Ad un primo esame, Dei nomi dell'india

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ad un primo esame, Dei nomi dell'india"

Transcript

1 Dei nomi dell'india Ad un primo esame, constatiamo che i nomi dell'india (T ien-chu) sono vari e rendono perplessi in quanto alla loro autorità. È stata anticamente chiamata Shin-tu, e anche Hien-tau; ma ora, secondo la pronuncia giusta, essa viene chiamata In-tu. Le genti di In-tu chiamano il loro paese con nomi diversi a seconda del distretto dove risiedono. Ogni paese, a questo proposito, ha un'usanza diversa. Tuttavia utilizzare un nome unico ci sembra il migliore consiglio, per cui chiameremo In-tu l'intero paese. In lingua cinese questo nome significa La L asia centrale secondo le conoscenze tramandate da Tolomeo (circa Luna [La luna ha molti d.c.). L Europa è rimasta debitrice di quanto tramandato dal nomi, di cui questo è uno]. grande geografo greco fino al XV secolo e alle scoperte geografiche Poiché è stato detto che tutte le cose viventi girano incessantemente nella ruota (del tempo) attraverso una lunga notte di ignoranza, senza una stella che le guidi, il loro caso è come il ciclo del sole; così come alla luce di una torcia è consentito spandersi nonostante vi sia il chiarore delle stelle, così diverso rispetto alla luce intensa della luna ; proprio come la luce di uomini santi e saggi ha sempre guidato il mondo, così il brillare della luna, ha reso questo paese eminente, e così esso viene chiamato In-tu. Le famiglie dell'india sono divise nelle varie caste, i bramini in particolar modo (sono noti) in ragione della loro purezza e della nobiltà. La tradizione ha santificato così il nome di questa tribù senza alcun riferimento alle regioni in cui essi vivono, al contrario tutte le persone parlano generalmente dell'india come del paese dei bramini (Po-lo-men). Dell'estensione dell'india, il clima, &c. I territori riuniti sotto il termine di India sono indicati generalmente come le Cinque Indie. Nei suoi confini questo paese comprende li (un li equivale a circa 2 Km); su tre lati è circondato dal grande mare; verso nord è sostenuto dalle Montagne Nevose. La parte del nord è larga mentre la parte meridionale è stretta; la sua forma è come una mezza luna. L'intero territorio è diviso in settanta paesi, più o meno. Le stagioni sono particolarmente calde; la terra è irrigata bene e umida. Il nord è una successione di montagne e colline, Il suolo è secco e salato. Ad est vi sono delle valli e delle pianure, che essendo bene irrigate e ben coltivate, sono fruttifere e produttive. Il distretto meridionale è boscoso ed erbaceo, mentre le zone occidentali sono pietrose e sterili. Questo è l'aspetto generale di questo paese.

2 Delle misure di lunghezza. Per dare solo un breve resoconto riguardi le unità di misura, prima di tutto c'è il yojana (yu-shenna); questo sin dal tempo degli antichi e santi re è stato considerato come l'equivalente di un giorno di marcia per un esercito. Il vecchio computo lo considera pari a 40 li; secondo l'attuale computo in India sarebbe pari a 30 li, ma nei libri sacri (di Buddha) il yojana è calcolato in soli 16 li. Nella suddivisione delle distanze, uno yojana è uguale a otto kroshas (keu-lu-she); un krosha è la distanza a cui può essere udito il verso di una mucca; un krosha è diviso in 500 archi (dhanus); un arco è diviso in quattro cubiti (hastas); un cubito è diviso in 24 dita (angulis); un dito è diviso in sette grani d'orzo (yavas); e così via fino ad una pulce (yuka), un pidocchio (liksha), un grano di polvere, il pelo di una mucca, il pelo di una pecora, il salto di una lepre, e così via per sette divisioni, finché giungiamo ad un piccolo grano di polvere; questo, poi, è diviso ancora sette volte tanto finché giungiamo ad un piccolissimo grano di polvere (anu); questo, tuttavia, non può essere diviso ulteriormente senza arrivare al nulla, e così viene chiamato l'infinitamente piccolo (paramanu). Dell'astronomia, il calendario, &c. Sebbene l'alternanza dei principi di Yin e Yang ed i movimenti successivi del sole e della luna siano chiamati con nomi diversi dal nostro, tuttavia le stagioni sono le stesse; i nomi dei mesi sono derivati dalla posizione (della luna rispetto) agli altri astri. La porzione la più breve di tempo è chiamata un t'sa-na (kshana); 120 kshanas fanno un ta-t'sa-na (takshana); 60 di questi fanno un la-fo (lava); 30 di questi fanno un mau-hu-li-to (muhurta); cinque di questi fanno "un periodo di tempo" (kala); sei di questi fanno un giorno ed una notte (ahoratra), ma comunemente il giorno e la notte sono divisi in otto kala. Il periodo dalla luna nuova finché la luna piena è chiamato la divisione bianca (Sukla-paksha) del mese; il periodo dalla luna piena fino alla scomparsa (della luce) è chiamato la porzione scura (Krushna-paksha). La porzione scura comprende quattordici o quindici giorni, poiché il mese è a volte più lungo e a volte più breve. Il procedere dalla porzione scura alla seguente porzione di luce va a costituire un mese; sei mesi formano una marcia (hing s.ayana). Il sole, quando si muove dentro (l'equatore) è detto essere nella sua marcia settentrionale; quando si muove fuori (dell'equatore) è nella sua marcia meridionale. Questi due periodi formano un anno (vatsara). L'anno, di nuovo, è diviso in sei stagioni. Dal giorno 16 del mese primo fino al giorno 15 del terzo mese è la stagione del calore graduale; dal giorno 16 del terzo mese fino al giorno 15 del quinto mese è della la stagione di calore pieno; dal giorno 16 del quinto mese fino al giorno 15 del settimo mese è detta la stagione delle piogge; dal giorno 16 del settimo mese fino al giorno 15 del nono mese è detta la stagione della crescita (della vegetazione); dal giorno 16 del nono mese fino al giorno 15 dell'undicesimo mese è detta la stagione di freddo graduale; dal giorno 16 dell'undicesimo mese fino al giorno 15 del primo mese è detta la stagione del grande (pieno) freddo. Secondo la santa dottrina di Tathagata, l'anno è diviso invece in tre stagioni. Dal giorno 16 del primo mese fino al giorno 15 del quinto mese è detta la stagione calda; dal giorno 16 del quinto mese fino al giorno 15 del nono mese è detta la stagione bagnata; dal giorno 16 del nono mese fino al giorno 15 del primo mese è detta la stagione fredda. Di nuovo, vi sono quattro stagioni chiamate primavera, estate, autunno e inverno. I tre mesi primaverili sono chiamati Chi-ta-lo (Chaitra), Fei-she-kie (Vaishaka), She-se-ch'a (Jyeshtha);

3 questi corrispondono al periodo dal giorno 16 del primo mese al 15 del quarto mese. I tre mesi dell'estate sono chiamati 'An-sha-cha (Ashadha), Chi-lo-fa-na (Shravana), Po-ta-lo-pa-to (Bhadrapada); questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del quarto mese al giorno 15 del settimo mese. I tre mesi dell'autunno sono chiamati, 'An-shi-fo-kuche (Asvayuja), Kia-lita-ka (Karttika), Wi-kiaLe grotte di Mogao e l abitato monastico circostante in un celebre chi-lo (Margasirsha); affresco del Monte Wutai (Cina IX secolo d.c.) questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del settimo mese al giorno 15 del decimo mese. I tre mesi dell'inverno sono chiamati Po-sha (Pushya), il Ma-ku (Magha) e Po-li-kiu-na (Phalguna); questi corrispondono al periodo tra il giorno 16 del decimo mese al giorno 15 del primo mese in Cina. Nei tempi antichi in India le comunità di fedeli, confidando nel sacro insegnamento di Budda, si davano un periodo di riposo doppio (durante le piogge), cioè sia i primi tre mesi che gli ultimi tre mesi; questi periodi andavano dal giorno 16 del quinto mese al giorno 15 dell'ottavo mese, e dal giorno 16 del sesto mese al giorno 15 del nono mese. I traduttori del Sutras (il re) e del Vinaya (il liu) appartenendo a generazioni precedenti hanno impiegato i termini Tso-hia e Tso-la-hia per indicare il riposo durante la stagione delle piogge; ma questo accadde perché le persone ignoranti dei paesi di frontiera non comprendevano i giusti suoni della lingua del paese medio (India), o tradussero prima di comprendere le frasi locali: questo fu il motivo dell'errore. E per la stessa ragione si verificarono gli errori sul tempo del concepimento di Tathagata, la sua nascita, la sua partenza dalla casa, il suo insegnamento, ed il suo Nirvana, di cui parleremo nei seguenti capitoli. Delle città e gli edifici. Le città e i villaggi hanno delle porte interne; le mura sono larghe ed alte; le strade e i vicoli sono tortuosi, e curvano continuamente. Le strade principali sono sporche e le stalle sono disposte su entrambi i lati della strada con i segni appropriati. I macellai, i pescatori, i ballerini, i carnefici e gli spazzini, e così via, hanno le loro dimore fuori dalla città. Nel loro andare e tornare queste persone sono obbligate a tenere il lato sinistro della strada finché arrivano alle loro case. Le case sono circondate da muri bassi e formano i sobborghi delle città. Poiché il suolo è formato di terra morbida e fangosa, le mura delle città e degli edifici sono costruite soprattutto con mattoni e tegole. Le torri delle mura sono costruite di legno o di bambù; le case hanno dei balconi e dei belvedere, che sono fatti in legno, con un rivestimento di argilla o calce, e coperti con tegole. Edifici diversi possono avere la stessa forma come anche in Cina: fascine o rami secchi, o tegole, o assi di legno sono usati per la loro copertura. I muri sono rivestiti con argilla o calce, mescolate con lo sterco di mucca per depurarle. A seconda delle stagioni le persone usano spargere dei fiori; ciascuno secondo le proprie usanze.

4 Il sangharamas [monastero] è costruito con un abilità straordinaria. Delle torri a tre livelli vengono poste in ciascuno dei quattro angoli. Le travi e le loro testate vengono intagliate con grande abilità nelle diverse forme. Le porte, le finestre e la parte bassa dei muri vengono dipinti abbondantemente; le celle dei monaci sono decorate all'interno e nella parte bassa all'esterno. Nella parte centrale dell'edificio vi è l'atrio, alto e largo. Vi sono varie camere di stoccaggio e torri di diversa altezza e forma, senza alcuna regola precisa. Le porte si aprono verso est ed anche il trono reale guarda ad est. Dei luoghi, l'abbigliamento, &c. Quando siedono o riposano [gli indiani] utilizzano delle stuoie; la famiglia reale, i grandi personaggi e gli ufficiali della corte utilizzano stuoie variamente decorate, ma nelle misure sono tutte uguali. Il trono del sovrano regnante è grande ed elevato, e adornato con molte gemme preziose: viene chiamato il Trono del Leone (simhasana). È coperto con grandi tendaggi e il suo seggio è ornato con gemme. È usanza che tutto venga meravigliosamente decorato con pitture, ed ogni ambiente arricchito secondo il gusto locale. Del vestiario, le abitudini, &c. L'abbigliamento [degli indiani] non è tagliato o foggiato; colpisce soprattutto per i capi di vestiario freschi e chiari, mentre sono poco diffusi quelli variopinti o decorati. Gli uomini avvolgono i loro capi di vestiario attorno alla vita, li legano poi loro sotto le ascelle e li lasciano cadere lungo il corpo sul lato destro. Le vestaglie delle donne, invece, cadono fino al suolo, coprendo completamente le loro spalle. Portano un piccolo nodo nei capelli al di sopra del copricapo e lasciano che il resto dei capelli cada liberamente. Alcuni uomini tagliano i loro baffi ed anno anche altri strani costumi. Sulle teste molte persone indossano dei cappucci (corone), oppure ghirlande di fiori o colletti con gioielli. I loro capi di vestiario sono fatti di Kiau-she-ye (kausheya) e di cotone. Il Kiau-she-ye è il prodotto del baco da seta selvaggio. Portano anche vestiti di Ts'o-mo (kshauma), che è una specie di canapa, e di Kien-po-lo (kambala) che è tessuto con del bel pelo di capra, e di Ho-1a-li (karala), fatto con il pelo pregiato di animali selvatici: poiché raramente questo può essere tessuto è considerata una stoffa di valore e molto pregiata. Nell'India del nord, dove l'aria è fredda, indossano dei capi di vestiario corti ed aderenti, come le persone di Hu. Il vestito e gli ornamenti indossati dai pagani sono vari e mescolati. A volte con penne di pavone; Alcuni portano collane ed altri ornamenti fatti con ossa di teschio (il Kapaladharinas); alcuni poi non hanno abbigliamento, ma vanno nudi (Nirgranthas); altri ricavano il loro vestiario dalle foglie o dalla corteccia; alcuni lasciano crescere i loro capelli ma tagliano i baffi; altri portano baffi cespugliosi ed i capelli intrecciati sulla cima della testa. Il vestiario, insomma, non è uniforme ed i colori, a volte rosso o bianco, variano continuamente. Gli Sciamani (Sramanas) portano solo due tipi di tunica, cioè, il Sang-kio-ki, il Ni-fo-si-na. Il taglio di questi abiti non è lo stesso, ma dipende dalla scuola. Alcuni possono avere i bordi larghi o stretti, altri portano dei piccoli o grandi lembi. Il Sang-kio-ki copre la spalla sinistra e avvolge entrambe le ascelle; viene indossato aperto a sinistra e chiuso sulla destra ed è tagliato più lungo della vita. Il Nifo-se-na non ha alcuna cintura né legacci. Quando viene indossato, viene sistemato con delle pieghe e fissato intorno i lombi con una legatura di corda. Le scuole differiscono quanto al colore di questo capo di vestiario: è usato sia giallo che rosso. I Kshattriyas ed i bramini sono sempre puliti e in ordine nel loro vestiario, e vivono in maniera semplice e frugale. Il re del paese ed i grandi ministri indossano capi di vestiario e ornamenti diversi nella foggia. Portano dei fiori per decorare i capelli, e copricapi ornati di gemme; inoltre si

5 ornano con braccialetti e con collane. Vi sono dei ricchi commercianti che trattano esclusivamente ciondoli dorati, e così via. Tutti vanno soprattutto scalzi; i pochi calzari che vengono indossati sono per lo più logori. Tingono i denti di rosso o nero; bendano i capelli e forano le orecchie; ornano il naso, e tingono il contorno degli occhi. Questo è il loro aspetto. La predicazione del Buddha di fronte ai suoi primi discepoli in un affresco della grotta 285 di Mogao, datato al 535 d.c. Della pulizia, le abluzioni, &c. Tutti sono molto attenti alla pulizia personale e non consentono alcuna negligenza sotto questo aspetto. Tutti si lavano prima di mangiare; non riutilizzano mai ciò che è avanzato (da un pasto formale); non si passano tra di loro i piatti. I contenitori in legno e pietra, quando sono stati usati, devono essere distrutti; i contenitori in oro, argento, rame, o ferro dopo ogni pasto devono essere strofinati e lucidati. Dopo aver mangiato puliscono i denti con un bastone di salice, lavano le mani e la bocca. Finché queste abluzioni non sono finite non si toccano l'un l'altro. Ogni volta che eseguono le funzioni di natura lavano i loro corpi ed usano profumi, sandalo o curcuma. Quando il re si lava vengono suonati i tamburi e si cantano inni al suono di strumenti musicali. Prima di officiare i loro servizi religiosi e le loro preghiere, si lavano e fanno il bagno. Della scrittura, la lingua, i libri, il Vedas, lo studio. Le lettere del loro alfabeto sono state definite dal Brahma-deva e la loro forma è stata tramandata dall'antichità fino ad oggi. Sono in tutto in numero di quarantasette e vengono combinate per formare le parole secondo l'oggetto, e secondo le circostanze (di tempo e luogo): ma vengono utilizzate anche altre forme (inflessioni). Questo alfabeto può fornire diverse indicazioni o generare concetti diversi, secondo le circostanze; vi sono state lievi modifiche nei suoni delle parole (nella lingua parlata), ma nelle sue caratteristiche generali non vi è mai stato alcun cambiamento. L'India centrale conserva il carattere originale della lingua nella sua integrità. Qui la pronuncia è morbida e gradevole, come la lingua delle divinità. La pronuncia delle parole è chiara e pura, e presa a modello da tutte le persone. Le persone che vivono nelle zone di confine, invece, hanno sviluppato diversi modi erronei di pronuncia; infatti conformemente alle abitudini licenziose delle persone, viene corrotta anche la natura della loro lingua. In riferimento alla trasmissione delle notizie, ogni provincia ha il proprio funzionario incaricato di conservarle (archiviarle) nella scrittura del posto. La raccolta di questi avvenimenti nella loro

6 interezza è chiamata Ni-lo-pi-ch'a (Nilapita, il deposito blu ). In questo annuario sono menzionati tutti gli avvenimenti, buoni e cattivi, come le calamità e gli eventi fortunati. Per educare ed formare i giovani, questi vengono incoraggiati a studiare il libro di dodici capitoli (Sidhavastu). Una volta giunti ai sette anni, ed oltre, i giovani sono istruiti nei cinque Vidyas [insegnamenti], Sastras [regole] di grande importanza. Il primo è detto il chiarimento dei suoni (Sabdavidya). Questo trattato spiega ed illustra l'accordo (la concordanza) delle parole, e fornisce un indice per i successivi. Il secondo vidya è chiamato il Kiau-ming (Silpasthana vidya); esso illustra i piaceri delle arti, la meccanica, i principi dello Yin e Yang ed il calendario. Il terzo è detto trattato medicinale (Chik-itsavidya) ed abbraccia le formule per la protezione [dalle malattie], gli affascinanti segreti nell'uso delle pietre medicinali, l'agopuntura e le piante medicinali. Il quarto vidya è chiamato Hetuvidya ( la scienza delle cause ); il suo nome deriva dal carattere del lavoro di raccolta e distinzione di quello che è vero dal falso, e riduce ai loro ultimi termini le definizioni di giusto e sbagliato. Il quinto vidya, è detto la scienza dell'interiore (Adhyatmavidya) e si riferisce ai cinque veicoli, le loro cause, le loro conseguenze, e le influenze elusive di questi. I bramini studiano anche i quattro Veda Sastras. Il primo è detto Shau (la longevità), e si riferisce alla preservazione della vita ed al mantenimento della condizione naturale. Il secondo è chiamato Sse (il sacrificio), riguarda (le regole) del sacrificio e della preghiera. Il terzo è chiamato Ping (la pace o la regola), e riguarda il decoro, la castità, gli affari militari, le regole dell'esercito. Il quarto è chiamato Shu (i misteri segreti), e riguarda i vari rami della scienza, gli incantesimi, la medicina. Gli insegnanti (di queste materie) devono aver studiato attentamente i principi profondi e segreti che [esse] contengono, e penetrato il loro significato il più remoto. Espongono poi il loro senso generale e guidano i loro allievi a capire i concetti più difficili. Li spronano e li guidano abilmente. Aggiungono lustro alla loro conoscenza povera e li stimolano all'approfondimento. Se trovano che i loro allievi rimangono soddisfatti con le loro acquisizioni, e manifestano il desiderio di fuggire per occuparsi dei loro doveri in questo mondo, usano ogni mezzo per mantenerli nel loro potere. Quando hanno concluso la loro educazione e hanno raggiunto la maggiore età di trenta anni, il loro carattere è formato e la loro conoscenza è matura. Quando hanno ottenuto un'occupazione, prima di tutto ringraziano il loro maestro per i suoi insegnamenti. Ve ne sono alcuni, profondamente versati nelle tradizioni antiche, che si consacrano agli studi e a vivere rinunciando ai piaceri del mondo, e mantenendo la semplicità del loro carattere. Costoro si ritengono al di sopra dei doni e delle ricchezze mondane e sono tanto insensibili alla rinomanza quanto è il loro disprezzo del mondo. Poiché la loro fama giunge lontano, i governatori li stimano particolarmente, ma non possono conferir loro alcuna carica. I governatori li onorano e tengono in gran conto i loro insegnamenti morali; tutte le genti esaltano la loro fama e rendono loro omaggio. Questa è la ragione del loro consacrarsi agli studi con ardore, risolutezza e in maniera instancabile. Cercano la saggezza fondandosi sulle loro proprie risorse. Sebbene a volte possiedano grandi ricchezze, vivono errando qua e là per guadagnarsi la loro sussistenza. Ma ve ne sono anche altri che, sebbene riconoscano il valore degli studi e delle lettere, continuamente e senza vergogna consumano le loro risorse nel vagabondaggio, solo per il piacere, trascurando i loro doveri. Sperperano le loro sostanze nel cibo costoso e nell'abbigliamento. Non seguono alcun principio virtuoso, non provano alcun desiderio per la conoscenza e sono portati al

7 disonore, e la loro infamia è rinomata. Il mondo conosciuto secondo il planisfero di Al-lstakhri's redatto nel 934 d.c. circa. Nella parte sinistra sono indicati il fiume Indo, la penisola indiana, il Tibet e l impero cinese Così secondo la classe di appartenenza, ad ognuno è dato di apprendere la dottrina di Tathagata; ma, poiché molto tempo è trascorso da quando quei santi vissero, la loro dottrina viene oggi presentata in forma travisata, e così è difficile comprendere esattamente cosa è giusto e cosa non lo è, solo sulla base della conoscenza di coloro che studiano le loro dottrine. Delle Scuole buddistie, i libri, le discussioni, le discipline. Le diverse scuole sono costantemente in disaccordo e gli insegnamenti che offrono sorgono come le onde irruente del mare. Le diverse sette hanno i loro maestri e ogni insegnamento mira ad un fine. Vi sono Diciotto scuole, ed ognuna pretende di essere nel giusto. I seguaci del Grande Piccolo Veicolo sono contenti di poter dimorare a parte. Ci sono alcuni che si accontentano di praticare la contemplazione e vi si consacrano, a volte vagabondando o rimanendo immobili o seduti, il tutto per acquisire saggezza e conoscenza; altri, al contrario, differiscono da questi per la tendenza ad innalzare rumorosamente le dispute intorno alla fede. Secondo le loro fraternità, sono governati da regole distinte e da regolamenti, che non si debbono divulgare. Il Vinaya (liu), i discorsi (lun), il sutras (il re), sono tutti libri ugualmente buddistici. Colui che può illustrare completamente una classe di questi libri è esentato dal controllo del karmadana. Se può illustrarne due classi, riceve in aggiunta la disponibilità di un giaciglio superiore (una stanza); colui che può illustrarne tre classi ottiene la disponibilità di diversi servitori che lo accudiscono e gli obbediscono; a coloro che possono illustrarne quattro classi vengono assegnati degli "uomini puri" (upasakas) come assistenti; a colui che può illustrare cinque classi di libri viene donato, poi, un

8 elefante da trasporto; a colui che può illustrare sei classi di libri viene concessa una scorta che lo circonda. Quando poi la conoscenza di costui raggiunge a un'alta distinzione, in tempi diversi viene convocata un assemblea per la discussione. Costoro giudicano il talento, superiore o inferiore, di quelli che vi partecipano; distinguono i loro lati buoni o cattivi; ne lodano l'intelligenza e rimproverano i difetti; se qualcuno nell'assemblea si distingue per il linguaggio raffinato, l'investigazione esaustiva, la penetrazione profonda, e la logica severa, poi, viene fatto montare su un elefante, coperto con ornamenti preziosi, e condotto con un seguito numeroso fino alle porte del convento. Se, al contrario, uno dei membri scade nella discussione o usa delle frasi povere e ineleganti, o se viola una regola nella logica, e adatta le sue parole in conseguenza, procedono a sfigurare la sua faccia con la tinta rossa e bianca, coprono il suo corpo con terra e polvere, lo portano poi in una macchia abbandonata, o lo lasciano in un fossato. Così essi distinguono tra il meritorio ed il privo di valore, tra il saggio e lo stupido. La carriera di piacere appartiene ad una vita di questo mondo, il seguire la conoscenza ad una vita religiosa; ritornare alla vita di questo mondo da una vita religiosa è considerato biasimabile. Se qualcuno rompe le regole e la disciplina, il trasgressore è rimproverato pubblicamente: per una colpa leggera viene dato un ammonimento o un esilio temporaneo (viene imposto il silenzio); per una grave caduta viene imposta l'espulsione. Coloro che vengono espulsi così, per la vita, escono dal monastero per cercare un'altra dimora; ma non trovando alcun luogo dove dimorare, errano per le strade e a volte ritornano alla loro vecchia occupazione. Delle caste e del matrimonio. In riferimento alla divisione delle famiglie, vi sono quattro caste. La prima viene detta dei Bramini (Po-lo-men), gli uomini dalla condotta pura. Si custodiscono nella religione, vivono puramente ed osservano i principi più corretti. La seconda è chiamata Kshattriya (T'sa-ti-li), la casta reale. Da sempre costoro sono stati la classe governante: si applicano alla virtù (l'umanità) e all'altruismo. La terza è chiamata Vaisyas (fei-she-li), la classe dei commercianti: si impegnano negli scambi e nei commerci e seguono il profitto in patria e all'estero. La quarta è chiamata Sudra (Shu-t'o-lo), la classe agricola: lavorano nei campi e nelle colture. In queste quattro classi la purezza o l'impurità di casta viene assegnata ad ognuno a seconda del luogo. Quando si sposano possono salire o cadere di posizione, secondo il loro nuovo legame. Non sono consentiti legami promiscui tra le classi. Una donna, una volta sposata, non può avere un altro uomo. Oltre a queste, poi, vi sono altre classi, di molti altri tipi, che si imparentano secondo le loro diverse definizioni. Sarebbe difficile parlare di tutto questo dettagliatamente. Della famiglia reale, l'esercito, le armi. La successione dei re è limitata alla casta Kshattriya (T'sa-li), che dall'usurpazione e dallo spargimento di sangue ha di volta in volta mantenuto il potere. In quanto casta distinta, sono considerati come onorevoli (o signori). Gran parte dei soldati del paese sono scelti tra i più coraggiosi fra le persone, e poiché i figli seguono la professione di loro padri, acquisiscono presto una conoscenza dell'arte della guerra. Questi dimorano nella guarnigione presso il palazzo (in tempo di pace), ma quando prendono parte ad una spedizione, marciano davanti a tutti poiché costituiscono una guardia avanzata. Ci sono quattro divisioni dell'esercito, i viz, la fanteria, la cavalleria, i carri e gli elefanti. Gli elefanti sono coperti con un'armatura forte e le loro zanne sono munite di speroni affilati. Il comandante su un carro dà gli ordini, mentre due assistenti sulla destra e sulla sinistra guidano il suo carro, che è trainato da quattro cavalli affiancati. Il generale rimane sempre sul suo carro ed è circondato da una

9 fila di guardie, che si tengono vicino alle ruote del carro. La cavalleria si schiera in avanti per resistere ad un attacco, ed in caso di sconfitta porta gli ordini dove occorre. La fanteria, dai movimenti veloci, contribuisce alla difesa. Questi uomini sono scelti per il loro coraggio e per Il principe Siddharta Gautama rinuncia alle proprie ricchezze e si taglia i capelli la forza. prima di abbandonare la casa natale; rilievo del tempio indonesiano di Borobudur; circa 800 dc. Portano un lungo giavellotto ed una grande armatura; a volte tengono una spada o una sciabola, ed avanzano con impetuosità. Tutte le loro armi da guerra sono affilate e curate. Alcune di queste sono giavellotti, le armature, gli archi, le frecce, le spade, le sciabole, le accette da combattimento, le lance, le alabarde, i lunghi giavellotti ed i vari tipi di fionde. Tutte queste vengono usate fin dai tempi antichi. Dei modi dell'amministrazione della legge, le prove dure. In riferimento alle persone comuni, tutti sono di natura illuminati, retti ed onorevoli. Nelle questioni di denaro sono onesti e nell'amministrare la giustizia sono rispettosi. Essi temerono il castigo di un altro stato dell'esistenza, e fanno tesoro delle esperienze del mondo presente. Non sono ingannevoli o traditori nella loro condotta, e sono fedeli ai giuramenti e alle promesse. Nelle regole di governo vi è una eccezionale rettitudine, e nel loro comportamento vi è grande delicatezza e dolcezza. In riferimento ai criminali e ai ribelli, questi sono generalmente pochi, e solo occasionalmente creano disordini. Quando le leggi vengono violate o è violato il potere del governatore, e la questione è acclarata del tutto, i colpevoli vengono imprigionati. Non vi è eccesso di pene corporali; vengono lasciati semplicemente a vivere o morire, e non sono annoverati fra gli uomini. Quando le regole sulla proprietà o la giustizia vengono violate, o quando un uomo tradisce nella fedeltà o nella pietà per i figli, gli viene tagliato il naso o le orecchie, o le mani o i piedi, o viene espulso dal paese e abbandonato nel deserto selvaggio. Per le altre colpe, eccetto queste, un piccolo pagamento in denaro costituirà la punizione. Nell'investigazione sui casi di crimine non vi è l'uso della verga o del bastone per ottenere delle prove (di colpa). Nell'interrogare una persona accusata, se questa risponde con franchezza, la punizione sarà proporzionata in conseguenza; ma se l'accusato nega ostinatamente la sua colpa o malgrado questa tenta di discolparsi, per poter cercare la verità al fondo, quando è necessario per giungere ad una conclusione, ci sono quattro tipi di prove dure : dell'acqua, del fuoco, del peso, del veleno. Quando la prova è dell'acqua, l'accusato viene chiuso in un sacco legato ad un vascello di pietra, e lanciato nell'acqua profonda. Il giudice stabilisce poi la sua innocenza, o colpevolezza, in questa maniera: se l'uomo affonda e la pietra galleggia egli è colpevole; ma se l'uomo galleggia e la pietra

10 affonda è proclamato innocente. La seconda è quella del fuoco. Viene riscaldato un piatto di ferro e l'accusato viene fatto sedere su di esso, poi si pongono di nuovo i suoi piedi su esso, e lo si applica alle palme delle sue mani; inoltre gli si fa passare la lingua sopra esso; se non riporta alcuna cicatrice, è proclamato innocente; ma se vi sono delle cicatrici la sua colpa è provata. In caso di persone deboli e timide che non possano sostenere tale prova dura, portano il germoglio di un fiore e lo lanciano verso il fuoco; se questo si apre è innocente; se il fiore viene bruciato è colpevole. La prova dal peso consiste in questo: un uomo ed una pietra sono collocati in equilibrio uniforme, quindi si giudica secondo la leggerezza o secondo il peso. Se l'accusato è innocente il suo peso supera quello della pietra che quindi si alza; se è colpevole egli verra alzato mentre la pietra scende. La prova dal veleno consiste in questo: viene portato un ariete e si fa un'incisione nella sua coscia destra, quindi si mescolano tutti i generi di veleno con una porzione di cibo dell'accusato, lo collocano quindi nell'incisione fatta nella coscia (dell'animale); se l'uomo è colpevole il veleno porta l'effetto e la creatura muore; se è innocente il veleno non ha effetto, e sopravvive. Con questi quattro sistemi di prova la strada del crimine è bloccata. Delle forme di gentilezza. Ci sono nove metodi per manifestare il proprio rispetto: 1) scegliendo le parole maggiormente concilianti quando si fa una richiesta; 2) inchinando la testa per mostrare rispetto; (3) alzando le mani e inchinandosi; 4) unendo le mani e inchinandosi verso il basso; 5) piegando il ginocchio; 6) con una prostrazione; 7) con una prostrazione sulle mani e sulle ginocchia; 8) toccando il suolo con i cinque cerchi; 9) tendendo le cinque parti del corpo a terra. Di questi nove metodi il più rispettoso è fare una prostrazione a terra, poi inginocchiarsi e proclamare lodi all'indirizzo della persona. Quando si è ad una certa distanza è usuale inchinarsi verso il basso; quando si è vicini, poi è usuale baciare i piedi e strofinare le caviglie (della persona indirizzata). Quando degli ordini vengono ricevuti dalle mani di un superiore, la persona solleva il lembo della sua veste e fa una prostrazione. La persona superiore o più onorevole che viene così riverita deve parlare delicatamente (all'inferiore), sia toccando la sua testa o carezzando il dorso, e rivolgendosi con buone parole di indirizzo, o con avvertimento per mostrare il suo affetto. Quando uno Shramana o qualcuno che è entrato sulla vita religiosa, viene così rispettosamente appellato, risponde esprimendo semplicemente un buono auspicio (un voto), Non solo usano prostrarsi per mostrare riverenza, ma anche si girano, verso la persona riverita, in molte maniere, a volte con un giro, a volte con tre: quando si incontrano uomini che sono amici da lunga data si scambiano prima una riverenza profonda, e poi altri saluti secondo il desiderio di ciascuno. Delle medicine, gli usi funerari, &c. Quando qualcuno si ammala gli si impone un digiuno di sette giorni. Durante questo intervallo molti recuperano, ma se la malattia perdura gli vengono portate delle medicine. Il carattere di queste medicine è diverso ed i loro nomi anche. I dottori differiscono nel loro modo di esaminare e nel trattamento che impongono.

11 Quando una persona muore, coloro che assistono al funerali innalzano lamenti e tutti insieme piangono. Lacerano i loro vestiti e sciolgono i capelli; si colpiscono la testa e si battono il petto. Non ci sono regole su come vestirsi per piangere, ne qualcuno ha mai fissato un tempo per il lutto. Ci sono tre metodi di porgere l'ultimo tributo ai morti: 1) con la cremazione; viene elevata una pira in legno ed il corpo viene bruciato; 2) nell'acqua; il corpo viene gettato nell'acqua corrente profonda e abbandonato; 3) l'abbandono; il corpo è gettato in una foresta selvaggia per essere divorato dalle bestie. Quando un re muore, il suo successore viene immediatamente nominato, ciò affinché possa presiedere ai riti funebri. Sebbene in vita diano (ai loro governatori) i titoli secondo il loro carattere (le virtù), per i morti non vi è alcun titolo postumo. In una casa dove c'è stato un morto non è consentito mangiare; ma dopo il funerale riprendono le loro abitudini. Non vi è anniversario (della morte) da osservare. Colui che ha assistito a una morte viene considerato sporco; deve fare il bagno fuori dalla città e poi può rientrare in casa. Un vecchio o un infermo che sia vicino alla morte, e colui che è affetto da una malattia grave, che teme di giungere alla fine dei suoi giorni, e per via della sofferenza desidera fuggire le pene della vita, o chi desidera la liberazione dagli affari insignificanti del mondo ed i suoi interessi (gli interessi della vita), costoro, dopo aver ricevuto un pasto di commiato dalle mani dei loro parenti o amici, salgono, tra i suoni e musica, su una barca che viene spinta nel mezzo del Gange, dove poi costoro si annegano. Pensano così di ottenere una rinascita fra il Devas. Raramente uno di costoro viene rinvenuto non ancora morto sui confini (del fiume). Ai religiosi non è consentito lamentarsi o piangere per i morti; quando il padre o la madre di un religioso muoiono, questi recita le sue preghiere, ricordando i loro obblighi verso di lui; riflettendo sul passato, occupandosi di con attenzione dei loro corpi. Si aspettano, da questo, di aumentare il carattere misterioso del loro merito religioso. Dell'amministrazione civile, gli erari, & c. Particolare dell isola di Taprobane (Sri Lanka) secondo la geografia di Tolomeo L'amministrazione dello stato è fondata sul principio del bene, e la struttura del governo è semplice. Le famiglie non sono censite sui registri e nessuna persone è soggetta alla mano d'opera forzata (la leva obbligatoria). I possedimenti privati della corona sono divisi in quattro parti principali; la prima serve a finanziare gli affari di stato e la fornitura delle offerte sacrificali; la seconda per

12 sovvenzionare i ministri e gli ufficiali principali dello stato; la terza per ricompensare gli uomini che si distinguono per le loro capacità; la quarta per la carità verso gli ordini religiosi, con i quali vengono sempre mantenuti buoni rapporti. In questa maniera le tasse sulle persone sono leggere e il servizio personale richiesto non è opprimente. Ognuno mantiene le proprie attività e i beni di questo mondo in pace, e i prodotti della terra unicamente per la propria sussistenza. Coloro che coltivano le proprietà reali pagano una sesta parte del raccolto come tributo. I commercianti che si impegnano nel commercio vanno e vengono (liberamente) a seconda delle loro transazioni. I fiumi e le strade di confine sono aperti dietro il pagamento di un piccolo pedaggio. Quando i lavori pubblici lo richiedono, la mano d'opera viene precettata ma è retribuita. Il pagamento avviene nella proporzione stretta al lavoro effettuato. I militari sono impiegati per sorvegliare le frontiere o reprimere le ribellioni; montano anche la guardia di notte intorno al palazzo reale. I soldati sono precettati secondo i requisiti del servizio, sono parzialmente retribuiti e registrati pubblicamente. I governatori, i ministri, i magistrati ed i funzionari hanno una porzione di terra assegnata per il loro sostegno personale. Delle piante e gli alberi, l'agricoltura, il cibo, le bevande, l'arte culinaria. Il clima, la qualità del suolo, diversa secondo la situazione geografica, e i prodotti della terra sono assai diversificati. I fiori e le piante, i frutti e gli alberi sono di tipo diverso, e hanno nomi distinti. Vi è, per esempio, il frutto di Amala (Ngan-mo-li), il frutto di Amla (Ngan-mi-lo), il frutto di Madhuka (Mo-tu-kia), il frutto di Bhadra (po-ta-lo), il frutto di Kapittha (kie-pi-ta), il frutto di Amala ('O-mo-lo), il frutto di Tinduka (Chin-tu-kia), il frutto di Udumbara (Wu-tan-po-lo), il frutto di Moha (Mau-che) il frutto di Narikela (Na-li-ki-lo), il frutto di Panasa (Pan-na-so). Sarebbe difficile enumerare tutti i tipi di frutta; abbiamo nominato brevemente quelli più graditi dalle persone. Quanto ai datteri (Tsau), la castagna (Lih), il nespolo del Giappone (P i) ed il cachi. (Thi), non sono conosciuti. La pera (Li), la susina selvaggia (Nai), la pesca (T'au), l'albicocca (Hang or Mui), l'uva (Po-tau) &c., questi frutti sono stati diffusi dal paese di Kashmir, e oggi crescono dovunque. Anche le melagrane e le arance dolci crescono ovunque. Nei lavori agricoli, vi sono coloro che sono addetti alla semina e alla mietitura, all'aratura e all'erpicatura (delle erbacce), e alla piantumazione secondo la stagione; e dopo la loro opera prendono un periodo di riposo. Fra i prodotti della terra il riso ed il granoturco sono i più abbondanti. Per quanto riguarda le erbe commestibili e tutte le altre piante, potremmo nominare lo zenzero, la senape, i meloni e le zucche, la pianta detta Heun-to (Kandu), ed altre. Le cipolle e l'aglio sono poco diffusi, e poche persone li mangiano; a volte se qualcuno li usa per il cibo, viene espulso fuori dalle mura della città. Il cibo più usuale è il latte, il burro, la panna, lo zucchero morbido, lo zucchero dolce, l'olio dei semi di senape; tutti i generi di torte fatte di granoturco sono usate come il cibo. Il pesce, il castrato, la gazzella ed il cervo vengono generalmente consumati freschi (appena macellati), ma a volte si conservano sotto sale; è vietato mangiare la carne di bue, asino, elefante, cavallo, maiale, cane, volpe, lupo, leone, scimmia, e di molti altri animali pelosi. Quelli che ne mangiano sono disprezzati e condannati universalmente; vivono fuori dalle mura, e sono visti raramente fra gli altri uomini. Per quanto riguarda i diversi tipi di vino e i liquori, ve ne sono di vari generi. Il succo dell'uva e la canna da zucchero sono impiegati dai Kshattriyas come bevande; i Vaisyas bevono succhi molto fermentati; gli Shramans e i bramini bevono una specie di sciroppo fatto con l'uva o la canna da zucchero, ma non della stessa natura del vino fermentato. Le classi medie e la popolazione non differiscono in alcuna maniera (in quanto al cibo e alle bevande), eccetto che nel tipo di boccali che usano, che sono molto diversi tra loro per il valore e il materiale. Non vi è carenza delle cose indispensabili al sostentamento delle famiglie.

13 Sebbene si utilizzino delle pentole e delle padelle, ancora non è conosciuta la caldaia a vapore per cucinare di riso. Utilizzano molti contenitori fatti di argilla secca e raramente contenitori di rame rosso: mangiano da un unico piatto, mescolando tutti i generi di condimento insieme, che poi prendono con le dita. Non hanno cucchiai o tazze, ed in breve nessun genere di bastoncino. Quando sono malati comunque usano tazze di rame per bere. Delle transazioni commerciali. L'oro e l'argento, il teou-shih (il rame nativo), la giada bianca, le perle di fuoco, è altri prodotti naturali del paese vengono esportati in gran quantità, oltre alle gemme rare ed i vari tipi di pietre preziose dai nomi diversi, che sono estratte dalle isole nel mare. Tutto questo viene scambiato con altre merci; infatti viene praticato sempre il baratto nelle transazioni commerciali, poiché non circolano monete ne d'oro, ne d'argento, ne conchiglie o perle.

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Domanda: Nel capitolo Espedienti

Domanda: Nel capitolo Espedienti 40 Il vero aspetto di tutti i fenomeni Domanda: Nel capitolo Espedienti del primo volume del Sutra del Loto si legge: «Il vero aspetto di tutti i fenomeni può essere compreso e condiviso solo tra Budda.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli