Ad un primo esame, Dei nomi dell'india

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ad un primo esame, Dei nomi dell'india"

Transcript

1 Dei nomi dell'india Ad un primo esame, constatiamo che i nomi dell'india (T ien-chu) sono vari e rendono perplessi in quanto alla loro autorità. È stata anticamente chiamata Shin-tu, e anche Hien-tau; ma ora, secondo la pronuncia giusta, essa viene chiamata In-tu. Le genti di In-tu chiamano il loro paese con nomi diversi a seconda del distretto dove risiedono. Ogni paese, a questo proposito, ha un'usanza diversa. Tuttavia utilizzare un nome unico ci sembra il migliore consiglio, per cui chiameremo In-tu l'intero paese. In lingua cinese questo nome significa La L asia centrale secondo le conoscenze tramandate da Tolomeo (circa Luna [La luna ha molti d.c.). L Europa è rimasta debitrice di quanto tramandato dal nomi, di cui questo è uno]. grande geografo greco fino al XV secolo e alle scoperte geografiche Poiché è stato detto che tutte le cose viventi girano incessantemente nella ruota (del tempo) attraverso una lunga notte di ignoranza, senza una stella che le guidi, il loro caso è come il ciclo del sole; così come alla luce di una torcia è consentito spandersi nonostante vi sia il chiarore delle stelle, così diverso rispetto alla luce intensa della luna ; proprio come la luce di uomini santi e saggi ha sempre guidato il mondo, così il brillare della luna, ha reso questo paese eminente, e così esso viene chiamato In-tu. Le famiglie dell'india sono divise nelle varie caste, i bramini in particolar modo (sono noti) in ragione della loro purezza e della nobiltà. La tradizione ha santificato così il nome di questa tribù senza alcun riferimento alle regioni in cui essi vivono, al contrario tutte le persone parlano generalmente dell'india come del paese dei bramini (Po-lo-men). Dell'estensione dell'india, il clima, &c. I territori riuniti sotto il termine di India sono indicati generalmente come le Cinque Indie. Nei suoi confini questo paese comprende li (un li equivale a circa 2 Km); su tre lati è circondato dal grande mare; verso nord è sostenuto dalle Montagne Nevose. La parte del nord è larga mentre la parte meridionale è stretta; la sua forma è come una mezza luna. L'intero territorio è diviso in settanta paesi, più o meno. Le stagioni sono particolarmente calde; la terra è irrigata bene e umida. Il nord è una successione di montagne e colline, Il suolo è secco e salato. Ad est vi sono delle valli e delle pianure, che essendo bene irrigate e ben coltivate, sono fruttifere e produttive. Il distretto meridionale è boscoso ed erbaceo, mentre le zone occidentali sono pietrose e sterili. Questo è l'aspetto generale di questo paese.

2 Delle misure di lunghezza. Per dare solo un breve resoconto riguardi le unità di misura, prima di tutto c'è il yojana (yu-shenna); questo sin dal tempo degli antichi e santi re è stato considerato come l'equivalente di un giorno di marcia per un esercito. Il vecchio computo lo considera pari a 40 li; secondo l'attuale computo in India sarebbe pari a 30 li, ma nei libri sacri (di Buddha) il yojana è calcolato in soli 16 li. Nella suddivisione delle distanze, uno yojana è uguale a otto kroshas (keu-lu-she); un krosha è la distanza a cui può essere udito il verso di una mucca; un krosha è diviso in 500 archi (dhanus); un arco è diviso in quattro cubiti (hastas); un cubito è diviso in 24 dita (angulis); un dito è diviso in sette grani d'orzo (yavas); e così via fino ad una pulce (yuka), un pidocchio (liksha), un grano di polvere, il pelo di una mucca, il pelo di una pecora, il salto di una lepre, e così via per sette divisioni, finché giungiamo ad un piccolo grano di polvere; questo, poi, è diviso ancora sette volte tanto finché giungiamo ad un piccolissimo grano di polvere (anu); questo, tuttavia, non può essere diviso ulteriormente senza arrivare al nulla, e così viene chiamato l'infinitamente piccolo (paramanu). Dell'astronomia, il calendario, &c. Sebbene l'alternanza dei principi di Yin e Yang ed i movimenti successivi del sole e della luna siano chiamati con nomi diversi dal nostro, tuttavia le stagioni sono le stesse; i nomi dei mesi sono derivati dalla posizione (della luna rispetto) agli altri astri. La porzione la più breve di tempo è chiamata un t'sa-na (kshana); 120 kshanas fanno un ta-t'sa-na (takshana); 60 di questi fanno un la-fo (lava); 30 di questi fanno un mau-hu-li-to (muhurta); cinque di questi fanno "un periodo di tempo" (kala); sei di questi fanno un giorno ed una notte (ahoratra), ma comunemente il giorno e la notte sono divisi in otto kala. Il periodo dalla luna nuova finché la luna piena è chiamato la divisione bianca (Sukla-paksha) del mese; il periodo dalla luna piena fino alla scomparsa (della luce) è chiamato la porzione scura (Krushna-paksha). La porzione scura comprende quattordici o quindici giorni, poiché il mese è a volte più lungo e a volte più breve. Il procedere dalla porzione scura alla seguente porzione di luce va a costituire un mese; sei mesi formano una marcia (hing s.ayana). Il sole, quando si muove dentro (l'equatore) è detto essere nella sua marcia settentrionale; quando si muove fuori (dell'equatore) è nella sua marcia meridionale. Questi due periodi formano un anno (vatsara). L'anno, di nuovo, è diviso in sei stagioni. Dal giorno 16 del mese primo fino al giorno 15 del terzo mese è la stagione del calore graduale; dal giorno 16 del terzo mese fino al giorno 15 del quinto mese è della la stagione di calore pieno; dal giorno 16 del quinto mese fino al giorno 15 del settimo mese è detta la stagione delle piogge; dal giorno 16 del settimo mese fino al giorno 15 del nono mese è detta la stagione della crescita (della vegetazione); dal giorno 16 del nono mese fino al giorno 15 dell'undicesimo mese è detta la stagione di freddo graduale; dal giorno 16 dell'undicesimo mese fino al giorno 15 del primo mese è detta la stagione del grande (pieno) freddo. Secondo la santa dottrina di Tathagata, l'anno è diviso invece in tre stagioni. Dal giorno 16 del primo mese fino al giorno 15 del quinto mese è detta la stagione calda; dal giorno 16 del quinto mese fino al giorno 15 del nono mese è detta la stagione bagnata; dal giorno 16 del nono mese fino al giorno 15 del primo mese è detta la stagione fredda. Di nuovo, vi sono quattro stagioni chiamate primavera, estate, autunno e inverno. I tre mesi primaverili sono chiamati Chi-ta-lo (Chaitra), Fei-she-kie (Vaishaka), She-se-ch'a (Jyeshtha);

3 questi corrispondono al periodo dal giorno 16 del primo mese al 15 del quarto mese. I tre mesi dell'estate sono chiamati 'An-sha-cha (Ashadha), Chi-lo-fa-na (Shravana), Po-ta-lo-pa-to (Bhadrapada); questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del quarto mese al giorno 15 del settimo mese. I tre mesi dell'autunno sono chiamati, 'An-shi-fo-kuche (Asvayuja), Kia-lita-ka (Karttika), Wi-kiaLe grotte di Mogao e l abitato monastico circostante in un celebre chi-lo (Margasirsha); affresco del Monte Wutai (Cina IX secolo d.c.) questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del settimo mese al giorno 15 del decimo mese. I tre mesi dell'inverno sono chiamati Po-sha (Pushya), il Ma-ku (Magha) e Po-li-kiu-na (Phalguna); questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del decimo mese al giorno 15 del primo mese in Cina. Nei tempi antichi in India le comunità di fedeli, confidando nel sacro insegnamento di Budda, si davano un periodo di riposo doppio (durante le piogge), cioè sia i primi tre mesi che gli ultimi tre mesi; questi periodi andavano dal giorno 16 del quinto mese al giorno 15 dell'ottavo mese, e dal giorno 16 del sesto mese al giorno 15 del nono mese. I traduttori del Sutras (il re) e del Vinaya (il liu) appartenendo a generazioni precedenti hanno impiegato i termini Tso-hia e Tso-la-hia per indicare il riposo durante la stagione delle piogge; ma questo accadde perché le persone ignoranti dei paesi di frontiera non comprendevano i giusti suoni della lingua del paese medio (India), o tradussero prima di comprendere le frasi locali: questo fu il motivo dell'errore. E per la stessa ragione si verificarono gli errori sul tempo del concepimento di Tathagata, la sua nascita, la sua partenza dalla casa, il suo insegnamento, ed il suo Nirvana, di cui parleremo nei seguenti capitoli. Delle città e gli edifici. Le città e i villaggi hanno delle porte interne; le mura sono larghe ed alte; le strade e i vicoli sono tortuosi, e curvano continuamente. Le strade principali sono sporche e le stalle sono disposte su entrambi i lati della strada con i segni appropriati. I macellai, i pescatori, i ballerini, i carnefici e gli spazzini, e così via, hanno le loro dimore fuori dalla città. Nel loro andare e tornare queste persone sono obbligate a tenere il lato sinistro della strada finché arrivano alle loro case. Le case sono circondate da muri bassi e formano i sobborghi delle città. Poiché il suolo è formato di terra morbida e fangosa, le mura delle città e degli edifici sono costruite soprattutto con mattoni e tegole. Le torri delle mura sono costruite di legno o di bambù; le case hanno dei balconi e dei belvedere, che sono fatti in legno, con un rivestimento di argilla o calce, e coperti con tegole. Edifici diversi possono avere la stessa forma come anche in Cina: fascine o rami secchi, o tegole, o assi di legno sono usati per la loro copertura. I muri sono rivestiti con argilla o calce, mescolate con lo sterco di mucca per depurarle. A seconda delle stagioni le persone usano spargere dei fiori; ciascuno secondo le proprie usanze.

4 Il sangharamas [monastero] è costruito con un abilità straordinaria. Delle torri a tre livelli vengono poste in ciascuno dei quattro angoli. Le travi e le loro testate vengono intagliate con grande abilità nelle diverse forme. Le porte, le finestre e la parte bassa dei muri vengono dipinti abbondantemente; le celle dei monaci sono decorate all'interno e nella parte bassa all'esterno. Nella parte centrale dell'edificio vi è l'atrio, alto e largo. Vi sono varie camere di stoccaggio e torri di diversa altezza e forma, senza alcuna regola precisa. Le porte si aprono verso est ed anche il trono reale guarda ad est. Dei luoghi, l'abbigliamento, &c. Quando siedono o riposano [gli indiani] utilizzano delle stuoie; la famiglia reale, i grandi personaggi e gli ufficiali della corte utilizzano stuoie variamente decorate, ma nelle misure sono tutte uguali. Il trono del sovrano regnante è grande ed elevato, e adornato con molte gemme preziose: viene chiamato il Trono del Leone (simhasana). È coperto con grandi tendaggi e il suo seggio è ornato con gemme. È usanza che tutto venga meravigliosamente decorato con pitture, ed ogni ambiente arricchito secondo il gusto locale. Del vestiario, le abitudini, &c. L'abbigliamento [degli indiani] non è tagliato o foggiato; colpisce soprattutto per i capi di vestiario freschi e chiari, mentre sono poco diffusi quelli variopinti o decorati. Gli uomini avvolgono i loro capi di vestiario attorno alla vita, li legano poi loro sotto le ascelle e li lasciano cadere lungo il corpo sul lato destro. Le vestaglie delle donne, invece, cadono fino al suolo, coprendo completamente le loro spalle. Portano un piccolo nodo nei capelli al di sopra del copricapo e lasciano che il resto dei capelli cada liberamente. Alcuni uomini tagliano i loro baffi ed anno anche altri strani costumi. Sulle teste molte persone indossano dei cappucci (corone), oppure ghirlande di fiori o colletti con gioielli. I loro capi di vestiario sono fatti di Kiau-she-ye (kausheya) e di cotone. Il Kiau-she-ye è il prodotto del baco da seta selvaggio. Portano anche vestiti di Ts'o-mo (kshauma), che è una specie di canapa, e di Kien-po-lo (kambala) che è tessuto con del bel pelo di capra, e di Ho-1a-li (karala), fatto con il pelo pregiato di animali selvatici: poiché raramente questo può essere tessuto è considerata una stoffa di valore e molto pregiata. Nell'India del nord, dove l'aria è fredda, indossano dei capi di vestiario corti ed aderenti, come le persone di Hu. Il vestito e gli ornamenti indossati dai pagani sono vari e mescolati. A volte con penne di pavone; Alcuni portano collane ed altri ornamenti fatti con ossa di teschio (il Kapaladharinas); alcuni poi non hanno abbigliamento, ma vanno nudi (Nirgranthas); altri ricavano il loro vestiario dalle foglie o dalla corteccia; alcuni lasciano crescere i loro capelli ma tagliano i baffi; altri portano baffi cespugliosi ed i capelli intrecciati sulla cima della testa. Il vestiario, insomma, non è uniforme ed i colori, a volte rosso o bianco, variano continuamente. Gli Sciamani (Sramanas) portano solo due tipi di tunica, cioè, il Sang-kio-ki, il Ni-fo-si-na. Il taglio di questi abiti non è lo stesso, ma dipende dalla scuola. Alcuni possono avere i bordi larghi o stretti, altri portano dei piccoli o grandi lembi. Il Sang-kio-ki copre la spalla sinistra e avvolge entrambe le ascelle; viene indossato aperto a sinistra e chiuso sulla destra ed è tagliato più lungo della vita. Il Nifo-se-na non ha alcuna cintura né legacci. Quando viene indossato, viene sistemato con delle pieghe e fissato intorno i lombi con una legatura di corda. Le scuole differiscono quanto al colore di questo capo di vestiario: è usato sia giallo che rosso. I Kshattriyas ed i bramini sono sempre puliti e in ordine nel loro vestiario, e vivono in maniera semplice e frugale. Il re del paese ed i grandi ministri indossano capi di vestiario e ornamenti diversi nella foggia. Portano dei fiori per decorare i capelli, e copricapi ornati di gemme; inoltre si

5 ornano con braccialetti e con collane. Vi sono dei ricchi commercianti che trattano esclusivamente ciondoli dorati, e così via. Tutti vanno soprattutto scalzi; i pochi calzari che vengono indossati sono per lo più logori. Tingono i denti di rosso o nero; bendano i capelli e forano le orecchie; ornano il naso, e tingono il contorno degli occhi. Questo è il loro aspetto. La predicazione del Buddha di fronte ai suoi primi discepoli in un affresco della grotta 285 di Mogao, datato al 535 d.c. Della pulizia, le abluzioni, &c. Tutti sono molto attenti alla pulizia personale e non consentono alcuna negligenza sotto questo aspetto. Tutti si lavano prima di mangiare; non riutilizzano mai ciò che è avanzato (da un pasto formale); non si passano tra di loro i piatti. I contenitori in legno e pietra, quando sono stati usati, devono essere distrutti; i contenitori in oro, argento, rame, o ferro dopo ogni pasto devono essere strofinati e lucidati. Dopo aver mangiato puliscono i denti con un bastone di salice, lavano le mani e la bocca. Finché queste abluzioni non sono finite non si toccano l'un l'altro. Ogni volta che eseguono le funzioni di natura lavano i loro corpi ed usano profumi, sandalo o curcuma. Quando il re si lava vengono suonati i tamburi e si cantano inni al suono di strumenti musicali. Prima di officiare i loro servizi religiosi e le loro preghiere, si lavano e fanno il bagno. Della scrittura, la lingua, i libri, il Vedas, lo studio. Le lettere del loro alfabeto sono state definite dal Brahma-deva e la loro forma è stata tramandata dall'antichità fino ad oggi. Sono in tutto in numero di quarantasette e vengono combinate per formare le parole secondo l'oggetto, e secondo le circostanze (di tempo e luogo): ma vengono utilizzate anche altre forme (inflessioni). Questo alfabeto può fornire diverse indicazioni o generare concetti diversi, secondo le circostanze; vi sono state lievi modifiche nei suoni delle parole (nella lingua parlata), ma nelle sue caratteristiche generali non vi è mai stato alcun cambiamento. L'India centrale conserva il carattere originale della lingua nella sua integrità. Qui la pronuncia è morbida e gradevole, come la lingua delle divinità. La pronuncia delle parole è chiara e pura, e presa a modello da tutte le persone. Le persone che vivono nelle zone di confine, invece, hanno sviluppato diversi modi erronei di pronuncia; infatti conformemente alle abitudini licenziose delle persone, viene corrotta anche la natura della loro lingua. In riferimento alla trasmissione delle notizie, ogni provincia ha il proprio funzionario incaricato di conservarle (archiviarle) nella scrittura del posto. La raccolta di questi avvenimenti nella loro

6 interezza è chiamata Ni-lo-pi-ch'a (Nilapita, il deposito blu ). In questo annuario sono menzionati tutti gli avvenimenti, buoni e cattivi, come le calamità e gli eventi fortunati. Per educare ed formare i giovani, questi vengono incoraggiati a studiare il libro di dodici capitoli (Sidhavastu). Una volta giunti ai sette anni, ed oltre, i giovani sono istruiti nei cinque Vidyas [insegnamenti], Sastras [regole] di grande importanza. Il primo è detto il chiarimento dei suoni (Sabdavidya). Questo trattato spiega ed illustra l'accordo (la concordanza) delle parole, e fornisce un indice per i successivi. Il secondo vidya è chiamato il Kiau-ming (Silpasthana vidya); esso illustra i piaceri delle arti, la meccanica, i principi dello Yin e Yang ed il calendario. Il terzo è detto trattato medicinale (Chik-itsavidya) ed abbraccia le formule per la protezione [dalle malattie], gli affascinanti segreti nell'uso delle pietre medicinali, l'agopuntura e le piante medicinali. Il quarto vidya è chiamato Hetuvidya ( la scienza delle cause ); il suo nome deriva dal carattere del lavoro di raccolta e distinzione di quello che è vero dal falso, e riduce ai loro ultimi termini le definizioni di giusto e sbagliato. Il quinto vidya, è detto la scienza dell'interiore (Adhyatmavidya) e si riferisce ai cinque veicoli, le loro cause, le loro conseguenze, e le influenze elusive di questi. I bramini studiano anche i quattro Veda Sastras. Il primo è detto Shau (la longevità), e si riferisce alla preservazione della vita ed al mantenimento della condizione naturale. Il secondo è chiamato Sse (il sacrificio), riguarda (le regole) del sacrificio e della preghiera. Il terzo è chiamato Ping (la pace o la regola), e riguarda il decoro, la castità, gli affari militari, le regole dell'esercito. Il quarto è chiamato Shu (i misteri segreti), e riguarda i vari rami della scienza, gli incantesimi, la medicina. Gli insegnanti (di queste materie) devono aver studiato attentamente i principi profondi e segreti che [esse] contengono, e penetrato il loro significato il più remoto. Espongono poi il loro senso generale e guidano i loro allievi a capire i concetti più difficili. Li spronano e li guidano abilmente. Aggiungono lustro alla loro conoscenza povera e li stimolano all'approfondimento. Se trovano che i loro allievi rimangono soddisfatti con le loro acquisizioni, e manifestano il desiderio di fuggire per occuparsi dei loro doveri in questo mondo, usano ogni mezzo per mantenerli nel loro potere. Quando hanno concluso la loro educazione e hanno raggiunto la maggiore età di trenta anni, il loro carattere è formato e la loro conoscenza è matura. Quando hanno ottenuto un'occupazione, prima di tutto ringraziano il loro maestro per i suoi insegnamenti. Ve ne sono alcuni, profondamente versati nelle tradizioni antiche, che si consacrano agli studi e a vivere rinunciando ai piaceri del mondo, e mantenendo la semplicità del loro carattere. Costoro si ritengono al di sopra dei doni e delle ricchezze mondane e sono tanto insensibili alla rinomanza quanto è il loro disprezzo del mondo. Poiché la loro fama giunge lontano, i governatori li stimano particolarmente, ma non possono conferir loro alcuna carica. I governatori li onorano e tengono in gran conto i loro insegnamenti morali; tutte le genti esaltano la loro fama e rendono loro omaggio. Questa è la ragione del loro consacrarsi agli studi con ardore, risolutezza e in maniera instancabile. Cercano la saggezza fondandosi sulle loro proprie risorse. Sebbene a volte possiedano grandi ricchezze, vivono errando qua e là per guadagnarsi la loro sussistenza. Ma ve ne sono anche altri che, sebbene riconoscano il valore degli studi e delle lettere, continuamente e senza vergogna consumano le loro risorse nel vagabondaggio, solo per il piacere, trascurando i loro doveri. Sperperano le loro sostanze nel cibo costoso e nell'abbigliamento. Non seguono alcun principio virtuoso, non provano alcun desiderio per la conoscenza e sono portati al

7 disonore, e la loro infamia è rinomata. Il mondo conosciuto secondo il planisfero di Al-lstakhri's redatto nel 934 d.c. circa. Nella parte sinistra sono indicati il fiume Indo, la penisola indiana, il Tibet e l impero cinese Così secondo la classe di appartenenza, ad ognuno è dato di apprendere la dottrina di Tathagata; ma, poiché molto tempo è trascorso da quando quei santi vissero, la loro dottrina viene oggi presentata in forma travisata, e così è difficile comprendere esattamente cosa è giusto e cosa non lo è, solo sulla base della conoscenza di coloro che studiano le loro dottrine. Delle Scuole buddistie, i libri, le discussioni, le discipline. Le diverse scuole sono costantemente in disaccordo e gli insegnamenti che offrono sorgono come le onde irruente del mare. Le diverse sette hanno i loro maestri e ogni insegnamento mira ad un fine. Vi sono Diciotto scuole, ed ognuna pretende di essere nel giusto. I seguaci del Grande Piccolo Veicolo sono contenti di poter dimorare a parte. Ci sono alcuni che si accontentano di praticare la contemplazione e vi si consacrano, a volte vagabondando o rimanendo immobili o seduti, il tutto per acquisire saggezza e conoscenza; altri, al contrario, differiscono da questi per la tendenza ad innalzare rumorosamente le dispute intorno alla fede. Secondo le loro fraternità, sono governati da regole distinte e da regolamenti, che non si debbono divulgare. Il Vinaya (liu), i discorsi (lun), il sutras (il re), sono tutti libri ugualmente buddistici. Colui che può illustrare completamente una classe di questi libri è esentato dal controllo del karmadana. Se può illustrarne due classi, riceve in aggiunta la disponibilità di un giaciglio superiore (una stanza); colui che può illustrarne tre classi ottiene la disponibilità di diversi servitori che lo accudiscono e gli obbediscono; a coloro che possono illustrarne quattro classi vengono assegnati degli "uomini puri" (upasakas) come assistenti; a colui che può illustrare cinque classi di libri viene donato, poi, un

8 elefante da trasporto; a colui che può illustrare sei classi di libri viene concessa una scorta che lo circonda. Quando poi la conoscenza di costui raggiunge a un'alta distinzione, in tempi diversi viene convocata un assemblea per la discussione. Costoro giudicano il talento, superiore o inferiore, di quelli che vi partecipano; distinguono i loro lati buoni o cattivi; ne lodano l'intelligenza e rimproverano i difetti; se qualcuno nell'assemblea si distingue per il linguaggio raffinato, l'investigazione esaustiva, la penetrazione profonda, e la logica severa, poi, viene fatto montare su un elefante, coperto con ornamenti preziosi, e condotto con un seguito numeroso fino alle porte del convento. Se, al contrario, uno dei membri scade nella discussione o usa delle frasi povere e ineleganti, o se viola una regola nella logica, e adatta le sue parole in conseguenza, procedono a sfigurare la sua faccia con la tinta rossa e bianca, coprono il suo corpo con terra e polvere, lo portano poi in una macchia abbandonata, o lo lasciano in un fossato. Così essi distinguono tra il meritorio ed il privo di valore, tra il saggio e lo stupido. La carriera di piacere appartiene ad una vita di questo mondo, il seguire la conoscenza ad una vita religiosa; ritornare alla vita di questo mondo da una vita religiosa è considerato biasimabile. Se qualcuno rompe le regole e la disciplina, il trasgressore è rimproverato pubblicamente: per una colpa leggera viene dato un ammonimento o un esilio temporaneo (viene imposto il silenzio); per una grave caduta viene imposta l'espulsione. Coloro che vengono espulsi così, per la vita, escono dal monastero per cercare un'altra dimora; ma non trovando alcun luogo dove dimorare, errano per le strade e a volte ritornano alla loro vecchia occupazione. Delle caste e del matrimonio. In riferimento alla divisione delle famiglie, vi sono quattro caste. La prima viene detta dei Bramini (Po-lo-men), gli uomini dalla condotta pura. Si custodiscono nella religione, vivono puramente ed osservano i principi più corretti. La seconda è chiamata Kshattriya (T'sa-ti-li), la casta reale. Da sempre costoro sono stati la classe governante: si applicano alla virtù (l'umanità) e all'altruismo. La terza è chiamata Vaisyas (fei-she-li), la classe dei commercianti: si impegnano negli scambi e nei commerci e seguono il profitto in patria e all'estero. La quarta è chiamata Sudra (Shu-t'o-lo), la classe agricola: lavorano nei campi e nelle colture. In queste quattro classi la purezza o l'impurità di casta viene assegnata ad ognuno a seconda del luogo. Quando si sposano possono salire o cadere di posizione, secondo il loro nuovo legame. Non sono consentiti legami promiscui tra le classi. Una donna, una volta sposata, non può avere un altro uomo. Oltre a queste, poi, vi sono altre classi, di molti altri tipi, che si imparentano secondo le loro diverse definizioni. Sarebbe difficile parlare di tutto questo dettagliatamente. Della famiglia reale, l'esercito, le armi. La successione dei re è limitata alla casta Kshattriya (T'sa-li), che dall'usurpazione e dallo spargimento di sangue ha di volta in volta mantenuto il potere. In quanto casta distinta, sono considerati come onorevoli (o signori). Gran parte dei soldati del paese sono scelti tra i più coraggiosi fra le persone, e poiché i figli seguono la professione di loro padri, acquisiscono presto una conoscenza dell'arte della guerra. Questi dimorano nella guarnigione presso il palazzo (in tempo di pace), ma quando prendono parte ad una spedizione, marciano davanti a tutti poiché costituiscono una guardia avanzata. Ci sono quattro divisioni dell'esercito, i viz, la fanteria, la cavalleria, i carri e gli elefanti. Gli elefanti sono coperti con un'armatura forte e le loro zanne sono munite di speroni affilati. Il comandante su un carro dà gli ordini, mentre due assistenti sulla destra e sulla sinistra guidano il suo carro, che è trainato da quattro cavalli affiancati. Il generale rimane sempre sul suo carro ed è circondato da una

9 fila di guardie, che si tengono vicino alle ruote del carro. La cavalleria si schiera in avanti per resistere ad un attacco, ed in caso di sconfitta porta gli ordini dove occorre. La fanteria, dai movimenti veloci, contribuisce alla difesa. Questi uomini sono scelti per il loro coraggio e per Il principe Siddharta Gautama rinuncia alle proprie ricchezze e si taglia i capelli la forza. prima di abbandonare la casa natale; rilievo del tempio indonesiano di Borobudur; circa 800 dc. Portano un lungo giavellotto ed una grande armatura; a volte tengono una spada o una sciabola, ed avanzano con impetuosità. Tutte le loro armi da guerra sono affilate e curate. Alcune di queste sono giavellotti, le armature, gli archi, le frecce, le spade, le sciabole, le accette da combattimento, le lance, le alabarde, i lunghi giavellotti ed i vari tipi di fionde. Tutte queste vengono usate fin dai tempi antichi. Dei modi dell'amministrazione della legge, le prove dure. In riferimento alle persone comuni, tutti sono di natura illuminati, retti ed onorevoli. Nelle questioni di denaro sono onesti e nell'amministrare la giustizia sono rispettosi. Essi temerono il castigo di un altro stato dell'esistenza, e fanno tesoro delle esperienze del mondo presente. Non sono ingannevoli o traditori nella loro condotta, e sono fedeli ai giuramenti e alle promesse. Nelle regole di governo vi è una eccezionale rettitudine, e nel loro comportamento vi è grande delicatezza e dolcezza. In riferimento ai criminali e ai ribelli, questi sono generalmente pochi, e solo occasionalmente creano disordini. Quando le leggi vengono violate o è violato il potere del governatore, e la questione è acclarata del tutto, i colpevoli vengono imprigionati. Non vi è eccesso di pene corporali; vengono lasciati semplicemente a vivere o morire, e non sono annoverati fra gli uomini. Quando le regole sulla proprietà o la giustizia vengono violate, o quando un uomo tradisce nella fedeltà o nella pietà per i figli, gli viene tagliato il naso o le orecchie, o le mani o i piedi, o viene espulso dal paese e abbandonato nel deserto selvaggio. Per le altre colpe, eccetto queste, un piccolo pagamento in denaro costituirà la punizione. Nell'investigazione sui casi di crimine non vi è l'uso della verga o del bastone per ottenere delle prove (di colpa). Nell'interrogare una persona accusata, se questa risponde con franchezza, la punizione sarà proporzionata in conseguenza; ma se l'accusato nega ostinatamente la sua colpa o malgrado questa tenta di discolparsi, per poter cercare la verità al fondo, quando è necessario per giungere ad una conclusione, ci sono quattro tipi di prove dure : dell'acqua, del fuoco, del peso, del veleno. Quando la prova è dell'acqua, l'accusato viene chiuso in un sacco legato ad un vascello di pietra, e lanciato nell'acqua profonda. Il giudice stabilisce poi la sua innocenza, o colpevolezza, in questa maniera: se l'uomo affonda e la pietra galleggia egli è colpevole; ma se l'uomo galleggia e la pietra

10 affonda è proclamato innocente. La seconda è quella del fuoco. Viene riscaldato un piatto di ferro e l'accusato viene fatto sedere su di esso, poi si pongono di nuovo i suoi piedi su esso, e lo si applica alle palme delle sue mani; inoltre gli si fa passare la lingua sopra esso; se non riporta alcuna cicatrice, è proclamato innocente; ma se vi sono delle cicatrici la sua colpa è provata. In caso di persone deboli e timide che non possano sostenere tale prova dura, portano il germoglio di un fiore e lo lanciano verso il fuoco; se questo si apre è innocente; se il fiore viene bruciato è colpevole. La prova dal peso consiste in questo: un uomo ed una pietra sono collocati in equilibrio uniforme, quindi si giudica secondo la leggerezza o secondo il peso. Se l'accusato è innocente il suo peso supera quello della pietra che quindi si alza; se è colpevole egli verra alzato mentre la pietra scende. La prova dal veleno consiste in questo: viene portato un ariete e si fa un'incisione nella sua coscia destra, quindi si mescolano tutti i generi di veleno con una porzione di cibo dell'accusato, lo collocano quindi nell'incisione fatta nella coscia (dell'animale); se l'uomo è colpevole il veleno porta l'effetto e la creatura muore; se è innocente il veleno non ha effetto, e sopravvive. Con questi quattro sistemi di prova la strada del crimine è bloccata. Delle forme di gentilezza. Ci sono nove metodi per manifestare il proprio rispetto: 1) scegliendo le parole maggiormente concilianti quando si fa una richiesta; 2) inchinando la testa per mostrare rispetto; (3) alzando le mani e inchinandosi; 4) unendo le mani e inchinandosi verso il basso; 5) piegando il ginocchio; 6) con una prostrazione; 7) con una prostrazione sulle mani e sulle ginocchia; 8) toccando il suolo con i cinque cerchi; 9) tendendo le cinque parti del corpo a terra. Di questi nove metodi il più rispettoso è fare una prostrazione a terra, poi inginocchiarsi e proclamare lodi all'indirizzo della persona. Quando si è ad una certa distanza è usuale inchinarsi verso il basso; quando si è vicini, poi è usuale baciare i piedi e strofinare le caviglie (della persona indirizzata). Quando degli ordini vengono ricevuti dalle mani di un superiore, la persona solleva il lembo della sua veste e fa una prostrazione. La persona superiore o più onorevole che viene così riverita deve parlare delicatamente (all'inferiore), sia toccando la sua testa o carezzando il dorso, e rivolgendosi con buone parole di indirizzo, o con avvertimento per mostrare il suo affetto. Quando uno Shramana o qualcuno che è entrato sulla vita religiosa, viene così rispettosamente appellato, risponde esprimendo semplicemente un buono auspicio (un voto), Non solo usano prostrarsi per mostrare riverenza, ma anche si girano, verso la persona riverita, in molte maniere, a volte con un giro, a volte con tre: quando si incontrano uomini che sono amici da lunga data si scambiano prima una riverenza profonda, e poi altri saluti secondo il desiderio di ciascuno. Delle medicine, gli usi funerari, &c. Quando qualcuno si ammala gli si impone un digiuno di sette giorni. Durante questo intervallo molti recuperano, ma se la malattia perdura gli vengono portate delle medicine. Il carattere di queste medicine è diverso ed i loro nomi anche. I dottori differiscono nel loro modo di esaminare e nel trattamento che impongono.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Traguardi formativi : Incontrare il cibo come veicolo primario di relazione tra il bambino e il mondo esterno. Per l individuo di qualsiasi età

Traguardi formativi : Incontrare il cibo come veicolo primario di relazione tra il bambino e il mondo esterno. Per l individuo di qualsiasi età Traguardi formativi : Incontrare il cibo come veicolo primario di relazione tra il bambino e il mondo esterno. Per l individuo di qualsiasi età mangiare significa introiettare elementi esterni (appunto

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012 Piancavallo, 23 aprile 2012 La Pianura Padana è la più importante pianura italiana. La parte più in alto della Pianura Padana è a un altitudine di 200 metri, la parte più bassa arriva a 0 metri sul livello

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Hawaii. 1. I giocatori assemblano le 6 sezioni di puzzle per creare la cornice del bordo. Poi rimescolano i 10 luoghi

Hawaii. 1. I giocatori assemblano le 6 sezioni di puzzle per creare la cornice del bordo. Poi rimescolano i 10 luoghi Hawaii I giocatori vivono su questa ben nota isola in mezzo all'oceano Pacifico. L'isola principale è molto popolata e ognuno segue la propria attività. I pescatori pescano, i surfisti surfano, i ballerini

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Nella valle dei sogni

Nella valle dei sogni Nella valle dei sogni In Carinzia il tempo sembra essersi fermato, le campane delle mucche e quelle della chiesa si mescolano, come fanno da sempre, da quando e` iniziata la vita in queste vallate alpine.

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus

QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016. AFLIN Fior di Loto India Onlus QUALE FUTUTO PER LA NOSTRA CASA? 10 Maggio 2016 AFLIN Fior di Loto India Onlus Da sempre fin dalle antiche civiltà sono esistite associazioni tra mondo metafisico ed Alberi e Boschi, con sacralizzazione

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone)

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) Africana Componenti di gioco 1 tabellone con la mappa dell Africa 2 libri 30 carte avventura (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) 34 carte spedizione (con sul dorso A, B e C) 10 carte assistenti

Dettagli

Novosibirsk, ottobre 2015

Novosibirsk, ottobre 2015 Novosibirsk, ottobre 2015 Carissimi, un caldo saluto dalla fredda Siberia! Le tiepide giornate autunnali, hanno di colpo, lasciato il palcoscenico alle grigie giornate che preannunciano l'arrivo del grande

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA

Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA Reiner Knizia TADSCH MAHAL UN GIOCO DI INFLUENZA E DI POTERE IN INDIA E in gioco il controllo dell India all inizio del 18 secolo. Il regime dei Gran Mogol, che durava da 200 anni, sta crollando, anche

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Scuola Primaria T.Bagiotti Castione. Clicca sui disegni e leggi i nostri lavori

Scuola Primaria T.Bagiotti Castione. Clicca sui disegni e leggi i nostri lavori Scuola Primaria T.Bagiotti Castione Clicca sui disegni e leggi i nostri lavori Tanti anni fa gli animali vivevano sull isola argentata. Si divertivano e mangiavano quello che più gli piaceva. Un brutto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Cibo e salute nella ciotola del Buddha

Cibo e salute nella ciotola del Buddha ANGELA CROSTA Cibo e salute nella ciotola del Buddha LIBRERIA EDITRICE PSICHE L autrice ringrazia: Nicola Bianco per la rilettura dei capitoli riguardanti Cina e Giappone Andreana Gallo per la collaborazione

Dettagli

L ultimo viaggio di Gesù a Gerusalemme

L ultimo viaggio di Gesù a Gerusalemme L ultimo viaggio di Gesù a Gerusalemme L arrivo di Gesù a Gerusalemme per gli eventi definiti come la «Settimana della Passione», era stato pianificato. Infatti, «come s avvicinava il tempo della sua assunzione,

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Gabriela Mesia Bolivar

Gabriela Mesia Bolivar Gabriela Mesia Bolivar Ho visto il cielo arancione e la forma del sole, che tramontava, e un albero che si nascondeva, tra l'oscurità, i gabbiani che se ne andavano, mentre la luce spariva e la notte veniva

Dettagli

Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino

Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino Seconda Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del Cittadino Promulgata a Parigi, 1793 Cenni storici Elaborata ed approvata dall Assemblea, rappresenta una ripresa e un approfondimento della Dichiarazione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Deserti I CLIMI DESERTICI

Deserti I CLIMI DESERTICI Deserti Dune di sabbia, palmizi e dromedari. È così che ci si immagina un deserto, di solito. In realtà, nella maggior parte dei deserti, la sabbia non c è e non c è mai stata! Enormi aree desertiche sono

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN Programma di Viaggio 19 Giorni - Cod AC 501 LA VIA DELLA SETA Da Pechino ad Almaty, attraversando il deserto di Gobi fino a raggiungere la spettacolare oasi di Kashgar. Da

Dettagli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli Illustrazioni di Silvia Provantini Rizzoli A Nonno Elio, che fece innamorare una fata Yoro, il solitario «C he la riunione straordinaria abbia inizio.» Antea, l antica Fata dell Acqua dolce, sbatté solennemente

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre

Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Laboratorio di Religione Alla scoperta di Gesù! di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 27 Ottobre al 28 Novembre Suddivisione del gruppo Due gruppi, dopo il momento comune della preghiera del

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA SEZIONE DI VERCELLI E PROVINCIA Lodi s immola Ten.Mo.O.V.M. Paolo Solaroli di Briona Cap.M.O.V.M. Amedeo De Rege Thesauro Annesso al Regolamento Interno DISPOSIZIONI

Dettagli

www.piccolomusulmano.com

www.piccolomusulmano.com www.piccolomusulmano.com I Pilastri dell Islam L Islam si basa su 5 pilastri : il primo di essi è As shahaadatayn ( le due testimonianze di fede) cioè il fatto di testimoniare che non c'è altra divinità

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

SPECIALE HALLOWEEN "DOLCETTO O SCHERZETTO"?

SPECIALE HALLOWEEN DOLCETTO O SCHERZETTO? SPECIALE HALLOWEEN La parola Halloween deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE, cioè la notte di Ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data coincideva anche con la fine dell'estate. I colori di Halloween

Dettagli

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana

Etiopia : Lalibela La Gerusalemme africana Nel lontano 1200, un re della dinastia etiope Zaguè, di nome Lalibela, decise di costruire nella sua città una copia dei monumenti esistenti a Gerusalemme. Ci mise tutto il suo impegno e la sua fede disponendoli

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

GIAPPONE = NIPPON. Forma di governo = monarchia costituzionale. Capitale = Tokyo. Fuso orario = + 8 ore rispetto all Italia. Popolazione = 128 milioni

GIAPPONE = NIPPON. Forma di governo = monarchia costituzionale. Capitale = Tokyo. Fuso orario = + 8 ore rispetto all Italia. Popolazione = 128 milioni GIAPPONE = NIPPON Il cerchio è simbolo del sole che sorge. I giapponesi dicono che il loro paese si trova alle radici del sole. Lingua ufficiale = giapponese Forma di governo = monarchia costituzionale

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli