Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE"

Transcript

1 Allegato 1 Intercultura e religioni in movimento ENZO PACE Introduzione Il ciclo delle migrazioni verso l Europa per molti aspetti si è concluso. Non perché non arriveranno più donne e uomini dai quattro angoli del mondo. Ma per la semplice ragione che noi ora siamo già in grado di vedere e misurare ormai tutti i cambiamenti strutturali che il fenomeno ha prodotto sin qui e, su questa base, di intuire come potrà essere la società europea in un prossimo futuro. Fra i cambiamenti di lungo respiro su cui intendiamo attirare l attenzione è l inedito pluralismo religioso che sta ridisegnando la geografia socio-religiosa dell Europa. Il Vecchio Continente ha conosciuto e riconosciuto la pluralità delle fedi, pagando due prezzi elevati: da un lato, le guerre di religioni che alla fine hanno cristallizzato territorialmente le differenze storiche fra cattolici e protestanti, e, dall altro, la sistematica persecuzione degli ebrei sino al loro sterminio. I conflitti politici ed economici si sono spesso intrecciati a quelli religiosi. Quando parliamo di pluralismo inedito, allora, vogliamo alludere al fatto che in un Europa ormai pacificata per quanto riguarda le storiche contrapposizioni fra cattolicesimo e protestantesimo, hanno preso forma religioni che o erano marginali oppure lontane ed estranee rispetto alla storia stessa europea. Non pensiamo solo all islam, che in realtà e, per molti versi, è una religione occidentale tanto quanto l ebraismo e il cristianesimo delle origini, del resto non certo estraneo alla stessa vicenda storica, filosofica e culturale dell Europa medievale, ma allo hinduismo (Atglas, 2005), al buddismo (Lenoir, 1999; Pasqualotto, 2003), alla via dei sikh (sikh panth) (Denti, Ferrari, Perocco, 2005) e alle nuove forme di neo-buddismo che arrivano soprattutto dal Giappone (Wilson, Dobbelaere, 1994; Macioti, 1996; Raveri, 2006); ed inoltre alle tante nuove parrocchie ortodosse, espressioni d altrettante varie chiese autocefale (da quella rumena, a quella moldava per finire con quelle ucraina e russa), nonché alle nuove chiese pentecostali, soprattutto dell Africa sub-sahariana, ma non solo, poiché sono arrivate anche le nuove chiese cinesi, in particolare quelle che, ad esempio, sono nate, alla fine degli anni Novanta del secolo appena trascorso, nello Stato di Wenzhou (Yang, Tamney, 2005). Basterebbe solo riflettere sull impatto delle chiese neo-pentecostali d origine africana, asiatica o latino-americana e sul tipo di spiritualità che esse promuovono per comprendere come il cristianesimo così come storicamente si è radicato nelle società europee potrebbe subire una sorta di choc liturgico e teologico, non avvezzo com è né alle ritualità pentecostali tutte improntate all esaltazione della fisicità o della credenza nella manifestazione immediata dei poteri dello Spirito né tanto meno ad una dottrina, che in tali nuove formazioni è normalmente ridotta all essenziale o tradotta in semplici precetti morali (Jenkins, 2002; Pace, 2006). Religioni in movimento, dunque. Nel duplice senso: in primo luogo, l Europa va ridisegnando la propria cartografia del sacro e, in secondo luogo, nessuno esce indenne dal mutamento che tale nuova cartografia comporta. Né per le religioni che pretendono d essere immutabili né per quelle che ritengono di rappresentare la coscienza collettiva d intere nazioni né, infine, per le religioni approdate come corredo personale delle biografie di tanti immigrati e dei loro discendenti. Tutte o meglio tutti coloro che ad esse fanno riferimento apprendono presto che professare una fede in società ad alta complessità socio-religiosa (o ad alto tasso di pluralismo religioso, che è lo stesso) significa imparare (di malavoglia o facendo buon viso a cattivo gioco) a credere nel relativo e ad immaginare i confini simbolici dei rispettivi differenti sistemi di credenza non come frontiere invalicabili, ma piuttosto come paratie mobili che 1

2 possono essere attraversate liberamente. Fuor di metafora, la nuova cartografia del sacro costringe, innanzitutto, a tracciare nuove linee della memoria. Le religioni intrattengono una relazione speciale con la memoria collettiva. Inoltre, la nuova geografia socio-religiosa spinge a confrontare all interno di uno stesso macro-sistema di credenza una pluralità di modi di fare esperienza del sacro e del divino, a riconoscere il ruolo delle donne che sembrano più in grado del genere maschile di combinare la memoria religiosa ereditata con lo spirito d adattamento e di compromesso con una società aperta e dinamica, a riconsiderare, infine, l opportunità di non chiudere porte e finestre dei rispettivi luoghi di culto, a difesa simbolica di un integrità difficile da conservare, per mantenere aperta una linea di dialogo interreligioso, entrato ormai a far parte dell agenda politica delle amministrazioni pubbliche in tutta Europa (Pace, 2007). Quattro linee di tensione, dunque, che illustreremo narrando quattro episodi. Un etnografia minuta che serva a dare conto meglio di tanti discorsi astratti sulla complessità del presente. 1. Quattro scene in un interno. Prima scena: la memoria spezzata Prima scena: si svolge in un quartiere della periferia di Parigi. Siamo a casa di una famiglia di marocchini, emigrati in Francia da più di venti anni. Youcef è d origini berbere, viene dalla città di Marrakesh. Sua moglie Aisha - il nome glorioso di una delle spose del profeta Muhammad - proviene da un villaggio del profondo sud del Marocco. Lui lavora come autista in una piccola fabbrica. Hanno sei figli. Il maggiore, Moloud, studente universitario di Veterinaria, non è d accordo con quanto sta per accadere a casa sua il 13 luglio, alla vigilia della festa nazionale francese, la Bastiglia. Una data, quest ultima, che nel calendario lunare musulmano corrisponde al 10 del mese di dhu-al-hijjia, quando si celebra la festa del sacrificio ( aid al-kabir: letteralmente, la grande festa), o festa del montone. Suo padre ha acquistato per l appunto un agnello, lo ha portato a casa e la bestia, da giorni, viene amorevolmente accudito dalla madre e dai figli più piccoli, prima di essere sgozzata secondo un rito antico che accomuna tutti i musulmani in patria e in esilio. Nei Paesi a maggioranza musulmana, ma con forti presenze cristiane, quando tale festa cade in prossimità del Natale non è infrequente vedere in luoghi pubblici accanto all albero di Natale una gigantografia di un agnellino. E una testimonianza del fatto che, sì, esistono le frontiere simboliche che marcano l identità e la differenza fra diversi sistemi di credenza, ma che, tuttavia, esse non impediscono di guardare con attenzione nei rispettivi recinti del sacro. Moloud non è d accordo con quanto sta per accadere tra le mura domestiche, perché ama gli animali e contesta suo padre, affermando che il rito del sacrificio che sta per compiere è, in realtà, una crudeltà, un arcaico residuo del passato tribale. La pensa un poco come l exdiva del cinema, Brigitte Bardot, divenuta fervente animalista, la quale, da tempo e puntualmente, ogni anno, alla vigilia della festa del montone, lancia accorati e indignati appelli dai giornali e dalle televisioni, perché i governanti facciano cessare la carneficina degli ovini che viene compiuta ogni anno in Francia in occasione della grande festa. Una carneficina, a sua detta, che insanguinerebbe il territorio francese. Youcef, il padre del nostro Moloud, pur consapevole dei divieti delle autorità che proibiscono di procedere al rito del sacrificio in casa (o nei garage o nei cortili antistanti i condomini), procede imperterrito ad eseguire l atto sacrificale. Tra padre e figlio non c è più intesa su un gesto che, invece, altrove tende a trasmettersi di generazione in generazione senza particolari traumi. Siamo di fronte, invece, ad un conflitto fra generazioni, che investe un simbolo religioso, un codice d accesso al sistema d appartenenza socio-religiosa, chiamato islam. Il padre, infatti, si mostra fedele alla memoria religiosa e alle tradizioni della sua cultura d origine; suo figlio, invece, non coglie più il significato religioso del gesto rituale: egli è diventato più sensibile a stili di vita e visioni del mondo propri di una parte della cultura giovanile europea. I legami con la tradizione si sono in parte sciolti. Ciò non significa che egli rinneghi la sua fede di nascita. Moloud si sente ancora un buon musulmano: ciò che è cambiato 2

3 nel suo cuore di giovane, nato a Parigi e vissuto da vent'anni in terra francese, è il sentimento d appartenenza alla cultura dei padri e delle madri. Per credere secondo i precetti dell islam, Moloud non ritiene più necessario seguire alla lettera usanze antiche, come quelle del sacrificio del montone, ad esempio, che gli appaiono non più essenziali per essere a posto con la propria coscienza di credente. Il confronto fra due culture, che Moulud vive nel suo cuore, in realtà riflette un conflitto più vasto, presente in modo vivo nelle società europee, divenute multireligiose e multiculturali (Ambrosini, Molina, 2004; Cesari, 2005; Cesari, Pacini, 2000; De Wenden, 2001; Frisina, 2007; Mantovani, 2004; Queirolo Palmas, 2006; Sain-Blancat, 1999; 2004; Valtolina, Marazzi, 2006) Il sacrificio del montone, secondo una tradizione secolare, è un gesto liturgico che avviene in famiglia e fra famiglie che hanno fra loro vincoli di parentela. Gli immigrati d origine musulmana sono portati a compierlo tra le quattro mura domestiche. Non ci sarebbe nulla da ridire, se tutto ciò non suscitasse reazioni a volte negative da parte di chi non è musulmano e che magari abita nello stesso condominio dove dimora il nostro capo famiglia, Youcef. Quando in un condominio vivono persone di cultura diversa, che trovano insopportabile l afrore che la macellazione del montone inevitabilmente produce, le telefonate di protesta agli uffici d Igiene pubblica divengono frequenti. La multiculturalità passa anche per gli odori, familiari e gradevoli per gli uni, estranei e disgustosi per gli altri. Dunque è possibile trovare un compromesso fra il potere della memoria religiosa, i freddi regolamenti municipali che fissano i criteri per la macellazione degli animali secondo i criteri sanitari e le appassionate proteste degli animalisti, che del resto fanno breccia anche fra alcuni rappresentanti della seconda generazione d immigrati musulmani? 2. Seconda scena: incontri ravvicinati di tipo religioso Seconda scena. Siamo all interno di una chiesa. Una piccola chiesa di un piccolo comune nel cuore di uno dei tanti distretti industriali sorti nel Nordest italiano. Le fabbriche piccole e medie della zona hanno attirato un gran numero di Ghaneani. Essi appartengono ad una delle tante chiese neo-pentecostali africane, nate negli ultimi venti anni. Il parroco ospita alcuni immigrati nella sua canonica, trasformata in parte in centro di prima accoglienza. Egli da qualche tempo, inoltre, non si pone molti problemi nel costatare che l asilo parrocchiale ospita ormai più bambini di famiglie ghaneane che non di famiglie locali. Un giovane ghaneano, che temporaneamente aveva trovato una prima sistemazione nel centro d accoglienza in canonica, un triste giorno muore d infarto. Il parroco, dopo una prima incertezza, decide di celebrare il funerale in chiesa. Sa che il giovane era protestante. Telefona, perciò, al pastore valdese della chiesa di una città vicina ed, assieme, decidono d organizzare un rito funebre che in qualche modo si presenti come una preghiera ecumenica: celebrata in una chiesa cattolica, ma seguendo, per semplificare, un canovaccio più sobrio, vicino alla sensibilità protestante. Il giorno della celebrazione la chiesa si riempie all inverosimile di connazionali del giovane deceduto, accorsi da varie parti. I parrocchiani sono incuriositi e prendono parte anche loro all evento. La cerimonia ha inizio con una certa solennità. Ben presto uomini e donne del Ghana, vestiti a festa (le donne con i loro indumenti colorati) si appropriano lo spazio sacro e imprimono alla cerimonia un altro ritmo, secondo la loro spiritualità carismatica e secondo uno stile religioso africano (che esalta danza e canto). I due celebranti sono così tagliati fuori e assistono, fra lo stupefatto e l incuriosito, alla trasformazione di un rito d elaborazione del lutto in una festa gioiosa: al canto segue la danza in chiesa e, alla fine, la bara viene presa a spalla e portata fuori del sagrato, sempre cantando e muovendo a ritmo i corpi La cerimonia finisce. Il parroco intuisce lo stupore disegnato sui volti dei suoi parrocchiani, abituati alla dolorosa compostezza dei funerali cattolici. Tant è che egli sente il bisogno l indomani di tranquillizzare il suo vescovo. 3

4 La domanda che il parroco si pone alla fine è molto semplice: fin dove è possibile spingersi quando vengono superati i confini simbolici che marcano le differenze fra un sistema di credenza religioso rispetto ad un altro. Come cattolico si chiede il parroco- ho fatto bene a lasciare che in chiesa si celebrasse un rito secondo forme culturali e religiose diverse da quelle volute e dettate da Santa Madre Chiesa? In termini più generali, il confronto così ravvicinato fra culture ed identità etniche diverse solleva un interrogativo ancor più inquietante: come salvare le radici dell identità cristiana senza perdere di vista lo spirito della carità che consiglia il buon cristiano ad accogliere coloro che si presentano avendo fame e senza dimora? Come continuare ad essere accogliente rifugio dei migranti, senza smarrire la propria identità religiosa e culturale? Non c è il rischio di un metissage di credi religiosi che alla lunga potrebbe ingenerare ciò che le autorità ecclesiastiche temono di più, forme di sincretismo o peggio di relativismo? Del resto, da un po di tempo a questa parte si moltiplicano nuovi luoghi di culto degli ortodossi (rumeni e moldavi, in particolare) che si vedono offrire dalle chiese cattoliche locali edifici di culto un tempo cattolici, rimasti senza parroci, che si riempiono di nuovo ogni domenica, dopo essere rimasti deserti per mancanza di frequentanti. Anche in tal caso, ciò che colpisce l osservatore è il confronto ravvicinato fra modelli di spiritualità, quello cattolico e quello ortodosso, in parte diversi ma anche d altro canto prossimi per la devozione popolare alle immagini dei santi, confronto che genera una blanda competizione. 3. Terza scena: religioni e culture di donne in movimento Terza scena. Un modesto appartamento di una casa a schiera alla periferia di Bradford, in Gran Bretagna. Alle cinque di un tranquillo pomeriggio di un normale giorno feriale, vi sono riunite delle signore che stanno bevendo il the. Non si tratta di signore della buona borghesia anglosassone, ma di donne d origine pakistana. Si ritrovano, periodicamente e a rotazione a casa dell una e dell altra, ogni settimana. Bere il the fa parte dei loro costumi tradizionali. Infatti, queste donne stanno rinnovando un antico rito, quello del lena dena (letteralmente: dare e prendere); un rito domestico contrassegnato dallo scambio di doni, regolato in conformità ad un principio saldissimo: quando ricevo un dono, sono obbligato a ricambiarlo con qualcosa che superi il valore di quanto ho ricevuto. Secondo la tradizione, la cerimonia del the è prerogativa delle donne. Attraverso di essa, le madri di famiglia intessono una fitta rete di relazioni sociali, fondate sulla circolazione dei doni, una rete funzionale alla creazione e al rafforzamento di solidarietà fra famiglie, a volte, all origine legate dallo steso vincolo d appartenenza di casta. Nella società pakistana, infatti, questo sistema di relazioni consente di avviare i primi contatti fra famiglie per combinare i matrimoni e soprattutto per creare le condizioni favorevoli alla stipulazione d affari e scambi economici fra gli uomini dei diversi nuclei familiari coinvolti. Nella situazione migratoria della Gran Bretagna, la vasta comunità pakistana (che rappresenta oggi il 17% della presenza totale d immigrati nel Regno Unito, pari ad un 6% circa della popolazione inglese) riproduce lo schema del lena dena, perché la rete di solidarietà interfamiliare, creata e mantenuta in vita dalle donne, serve agli uomini per stringere alleanze economiche: per fare affari assieme, creare imprese economiche coordinate, studiando le migliori strategie da adottare per occupare nicchie di mercato che gli autoctoni, gli inglesibritish d origine o altri gruppi d immigrati hanno lasciato sguarnite. In tal modo si verifica un fenomeno interessante: per un verso, gli interscambi economici che avvengono nel mondo maschile favoriscono un graduale superamento delle tradizionali distinzioni di casta, che ancor oggi vigono nella società d origine, mentre, per un altro, la rete di gratuità stabilitasi fra le donne, e grazie a loro, tende a garantire la sopravvivenza di una regola che deriva, alla lontana, dalla cultura delle caste proprie del Pakistan: i matrimoni combinati fra famiglie (Legrain, 2007; Menski, 2000). Un retaggio etno-culturale che contrasta oggi (meno forse in passato) con la civiltà giuridica occidentale, dal momento che non si riconosce autonomia di scelta ai futuri sposi. Se, da un lato, i pakistani immigrati mostrano di sapersi adattare molto bene alle regole 4

5 del gioco economico, divenendo ben presto non solo ottimi lavoratori, ma anche abili imprenditori, alle donne si chiede di conservare la memoria culturale del gruppo sociale e difendere il valore della famiglia allargata, che tramite i matrimoni combinati rafforza e consolida il patrimonio economico. Qual è la domanda, allora, che ci si può porre, guardando la scena del the? La possiamo formulare nel modo seguente: l economia costringe anche chi ha una cultura diversa a adeguarsi alle regole del mercato; possiamo chiedere allora che le stesse persone abbandonino anche i loro costumi e le loro pratiche sociali che appaiono loro religiosamente ben termperate, quando queste ultime entrano in contraddizione con principi fondamentali della persona, come la libertà di contrarre matrimonio senza condizionamenti familiari? Viceversa, se accettassimo l idea dell eguaglianza di tutti nella sfera economica, lasciando assoluta autonomia nella sfera privata dunque anche in quella familiare dove ciascuno si possa regolare secondo usi, costumi e pratiche religiose che fanno parte del proprio corredo culturale, il possibile conflitto fra culture diverse si porrebbe in due modi diversi. Il primo: ciò che accade tra le mura domestiche e che non arreca offese e danni è un fatto privato; ma come dobbiamo comportarci, quando una ragazza è accasata, contro la sua volontà, in forza dei legami di solidarietà che abbiamo descritto poco sopra? È lecito che ogni comunità si adegui al proprio regime giuridico e religioso per regolare i rapporti fra le persone? Avverrebbe in tal modo un paradosso: in Europa tornerebbe a rivivere la secolare istituzione del millet inventato dagli Ottomani: alle comunità non musulmane, ospiti della Sublime Porta, e abolito da Mustafa Kemal Atatürk all indomani della fondazione della moderna Repubblica turca; secondo tale regime, com è noto, era riconosciuto alle diverse comunità nazional-religiose il diritto di seguire gli statuti in uso nelle loro rispettive patrie d origine e di rivolgersi ai loro tribunali o di sposarsi secondo le regole invalse nei regimi personali (Ferrari, Iban, 1997).. La questione che ci si pone in una società multietnica, è se contano allora di più le singole persone - i cittadini - titolari di diritti umani fondamentali, indipendentemente dalle diverse appartenenze etniche o religiose, o se debbano essere riconosciute le differenze culturali delle diverse comunità etniche nella sfera pubblica. In questo secondo caso, ogni comunità finirebbe per fare vita a se stante, rinchiudendosi nelle mura della propria cittadella giuridica, religiosa e morale (nel senso dei mores: dei modi di vestire e dei cibi da consumare), condannandosi probabilmente ad un impoverimento culturale progressivo nel passaggio da una generazione all altra. Le seconde e le terze generazioni alla lunga non sopportano di vedersi recluse, proprio perché, nate nelle società che i loro padri consideravano straniera, desiderano integrarsi e poter così riuscire nella vita, come tanti altri giovani autoctoni della loro età. Che cosa un domani potrà essere oggetto di compromesso culturale fra persone d identità e memoria etnica diverse? Un solo esempio per tutti: quando nel lontano 1983 fu introdotta in Gran Bretagna l obbligatorietà del casco per i conducenti di moto, una comunità etno-religiosa, come quella dei sikh, fece presente alle autorità britanniche che sia per motivi rituali (in pubblico deve indossare il turbante che tradizionalmente copre folte chiome) che per motivi pratici (non è certo facile indossare sopra il turbante un casco) sarebbe stato impossibile rispettare la norma in questione. La soluzione pratica trovata in Inghilterra fu banale: tutti devono indossare il casco, fatta eccezione per i membri della comunità sikh. E possibile estendere questo modello anche ad altre realtà sociali europee e fino a che punto? Nella laica Francia, non sarebbe assolutamente proponibile un analoga soluzione. Quali sono, allora, i limiti delle transazioni culturali - giuridiche, religiose, di costume - che non possono essere fatte per riuscire a garantire uguaglianza nella differenza? (Todorov, 1991) 5

6 4. Quarta scena: l intercultura sulle tracce della memoria Quarta scena: Mazaro del Vallo. Da almeno trent anni lì esiste una comunità tunisina che ha raggiunto la cospicua soglia del 5% circa della popolazione (che in totale conta abitanti). La città siciliana vanta un ricco passato arabo-musulmano (Allievi, 2003). Il suo fiorente porto e la pesca hanno attratto molti immigrati. Essi provengono da due centri, Mahdiyya e Shebba, della vicina costa tunisina e lavorano prevalentemente nella flottiglia come pescatori. Senza la loro attiva presenza l economia cittadina entrerebbe in crisi. I tunisini sono arrivati agli inizi degli anni Settanta; lentamente si sono insediati in una zona del centro storico di Mazara (nome d origine araba), ribattezzata la casbah. Con il passare del tempo hanno richiamato le loro famiglie o hanno cominciato a sposarsi con donne siciliane, formando famiglie culturalmente miste. Progressivamente il desiderio di tornare presto in patria ha ceduto il passo al realismo: a Mazara c è lavoro, la famiglia è arrivata, un tetto è assicurato e i figli sono nati qui (Pace, 2000). Quando sono cominciati ad arrivare i bambini e le bambine la prima comunità d immigrati ha chiesto e ottenuto dal governo italiano l apertura di una scuola per i loro figli, dove potessero seguire i programmi della madrepatria ed avere insegnanti di madrelingua. E nata così, agli inizi degli anni Settanta del secolo appena trascorso, uno dei primi esempi di scuola riservata agli immigrati. Un caso allora passato inosservato, mentre tutti noi ricordiamo più di recente le accese discussioni quando a Milano un gruppo di famiglie egiziane ha preteso di aprire una scuola dove mandare i loro figli a studiare sui programmi egiziani. Mentre a Milano si discuteva se tenere aperta o chiudere la scuola, a Mazara da molti anni ormai un gruppo d insegnanti tunisini aveva già maturato l idea di chiudere l esperimento, riflettendo propria sulla sua stessa funzionalità in un contesto sociale e culturale profondamente mutato. In particolare in un contesto locale dove il processo di riconoscimento della differenza socio-religiosa e socio-culturale della comunità tunisina stava avvenendo sia per volontà dell autorità politiche locali sia in forza d oggettivi fattori d integrazione (matrimoni misti, elevata integrazione sociale dei figli degli immigrati, apertura di luoghi di culto senza particolari problemi, creazione di una prima rete associativa mista e così via). La domanda che gli insegnanti tunisino-mazaresi si poneva poteva riassumere così: che senso ha mantenere aperta una scuola tunisina, separata da quella dove vanno i ragazzi e le ragazze mazaresi, quando nei fatti il riconoscimento della nostra presenza comincia a farsi strada fra la gente e presso le diverse autorità pubbliche? Non si rischia di formare delle persone dissociate culturalmente: le quali conoscono poco e male la loro cultura (e anche la loro lingua e la loro religione, magari appresa sui banchi di scuola, ma per ovvi motivi non praticata nella vita quotidiana)?. Ci si è trovati così di fronte al dilemma: o chiudere la scuola differenziale, perché fonte di disagio sociale per i giovani nati da famiglie tunisine, ma ormai da un certo tempo residenti o addirittura registrati all anagrafe della città sicula (magari con nomi arabi sbagliati, perché nessuno si è preoccupato di trascrivere correttamente i nomi arabi), oppure tenere aperta la scuola nella speranza di salvare in qualche modo l identità culturale, la memoria storica e l universo dei valori religiosi dei tunisini immigrati? (Hannachi, 1998; Methnani, 1990). Fino a che punto si può cedere un po della propria memoria collettiva, se tutto ciò serve a costruire meglio un identità plurale? E forse più facile farlo, quando nella società d arrivo e d inserimento le tracce religiose e culturali lasciate dal passato non sono volutamente occultate e relegate nell oblio, ma riscoperte e trasformate in beni culturali collettivi (Slama, 1986)? Conclusione Le religioni, viste con gli occhi puntati sulle microstorie che abbiamo raccontato, possono essere considerate anche come archivi viventi di simboli collettivi. Repertori culturali e interculturali, allo stesso tempo. Le religioni possono comunicare fra culture diverse e perciò possono svolgere una funzione decisiva nelle società ad elevato pluralismo etnico, linguistico e 6

7 culturale. I grandi simboli, di cui le religioni sono spesse depositarie, infatti, non appartengono in modo esclusivo ad una civiltà rispetto ad un altra, ad una cultura sola e solitaria. I simboli si muovono all interno delle grandi famiglie religiose, finendo per formare, al di là delle gelosie dei singoli sistemi di credenza nel difendere le proprie pretese specificità, una sorta di capitale simbolico liberamente circolante nelle società umane, per il quale vale più la legge dell accrescimento che non quella del più radicale annichilimento. E difficile, infatti, incontrare religioni allo stato puro. Esse si presentano generalmente - come gli storici del resto c insegnano come sistemi di credenza che inventano nuovi linguaggi simbolici, ricomponendo allo stesso tempo strati simbolici pre-esistenti. I sistemi di credenza religiosa funzionano, entro certi limiti, secondo il principio che nulla si crea, nulla si distrugge e tutto si trasforma. Gli storici parlano, a tal proposito, di sincretismo. In sociologia si preferisce ricorrere ad un altro concetto: i sistemi di credenza per riprodursi nel tempo e per espandersi in ambienti sociali diversi tendono a differenziarsi al loro interno e, così facendo, tendono ad includere (non ad escludere), ad accrescersi (non a ridursi all essenziale), a moltiplicare porte e finestre (non a chiudere tutte le soglie ed i varchi) attraverso cui entrano a far parte dell universo simbolico di una religione elementi, cifre, rituali, devozioni che non sono ascrivibili di per sé all atto di fondazione (al miracolo dell incipit) che segna la nascita, e solo successivamente la formazione, la persistenza e la riproduzione di un sistema di credenza. L immagine che preferisco usare, in tal caso, per sintetizzare quanto appena detto è quella della falesia. Una geologia delle religioni non esiste. Se esistesse, si potrebbe immaginare di studiare una religione come il geologo esamina la stratificazione di una parete rocciosa: cogliendo le differenze fra gli strati più antichi e quelli più recenti, individuandone, di volta in volta, la diversa conformazione e, allo stesso tempo, la straordinaria forza d integrazione (Pace, 2008). Viste con gli occhi di chi crede nell assolutezza del proprio punto di vista religioso da cui deduce spesso la matrice simbolica delle propria identità, esclusiva e pura, l immagine della falesia è improponibile. Soprattutto in tempi, come quelli che stiamo vivendo, in cui si tende a tracciare attorno alle identità collettive saldi e invalicabili confini sacri. La falesia è, metaforicamente parlando, il rovescio delle politiche d identità chiuse, gelose del mito delle loro origini pure e incontaminate. Alla lunga, tale politiche mostrano tutta la loro limitatezza, soprattutto quando esse divengono d impaccio al riconoscimento delle differenze fra persone di cultura e religione diverse. BIBLIOGRAFIA ALLIEVI S. (2003), Islam italiano, Einaudi, Torino AMBROSINI M., MOLINA S. (a cura di) (2004), Seconde generazioni, Fondazione Agnelli, Torino. ATGLAS V. (2005), Le nouvel hindouisme occidental, Editions CNRS, Paris. CESARI J. (2005), Islam in the West, Palgrave, New York. CESARI J, PACINI A. (a cura di) (2000), Giovani musulmani in Europa, Fondazione Agnelli, Torino. DENTI D., FERRARI M., PEROCCO F.(a cura di) (2005), I Sikh, Franco Angeli, Milano. DE WENDEN C. (2001), L Europe des immigrés, ADRI, Paris. FERRARI S., IBAN M. (1997), Diritto e religione in Europa occidentale, Il Mulino, Bologna. FRISINA A. (2007), Giovani musulmani italiani, Carocci, Roma. HANNACHI K. (1998), Gli immigrati tunisini a Mazara del Vallo, CRESM, Gibellina. JENKINS P. (2002), The Next Christendom, Oxford University Press, Oxford (trad. it. La Terza Chiesa, Fazi, Roma 2004). 7

8 LEGRAIN F. (a cura di) (2007), Immigrant. Your Country needs Them, Migration Impact Forum, London. LENOIR F. (1999), La recontre du buddhisme et de l Occident, Fayard, Paris. MACIOTI M.I. (1996), Il Buddha che è in noi, Seam, Roma MANTOVANI G. (2004), Intercultura, Il Mulino, Bologna. METHNANI S. (1990), Immigrato, Teoria, Roma. MENSKI W. (a cura di) (2000), Ethnic Minorities in English Law, Trentham Books, London. PACE E. (2000), Mazara del Vallo: The most Arab City in Italy, in D. Turton, J. Gonzalez (eds.), Ethnic Diversity in Europe, Humanitariannet/University of Deusto Press, Bilbao, pp ID. (2007), Policy Dialogue among Cultures and Religions in the City, in L. Bekemans et al. (eds.), Intercultural Dialogue and Citizenship, Marsilio, Venezia, pp ID. (2006), Chi sono i pentecostali/who are Pentecostal faithful, in F. Giglioli (a curad di), Portrait in Black. Zoo_Com, Verona, pp ID. (2008), Raccontare Dio, La religione come comunicazione, Il Mulino, Bologna. PASQUALOTTO G. (2003), East & West. Identità e dialogo interculturale, Marsilio, Venezia. RAVERI M. (2006), Itinerari del sacro. L esperienza religiosa giapponese, Cafoscarina, Venezia. QUEIROLO PALMAS L. (2000), Prove di seconde generazioni, Fondazione Agnelli, Torino. SAINT-BLANCAT C. (2004), La transmission de l islam auprès les nouvelles générations de la diaspora, in Social Compass, 51 (2), pp ID. (a cura di) (1999), L islam in Italia, Edizioni Lavoro, Roma. SAYAD A. (2002), La doppia assenza, Raffello Cortina, Milano. SLAMA H. (1986), E la Sicilia scoprì gli immigrati, Inca Edizioni, Palermo. TODOROV T. (1991), La conquête de l Amérique, Paris, Seuil (trad.it. La conquista dell America, Einaudi, Torino 2005). VALTOLINA G.G., MARAZZI A. (a cura di) (2006), Appartenenze multiple, Franco Angeli, Milano. WILSON B., DOBBELAERE K. (1994), A Time to Chant, Oxford University Press, Oxford. YANG F., TAMNEY B. (2005), State, Market and Religion in Chinese Society, Brill, Leiden. Nota bio-bibliografica Enzo Pace è professore di Sociologia e Sociologia della religione all Università di Padova. E stato Presidente dell International Society for the Sociology of Religion and Visiting Professor all Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi. S interessa di sociologia dell islam, dei fondamentalismi, dei nuovi movimenti religiosi e dei processi di cambiamento socioreligioso in Europa. Tra le sue recenti pubblicazioni: Raccontare Dio. La religione come comunicazione, Bologna 2008; Introduzione alla sociologia delle religioni, Roma, 2007; Perché le religioni scendono in guerra, Roma-Bari

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Tra pochi mesi si riunirà a Roma il Sinodo Ordinario dei Vescovi su La Vocazione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E I N T R O D U Z I O N E L'imperatore turco Ulugh Bey ( 1393-1449), eminente scienziato, fece scolpire sulle facciate delle università da lui fondate a Bukhara e a Samarkanda il detto del Profeta Maometto:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI!

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! بسم الله الرحمان الرحيم Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! (per piccoli Musulmani dai 5 agli 8 anni) بسم الله الرحمان الرحيم Nel

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli