l pennaccho d nqunante è stato ndvduato, attraverso le IPT, è possble potzzare l area che contene la sorgente, attraverso metodologe d backtrackng e d anals della lunghezza de pennacch Per acqufer con trasmssvtà nferore a 10-5 m 2 /s l metodo potrebbe non essere economcamente vantaggoso Rsulta possble ndagare l acqufero sottostante una dscarca

31 Bblografa 1/2 1. Albert A., S. Lomb, and A. Zann Applcazone del metodo IPT per l'dentfcazone dell'area d provenenza dell'nqunamento da solvent clorurat. Internal report, Poltecnco d Mlano. In Italan. 2. Bayer-Rach, M., J. Jarsjö, R. Ledl, T. Ptak, and G. Teutsch Integral pumpng test analyses of lnearly sorbed groundwater contamnants usng multple wells: Inferrng mass flows and natural attenuaton rates. Water Resources Research 42, W08411, do: /2005wr Bauer, S., M. Bayer-Rach, T. Holder, T. Ptak, C. Kolesar, and D. Müller Quantfcaton of groundwater contamnaton n an urban area usng ntegral pumpng tests, Journal of Contamnant Hydrology 75: Bockelmann, A., T. Ptak, and G. Teutsch An analytcal quantfcaton of mass fluxes and natural attenuaton rate constants at a former gasworks ste. Journal of Contamnant Hydrology : Bockelmann, A., D. Zamfrescu, T. Ptak, P. Grathwohl, G. Teutsch Quantfcaton of mass fluxes and natural attenuaton rates at an ndustral ste wth a lmted montorng network: a case study. Journal of Contamnant Hydrology : INCORE Integrated Concept for Groundwater Remedaton Ffth framework program of EU, Energy, Envronment, Sustanable Development Key Acton one. Contract number EVK1-CT Ptak, T., L. Albert, S. Bauer, M. Bayer-Rach, S. Ceccon, P. Elsass, T. Holder, Ch. Kolesar, D. Müller, C. Padovan, G. Rnck, G. Schäfer, M.G. Tanda, G. Teutsch, and A. Zann Integral nvestgaton of groundwater qualty. Integrated Concept for Groundwater Remedaton - INCORE. Fnal Report on CD-ROM. UW Umweltwrtschaft Stuttgart, May 2003, ISBN: Ptak, T., J. Jarsjö, M. Bayer-Rach, T. Holder, and G. Teustch The ntegral groundwater nvestgaton method prncples, applcaton and evaluaton. IGEA, 19:

32 Bblografa 2/2 9. Ptak, T., J. Jarsjö, H. Krchholtes, G. Schäfer, M.G. Tanda, G. Teutsch, A. Zann, and A. Zeru Delmtng of potental contamnaton source zones. Integrated Concept for Groundwater Remedaton-INCORE. Fnal Report on CD-ROM. UW Umweltwrtschaft Stuttgart, May 2003, ISBN: Ptak, T. and G. Teutsch Development and applcaton of an ntegral nvestgaton method for the characterzaton of groundwater contamnaton. In Contamnated Sol 2000, Thomas Telford, London, Rügner, H., and G. Teutsch Lterature study "Natural attenuaton of organc pollutants n groundwater". Fnal Report for EU-FP5 project INCORE, Aprl 30, (also avalable at nternet page Schedek, T., P. Grathwohl, and G. Teutsch Lteraturstude zum natürlchen Rückhalt/Abbau von Schadstoffen m Grundwasser.- Texte und Berchte zur Altlastenbearbetung, Band 35/97, November 1997, Landesanstalt für Umweltschutz Baden-Württemberg, 51 Seten. In German. 13. Schedek, T., P. Grathwohl, and G. Teutsch Natural Attenuaton and Plume length of organc contamnants. - Abstract EGS98, Nce, Annales Geophyscae, Part II, 16: C489, Schwarz, R Grundwasser-Gefährdungsabschätzung durch Emssons-und Immssonsmessungen an Deponen und Altlasten. Ph.D. dss., Center of Appled Geoscences, Unversty of Tübngen. 125 pp. 15. Schwarz, R., T. Ptak, T. Holder, and G. Teutsch Groundwater rsk assessment at contamnated stes: a new nvestgaton approach. In Herbert, M., Kovar, K. (Eds.), GQ 98 Groundwater Qualty: Remedaton and Protecton, IAHS Publcaton, vol. 250, pp Zann A., L. Albert, S. Ceccon, S. Bauer, T. Ptak, and M.G. Tanda Applcaton of the ntegral nvestgaton pumpng test n Mlano. IGEA, 19: Zeru, A, Schäfer, G Volume-based nverse model (VINMOD) Innovatve approach to quantfy groundwater polluton n heterogeneous aqufers. Journal of Hydronformatcs Vol 10 No 4 pp IWA Publshng.

33 Integral Pumpng Test - Una nuova metodologa d ndagne - Zann Andrea Tanda Mara Govanna Dpartmento d Ingegnera Cvle, dell Ambente e Terrtoro e Archtettura Unverstà degl Stud d Parma Vale G.P. Usbert 181/A Parma e-mal: e-mal:

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

AEROACUSTICA DELLE STRUTTURE SOSPESE DEL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA

AEROACUSTICA DELLE STRUTTURE SOSPESE DEL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA AEROACUSTICA DELLE STRUTTURE SOSPESE DEL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA Guseppe Fammengh (1), Petro Paolo Marchesell (2), Francesca Baocco (3), Dorna Spoglant (4), Marco Salomone (5), Carlo Alessandro

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal Def: Sono DBMS che consentono d memorzzare e recuperare dat d natura multmedale:

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b)

Modello idraulico - Rapporto tecnico. (Rev. 0b) ASAP LIFE06/ENV/IT/000255 ASAP_D4-3_ModelloIdraulcoRappTecnco_IT_0b 1/20 LIFE06/ENV/IT/255 A.S.A.P. Actons for Systemc Aqufer Protecton The ASAP proect s partally funded by the European Unon LIFE Programme

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO Ottmzzazone nella gtone de progett Captolo 6 Project Schedulng con vncol sulle rsorse CARLO MANNINO Unverstà d Roma La Sapenza Dpartmento d Informatca e Sstemstca 1 Rsorse Ogn attvtà rchede rsorse per

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216 Manuale d struzon Manual de Instruções Mllmar C1208 /C 1216 Mahr GmbH Carl-Mahr-Str. 1 D-37073 Göttngen Telefon +49 551 7073-0 Fax +49 551 Cod. ord. Ultmo aggornamento Versone 3757474 15.02.2007 Valda

Dettagli

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L.

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L. MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura d L.Bernard) 3.3. Dsegn d camponamento d Lorenzo Bernard 3.3.1. Una defnzone per ntrodurre

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli

METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO DI QUALITA

METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO DI QUALITA Unverstà degl Stud d Bresca Poltecnco d Mlano Unverstà degl Stud d Pava Unverstà degl Stud d Lecce Dottorato d Rcerca n TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE XII CICLO METODI BAYESIANI PER IL CONTROLLO STATISTICO

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione

Dispense dell insegnamento di Laboratorio di GIS per la pianificazione Facoltà d Archtettura e Socetà Facoltà d Ingegnera Cvle, Ambentale e Terrtorale Centro per lo Svluppo del Polo d Cremona, Poltecnco d Mlano Va Sesto 41 26100 Cremona Master unverstaro nterfacoltà d II

Dettagli

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA Stefano Grmaz, Fabrzo Meron, Vncenzo Petrn, Roberto Tomason, Gaetano

Dettagli

Valutazione del rischio radiogeno nel decapaggio di metallo contaminato con materiali radioattivi

Valutazione del rischio radiogeno nel decapaggio di metallo contaminato con materiali radioattivi Valutazone del rscho radogeno nel decapaggo d metallo contamnato con materal radoattv Donzella A. (*), Formsano P. ( ), Grolett E. ( ), Zenon A. (*) (*) INFN e Dp. d Ingegnera Meccanca, Unverstà d Bresca,

Dettagli

COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR)

COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR) COMPARAZIONE MODELLISTICA CALPUFF-AERMOD A SUPPORTO DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA CENTRALE ELETTRICA DI SCARLINO (GR) 1 PREMESSA Scopo del presente studo è quello d verfcare l attendbltà de

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari Dpartmento d Elettronca Unverstà d Bologna Sstem radomobl cellular Le comuncazon radomobl Satellte Zona 4: Globale Zona 3: Suburbana Zona 2: Urbana Zona 1: In-Buldng Macro-Cell Mcro-Cell Pco-Cell Telefono

Dettagli

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm.

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm. Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE Prof. Daro Amodo d.amodo@unvpm.t Ing. Ganluca Chappn g.chappn@unvpm.t http://www.dpmec.unvpm.t/costruzone/home.htm (Ddattca/Dspense) Testo d rfermento: Stefano

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

Concetti principale della lezione precedente

Concetti principale della lezione precedente Corso d Statstca medca e applcata 6 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone precedente I concett prncpal che sono stat presentat sono: I fenomen probablstc RR OR ROC-curve Varabl

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

ADATTAMENTO DEI SISTEMI E DEI SERVIZI IDROPOTABILI A SCENARI DI CARENZA IDRICA

ADATTAMENTO DEI SISTEMI E DEI SERVIZI IDROPOTABILI A SCENARI DI CARENZA IDRICA La rcerca scentfca talana nel campo dell draulca: presentazone de rsultat de progett PIN 2008 Ferrara, 24-25 gennao 2013 ADATTAMENTO DEI SISTEMI E DEI SEVIZI IDOPOTABILI A SCENAI DI CAENZA IDICA Coordnatore:

Dettagli

Lorenzo Malavasi. INSTM (Unità di Pavia) e Università of Pavia. www.instm.it. U.O. Pavia = Capofila (Dr. Lorenzo Malavasi)

Lorenzo Malavasi. INSTM (Unità di Pavia) e Università of Pavia. www.instm.it. U.O. Pavia = Capofila (Dr. Lorenzo Malavasi) C o n s o r z o I n t e r u n v e r s t a r o N a z o n a l e p e r la S c e n z a e T e c n o l o g a d e M a t e r a l Lorenzo Malavas INSTM (Untà d Pava) e Unverstà of Pava U.O. Pava = Capofla (Dr.

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Controllo e schedulng delle operazon Paolo Dett Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Unverstà d Sena Organzzazone della produzone PRODOTTO che cosa ch ORGANIZZAZIONE PROCESSO come FLUSSO DI PRODUZIONE

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

PRODOTTI TRANSGENICI E CONSUMATORI: IL RUOLO DELLA CONOSCENZA E DELL'ATTITUDINE AL RISCHIO L. Cembalo - G. Cicia - F. Verneau 1 2

PRODOTTI TRANSGENICI E CONSUMATORI: IL RUOLO DELLA CONOSCENZA E DELL'ATTITUDINE AL RISCHIO L. Cembalo - G. Cicia - F. Verneau 1 2 PRODOTTI TRANSGENICI E CONSUMATORI: IL RUOLO DELLA CONOSCENZA E DELL'ATTITUDINE AL RISCHIO L. Cembalo - G. Cca - F. Verneau 1 2 1 - Introduzone In senso lato le botecnologe possono essere defnte come un

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Anals statstca d dat bomedc Analyss of bologcalsgnals I Parte Inferenza statstca Agostno Accardo (accardo@unts.t) Master n Ingegnera Clnca LM Neuroscenze 2013-2014 e segg. Altman Practcal statstcs for

Dettagli

lxmi.mi.infn.it/~camera/silsis/laboratorio-1/2-statistica.ppt http://www2.dm.unito.it/paginepersonali/zucca/index.htm Misura:

lxmi.mi.infn.it/~camera/silsis/laboratorio-1/2-statistica.ppt http://www2.dm.unito.it/paginepersonali/zucca/index.htm Misura: Elaborazone de dat geochmc e cenn d statstca lm.m.nfn.t/~camera/slss/laboratoro-1/-statstca.ppt http://www.dm.unto.t/pagnepersonal/zucca/nde.htm Msura: Espressone quanttatva del rapporto fra una grandezza

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Estetica e biocompatibilità dell oro puro

Estetica e biocompatibilità dell oro puro INFODENT 10/200-35 UNITÀ PER ELETTRODEPOSIZIONE GALVANICA Estetca e bocompatbltà dell oro puro La tradzonale tecnca metallo-ceramca, pur essendo n grado d rsolvere la maggor parte de cas protesc, ha trovato

Dettagli

Magitec Srl. Facility Management: erogare con efficacia servizi integrati ad alta qualità. MaGiTec. MaGiTec. Servizi integrati di Qualità

Magitec Srl. Facility Management: erogare con efficacia servizi integrati ad alta qualità. MaGiTec. MaGiTec. Servizi integrati di Qualità Magtec Srl Faclty Management: erogare con effcaca servz ntegrat ad alta qualtà 1 La realtà La nostra forza è la capogruppo d un pool d quattro socetà specalzzate per fornre l servzo mglore a fronte d ogn

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Turismo e innovazione in Trentino

Turismo e innovazione in Trentino Tursmo e nnovazone n Trentno Roberto Pzzcannella (Dpartmento Cultura, tursmo, promozone e sport) Mlano 8 maggo 2014 I numer del Tursmo 5 mlon (arrv - 2012) 29 mlon (presenze - 2012) 15% (contrbuto al PIL

Dettagli

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... Normatva ssmca Pont pagna 1/33 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DEI PONTI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...3 4 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA...3

Dettagli

Sommario Parole chiave:

Sommario Parole chiave: Abstract The recent ntroducton of free form NC machnng n the ophthalmc feld nvolved a full revew of the former product development process both from the desgn and the manufacturng vewpont. Am of the present

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA SANITÀ IN ITALIA: FINANZA AUTONOMA O DERIVATA?

IL FINANZIAMENTO DELLA SANITÀ IN ITALIA: FINANZA AUTONOMA O DERIVATA? WORKIG PAPER o 68 febbrao 2009 IL FIAZIAMETO DELLA SAITÀ I ITALIA: FIAZA AUTOOMA O DERIVATA? AGESE SACCHI JEL Classfcaton: H5, H75, H77 Keywords: Sstema santaro nazonale Federalsmo fscale socetà talana

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

x = 2480.82 sezione 45 0,038 48 0,077 49 0,115 50 0,192 52 0,231 54 0,308 55 0,346 58 0,385 60 0,615 63 0,654 65 0,885 66 0,923 83 0,962 84 1,000

x = 2480.82 sezione 45 0,038 48 0,077 49 0,115 50 0,192 52 0,231 54 0,308 55 0,346 58 0,385 60 0,615 63 0,654 65 0,885 66 0,923 83 0,962 84 1,000 Gennao 006 classe A VERIFICA DI STATISTICA fla A )Nel Lceo scentfco G.Bruno c sono 5 class seconde, cu alunn sono dstrbut per sezone e per sesso n base alla seconda tabella: Sesso\ A B D E F sezone Calcola

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO

16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 20122013 16. BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO 16.1 INTRODUZIONE La legslazone talana prevede la certfcazone energetca degl edfc [1,2,3,4]. Gl edfc, o meglo

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO

LE CARTE DI CONTROLLO ITIS OMAR Dpartento d Meccanca LE CARTE DI CONTROLLO Carte d Controllo Le carte d controllo rappresentano uno degl struent pù portant per l controllo statstco d qualtà. La carta d controllo è corredata

Dettagli

Per il seminario di cultura formale - Dottorato GIA

Per il seminario di cultura formale - Dottorato GIA Per l semnaro d cultura formale - Dottorato GIA Luca Mar, dcembre 003 Lezone 1: la matematca come strumento per pensare Cnque ncontr, da 1 ora e mezza cascuno. Con questo tempo complessvo a dsposzone,

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Introduzione all uso di Matlab

Introduzione all uso di Matlab Introduzone all uso d Matlab RIASSUNTO avvo del programma costant macro funzon cclo for struttura f else help / lookfor vettor e operazon statstca: meda, varanza grafca: plot matrc e operazon generator

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

PROGETTAZIONE PER IL DISASSEMBLAGGIO: APPLICAZIONE DI RETI NEURALI PER L ANALISI DELLA PROFONDITA DI SMONTAGGIO

PROGETTAZIONE PER IL DISASSEMBLAGGIO: APPLICAZIONE DI RETI NEURALI PER L ANALISI DELLA PROFONDITA DI SMONTAGGIO XIII ADM - XV INGEGRAF Internatonal Conference on TOOLS AND METHODS EVOLUTION IN ENGINEERING DESIGN Cassno, June 3 rd, 2003 Napol, June 4 th and June 6 th, 2003 Salerno, June 5 th, 2003 PROGETTAZIONE PER

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Adige Workshop 04: il bilancio idrico Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE

Autorità di Bacino del Fiume Adige Workshop 04: il bilancio idrico Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE Autortà d Bacno del Fume Adge Workshop 04: l blanco drco Verona, 18 marzo 2008 FIUME ADIGE prm rsultat d un modello per l'anals del blanco d sedment a scala d bacno G. D Slvo, Unverstà d Padova M. Nones,

Dettagli

Shelf marketing. Problemi e modelli di gestione dei prodotti sugli scaffali: il caso Supermercati Visotto.

Shelf marketing. Problemi e modelli di gestione dei prodotti sugli scaffali: il caso Supermercati Visotto. Corso d Laurea Magstrale n Economa e Gestone delle Azende Tes d Laurea Shelf marketng. Problem e modell d gestone de prodott sugl scaffal: l caso Supermercat Vsotto. Relatore Ch. Prof. Francesco Mason

Dettagli

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I CAPITOLO SESTO RICONOSCIMENTO DELLA VEGETAZIONE SULL I IMMAGINE QUICKBIRDIRD 6.1 La denstà d vegetazone: l ndce NDVI Allo scopo d caratterzzare la dstrbuzone della vegetazone sulle superfc d barena s è

Dettagli

HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT. 1 Yield management e processo decisionale: le variabili di scelta.

HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT. 1 Yield management e processo decisionale: le variabili di scelta. HOTEL PRICING AND YIELD MANAGEMENT Yeld management e processo decsonale: le varabl d scelta.. Introduzone;.2 Il processo d yeld management e le sue orgn;.3 Segmentazone d mercato;.4 Prevsone della domanda;.5

Dettagli

TEST D INGRESSO MATEMATICA 24/05/2011

TEST D INGRESSO MATEMATICA 24/05/2011 TEST D INGRESSO MATEMATICA // COGNOME NOME ISTITUTO COMPRENSIVO/SCUOLA MEDIA CITTA Legg attentamente. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Inza a lavorare solo quando te lo drà l nsegnante e

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

Corso di laurea in Economia marittima e dei trasporti

Corso di laurea in Economia marittima e dei trasporti Unverstà degl stud d Genova Corso d laurea n Economa marttma e de trasport Il problema del cammno mnmo n ret multobettvo Relatrce: Anna Scomachen Canddato: Slvo Vlla Dedcato a: Coloro che n me Hanno sempre

Dettagli

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio

Ottimizzare il contact center bilanciando costi e qualità del servizio Ottmzzare l contact center blancando cost e qualtà del servzo Contact Center - Le attvtà E l punto centralzzato d ncontro tra l clente ed l busness Utlzza var canal d comuncazone (Telefono, Telesales,

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE Branco GLISIC e Danele INAUDI SMARTEC SA, Va Pobbette 11, CH-6928 Manno, Svzzera Andrea DEL GROSSO

Dettagli

METODOLOGIE DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO IDRAULICO DI ESONDAZIONE

METODOLOGIE DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO IDRAULICO DI ESONDAZIONE Unone Europea Repubblca Italana Regone Calabra Autortà d Bacno POR Calabra 000-006 Asse I - Rsorse natural Msura.4 - Azone.4.c "STUDIO E SPERIMENTAZIONE DI METOLOGIE E TECNICHE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

D.G.R. VIII/8745. Punto 5.4 a) Nota interpretativa sulla valutazione quantitativa dell efficacia dei sistemi schermanti

D.G.R. VIII/8745. Punto 5.4 a) Nota interpretativa sulla valutazione quantitativa dell efficacia dei sistemi schermanti D.G.R. VIII/8745 Punto 5.4 a) Nota nterpretatva sulla valutazone quanttatva dell effcaca de tem schermant Cestec SpA Va Restell, 5/A 04 Mlano Italy - +39 0 66737400 Fax +39 0 66737499 nfo@cened.t - www.cened.t

Dettagli

icountlcm20 Manuale istruzioni, monitoraggio condizioni icountlcm20

icountlcm20 Manuale istruzioni, monitoraggio condizioni icountlcm20 countlcm0 Manuale struzon, montoraggo condzon countlcm0 B.8.90_CM0_IT_VerA 00, Parker Hannfn Corporaton www.parkerhfde.com Informazon sul laser Questo prodotto contene un laser 5mW nvsble ad nfraross.

Dettagli

PARTE I EDIFICI IN MURATURA. Analisi dei Meccanismi Locali di Collasso in Edifici Esistenti in Muratura

PARTE I EDIFICI IN MURATURA. Analisi dei Meccanismi Locali di Collasso in Edifici Esistenti in Muratura REGIONE MOLISE IL RESIDENTE DELL REGIONE MOLISE COMMISSRIO DELEGTO (Legge del 7 Dcembre 00 n.86) Decreto n. 76 del 3 agosto 005 rotocollo d rogettazone per la Realzzazone degl Intervent d Rcostruzone ost-ssma

Dettagli

Impiego di tecniche di vibrometria laser nel campo dell Health Monitoring con applicazione ad un pannello in materiale composito

Impiego di tecniche di vibrometria laser nel campo dell Health Monitoring con applicazione ad un pannello in materiale composito Impego d tecnche d vbrometra laser nel campo dell Health Montorng con applcazone ad un pannello n materale composto I. Bovo 1, M. Della Ragone 2, L. Lecce 3 [1-3] Dpartmento d Progettazone Aeronautca,

Dettagli

ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA

ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA ANALISI DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI UN EDIFICIO DI C.A. SITO IN PERUGIA Annbale Lug MATERAZZI Straordnaro d Progetto d Strutture Dpartmento d Ingegnera Cvle e Ambentale. Unverstà d Peruga Marco BRECCOLOTTI

Dettagli

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME

GURU. Facebook. Gli strumenti avanzati di Facebook ADS WEBLIME Facebook GURU Gl strument avanzat d Facebook ADS Un corso tecnco-pratco d approfondmento sugl strument pù avanzat d Facebook ADS. Il Corso s rvolge esclusvamente a ch gà gestsce nserzon con Facebook. Ogg

Dettagli

Laboratorio di Strumentazione e Misura. Cesare Bini

Laboratorio di Strumentazione e Misura. Cesare Bini Laboratoro d Strumentazone e Msura Cesare Bn Corso d laurea n Fsca Anno Accademco 006-007 Quest appunt sono basat sulle lezon del modulo d Laboratoro d Strumentazone e Msura del prmo anno delle lauree

Dettagli