METODOLOGIA DELLA RICERCA ANTROPOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODOLOGIA DELLA RICERCA ANTROPOLOGICA"

Transcript

1 METODOLOGIA DELLA RICERCA ANTROPOLOGICA (dott.ssa Cinzia Mantello) Insegnamento di Archeologia Medievale (Francesco A. Cuteri) Corso di Laurea in Storia e conservazione dei Beni architettonici e ambientali Facoltà di Architettura Università Mediterranea di Reggio Calabria (Anno Accademico )

2 Metodologia della ricerca tafonomica Per l antropologo, come per l archeologo, è essenziale che lo studio dei resti abbia inizio sul campo, attraverso l identificazione e la registrazione di ciascun elemento della sepoltura in situ.1 Con il termine di antropologia sul campo si definisce l insieme degli atti compiuti dai necrofori intorno al cadavere durante il seppellimento e delle alterazioni subite poi dal sepolto fino al rinvenimento dei suoi resti durante scavi archeologici. In particolare, intendiamo per tafonomia l insieme delle alterazioni subite da un corpo dopo il suo seppellimento e, contemporaneamente, in archeologia, si definisce come sepoltura un luogo di deposizione di resti umani in cui si possono riconoscere gesti funerari volontari. Si tratta, quindi, si di un luogo in cui si realizza la convergenza del biologico e del culturale.2 Riconoscere una sepoltura implica, tra l altro, la stima della sua specificità, della sua estensione, delle strutture intra-sepolcrali e inter-sepolcrali e l eventuale riconoscimento dei tre possibili spazi associati ad essa: il reale, ossia quello sepolcrale vero e proprio, il religioso ed il cerimoniale. Per descrivere e classificare le sepolture sono stati utilizzati i concetti concernenti l antropologia du terrain, una formula ideata e per la prima volta utilizzata nel corso degli anni 80 dalla scuola francese.3 Si tratta di distinguere i vari tipi di sepoltura, in base alla presenza all interno della stessa tomba di uno o più cadaveri, e i vari tipi di deposizione, in base alle connessioni anatomiche mantenute delle ossa del cadavere: strette, allentate o spostate. La durata necessaria alla distruzione completa delle parti molli varia naturalmente in funzione del trattamento funerario e dell ambiente nel quale si trova un corpo. In condizioni medie per un cadavere inumato nelle zone temperate, sembra che il tempo necessario alla dislocazione naturale delle articolazioni non sia mai inferiore a qualche settimana4, termine che fissa il limite discriminante tra una sepoltura primaria ed una deposizione differita. 1 come precedentemente affermato nel capitolo 1, per i manuali che descrivono le modalità di recupero dei resti scheletrici in archeologia si veda: MALLEGNI F. (a cura di), Memorie dal sottosuolo e dintorni. Metodologie per un recupero e trattamenti adeguati dei resti umani erratici e da sepolture, ed. Plus, 2005; BROTHWELL D.,Digging up bones. London, 1981; BORGOGNINI TARLI S., PACCIANI E., I resti umani nello scavo archeologico. Metodiche di recupero e studio., Bulzoni Editore, 1993; HAGLUND W.D., SORG M.H., Forensic taphonomy: the post-mortem fate of human remains, CRC Press, New York, DUDAY H., in MALLEGNI F., RUBINI M., Recupero dei materiali scheletrici umani in archeologia, ed. CISU1, MALLEGNI F., RUBINI M

3 Una scheda per le deposizioni funerarie non è stata ancora elaborata dall Istituto centrale per il Catalogo ed ogni antropologo, in genere, ne ha una propria. Non si può avere la presunzione di fare ciò che studiosi più competenti, e soprattutto con molti più anni di esperienza, della sottoscritta, non hanno fatto, ma si è tentato comunque di elaborare una scheda di catalogazione per la dettagliata registrazione di tutti movimenti subiti dal corpo dopo l interramento. Partendo dalle considerazioni generali appena enunciate, questa scheda vorrebbe descrivere e raccogliere tutte le informazioni generali sulla tomba in esame. Lo scavo è sempre un attività distruttiva, pertanto è necessario che ogni dettaglio riguardante l osso interrato sia registrato in situ. Tutti i campi sono stati scelti dopo un attenta riflessione sulle dinamiche che intervengono a modificare il corpo subito dopo il suo interramento, ma, guardando da un ottica ancora più ampia, potremmo dire archeologica, non sono stati trascurati neppure i campi concernenti l intenzionalità delle deposizioni, la ritualità che ne sta alla base e soprattutto i rapporti stratigrafici che vengono ad interporsi tra la sepoltura e l ambiente circostante. Oltre alla descrizione delle caratteristiche peculiari delle tombe, dei dati di rilevamento della sepoltura e dei dati relativi ai singoli individui in essa contenuti, la scheda tafonomica prevede, infatti, anche la registrazione dei dati generali di documentazione e dei rapporti stratigrafici. Diversamente da quanto descritto nella scheda di registrazione per il contenitore funerario usata a Londra (Site Manual, 1990)5, nella descrizione e nel diagramma stratigrafico anche lo scheletro è numerato con un numero di US. In quanto un azione minima riscontrabile, anche il corpo seppellito, che corrisponde all azione delle deposizione (così come il taglio, che corrisponde all azione dello scavo della fossa, e il riempimento, che corrisponde all azione della copertura della salma) è stato numerato come Unità Stratigrafica. Tale azione permette anche di raccordare il lavoro di archeologi e antropologi, dal momento che anche l individuo in esame entrerà a far parte della sequenza cronologica, con rapporti di anteriorità, rispetto al suo riempimento, di posteriorità, rispetto al suo taglio e contemporaneità, rispetto ad eventuali altri individui deposti nello stesso contesto tombale. 4 CATTANEO C., MALDARELLA M., Crimini e farfalle. Misteri svelati dalle scenze naturali,raffaello Cortina Editore, pag. 16, CARANDINI F., Storie dalla terra, Einaudi, 1996.

4 A questo punto, ben si comprende come il termine tomba venga riferito all intero insieme delle azioni, il termine sepoltura all individuo in essa contenuto ed il termine deposizione alla modalità con cui esso è stato deposto.6 Dato che il presupposto principale dell elaborazione di una scheda di catalogazione dei resti ossei è quello di permettere un confronto tra tutti i siti, e soprattutto di definire dei campi universalmente comuni a tutti gli archeo-antropologi, si è preferito inserire nella scheda anche il campo riguardante la ritualità, sebbene non si riscontrino in epoca medievale esempi di cremazione o mummificazione degni di nota. Tipo di rituale I riti funebri sono cerimonie, usanze e credenze relative al defunto e alla sua sepoltura che variano da una cultura all'altra, a seconda delle differenti concezioni religiose circa la vita, la morte e la speranza della rinascita. L'antropologia contemporanea li considera un'espressione simbolica, più o meno elaborata, dei valori prevalenti in una determinata società: ogni tipo di civiltà ha lasciato tracce e testimonianze relative ad usanze e rituali funerari.7 La maggior parte degli eventi che accadono in una cerimonia funebre, infatti, non sono tanto dettati dalla volontà del defunto o dei suoi familiari, ma rispondono a delle convenzioni sociali.8 Perfino le emozioni espresse durante il rituale sarebbero, almeno in parte, determinate dalla tradizione.9 Si ritiene che i diversi metodi utilizzati per seppellire i defunti siano dovuti, oltre che alle credenze religiose, anche ad altri fattori, quali ad esempio il livello culturale delle civiltà e le condizioni climatiche.10 Sin dai tempi più antichi i rituali di preparazione e cura delle salme (come l'uso di indumenti particolari, ornamenti preziosi, oggetti religiosi e amuleti) furono molto comuni. La più antica forma conosciuta di sepoltura risale al Paleolitico (quella neandertaliana di Tabun, vecchia di 120 mila anni da oggi, e quelle di Skhull di Homo sapiens, risalente a più di 100mila anni da oggi, tutte in Palestina).11 In seguito in tombe assai più recenti, ma sempre del Paleolitico, sono stati rinvenuti scheletri intrisi di ocra e 6 ancora DUDAY H. in MALLEGNI F., RUBINI M, TAMBIAH S.J., Rituali e cultura, Il Mulino, Bologna, THOMAS L.V., Rites de mort. Pour la paix des vivants, Fayard, Parigi, HARRISON R.P., Il dominio dei morti, Fazi Editore, ALCIATI G., FEDELE M., PESCE DELFINO V., La malattia dalla preistoria all età antica, Laterza, MALLEGNI F. (a cura di), Come eravamo. L evoluzione umana alla luce delle più recenti acquisizioni, LTU Guarguaglini, Pisa, 2001; FACCHINI F., Il cammino dell evoluzione umana, ed.jaca Book, Milano, 1985.

5 con un inequivocabile corredo funebre; poi si troveranno tutte le posizioni possibili nella deposizione del cadavere (per. Es. la posizione fetale nei neolitici). Il rito funebre più diffuso nelle società occidentali è la deposizione nella terra, cerimoniale antichissimo che probabilmente celebrava in origine un ritorno simbolico alla "madre Terra" (Gea).12 In seguito si assiste a rituali ancora iù complessi quali il trattamento del cadavere per la imbalsamazione, tipica della cultura egizia, e la cremazione, praticata con l'intenzione di liberare l'anima dal corpo. Ritenendo necessario preservare intatto il corpo del defunto per consentire alla sua anima il passaggio a una nuova vita, gli egiziani avevano perfezionato la tecnica della mummificazione, che impediva il processo di putrefazione. Il rito dell'esposizione, invece, è praticato tanto in regioni il cui clima caldo e privo di umidità permette al corpo di disseccarsi, quanto nelle zone artiche, dove è impossibile scavare il suolo gelato. Rituali più complessi sono l'imbalsamazione, tipica della cultura egizia, e la cremazione, molto diffusa in India dove viene praticata con l'intenzione di liberare l'anima dal corpo.ritenendo necessario preservare intatto il corpo del defunto per consentire alla sua anima il passaggio a una nuova vita, gli egiziani avevano perfezionato la tecnica della mummificazione, che impediva il processo di putrefazione. Il rito dell'esposizione, invece, è praticato tanto in regioni il cui clima caldo e privo di umidità permette al corpo di disseccarsi, quanto nelle zone artiche, dove è impossibile scavare il suolo gelato. Vi sono poi altre forme rituali13, meno comuni, che prevedono l'abbandono della salma direttamente in mare oppure su una piccola imbarcazione destinata a compiere un ideale viaggio verso il mondo dei morti. Il cannibalismo, infine, viene interpretato come un atto cerimoniale che assicura la comunione del defunto con la propria tribù. Inumazione L inumazione è la pratica di interrare i cadaveri umani. Conosciuta dai tempi più remoti14, la sepoltura ha forse avuto all inizio la funzione primaria di allontanare i mangiatori di carogne (iene, avvoltoi ecc.), comunque, ha sempre assolto una funzione igienica e una 12 KLEIN R.G., Il cammino dell uomo: antropologia culturale e biologica, Bologna, SERRANO SANCHEZ C., Funeral practices and human sacrifice in Teotihuacan burials, Am. Juorn. of Phys Anthrop., 90: , 1999; CROSETTO A., Sepolture ed usi funerari medievali, in MERCANDO L., MICHELETTO E. (a cura di), Archeologia del Piemente. Il Medioevo. vol.3, pp , Oltre 100 mila anni fa, come avevamo precedentemente affermato.

6 religiosa: l'allontanamento del cadavere dalla comunità, se da una parte aveva lo scopo di impedire la trasmissione di malattie, dall'altra era dettato dall'atteggiamento di probabile paura dell'uomo nei confronti della morte e quindi dall'intento di impedire il ritorno del defunto tra i vivi.15 Preceduta dal semplice abbandono del cadavere, in pasto ad animali, dentro grotte o caverne, su torri, in acqua, sul terreno, la pratica della sepoltura si affermò presso le società più complesse e soprattutto in quelle sedentarie. Presso molti popoli le due pratiche coesisterono e l'inumazione veniva riservata solo a persone di rango superiore.16 Mummificazione La mummificazione è un processo naturale o artificiale attraverso il quale viene bloccata la decomposizione dei tessuti di un cadavere, preservandolo nel tempo in forme simili all aspetto originario.17 Si può produrre come fenomeno naturale e casuale in particolari condizioni climatiche e ambientali, laddove la temperatura molto alta o molto bassa, la buona ventilazione, l assenza di umidità o la mancanza di ossigeno ostacolano i processi putrefattivi. Corpi mummificati furono rinvenuti, ad esempio, nelle regioni aride del Perù, sepolti nella sabbia del deserto, e in alcune località della Cina occidentale, in terreni con forte componente salina. Il clima caldo e secco, nel primo caso, e la proprietà igroscopica del sale, nel secondo caso, favorirono la graduale evaporazione o perdita dei liquidi corporei. Diverse furono le trasformazioni chimiche subite dalle mummie scoperte in alcune caverne dell Alaska e della Groenlandia18, dove fu il freddo spinto a rallentare la decomposizione dei cadaveri. Fu invece una situazione differente quella che portò alla mummificazione di alcuni corpi scoperti nelle torbiere scandinave, dove responsabili della conservazione della materia organica furono l acido tannico e la mancanza di ossigeno. Costituisce invece il risultato di un intervento artificiale la trasformazione dei cadaveri in mummia presso molti popoli antichi, ancora oggi presente in alcune culture. Articolata in vari procedimenti di essiccazione o imbalsamazione, tale pratica trova giustificazione nell ambito della religione e della cultura del tempo. Numerose mummie essiccate sono state rinvenute nel Sud-Est asiatico, in Australia, in Cina, in diverse regioni 15 SCHINDLER D.L., ARMELAGOS G.L., BUMSTED M.P, Biocultural adaption: new directions in Northeastern anthropology, Fundations of northeast Archaeology, ed. D.R.Snow, THOMAS L.V.,, COCKBURN T.A., COCKBURN E., Mummies, diseas and ancient populations, in Current Anthropology, 12, pp , HANSEN J.P.H., MELDGAARD J., NORDQVIST J., The Greenland mummies, Smithsonian Institute Press. W.D.C., 1991.

7 dell Africa settentrionale e centrale. Il metodo dell imbalsamazione pare invece essere stato prevalente in Perù, nel Vicino Oriente e soprattutto in Egitto, dove la diffusione, la complessità e l efficacia della mummificazione rituale, adottata dall Antico Regno intorno al 700 ca. a.c., raggiunsero livelli assolutamente ineguagliati. Cremazione La Cremazione è la pratica di bruciare i corpi dei defunti, le cui ceneri vengono conservate in un'urna, sepolte oppure disperse.19 Riguardo alla sua origine, oltre alla probabile motivazione di orine religioso, la cremazione risponde anche a criteri igienici: la sepoltura dei defunti soprattutto se deceduti a causa di un'epidemia o di una malattia altamente contagiosa, può infatti comportare per l'intera comunità il rischio di contaminare le fonti di approvvigionamento idrico e talvolta addirittura di contagio20. Le più antiche testimonianze relative a cremazioni risalgono al periodo neolitico 21; maggiori informazioni si hanno relativamente al periodo fra il 1400 a.c. e il 200 d.c., in cui la cremazione venne ampiamente praticata, soprattutto in epoca romana, dai patrizi: la famiglia di Giulio Cesare fu ad esempio una delle numerose gentes a seguire tale usanza. Il cristianesimo proibì invece la cremazione, in quanto il corpo, una volta distrutto, non avrebbe potuto risorgere; anche l'ebraismo proibì la cremazione, considerata un'offesa all'opera di Dio. Gli ebrei ortodossi, la Chiesa ortodossa orientale e i musulmani vietano ancora oggi la cremazione, praticata da alcuni gruppi ebraici e cristiani, dai buddhisti e dagli induisti. Tipo di tomba La descrizione del tipo di tomba riguarda esclusivamente lo spazio sepolcrale entro il quale viene collocato il cadavere. Si fa quindi riferimento solo all eventuale presenza di una struttura muraria, un cassone litico, una struttura alla cappuccina, un circolo di pietre che circonda il corpo, o più semplicemente all eventuale presenza e/o assenza di una cassa lignea decompostasi in una fase successiva al cadavere. Non è possibile elencare tutte le possibili alternative al tipo di tomba, riscontriamo infatti molte volte situazioni abbastanza confuse; si procede quindi alla semplice registrazione 19 SHIPMAN P ET AL., Burnt bones and teeth: an experimental study of color, morphology, crystal structure and shrinkage, Jour. of Archaeol. Science, 11: , MARONGIU S., Tomba megalitica II di St. Martin de Corleans(AO): aspetti biologici e nutrizionali degli inumati e degli incinerati in essa contenuti, nel contesto culturale dell Eneolitico valdostano, Tesi di Laurea, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Pisa, relatore prof. Francesco Mallegni, BARRA A., GRIFONI CREMONESI R., MALLEGNI F., PIANCASTELLI M., VITIELLO A., WILKENS B., La Grotta Continenza di Trasacco. I livelli a ceramiche, Rivista di Scienze Preistoriche, 42, pp ,

8 delle evidenze e, in un secondo momento, nel registrare i movimenti subiti dal corpo dopo il suo seppellimento si precisa il tipo di tomba. Tipo di sepoltura Quando una tomba contiene due o più individui si tratta di una sepoltura bisoma. Se i cadaveri sono stati deposti contemporaneamente, sono riconoscibili le loro connessioni anatomiche e l individualità scheletrica dei singoli, tranne che nel caso in cui non si siano verificati fenomeni di disturbo e dislocazione delle ossa. Se ci si trova in presenza di un insieme funerario costituitosi in un periodo abbastanza lungo, si noteranno dei rimaneggiamenti a causa del collocamento di ciascun nuovo cadavere. Se invece la sepoltura segue una certa contemporaneità nella deposizione dei cadaveri, allora questi rimaneggiamenti verranno a mancare. Sepolture singole e Sepolture collettive Una sepoltura collettiva che non segue la contemporaneità può essere analizzata correttamente solo se la deposizione dei cadaveri è avvenuta in tempi abbastanza lunghi gli uni dagli altri da permettere la dislocazione delle articolazioni più labili. Solitamente quando ci si trova davanti a una sepoltura collettiva che segue lo stesso andamento cronologico, siamo in presenza di eventi conseguenti a catastrofi (ad esempio massacri o catastrofi naturali); per questo motivo, tali sepolture seguono la denominazione di sepoltura da catastrofe. Per l identificazione degli scheletri sul terreno durante lo scavo di una sepoltura collettiva, bisognerebbe far corrispondere la totalità o almeno una parte delle ossa dello scheletro di uno stesso individuo. Ciò può verificarsi quando durante le fasi di scavo si identifica l evidenza della connessione fra le ossa di uno stesso individuo (collegamento di primo ordine ). Se però l insieme funerario si presenta come un insieme di individui con una grande dislocazione o addirittura frammentazione, sarebbe giusta norma ricorrere alla ricerca dei collegamenti di secondo ordine, operazione che si svolge poi in laboratorio. Il collegamento di secondo ordine potrà essere eseguito in vari modi: - per incollaggio di frammenti che combaciano; - per collegamento articolare, cioè tramite l analisi di articolazioni con morfologia complessa che permette il riconoscimento delle ossa contigue dello stesso individuo; - per collegamento evidenziabile attraverso lo stesso stadio di maturazione;

9 - per collegamento di appartenenza ad un insieme patologico con una patologia diffusa o focalizzata; - per appaiamento di ossa simmetriche. Tipo di deposizione L individuazione del tipo di deposizione si basa sull osservazione delle connessioni anatomiche: in questa prospettiva, si comprende facilmente che gli indicatori più pertinenti saranno quelli che concernono le articolazioni che cedono più rapidamente, le articolazioni labili. Il mantenimento della connessione, infatti, implica necessariamente un intervallo di tempo breve tra il decesso e la deposizione del cadavere. Al contrario, le articolazioni che resistono più a lungo ai processi di decomposizione si definiscono articolazioni persistenti. Le articolazioni labili concernono generalmente le ossa di dimensioni modeste o fragili: colonna cervicale, mani, parte distale del piede, giunzione scapolo-toracica. Le articolazioni persistenti, invece, uniscono delle parti soggette a forze biomeccaniche importanti; questo giustifica la presenza di legamenti spessi e potenti: articolazione atlante-occipitale, colonna lombare, cerniera lombosacrale, articolazioni sacro-iliache. I legamenti più labili scompaiono dopo 15 giorni, di conseguenza non è possibile distinguere tra una deposizione simultanea ed una che avviene entro il predetto lasso di tempo. Sepolture primarie e Sepolture secondarie La sepoltura primaria è il luogo in cui avviene la decomposizione del defunto. Si riconosce mediante l osservazione delle connessioni anatomiche: il defunto è deposto nel momento in cui le sue parti molli non sono del tutto decomposte e ciò garantisce la connessione tra le ossa. Infatti, in una sepoltura primaria, le ossa delle mani, dei piedi e del tratto cervicale della colonna rimangono in connessione fisiologica fino al momento della loro scoperta.22 In realtà, anche quando non si verificano eventi di disturbo esterni post-deposizionali, la locazione originaria delle ossa viene spesso alterata dagli eventi tafonomici, soprattutto per effetto della gravità. La mancanza di connessioni anatomiche non identifica necessariamente una sepoltura secondaria, ma può essere dovuta ad una particolare posizione del corpo in uno spazio vuoto, in uno spazio vuoto iniziale, poi riempito, o in uno 22 DUDAY H., 1994.

10 spazio pieno alterato da particolari movimenti del terreno, da infiltrazioni d acqua, dal passaggio di animali terricoli o da interventi per lavori agricoli o edili. Da queste considerazioni risulta necessaria la registrazione dettagliata della posizione esatta delle ossa per comprendere gli spostamenti dovuti ai processi pre e postdeposizionali al fine di risalire alla posizione originaria del defunto. Un caso particolare di sepoltura primaria è rappresentato dalla riduzione dello scheletro: essa si rileva quando tutte le sue ossa, o una sola parte, sono spostate dalla loro posizione originaria ma rimangono all interno dello spazio dove è avvenuta la decomposizione. Si definiscono sepolture secondarie quelle che accolgono parti delle ossa di un individuo la cui decomposizione è avvenuta in altro luogo. I resti dello scheletro, e difficilmente tutti, sono prelevati e collocati in un altro luogo. Il passaggio tra i due luoghi è chiamato dagli etnologi secondo funerale. Sono, quindi, collegate a due momenti distinti nello spazio e nel tempo e si caratterizzano per il fatto che le ossa non conservano tra loro le connessioni anatomiche, in particolare quelle labili. Così come abbiamo detto in precedenza riguardo alle sepolture primarie, non tutte le sepolture prive di connessioni sono secondarie: diagnosticarle è difficile poiché non basta accertare un apparente disordine. Se un cadavere, ad esempio, viene deposto in piedi legato ad un supporto in uno spazio vuoto, quando si decompone le ossa cadono in una posizione disordinata, che può far supporre una posizione secondaria. Quest ultimo rimane, comunque, un caso limite e generalmente per aiutarsi nella definizione del tipo di deposizione si fa ricorso all osservazione delle piccole ossa, che nella traslazione dei resti vengono solitamente trascurate. Sepolture in spazio pieno e Sepolture in spazio vuoto Le ossa di un individuo sepolto in uno spazio vuoto, per esempio in un sarcofago, all interno di una cassa funeraria o in una cavità ipogea, non più trattenute dai legamenti, in seguito alla decomposizione delle sue parti molli, tendono a spostarsi, per effetto della gravità. Questi processi tafonomici determinano la perdita ed importanti spostamenti delle connessioni anatomiche. Se il defunto è ritrovato all interno di un sedimento terroso, ma presenta: la cassa toracica appiattita, le rotule cadute all esterno, il bacino aperto e affossato ciò indica che il cadavere

11 è stato sepolto in un originario spazio vuoto, probabilmente in una cassa di materiale deperibile. Al momento della decomposizione del contenitore, avventa in un momento successivo rispetto a quella del cadavere, il sedimento terroso si deposita a contatto con le ossa, trasformando l aspetto della sepoltura e rendendo più complessa la sua identificazione. Gli elementi che permettono di individuare la sua tipologia, in questo caso, sono i perni o i chiodi di metallo, sopravvissuti ai processi di decomposizione ed il colore particolare del terreno circostante, di colore generalmente più scuro. Anche la forma del contenitore è arguibile talvolta dalla posizione delle ossa: se la fossa è molto stretta si verificherà una verticalizzazione delle clavicole per contrazione delle spalle. Se il defunto è stato sepolto in uno spazio pieno, vale a dire in piena terra, i sedimenti terrosi tendono a sostituirsi gradualmente alle parti molli, man mano che queste si decompongono, le connessioni anatomiche tra le ossa si conservano e si crea il cosiddetto effetto parete. Si può verificare anche il caso che uno spazio, originariamente pieno, diventi vuoto. Quando il defunto, o parte di esso, è deposto su sostegni di materiale deperibile (piano di legno, cuscini funerari, ecc..) questo si decompone con maggiore lentezza rispetto al corpo umano, ma al momento del suo crollo le ossa, già separate e prive di un sostegno, cadranno disordinate nello spazio sottostante. Anche in questo caso, una registrazione ed uno scavo accurati possono permettere di intuire la presenza di un sostegno. Orientamento e posizione del corpo Per interpretare la ritualità di una sepoltura ed il suo spazio distintivo bisogna rilevare anche l orientamento del corpo e della testa e l esatta posizione in cui il cadavere è stato collocarto. L orientamento, cioè la direzione ed il verso dell asse del tronco, in relazione ai punti cardinali o ad altri punti di riferimento, naturali o culturali, oltre ad indicare la collocazione vera e propria del corpo, permette anche un riferimento ai diversi tipi di rituale praticato. E universalmente nota infatti l usanza tipica dei cristiani di seppellire con lo sguardo rivolto ad oriente. Di contro, un diverso orientamento del corpo, non è esclusivamente retaggio di altri culti, ma potrebbe rispondere all esigenza di orientare lo sguardo del cadavere verso l abside o l ingresso di un probabile edificio di culto. La posizione indica la configurazione globale del corpo rispetto al piano di giacitura: prono, supino, laterale destro, laterale sinistro, nonché l insieme dei rapporti reciproci fra le varie parti scheletriche, descritti singolarmente nella seconda parete della scheda.

12 La posizione del corpo deve essere descritta con cura, per il suo valore nella ricostruzione del rituale funebre o delle circostanze della morte e del seppellimento. Per descrivere la posizione degli arti superiori si fa riferimento alla nomenclatura di distesi lungo i fianchi, piegati sull addome, incrociati sul torace, e si lascia la possibilità di annotare eventuali altre posizioni; per la descrizione degli arti inferiori vengono comunemente utilizzate espressioni come distesi, flessi, lievemente piegati. Bisogna comunque posizionare ogni parte scheletrica che, per la sua ubicazione o per il suo significato,assuma una particolare importanza. Movimenti subiti dopo la deposizione Nell osservazione di tutte le alterazioni subite da un corpo dopo il suo seppellimento, è necessario segnalare se, dopo l interramento e la decomposizione delle parti molli, siano avvenuti dei movimenti che hanno comportato una modificazione della situazione. La tafonomia registra tutti movimenti subiti dal corpo dopo l interramento, modificazioni che si vengono a creare ad opera della gravità: un corpo che si decompone in spazio vuoto presentarà gabbia toracica appiattita, coxali aperti e femori ruotati. I movimenti subiti dal corpo dopo la deposizione registrano, invece, tutte quelle modificazioni subite ad opera di altri fattori, quali radici cresciute nel terreno, falda acquifera, passaggio di animali terricoli, arature o altri interventi di natura antropica che modificano la situazione venutasi a creare in condizioni normali. Anche in questo caso, sarà necessario distinguere l accidentalità dall intenzionalità di tali modificazioni, per poter giungere ad una definizione corretta del tipo di giacitura e del tipo di deposizione. Solo un accurato recupero ed una precisa registrazione dei dati in fase di cantiere, potrà fornire una corretta identificazione della tomba. Metodologia della ricerca antropologica Le variabili antropometriche del cranio sono ormai definite dalla tradizione e, se ancora resta uno spazio per la loro interpretazione, questa deve riguardare soprattutto il loro significato genetico, adattativi ed evolutivo.

13 Il sistema delle misure craniche che potremmo definire classico è quello fissato nel trattato di Martin e Saller ( )23 che ne fornisce l esatta definizione. Il numero di riferimento di ogni variabile descritta in questo trattato viene infatti correntemente usato dagli specialisti per riferirsi ad una misura in modo inequivocabile. Questo sistema consiste in una serie di punti craniometrici che fanno da riferimento ad una serie di misure, che a loro volta consento di elborare dei rapporti centesimali, gli indici. misure craniometriche I punti craniometrici possono essere considerati di due tipi fondamentali: quelli, che potremo definire reali, perché soddisfano il concetto geometrico di punto o comunque hanno una posizione che deve essere individuata e stabilita prima di effettuare la misura, e quelli che potremo definire virtuali, la cui posizione non deve essere necessariamente stabilita con precisione, ma è sufficiente conoscerne l ubicazione di massima per poi individuarli per mezzo delle punte del compasso: sono questi i punti che individuano i 23 MARTIN R. e SALLER K., Lehrbuch der Antropologie in systematischer Darstellun, Band 1-2, Stuttgart: Fischer Verlag.,

14 diametri minimi e massimi. Nella pratica sono quei punti, come gli euryon, la cui distanza corrisponde alla larghezza massima del neurocranio e che si trovano facendo scorrere le punte del compasso sui parietali.24 La prassi per la nomenclatura dei punti craniometrici e, più in generale, di quelli antropometrici, prevede la formazione di neologismi dal greco. Si usa dividerli sulla base della simmetria del cranio e, di conseguenza, avremo punti sagittali, o punti impari, e i bilaterali, o punti pari. La maggior parte dei punti craniometrici segna elementi caratteristici che esprimono alcuni aspetti fondamentali delle ossa craniche o del cranio in generale, per valutare le caratteristiche metriche, la morfologia e l accrescimento. La valutazione metrica e morfometrica, ossia della forma in funzione delle sue dimensioni, può essere attuata instaurando un sistema di variabili metriche o misure che hanno come riferimento i punti craniometrici. Il sistema è basato sulla misura diretta della distanza tra i punti, delle curve, degli archi e delle corde sottese tra di essi sulla superficie del cranio, oppure è possibile determinare la posizione in coordinate polari o cartesiane. Le principali misure craniche consentono di determinare le dimensioni del neurocranio e dello splancnocranio, nonché delle singole ossa. Per quanto riguarda il neurocranio, si descrivono generalmente quattro misure principali: la lunghezza cranica (che misura dalla glabella all opistocranio), la Larghezza cranica (euryon euryon), l altezza cranica (basion bregma) Queste tre misure sono utilizzate, oltre che per il calcolo degli indici cranici, anche per la stime della capacità cranica. Oltre a queste misure d insieme, è particolarmente utile la Larghezza frontale minima (stefanion stefanion) e la laghezza frontale massima (coronale coronale), che misurano rispettivamente la minima e la massima divaricazione del frontale. La diversa larghezza del frontale rispetto alla larghezza massima della faccia fornisce la relazione tra il neurocranio e lo splancnocranio, che si esprime nel modo più semplice nell osservazione del cranio in norma verticale. Tra le misure essenziali della faccia vi sono le altezze: quella totale, (nasion gnation), che si rileva sul cranio completo di mandibola e che è fortemente influenzata dalla presenza o meno della dentatura, e quella superiore (nasion prosthion), che si misura sul solo calvario. Le altre misure rilevate sono quelle nasali, orbitali e palatali. 24 BASS W. M., Human osteology. A laboratory and field manual of skeleton, The Missouri Archaeological Society, 1987.

15 La morfometria Le dimensioni del cranio ricavate attraverso i processi di misurazione descritti possono essere direttamente utilizzate come variabili per analisi di tipo statistico e per altre elaborazioni matematiche. L antropometria classica a questo proposito ha elaborato i valori metrici, instaurando rapporti percentuali tra due (o più) variabili: gli indici. Il vantaggio dell indice sta nel fatto che esso confronta le misure, ma prescinde dalle dimensioni assolute, in quanto un indice è un puro numero adimensionale.25 valori x 74,9 75,0 79,9 80,0 x definizione dolicranio mesocranio brachicranio Indice cranico- orizzontale Esso consente di condurre l analisi morfometrica, ossia descrive la forma del cranio, o di qualunque altro elemento anatomico, indipendentemente dalla grandezza. Si rileva l indice cranico orizzontale o indice cefalico, il rapporto in percentuale fra larghezza cranica massima e lunghezza antero-posteriore, per i quali si considera rispettivamente una tripartizione in soggetti con cranio corto e largo, brachicranici, medio, mesocranici, lungo e stretto, dolicranici. 25 BORGOGNINI TARLI S., PACCIANI E., I resti umani nello scavo archeologico. Metodiche di recupero e studio., Bulzoni Editore, 1993.

16 L indice vertico-longitudinale definisce il rapporto in percentuale fra altezza cranica e lunghezza massima, che indica crani camocranici, cioè di profilo lungo e basso, ortocranici, quindi con un profilo in cui lunghezza e altezza sostanzialmente si uniformano, e ipsicranici, cioè crani stretti e alti. valori x 69, ,9 75,0 - x definizione camocranio ortocranio ipsicranio Indice vertico- longitudinale L indice vertico-trasversale indica il rapporto tra l altezza cranica al basion e la massima larghezza cranica, definendo crani tapeinocranici, che indica un cranio che osservato posteriormente appare largo e basso, crani metriocranici, quindi medi, crani acrocranici, stretti e alti.

17 valori x 91,9 92,0 97,9 98,0 x definizione tapeionocranio metriocranio acro cranio Indice vertico-trasversale Altro indice fondamentale è quello facciale, che considera una tripartizione in soggetti con faccia larga, euriprosopi, media, mesoprosopi, e stretta, leptoprosopi. Queste suddivisioni, che raramente considerano il termine intermedio della tripartizione, lasciano molto spazio alla casualità della diagnosi razziale. valori x 84,9 85,0 89,9 90,0 x definizione euriprosopo mesoprosopo leptoprosopo Indice facciale

18 La morfologia Un aspetto tradizionale della ricerca antropologica è quello dello studio del cranio: la craniometria. La finalità tipica dell indagine craniometrica è stata legata per molto tempo alla classificazione razziale, mentre solo da poco è stato dato risalto ai fattori genetici, selettivi, adattativi e biomeccanici espressi nel cranio. A queste variabili, infatti, è stata attribuita una base ereditaria, che ne consentirebbe l uso come traccianti della struttura genetica. Molte di esse possono però essere influenzate da fattori ambientali, quali ad esempio certe deformazioni meccaniche, pertanto bisogna pertanto distinguere tra esse quali siano più caratterizzanti delle altre. I caratteri descrittivi del cranio vengono generalmente osservati secondo particolari norme o direzioni di osservazione normali ad alcuni piani che vengono individuati in base a precise convenzioni. Possono manifestarsi come: - suture ancora visibili anche dopo il raggiungimento dell età adulta - ossicini suturali - canali o foramina accessori - fori aperti o completi - faccette articolari accessorie. Queste variabili sono considerate come varianti di tipo discreto, cioè che si manifestano alternativamente (presenza/assenza del carattere) indipendentemente dall età e dal sesso degli individui considerati, e la loro importanza, che ribadiamo anche sembrando prolissi, è data proprio dal carattere ereditario. I caratteri morfologici e discreti riscontrabili sullo scheletro sono stati rilevati e descritti secondo uno schema proposto ed elaborato su lavori e trattati di diversi autori (MallegniUsai, 1995). Per quanto riguarda i caratteri morfologici del distretto cranico sono stati considerati i lavori di Sergi (1912), Martin e Saller ( ), Bass (1967), Strouhal e Jungwirth (1984). Relativamente ai caratteri discontinui del cranio sono state utilizzate le metodiche di Hauser e De Stefano (1989), Coppa e Rubini (1997), Berry e Berry (1967). Per i caratteri ergonomici, legati a stress funzionali nel distretto cranico, si fa riferimento a quanto scritto da Martin e Saller (1959), Ascenzi e Balestreri (1975), Mann e Murphy (1980), Brothwell (1981), Capuzzi e Stea (1990, Haugen (1992), Capasso et al. (2001). Avremo secondo i suddetti piani: la norma frontale, che permette di osservare la forma della faccia vista di fronte, delle orbite, dell apertura piriforme, dei mascellari e della mandibola. Si osservano inoltre lo sviluppo degli zigomi e l altezza della fronte.

19 La norma laterale (destra e sinistra) permette di osservare il profilo della faccia, la sporgenza delle arcate sopracciliari, delle ossa nasali, dei mascellari (prognatismo)26, degli alveoli e del mento. In norma laterale si descrive anche il contorno del neurocranio, ossia la verticalità o l inclinazione della fronte, il profilo della volta, la morfologia della regione occipitale, la sporgenza, la batrocefalia e la clinocefalia.27 La norma inferiore permette di descrivere la base del cranio, la posizione e la forna del foro occipitale, dell apofisi spinosa, il palato, la morfologia e le caratteristiche dell arcata dentale, la forma e la sporgenza delle arcate zigomatiche. Osservando il cranio in norma posteriore si possono descrivere la forma del contorno cranico, la sporgenza delle apofisi mastoidi, la sutura lambdoidea e la presenza, più o meno frequente, di ossa soprannumerarie o wormiane, in particolare il così detto osso epactale o incarico, che occupa a volte la regione lambdoidea a causa della presenza di una sutura soprannumeraria28. Infine, la norma superiore permette di descrivere il cranio dall alto, osservandone la forma del contorno e assimilando i contorni a figure geometriche (ellissoide, ovoide, pentagonoide, sfenoide, romboide); tale forma è appunto denominata forma sergiana, in quanto elaborata da Giuseppe Sergi nel Se l arcata zigomatica è visibile in questa norma si ha la fenozighia, ossia la faccia è larga rispetto al cranio, mantre nel caso contrario si ha la criptozighia.30 E stata poi rilevata la presenza, in norma superiore, di ossicini coronali, dell osso bregmatico e dei fori obelici; in norma inferiore, della faccetta condiloidea sdoppiata e del tubercolo precondiloideo; in norma anteriore, la sutura metopica, il forame frontale; in norma posteriore, ossa wormiane alla lambdiodea, osso epactale o incaico, osso asterico, linea nucale suprema e foro mastoideo extrasuturale; in norma laterale, osso epipterico e osso ad intacco parietale, tutti caratteri definiti da Finnegan e Faust (1974).31 L osteometria del post-craniale 26 Bass, Mallegni, HUSER G. - DE STEFANO G. F., Epigenetic variants of the human skeleton, Schweizerbart, Stuttgart, Sergi, BASS W. M., Development in the identification of human skeletal material ( ), in «Am. J. Phis. Anthrop.» , pp , FINNEGAN M. - FAUST M. A., Bibliography of human and non-human non-metric variation, in «Res. Reepors Univ. Mass., Amherst», 14, pp.20, 1974.

20 Tutto lo scheletro post-craniale è stato oggetto di precise misurazioni, allo scopo di valutare le dimensioni di lunghezza, larghezza e spessore delle singole ossa e di parti di esse, e di ricavarne caratteri morfometrici di un certo significato antropologico. Non sembra superfluo ribadire quanto finora detto per la craniometria, che l interesse dell antropometria non sta solo nelle potenzialità descrittive di questa disciplina, ma anche nel suo significato funzionale e filogenetico.32 Ad esempio, attraverso la misurazione ed il confronto delle ossa dei due arti di uno stesso individuo è possibile rilevare eventuali asimmetrie interpretabili in termini funzionali: l arto che lavora di più presenta uno sviluppo non solo muscolare, ma anche osseo, maggiore del suo controlaterale. L interesse che sempre più si pone nei confronti della ricostruzione dei modi di vita delle popolazioni del passato, necessita l applicazione delle tecniche antropometriche allo studio dello scheletro, svincolandole del significato esclusivamente tipologico che troppo spesso si è voluto attribuire loro.33 La raccolta di misure e la loro organizzazione in schede di dati morfometrici sono finalizzate quindi alla caratterizzazione costituzionale, con la valutazione della sua omogeneità all interno della stessa comunità, ed alla descrizione delle dinamiche demografiche, con stime della densità di popolazione, della sex-ratio e della struttura per età.. I caratteri metrici dello scheletro craniale e post-craniale sono stati rilevati ed elaborati in indici, secondo i metodi suggeriti dal trattato di Martin e Saller ( ). A livello del tronco, le ossa che danno maggiori informazioni circa l adattamento dell uomo all ambiente sono la scapola, la clavicola, le vertebre e le ossa del bacino, oltre alle ossa lunghe degli arti, che forniscono anch esse utili dati morfologici e consentono di calcolare la statura. La misura della clavicola, ad esempio, presenta un interessante significato funzionale. La lunghezza può dare un idea approssimativa della lunghezza delle spalle nel vivente e quindi del diametro del tronco; le misure di circonferenza e i diametri nel mezzo della dialisi, inoltre, informano sul grado di robustezza nell osso e sullo sviluppo dei muscoli che qui si inseriscono e permettono, assieme alla lunghezza, confronti con il controlaterale per stimare eventuali asimmetrie di natura funzionale o patologica. Il bacino viene misurato, oltre che per il suo significato, la sua forma è infatti legata all acquisizione della statura eretta e al bipedismo, anche ai fini della diagnosi del sesso, 32 HUG E., Die schadel der Fruhmittelalterlichen Graben aus dem solothurmischen Aeregebiet in ihrer stellung zur Reihengraben- bevolkerung Mittleuropas, Z. Morph.Anthrop., 38: , Repetto, 1986.

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

I resti scheletrici umani rinvenuti nelle necropoli in località Tempa Cagliozzo, San Martino d Agri (PZ)

I resti scheletrici umani rinvenuti nelle necropoli in località Tempa Cagliozzo, San Martino d Agri (PZ) The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

Tesi di Laurea. Analisi paleobiologica degli inumati rinvenuti nel cimitero bassomedievale di Castel San Pietro (Bologna)

Tesi di Laurea. Analisi paleobiologica degli inumati rinvenuti nel cimitero bassomedievale di Castel San Pietro (Bologna) Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell antichità:letterature, storia e archeologia Tesi di Laurea Analisi paleobiologica degli inumati rinvenuti nel cimitero bassomedievale di Castel San Pietro (Bologna)

Dettagli

Funzioni della colonna vertebrale

Funzioni della colonna vertebrale La colonna vertebrale, chiamata anche spina dorsale, si estende dal cranio al bacino. I segmenti ossei che compongono la colonna vertebrale sono le vertebre, ossa dalla forma molto particolare, dotate

Dettagli

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e ambiente Ambbi ieennttee aal lppi innoo Ambbi ieennttee

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO

IL SISTEMA SCHELETRICO IL SISTEMA SCHELETRICO Il sistema scheletrico è una complicata impalcatura interna che svolge tre importantissime funzioni: sostiene il corpo e consente di mantenersi in posizione eretta; protegge gli

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità

Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità 3. Misure comportamentali di prevenzione Nella introduzione si è fatto un breve cenno alla specificità della forma e delle funzioni statiche e dinamiche del rachide. Tali proprietà sono uniche nel regno

Dettagli

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione

I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione umberto buonanno I DENTI UMANI dalla morfologia alla modellazione TESTO TERZA EDIZIONE Aggiornata ed ampliata SAB EDIZIONI LE PUBBLICAZIONI DI UMBERTO BUONANNO Nel 1980 viene pubblicato Morfologia e disegno

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL CRANIO

L ESAME RADIOLOGICO DEL CRANIO L ESAME RADIOLOGICO DEL CRANIO Particolare complessità anatomica del cranio: radiogrammi in diverse proiezioni. Indicazione di alcuni piani anatomici di riferimento per il corretto posizionamento del

Dettagli

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare A.A. 2014 2015

Dettagli

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

PARANTHROPUS ROBUSTUS

PARANTHROPUS ROBUSTUS PARANTHROPUS ROBUSTUS SPECIE: Paranthropus robustus ETÀ: da 2,8 a 1,2 milioni di anni fa LOCALITÀ: Kromdraai (Sudafrica) INDICE RITROVAMENTI MORFOLOGIA COMPORTAMENTO RITROVAMENTI. Il primo esemplare ascrivibile

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI

LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI di Walter Pantano INTRODUZIONE Lo scheletro umano è un archivio di informazioni non solo biologiche ma anche culturali. I caratteri osservati

Dettagli

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE Dott Bisulli-Dott.ssa Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti Nella valutazione delle sindromi dolorose degli atleti

Dettagli

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento PERCORSO Il sostegno e il movimento di Elena Ballarin Riferimento al testo base: A. Acquati, Con gli occhi dello scienziato, volume, unità 8, pp. - / volume C, unità, pp. 08-7 Destinatari: scuola secondaria

Dettagli

PALEOBIOLOGIA DELLA POPOLAZIONE ALTOMEDIOEVALE DI SAN LORENZO DI QUINGENTOLE, MANTOVA

PALEOBIOLOGIA DELLA POPOLAZIONE ALTOMEDIOEVALE DI SAN LORENZO DI QUINGENTOLE, MANTOVA Marco Dal Poz, Francesca Ricci, Bruna Reale, Maddalena Malvone, Loretana Salvadei, Giorgio Manzi 151 PALEOBIOLOGIA DELLA POPOLAZIONE ALTOMEDIOEVALE DI SAN LORENZO DI QUINGENTOLE, MANTOVA CRANIO E SCHELETRO

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

PUNTIDIREPERE CRANICI. Bregma: della struttura coronaria con quella sagittale mediana. Vertice: punto più elevato della volta cranica

PUNTIDIREPERE CRANICI. Bregma: della struttura coronaria con quella sagittale mediana. Vertice: punto più elevato della volta cranica Bregma: punto diintersecazione della struttura coronaria con quella sagittale mediana Vertice: punto più elevato della volta cranica Pterion: punto di incontro della sutura dell'osso parietale conla grande

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è

Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è Premesse Il trattamento ortodontico può diventare una fonte di rischio quando non è stata elaborata una corretta diagnosi. La diagnosi ortodontica è la formulazione di ipotesi in modo sistematico, diretto

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011

Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia, L4, Psicometria, Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Anno Accademico 2010 2011 Rev 30/03/2011 Statistica descrittiva e inferenziale

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

RELAZIONE SCIENTIFICA. Studio antropologico, restauro e conservazione delle Reliquie di San Timoteo conservate nella Cattedrale di Termoli

RELAZIONE SCIENTIFICA. Studio antropologico, restauro e conservazione delle Reliquie di San Timoteo conservate nella Cattedrale di Termoli RELAZIONE SCIENTIFICA Studio antropologico, restauro e conservazione delle Reliquie di San Timoteo conservate nella Cattedrale di Termoli Prof. Luigi Capasso Dr. Ruggero D Anastasio Introduzione Durante

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data...

Nome... Cognome... Classe... Data... Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e funzionalità

Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e funzionalità M Panadent Corporation 580 S. Rancho Avenue Colton, California 92324, USA Tel: (909) 783-1841 Istruzioni del Sistema di Analisi Dento-Facciale di Kois Un arco facciale semplificato: maggiore estetica e

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA)

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) Giovanni Magnani LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) La Stabilometria (analisi posturografica) è un esame che permette di valutare e misurare il controllo fine della postura. Il soggetto esaminato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate La Scoliosi del Bambino e dell Adulto Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate 1 2 SCOLIOSI 3 SCOLIOSI Skolios: dal greco curvatura Descritta da Ippocrate

Dettagli

Muscoli motori della Colonna Vertebrale

Muscoli motori della Colonna Vertebrale Muscoli motori della Colonna Vertebrale Poiché la maggior parte del peso del corpo si sviluppa anteriormenete alla CV, per il suo sostegno (postura) e movimento, in opposizione alla gravità, sono necessari

Dettagli

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione statica Equilibrio dinamico: la capacità di mantenere, durante

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

CARUSO, Maria Assunta

CARUSO, Maria Assunta Roma, 18 giugno 2015 A 10 anni dalla scomparsa sono sta8 ritrova8 in Sudan i res8 del piccolo aereo XZT- 578 che copriva la tra=a dal Kenya all Egi=o. L aereo di piccole dimensioni, scomparso nel luglio

Dettagli

Antropologia dentaria

Antropologia dentaria Antropologia dentaria Perché studiare i denti? I denti come indicatori di: - aspetti genetici -fenomeni adattativi - dimorfismo sessuale - variabilità popolazionistica - stato di salute - dieta / stress

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com La stratigrafia archeologica 02. Storia e concetti di base J. P. Droop (1882-1963) 1963) John Percival Droop fu un archeologo classico, ancora oggi celebre per i suoi studi su di un tipo particolare di

Dettagli

ANCA. Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore.

ANCA. Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore. ANCA Il protocollo prevede la suddivisione dell anca in 4 compartimenti: anteriore, mediale, laterale e posteriore. COMPARTIMENTO ANTERIORE Check list: sartorio e tensore della fascia lata retto femorale

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale Le Scoliosi Rachide normale Piano frontale (coronale) Piano sagittale Piano assiale Rachide normale Piano frontale (coronale) Assenza di deviazioni laterali rispetto alla linea mediana Rachide normale

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

4 La posa in opera. 4.1 Elementi di supporto. 4.1.1 Posa su pannelli isolanti presagomati. 4.1.2 Posa su listelli in legno

4 La posa in opera. 4.1 Elementi di supporto. 4.1.1 Posa su pannelli isolanti presagomati. 4.1.2 Posa su listelli in legno 4 La posa in opera La funzionalità di una copertura dipende sicuramente dalla qualità degli elementi utilizzati, ma allo stesso modo è fondamentale il modo in cui questi vengono posati. I migliori prodotti

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola 105 AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola Fig. 1. Posizionamento dell area 5000 rispetto alle precedenti zone di scavo. Prima dello scavo Il settore della Rocca Vecchia di

Dettagli

E' controindicato l'uso delle ciabatte prima dei 10 anni di età.

E' controindicato l'uso delle ciabatte prima dei 10 anni di età. IL PIEDE PIATTO VALGO FISIOLOGICO NEL BAMBINO: CONSIGLI PER I GENITORI Il piede piatto è l'assenza dell'arco plantare, cioè dell'incavo che la pianta del piede dell'adulto presenta sul lato interno. In

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame Lo scheletro è una delle strutture più precoci e facili da vedere in un feto. Diviene visibile agli ultrasuoni appena le ossa sono

Dettagli

Test dell Età Ossea. Introduzione

Test dell Età Ossea. Introduzione Test dell Età Ossea Introduzione Lo Scopo Del Test Dell Età Ossea Il test dell età ossea è usato per dare informazioni più accurate relativamente allo stato di sviluppo di un bambino. I risultati servono

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI E CIFOSI La colonna vertebrale presenta fisiologicamente una serie di curve sul piano sagittale (laterale), mentre normalmente non presenta curve sul piano

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA DUREZZA La durezza é comunemente intesa come la resistenza di un materiale a lasciarsi penetrare da un corpo più duro. Su tale principio si basano le più importanti prove di durezza: Brinell, Rockwell,

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica MIDOLLO OSSEO Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica Maja Ukmar U.C.O di Radiologia Università di Trieste Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti Trieste ANATOMIA E FISIOLOGIA

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 LEZIONE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA PROF. CRISTIAN SIMONI Indice 1 La statistica, i dati e altri concetti fondamentali ---------------------------------------------------- 3 1.1. Popolazione --------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONTROLLI STATISTICI

CONTROLLI STATISTICI CONTROLLI STATISTICI Si definisce Statistica la disciplina che si occupa della raccolta, effettuata in modo scientifico, dei dati e delle informazioni, della loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

Cranio. Il cranio può essere ripartito in un neurocranio ed uno splancnocranio

Cranio. Il cranio può essere ripartito in un neurocranio ed uno splancnocranio Cranio Il cranio può essere ripartito in un neurocranio ed uno splancnocranio Neuro- e splancnocranio Cranio Neurocranio 8 ossa Delimita una cavità Protegge l ENCEFALO Splancnocranio Presenta l ingresso

Dettagli

16/06/2014. Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia. Traumi

16/06/2014. Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia. Traumi Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia Simona Minozzi Div isione di Paleopatologia Univ ersità di Pisa Sono così comunemente chiamate alcune alterazioni scheletriche e dentali, riconducibili

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Ecografia in ostetricia Primo trimestre

Ecografia in ostetricia Primo trimestre Ecografia in ostetricia Primo trimestre Sacco Gestazionale Il primo segno ecografico suggestivo di gravidanza è la visualizzazione del sacco gestazionale. Visibile alla dimensione di 2-3 mm con sonda transvaginale,

Dettagli

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale

Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie. Prima parte: la cervicale Catene muscolari: una visione globale per comprendere l origine di molte rachialgie Prima parte: la cervicale Per impostare un programma di lavoro che abbia la massima efficacia su una rachialgia dobbiamo

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli