Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE"

Transcript

1 Allegato 1 Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE Introduzione Il ciclo delle migrazioni verso l Europa per molti aspetti si è concluso. Non perché non arriveranno più donne e uomini dai quattro angoli del mondo. Ma per la semplice ragione che noi ora siamo già in grado di vedere e misurare ormai tutti i cambiamenti strutturali che il fenomeno ha prodotto sin qui e, su questa base, di intuire come potrà essere la società europea in un prossimo futuro. Fra i cambiamenti di lungo respiro su cui intendiamo attirare l attenzione è l inedito pluralismo religioso che sta ridisegnando la geografia socio-religiosa dell Europa. Il Vecchio Continente ha conosciuto e riconosciuto la pluralità delle fedi, pagando due prezzi elevati: da un lato, le guerre di religioni che alla fine hanno cristallizzato territorialmente le differenze storiche fra cattolici e protestanti, e, dall altro, la sistematica persecuzione degli ebrei sino al loro sterminio. I conflitti politici ed economici si sono spesso intrecciati a quelli religiosi. Quando parliamo di pluralismo inedito, allora, vogliamo alludere al fatto che in un Europa ormai pacificata per quanto riguarda le storiche contrapposizioni fra cattolicesimo e protestantesimo, hanno preso forma religioni che o erano marginali oppure lontane ed estranee rispetto alla storia stessa europea. Non pensiamo solo all islam, che in realtà e, per molti versi, è una religione occidentale tanto quanto l ebraismo e il cristianesimo delle origini, del resto non certo estraneo alla stessa vicenda storica, filosofica e culturale dell Europa medievale, ma allo hinduismo (Atglas, 2005), al buddismo (Lenoir, 1999; Pasqualotto, 2003), alla via dei sikh (sikh panth) (Denti, Ferrari, Perocco, 2005) e alle nuove forme di neo-buddismo che arrivano soprattutto dal Giappone (Wilson, Dobbelaere, 1994; Macioti, 1996; Raveri, 2006); ed inoltre alle tante nuove parrocchie ortodosse, espressioni d altrettante varie chiese autocefale (da quella rumena, a quella moldava per finire con quelle ucraina e russa), nonché alle nuove chiese pentecostali, soprattutto dell Africa sub-sahariana, ma non solo, poiché sono arrivate anche le nuove chiese cinesi, in particolare quelle che, ad esempio, sono nate, alla fine degli anni Novanta del secolo appena trascorso, nello Stato di Wenzhou (Yang, Tamney, 2005). Basterebbe solo riflettere sull impatto delle chiese neo-pentecostali d origine africana, asiatica o latino-americana e sul tipo di spiritualità che esse promuovono per comprendere come il cristianesimo così come storicamente si è radicato nelle società europee potrebbe subire una sorta di choc liturgico e teologico, non avvezzo com è né alle ritualità pentecostali tutte improntate all esaltazione della fisicità o della credenza nella manifestazione immediata dei poteri dello Spirito né tanto meno ad una dottrina, che in tali nuove formazioni è normalmente ridotta all essenziale o tradotta in semplici precetti morali (Jenkins, 2002; Pace, 2006). Religioni in movimento, dunque. Nel duplice senso: in primo luogo, l Europa va ridisegnando la propria cartografia del sacro e, in secondo luogo, nessuno esce indenne dal mutamento che tale nuova cartografia comporta. Né per le religioni che pretendono d essere immutabili né per quelle che ritengono di rappresentare la coscienza collettiva d intere nazioni né, infine, per le religioni approdate come corredo personale delle biografie di tanti immigrati e dei loro discendenti. Tutte o meglio tutti coloro che ad esse fanno riferimento apprendono presto che professare una fede in società ad alta complessità socio-religiosa (o ad alto tasso di pluralismo religioso, che è lo stesso) significa imparare (di malavoglia o facendo buon viso a cattivo gioco) a credere nel relativo e ad immaginare i confini simbolici dei rispettivi differenti sistemi di credenza non come frontiere invalicabili, ma piuttosto come paratie mobili che 1

2 possono essere attraversate liberamente. Fuor di metafora, la nuova cartografia del sacro costringe, innanzitutto, a tracciare nuove linee della memoria. Le religioni intrattengono una relazione speciale con la memoria collettiva. Inoltre, la nuova geografia socio-religiosa spinge a confrontare all interno di uno stesso macro-sistema di credenza una pluralità di modi di fare esperienza del sacro e del divino, a riconoscere il ruolo delle donne che sembrano più in grado del genere maschile di combinare la memoria religiosa ereditata con lo spirito d adattamento e di compromesso con una società aperta e dinamica, a riconsiderare, infine, l opportunità di non chiudere porte e finestre dei rispettivi luoghi di culto, a difesa simbolica di un integrità difficile da conservare, per mantenere aperta una linea di dialogo interreligioso, entrato ormai a far parte dell agenda politica delle amministrazioni pubbliche in tutta Europa (Pace, 2007). Quattro linee di tensione, dunque, che illustreremo narrando quattro episodi. Un etnografia minuta che serva a dare conto meglio di tanti discorsi astratti sulla complessità del presente. 1. Quattro scene in un interno. Prima scena: la memoria spezzata Prima scena: si svolge in un quartiere della periferia di Parigi. Siamo a casa di una famiglia di marocchini, emigrati in Francia da più di venti anni. Youcef è d origini berbere, viene dalla città di Marrakesh. Sua moglie Aisha - il nome glorioso di una delle spose del profeta Muhammad - proviene da un villaggio del profondo sud del Marocco. Lui lavora come autista in una piccola fabbrica. Hanno sei figli. Il maggiore, Moloud, studente universitario di Veterinaria, non è d accordo con quanto sta per accadere a casa sua il 13 luglio, alla vigilia della festa nazionale francese, la Bastiglia. Una data, quest ultima, che nel calendario lunare musulmano corrisponde al 10 del mese di dhu-al-hijjia, quando si celebra la festa del sacrificio ( aid al-kabir: letteralmente, la grande festa), o festa del montone. Suo padre ha acquistato per l appunto un agnello, lo ha portato a casa e la bestia, da giorni, viene amorevolmente accudito dalla madre e dai figli più piccoli, prima di essere sgozzata secondo un rito antico che accomuna tutti i musulmani in patria e in esilio. Nei Paesi a maggioranza musulmana, ma con forti presenze cristiane, quando tale festa cade in prossimità del Natale non è infrequente vedere in luoghi pubblici accanto all albero di Natale una gigantografia di un agnellino. E una testimonianza del fatto che, sì, esistono le frontiere simboliche che marcano l identità e la differenza fra diversi sistemi di credenza, ma che, tuttavia, esse non impediscono di guardare con attenzione nei rispettivi recinti del sacro. Moloud non è d accordo con quanto sta per accadere tra le mura domestiche, perché ama gli animali e contesta suo padre, affermando che il rito del sacrificio che sta per compiere è, in realtà, una crudeltà, un arcaico residuo del passato tribale. La pensa un poco come l exdiva del cinema, Brigitte Bardot, divenuta fervente animalista, la quale, da tempo e puntualmente, ogni anno, alla vigilia della festa del montone, lancia accorati e indignati appelli dai giornali e dalle televisioni, perché i governanti facciano cessare la carneficina degli ovini che viene compiuta ogni anno in Francia in occasione della grande festa. Una carneficina, a sua detta, che insanguinerebbe il territorio francese. Youcef, il padre del nostro Moloud, pur consapevole dei divieti delle autorità che proibiscono di procedere al rito del sacrificio in casa (o nei garage o nei cortili antistanti i condomini), procede imperterrito ad eseguire l atto sacrificale. Tra padre e figlio non c è più intesa su un gesto che, invece, altrove tende a trasmettersi di generazione in generazione senza particolari traumi. Siamo di fronte, invece, ad un conflitto fra generazioni, che investe un simbolo religioso, un codice d accesso al sistema d appartenenza socio-religiosa, chiamato islam. Il padre, infatti, si mostra fedele alla memoria religiosa e alle tradizioni della sua cultura d origine; suo figlio, invece, non coglie più il significato religioso del gesto rituale: egli è diventato più sensibile a stili di vita e visioni del mondo propri di una parte della cultura giovanile europea. I legami con la tradizione si sono in parte sciolti. Ciò non significa che egli rinneghi la sua fede di nascita. Moloud si sente ancora un buon musulmano: ciò che è cambiato 2

3 nel suo cuore di giovane, nato a Parigi e vissuto da vent'anni in terra francese, è il sentimento d appartenenza alla cultura dei padri e delle madri. Per credere secondo i precetti dell islam, Moloud non ritiene più necessario seguire alla lettera usanze antiche, come quelle del sacrificio del montone, ad esempio, che gli appaiono non più essenziali per essere a posto con la propria coscienza di credente. Il confronto fra due culture, che Moulud vive nel suo cuore, in realtà riflette un conflitto più vasto, presente in modo vivo nelle società europee, divenute multireligiose e multiculturali (Ambrosini, Molina, 2004; Cesari, 2005; Cesari, Pacini, 2000; De Wenden, 2001; Frisina, 2007; Mantovani, 2004; Queirolo Palmas, 2006; Sain-Blancat, 1999; 2004; Valtolina, Marazzi, 2006) Il sacrificio del montone, secondo una tradizione secolare, è un gesto liturgico che avviene in famiglia e fra famiglie che hanno fra loro vincoli di parentela. Gli immigrati d origine musulmana sono portati a compierlo tra le quattro mura domestiche. Non ci sarebbe nulla da ridire, se tutto ciò non suscitasse reazioni a volte negative da parte di chi non è musulmano e che magari abita nello stesso condominio dove dimora il nostro capo famiglia, Youcef. Quando in un condominio vivono persone di cultura diversa, che trovano insopportabile l afrore che la macellazione del montone inevitabilmente produce, le telefonate di protesta agli uffici d Igiene pubblica divengono frequenti. La multiculturalità passa anche per gli odori, familiari e gradevoli per gli uni, estranei e disgustosi per gli altri. Dunque è possibile trovare un compromesso fra il potere della memoria religiosa, i freddi regolamenti municipali che fissano i criteri per la macellazione degli animali secondo i criteri sanitari e le appassionate proteste degli animalisti, che del resto fanno breccia anche fra alcuni rappresentanti della seconda generazione d immigrati musulmani? 2. Seconda scena: incontri ravvicinati di tipo religioso Seconda scena. Siamo all interno di una chiesa. Una piccola chiesa di un piccolo comune nel cuore di uno dei tanti distretti industriali sorti nel Nordest italiano. Le fabbriche piccole e medie della zona hanno attirato un gran numero di Ghaneani. Essi appartengono ad una delle tante chiese neo-pentecostali africane, nate negli ultimi venti anni. Il parroco ospita alcuni immigrati nella sua canonica, trasformata in parte in centro di prima accoglienza. Egli da qualche tempo, inoltre, non si pone molti problemi nel costatare che l asilo parrocchiale ospita ormai più bambini di famiglie ghaneane che non di famiglie locali. Un giovane ghaneano, che temporaneamente aveva trovato una prima sistemazione nel centro d accoglienza in canonica, un triste giorno muore d infarto. Il parroco, dopo una prima incertezza, decide di celebrare il funerale in chiesa. Sa che il giovane era protestante. Telefona, perciò, al pastore valdese della chiesa di una città vicina ed, assieme, decidono d organizzare un rito funebre che in qualche modo si presenti come una preghiera ecumenica: celebrata in una chiesa cattolica, ma seguendo, per semplificare, un canovaccio più sobrio, vicino alla sensibilità protestante. Il giorno della celebrazione la chiesa si riempie all inverosimile di connazionali del giovane deceduto, accorsi da varie parti. I parrocchiani sono incuriositi e prendono parte anche loro all evento. La cerimonia ha inizio con una certa solennità. Ben presto uomini e donne del Ghana, vestiti a festa (le donne con i loro indumenti colorati) si appropriano lo spazio sacro e imprimono alla cerimonia un altro ritmo, secondo la loro spiritualità carismatica e secondo uno stile religioso africano (che esalta danza e canto). I due celebranti sono così tagliati fuori e assistono, fra lo stupefatto e l incuriosito, alla trasformazione di un rito d elaborazione del lutto in una festa gioiosa: al canto segue la danza in chiesa e, alla fine, la bara viene presa a spalla e portata fuori del sagrato, sempre cantando e muovendo a ritmo i corpi La cerimonia finisce. Il parroco intuisce lo stupore disegnato sui volti dei suoi parrocchiani, abituati alla dolorosa compostezza dei funerali cattolici. Tant è che egli sente il bisogno l indomani di tranquillizzare il suo vescovo. 3

4 La domanda che il parroco si pone alla fine è molto semplice: fin dove è possibile spingersi quando vengono superati i confini simbolici che marcano le differenze fra un sistema di credenza religioso rispetto ad un altro. Come cattolico si chiede il parroco- ho fatto bene a lasciare che in chiesa si celebrasse un rito secondo forme culturali e religiose diverse da quelle volute e dettate da Santa Madre Chiesa? In termini più generali, il confronto così ravvicinato fra culture ed identità etniche diverse solleva un interrogativo ancor più inquietante: come salvare le radici dell identità cristiana senza perdere di vista lo spirito della carità che consiglia il buon cristiano ad accogliere coloro che si presentano avendo fame e senza dimora? Come continuare ad essere accogliente rifugio dei migranti, senza smarrire la propria identità religiosa e culturale? Non c è il rischio di un metissage di credi religiosi che alla lunga potrebbe ingenerare ciò che le autorità ecclesiastiche temono di più, forme di sincretismo o peggio di relativismo? Del resto, da un po di tempo a questa parte si moltiplicano nuovi luoghi di culto degli ortodossi (rumeni e moldavi, in particolare) che si vedono offrire dalle chiese cattoliche locali edifici di culto un tempo cattolici, rimasti senza parroci, che si riempiono di nuovo ogni domenica, dopo essere rimasti deserti per mancanza di frequentanti. Anche in tal caso, ciò che colpisce l osservatore è il confronto ravvicinato fra modelli di spiritualità, quello cattolico e quello ortodosso, in parte diversi ma anche d altro canto prossimi per la devozione popolare alle immagini dei santi, confronto che genera una blanda competizione. 3. Terza scena: religioni e culture di donne in movimento Terza scena. Un modesto appartamento di una casa a schiera alla periferia di Bradford, in Gran Bretagna. Alle cinque di un tranquillo pomeriggio di un normale giorno feriale, vi sono riunite delle signore che stanno bevendo il the. Non si tratta di signore della buona borghesia anglosassone, ma di donne d origine pakistana. Si ritrovano, periodicamente e a rotazione a casa dell una e dell altra, ogni settimana. Bere il the fa parte dei loro costumi tradizionali. Infatti, queste donne stanno rinnovando un antico rito, quello del lena dena (letteralmente: dare e prendere); un rito domestico contrassegnato dallo scambio di doni, regolato in conformità ad un principio saldissimo: quando ricevo un dono, sono obbligato a ricambiarlo con qualcosa che superi il valore di quanto ho ricevuto. Secondo la tradizione, la cerimonia del the è prerogativa delle donne. Attraverso di essa, le madri di famiglia intessono una fitta rete di relazioni sociali, fondate sulla circolazione dei doni, una rete funzionale alla creazione e al rafforzamento di solidarietà fra famiglie, a volte, all origine legate dallo steso vincolo d appartenenza di casta. Nella società pakistana, infatti, questo sistema di relazioni consente di avviare i primi contatti fra famiglie per combinare i matrimoni e soprattutto per creare le condizioni favorevoli alla stipulazione d affari e scambi economici fra gli uomini dei diversi nuclei familiari coinvolti. Nella situazione migratoria della Gran Bretagna, la vasta comunità pakistana (che rappresenta oggi il 17% della presenza totale d immigrati nel Regno Unito, pari ad un 6% circa della popolazione inglese) riproduce lo schema del lena dena, perché la rete di solidarietà interfamiliare, creata e mantenuta in vita dalle donne, serve agli uomini per stringere alleanze economiche: per fare affari assieme, creare imprese economiche coordinate, studiando le migliori strategie da adottare per occupare nicchie di mercato che gli autoctoni, gli inglesibritish d origine o altri gruppi d immigrati hanno lasciato sguarnite. In tal modo si verifica un fenomeno interessante: per un verso, gli interscambi economici che avvengono nel mondo maschile favoriscono un graduale superamento delle tradizionali distinzioni di casta, che ancor oggi vigono nella società d origine, mentre, per un altro, la rete di gratuità stabilitasi fra le donne, e grazie a loro, tende a garantire la sopravvivenza di una regola che deriva, alla lontana, dalla cultura delle caste proprie del Pakistan: i matrimoni combinati fra famiglie (Legrain, 2007; Menski, 2000). Un retaggio etno-culturale che contrasta oggi (meno forse in passato) con la civiltà giuridica occidentale, dal momento che non si riconosce autonomia di scelta ai futuri sposi. Se, da un lato, i pakistani immigrati mostrano di sapersi adattare molto bene alle regole 4

5 del gioco economico, divenendo ben presto non solo ottimi lavoratori, ma anche abili imprenditori, alle donne si chiede di conservare la memoria culturale del gruppo sociale e difendere il valore della famiglia allargata, che tramite i matrimoni combinati rafforza e consolida il patrimonio economico. Qual è la domanda, allora, che ci si può porre, guardando la scena del the? La possiamo formulare nel modo seguente: l economia costringe anche chi ha una cultura diversa a adeguarsi alle regole del mercato; possiamo chiedere allora che le stesse persone abbandonino anche i loro costumi e le loro pratiche sociali che appaiono loro religiosamente ben termperate, quando queste ultime entrano in contraddizione con principi fondamentali della persona, come la libertà di contrarre matrimonio senza condizionamenti familiari? Viceversa, se accettassimo l idea dell eguaglianza di tutti nella sfera economica, lasciando assoluta autonomia nella sfera privata dunque anche in quella familiare dove ciascuno si possa regolare secondo usi, costumi e pratiche religiose che fanno parte del proprio corredo culturale, il possibile conflitto fra culture diverse si porrebbe in due modi diversi. Il primo: ciò che accade tra le mura domestiche e che non arreca offese e danni è un fatto privato; ma come dobbiamo comportarci, quando una ragazza è accasata, contro la sua volontà, in forza dei legami di solidarietà che abbiamo descritto poco sopra? È lecito che ogni comunità si adegui al proprio regime giuridico e religioso per regolare i rapporti fra le persone? Avverrebbe in tal modo un paradosso: in Europa tornerebbe a rivivere la secolare istituzione del millet inventato dagli Ottomani: alle comunità non musulmane, ospiti della Sublime Porta, e abolito da Mustafa Kemal Atatürk all indomani della fondazione della moderna Repubblica turca; secondo tale regime, com è noto, era riconosciuto alle diverse comunità nazional-religiose il diritto di seguire gli statuti in uso nelle loro rispettive patrie d origine e di rivolgersi ai loro tribunali o di sposarsi secondo le regole invalse nei regimi personali (Ferrari, Iban, 1997).. La questione che ci si pone in una società multietnica, è se contano allora di più le singole persone - i cittadini - titolari di diritti umani fondamentali, indipendentemente dalle diverse appartenenze etniche o religiose, o se debbano essere riconosciute le differenze culturali delle diverse comunità etniche nella sfera pubblica. In questo secondo caso, ogni comunità finirebbe per fare vita a se stante, rinchiudendosi nelle mura della propria cittadella giuridica, religiosa e morale (nel senso dei mores: dei modi di vestire e dei cibi da consumare), condannandosi probabilmente ad un impoverimento culturale progressivo nel passaggio da una generazione all altra. Le seconde e le terze generazioni alla lunga non sopportano di vedersi recluse, proprio perché, nate nelle società che i loro padri consideravano straniera, desiderano integrarsi e poter così riuscire nella vita, come tanti altri giovani autoctoni della loro età. Che cosa un domani potrà essere oggetto di compromesso culturale fra persone d identità e memoria etnica diverse? Un solo esempio per tutti: quando nel lontano 1983 fu introdotta in Gran Bretagna l obbligatorietà del casco per i conducenti di moto, una comunità etno-religiosa, come quella dei sikh, fece presente alle autorità britanniche che sia per motivi rituali (in pubblico deve indossare il turbante che tradizionalmente copre folte chiome) che per motivi pratici (non è certo facile indossare sopra il turbante un casco) sarebbe stato impossibile rispettare la norma in questione. La soluzione pratica trovata in Inghilterra fu banale: tutti devono indossare il casco, fatta eccezione per i membri della comunità sikh. E possibile estendere questo modello anche ad altre realtà sociali europee e fino a che punto? Nella laica Francia, non sarebbe assolutamente proponibile un analoga soluzione. Quali sono, allora, i limiti delle transazioni culturali - giuridiche, religiose, di costume - che non possono essere fatte per riuscire a garantire uguaglianza nella differenza? (Todorov, 1991) 5

6 4. Quarta scena: l intercultura sulle tracce della memoria Quarta scena: Mazaro del Vallo. Da almeno trent anni lì esiste una comunità tunisina che ha raggiunto la cospicua soglia del 5% circa della popolazione (che in totale conta abitanti). La città siciliana vanta un ricco passato arabo-musulmano (Allievi, 2003). Il suo fiorente porto e la pesca hanno attratto molti immigrati. Essi provengono da due centri, Mahdiyya e Shebba, della vicina costa tunisina e lavorano prevalentemente nella flottiglia come pescatori. Senza la loro attiva presenza l economia cittadina entrerebbe in crisi. I tunisini sono arrivati agli inizi degli anni Settanta; lentamente si sono insediati in una zona del centro storico di Mazara (nome d origine araba), ribattezzata la casbah. Con il passare del tempo hanno richiamato le loro famiglie o hanno cominciato a sposarsi con donne siciliane, formando famiglie culturalmente miste. Progressivamente il desiderio di tornare presto in patria ha ceduto il passo al realismo: a Mazara c è lavoro, la famiglia è arrivata, un tetto è assicurato e i figli sono nati qui (Pace, 2000). Quando sono cominciati ad arrivare i bambini e le bambine la prima comunità d immigrati ha chiesto e ottenuto dal governo italiano l apertura di una scuola per i loro figli, dove potessero seguire i programmi della madrepatria ed avere insegnanti di madrelingua. E nata così, agli inizi degli anni Settanta del secolo appena trascorso, uno dei primi esempi di scuola riservata agli immigrati. Un caso allora passato inosservato, mentre tutti noi ricordiamo più di recente le accese discussioni quando a Milano un gruppo di famiglie egiziane ha preteso di aprire una scuola dove mandare i loro figli a studiare sui programmi egiziani. Mentre a Milano si discuteva se tenere aperta o chiudere la scuola, a Mazara da molti anni ormai un gruppo d insegnanti tunisini aveva già maturato l idea di chiudere l esperimento, riflettendo propria sulla sua stessa funzionalità in un contesto sociale e culturale profondamente mutato. In particolare in un contesto locale dove il processo di riconoscimento della differenza socio-religiosa e socio-culturale della comunità tunisina stava avvenendo sia per volontà dell autorità politiche locali sia in forza d oggettivi fattori d integrazione (matrimoni misti, elevata integrazione sociale dei figli degli immigrati, apertura di luoghi di culto senza particolari problemi, creazione di una prima rete associativa mista e così via). La domanda che gli insegnanti tunisino-mazaresi si poneva poteva riassumere così: che senso ha mantenere aperta una scuola tunisina, separata da quella dove vanno i ragazzi e le ragazze mazaresi, quando nei fatti il riconoscimento della nostra presenza comincia a farsi strada fra la gente e presso le diverse autorità pubbliche? Non si rischia di formare delle persone dissociate culturalmente: le quali conoscono poco e male la loro cultura (e anche la loro lingua e la loro religione, magari appresa sui banchi di scuola, ma per ovvi motivi non praticata nella vita quotidiana)?. Ci si è trovati così di fronte al dilemma: o chiudere la scuola differenziale, perché fonte di disagio sociale per i giovani nati da famiglie tunisine, ma ormai da un certo tempo residenti o addirittura registrati all anagrafe della città sicula (magari con nomi arabi sbagliati, perché nessuno si è preoccupato di trascrivere correttamente i nomi arabi), oppure tenere aperta la scuola nella speranza di salvare in qualche modo l identità culturale, la memoria storica e l universo dei valori religiosi dei tunisini immigrati? (Hannachi, 1998; Methnani, 1990). Fino a che punto si può cedere un po della propria memoria collettiva, se tutto ciò serve a costruire meglio un identità plurale? E forse più facile farlo, quando nella società d arrivo e d inserimento le tracce religiose e culturali lasciate dal passato non sono volutamente occultate e relegate nell oblio, ma riscoperte e trasformate in beni culturali collettivi (Slama, 1986)? Conclusione Le religioni, viste con gli occhi puntati sulle microstorie che abbiamo raccontato, possono essere considerate anche come archivi viventi di simboli collettivi. Repertori culturali e interculturali, allo stesso tempo. Le religioni possono comunicare fra culture diverse e perciò possono svolgere una funzione decisiva nelle società ad elevato pluralismo etnico, linguistico e 6

7 culturale. I grandi simboli, di cui le religioni sono spesse depositarie, infatti, non appartengono in modo esclusivo ad una civiltà rispetto ad un altra, ad una cultura sola e solitaria. I simboli si muovono all interno delle grandi famiglie religiose, finendo per formare, al di là delle gelosie dei singoli sistemi di credenza nel difendere le proprie pretese specificità, una sorta di capitale simbolico liberamente circolante nelle società umane, per il quale vale più la legge dell accrescimento che non quella del più radicale annichilimento. E difficile, infatti, incontrare religioni allo stato puro. Esse si presentano generalmente - come gli storici del resto c insegnano come sistemi di credenza che inventano nuovi linguaggi simbolici, ricomponendo allo stesso tempo strati simbolici pre-esistenti. I sistemi di credenza religiosa funzionano, entro certi limiti, secondo il principio che nulla si crea, nulla si distrugge e tutto si trasforma. Gli storici parlano, a tal proposito, di sincretismo. In sociologia si preferisce ricorrere ad un altro concetto: i sistemi di credenza per riprodursi nel tempo e per espandersi in ambienti sociali diversi tendono a differenziarsi al loro interno e, così facendo, tendono ad includere (non ad escludere), ad accrescersi (non a ridursi all essenziale), a moltiplicare porte e finestre (non a chiudere tutte le soglie ed i varchi) attraverso cui entrano a far parte dell universo simbolico di una religione elementi, cifre, rituali, devozioni che non sono ascrivibili di per sé all atto di fondazione (al miracolo dell incipit) che segna la nascita, e solo successivamente la formazione, la persistenza e la riproduzione di un sistema di credenza. L immagine che preferisco usare, in tal caso, per sintetizzare quanto appena detto è quella della falesia. Una geologia delle religioni non esiste. Se esistesse, si potrebbe immaginare di studiare una religione come il geologo esamina la stratificazione di una parete rocciosa: cogliendo le differenze fra gli strati più antichi e quelli più recenti, individuandone, di volta in volta, la diversa conformazione e, allo stesso tempo, la straordinaria forza d integrazione (Pace, 2008). Viste con gli occhi di chi crede nell assolutezza del proprio punto di vista religioso da cui deduce spesso la matrice simbolica delle propria identità, esclusiva e pura, l immagine della falesia è improponibile. Soprattutto in tempi, come quelli che stiamo vivendo, in cui si tende a tracciare attorno alle identità collettive saldi e invalicabili confini sacri. La falesia è, metaforicamente parlando, il rovescio delle politiche d identità chiuse, gelose del mito delle loro origini pure e incontaminate. Alla lunga, tale politiche mostrano tutta la loro limitatezza, soprattutto quando esse divengono d impaccio al riconoscimento delle differenze fra persone di cultura e religione diverse. BIBLIOGRAFIA ALLIEVI S. (2003), Islam italiano, Einaudi, Torino AMBROSINI M., MOLINA S. (a cura di) (2004), Seconde generazioni, Fondazione Agnelli, Torino. ATGLAS V. (2005), Le nouvel hindouisme occidental, Editions CNRS, Paris. CESARI J. (2005), Islam in the West, Palgrave, New York. CESARI J, PACINI A. (a cura di) (2000), Giovani musulmani in Europa, Fondazione Agnelli, Torino. DENTI D., FERRARI M., PEROCCO F.(a cura di) (2005), I Sikh, Franco Angeli, Milano. DE WENDEN C. (2001), L Europe des immigrés, ADRI, Paris. FERRARI S., IBAN M. (1997), Diritto e religione in Europa occidentale, Il Mulino, Bologna. FRISINA A. (2007), Giovani musulmani italiani, Carocci, Roma. HANNACHI K. (1998), Gli immigrati tunisini a Mazara del Vallo, CRESM, Gibellina. JENKINS P. (2002), The Next Christendom, Oxford University Press, Oxford (trad. it. La Terza Chiesa, Fazi, Roma 2004). 7

8 LEGRAIN F. (a cura di) (2007), Immigrant. Your Country needs Them, Migration Impact Forum, London. LENOIR F. (1999), La recontre du buddhisme et de l Occident, Fayard, Paris. MACIOTI M.I. (1996), Il Buddha che è in noi, Seam, Roma MANTOVANI G. (2004), Intercultura, Il Mulino, Bologna. METHNANI S. (1990), Immigrato, Teoria, Roma. MENSKI W. (a cura di) (2000), Ethnic Minorities in English Law, Trentham Books, London. PACE E. (2000), Mazara del Vallo: The most Arab City in Italy, in D. Turton, J. Gonzalez (eds.), Ethnic Diversity in Europe, Humanitariannet/University of Deusto Press, Bilbao, pp ID. (2007), Policy Dialogue among Cultures and Religions in the City, in L. Bekemans et al. (eds.), Intercultural Dialogue and Citizenship, Marsilio, Venezia, pp ID. (2006), Chi sono i pentecostali/who are Pentecostal faithful, in F. Giglioli (a curad di), Portrait in Black. Zoo_Com, Verona, pp ID. (2008), Raccontare Dio, La religione come comunicazione, Il Mulino, Bologna. PASQUALOTTO G. (2003), East & West. Identità e dialogo interculturale, Marsilio, Venezia. RAVERI M. (2006), Itinerari del sacro. L esperienza religiosa giapponese, Cafoscarina, Venezia. QUEIROLO PALMAS L. (2000), Prove di seconde generazioni, Fondazione Agnelli, Torino. SAINT-BLANCAT C. (2004), La transmission de l islam auprès les nouvelles générations de la diaspora, in Social Compass, 51 (2), pp ID. (a cura di) (1999), L islam in Italia, Edizioni Lavoro, Roma. SAYAD A. (2002), La doppia assenza, Raffello Cortina, Milano. SLAMA H. (1986), E la Sicilia scoprì gli immigrati, Inca Edizioni, Palermo. TODOROV T. (1991), La conquête de l Amérique, Paris, Seuil (trad.it. La conquista dell America, Einaudi, Torino 2005). VALTOLINA G.G., MARAZZI A. (a cura di) (2006), Appartenenze multiple, Franco Angeli, Milano. WILSON B., DOBBELAERE K. (1994), A Time to Chant, Oxford University Press, Oxford. YANG F., TAMNEY B. (2005), State, Market and Religion in Chinese Society, Brill, Leiden. Nota bio-bibliografica Enzo Pace è professore di Sociologia e Sociologia della religione all Università di Padova. E stato Presidente dell International Society for the Sociology of Religion and Visiting Professor all Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi. S interessa di sociologia dell islam, dei fondamentalismi, dei nuovi movimenti religiosi e dei processi di cambiamento socioreligioso in Europa. Tra le sue recenti pubblicazioni: Raccontare Dio. La religione come comunicazione, Bologna 2008; Introduzione alla sociologia delle religioni, Roma, 2007; Perché le religioni scendono in guerra, Roma-Bari

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi nuovo Pasquale Troìa Roberta Mazzanti Cecilia Vetturini I ColoRI del strumenti per una didattica inclusiva Alta leggibilità con audio Attività facilitate Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega

LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega LA NOSTRA TESTIMONIANZA DI LAVORO E DI FESTA IN AMBIENTE MUSULMANO P. José Vega I.- LA CHIESA IN MAROCCO: 1- Breve rassegna storica: Per poter presentare il testimonio di una Scuola cattolica in Marocco

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni

LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni LA SENSIBILITA RELIGIOSA DEGLI AFRICANI IMMIGRATI IN ITALIA Don Denis Kibangu Malonda Coordinatore Nazionale Africani francofoni Dopo più di un secolo dalla sua seconda Evangelizzazione, il cammino di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni?

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni? Informazione, educazione ed empowerment del paziente e delle comunità Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni Chi sono le associazioni? Le associazioni di stranieri al 31/12/2008

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C.S. VITTORINO DA FELTRE 62 Circolo didattico NAPOLI PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Le Insegnanti Sasso Silvana Colucci Anna ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PREMESSA Una scuola ideale, che

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 linguaggio. poter aprire con i ragazzi un confronto sulle tematiche del mondo giovanile proposte dal testo. lo studente impara a riflettere sulle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli