Il cammino verso l «altro mondo» nella visione tradizionale dei contadini dell Europa centrale e orientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il cammino verso l «altro mondo» nella visione tradizionale dei contadini dell Europa centrale e orientale"

Transcript

1 Francis Conte Il cammino verso l «altro mondo» nella visione tradizionale dei contadini dell Europa centrale e orientale Le chemin vers «l autre monde» dans la vision traditionnelle des paysans d Europe centrale et orientale 997a a In AA.VV., Vieux-croyants et sectes russes du XVIIe siecle a nos jours, numero monografico di Revue des e tudes slaves, 997, pp Traduzione dal francese: associazione culturale Larici, 202. Le 84 note dell Autore, prevalentemente bibliografiche, sono a fine documento e tradotte solo nelle parti che precisano il testo. Le illustrazioni raffigurano due opere citate: a sinistra, Hieronymus Bosch, Ascesa all Empireo, 490 ca., particolare (Palazzo Grimani, Venezia); a destra, Giudizio universale, affresco del XV secolo nella chiesa di Santa Maria del Piano a Loreto Aprutino.

2 Nel 880, il rivoluzionario Lev Tichomirov raccontava che, a un suo amico, un cosacco ucraino aveva chiesto molto seriamente: «Abbiate la bontà di dirmi se siete mai andato nell altro mondo?» Il mio amico si offese per la domanda: la prese per una beffa e un allusione alla mancanza di fede dell ascoltatore nelle sue narrazioni. L interrogativo del cosacco era però più serio. Uno degli abitanti del suo villaggio, di ritorno da un pellegrinaggio, aveva raccontato che, cammin facendo, era salito in cielo dove i defunti del villaggio lo avevano pregato di salutare, a nome loro, i parenti. Poi egli partì, e questa volta direttamente per il cielo, carico di rozzi regali e di soldi, che i creduli cosacchi gli avevano dato perche li portasse ai loro parenti defunti. Era dunque naturale che il cosacco desiderasse sapere dal mio amico, giudicandolo uomo esperto, se le vie di comunicazione tra la terra e l altro mondo fossero praticabili (). Il viaggio evocato in queste righe fa parte di un tema millenario che esiste nell immaginario di un gran numero di civiltà (2). Appare infatti sotto forma di due schemi ben distinti. Il primo, coincidente con il testo citato, costituisce un vero e proprio genere della letteratura popolare in Russia, derivato in gran parte dai Vangeli apocrifi. Si tratta di un percorso eccezionale che corrisponde allo spostamento dell anima verso l aldilà, mentre il corpo rimane in un sonno letargico (obmiranie). Dopo qualche tempo (spesso molto limitato), l anima ritorna sulla terra e la persona racconta le sue peregrinazioni, o almeno una parte perche, di solito, non è autorizzato a rivelarlo interamente (3). All opposto di questo soggiorno momentaneo nell altro mondo si situa il viaggio che è imposto dalla morte. Lo si trova nel Vangelo secondo Giovanni (4, 4-5), quando Cristo dice ai suoi discepoli: «[ ] E del luogo dove io vado, conoscete la via». Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Misterioso per i vivi, questo percorso è articolato in tre segmenti. Il primo è terreno, reale e visibile: nell ambiente cristiano, il morto viene trasportato dai vivi dalla casa alla chiesa, poi al cimitero e alla tomba. Il secondo segmento corrisponde al sentiero pericoloso che il defunto compie dal momento della sepoltura, scavata allo scopo, e che gli apre in qualche modo la porta dell aldilà (4). Tale seconda parte del viaggio non è collegata ai vivi, se non attraverso le loro rappresentazioni dell altro mondo. Ai loro occhi, il morto si trova liberato da se stesso, ma con il compito molto concreto di affrontare gli ostacoli che gli si ergeranno davanti. Quanto al terzo segmento, esso si svolge in senso inverso, allorquando il defunto, passato dallo stato di cadavere a quello di antenato, ritorna sulla terra. Gli è infatti possibile discendervi, su invito della propria famiglia, un anno dopo la sua 2

3 morte, poi regolarmente, in alcuni precisi momenti dell anno, prima che i familiari non lo inducano a ripartire verso il soggiorno degli avi (quest ultimo punto è oggetto di un altro studio). Fra i documenti che permettono di ricostruire l itinerario del «grande viaggio» e le difficoltà del percorso, troviamo testimonianze, racconti popolari e indagini etnografiche. In particolare, disponiamo delle lamentazioni funebri (soprattutto della Russia del Nord), che per la maggior parte sono state raccolte a partire dal secondo terzo del XIX secolo (5). Questi pianti rituali sono per lo più invocazioni che rientrano nell ambito di un sistema di rappresentazioni, in cui il cristianesimo ortodosso si mescola parzialmente al paganesimo antico, e che danno un idea della morte e dei suoi imprevisti. Nonostante la loro evoluzione, queste immagini complesse offrono una certa coerenza, che si può individuare, almeno in parte, nella stretta corrispondenza che esiste tra riti funebri e lamentazioni. Di fatto, esse ci mostrano che il «grande viaggio» è nettamente materializzato: si verifica in direzione di un altro spazio, qualitativamente differente perche oppone il mondo di quaggiù a quello dell oltretomba (6). I. Il cammino terreno verso la tomba Due atteggiamenti in apparenza contraddittori dettano il comportamento dei contadini russi e ucraini che accompagnano i morti al cimitero. Il primo è evidente nella regione di Kostroma: consiste nel compiere il percorso senza fermarsi («altrimenti ci sarebbe di nuovo una morte nel villaggio» (7)) e senza nemmeno voltarsi indietro temi che sono ricorrenti anche nei racconti popolari. Il secondo atteggiamento consiste, al contrario, nel marcare dei tempi di fermata che ritmano il passaggio del defunto dall interno verso l esterno, dalla vita alla morte, dal noto all ignoto. La prima interruzione ha luogo all uscita dalla casa, sulla soglia, dove si battono tre brevi colpi, presunto simbolo dell addio del morto alla propria abitazione. Come spiega un contadino dell Ucraina subcarpazia: Quando si trasporta la bara dalla casa, la si fa colpire la soglia. Quando esco di casa, dico arrivederci; quando me ne vado lontano e per molto tempo, abbraccio con forza coloro che restano, ma il defunto, lui, non può fare nulla: ecco perche si colpisce la soglia (8). Anche in Bucovina si batte tre volte la bara contro la porta d ingresso prima di portare via il defunto: il numero dispari segna in modo simbolico il mutamento di situazione (la partenza), al contrario del numero pari (che esprime stabilità e permanenza). In altri regioni, la bara è messa direttamente a contatto con la soglia di ogni casa davanti alla quale passa il corteo funebre. Anche qui viene spiegato che si tratta di permettere al morto di dire addio ai familiari e a tutti coloro che partecipano al suo funerale (9). In Bielorussia, è l angolo della casa che si colpisce, prima di 3

4 portare la bara nell ingresso, sulla soglia e sotto il portico, al fine di «espellere l anima» dal corpo (0). A volte, prevale la paura di un ritorno improvviso del morto, a maggior ragione se è sospettato di stregoneria o di desiderio di vendetta. In questo caso, bisogna coprirne le tracce per confondere la sua memoria. Invece di spostare la bara attraverso la porta, la si fa passare dalla finestra, o ancora attraverso un buco scavato nel muro o nel soffitto. L antichità di tale tradizione è attestata dalla Cronaca degli anni passati, che descrive il modo in cui si fece uscire il corpo del principe Vladimir dalla casa dove era morto (05): «Il principe Vladimir spirò a Berestovo [ ]. Di notte si aprì un varco nell andito, lo avvolsero in un tappeto e lo calarono con delle funi»b (). La precisione quasi etnografica della descrizione mostra che per il principe si rispettarono alcune usanze che tradiscono la loro origine precristiana: era necessario rimuovere il cadavere trascinandolo attraverso un apertura praticata per questo scopo e chiuderla in fretta. La morte non doveva uscire dalla porta quella che egli aveva conosciuto in vita e di cui si ricordava; si doveva ingannare la sua attenzione creando in passaggio inaspettato e che doveva servire una volta sola. Apparentemente, l obiettivo era quello di impedire che il defunto trovasse le proprie impronte e tornasse a tormentare i vivi. Nel secolo scorso, si evitava di attraversare la stalla e/o di passare per il portone del recinto. Si sceglieva piuttosto di far passare la bara attraverso una breccia della palizzata. Per lo stesso motivo, spesso il tragitto verso il cimitero si effettuava facendo una deviazione, mentre il ritorno si compiva direttamente (2). In epoca antica, esistevano altri modi di trasferire il defunto dal luogo dove era stato vegliato fino al cimitero. Uno di essi copre una dozzina di secoli, dalle origine del primo Stato kievano fino alla fine del secolo scorso. Secondo la Cronaca degli anni passati, il principe Vladimir fu «deposto sulla slitta, lo trasportarono e lo misero nella chiesa della Santa Madre di Dio, che egli stesso aveva fatto costruire» (3). È ancora su una slitta che furono trasportati i corpi dei principi Boris e Gleb (assassinati per ordine del loro fratello Svjatopolk): la prima volta dopo la loro morte, la seconda durante il trasferimento delle loro reliquie a Vysgorod, sotto il regno di Vladimir Monomaco (3-25). Lo stesso accadde per la maggior parte dei principi cristiani di Kiev (4). Questa usanza era eminentemente rituale, dato che si praticava sia d estate che d inverno, anche se il cimitero si trovava nelle vicinanze. Il costume era sintomatico al punto che la frase «essere seduto su una slitta» significava a quell epoca «prepararsi a morire» (5). È in tal senso che Vladimir Monomaco utilizza questa metafora nelle Istruzioni che scrisse per i suoi figli (6). Si sa che nel XIV secolo l usanza fu rispettata durante i funerali del metropolita Pëtr (7) e che si continuò a fabbricare le slitte funebri fino all inizio del XVIII secolo, quando Pietro il Grande le vietò ufficialmente. b La traduzione completa della Cronaca degli anni passati è in (N.d.T.) 4

5 Esse erano riccamente ornate e servivano a trasportare il corpo dello zar defunto, ma anche quello dei suoi familiari e degli alti prelati (8). Nella remota regione di Olonec, la tradizione è continuata fino al secolo scorso, in estate come in inverno (9). In alcune parti dell Ucraina (20), il defunto era portato al cimitero su un carro o su una slitta che era «obbligatoriamente tirata da buoi» (2). Infatti, in Ucraina il bue era considerato l animale «più puro» (22) (senza dubbio perche è ai lati di Gesù nella greppia), mentre il cavallo era tra gli animali immondi e si riteneva pericoloso fargli trasportare un defunto. In Russia, nei villaggi della regione di Vologda, ma anche presso tutti i popoli del Nord dell impero, la slitta veniva ribaltata sulla tomba, dopo aver compiuto il suo compito, e poi abbandonata là o al confine del villaggio (23) (come si faceva per tutti gli altri mezzi di trasporto, come il carro). È quindi all interno del viaggio «reale» che inizia il viaggio mitico, la vera partenza per il paese degli antenati. Talvolta, invece di decidersi a partire, l anima esita, il che spiega i turbamenti dei parenti, attanagliati tra due atteggiamenti (24). Per ciò, occorre costruire per loro una sepoltura, che è in senso stretto l «ultima dimora» del defunto: essa deve essere sufficientemente confortevole, affinche quest ultimo non abbia paura e quindi non cerchi di fuggire: Non aver paura, cigno bianco, Della piccola umida tomba, Della nostra madre la terra immensa, Della sabbia gialla e fine. Devi viverci e ti abituerai Nei lunghi secoli a venire (25). Tuttavia, se il corpo rimane nella terra sotto forma di cadavere, l anima deve allontanarsene, quale che sia la sua apparenza materiale. Quindi si deve spesso lusingarla, convincerla che il viaggio è inevitabile, perche lo prescrive la nuova situazione in cui essa si trova. Infatti, la via da percorrere rappresenta un cammino iniziatico, paragonabile a quello che compie il giovane principe delle leggende, che ha il compito di passare al di là di sette mari e della foresta selvaggia per attraversare il mondo sotterraneo, per poi ritornare al fine di diventare adulto. II. Il cammino verso l aldila Il proverbio russo risulta più positivo del Vangelo secondo Giovanni quando dice: «Per andare all altro mondo, ovunque ci si trovi, non c è che una via» (26). Questa è, ovviamente, il tragitto che apre la morte, l unica cosa certa nella vita. Eppure ogni morte non si somiglia, neppure ogni defunto, il che spiega in parte i diversi modi del passaggio verso l aldilà, una molteplicità dovuta al fatto che la religiosità popolare non conosceva, evidentemente, alcuna regola canonica. «Fare il gran salto» può consistere in una semplice ascesa lungo 5

6 l arcobaleno (27) o la Via Lattea (appunto detta in russo «la via dei morti che vanno verso il riposo eterno») o, al contrario, in una dolorosa peregrinazione. Lo schema si complica se si tiene presente che, in certe rappresentazioni popolari, l anima può essere obbligata a compiere degli avanti e indietro tra terra e cielo, prima di essere ammessa nell aldilà. Difatti, i primi due viaggi si situano talvolta immediatamente dopo la morte e poi al termine dei quaranta giorni; gli altri «trasferimenti» variano in funzione della bontà del morto. Se si tratta di un giusto, egli ritornerà sulla terra a intervalli regolari, soprattutto durante le commemorazioni che gli preparano quaggiù i parenti attenti. Invece, un morto «insoddisfatto» vagherà sulla terra fino all esaurimento della forza vitale che è in lui, prima di poter partire per l altro mondo (28). La prima categoria di defunti è composta da coloro che hanno conosciuto una morte ratificata dai riti tradizionali dei funerali e hanno ogni possibilità di diventare degli antenati. Come affermava un contadino della regione di Vladimir raccontando la sua versione dell insieme dei percorsi: Non appena una persona muore [ ] la sua anima si presenta a Dio. In seguito, gli angeli la conducono sulla terra e gli mostrano per sei settimane dove essa ha agito in bene e dove ha fatto del male. Successivamente, la si riporta a Dio affinche sia giudicata. Quando il giudizio è terminato, se essa è l anima di un giusto, la si conduce in un buon posto e le si domanda di restarvi fino al Giudizio universale, quando arriverà la fine del mondo. Non la si lascia andare da nessun altra parte. Dopo il Giudizio universale, essa vivrà ancora meglio. Al contrario, se essa ha vissuto male sulla terra, se non si è pentita e se non è stata perdonata, la si mette all inferno dove i diavoli la tortureranno un po fino al Giudizio universale, e più ancora dopo (29). Per sapere com era il viaggio, dobbiamo ora ritornare alle lamentazioni funebri. La descrizione del cammino comincia con una serie di domande che vengono poste alla persona deceduta per sapere dove essa va e in quali condizioni: Mia colomba, mia sorella, dove vai così agghindata? Dove ti degni di fermarti? Per quale cammino e quale via, Verso quali ospiti sconosciuti, Sconosciuti e indesiderati? (30) Infatti, prima della sua partenza, i familiari si preoccupano, tanto sulla sua destinazione che sulle ragioni concrete che l hanno spinta a partire (perche l opera della Morte è tabù e non la si può evocare direttamente): Dove stai andando? Per andare dove? Ti sei preparata Per il duro lavoro o per una gioiosa passeggiata? (3) oppure: 6

7 per una messa pia o per i mattutini domenicali? (32) Per sgomberare l insolito e il fantastico che accompagna la morte, le prefiche iniziano con l evocare un destinazione abituale ai vivi. Le occupazioni di quaggiù sono menzionate come se il defunto facesse ancora parte della famiglia e del villaggio, con le sue occupazioni e i suoi lavori quotidiani. Più raramente si parla di una lunga assenza, paragonata a quella del barcaiolo, obbligato a partire per impiegarsi lontano (33). Soltanto più tardi, la grande partenza è evocata, quella che deve condurre i morti verso l altro mondo, ma in modo tale che ricordi ancora la vita quotidiana. Quando il decesso si verifica in inverno, si ritiene che la strada sia più difficile, e il freddo tanto più da temere se il defunto è freddoloso. Quando egli muore al calar della notte, gli viene chiesto di ritardare la partenza, perche viaggiare di notte è particolarmente penoso e nessuno gli potrà dare ospitalità (34). Nella misura in cui il passaggio verso l aldilà è spesso rappresentato come un tunnel pieno di oscurità, la luce è un fattore determinante (35). È per questo che, nell immaginario popolare, le candele che si accendono per vegliare i morti hanno un utilità molto concreta: rischiarano il cammino verso l altro mondo, ma devono essere spente subito dopo la cerimonia funebre. Un racconto registrato recentemente nel Poles e indica che l anima, attraversando una palude prima di giungere nel regno dei morti, rischia di sbagliare strada se dopo il funerale i famigliari accendono una luce in casa. Quando il morto è definitivamente pronto ad allontanarsi, quaranta giorni dopo il decesso, una delle interrogazioni rituali cerca di sapere come egli raggiungerà l altro mondo, con quale mezzo (a piedi o a cavallo, in slitta o in telega), in che modo attraverserà il fiume che separa i due mondi (guadando, passando su un ponte o utilizzando un imbarcazione). A causa della distanza, è spesso evocato il cavallo e allora la prefica descrive nei particolari il messaggero «con i finimenti dorati e i ferri d argento», la «slitta coi pattini di quercia» e la «dugac variopinta», che sta «portando il caro parente defunto molto lontano dalla sua casa natale» (36). Se il defunto parte a piedi, diventa un elemento attivo della scena, come se decidesse lui stesso di compiere il viaggio, e la prefica sottolinea ancor più l importanza degli ostacoli da superare e la lunghezza del percorso che lo condurrà a ritrovare gli antenati: Così stai partendo, bambino mio caro, Stai partendo per strade e cammini, Tra foreste tenebrose, Paludi che divorano, Torrenti che precipitano, c La dugá è l arco, fissato al collare, che sovrasta il cavallo da tiro e alle cui estremità sono legate le stanghe del carro. (N.d.T.) 7

8 Tu andrai per sentieri stretti [ ] Prima, bambino mio caro, Di ritrovare i miei familiari (37). I parenti augurano al defunto di vederlo «vivere la sua vita», nel senso che egli diventi davvero un messaggero tra i due mondi. Agli avi che gli vanno incontro nei cieli, è lui stesso a offrire informazioni sulla vita di quaggiù; è ancora lui che, venuto il tempo, rivelerà sulla terra le notizie del regno dei morti e che porterà con se la fonte delle ricchezze. All inizio, una caratteristica essenziale dell evoluzione del defunto è quella di essere invisibile; non si sente che la traccia della sua scomparsa e il movimento che l allontana dai vivi: Come il sole che scompare dietro la nube, È così, bambino mio, che ti nascondi da noi! Come la luna che pallida si allontana al primo mattino, Come la stella si eclissa nel cielo, Egli è volato via, mio povero piccolo cigno, Verso un altra dimora che io non conosco (38). Infatti, anche le sue tracce scompaiono in questo passaggio dalla vita alla morte; esse saranno invase Dalle erbe setose, Dai fiori azzurri. E il gelido inverno, Sotto le nevi farinose, Le ricoprirà, sotto cumuli profondi. (39) Per i «giusti», l ascesa è prevista in numerosi modi, che all inizio dipendono dalle metamorfosi dell anima. Nelle credenze del popolo russo, questa può assumere la forma di una farfalla, di vapore o di una nuvola. Se sarà un uccello, volerà in cielo in modo sicuro; se sarà un ombra che ricalca il corpo del defunto, sperimenterà tutte le sensazioni che erano le sue la fame e il freddo, la paura, il desiderio e il dubbio. Nelle lamentazioni che evocano il passaggio verso l aldilà figurano le barriere che si frapporranno alla strada del viaggiatore: la foresta impenetrabile come quella nei racconti meravigliosi e nelle storie fantastiche; l acqua e suoi derivati, come il fiume, il lago o il mare; infine le grandi pareti ripide, ossia rocce, burroni e montagne. Questi sono tutti quegli ostacoli che creano e formano lo spazio che raffigura il «cammino» verso l altro mondo; questi sono quelli che lo strutturano e che costituiscono le prime immagini che i vivi hanno dell altro mondo, della sua lontananza e dei pericoli che rappresenta: È scomparso il nostro caro zio, nostro carissimo, oltre le foreste oscure, impenetrabili, dietro le imponenti montagne, al di là dei mari blu e profondi (40). Per confortare il defunto, si prevede un aiuto materiale, consistente in 8

9 una serie di strumenti giudicati indispensabili per liberare il percorso disseminato di ostacoli che separa i due mondi. II. L acqua, il fiume e i suoi simboli All origine del fiume o del guado c è una rappresentazione comune alla maggior parte delle mitologie, quella della morte come passaggio attraverso l elemento liquido (4). Nei racconti fantastici, il fiume rappresenta l ostacolo decisivo che occorre superare per arrivare all aldilà (42); esso incarna il confine magico che separa la vita terrena da una nuova esistenza nell altro mondo (43). Questo specifico spazio può presentarsi sotto forma di una valle di lacrime (44) o di un «lago immenso, intransitabile da ogni parte» (45), due concetti molto vicini. Può anche trattarsi del «fiume dell oblio» (Zabyt -reka, reka Zabvenija lo Stige degli antichi). In un testo registrato nel 930, una giovane vedova si rivolge all anima del marito, che sta partendo per l altro mondo alla fine dei quaranta giorni di vagabondaggio. Per dirgli addio, la donna esce in strada, a mezzanotte, accompagnata dagli amici del defunto, che portano un icona, della kut jad e dei dolci. Ella gli dice nelle ultime frasi: Non andare fino al fiume dell oblio, Non bere l acqua dell oblio. Ti dimenticherai altrimenti, anima cara, Il tuo paese natale, Ti dimenticherai me, me infelice, E dimenticherai i nostri poveri piccoli (46). Quando per il defunto arriva il tempo di bere quest acqua, egli prosegue la sua marcia senza essere tentato di tornare indietro, proprio perche ha dimenticato il mondo terreno. Solo in quel momento i morti possono attraversare il fiume dell oblio o esservi inghiottiti. Tuttavia, guai al vivo che volesse attraversalo, o tentasse di allontanare da se la sua sofferenza (47): la mitologia antica lo raccontava già molto bene. II.2 La barca In numerose culture, che vanno dall antico Egitto alla Scandinavia, si ha cura di dare alla bara la forma di uno scafo (48). Questa tradizione si trova nella Russia del Nord sotto il termine koloda. Si tratta di una «barcasepoltura», scavata direttamente in un albero, a immagine della barca monoxila deli Slavi barbari o della piroga africana. Alla fine del XIX secolo, nel governatorato di Olonec, il termine russo koloda (dal verbo kolot, fendere) (49) designa anche «una bara scavata in un d La kut ja è un piatto rituale di riso o grano cotto con uva passa e miele, che si prepara per commemorare i defunti e in altre ricorrenze. (N.d.T.) 9

10 albero intero» preparata per un giovane defunto. Il tronco è «spaccato in due nel senso della lunghezza: una metà è interrata per accogliere il corpo del giovane deceduto, mentre l altra serve da coperchio» (50). Nell Europa orientale del X secolo, era in un imbarcazione che venivano sepolti i capi «russi» (slavo-scandinavi?), perche la «barca dei morti» era un usanza importante persino nelle civiltà antiche. Come aveva osservato nel 922 il viaggiatore arabo Ibn Fadlan che descrisse il funerale di uno dei capi (5): Quando venne il giorno in cui si doveva bruciare il capo e la giovane ragazza [la schiava che doveva accompagnarlo nella morte], mi recai al fiume dov era la sua barca: la si era già tirata a riva e l avevano messa su quattro supporti di legno, attorno ai quali si erano erette delle specie di grandi cataste [ ]. [Dopo la cerimonia funebre] il parente più prossimo del defunto prese un bastone e lo mise sul fuoco [ ]. Il fuoco prese il legno, poi la barca con il capanno, l uomo, la ragazza e tutto ciò che vi si trovava (52). L unione di acqua (la barca) e fuoco è perfettamente in relazione con il tema del fiume di fuoco uno degli ostacoli che il defunto può essere indotto a superare (lo vedremo più avanti). Fino ad anni recenti, il tema della barca era raffigurato nelle lamentazioni della Russia del Nord (regione di Vologda). In esse, per esempio, una madre «sistema» il figlio in una imbarcazione per fargli passare il fiume dell oblio (53). Nei villaggi bielorussi, i bambini giocavano a lungo «agli antenati» durante le grandi piene di primavera: essi posavano sull acqua tumultuosa delle «barche-trucioli» destinate al nonno o alla nonna da poco scomparsi. È questo un gioco che ha, in tutta evidenza, un significato profondo, ossia quello dell acqua pericolosa, dell acqua che occorre attraversare per raggiungere l aldilà, e dei mezzi che lo permettono (54). II.3 Il ponte Il simbolo del ponte che consente di passare da una riva all altra è il fondamento di numerose mitologie. Il ponte non è pure, con altro scopo, un luogo di mediazione? Conduce da una riva all altra, ma è anche sospeso tra il cielo e l acqua; non si limita a unire, rappresenta anche il passaggio a un altra forma di esistenza. In un contesto funebre, il fatto di «passare il ponte» rappresenta il tragitto percorso tra la terra e il cielo, tra la condizione umana e l esistenza eterna, tra il mondo sensibile e l universo sovrasensibile. Troviamo questo simbolo sia in Cina che nei paesi islamici, o nei racconti indiani dell America del Nord (55). Accanto a questo elemento simbolico si presenta un altro aspetto: il carattere pericoloso del passaggio, che è quello di ogni viaggio iniziatico segnato da una serie di prove. Il transito evoca un pericolo da superare, ma anche la necessità di un passo per attraversarlo (56). Lo si trova rappresentato, per esempio, a Loreto nella chiesa di Santa Maria in Piano, in un affresco anonimo della seconda metà del XIII secolo, che raffigura il 0

11 «ponte stretto», ossia la prova dell ultimo passaggio prima di raggiungere il soggiorno beatifico (57). Nei racconti russi, il ponte è di ghiaccio o di cristallo per dimostrare che appartiene al mondo dell oltretomba: Elena la Bella, la principessa che viene dal mondo dei morti, «soffiò e un ponte di cristallo si levò, cavalcando l onda fino al palazzo dello zar» (58). In alcune culture dell Europa centrale e orientale, ci si liberava del «debito del ponte»: in Romania, per esempio, nel corso delle sei o nove settimane che seguivano la sepoltura, si costruivano dei ponti simbolici che servivano da «modello» per quelli dell aldilà. Superando il «loro» ponte, i familiari di un defunto dicevano: «Che Dio [lo] perdoni» (59). Fino a un epoca recente, riferiscono degli etnografi di origine rumena: Il ponte appare là dove il bisogno si fa sentire, quando l anima arriva vicino a un precipizio, a un dirupo, al letto di un torrente o di un fiume. Ma non è possibile da imboccare se non è stato espressamente offerto per quella determinata anima, sia che il defunto l abbia fatto in vita, sia che i suoi familiari abbiano pensato a lui dopo il decesso (60). La stessa usanza era frequente in Bielorussia: vi si faceva ricorso, in particolare, vicino alle sepolture che non erano ornate di croci, ma di pietre. Erano probabilmente tombe in cui erano sepolte le donne «impure», cioè quelle considerate delle streghe e quelle che si erano suicidate: Le tombe di [queste] donne sono segnate da piccoli tumuli [ ]; in più vi si aggiunge una costruzione molto particolare: da qualche parte, vicino alla strada, in una zona paludosa o sopra un ruscello [ ], si getta una trave o un asse su cui si incide una croce, una scarpa o un falcetto, e talvolta l anno di morte (6). Sempre in Bielorussia, si costruivano dei veri ponti durante le epidemie che colpivano i bambini. I Ciuvasci, che nel XIX secolo vivevano nella regione di Nižnij Novgorod, effettuavano un rituale simile subito dopo la morte di un parente. Tutti i familiari passavano sul ponte per controllare che resistesse, poi cominciavano a bere birra, a battere le mani e a suonare, prima di indirizzarsi al defunto dicendogli: «Vieni, vieni, ti si è fatto un ponte molto solido». E solo dopo si interrava il defunto (62). In Russia, questi ponti sono evocati nelle lamentazioni funebri, ma anche nei canti dell Anno Nuovo. I cantanti mascherati (perche vogliono rappresentare gli antenati defunti) passano in ogni fattoria, invitando il padrone di casa a seguirli «Vieni con noi nella notte nera», «Vieni a impastare l argilla», in altre parole lo pregano di andare con loro al confine dell aldilà per preparare un ponte per l anima dei morti (63). Poiche la rappresentazione di questi «ponti funebri» era severamente proibita dalla Chiesa russa, alla fine del XIX secolo non si trovano altro che deboli tracce. Una di esse era direttamente legata all acqua e al ponte simbolico già ricordati parlando del gioco dei bambini. Si trattava di prendere un truciolo andando a bagnarsi, con la convinzione che il truciolo si sarebbe trasformato in un ponte dopo la morte (regione di Smolensk) (64).

12 A volte si immaginava che fosse possibile guadare il fiume, come dimostrano alcune recenti narrazioni del Poles e (65). Il guado (brod) è inoltre legato all idea delle forze impure, come indicano alcuni popolari nomi derivati brodnik in russo (lo stregone) o brodnica in bulgaro (una rusalka errante) (66). Ora si capisce più concretamente perche il passaggio per l aldilà è temibile: è l immagine dei tormenti dell agonia, dove il diavolo disputa con l angelo l anima del defunto su un ponte stretto e viscido, sul quale il defunto rischia di scivolare nel vuoto o nella pece bollente. II.4 Il fiume di fuoco Nella cultura tradizionale, l acqua e il fuoco sono due elementi strettamente connessi perche sono, allo stesso tempo, opposti e complementari. Nel racconto L acqua della vita e l acqua della morte, la lacrima della giovane minacciata dal drago cade sulla guancia dello zarevič Ivan, che si sveglia dicendo: «Oh, mi hai scottato!» (67). Il fuoco rappresenta anche un intermediario tra l uomo e la divinità, come lo precisa il «russo» che diceva a Ibn Fadlan (il citato testimone arabo del X secolo che aveva visto bruciare il corpo di un capo «russo»): «Il più amato e il più rispettato dei vostri uomini, voi lo lasciate decomporsi, e gli insetti e i vermi lo divorano, mentre noi, noi lo bruciamo in un istante in modo che entri senza indugio in paradiso» (68). Sapendo che, prima di ciò, il corpo del defunto era stato messo su una barca, si rafforza l idea di complementarità tra acqua e fuoco, un tema magnificato dal fiume di fuoco (ognennaja reka) (69). II.5 Scale e funi Tra i maggiori ostacoli che affliggono il defunto figurano anche le montagne e le pareti scoscese. Ciò perche i contadini della Russia meridionale avevano l usanza di preparare delle scale con la pasta (lesenki), che essi cuocevano nel forno durante le commemorazioni rituali. Si tratta di un simbolo materializzato che si trova nell antico Egitto, dove si figurano numerose forme di passaggio verso l aldilà. Se il corpo dei faraoni deceduti resta nelle piramidi, la loro anima, che conosce le vie sacre che conducono in paradiso, rimarrà vicino agli dèi, a volte salendo una scala che si poggia sull orizzonte, a volte attraversando un fiume su una barca guidata dal cupo Caronte, a volte si svaporano o si elevano in aria sulle ali di Thot, il sacro Ibis (70). Nelle terre russe, tali scale sono state descritte con precisione: esse comprendono molti scalini (da 3 a 24) e possono raggiungere un aršin (0,7 metri). Il rituale si pratica in due date all Ascensione di Cristo, quaranta 2

13 giorni dopo la Pasqua, e il quarantesimo giorno dopo la morte del defunto, quando l anima è presumibilmente partita definitivamente per l aldilà (7). Il parallelismo tra i due avvenimenti è evidente, e lo scopo identico. Per l Ascensione, il rituale si svolge in chiesa, nella foresta o nei campi. L idea è, da una parte, quella di aiutare il Signore, cui ci si rivolge dicendo: «Cristo, sali al cielo, prendi la mia scala!» e, dall altra, di ottenere dei buoni raccolti. In virtù del fenomeno di magia simpatica e con l idea che i cereali comincino a spuntare quel giorno, si lancia la scala in aria, dicendo: «Segale, piccola segale, cresci più in alto di questa» o anche con più audacia: «Segale, piccola segale, afferra le gambe di Cristo!» Si può inoltre indirizzarsi direttamente a Lui dicendo: «Signore, levati in volo verso il cielo e tira la nostra segale per le spighe» (72). L importanza del rituale agrario, o meglio la «deviazione» verso il rito agrario, è ben sottolineata in una testimonianza che risale agli inizi del secolo (regione di Vladimir): Per l Ascensione, si fanno cuocere le scale. Esse sono dei dolci di farine diverse, di forma allungata, di venti centimetri di lunghezza e sei o sette di larghezza, con degli intagli sulla parte superiore per raffigurare la scala. Dopo il riposo del pomeriggio, i contadini, gli uomini, le donne e i giovani, li portano nei loro campi di segale. Là, ognuno guadagna il proprio lotto di terra; dopo essersi inchinato ai quattro angoli, getta la scala in aria ripetendo: «Che la mia segale salga più in alto!» Poi si mangiano le scale (73). Analogamente, si gettano delle uova in aria prima di saltare più in alto possibile, al fine di stimolare la crescita dei cereali. Quando il rituale dell Ascensione si svolge in casa, esso ricorda quello osservato dopo la morte di un parente: una volta cotta, la scala è posta sulla tavola, o nell angolo delle icone, o anche sospesa vicino alle icone, per metterla a disposizione delle anime che vengono a riposarsi prima della loro partenza per l aldilà. I genitori spesso posizionano delle funi vicino alle sepolture o sugli alberi intorno, sempre per aiutare i loro defunti a issarsi nell altro mondo (74). Inoltre, nella Russia nord-occidentale, il cadavere è spesso cinto con un filo di lana rossa, con cui si avvolge anche la bara diverse volte (75) (è questo l unico caso in cui il rosso è consentito durante il lutto). II.6 Alberi e unghie Nell Europa orientale, l albero è legato in molti modi al culto dei morti. Lo è dapprima marginalmente, come abbiamo visto in epoca pagana quando i defunti più autorevoli erano posti in una «barca-sepoltura» scavata in un tronco d albero. L albero è anche legato al defunto in quanto rappresenta un intermediario tra il cielo e la terra: infatti le anime dei morti (le «anime-uccelli») si posano sui suoi rami prima di ascendere al cielo, oppure quando ne ritornano. D altra parte, l albero spinge talmente lontano «la sua cima fra le nuvole» 3

14 (soprattutto la quercia) che incarna materialmente il legame tra cielo e terra. Questo è il motivo per cui il defunto può salire in cielo scalando un albero, come l eroe del racconto che «prese un sacco e si arrampicò sulla quercia. Sempre salendo, mise infine piede in cielo» (76). Vi troviamo una concezione molto diffusa dell albero della vita che collega i due mondi, a volte anche tre: l albero affonda infatti le sue radici nel regno sotterraneo, cresce sulla terra, e distribuisce i suoi rami in cielo. Questa idea è particolarmente importante nella mitologia degli sciamani, il che spiega perche molti popoli siberiani designano la quercia con un nome che significa letteralmente «il cammino» (77). Capiamo meglio anche perche gli alberi sono a volte piantati sulle tombe, nell Europa centrale e orientale, e perche vi si appendono delle funi (78). Dato che il contadino sa che il percorso sarà irto di pietre, rocce e montagne (tra le quali figura la montagna di cristallo), si è soliti collocare degli oggetti adunchi nelle tombe, che possono essere ganci di ferro o semplicemente unghie, affinche il defunto possa meglio aggrapparsi alla parete (79). Questo è anche il motivo per cui i vecchi contadini rifiutano di tagliarsi le unghie alla vigilia della loro morte. Tale atteggiamento conferma il fatto che, nelle rappresentazioni popolari del mondo slavo, il defunto guardi all aspetto fisico e resti molto «reale». Ecco perche egli ha anche bisogno di elementi materiali, come una barca, un ponte, una scala, un gancio o una sua unghia per procedere verso l aldilà. Si può qui parlare di contraddizione con altre rappresentazioni del dominio dei morti o solamente di pluralità d approccio? In realtà, il defunto può anche mostrarsi sotto forma di una farfalla, di un uccello, di una pianta o di un soffio. Ma questo succede soprattutto durante i quaranta giorni in cui l anima vaga per la terra rivedendo i peccati che ha commesso. Invece, oltre questo limite temporale, durante il viaggio verso l altro mondo, l anima sembra essere percepita come un doppione del corpo, o un corpo ridotto, che conserva pur sempre la propria materialità. Questo sistema di rappresentazioni è confermato dalle credenze, anche recenti, dei contadini dell Europa orientale, secondo cui i morti mantengono nell aldilà la loro professione e i loro gusti personali. Ciò spiega la presenza di sacchetti di tabacco e/o degli strumenti del mestiere (in particolare in Bielorussia), che si mettono nelle bare perche gli scomparsi possano esercitare la loro arte, «lassù» come quaggiù, poi riposare fumando. Allo stesso modo, si presumeva che, quando ritornavano sulla terra, i morti portassero gli abiti con cui li si era vestiti il giorno della sepoltura (regione di Smolensk) (80). Quindi è il percorrere il lungo e doloroso cammino verso il soggiorno nell oltretomba che provoca il cambiamento di stato del defunto, facendolo passare dalla categoria dei «nostri» (i vivi) alla categoria degli «altri» (i morti e, presto, gli antenati). In questo senso, il viaggio verso l aldilà rappresenta in realtà il percorso iniziatico che abbiamo ricordato, ossia quello composto di una serie di ostacoli che sono altrettanti confini che impediscono, ma anche giustificano, il progredire verso il regno 4

15 dell oltretomba. L andatura del defunto può dunque essere paragonata a quella degli eroi dei racconti fiabeschi: è «vivo» quanto lui, e per arrivare al «tre volte decimo regno», che è la morte, deve percorrere un cammino simile. Si può anche invertire la proposizione e dire che l andatura dell eroe del racconto è paragonabile a quella del defunto. Per l uno e per l altro, ogni tappa sembra la più difficile prima di essere passati alla seguente, che sembra di nuovo impossibile da sconfiggere (8). Nel racconto, il destino viene in aiuto all eroe attraverso l espediente di animali meravigliosi, come il lupo o il cavallo: senza di essi, non potrebbe superare le barriere che sono per loro natura insormontabili. Per quanto riguarda il defunto, abbiamo visto che egli è aiutato in modo specifico secondo gli ostacoli che deve superare: può trattarsi di una barca, di un ponte o di una scala, di un albero piantato sulla tomba o delle unghie nella bara. I suoi familiari li hanno preparati per questo scopo, perche bisogna assolutamente che il morto arrivi nell aldilà. È solamente a questo prezzo che i vivi non avranno più da temerlo. Se così non succedesse, il defunto diventerebbe di fatto un morto insoddisfatto, destinato a vagare, uno «spirito» nel senso stretto del termine. Incapace di andare fino alla fine del viaggio, egli volterebbe i suoi passi e ritornerebbe sulla terra dove non può che tormentare i vivi, e soprattutto i familiari. La via che conduce all oltretomba ha dunque per caratteristica quella di partire da un centro, che è costituito dal luogo dov è l anima (il cimitero, la tomba, ma più spesso la casa o anche l albero dov essa riposa). Il percorso è irto di difficoltà che, una dopo l altra, creano la distanza che il morto deve attraversare, ma che hanno anche la funzione di mettere alla prova la sua anima. Una volta superati gli ostacoli, il cammino si dissolve nell altro mondo e il defunto, accolto dai suoi familiari precedentemente scomparsi, può trasformarsi in antenato. Attraverso le tre fasi che lo compongono la separazione (tra la casa e la tomba); il margine (percorso tra i due mondi); l aggregazione (nell universo degli avi) questo viaggio corrisponde allo schema tradizionale dei riti di passaggio (82). Esso incarna l ultimo legame tra il dominio dei vivi e il regno dei morti. 5

16 6

17 3. Contrariamente a quanto afferma il cronachista, senza dubbio ciò non avvenne per «nascondere» il principe defunto, ma per rispettare la tradizione; questa usanza e ancora menzionata, nella Cronaca degli anni passati all anno 054, per la morte del principe Jaroslav: «Vsevolod prese il corpo di suo padre, lo pose su una slitta e lo trasportò a Kiev». 5. A questo proposito, non si può non pensare alle persone anziane del XIX secolo russo, che preparavano i loro abiti funebri per tempo e «provavano» la bara prima di morire. 7

18 35. Si veda, da questo punto di vista, un dettaglio del «paradiso» di Hieronymus Bosch, che corrisponde a una visione di santa Perpetua (inizio del III secolo): «Noi fummo portati dagli angeli le cui mani non ci toccavano [ ] e, quando avemmo superato il primo cerchio del mondo, vedemmo una luce eclatante». 43. Si pensi anche alla «morte» della ragazza in relazione alla donna che nascera durante il matrimonio, cosa che spiega la presenza dell acqua e della barca nella mitologia del matrimonio (si veda su questo tema ). 8

19 56. Questo elemento e particolarmente evidente quando si considerano i ponti dei templi scintoisti, che introducono al mondo degli dei e il cui attraversamento e accompagnato da purificazioni rituali; nell Occidente cristiano, il nome stesso di «sovrano pontefice» [dal latino pontifex «progettista di ponti»] mostra che il papa e il mediatore tra il cielo e la terra, e insieme il costruttore e il ponte stesso. 59. Quest usanza fu utilizzata anche nel XIX secolo (si potrebbe dire dirottata ) da un governatore russo della Moldavia B. Fedorov che cercava di migliorare le vie di comunicazione della regione. 9

20 20

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

1 t r a v e l c a r n e t. i t DICEMBRE t r a v e l c a r n e t. i t

1 t r a v e l c a r n e t. i t DICEMBRE t r a v e l c a r n e t. i t Hubert, l anziano Babbo Natale, saltò giù dal letto: accipicchia, non si era svegliato in tempo! Era già la vigilia di Natale, e non c era ancora nulla di pronto, nemmeno un pacchettino! Dappertutto sul

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

le gite della giranimando

le gite della giranimando NUOVE GITE dal 2000 attivita' di animazione e ambiente per le scuole GIRANIMANDO C GIRANIMANDO C VIA UMBERTO I, 63 10020 PECETTO TORINESE TEL/FAX 011.860.98.82 WWW.GIRANIMANDO.COM INFO@GIRANIMANDO.COM

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo

SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA. Qualche nota per la comprensione del testo SCHEDA 2 (per operatori) 1. IN CHIESA Dal vangelo secondo Matteo (Mt 7,21.24-29) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli