L a morte è un argomento generalmente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L a morte è un argomento generalmente"

Transcript

1 pubblicazioni Implicazioni assistenziali e culturali nella morte dell utente straniero Maria Cristina Manca, Etnologa e Antropologa Sociale 12 INTRODUZIONE L a morte è un argomento generalmente rimosso e difficile da affrontare, non si può mentalmente rappresentare o immaginare, non si può definire, si può conoscere solo dall esterno (Macho, Thomas 2002: 71), a differenza di altri momenti della vita, oppure di altre situazioni alle quali possiamo attivamente partecipare, riconoscendole come parte del nostro vissuto. La morte è un esperienza fondamentale dell uomo in quanto individuo, ma riguarda tutto il gruppo e acquisisce una profonda valenza sociale e collettiva. Essendo inspiegabile, provoca angoscia e terrore, ma è anche un fatto sociale, un avvenimento che determina una crisi e destabilizza il gruppo familiare e, in modo più ampio, la stirpe e la comunità. Il ruolo che assume il morto per i vivi è ambiguo e duplice: da una parte esiste l'affetto e il rimpianto, dall'altra il terrore per questa nuova e inspiegabile condizione del membro della comunità. Il morto, al di là della perdita affettiva, incarna una potenziale aggressività, un emergenza a rischio per la vita che continua, che esige un re-orientamento della vita e delle relazioni all interno della famiglia e del gruppo. Le diverse pratiche che vengono realizzate nel caso di un decesso sono forme per diminuire la carica negativa della morte e collocare il defunto in uno spazio e tempo ben delimitati. Sono fondamentali per dare ai vivi la possibilità di elaborare il lutto - e tornare alla vita -, per imparare a convivere con una grossa perdita, per assegnare al morto una collocazione definitiva, per riunire gruppi che si incontrano poco - ritrovando e rinsaldando così radici comuni - e spesso queste cerimonie hanno anche il ruolo di risolvere conflitti tra le famiglie o tra i gruppi. Il momento del trapasso da una vita a un altra - punto centrale di molte culture - ripropone l aggregazione, il ricordo di Paesi lontani, di riti pubblici, dove il dolore si supera attraverso cerimonie che sono anche un reincontrarsi ricco di una profonda valenza sociale, che rinsaldano la coesione del gruppo e consentono così di superare l evento di cesura costituito dalla morte. La cultura di appartenenza diventa un importante strumento collettivo che, riproponendo il proprio radicamento, aiuta a superare la perdita. Ed è proprio dal rispetto verso i morti e dalle esequie che sono loro dovute, così come dalla garanzia di un buon svolgimento dei processi del lutto, che dipende la possibilita di mantenere o ristabilire delicati equilibri e relazioni di pace e di ordine sociale all interno delle famiglie, tra i gruppi e la collettività. Al di là dell immensa varietà dei riti funerari - e quindi dell impossibilità di generalizzare - la percezione delle morte e le pratiche legate ad essa esprimono sempre una cultura precisa: se questa non si conosce è estremamente difficile comprenderne le pratiche. Però questi riti variano anche all interno di ogni cultura: dipende dalle circostanze sociali, economiche, personali, dalla famiglia, dal tipo di status della persona morta, dalla realtà locale, dal contesto in quel momento preciso. Anche i modi di reagire alla morte sono innumerevoli e sono condizionati non solo dalla cultura di appartenenza, ma anche dalla storia personale e dalle soluzioni che il gruppo propone all individuo. La morte è spesso l avvenimento cruciale della vita ed è fondamentale dare a tutti la possibilità di viverlo secondo la propria cultura e le proprie pratiche rituali, per evitare di mettere

2 in pericolo i vivi, i morti e le relazioni che esistono tra di loro. Non rispettare le pratiche funerarie è un modo di uccidere la morte, negando al defunto un ipotetica vita post-mortem, che può trasformarlo in un cattivo spirito che ossessionerà i vivi (Yvan Droz, 2002). C è da aggiungere anche la stretta correlazione vita-morte - e di conseguenza la percezione salute-malattia-cura - che caratterizza molte culture, e specialmente quelle africane. Vivere e morire fanno parte di un ciclo ininterrotto, considerati come uno stesso passaggio effettuato però in senso inverso, in quanto l uno è un andare, l altro un ritornare. Solo per fare un esempio (Balsamo, E. 2002: 105), presso i Dagara del Burkina Faso una donna in gravidanza è abitata da una nuova anima. Tra i vari rituali che vengono realizzati in questo periodo, c è quello dell ascolto: gli anziani interrogano il bambino nell utero per scoprire il motivo della sua venuta sulla terra e individuarne il nome che sarà destinato a portare. Molti problemi che possono avere i neonati e i bambini vengono legati a cattive morti o a pratiche funerarie non realizzate ad un defunto, a mancanze di rispetto per un morto, specialmente se il/la bambino/a ne porta il nome. La natura del bambino è legata all avo, uno squilibrio - fisico/psichico - puó essere il segno di un conflitto tra il mondo degli antenati e quello dei vivi 1. 1 Il tema è estremamente complesso per essere affrontato in modo adeguato in questa sede. Per approfondire: i lavori di psicoterapia interculturale, etnopsichiatria e etnopedagogia di Marie Rose Moro, Tobie Nathan, di Natale Losi, Piero Coppo e Roberto Beneduce, tra i vari. 2 La ricerca completa, L'eterno fluire. Le cerimonie funebri come riti di passaggio tra gruppi di immigrati nell'area fiorentina, verrà pubblicata da FrancoAngeli. LA RICERCA Le riflessioni che presento in questa relazione sono parte dei risultati 2 di una ricerca che ho realizzato per l Assessorato al Lavoro e all Immigrazione del Comune di Firenze tra dicembre 2001 e giugno Il principale obiettivo di questa prima ricerca specifica in Italia era conoscere i riti funebri in altre culture e in un contesto migratorio, con una prospettiva antropologica e fondamentalmente dinamista. Basandomi quasi esclusivamente sulle interviste, ho ricostruito la percezione della morte che detta i riti preliminari alla sepoltura o alla cremazione tra i gruppi dell Islam, della Cina e dello Sri Lanka - e alcune differenze al loro interno -, i procedimenti di preparazione della salma, la sepoltura o cremazione, l esumazione, le cerimonie post-mortem, per poter disegnare insieme agli stessi immigrati delle reali strategie e punti d incontro affinché il momento della morte e i riti funebri possano realizzarsi nel rispetto delle culture e delle normative. COSA SUCCEDE IN OSPEDALE? 3 Nelle pagine precedenti ho sottolineato come il momento del trapasso sia fondamentale per ogni cultura e per ogni essere umano e come le forme di risposta - pratiche e/o emozionali - all annuncio di una morte siano innumerevoli. Al di là di accettare l impossibilità di conoscerle tutte, una riflessione fondamentamentale che tutti dovremmo fare è che, spesso, noi crediamo che l altro pensi come noi. Ma l altro, anche se può assomigliarci fisicamente, ha invece i propri riferimenti culturali, i propri codici e le proprie credenze, che frequentemente sono differenti dalle nostre. La maggior parte degli immigrati che ho intervistato durante varie ricerche ha sostenuto che il loro desiderio non è di voler ricreare un Italia a immagine e somiglianza del loro Paese, ma trovare interlocutori all interno delle strutture disposti a spiegare, ascoltare, conoscere e, nei limiti del possibile, permettere di conservare le loro pratiche rituali: prendiamolo tutti come un suggerimento. Nelle pagine che seguono non pretendo assolutamente dare ricette preconfezionate sui modi di intervenire, o quando intervenire. 3 Per le pagine che seguono ho consultato le interviste realizzate nel corso del progetto. Tra parentesi c è il numero dell intervista anonima e il numero delle righe di riferimento secondo il programma di analisi di testi ethnograph V4.0. Un testo che mi è stato utilissimo per molte informazioni pratiche: Droz, Yvan (2002) Processus de deuil et commémorations. Etude-Rapport et recommandations, CICR. 13

3 4 La geomanzia è considerata l arte e la disciplina che, attraverso l osservazione e l interpretazione dei segni sul territorio (montagne, colline, corsi d acqua, forme della natura,... ), consente di mettere in armonia l uomo con il suo ambiente. Il geomante, nell antica Cina, ricercava e individuava originariamente siti adatti alla sepoltura dei defunti. Oggi esamina e prepara, tra le varie situazioni, anche le sedi più adatte per le varie tipologie edilizie. Il feng-shui è l'arte di equilibrare, armonizzare e aumentare il flusso delle energie, di vivere consapevolmente sulla terra (www.feng-shui). 14 Nonostante tutte le difficoltà inerenti lo studio di un tema così complesso e rimosso, le varie correlazioni alle quali è legato, l impossibilita di generalizzare e la poca informazione che c è al riguardo, nelle pagine che seguono ho cercato di sottolineare alcuni punti e momenti importanti della morte di uno straniero in Italia che possono essere causa di difficoltà, incomprensioni e crisi con il personale medico e le/gli operatori/trici. Gli ultimi momenti Dare la possibilità a familiari, amici, conoscenti di circondare il morente nei suoi ultimi istanti di vita: in molte culture morire soli è spesso considerata la più grave delle sventure. I musulmani e gli indù hanno la proibizione di utilizzare insulina se proviene da bue o maiale. Esistono molte altre prescrizioni in merito a trattamenti medici, trasfusioni (non raccomandate assolutamente per le culture latino-americane o per i Testimoni di Gehovà), medicine e tipo di alimenti considerati pericolosi o al contrario puri (Helman, Cecil 2001: 32-49). Se possibile, permettere ai familiari di spostare il corpo del morente: per i musulmani con i piedi verso La Mecca e le braccia lungo il corpo, per i cinesi in questi momenti si ascoltano i consigli degli esperti di geomanzia 4,... parlando dei cinesi che sono in Italia, l unica cosa che loro vogliono è seguire gli orientamenti, secondo il sole, i punti cardinali... ci sono degli esperti che sanno di queste cose... un buon feng-shui influisce sulla prosperità e tranquillità anche di tutta la parentela (interv. 14: e 61-64) Annunciare la morte Al momento dell entrata in ospedale dell utente straniero essere il più possibile precisi nel registrarne nome, cognome, indirizzo e persone di riferimento: saranno informazioni preziose nel caso di un decesso improvviso. Se sono presenti altre persone, è meglio dare la notizia del decesso prima ad un uomo. In molte culture sono gli uomini che in questi momenti si fanno carico di risolvere i problemi pratici e di dare la notizia alle donne con le parole giuste. Cercare di contattare immediatamente un Associazione di riferimento, perchè possa aiutare la famiglia del defunto e fare da ponte con l ospedale. L importantissima figura del/la mediatore/trice linguistico-culturale assume in questo momento un ruolo fondamentale per poter spiegare ai familiari le cause del decesso, le cure prestate, l iter burocratico da risolvere. Avere la pazienza di rispondere anche a domande che possono sembrare strane. Evitare, nel limite del possibile, di toccare il corpo: aspettate indicazioni dei familiari o delle Associazioni. Le morti eccezionali (incidenti, suicidi, omicidi, etc.) per molte culture vengono spesso considerate come una maledizione e quindi possono richiedere dei rituali speciali. Una riflessione a parte merita il tema dei corpi che, per varie ragioni (per esempio a causa di incidenti), sono mutilati o in pessime condizioni: ogni cultura risponderà a suo modo, decidendo se e a chi mostrare il corpo e in che modo. Un problema importante, del quale poco si parla, riguarda le salme non identificate. Quanti stranieri muoiono in ospedale senza documenti, senza essere riconosciuti dal proprio gruppo, o perchè clandestini o senza famiglia o senza status sociale che potrebbe permettere loro le spese di un degno funerale? Non si conoscono i dati statistici dei morti senza identità e mi domando quanti tra questi siano gli immigrati che non sono stati inclusi nei registri ufficiali e che ad una vita senza volto, invisibile, hanno aggiunto anche una morte senza nome, fuori dalle statistiche. Dopo il decesso Non in tutte le religioni il corpo deve essere preparato e vestito accuratamente per essere presentato.

4 Per i musulmani, la sepoltura deve avvenire entro 24 ore dalla morte, o comunque molto velocemente: Il rispetto che proviamo per il morto è di lavarlo al più presto e di seppellirlo subito. Certo, se c è un caso in cui devono studiare la causa di morte è un altra cosa, però quando le cose sono normali allora è preferibile seppellire nello stesso giorno della morte. Però purtroppo ci sono state delle persone che sono rimaste in ospedale per quattro giorni, hanno reclamato molto ma non hanno potuto fare nulla. Noi non abbiamo quel potere di andare in ospedale, ci vuole una legge che ci assista (interv. 12: ). Il lavaggio della salma è un operazione fondamentale e veloce, che va realizzata quanto prima possibile e da praticanti musulmani. Nel caso che la persona morta sia una donna, è preferibile che il lavaggio sia praticato da una donna, nel caso sia un uomo, da un uomo. Per il luogo del lavaggio, non ci sono molte pretese: una stanza con dell acqua, con una doccia o anche solamente con un sifone, l importante è che non sia usata anche come bagno. Alcuni intervistati mi hanno commentato che in diversi ospedali di Firenze il momento del lavaggio è stato risolto perchè la struttura ha messo a disposizione un luogo idoneo quando ce n è stato bisogno. È importante aggiungere che bisogna comunque considerare spazi e tempi affinchè si possa lavare (in senso di purificare) chi ha il compito del lavaggio della salma. Alcuni problemi che mi sono stati segnalati da vari intervistati, riguardano la paura del morto straniero - possibile veicolo di malattie particolari - e la consuetudine italiana di vestire il defunto e soprattutto di incrociargli le braccia. E poi quando qualcuno muore in ospedale per malattie infettive, muore di tubercolosi, c è che loro (personale medico) devono subito sigillare, non può rimanere, c è anche molta ignoranza: ma questo è morto per malattie infettive, non aveva mica una malattia trasmissibile! Mettono comunque lo zinco, zincano tutto, non lo lasciano lavare, mi è successo qualche anno fa, ho dovuto chiamare il direttore sanitario di X, manca un pò di flessibilità, di rispetto per il morto. Poi ti chiamano quando hanno già messo le mani incrociate ed è troppo tardi per metterle vicino ai fianchi, già sono rigide, a volte lo vestono anche... (interv. 4: Medico somalo) Il rito del lavaggio dura pochi minuti, durante i quali la salma, per una questione di profondo rispetto, non deve essere assolutamente guardata da nessuno, viene poi asciugata, profumata con essenze particolari della zona d origine, avvolta in un lungo telo bianco, poggiata su di una sorta di panca e coperta con un enorme panno. Quando si usa il feretro, il corpo verrà comunque lavato, profumato e avvolto nel telo bianco e sarà la bara a essere coperta da questo grande drappo. Intorno alla salma purificata e avvolta nel telo - oppure già chiusa nel feretro - si riuniscono pochi uomini per la preghiera più importante di tutta la cerimonia. La salma non può più essere toccata, baciata, guardata o avvicinata. Le donne sono escluse da questo momento rituale esclusivamente maschile. Le preghiere che vengono realizzate in questo momento sono molti veloci, non presuppongono un luogo particolare e si realizzano in piedi e senza nessun tipo di movimento: La cosa più impellente secondo me è ritagliare un piccolo spazio all interno degli ospedali, chiaramente non si può fare in ogni ospedale, magari in quello che ha più spazio. Un piccolo spazio per lavare il morto perchè bisogna lavare il morto subito, in un modo un pò particolare e avere anche la possibilità di fargli subito una piccola preghiera (interv. 6: e 13-16). Un altra situazione difficile che si è verificata in ospedale è stata la mancata restituzione del 15

5 feto morto. Per la religione islamica, il feto che ha superato i quattro mesi di vita possiede un anima, e quindi è a tutti gli effetti un essere umano, che in caso di morte dev essere lavato, pregato e sepolto, con la stessa cerimonia utilizzata per qualunque musulmano:... sì, ci sono sempre dei problemi, per come si interrano noi i nostri morti, c è differenza con i cristiani, non è un problema tanto grave, solo uno deve capire i principi della nostra religione, è questo... io le recito un esempio... quando una donna è incinta e ha passato i quattro mesi, il bambino, è recitato nel Corano, che ha già l anima, se muore pazienza, come si dice, muore e viene interrato. È successo che qui all ospedale (a Firenze), il dottore non voleva dare questo bambino, questo feto e l hanno messo in una bottiglia, questo ragazzo insisteva io lo voglio a tutti i costi, è mio figlio e va interrato. Anche il dottore era sorpreso, non è nulla diceva, ma per noi conta, se ha l anima va interrato. C è voluto quasi un anno per averlo... voglio dire, questo va bene per la burocrazia, non siamo contro, sono due strade un pò diverse, noi guardiamo la religione cosa ci dice e si fa in quella maniera... quando vai a chiedere ti dice che tu stai nel nostro paese, tu stai sotto le nostre regole, sì, quello è giusto, però io non posso lasciargli lì il mio bambino... (Interv.16: 7-23). Tra i cinesi, Alla morte di un parente, ogni membro della famiglia entra in uno stato di prostrazione regolato dal costume, secondo il grado di parentela col defunto. Ci si veste di tela grezza e ci si vieta ogni divertimento. Le cerimonie funebri scacciano le impurità causate dalla morte, e nello stesso tempo esaltano il defunto, trasformandolo in antenato, e con ciò stesso ristabiliscono il prestigio familiare compromesso dal lutto 5. 5 Genet (1983), La vita quotidiana in Cina alla vigilia dell'invasione mongola, , BUR Milano, in: Centro Servizi Integrato per immigrati nel Quartiere 5, Coordinamento di Massimo Colombo, Rapporto di ricerca 2001 del Comune di Firenze Assessorato alle Politiche del lavoro, Immigrazione, Organizzazione servizi comunali e della Fondazione Giovanni Michelucci. 16 Un aspetto molto importante delle pratiche funerarie cinesi che ritroviamo anche in Italia è lo studio dei giorni propizi. I vari riti non possono essere realizzati in qualunque giorno dell anno: bisogna aspettare una data auspicabile che viene scelta dagli esperti di geomanzia 6, una tecnica divinatoria legata soprattutto alle religioni popolari che studia anche la collocazione delle dimore, non solo dei vivi ma anche dei morti, individuando il posto migliore per ognuno (OLTRE-Periodico dell Imprenditoria funeraria e cimiteriale, febbraio 2001). Nel momento della morte la vicinanza dei familiari è fondamentale, e la loro prostrazione visibile e pubblica: il dolore viene apertamente mostrato per manifestare l affetto che legava alla persona morta. Morire lontani dalla famiglia significa non aver nessuno che si preoccupi della cerimonia e di conseguenza una enorme perdita di prestigio sociale anche per tutti i discendenti, che si somma, nel caso dei buddhisti, alla mancanza di intercessioni per migliorare la futura reincarnazione. In Italia il lavaggio della salma viene realizzato dagli incaricati delle pompe funebri prescelte: generalmente la salma viene vestita con abiti particolari che spesso sono stati decisi dalla persona quando era ancora in vita. Possono essere di colore nero, giallo, oppure blu e spesso sono di seta; è molto importante che siano nuovi. La salma viene poi truccata, imbellita, perchè sarà esposta a lungo e visitata da molte persone. La tradizione vuole che la salma sia vegliata per vari giorni, aspettando la data propizia alla sepoltura o cremazione. Durante questo periodo viene visitata giorno e notte da parenti e conoscenti, vengono posti degli alimenti vicino alla salma e vengono offerti cibo e bevande a tutti coloro che condividono questo momento. Se il decesso avviene in ospedale, la salma dovrebbe essere riportata nella casa del defunto o dei familiari più vicini per essere vegliata e pregata da parenti e amici e dai monaci, figure molto importanti per i buddhisti, perchè in questi momenti saranno loro che - attraverso partico- 6 Vedi nota 4

6 lari preghiere e letture - aiuteranno l anima del morto a pulirsi dai karma e a poter avere una vita migliore di quella appena trascorsa. In questi giorni il ruolo delle donne è fondamentale. Non si allontanano mai dal feretro finché verrà sepolto: la vicinanza di una donna in veste di accompagnatrice - socialmente riconosciuta - dell anima fino al cielo, significa spesso la tranquillità del morto nel lasciare la terra. Nello Sri Lanka, La morte è solo un passaggio, noi lasciamo nella vita terrena il nostro corpo, però portiamo tra di noi la coscienza di ogni vita. Nel buddhismo nessuno muore, perchè ogni vita, quando si rinasce si porta la nostra coscienza, quindi noi non dobbiamo piangere, perchè noi sappiamo che questa persona nascerà da un altra parte, si continua a rinascere fino alla fine dei desideri... (interv. 17: ). La vita religiosa degli immigrati dello Sri Lanka a Firenze ruota intorno al tempio buddhista, dove un giovane monaco Pali 7 della tradizione buddhista Theravada 8 si occupa di questo importante, seppur abbastanza precario, spazio cerimoniale. Le cerimonie funebri sono estremamente importanti in quanto sono considerate l estremo tentativo e l ultima possibilità di aiutare la persona morta a reincarnarsi favorevolmente. Si ritiene infatti che il distacco dell anima dal corpo sia un processo graduale e che, finché il cadavere è ancora integro (ossia, prima della cremazione), sia possibile intervenire sul karma 9 dell anima del morto con l assistenza dei vivi. Per questo è usanza diffusa recitare testi sacri e insegnamenti religiosi in presenza del defunto. 7 Il Pali e il Sanscrito sono le due lingue in cui sono stati scritti i testi sacri del buddhismo. 8 Letteralmente: scuola degli antichi, insegnamento o dottrina degli Anziani- ad avere maggior forza. A Firenze la comunità di Sri Lanka pratica il buddhismo theravada: si tratta del buddismo delle origini, che sussiste ancora allo stato puro in alcuni Paesi come la Birmania, lo Sri Lanka (Ceylon), il Laos, la Cambogia (almeno prima degli ultimi avvenimenti) e la Thailandia. 9 Per i buddhisti il karma è già scritto, quindi l'intervento che si può realizzare è sempre molto relativo, ma può aiutare per rendere più sereno il viaggio dell anima del defunto. Il momento della morte, quello in cui si esala l'ultimo respiro, è fondamentale per questo gruppo, poichè la persona rivede tutta la sua vita e, dipendendo dall ultimo pensiero che avrà - se cioè il suo ultimo ricordo sarà legato a un evento positivo o negativo - verrà influenzata la prossima vita. È estremamente importante la vicinanza della famiglia e a volte dei monaci, che attraverso le preghiere possono aiutare chi è appena spirato a concentrarsi su pensieri positivi. Il corpo non va quindi toccato o spostato subito, per dare allo spirito questo momento di riflessione e la possibilità di uscire tranquillamente dal corpo. Passato questo corto periodo, il corpo viene lavato, profumato e vestito con abiti nuovi e soprattutto con delle particolari scarpe che gli rendano meno faticoso il cammino che dovrà intraprendere. Dal luogo di morte, se il decesso non è avvenuto in casa, la salma sarà preferibilmente riportata nell abitazione della famiglia, vegliata - dai tre ai sette giorni - da tutti gli affetti 10 :... per sette giorni tutti stanno senza dormire, senza cucinare, noi non dormiamo, stiamo sempre alzati, tutte le finestre sono aperte... non si può cucinare e i vicini portano il pranzo, la colazione... solo se c'è stata una malattia grave allora no, non si aspetta, se il dottore dice fai la cerimonia fra due giorni, noi facciamo così (interv. 7: 48-70). 10 Gli intervistati hanno sottolineato che in caso di malattie infettive o per accertare la causa di morte, ovviamente i tempi sono diversi. 17

7 Per i buddhisti lo spirito di chi è morto rimane intorno alla casa per una settimana:... lui guarda cosa facciamo noi per lui (interv. 7: ) e in questo periodo - nel cielo - viene sottoposto a una sorta di giudizio dove si valutano le azioni positive e quelle negative che ha realizzato nella sua vita, per poi decidere la sua prossima reincarnazione. Questo periodo di veglia e di preghiere di tutto il gruppo è quindi estremamente importante per sostenere lo spirito del morto in questo difficile momento di separazione dalla vita e di giudizio e per aiutarlo a pulire parte dei karma accumulati durante la vita appena trascorsa. Secondo i buddhisti, per 49 giorni dopo la morte l individuo va errando tra il mondo dei morti e quello dei vivi; dopodiché il meccanismo del karma decide in quale corpo si reincarnerà. Come per gli induisti, l obiettivo ultimo dei buddhisti è di porre fine al ciclo ininterrotto delle rinascite per raggiungere l estinzione delle sofferenze, o nirvana. RIFLESSIONI FINALI Vivere con la religione aiuta molto a vivere bene, a prendere fiducia, ad amare, ad accettare, no ad essere così chiusi, ma a guardare. Questa è la cosa più importante, accettare e non giudicare mai, la religione mi ha insegnato queste cose (interv. 10 C: ). Oramai molti studi - soprattutto quelli appartenenti al filone dell etnospichiatria - hanno analizzato la difficoltà di vivere tra più mondi e culture, sottolineando come sia possibile raggiungere un equilibrio emozionale nel Paese 18 ospite solamente se la cultura di appartenenza è molto solida e se si ha la possibilità di riproporla spesso (Manca, M.C. e Koller, P.M. 2003). Dare la possibilità ai tanti stranieri che risiedono nel nostro territorio di realizzare le proprie cerimonie funebri secondo la loro cultura significa anche aiutarli a riprodurre la propria storia e a conservare le proprie radici e la propria appartenenza, importantissimo passo verso una società aperta e dinamica e realmente interculturale. Ma significa anche riuscire a considerare le differenze come una sorgente di ricchezza e completezza e nella loro valorizzazione evidenziare le analogie che ci uniscono - o potrebbero unire - come gruppi diversi, nell unicità della funzione dietro la molteplicità delle forme che il fenomeno assume 11. La morte è un momento che tutti dobbiamo affrontare, e sicuramente è un terreno di confronto e di importante scambio tra culture: la nostra, dove la morte è stata allontanata, rimossa, quasi rifiutata e il lutto deritualizzato, e altre, che la vedono per sua natura immanente alla vita, una presenza costante fin dall'inizio e durante tutto il corso dell'esistenza, e vivono la ritualità come un momento fondamentale e di aggregazione per elaborare il lutto e collocare il defunto nello spazio che gli appartiene. Indubbiamente, l incontro con l altro ci mette in crisi. A questo proposito ci ricorda Elena Balsamo (2002:157) che il termine cinese per crisi (wei-ji) è costituito da due caratteri che significano pericolo e opportunità. Noi occidentali siamo abituati a prendere in considerazione solo il primo di questi due aspetti, dimenticandoci del secondo e cosí vediamo la diversità come un pericolo, più che come un opportunità per crescere e migliorare. La sfida che oggi ci attende è invece proprio riuscire a creare un nuovo sapere meticcio che sintetizzi e valorizzi gli aspetti positivi di ogni cultura. La bibliografia dell articolo è presente sul sito internet (www.ipasvimi.it), nella sezione rivista. 11 Il funzionalismo di Emile Durkheim, Les formes élémentaires de la vie religieuse, 1912.

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

DALLO ZAMBIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA

DALLO ZAMBIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA DALLO ZAMBIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA Quando nasce un bambino, la nonna mette un po di saliva sulle dita e segna la fronte del bambino. Dicono che porti fortuna. Dandogli il nome, si cosparge la fronte

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA Degna Sepoltura Il primo portale in Italia sui funerali www.degnasepoltura.com/blog 1 Indice 1) Introduzione...3 2) Lista dei servizi e utili consigli...3 2-a) Mezzo

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RELAZIONE CON I NOSTRI DEFUNTI

CONSIDERAZIONI SULLA RELAZIONE CON I NOSTRI DEFUNTI CONSIDERAZIONI SULLA RELAZIONE CON I NOSTRI DEFUNTI L'uomo che vive nei mondi spirituali il periodo tra la morte e una nuova nascita, rivolge la propria nostalgia al nostro mondo fisico, all'incirca nel

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi

Crescere nella Fede. alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Crescere nella Fede alcune idee di fondo sul cammino di catechesi Due mentalità, due logiche Un cammino di fede Un corso di dottrina Due approcci educativi Strada La Rivelazione cristiana incontrare la

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati Gorgonzola, 2009 1 La morte nella società moderna Poche

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it 12 Istituto Comprensivo A.Moro 1 Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it GIANNA BERETTA MOLLA - Via N. Sauro, 1 - Sabbio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

L accompagnamento del morente in RSA

L accompagnamento del morente in RSA Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita L accompagnamento del morente Massimo Petrini Centro di Promozione e Sviluppo dell Assistenza Geriatrica Facoltà di Medicina e Chirurgia A.Gemelli

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

LA FAMIGLIA L EQUIPE

LA FAMIGLIA L EQUIPE Per chi è importante questo momento? LA FAMIGLIA L EQUIPE Un passaggio molto delicato e atteso dalla famiglia è la constatazione del decesso eseguito dal medico della struttura o il medico di continuità

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli