intenzionalità creatrice, vale a dire alle tradizioni orali intese come veicolo del sapere.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "intenzionalità creatrice, vale a dire alle tradizioni orali intese come veicolo del sapere."

Transcript

1 Il patrimonio culturale immateriale I concetti di tradizioni ed espressioni orali, arti dello spettacolo, consuetudini sociali, artigianato tradizionale Alcuni esempi Testo a cura di Renato Boccali, ricercatore di ruolo presso l Istituto di Arti, Culture e Letterature Comparate - Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM Nella Convenzione internazionale per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, approvata dalla Conferenza generale dell UNESCO nel 2003 ed entrata in vigore il 20 aprile 2006, all'articolo 2 viene fornita la seguente definizione di patrimonio culturale immateriale: Si intendono per patrimonio culturale immateriale pratiche, rappresentazioni, espressioni, conoscenze e i saperi così come gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati ad essi che le comunità, i gruppi e, in alcuni casi, gli individui riconoscono come facenti parte del loro patrimonio culturale. Tale patrimonio culturale intangibile, trasmesso di generazione in generazione, è costantemente ricreato dalle comunità e dai gruppi interessati in conformità al loro ambiente, alla loro interazione con la natura e alla loro storia, e fornisce loro un senso di identità e continuità, promuovendo così il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana". La stipula di tale convenzione rappresenta un importante passo in avanti nella politica culturale in quanto riconosce il valore dei patrimoni diversi, che caratterizzano soprattutto il sud del mondo, accanto al patrimonio materiale. Infatti finora la lista dei siti riconosciuti come patrimonio dell umanità era costituita su una visione quasi esclusivamente monumentale del patrimonio culturale, concentrato in larghissima parte nel cosiddetto mondo occidentale. Questo riconoscimento ha dato dignità e tutela al patrimonio culturale immateriale, attribuendo valore e attenzione alle espressioni culturali di intere popolazioni e di larghi strati sociali (pensiamo per esempio alle ricchissime tradizioni e manifestazioni della cultura contadina), finora non considerate o dimenticate, ma in realtà di fondamentale importanza ai fini dell identità e della diversità culturale di un Paese. La definizione del patrimonio culturale immateriale si manifesta attraverso cinque ambiti dell attività umana. Per ognuno di questi ambiti segnaliamo alcuni beni inseriti nella lista del patrimonio culturale immateriale protetto dall UNESCO e altri, della realtà italiana, non ancora inseriti in tale lista. 1

2 a. tradizioni e espressioni orali, incluso il linguaggio, intesi come veicolo del patrimonio culturale intangibile. Questa voce implica varie forme di espressione orale come proverbi, enigmi, racconti, leggende, miti, canti o poemi epici, preghiere, ecc. Le tradizioni e le espressioni orali vengono utilizzate, da comunità intere o gruppi sociali particolari, per trasmettere conoscenze, valori culturali e sociali, in buona sostanza per trasmettere la memoria collettiva. Esse implicano forti variazioni dovute al passaggio non scritto che le rendono una forma di espressione viva e colorata ma al contempo fragile perché dipende dalla catena ininterrotta della trasmissione delle tradizioni da una generazione di interpreti all altra. Questo implica la vivacità di una lingua la cui morte comporterebbe la perdita definitiva di tradizioni e espressioni orali. Per evitare questa perdita occorre mantenere attiva la lingua e le espressioni orali garantendo il suo funzionamento nella quotidianità. Grazie alle nuove tecnologie è possibile conservare l unicità di certe caratteristiche espressive come l intonazione, le variazioni stilistiche, gli elementi non verbali del racconto come la gestualità e la mimica. Es. patrimonio orale e manifestazioni culturali del popolo Zápara in Equador; epopea Al-Sirah al-hilaliyyah in Egitto; lingue di minoranza (il ladino in Alto Adige e Veneto, l arbëreshë delle comunità italo-albanesi in Calabria, Puglia, Sicilia), dialetti, fiabe e leggende delle varie regioni d Italia; proverbi contadini; canzoni della montagna italiana; canti delle mondine; giochi popolari; lamenti funebri; riti popolari per i defunti, ecc. b. arti dello spettacolo. Vale a dire musicale vocale strumentale, ma anche danza e teatro, pantomima, poesia cantata ecc. La musica trova espressione in tutte le società e spesso è parte integrante di altre arti dello spettacolo e di altri ambiti del patrimonio culturale immateriale come rituali, manifestazioni o tradizioni orali, presentandosi in contesti sacri o profani, classici o popolari, legati al lavoro o al divertimento (es. funerali, rituali di iniziazione, festività, ecc.). La danza è più direttamente legata ai movimenti corporei che interpretano la musica secondo una ritmicità che esprime sentimenti, stati d animo o illustra eventi particolari come nel caso delle danze religiose o quelle che rappresentano la caccia, la guerra o l attività sessuale. Le forme teatrali coniugano una pluralità di elementi e hanno spesso una funzione basilare per una società che travalica la semplice dimensione rappresentativa. A tutto ciò si aggiungono i canti, gli strumenti musicali, le maschere, i costumi e altri ornamenti del corpo. Le misure di salvaguardia delle arti dello spettacolo dovrebbero concentrarsi principalmente sulla trasmissione dei saperi e delle tecniche, sulle modalità di utilizzo e produzione degli strumenti grazie a forme di registrazione che documentino e permettano la creazione di un inventario delle diverse espressioni artistiche. 2

3 Es. flamenco; canto a tenore dei pastori del centro della Barbagia; teatro delle marionette siciliane Opera dei pupi; cantastorie regionali; danze italiane tradizionali (tarantella napoletana, pizzica del Salento, ballo sardo, danze occitane piemontesi ecc.); ornamenti e gioielli della tradizione contadina; costumi tradizionali dei diversi paesi italiani ecc. c. consuetudini sociali, riti e feste. Si tratta di attività altamente partecipate e legate al costume che strutturano la vita della comunità. Esse permettono di riaffermare l identità di chi vi prende parte essendo strettamente legate alla visione del mondo di una specifica comunità. Ne rappresentano quindi la memoria collettiva nello scorrere del tempo (rituali legati al passaggio delle stagioni, a momenti del calendario agricolo, all ingresso del nuovo anno, al carnevale, a periodi della vita umana). Costituiscono insomma dei momenti di celebrazione sociale e di commemorazione, attraverso il ricorso a una pluralità di espressioni e elementi fisici: gesti e formule particolari, forme di recitazione, canti e danze, vesti particolari, processioni, sacrifici di animali, alimenti precipui. La loro salvaguardia è possibile attraverso un ampiamento della partecipazione a quegli eventi, nel rispetto delle regole e delle limitazioni imposte dal gruppo. Strumenti giuridici potrebbero garantire alla comunità l accesso a luoghi sacri, l utilizzo di oggetti e risorse naturali indispensabili alle pratiche sociali, e rituali. Es. il Babi de Bistritsa polifonia, danze e pratiche rituali arcaiche della regione del Shoplouk in Bulgaria; il Ramman, festival religioso e teatrale rituale del Garhwal, nell Himalaya, India; riti e processioni legate alle festività religiose (celebrazioni Pasquali a Sorrento, Sulmona, Trapani, Caltanissetta, Santulussurgiu, festa della Perdonanza aquilana ecc.); feste di carnevale (Venezia, Bagolino, Ivrea, Viareggio, Putignano, Offida, Amantea, Acireale ecc.); festival del cous cous a San Vito Lo Capo; fiera del tartufo di Alba; sagre del pesto ligure; festa dell uva in Toscana e Lazio ecc.; riti e cibi per il rientro delle mucche dagli alpeggi in Val d Aosta e Trentino Alto Adige, ecc. d. artigianato tradizionale. L artigianato ha a che fare con il saper-fare e lo sforzo di salvaguardia deve concentrarsi sulla continuità della produzione e della trasmissione ad altri, in seno alla comunità, del sapere. Molteplici sono le espressioni dell artigianato tradizionale: utensili, vestiti e gioielli, costumi, accessori per festività, recipienti, oggetti utilizzati per lo stoccaggio, il trasporto e la protezione ma anche oggetti decorativi e rituali, strumenti musicali, ecc. Di fronte alla produzione di massa e all economia globale, oltre che ai disequilibri ambientali, l artigianato appare in sofferenza. L obiettivo della salvaguardia consiste nel rafforzamento della trasmissione del sapere all interno della comunità, nel rispetto di sistemi, spesso secolari, di insegnamento e di apprendimento, grazie anche a defiscalizzazioni e vantaggi finanziari sia per chi 3

4 insegna che per colui che apprende, rafforzando parallelamente i mercati tradizionali locali in cui questi prodotti vengono venduti o creando nuovi mercati. Garantendo quindi il rispetto di condizioni ambientali che permettano l utilizzo di certe materie prime (es. riforestazione). Ma anche mettendo in atto strategie giuridiche volte alla salvaguardia di questi beni. Es. tecnica tradizionale della tessitura dei tappeti delle città iraniane di Fars e Kashan; vetri di Murano; merletti di Burano; pizzo di Cantù; lavorazione del legno in Valle d Aosta e Trentino Alto Adige; artigianato della pelle in Veneto, Toscana, Umbria; violini di Cremona; arte orafa di Valenza e di Arezzo; tessitura sarda, salentina, calabrese ; ceramica e terracotta toscana, pugliese, umbra, emiliana, siciliana; artigianato del marmo a Carrara ecc. e. conoscenza e pratiche concernenti la natura e l universo. Si tratta di un insieme di conoscenze, di pratiche e rappresentazioni elaborate dalle comunità nella loro interazione con l ambiente naturale. Questi modi di pensare l universo si esprimono nella lingua, nelle tradizioni orali, nel sentimento di attaccamento ai luoghi, a ricordi legati al contesto di vita. Hanno una forte influenza sui valori e le credenze. Sottendono inoltre numerose pratiche sociali e tradizioni culturali. Nello specifico, esse hanno a che fare con il sapere ecologico tradizionale, legato alla conoscenza di flora e fauna locali, delle medicine tradizionali, dei rituali, delle credenze, e dei riti di possessione, ecc. Purtroppo l urbanizzazione e l estensione dei terreni agricoli ha avuto un effetto notevole sull ambiente naturale di certe comunità provocando, ad esempio, la sparizione di foreste sacre. La deforestazione, i cambiamenti climatici hanno messo in pericolo sia la flora che la fauna di certi luoghi provocando il progressivo declino dell artigianato tradizionale e della medicina basata sull utilizzo di erbe e piante. Accanto a processi esterni si registrano anche processi interni di cambiamento dovuto alla marginalizzazione e alle spinte omologanti della globalizzazione. La protezione dell ambiente naturale è spesso strettamente legata alla salvaguardia della cosmologia di una comunità oltre che a quella di tutte le altre espressioni del suo patrimonio culturale immateriale. Es. agopuntura cinese; produzione del pan di zenzero nella Croazia settentrionale; pratiche terapeutiche tradizionali della cultura contadina italiana; riti legati al solstizio d estate e alla notte di san Giovanni; falò di Sant Antonio; antichi rituali contadini in Lucania, Puglia, Sardegna; ecc. Da questo quadro appare chiaro che la valorizzazione del patrimonio non è rivolta soltanto a quell Arte la cui aura è generata dall eccezionalità del genio creativo, ma anche e soprattutto a quelle forme in cui l arte è intesa come saper fare, come competenza, assieme a quelle forme culturali non immediatamente ascrivibili ad una 4

5 intenzionalità creatrice, vale a dire alle tradizioni orali intese come veicolo del sapere. Più genericamente, le caratteristiche che definiscono il patrimonio culturale immateriale fanno riferimento alla capacità di trasmissione generazionale, alla sua continua adattabilità al variare delle condizioni dell ambiente circostante promovendo un riconoscimento identitario di un gruppo, anche attraverso la promozione della diversità culturale e della creatività, nel rispetto dello sviluppo sostenibile di ciascun paese. Questo significa che un bene immateriale si caratterizza per il valore eccezionale con il quale esprime un alto livello di creatività e un eccellenza nell applicazione di abilità tecniche, radicandosi in una tradizione specifica e nella storia culturale di una comunità data. In questo modo esso diventa strumento di affermazione e riconoscimento dell identità culturale, facendosi simbolo di una tradizione che, tuttavia, risulta attualmente esposta al rischio di sparizione. È per questo motivo che occorre salvaguardare il patrimonio culturale immateriale mettendo in atto delle misure quali: identificazione, documentazione, ricerca, preservazione, protezione, valorizzazione e trasmissione dei differenti aspetti di questo patrimonio. È possibile però parlare di salvaguardia del bene solo qualora esso rimanga identificabile nel territorio in cui è nato e si è sviluppato, fungendo da rappresentante dell identità locale. 5

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/ FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo degli usi e costumi della gente trentina a colloquio con Giovanni Kezich http://www.museosanmichele.it/ Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI. Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE 1 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Curricolo trasversale Percorso di apprendimento: IL NATALE Fascicolo didattico n.18 Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati)

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati) ELENCO ENCICLOPEDIE Enciclopedia: Gli animali V.1 (ed. Fabbri) (Gli animali delle paludi) Enciclopedia: Gli animali V.2 (ed. Fabbri) (Gli animali delle foreste, delle selve) Enciclopedia: Gli animali V.3

Dettagli

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 18/03/2015 ADS/Prot.n. 01924 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IN AMBITO DI CULTURA, SPETTACOLO ED EVENTI 2014.

PROGRAMMAZIONE IN AMBITO DI CULTURA, SPETTACOLO ED EVENTI 2014. Comune di Genova GENOVA - EVENTI 2014 PROGRAMMAZIONE IN AMBITO DI CULTURA, SPETTACOLO ED EVENTI 2014. Periodo: maggio dicembre 2014 Lo Scenario La Civica Amministrazione promuove ed organizza annualmente

Dettagli

Le Imprese della ristorazione

Le Imprese della ristorazione Le Imprese della ristorazione Milano, 28 maggio 2012 PERCORSO 1. SISTEMA CONCORRENZIALE 2. ECONOMICS 3. STRUTTURA E SEGMENTAZIONE DELL OFFERTA 4. UN CASO DI SUCCESSO: IL QUICK CASUAL 5. COSTRUIRE LA FORMULA

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO. Siciliano. Una lingua per gioco!

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO. Siciliano. Una lingua per gioco! CARATTERISTICHE DEL PROGETTO In riferimento alla circolare assessoriale n. 23/09, il nostro istituto ha presentato il suddetto progetto, la cui realizzazione è subordinata all'eventuale finanziamento 1.Titolo

Dettagli

Danzare la Terra Residenza artistica e didattica IV edizione 1-7 Agosto 2014 Corsano (Le)

Danzare la Terra Residenza artistica e didattica IV edizione 1-7 Agosto 2014 Corsano (Le) TARANTaRTE a.s.d. in collaborazione con presenta Danzare la Terra Residenza artistica e didattica IV edizione 1-7 Agosto 2014 Corsano (Le) Perché danziamo? Perché le comunità umane scelgono la danza per

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13. PROGETTO Musica e Teatro

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13. PROGETTO Musica e Teatro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO Musica e Teatro Denominazione del progetto/laboratorio Vita in palcoscenico Responsabile di progetto Rita Colella Gruppo di

Dettagli

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 BANDO ARDESIS IDENTITA CULTURALE Protocollo LOM.16.13 IIS TORRIANI LICEO

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

LeMOBYGuide. Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica. Volume 22

LeMOBYGuide. Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica. Volume 22 LeMOBYGuide Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica Volume 22 Un concentrato di culture Terra sincera seppur misteriosa, isola frequentata da millenni per via della favorevole posizione

Dettagli

I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia FESTIVAL I ART CONCORSO PER EVENTO I LANDSCAPE

I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia FESTIVAL I ART CONCORSO PER EVENTO I LANDSCAPE I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia FESTIVAL I ART CONCORSO PER EVENTO I LANDSCAPE Sede: Sicilia Scadenza: 30 agosto 2015 Applicanti: artisti di ogni nazionalità Info

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FESTIVAL MUSICALE NAZIONALE LA CHANCE 2014/2015

REGOLAMENTO DEL FESTIVAL MUSICALE NAZIONALE LA CHANCE 2014/2015 REGOLAMENTO DEL FESTIVAL MUSICALE NAZIONALE LA CHANCE 2014/2015 Articolo 1: PREMESSA Il Festival Musicale Nazionale "LA CHANCE" 2014/2015 è un festival ideato, organizzato e gestito dall'associazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ILBONO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ILBONO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ILBONO ANNO SCOLASTICO 2008/09 SCUOLA PRIMARIA STATALE VIA ELINI 08040 ILBONO DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: IL MIO TERRITORIO: COLORI, SUONI, SAPORI Classi coinvolte : prima, seconda,terza,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA CURRICULARI EXTRACURRICULARI PROGETTO MUSICA TEATRO INFANZIA Denominazione del progetto/laboratorio PROGETTO FESTIVITA E RICORRENZE : Rappresentazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione MIUR.AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI.0001137.30-10-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRIGENTE il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre

Dettagli

LA MUSICA POPOLARE I CANTI

LA MUSICA POPOLARE I CANTI LA MUSICA POPOLARE I CANTI Nelle sue espressioni più autentiche, identificabili nei vjershe, nelle zgarxeta (o graxeta), nelle këngë, nei canti delle vallje e nei vajtime, le cui diverse modalità di esecuzione

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

Il curricolo verticale (prossimo venturo) A cura di Giovanni Spinelli - Liceo musicale V.Gambara di Brescia

Il curricolo verticale (prossimo venturo) A cura di Giovanni Spinelli - Liceo musicale V.Gambara di Brescia Rete nazionale Qualità e sviluppo dei licei musicali e coreutici SEMINARIO INTERREGIONALE RIVOLTO AI LICEI MUSICALI STATALI E PARITARI di Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Sardegna, Toscana, Umbria

Dettagli

Kathak. Irene Piccolo

Kathak. Irene Piccolo Kathak Letteralmente significa l arte di raccontare una storia. Trae origine dalle danze devozionali del nord dell India con le quali i cantastorie narravano gesta epiche e sacre della mitologia hindu.

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia

I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia I Art: Polo Diffuso per le Identità e l Arte Contemporanea in Sicilia Programma di Artist in residence Date: 30 marzo 28 aprile 2015 Sede: Sicilia Scadenza: 6 febbraio 2015 Applicanti: artisti residenti

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il Fotovoltaico Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche 2 3 Introduzione Il presente lavoro intende fornire, attraverso alcune sintetiche elaborazioni a cura dell

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Percorso gioco-esperienziale per lo sviluppo del Sé. per bambini (7-11 anni)

Percorso gioco-esperienziale per lo sviluppo del Sé. per bambini (7-11 anni) Percorso gioco-esperienziale per lo sviluppo del Sé. per bambini (7-11 anni) Liberamente ispirato ai principi della Pedagooogia 3000, al metodo Asiri e alle numerose esperienza di scuole alternative del

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

Corso di Antropologia della Musica. Simulazione Test d Esame A. A. 2007-2008

Corso di Antropologia della Musica. Simulazione Test d Esame A. A. 2007-2008 Corso di Antropologia della Musica Simulazione Test d Esame A. A. 2007-2008 1)-Quanti criteri suggerisce R. V. Bowers per una buona progettazione della ricerca etnomusicologica? a) Due b) Quattro c) Cinque

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

REPORTISTICA ISCRITTI

REPORTISTICA ISCRITTI Augusta Tartaglione REPORTISTICA ISCRITTI Elaborazione dati periodici forniti da Previnet. Aggiornamento al 30 giugno 2014 Augusta Tartaglione Comunicazione & Promozione comunicazione@fondofonte.it tel.

Dettagli

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini Associazione CittàTeatro per i bambini via A. Soffredini 75-20126 Milano tel. 02 27002476 - fax 02 27001084 direzionegenerale@teatrodelburatto.it - amministrazione@teatrodelburatto.it EXPO 2015 lacittàteatrodeibambini

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

PUGLIA INCENTIVE VIÀTIUS TOUR

PUGLIA INCENTIVE VIÀTIUS TOUR PUGLIA INCENTIVE COS È L INCENTIVE? Gli incentive aziendali, progettati ed organizzati per ottimizzare le relazioni interpersonali o gratificare professionisti motivati al raggiungimento dell obiettivo,

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTO MULTIDISCIPLINARE DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA CULTURE A CONFRONTO: CONVIVIALITÀ E CIBO FINALITÀ Educare al patrimonio culturale e alla cittadinanza attiva OBIETTI GENERALI. Favorire l integrazione

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

L associazione Volhand anche per l anno 2011-2012 propone una attività teatrale integrata. IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA

L associazione Volhand anche per l anno 2011-2012 propone una attività teatrale integrata. IL RITORNO DEI CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA PROGETTO TEATRO DI SCENA e DI STRADA ANNO 2011-2012 L associazione Volhand anche per l anno 2011-2012 propone una attività teatrale integrata. Con la presente siamo a presentare L ATTIVITA TEATRALE 2011-2012

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

"155 Anni di Firlinfeu"

155 Anni di Firlinfeu "155 Anni di Firlinfeu" Gruppo Folclorico Firlinfeu La Brianzola OLGIATE MOLGORA (Lecco) Progetto Culturale per i festeggiamenti del 155 anniversario di fondazione del Gruppo Folclorico Firlinfeu "La Brianzola"

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Presentazione Comune di Milano, ci sarà musica da ascoltare, strumenti da toccare e suonare, specialità gastronomiche da gustare

Presentazione Comune di Milano, ci sarà musica da ascoltare, strumenti da toccare e suonare, specialità gastronomiche da gustare Presentazione La manifestazione, realizzata con il patrocinio della zona 8 del Comune di Milano, nasce dalla volontà di valorizzare e far conoscere la regione Calabria da più punti di vista, o "in tutti

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

anno scolastico 2010-2011

anno scolastico 2010-2011 Attività c colari, pluridisciplinari e aggiuntive Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Scuola Attività Secondaria curricolari, di pluridisciplinari I Grado Giovanni e aggiuntive XXIII Scuola Secondaria

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA PROGETTI SCUOLA PRIMARIA AREA DELL'ESPRESSIVITA' E DELLA CREATIVITA' TEATRO NELLA SCUOLA Scuola primaria e secondaria di I grado, ambito curricolare. Il progetto prevede la visione di due rappresentazioni

Dettagli

L offerta formativa del liceo Calini

L offerta formativa del liceo Calini L offerta formativa del liceo Calini Il Calini è il Liceo Scientifico di più lunga tradizione a Brescia e, in linea con il carattere di questa città operosa e produttiva, si distingue per la serietà ed

Dettagli

Centro residenziale Monsignor Ciccarelli. Via C. Alberto, 18. 37057 San Giovanni Lupatoto (VR) Tel. 045 8296111. Fax 045 8751111

Centro residenziale Monsignor Ciccarelli. Via C. Alberto, 18. 37057 San Giovanni Lupatoto (VR) Tel. 045 8296111. Fax 045 8751111 Le diverse attività culturali, ludiche, spirituali e sociali che vengono prop o s t e p u n t a n o a c r e a r e un occasione di scambio di relazioni, di esperienze e di affetti significativi all interno

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SANTU PREDU LA SCENA DEGLI ALTRI fare festa assieme raccontare di noi confrontarci e guardare al nostro futuro

SANTU PREDU LA SCENA DEGLI ALTRI fare festa assieme raccontare di noi confrontarci e guardare al nostro futuro SANTU PREDU: un viaggio che va avanti da quarant anni; un cammino di ininterrotta passione e amicizia con la voglia di coltivare le tradizioni di Nuoro e condividerle il più possibile. Un viaggio quello

Dettagli

L Italia dei libri 2011-2013

L Italia dei libri 2011-2013 L Italia dei libri 2011-2013 Gian Arturo Ferrari 20 marzo 2014 Roma, Biblioteca Angelica Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000 famiglie al mese per tre mesi, 9000 famiglie

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015

ATTIVITÀ DELLE SEZIONI PROVINCIALI DELL ANVVF SVOLTE NELL ANNO 2015 Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale Iscritta al n. 161/2002 del Registro delle Persone Giuridiche presso l UfficioTerritoriale del Governo Roma Firmissima est inter pares amicitia

Dettagli

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva1 1. Premessa Roma, febbraio 2007 Gli asili nido comunali rientrano

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

SEMINARI DI FORMAZIONE PER DOCENTI, OPERATORI EDUCATIVI E STUDENTI UNIVERSITARI ANNO SCOLASTICO 2006-2007

SEMINARI DI FORMAZIONE PER DOCENTI, OPERATORI EDUCATIVI E STUDENTI UNIVERSITARI ANNO SCOLASTICO 2006-2007 SEMINARI DI FORMAZIONE PER DOCENTI, OPERATORI EDUCATIVI E STUDENTI UNIVERSITARI ANNO SCOLASTICO 2006-2007 IL GIOCO E LA MASCHERA - PEDRO SANCHEZ E SIGRID LOOS FORMATORI/ CENTRO EDUCAZIONE MONDIALITÀ/ BRESCIA-

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli