N. 1 : I PRINCIPALI DOCUMENTI DELLA RELIGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 1 : I PRINCIPALI DOCUMENTI DELLA RELIGIONE"

Transcript

1 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 1 EQUIPE SCUOLA A CURA DI SAMARANI BARBARA CLASSE QUARTA: PERCORSO ROSSO Primo bimestre: sett. - ott. nov. N. 1 : I PRINCIPALI DOCUMENTI DELLA RELIGIONE Obiettivi Specifici di Apprendimento: La Bibbia e i testi sacri delle grandi religioni. Gesù, il Signore, che rivela il Regno di Dio con parole e azioni. Leggere e interpretare i principali segni religiosi espressi dai diversi popoli e dalle principali religioni. Evidenziare la risposta della Bibbia alle domande di senso dell uomo e confrontarla con quella delle principali religioni. Traguardi di sviluppo: L alunno riconosce nei libri sacri delle grandi religioni documenti fondamentali per una cultura della pace. Inoltre dà valore alle scelte di vita cogliendo in alcuni atteggiamenti umani la fragilità di fronte al male. Percorsi di Apprendimento a) Le parole gentili b) Le regole per vivere bene c) Simboli e significati delle religioni d) Bene e male e) La morte nelle religioni f) La Creazione nelle religioni g) Un sorriso per la pace Accennare con semplici parole ai ragazzi il percorso che stiamo per iniziare insieme.

2 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 2 1 incontro (2 ore) materiale: racconto de La parola dimenticata (L Ora di Religione n.2 a.s Elledici) eventuali personaggi per la drammatizzazione a) Le parole gentili Raccontiamo agli alunni la storia e riflettiamo con loro ponendo alcune domande: dove abitano le parole, nella storia? Come si chiama il bambino che sa usare il per piacere? E quello che non lo sa usare? Perché è importante dire grazie o per piacere? Conoscete qualcuno che usa spesso queste parole gentili? Chi di noi le utilizza spesso può alzare la mano. Raccontiamoci quando ricordate di averle usate Perché è importante usare le parole gentili? Portiamo gli alunni a riflettere sull importanza di una buona abitudine com è il ringraziare, senza pretendere in cambio qualcosa come fa la nostra mamma che cura la nostra casa, il nostro abbigliamento, come fa il papà che va a lavorare per guadagnare quanto basta per comprare da mangiare e da vestire a noi, alla famiglia, senza chiedere il nostro grazie, ma solo accontentandosi di vedere il nostro sorriso, il nostro crescere quotidiano, la nostra felicità. Riflettiamo con i bambini sul fatto che è molto importante essere responsabili delle scelte che si fanno, anche quelle apparentemente piccole come il dire o non dire una semplice parolina gentile. E facciamo loro notare che chi sa utilizzare nel momento giusto le parole gentili è capace di vivere bene con gli altri e con se stesso.

3 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 3 Chiediamo poi ai ragazzi se conoscono altre parole gentili e mentre loro le esprimono una alla volta, noi le scriviamo in colonna alla lavagna (come numero dovrebbero essere almeno la metà di quello degli alunni, per poter eseguire l attività finale). Nella seconda parte della lezione possiamo realizzare la drammatizzazione del racconto ascoltato, utilizzando 2 disegni del viso dei personaggi ognuno delle dimensioni di un foglio A4 (avendo cura di tagliare sulla linea della bocca) e 2 strisce con le parole grazie (o per piacere o altra simile), il tutto plastificato in modo che non avvengano strappi durante l entrata e l uscita delle parole stesse dalla bocca dei personaggi: Per un ottimale risultato della drammatizzazione, le immagini dei personaggi andrebbero applicati allo schienale di 2 seggiole della classe in modo che la loro bocca resti nello spazio libero dello schienale stesso e gli alunni che si occuperanno di realizzare la drammatizzazione dovranno posizionarsi dietro le seggiole. Ripetiamo il racconto insieme ad alcuni alunni, che hanno il compito di fare i narratori, e gestiamo contemporaneamente gli altri 2 alunni che, stando dietro le seggiole animano le 2 paroline gentili. Per quanto riguarda le parole, dopo aver provveduto a plastificarle, dovemmo riuscire ad attaccarle ad un pezzo di cannuccia da bibita, per facilitare l entrata e l uscita dalla bocca dei personaggi. In aggiunta, o in alternativa alla drammatizzazione, potremmo proporre l attività finale, a coppie, del mimo di una delle parole elencate alla lavagna da far indovinare al resto della

4 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 4 classe: quando i 2 alunni avranno mimato una delle paroline gentili, senza parlare ovviamente, ma solo utilizzando la mimica del corpo, e i compagni l avranno indovinata, la sottolineeremo, così che le coppie successive scelgano una nuova parola gentile. Come ultima attività invitiamo i ragazzi a disegnare la copertina della prima pagina del quaderno: un fiore con petali grandi o un sole con grandi raggi, per potervi scrivere dentro tutte le parole gentili che insieme abbiamo pensato (ed eventualmente mimato) e sotto il gambo del fiore, al posto delle radici li invitiamo a scrivere QUADERNO DI RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE 4^ - A.S (se il quaderno è nuovo, dovrebbero scrivere anche il loro nome). VALENZA EDUCATIVA: ricordare buone abitudini per affrontare bene un nuovo anno scolastico. L IRC contribuisce a rafforzare nell alunno la conoscenza delle regole per vivere bene. 2 incontro (4 ore) materiale: la parolina gentile grazie tradotta in varie lingue - Libri sacri delle 5 grandi religioni del mondo contraddistinti da un colore (disegnate su 5 fogli A4, con ben in evidenza il loro nome: TANAK, BIBBIA, CORANO, VEDA, TRIPITIKA) b) Le regole per vivere bene Riprendiamo coi ragazzi l insegnamento del racconto letto la lezione precedente e spieghiamo loro che le parole gentili non le conosciamo solo noi, solo in questa scuola, solo nella nostra famiglia, solo nel nostro paese o città, solo in Italia, solo in Europa, ma sono conosciute in tutto il mondo, magari pronunciate in modo diverso (se le conosciamo gliele possiamo far sentire). Ricordiamo loro che usare le parole gentili vuol dire saper vivere bene con gli altri e noi stessi. Continuiamo poi a spiegare che in ogni parte del mondo c è un Libro Sacro che esprime quali sono i modi per vivere bene con gli altri e presentiamo loro le copertine dei Libri Sacri che abbiamo preparato, colorate diversamente in modo da poter poi associare ad ogni religione un colore: CORANO TANAK (alcune immagini tratte da UN DONO PER TE Elledici) Possiamo poi continuare chiedendo: sappiamo leggere i nomi dei Libri Sacri? (E insieme ci proviamo) Avete già sentito questi nomi? Delle 3 religioni che conosciamo (se l anno precedente hanno affrontato la storia del popolo ebraico conoscono il nome delle religioni monoteiste), qual è il loro Libro Sacro? Indichiamo loro anche qual è il Testo Sacro per i buddisti e quello per gli induisti. Leggiamo ora, sul libro di religione, la parte informativa sui Testi Sacri delle religioni soffermandoci a riflettere sulle eventuali citazioni che invitano alla pace o consegniamo loro questa scheda (tratta da IL GERMOGLIO - Theorema) invitandoli a prendere 5

5 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 5 pastelli, dello stesso colore dei testi sacri appena presentati, per sottolineare le parole gentili della pace : Conversiamo sull importanza per ogni religione d avere un Testo Sacro nel quale i fedeli trovano le risposte e le indicazioni per vivere bene. Sul quaderno, incolliamo la scheda consegnata da noi, se l abbiamo utilizzata, e spieghiamo ai ragazzi che schematizzeremo le caratteristiche delle grandi religioni, utilizzando una pagina per ogni religione (anche il Cristianesimo). Proseguiamo invitandoli a scrivere il nome di una religione come titolo (utilizzando il colore di riconoscimento) e poi, in ordine, i dati corrispondenti alla religione stessa, che detteremo: - il Testo Sacro (eventualmente, se la frase è stata letta sul libro di religione si può riscrivere); - l indicazione monoteista / politeista / senza un Dio; - nome del fondatore; - le regole per vivere bene (comandamento dell amore - 10 comandamenti - 5 pilastri, di seguito allego le più difficili da trovare nei Tripitaka e nei Veda); - i simboli con i loro significati in chiusura della pagina.

6 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 6 Durante tutto il percorso facciamo notare agli alunni come in tutte le religioni vi sia il desiderio di pace. VALENZA EDUCATIVA: scoprire che nel mondo tutte le persone di buon cuore vogliono la pace. L IRC favorisce nell alunno un atteggiamento di apertura e di rispetto verso ogni persona, nonché la disponibilità alla convivenza pacifica con tutti, introducendo un cultura di pace universale. 3 incontro (2 ore) materiale: prepariamo le seguenti cose che saranno colorate dai ragazzi durante l attività, 1 cartellone con preparato il titolo in lettere doppie LE GRANDI RELIGIONI 5 foglietti con scritto ognuno il nome di una religione che stiamo affrontando 5 foglietti con il simbolo delle religioni 5 foglietti con disegnati ognuno un Libro Sacro (si può utilizzare la scheda del 2 incontro) 5 foglietti con il nome d el Libro Sacro c) Simboli e significati delle religioni Ripassiamo coi ragazzi le nozioni principali conosciute nelle lezioni precedenti, utilizzando i foglietti da noi preparati, possiamo pescarli a caso da una scatola oppure averli già predisposti in ordine divisi per religione. Iniziamo il cartellone (occupandone la metà sopra): diamo ad ogni alunno un foglietto con il compito di colorare a pastello, eventualmente i foglietti non bastassero due ragazzi si occupano di colorare il titolo del cartellone. Man mano che terminano e ritiriamo il loro prodotto, poniamo alcune domande per verificare se riescono ad associare le religioni ai loro Testi Sacri e ai simboli. Poi consegniamo una scheda riassuntiva da attaccare sul quaderno (tratta da IL GERMOGLIO Teorema), facendo scrivere agli alunni sotto ogni colonna qual è la religione corrispondente agli indizi e invitandoli a colorare rispettando i colori con cui abbiamo identificato i Testi Sacri e i simboli le diverse religioni:

7 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 7 Quando tutti avranno terminato il loro compito, insieme allestiremo il cartellone mettendo in colonna i dati preparati, occupando la metà sopra del cartellone: LE GRANDI RELIGIONI EBRAISMO ISLAMISMO CRISTIANESIMO INDUISMO BUDDISMO LIBRO LIBRO LIBRO LIBRO LIBRO Nome del LIBRO Nome del LIBRO Nome del Nome del Nome del... SIMBOLO SIMBOLO SIMBOLO SIMBOLO SIMBOLO VALENZA EDUCATIVA: favorire negli alunni un atteggiamento di rispetto verso le altre tradizioni. L IRC conduce l alunno al rispetto e alla conoscenza di altre forme religiose intese come espressioni della libertà umana. 4 incontro (2 ore) materiale: racconto Riso e bacchette (leggenda cinese, tratta da LA MORALE DELLA FAVOLA, a cura di L. Vagliasindi) 2 lunghe bacchette 2 caramelle incartate eventuale libro sui significati dei nomi d) Bene e male In classe disponiamo gli alunni come se fossero commensali ad uno stesso tavolo, seduti sulle sedie, su due file, una di fronte all altra, ma non troppo vicine, e li invitiamo all ascolto della leggenda: UN MANDARINO CINESE, MENTRE SI AVVIAVA AL PARADISO CUI ERA DESTINATO, EBBE VOGLIA DI VISITARE L INFERNO. FU ACCONTENTATO E CONDOTTO AL SOGGIORNO DEI DANNATI: UN AULA IMMENSA, TAVOLE IMBANDITE SU CUI FUMAVA IL CIBO NAZIONALE: IL RISO, IL DILETTO E BENEDETTO RISO. ATTORNO ALLE TAVOLE SEDEVANO INNUMEREVOLI PERSONE, CIASCUNA MUNITA DI BACCHETTE DI BAMBU PER PORTARE IL RISO ALLA BOCCA. OGNI BACCHETTA ERA LUNGA 2 METRI E DOVEVA ESSERE IMPUGNATA ALL ESTREMITA. MA, DATA LA LUNGHEZZA DELLA VERGA, I COMMENSALI TENTAVANO INVANO DI NUTRIRSI: PER QUANTO SI AFFANNASSERO, NON RIUSCIVANO A PORTARE IL CIBO ALLA BOCCA. COLPITO DA QUESTO SPETTACOLO DI INEDIA NELL ABBONDANZA, IL MANDARINO PROSEGUI IL SUO CAMMINO VERSO IL SOGGIORNO DEI BEATI. MA QUALE FU LA SUA SORPRESA NEL CONSTATARE CHE IL PARADISO SI PRESENTAVA IDENTICO ALL INFERNO: TAVOLE IMBANDITE, VASSOI ENORMI DI RISO FUMANTE, DA MANGIARSI CON BACCHETTE DI BAMBU LUNGHE 2 METRI, IMPUGNATE AD UNA ESTREMITA. L UNICA DIFFERENZA STAVA NEL FATTO CHE CIASCUN COMMENSALE, ANZICHE IMBOCCARE SE STESSO, DAVA DA MANGIARE AL COMMENSALE DI FRONTE: DIMODOCHE TUTTI AVEVANO MODO DI NUTRIRSI. Al termine del racconto poniamo alcune domande per verificare la comprensione del testo: cosa c è da mangiare all Inferno? Cosa vede il protagonista all Inferno? Come sono le persone all Inferno? Cosa c è da mangiare in Paradiso? Cosa vede di diverso il protagonista? Come sono le persone in Paradiso?

8 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 8 Invitiamo i ragazzi alla drammatizzazione del racconto (servono solo 2 lunghe bacchette e una caramella agganciata alle estremità si divertono da matti!): essi dovrebbero fingere d essere alla mensa dell Inferno, dove chi ha la bacchetta tenta invano di cibarsi e poi, quando tutti con ordine hanno provato, dovrebbero fingere d essere alla mensa del Paradiso dove offrono il cibo ad un compagno (tutti devono ricevere la caramella perché in Paradiso c è attenzione per tutti), proviamo così a far loro intuire l importanza della condivisione. Dialoghiamo di nuovo sui comportamenti dei personaggi del Paradiso e agganciamo i comportamenti positivi all imminente festa dei Santi (1 Novembre): iniziamo una conversazione sulle caratteristiche che loro pensano di un Santo. Chiediamo: cosa vuol dire essere Santi? Cos è la santità? Sarà difficile diventare Santi? Ognuno di noi può aspirare alla santità? Perché? Aiutiamo gli alunni a capire che tutti possiamo essere Santi ascoltando e imitando l esempio che Gesù Cristo ci ha mostrato. Giovanni Bosco, parlando della santità, diceva così: La tua mamma, quando prepara un dolce, mescola gli ingredienti necessari seguendo una ricetta. Anche per diventare santi bisogna seguire una ricetta. Ci son tre ingredienti. Il primo è l allegria: scaccia dalla mente tutto ciò che ti turba e ti toglie la pace. Il secondo è fare bene il proprio dovere: così facendo ogni giorno si deve studiare e pregare. Il terzo è fare del bene agli altri: aiuta i tuoi compagni, anche se ti costa fatica. Proponiamo un brainstorming sulla figura del Santo, facendo loro queste domande: sapete dirmi cosa ha fatto una persona per essere nominata Santa? Quali sono gli atteggiamenti che caratterizzano un persona Santa? Cosa ci insegna un Santo? quindi a pagina nuova del quaderno scriviamo in mezzo la parola SANTO e man mano che essi, a turno, esprimono la loro caratteristica tutti la scrivono nello spazio circostante. Oppure invitiamo gli alunni ad incollare la seguente scheda sul quaderno intitolandola Ho il nome di un Santo e utilizzando un libro con i significati dei nomi, a turno gli alunni cercano il loro nome e tutti aggiungono sulla scheda i dati: Prima di fare quest ultima scheda accertiamoci che i nomi di tutti gli alunni compaiano nel libro. VALENZA EDUCATIVA: scoprire che gli atteggiamenti di rispetto, amore, aiuto, possono portare tutti alla santità. L IRC consente all alunno di intuire qual è la via indicata da Gesù per raggiungere il suo Regno.

9 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 9 5 incontro (2 ore) materiale: immagini e video sui riti funebri delle grandi religioni e) La morte nelle religioni Partendo dalla leggenda: Riso e bacchette conversiamo con i ragazzi sulle loro idee di Paradiso e Inferno, ponendo alcune domande: cosa sapete voi dell Inferno? E del Paradiso? Ascoltiamo e lasciamo che ognuno si esprima liberamente. In questa fase molto delicata, in quanto facilmente gli alunni ci interrogheranno su tutti i loro dubbi e paure riguardo alla morte e alla vita dopo la morte, ritengo necessario che l insegnante abbia almeno delle conoscenze basilari riguardo all argomento, per esempio cosa dice Gesù del Paradiso e dell Inferno, cosa dice la Chiesa e soprattutto riesca a fare discorsi sulla morte con senso di speranza e amore per la vita (riflettendo con gli alunni anche del significato della festa dei morti del 2 Novembre). Facciamo inoltre conoscere ai ragazzi quali sono gli usi, le credenze, le tradizioni dei fedeli delle religioni del mondo, affrontate nelle lezioni precedenti, sulla morte e sulla vita dopo la morte anche attraverso semplici filmati. Possiamo inoltre prevedere che, data l imminente festa di Halloween, facciano domande particolari, è quindi consigliabile sapere qualcosa anche della festa in questione (tratto da L ORA DI RELIGIONE Elledici Ottobre 2000):

10 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 10 Sul quaderno dopo la data e il titolo: LA MORTE NELLE RELIGIONI, dettiamo un breve testo che illustri di ogni religione le tradizioni legate alla morte, ad es.: INDUISMO: secondo gli indù si muore per rinascere. A seconda delle azioni, si rinascerà (reincarnazione) in una forma di vita superiore o inferiore. Gli indù credono che l anima è immortale e si reincarna continuamente, finchè, raggiunta la purificazione incontra BRAHAMAN (cioè l ANIMA DELL UNIVERSO). Dopo la morte il corpo viene cremato e le sue ceneri raccolte, se possibile, vengono sparse nel Gange, o in un altro fiume sacro, o nel mare. BUDDISMO: i buddisti cercano di raggiungere la felicità eterna seguendo gli insegnamenti del Buddha. Il luogo dove saranno riunite le anime è il NIRVANA: cioè uno stato di pace dei sensi, lontano dalle passioni e dal desiderio delle cose terrene. Dopo la morte l anima entra in un altro corpo: vivendo la vita nel giusto, il buddista acquista il karma e nasce

11 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 11 nella vita successiva in una sfera più alta, mentre se vive una vita nella malvagità, rinascerà in una sfera inferiore. Dopo la morte il corpo viene cremato e si celebra una cerimonia funebre ricca di preghiere perché l anima del defunto trovi la pace. ISLAMISMO: i musulmani di fronte al loro unico Dio Allah, Creatore e Giudice, si sottomettono e si affidano alla sua guida (benevolenza), accettando la morte come parte del disegno di Dio sulla vita dell uomo. Dopo la morte il corpo riceve le abluzioni (lavanda per la purificazione) e viene avvolto in un sudario; dopodiché vengono recitate la preghiere che affermano la potenza di Dio sulla vita e sulla morte e il corpo viene seppellito. Il Corano afferma che ci sarà un giorno del Giudizio dove Allah manderà coloro nei quali il bene ha superato il male in PARADISO, gli altri saranno condannati alle fiamme. EBRAISMO: gli ebrei credono nella resurrezione dei morti. Dopo la morte il corpo viene seppellito il più presto possibile in una terra ebraica consacrata. Il corpo viene lavato, unto di unguenti e avvolto in un drappo bianco. Sopra la tomba vengono poste grosse pietre tonde. Uno dei principi fondamentali dell ebraismo dice che JHWH, nella vita dopo la morte, ricompensa i giusti e punisce i malvagi. CRISTIANESIMO: i cristiani fondano la loro fede in Cristo risorto, vincitore della morte. Dopo la morte i parenti del defunto partecipano al rito funebre, nel quale si affida l anima al giudizio di Dio. Dopo la morte c è un altra vita: in PARADISO, cioè vicina a Dio o all INFERNO, cioè distante da Dio e dai fratelli. La Bibbia afferma che come Cristo anche i cristiani risorgeranno, con un corpo trasformato, un corpo glorioso. VALENZA EDUCATIVA: porre interrogativi e speranze sul futuro e la vita oltre la morte. L IRC aiuta l alunno a capire che il desiderio di vita eterna dell uomo si scontra con l esperienza della morte e che ogni religione decodifica il tema della morte attraverso feste e tradizioni. 6 incontro (4 ore) materiale: testi della Creazione nei Veda e nel Corano. f) Creazione nelle religioni Ripassiamo oralmente la Creazione nella Bibbia. Comunichiamo agli alunni che leggeremo insieme anche la Creazione come è presentata nei diversi Libri Sacri delle grandi religioni. Iniziamo dall Induismo e consegniamo ad ognuno il testo facendolo incollare sul quaderno (tratto da LE RISORSE PIEMME Scuola):

12 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 12 Analizziamo il testo con gli alunni e lo dividiamo in sequenze proponendo di lavorare a coppie per creare un libretto: ad ogni coppia assegniamo una sequenza della Creazione alla quale devono associare un disegno, utilizzando varie tecniche (collage, pop-up, ) e vari materiali (cartoncino, carta velina, domo-pack, ). Importante è ricordarsi di consegnare il foglio base, di uguale misura per tutte le coppie in modo da poterli poi rilegare per comporre un libro. La prima coppia che finisce si occuperà di realizzare la scritta sulla copertina del libretto: LA CREAZIONE SECONDO L INDUISMO.

13 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 13 Quando le coppie terminano il loro lavoro, completano l attività proposta dalla scheda col testo della Creazione. Nel secondo incontro leggiamo anche il testo della Creazione nel Libro Sacro dell Islam tratto da LE RISORSE PIEMME Scuola): Analizziamo il testo e lo dividiamo in sequenze. Proponiamo di nuovo un attività a coppie per creare un nuovo libretto: gli alunni disegnano, ritagliano, incollano, con varie tecniche (collage, pop-up, ) e vari materiali per rappresentare le sequenze stabilite. La prima coppia che termina il lavoro si occupa di realizzare la copertina del libretto: LA CREAZIONE SECONDO L ISLAM. Tutta l attività può essere suddivisa diversamente sulla classe a seconda del numero di alunni: con classi poco numerose è ottimale la proposta sopra descritta, ma se la classe raggiunge il numero di 20 alunni o più, è preferibile fare le letture dei due testi e l inizio dei lavori a coppie nella stessa lezione e rimandare nella seconda lezione il termine dei libretti. Il tempo utile è pressoché lo stesso. Ecco un lavoro che gli alunni della classe 4^ di Credera hanno prodotto nell a.s. 2007/08:

14 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 14

15 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 15

16 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 16

17 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 17 VALENZA EDUCATIVA: scoprire ciò che i Libri Sacri dicono a proposito della Creazione. L IRC apre l alunno al confronto critico verso le verità delle diverse religioni sottolineando come l uomo cerchi risposte di senso alle proprie domande di vita. 7 incontro (2 ore) materiale: poesia Donare un sorriso di P. J. Faber la parola PACE tradotta in varie lingue e scritta su dei foglietti, uno per ogni alunno cartellone iniziato precedentemente g) Un sorriso per la pace Se abbiamo provveduto a rilegare i libretti possiamo rileggere i testi della Creazione e visionare insieme agli alunni il loro bel lavoro di gruppo, condividendo difficoltà e soddisfazioni. Spieghiamo ai ragazzi che oggi concluderemo il nostro piccolo percorso nei Testi Sacri delle religioni con una poesia che ci invita a riflettere: leggiamo lentamente Un sorriso per la pace. Li invitiamo quindi a preparare il quaderno a pagina nuova, a scrivere il titolo e l autore della poesia e a scriverla (o ad incollare il testo che gli consegneremo):

18 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 18 Dialoghiamo con loro sul significato che il poeta vuole esprimere. Proponiamo di sottolineare le parole gentili e chiediamo loro il motivo della loro scelta: perché sottolineiamo questa parola? Cosa ti ricorda? Quando viene usata? Da chi? Portiamo gli alunni a riflettere sul fatto che tutte le religioni insegnano la pace e diamo ai ragazzi un biglietto con la traduzione di pace in una lingua del mondo. Invitiamo la classe a terminare il cartellone: aggiungiamo nella metà lasciata libera la dicitura TUTTE LE RELIGIONI CERCANO LA e consegniamo ad ognuno un foglietto sul quale realizzeranno la parola PACE con la scrittura e le decorazioni che preferiscono, ognuno in una lingua diversa. Man mano che terminano applicano i foglietti sotto la dicitura. Mentre realizzano le parole PACE scriviamo alla lavagna delle domande alle quali gli alunni risponderanno sul quaderno, dopo il testo della poesia: - Chi ti ha sorriso per primo oggi? - Tu, a chi ami sorridere? - A chi fai fatica a sorridere? (senza pretendere un nome, può essere una risposta generica, ad esempio: Chi mi scherza ) - Il sorriso spesso aiuta a fare la pace con qualche amico, aiuta a conoscere qualcuno di nuovo, aiuta a farsi perdonare per un pasticcio. Pensa a quando ti è capitato uno di questi eventi, raccontalo e disegna una scena. VALENZA EDUCATIVA: comprendere che la pace non è fatta di grandi gesti e di grandi parole. L IRC guida l alunno a comprendere ed interiorizzare che i piccoli gesti concreti aiutano la pace a germogliare in tutti gli ambienti in cui viviamo.

19 Classe Quarta Percorso Rosso Primo bimestre 19

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE

N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE Classe Terza Percorso Rosso Primo bimestre 1 EQUIPE SCUOLA A CURA DI SAMARANI BARBARA CLASSE TERZA: PERCORSO ROSSO Primo bimestre: sett. - ott. nov. N. 1: MOLTE DOMANDE, DIVERSE RISPOSTE Obiettivi Specifici

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale)

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) OBIETTIVI DI DIO E L UOMO -Imparare a rispettare la propria e l altrui individualità per costruire

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer Documentazione insegnante Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer MATTINA In aula: banchi disposti a isole da 4 6 allievi (a

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI 2 anni e1/2-3-4-5 ANNI Numero sezioni: 11 ANNO

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET. Linee guida per Nonni. Fondazione Mondo Digitale Nonni su Internet NONNI SU INTERNET Linee guida per Nonni Fondazione Mondo Digitale Linee guida per Nonni Questo manuale è a cura della Fondazione Mondo Digitale con la supervisione del prof. Alfonso Molina.

Dettagli

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 COS È LA RELIGIONE? Funzionalismo: la religione è fattore di integrazione sociale (Parsons) Prospettiva del conflitto: Le religioni sono il prodotto di lotte: inter-religiose

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA D INFANZIA E PER IL

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SINAGOGA DI SIENA OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA

SINAGOGA DI SIENA OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA SINAGOGA DI SIENA OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA Dal 2012 lo staff didattico di CoopCulture della Sinagoga di Siena si occupa di avvicinare le scolaresche, e non solo, alla

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE

RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 RELIGIONE CATTOLICA SETTORE: SERVIZI COMMERCIALI E PROFESSIONALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO M.V. FILIPPINI

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI. Fondazione Mondo Digitale

NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI. Fondazione Mondo Digitale NONNI SU INTERNET LINEE GUIDA PER NONNI Fondazione Mondo Digitale FONDAZIONE Nonni su Internet - Linee Guida per Nonni - edizione prima - Questo manuale è a cura della dott.ssa Annamaria Cacchione, sotto

Dettagli

vivere secondo il Vangelo

vivere secondo il Vangelo m o d u lo 5 vivere secondo il Vangelo twitter L essenziale nella vita non si può comprare, è gratuito. La vita è un viaggio, non una destinazione. Non affaticarti per aggiungere giorni alla tua vita,

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi

Tanti nuovi amici. Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Comprendere e scrivere un breve post Comprendere e raccontare esperienze personali Parlare dei propri progetti futuri Consolidamento e sviluppo del lessico presentato

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Edizioni Trappiste LA PRIMA CONFESSIONE SERIE PR in due versioni Immagine semplice con interno bianco: dimensioni

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza Scuola dell Infanzia Paritaria Beato G. Nascimbeni Via Fossà 1, 37010 Castelletto di Brenzone (VR) Tel. 045.6598480 Fax 045.6598481 e-mail: infanziacastelletto@pssf.it Progetto accoglienza Premessa I primi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE LINGUA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE AL TERMINE DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di RELIGIONE CATTOLICA (IRC)

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di RELIGIONE CATTOLICA (IRC) PROGRAMMAZIONE ANNUALE di RELIGIONE CATTOLICA (IRC) L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA S. ANTONIO DI PADOVA FINALITA Aiutare il bambino nella reciproca accoglienza; Aiutare

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Ricezione scritta (lettura)

Ricezione scritta (lettura) LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno riconosce e comprende alcune parole e frasi standard, espressioni di uso quotidiano e semplici frasi. Comprende ed esegue semplici istruzioni correlate alla vita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli