Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 5 MAGGIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 5 MAGGIO 2012"

Transcript

1 Mensile dedicato alla funeraria italiana NUMERO 5 MAGGIO

2 M A G A Z I N E NUMERO 5 MAGGIO 2012 Sommario DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE, PUBBLICITÀ: Via Vochieri, Alessandria Tel Fax Direttore RESPONSABILE: Franco Capone Responsabile redazione: Cristina Pasino Redazione: Franco Capone Antonio Fiori Pier Luigi Pasino Collaboratori: Ivan Trevisin Katia Catassi Cristian Vergani Mauro Tita Matteo Alfonso Vito Saccinto Grafica e IMPAGINAZIONE: Salvatore Zagari webmaster: Marco Assandri segreteria: Francesca Zancanaro Tiziana Capone PUBBLICITÀ: Pasino P. Cell STAMPA: Tipografia Barberis - Via E.Panza, S.Salvatore Monferrato (AL) COPYRIGHT: Tutti i diritti sono riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, dell' opera, in ogni forma e con ogni mezzo senza previa autorizzazione. Testi ed opinioni in essi contenuti sono sotto la responsabilità dei singoli autori Distribuzione in copie inviate agli operatori della Funeraria Italiana Proprietà editoriale e copyright: O.F. ITALIA s.a.s O.F. ITALIA MAGAZINE è un marchio depositato CONTATTI: 3 Editoriale Franco Capone 4 Legislazione: Giochiamo a nascondino con... l urna Dott.ssa Catassi Katia 6 Meeting Eurocof Presentazione del nuovo Catalogo Multimediale Interattivo La Redazione 18 Cronache Italiane La Redazione 27 Intervista: Impresa Funebre Mammarella - Napoli La Redazione 30 Assocofani Redazionale 32 Special Wagon Redazionale 34 I riti: Il rito Funebre in Malawi Dott. Antonio Fiori 38 Elementi Redazionale 43 Disef...Km condiviso 46 Tradizioni: The Irish Wake: Gli Irlandesi e la dipartita dei propri cari Dott. Antonio Fiori 54 Il fatto: 1 Maggio: La festa dei Lavoratori La Redazione 56 Due metri sotto...il palco L odore del mondo Editoriale Teatro - Matteo Alfonso 58 Teatro Recensione Tanti Saluti Vito Saccinto 60 Sport: Mondiali di Hockey su ghiaccio La Redazione 64 Natura Ambiente Ecologia: Chernobyl 26 anni dopo Dott. Antonio Fiori 68 Curiosità: Ritorno dall aldilà La Redazione 71 Lettera del Presidente Informazione mensile di Federcofit Registrazione: Tribunale di Alessandria n 2/2011 del 30/06/

3 Editoriale Cari lettori e care lettrici ben ritrovati sulle pagine del numero di maggio di O.F. Italia Magazine, la nostra rivista sempre impegnata a crescere, con un preciso obiettivo, diventare sempre più un punto di riferimento informativo che sia anche originale ed innovativo per tutti coloro che ci seguono. Maggio è il mese dei lavoratori, anche se tutto l anno dovrebbe essere dei lavoratori ed anche di chi, purtroppo, un lavoro non ce l ha. Oggi più che mai molte persone si trovano in difficoltà a causa dei problemi che investono il mondo del lavoro, la situazione infatti non è molto rosea (per essere ottimisti) sempre a causa della contingenza economica negativa, ed anche per questo abbiamo deciso di dedicare un articolo alla festa del primo maggio, scoprendo le origini e i significati che caratterizzano questa ricorrenza. Nelle pagine a seguire vi aspettano come di consueto le nostre rubriche, dai riti all ambiente, dalle tradizioni allo sport, oltre a tante altre notizie non resta che augurarvi una buona lettura! Al prossimo numero! Franco Capone Le Imprese di Onoranze Funebri presenti nelle pagine successive, danno la loro disponibilità ai colleghi per il disbrigo pratiche, documenti, trasporti e/o altri servizi garantendo serietà e professionalità, al pari di tutte le Imprese aderenti a O.F.Italia e visibili sul Volume e sul portale web dedicato G A Z 4 5

4 Giochiamo a nascondino con...l urna! La Signora Elisabetta affranta dal dolore per la recente perdita del fratello torna all agenzia funebre e pone il seguente quesito: Dott.ssa Catassi Katia Mio fratello è deceduto da qualche mese, e mia cognata (allora moglie del fratello), aveva proceduto con la cremazione. Io, presa dal dolore per il lutto non mi sono preoccupata di niente, ma oggi, a distanza di qualche mese le ceneri in affido a mia cognata, si trovano nella sua abitazione, spesso chiuse in un armadio, qualche volta nella scarpiera, insomma, mai nel solito posto. Ma la cosa ancor più grave è che nè io, nè i miei genitori, siamo mai riusciti a vederle. Elisabetta continua il racconto chiedendo se, in quanto sorella ha qualche diritto per chiedere che le ceneri vengano depositate presso un cimitero, qualunque esso sia tanto per lei non ha importanza, o se in mancanza di questo, possa accedere all abitazione della cognata e far visita all urna. Legislazione ceneri contenute nell urna sigillata. L affidatario, in questo caso tua cognata, deve inoltre: -Permettere l accesso (anche se spesso tra parenti non intercorrono rapporti idilliaci soprattutto per motivi di successione mortis causa), ai congiunti del de cuius perché essi possano esercitare il loro diritto secondario di sepolcro (visita alla tomba del defunto per atti rituali e di suffragio); -Sottoporsi attraverso ispezioni e controlli presso il proprio domicilio alla vigilanza da parte del personale comunale all uopo preposto; -Rispondere penalmente di eventuali profanazioni delle ceneri se tale sacrilegio si dovuto a sua colpa grave o inadempimento; Dott.ssa Catassi Katia Presidente Federcofit Regione Toscana Carissima Elisabetta, prima della Legge 130/2001 la cremazione si collocava tra i diritti cosiddetti personalissimi (e come tali non suscettibili di rappresentanza). Se il de cuius non ha verbalizzato i suoi desideri per le esequie, e si registra, quindi, il suo silenzio, la volontà di cremarne il cadavere può essere espressa dai familiari aventi diritto, secondo una precisa regola gerarchica, fondata sui legami di sangue in cui prevale il vincolo coniugale. Purtroppo la scelta sulla destinazione prima del cadavere (da avviare a cremazione), poi delle sue ceneri, laddove sia già operativo l istituto dell affido familiare, spetta, in primo luogo al coniuge superstite, anche se, eventualmente in stato di separazione, ex Art. 79 comma 2 DPR n.285/1990 e relativo paragrafo 14 della Circ. Min. esplicativa 24 giugno 1993 n. 24. Nutro fortissimi dubbi e perplessità sulla collocazione delle ceneri...in un armadio!?? Nella scarpiera? Chissà, forse ogni tanto la ripone anche nel guardaroba, tra gli abiti dismessi fra una stagione e l altra. Roba da matti. Spesso la pazzia sa essere anche giocosa. Al di là del dubbio buon gusto e della delicatezza morale nella fattispecie in causa, la Legge -art. 343, comma 2 Regio Decreto n.1265/1934- per la custodia delle urne cinerarie, sia essa intra moenia cimiteriali o extra moenia, prescrive tassativamente, l allestimento, o in cimitero o in un abitazione di un tumulo, ossia di un luogo stabile e confinato, ad esempio una nicchia, un tabernacolo, un incavo, purchè chiuso ricavato nello spessore di una parete, entro cui racchiudere, a vista o meno le Se poi, per qualsiasi motivo, sua cognata intendesse rinunciare all affidamento dell urna, è tenuta a conferirla, per la conservazione provvisoria in cimitero previa acquisizione dell autorizzazione al trasporto da parte del Comune nel quale si trova l urna affidata. Lei, gentile Elisabetta, può, esercitare legittimamente e con tutti i crismi di Legge, il suo sacrosanto diritto secondario di sepolcro, anche entro abitazione privata, cioè lei ha il potere, certo e sancito dall Ordinamento Giuridico, di accedere al luogo dove sono conservate le ceneri, nei tempi e nei modi concordati con la padrone di casa per compiere atti di suffragio e votivi, come, appunto, accade per la visita ai propri cari defunti. Spero che sua cognata si ravveda e dato che gioca simpaticamente a nascondino con l urna, decida di rinunciare all affido portandola al cimitero del paese affinchè lei e la sua famiglia possiate far visita al vostro caro liberamente. Dott.ssa Catassi Katia Presidente Federcofit Toscana Un dì, s io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de tuoi gentil anni caduto. Ugo Foscolo 6 7

5 Presentazione: Nuovo catalogo Roma 21/04/2012 Multimediale Interattivo La Redazione Un Tocco al futuro grazie alla vostra fiducia In una cornice molto affollata di Clienti e Fornitori, caratterizzata da un clima cordiale grazie alla professionalità dello Staff Eurocof ed al forte rapporto di fiducia creatosi con la propria clientela, si è svolto nella struttura della sede Eurocof un evento importante: la presentazione del nuovo Catalogo Multimediale Interattivo. Da sempre Leader nell innovazione e nella realizzazione di progetti guida, Eurocof, anche in occasione di questo meeting ha confermato il suo Spirito di Ricerca per capire in anticipo il mercato ed i suoi mutamenti, al fine di garantire maggiori opportunità e servizi d eccellenza alla propria Clientela. D altronde è Lui, il cliente e l attenzione nei suoi riguardi, il prioritario obiettivo di Marco Aquilini Amministratore Eurocof e di Simone Aquilini Direttore Commerciale ed Organizzazione. Insieme e coordinando tutto il personale, al centro delle loro strategie c è il risultato finale di essere un esempio imprenditoriale, nel perseguire nuovi traguardi che soddisfino in pieno la propria Clientela. Il nuovo Catalogo Multimediale Interattivo è la conferma ulteriore della coerenza Eurocof nel portare avanti l anima del loro slogan: IL CLIENTE AL CENTRO DEL MONDO EUROCOF 8 9

6 Marco Aquilini Amministratore Eurocof mentre si intrattiene con gli invitati. Showroom 10 11

7 Marco Aquilini Amministratore Eurocof e Simone Aquilini Direttore Commerciale ed Organizzazione, in attesa di accogliere i numerosi visitatori. Saluto del Dott. Giovanni Caciolli Segretario Nazionale Federcofit. «Qui mi sento a casa» esordisce il Dott. Caciolli a conferma del legame di rispetto ed amicizia che lo lega alla dirigenza Eurocof, «ed è anche la dimostrazione di come il commerciale si lega ai temi della Funeraria» prosegue Caciolli, soffermandosi sulla crisi in atto, che accentua i problemi del settore attraversato da un momento di trasformazioni. Del resto crisi e trasformazione unitamente agli aspetti legislativi saranno i temi dominanti dell imminente Congresso Nazionale Federcofit che si terrà a Roma EUR il 08 giugno 2012 presso il Salone delle Fontane. In conclusione del suo intervento Caciolli richiama l attenzione sulla necessità di operare su norme e comportamenti che soddisfino le esigenze delle famiglie nonchè, rispetto al Lazio la necessità di definire una legislazione regionale oggi più indietro rispetto ad altre regioni

8 Marco Aquilini Amministratore Eurocof presenta il progetto: nuovo Catalogo Multimediale Interattivo. Relazione di Marco Aquilini - Amministratore Eurocof Già nella fase introduttiva, Marco Aquilini, trasmette ad un pubblico attento il concetto che guida la sua attività: la nostra casa è composta dai Collaboratori, dai Clienti e dai Fornitori, ed è per Essa, che lavoriamo con dedizione e passione innovativa. Non solo, ma prosegue un imprenditore deve avere nuove idee, chi si adagia e/o non ha idee, non è un imprenditore. Queste due frasi, racchiudono l essenza di una gestione e strategia d impresa che rappresentano un modello imprenditoriale sempre all avanguardia e da seguire. L idea che mi ha ispirato per questo software dice Marco Aquilini è che esso rappresenta ed è un Tocco rivolto al futuro. Su questo progetto che comprende anche una convenzione con Vodafone, Eurocof ha sostenuto notevoli investimenti, sia perché ci crede, sia perché la filosofia aziendale è che la crisi va affrontata non svendendo ma valorizzando la professionalità. Il nuovo Catalogo Multimediale Interattivo affronta in maniera nuova la proposta commerciale al dolente: l utilizzo dell ipad ( centinaia di immagini ad alta risoluzione in memoria da gestire) visualizza al cliente in modo professionalmente avanzato quello che può essere il servizio finito. Si creano così, nuove opportunità per l Impresario Funebre nello svolgimento delle sue mansioni operative, accrescendo così la sua immagine e ampliando il suo mercato. Una platea convinta ha rivolto un caloroso applauso a Marco Aquilini al termine della sua relazione

9 Tecnico Specializzato Europc presentazione tecnica del software avvisando la vasta platea che il portale sarà in vigore dal 01 Giugno «I prodotti: cofani, auto, imbottiture, urne, ecc sono immagini ad alta definizione corrispondenti alla realtà» Intervento Dott. Simone Aquilini Direttore Commerciale ed Organizzazione Eurocof La vostra folta presenza ci stimola e ci spinge a continuare ad aprire nuove strade esordisce così Simone Aquilini rammentando che l onere del programma è interamente coperto da Eurocof che ai propri clienti propone l ipad a costi abbattuti rispetto al mercato. L ipad è bello e fa immagine. Integrando alcune informazioni sul nuovo Catalogo Multimediale Interattivo Simone Aquilini si sofferma anche sulle politiche dei nuovi incentivi Eurocof, invitando la propria clientela alla compilazione del questionario ( importante farlo) già presente nel nuovo sito internet di Eurocof.Interrotto dagli applausi nel suo intervento (come in precedenza in quello dell Amministratore Marco Aquilini ), il Dott. Simone Aquilini ha concluso ribadendo un concetto Eurocof fondamentale:...perchè andare avanti, è il modo più sicuro per non arretrare

10 Suggestive immagini della Cena di Gala. Elegante conclusione del meeting in casa Eurocof

11 Cronache Italiane La Redazione PERUGIA restaurata la tomba Aganoor - Pompilj ROMA fine della tumulazione privilegiata Secondo il quotidiano Il Messaggero, entro la fine del mese di maggio, sarà trasferita al cimitero di Prima Porta la salma di Enrico, detto Renatino, De Pedis. I resti del boss della banda della Magliana verranno quindi rimossi dalla basilica di Sant Apollinare, a Roma, dov erano tumulati. TONARA (NU) un amico fedele Sono stati pubblicamente presentati i lavori di ripulitura e manutenzione ordinaria della tomba dei coniugi Aganoor Pompilj, nel cimitero monumentale di Perugia. Gli interventi sono stati effettuati dall ufficio lavori pubblici del Comune di Perugia. Durante la commemorazione dello statista umbro Guido Pompilj e della poetessa Vittoria Aganoor sono intervenuti gli amministratori dei Comuni di Perugia e Magione, i tecnici che hanno seguito i lavori di restauro e lo studioso perugino Mario Calzoni, quest ultimo in particolare oltre ad aver svolto studi approfonditi sul monumento funebre si è fortemente impegnato affinché venisse effettuata la manutenzione. Il monumento, realizzato su disegno di Giuseppe Fringuelli nel 1910, si caratterizza per lo stemma dei due coniugi, costituito da un sole nascente ed un leone rampante, ed una scritta in armeno, terra di origine della famiglia della poetessa Vittoria Aganoor. La struttura si era enormemente danneggiata a causa dell azione degli agenti atmosferici e il passare del tempo. Il suo padrone, un uomo di 60 anni, era venuto a mancare due mesi fa in seguito ad un infarto, e lui, un bastardino di cui non si conosce il nome, era stato affidato a dei nuovi padroni. Ma il rapporto tra l uomo e il proprio cane a quanto pare va ben oltre l umana esistenza, e così accade che, dopo aver seguito il corteo funebre in occasione del funerale, il povero animale si allontani ogni giorno dai suoi nuovi padroni, per andare a vegliare la tomba del proprio amico

12 FERRARA - concorso di progettazione per nuova struttura obitoriale Sul sito del Comune di Ferrara è stato pubblicato al seguente link il bando lo riportiamo in sintesi qui di seguito: Data di scadenza 4/06/2012 Data di pubblicazione: 19/04/2012 PROCEDURA APERTA CON- CORSO DI PROGETTAZIO- NE IN DUE FASI PER LA REA- LIZZAZIONE DELLA NUOVA STRUTTURA OBITORIALE DEL COMUNE DI FERRARA LA CITTADELLA DEL COMMIA- TO. PRIMO PREMIO ,00. Seduta pubblica di abbinamento delle buste pervenute: la data sarà inserita scaduto il termine di presentazione delle offerte. BANDO:cittadellacommiato201 2bando.pdf DISCIPLINARE:cittadellacomm iato2012disciplinare.pdf ALL. A:domanda_ammissione_ allegato_a.doc ALL. B:art_38_lett_b-c-mter_ allegato_b.doc ALL. C:art_38_lett_c_allegato_c.doc ALL. D:mandato_allegato_d.doc LAYOUT A1:1_layout_a1_dwg. zip DIP Documento indirizzi di progettazione:2_commiato-dip. pdf STATO DI FATTO: 3a_stato_di_fatto_dwg.zip 3b_stato_di_fatto_dwg.zip STATO DI FATTO schema delle reti tecnologiche:4_stato_di_fatto_schema_delle_reti_tecnologiche.zip PROPOSTE DI PROGETTO:5_ proposte_di_progetto_dwg.zip ROMA l AMA inaugura un programma di visite guidate al cimitero del Verano Si intensifica, con la primavera, il programma di Passeggiate tra i ricordi, le visite guidate gratuite all interno del Verano ideate da Ama e Cimiteri Capitolini. Da sabato 5 maggio, fino a domenica 10 giugno, per la prima volta, gli appuntamenti con lo straordinario patrimonio culturale, storico e architettonico custodito nel cimitero monumentale di Roma si ripeteranno, variando, tutti i fine settimana. Si parte con l itinerario sul tema Storie al femminile tra Otto e Novecento, replicato come visita di apertura, sia sabato 5 sia domenica 6 maggio, con partenza alle ore 10. Per partecipare bisogna prenotarsi al call center dei Cimiteri capitolini

13 24 25

14 26 27

15 Napoli Il nuovo cofano Futuro, esposto a Tanexpò 2012, ha avuto un successo clamoroso. È un modello che rivoluziona totalmente il modo di esporre la salma, perchè permette una maggiore e completa visibilità, come se fosse adagiata su un letto, a differenza dei cofani tradizionali, più contenitivi. Anche per il Futuro delle Case Funerarie è il modello ideale. Modello Futuro Il cofano e l idea sono brevettati Intervista a Giovanni Mammarella VALNICO BY GENIUS Via E. Fermi, Osimo (Ancona) - Italy Tel Fax Web: C O F A N I F U N E B R I 28 29

16 Da quanto tempo fa questo lavoro? E come è cambiato nel corso degli anni? La nostra azienda opera a Napoli dal 1938, prima con mio padre Stanislao Lomelli, poi con me Giovanni Lomelli, attualmente sostenuto anche da mio figlio Andrea, che ne prenderà le redini per il futuro; inoltre nel 2012 abbiamo inaugurato la sede del nuovo ufficio con un ambiente moderno per offrire una maggiore accoglienza e riservatezza alle nostre famiglie. Personalmente esercito questo lavoro da oltre 50 anni, nel corso dei quali si e avuto un notevole cambiamento, in quanto negli anni passati c era piu rispetto e maggior buon senso tra gli operatori del settore. Problemi con i clienti? In questo momento l Italia vive un periodo economico abbastanza delicato, e purtroppo da questo punto di vista ne risente molto anche il nostro setore, anche se cerchiamo sempre di venire incontro alle esigenze dei nostri clienti. Rapporti e eventuali problemi con i fornitori? Ottimi rapporti con i nostri fornitori sia con quelli storici che con i nuovi che apprezzano molto il nostro modo di operare e la precisione nei pagamenti. Costi per i servizi sono cambiati nel tempo? Perché? Sicuramente c e stato un notevole aumento dei costi per i servizi in generale,causato prima dal lungo periodo d inflazione, e peggio ancora con l attuale periodo di recessione. Problemi con la legislazione funeraria in italia? Mai avuto particolari problemi in quanto siamo stati sempre pronti alle nuove normative, tuttavia nella Regione Campania con il decreto legge che obbliga ad avere un direttore tecnico e 4 operatori addetti al trasporto funebre, si è creato un po di caos, infatti non tutte le piccole e medie imprese capiscono bene il concetto di questo decreto, che comporta enormi spese, difficili da coprire per chi non riesce a fare un numero importante di funerali all anno. Dal 1 gennaio 2013 quindi, non sarà consentito noleggiare personale dai centri servizi, ma sarà obbligatorio avere le 5 figure presenti in azienda con contratti continuativi e subordinati. Rapporti con la concorrenza, positivi o negativi? Rapporti normali con la concorrenza, che è ben accettata, in quanto ci dà uno stimolo in piu giorno dopo giorno per poterci migliorare. Anche se a napoli andiamo sempre piu incontro ad una concorrenza sleale, capace d concludere funerali con prezzi al di sotto delle tariffe comunali. Proposte per migliorare il proprio lavoro? Per poter migliorare il nostro lavoro, bisognerebbe tornare 30 anni indietro, per avere maggior rispetto tra le imprese, una normale concorrenza, ma soprattutto come succede a Napoli, bisognerebbe eliminare lo sciacallaggio

17 Il legno: fin dall antichità è stato il primo materiale che l uomo ha usato per costruire e proteggersi. Ecologico, rinnovabile e biodegradabile al 100%, il legno è una risorsa naturale che ha delle caratteristiche che lo rendono unico e insostituibile. Vallevaraita Del Bosco Società Cooperativa Via Rossana Piasco(CN) Tel Fax EUROPAG spa Via Fante d'italia Giavera del Montello(TV) Tel F.A.C. F.LLI RESMINI srl Via Castel Ronzone, Lurano(BG) Tel Fax FERRARI spa Via Marzan Peschiera del Garda(VR) Tel Fax GRUPPO URCIUOLI snc di Fulvio Urciuoli & C. Zona Industriale Pianodardine Avellino(AV) Tel Fax INDUSTRIA DEL LEGNO PINO SPAGNOLETTI srl Via Bari Località Ponte Giovinazzo(BA) Tel Fax LOMBARDA LAVORAZIONE LEGNO srl Via Milano, 44 - Frazione Mandolossa Gussago(BS) Tel Fax LORANDI spa Via A. Vespucci 7/ Nuvolera(BS) Tel Fax ROTASTYLE srl Via Ghiaie Presezzo(BG) Tel Fax SCACF spa Località Pitigliano 23/ San Giustino(PG) Tel Fax STRAGLIOTTO spa Via Bassano Rossano Veneto(VI) Tel Fax MARCO GHIRARDOTTI Presidente Assocofani ASSOCOFANI 32 33

18 Le priorità dell'azienda sono l'innovazione unita alla qualità; il principale obbiettivo è la continua ricerca e il continuo sviluppo di prodotti chcue offrono ai suoi utenti il più alto livello di resistenza, affidabilità, praticità ed economia d'esercizio. La società Special Wagon ha radici in una esperienza pluriennale, i soci fondatori hanno maturato negli anni la conoscenza del know-how nel settore specialistico della trasformazione di auto funebri, mettendo a punto soluzioni originali per problemi specifici. La continua innovazione della tecnologia apportata alla struttura, è stata conseguentemete promossa dal mercato internazionale ed ha portato l'azienda ad una sempre più stabile affermazione nel settore della corrozzeria speciale. La Special Wagon oltre che a soddisfare qualsiasi richiesta di allestimento della linea e curando in ogni piccola parte le sue trasformazioni è in grado di realizzare sistemi per agevolare le manovre degli operatori oltre a vari accessori a richiesta. Inoltre assicura un efficiente servizio post-vendita

19 Il rito Funebre in Malawi il funerale rappresenta il rito più importante nella cultura malawiana Dott. Antonio Fiori Situato nell Africa orientale, il Malawi, ha una popolazione di circa 12 milioni di abitanti, tre quarti di questa vive con meno di 1,25 dollari statunitensi al giorno. I suoi abitanti sono quasi tutti originari dell etnia Bantu, tra le tribù principali si segnalano i Chewa, che si trovano nella parte centrale e meridionale del paese; i Tumbuka che dominano il nord e gli Yao anch essi stanziati nel sud. La popolazione del Malawi è per la maggior parte di religione cristiana, questo per via delle chiese protestanti fondate alla fine del XIX secolo dai missionari, vi sono poi anche numerosi musulmani, situati prevalentemente nel nord del paese in particolare lungo il Lago Malawi, tuttavia molti abitanti continuano a mantenere il proprio credo originario di animisti tradizionali. Il funerale rappresenta nella cultura Chewa l ultimo atto dell esistenza umana e sancisce il ritorno dello spirito nell aldilà e divenire così un antenato per poter vegliare sui propri discendenti. Il morente solitamente manifesta una incredibile calma esteriore, come una sorta di sottomissione al proprio destino, l intero villaggio si raccoglie intorno alla sua capanna, mentre al suo interno i parenti silenziosamente lo assistono, confortano e incoraggiano. La madre o la sorella maggiore del moribondo si siede dietro di esso e appoggia il suo capo sopra il proprio grembo, questo gesto simboleggia il ciclo della vita, infatti, così come dal grembo di una donna è venuto al mondo sempre attraverso di esso lo abbandonerà. Sopraggiunta la morte iniziano i lamenti e le urla, le donne escono I Riti fuori dalla capanna ed esternano il proprio dolore scoprendosi i seni e gridando, la capanna si svuota e con il defunto rimangono solo gli uomini se si tratta di un uomo e viceversa se si tratta di una donna. Viene scavato un buco nel pavimento per incanalare l acqua che servirà per lavare il corpo, gli Yao invece, seguendo il rito musulmano, oltre a lavaggio, comprimono l addome per purificare gli intestini del defunto da ogni impurità. Successivamente, a seconda della tribù, viene avvolto in un lenzuolo, lasciato nudo oppure vestito con i suoi abiti migliori, per poi essere adagiato su di una stuoia, posizionando la testa il più possibile vicina alla porta d ingresso. Al momento della tumulazione, il corpo viene avvolto nella stuoia stessa o collocato all interno di una cassa e trasportato fino al cimitero, il viaggio del feretro è solitamente accompagnato da una processione, questa, anticamente, veniva preceduta dal capofamiglia che dopo aver cosparso la bara, segnava la strada fino al cimitero con della farina, questo assicurava il defunto sul fatto che non gli fosse mai stato negato il cibo. Prima di essere collocato nella fossa precedentemente preparata, verranno eseguiti dei balli con

20 delle maschere per simboleggiare il dolore della perdita, ed anche dopo, una volta avvenuta la sepoltura, alcune ragazze balleranno attorno per ricevere la benedizione della fertilità attraverso l anima del defunto. Accanto al corpo vengono collocati i suoi arnesi da lavoro, un po di cibo, e se era un guerriero l arco e la lancia spezzata, in seguito verrà poi murato con il fango e tutti i presenti contribuiranno a riempire la fossa con manciate di terra. Il giorno dopo il luogo della sepoltura verrà recintato per contenere lo spirito del defunto, questo, che ha la forma di una casa, gli impedirà di tornare nella sua vecchia casa, sistemandosi così nel cimitero. Dopo il seppellimento, una volta tornati al villaggio, si procede alla purificazione rituale attraverso la rasatura dei capelli dei parenti del defunto e si partecipa al pranzo funebre. Coloro che non hanno legami di parentela stretti con chi è venuto a mancare, potranno proseguire normalmente la propria vita, al contrario dei parenti che dovranno invece osservare per tre mesi un periodo di lutto stretto. La capanna del defunto verrà demolita e, per i parenti (moglie, figli, etc.) che magari vivevano con lui ne sarà costruita un altra. Se dopo tre mesi, il cumulo di terra che aveva seppellito il defunto, è sprofondato leggermente, sarà il segno che la trasformazione del corpo è stata completata e che si può procedere alla seconda parte dei riti funebri. Le donne intonano nuovamente le lamentele, e viene ripetuta la cerimonia di rasatura dei famigliari, dopo la cerimonia ci sarà il banchetto funebre, con birra e balli. Trascorsi nove mesi, vi sarà una nuova cerimonia per segnare la fine del lutto per la moglie (che ora potrà risposarsi) o per i parenti rimasti che portavano il lutto. Questa cerimonia è molto importante poiché l anima del defunto viene richiamata perché possa tornare nella comunità come entità libera e benevola. BUSTO ARSIZIO Via Marco Polo 14 e di fronte all obitorio MODULISTICA SCARICABILE ON LINE ALLA SEZIONE AREA IMPRESE 38 39

21 40 41

22 42 43

23 44 45

24 46 47

25 The Irish Wake come gli irlandesi celebrano la dipartita dei propri cari Dott. Antonio Fiori Tradizioni Il termine wake indica la veglia che viene fatta ad una persona defunta, più precisamente, il periodo di tempo che intercorre dalla morte dell individuo fino al suo trasporto in chiesa per le esequie. Insieme al keen la lamentazione funebre ritualizzata, era una tradizione assai viva fino agli inizi del 900; andate man mano scomparendo, resistono solo in determinate aree rurali e nelle isole

26 Secondo un antica credenza celtica, quando una persona muore, la sua anima si trasferisce nell aldilà passando ad un esistenza migliore, e proprio questa convinzione che la morte sia in realtà un momento positivo, durante il quale bisogna festeggiare e non piangere, sta alla base del wake. In origine la veglia si effettuava principalmente per assicurarsi che la persona fosse effettivamente deceduta prima della sepoltura, l usanza si è poi evoluta nel corso degli anni divenendo una consuetudine per l addio formale al defunto. Nella veglia irlandese viene celebrata la vita di colui che è venuto a mancare. Oltre ai parenti, anche vicini, amici e conoscenti vari si recano in casa di quest ultimo e vi si riuniscono per diversi giorni, mangiano e bevono tutti insieme, mentre raccontano storie per ricordare il defunto. Solitamente sono le donne che rimangono dentro casa, soprattutto in cucina, mentre gli uomini si riuniscono fuori dall abitazione. Si tratta di una delle tradizioni più famose al mondo che trova riscontri equivalenti anche in altre culture, secondo alcuni la sua diffusione risale a centinaia di anni fa, più precisamente durante il diffondersi di focolai di avvelenamento da piombo, le persone colpite infatti, entravano in uno stato catatonico e capitava così che la gente si riunisse attorno ad esse per vegliarle. Altri sostengono che questa tradizione si sia formata sotto il dominio inglese, pare che Elisabetta I avesse vietato la celebrazione dei riti cattolici, ma ben presto questa imposizione si scontrò con le radicate tradizioni degli irlandesi, questi ultimi infatti, non solo rifiutarono di adeguarsi agli ordini degli invasori, anzi, per conservare la propria identità culturale e religiosa, enfatizzarono ancora di più le loro antiche tradizioni che tra l altro avevano origini pre-cristiane, le messe si svolgevano all aperto e la sepoltura altro non era che l ultimo atto di complessi riti che iniziavano per l appunto con la veglia funebre. Una volta sopraggiunta la morte, gli amici e i familiari si occupano di lavare e vestire il corpo in modo che poi possa essere visto dalle altre persone che parteciperanno alla veglia. Anticamente quando si trattava di un uomo, questo veniva vestito di bianco e se aveva la barba non gli veniva rasata. Al giorno d oggi viene vestito con il suo abito migliore ed intorno alle sue mani viene avvolto un rosario. La finestra più vicina al corpo, viene lasciata aperta per due ore dopo che il corpo è stato pulito e vestito, questo consentirà allo spirito di uscire dalla casa, in caso contrario l anima potrebbe restare bloccata nella casa, e questo potrebbe attirare la sfortuna su di essa. Tutti gli orologi nella casa vengono fermati e gli specchi coperti, le donne della famiglia si occupano del lamento funebre ed eseguono dei canti tradizionali. Altre attività come mangiare, bere, pregare e persino ballare, sono comuni durante la veglia irlandese, oltre, ovviamente, ricordare il defunto. Il wake è soprattutto un momento per rafforzare l unione della famiglia e i legami con la comunità, traendone conforto. Il luogo migliore in cui solitamente dovrebbe svolgersi la veglia è sempre stata la casa del defunto o quella di un suo parente o amico, anche se oggi sempre più spesso vengono scelte le sale messe a disposizione dalle agenzie funebri. La veglia durerà fino a quando anche l ultimo ospite non avrà visto il defunto, a questo punto potrà essere sancito il suo ingresso nell aldilà e si potrà procedere al funerale, dopo il quale tutti gli ospiti torneranno nella casa dove era stata effettuata la veglia e qui concludere le celebrazioni

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 1 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 08/01/2008 alle ore 09.30. In seguito ad inviti si è riunita nell apposita sala della

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA

GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Libretto Servizi Funebri 21-03-2007 11:26 Pagina 1 1955 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO GUIDA AI SERVIZI FUNERARI IN LOMBARDIA Programma generale di intervento

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 240 Presentata dai Consiglieri Ciani, Ciriani, Di Natale,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a 1 Un occasione in più È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a continuare a scegliere Scrigno del

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

AGEC E I CLIENTI DELLA GESTIONE FUNERARIA: TRASPORTI E ONORANZE

AGEC E I CLIENTI DELLA GESTIONE FUNERARIA: TRASPORTI E ONORANZE Agec e i clienti della gestione funeraria AGEC E I CLIENTI DELLA GESTIONE FUNERARIA: TRASPORTI E ONORANZE 218 la relazione sociale > agec e i clienti della gestione funeraria LINEE POLITICHE E OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente

Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente Comune di Caraglio Regolamento comunale di polizia mortuaria Il Presente regolamento di polizia mortuaria sostituisce integralmente il precedente regolamento approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO

REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Regione Lazio Provincia di Rieti COMUNE di BORGOROSE REALIZZAZIONE COMPLESSO COSTITUITO DA IMPIANTO DI CREMAZIONE E SALA DEL COMMIATO Realizzazione con il sistema del promotore art. 153 e seguenti del

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DELLE STRUTTURE CIMITERIALI CIMITERI Gli uffici amministrativi si trovano presso il Cimitero S. Michele, in Piazza dei Castellani. Orari di apertura al pubblico uffici amministrativi: Mattino: dal lunedì al venerdì: 08:00-11:30 Pomeriggio:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino)

Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) Comune di Piobesi Torinese (Provincia di Torino) DOCUMENTO SPECIFICAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO CREMATORIO Contratto di concessione per la progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi

Carta. Servizi. dei. L Azienda. Principi fondamentali. Standard qualitativi Carta dei Servizi L Azienda Principi fondamentali Standard qualitativi PERCHÉ UNA CARTA DEI SERVIZI AMSEF s.r.l. onoranze funebri è Azienda multiservizi leader a livello nazionale nel settore con una

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria

Comune di Prazzo Provincia di Cuneo. Regolamento comunale di polizia mortuaria Comune di Prazzo Provincia di Cuneo Regolamento comunale di polizia mortuaria Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 31/05/2012 1 Il presente Regolamento di polizia mortuaria sostituisce

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

L ALBUM STAGIONE 2014/2015

L ALBUM STAGIONE 2014/2015 L ALBUM STAGIONE 2014/2015 L Album è il sogno di ogni bambino Il Pre s i d e n t e E n r i c o Z u c c h i : «D i a m o v a l o re a l l a p a s s i o n e» L A.C. Crema 1908 vuole dar forma a un sogno:

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI.

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. Vita di Squadra Milano Comunicato Settimanale dedicato agli operatori U.P.G. S.P. N 04 del 21 Maggio 2013 NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. E da tanti, troppi anni che il personale operativo attende le nuove

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CIMITERI

REGOLAMENTO SUI CIMITERI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUI CIMITERI Regolamento sui cimiteri Pagina 1 di 11 Indice I. NORME GENERALI...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Oggetto...4 Art. 3 Competenza...4 Art.

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

In questo numero: Cari sostenitori,

In questo numero: Cari sostenitori, News letter di Agiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini in Kosovo Cari sostenitori, In questo numero: APERTO IL PRIMO PAN DI ZUCCHERO DI AiBi ALL ESTERO I GIOVANI DI FUSHE KOSOVO PARLANO DI... GIOCHIAMO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli