AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO GUIDA PER L EDUCATORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO GUIDA PER L EDUCATORE"

Transcript

1 AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO GUIDA PER L EDUCATORE

2 CAPITOLO PRIMO IO E TE Relazioni di coppia e affettività A. PARTE TEORICA (per la tua formazione di educatore) a. Un testo a tema (L AFFETTIVITA DEGLI ADOLESCENTI di Massimo Bettetini) b. Articolo a sfondo pedagogico c. Alcuni esempi filmografici B. PARTE PRATICA (come svolgere la tappa alcuni suggerimenti) In questo caso non si tratta di una tappa tradizionale, per come siamo stati abituati a svolgere le tappe dello Skyscraper. Premessa. L intero percorso di questa tappa è stato pensato come un gioco in stile gioco dell oca. Con questo non vogliamo dire che le canoniche sezioni di Preghiera Condivisione e Servizio non vengano rispettate: tutte le caselle possibili del percorso rientrano in una di queste sezioni (ci sono cioè più caselle per preghiera per condivisione e servizio, ma frammentante lungo il percorso). Questo significa che i vari momenti di preghiera condivisione e servizio verrano vissuti in maniera evidentemente frammentata e casuale, nel rispetto dell ordine stabilito dal gioco tra i vari concorrenti. Va da sé che si perda l organicità della classica tappa Skyscraper, ma in via sperimentale abbiamo tentato di affrontare il tema delle relazioni affettive adolescenziali: un modalità, che come una metafora potesse esprimete la complessità del loro vissuto, i percorsi arzigogolati che spesso gli adolescenti intraprendono nel vivere queste relazioni, e la dimensione giocosa che caratterizza l innamoramento. Come organizzare il gioco. I paragrafi dello Skyscraper per questa tappa rappresentano ciascuno una casella del gioco. Ciascuna casella va quindi proposta all interno di un percorso (esattamente come quelli in stile gioco dell oca), che può essere creato attraverso un grande cartellone o per i più tecnologici realizzato su computer e proiettato. Una volta stabilito l ordine di gioco tramite TEST, il gioco prosegue tramite tiro dei dadi. Il punteggio

3 Ogni casella skyscraper ha un punteggio. Dal momento che ogni casella corrisponde ad una sezione di PREGHIERA CONDIVISIONE O SERVIZIO, alla fine del gioco ciascun concorrente avrà totalizzato un punteggio differente per preghiera condivisione e servizio. Le caselle del gioco nota1: oltre alle caselle indicate nello skyscraper (caselle skyscraper), 9 in tutto, è bene aggiungere delle caselle trappola, che ritardino/facciano retrocedere/saltare in avanti/tolgano punti ecc. nota2: il gioco è pensato per essere svolto singolarmente o a squadre, ma esso rimane un pretesto per svolgere i vari momenti della tappa, che non ha senso ripetere ogni volta che un partecipante capita sulla casella. Infatti sebbene proceda un singolo concorrente alla volta, tutto il gruppo svolge con lui la prova. Una volta svolta la prova, non ha senso ripeterla per i successivi concorrenti che ci capiteranno sopra. Tuttavia per mantenere la logica della gara, a ciascuna casella Skyscraper viene dato un punteggio ed ogni partecipante capitato sulla casella guadagna quei punti anche se la prova è già stata svolta grazie ad un altro concorrente e quindi non viene ripetuta. Quindi ogni casella Skyscraper ha un punteggio e propone una prova. Il primo concorrente che capita sulla casella fa si che tutti svolgano la prova. I successivi si limiteranno a guadagnare punti. INTRO: test per cominciare e stabilire una graduatoria di partenza a seconda del punteggio che non dice una graduatoria migliori o peggiori (tant è che l Edu può stabilire di far partire l ultimo). CASELLA BISOGNI E DESIDERI: è abbastanza chiaro lo svolgimento della prova. Questa prova fa parte del bagaglio punti CONDIVISIONE. CASELLA ASPETTATIVE: anche in questo caso il procedimento è chiaro. Questa prova fa parte del bagaglio punti CONDIVISIONE. CASELLA PAZIENZA: la preghiere di per sé e molto semplice e breve. dopo una lettura condivisa, chiediamo che ogni Ado ripeta ad alta voce la frase che più ha toccato la sua vita e che più è difficile da vivere per lui. Su questa frase chiediamo a lui, dopo un certo tempo di riflessione, di scrive nello spazio post-it la propria frase e la spiegazione della loro scelta personale. Questa casella fa parte evidentemente del bagaglio punti PREGHIERA. LO SGUARDO SULL ALTRO: scarica il link sul sito Questa prova fa parte del bagaglio punti CONDIVISIONE. I GESTI DELL AMORE: la prova è chiara. Questa prova fa parte del bagaglio punti SERVIZIO PER COLTIVARE L AMORE: è riflessione che va letta insieme e discussa dopo un breve commento dell educatore che quindi dovrà essersi preparato. Questa prova fa parte del bagaglio CONDIVISIONE.

4 DOLCE COME L AMORE: ognuno deve pensare ad una torto come il diagramma a torta: ognuno sceglie i suoi ingredienti (max. 10) e i corrispettivi dosaggi espressi in frazioni da indicare nel grafico a torta. L edu puo predisporre dei fogli A4 con un cerchio bianco che poi loro coloreranno. in più se vuole può preparare un analogo cartellone per la torta di tutto il gruppo data dalla media degli ingredienti scelti. questa prova fa parte del baglio SERVIZIO UNA CANZONE D AMORE: anche qui è abbastanza chiaro. La riflessione a seguito è da condividere nel gruppo. Questa prova fa parte del bagaglio CONDIVISIONE DISTANZA: il gioco è chiaro. Occorre preparare il materiale. Nel post.it ciascuno riflette sulla propria esperienza, le difficoltà vissute e le difficoltà osservate provando a spiegarne le motivazioni. Questa prova fa parte del bagaglio CONDIVISIONE C. NOTE DI METODO a. Obiettivo della tappa Rendere più consapevole il ragazzo circa le diverse sfaccettature delle relazioni che lui vive: non c è un unica logica, od un ordine prestabilito per parlare di relazioni affettive, spesso negli adolescenti è arduo trovare anche un organicità e una coerenza nelle relazioni. In definitiva questo è un tentativo di avvicinarli alla complessità e quindi al peso e al significato che le relazioni devono assumente nella loro vita da grandi. b. Strumenti/materiale Cartellone o cartelloni per ogni casella, pedine per il gioco (da inventare o costruire), dado per il gioco, video sull altro (WEB), cartellone per torta, fogli per i diagrammi a torta, penne, pennarelli, stereo e canzone mp3, o computer, link youtube video della canzone, scotch o nastro. c. Tempi La tappa è molto lunga, potrebbe al limite essere concessa l eliminazione di qualche casella condivisione già numerose.

5 CAPITOLO DUE UNA BORSA DI VALORI A. PARTE TEORICA (per la tua formazione di educatore) a. Un testo a tema b. Articolo a sfondo pedagogico c. Alcuni esempi filmografici B. PARTE PRATICA (come svolgere la tappa alcuni suggerimenti) Cuore centrale della tappa è l Asta dei Valori, sull itinerario dei ragazzi ci sono solamente gli elementi fondamentali, i valori, ma l attività che vi proponiamo è ben più complessa, e il ruolo dell educatore si rivala davvero cruciale. Scopo dell'attività è far riflettere gli adolescenti su quali sono i valori fondamentali per la vita di un adolescente, le perle preziose per cui vale la pena vendere tutto. Per dare al conduttore un'idea chiara e completa dello svolgimento dell'attività prima di tutto la presentiamo in tutte le sue fasi. Le fasi dell'attività e i suggerimenti per gli educatori L educatore spiega il gioco "a pezzi": infatti fornire subito l'intera spiegazione richiederebbe un livello di attenzione e di memoria eccessivo per i partecipanti. Fase 0 Chiedere ai ragazzi di riflettere individualmente sull'elenco dei valori presenti sull'itinerario e di sceglierne 10 che ritengono importanti. Nell'elenco fornito ci sono molti valori importanti quindi i ragazzi potrebbero essere indotti a segnarne come importanti tantissimi: l educatore in questo caso può chiedere loro di entrare maggiormente nelle scelte, magari individuando i valori assolutamente fondamentali e contrassegnandoli con due o tre +. Inoltre l educatore dovrà assegnare un tempo per le scelte: in questo modo si segnala di non avere troppa fretta ma anche di non prendersi troppo tempo; in caso contrario si avrebbero alcuni che hanno finito e altri che sono ben lontani dalla conclusione. Un tempo adeguato potrebbe essere di 10 minuti. Fase 1 Vengono costituiti dei gruppi di 3-4 persone. I gruppi vengono costruiti in base alla somiglianza di idee tra i componenti, in modo che ci siano rappresentazioni piuttosto omogenee rispetto ai valori Per comporre i gruppi l educatore invita i partecipanti ad andare a vedere le scelte degli altri, in modo da avere gruppi omogenei. Si sottolinea che la composizione dei gruppi dovrebbe seguire questo criterio e non eventuali simpatie/antipatie. D'altra parte la creazione dei gruppi dovrebbe anche essere abbastanza rapida: si eviterà quindi che tutti abbiano letto le scelte di tutti gli altri, ma che verifichino che almeno alcune decisioni siano comuni. Una volta

6 costituiti, i gruppi si dispongono in modo tale da avere uno spazio sufficiente per non disturbarsi nella successiva fase di lavoro. Il numero di gruppi può anche non essere predefinito: dipenderà dall'effettiva omogeneità delle scelte. Fase 2 Il gruppetto si confronta e decide quali sono i 10 valori fondamentali (perle preziose), numerandoli da 1 (il più importante) a 10. L educatore invita i partecipanti a scegliere ragionando su ogni valore, quindi senza affidarsi a semplici meccanismi di maggioranza. Per aiutare i gruppi a lavorare in modo ordinato consegna ad ogni gruppo un foglio "Elenco" su cui segnare le decisioni collettive. Anche in questo caso è opportuno dare un tempo definito: potrebbe trattarsi di 10 minuti. Fase 3 A questo punto viene spiegato il gioco. Per realizzarlo occorre il seguente materiale: Un mazzetto di soldi per ogni gruppo per un totale di 200 soldi a gruppo. Un mazzetto di carte bianche con il nome del valore 1. Lo scopo (di gruppo) è conquistare i valori fondamentali, le perle preziose per la vita di un adolescente. Ogni gruppo dovrebbe arrivare ad avere almeno 7 valori importanti (il numero può variare a seconda del numero dei gruppi) 2. Un valore può essere posseduto solo da un gruppo 3. Il valore viene assegnato sotto forma di carta bianca con il nome del valore stesso 4. Le carte bianche sono in possesso dell educatore 5. Per ottenere la carta di un valore si partecipa all'asta I gruppi prima di cominciare si organizzano, definendo la propria strategia. L educatore annota su un cartellone o una lavagna in modo che sia visibile a tutti i soldi posseduti da ogni gruppo e spiega come avviene l'asta. Nello spiegare le due modalità di asta, "aperta" e "segreta", indica anche i vantaggi e gli svantaggi di ognuna: "Aperta": permette a chi vuole un valore di controllare l'andamento dell'asta, ma dà la possibilità anche a chi non desidera il valore di rilanciare per far salire il prezzo. "Segreta": elimina la possibilità di rilanciare da parte di chi non è interessato, ma non dà a chi vuole il valore la certezza di ottenerlo o di non pagarto molto più del necessario. Fase 4 L'asta può essere organizzata in due modi: 1. A turno un gruppo dice quale valori vorrebbe ottenere. Il gruppo che ha chiesto il valore fa un'offerta (base 1 soldo). A turno i gruppi decidono se rilanciare o passare: chi passa non potrà più fare offerte su quel valore. Il valore viene assegnato a chi fa l'offerta più alta, che deve pagare subito. Viene depennato immediatamente il costo del valore dal totale dei soldi a disposizione del gruppo (su un cartellone) 2. A turno un gruppo dice quale valore vorrebbe ottenere. Ognuno dei gruppi partecipanti scrive un'offerta su un foglio, segreta agli altri. I fogli vengono consegnati al conduttore, che li legge ed assegna il valore a chi ha fatto l'offerta più alta.

7 La decisione su quale modalità di asta utilizzare spetta al gruppo che chiede il valore. La modalità indicata al punto I) è detta "aperta"; quella indicata al punto Il) è detta "segreta". L educatore si fa pagare volta per volta il valore assegnato e segna sulla lavagna/cartellone quanti sono i soldi rimasti a disposizione del gruppo. Si fanno almeno 3 giri d'asta (dipende anche dal numero dei gruppi) Fase 5 I gruppi riportano su foglio A3 i valori posseduti. Poi a turno spiegano perché i valori che hanno sono importanti e fondamentali attraverso esempi concreti. Si tratta di un momento molto importante dell'attività. L educatore dà ai gruppi il tempo di prepararsi prima di presentare agli altri i motivi per cui i valori posseduti sono importanti. L educatore deve prestare particolare attenzione affinché ci sia un effettivo ascolto reciproco tra i partecipanti. Fase 6 Si passa alla proclamazione dei vincitori, con questa procedura. Ogni gruppo prepara segretamente, su un foglio, una classifica degli altri gruppi in cui li ordina in base a quanto ritiene importanti i valori posseduti e le argomentazioni portate a sostegno. Non sono ammessi i pari merito. L educatore raccoglie e alla lavagna annota i risultati. Poi viene fatta la somma tra i posizionamenti: chi ottiene il numero più basso vince (es.: se un gruppo viene indicato al primo posto da tutti gli altri 5, avrà = 5 e sarà sicuramente primo). Preghiera Viene proposto il brano di Vangelo della Perla preziosa accompagnato da un commento molto semplice, ma che apre allo stesso tempo a molte domande. A seguito del commento sono date due domande per la riflessione personale, si possono lasciare alcuni minuti perché ciascuno possa riflettere personalmente. Condivisione E proposta un attività pratica di confronto tra i valori emersi dalla loro Asta e quelli di altre persone, potrebbero svolgere le interviste in maniera personale a casa, o anche mantenendo gli stessi gruppi del gioco. Durante l incontro successivo potrete riflettere su somiglianze e differenze. Servizio I valori si trasformano in scelte concrete, scelte che possono essere prese sia personalmente sia come gruppo. NOTE DI METODO a. Obiettivo della tappa Far riflettere gli adolescenti su quali sono i valori fondamentali per la vita di un adolescente, le perle preziose per cui vale la pena vendere tutto. E possibile all interno di questa tappa fare un lavoro anche molto critico sui valori proposti dalla società, soprattutto attraverso l attività di Se fossi, e quelli che inveci loro ritengono essere fondamentali nella loro vita, quelli che sono stati loro trasmessi. b. Strumenti/materiale

8 Molti fogli bianchi (sia A4 che A3) su cui poter annotare gli elenchi personali e quelli di gruppo; mazzetti da 200 soldi per ciascun gruppo (potete usare quelli del Monopoli); cartellini bianchi con il nome del valore; cartellone/lavagna/pc collegato ad un proiettore su cui l educatore può annotare lo svolgimento del gioco; foglietti bianchi su cui scrivere le offerte. c. Tempi La tappa è molto ricca, è bene però che i tempi siano accuratamente guidati, senza lasciar spazi a grandi divagazioni. Sarà compito dell educatore assegnare tempi precisi per le varie fasi e assicuararsi che vengano rispettati. Complessivamente la tappa potrebbe durare circa 2ore e mezza.

9 CAPITOLO TRE FREE CLIMBING: L ISTINTO, LE EMOZIONI, L ESPERIENZA ESTREMA A. PARTE TEORICA (per la tua formazione di educatore) a. Un testo a tema b. Articolo a sfondo pedagogico B. PARTE PRATICA (come svolgere la tappa alcuni suggerimenti) È già tutto descritto in maniera precisa, non ci sono ulteriori precisazioni. La tappa segue la classica struttura delle tappe skyscraper. La parte introduttiva con i due dialoghi va drammatizzata e quindi preparata adeguatamente. (vedi sotto) Alcuni esempi filmografici: Elephant 127 ore Parte introduttiva: I dialoghi che ci introducono alla tappa riguardano l esperienza estrema della droga. è bene drammatizzare i due dialoghi e magari coinvolgere qualche Edu prima dell incontro e prepararlo alla recita. Dopo ogni dialogo segue una breve attività. La prima può essere resa davvero dinamica sfruttando le tre domande per impostare un breve gioco di ruoli in cui gli Ado si immedesimano nel personaggi e provano a riproporre la scena o ad immaginarne un seguito. L attività che segue il secondo dialogo prevede invece la stesura di una lettera: dal momento che abbiamo i tempo sempre stretti si può anche pensare di limitarsi ad impostare la lettera o a scrivere una breve sintesi del contenuto che poi l adolescente può sviluppare con più tranquillità a casa (anche perché la problematica potrebbe riguardare qualche amico o conoscente diretto e la lettera potrebbe rivelarsi l occasione per una serio impegno personale). Dopo il breve test e la nota tecnica che va letta insieme si parte con la tappa. Preghiera La preghiera è breve ma c è spazio per un bella riflessione. Condivisione L attività deve essere fatta dopo il servizio ed è spiegata sul libretto.

10 Servizio Pensiamo sia abbastanza chiaro. C. NOTE DI METODO a. Obiettivo della tappa Rendere più consapevole il ragazzo circa una delle tensioni più naturali dell adolescenza: quella dell esperienza estrema che ci porta a definire quelli che sono i nostri limiti e quindi in questo senso a conoscerci e a meglio definire la nostra identità. L esperienza estrema non è necessariamente negativa, ma ma tappa vuole anche stimolare l adolescente ad un confronto su temi scottanti e spesso taciuti da loro come l uso degli stupefacenti. b. Strumenti/materiale Video intervista, penne, fogli per la preghiera e per il laboratorio DRUG TEST e per il talk show sulle esperienze estreme positive. c. Tempi La tappa si svolge nell arco di 2 ore e mezza circa.

11 CAPITOLO QUATTRO COSA MI STA SUCCEDENDO? A. PARTE TEORICA (per la tua formazione di educatore) a. Un testo a tema b. Articolo a sfondo pedagogicoh B. PARTE PRATICA (come svolgere la tappa alcuni suggerimenti) Prendiamo in considerazioni all interno di questa tappa i diversi ambiti di vita di un adolescente: la famiglia, se stessi, la scuola, lo sport, la fede. Esiste nella vita dei nostri ragazzi un elemento di mistero, qui momenti in cui non sanno dove sbattere la testa e dove non capiscono perché sono svogliati, euforici, stragasati, sul fondo della Fossa delle Marianne e scavano ancora Si rendono conto che stanno cambiando, che il loro modo di intendere le relazioni, gli impegni, la fede sta cambiando con loro: vorremmo in questa tappa aiutarli a fare il punto della situazione e rilanciarli verso qualcosa di nuovo. La tappa è divisa in quattro ambiti di vita dell adolescente: IO E I MIEI: viene proposto un estratto di diario, dopo la lettura, magari anche interpretata facendo finta di leggere un diario, l educatore invita i ragazzi a riflettere personalmente su come sembra loro che gli altri li vedano e cosa pensino di loro, facendo particolare riferimento ai loro genitori. IO E ME STESSO: leggete insieme gli interventi proposti, ai ragazzi sembrerà di sentir parlare se stessi in tante situazioni della loro vita, quando non si capiscono proprio. Nello spazio del post it potrenno scrivere un racconto di quando anche a loro viene da dire proprio non mi capisco. Oltre al linguaggio scritto potrenno anche sfruttare altri canali comunicativi: mettete a loro disposizione immagini ritagliate per fare dei collage, fogli e colori per disegnare, strumenti musicali per comporre, del gesso/plastilina per creare un opera lasciate che sia la loro interiorità a parlare di ciò che hanno nel cuore. IO E LA SCUOLA: anche in questo spazio sono presentate delle testimonianze sulla vita scolastica di un adolescente e le questioni che più possono creare dubbi, attriti, confusione. Dopo aver letto le testimonianze gli adolescenti sono invitati a compilare i BOX IN e OUT, in riferimento alla loro scuola: possono farlo sia insieme che in piccolo gruppetto della stessa classe/scuola se ce ne sono. In riferimento a questo ambito vorremmo invitarvi a visitare la pagina dell Azione Cattolica Studenti proprio perché a partire da questa tappa alcuni adolescenti potrebbero manifestare il desiderio e il sano interesse ad essere maggiormente attenti al mondo della scuola, impegnati in prima persona nell ambiente che non solo occupano, ma vivono, per gran parte della loro giornata.

12 IO E LO SPORT: si propongono due racconti fatti da due ragazzi, il primo racconta un esperienza entusiasmante, il secondo invece racconta del legame con il proprio allenatore. Dopo averli letti entrambi, invita i ragazzi a scrivere nel box cosa e cosa non piace di loro stessi, dei loro compagni di squadra, dell allenatore, della società sportiva. IO E LA FEDE: anche l ultilmo ambito, sulla fede, è strutturato con una testimonianza e del tempo per poter riflettere e appuntarsi i propri pensieri. Sarebbe bello poter poi condividere con tutto il gruppo la propria riflessione sul modo di vivere la fede. Preghiera La preghiera può contenere anche le altre due dimensioni condivisione e servizio - e concludersi con la proposta che trovi al termine del percorso. La preghiera è strutturata attraverso la lettura del brano di Vangelo, un semplice commento e dello spazio per poter appuntare le esperienze di tradimento, rilette alla luce dell esperienza di Pietro. Condivisione I ragazzi sono invitati a confrontarsi con delle persone adulte: voi educatori siete queste persone! Mostratevi disponibili e aperti, attenti a quello che vivono. Forse non avrete le soluzioni in tasca ma potrete aiutarli a vedere con più chiarezza la situazione e dare il giusto peso ad ogni cosa. Servizio Aiutate i ragazzi a verificare i servizi che già fanno, e nel caso non ne facciano ancora provate a proporre voi qualcosa. NOTE DI METODO a. Obiettivo della tappa Accompagnare i ragazzi a leggere con maggiore profondità i cambiamenti, in famiglia, con se stessi, a scuola, nella sport, nell esperienza di fede, che li stanno accompagnando in questo periodo della loro vita. b. Strumenti/materiale Fogli e penne nel caso non bastasse lo spazio proposto sul sussidio. c. Tempi La tappa si svolge nell arco di 2 circa.

13 CAPITOLO CINQUE MA SE TU MI ACCOMPAGNI A. PARTE TEORICA (per la tua formazione di educatore) a. un testo a tema b. Articolo a sfondo pedagogicoh B. PARTE PRATICA (come svolgere la tappa alcuni suggerimenti) Parte introduttiva: a. il primo pezzo va letto, ma potrebbe essere utile per stimolare l immaginazione dei ragazzi prepararsi alcune immagini di mare e di un catamarano, potrebbero bastare anche una decina di immagini da montare semplicemente in un power point o da far scorrere in continuazione su uno schermo o su un muro metre l edu racconta la storia. b. momento di riflessione guidato dalla tre domande a pag. 52 (servono foglietti per appunti) c. la fase dei racconti: troverai i racconti integrali sul sito, ma sei libero di trovare pezzi di film o storia tratte da libri che seguano la stessa logica dei racconti indicati da noi: il lavoro successivo è una sorta di Psychodramma...devono immedesimarsi e raccogliere idea e impressioni circa l esperienza di accompagnamento descritta dal personaggio. Potrebbe essere utile farlo uno alla volta e man mano condividerlo nel gruppo. Condivisione E un classico momento di condivisione della propria esperienza di vita. Servizio L attività di servizio è da fare a casa autonomamente ma il lavoro proposto nelle pagine successive è PROPEDEUTICO ovvero serve al ragazzo per iniziare a pensare al proprio percorso di accompagnamento, indagando nelle proprie necessità, desideri e tra le proprie figure di riferimento: è un momento personale che quindi va fatto in silenzio e può necessitare anche una ventina di minuti. Il pezzo INVIATI SPECIALI invece serve anche per aiutarli fornendogli un esempio concreto. L abbiamo messo dopo ma potrebbe anche servigli prima per chiarirgli le idee, anche se potrebbe influenzarli. Lo specchietto INDICAZIONI PER L USO è importantissimo, potreste consigiare loro di copiarselo in grande e attaccarlo in camera! devono averlo sotto gli occhi ogni giorno. NB. è bene nel corso dell estate o dell anno verificare il loro progresso o stallo in questo senso. Se hanno fatto passi avanti, se hanno pensato a qualcuno ecc..

14 Preghiera I due testi vanno affrontati come un classico momento di Lectio a cui fa seguito una riflessione personale guidata dalle domande indicate. il testo IL LEONE IL MARMO invece può servire da preghiera conclusiva della tappa. C. NOTE DI METODO a. obiettivo della tappa accompagnare i ragazzi a scoprire il valore di un buon accompagnamento nel cammino della vita, l importanza di una guida o di un mentore culturale, spirituale o umano. b. strumenti/materiale video, penne, fogli, post-it per raccogliere le provocazioni, power point. c. tempi: la durata di due ore e mezza, ma è anche una tappa molto riflessiva per cui gli ado potrebbero aver bisogno di più tempo

15 F.B.L. (fa bala l öcch!) 1. FUORICLASSE: LIBRETTI PREGHIERA PERSONALE Sarà disponibile un libretto che accompagna la preghiera giornaliera dei ragazzi delle scuole superiori (adolescenti e 18-19enni) per il tempo di Avvento: il filo conduttore sarà il tema della speranza con riferimenti all attualità (vicende di vario tipo: guerre ancora in atto, denuncia per la giustizia negata, scalatori che hanno rischiato la vita, racconti di vocazione ). Anche nel tempo di Quaresima (dal mese di febbraio sarà disponibile) verrà preparato un testo più strettamente biblico in riferimento ai vangeli domenicali e alla lettura continuata di un vangelo in stretta relazione con la vita quotidiana dei ragazzi. 2. IPOD DELLO SPIRITO Entrambi questi strumenti saranno accompagnati da un supporto informatico l IPOD dello SPIRITO : troverai alcune parti dei testi in formato audio per accompagnare i ragazzi magari nel tragitto che li conduce a scuola sintonizzati sul sito dell AC nel tempo di avvento e di quaresima per poter avere ulteriori notizie! 3. CHAT-ECHESI Nel tempo di Avvento partirà un esperimento di catechesi on line la chat-echesi. Una sera alla settimana avrai la possibilità di confrontarti con un testimone su alcuni temi (attualità, economia, spiritualità ) a partire da una video intervista e interagendo in CHAT proprio con il testimone stesso. la chatechesi partirà in tempo di Quaresima. 4. SPECIALE SCUOLA: PROGETTO A GONFIE VELE Trovi sul sito nella sezione ACS tre progetti che stiamo proponendo nelle scuole. Non puoi non esserne a conoscenza e magari può essere una occasione per entrare in relazione con qualche insegnante dei tuoi ragazzi in modo particolare con gli insegnanti di religione a cui proporre di sostenere questo percorso nella scuola e con cui confrontarsi sui tuoi ragazzi forse scoprirai che un po di loro non fanno religione! 5. STRUMENTI UTILI: IL SESTANTE E IL GRANELLO DI INCENSO Da parecchi anni il cammino degli ado di A.C. è caratterizzato dalla regola di vita Il sestante. La trovi in libreria In Dialogo ed è uno strumento molto utile per dare una regolata alla propria vita a partire da preghiera-condivisione-servizio. È anche disponibile una diurna laus per adolescenti : il granello d incenso è quello strumento che accompagna gli adolescenti nella preghiera della liturgia delle ore a loro misura, introducendoli così alla preghiera della chiesa. Lo trovi in libreria In Dialogo.

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega Chiedi a Dio di guidarti in ogni aspetto della preparazione di Compassion Sunday. 2. Condividi il tuo cuore Raccontare la tua esperienza di sostenitore

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

SOFFIA FORTE LA PACE

SOFFIA FORTE LA PACE SOFFIA FORTE LA PACE Cammino formativo dell acr per il mese Della pace proposto a tutti i ragazzi dell iniziazione cristiana 1 INTRODUZIONE Come ormai è tradizione della Chiesa universale (a partire dal

Dettagli

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Titolo dell attività: OGGI FACCIAMO GLI ATTORI Esperienza di role-play (fase 1) Costruzione di una carta T (fase 2) SINTESI DELL ATTIVITA I bambini

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi!

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Proposta didattica per le scuole secondarie di primo grado Ideazione e realizzazione di storie interattive basate su elementi grafici, fotografici e video realizzati

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

A Su e giù per le Alpi

A Su e giù per le Alpi Tema A Su e giù per le Alpi In viaggio per le Alpi Viaggi, incontri, attività da turisti Materiale Attività introduttiva: alcuni fonecessario gli formato A 4 Punto 1: un dado per gruppo e una pedina per

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Corso Public Speaking Viterbo

Corso Public Speaking Viterbo Corso Public Speaking Viterbo Ogni giornata del corso: avrá una durata di 2h per un totale di 20h Prezzo del corso: possibilità si partecipare ai primi 5 progetti (250,00 ) o ai 10 progetti (450,00 ) Posti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE

IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE DIRE FARE E PENSARE IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE SCUOLA dell Infanzia SEZIONE A. FUSARI Altavilla Vic.na BAMBINI GRANDI LABORATORIO/PROGETTO REALIZZAZIONE MURALES Anno Scolastico 2014-2015

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Due Metodi per ricaricare il vostro cellulare Tim, Vodafone e Wind gratis

Due Metodi per ricaricare il vostro cellulare Tim, Vodafone e Wind gratis Due Metodi per ricaricare il vostro cellulare Tim, Vodafone e Wind gratis Ciao, ti sei aggiudicato una guida per effettuare ricariche sul tuo cellulare gratis, Il metodo è molto semplice ed e tutto fattibile

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema dei conflitti è così composto: - 1 gioco

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

Un'altra geniale proposta!!! Disegniamo i cinque bambini protagonisti della storia in due versioni: senza e con i vestiti. Cerchiamo di esser molto

Un'altra geniale proposta!!! Disegniamo i cinque bambini protagonisti della storia in due versioni: senza e con i vestiti. Cerchiamo di esser molto Utilizzando la Lim, rileggiamo la storia tutti insieme sfogliando il libro scansionato Quanto ci è piaciuta questa storia! Potremmo far giocare a questa storia anche gli altri bambini? Magari invitare

Dettagli

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO TITOLO PERCORSO Alla ricerca del diritto perduto Ente no profit Sede legale Referente progetto VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO via Appia Antica, 126 00179 Roma RM Emma Colombatti tel. 335/8726222

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

MI ASCOLTO, TI ASCOLTO... CI ASCOLTIAMO.

MI ASCOLTO, TI ASCOLTO... CI ASCOLTIAMO. MI ASCOLTO, TI ASCOLTO... CI ASCOLTIAMO. Percorso di educazione all ascolto Classi seconde scuola primaria Rosmini Anno scolastico 2009/2010 La principale difficoltà riscontrata negli alunni dall'intero

Dettagli

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI. Scopriamo insieme i tuoi diritti!

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI. Scopriamo insieme i tuoi diritti! TITOLO PERCORSO Ente no profit Sede legale Referente progetto DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE Scopriamo insieme i tuoi diritti! IPSIA Treviso, Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli Viale Restelli, 9

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011 Società Cooperativa Sociale CRISALIDE - ONLUS Sede Legale: Via Europa n. 228-24069 Luzzana (BG) cell. 3316643586-3298954439 - 3298885363 fax: 035 19962686 www.cooperativacrisalide.it - info@cooperativacrisalide.it

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

La campagna di tesseramento

La campagna di tesseramento 2015 La campagna di tesseramento 2 Senza immaginazione non c è salvezza. Giulio Carlo Argan 1. La storia della campagna 2. La tessera 3. Tono & linguaggio 4. Strumenti di campagna 2015 La storia della

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO INCIDENDO Incidendo è un progetto didattico rivolto alle classi della Scuola Primaria. Si propone di avvicinare il bambino al mondo dell incisione, tecnica artistica che ha radici lontane nel tempo ma

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli