Integral Pumping Test - Una nuova metodologia di indagine -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integral Pumping Test - Una nuova metodologia di indagine -"

Transcript

1 Integral Pumpng Test - Una nuova metodologa d ndagne - Zann Andrea, Tanda Mara Govanna Dpartmento d Ingegnera Cvle, dell Ambente e Terrtoro e Archtettura Unverstà degl Stud d Parma Vale G.P. Usbert 181/A Parma

2 Il progetto INCORE INCORE: Progetto d rcerca fnanzato dalla Comuntà europea nel qunto programma quadro (n contratto: EVK1-CT ). WP1: Raccolta de dat WP2: Implementazone delle IPT WP3: Scentfco Interpretazone de dat WP4: Anals n sto Unv. d Tubnga Umweltwrtschaft WP5: Polt. Stma d Mlano Stoccarda del rscho Unv d BRGM WP6: Strasburgo Strasburgo Azon d bonfca IETU Katowce WP7: Concett ammnstratv Scop de WP 2 e 3: Applcazone della metodologa ad un caso reale Stmare l flusso d massa transtante lungo un Mlano-Itala pano d controllo Strasburgo-Franca Indvduare Stoccarda-Germana l proflo d concentrazone Lnz-Austra lungo un pano d Bydsgoz-Polona controllo Ipotzzare la poszone della sorgente nqunante Ingegnera Ammnstrazon Realzzazone Comune d Mlano Comune d Stoccarda Comune d Strasburgo UBAU Austra

3 Il progetto INCORE propone un nnovatvo approcco cclco d ndagne, che parte dallo studo de pennacch d nqunante nelle acque sotterranee su larga scala (aree ndustral) e termna con la bonfca delle sole aree nqunate. Chronology Investgaton Assessment Revtalsaton Cycle I Cycle II Cycle III Plume Screenng Source Screenng Source/Plume Remedaton Ft for Use Questa metodologa è basata sulla quantfcazone ntegrale degl nqunant present n falda, consderando st ndustral nvece de sngol st, ottenendo un elevato lvello d affdabltà nell ndagne. Investgated Area [m²] / Cycle Reganed Land [m²] Costs/ (m² and Cycle)

4 Metodologa tradzonale (Ptak, 2003)

5 Cclo I: dentfcazone del pennaccho La caratterzzazone de pennacch avvene attraverso le prove d pompaggo ntegral (IPT), elmnando le lmtazon dovute all nterpretazone de dat puntual. Le IPT sono prove d pompaggo d lunga durata effettuate su dvers pozz post perpendcolarmente al normale flusso della falda, (massma area d cattura). Durante le prove vengono raccolt de campon d acqua a predetermnat stant. Rsultat: Dstrbuzone spazale della concentrazone d contamnante Identfcazone della poszone del pennaccho Quantfcazone del flusso d massa nell acqufero

6 Cclo I: dentfcazone del pennaccho (Ptak Teusch, 2000)

7 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Ipotes d base Moto d fondo ndsturbato Pano d controllo ortogonale al flusso Sorgente d nqunante puntuale Sorgente d nqunante contnua nel tempo Sovrapposzone delle aree d cattura de pozz adacent Assenza d mutuo dsturbo tra due pozz adacent

8 Le curve concentrazone-tempo sono state elaborate nseme al flusso sotterraneo Q, la portata estratta da sngol pozz Q, lo spessore saturo h, la permeabltà k, e la porostà effcace n e per ottenere un grafco concentrazone-dstanza dal pozzo pompante. La formula tene conto d una dstrbuzone smmetrca ntorno al pozzo pompante. M rappresenta la massa transtante attraverso l pano d controllo. Attraverso l nversone analtca proposta da Schwartz (1998), è possble valutare la concentrazone d nqunant lungo l pano d controllo partendo da grafc concentrazon-tempo fornt dalle IPT k k 1 k k r r arccos r r arccos r r arccos c 2 π c c n 1 c Q 2 M 1 r r h k Q e n h π t Q r Cclo I: dentfcazone del pennaccho

9 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Concentrazone al al tempo tempo t t+1 c t c t+1 r t Tubo d flusso Tubo C t 1d flusso π 2 1 k1 Isocrona c Isocrona al ck al tempo arccos tempo t+1 t k1 c r 1 arccos r r r r arccos r k r t+1 c t c t c t

10 Rsultat dell nversone analtca Concentrazonemsurata [g/l] Concentrazone msurata - tempo P36 TCE PCE 0 1x10 2 1x10 3 1x10 4 1x10 5 1x10 6 1x10 7 Tempo [s] Concentrazone nvertta [g/l] Concentrazone nvertta - raggo P36 TCE PCE Raggo [m]

11 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Non unctà della soluzone: l grafco concentrazone-raggo non ndca se l pennaccho d nqunante è a destra o a snstra del pozzo

12 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Per rdurre le soluzon possbl è necessaro confrontare grafc concentrazone-raggo d pù pozz vcn.

13 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Utlzzando dvers pozz, (le cu aree d cattura s sovrappongono), è possble estendere l area d ndagne e confrontare grafc concentrazone raggo tra pozz adacent. Questo permette d rdurre la non unctà della soluzone.

14 Cclo II: dentfcazone della sorgente P1003 TCE PCE P1002 TCE PCE Radus [m] Radus [m] Radus [m] P1001 TCE PCE Radus [m] 20 W1 TCE PCE Radus [m] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] W3bs TCE 12 PCE P1012 TCE PCE Radus [m] P1013 TCE PCE Radus [m] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l] Inverted concentratons n the aqufer [ug/l]

15 Cclo I: dentfcazone del pennaccho Il confronto d pù pozz permette d rcostrure l proflo d concentrazone lungo l pano d controllo?

16 Cclo II: dentfcazone della sorgente Backtrackng Chlometr Legenda St contamnat Confn del sto Area ndagata Pano d controllo Pozz IPT Rsultat progetto INCORE (2003) Studo lunghezza pennacch d contamnante (Schedek Grathwohl Teutsch, 1997)

17 Organzzazone prove IPT 1. Stud prelmnar 2. Implementazone d un modello numerco dell acqufero per smulare l flusso e l trasporto d nqunant 3. Defnzone de pan d controllo e progettazone IPT 4. Esecuzone delle prove e anals de rsultat

18 1. Stud prelmnar Studo della falda Anals storca dat d falda Drezone prncpale d moto Gradente Parametr draulc dell acqufero Raccolta dat stratgrafc e anals della geologa degl acqufer Anals chmche Camponament su pezometr dsponbl Raccolta dat storc Anals storca delle possbl font d contamnazone Area da nvestgare

19 Y= Y= Y= Modellazone Numerca PRO2 SV08 AS09 SV09 AS08 AS10 SV11 SV12 POZZO 11 AS12 AS11 SV10 AS03 SV03 SV13 AS13 AS01 SV02 AS07 SV06 SV14 AS14 SV01 AS04 SV05 AS02 SV04 AS06 AS05 SV07 pezometro PC2-A.M.S PC3-A.M.S pezometro PC4-A.M.S ZONA IN C.L.S. DI VINCOLO PC5-A.M.S PZ11 pezometro PRO1 PZ10 POZZO ZONA IN C.A DI VINCOLO C.S. S3 S CS C.S CS CS CS CS PC CS5 M4 C.S PZ2 PZB PZ1 PZ4 PZA Y= PZ3 63 B2 PZ8 PZ PZ Y= P1 X= W AREA "Bstolett" A R E A e x X= R E D A E L L I EX VASCA DI CONTENIMENTO F o n t a n l e E S T V a Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= acque s t r a d a f o s s o T o l e d o a r e a X= X= X= X= X= r e c n z o n e X= X= f o s s o T o l e d o m u r o 1800 V a LINEA X= cun colo e x 1400 r e c n z o n e V a c n t a d 1500 T A N G E N Z I A L E pez ometro m u r o T o l e d o pezometro r e c n z o n e V a Bologna R o g g a T r u l z a E S T r e c n z o n e r e c n z o n e f o s s o M O N T E D I S O N pezometro K V 14 c n t a d 20 R o g g a 2 21 m u r o 24 f o s s o vasca n c.a. X= X= X= scor r mento T r u l z a muro n demolzone v a s c a d equal zzaz one n c.a. R o g g a T r u l z a c n t a r e c n z o n e pezometro X= E N E L 2 22 d L I N E A b n a r o b n a r o muro n demolzone m u r o B n a r o 9 b n a r T o l e d o X= T r u l z a 1000 R o g g a B n a r TANGENZIALE Bologna B n a r o s o t t o s t a z o n e X= pozzo b n a r pozzo r e c n z o n e b n a r L I N E A E N E L K V b n a r b n a r s t r a d a S T R A D A ( a s f. ) b n a r b n a r e x Realzzazone d un modello numerco dettaglato dell acqufero r e c n z o n e Pozzo a ragg er a S T R A D A ( a s f. ) v a s c a S T R A D A ( a s f. ) B OX pr efabbr cat b n a r o v a s c a b n a r o S1 P6 Dmensone della grgla: Grgla regolare d 1m x 1m all nterno dell area delle prove d pompaggo Grgla d 15m x 15m all nterno del sto Grgla d 50m x 50m al d fuor del sto Meton celle c n t a f o s s o r e c n z o n e d r e c n z o n e m u r o d r e c n z o n e

20 2. Modellazone Numerca Modello Locale Dmenson della grgla: 1m x 1m ntorno a pozz utlzzat nelle prove d pompaggo Grgla d 5m x 5m altrove celle

21 3. Defnzone de pan d controllo Indvduazone della poszone de pan d controllo sulla base del tpo d contamnante Defnzone del numero d pozz necessar Localzzazone de pozz Defnzone delle portate Esstent o da costrure Defnzone de temp d pompaggo Defnzone de perod d pompaggo Defnzone del numero d campon

22 3. Defnzone de pan d controllo Defnzone de temp d camponamento: Fssare l area d cattura del sngolo pozzo Fssare numero d camponament Ogn camponamento deve contenere la medesma quanttà d nformazon NB possbltà d camponament notturn e/o week end

23 3. Defnzone de pan d controllo IMPORTANTE Deve esserc una sovrapposzone tra le aree d cattura d pozz adacent I pozz non s devono dsturbare a vcenda d conseguenza tra una prova IPT e la successva bsogna attendere l rprstno del flusso naturale della falda La defnzone del numero d campon e del tempo d camponamento deve garantre la medesma quanttà d nformazone per ogn camponamento

24 Y= Y= Y= Y= Pano d controllo PRO1 PRO2 PZ10 AS08 AS10 SV12 AS11 SV11 SV10 AS12 POZZO 11 s o t t o s t a z o n e SV13 AS13 SV03 AS01 POZZO 3 AS04 MWC\a SV AREA "Bstolett" p ezometro P PC1AMS ZONA IN C.L.S. DI VINCOLO PZ ZONA IN C.A. DI VINCOLO PC2-A.M.S PC3-A.M.S PC4-A.M.S. pezometro e x PC5-A.M.S pez ometr o C.S. S3 S CS C. S CS CS CS CS PC CS C.S.5 M4 54 PZ2 1 PZB PZ4 PZ PZA E S T PZ3 63 B2 PZ8 PZ PZ Y= EX VASCA DI CONTENIMENTO X= A R E A X= R E D A E L L I P V a c n t a Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= Y= X= X= SV08 SV09 AS09 MW4\a X= X= F o n t a n l e X= r e c n z o n e X= X= b n a r acque sc orr mento T r u l z a T o l e d o f o s s o r e c n z o n e a r e a f o s s o f o s s o 102 T o l e d o r e c n z o n e1800 V a cunc olo n c.a V a c n t a d 1500 X= m u r o LINEA pez ometr o pezometro m u r o T o l e d o f o s s o r e c n z o n e V a pez ometr o 3 14 c n t a d 20 R o g g a 21 m u r o f o s s o 30 X= e x s t r a d a vasca n c.a X= K V X= E N E L X= d L I N E A c n t a b n a r o b n a r o v a s c a d equalz zaz one pezometro m u r o p oz zo B n a r T r u l z a T o l e d o X= b n a r v a s c a r e c n z o n e b n a r X= b n a r S T R A D A ( a s f. ) L I N E A E N E L K V R o g g a B n a r o r e c n z o n e pez omet ro MW1\a pozz o v a s c a b n a r b n a r b n a r e x s t r a d a B n a r o AS03 MWC\b SV06 MW3\a AS07 SV14 AS14 SV02 P oz z o a raggera MW2\a SV01 AS02 SV04 AS05 AS06 SV07 S T R A D A ( a s f. ) B O X prefabbrc at Bologna TANGENZIALE S1bs R o g g a T r u l z a AREA DISCARICA S2 S T R A D A ( a s f. ) MW6\a MW5\a b n a r o b n a r o Pano d controllo W2 W1 W4 P1002 muro n demolzone WBR1 muro n demolz one P1003P1012P1013 W3 bs W3bs PRO WBR1PZ2 W1 P1 P2 P3 P5 P6 P7 T A N G E N Z I A L E r e c n z o n e Bologna R o g g a T r u l z a r e c n z o n e m u r o d r e c n z o n e E S T M O N T E D I S O N r e c n z o n e d r e c n z o n e

25 3. Pano d controllo

26 3. Pano d controllo Durata d pompaggo: 7 gorn per ogn perodo Prmo perodo d pompaggo: P1003- P1013 Secondo perodo d pompaggo : W1- P1002 Terzo perodo d pompaggo : P1001- W3 bs-p1012 Massma sovrapposzone: 10%

27 4. Interpretazone de rsultat I dat d concentrazone tempo raccolt durante le prove IPT possono essere nterpretat n dvers mod: Analtcamente medante la formulazone d Schwarz (1998) Analtcamente medante l software MAGIC Numercamente medante softwares: C-Stream (Bayer Rach et al., 2006) VINMOD (Zeru Schafer, 2008)

28 Rsultat medante C-STREAM [µg/l] [m]

29 Cost (2003) Untà Itala Germana Austra Franca Costo totale / lunghezza pano controllo Costo totale / superfce Costo totale / volume pompato Costo totale / pozzo [ /m] [ /m 2 ] [ /m 3 ] [ /pozzo] , , , ,00 Costo totale / lunghezza pano controllo: 300 /m Costo totale / pozzo: ,00

30 Concluson sulla metodologa Utlzzando questa metodologa s può ndvduare la dstrbuzone degl nqunant lungo l pano d controllo Quest rsultat non possono essere ottenut attraverso la rete d pezometr esstent Una volta che l pennaccho d nqunante è stato ndvduato, attraverso le IPT, è possble potzzare l area che contene la sorgente, attraverso metodologe d backtrackng e d anals della lunghezza de pennacch Per acqufer con trasmssvtà nferore a 10-5 m 2 /s l metodo potrebbe non essere economcamente vantaggoso Rsulta possble ndagare l acqufero sottostante una dscarca

31 Bblografa 1/2 1. Albert A., S. Lomb, and A. Zann Applcazone del metodo IPT per l'dentfcazone dell'area d provenenza dell'nqunamento da solvent clorurat. Internal report, Poltecnco d Mlano. In Italan. 2. Bayer-Rach, M., J. Jarsjö, R. Ledl, T. Ptak, and G. Teutsch Integral pumpng test analyses of lnearly sorbed groundwater contamnants usng multple wells: Inferrng mass flows and natural attenuaton rates. Water Resources Research 42, W08411, do: /2005wr Bauer, S., M. Bayer-Rach, T. Holder, T. Ptak, C. Kolesar, and D. Müller Quantfcaton of groundwater contamnaton n an urban area usng ntegral pumpng tests, Journal of Contamnant Hydrology 75: Bockelmann, A., T. Ptak, and G. Teutsch An analytcal quantfcaton of mass fluxes and natural attenuaton rate constants at a former gasworks ste. Journal of Contamnant Hydrology : Bockelmann, A., D. Zamfrescu, T. Ptak, P. Grathwohl, G. Teutsch Quantfcaton of mass fluxes and natural attenuaton rates at an ndustral ste wth a lmted montorng network: a case study. Journal of Contamnant Hydrology : INCORE Integrated Concept for Groundwater Remedaton Ffth framework program of EU, Energy, Envronment, Sustanable Development Key Acton one. Contract number EVK1-CT Ptak, T., L. Albert, S. Bauer, M. Bayer-Rach, S. Ceccon, P. Elsass, T. Holder, Ch. Kolesar, D. Müller, C. Padovan, G. Rnck, G. Schäfer, M.G. Tanda, G. Teutsch, and A. Zann Integral nvestgaton of groundwater qualty. Integrated Concept for Groundwater Remedaton - INCORE. Fnal Report on CD-ROM. UW Umweltwrtschaft Stuttgart, May 2003, ISBN: Ptak, T., J. Jarsjö, M. Bayer-Rach, T. Holder, and G. Teustch The ntegral groundwater nvestgaton method prncples, applcaton and evaluaton. IGEA, 19:

32 Bblografa 2/2 9. Ptak, T., J. Jarsjö, H. Krchholtes, G. Schäfer, M.G. Tanda, G. Teutsch, A. Zann, and A. Zeru Delmtng of potental contamnaton source zones. Integrated Concept for Groundwater Remedaton-INCORE. Fnal Report on CD-ROM. UW Umweltwrtschaft Stuttgart, May 2003, ISBN: Ptak, T. and G. Teutsch Development and applcaton of an ntegral nvestgaton method for the characterzaton of groundwater contamnaton. In Contamnated Sol 2000, Thomas Telford, London, Rügner, H., and G. Teutsch Lterature study "Natural attenuaton of organc pollutants n groundwater". Fnal Report for EU-FP5 project INCORE, Aprl 30, (also avalable at nternet page Schedek, T., P. Grathwohl, and G. Teutsch Lteraturstude zum natürlchen Rückhalt/Abbau von Schadstoffen m Grundwasser.- Texte und Berchte zur Altlastenbearbetung, Band 35/97, November 1997, Landesanstalt für Umweltschutz Baden-Württemberg, 51 Seten. In German. 13. Schedek, T., P. Grathwohl, and G. Teutsch Natural Attenuaton and Plume length of organc contamnants. - Abstract EGS98, Nce, Annales Geophyscae, Part II, 16: C489, Schwarz, R Grundwasser-Gefährdungsabschätzung durch Emssons-und Immssonsmessungen an Deponen und Altlasten. Ph.D. dss., Center of Appled Geoscences, Unversty of Tübngen. 125 pp. 15. Schwarz, R., T. Ptak, T. Holder, and G. Teutsch Groundwater rsk assessment at contamnated stes: a new nvestgaton approach. In Herbert, M., Kovar, K. (Eds.), GQ 98 Groundwater Qualty: Remedaton and Protecton, IAHS Publcaton, vol. 250, pp Zann A., L. Albert, S. Ceccon, S. Bauer, T. Ptak, and M.G. Tanda Applcaton of the ntegral nvestgaton pumpng test n Mlano. IGEA, 19: Zeru, A, Schäfer, G Volume-based nverse model (VINMOD) Innovatve approach to quantfy groundwater polluton n heterogeneous aqufers. Journal of Hydronformatcs Vol 10 No 4 pp IWA Publshng.

33 Integral Pumpng Test - Una nuova metodologa d ndagne - Zann Andrea Tanda Mara Govanna Dpartmento d Ingegnera Cvle, dell Ambente e Terrtoro e Archtettura Unverstà degl Stud d Parma Vale G.P. Usbert 181/A Parma e-mal: e-mal:

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR ESAME D STATO 2010 - L TUO ESAME - MATERE http://\vw\v. trampi.istruzione.it/esamistato/ricercacommisione.do?. tuo Esante di Stat -,:il' ;'--.,- A44001 BORTOLON CARLO SCUOLA STATALE GROLAMO FRACASTORO

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Grazie all incessante lavoro in sinergia fra i due più attivi contester di Perugia, quali IØZUT e IKØXBX (il primo, operatore in prima linea ma anche

Grazie all incessante lavoro in sinergia fra i due più attivi contester di Perugia, quali IØZUT e IKØXBX (il primo, operatore in prima linea ma anche Grazie all incessante lavoro in sinergia fra i due più attivi contester di Perugia, quali IØZUT e IKØXBX (il primo, operatore in prima linea ma anche ricercatore sul web dei risultati dei vari contest;

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

sia Regolamento SIA 142 2009 Regolamento dei concorsi d architettura e d ingegneria schweizerischer ingenieur- und architektenverein

sia Regolamento SIA 142 2009 Regolamento dei concorsi d architettura e d ingegneria schweizerischer ingenieur- und architektenverein Regolamento SIA 142 2009 sia Regolamento dei concorsi d architettura e d ingegneria schweizerischer ingenieur- und architektenverein société suisse des ingénieurs et des architectes società svizzera degli

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli