LETTERATURA GIAPPONESE I-II (60 ORE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LETTERATURA GIAPPONESE I-II (60 ORE)"

Transcript

1 LETTERATURA GIAPPONESE I-II (60 ORE) DOCENTE Sonia Favi MODALITÀ D ESAME Lett. I: Test scritto (domande aperte) Lett. II: Tesina (circa parole) su argomento a scelta (da concordare) Primo sottoperiodo: Origini-1868 Secondo sottoperiodo: 1868-contemporaneità

2 BIBLIOGRAFIA PER I FREQUENTANTI: L. Bienati, A. Boscaro, La narrativa giapponese classica, Marsilio, 2010 L. Bienati, P. Scrolavezza, La narrativa giapponese moderna e contemporanea, Marsilio, 2009 P. Zanotti, Introduzione alla storia della poesia giapponese. Dalle origini all''ottocento, Marsilio, 2012 (solo gli argomenti trattati a lezione) Slide delle lezioni CHI NON FREQUENTA PUO INTEGRARE CON: R. Caroli, F. Gatti, Storia del Giappone, Laterza, 2004 KatoShuichi, Letteratura giapponese. Disegno storico, a cura di Adriana Boscaro, Marsilio, 2000

3 COSA SI INTENDE CON LETTERATURA GIAPPONESE?

4

5 LETTERATURA GIAPPONESE = LETTERATURA NAZIONALE? Letteratura prodotta IN Giappone, espressione del complesso del Nihon minzoku 日 本 民 族 (concetto di per sé problematico)? No: stretto rapporto della letteratura giapponese con l ambito urbano(per autori/lettori e tematiche) le classi al potere. Cerchia ristretta di produttori e fruitori, e non necessariamente rappresentazione della totalità dei gruppi sociali presenti in Giappone.

6 N.B.: Anche con queste limitazioni, ulteriore selezione: la letteratura giapponese come è giunta alla contemporaneità è un canone, prodotto dalla tradizione scolastica e critica, stabilendo definizioni e gerarchie, operando esclusioni e inclusioni [Zanotti: 2012]

7 LETTERATURA IN GIAPPONESE? Non solo: ampia produzione letteraria giapponese che si basa, in forme e con peso diverso, sull uso della lingua cinese Partecipazione del Giappone al sistema diplomatico tributario modello huayi(ka i) Il sistema di scrittura cinese viene adottato come primo sistema di scrittura in Giappone e mantenuto nonostante le difficoltà dovute alle profonde differenze fra lingua cinese e lingua giapponese

8 Lingua giapponese: Agglutinante Polisillabica Atonale Struttura SOV Lingua cinese: Stativa Monosillabica Tonale Struttura SVO

9 Due principali usi della scrittura cinese in Giappone: 1. Per trascrivere la lingua giapponese uso dei caratteri (kanji 漢 字 ) talvolta per il loro valore fonetico e talvolta per il loro valore semantico con la nascita di varie forme ibride di scrittura sino-giapponesi (a cui si sommarono nel nono secolo i due sillabari fonetici hiragana ひらがな e katakana カタカナ). 2. Per scrivere in cinese sviluppo di un sistema di lettura della lingua cinese alla giapponese attraverso l aggiunta di kaeriten ( 返 り 点 ) per indicare l ordine delle parole e di segni sillabici fonetici per indicare le parti flessive della frase.

10 Dicotomia fra Letteratura in cinese (kanbun 漢 文 ), di ambito pubblico e ufficiale, e praticata soprattutto da uomini. Letteratura in giapponese, di ambito privato e non ufficiale, e almeno inizialmente prettamente didominiofemminile(onnade 女 手 ) In particolare lo hiragana contribuì in modo fondamentaleallosviluppodel(wabun 和 文 )

11 N.B: INFLUENZE STRANIERE NON SOLO NELLA LINGUA, MA ANCHE NELLE FORME E NEI CONTENUTI DELLA LETTERATURA GIAPPONESE Specialmente prima del diciannovesimo secolo: influenze cinesi anche nella letteratura in giapponese Specialmente dal diciannovesimo secolo: influenze occidentali

12 CRONOLOGIE E PERIODIZZAZIONI

13 CRONOLOGIA Cronologie = sistemi di datazione utilizzati per misurare il tempo. Forniscono un indicazione su come il tempo sia stato percepito nelle varie epoche eciviltà,eunquadrogeneraleentrocuicollocaree analizzare i fenomeni storici e culturali. Quando si tratta di Giappone, lo si fa giostrandosi fra due diversi sistemi di datazione

14 1. Sistema dei nengō: sistema di origine cinese, introdottoingiapponenel645d.c.ebasatosuuna successione di ere. Fissate dalla corte imperiale. Legate a qualche evento storico o simbolico. A partire dal 1868, si stabilì il cosiddetto issei ichigen, ovvero l uso secondo cui ogni era corrisponde al periodo di regno di un sovrano. Ai nengō si associava il sistema kanshi o eto, sempre importato dalla Cina

15 1. Calendario gregoriano: adottato il sesto giorno del decimo mese del 1872 (che venne mutato nel primo gennaio 1873). Non usato diffusamente fino al dopoguerra, con l eccezione della cronologia legata alla ideologia di regime (che, in particolare, identificava il 660 a.c. come momento di inizio della storia nazionale ) A partire dal dopoguerra e fino ad oggi: uso più diffuso, per lo più in riferimento ai tempi lunghi della narrazione storica, e in modo complementare al sistema dei nengō.

16 PERIODIZZAZIONE Periodizzazione: suddivisione della storia in periodi, sulla base della individuazione di fenomeni storici. Operazione che si basa sulla osservazione e ricostruzione di fenomeni storici, e dunque inscindibile dal lavoro dello storico, che ne individua inizio e fine e ne fornisce una interpretazione, di cui la denominazione data al periodo è una sorta di sintesi.

17 Dalla fine del diciannovesimo secolo, affermarsi in Giappone del sistema dei jidai ( 時 代 era o periodo ), legati nel nome alle località in cui risiedeva l autorità politica dominante(es: Nara jidai) o ai cognomi di famiglie (esterne a quella imperiale) detentrici del potere politico (es: Tokugawa jidai). Tale sistema è quello tutt ora in uso per la maggior parte degli storici. Problemi posti da tale forma di periodizzazione: Le date di inizio e conclusione dei jidai sono fissate sulla base di eventi politici piuttosto che in relazione alla storia sociale, economica o culturale Posti in secondo piano i tempi lunghi di alcuni fenomeni storici Creazione di periodizzazioni complementari, che accorpano i jidai in ere più lunghe, sulla base di trasformazioni economico-sociali e istituzionali nel lungo periodo.

18 La periodizzazione attualmente di maggiore uso nella storiografia giapponese è quella che suddivide la storia del Giappone in sei diverse ere: Età primitiva (genshi 原 始 ), che comprende il periodo protostorico. Etàantica(kodai 古 代 ),checomprendeiperiodinara( ) e Heian( ). Etàmedievale (chūsei 中 世 ), checomprendeiperiodikamakura ( ), Muromachi ( ) e Azuchi-Momoyama ( ). Prima età moderna (kinsei 近 世 ), che comprende il periodo Tokugawa o Edo( )(la cui fine è per alcuni retrodatata alla metà del diciottesimo secolo) Etàmoderna(kindai 近 代 ),dallarestaurazionemeiji(1868)fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale(1945) Etàcontemporanea(gendai 現 代 ),dal1945aoggi.

19 PERIODIZZAZIONI SPECIFICHE DELLA STORIA DELLA LETTERATURA Katō Shūichi individua quattro momenti di svolta nella storia della letteratura giapponese: 1. Nipponizzazione della cultura continentale (periodo Heian) 2. Governo duale(epoca Kamakura) 3. Primo incontro con l occidente (periodo Tokugawa) 4. Fine periodo Tokugawa e epoca moderna

20 Konishi Jin ichi interpreta invece lo sviluppo storico della letteratura giapponese come alternanza fra GA ( 雅 ): ciò che è raffinato, elegante e al contempo presuppone l utilizzo di stilemi già codificati da parte dei fruitori ZOKU( 俗 ):ciòcheècomune,basso,inferioreenonsibasa su forme già codificate. Età arcaica(prima del VI secolo): zoku. Età antica(fino al periodo Nara compreso): ga. Primomedioevo(chūko 中 古 ;periodoheian):ga. Alto medioevo (chūsei 中 世 ; periodi Kamakura e Muromachi): alternanza di ga e zoku. Tardo medioevo o età recente (kinsei 近 世 ; periodo Tokugawa): alternanza di ga e zoku. Età moderna (kindai 近 代 ; dal 1868): alternanza di ga e zoku.

21 IL PERIODO PROTO- STORICO (PRIMA DELL INTRODUZIONE DELLA SCRITTURA)

22 PREISTORIA(/PROTOSTORIA) IN GIAPPONE Paleolitico Graduale passaggio al neolitico: affermazione di una società semi-stanziale, e introduzione della produzione ceramica, ma assenza di agricoltura Periodo Jōmon(10000 a.c.-300 a.c. ca.) Protostoria La rivoluzione neolitica : introduzione dell agricoltura, e in particolare della risicoltura Periodo Yayoi (300 a.c. 250/300 d.c ca.) Aumento della complessità e della stratificazione sociale Periodo Kofun (250/300 d.c metà del sesto secolo ca.) Diffusione del Buddhismo

23 PERIODO JŌMON (10000 A.C.-300 A.C. CA.) Transizione progressiva da uno stile di vita nomade a uno fondato su comunità semistanziali, che vivevano principalmente di sfruttamento dei prodotti marittimi, caccia e raccolta (e forse, nelle fasi più tarde, di rudimentali forme di coltivazione), Differenze culturali anche significative fra le regioni occidentali e quelle orientali dell arcipelago.

24 o Produzione della caratteristica ceramica con disegno a corda e di manufatti in terracotta (dōgu), manifestazione di un sistema rituale di crescente complessità.

25 PERIODO YAYOI (300 A.C. 250/300 D.C CA.)

26 Introduzione della risicoltura(insieme ad un numero di oggetti e prodotti nuovi) dal continente attraverso Corea, a cavallo fra terzo e secondo secolo a.c. Progressiva affermazione di una cultura agricola e stanziale e dell agricoltura come attività economica dominante Sviluppo di una ritualità legata alla coltivazione della terra (lo shintō primitivo) Sviluppo di una organizzazione socio-politica più complessa, basata su comunità locali legate al territorio Rapporti più stretti con il continente asiatico

27 PERIODO KOFUN(250/300 D.C METÀ DEL SESTO SECOLO CA.) Diffusione dei kofun (grandi monumenti funerari) corredati dagli haniwa, riflesso di una più marcata stratificazione sociale

28 Nascita dell organizzazione sociale basata sul sistema degli uji(clan). Ogni membro dello uji faceva capo ad un ujigami, un comune antenato divino da cui i membri dello uji ritenevano di discendere. A capo della organizzazione politica dello uji vi era invece lo uji no kami, il capo del clan, un titolo ereditario che comportava il possesso de - l autorità patriarcale -ilruolodisommosacerdote,inquantotramitedirettocon la divinità procreatrice. Altri ruoli ereditari nello uji erano quelli esercitati dai be e dagli yatsuko, rispettivamente, le persone che lavoravano al servizio del clan in varie competenze e i servitori e domestici. Avvio del processo di centralizzazione politica (e religiosa) del Giappone attraverso scontri armati

29 EVOLUZIONE NEI RAPPORTI CON IL CONTINENTE Rapporto culturale più intenso fra il Giappone e il continente, come dimostrato dalla varietà di oggetti continentali rinvenuti nelle tombe. Partecipazione del Giappone ai conflitti sul continente,, e in particolare alle attività militari frairegnichenelcorsodelquartosecolosierano consolidati sulla penisola coreana (Koguryo, Paekche e Silla) Il Giappone stabilì nella parte meridionale della penisola, a Mimana, una propria colonna.

30

31 Influenza del continente nel processo di istituzionalizzazione del ruolo del clan Yamato,chemutòinveroeproprioclansovrano attraverso l assunzione delle concezioni politiche cinesi, dando avvio al processo di costruzione dello stato giapponese In tale processo, un ruolo di tramite fondamentale sarebbe stato esercitato dal Buddhismo

32 L INGRESSO NEL PERIODO STORICO E LA NASCITA DELLO STATO GIAPPONESE

33 L INTRODUZIONE DEL BUDDHISMO IN GIAPPONE 538: introduzione ufficiale della dottrina Buddhista in Giappone Conseguente scontro fra clan favorevoli all introduzione(in particolare, il clan Soga) e clan contrari (in particolare, i Mononobe e i Nakatomi) 578: vittoria dei Soga e definitiva apertura al Buddhismo: trasformazione dei costumi, dell architettura e dei riti funebri (abbandono delle tombe caratteristiche del periodo Kofun verso la metà del sesto secolo e ingresso nel PERIODO YAMATO)

34 CONSEGUENZE DELLA VITTORIA DEI SOGA Ascesa dei Soga al potere e centralizzazione: lo uji no kami dei Soga, Soga no Umako, fece uccidere l imperatore in carica, nominando l imperatrice Suiko e il reggente (sesshō) Shōtoku Taishi ( ), che diede vita alle riforme che gettarono le basi dello Stato Imperiale. Perdita di Mimana, ma Via definitivo all apertura al continente: arrivo in Giappone di monaci, artigiani, costruttori di templi (perlopiùcoreani)che Favorirono l adozione di modelli artistici e architettonici (soprattutto per quanto riguardava l architettura sacra) continentali Contribuirono ulteriormente alla diffusione del Buddhismo fra le classi dominanti Favorirono la diffusione definitiva del sistema di scrittura cineseingiappone

35 N.B.: La Cina, che nel 589 venne riunificata sotto la dinastia Sui, venne a rappresentare: una potenza da temere, soprattutto dato che in Giappone l autorità Yamato era tutt altro che solida: accelerò di conseguenza il processo di centralizzazione del potere ancor più un modello da cui trarre ispirazione per creare uno stato unificato e forte, assurgendo definitivamente a termine di confronto per il Giappone.

36 SHŌTOKU TAISHI

37 Fra i principali conseguimenti del suo operato: Consolidamento del legame fra Buddhismo e l istituzione e il governo imperiali Avvio di contatti diretti con la corte Sui con l invio di una missione ufficiale nel 600 Costituzione dei diciassette articoli (jūshichijō no kenpō- 604): insieme di precetti e regole morali ispirati a Buddhismo, Confucianesimo e Taoismo, che Ribadivano il ruolo del Buddhismo in Giappone esortando alla riverenza verso i tre tesori (Buddha, Dottrina, Ordine monastico) Affermavano la priorità data a livello economico all attività agricola Affermavano il diritto sovrano, eliminando il potere autonomo degli uji e sostituendolo con una sorta di burocrazia, tenuta a servire lo Stato con responsabilità, impegno e decoro.

38 IN CONCOMITANZA CON LE RIFORME OPERATE DA SHŌTOKU TAISHI Nascita del termine Nihon 日 本 stato giapponese Nascita del termine tennō 天 皇 l imperatore designare lo per designare Rielaborazione autoctona del principio cinese del mandato celeste : trasformazione di un incarico acquisito a conseguenza di particolari equilibri di potere in caratteristica innata e in ruolo rivestito per natura

39 LA SCRITTURA CINESE IN GIAPPONE Data tradizionalmente fissata per l introduzione del sistema di scrittura cinese in Giappone: inizio V secolo,permanodellostudioso Wani,chefece conoscere alla corte le opere di Confucio(secondo il Nihonshoki) Altri parlano di un gruppo di coreani giunto verso la fine del III secolo. In realtà, esistono prove archeologiche che la scrittura fosse almeno conosciuta anche in precedenza: Vasi con ideogrammi incisi Mokkan 木 簡

40

41 Però, probabilmente, in precedenza, la scrittura cinese era soprattutto prerogativa di immigrati cinesi e coreani A partire dal sesto secolo, grazie all apertura promossa dai Soga e con il tramite dei testi confuciani e buddhisti, definitiva diffusione del sistema di scrittura cinese in Giappone TRANSIZIONE DAL PERIODO PROTOSTORICO A QUELLO STORICO

42 RIFORMA TAIKA 645: congiura ordita dalla famiglia Nakatomi(poi Fujiwara) pose fine all egemonia della famiglia Soga 646: Promulgazione dell editto Taika, che prevedeva La creazione di un nuovo sistema amministrativo e di nuove istituzioni statali L abolizione di tutti i titoli che garantivano privilegi locali (possesso delle risaie e dei be al servizio degli uji) Una riforma fondiaria-fiscale(sistema kubunden) La creazione di una capitale stabile

43 CHE CONSEGUENZE EBBE LA RIFORMA? Definitiva centralizzazione del potere Processo che portò alla costruzione della prima grande capitale su modello cinese, con l avvio del periodo Nara, che segnò anche la produzione delle prime opere letterarie giapponesi Processo che portò alla nascita, dalle ceneri degli uji, della aristocrazia kuge, che sarebbe stata responsabile della pressoché totalità di tale produzione letteraria

IL PERIODO MUROMACHI (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU)

IL PERIODO MUROMACHI (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU) IL PERIODO MUROMACHI (1338-1573) (N.B.: 1477-1573 = PERIODO SENGOKU) IL PERIODOMUROMACHI SI CARATTERIZZÒ PER 1. Unbakufu che ricalcava quello di Kamakura, ma in cuii capi militari locali prevalsero sul

Dettagli

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini L UNIVERSO NEI CARATTERI Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna Dott.ssa Serena Ballarini Fondamenti di scrittura cinese: parola, sillaba, carattere Accenni alla millenaria storia

Dettagli

IL GENERE DEI SETSUWA

IL GENERE DEI SETSUWA SETSUWA 説 話 IL GENERE DEI SETSUWA IN COSA CONSISTE IL GENERE? Da setsu (teoria, spiegazione) e wa (racconto): narrazioni di carattere aneddotico e fittizio, mirate al racconto di cose interessanti Normalmente,

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

Il Giappone incontrato dai primi europei

Il Giappone incontrato dai primi europei 1 Il Giappone incontrato dai primi europei I giapponesi hanno alcuni costumi buoni o aspetti molto buoni con i quali si possono comparare alle nazioni più nobili e prudenti del mondo ed hanno altri aspetti

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE CHIOGGIA (VE) DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: FRANCESCA FUIANO CLASSE: II D Scienze Applicate PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI STORIA Introduzione:

Dettagli

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio Indirizzo: Primo Biennio Classe: Prima Disciplina: STORIA prof. Primo Biennio Competenze disciplinari: 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica e in una

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Evoluzione della scrittura occidentale.

Evoluzione della scrittura occidentale. Evoluzione della scrittura occidentale. L esigenza di comunicare e di trasmettere idee e concetti in una maniera meno transitoria di quella orale è sempre stata una caratteristica dell umanità, fin dalle

Dettagli

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC. Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.Vigolini Strumenti dell analisi storica; 1. Studiare il passato:

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO. Quattro sono gli aspetti fondamentali che verranno sviluppati: 1 ascoltare, ting 2 parlare, shuo 3 leggere, du 4 scrivere, xie

PROGRAMMA DIDATTICO. Quattro sono gli aspetti fondamentali che verranno sviluppati: 1 ascoltare, ting 2 parlare, shuo 3 leggere, du 4 scrivere, xie CORSO DI LINGUA E CULTURA CINESE PER LE SCUOLE PROGRAMMA DIDATTICO L impegno didattico è incentrato sulla creazione di una base di conoscenze linguistiche e culturali che siano pratiche, attuali e rispondenti

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

4 Convegno Ecclesiale Nazionale VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE 4 Convegno Ecclesiale Nazionale Testimoni di Gesù Risorto, speranza del mondo Verona, 16-20 ottobre 2006 VERSO IL CONVEGNO DI VERONA SEMINARIO DI STUDIO SUI CINQUE AMBITI FISSATI DALLA TRACCIA DI RIFLESSIONE

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina,

La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina, CORSO DI LINGUA CINESE Istiituto Sociialle dii Toriino La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina, in collaborazione con l Istituto Sociale di Torino, è lieta di presentare un offerta

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Lo stato più popolato del pianeta, il terzo per estensione, il secondo per PIL

Lo stato più popolato del pianeta, il terzo per estensione, il secondo per PIL La Cina La Cina nel mondo di oggi Immagine tratta da www.destructivepixels.com Lo stato più popolato del pianeta, il terzo per estensione, il secondo per PIL Superficie (km²) Popolazione Prodotto interno

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO C IT T À di T U R S I Provincia di Matera Tursi, 07 Settembre 2015 AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI OPERE D ARTE FINALIZZATE ALLA DIVULGAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina,

La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina, CORSO DI LINGUA E CULTURA CINESE SHAOLIN La Scuola di Formazione Permanente della Fondazione Italia Cina, in collaborazione con lʼassociazione Shaolin Temple di Milano, è lieta di presentare unʼofferta

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

BENVENUTI AL MAO VISITA GUIDATA A TUTTE LE COLLEZIONI Età: 8-19 ANNI Durata: 2h circa

BENVENUTI AL MAO VISITA GUIDATA A TUTTE LE COLLEZIONI Età: 8-19 ANNI Durata: 2h circa BENVENUTI AL MAO VISITA GUIDATA A TUTTE LE COLLEZIONI Età: 8-19 ANNI Durata: 2h circa ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE PERCORSO LUDICO-DIDATTICO IN TUTTE LE COLLEZIONI Età: 6-10 ANNI Durata: 2h circa BENVENUTI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

Tratti dal menù Scuola e didattica, sottomenù Metodologia, del sito http://www.storiaindustria.it/home/ Maurizio Cuccu

Tratti dal menù Scuola e didattica, sottomenù Metodologia, del sito http://www.storiaindustria.it/home/ Maurizio Cuccu Cinque brevi saggi sulla rappresentazione della storia del divenire dell umanità e del divenire dei mondo in cui l umanità è distribuita: temi, tempi e spazi per una nuova cronologia. Tratti dal menù Scuola

Dettagli

Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali. a.a. 2014/2015

Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali. a.a. 2014/2015 Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali a.a. 2014/2015 Storia medievale SSD M-STO/01 Docente Caterina Lavarra CFU 9 Anno di riferimento primo o terzo Secondo semestre *** F INALITÀ DEL

Dettagli

Qualche nota di storia

Qualche nota di storia Qualche nota di storia La Cina è una delle regioni di più antico insediamento umano, lo dimostrano i ritrovamenti dei resti di uno degli antenati preistorici dell'uomo. Nel primo millennio a.c. si impose

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO

SCUOLA PRIMARIA DANTE ALIGHIERI PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO SCUOLA PRIMARIA "DANTE ALIGHIERI" PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSI QUINTE OBIETTIVO FORMATIVO Favorire la formazione del pensiero critico e creativo attraverso lo sviluppo di una

Dettagli

Cina Facile a date fisse da Marzo 2014 Durata: 9 giorni / 7 notti Pechino Xian Shanghai

Cina Facile a date fisse da Marzo 2014 Durata: 9 giorni / 7 notti Pechino Xian Shanghai Cina Facile a date fisse da Marzo 2014 Durata: 9 giorni / 7 notti Pechino Xian Shanghai da 1.000 + voli intercontinentali Un viaggio classico che unisce la visita delle località più famose della Cina:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE GUIDO TASSINARI PROGRAMMA SVOLTO DAL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE GUIDO TASSINARI PROGRAMMA SVOLTO DAL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DAL CLASSE 1 SEZIONE B CORSO Biennio chimico Italiano VERSANTE LINGUISTICO IL METODO DI STUDIO 1. Le tecniche appropriate di studio in classe e a casa. 2. Le tecniche di lettura sia globale

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese Cecilia Paquola BILINGUISMO Uso corrente di due lingue da parte di un individuo o di una popolazione. Due lingue parlate per due contesti differenti:

Dettagli

referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo

referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo referente dr. Andrea R. Staffa ispettore direttore coordinatore presentano Scavi Storia Sensazioni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio DALLA CINA LA NASCITA TRADIZIONI CINESI secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio In Cina, tutti sono contenti quando

Dettagli

Kūkai, il padre del Buddhismo Shingon

Kūkai, il padre del Buddhismo Shingon Kūkai, il padre del Buddhismo Shingon HAKEDA Yoshito S.: Kūkai, Major Works, Columbia University Press, 1972 INTRODUZIONE - La figura di Kūkai nel mondo giapponese Nato 774 morto 835 E chiamato anche Kōbō

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Insegnamento di Storia e Istituzioni dell Asia SSD SPS/14 CFU 9 - A.A. 2014-2015 Docente: Antonietta Pagano

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

La fine dell'impero in Occidente

La fine dell'impero in Occidente La fine dell'impero in Occidente 476 d.c. Odoacre, capo degli Sciri, depone l'imperatore Romolo Augustolo e invia le insegne imperiali in Oriente Solido coniato da Odoacre, ma recante il nome dell'imperatore

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN Programma di Viaggio 19 Giorni - Cod AC 501 LA VIA DELLA SETA Da Pechino ad Almaty, attraversando il deserto di Gobi fino a raggiungere la spettacolare oasi di Kashgar. Da

Dettagli

PARTE I IL GIAPPONE NEL MONDO. L'Asia e l'occidente

PARTE I IL GIAPPONE NEL MONDO. L'Asia e l'occidente STORIA E CIVILTA' DEL GIAPPONE: UNA BREVE INTRODUZIONE Appunti del corso di Storia dell'asia Orientale Area Giappone Anno Accademico 2011-2012 M.Paola Culeddu PARTE I IL GIAPPONE NEL MONDO L'Asia e l'occidente

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria Attività: La nascita dell arte. Dipingere come nella Preistoria. Destinatari: Classi III - Scuola Primaria Obiettivi: Artisti del Paleolitico è un

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

Scuola Estiva di Arcevia 2010

Scuola Estiva di Arcevia 2010 Scuola Estiva di Arcevia 00 Corso di aggiornamento in storia Le storie d Italia nel curricolo verticale (dal paleolitico ad oggi) Le storie d Italia nella scuola media Risultati compilazione questionari

Dettagli

ARTE NEL MONDO. L arte in Cina

ARTE NEL MONDO. L arte in Cina L arte in Cina Una lunga tradizione La storia dell arte cinese ha origini antichissime. Il vasto territorio dell Asia che va sotto il nome di Cina era popolato già nel 5000 a.c. da comunità di agricoltori.

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

ローマ 日 本 文 化 会 館 日 本 語 講 座. Istituto Giapponese di Cultura Corsi Di Lingua Giapponese

ローマ 日 本 文 化 会 館 日 本 語 講 座. Istituto Giapponese di Cultura Corsi Di Lingua Giapponese ローマ 日 本 文 化 会 館 日 本 語 講 座 2010-2011 年 度 後 期 受 講 案 内 Istituto Giapponese di Cultura Corsi Di Lingua Giapponese Guida e Programma Anno Scolastico 2010 2011 Secondo Semestre Contenuti A. Panoramica dei corsi

Dettagli