CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO"

Transcript

1 CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO Fotografia di scavo della capanna Il sito più antico finora ritrovato nell Oltrepò Pavese è quello di Cecima, situato su un terrazzo del torrente Staffora. In seguito allo scavo del 1982 questo insediamento ha restituito materiale ceramico che trova stringenti confronti con le ceramiche del Vho di Piadena (CR). Le genti portatrici di questa cultura devono quindi aver risalito il corso del Po e poi quello dello Staffora alla ricerca di nuovi territori da colonizzare e forse attirati dalla presenza di un giacimento di pietra verde da sfruttare per la costruzione di accette, indispensabili per disboscare e rendere i terreni abitabili e coltivabili. A Cecima doveva abitare un solo nucleo familiare. Della capanna di Cecima restava soltanto una buca a forma di rene che probabilmente costituiva una specie di sottostruttura di bonifica per il drenaggio dell acqua di infiltrazione. Su tale buca doveva poggiare il pavimento della capanna, costituita da tronchi coperti di terra; nel lato sud della capanna vi era un ampio focolare. Dai carboni di questo focolare, tramite l analisi del Carbonio 14, si è ottenuta la data di 3980±130 anni a.c.

2 GODIASCO, LOCALITÀ MONTE ALFEO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO Il monte Alfeo Nel 1993 la Soprintendenza Archeologica della Lombardia ha condotto uno scavo in un sito in cui numerose ricerche di superficie avevano permesso di recuperare abbondanti esemplari di industria litica databile al Neolitico Antico (IV millennio a.c.). Si mise alla luce un fondo di capanna che misurava m 4.40x4 con una profondità massima di m 1.90 dal piano attuale. La ceramica era piuttosto scarsa e in condizioni non buone. Si è ricostruita comunque parte di una grande scodella. Le analisi effettuate sull ossidiana ne hanno stabilito la provenienza dal Monte Arci in Sardegna: la sua presenza testimonia, quindi, l avvenuto contatto e scambio, probabilmente, con i Neolitici della costa ligure, dove l ossidiana approdò per prima. La selce proviene dalle zone alpine, mentre non è ancora accertata la provenienza del quarzo jalino. Asce in pietra verde Una piccola accetta, un percussore e scarti di lavorazione di pietra verde documentano come ci fosse una relazione tra questo insediamento e la vicina officina di Rivanazzano. La perizia nella lavorazione della pietra è dimostrata dal rinvenimento di piccolissime perline in steatite, che, come dimostra una lastrina in corso di lavorazione, venivano prodotte in casa. Ciondolo in steatite

3 RIVANAZZANO: SITO NEOLITICO DI PRODUZIONE DELLA PIETRA VERDE A Rivanazzano, durante varie ricerche di superficie condotte su un terrazzo sulla riva sinistra del torrente Staffora, si sono raccolte varie centinaia di ciottoli fluviali a diversi stadi di lavorazione che documentano come in quella zona esistesse una officina per la produzione di asce-accette in pietra verde. Questo offre la possibilità di studiare l aspetto tecnologico di produzione, a partire dal ciottolo grezzo che presentava già una forma naturale asciforme, che veniva poi successivamente sbozzato tramite scheggiatura e parzialmente rifinito mediante una martellinatura operata con ciottoli-percussori rotondi. La rifinitura finale, cioè la levigatura delle superfici o almeno del tagliente non è rappresentata: evidentemente i prodotti finiti erano poi commercializzati e non si trovano tra il materiale di scarto di lavorazione. La materia prima era costituita sia Raccolta e lavorazione della pietra verde Immagini da Alla conquista dell Appennino. Le prime comunità delle valli Curone, Grue e Ossola, a cura di M. Venturino Gambari; pp da rocce verdi di tipo duro, come l eclogite, sia più tenere come le serpentiniti. Sembra provenire dal bacino idrografico dello Staffora. È probabile che gli insediamenti neolitici di Cecima e di Godiasco in Valle Staffora e di Brignano Frascata in Val Curone fossero in relazione con lo sfruttamento di questo giacimento di pietra verde. Invece i prodotti finiti sono stati esportati in un area più vasta: si sono infatti trovate accette a Casteggio, Salice Terme, Varzi, Montù Beccarla, Pietra de Giorgi, Montesegale. Torrente Staffora

4 VOGHERA, LOCALITÀ MEDASSINO: SEPOLTURA ENEOLITICA Ipotetica ricostruzione di cerimonia funebre preistorica L Eneolitico, o età del Rame, in Lombardia è caratterizzato in gran parte dalla cultura di Remedello che prende il nome dal sito omonimo della pianura sud orientale, dove, alla fine dell Ottocento venne alla luce un sepolcreto con 124 tombe di inumati, rannicchiati su un fianco e accompagnati da un corredo funebre cioè da una serie di oggetti posti vicino ai defunti: lame di pugnale e punte di freccia in selce, asce in pietra, perle e bottoni in osso. Nel 1978 a Voghera, località Medassino, alcuni operai rinvennero in un cantiere edile i resti di tre scheletri umani, posti sul fianco sinistro e una lama di pugnale in selce indubbiamente confrontabile con quelle della necropoli di Remedello. Le ossa appartenevano a un uomo e a una donna, entrambi di circa 30 anni, e a un altra donna deceduta in età più avanzata. Non si hanno ulteriori dati sulla struttura della tomba e anche la posizione di uno degli scheletri, qui esposto, è stata arbitrariamente ricostruita per analogia con quanto noto circa le usanze funerarie della cultura di Remedello. Si propone per essi una datazione generica tra il 2500 e il 2000 a.c.

5 VERRETTO, LOCALITÀ CAVA FRATELLI BIANCHI: INSEDIAMENTO DEL BRONZO ANTICO Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo ricostruzione di uno spaccato di capanna dell età del bronzo I lavori in una cava nei pressi di Verretto hanno messo in luce (1983) un deposito archeologico intagliato nelle argille sterili di alluvione del torrente Coppa a oltre 10 metri di profondità: in tale deposito si sovrapponevano tre strati differenti per colore e composizione, di pochi centimetri di spessore. I primi due strati, per l intenso colore rossastro, sembravano distrutti da un incendio, mentre il terzo strato aveva un colore nerastro. Lo scavo ha restituito materiale appartenente alla prima età del Bronzo, caratterizzato da vasi a forma di boccale, di tronco di cono, ornati da cordoni lisci. Gli strati appartenevano probabilmente a una capanna anche se i confronti con le strutture di questo periodo non sembrano calzanti: gli uomini dell età del Bronzo, infatti, abitavano preferibilmente su palafitte poste in zone umide, mentre il terreno di Verretto non sembra suggerire la necessità di questo tipo di intervento. Si trattava quindi forse di una capanna assai simile a quella neolitica di Cecima. Riproduzione di una palafitta dell età del Bronzo a Molina di Ledro

6 ZAVATTARELLO: SITO DELL ETÀ DEL BRONZO E DEL FERRO La collina di Zavattarello con il castello Dal Verme I materiali di Zavattarello provengono da uno strato di terreno carbonioso, lungo diversi metri, che venne alla luce nel 1990 in seguito al crollo del muretto di contenimento di un tornante della strada che porta al castello Dal Verme. Si poté operare solo un recupero di quanto affiorava sulla sezione di quello strato. Pur se non è sempre possibile attribuire a specifiche caratteristiche di un abitato quanto è stato ritrovato, è comunque certo che la sommità della collina fu frequentata nell età del Bronzo Medio Recente (XIV-XIII sec.a.c.) e rioccupato nell età del Ferro (dal VI al III sec.a.c.). Per l età del Bronzo Medio-Recente sono presenti frammenti di vasi con decorazioni e anse tipiche di quel periodo, vasi colatoi, una statuina a forma di animale e uno spillone. La fase finale della prima età del Ferro (fine VI-V secolo a.c.) è rappresentata da materiale di tipo golasecchiano: coppe a stralucido, un vasetto situliforme, e fibule di diverso tipo. Infine vi sono frammenti ceramici databili alla seconda età del Ferro (IV-III sec.a.c.) che trovano confronti con materiali di tipo sia ligure sia insubre: ollette con decorazione a tacche poste a zig-zag, coppe troncoconiche con piede decorato, olle dal lungo collo svasato. La vicinanza con l analogo sito di Valverde, in una posizione strategica che consentiva il controllo delle vie di traffico, è una ulteriore conferma del ruolo attivo ma guardingo che gli abitanti dell Oltrepò Pavese ebbero nei commerci pre-protostorici che collegavano la Liguria, il piacentino e l alessandrino con le idrovie del Po e del Ticino.

7 PONTE NIZZA, LOCALITÀ GUARDAMONTE Una immagine degli scavi recenti a Guardamonte condotti dall Università degli Studi di Milano Il sito di Guardamonte si trova sulla sommità del Monte Vallassa dove corre attualmente un tratto del confine tra Lombardia e Piemonte ed è posto in posizione strategica tra le valli dei torrenti Staffora e Curone. Negli anni Cinquanta la Soprintendenza Archeologica del Piemonte vi condusse degli scavi, considerando piemontesi anche strutture in realtà poste sul suolo lombardo. I reperti qui esposti provengono da occasionali ricerche effettuate da Alfredo Lentini. Attualmente sono in corso nuove campagne di scavo da parte dell Università Statale di Milano e i materiali risultanti sono in questo museo. Il sito sembra essere stato sporadicamente frequentato dal Neolitico e nell età del Bronzo. Nell età del Ferro fu sede di un castelliere. Vi si sono ritrovati frammenti di bucchero etrusco e resti della cultura di Golasecca che testimoniano come, nel VI- V secolo a.c., il Guardamonte fosse un centro di smistamento delle merci che dall Etruria Padana e dall emporio di Genova raggiungevano, anche attraverso le minori valli fluviali, il corso del Ticino e i siti d Oltralpe. In epoca gallica (III sec.a.c.) il sito fu fortificato. Sporadici frammenti di età romana documentano una sua frequentazione fino al I-II secolo d.c. Il sito del Guardamonte

8 VALVERDE: SITO DELL ETÀ DEL FERRO La più recente scoperta (1997) nell Oltrepò Pavese si riferisce a materiali recuperati fortuitamente a Valverde, al bordo di una spianata su cui sorge la chiesa, sottostante le rovine del Castello Verde. Malgrado le condizioni del ritrovamento non siano ben chiare (pare che tutto il materiale esposto, oltre a numerosi frammenti meno significativi fosse contenuto in una buca di un metro di diametro per altrettanto di profondità), le ceramiche testimoniano una occupazione del sito tra il VI e il III secolo a.c. Sono infatti presenti frammenti a stralucido e un bicchiere con la forma tipica di VI-V sec. a.c. I rinvenimenti più importanti sono però costituiti da una serie di vasi di ottima qualità databili al IV-III sec.a.c. che trovano confronti con esemplari presenti nelle tombe celtiche della necropoli di Garlasco in Lomellina, con materiali liguri e con materiali celtici di Marzabotto. Un piccolo saggio di scavo, eseguito nei pressi della buca, non ha purtroppo fornito informazioni più chiare. Resta comunque importante il significato di questo ritrovamento che conferma quanto già intravisto a Zavattarello e cioè che non solo il castelliere di Guardamonte ha conservato testimonianze di insediamento dell età del Ferro, ma che probabilmente anche diverse altre alture dell Oltrepò furono siti abitati, da cui si potevano dominare le vie di traffico restando prudentemente al riparo, in tempi evidentemente non del tutto pacifici. Panorama di Valverde

9 VERRETTO, LOCALITÀ CAVA FRATELLI BIANCHI: ELEMENTI DI CORREDO DA SEPOLTURE DELLA PRIMA ETÀ DEL FERRO A Verretto, località cava fratelli Bianchi, vennero recuperati i corredi di almeno tre tombe della prima età del Ferro (prima metà del VI sec.a.c.). Il numero delle sepolture si può dedurre da quello delle ciotole coperchio usate per coprire altrettante olle cinerarie in ceramica comune. Non si sa nulla della tipologia delle tombe di Verretto: in genere in epoca golasecchiana i resti della cremazione erano posti in olle con coperchio e quindi in tombe a fossa. Si tratta di un ritrovamento importante che documenta la presenza di rapporti con genti di tradizione golasecchiana nell Oltrepò Pavese, già indiziata da vecchie scoperte e confermato da quelle più recenti (Verretto, Zavattarello e Guardamonte). Lo studio della ceramica ha rivelato stretti rapporti con prodotti analoghi di ambito ligure. Le fibule in bronzo sono del tipo a sanguisuga e ad arco serpeggiante, talora con disco fermapieghe. Cerimonia funebre golasecchiana Il rito funerario prevalente era quello dell incinerazione, soprattutto nella forma indiretta: il cadavere veniva portato sulla pira e quindi cremato. I suoi resti erano raccolti nell urna cineraria, coperta da una ciotola. Nelle tombe femminili si trovano in genere fusaiole, fibule a sanguisuga e dischi fermapieghe, quelle maschili si differenziano per la presenza di fibule ad arco serpeggiante e servizi per la toilette personale.

10 LE TOMBE ROMANE DI CASTELLETTO DI BRANDUZZO Vassoi in vetro fuso in stampo (Castelletto di Branduzzo, tomba 1) Molte tombe di età romana sono state rinvenute, in momenti diversi, in comune di Castelletto di Branduzzo, specialmente nel corso delle escavazioni di argilla nelle numerose cave che costellano il territorio. I rinvenimenti più considerevoli sono localizzati nell area della vasta cava d argilla intorno alla cascina Bronzina (cava ex Gallotti, ora Branduzzo Laterizi). Qui, già negli anni Sessanta-Settanta, un gruppo di appassionati, seguendo le escavazioni, aveva individuato e recuperato un consistente nucleo di sepolture a cremazione e a inumazione dotate di pregevoli corredi, in cui spiccavano particolarmente bellissimi vetri. Purtroppo non si è più in grado di ricostruire molti aspetti del rito funerario, come le tipologie tombali e la composizione dei corredi. I materiali conservati sono cronologicamente collocabili fra il I e il II secolo d.c.. Quanto alle tipologie sepolcrali sembrano prevalenti le incinerazioni in nuda terra, ma risultano documentate anche le cremazioni in cassa di laterizi, con nicchie per la deposizione del corredo, che frequentemente ricorrono a Casteggio e nel territorio circostante (Redavalle). Un piccolo gruppo di tombe a incinerazione, con un solo esempio di inumazione destinata a un bambino, venne ritrovato nel 1989, sempre a seguito di escavazioni della cava. In questo caso i corredi, databili al I secolo d.c., erano più modesti e per lo più composti da materiale ceramico. La struttura prevalente era quella a cassa di tegole. Vennero rinvenute anche le tracce di un ustrino. Un altro nucleo di tombe fu messo in luce nel 1994 a non molta distanza (circa 70m.) da una villa rustica di età imperiale, da cui era separato da un antico corso d acqua. I corredi sono di scarsissima entità e gli oggetti poco significativi ai fini di una precisazione cronologica. La frequentazione dell area sembra comunque databile dal I secolo d.c. all età tardoantica. Le tipologie tombali sono varie: un inumazione di un adulto in cassa lignea, presumibilmente tardoantica, un inumazione di neonato posto tra due coppi, un incinerazione in cassetta di laterizi con copertura alla cappuccina, tre cremazioni in fossa in nuda terra e un incinerazione in cassa di laterizi, purtroppo molto danneggiata. Le cremazioni sono tutte indirette; in vicinanza delle tombe è stata individuata un ampia zona di ustrino, costituita da uno strato di terreno nerastro con molti frammenti di carboni e di ossa combuste. Altre sepolture sono state rinvenute, negli anni Sessanta-Settanta, in località Bassini, Fornace Candiani e cascina Cantausignolo: di esse purtroppo resta scarsissima documentazione, ma alcuni dei materiali conservati, come i vetri sono veramente notevoli.

11 LA NECROPOLI ROMANA DI REDAVALLE L esistenza di una grande necropoli di età romana in località Vigne Gagnolate, nel territorio di Redavalle, fu segnalata già nel da Giovanni Patroni, in seguito al rinvenimento di numerose tombe. Molti anni dopo, nel 1984, vennero scavate, negli stessi terreni, altre sepolture, in parte già danneggiate dagli scassi profondi operati dall impianto di un vigneto e dagli smottamenti del suolo. Le tombe, a cremazione (sempre indiretta) e a inumazione, in prevalenza databili fra il I e il II secolo d.c., ma con tracce di frequentazione fino al tardoantico, presentano tipologie strutturali diversificate. Per quanto riguarda il rito della cremazione, accanto alle semplici deposizioni delle ceneri e del corredo in una fossa in nuda terra, compaiono le casse formate da tegole, con copertura piana, e le più complesse casse costruite in laterizi legati da malta con copertura a mattoni sovrapposti in modo scalare, che presentano nelle pareti interne una o due nicchie per la deposizione del corredo. Quest ultimo tipo di struttura ha ampia diffusione a Casteggio (area Pleba, via Torino, fornace Locatelli) e nelle località limitrofe (Castelletto di Branduzzo). Fra le sepolture a inumazione, oltre alle deposizioni di scheletri in fosse in nuda terra, si sono evidenziate tombe alla cappuccina, a cassa di tegole (anche con due scheletri) e un caso di fossa comune delimitata da un muretto di laterizi frammentari, priva di copertura. Si è riscontrato anche il fenomeno del riutilizzo di una tomba più antica, a cremazione, per una nuova sepoltura, a inumazione, che ha probabilmente comportato anche la parziale asportazione del corredo associato alla prima deposizione (tomba 27). Tutte le incinerazioni in cassa di laterizi e una fossa in nuda terra presentavano un vaso, in prevalenza un anfora, collocato all esterno della tomba: il recipiente costituiva certamente un segnacolo, ma era utilizzato anche come contenitore per le offerte funebri, poiché in alcuni casi recava all interno resti di ossa di volatile. Per alcuni esemplari la foratura del fondo ne attesta, inoltre, la funzione di condotto per le profusiones di liquidi e profumi versati sulla tomba. Si tratta di una testimonianza delle cerimonie funebri che si svolgevano, in particolari ricorrenze, nell area cimiteriale, secondo consuetudini largamente attestate nella civiltà romana. I corredi sono generalmente modesti o di media entità. La necropoli era certamente collegata a un insediamento, che doveva sorgere lungo il tracciato della via Postumia, ma finora non sono stati trovati elementi per identificarne la posizione né, tanto meno, la denominazione antica.

12 L AREA CIMITERIALE ROMANA DI VIA TORINO A CASTEGGIO Nel 1974, durante alcuni lavori edilizi, in via Torino - condominio del Console (ex proprietà Cignoli) -, furono rinvenute due tombe romane a inumazione, databili tra la fine del I e gli inizi del II secolo d.c. Una sepoltura era una semplice deposizione in cassa di laterizi, l altra era suddivisa in due parti, con nicchie interne per il corredo e copertura alla cappuccina. I materiali rinvenuti all esterno delle tombe rivelano una continuità di utilizzo del sito fino al IV secolo d.c. Nel 1987, in occasione dei lavori di costruzione della Banca Popolare di Milano, uno scavo condotto dalla Soprintendenza Archeologica della Lombardia, portò all individuazione di un più vasto cimitero (Area Pleba, Via Torino). Furono scavate 33 tombe, con ricchi corredi. La necropoli era stata utilizzata per un arco cronologico compreso tra la metà del II secolo d.c. e il IV secolo d.c. Nel I secolo l area aveva avuto utilizzo agricolo. A un primo gruppo di sepolture (seconda metà del II secolo d.c.) sono assegnabili diciotto tombe di cui quindici a inumazione e tre a cremazione; al secondo (III-IV secolo d.c.) altre quindici deposizioni, otto a inumazione e sette a incinerazione. Sono documentati tre tipi di inumazione: in fossa in nuda terra, in fossa in nuda terra con copertura alla cappuccina, in cassa di laterizi. Altrettanti i tipi di incinerazione riscontrati: in anfora, in cassoni di laterizi con nicchie laterali e coperture di embrici sovrapposti e in nuda terra, con corredo e ceneri del defunto deposti entro cassette in legno. In alcuni casi sono stati evidenziati segnacoli funerari e tracce di cerimonie funebri, quali libagioni ai defunti, effettuate tramite canalette formate da coppi o anfore segate. I corredi più ricchi accompagnavano in genere le cremazioni, soprattutto nella fase più tarda. La presenza, nelle tombe, di prodotti di un certo pregio, talora persino di importazione, è un segnale della floridezza di Casteggio e della sua apertura ai commerci, in un momento in cui, nel resto dell Italia settentrionale, si riscontra un calo economico pressoché generalizzato. Gli studi condotti sulle ossa di alcuni defunti della necropoli dell area Pleba a Casteggio hanno inoltre evidenziato che gli abitanti della zona si nutrivano bene. Piuttosto, un dato curioso, rilevato da queste indagini, è stato l esercizio di pratiche violenta (una donna è stata trovata priva della testa, un uomo recava sul cranio segni evidenti di una ferita con un arma contundente). I due rinvenimenti di via Torino dovevano fare parte di un unica vasta area funeraria, comprendente venticinque sepolture di I-II secolo d.c. ritrovate nel 1872 in viale Giulietti. Planimetria dello scavo dell area Pleba di Casteggio

13 IL COMPLESSO ABITATIVO DI CASTEGGIO, AREA QUAGLINI Immagine di scavo dell area Quaglini di Casteggio Nel 1992, a seguito di lavori edili, venne esplorata, in via Torino, una zona dell abitato antico di Casteggio. I resti, che si trovavano sotto un deposito di argilla alluvionale spesso più di 3 metri, sono riferibili a un complesso edilizio, a carattere prevalentemente residenziale, che, con varie fasi di occupazione, interessa un lungo arco cronologico, dalla fine del I secolo a.c. alla fine del V secolo d.c. Non è da escludere, però, una frequentazione precedente (forse più sporadica e comunque non definibile), databile intorno alla fine del II-inizi I secolo a.c., sulla base della presenza di materiale di risulta di tipo celtico. Dopo la distruzione dell abitato, a causa di violente esondazioni dei torrenti locali, l area viene riutilizzata per sepolture isolate in epoca altomedievale. Gli edifici occupano uno spazio che nell antichità era delimitato a nord dalla zona di necropoli e a sud dall antico alveo del torrente Coppa. Lo scavo, ha rivelato una complessa stratigrafia. Le condizioni delle abitazioni erano purtroppo pessime. Nelle fondazioni nello zoccolo dei muri prevale l uso dei laterizi, talora con commistione di ciottoli; il legante è principalmente l argilla, molto meno frequente la malta, in genere di scarsa qualità. L alzato vero e proprio era certamente in argilla con intelaiature e tramezzi lignei rivestiti di intonaco dipinto. Il materiale trovato nello scavo è invece spesso di gran pregio. L arredo domestico comprendeva, infatti, oltre all abbondante vasellame in ceramica e agli strumenti metallici, anche oggetti decorativi in marmo e in bronzo, indici di un tenore di vita piuttosto elevato. Particolarmente abbondante l oggettistica in bronzo: si segnalano le statuette di Mercurio e di Giove e i numerosi elementi decorativi di mobili o di oggetti d arredamento. Di notevole rilievo una testina celtica (forse decorazione di una spada o di un coltello), rinvenuta, insieme ad alcune fibule dello stesso periodo in uno strato di livellamento delle prime fasi, probabilmente in deposizione secondaria: si tratta di un pezzo di grande importanza.

14 LE VILLE RUSTICHE DELL OLTREPÒ PAVESE Numerose sono le ville rustiche individuate o individuabili nel territorio dell Oltrepò Pavese. Alcune sono state parzialmente esplorate negli ultimi anni: le meglio conosciute sono quelle di Castelletto di Branduzzo e Rovescala. L edificio di Castelletto di Branduzzo (cascina Bronzina), è circondato da muri perimetrali muniti di contrafforti, posti a intervalli regolari, ed è articolato all interno in vani di forma quadrangolare (per quanto è dato di vedere nella parte esplorata). Ha avuto più fasi di costruzione, in un periodo che va dal I al IV secolo d.c. I muri sono stati rinvenuti a livello di fondazione; i pavimenti sono costituiti da battuti d argilla, ma sono stati riscontrati anche resti di cocciopesto decorato (con tessere di mosaico disposte a crocette), distrutto già in antico. All esterno del perimetro dell edificio è stata constatata la presenza di aree di lavorazione ( forni scavati nella terra). Alla costruzione era collegata una zona sepolcrale, separata nell antichità da un corso d acqua. La villa di Rovescala, collocata in posizione panoramica sulla cima di un altura, è di dimensioni notevoli e ha avuto anch essa un lungo periodo di frequentazione (I-IV secolo d.c.). Al suo interno sono stati identificati al momento dieci vani di diverse dimensioni. E nettamente distinguibile la parte rustica, posta a meridione, con murature dalla tecnica poco accurata e pavimentazioni costituite da battuti, da quella urbana, posta sul lato nord, dotata di pavimenti durevoli (cocciopesto, battuti di malta, cocciopesto decorato a reticolo di rombi) e murature più accurate, originariamente rivestite di intonaco. Non sono conservati gli elevati, probabilmente costruiti in materiale deperibile. All esterno, sul lato ovest, è stata riconosciuta un area di cortile, pavimentato con battuto di ghiaino e frustali di laterizi, con tracce di utilizzo probabilmente produttivo. Un altra villa rustica sorgeva in località Sorino a Broni: da essa proviene il grande dolium, esempio di contenitore per derrate posto nei magazzini. Immagine di scavo della villa di Rovescala

15 EDIFICI RESIDENZIALI DI CASTEGGIO, VIA EMILIA-CORALLI Probabile drenaggio di anfore (scavo via Emilia-Coralli, Casteggio) Nel 1985 la costruzione di due palazzine tra la via Emilia e la via Coralli permise di evidenziare alcune strutture riferibili a edifici residenziali di età romana. L indagine archeologica, per esigenze di cantiere, venne limitata ad alcuni sondaggi stratigrafici. Furono individuati i resti di un edificio, di considerevoli dimensioni, di epoca tardoromana, databile al IV secolo d.c., che si sovrapponeva a un edificio precedente, di I-II secolo d.c. (che non è stato completamente indagato). La costruzione più antica doveva essere di tipo lussuoso, considerato il ritrovamento di resti di pavimentazioni musive (a decorazioni geometriche), purtroppo già distrutte, e di numerosi frammenti di intonaco dipinto a vivaci colori. Mattoni cilindrici per suspensurae e tubuli fittili, rinvenuti nel crollo, testimoniavano la presenza di impianti di riscaldamento. Gli intonaci, che hanno un notevole spessore, rivestivano certamente murature in argilla cruda, intervallate da pilastri in laterizi. Fra l abbondante materiale ceramico recuperato si segnalano particolarmente le anfore presenti in grande quantità e riferibili al I-II d.c. In una buca, probabilmente un drenaggio, furono rinvenuti diversi esemplari quasi integri: la maggior parte di essi, proveniva dalla zona adriatica, a testimonianza della vitalità dei commerci a Casteggio. Fra i reperti più notevoli spiccano per la loro rarità, nell ambito del territorio, il frammento di decorazione in stucco, con motivo a ovoli, e il frammento di una coppetta in vetro decorata a mola, che reca l immagine di un tempietto e un iscrizione lacunosa (IS). Curioso è invece il frammento di intonaco, di colore violaceo, su cui è graffito (evidentemente dopo la messa in opera) il volto di una figura, una sorta di piccolo diavolo. L aspetto più rilevante del ritrovamento è la testimonianza di una continuità di utilizzo dell area urbana di Clastidium, con attività costruttive considerevoli, anche nel tardoantico, cioè in un periodo solitamente ritenuto di crisi e di impoverimento. Frammento di mosaico (scavo via Emilia-Coralli, Casteggio)

16 I RITROVAMENTI TARDOANTICHI IN OLTREPÒ Ritrovamenti isolati di epoca tardoantica sono stati effettuati nell Oltrepò Pavese sia alla fine del Novecento, sia in epoche più vicine alla nostra. Attestazioni di sepolture tardoantiche si hanno a Salice Terme, mentre da Rivanazzano proviene materiale di età longobarda, riferibile, pur con qualche incertezza, a un contesto funerario. Fra gli insediamenti isolati si segnala quello di Borgo Priolo, dove è stata messa in luce una necropoli con due livelli di occupazione, il primo dei quali era probabilmente collegato a strutture residenziali, presumibilmente di tipo rustico. Le tombe, anche plurime, erano prive di corredo. L impoverimento dei corredi e l utilizzo di una struttura per più deposizioni sono caratteri distintivi delle sepolture tardoantiche, che si accentueranno nelle successive epoche altomedievale e medievale. Significativa in questo senso è una tomba rinvenuta, nel 1968, a Castelletto di Branduzzo, località Bassini: una cassa formata da laterizi frammentari e disposti senza cura, con copertura alla cappuccina, conteneva quattro scheletri, due dei quali risultavano spostati e ammucchiati per far posto ai due successivi. Unici elementi di corredo un armilla bronzea, una fusaiola e alcuni vaghi di collana, probabilmente pertinenti a una sola deposizione, certamente quella di una donna. Per quanto riguarda il resto del territorio, gli indizi di insediamenti sparsi si ricavano dagli sporadici rinvenimenti di materiali tipicamente tardoantichi (come la terra sigillata chiara, la pietra ollare, l invetriata tarda) o di monete dell epoca, queste ultime singolarmente abbondanti, talora intenzionalmente occultate. Un importante ripostiglio monetale è quello di Oliva Gessi, composto da 542 monete, prevalentemente coniate nella zecca della vicina Ticinum, deposto nel primo ventennio del IV secolo all interno di una brocca bronzea: anche il contenitore metallico appartenente a una tipologia particolarmente diffusa in età tardoromana (Blechkannen), con una significativa concentrazione di esemplari proprio nell Oltrepò. La brocca di Voghera (III-IV sec.d.c.), proviene dalla necropoli della Fornace Servetti (scavata nel 1914) e precisamente da una tomba a cassa marmorea. L esemplare di Codevilla (III sec.d.c.), rinvenuto nel , è formato dall assemblaggio di più parti unite mediante ribattini. All interno, alla giunzione fra spalla e ventre, è presente una riparazione antica. Inoltre, si notano spesse incrostazioni calcaree, specialmente sul collo, che ne fanno supporre l impiego come contenitore d acqua calda. Per tutti e tre i pezzi è ipotizzabile la produzione in officine dell Italia settentrionale. Immagini dello scavo di Borgo Priolo

17 ELEMENTI ARCHITETTONICI DA BORGO PRIOLO I tredici pezzi esposti provengono dalla Chiesetta di S. Maria del Monte di Borgo Priolo (attualmente inglobata in un abitazione privata dove furono rinvenuti all inizio degli anni Ottanta durante lavori al campanile e alle parti civili confinanti). Essi sono tutti in arenaria, una roccia calcarea cavata nei colli dell Oltrepò, impiegata negli edifici romanici come pietra di rivestimento di murature in mattoni e per gli elementi decorativi. Nelle sculture di Borgo Priolo si riconoscono capitelli, parti di cornici, fregi o stipiti e un archivolto per finestra. La decorazione, non completata e solo in alcuni casi estesa all intera superficie a vista, è simile a quella impiegata nelle chiese pavesi tra XI e XII secolo: prevalgono nastri intrecciati a due o più capi, ripresi dalla tradizione altomedievale, tralci vegetali, foglie di palma e animali ( un leoncino nell atto di mordersi la coda sull archivolto). I motivi sono realizzati con accuratezza nella resa del dettaglio, che rimanda alle tecniche dell oreficeria e dell intaglio in avorio. Lo studio della chiesa (attualmente ancora in corso) non ha per ora consentito di stabilire la pertinenza originaria del materiale giunto al Museo. La frammentarietà e l incompletezza dell ornamento inducono a ipotizzare il recupero dei pezzi allo stato di non finito da un vicino cantiere e l utilizzo nella costruzione della chiesetta. La decorazione e la tecnica esecutiva avvicinano i frammenti di Borgo Priolo alla scultura architettonica pavese della prima metà del XII secolo, per esempio quella delle chiese di S. Pietro in Ciel d Oro, S. Michele Maggiore e S. Giovanni in Borgo. Disegno ricostruttivo di arco di monofora da S. Maria di Torre del Monte da Memoriola - Mormorala. Riscoperta di una pieve dell Oltrepò Pavese, a cura di S. Lusuardi Siena, p. 198, Varzi (PV), S. Michele Maggiore (PV) S. Pietro in Ciel d Oro (PV)

18 TOMBA (?) LONGOBARDA DA RIVANAZZANO Le notizie sul ritrovamento, effettuato a Rivanazzano, località Germana nel 1939, sono assai limitate. Non sono state fornite, nella scarna documentazione che accompagnava gli oggetti, indicazioni sul tipo di sepoltura, il che induce a pensare che i reperti siano stati trovati al di fuori della loro collocazione originaria. Dal punto di vista cronologico sono omogenei, essendo databili alla prima metà del VII sec.d.c.; questo dato potrebbe costituire una parziale conferma circa l appartenenza allo stesso contesto. Si tratta di un ritrovamento molto importante poiché consente di provare archeologicamente quanto si conosceva prima sull Oltrepò Pavese solo sulla base di alcuni toponimi. Presenze longobarde erano infatti supposte sulla base dei nomi dei torrenti Staffora e Bardonezza, delle località Martinasca e Garivalda, di Bosnasco e di Zavo. La prima metà del VII sec. è tra i momenti più dinamici dell espansione longobarda: anche il tortonese è, nello stesso periodo, interessato da insediamenti dell età di Agilulfo tra il VI e il VII secolo d.c. Problematica, come per tutti i ritrovamenti dello stesso tipo effettuati nel nord Italia, l appartenenza del materiale trovato: al popolo longobardo vero e proprio o a locali che ne avevano assunto usi e costumi. Tomba e corredo longobardi

19 LA FORNACE DI VOGHERA Planimetria della città di Voghera all inizio del XVIII sec. Tra la fine del 1980 e i primi mesi del 1981, durante i lavori di ristrutturazione di un edificio affacciato sull attuale piazza Vittorio Emanuele II, vennero rinvenute due fosse, di cui una colma di numerosi frammenti di ceramica tardomedievale relativi a una discarica di fornace, mentre l altra che conteneva, oltre a frammenti ceramici anche vetri, metalli, pietra ollare è stata identificata come discarica domestica. Mancano purtroppo testimonianze relative alla struttura che produceva questa ceramica, ma è probabile che non fosse molto distante dallo scarico dei pezzi malriusciti. Se così fosse la fornace si sarebbe trovata nel pieno centro cittadino, ovvero in una posizione insolita, poiché i forni erano di solito collocati in periferia per evitare incendi nell abitato. Tuttavia le numerose ordinanze, emesse appunto per sollecitare la localizzazione delle fornaci in periferia, potrebbero indicare che, nel costruirle, la tendenza fosse proprio contraria. I reperti consentono di datare la discarica al XV secolo. Trattandosi di residui di lavorazione essi possono fornire indicazioni principalmente sulle ceramiche prodotte e sugli errori di cottura e non sulla diffusione sul mercato delle varie classi ceramiche attestate. Resta da stabilire se gli scarti provengano da uno o da più vasai: i disegni sui piedi di gallo (i distanziatori da forno) potrebbero essere serviti a distinguere la produzione di diversi tornitori, che utilizzavano la stessa fornace. Poiché dall analisi dei censimenti fiscali del periodo emerge un alta concentrazione di vasai rispetto alla popolazione, che utilizzava anche stoviglie in legno, si pensa che la produzione di ceramiche di Voghera fosse destinata non solo al mercato locale, ma anche all esportazione. Fornace per la cottura della ceramica

20 MONETE DA VARIE COLLEZIONI DI CASTEGGIO BESTETTI BORELLA BRELLA CALLEGARI-GIULIETTI DI FAZIO Le monete esposte provengono da diverse collezioni private, donate in passato al comune di Casteggio. Alcune tra esse sono di epoca romana (donazione Di Fazio), la maggior parte sono da riferire all età romana imperiale (Bestetti, Borella, Brella, Callegari-Giulietti). Soltanto tre sono più tarde, della seconda metà del XV sec. d.c. e sono state emesse da Ferdinando I e Federico III di Aragona, in Italia Meridionale. Come la maggior parte del materiale di collezione, la scelta delle monete corrisponde a un gusto estetico-antiquario; così tra il materiale donato al Comune di Casteggio non si trovano serie complete, ma solo alcuni esemplari scelti sulla base dei gusti personali del collezionista, o in base a ciò che si trovava sul mercato. Non si sa esattamente la provenienza delle monete che qui vedete. Si suppone, per quelle della collezione Callegari-Giulietti, che siano state trovate a Casteggio alla fine dell Ottocento. Monete romane imperiali

CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO

CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO CECIMA, LOCALITA S. PIETRO: ABITATO DEL NEOLITICO ANTICO Fotografia di scavo della capanna Il sito più antico finora ritrovato nell Oltrepò Pavese è quello di Cecima, situato su un terrazzo del torrente

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

LE SALE ED I REPERTI

LE SALE ED I REPERTI LE SALE ED I REPERTI SALA 1 I pastori del Bronzo Finale X secolo a.c. Il Chianti 3000 anni fa Sulla collina di Poggio La Croce, a Radda in Chianti, sede di uno scavo etrusco iniziato nel 1989, durante

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola 105 AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola Fig. 1. Posizionamento dell area 5000 rispetto alle precedenti zone di scavo. Prima dello scavo Il settore della Rocca Vecchia di

Dettagli

LO SCAVO ARCHEOLOGICO

LO SCAVO ARCHEOLOGICO LO SCAVO ARCHEOLOGICO A. Caravale (acaravale@iol.it) Disegni di Valentina Ferrari 1. Gli operai nello scavo archeologico pag. 2 2. Chi lavora in un cantiere archeologico pag. 3 3. L area di scavo pag.

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

La mostra dal titolo Culti

La mostra dal titolo Culti CULTI DELLA FERTILITÀ NEL II MILLENNIO a.c. A LAVELLO di Addolorata Preite BASILICATA REGIONE Notizie La mostra dal titolo Culti della fertilità nel II millennio a.c., allestita nel Civico Antiquarium

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Nel regno dei Saevates

Nel regno dei Saevates Nel regno dei Saevates Esplora il museo MANSIO SEBATVM! illustrationi: gruppegut La cartella di lavoro appartiene a Chi erano i Saevates? Nella seconda Età del Ferro il popolo dei Saevates insediava la

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

4) VILLE DI ETA ROMANA Con il termine villa venivano definiti inizialmente, in età romana, gli edifici ubicati nelle campagne, esterni, pertanto,

4) VILLE DI ETA ROMANA Con il termine villa venivano definiti inizialmente, in età romana, gli edifici ubicati nelle campagne, esterni, pertanto, 4) VILLE DI ETA ROMANA Con il termine villa venivano definiti inizialmente, in età romana, gli edifici ubicati nelle campagne, esterni, pertanto, alle mura delle città; questi edifici si caratterizzavano

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica 1 Ufficio Lavori Pubblici. 2 Società per lo sviluppo dell arte, della cultura e dello spettacolo. 3 A supporto e promozione

Dettagli

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum.

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. 22 agosto 2009 Mirabella Eclano La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. La visita propone l incontro con la storia avvicinandosi al quotidiano, scoprendo come si viveva. Il percorso muove dalla visita

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO Progetto didattico Anno scolastico 2013-2014 Lo scavo come strumento di conoscenza:

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!!

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! UNA NECROPOLI ETRUSCA ALLA MATTONARA Scoperta nel giugno del 2002

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

Opulentissima Patavium

Opulentissima Patavium Marchio su rosso (Pantone 187) : Padova + culla delle arti = bianco Nursery of Arts = 30% nero Cornici culla/prato della Valle = M100 - G100 - N45 W. Shakespeare = bianco Opulentissima Patavium Padova

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Museo Laboratorio della Preistoria

Museo Laboratorio della Preistoria Comune di Vaie Museo Laboratorio della Preistoria Museo Laboratorio della Preistoria Situato nel centro storico di Vaie, il piccolo Museo offre un interessante collezione di ricostruzioni sperimentali

Dettagli

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA NEL 1933, durante i lavori per la costruzione della Caserma dei Vigili del Fuoco di via Genova, furono scoperti una serie di reperti, risalenti all epoca romana e attribuibili

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

Museo Archeologico. Attività per la scuola dell obbligo. Preistoria e Protostoria. Eta romana. Altomedioevo. Il lavoro dell archeologo

Museo Archeologico. Attività per la scuola dell obbligo. Preistoria e Protostoria. Eta romana. Altomedioevo. Il lavoro dell archeologo Attività per la scuola dell obbligo Preistoria e Protostoria Eta romana Altomedioevo Il lavoro dell archeologo Attività per le scuole superiori Il lavoro dell archeologo MUSEO ARCHEOLOGICO Le attività

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Gli scavi nel battistero di S. Giovanni Battista a Mariano Comense (CO) Laura Simone Zopfi e Paul Blockley

Gli scavi nel battistero di S. Giovanni Battista a Mariano Comense (CO) Laura Simone Zopfi e Paul Blockley The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 1 2 Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archeologici Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 3 Il sito dall alto (foto Rensi)

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro Progetti Roberto Gamba Planimetria. Pianoro (oltre 16.000 residenti) si estende a sud di Bologna su un territorio di 107 km 2 articolato lungo due vallate, sul torrente Zena e sul Savena, collegate tra

Dettagli

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di RELAZIONE GENERALE E TECNICA Generalità Breve inquadramento geografico e storico Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di Oristano. Il suo territorio occupa

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

Confronto fra la casa di ieri ed oggi

Confronto fra la casa di ieri ed oggi Confronto fra la casa di ieri ed oggi A cura di: Turatti Manuele, Zennaro Carlo, Gagliardo Pier Francesco LE CASE RURALI ANTICHE La casa rurale tradizionale veneta è stata costituita quasi sempre da un

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI

STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI STRUTTURE DI ELEVAZIONE e SOLAI DESCRIZIONE Il sistema costruttivo degli edifici che si articolano su due piani si basa generalmente su uno schema di tipo ricorrente: - il piano seminterrato o piano terra,

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli